Campionato Nazionale di ginnastica artistica femminile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Campionato Nazionale di ginnastica artistica femminile"

Transcript

1

2 Campionato Nazionale di ginnastica artistica femminile I programmi tecnici sono stati formulati sul nuovo ordinamento del C.d.P. CSAIN sono suddivisi in settori in base alla difficoltà tecnica: SETTORE DI BASE DUO SETTORE - SERIE C - SERIE B - SERIE A Settore DUO: è un programma tecnico destinato a ginnaste che hanno appena cominciato a frequentare i corsi base o di formativa e che non sono ancora in grado di svolgere attività superiori. Il programma DUO diviso per categorie in base all età prevede una prova in coppia al suolo alla trave e individualmente al trampolino con esercizi di libera composizione e difficoltà imposte (esigenze) non superiori al valore B del C.d.P. CSAIN. Settore Serie C: è un programma tecnico a partecipazione individuale destinato a ginnaste che hanno iniziato da poco il settore promozionale, è diviso in categorie in base all età e prevede l esecuzione di esercizi di libera composizione con difficoltà imposte (esigenze) di valore non superiore alla C del C.d.P. CSAIN. Gli Attrezzi previsti sono: Suolo, trave, minitrampolino elastico obbligatori e volteggio facoltativo con classifica a parte di Specialità. Settore Serie B : è diviso in categorie in base all età e prevede l esecuzione di esercizi di libera composizione con difficoltà imposte (esigenze) di valore non superiore alla D-E del C.d.P. Gli attrezzi previsti sono Suolo, trave, Volteggio obbligatori e Parallele Asimmetriche facoltative con classifica a parte di Specialità. Settore Serie A : è un programma rivolto a ginnaste selezionate per l attività agonistica, è diviso in categorie in base all età e prevede l esecuzione di esercizi di libera composizione con difficoltà imposte (esigenze). Gli esercizi possono essere composti utilizzando tutti gli elementi presenti nel C.d.P. CSAIN. Gli attrezzi previsti sono Suolo, la trave, il Volteggio e Parallele Asimmetriche. Nella Categoria Senior A si stileranno due classifiche, una classifica su quattro attrezzi ed una su tre attrezzi escludendo le parallele. Le ginnaste che conquistano il podio nella classifica a quattro attrezzi saranno escluse dalla seconda classifica. Partecipazione al campionato Provinciale e Regionali AMMISSIONI Sono ammesse a partecipare ai campionati tutte le ginnaste in regola con il tesseramento CSAIN per l anno in corso; è consentita la partecipazione a ginnaste tesserate con altri enti di promozione sportiva e alla FgI sempre che siano in regola con il tesseramento CSAIN. Ogni regione, autonomamente, ha la possibilità di rendere obbligatoria o meno, la partecipazione del settore DUO per poter prendere parte ai settori C-B-A, e comunque la qualificazione alla Finale Nazionale non avrà alcun vincolo di legame tra il settore promozionale e i settori C-B-A

3 ECCEZIONI 1. Nel settore DUO non sono ammesse ginnaste che abbiano partecipato ad attività federali di qualsiasi tipo 2. Nel Settore Serie C sono ammesse ginnaste che abbiano partecipato all attività federale di 1 e 2 livello del campionato GPT-FGI 3. Nel Settore Serie B sono ammesse ginnaste che abbiano partecipato all attività federale di 3 livello del campionato GPT-FGI e Serie D Federale 4. Nel Settore Serie A sono ammesse anche ginnaste che abbiano partecipato all attività federale Torneo allieve e C2 5. Nella categoria SUPER sono ammesse a partecipare le ginnaste che prendono parte al Campionato di specialità, di categoria, di serie B e C1 della GI. REGOLE NEI PODI In ogni settore le ginnaste che conquistano il primo posto nel podio nazionale, sono tenute a cambiare categoria o settore nell anno sportivo successivo, eccetto che nella serie A. CATEGORIE CATEGORIE PROMESSE 5ANNI 6 ANNI 7 ANNI ALLIEVE 8 ANNI 9 ANNI 10 ANNI JUNIOR 11 ANNI 12 ANNI 13 ANNI SENIOR 14 ANNI E OLTRE E consentito gareggiare in una categoria superiore rispetto a quella di appartenenza, ma non il contrario. Non è consentito nessun cambio di categoria dopo aver svolto la prima prova di campionato. Partecipazione ai Campionati Nazionali Per poter partecipare ai Campionati Nazionali è necessario: 1. Far pervenire in tempi utili alle Referenti Nazionali l adesione ai Campionati Nazionali inviando l elenco delle ginnaste ammesse completo di nome, cognome, data di nascita, categoria, società, numero di tessera. Iscrizioni incomplete, inesatte o in ritardo non saranno accettate. 2. Aver effettuato almeno una gara di ammissione in quelle regioni in cui siano presenti meno di 5 società e inviare la classifica alla Referente Nazionale. 3. Il numero delle ginnaste ammesse è proporzionale alla consistenza regionale oppure societaria, per quelle regioni in cui vi sia una sola società affiliata. 4. Nel Campionato Nazionale è obbligatorio l utilizzo delle schedine di dichiarazione scaricabili dal sito in caso contrario verrà applicata la penalità di 0.50 del P.F. ad attrezzo 5. In Campo gara possono accedere solo gli istruttori presenti nell albo dello Csain, regolarmente tesserati e dichiarati al momento dell iscrizione al Campionato. Eventuali sostituzioni in campo gara vanno comunicate al Direttore di Gara 6. Per gli esercizi del Corpo Libero sono ammessi lettori Multimediali come -Tablet - cellulare-i Pod e CD.

4 Criteri d ammissione Saranno ammesse a partecipare al Campionato Nazionale le prime tre ginnaste classificate per ogni categoria e settore più un numero di ginnaste e DUO proporzionali al numero delle ginnaste che hanno gareggiato nei singoli Campionati Regionali in base a questo schema per categoria: - Da 3 a 5 ginnaste il Podio - Da 6 a 10 ginnaste 4 - Da 11 a 15 ginnaste 5 - Da 16 a 20 ginnaste 6 - Da 21 a 25 ginnaste 7 - Da 26 a 30 ginnaste 8 - Da 31 a 35 ginnaste 9 - Da 36 a 40 ginnaste 10 A 41 ginnaste in poi una ginnasta ogni 5 partecipanti per ogni categoria e settore Criteri di Assegnazione dei titoli Regionali e di Classifica per l ammissione al Campionato Nazionale Nelle Regioni con ampi numeri di partecipanti, ad ogni gara di Campionato Regionale verrà assegnato un punteggio alle ginnaste in base alla loro posizione in ogni classifica. La graduatoria stilata sulla base dei suddetti punteggi determinerà sia la campionessa Regionale di categoria in ogni settore, sia l ammissione delle ginnaste alla Fase Nazionale. TABELLA 1 class 25 punti 2 class 21 punti 3 class 18 punti 4 class 15 punti 5 class 12 punti 6 class 10 punti 7 class 9 punti 8 class 8 punti 9 class 7 punti 10 class 6 punti 11 class 5 punti 12 class 4 punti 13 class 3 punti Dal 14 al 20 class 2 punti dal 21 a fine class 1 punto La classifica Regionale sarà così costituita: somma dei punti delle migliori due gare; in caso di parità si prenderà in esame il punteggio scartato;in caso di ulteriore parità si prenderà in esame il punteggio più alto in assoluto in caso di ulteriore parità si prenderà la data di nascita. Per ogni informazione e chiarimento contattare le Referenti Nazionali: Per la Regione Lombardia Emilia Romagna Toscana e Piemonte Prof.ssa Daniela Stabile cell / Per la Regione Lazio Dott.ssa Carla Cosimelli cell Per la regione Sicilia Annarita Milano cell

5 Diritti della ginnasta Art. 1 Norme per le Ginnaste Essere giudicata correttamente, imparzialmente e in accordo secondo le regole del C.d.P. Avere un attrezzatura idonea durante il riscaldamento e la gara conformemente alle disposizioni in vigore Ricevere tramite il proprio allenatore i tabulati dei punteggi Abbigliamento della Ginnasta Il costume di gara non deve essere trasparente, deve rispettare i principi d estetica di gara e avere una linea elegante Le scollature devono essere appropriate, non possono oltrepassare lo sterno e più basse della linea inferiore delle scapole mentre la sgambatura non può superare la linea delle anche. E concesso di indossare culottes dello stesso colore predominante del body ma solo per le categorie junior e senior (salvo differenti comunicazioni regionali) Il body può avere o non avere maniche, le eventuali spalline devono essere minimo 2 cm Le individualiste di una stessa società possono indossare body differenti mentre le ginnaste del settore DUO devono indossare il medesimo body (stesso colore e modello) Non sono permessi braccialetti (anche a filo) o collane, orecchini pendenti, orologi Eventuali piercing devono essere tolti Paracalli,bendaggi del corpo e polsini sono permessi, purchè ben fissati Non sono permessi imbottiture e pancere Scarpette e calzini sono facoltativi Non è obbligatorio applicare al body il logo societario Art. 2 Norme per gli allenatori Deve comportarsi in maniera corretta e sportiva durante tutte le fasi della competizione Deve garantire un comportamento corretto delle ginnaste e dei parenti delle stesse presenti in tribuna Deve condurre i propri ginnasti in campo gare in modo ordinato e senza intralciare il lavoro delle giurie agli attrezzi. Assistere i propri ginnasti durante il riscaldamento in campo gara su ogni attrezzo e in particolare al Volteggio con preparazione della pedana e della protezione a C, controllo della tappetatura di arrivo Assistere e parlare con la ginnasta nel periodo di caduta alle parallele o trave Chiedere informazioni al Presidente di Giuria riguardanti il valore di partenza Deve tenersi a debita distanza dal tavolo della giuria e non può sostare dietro o da parte lo stesso Non è permesso durante l esecuzione agli attrezzi: parlare con la ginnasta, fare gesti o segni, gridare o battere le mani (penalità di 0.50 o.v.) Non è permesso ostacolare la vista ai giudici durante l assistenza all attrezzo di gara Non è permesso chiedere informazioni sul punteggio E (penalità d esecuzione) Abbigliamento dell istruttore Gli istruttori sono tenuti ad indossare almeno un capo societario che li identifichi (maglietta o giacca della tuta) e le scarpe da ginnastica. In caso contrario verrà applicata la sanzione che comporta l allontanamento dal campo gara:

6 Art. 3 Norme per la giuria Tutti i membri della giuria devono possedere e conoscere il Codice dei Punteggi (CdP) CSAIN GAF e il Regolamento Regionale Devono aver compiuto il 16 anno d età Aver partecipato con successo ad un corso di formazione completo d esame finale o aver partecipato all aggiornamento annuale Comunicare l indisponibilità a giudicare entro il mercoledì precedente la gara Dopo il secondo rifiuto alla convocazione in giuria pur con valida motivazione l idoneità a giudicare decade fino all aggiornamento annuale della successiva stagione agonistica Si ha l obbligo di partecipare alla riunione di giuria Indossare obbligatoriamente giacca nera con logo GIUDICE CSAIN camicia bianca e scarpe con suola di gomma (salvo differenti comunicazioni regionali) Valutare ogni esercizio accuratamente, precisamente, velocemente, obbiettivamente con onestà ed etica professionale Nel dubbio la giuria andrà a favore della ginnasta Qualsiasi sospetto fondato sulla mancanza di obbiettività del giudizio sarà penalizzato con la radiazione dal corpo giudicante CSAIN Il giudice non può parlare direttamente con gli istruttori,dirigenti e ginnaste, ma attraverso la mediazione del PdG Tra i due giudici potrà esserci una discrepanza nel giudizio di 0.50 al massimo. Se la differenza di valutazione supera lo 0.50 dovrà essere comunicato al PdG che provvederà a mettere in linea il punteggio, Deve compilare correttamente e in modo chiaro e leggibile sull apposita schedina,il punteggio assegnato Deve fornire una registrazione della valutazione degli esercizi con scrittura comprensibile Non è consentito visionare filmati video se non nell unico caso in cui entrambi i giudici non abbiano visto un elemento, previa conferma del PdG che deve assistere alla visione Il punteggio D comprende: Valore delle difficoltà (VD) Esigenze di composizione (EC) Il punteggio E comprende: Falli generali e falli specifici all attrezzo Penalità di artisticità Il Presidente di Giuria E di norma un giudice con grande esperienza. Esso deve: Istruire i giudici prima della gara Controllare le attrezzature e dare nota per l utilizzo Mediare i rapporti tra giudici e istruttori Applicare le penalità per mancanza di disciplina Intervenire in caso di disaccordo tra i giudici Decidere di rivedere un video Sollevare dall incarico il giudice dopo il 3 richiamo

7 Generalità Art. 4 Valutazione degli esercizi Il metodo di valutazione deve essere utilizzato in tutte le gare del circuito CSAIN Settore DUO Settore Serie C Settore Serie B Settore Serie A Settore Specialità Disposizione delle Tavole degli elementi Il CdP contiene specifiche tavole degli elementi per ogni attrezzo nel quale ogni elemento è identificato da una lettera dell alfabeto a cui corrisponde un valore specifico Componenti del giudizio PUNTEGGIO D (CONTENUTO) A Corpo Libero, Trave e Parallele include: valore delle difficoltà: A = 0.10 P E = 0.50 P B = 0.20 P F = 0.60 P C = 0.30 P G = 0.70 P D = 0.40 P Esigenze di composizione 0.50 ognuna per ogni attrezzo escluso il Volteggio che include nel punteggio D anche il Valore delle Difficoltà VALORE DELLE DIFFICOLTA (VD) Gli elementi di difficoltà (ED) sono tratti dalla Tavola degli Elementi nel CdP, aperti ad ogni possibilità di espansione, esigenza e necessità Il punteggio finale è calcolato in base gli elementi di maggior valore, nel numero definito dal settore e dalla categoria. La giuria D, laddove l elemento non rispetti l esecuzione tecnica richiesta si atterrà per la valutazione alla tabella dell art. 6 RICONOSCIMENTO DELLE DIFFICOLTA Riconoscimento della stessa /differente difficoltà: La stessa difficoltà può essere riconosciuta una volta sola nel corso dell esecuzione e in ordine cronologico, ad esclusione dell elemento rondata che può essere ripetuto più volte nelle serie ma calcolato solo una volta come elemento.esempio: rondata + flic+tempo e rondata + salto indietro Gli elementi eseguiti una seconda volta, non verranno considerati, anche se nell esecuzione di una EC. Saranno invece soggetti a penalità d esecuzione. Elementi sono considerati differenti se: Sono eseguiti con differenti posizioni del corpo (carpiato, divaricato etc.) Sono eseguiti con gambe unite o divaricate all arrivo, ma che siano caratterizzate da un evidente tecnica differente (ribaltata a 1 a 2, flic unito o smezzato) Sono eseguiti in appoggio su uno o entrambe le braccia o senza Sono eseguiti con spinta di uno o due piedi Sono eseguiti come entrata alle parallele o trave e sopra l attrezzo Sono eseguiti con rotazione diversa ( etc.) Due differenti posizioni d equilibrio contenute nella medesima cella non sono due elementi diversi perché la tecnica esecutiva è la medesima Il riconoscimento degli elementi avviene in ordine cronologico

8 ESIGENZE DI COMPOSIZIONE (EC) Le Esigenze di Composizione sono descritte nell articolo 7. E possibile arrivare al massimo di 2.00 punti per i settori individuali e a 4.00 punti per i DUO Un elemento può soddisfare più di una EC, se le EC possono essere compattate.(es. passaggio di danza + serie artistica= : gatto +chassè + enjambeè cambio+enjambeè.) Solo gli elementi presi dal CdP possono soddisfare le EC Nel settore DUO le EC vanno considerate per ogni singola ginnasta PUNTEGGIO E Per la perfezione dell esecuzione, combinazione e artisticità della presentazione, la ginnasta può meritare il punteggio di Il punteggio E include penalità per errori di: Esecuzione Artisticità di presentazione Queste penalità sono descritte nella tavola dei falli generali e penalità (art. 5) penalità specifiche agli attrezzi (art. 8-11) e tecnica (art. 6) CALCOLO DEL PUNTEGGIO FINALE Punteggio D + punteggio E = Punteggio Finale Esempio: VD (3C+3D+2E) EC TOTALE Punteggio E Esecuzione Artisticità TOTALE = 9.20 PUNTEGGIO FINALE = RICONOSCIMENTO DEI NUOVI SALTI E ELEMENTI Gli allenatori e le ginnaste sono incoraggiati a sottoporre nuovi volteggi ed elementi che non siano già presenti nelle tavole. I nuovi elementi tecnici vanno inviati via Fax Mail Posta durante l anno e prima della Finale Nazionale alle Referenti Nazionali GAF che si riserveranno di decidere: Valore di difficoltà del nuovo volteggio (gruppo e numero) Valore di difficoltà di nuovi elementi La decisione sarà comunicata per iscritto all istruttore e ai giudici prima del Campionato Nazionale. I nuovi volteggi ed elementi saranno pubblicati sul sito ufficiale AGGIORNAMENTO DEL CODICE CSAIN Dopo ogni anno la Commissione Tecnica Nazionale pubblica l aggiornamento del CdP che include tutti i nuovi elementi e le modifiche con il numero e il valore. L aggiornamento del CdP sarà inviato alla segreteria Nazionale CSAIN, a tutti i comitati Regionali e pubblicato sul sito Nazionale

9 Art. 5 Tavola dei Falli generalità e penalità GIURIA E e più FALLI D ESECUZIONE VALIDI PER TUTTI GLI ELEMENTI Braccia piegate Ogni volta X X X Gambe flesse Ogni volta X X X Gambe o ginocchia divaricate Ogni volta X X Esec. di 1 passo per evitare la caduta della largh. Spalle o+ Ogni volta X Insufficiente elevazione negli elementi Ogni volta X X Divaricata insufficiente Ogni volta X X Mancanza di tenuta del corpo (gambe piedi tronco) Ogni volta X X Corpo troppo arcato Ogni volta X X Corpo troppo squadrato Ogni volta X X Deviazione dalla linea di direzione Ogni volta X Insufficiente ampiezza Ogni volta X X Precisione (ogni elem. ha un chiaro inizio e posiz.finale) Ogni volta X FALLI D ARRIVO VALIDI PER TUTTI GLI ELEMENTI INCLUSE LE USCITE Se non vi è caduta la penalità max non deve superare 0.80 Gambe aperte all arrivo Ogni volta X Arrivo troppo vicino all attrezzo X X cadute X MOVIMENTI PER MANTENERE L EQUILIBRIO VALIDI PER TUTTI GLI ELEMENTI Oscillazioni supplementari delle braccia X Movimenti supplementari del busto Ogni volta X X Passi supplementari, saltello leggero Ogni volta X Lungo passo o salto Ogni volta X Falli di posizione del corpo Ogni volta X X X Massima accosciata Ogni volta X Sfiorare l attrezzo con mani/braccia senza cadere Ogni volta X Appoggiare 1-2 mani sul tappeto Ogni volta X Cadere sul tappeto con ginocchia o bacino X Cadere sull attrezzo o contro X FALLI D ESECUZIONE DURANTE L INTERO ESERCIZIO Insufficiente dinamismo: Mantenimento dell energia che dia l idea di facile esecuzione Rendere una grande difficoltà con il minimo sforzo Leggerezza attraverso estensione forte,velocità e rapidità nel raggiungimento delle posizioni Una volta X X Postura del corpo negli elementi ginnici: Corpo non allineato Punte dei piedi non tese Piedi intraruotati Insufficiente ampiezza (flessibilità) Una volta A volteggio se i movimenti accessori o passi o rimbalzi sono dovuti ad eccesso di spinta, non saranno penalizzati. ATTENZIONE a non confondere l eccesso di spinta con la mancanza di tenuta! X X X X X X

10 GIURIA D Non arrivare prima con i piedi nei salti acrobatici o a volteggio Ogni volta No ED EC Non presentarsi alla giuria all attrezzo prima e/o dopo l esercizio Dal PF Elemento proibito Punti 1.00 ( come descritto nel regolamento nel valore delle difficolta ) Esercizio corto (con elementi di numero inferiore a quelli richiesti per la categoria e il settore) Penalità di l elemento mancante di valore massimo consentito per la categoria e il settore COMPORTAMENTO DELL ISTRUTTORE Presenza dell istruttore: aiuto Ogni volta NULLO Presenza dell istruttore: sfiorare la ginnasta Ogni volta Dal PF Segnali consigli grida Ogni volta Dal PF GIURIA D IN CONSULTAZIONE CON IL PdG Non usare correttamente la protezione C per la pedana volteggio Salto nullo Usare un materasso non autorizzato Ogni attrezzo Dal PF Costume non uguale per il DUO Ogni attrezzo Dal PF Body non conforme Ogni attrezzo Dal PF Culottes non conformi Ogni attrezzo Dal PF Indossare braccialetti, collane, orecchini pendenti, orologi,bracciali etc Ogni attrezzo Dal PF Imbottiture non consentite Ogni attrezzo Dal PF NOTIFICA SCRITTA DEL CRONOMETRISTA ALLA GIURIA ALL ATTREZZO Superamento del tempo di riscaldamento (dopo il 1 avviso) DUO X cad. Superamento del tempo di riscaldamento (dopo il 1 avviso) individualista X Esercizio troppo lungo a trave e/o corpo libero FT individualista X Superare il tempo di caduta a trave e /o parallele (trave 10 - parallele Indiv/DUO ESERCIZIO TERMINATO 30 ) PRESIDENTE DI GIURIA: comportamento della ginnasta Lasciare l area di competizione senza permesso SQUALIFICA Non partecipare alla cerimonia di premiazione senza permesso Squalifica e cancellazione dalla classifica Motivo ingiustificato per ritardare o interrompere la gara SQUALIFICA Comportamento antisportivo ginnasta X Parlare con la giuria durante la gara ginnasta X PRESIDENTE DI GIURIA: Comportamento dell allenatore Comportamento antisportivo in ogni fase della gara Cartellino giallo/rosso 1 volta cartellino giallo (avvertimento) 2 volta cartellino rosso (allontanamento) Atteggiamenti indisciplinati, offensivi in ogni fase della gara Allontanamento immediato (cartellino rosso) Abbigliamento non conforme Allontanamento immediato (cartellino rosso) Presenza di estranei in campo gara (genitori o altri) Insulti, grida, fischi, atteggiamenti aggressivi verso il corpo giudicante o dell organizzazione stessa provenienti dagli spalti (pubblico) SQUALIFICA DELLA SOCIETA SQUALIFICA DELLA SOCIETA

11 Art. 6 Riconoscimento Tecnico degli Elementi ELEMENTO DESCRIZIONE ERRORE PENALITA PIROETTE SALTI ARTISTICI CON GIRI ESIGENZE DI POSIZIONE DEL CORPO - GENERICI Eseguiti sugli avampiedi Posizione fissa e ben definita di partenza e arrivo, se con gamba libera determinata (a90, a 45 ) Tutti i salti artistici hanno un incremento di 180 a T e CL Con arrivo su due piedi, la posizione del piede avanti è decisiva per l assegnazione dell ED Con arrivo su 1 piede è decisiva la posizione di anche e spalle Spalle, anche e piedi non completano il giro Tallone o gamba libera scendono prima del completamento del giro Sono permesse tecniche differenti per effettuare i giri nei salti, è concesso carpiare, raggruppare, divaricare le gambe all inizio,durante e alla fine del giro 720 declassato a declassato declassato a 180 < a 180 non attribuito 720 declassato a declassato declassato a 180 < a 180 non attribuito Elementi ginnici non attribuiti per mancanza di tecnica ma possono essere considerati coreografia. Penalità di esecuzione saranno applicate solo su evidenti errori Divaricata negli elementi ginnici e acrobatici senza volo Divaricata 180 > Divaricata 160 > Divaricata < 135 Non attribuito o declassato > Divaricata sagittale nei salti con volo Divaricata 180 all orizzontale; 1^freccia 160 di divaricata ; 2^ freccia 135 di divaricata; Divaricata 180 > 160 Divaricata 150 > Divaricata < 135 Non attribuito o declassato Divaricata frontale nei salti con volo divaricata 180 in volo Gambe non parallele al corpo 0.10 Una gamba più alta dell altra 0.10 Salto acrobatico raccolto Salto acrobatico carpio Salto acrobatico teso Enjambèe con cambio Enjambèe con cambio e 180 Salti ad anello ESIGENZE DI POSIZIONE DEL CORPO ELEMENTI SPECIFICI Angolo fra ginocchia e anche 90 minimo,gambe raccolte 90 > >135 Non attribuito Angolo fra ginocchia e anche a 90 minimo, gambe tese 90 > >135 Non attribuito Massima chiusura possibile 135 : la posizione deve 180 > essere mantenuta per i ¾ del salto <135 Non attribuito oppure salto carpiato Prima gamba < 45 o Gamba libera minimo 45 ; seconda divaricata minimo Declassato a enjambèe flessa 180 Max divaricata <135 Non attribuito Prima gamba < 45 o La massima divaricata avviene in posizione sagittale e flessa Declassato a Enjambèè con 180 non frontale. Max divaricata frontale Si attribuisce il Jhonson Max divaricata < 135 Non attribuito Piede ad anello sotto Oltre alle caratteristiche del salto, la tesa flessa dietro e il l altezza delle spalle 1 ED inferiore di 0.10 busto in arco. Gamba avanti sotto Gamba dietro tesa oppure flessa. l orizzontale 1 ED inferiore di 0.10 No arco dorsale e /o Giuria D: stesso elem. non ad flessione della testa anello

12 Sisonne all anello Salto del montone Salto raccolto con o senza giro Salto del cosacco anche con giro Salto del gatto anche con giro Salto carpiato divaricato anche con giro Slanci in verticale ( parallele) Insuffic. Posizione ad arco Giuria E : 0.10 Piede della gamba ad anello all altezza delle Giuria E : 0.10 spalle Gamba avanti sotto l orizzontale Giuria E : 0.10 No arco dorsale e /o Giuria D: non attribuito flessione della testa Gamba avanti all orizzontale. Insuffic. Posizione ad arco Giuria E: 0.10 Partenza spinta a 2 piedi arrivo a 1 piede Mancata chiusura dei piedi Giuria E: 0.10 Gambe o ginocchia aperte Giuria E: 0.10 Anello aperto ( la distanza tra piedi e testa è maggiore della misura del piede della Giuria D: non attribuito ginnasta). I piedi toccano la testa flessa dietro. No arco dorsale e /o Corpo ad anello Giuria D: non attribuito flessione della testa Insuffic. Posizione ad arco Giuria E: 0.10 Mancata chiusura dei piedi Giuria E: 0.10 Gambe o ginocchia aperte Giuria E: Angoli busto/ anche e coscia/ gamba minimo di 90 Angoli > 135 Giuria D : non attribuito o,se possibile, declassato Ginocchia sotto Giuria E : 0.10 l orizzontale Angoli busto/ anche e coscia/gamba minimo 90. Angoli > 90 Giuria D: non attribuito Ginocchia unite Gamba tesa sotto Giuria D: non attribuito l orizzontale o non unita L ampiezza della sforbiciata e l elevazione si valutano osservando il ginocchio più basso. Angolo busto/gambe minimo 90 Anche ruotate in avanti Tolleranza 0>10. lo slancio è concluso nel momento in cui le gambe sono unite. all altra Angoli > 135 Mancanza di alternanza Ginocchia sotto l orizzontale Angoli > 135 Giuria D: non attribuito Giuria E: salto raccolto Giuria D: non attribuito Giuria D. non attribuito o declassato Gambe sotto l orizzontale Giuria E: > 45 Slancio a > 90 Slancio all orizzontale < 90 Slancio altezza staggio Tenuta del corpo : le penalità per falli di tenuta del corpo,busto,braccia,gomiti, gambe-ginocchia devono essere aggiunte alle penalità assegnate per ampiezza. Tutti gli slanci alla verticale, anche se inferiori di grado, terminano a gambe unite; la misura verrà presa al momento della chiusura delle gambe

13 Art. 7 Volteggio generalità GENERALITA Le ginnaste di serie A e di serie B devono eseguire due salti scelti dalla Tavola dei Volteggi,in base all esigenza della fase di competizione. Per la serie A sono obbligatori due volteggi differenti: uno con lavoro avanti, l altro con lavoro indietro; per il punteggio finale (PF) sarà considerata la media dei due salti. Per la serie B e C sono previsti due volteggi anche uguali. Per il PF verrà considerato il migliore. Il salto comincia con la rincorsa; la battuta in pedana deve essere fatto con l appoggio simultaneo dei piedi. Diversamente il salto è nullo. I volteggio con battuta o arrivo laterale non sono ammessi. I volteggi con battuta con un piede solo in pedana non sono ammessi. I volteggi con battuta non contemporanea dei piedi non sono ammessi. La valutazione del salto inizia con la battuta in pedana,poi : 1 volo appoggio - 2 volo - arrivo. Tutti i volteggi devono essere eseguiti con appoggio di entrambe le mani sui tappetoni (dove previsto) Le rincorse concesse, se la ginnasta non ha toccato la pedana e/o il tappetone, sono 2. Nel caso in cui la ginnasta sbagliasse la rincorsa e si scontrasse con il tappetone senza eseguire nulla, potrà ripetere la rincorsa ma avrà una penalità di p.2 dal PF. La ginnasta deve obbligatoriamente usare la protezione C in modo corretto per i salti provenienti dalla rondata, pena l annullamento del salto. La C è facoltativa negli altri salti. Tappeti o simili posti davanti alla pedana non sono permessi. N.B. solo nei salti yourchenko è permesso il tappetino per l appoggio delle mani. Non c è l obbligo della dichiarazione, ma è consigliato. E raccomandata una rincorsa max. di 18 m. tuttavia la distanza è libera. GRUPPI DI SALTI I salti sono classificati nel modo seguente: Gruppo 1 volteggi passanti per l orizzontale Gruppo 2 ribaltate Gruppo 3 rondate Gruppo 4 Yourchenko (rondata flic) Gruppo 5 Yourchenko 180 (rondata flic 180 ) ARRIVI : per i passi avanti vedi art 5. PENALITA SPECIFICHE ALL ATTREZZO (GIURIA D) ERRORE Appoggio di una sola mano Contatto di pedana o tappeti senza eseguire il salto Non appoggiare le mani Battuta con un piede solo sulla pedana Battuta con i piedi non contemporanei Aiuto durante il salto Mancanza di utilizzo della protezione a C nei volteggi Yourchenko Arrivo senza precedenza dei piedi PENALITA 2.00 dal PF 2.00 dal PF Salto nullo

14 PENALITA GENERICHE ALL ATTREZZO (GIURIA E) ERRORE PENALITA 1 Volo Tecn. scorretta: mancanza 1 volo 1.00 Tecn. scorretta:corpo squadrato Tecnica scorretta: corpo arcato Rotazione incompleta Braccia piegate Ginocchia flesse Gambe o/e ginocchia divaricate Fase d appoggio Tecnica scorretta: spalle avanti Tecnica scorretta: mancanza di passaggio per la verticale Tecn. Scorretta: spostamento di una mano Volo Altezza Precisione nelle rotazioni 0.10 Non mantenere la posizione del corpo tesa (arti tesi) Posizione del corpo: insufficiente e/o ritardata estensione nei raccolti o carpiati Gambe flesse Gambe o ginocchia divaricate Lunghezza insufficiente GENERALITA Dinamismo insufficiente

15 Art. 8 Trampolino GENERALITA Il trampolino è previsto per le seguenti categorie: Settore DUO Serie C Le ginnaste di queste categorie devono eseguire due salti uguali o differenti presi dalla Tavola degli elementi del CdP Csain. Ai fini della classifica vale il salto migliore. La rincorsa è libera, sulla panca (lunghezza libera ) o a terra. Il trampolino deve essere inclinabile. Il salto comincia con la rincorsa, la battuta sul trampolino deve avvenire con due piedi uniti, l arrivo del salto è sulla tappetatura I salti con arrivo sul trampolino non sono ammessi (salto nullo). I salti con battuta di un solo piede sul trampolino non sono ammessi (salto nullo). I salti con battuta non contemporanea dei piedi non sono ammessi (salto nullo). La tappetatura deve essere alta 40 cm e lunga 6 mt. L istruttore deve controllare la tappetatura prima del salto (è possibile mettere o togliere un serneige per l atterraggio GRUPPI DI SALTI I salti sono classificati nel modo seguente: Gruppo 1 in avanti Gruppo 2 indietro Gruppo 3 a raccolta Gruppo 4 con rotazione trasversale Gruppo 5 dalla verticale PENALITA SPECIFICHE ALL ATTREZZO (GIURIA D) ERRORE PENALITA Mancanza di rincorsa 2.00 dal PF PENALITA GENERICHE ALL ATTREZZO (GIURIA E) ERRORE PENALITA Stacco Salto in controspinta Mancanza di elevazione Battuta non al centro del trampolino 0.10

16 Art. 9 Parallele Asimmetriche GENERALITA La valutazione dell esercizio inizia con la battuta in pedana o sul tappeto. Sono permessi supporti supplementari sotto la pedana ( tipo un altra pedana) solo nella categoria Promesse o nel caso di ginnaste della categoria allieve particolarmente di bassa statura e previa autorizzazione da parte del PdG Durante una caduta dall attrezzo è consentita un interruzione di 30 per rimettersi la magnesia, parlare con l istruttore che può aiutare la ginnasta a risalire ma non può in alcun modo favorire la ginnasta con una spinta o altro aiuto. Se la ginnasta, dopo la caduta non risale sull attrezzo entro 30, l esercizio sarà considerato terminato. CONTENUTO E COSTRUZIONE DELL ESERCIZIO Gli elementi di difficoltà devono essere scelti in varietà tra le seguenti categorie di movimenti, oltre a entrata e uscita: Slanci Giri o granvolte Tempi di kippe ERRORE PENALITA SPECIFICHE ALL ATTREZZO (GIURIA D) Sistemare la presa 0.10 Sfiorare l attrezzo con i piedi 0.30 Sfiorare il tappeto 0.50 Urtare l attrezzo con i piedi 0.50 Urtare il tappeto con i piedi 1.00 Cadere sull attrezzo o dall attrezzo 1.00 Movimento non caratteristico (ex max accosciata) 0.30 PENALITA Mancanza di ritmo sul P.F. Insufficiente altezza nell uscita Rotazione incompleta negli elem. in volo 0.10 Insufficiente estensione negli slanci e nelle kippe 0.10 Oscillazione a vuoto * 0.30 Slancio intermedio ** 0.50 Angolo di completamento degli elementi Ampiezza di oscillazioni avanti-dietro sotto l orizzontale 0.10 Non tentare l uscita 0.50 *Oscillazione a vuoto : oscillazione avanti/dietro senza eseguire alcun elemento prima dell oscillazione di ritorno nell altra direzione. Precisazione per tutti quegli elementi,presenti in griglia,che finiscono all appoggio ove non sia possibile dare continuità con l elemento seguente, non è prevista la penalità per slancio intermedio di p.0,50 **Slancio intermedio : presa di slancio da un appoggio frontale e/o lunga oscillazione non necessaria ad eseguire l elemento successivo. NOTE L elemento Fioretto d uscita è preceduto da uno slancio ben definito che si può differenziare a seconda dell altezza raggiunta dalle gambe unite: in questi casi si contano due elementi differenti. Nell elemento giro di pianta l appoggio dei piedi sullo staggio per l esecuzione del movimento, non è considerato elemento aggiuntivo ma complementare.

17 Art. 10 Trave GENERALITA La valutazione dell esercizio inizia con lo stacco dalla pedana o sul tappeto. Non sono permessi supporti supplementari sotto la pedana (tipo un altra pedana o tappeti) Durante una caduta dall attrezzo è consentita un interruzione di 10. Se la ginnasta non risale sulla trave entro 10 l esercizio sarà considerato terminato. CONTENUTO DELL ESERCIZIO come Il valore degli elementi di difficoltà deve essere scelto in varietà tra le seguenti categorie di movimenti,oltre a entrata e uscita. Elementi acrobatici con o senza fase di volo. Elementi ginnici quali salti,saltelli, e balzi,giri elementi statici (in piedi, sedute o sdraiate) ELEMENTI DI TENUTA L elemento del gruppo 4 A01 e B01 non può essere ripetuto nemmeno variando la posizione della gamba libera. Gli elementi di tenuta (gruppo 4) non possono far parte delle EC acrobatica. N.B. per ogni settore le richieste sono diverse. CRONOMETRAGGIO SERIE C, B, A Il cronometrista comincia a cronometrare quando la ginnasta lascia la pedana o il tappeto e lo arresta quando la ginnasta tocca il tappeto al termine dell esercizio. In caso di caduta il cronometrista ferma il cronometro e lo fa ripartire al primo contatto con la trave durante la risalita. Un segnale di avvertimento comunicherà che mancano 10 allo scadere del tempo max.consentito. Alla scadenza del tempo ci sarà un secondo segnale. Se l arrivo della ginnasta sui tappeti corrisponde con il 2 segnale,non vi sarà nessuna penalità. Se l arrivo sui tappeti in uscita è eseguito dopo il 2 segnale verrà applicata la penalità per esercizio fuori tempo max (0.10 sul PF) ; l esercizio sarà comunque valutato intero, compresa l uscita. Tutti gli elementi e le EG eseguiti fuori tempo saranno riconosciuti dalla giuria D e valutati dalla giuria E. CRONOMETRAGGIO PER SETTORE DUO Il cronometro parte quando la coppia lascia la pedana o il tappeto e si arresta quando la coppia tocca con l uscita il tappeto. La penalità per esercizio troppo lungo è 0.10 da togliere dal PF. ERRORE PENALITA DI ARTISTICITA (GIURIA E) Insufficienti variazioni di ritmo (monotonia)-da togliere sul punteggio finale Mancanza di sicurezza nell esecuzione (dimenticanze e interruz. della coreografia.) Insufficiente presentazione artistica in tutto l esercizio,inclusa: Mancanza di coreografia creativa,originalità di composizione di elementi e movimenti.(dal punteggio finale) PENALITA ogni volta 0.30

18 ERRORE PENALITA SPECIFICHE ALL ATTREZZO (GIURIA D) Valido in tutti i settori PENALITA Supporto supplem.di una gamba contro il lato/superficie della trave (facilitazione) 0.30 Non soddisfare l esigenza tecnica di un elem. utilizzando un appog. supplementare 0.30 Aggrapparsi per evitare una caduta 0.50 Caduta su e dall attrezzo 1.00 Movimenti supplem. (sbilanciamenti) per evitare cadute Pausa di concentrazione( + di 2 ) Prolungata preparaz.di un elem. Ginnico 0.10 ogni volta 0.10 ogni volta Non tentare l uscita o uscita non codif Entrata non codificata 0.50 Valido per il settore DUO Mancanza di sincronismo in ogni elemento Mancanza di sincronismo in tutto l esercizio Caduta nel duo 0.10 per ginnasta 0.50 su PF LA PENALITA SINCRONIA VIENE ATTRIBUITA DA UN SOLO GIUDICE 1.00 punto per ginnasta NOTE PER CADUTE Elementi acrobatici e ginnici: si deve ritornare sulla trave con almeno un piede per avere riconosciuto l elemento Con arrivo di 1 o 2 piedi in posizione richiesta ED riconosciuta. Senza arrivo dei piedi in posizione richiesta: ED non valida. Nei rotolamenti l elemento per essere assegnato deve terminare sui piedi e con il bacino sollevato.

19 Art. 11 Corpo Libero GENERALITA La valutazione del esercizio comincia con il primo movimento della ginnasta o del DUO e termina con l ultimo in posizione finale. SUPERFICIE A DISPOSIZIONE Settore DUO : n.2 strisce di moquette minimo 12 m. affiancate (vedi schema obbligatorio di partenza) Settori individuali: 2 strisce di moquette sovrapposte lunghe minimo 12 m. oppure striscia facilitante o quadrato 12x12, a seconda della disponibilità della società organizzatrice. Non è prevista penalità per uscita dalla striscia o pedana (es. presa di rincorsa), fermo restando che tutti gli elementi devono essere eseguiti sopra la superficie. MUSICA E consentita qualche battuta vuota all inizio, mentre la fine dell esercizio deve coincidere con la fine della musica. La musica può essere cantata, deve essere consegnata all addetto musica su supporto digitale o su CD contrassegnato dal nome della società e in formati leggibili da tutti i lettori (MP3 Wave) con tracce numerate. E assolutamente proibito l intervento sulla musica da parte di istruttori o altri al termine dell esercizio, onde evitare il fuori tempo ( Penalità 1 punto ). CONTENUTO E COSTRUZIONE DELL ESERCIZIO Il valore dell esercizio deve essere rappresentato da varietà di categorie di elementi: Elementi Acrobatici quali: Rotolamenti, Verticali, Elementi con l appoggio delle mani con / senza volo, Salti. Elementi Ginnici quali: Salti, Saltelli, Balzi, Giri, Elementi Statici Posizioni: varietà di passaggi in piedi, sedute, sdraiate. ERRORE PENALITA DI ARTISTICITA (GIURIA E) Valido nei settori serie C, B, A PENALITA Insufficiente variazione di ritmo 0.10 Non utilizzare tutto lo spazio a disposizione (ad 0.10 esclusione della categoria promesse duo e serie C) Non eseguire movimenti a contatto col suolo 0.10 Scelta unilaterale degli elementi (solo salti con spinta a 2 piedi o tutti a 1 piede, o solo rovesciamenti o solo 0.10 rotolamenti ecc.) Musica senza relazione con i movimenti 0.30 Musica utilizzata come sottofondo 0.50 Scarsa espressività 0,10 PENALITA SPECIFICHE ALL ATTREZZO (GIURIA D) ERRORE PENALITA Valido nei settori serie C, B, A Pausa di concentrazione prima di una serie acro (+ di 2 ) 0.10 ogni volta Prolungata preparazione di un elemento ginnico 0.10 o.v. Mancanza di sincronizzazione della battuta musicale alla fine dell esercizio (F.T.) 0.10 Valido per il settore DUO Mancanza di sincronismo in ogni elemento 0.10 per ginnasta o.v. Mancanza di sincronismo in tutto l esercizio 0.50 su PF LA PENALITA SINCRONIA VIENE ATTRIBUITA DA UN SOLO GIUDICE

20

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA

CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA CAMPIONATO REGIONALE AICS 2013 TOSCANA GINNASTICA RITMICA 1 CONCORSI Concorso individuale LIVELLO A Categorie: ALLIEVE: un attrezzo a scelta e Corpo libero obbligatorio JUNIOR: 2 attrezzi a scelta SENIOR:

Dettagli

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica

Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica FORUM EUROPEO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE, CULTURALI E DEL TEMPO LIBERO Settore Ginnastica Sezione Ginnastica Ritmica ANNO SPORTIVO 2012 2013 CODICE DEI PUNTEGGI LISTA DELLE DIFFICOLTÀ Sede Nazionale Via

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015

PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015 Aggiornamento Novembre 2012 PROGRAMMA GINNASTICA RITMICA 2008-2015 Il Regolamento Sportivo Ufficiale Special Olympics deve essere applicato In tutte le competizioni di Ginnastica Special Olympics. Quale

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014

Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma. Anno 2014 Federazione Italiana Tennis Stadio Olimpico Curva Nord Ingresso 44 Scala G - 00135 Roma BANDO DI CONCORSO CORSO DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORE DI 1 GRADO DI TENNIS ISTRUTTORE DI 1 LIVELLO DI BEACH TENNIS

Dettagli

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013 Agg. Al 05 dicembre 2012 1 INDICE REGOLE GENERALI Specialità: definizione Attività: struttura Attività di singolo Coppie Artistico e Coppie Danza Categorie: singolo Formula Uisp Livelli Coppia artistico

Dettagli

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE

11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ Un programma di riscaldamento completo per ridurre gli infortuni nel calcio MANUALE 11+ MANUALE UN PROGRAMMA DI RISCALDAMENTO COMPLETO PER RIDURRE GLI INFORTUNI NEL CALCIO INDICE PREFAZIONE 4 INTRODUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE 1 INDICE INDICE...2 1. Date degli eventi... 2 2. Percorso... 3 3. L area dei Paddock... 4 4. Organizzazione... 5 5. Regolamento 12H Cycling Marathon... 6 Safety

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO. DANZA in FEDERAZIONE DISCIPLINA: TIP TAP

REGOLAMENTO TECNICO. DANZA in FEDERAZIONE DISCIPLINA: TIP TAP REGOLAMENTO TECNICO DANZA in FEDERAZIONE DISCIPLINA: TIP TAP 1 SEZIONE 1 1. ANNO DI ATTIVITA 1.1 L anno di attività è il periodo in cui vengono svolte tutte le attività di carattere Propedeutico, Formativo,

Dettagli

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015

REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 REGOLAMENTO NOTTI SUL GHIACCIO Aggiornato al 21 gennaio 2015 Notti sul ghiaccio è una gara di pattinaggio a coppie ad eliminazione in cui alcune celebrità hanno accettato di far coppia con altrettanti

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche

Indice INDICE. Introduzione... 3. Metodologia. Unità didattiche INDICE Introduzione... 3 Dall educazione motoria al Minivolley 10 Unità didattiche: momenti di un percorso... 4 Metodologia...7 Elementi base del Gioco Minivolley....8 Metodologia Progressione didattica

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

DODICI POLLICI ITALIAN CUP CAMPIONATO NAZIONALE A.S.C.

DODICI POLLICI ITALIAN CUP CAMPIONATO NAZIONALE A.S.C. DODICI POLLICI ITALIAN CUP CAMPIONATO NAZIONALE A.S.C. REGOLAMENTO INDICE 1 ORGANIZZAZIONE 2 SCOPO 3 NORME COMPORTAMENTALI 4 NORME DI CIRCOLAZIONE NEL PADDOCK 5 PRINCIPIO DI AMMONIZIONE 6 ABBIGLIAMENTO

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015

CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 CALENDARIO REGIONALE 2014/2015 www.federnuoto.piemonte.it nuoto@federnuoto.piemonte.it INDICE REGOLAMENTO ATTIVITÀ...pag.4 AVVERTENZE DI CARATTERE GENERALE...pag.5 ISCRIZIONI...pag.6 Norme generali...pag.6

Dettagli

Piccoli giochi con la palla

Piccoli giochi con la palla 04 2011 Tema del mese Sommario Indicazioni per la sicurezza 2 Lista di controllo 3 Raccolta di esercizi 4 Lezioni 11 Test 17 Categorie 11-15 anni Scuola media Principianti e avanzati Livello di insegnamento:

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato

Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico Pattinaggio sincronizzato Una produzione della Scuola universitaria federale dello sport di Macolin SUFSM 30.910.310 i / Edizione 2002 (02.04) Quaderno d'allenamento G+S Pattinaggio sul ghiaccio Danza sul ghiaccio Pattinaggio artistico

Dettagli

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA Agg. al 31/10/2014 1 INDICE Calendario Attività Agonistica 2014-2015 e scadenze pag. 3 Norme

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F

XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F. GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F MAGGIO 2015 VENERDÌ 1 ODERZO (TV) Piazza Grande XX ODERZO CITTA' ARCHEOLOGICA Corsa internazionale su strada Juniores/Promesse/Seniores M/F GLADIATORVM RACE Corsa su strada Seniores M/F XIX Trofeo Mobilificio

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli

Regolamenti 2013: parti generali

Regolamenti 2013: parti generali Regolamenti 2013: parti generali Regole Generali Attraverso gli sport del nuoto, tuffi, sincronizzato, pallanuoto e nuoto in acque libere il programma Master deve promuovere il benessere, l'amicizia, la

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO

OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO OPERATORI TECNICI ALTA SCUOLA TECNICI ALTA SCUOLA FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO 1 GENERALITA L Alta Scuola nasce in Italia nel XV sec. I tra i grandi maestri, i più noti ci sono: Giambattista Pignatelli,

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra

Sole. Instante 0. Rotazione della Terra AP 1 Misura della durata del giorno solare Scuola primaria secondo ciclo - MATERIALE OCCORRENTE Un solarscope Un cronometro o un orologio indicante ore, minuti e secondi Un foglio quadrettato (opzionale)

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO

REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO REGOLAMENTO CONCORSO UN MONDO TUTTO MIO TEMA Il concorso Un mondo tutto mio è dedicato all ambiente in cui vivono i bambini, come è e come lo vorrebbero. L idea è far descrivere agli alunni il posto ideale

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

UNO SCATTO DI DIGNITA ed. 2014

UNO SCATTO DI DIGNITA ed. 2014 CONCORSO FOTOGRAFICO NAZIONALE UNO SCATTO DI DIGNITA ed. 2014 Progetto Donna & Artigianato REGOLAMENTO ART. 1 OBIETTIVO DEL CONCORSO La Commissione Pari Opportunità della Regione Abruzzo, in collaborazione

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA

NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA FEDERAZIONE ITALIANA VELA Settore Programmazione Attività Sportiva Nazionale NORME GENERALI PER L ATTIVITA SPORTIVA NAZIONALE ORGANIZZATA IN ITALIA Edizione 2009 (versione n. 15 con variazioni del 25.03)

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014

con il Patrocinio della Città di Ostuni ORGANIZZA IL A N T O N I O L E G R O T T A G L I E 14-16 maggio 2014 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO N. O. Barnaba- S. G. BOSCO di OSTUNI Sede centrale: N. O. Barnaba via C. Alberto,2 tel/fax 0831301527 Plesso S. G. Bosco Via G. Filangieri, 24 TEL./FAX 0831 332088 C.F. 90044950740

Dettagli

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI

RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Spett/le ITALCONCILIA - Associazione Mediatori Professionisti Segreteria Generale Corso Europa, 43-83031 Ariano Irpino (Av) RICHIESTA ISCRIZIONE NELL ELENCO DEI CONCILIATORI Il/La sottoscritto/a, nato/a

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Comitato Regionale del Piemonte

Comitato Regionale del Piemonte Il Comitato Regionale ha programmato anche per quest anno il Progetto Giovani, il cui Regolamento Nazionale presenta una novità importante riguardante le sedi di svolgimento che saranno abbinate alle tappe

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE

LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE LA PROGRAMMAZIONE NEL SETTORE GIOVANILE PROGRESSIONI DIDATTICHE, SCHEDE DI ALLENAMENTO E ESERCITAZIONI SPECIFICHE La programmazione nel settore giovanile P R O G R E S S I O N I D I D A T T I C H E, S

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A.

NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. NORME DI FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI TECNICI DELL A.I.A. Art. 1 - Organi tecnici A. ORGANI TECNICI NAZIONALI Gli Organi Tecnici Nazionali dell A.I.A. composti da un Responsabile e più componenti, sono:

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli