Supplemento alla Guida Utente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Supplemento alla Guida Utente"

Transcript

1 User Guide Supplemento alla Guida Utente Iniziativa: Global Trade Repository Requisiti European Markets Infrastructure Regulation ( EMIR ) Service - Descrizione Campo per Campo L Autorità Europea degli Strumenti Finanziari e dei Mercati (ESMA) non ha approvato né sanzionato le informazioni contenute in questo documento. I requisiti economici EMIR qui illustrati rappresentano le implementazioni ai rapporti delle transazioni proposte da alle aziende per soddisfare i requisiti EMIR. I lettori non dovrebbero dedurre l approvazione da parte di ESMA dei contenuti di questo documento. Service Descrizione Campo per campo Pagina 1 di 23

2 User Guide Storico delle revisioni Date By Version Description 23 Dicembre 2013 Peter Garratt 1.0 Prima pubblicazione Service Descrizione Campo per campo Pagina 2 di 23

3 Tabella dei contenuti 1 LITE DESCRIZIONE CAMPO PER CAMPO...4 User Guide 1.1 PANORAMICA E INTRODUZIONE CONTROL FIELDS EMIR RTS FIELDS CONTROL & EMIR RTS FIELDS...20 Service Descrizione Campo per campo Pagina 3 di 23

4 1 Descrizione campo per campo 1.1 Panoramica e introduzione L'obiettivo di questo supplemento è di descrivere l'utilizzo ed il fine di ogni campo contenuto nel template. Nota bene: Questa non è da considerarsi una notifica legale. Si prega di consultare il proprio reparto legale interno per questioni relative alla conformità. Questa guida deve essere consultata insieme ai seguenti documenti: message template (versione pubblicata sul portale dedicato alla documentazione) Guida Utente (versione pubblicata sul portale dedicato alla documentazione) Bozza degli standard tecnici EMIR (Final Report) - bozza degli standard tecnici sotto la Regolamentazione (EU) No 648/2012 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 4 l uglio 2012 sui derivati, CCPs e Trade Repositories (pubblicata sul sito web ESMA) ESMA Questions and Answers Implementazione della Regolamentazione (EU) No 648/2012 sui derivati, CCPs e trade repositories (EMIR) (pubblicata sul sito web ESMA) Principi di validazione (spiegati nel dettaglio nella Guida Utente): Campo richiesto deve essere compilato affinché il messaggio sia accettato da Campo opzionale può essere lasciato in bianco e accetterà il messaggio. In ogni caso, si prega di notare che alcuni campi indicati come tali sono campi richiesti da EMIR e devono essere compilati per essere in piena conformità con EMIR Campo Condizionale alcuni campi diventano richesti in base a come vengono compilati determinati campi opzionali Panoramica dei campi: 1.2 Control fields questi campi non sono obbligatori per la Regolamentazione, ma molti di questi campi sono Richiesti come indicato nel template affinché il messaggio venga processato da 1.3 EMIR RTS fields questi campi sono evidenziati nel template (colonna J) e indicano il riferimento all'interno della Bozza degli standard tecnici EMIR ai campi richiesti, e il relativo numero del campo nella Tabella 1 - Counterparty Data o Tabella 2 Common Data 1.4 Control Fields & EMIR RTS fields questi campi sono utilizzati per identificare informazioni aggiuntive che sono state inserite in un campo identificato come specifico EMIR RTS field Pagina 4 di 23

5 1.2 Control Fields Field # Field Name Descrizione 1 Comment Se compilato con * l'intera riga verrà letta come commento 2 Version Specifica un'indicazione della versione del messaggio sotto la quale l'immissione è stata compilata 3 Message Type Indica il tipo di messaggio in entrata nel Scopo Utilizzare un asterisco in questo campo se si vuole indicare che l'intera riga del file CSV è un commento. Le righe di commento in ogni file saranno ignorate e non processate dal. Il supporterà una sola versione del messaggio in produzione, ma nel caso in cui saranno richieste modifiche significative per supportare altre regolamentazioni, usando lo stessi template, allora Version consentirà al la flessibilità di supportare più di un template mentre le versioni vengono aggiornate (ciò non è previsto nel medio termine). Descrive il messaggio che viene riportato al e richiama la necessaria validazione basata sul template. 4 Action Descrive l'azione richiesta dal - New o Cancel Descrive l'azione che il dovrebbe intraprendere sul messaggio riportato. Il "message type Position " supporta solo New come Action al momento di questa versione. 5 Transaction Type 8 Primary Asset Class 9 Data Submitter Message ID 10 As of Date/Time 11 Event ID Party 1 Tipo di transazione - Trade, Exit, Backload, PositionCancel Un'indicazione di quale delle cinque maggiori classi di attività riguardano i dati riportati L'impresa che riporta deve inserire una riga di valore per ogni messaggio (linea all'interno dell'immissione CSV) che essa crea per rintracciare l'immissione. ripeterà questo valore nei messaggi di risposta e nei rapporti, ma non lo utilizzerà per altri propositi (dovrebbe essere unico per ogni messaggio) Su un messaggio Position questo campo indica la data in cui ha effetto la visualizzazione di questa posizione. Position Exit sarà processato quando ricevuto. Un idenfiticativo unico usato per identificare eventi Lifecycle riportati dalla Parte 1, o dove è applicata piena delegazione, la Parte 1 riporterebbe questo Descrive il tipo di transazione supportato per ogni messaggio riportato. "Trade" sarà utilizzato più spesso e rappresenta il rapporto di nuove transazioni ed Eventi Lifecycle successivi. "Backload" può essere utilizzato per individuare transazioni passate che sono ancora aperte al momento di riportare. "Exit" sarà usato per indicare al che una posizione è terminata, soggetta a novazione, esercitata o semplicemente necessita di essere rimossa per ragioni legate al riportare. "Position Cancel" andrebbe usato per rimuovere o cancellare la posizione dell'uti dal trade repository (incluso ogni evento LifeCycle riportato per lo stesso UTI). Questo tipo di transazione dovrebbe essere utilizzato solo quando un UTI è stato riportato per errore. Descrive la classificazione del prodotto sul quale la posizione viene riportata nella classe di attività primaria: "Credit", "InterestRate", "ForeignExchange", "Equity" o "Commodity" Questo è un valore unico per messaggio in ogni file CSV. Non necessita essere unico per diversi file. Tutte le posizioni riportate per un UTI, inclusi eventi Lifecycle che risultano in una ripetizione della posizione durante un giorno. Questo campo è utilizzato dal compliatore per ordinare i messaggi di posizione con l'ultimo messaggio a rappresentare lo stato della transazione alla fine del giorno. Non utilizzato in - ma potrà essere utilizzato in futuro per identificare specifici eventi Lifecycle riportati dalla Parte 1. Pagina 5 di 23

6 Field # Field Name 12 Event ID Party 2 13 Additional Repository 1 Prefix 14 Additional Repository 1 Value 15 Reporting Obligation Party 1 16 Reporting Obligation Party 2 37 Submitted For Prefix 38 Submitted For Value 39 Reporting Delegation Model 44 Execution Agent Party 1 Prefix 45 Execution Agent Party 1 Value 46 Execution Agent Party 2 Prefix 47 Execution Agent Party 2 Value Descrizione valore in quanto farebbe parte dei dati comuni. Per esempio, se esistono cinque terminazioni parziali per uno specifico UTI e riportate per un messaggio di posizione, ognuna deve avere un unico EID. Questo consentirà di identificare un evento. Un identificativo unico che sarà riportato per tutti gli eventi Lifecycle da attribuire alla Parte 2 Se l'uti è stato riportato ad un altro Repository, il valore LEI o dell'identificativo alternativo dell'altro repository (o identificativo rilevante, se noto) Usato per numerare una o più giurisdizioni in cui la transazione è riportabile Usato per numerare una o più giurisdizioni in cui la transazione è riportabile Indica il LEI (o altro ID valido per ) della parte per conto della quale si riporta, o "BOTH" se il messaggio è riportato per due parti. Se non compilato, viene considerato il valore di "Data Submitter" Per identificare il modello di rapporto sotto il quale i dati vengono riportati LEI dell'execution Agent (Asset Manager) riferito alla Parte 1 LEI dell'execution Agent (Asset Manager) riferito alla Parte 2 Scopo Non utilizzato in - ma potrà essere utilizzato in futuro per identificare specifici eventi Lifecycle riportati per la Parte 2 (in modalità piena delegazione). Identifica il valore contenuto in "Additional Repository 1 Value" quando compilato (fare riferimento al template per i valori supportati). Un campo opzionale che può essere utilizzato in futuro per identificare dove l'altra pare della transazione è stata riportata nel caso in cui entrambe le parti dell'uti non riportanto al. Identifica la giurisdizione sotto la quale la Parte 1 sta riportando la transazione. Identifica la giurisdizione sotto la quale la Parte 2 sta riportando la transazione (nel caso in cui si riporti per la Parte 2 o per entrambe le Parti - guardare il valore di "Submitted For"). Identifica il valore in "Submitted For" quando compilato con uno specifico identificativo per la Parte 1 o la Parte 2 (fare riferimento al template per i valori supportati). Identifica per conto di chi si riporta. Può essere la Parte 1, la Parte 2 o entrambe. Identifica il modello di delegazione che viene usato per riportare. Independent - il compilatore riporta i dati propri e i dati comuni per conto di Parte 1 e parte 2 Full - una parte riporta i dati di entrambe le controparti e i dati comuni per conto di entrambe le parti. Identifica il valore in "Execution Agent Party 1 Value" quando compilato (fare riferimento al template per i valori supportati). Identifica l'asset Manager che è abilitato a visualizzare lo specifico UTI riportato per la Parte 1. Identifica il valore in "Execution Agent Party 2 Value" quando compilato (fare riferimento al template per i valori supportati). Identifica l'asset Manager che è abilitato a visualizzare lo specifico UTI riportato per la Parte Party Region Identifica se la Parte 1 è domiciliata in EEA o al di fuori. 89 Prior UTI Prefix (repeatable) Identificazione di un Prefisso o Nome associato ad ogni valore Prior UTI per rendere unico ogni valore I campi Prior UTI Prefix e Value sono usati quando si desidera mantenere una traccia di un UTI riportato precedentemente per il quale è stato effettuato un Exit, ad esempio quando un UTI è stato riportato e successivamente si nota che l'uti non è corretto, perciò si effettua un Exit e si riporta una nuova posizione, compilare questo campo con il valore dell'uti precedente. Pagina 6 di 23

7 Field # Field Name 90 Prior UTI Value (repeatable) 92 Internal Trade reference 117 Lifecycle event Effective Date Descrizione Indica che il valore dell'uti precedente è riferito alla posizione Questo è un campo opzionale che può essere utilizzato per indicare riferimenti a transazioni interne della pare che riporta i dati comuni Data effettiva dell'evento Lifecycle che ha dato come risultato un cambiamento nella posizione. Al momento questo campo è opzionale Scopo Guarda "Prior UTI Prefix" Questo campo può essere usato per riportare al un riferimento interno della transazione come rappresentato nella propria documentazione. Questo non viene riportato ai regolamentatori ma può essere usato in caso di ispezioni. Sebbene non specificatamente richiesto da EMIR, questo campo può essere utilizzato per indicare la data effettiva di ogni evento successivo alla transazione che viene riportata nella posizione (per alcune classi di attività, questo è noto anche come "Agreement Date"). 147 Placeholder Placeholder field in template Nessun dato da riportare in questo campo (campo disponibile per l'utilizzo in versioni future). 156 Trade Link ID Link ID per concatenare due transazioni riportate con UTI diversi Questo campo è specifico per permettere alle imprese di collegare due UTI che sono stati riportati separatamente, ad esempio un FX Swap può essere basato su due FX Forward. L'impresa ha concordato che questi vengano riportati come due UTI separati. Il campo "Trade Link ID" può essere compilato con un identificativo che può essere utilizzato per in caso di ispezione per ricollegarsi ai due FX Forward. Al momento questo campo non viene riportato ai regolatori. 1.3 EMIR RTS Fields Field Name Descrizione Scopo 7 UTI Value Un UTI (Unique Trade Id) concordato a livello europeo, che è fornito dalla controparte che riporta. Se non è presente un UTI, un codice unificato deve essere generato e concordato con l'altra controparte 18 Trade Party 1 Value 20 Trade Party 2 Value 21 Trade Party 1 Domicile LEI (o un valido identificativo SDO) della prima parte della transazione LEI (o un valido identificativo SDO) della seconda parte della transazione. Quando Prefix contiene testi libero, il nome effettivo dell'impresa della controparte dovrebbe essere riportato in questo campo Informazioni sul domicilio della Parte 1 espressamente indicate qui EMIR field = Trade ID e sarà una combinazione di Prefisso + Valore per rappresentare l'id della transazione. Queste è unico per ogni transazione e dovrebbe essere concordato dalle controparti prima di riportare, oppure utilizzare la metodologia aziendale per creare e condividere UTI (consultare il sito web ISDA per il Libro Bianco degli UTI). EMIR field = Countertparty ID. Identifica la Parte 1 nella transazione e dovrebbe essere rappresentato con il codice LEI delle parte 1 ma altri valori sono accettati. EMIR field = ID if the other counterparty. Identifica la Parte 2 nella transazione e dovrebbe essere rappresentato con il codice LEI delle Parte 2 ma altri valori sono accettati. EMIR field = Domicile of the counterparty. Indica dettagli sull'ufficio di registrazione, consistenti di indirizzo completo, città e nazione della controparte che riporta (Parte 1). Pagina 7 di 23

8 Field Name Descrizione Scopo 22 Trade Party 2 Domicile 25 Trade Party 1 Corporate Sector 26 Trade Party 2 Corporate Sector 27 Trade Party 1 Financial Entity Jurisdiction 28 Trade Party 1 Non-financial Entity Jurisdiction 29 Trade Party 2 Financial Entity Jurisdiction 30 Trade Party 2 Non-financial Entity Jurisdiction 32 Broker Id Party 1 Value 34 Broker Id Party 2 Value 36 Data Submitter Value Informazioni sul domicilio della Parte 2 espressamente indicate qui Il settore di attività per la Parte 1 può essere esplicitato qui Il settore di attività per la Parte 2 può essere esplicitato qui EMIR - Indica se la controparte riportante è una controparte finanziaria in accordo con l'articolo 2 (8,9) della Regolamentazione (EU) No 648/2012 EMIR - Indica se la controparte riportante è una controparte non-finanziaria in accordo con l'articolo 2 (8,9) della Regolamentazione (EU) No 648/2012 EMIR - Indica se la controparte riportante (Parte 2) è una controparte finanziaria in accordo con l'articolo 2 (8,9) della Regolamentazione (EU) No 648/2012 EMIR - Indica se la controparte riportante (Parte 2) è una controparte non-finanziaria in accordo con l'articolo 2 (8,9) della Regolamentazione (EU) No 648/2012 Indica il broker per la Parte 1 se applicabile Condizionale: se "Trading Capacity Party 1" indica "Agente" allora è Richiesto, altrimenti Opzionale Indica il broker per la Parte 2 se applicabile Identifica la parte che riporta i dati. Può essere una parte della transazione, una CCP, o qualunque agente autorizzato per le parti primarie Obbligatorio quando si riporta per entrambe le EMIR field = Domicile of the counterparty. Indica dettagli sull'ufficio di registrazione, consistenti di indirizzo completo, città e nazione della controparte che riporta (Parte 2). EMIR field = Corporate sector of the counterparty. Descrive la natura delle attività delle compagnie per le controparti riportanti (Parte 1), ed EMIR concede una lista di valori validi (guardare il template). Questo campo può essere lasciato in bianco quando la Parte 1 è un'entità non finanziaria sotto EMIR. EMIR field = Corporate sector of the counterparty. Descrive la natura delle attività delle compagnie per le controparti riportanti (Parte 2), ed EMIR concede una lista di valori validi (guardare il template). Questo campo può essere lasciato in bianco quando la Parte 2 è un'entità non finanziaria sotto EMIR. EMIR field = Natura finanziaria o non-finanziaria della controparte. Quando la Parte 1 è un'entità finanziaria per le regole EMIR, allora questo campo è applicabile e deve essere compilato con "ESMA". EMIR field = Natura finanziaria o non-finanziaria della controparte. Quando la Parte 1 è un'entità nonfinanziaria per le regole EMIR, allora questo campo è applicabile e deve essere compilato con "ESMA". Obbligatorio quando si riporta per entrambe le EMIR field = Natura finanziaria o non-finanziaria della controparte. Quando la Parte 2 è un'entità finanziaria per le regole EMIR, allora questo campo è applicabile e deve essere compilato con "ESMA". Obbligatorio quando si riporta per entrambe le EMIR field = Natura finanziaria o non-finanziaria della controparte. Quando la Parte 2 è un'entità nonfinanziaria per le regole EMIR, allora questo campo è applicabile e deve essere compilato con "ESMA". EMIR field = Broker ID. Quando la Parte 1 utilizza un broker che agisce da intermediario allora compirlare con l'identificativo del broker usando il LEI, pre-lei, SwiftBIC o, in caso di un individuo, un codice cliente. EMIR field = Broker ID. Quando la Parte 2 utilizza un broker che agisce da intermediario allora compirlare con l'identificativo del broker usando il LEI, pre-lei, SwiftBIC o, in caso di un individuo, un codice cliente (può essere lo stesso per la parte 1 o può essere differente). EMIR field = Reporting entity ID. Identifica l'entità che sta riportando la transazione. Può essere la stessa che per la Parte 1, o la Parte 2 o una terza parte. 41 Clearing Broker LEI of Clearing Broker / Futures Clearing Merchant EMIR field = Clearing member ID. Quando la Pagina 8 di 23

9 Field Name Descrizione Scopo Party 1 Value per la Parte 1 se applicabile transazione è compensata, il Clearing Broker per la Parte 1 deve essere identificato. 43 Clearing Broker Party 2 Value 49 Beneficiary ID Party 1 Value 51 Beneficiary ID Party 2 Value 52 Trading capacity Party 1 53 Trading capacity Party 2 55 Buyer Value (Party 1) 57 Buyer Value (Party 2) LEI of Clearing Broker / Futures Clearing Merchant per la Parte 2 se applicabile Il valore che combinato con il prefisso identifica la parte beneficiaria (es. LEI, ID) Condizionale: se "Trading Capacity Party 1" indica "Agent" allora è Richiesto, altrimenti è Opzionale Il valore che combinato con il prefisso identifica la parte beneficiaria (es. LEI, ID) Identifica se la Parte 1 ha concluso il contratto come principale su proprio acconto (per conto proprio o di un altro cliente) o come a gente su acconto e per conto di un altro cliente. Identifica se la Parte 2 ha concluso il contratto come principale su proprio acconto (per conto proprio o di un altro cliente) o come agente su acconto e per conto di un altro cliente. Il valore che combinato con il prefisso identifica il compratore nella transazione dalla prospettiva della Parte 1 (es. LEI, ID) Condizionale: se "Leg 1 Payer" o " Leg 2 Payer" è compilato, allora è Opzionale, altrimenti Richiesto Il valore che combinato con il prefisso identifica il compratore nella transazione dalla prospettiva della Parte 2 (es. LEI, ID) quando la parte riportante ("Data Submitter") non è una controparte nella transazione e sta riportando per conto di entrambe le controparti ("Submitted for" = "Both") EMIR field = Clearing member ID. Quando la transazione è compensata, il Clearing Broker per la Parte 2 deve essere identificato. EMIR field = Beneficiary ID. La parte avente diritti ed obbligazioni derivanti dal contratto. Quando la transazione è eseguita su una struttura come un fondo fiduciario, che rappresenta un numero di beneficiari, il beneficiario deve essere identificato come quella struttura. Se il beneficiario del contratto non è una parte del contratto, la parte riportante (Data Submitter) deve identificare il beneficiario usando il LEI, pre-lei, SwiftBIC o in caso di un individuo, un codice cliente. Se il beneficiario è la stessa Parte 1 allora compilare questo campo con i dettagli della Parte 1. EMIR field = Beneficiary ID. La parte avente diritti ed obbligazioni derivanti dal contratto. Quando la transazione è eseguita su una struttura come un fondo fiduciario, che rappresenta un numero di beneficiari, il beneficiario deve essere identificato come quella struttura. Se il beneficiario del contratto non è una parte del contratto, la parte riportante (Data Submitter) deve identificare il beneficiario usando il LEI, pre-lei, SwiftBIC o in caso di un individuo, un codice cliente. Se il beneficiario è la stessa Parte 1 allora compilare questo campo con i dettagli della Parte 2. EMIR field = Trading capacity. Identifica se la Parte 1 ha concluso il contratto come principale su proprio acconto (per conto proprio o di un altro cliente) o come agente su acconto e per conto di un altro cliente. Obbligatorio quando si riporta per entrambe le EMIR field = Trading capacity. Identifica se la Parte 2 ha concluso il contratto come principale su proprio acconto (per conto proprio o di un altro cliente) o come agente su acconto e per conto di un altro cliente. EMIR field = Counterparty side. Il dedurrà il lato della controparte quando questo campo viene compilato. Questo deve essere compilato dalla prospettiva della Parte 1, ad esempio, la Parte 1 compra una call option dalla Parte 2, allora questo campo identificherà la Parte 1 come compratore. Obbligatorio quando si riporta per entrambe le EMIR field = Counterparty side. Il dedurrà il lato della controparte quando questo campo viene compilato. Questo deve essere compilato dalla prospettiva della Parte 2, ad esempio, la Parte 1 compra una call option dalla Parte 2, allora questo Pagina 9 di 23

10 Field Name Descrizione Scopo 59 Counterparty Region 60 Directly linked to commercial activity or treasury financing Party 1 61 Directly linked to commercial activity or treasury financing Party 2 62 MTM Value Party 1 63 MTM Value Party 2 Per EMIR: Indica se l'altra parte è domiciliata al di fuori dell'eea (European Economic Area). Informazione sul contratto se è oggettivamente misurabile come direttamente collegato all'attività commerciale o di finanza del tesoro della controparte riportante, come da riferimento all'art. 10(3) della Regolamentazione (EU) No 648/2012. Questo deve essere lasciato in bianco nel caso in cui la controparte riportante è una controparte finanziaria, come da riferimento all'art. 2 (8) della Regolamentazione (EU) No 648/2012. Informazione sul contratto se è oggettivamente misurabile come direttamente collegato all'attività commerciale o di finanza del tesoro della controparte riportante, come da riferimento all'art. 10(3) della Regolamentazione (EU) No 648/2012. Questo deve essere lasciato in bianco nel caso in cui la controparte riportante è una controparte finanziaria, come da riferimento all'art. 2 (8) della Regolamentazione (EU) No 648/2012. Valore MTM calcolato Valore MTM generato dalla Parte 2 64 MTM Value CCP Per distinguere quando una controparte invia una valutazione CCP come valutazione dei dati della campo identificherà la Parte 1 come compratore. Questo campo, se compilato, deve sempre avere lo stesso valore di Buyer Value (Parte 1) EMIR field = Contract with non-eea counterparty. Identifica se la controparte nella transazione (Parte 2) è all'interno o all'esterno dell'eea (European Economic Area). Il campo Counterparty Region [ obbligatorio per ESMA (Transazioni con controparti non-eea) EMIR field = direttamente collegato all'attività commerciale o di finanza del tesoro. Informazione sul contratto se è oggettivamente misurabile come direttamente collegato all'attività commerciale o di finanza del tesoro della controparte riportante (Parte 1), come da riferimento all'art. 10(3) della Regolamentazione (EU) No 648/2012. Questo deve essere lasciato in bianco nel caso in cui la controparte riportante è una controparte finanziaria, come da riferimento all'art. 2 (8) della Regolamentazione (EU) No 648/2012. EMIR field = direttamente collegato all'attività commerciale o di finanza del tesoro. Informazione sul contratto se è oggettivamente misurabile come direttamente collegato all'attività commerciale o di finanza del tesoro della controparte riportante (Parte 2), come da riferimento all'art. 10(3) della Regolamentazione (EU) No 648/2012. Questo deve essere lasciato in bianco nel caso in cui la controparte riportante è una controparte finanziaria, come da riferimento all'art. 2 (8) della Regolamentazione (EU) No 648/2012. Il campo è obbligatorio quando Party 2 è una entità NON finziaria. EMIR field = Mark to market value of contract. Riferimento al valore di mercato del contratto, o riferimento al modello di valutazione quando applicabile secondo l'articolo 11(2) della Regulamentazione (EC) No 648/2012. Questa è la valutazione compilata dalla Parte 1 per la propria parte della transazione. Se submitter for è Party 1, CCP Value o Party 1 è obbligatorio. Se il campo Submitter for è BOTH, i campi CCP Values o Party 1 e Party 2 sono obbligatori. EMIR field = Mark to market value of contract. Riferimento al valore di mercato del contratto, o riferimento al modello di valutazione quando applicabile secondo l'articolo 11(2) della Regulamentazione (EC) No 648/2012. Questa è la valutazione compilata dalla Parte 2 per la propria parte della transazione. Se submitter for è Party 2, CCP Value o Party 1 è obbligatorio. Se il campo Submitter for è BOTH, i campi CCP Values o Party 1 e Party 2 sono obbligatori. EMIR field = Mark to market value of contract. Riferimento al valore di mercato del contratto, o Pagina 10 di 23

11 Field Name Descrizione Scopo 65 MTM Currency Party 1 66 MTM Currency Party 2 67 MTM Currency CCP 68 Valuation Datetime Party 1 69 Valuation Datetime Party 2 70 Valuation Datetime CCP 71 Valuation Type Party 1 72 Valuation Type Party 2 73 Valuation Type CCP 74 Collateralized Party 1 75 Collateralized Party 2 propria controparte Valuta originaria del valore MTM calcolato Valuta in cui il valore MTM è riportato dalla Parte 2 Valuta in cui il valore MTM è riportato dalla CCP Data e ora della valutazione in UTC Fornise la data in cui la valutazione è stata generata dalla Parte 2 Fornise la data in cui la valutazione è stata generata dalla CCP Modello di riferimeto usato dalla Parte 1 per calcolare il riferimento giornaliero Modello di riferimeto usato dalla Parte 2 per calcolare il riferimento giornaliero Modello di riferimento usato dalla CCP per calcolare il riferimento giornaliero Indica se il contratto è garantito o no Indica se il contratto è garantito o no dalla prospettiva della Parte 2 riferimento al modello di valutazione quando applicabile secondo l'articolo 11(2) della Regulamentazione (EC) No 648/2012. Questa valutazione è compilata dalla CCP quando la transazione è compensata. Può essere compilata dalla parte riportante (Data Submitter) ed avrà la precedenza, quando compilata. EMIR field = Currency of the mark to market value of contract. Valuta della valutazione compilata dalla Parte 1. EMIR field = Currency of the mark to market value of contract. Valuta della valutazione compilata dalla Parte 2. EMIR field = Currency of the mark to market value of contract. Valuta della valutazione compilata nel campo "MTM Value CCP". EMIR field = Valuation Date and Valuation Time. Identifica un orario per la valutazione fornita dalla Parte 1. Questo è un unico identificativo temporale piuttosto che due campi separati, come indicato nell'emir RTS. EMIR field = Valuation Date and Valuation Time. Identifica un orario per la valutazione fornita dalla Parte 2. Questo è un unico identificativo temporale piuttosto che due campi separati, come indicato nell'emir RTS. EMIR field = Valuation Date and Valuation Time. Identifica un orario per la valutazione indicata in "MTM Value CCP". Questo è un unico identificativo temporale piuttosto che due campi separati, come indicato nell'emir RTS. EMIR field = Valuation type. Identifica se la valutazione fornita dalla Parte 1 è effettuata secondo valutazione a mercato o valutazione a modello. EMIR field = Valuation type. Identifica se la valutazione fornita dalla Parte 2 è effettuata secondo valutazione a mercato o valutazione a modello. EMIR field = Valuation type. Identifica se la valutazione indicata in "MTM Value CCP" è effettuata secondo valutazione a mercato o valutazione a modello. EMIR field = Collateralisation. Indica se il contratto è garantito e su che base dalla prospettiva della Parte 1. EMIR field = Collateralisation. Indica se il contratto è garantito e su che base dalla prospettiva della Parte Collateral Se la garanzia è riportata su base portafoglio, il EMIR field = Collateral portfolio code. Se la garanzia è Pagina 11 di 23

12 Field Name Descrizione Scopo portfolio code Party 1 77 Collateral portfolio code Party 2 78 Value of the collateral Party 1 (repeatable values) 79 Value of the collateral Party 2 (repeatable values) 80 Currency of the collateral value Party 1 (repeatable values) 81 Currency of the collateral value Party 2 (repeatable values) 82 Product ID Prefix 1 83 Product ID Value 1 portafoglio deve essere identificato come un codice unico determinato dalla controparte riportante Se la garanzia è riportata su base portafoglio, il portafoglio deve essere identificato come un codice unico determinato dalla Parte 2 Valore della garanzia trasferito dalla Parte 1 all'altra controparte. Quando la garanzia è trasferito su base portafoglio, questo campo dovrebbe includere il valore di tutta la garanzia trasferita per il portafoglio Valore della garanzia trasferito dalla Parte 2 all'altra controparte. Quando la garanzia è trasferito su base portafoglio, questo campo dovrebbe includere il valore di tutta la garanzia trasferita per il portafoglio Specifica la valuta della garanzia per la Parte 1 Per dare spazio all'eventuale delegazione per riportare per due parti ad una parte, i campi Counterparty Data sono inclusi due volte in questa specificazione; una volta per la Parte 1 e una volta per la Parte 2. fare riferimento inoltre ai dettagli della Parte 2 di questo campo quando si riporta per entrambe le parti Specifica la valuta della garanzia per la Parte 2 Indicazione della tassonomia utilizzata Specifica la tassonomia utilizzata riportata su base portafoglio, il portafoglio deve essere identificato come un codice unico determinato dalla controparte riportante (Parte 1). L'indicazione di un codice portafoglio collateral indica che la collateralizzazione è stata eseguita su base portafoglio. EMIR field = Collateral portfolio code. Se la garanzia è riportata su base portafoglio, il portafoglio deve essere identificato come un codice unico determinato dalla controparte riportante (Parte 2). L'indicazione di un codice portafoglio collateral indica che la collateralizzazione è stata eseguita su base portafoglio. EMIR field = Value of the collateral. Valore della garanzia trasferito dalla Parte 1 all'altra controparte. Quando la garanzia è trasferito su base portafoglio, questo campo dovrebbe includere il valore di tutta la garanzia trasferita per il portafoglio. Questo campo sarà reso ripetibile per includere valori multipli nel caso in cui la garanzia è basata su più di una valuta. EMIR field = Value of the collateral. Valore della garanzia trasferito dalla Parte 2 all'altra controparte. Quando la garanzia è trasferito su base portafoglio, questo campo dovrebbe includere il valore di tutta la garanzia trasferita per il portafoglio. Questo campo sarà reso ripetibile per includere valori multipli nel caso in cui la garanzia è basata su più di una valuta. EMIR field = Currency of the collateral value. Specifica la valuta della garanzia per la Parte 1. Questo campo sarà reso ripetibile per includere valori multipli nel caso in cui la garanzia è basata su più di una valuta ed ogni valore deve essere associato ai valori inseriti nel campo "Value of the collateral Party 1". EMIR field = Currency of the collateral value. Specifica la valuta della garanzia per la Parte 2. Questo campo sarà reso ripetibile per includere valori multipli nel caso in cui la garanzia è basata su più di una valuta ed ogni valore deve essere associato ai valori inseriti nel campo "Value of the collateral Party 2". EMIR field = Taxonomy used. Indica quale tassonomia è usata per riportare i dati comuni della transazione. Il supporta la tassonomia ISDA perciò il valore "ISDA" dovrebbe essere inserito in questo campo. Il dedurrà i valori di tassonomia da riportare ai regolatori basati sul valore ISDA inserito in "Product ID Value 1" sotto. EMIR field = Product ID 1. Indicare in questo campo il valore della tassonomia ISDA di pertinenza. Finché Pagina 12 di 23

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 23.2.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 52/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 148/2013 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2012 che integra il regolamento (UE)

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

ESMA Colla tera l e Va luation Guida per l utente

ESMA Colla tera l e Va luation Guida per l utente DTCC Product Ma na gement ESMA Colla tera l e Va luation Guida per l utente DTCC GTR Collateral e Valuation Guida per l utente M a ggio 2 0 1 4 L Autorità Europea degli Strumenti Finanziari e dei Mercati

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Transaction Reporting Service: EMIR

Transaction Reporting Service: EMIR Transaction Reporting Service: EMIR Manuale del Servizio Gennaio 2014 Versione 1.0 Contents Indice 1.0 Storia delle revisioni 4 2.0 Introduzione 4 2.1 Scopo 5 2.2 Riferimenti 5 3.0 Trade Reporting nella

Dettagli

DTCC GTR OTC Lite Guida per l utente

DTCC GTR OTC Lite Guida per l utente GTR l utente DTCC GTR OTC Lite Guida per l utente Febbraio 2014 L autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) non ha approvato o sanzionato le informazioni contenute in questo documento.

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Workshop sulle Misure di Livello 2

Workshop sulle Misure di Livello 2 Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati Martina Mosco Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 luglio 2014 * Le presenti slide rappresentano una sintesi

Dettagli

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

GLI STRUMENTI DERIVATI. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 GLI STRUMENTI DERIVATI Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Gli strumenti derivati Sono strumenti finanziari la cui esistenza e valutazione dipendono dal valore di un'altra attività chiamata sottostante che può

Dettagli

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa...

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... Presentazione.... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... VII XVII XIX CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Contratti derivati: termine nuovo o nuovo significato di un termine noto?... 1 2. I rischi

Dettagli

INDICE. Presentazione... Premessa...

INDICE. Presentazione... Premessa... INDICE Presentazione... Premessa... pag. VII XV CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Contratti «derivati»: termine nuovo o nuovo significato di un termine noto?... 1 2. I rischi presenti nell attività finanziaria...

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

I regolamenti europei EMIR e REMIT

I regolamenti europei EMIR e REMIT I regolamenti europei EMIR e REMIT Implementazione pratica per un azienda NFC- Sommario I. L EMIR ed i suoi obblighi II. REMIT e i suoi obblighi III. EMIR: l implementazione pratica in azienda Che cos

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Portfolio Analyzer - Pascal 1.0

Portfolio Analyzer - Pascal 1.0 Portfolio Analyzer - Pascal 1.0 Pascal 1.0 è la prima versione di un semplice Excel-based software, dotato di un Visual Basic Engine, creato per la valutazione di portafogli di strumenti derivati plain

Dettagli

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2014/2015 Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (Testo Unico della Finanza) Il valore dello strumento deriva (dipende)

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1247/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1247/2012 DELLA COMMISSIONE L 352/20 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 21.12.2012 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 1247/2012 DELLA COMMISSIONE del 19 dicembre 2012 che stabilisce norme tecniche di attuazione per quanto riguarda

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa Struttura Cilindrica

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

Uno sguardo al Post- Trading

Uno sguardo al Post- Trading Uno sguardo al Post- Trading Salvatore Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post- Trading Post- trading & T2S Forum 2015 11 Novembre 2015 Indice CSDR ü I contenuti ü Stato dell arte ed entrata in vigore

Dettagli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli

4. Introduzione ai prodotti derivati. Stefano Di Colli 4. Introduzione ai prodotti derivati Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Che cos è un derivato? I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali

Dettagli

Economia dei mercati mobiliari

Economia dei mercati mobiliari pag. 1 1 Cos'è un currency future? A) È un contratto che rappresenta l'impegno alla cessione o all'acquisto a termine di una quantità di valuta B) È un contratto in cui una parte acquisisce la facoltà

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

Contratti derivati finanziari e di credito

Contratti derivati finanziari e di credito Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa Contratti derivati finanziari e di credito Lezioni tenute presso la Luiss Management

Dettagli

20160414v01. Manuale Derivati 1

20160414v01. Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Attivazione servizio... 3 3. Borse... 3 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures... 3 4.1 Conoscere è importante...3 4.2 Rischi

Dettagli

Comunicazione n. DME/9034169 del 16 aprile 2009

Comunicazione n. DME/9034169 del 16 aprile 2009 Comunicazione n. DME/9034169 del 16 aprile 2009 Aggiornamento della Comunicazione n. DME/8005271 del 21 gennaio 2008 contenente chiarimenti di natura applicativa in merito al Regolamento Consob n. 16191/2007

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CILINDRICA TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa struttura

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio

I PRODOTTI DERIVATI. Lucidi a cura di Marco Di Antonio I PRODOTTI DERIVATI Lucidi a cura di Marco Di Antonio CARATTERISTICHE GENERALI Rappresentano obblighi contrattuali che possono o meno tradursi in prestazioni effettive, in relazione al verificarsi di determinati

Dettagli

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013

Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Documento Banca d Italia/Consob/IVASS n. 6 dell 8 marzo 2013 Tavolo di coordinamento fra Banca d Italia, Consob ed IVASS in materia di applicazione degli IAS/IFRS Trattamento contabile di operazioni di

Dettagli

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ALLEGATO TECNICO GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI 12 gennaio 2005 I. PREMESSA Sono prodotti finanziari derivati (o, più semplicemente, derivati) quei prodotti il cui valore varia in relazione all andamento

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

Interactive Brokers. Rendiconti in dettaglio: P/L e Forex. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch.

Interactive Brokers. Rendiconti in dettaglio: P/L e Forex. Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch. Interactive Brokers presenta: Rendiconti in dettaglio: P/L e Forex Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch webinars@interactivebrokers.com www.ibkr.com/webinars Member SIPC

Dettagli

Introduzione ai derivati di credito. Aldo Nassigh LIUC, 14 dicembre 2010

Introduzione ai derivati di credito. Aldo Nassigh LIUC, 14 dicembre 2010 Introduzione ai derivati di credito Aldo Nassigh LIUC, 14 dicembre 2010 AGENDA 1. Credit Default Swaps 2. Valutazione risk-neutral di CDS 3. Credit Indices 2 Credit Default Swaps Un mercato molto ampio

Dettagli

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva

Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Financial Services Gli impatti della MiFID II nell Asset Management: una prospettiva Crisi Finanziaria/ Impegni del G20 Impatti della tecnologia Integrazioni Comunitarie Nuovo schema di vigilanza EU www.pwc.com/it

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE VENDITA DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK-IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU DIVISE OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi Opzione Vendita Divisa

Dettagli

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP

ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP ANALISI REGOLAMENTI DERIVATI OTC, TRADE REPOSITORY E CCP A seguire, suddiviso per numero regolamento, l analisi di sintesi dei regolamenti pubblicati sulla gazzetta ufficiale dell Unione Europea. Regolamento

Dettagli

MiFID - TREM v2.0 per interfaccia locale. 1. Invio di transazioni su strumenti finanziari identificati dal codice alternativo di identificazione (AII)

MiFID - TREM v2.0 per interfaccia locale. 1. Invio di transazioni su strumenti finanziari identificati dal codice alternativo di identificazione (AII) Allegato 1 MiFID - TREM v2.0 per interfaccia locale 1. Invio di transazioni su strumenti finanziari identificati dal codice alternativo di identificazione (AII) Gli strumenti finanziari possono essere

Dettagli

CORSO BASE TESORERIA AITI. Il Risk Management in azienda

CORSO BASE TESORERIA AITI. Il Risk Management in azienda CORSO BASE TESORERIA AITI Il Risk Management in azienda Agenda Introduzione al Risk Management in azienda Il Rischio Liquidità (cenni) Il Rischio di Credito (cenni) Il Financial Risk Management: definizione

Dettagli

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN

SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN BANCA CARIGE SpA SCHEDA PRODOTTO: CAMBI - OPZIONE ACQUISTO DIVISA STRUTTURA CON BARRIERA KNOCK IN TIPOLOGIA DI STRUMENTO: DERIVATI SU CAMBI OBIETTIVO Il prodotto denominato Cambi opzione acquisto divisa

Dettagli

Classification of Financial Instrument(CFI)] quotazione si /no indicatore eventuale della quotazione

Classification of Financial Instrument(CFI)] quotazione si /no indicatore eventuale della quotazione Allegato 2 TRACCIATO DATI PER ANAGRAFICHE TITOLI INTERMEDIARI Per uniformare l invio delle informazioni sui titoli trattati presso gli internalizzatori sistematici si propone l invio di un file in formato

Dettagli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli

La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO CRISI FINANZIARIA: valutazione e controllo dei titoli in portafoglio La valutazione e rappresentazione nel bilancio IFRS dell investimento in titoli Raffaella

Dettagli

La disciplina dei Mercati

La disciplina dei Mercati Workshop sulle Misure di Livello 2 della MiFID II/MiFIR La disciplina dei Mercati Isadora Tarola Responsabile dell Ufficio Vigilanza Infrastrutture di Mercato CONSOB 14 luglio 2014 * Le presenti slide

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato finanziario regolamentato dei derivati

Dettagli

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI

I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I PRINCIPALI PRODOTTI DERIVATI ELEMENTI INFORMATIVI DI BASE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA I principali prodotti derivati

Dettagli

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche

Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Derivati su valuta e le implicazioni sugli equilibri di gestione delle banche Dott. Gabriele Sabato Luglio 2003 Abstract Lo sviluppo dei prodotti derivati ha interessato anche quelli su valute che permettono

Dettagli

1. EMITTENTE / ISSUER INTEK GROUP SIGLA SOCIALE / ABBREVIATED FORM. Foro Buonaparte 44 CAP / POST CODE

1. EMITTENTE / ISSUER INTEK GROUP SIGLA SOCIALE / ABBREVIATED FORM. Foro Buonaparte 44 CAP / POST CODE SCHEMA DI COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI SUI TITOLI DELL'EMITTENTE (ai sensi del paragrafo 1.4 dell'allegato 3F) MODEL DISCLOSURE FOR TRANSACTIONS IN THE ISSUER S SECURITIES (pursuant to paragraph 1.4

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato dei derivati di Borsa Italiana, società

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

La normativa EMIR e l obbligodireporting. Dott. S. Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post-Trading

La normativa EMIR e l obbligodireporting. Dott. S. Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post-Trading La normativa EMIR e l obbligodireporting Dott. S. Lo Giudice Responsabile dell Ufficio Post-Trading Roma, 23 gennaio 2014 L impianto normativo di EMIR Il Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 1155-56-2015

Informazione Regolamentata n. 1155-56-2015 Informazione Regolamentata n. 1155-56-215 Data/Ora Ricezione 2 Ottobre 215 13:12:6 MTA - Star Societa' : TESMEC Identificativo Informazione Regolamentata : 63825 Nome utilizzatore : TESMECN1 - Patrizia

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli IL BILANCIO D ESERCIZIO 2006 LE INFORMAZIONI SUGLI STRUMENTI FINANZIARI (art. 2427-bis e art. 2428, co. 2, n. 6-bis) Documento n. 5 del 21 marzo 2007 CIRCOLARE Via G. Paisiello,

Dettagli

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati

Parte III PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE. Classificazione delle attività finanziarie. Gli strumenti finanziari derivati Parte III Gli strumenti finanziari derivati Classificazione delle attività finanziarie PRIMARIE DERIVATE SINTETICHE Definizioni di derivato CONTRATTO CHE PREVEDE PRESTAZIONI LEGATE ALL ANDAMENTO DI UN

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0142-17-2015

Informazione Regolamentata n. 0142-17-2015 Informazione Regolamentata n. 0142-17-2015 Data/Ora Ricezione 04 Novembre 2015 20:24:43 MTA Societa' : GRUPPO CERAMICHE RICCHETTI Identificativo Informazione Regolamentata : 65108 Nome utilizzatore : RICCHETTIN01

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

RISOLUZIONE N. 58/E. OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A. RISOLUZIONE N. 58/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 marzo 2003 OGGETTO: Operazioni di asset swap su Obbligazioni Generali 6,5% 2010. Interpello art. 11 legge 27-7-2000, n. 212 XY S.p.A.

Dettagli

Il recepimento in Italia della direttiva UCITS IV e la nuova disciplina della gestione collettiva del risparmio

Il recepimento in Italia della direttiva UCITS IV e la nuova disciplina della gestione collettiva del risparmio FINANCIAL INSTITUTIONS ENERGY INFRASTRUCTURE, MINING AND COMMODITIES TRANSPORT TECHNOLOGY AND INNOVATION PHARMACEUTICALS AND LIFE SCIENCES Il recepimento in Italia della direttiva UCITS IV e la nuova disciplina

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Centrobanca - Direzione Derivati OTC

Centrobanca - Direzione Derivati OTC 1 AGENDA La copertura del rischio di tasso con CAP o IRS La copertura del rischio di cambio con PLAFOND La copertura del rischio Materie Prime con lo SWAP 2 RISCHIO TASSO: COSA STIAMO PROPONENDO? Stiamo

Dettagli

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014 23 Strumenti finanziari derivati / non correnti Gerarchia fair value coperto Derivati su tassi - Interest rate Swap 2 Finanziamenti 1.000 mln 103.096 1.001,2 mln 37.560 - Interest rate Swap 2 Finanziamenti

Dettagli

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari Indice Pag. 1. Introduzione all economia del mercato mobiliare 1 Antonio Fasano 1.1 Il sistema finanziario e il mercato mobiliare 1 1.1.1 Gli strumenti finanziari 2 1.1.2 Gli intermediari finanziari 4

Dettagli

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 2011 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 987-88-386-6495-3 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 3e McGraw-Hill, 211 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato è uno strumento finanziario il cui rendimento

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI

Bongini,Di Battista, Nieri, Patarnello, Il sistema finanziario, Il Mulino 2004 Capitolo 2. I contratti finanziari. Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI Capitolo 2 I CONTRATTI FINANZIARI 1 Indice Definizione di contratto finanziario Contratti finanziari bilaterali e multilaterali Contratto di debito Contratto di partecipazione Contratto assicurativo Contratto

Dettagli

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it

I Derivati. a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it I Derivati a.a. 2013/2014 mauro.aliano@unica.it 1 Definizione di derivati I derivati sono strumenti finanziari (art.1 TUF) Il valore dello strumento deriva da uno o più variabili sottostanti (underlying

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 3 giugno 2015 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine dicembre La Banca d Italia

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Informazione Regolamentata n. 0159-99-2015

Informazione Regolamentata n. 0159-99-2015 Informazione Regolamentata n. 0159-99-2015 Data/Ora Ricezione 02 Ottobre 2015 17:24:36 MTA - Star Societa' : INTERPUMP GROUP Identificativo Informazione Regolamentata : 63839 Nome utilizzatore : INTERPUMPN01

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

Corrispettivi per il sistema di garanzia a controparte centrale

Corrispettivi per il sistema di garanzia a controparte centrale Corrispettivi per il sistema di garanzia a controparte centrale In vigore dal 21 gennaio 2013 Sommario 1. QUOTE ANNUE DI ADESIONE...3 2. GARANZIE DEPOSITATE...3 2.1. COMMISSIONI SU TITOLI DEPOSITATI A

Dettagli

Interactive Brokers presents

Interactive Brokers presents Interactive Brokers presents Il programma Stock Yield Enhancement Alessandro Bartoli, Interactive Brokers abartoli@interactivebrokers.ch Il webinar inizia alle 18:00 CET webinars@interactivebrokers.com

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

Studio Cogliandro Raparo Analisi e Consulenza Finanziaria Indipendente. Indice

Studio Cogliandro Raparo Analisi e Consulenza Finanziaria Indipendente. Indice Indice 1. Premessa. pag.3 2. Il rischio cambio in Xxxx. pag.3 3. Strutture coinvolte nella gestione del rischio cambio. pag.5 4. Identificazione del rischio cambio oggetto di copertura. pag.8 5. Strategia

Dettagli

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets

SeDeX, MOT ed EuroMOT. Mauro Giangrande Borsa Italiana Divisione FI&CW Markets SeDeX, MOT ed EuroMOT Mauro Giangrande Borsa Italiana Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 2 Contenuti SeDeX MOT EuroMOT 3 Mercato SeDeX SeDeX: il mercato telematico dei securitised derivatives SeDeX è il mercato

Dettagli

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa

Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Gli strumenti di finanza derivata a copertura dei rischi finanziari di impresa Francesca Querci Università di Genova Strumenti derivati e copertura dei rischi finanziari d impresa nel nuovo contesto di

Dettagli

U n o r d i n e s u m i s u r a p e r o g n i t a g l i a. Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash

U n o r d i n e s u m i s u r a p e r o g n i t a g l i a. Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash U n o r d i n e s u m i s u r a p e r o g n i t a g l i a Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Introduzione I Cross Order e i Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove

Dettagli

M I T 401 - B I T M I L L E N N I U M E X C H A N G E. Guida al Post Trade Transparency Service

M I T 401 - B I T M I L L E N N I U M E X C H A N G E. Guida al Post Trade Transparency Service M I T 401 - B I T M I L L E N N I U M E X C H A N G E Guida al Post Trade Transparency Service Issue 1.1 December 2012 Contents Guida al Post Trade Transparency Service... 1 1. Introduzione... 3 1.1. Scopo...

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Modulo di autocertificazione CRS per persone giuridiche Istruzioni

Modulo di autocertificazione CRS per persone giuridiche Istruzioni Istruzioni La preghiamo di leggere attentamente le istruzioni prima di compilare questo modulo. Gli uffici Citi situati nei Paesi che hanno adottato il CRS (Common Reporting Standard) sono tenuti a raccogliere

Dettagli

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012 ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI 2 LE OPZIONI Le opzioni sono contratti che forniscono al detentore il diritto di acquistare o vendere una certa quantità del bene sottostante a una certa

Dettagli

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it

Gli strumenti derivati. Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it Gli strumenti derivati Prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 I FRA (Forward Rate Agreement) Sono contratti con i quali due parti si mettono d accordo sul tasso di interesse da applicare ad un certo

Dettagli

Request for Transfer MT101 (SWIFT) Manuale e guida alla formattazione

Request for Transfer MT101 (SWIFT) Manuale e guida alla formattazione Request for Transfer MT101 (SWIFT) Manuale e guida alla formattazione 460.47 it (pf.ch/dok.pf/) 11.2014 PF Manuale Request for Transfer MT101 (SWIFT) Versione novembre 2014 1/10 Assistenza alla clientela

Dettagli

CONTRATTO QUADRO PER LE OPERAZIONI FINANZIARIE SUPPLEMENTO ALL ALLEGATO DERIVATI. OPERAZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Edizione 2004

CONTRATTO QUADRO PER LE OPERAZIONI FINANZIARIE SUPPLEMENTO ALL ALLEGATO DERIVATI. OPERAZIONI SUI TASSI DI INTERESSE Edizione 2004 F E D E R A T I O N B A N C A I R E D E L ' U N I O N E U R O P E E N N E BANKING FEDERATION OF THE EUROPEAN UNION BANKENVEREINIGUNG DER EUROPÄISCHEN UNION in co-operation with E U R O P E A N S A V I

Dettagli

TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI

TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI 15 Settembre 2014 TECNICHE DI RISK MITIGATION SOTTO L EMIR, IRISVOLTILEGALI: FRAMEWORK GENERALE E CONSIGLI PRATICI Avv. CARMINE ONCIA Milano Roma Bruxelles SOMMARIO EMIR AMBITO APPLICATIVO TECNICHE DI

Dettagli

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici

I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Studio Gallone I contratti di interest rate swap Aspetti finanziari e legali evidenziati dall analisi di casi pratici Scaletta Argomenti Gli strumenti finanziari derivati: definizioni Pagina 3 Diffusione

Dettagli

VIRTUAL MPD Manuale d uso Agenti BSP ITALIA

VIRTUAL MPD Manuale d uso Agenti BSP ITALIA VIRTUAL MPD Manuale d uso Agenti BSP ITALIA Service Centre Europe International Air Transport Association Marzo 2010 INDICE 1. VIRTUAL MPD CONFIGURATION pag 3 2. AIRLINES PERMISSION pag 4 3. MAXIMUM VALUE

Dettagli

Oggetto: Osservazioni al documento di Consob in merito alla revisione della Direttiva 2004/39/CE (MiFID) - La disciplina dei mercati.

Oggetto: Osservazioni al documento di Consob in merito alla revisione della Direttiva 2004/39/CE (MiFID) - La disciplina dei mercati. Milano, 25 marzo 2010 Spettabile CONSOB Divisione Mercati Via G. B. Martini, 3 00198 Roma Prot. N. 213/10 Anticipata a mezzo posta elettronica Oggetto: Osservazioni al documento di Consob in merito alla

Dettagli

Introduzione... 4 Funzionalità... 5 Requisiti tecnologici... 17 Orari di disponibilità del servizio... 18

Introduzione... 4 Funzionalità... 5 Requisiti tecnologici... 17 Orari di disponibilità del servizio... 18 MIFID PTTS Post-Trade Transparency Service Manuale utente V 1.4 Luglio 2012 Indice 1 Introduzione... 4 2 Funzionalità... 5 2.1 Login e cambio della lingua... 6 2.2 Inserimento dei report OTC... 6 2.2.1

Dettagli

COMUNICATO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, D. LGS. 58/1998 INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELLA CONSOB

COMUNICATO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, D. LGS. 58/1998 INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELLA CONSOB COMUNICATO AI SENSI DELL ART. 114, COMMA 5, D. LGS. 58/1998 INFORMAZIONI SU RICHIESTA DELLA CONSOB Siena, 24 aprile 2013 Su richiesta della Consob, in vista dell assemblea dei soci convocata per il giorno

Dettagli