Crea la tua impresa. Business Game dell Università Cattaneo - LIUC. IX Edizione, 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Crea la tua impresa. Business Game dell Università Cattaneo - LIUC. IX Edizione, 2012"

Transcript

1 Crea la tua impresa Business Game dell Università Cattaneo - LIUC IX Edizione, 2012 Progetto di learning by doing rivolto agli studenti delle classi quarta e quinta degli istituti secondari superiori Presentazione del gioco Iniziativa promossa dall Università Carlo Cattaneo - LIUC in collaborazione con l Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia inclusa nel programma di individuazione delle eccellenze dei percorsi di istruzione superiore (decreto del Ministero della Pubblica Istruzione, ) versione

2 Obiettivi della presentazione Introdurre il contesto generale del gioco (di cosa parliamo?) Proporre alcune possibili finalità del gioco (quali obiettivi didattici?) Presentare le caratteristiche principali del contesto simulato del gioco (come funziona?) Fornire informazioni organizzative sul gioco (cosa succederà?)

3 1. Contesto 1. Contesto 2. Finalità 3. Caratteristiche 4. Organizzazione

4 Il gioco 2012 Giocheranno 270 squadre circa, suddivise in 5 gironi, ognuno dei quali simula un mercato, indipendente dagli altri: le 50 squadre con media dei voti dei componenti più elevata nel girone 1 le altre squadre nei gironi 2-5

5 Introduzione generale al gioco /1 Il Business Game è un gioco di simulazione tra squadre, in cui ogni squadra assume il ruolo del management di un impresa Ogni squadra ha il compito di gestire in prospettiva strategica la propria impresa, per massimizzare il valore dell impresa stessa, valutato in funzione di margine operativo, politiche di assunzione, tasso di crescita degli investimenti e risultati finanziari Le imprese hanno tutte lo stesso posizionamento nel mercato e la stessa struttura: sono imprese manifatturiere, in competizione per aggiudicarsi risorse scarse: a monte (acquisizione di materia prima dai fornitori) a valle (vendita di prodotti finiti ai clienti) azienda 1 fornitori azienda 2 azienda 3 clienti

6 Internet Introduzione generale al gioco /2 Il Business Game è basato su un simulatore accessibile via web squadra 1 azienda 1 squadra 2 azienda 2 m t p g fb fb fbfb t l 6 t p l 6 fb fbfbfb m fornitori clienti squadra 3 azienda 3

7 Struttura generale del gioco Il gioco è scandito in turni, ognuno che simula un mese di attività delle aziende e del mercato in cui esse operano Nel corso di ogni turno ogni squadra: analizza la situazione attuale dell azienda e del mercato, specificata quantitativamente da un insieme di variabili di stato prende decisioni sulla gestione dell azienda, assegnando valori quantitativi a un insieme di variabili di input Queste decisioni, unitamente a quelle prese dalle altre squadre e da un insieme di parametri di controllo assegnati dal gestore del gioco, determinano la nuova situazione dell azienda e del mercato (1) Situazione dal mese n-1 Fine del mese n-1 Inizio del mese n (3) Decisioni della squadra nel mese n (2) Parametri di mercato del mese n mercato Decisioni delle altre squadre nel mese n Fine del mese n Situazione al mese n tempo Inizio del mese n+1 La conclusione di ogni turno e quindi l inizio del turno successivo sono stabiliti secondo una tempistica definita a priori e nota alle squadre

8 Analizzare la situazione...

9 e prendere decisioni

10 Organizzazione del gioco ottobre 2011: pubblicizzazione del bando 14 novembre 14 dicembre 2011: iscrizioni delle squadre 21 dicembre 2011: comunicazione delle ammissioni al gioco 13 gennaio 2012: incontro con i tutor 19 e 20 gennaio 2012: sperimentazione dell uso del simulatore (da scuola) 25 gennaio 2012: prima prova 8 febbraio 2012: seconda prova 22 febbraio 2012: terza prova fase di qualificazione (da scuola) 16 marzo 2012: finale (in LIUC) + finale di consolazione (da scuola)

11 Fonti di informazione ABC di gestione aziendale: cenni sui principali contenuti generali del contesto disciplinare del gioco, per introdurre gli studenti ai concetti basilari e al relativo lessico Introduzione alla storia dell azienda: per aumentare il realismo della simulazione Manuale per i giocatori: un introduzione al gioco (le caratteristiche principali dell azienda e del mercato; come funziona il simulatore) e il manuale tecnico per la gestione ( dizionario dei dati ) Note didattiche per il tutor: alcune brevi considerazioni sulle motivazioni del gioco e pochi suggerimenti su come farlo giocare Facebook, Forum, , Telefono

12 1. Contesto 2. Finalità 3. Caratteristiche 4. Organizzazione

13 Finalità del gioco Offrire ai giocatori / studenti un occasione per: apprendere e applicare alcuni principi generali di funzionamento delle imprese mediante un attività di tipo learning by doing applicare la capacità di analisi critica a proposito di un problema di previsione e decisione di media complessità, in logica - deduttiva (valutazione dei dati a disposizione) - induttiva (decisione dai dati a disposizione e dall obiettivo da conseguire) applicare la capacità di collaborazione in un gruppo che opera con un obiettivo comune da conseguire

14 Caratteristiche didattiche del gioco Contenuti modello semplificato di un azienda; enfasi su gestione degli approvvigionamenti, della produzione e delle vendite, e marginalmente su contabilità non richieste precompetenze disciplinari, per altro valorizzate quando presenti; richieste competenze matematiche elementari, in logica di problem solving Organizzazione gioco scandito in turni, con tempi che incentivano il lavoro di analisi e decisione conseguenze delle decisioni rese note solo all inizio del turno successivo, per sollecitare la riflessione critica invece che decisioni per tentativi Aspetti relazionali sollecitate le dinamiche di collaborazione nella squadra, con un obiettivo complesso da conseguire, tale da consentire, e suggerire, una almeno parziale divisione dei compiti tra i giocatori competizione tra squadre dichiarata, ma solo implicita e indiretta

15 Logica di base della simulazione Ogni azienda è modellizzata come un sistema dinamico, cioè come una black box: decisioni(t) azienda situazione(t) ambiente(t) risultati(t+ t) risultati(t+ t)=f(decisioni(t), situazione(t), ambiente(t))... per esempio: prelievi(t) depositi(t) conto(t) tassointeresse(t) interessi(t+ t) interessi(t+ t)=(conto(t) + depositi(t) prelievi(t)) tassointeresse(t)... ma naturalmente in condizioni più complesse, e senza conoscere la funzione f()...

16 Struttura relazionale del gioco squadra squadra squadra squadra tutor studente compagni di squadra università esperti organizzazione Sul sito web è disponibile il documento: Note didattiche per il tutor

17 1. Contesto 2. Finalità 3. Caratteristiche 4. Organizzazione

18 Struttura e funzionamento dell azienda Le attività di ogni azienda sono organizzate in tre aree generali: approvvigionamenti: gestione dell acquisizione della materia prima dai fornitori e del magazzino della materia prima, per mantenere nel magazzino MP un livello di scorte coerente con la strategia scelta produzione: gestione della trasformazione da materia prima a prodotto finito, per mantenere nel magazzino PF un livello di scorte coerente con la strategia scelta (la quantità di materia prima trasformata è dipendente da vari fattori, tra cui il rendimento della materia prima stessa, la disponibilità di forza lavoro, operai e macchinari, il livello di formazione degli operai) marketing e vendite: posizionamento dell azienda sul mercato della vendita al dettaglio, scegliendo, oltre alla quantità e al prezzo dei prodotti finiti, anche l entità della spesa dedicata alle ricerche di mercato e alle spese di marketing, per riuscire a vendere il numero di prodotti finiti scelto fornitori magazzino materia prima macchinari operai magazzino prodotti finiti prodotti finiti clienti

19 Incompletezza dell informazione Attraverso il simulatore, ogni squadra ha accesso: all informazione completa (dunque anche per i mesi precedenti) sui dati di tutte le sue decisioni e dei suoi risultati ad alcune informazioni sulla sua situazione (anche relativamente ai mesi precedenti) ad alcune informazioni sulla situazione complessiva del mercato (pagando si possono ottenere informazioni aggiuntive) a nessuna informazione sulla situazione, le decisioni e i risultati delle altre squadre, fatta eccezione per la variabile valore dell azienda, disponibile in ogni mese in modo completo ma anonimo

20 Ipotesi modellistiche Per mantenere il gioco interessante perché abbastanza complesso da richiedere l abilità e l impegno dei giocatori ma non così complesso da richiedere un lungo periodo iniziale di apprendimento, mercato e aziende sono simulati sulla base di varie ipotesi di semplificazione: le aziende trasformano un unica materia prima ottenuta dai fornitori in un unico tipo di prodotto per il mercato dei clienti finali, attraverso un unico processo di produzione che si realizza in una singola fase di lavoro al primo turno di gioco, le aziende condividono tutte la stessa situazione, che si suppone ereditata dalla gestione dell anno precedente e alle cui decisioni si può dunque ispirarsi per la formazione di una propria strategia la classifica viene costruita sulla base di un unico risultato, la variabile valore dell azienda le aziende non hanno strumenti per interagire direttamente tra loro D altra parte, in un mercato in cui una o più aziende sono in grado di acquisire materia prima o di vendere prodotti finiti in grande quantità diventa più difficile per le altre aziende riuscire a operare. In sintesi: meglio le squadre giocano, più complesso diventa il gioco stesso.

21 Caratteristiche delle aziende e del mercato 1. Gestione degli approvvigionamenti L azienda produce un unico tipo di prodotto finito, a partire da un unico tipo di materia prima. Si ottiene la materia prima ordinandola a due fornitori: un fornitore locale e un fornitore estero. Il fornitore locale accetta ordini ogni mese e consegna la merce il mese successivo. La quantità di materia prima effettivamente ottenuta dipende dalla somma degli ordini di tutte le aziende: se non si è esaurita la disponibilità del fornitore, si ottiene quanto ordinato; altrimenti la quantità ottenuta è ridotta in funzione del prezzo offerto: chi ha offerto un prezzo più elevato ottiene una riduzione inferiore. Il fornitore estero accetta ordini ogni tre mesi e consegna la merce con un ritardo di due mesi. La materia prima ordinata ha un prezzo fisso e viene trasportata in container, ognuno dei quali ha un costo fisso di affitto e una capacità massima. Ogni ordine prevede una quantità massima di materia prima consegnabile. Indipendentemente dalla sua origine, la materia prima ricevuta è mantenuta in un magazzino materia prima. Il magazzino materia prima contiene una certa quantità di materia prima, risultato della gestione ereditata dell anno precedente.

22 Caratteristiche delle aziende e del mercato 2. Gestione della produzione Il processo di trasformazione della materia prima in prodotti finiti si realizza mediante macchinari e operai. Nuovi macchinari possono essere acquistati, anche con pagamento posticipato. Operai possono essere assunti e licenziati: la loro capacità può essere migliorata investendo nella loro formazione tecnica. Gli investimenti in tecnologia e in formazione effettuati determinano la qualità del processo di trasformazione della materia prima. Da tale qualità dipende la produzione dei prodotti finiti, ripartiti in prodotti di alta qualità e prodotti di media qualità, mantenuti separatamente nel magazzino prodotti finiti. La gestione ereditata dell anno precedente è tale che l azienda è in grado di realizzare solo prodotti finiti di media qualità. Il magazzino prodotti finiti contiene una certa quantità di prodotti finiti, solo di media qualità, risultato della gestione ereditata dell anno precedente.

23 Caratteristiche delle aziende e del mercato 3. Gestione del marketing e delle vendite I prodotti finiti si mettono in vendita attraverso due canali: negozi, che accettano solo prodotti di alta qualità, e ipermercati, che accettano prodotti sia di alta qualità sia di media qualità, venduti però allo stesso prezzo. I negozi hanno una capacità di vendita complessiva inferiore a quella degli ipermercati, ma accettano prezzi di vendita più elevati. Il numero di prodotti finiti venduti nei negozi e negli ipermercati dipende da vari fattori, tra i quali il prezzo richiesto e gli investimenti in pubblicità effettuati.

24 1. Contesto 2. Finalità 3. Caratteristiche 4. Organizzazione

25 Organizzazione del gioco Preliminari Martedì 17.1: mail con dati di accesso al gioco e informazioni varie (Ogni squadra disporrà di dati di identificazione, necessari per accedere al simulatore. Tali dati saranno comunicati con una mail all indirizzo indicato all atto della iscrizione. Se una scuola ha iscritto più squadre e ha dato come riferimento lo stesso indirizzo , saranno inviate più all unico indirizzo. Al primo accesso è richiesto di modificare la password.) Primo turno di prova (online) Giovedì 19.1: gioco aperto tra le 9:30 e le 17:00: decisioni per il primo mese Secondo turno di prova (online) Venerdì 20.1: gioco aperto tra le 9:30 e le 17:00: risultati del primo mese e decisioni per il secondo mese Venerdì 20.1: gioco aperto tra le 17:00 e le 18:30: risultati del secondo mese Lo scopo dei turni di prova è duplice: fare in modo che gli studenti possano acquisire confidenza con il simulatore e la sua interfaccia web verificare che l accesso al simulatore funzioni

26 Organizzazione del gioco Fase di qualificazione Primo trimestre di gioco (online) Mercoledì 25.1: mese 1: 14:30-15:10; mese 2: 15:20-16:00; mese 3: 16:10-16:50 Venerdì 27.1: pubblicazione graduatoria Martedì 31.1: pubblicazione rapporto tecnico Secondo trimestre di gioco (online) Mercoledì 8.2: mesi 4-6: a partire dalle 14:30; la durata di ogni mese sarà comunicata Venerdì 10.2: pubblicazione graduatoria Martedì 14.2: pubblicazione rapporto tecnico Terzo trimestre di gioco (online) Mercoledì 22.2: mesi 7-9: a partire dalle 14:30; la durata di ogni mese sarà comunicata Lunedì 27.2: pubblicazione graduatoria e ammissioni alla fase finale Eventuali modifiche nella composizione delle squadre (a causa di studenti ritirati o sostituiti) sono possibili prima dell inizio del secondo trimestre di gioco e devono essere tempestivamente comunicate a

27 Organizzazione del gioco Note sulla fase di qualificazione Il simulatore opera con una funzione di pilota automatico : se in un mese una squadra non invia le sue decisioni, si assumono le decisioni del mese precedente (con alcune eccezioni). Saranno ammesse alla fase finale solo le squadre che hanno inviato decisioni in almeno due trimestri. Alla fine del terzo trimestre di gioco il simulatore opererà a pilota automatico per il trimestre successivo. Saranno ammesse alla fase finale: le prime 12 squadre del girone 1 le prime 9 squadre di ognuno degli altri quattro gironi secondo le classifiche generate dal simulatore in riferimento al valore del parametro valore dell azienda. Il gioco prevede la possibilità che un azienda fallisca. In tal caso, la squadra avrà la possibilità di ritirarsi dal gioco o di continuare, fuori gara, a partecipare.

28 Organizzazione del gioco Fase finale Presso l Università Cattaneo - LIUC Venerdì 16.3: a partire dalle I tutor non potranno entrare nell aula di gioco né conferire con le squadre. Durante il gioco non sarà ammesso l impiego di strumenti di comunicazione (telefono, , chat, ). Non è consentita la partecipazione alla finale in remoto. Le squadre ammesse che non potranno essere presenti saranno sostituite dalle prime escluse in ordine di graduatoria. Per le squadre non ammesse alla fase finale, sarà possibile partecipare in contemporanea ma online a una finale di consolazione.

29 Fonti di informazione Materiali e informazioni generali e ufficiali sul gioco Accesso al simulatore Facebook, per scambi informali di informazioni, pareri,... Forum, per informazioni sul funzionamento del simulatore e la logica del gioco (per esempio: perché non mi hanno consegnato l intera quantità di materia prima che avevo ordinato? ) , per informazioni organizzative (per esempio: qual è la mia password?) Telefono, per informazioni organizzative (per esempio: qual è la mia password?)

30 Grazie in anticipo per ogni suggerimento finalizzato a rendere migliore il gioco

Crea la tua impresa Business Game dell Università Cattaneo - LIUC

Crea la tua impresa Business Game dell Università Cattaneo - LIUC Crea la tua impresa Business Game dell Università Cattaneo - LIUC XI Edizione, 2014 Progetto di learning by doing rivolto agli studenti delle classi quarta e quinta degli istituti secondari superiori Presentazione

Dettagli

Crea la tua impresa. Business Game dell Università Cattaneo. VII Edizione, 2010

Crea la tua impresa. Business Game dell Università Cattaneo. VII Edizione, 2010 Crea la tua impresa Business Game dell Università Cattaneo VII Edizione, 2010 Progetto di learning by doing rivolto agli studenti delle classi quarta e quinta degli istituti secondari superiori Presentazione

Dettagli

Crea la tua impresa Business Game dell Università Cattaneo - LIUC

Crea la tua impresa Business Game dell Università Cattaneo - LIUC Crea la tua impresa Business Game dell Università Cattaneo - LIUC XIII Edizione Manuale per i giocatori Iniziativa promossa dall Università Carlo Cattaneo - LIUC in collaborazione con l Ufficio Scolastico

Dettagli

Business Game Crea la tua Impresa

Business Game Crea la tua Impresa Business Game Crea la tua Impresa Incontro con i TUTOR 16 gennaio 2006 LA SIMULAZIONE DI UN CONTESTO CONCORRENZIALE PER IMPARARE A CONOSCERE L AZIENDA Iniziativa promossa dall Università Carlo Cattaneo

Dettagli

MODULO PER RILEVAZIONE PRESENZE

MODULO PER RILEVAZIONE PRESENZE lunedì 15 settembre 2014 martedì 16 settembre 2014 mercoledì 17 settembre 2014 giovedì 18 settembre 2014 venerdì 19 settembre 2014 lunedì 22 settembre 2014 martedì 23 settembre 2014 mercoledì 24 settembre

Dettagli

Alunni classi quarte Servizi Commerciali

Alunni classi quarte Servizi Commerciali UNITA DI APPRENDIMENTO 1bis Istruzione professionale: Indirizzo Servizi Commerciali Denominazione Gestione informatica dell Azienda, marketing on line e web marketing Utenti destinatari Alunni classi quarte

Dettagli

Corsi di laurea triennale della Facoltà di Economia Sedi di Milano e Roma. Procedura di ammissione a.a. 2016/2017

Corsi di laurea triennale della Facoltà di Economia Sedi di Milano e Roma. Procedura di ammissione a.a. 2016/2017 Corsi di laurea triennale della Facoltà di Economia Sedi di Milano e Roma Procedura di ammissione a.a. 2016/2017 I passaggi per immatricolarti L immatricolazione ai corsi di laurea triennale della Facoltà

Dettagli

Corsi di laurea triennale della Facoltà di Economia Sedi di Milano e Roma. Procedura di ammissione a.a. 2015/2016

Corsi di laurea triennale della Facoltà di Economia Sedi di Milano e Roma. Procedura di ammissione a.a. 2015/2016 Corsi di laurea triennale della Facoltà di Economia Sedi di Milano e Roma Procedura di ammissione a.a. 2015/2016 I passaggi per immatricolarti L immatricolazione ai corsi di laurea triennale della Facoltà

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

5 Concorso Prof. Gaspare Starace

5 Concorso Prof. Gaspare Starace Il DIPARTIMENTO DI LABORATORIO DI ACCOGLIENZA TURISTICA dell Istituto Professionale Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera di Milano con la collaborazione di alcune associazioni professionali

Dettagli

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt.

FOTO. Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali. Lauree magistrali. Servizio orientamento. Brescia a.a. 2014-2015. www.unicatt. Percorsi Formativi Facoltà di Scienze XXXXX matematiche, fisiche e naturali Servizio orientamento FOTO Brescia - Via Trieste, 17 Scrivi a orientamento-bs@unicatt.it Telefona al numero 030 2406 246 Siamo

Dettagli

LE SQUADRE AMMESSE al Campionato 2009/2010 sono 56 e precisamente:

LE SQUADRE AMMESSE al Campionato 2009/2010 sono 56 e precisamente: Lega Nazionale Pallacanestro Pagina 1 di 7 ORDINAMENTO CAMPIONATO SERIE B DILETTANTI LE SQUADRE AMMESSE al Campionato 2009/2010 sono 56 e precisamente: n. 4 squadre retrocesse dalla serie A Dilettanti

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE anno scolastico 2015/2016 Prof.ssa Simona Migliavacca MATERIA Economia Aziendale classe e indirizzo : 4 B AFT n. ore settimanali: 7 monte orario annuale: 231 CONOSCENZE 1 Strumenti

Dettagli

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++

Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l ingresso+ai+corsi+di+laurea+scientifici+++ Conferenza Nazionale dei Presidenti e dei Direttori delle Strutture Universitarie di Scienze e Tecnologie Piano Nazionale Lauree Scientifiche Presentazione+delle+prove+di+verifica+delle+conoscenze++ per+l

Dettagli

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado

proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado proposta di personalizzazione per gli studenti ai fini del conseguimento diploma secondaria I grado Il percorso si articola su moduli che intendono rafforzare le competenze di base ed investire sulle competenze

Dettagli

Business Game Crea la tua impresa

Business Game Crea la tua impresa Business Game Crea la tua impresa Analisi di mercato mercato A - gruppi in gara quarto trimestre 2007 Iniziativa promossa dall Università Carlo Cattaneo - LIUC in collaborazione con l Ufficio Scolastico

Dettagli

La scelta universitaria

La scelta universitaria 1 La scelta universitaria È una scelta importante che va fatta seguendo le proprie inclinazioni e il proprio talento È la prima vera decisione che ha un peso fondamentale nel futuro di un individuo, va

Dettagli

ACCESSO AI CORSI DI LAUREA TRIENNALE DELLA FACOLTA DI ECONOMIA MILANO. Procedura di ammissione a.a. 2013-2014

ACCESSO AI CORSI DI LAUREA TRIENNALE DELLA FACOLTA DI ECONOMIA MILANO. Procedura di ammissione a.a. 2013-2014 ACCESSO AI CORSI DI LAUREA TRIENNALE DELLA FACOLTA DI ECONOMIA MILANO Procedura di ammissione a.a. -2014 Come si accede ai corsi di laurea triennale della facoltà di Economia di Milano? Per poterti immatricolare

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ECONOMIA AZIENDALE A.S.: 2015/2016 Prof S. Rizza classe 2 a a/f/m Obtv educativi OBTV didattici trasversali Motivazione

Dettagli

4) Quante ore di formazione sono previste per l acquisizione delle competenze di base e trasversali?

4) Quante ore di formazione sono previste per l acquisizione delle competenze di base e trasversali? FAQ Apprendistato Professionalizzante o di Mestiere (D.Lgs.167/2011 come modificato dalla Legge 28 giugno 2012 n. 92 e dalla Legge 16 maggio 2014 n. 78 ) 1) Chi rientra nella nuova offerta formativa pubblica?

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE AREA PER LA DIDATTICA BANDO DI AMMISSIONE. Anno Accademico 2015/16. Selezione Primaverile

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE AREA PER LA DIDATTICA BANDO DI AMMISSIONE. Anno Accademico 2015/16. Selezione Primaverile UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE AREA PER LA DIDATTICA BANDO DI AMMISSIONE Anno Accademico 2015/16 Selezione Primaverile Laurea in Economia aziendale - (classe L-18) Laurea in Economia e commercio - (classe

Dettagli

LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE

LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE LICEO ARTISTICO DI VERONA CORSO SERALE Premessa Il CORSO SERALE del Liceo Artistico statale di Verona Nani Boccioni, che prende avvio nell a.s. 2014/15, intende rispondere ai bisogni di un utenza particolare,

Dettagli

MEET Project: Management E-learning Experience for Training secondary school's students

MEET Project: Management E-learning Experience for Training secondary school's students MEET Project: Management E-learning Experience for Training secondary school's students Code: LLP-LDV-TOI-10-IT-560 Lifelong Learning Programme (2007-2013) Leonardo da Vinci Programme Multilateral projects

Dettagli

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore

Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle Professioni

Dettagli

Chi siamo. Curriculum

Chi siamo. Curriculum S t u d i o B o c c a s s i n i - C i o c c a Chi siamo EURO-FINANCE Studio Boccassini-Ciocca è una struttura operativa da oltre un decennio ed è composta da Dottori Commercialisti, Avvocati e Consulenti

Dettagli

Guida introduttiva a

Guida introduttiva a Guida introduttiva a Introduzione OfficeCasa è un gestionale di comunicazione che racchiude tutte le funzionalità necessarie ad organizzare le proprie attività riducendo i tempi di gestione con pochi e

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

EMBA Executive Master in Business Administration

EMBA Executive Master in Business Administration Master Universitario EMBA Executive Master in Business Administration Master Universitario di Secondo Livello part-time 1 a EDIZIONE OTTOBRE 2015 MARZO 2017 LIUC UNIVERSITÀ CATTANEO La LIUC Università

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese.

Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese. + z. www.co.camcom.gov.it Un opportunità per i giovani studenti di realizzare e condividere la propria idea innovativa a contatto con le imprese. Le adesioni sono aperte fino al 10 gennaio 2013. ART. 1

Dettagli

GUIDA ALLA PROVA DI CONOSCENZA LINGUISTICA INFORMATIZZATA - PROVA DI LINGUA INGLESE LIVELLO B1 - Anno accademico 2014/15

GUIDA ALLA PROVA DI CONOSCENZA LINGUISTICA INFORMATIZZATA - PROVA DI LINGUA INGLESE LIVELLO B1 - Anno accademico 2014/15 GUIDA ALLA PROVA DI CONOSCENZA LINGUISTICA INFORMATIZZATA - PROVA DI LINGUA INGLESE LIVELLO B1 - Anno accademico 2014/15 DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. PROVA DI CONOSCENZA

Dettagli

Scoprire talenti: il caso MathOnLine A

Scoprire talenti: il caso MathOnLine A 16-10-02 Scoprire talenti: il caso MathOnLine A Milano 30/11/05 Manuela Pegoraro (Metodi E Tecnologie Innovative per la Didattica) 2 Come nasce MOL A: un progetto di raccordo scuola - università 3 rivolto

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

Programmi di formazione e orientamento per gli istituti superiori di Pistoia

Programmi di formazione e orientamento per gli istituti superiori di Pistoia Programmi di formazione e orientamento per gli istituti superiori di Pistoia Catalogo 2015/2016 Il sistema camerale ha fra i propri obiettivi la diffusione della cultura d impresa e la formazione delle

Dettagli

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO

FORMAZIONE COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO TORINO IVREA. Corso di alta formazione CORSO GRATUITO COME VENDERE E COMUNICARE UN SERVIZIO TECNOLOGICAMENTE INNOVATIVO Corso di alta formazione FORMULA INTENSIVA 7 venerdì non consecutivi di lezione in aula DOPPIA EDIZIONE: TORINO 1 EDIZIONE DAL 31 GENNAIO

Dettagli

"VE. DI. VErso il DIploma PERCORSI FORMATIVI IN MODALITA BLENDED PER L INNALZAMENTO DEI LIVELLI DI ISTRUZIONE"

VE. DI. VErso il DIploma PERCORSI FORMATIVI IN MODALITA BLENDED PER L INNALZAMENTO DEI LIVELLI DI ISTRUZIONE "VE. DI. VErso il DIploma PERCORSI FORMATIVI IN MODALITA BLENDED PER L INNALZAMENTO DEI LIVELLI DI ISTRUZIONE" Obiettivo del progetto Il progetto intende rispondere all esigenza di rendere accessibili

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof.ssa

Dettagli

All Albo Pretorio Al sito web

All Albo Pretorio Al sito web SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE SOLIMENA- DE LORENZO Via Nola,1 Nocera Inferiore (SA) TEL. 081-5176356FAX 081-3615856 Email: SAMM12100A@ISTRUZIONE.IT Sito Web: WWW.SMSSOLIMENA.GOV.IT PON Competenze

Dettagli

IL SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (IeFP) - ISCRIZIONI

IL SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (IeFP) - ISCRIZIONI IL SISTEMA DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (IeFP) - ISCRIZIONI MODALITA E TERMINI PER LE ISCRIZIONI AL PRIMO ANNO DI IeFP Ogni anno vengono emanate, di norma entro il mese di gennaio, note inerenti

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

AGRICOLTURA SOCIALE MANTOVA ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO IN CAMPO. Centro Polivalente Bigattera

AGRICOLTURA SOCIALE MANTOVA ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO IN CAMPO. Centro Polivalente Bigattera AGRICOLTURA SOCIALE MANTOVA ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO IN CAMPO Centro Polivalente Bigattera Azienda Speciale della Provincia di Mantova For.Ma Formazione Mantova Azione di Sistema Piano Provinciale

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2015/16 CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA ANNO I SEMESTRE I

ANNO ACCADEMICO 2015/16 CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA ANNO I SEMESTRE I 1 lunedì 02 novembre martedì 03 novembre mercoledì 04 novembre giovedì 05 novembre venerdì 06 novembre 0 --- WELCOME DAY --- --- --- --- clinica Aula Biochim. --- --- 2 lunedì 09 novembre martedì 10 novembre

Dettagli

- OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo

- OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

Regolamento. EY Business Game 2015

Regolamento. EY Business Game 2015 Regolamento EY Business Game 2015. PREMESSA EY Business Game 2015 (di seguito EY BG 2015) è una Business Game Competition organizzata da EY in tutte le Università Italiane, per gli studenti iscritti alle

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

SECONDO ANNO. Le attività del secondo anno si articolano in:

SECONDO ANNO. Le attività del secondo anno si articolano in: ANNO ACCADEMICO 2015/2016 SECONDO ANNO PROGRAMMAZIONE Inizio dei corsi e canali Attività Le lezioni, in aula, iniziano: il primo canale martedì, 29 settembre 2015; il secondo canale giovedì, 1 ottobre

Dettagli

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0009269.01-10-2015. All Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di BOLZANO

MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0009269.01-10-2015. All Intendente Scolastico per la scuola in lingua tedesca di BOLZANO MIUR.AOODGOSV.REGISTRO UFFICIALE(U).0009269.01-10-2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente agli Studi della

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che

Dettagli

La struttura del Rapporto di valutazione. Sara Romiti Gruppo di ricerca Valutazione e Miglioramento

La struttura del Rapporto di valutazione. Sara Romiti Gruppo di ricerca Valutazione e Miglioramento La struttura del Rapporto di valutazione Sara Romiti Gruppo di ricerca Valutazione e Miglioramento Il quadro di riferimento teorico del rapporto di valutazione Il Rapporto di valutazione utilizza il Quadro

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

Bando del Progetto di Supporto allo sviluppo dell autoimprenditorialità sociale per le scuole superiori della regione Sicilia

Bando del Progetto di Supporto allo sviluppo dell autoimprenditorialità sociale per le scuole superiori della regione Sicilia Bando del Progetto di Supporto allo sviluppo dell autoimprenditorialità sociale per le scuole superiori della regione Sicilia 1. Presentazione Piano formativo Social Innovation in Learning e Concorso Social

Dettagli

Progetti speciali e concorsi per le Scuole di secondo Grado anno scolastico 2013-2014

Progetti speciali e concorsi per le Scuole di secondo Grado anno scolastico 2013-2014 Progetti speciali e concorsi per le Scuole di secondo Grado anno scolastico 2013-2014 Titolo iniziativa IMPRESA FORMATIVA SIMULATA Destinatari Studenti delle Scuole Secondarie di secondo Grado L impresa

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

Esperienze, problemi e prospettive: come cambia il ruolo dell e-tutor per la formazione dei docenti

Esperienze, problemi e prospettive: come cambia il ruolo dell e-tutor per la formazione dei docenti Giusy Cannella Esperienze, problemi e prospettive: come cambia il ruolo dell e-tutor per la formazione dei docenti Agenzia Scuola TED - Technology & Edutainment days Fiera di Genova - 30 Ottobre 2007 dalle

Dettagli

CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2016 DM 762/2014 SEDE IC Cecco Angiolieri Siena

CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2016 DM 762/2014 SEDE IC Cecco Angiolieri Siena CATALOGO CORSI COMPETENZE DIGITALI 2016 DM 762/2014 SEDE IC Cecco Angiolieri Siena BASE LAVORARE CON DISPOSITIVI PERSONALI DI FRUIZIONE DESTINATI AD ESSERE USATI IN SITUAZIONI DI DIDATTICA FRONTALE E COLLABORATIVA

Dettagli

ECONOMIA E MANAGEMENT

ECONOMIA E MANAGEMENT CORSO DI LAUREA TRIENNALE A.A. 2015 / 2016 COSA STAI CERCANDO? LUIGI MARENGO DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO Le solide basi teoriche, la vocazione internazionale e l orientamento in parte specialistico dal

Dettagli

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011

Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Modelli matematici avanzati per l azienda a.a. 2010-2011 Docente: Pasquale L. De Angelis deangelis@uniparthenope.it tel. 081 5474557 http://www.economia.uniparthenope.it/siti_docenti P.L.DeAngelis Modelli

Dettagli

Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese

Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese Dott.ssa Federica Ceci Corso di Economia e Gestione delle Imprese 1 1 Cos è un business game?!"!#$%&%'( )*(+,-./0(!"!#$%&%'(/.(1.23-,4.0*5(/5--,(+.6,(/.(.27851,( 9%'$'( )*( 9%'$'(.*( :3,*60( 785+5/5( -;51.165*4,(

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

Uff. I. - OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo

Uff. I. - OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo Uff. I - OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Ordinamenti

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Management Game. La sfida di business per gli studenti delle scuole superiori

Management Game. La sfida di business per gli studenti delle scuole superiori Management Game La sfida di business per gli studenti delle scuole superiori LE ASSOCIAZIONI INDUSTRIALI MONZA BRIANZA MANTOVA BRESCIA LEGNANO MILANO BERGAMO VARESE PAVIA COMO SONDRIO COS E Il Management

Dettagli

BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI

BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI 1- Che cosa sono le Borse di Studio Turchia? - Le Borse di Studio Turchia sono le borse di studio pubbliche

Dettagli

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09

FORMAZIONE BLENDED LEARNING DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 FORMAZIONE BLENDED LEARNING http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2008/in dex.php DOCENTI NEO ASSUNTI 2008/09 e-tutor Lorelle Carini 1 AMBIENTE ON-LINE PER LA FORMAZIONE DEI DOCENTI NEOASSUNTI CON CONTRATTO

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Istruzione professionale:

Istruzione professionale: Istruzione professionale: DUE BIENNI + QUINTO ANNO - ESAME DI STATO - ACCESSO AI CORSI UNIVERSITARI Indirizzi attivi: Servizi Commerciali dal terzo anno è possibile anche scegliere Servizi Socio-Sanitari

Dettagli

Programmazione disciplina: Tecniche professionali dei servizi commerciali. Impostare ed elaborare le scritture di assestamento.

Programmazione disciplina: Tecniche professionali dei servizi commerciali. Impostare ed elaborare le scritture di assestamento. MODULO 0 LE SCRITTURE DI ASSESTAMENTO E LA CHIUSURA DEI CONTI RISULTATI DI APPRENDIMENTO Impostare ed elaborare le scritture di assestamento. Elaborare le scritture di chiusura CONOSCENZE Il concetto di

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

La gestione, il controllo ollo e la valutazione delle scorte

La gestione, il controllo ollo e la valutazione delle scorte Situazioni operative 2010 Scuola Duemila 1 Situazione operativa n. 4 La gestione, il controllo ollo e la valutazione delle scorte Roberto Bandinelli Riccardo Mazzoni Risultati attesi Sapere: gli ambiti

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

IL PROJECT WORK ON LINE

IL PROJECT WORK ON LINE HOME PAGE CFP AUXILIUM - TORINO Iniziamo il lavoro a progetto collaborativo on line. Durante lo svolgimento di questo lavoro avremo la possibilità di: - lavorare on line in maniera cooperativa; - condividere

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale

Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale Prot. n. 560 Bari, 25 gennaio 2012 Il Dirigente : Anna Cammalleri BANDO per la selezione di proposte progettuali per attività di ricerca azione in rete verticale tra istituti di istruzione secondaria di

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI. BANDO DI CONCORSO PROGETTO SUMMER SCHOOL ARIZONA a.a. 2014/2015 PROGETTO SUMMER SCHOOL ARIZONA 2014/2015 1

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI. BANDO DI CONCORSO PROGETTO SUMMER SCHOOL ARIZONA a.a. 2014/2015 PROGETTO SUMMER SCHOOL ARIZONA 2014/2015 1 UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI BANDO DI CONCORSO PROGETTO SUMMER SCHOOL ARIZONA a.a. 2014/2015 PROGETTO SUMMER SCHOOL ARIZONA 2014/2015 1 1. Modalità di partecipazione al concorso. Gli studenti interessati

Dettagli

E. C. F o. P. Ente Cattolico Formazione Professionale di Monza e Brianza. Prot. N. 4658 Monza, 21/01/13

E. C. F o. P. Ente Cattolico Formazione Professionale di Monza e Brianza. Prot. N. 4658 Monza, 21/01/13 Prot. N. 4658 Monza, 21/01/13 Ai Signori Dirigenti delle Istituzioni scolastiche statali e paritarie della Provincia di e di OGGETTO: ISCRIZIONI AI PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (IEFP)

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

La LUISS tra le migliori d Italia

La LUISS tra le migliori d Italia Perché LUISS 1 La LUISS tra le migliori d Italia L Indagine CENSIS 2013 sulle Università indica che la LUISS è tra i 10 migliori Atenei italiani pubblici o privati sia in Economia, che in Giurisprudenza,

Dettagli

Dal volantino ufficiale della manifestazione

Dal volantino ufficiale della manifestazione Dal volantino ufficiale della manifestazione La Matematica non è un gioco, ma i giochi possono rivelarsi preziosi per: COINVOLGERE gli studenti che si trovano in difficoltà con il programma o ne ricavano

Dettagli

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net

IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web: www.ifsitalia.net Scheda n. 2 Alternanza Scuola Lavoro Il Progetto Rete telematica delle Imprese Formative Simulate-IFSper la diffusione dell innovazione metodologica ed organizzativa IL MODELLO DI RIFERIMENTO Sito Web:

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

LINEE GUIDA TFA FISICA

LINEE GUIDA TFA FISICA LINEE GUIDA TFA FISICA PREMESSA La macchina dei TFA si è ormai messa in moto in molte Università italiane e la Commissione Didattica della SIF ha ritenuto opportuno individuare delle linee guida da proporre

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari

Università degli Studi di Cagliari UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Università di Cagliari Università di Sassari P.O.R FESR 2007-2013 REGIONE SARDEGNA - ASSE VI COMPETITIVITÀ, LINEE DI ATTIVITA 6.1.2C; 6.2.1C; 6.2.1.D. PROGETTO INNOVA.RE

Dettagli

Anno scolastico 2015 / 2016. Elettrotecnica ed elettronica Sistemi automatici. Docente/i

Anno scolastico 2015 / 2016. Elettrotecnica ed elettronica Sistemi automatici. Docente/i Alessandria, 17 ottobre 2015 Anno scolastico 2015 / 201 Classe 5AE Indirizzo Materia Elettrotecnica ed elettronica Sistemi automatici Docente/i Nome e cognome Franco GABRIELE Firma Nome e cognome Antonietta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE QUARTA E QUINTA Questa programmazione didattica vuole semplicemente fornire uno strumento d aiuto e riflessione per i docenti di questa disciplina, in quanto non

Dettagli

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898

AD arredo & design ANDREA FANTONI. L Arte di Fare Scuola dal 1898 AD arredo & design ANDREA FANTONI L Arte di Fare Scuola dal 1898 Scuola d Arte Andrea Fantoni Quella della Scuola Fantoni è una storia dalle radici antiche: tradizione, cultura e innovazione sono parole

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI DIRITTO E TECNICHE AMMINISTRATIVE Anno Scolastico: 2014-2015 CLASSE : QUINTA

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ATTIVITÀ DI SPERIMENTAZIONE IN CLASSE PREVISTA NELL AMBITO DEL PROGETTO M2014 PROMOSSO DALL ACCADEMIA DEI LINCEI PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI I GRADO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Il Centro matematita,

Dettagli

L iscrizione al fantacalcio è di Euro 25 a squadra da consegnare al contabile prima dell inizio

L iscrizione al fantacalcio è di Euro 25 a squadra da consegnare al contabile prima dell inizio REGOLAMENTO FANTA PLAZET: ISCRIZIONE E SOLDI L iscrizione al fantacalcio è di Euro 25 a squadra da consegnare al contabile prima dell inizio del mercato. Oltre ai 25 Euro dovranno essere consegnati ulteriori

Dettagli

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali

FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali FORMAT DI PROGETTAZIONE PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2010-11 Classi IV e V Istituti Professionali Codice e denominazione scuola ISISS BETTY AMBIVERI di PRESEZZO Dati statistici Studenti (indicare il numero

Dettagli

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE MASTER MANAGEMENT PER IL COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Linee guida per lo svolgimento del Tirocinio formativo obbligatorio di 500 ore Il tirocinio in Management per il Coordinamento delle Professioni

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

istituzioni scolastiche impegnate nei percorsi di Alternanza Scuola Lavoro Nota MIUR prot. 6663/ A00DGOS del 5 novembre 2014

istituzioni scolastiche impegnate nei percorsi di Alternanza Scuola Lavoro Nota MIUR prot. 6663/ A00DGOS del 5 novembre 2014 Interventi formativi per i docenti delle istituzioni scolastiche impegnate nei percorsi di Alternanza Scuola Lavoro DDG MIUR n. 832 del 4 novembre 2014 Nota MIUR prot. 6663/ A00DGOS del 5 novembre 2014

Dettagli

PARTE 1 ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Ite I.Enogastronomia/ospitalità. Scuola media annessa. Liceo artistico

PARTE 1 ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Ite I.Enogastronomia/ospitalità. Scuola media annessa. Liceo artistico PIANO DI LAVORO ANNUALE ISTITUTO: liceo scienze applicate liceo classico X Ite I.Enogastronomia/ospitalità Liceo artistico Scuola media annessa INSEGNANTE: DAL FARRA EDI MATERIA DI INSEGNAMENTO: ECONOMIA

Dettagli

PRESENTAZIONE 1 ottobre 2015

PRESENTAZIONE 1 ottobre 2015 PROGETTO ORIENTAMENTO FORMATIVO A.A. 2015-2016 PRESENTAZIONE 1 ottobre 2015 Prof.ssa Anita Tabacco Vice Rettore per la Didattica Il progetto COS È Un attività formativa per la preparazione iniziale di

Dettagli

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013

FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 1. PROGETTO FORMATIVO FORMAZIONE DI MANTENIMENTO IVASS ANNO 2013 Si tratta di un iniziativa formativa svolta in ottemperanza ai disposti del Regolamento Isvap n 5 del 16 ottobre 2006, focalizzata su: mantenimento

Dettagli

Piano di Intervento CIPE/IFTS Ricerca L'istruzione e la formazione tecnica superiore per lo sviluppo della ricerca nel Mezzogiorno

Piano di Intervento CIPE/IFTS Ricerca L'istruzione e la formazione tecnica superiore per lo sviluppo della ricerca nel Mezzogiorno Piano di Intervento CIPE/IFTS Ricerca L'istruzione e la formazione tecnica superiore per lo sviluppo della ricerca nel Mezzogiorno Indicazioni per le attività relative alla fase di selezione 1 1. Introduzione

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli