Irene Bonetti Bari 15 maggio 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Irene Bonetti Bari 15 maggio 2009"

Transcript

1 Project management nel Settimo Programma Quadro di ricerca europea Irene Bonetti Bari 15 maggio 2009

2 Programma del seminario Il project management nel Settimo Programma Quadro di Ricerca Europeo h 9.30 Il team di progetto - Struttura organizzativa, ruoli, funzioni (il Project Manager, l analisi dei fattori di rischio, assicurazione della fattibilità tecnico economica, la garanzia della qualità, il controllo del progetto, l ambiente di progetto, contributi esterni al progetto) h Budget e costi di progetto (Gestione finanziaria: regole e documentazione) h Pausa h Scomposizione di un progetto in pacchetti di lavoro (Come distribuire le funzioni e le responsabilità tra i Partner, comunicazione e coordinamento il Consortium Agreement) h Pausa pranzo 2

3 Programma del seminario h Metodi e strumenti di supporto alla pianificazione di un progetto (i diagrammi di Pert e di Gantt) h Il Controllo dello stato di avanzamento (Rendicontazione, report, audit tecnici) h Strumenti di supporto alla gestione del progetto (le linee guida della Commissione) h Conclusione del seminario 3

4 Contenuto della proposta 4

5 Contenuto della proposta PARTE A - FORMULARI PARTE B - CONTENUTO DELLA PROPOSTA Obiettivi ed impatto atteso Programma di lavoro e costi associati Consorzio e risorse del progetto Gestione del progetto Piano per la diffusione dei risultati Altri temi (qualora rilevanti) Vedere Info-Pack/ Guida per Proponenti per dettagli 5

6 Parte A A1 - Informazioni generali sulla proposta A2 - Informazioni sul coordinatore e sui partners A3 - Costi 6

7 Parte B Workplan Pacchetti di lavoro (workplan) struttura, ruolo dei partner e obiettivo da raggiungere (indicare eventuali rischi e soluzioni) eventuali suddivisioni Indicazione dei tempi (diagramma di Gantt ) Indicazione delle interelazioni (diagramma di Pert) Tempi e risultati ben definiti 7

8 Obiettivi Devono essere generati dall analisi di un problema che si desidera risolvere Devono essere: Chiari Omogenei e complementari Coerenti con gli interessi e la missione dei partner Condivisi dal gruppo di lavoro e dai partner Possono essere organizzati: Generali e specifici A lungo/medio/breve termine 8

9 Attività Partire dagli obiettivi che si vogliono raggiungere Analizzare le possibili strategie (percorsi metodologici) percorribili, considerando: Priorità dei soggetti coinvolti, budget disponibile, possibilità di successo, eventuali vincoli temporali Identificare gruppi coerenti di attività (work package) Identificare un percorso logico Sequenza temporale vs contemporaneità Relazioni di interdipendenza Identificare le task associate ai WP Identificare le competenze necessarie per realizzare il progetto 9

10 Risultati attesi Devono: Essere coerenti con gli obiettivi che sono stati definiti Essere coerenti con le aspettative dei partner Tenere conto dell impatto del progetto su tutti i potenziali beneficiari Potere essere qualificati e possibilmente quantificati 10

11 Metodi e strumenti di supporto alla pianificazione di un progetto Scomposizione delle attività di livello gerarchicamente inferiore, più semplici e quindi più facilmente definibili e controllabili sul piano realizzativo. Questa struttura non ha alcuna relazione temporale che successivamente verrà raffigurata dal Gantt 11

12 Caratteristiche fondamentali della metodologia - il collegamento tra le diverse azioni l- la scomposizione dell'elemento di più alto livello (progetto) nei principali elementi costitutivi - la scomposizione di ciasun elemento costitutivo in oggetti di entità più semplici - la visualizzazione del progetto nella sua interezza evidenziando la sua complessità e i collegamenti tra i vari elementi 12

13 Scomposizione per pacchetti di lavoro Per ogni elemento deve essere definito: - il responsabile e il team affidatario della realizzazione - le specifiche con una descrizione puntual e chiara degli elementi in oggetto - la stima delle risorse in mese uomo per partner coinvolto e il budget conseguente - eventuali subcontraeni o soggetti esterni coinvolti - i deliverables intesi come gli elementi risultanti dalle azioni svolte (report, presentazioni, incontri, seminari...) - milestone e attività collegate temporalmente con i tempi 13

14 Informazio ni sui pacchetti di lavoro WP (titolo, partner di riferimento, mese di inizio e di fine, risultati) 14

15 Caratteristiche del diagramma Pert (Program Evaluation and Review Technique) 1. Il progetto è costituito da un ben preciso insieme di compiti o attività il cui completamento determina la conclusione del progetto 2. Ciascun compito può iniziare e conlcudersi indipendentemente dagli altri, all'interno di una determinata sequenza. 3. I compiti sono ordinati, devono cioè essere eseguiti secondo una sequenza tecnlologica coerente e ben definita 15

16 Diagramma Pert 16

17 Posizionare le attività nel tempo Considerando la durata necessaria alla realizzazione di ciascuna task (avvio, durata e fine di ciascuna attività) la sequenza logico-temporale e le relazioni di interdipendenza tra le task (milestones) Diagramma di GANTT Durata di WP and task Interrelazione tra WP e/o task Milestone e deliverables Eventualmente integrazione dell impegno delle risorse 17

18 Caratteristiche dei Gantt E' uno strumento di ausilio alla pianificazione e consente di disporre in forma integrata e visuale, di semplice e immediata comprensibilità, l'evoluzione temporale complessiva del progetto e l'interrrelazione tra tutte o le principali attività in cui il processo è stato scomposto 18

19 Divisione temporale da 04/05/09 a 17/09/09 Notifica del meccanismo di finanziamento dei progetti (approvazione UE) da 04/05/09 a 15/07/09 Messa a punto del sistema informatico di valutazione e gestione da 04/05/09 a 15/07/09 Creazione e gestione dell'albo dei valutatori esterni da 04/05/09 a 22/05/09 Convenzione con FILSE da 11/05/09 a 29/05/09 Pubblicazione avviso albo dei valutatori esterni 08/06/2009 Coinvolgimento del Comitato di Indirizzo da 25/06/09 a 15/07/09 Prepazione bandi per la realizzazione dei Poli di Innovazione da 04/05/09 a 31/07/09 Preparazione e gestione modulistica per la presentazione del progetto da 07/05/09 al 03/06/09 Nomina della Commissione tecnica di valutazione 03/06/2009 Firma dei contratti con la Commissione tecnica di valutazione da 04/05/09 a 14/08/09 Comunicazione al territorio e preparazione dell iniziativa da 15/07/09 a 14/08/09 Apertura e chiusura bando per i progetti di fattibilità 14/08/2009 Data scadenza del bando Nomina valutatori del progetto fattibilità da 21/08/09 a 30/09/09 Attività di valutazione dei progetti di fattibilità Attività della Commissione di valutazione da 30/09/09 a 13/11/09 Preparazione e pubblicazione esito di valutazione Valutazione dei valutatori esterni 14/10/2009 Pubblicazione esito di valutazione Valutazione del progetto di fattibilità da 15/10/09 a 04/11/09 Negoziazione per la firma del contratto del progetto di dettaglio 16/11/2009 Firma per il contratto per la realizzazione del progetto di dettaglio da 09/11/09 a 11/11/09 Contratti per i Tutor dei Poli da 16/11/09 a 14/01/10 Sviluppo del progetto di dettaglio da 11/11/09 a 18/01/10 Monitoraggio degli sviluppi di progetto di dettaglio del Polo da 25/01/10 a 05/03/10 Attività di valutazione del progetto di dettaglio Attività della Commissione di valutazione da 08/03/10 a 26/03/10 Negoziazione per la firma del contratto di costituzione del Polo Valutazione del progetto di dettaglio 26/03/2010 Pubblicazione esito valutazione progetto di dettaglio 30/03/2010 Coinvolgimento del Comitato di Indirizzo 05/04/2010 Firma del contratto per la costituzione del Polo = milestone di progetto 19

20 Diagramma di Gantt Attenzione ai nostri difetti Spesso le peggiori proposte vengono da Grecia, Portogallo ed Italia Dicono di noi: «Gli italiani sono ripetitivi, dicono la stessa cosa in molti modi diversi e non hanno un buon approccio metodologico» «Gli italiani sono molto bravi a fare sembrare belle le loro proposte, ma in realtà queste mancano di sostanza» 20

21 La redazione: 10 consigli 1. Il nome del progetto deve essere facile 2. Siate chiari nell'esposizione 3. Coinvolgete il più possibile i partner nella redazione della proposta 4. Usate i criteri di valutazione come check alla redazione; Ripetete alcuni concetti chiave in due-tre punti diversi della proposta; 21

22 La redazione:10 consigli 1. Coinvolgere gli esperti nella redazione della proposta; 2. Pretendere fin dall inizio da tutti i partners il rispetto dei documenti standard (compresi i CV); 3. Non pensate di scrivere una proposta in meno di un mese; 4. Salvare spesso il draft nel PC e fare un back-up; 5. Dare delle deadlines piu corte del necessario ai partners e pretendere puntualità: tanto c è sempre il ritardatario! 22

23 La revisione e l invio Impariamo dai giapponesi Una volta scritta la proposta sottoponetela a 2 revisioni: Revisione azzura Coinvolgete 2/3 persone «della organizzazione» che conoscono la vostra organizzazione di leggere la proposta Chiedete loro di indicarvi come migliorare la vostra. 23

24 La revisione Revisione Rossa 1-Fatela fare ad una persona esterna mariti-moglicompagni/e vicini di casa 2-Che abbia esperienza in materia (un collega di un altra organizzazione, un consulente ); 3- Chiedetegli di indicarvi ogni modifica che possa migliorare la qualità della proposta. 24

25 25

26 La fase di negoziazione (1) Cosa e quando Fase preliminare alla firma del contratto, che comincia dal ricevimento da parte del coordinatore del risultato positivo della valutazione (Evaluation Summary Report - ESR) Perché Adattare la proposta alle raccomandazioni redatte dagli esperti e dalla CE e preparare il contratto (Eventualmente) Redarre il Consortium Agreement 26

27 La fase di negoziazione (2) Come Lettera formale dalla Commissione Europea di invito alla negoziazione Richieste: Informazioni amministrative attraverso la compilazione dei Contract Prepararation Forms CPF e la raccolta di eventuali allegati (es. statuti, bilanci, ecc.) Modifiche tecnico-scientifiche per definire la versione finale del programma di lavoro che verrà allegata al contratto Modifiche finanziarie: es. taglio sul contributo previsto o richieste di modifica al budget Questioni legali: es. clausole specifiche da inserire nel contratto Di solito negoziazione viene fatta via , in alcuni casi (es. ICT) anche attraverso un hearing a Bruxelles 27

28 Consortium Agreement (1) Cosa? Accordo tra i beneficiari del progetto finalizzato a specificare o integrare le indicazioni contenute nel contratto con la CE ed, in particolare, tutte le problematiche relative alla gestione degli IPR e sfruttamento dei risultati Quando? Entro la firma del contratto con la CE Come? Obbligatorio per tutti i progetti, se non esplicitamente escluso nell invito a presentare proposte 28

29 Consortium agreement (2) 7PQ: check list fornita dalla Commissione Europea (al momento disponibile solo in versione draft) Contraenti Premessa Definizioni Oggetto Specifiche tecniche preliminari Contributo tecnico di ciascun partner Risorse da rendere disponibili Tempistica dettagliata e procedure di modifica 29

30 Consortium Agreement (3) Gestione (ruoli e processi decisionali) Piano finanziario e pagamenti Diritti di proprietà intellettuale (IPR), disseminazione e uso Proprietà del foreground Disseminazione Diritti di accesso Entrata in vigore, durata, emendamenti, privacy, ecc. 30

31 Contratto (Grant Agreement).1 Documento di riferimento per una corretta gestione del progetto Firmato dalla Commissione e dal coordinatore del progetto I partner del progetto accedono al contratto attraverso la firma del form A 31

32 Contratto (Grant Agreement).2 Struttura Corpo principale del contratto (nel model grant agreement vengono previste le clausole relative a tutte le tipologie di strumenti) Annex 1: Description of work (descrizione del progetto risultato dalla fase di negoziazione) Annex II: General conditions (Annex III: indicazioni specifiche relative allo schema di finanziamento specifico) (Annex IV: Form A accesso dei beneficiari al GA) (Annex V: Form B accesso di nuovi beneficiari al GA) (Annex VI: Form C financial statement per tipo di schema di finanziamento) (Annex VII: Form D Termini di riferimento per il Certificate on financial statement e Form E BARI Certificate 15/5/09 on the methodology) 32

33 Contratto (Grant Agreement).3 Il corpo del GA: Article 1 Accession to the grant agreement of the other beneficiaries Article 2 Scope Article 3 Duration Article 4 Reporting periods and language of reports Article 5 Maximum Community financial contribution Article 6 Pre-financing Article 7 Special clauses Article 8 Communication Article 9 Applicable law and competent court Article 10 Application of the grant agreement provisions Article 11 Entry into force of the grant agreement 33

34 Annex II: general conditions.1 II.1 Definizioni Parte A: Implementazione del progetto Sezione 1 Principi generali (ruolo e obblighi del coordinatore e degli altri beneficiari) Sezione 2 Reporting e pagamenti Sezione 3 - Implementazione Subcontracting, sospensione del contratto, confidenzialità, comunicazione dei dati Parte B: Clausole finanziarie Sezione 1 Clausole generali Costi ammissibili e non ammissibili, costi diretti e indiretti, limiti massimi di finanziamento, entrate del progetto, il contributo comunitario, interessi Sezione 2 Fondo di garanzia Sezione 3 Controlli e sanzioni 34

35 Annex II: General conditions.2 Parte C: Intellectual Property Rights, Uso e Disseminazione Sezione 1 Foreground (proprietà, trasferimento, protezione, uso e disseminazione Sezione 2 Diritti di accesso (background, principi, accesso per l implementazione, accesso per l uso) Clausole finali Competitive calls, emendamenti, risoluzione del contratto, forza maggiore, responsabilità 35

36 Durante il progetto: il controllo Per il buon esito del progetto è necessario mantenere sotto controllo: I tempi I costi La qualità 36

37 La gestione contabile Registrazione contabile delle entrate e delle spese, sulla base delle pratiche contabili del contraente Principio di competenza Attenzione ai flussi di cassa e alle eventuali necessità di anticipazioni 37

38 La rendicontazione:budget iniziale.1 Da dove si parte? Es. di budget da form A.3 della fase di progettazione A3.1:Budget Type of Activity 1.UNIBO RTD Demostration Training Coordination Support Management Other Total Personell costs , , , , ,00 Subcontracting , ,00 Other direct costs , ,00 Indirect costs , , , , ,00 Total budget , , , , ,00 Requested EC contribution , , , , ,00 Total Receipts 38

39 La rendicontazione:budget iniziale.2 Es. di budget dettagliato per WP e categoria di costo 1.XXX WP n. p-m Personnel Subcontr. T&S Equipm. Consumables Other costs Indirect costs Total EC Contribution WP2 - Biomass and gasification plant design integration 18, , , , , ,00 WP3 - Tar and powder removal at low and intermediate temperature 24, , , , , , , ,00 WP4 - Tar and powder removal at high temperature 12, , , , , ,00 WP5 - Water gar shift and H2 separation 12, , , , , ,00 WP7 - Economic, social and environmental assessment 6, , , , ,00 Total RTD 72, , , , , , , , ,00 WP6 - Energy production 12, , , ,00 Total demonstration 12, , , , ,00 WP8 - Dissemination and exploitation 4, , , ,00 Total OTHER 4, , , , ,00 WP1 Coordination and management 15, , , , ,00 Total consortium management 15, , , , , ,00 TOTAL 103, , , , , , , , , ,00 39

40 La rendicontazione Cosa è richiesto? Annex VI, leggermente diverso per ogni tipo di strumento Cost budget follow up table (Management report) Tabelle per auditors 40

41 Pagamenti Anticipo entro 45 giorni dalla firma del contratto Pagamenti intermedi a fronte della rendicontazione annuale fino ad un massimo del 90% del totale del contributo Pagamento finale all approvazione del report finale In caso di Certificate on Financial Statement o di audit, i pagamenti già effettuati verranno corretti sulla base dei risultati degli stessi 41

42 La rendicontazione Personale strutturato Calcolare i costi effettivi relativi allo svolgimento del progetto Time sheets Costo annuale comprensivo di oneri ente / monte ore produttivo annuale x numero di ore registrate per periodo di reporting Raccogliere time sheets Tenere copia dei CV del personale coinvolto (può venire richiesto in fase di audit della CE) 42

43 La rendicontazione Personale non strutturato Attenzione al contratto/bando, che deve prevedere: Riferimento al progetto Riferimento alla supervisione da parte del responsabile scientifico Riferimento al fatto che la persona utilizza locali ed attrezzature del contraente Raccogliere time sheets Rendicontare l importo di competenza per il periodo di reporting (anche su base mensile, indipendentemente dalle ore registrate nelle time-sheets) 43

44 La rendicontazione Viaggi e missioni Rispetto delle regole del contraente: per diem, costo reale del viaggio e soggiorno, sistemi misti Escludere IVA dai singoli documenti di supporto Tenere a disposizione i documenti di supporto al viaggio/missione (agenda riunioni e lista partecipanti, programmi eventi, ecc.) Attenzione: bisogna dimostrare sempre attinenza con gli obiettivi del progetto 44

45 La rendicontazione: Subcontracting Non è possibile subcontrattare parti rilevanti del contratto Prevedere procedura di selezione trasparente (rispetto delle regole del contraente, ma da dimostrare e giustificare in fase di audit) Verificare autorizzazione della CE (il subcontratto deve essere menzionato nell annex 1 del contratto oppure deve essere richiesta autorizzazione alla spesa alla CE) Includere in questa voce i costi relativi al BARI Certificate 15/5/09 on Financial Statement (attività management) 45

46 La rendicontazione: Beni durevoli I beni durevoli sono imputabili solo per la quota di ammortamento (dalla data di consegna o collaudo) e di reale utilizzo ai fini del progetto (% oppure time sheet dei beni) Acquistare i beni all inizio del progetto, purché questo sia coerente con le attività da svolgere Attenzione ai PC, che se utilizzati come strumento di ufficio vengono considerati come costo indiretto e di solito non vengono riconosciuti come BARI costi 15/5/09 ammissibili diretti 46

47 La rendicontazione: Beni di consumo Qualsiasi bene necessario all implementazione del progetto, es. acquisto, fabbricazione, riparazione o uso di materiali, beni, strumenti e software che: Non sia nell inventario dei beni del contraente Abbia vita breve, non oltre la durata del contratto Non sia normalmente considerato come costo indiretto In caso di audit, è necessario essere in grado di giustificare che i beni acquistati siano attinenti al progetto 47

48 La rendicontazione: Altri costi Qualsiasi costo diretto necessario per l implementazione del progetto, ad esempio: Costi di pubblicazione Costi relativi all ospitalità delle riunioni e workshop di progetto (catering, trasporti, ecc.) Costi relativi a eventi (affitto sale, traduzione simultanea, catering, brochure, ecc.) E opportuno essere in grado di dimostrare la necessarietà per i fini del progetto e disporre degli eventuali materiali prodotti (es. pubblicazioni) in caso di audit 48

49 Il Certificate on Financial Statement Verifica puntuale di tutte le spese sostenute, del rispetto delle regole del 7 PQ, del rispetto delle regole interne del contraente e delle leggi nazionali Auditor competente ed indipendente Necessario solo se e quando il contributo comunitario (cumulativo) raggiunge i Necessario comunque una sola volta per i progetti con durata inferiore ai due anni 49

50 L audit della Commissione Previsto dal contratto, può essere realizzato entro 5 anni dalla conclusione di un progetto (ma anche con progetto in corso) Società italiana contrattata dalla CE Procedura 50

51 Il supporto della Commissione Contratto completo con la Commissione Europea Consortium Agreement (se stipulato), in particolare la sezione relativa a costi e pagamenti Informazioni sulle regole del PQ, in particolare Linee guida finanziarie Linee guida per il reporting Altro materiale specifico inviato dalla Commissione o dal Coordinatore del progetto Regole interne e quadro normativo nazionale di riferimento 51

52 7PQ: documentazione (1) Base legale Decision n. 1982/2006/EC of the European Parliament and the Council of 18 December 2006 concerning the Seventh Framework Programme of the European Community for research, technological development and demonstration activities ( ) Decision 2006/971/EC (Cooperation), 2006/972/EC (Ideas), 2006/973/EC (People), 2006/974/EC (Capacities) Regulation (EC) No 1906/2006 of the European Parliament and of the Council of 18 December 2006 laying down the rules for the participation of undertakings, research centres and universities in actions under the Seventh Framework Programme and for the dissemination of research results (

53 7PQ: documentazione (2) Legal documents for implementation: Rules for submission of proposals, and the related evaluation, selection and award procedures ERC Rules for submission, evaluation, selection, award Standard model grant agreement ERC model grant agreement Marie Curie model grant agreement Rules on verification of existence, legal status, operational and financial capacity Financial Viability Check tool v3 53

54 7PQ: documentazione (3) Guidance documents: Wiki on FP7 Periodic Report and NEF (Forms C on-line tool for Information Society and Media DG projects) Presentation of FORCE (Forms C on-line tool for Research DG projects) Amendments Guide for FP7 Grant Agreements Guidance Notes on Audit Certification Guide for beneficiaries Guide to Financial Issues Guide to IPR Checklist for the Consortium Agreement 54

55 7PQ: documentazione (4) Negotiation Guidance Notes - Presentation of the NEF service (Negotiation Facility) - Templates for Description of Work Guidance notes on project reporting - Template for periodic report - Template for final report - Templates for security research Guidance notes on project technical review - Template for technical review Ethics Review: Ethics check list Supporting documents 55

56 7PQ: dove reperire le informazioni A livello europeo CORDIS: ed in particolare html Researcher s Mobility Portal A livello nazionale e regionale National Contact Points (NCP) APRE 56

57 Grazie per l'attenzione 57

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Dall Idea al Progetto

Dall Idea al Progetto CORSO DI EUROPROGETTAZIONE MODULO 2 Dall Idea al Progetto DOTT. GIANLUCA COPPOLA Direttore generale - Responsabile Progetti Europei 1 CAPITOLO 1 STRUTTURARE UN PROGETTO Modulo 2 Dall Idea al Progetto 2

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI DI RICERCA NEI PROGRAMMI QUADRO EUROPEI

LA GESTIONE DEI PROGETTI DI RICERCA NEI PROGRAMMI QUADRO EUROPEI LA GESTIONE DEI PROGETTI DI RICERCA NEI PROGRAMMI QUADRO EUROPEI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO LUGLIO 2012 Informazione in ordine alle raccomandazioni della Commissione Europea sui progetti finanziati

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

PROGETTAZIONE EUROPEA:

PROGETTAZIONE EUROPEA: PROGETTAZIONE EUROPEA: SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI PROGETTI DI RICERCA EUROPEI A cura di: Dott.ssa Federica Fasolato Divisione Ricerca Sezione Internazionale e Nazionale ricerca@unive.it Per ulteriori

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta

Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta European IPR Helpdesk Scheda informativa La gestione della PI in Horizon 2020: in fase di proposta Lo European IPR Helpdesk è gestito dall Agenzia Esecutiva per le Piccole e Medie imprese della Commissione

Dettagli

VII Programma Quadro L attività di Auditing nei finanziamenti europei Dott. Maurizio Santoro

VII Programma Quadro L attività di Auditing nei finanziamenti europei Dott. Maurizio Santoro VII Programma Quadro L attività di Auditing nei finanziamenti europei Dott. Maurizio Santoro Università degli Studi di Milano Divisione Servizi per la Ricerca 20 novembre 2013 L attività di audit nei progetti

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO

ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE ELEMENTI DI TECNICA PROGETTUALE PER GLI INTERVENTI SOCIOSANITARI: INDICAZIONI PRATICHE PER LA STESURA DI UN PROGETTO Giovanni Serpelloni 1), Elisabetta Simeoni 2) 1. Centro

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG

Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Lotta alla povertà, cooperazione allo sviluppo e interventi umanitari Percorsi di qualità e trasparenza nell organizzazione, la gestione e il controllo interno delle ONG Con il contributo del Ministero

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS

DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS DEOR DISSEMINATION AND EXPLOITATION OF RESULTS AGENDA Il contesto la strategia europea Significati e definizioni Disseminazione:quando e come, a beneficio di chi? Youthpass Link e materiali di disseminazione

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Procedure di presentazione e di valutazione delle Proposte in FP7: cosa c é di nuovo?

Procedure di presentazione e di valutazione delle Proposte in FP7: cosa c é di nuovo? Procedure di presentazione e di valutazione delle Proposte in FP7: cosa c é di nuovo? Mario Catizzone RTD: I/1 Valutazione delle proposte di ricerca in FP7 il processo di valutazione ha raggiunto uno standard

Dettagli

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA

ACCORDO DI PARTENARIATO 2014 2020 ITALIA ITALIA ALLEGATO III ELEMENTI SALIENTI DELLA PROPOSTA DI SI.GE.CO 2014 2020 SOMMARIO 1. Principi generali dei sistemi di gestione e controllo (FESR, FSE, FEAMP)... 3 1.1 Autorità di gestione... 3 1.1.1

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

VADEMECUM PER LE ATTIVITÀ DI RENDICONTAZIONE E CONTROLLO DI I LIVELLO

VADEMECUM PER LE ATTIVITÀ DI RENDICONTAZIONE E CONTROLLO DI I LIVELLO VADEMECUM PER LE ATTIVITÀ DI RENDICONTAZIONE E CONTROLLO DI I LIVELLO Realizzato con i contributi del PON GOVERNANCE e AT (FESR) 2007/2013. Progetto di Assistenza tecnica alle Regioni dell obiettivo Convergenza

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario.

Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario. Metodologie e strumenti per la presentazione, il monitoraggio e la valutazione di progetti secondo l'approccio comunitario Nunzia Cito Le metodologie e gli strumenti per la presentazione ed il monitoraggio

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Leadership in Energy and Environmental Design

Leadership in Energy and Environmental Design LEED Leadership in Energy and Environmental Design LEED è lo standard di certificazione energetica e di sostenibilità degli edifici più in uso al mondo: si tratta di una serie di criteri sviluppati negli

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola

I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola I profili con maggiore potenzialità occupazionale nel non profit in Europa, riscontrati attraverso le vacancy e nel recruitment passaparola Europrogettista Il profilo è ricercato in particolare da ONG,

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of

General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of General Taxonomy of Planology [Tassonomia generale della Planologia] (TAXOCODE) Reduced form [Forma ridotta] Classification Code for all sectors of study and research according the Information System for

Dettagli

gtld: i nuovi domini web gtld strategies

gtld: i nuovi domini web gtld strategies gtld: i nuovi domini web gtld strategies CEO MEMO 2011 INNOVA ET BELLA 2011 - Riproduzione vietata - www.i-b.com p. 1 gtld: i nuovi domini web gtld strategies Con una decisione rivoluzionaria l ICANN,

Dettagli

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l.

Balance GRC. Referenze di Progetto. Settembre 2013. Pag 1 di 18 Vers. 1.0. BALANCE GRC S.r.l. Balance GRC Referenze di Progetto Settembre 2013 Pag 1 di 18 Vers. 1.0 Project Management Anno: 2012 Cliente: ACEA SpA Roma Durata: 1 anno Intervento: Gestione dei progetti riguardanti l implementazione

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

Oggetto: Reporting Solvency II Fase preparatoria. Istruzioni sulla trasmissione di informazioni all IVASS.

Oggetto: Reporting Solvency II Fase preparatoria. Istruzioni sulla trasmissione di informazioni all IVASS. Roma, 4 dicembre 2014 Prot. n. 51-14-001771 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Imprese capogruppo LORO SEDI Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JEN UNDERWOOD ADVANCED ANALYTICS WORKSHOP ROMA 6 MAGGIO 2015 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it ADVANCED ANALYTICS

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE. Master in Project Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria e Automazione Master in Project Management RIORGANIZZAZIONE DEI PROGETTI PER L ULTIMO TRIMESTRE DEL 2004 CON REALIZZAZIONE

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0

BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 BANDO VALORE ASSOLUTO 3.0 Concorso di idee per iniziative imprenditoriali innovative Che cosa è Valore Assoluto è un iniziativa della Camera di Commercio di Bari, giunta al terzo anno di attività e finalizzata

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli