Tv: futuro presente La trasformazione del medium più amato dagli italiani Strategie e prospettive per lo schermo connesso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tv: futuro presente La trasformazione del medium più amato dagli italiani Strategie e prospettive per lo schermo connesso"

Transcript

1 Tv: futuro presente La trasformazione del medium più amato dagli italiani Strategie e prospettive per lo schermo connesso A cura di Serena Ferrara L evoluzione del mezzo televisivo dipende da condizioni di carattere economico e infrastrutturale che sono diverse per ciascun Paese. Le strategie di investimento e di regolamentazione definite in Europa, quindi, non possono prescindere dai singoli contesti nazionali. Nel caso della transizione al digitale, per esempio, l Italia ha intrapreso la propria specifica strada scegliendo di puntare sul digitale terrestre. Una scelta strettamente legata alla straordinarietà di un panorama televisivo caratterizzato dalla presenza di un numero assai elevato di emittenti locali private, nonché alle passate politiche di distribuzione dello spettro. Queste considerazioni oggi valgono anche rispetto agli scenari di sviluppo della Connected Tv, che non possono prescindere da una politica dello spettro consapevole e univoca, tale da consentire interventi coordinati da parte degli attori coinvolti. Così come non potranno prescindere dal quadro delle politiche di investimento in infrastruttura adottate dagli operatori; dalle politiche regolatorie e tariffarie che definiscono i rapporti tra OTT e gli operatori di rete; dai modelli di adozione delle diverse piattaforme. Fino a che punto, dunque, gli scenari delineati a livello internazionale per la Connected Tv sono realmente riproducibili nel contesto italiano? Sulla tematica della convergenza tra Internet e televisione, la Commissione Europea ha appena pubblicato la comunicazione Green Paper: Preparing for a Fully Converged Audiovisual World: Growth, Creation and Values. In Italia, l Agcom ha avviato un indagine conoscitiva per la redazione del libro bianco Televisione 2.0 nell era della convergenza. Nelle pagine che seguono sarà illustrato dettagliatamente il contributo al libro bianco redatto dalla Fondazione Ugo Bordoni. Negli ultimi anni, FUB è stata protagonista dei processi di switch off e di assegnazione delle frequenze LTE in qualità di advisor tecnico-scientifico del Ministero dello sviluppo economico. Proprio il coinvolgimento in tali processi conferisce alla Fondazione una conoscenza approfondita del panorama tecnologico italiano e delle sue peculiarità: presupposto essenziale per la definizione di strategie che siano a misura della realtà nazionale, senza prescindere dagli scenari internazionali. Sviluppo dell infrastruttura e politiche dello spettro, interoperabilità, nuovi scenari tecnologici e modelli di business inaugurati dalla Connected Tv, fino al futuro del servizio pubblico in questo scenario in continua evoluzione. Sono questi i temi affrontati negli articoli che seguono, al fine di contribuire a una definizione utile del cambiamento in corso.

2 Dal colore alla Tv connessa Innovazione tecnologica e governance Alessandro Luciano Presidente della Fondazione Ugo Bordoni La televisione ha accompagnato gli italiani nel passaggio dal dopoguerra alla società dei consumi, narrando il boom economico e la ricostruzione della Nazione. Nella sua storia, molte sono state le vicende politiche che hanno contribuito a trasformare il futuro del Paese. Così come molte sono state le decisioni di governance del servizio pubblico che, influenzate direttamente dalle scelte dei grandi partiti di massa, hanno visto alternarsi momenti di stallo con momenti di grande creatività e innovazione culturale. Decisamente meno incisive son state invece le (rare) innovazioni tecnologiche che l hanno interessata direttamente e il cui successo o declino è stato quasi sempre subordinato ai processi di mercato e alle decisioni della politica: queste giunte spesso con notevole ritardo rispetto alla capacità del mercato di assorbire e indirizzare il cambiamento. Nel 1939, l allora EIAR inaugura le prime trasmissioni televisive, che tuttavia saranno interrotte dalla guerra. Nel 1944 nasce la Rai (Radio Audizioni Italia) e, solo dieci anni più tardi, viene inaugurato il servizio regolare di trasmissioni televisive (1954). Nel secondo dopoguerra due sono i principali problemi infrastrutturali del Paese: il primo è la ricostruzione di una rete telefonica capace di portare numerosi canali contemporaneamente con la nuova tecnica dei ponti radio; l altro è di portare il segnale televisivo su tutto il territorio nazionale. Nei primi anni 50, la FIMM (Fabbrica Italiana Magneti Marelli) riceve l incarico di costruire un ponte radio che porti il segnale televisivo da Milano fino a Palermo (e viceversa). Il risultato viene raggiunto nel Da questo momento, occorre aspettare vent anni perché si realizzi la seconda importante innovazione tecnologica del mezzo: il colore. Inaugurato in Italia nel 1977, viene introdotto con un forte ritardo rispetto al suo reale sviluppo, perché considerato in contrasto con la funzione educativa del mezzo. Nel frattempo, però, la Tv si è già diffusa nelle case degli italiani come il nuovo fuoco domestico. Nei primi anni Settanta giunge la prima vera grande rivoluzione del sistema radiotelevisivo italiano: la nascita delle emittenti private. Gli anni Ottanta saranno caratterizzati dal progressivo consolidarsi del duopolio Rai/Fininvest e la legge Mammì sarà il primo tentativo di mettere ordine in un contesto normativo quanto meno contraddittorio. Di lì in avanti, vari altri tentativi seguiranno, fino alla legge Gasparri che ribadisce l importanza del passaggio al digitale e introduce uno scenario di privatizzazione della Rai. Intanto, nel corso degli anni Novanta, si afferma il fenomeno delle pay Tv. La Tv generalista comincia a cedere il passo alla specializzazione dei palinsesti e alla personalizzazione delle scelte di fruizione promuovendo, con la complicità del mercato, un evoluzione nei comportamenti del pubblico ancor prima che questa sia determinata dalla transizione definitiva al digitale. E, infatti, occorrerà attendere il 2012 perché in Italia si completi lo switch off del segnale analogico e si affermi la piattaforma digitale terrestre, anche grazie all importante ruolo che la Fondazione Bordoni ha avuto nella governance di questo passaggio. Intanto, già da qualche anno, si assiste a un costante incremento della convergenza tra emittenza radiotelevisiva e Internet. Sta sfumando rapidamente la linea di demarcazione fra trasmissione lineare e servizi a richiesta. Se, in generale, nell UE si guarda ancora la Tv in modo lineare, l esperienza della convergenza sta

3 diventando realtà e gli attori del mercato stanno progressivamente sviluppando e adattando i loro modelli d impresa. I servizi e i dispositivi televisivi connessi sono soggetti a una serie di norme specifiche (norme di radiodiffusione DVB e protocollo Internet di fornitura di contenuti; in futuro potrebbero avere un ruolo rilevante norme come MPEG 25 e HTML-5). La norma HbbTv (Hybrid Broadcast Broadband Tv) è una norma dell ETSI destinata a collegare i contenuti trasmessi attraverso la radiodiffusione e la banda larga. In Italia, soprattutto per motivi storici, per la Tv connessa si usa la norma MHP. La convergenza ripropone il dibattito sull approccio da seguire in fatto di normalizzazione. Così come pone il tema del futuro ruolo della radiodiffusione terrestre nella fornitura di tali servizi. La Commissione Europea ha adottato una politica globale per favorire lo sviluppo della banda larga e ha fissato un obiettivo di 1200 MHz di frequenze da destinare al wireless. Ma quale rilevanza avranno le differenze tra singole piattaforme (radiodiffusione terrestre o via satellite, banda larga cablata, banda larga mobile) a livello di esperienza concreta dei consumatori e di obblighi di servizio pubblico? La Commissione ha avviato una consultazione al fine di cogliere le opportunità offerte da quest ambiente tecnologico in evoluzione, imitata a livello nazionale dall Agcom. La Fondazione Ugo Bordoni si candida ancora una volta ad essere l interlocutore privilegiato delle istituzioni oggi chiamate a comprendere e indirizzare gli sviluppi futuri della Tv digitale. Da sempre protagonista dei principali processi di innovazione tecnologica del Paese, la FUB può vantare tra le proprie attività tecniche e di studio nel campo della trasmissione anche quelle relative ai collegamenti televisivi a grande distanza (in cavo coassiale e in ponte radio). Fin dagli anni 60, FUB ha fornito al Ministero delle Poste e Telecomunicazioni il supporto necessario alla scelta degli standard televisivi (dal bianco e nero, al colore; dalla qualità migliorata al 3D), affermandosi come punto di riferimento a livello internazionale nell area delle metodologie di valutazione della qualità delle immagini televisive. Nell ambito del Consiglio Superiore delle Poste Telecomunicazioni e Automazione, ha coordinato la Commissione incaricata di riferire sulla scelta da effettuare tra il sistema europeo EUROPSAT e quello italiano SARIT per l introduzione in Italia della Tv satellitare. A partire dagli anni 80, di particolare importanza sono state le sperimentazioni effettuate sulla codifica numerica dei segnali e sulla televisione ad alta definizione. Oggi la Fondazione Ugo Bordoni contribuisce attivamente al dibattito sulla diffusione della Tv connessa con studi di scenario e sperimentazioni relative alle opportunità di applicazione della sentiment analysis. Ma molti altri sono gli aspetti sui quali può mettere a disposizione la propria expertise. Sviluppo dell infrastruttura e politiche dello spettro, interoperabilità, sicurezza dei dati personali sono temi che vedono la FUB impegnata in primo piano sia nell ambito di progetti di ricerca europei sia in attività di supporto all amministrazione pubblica. Su questi aspetti la Fondazione gode di un campo di osservazione privilegiato, che le consente di analizzare le strategie elaborate in ambito internazionale e le scelte operate in campo nazionale per presentare piani di intervento concreti ed efficaci. Il nucleo centrale di questo numero è un contributo alla definizione del nuovo fenomeno della Connected Tv, sia da un punto di vista socio-economico, sia dal punto di vista degli scenari tecnologici e dei nuovi modelli di business che essa inaugura. A questo nucleo centrale, fanno da cornice la riflessione sull evoluzione delle politiche dello spettro radio e sul ruolo futuro del servizio pubblico.

4 a Nei numeri precedenti Le frontiere dell intrattenimento domestico Luglio / Agosto / Settembre 2010 (Re)visioni: alcune tracce per interpretare le mutazioni televisive Ottobre 2010 Quanto è larga la banda? Oggi l utente può misurarla Dicembre / Gennaio 2011 Come misurarsi la banda, contestare gli Operatori e vivere felici Febbraio 2011 Qualità e Internet mobile. Le verità nascoste? 1 Marzo 2011 Qualità e Internet mobile. Le verità nascoste? 2 Aprile / Maggio 2011 La sostenibilità energetica non può fare a meno dell ICT Giugno 2011 Registro Pubblico delle Opposizioni: un opportunità per i cittadini e le imprese Luglio / Agosto / Settembre 2011 L opt-out nel telemarketing è sempre più realtà: dal telefono alla posta, con uno sguardo verso Internet Ottobre 2011 PANDORA: l ICT per il Crisis Management Dicembre / Gennaio 2012 Una nuova generazione di sportelli automatici accessibili e usabili da tutti Febbraio 2012 Campi Elettromagnetici 1 Marzo 2012 Campi Elettromagnetici 2 Aprile / Maggio 2012 misurainternet.it Qualità dell accesso ad Internet da postazione fissa Giugno 2012 Qualità del servizio dati in mobilità: alla partenza la prima esperienza regolamentare Luglio / Agosto / Settembre 2012 Loudness: questa pubblicità è troppo forte! Ottobre 2012 Open Government Data: una roadmap tecnica Dicembre / Gennaio 2013 Un social network a misura della terzà età Marzo / Aprile 2013 TV, un futuro già presente 1 Maggio 2013 IL QUADERNO DI TELÈMA È STATO REALIZZATO DALLA FONDAZIONE UGO BORDONI Presidente: Alessandro Luciano Direttore delle Ricerche: Mario Frullone Curatore del Quaderno: Serena Ferrara 8

5 TV, UN FUTURO GIÀ PRESENTE A broadband Ripensare la Tv e l uso dello spettro, fra esigenze locali e strategie internazionali di Mario Frullone Direttore delle Ricerche della Fondazione Ugo Bordoni La convergenza fra i tradizionali servizi di broadcasting e il mondo Internet ha aperto nuovi orizzonti allo sviluppo della televisione digitale. Il modello tradizionale di contenuti distribuiti agli utenti in maniera non diversificata si evolve costantemente verso modalità di fruizione personalizzate dove i contenuti non lineari affiancano sempre di più il broadcasting tradizionale. L accesso a contenuti non lineari richiede comunicazioni bidirezionali impiegate, in un verso, per la distribuzione del contenuto e, nell altro, per consentire l interazione dell utente che può, come minimo, selezionare specifici contenuti o porzioni di essi, decidere quando guardarli e accedere a servizi interattivi. Le tecnologie broadcast e broadband sono utilizzate nel mondo della Tv connessa in maniera complementare, combinando le potenzialità e i vantaggi offerti da entrambe, e proiettando gli scenari di riferimento per la televisione in una dimensione più ampia che passa dalla tipica scala nazionale della televisione al mondo globale di Internet. Si comprendono quindi le ragioni per cui la Tv connessa sia considerata un driver formidabile per lo sviluppo di piattaforme distributive e di accesso ad alta velocità. Il quadro di evoluzione tecnologica della Tv connessa, il ruolo dei diversi attori coinvolti, la competizione tra le varie piattaforme e le potenzialità del mercato aprono, tuttavia, un dibattito non ancora risolto che pone la necessità di un analisi approfondita del contesto globale, con l obiettivo poi di declinarlo opportunamente in riferimento alle specificità che caratterizzano il contesto italiano. Il panorama della televisione in Italia si distingue, infatti, per la pressoché totale assenza dell accesso alla Tv via cavo, a favore invece di una predominanza dell accesso via radio (terrestre o satellitare) che da solo copre il 98% delle abitazioni (Figura 1). Il panorama nazionale è poi fortemente connotato dalla predominanza di contenuti free-to-air (65% del totale contro il 35% della pay Tv al termine del 2011, secondo OFCOM ICMR), con una cospicua presenza di operatori locali. Per quanto riguarda l accesso a Internet è poi noto che ci troviamo a dover colmare un forte ritardo di sviluppo delle reti, maturato nel corso degli anni, con una penetrazione della connettività a banda larga su rete fissa pari al 22,5% sensibilmente inferiore alla media europea del 28,8% e investimenti per le reti di accesso di nuova generazione che stentano a decollare, relegando la presenza di infrastrutture di nuova generazione ad una posizione del tutto residuale (Figura 2). Una delle ragioni principali di questo ritardo risiede di certo nel freno posto allo sviluppo del broadband fisso dall assenza di infrastrutture in cavo, sulle quali poggia invece il 57% delle linee di nuova generazione in Europa (Figura 3). 9

6 a IPTV Analogue terrestrial Digital terrestrial Analogue satellite Digital satellite Analogue cable Digital cable Figura 1. Dotazione di televisione digitale per piattaforma e per Paese al termine del 2011, espressa in termini percentuali rispetto alle abitazioni. Fonte: OFCOM ICMR 2012 L Italia rimane, all opposto, tra i Paesi con una più alta penetrazione di connessioni radiomobili ad alta capacità, con reti 3G in tecnologia HSPA disponibili al 96,5% della popolazione (96,3 in Europa) e un tasso di sottoscrizione ben superiore alla media comunitaria (14,3% di sottoscrizioni riferite alla popolazione in Italia contro il 9% europeo) e stiamo oggi assistendo all avvio delle reti 4G LTE (DAE Scoreboard). Le posizioni italiane di fanalino di coda in Europa circa la penetrazione e la velocità delle connessioni possono costituire un elemento notevolmente frenante per la progressiva introduzione e lo sviluppo dei servizi di Tv connessa e possono impedire di intercettare le opportunità di sviluppo delle reti che questi stessi servizi offrono. È perciò necessario maturare a livello nazionale una più ampia consapevolezza delle opportunità e degli effetti della Tv connessa sul panorama di sviluppo delle reti nel prossimo futuro, così da consentire a tutte le diverse piattaforme di cogliere le opportunità di apertura del mercato, evitando rischi di chiusura. Le cifre portano ad osservare che le diverse infrastrutture e piattaforme presenti in Italia (digitale terrestre, digitale satellitare, cavo, reti radiomobili) sono contraddistinte da differente penetrazione e offerta di capacità trasmissiva. Tale disparità può potenzialmente condurre a posizioni di vantaggio rispetto al futuro sviluppo della Tv connessa, e, in assenza di politiche adeguate, può tradursi in un freno allo sviluppo di alcune infrastrutture/piattaforme. La definizione di politiche opportune richiede la corretta conoscenza dello stato di penetrazione e dell offerta in termini di capacità trasmissiva delle diverse piattaforme per osservare, analizzare e comprendere le potenzialità del mercato della Tv connessa. Queste considerazioni devono essere tenute in conto in un momento in cui l Italia si trova a prendere importanti decisioni sul futuro della banda larga, nel quadro delle decisioni prese di recente in ambito europeo ed internazionale in materia di spettro. Nel 2012, infatti, la Conferenza delle Radiocomunicazioni del 2012 (WRC-12) ha stabilito che la banda a 700 MHz ( MHz) sarà destinata al servizio mobile, accanto al broadcasting, con effetto immediato dopo la successiva Conferenza del 2015 (WRC-15). Nella preparazione della WRC-15 è stata formulata la duplice richiesta di affrontare il tema della necessità di spettro aggiuntivo per i sistemi mobili, considerando le bande potenzialmente candidate a tale scopo, e di stabilire le modalità tecniche di impiego per la banda a 700 MHz per il servizio mobile, compresa la definizione della canalizzazione opportuna, alla luce dell elevato valore riconosciuto all uso armonizzato a livello globale. Un ulteriore spinta verso l evoluzione dell uso delle frequenze viene poi dal Programma pluriennale euro La definizione del limite inferiore della banda è fissato provvisoriamente a 694 MHz, ma può essere soggetto a leggere modifiche in fase di preparazione dei lavori per la Conferenza Mondiale delle Radiocomunicazioni del 2015.

7 TV, UN FUTURO GIÀ PRESENTE A NGA broadband Basic broadband Figura 2. Penetrazione delle connessioni a banda larga ad alta velocità nei diversi Paesi europei al gennaio Le connessioni sono distinte per connettività base e per reti di accesso di nuova generazione NGA che comprendono VDLS, cavo e reti in fibra. Fonte: DAE Scoreboard peo per le politiche dello spettro radio (RSPP), adottato dalla Commissione Europea con la Decisione n. 243 del marzo La Decisione europea, che ha naturalmente carattere cogente per gli Stati Membri, impone diverse azioni, tra le quali l identificazione di 1200 MHz per soddisfare la crescente domanda di banda da parte del traffico dati wireless, e richiede anche di assicurare spettro in quantità sufficiente per fornire servizi audiovisivi su piattaforma terrestre. Infine, il Mandato adottato dalla Commissione Europea nel febbraio del 2013, finalizzato alla definizione di condizioni tecniche armonizzate per la banda a 700 MHz, richiama esplicitamente l opportunità di sviluppare una visione di lungo periodo per l uso dell intera banda UHF attualmente allocata ai servizi di broadcasting televisivo, considerando gli sviluppi futuri della televisione digitale terrestre, il loro valore sociale e la possibile convergenza del servizio broadcasting e delle comunicazioni wireless a banda larga per la fornitura di voce, dati e servizi audiovisivi. Si tratta quindi di un quadro in grande evoluzione, in cui la realtà italiana si colloca e si distingue per molti aspetti. I Paesi europei, infatti, stanno assumendo diversi atteggiamenti rispetto al futuro dell uso dello spettro: alcuni di essi hanno preso in considerazione la possibilità di abbandonare la televisione digitale terrestre, altri invece, riconoscendo una convergenza tra broadcasting e comunicazioni radio a banda larga per la fornitura di servizi audiovisivi lineari e non lineari, ritengono le diverse piattaforme complementari e, per questo, meritevoli di essere mantenute entrambe nel prossimo futuro. Le strategie nazionali sono quindi spesso difformi e a volte non ancora del tutto definite. Dunque si rileva la necessità di contribuire alla definizione di una strategia comunitaria che accolga, per quanto possibile, le esigenze dei vari Paesi. In altre parole, in un contesto in cui le decisioni vengono prese ad un livello sempre più globale, è necessario identificare chiaramente strategie nazionali di medio-lungo periodo e promuoverle opportunamente nelle sedi comunitarie e internazionali preposte. Questo costituisce non solo una generale buona pratica, ma diviene un azione indispensabile per una partecipazione attiva ai processi decisionali in merito a strategie sovranazionali che interessano settori industriali economicamente e socialmente importanti per l Italia come le comunicazioni mobili e la televisione. Esiste quindi la necessità di definire una strategia nazionale di medio-lungo periodo sullo sviluppo delle reti a banda larga e sull uso dello spettro oggi impiegato per il servizio televisivo digitale terrestre. Recentemente il Presidente francese François Hollande ha annunciato l intenzione di mettere all asta molte frequenze DTT nella banda 700 MHz per operatori telefonici al fine di estendere la disponibilità 11

8 a 4g, dtt hd ultra hd vdsl FTTH FTTB Cable Other NGA Figura 3. Tecnologie per le reti di accesso di nuova generazione NGA in Europa al gennaio Fonte: DAE Scoreboard di servizi 4G a tutto il territorio francese. Tale azione renderebbe al governo francese qualcosa come Euro da destinare al Ministero della Difesa per aiutarla a finalizzare il suo bilancio. Secondo il quotidiano Les Echos, l asta delle frequenze potrebbe avvenire entro il Tuttavia, il piano ha provocato la reazione negativa dei canali DTT francesi. L impatto, infatti, sarebbe devastante sul settore, in quanto impedirebbe l evoluzione verso il DTT HD e Ultra HD (4K). A quanto pare, Hollande ha preso la decisione senza discutere il progetto con il Primo Ministro francese, con i Ministeri della Cultura e delle Comunicazioni o con l Autorità di regolazione competente in materia televisiva. Preoccupati dall eventualità di perdere frequenze audiovisive chiave e dalla minaccia di non essere in grado di crescere ulteriormente, i canali DTT francesi si stanno mobilitando. Secondo Satellifax, hanno iniziato un azione di lobby nei confronti del Primo Ministro Jean-Marc Ayrault per la reiezione del progetto. La vicenda francese mostra come decisioni di questo tipo non possano essere assunte all improvviso, e per esigenze di cassa. Si tratta infatti di misure che, anche se condivisibili nella sostanza, andrebbero inserite per tempo in una più ampia strategia di politica industriale, e dunque previa attenta considerazione delle disponibilità economiche degli operatori cui s intende vendere le frequenze, ma anche delle possibili conseguenze sul settore televisivo che ne viene privato. Ciò vale in misura maggiore nel contesto italiano, caratterizzato dalla presenza delle emittenti locali, anch esse migrate alla piattaforma digitale terrestre, e alla vigilia della disponibilità commerciale del DVB-T2 e dello standard HEVC. Infine, non va trascurato l effetto di tali annunci sul futuro della banda larga, dal momento che tali scelte contribuiscono a spostare l attenzione degli operatori sul wireless, rendendo sempre meno remunerativi gli investimenti in infrastruttura. È ipotesi ricorrente negli articoli di questo numero che proprio la Tv connessa, ovvero l incontro tra il mondo broadcast e il mondo Internet, possa essere uno dei principali driver potenziali allo sviluppo della banda larga. RIFERIMENTI 1. OFCOM, International Communications Market Report 2012, 13 dicembre Digital Agenda Scoreboard 2013, 12 giugno 2013 https://ec.europa.eu/digital-agenda/sites/digital-agenda/files/dae%20sco- REBOARD%202013%20-%20SWD%202013%20217%20FINAL.pdf 12

9 TV, UN FUTURO GIÀ PRESENTE A Il futuro della Rai Come cambia il ruolo del servizio pubblico di Ruben Razzante Docente di Diritto dell informazione e della comunicazione all Università Cattolica di Milano e alla Lumsa di Roma e consigliere d amministrazione della Fondazione Ugo Bordoni Ogni volta che si parla di riforma della Rai, il dibattito tra gli addetti ai lavori e nell opinione pubblica scivola lungo la china della depoliticizzazione o departitizzazione della governance Rai, intesa come necessaria emancipazione della Tv pubblica dalle logiche spartitorie che da decenni la dominano. La Rai riceve gli indirizzi dalla Commissione parlamentare bicamerale di vigilanza, che, al pari del consiglio d amministrazione e del direttore generale, è espressione degli schieramenti politici. Il Ministero del Tesoro è azionista Rai al 99% e quindi risulta alquanto illusorio, stante l attuale modello di governance, immaginare un arretramento dei condizionamenti partitici sulla Tv pubblica. Tuttavia, non bisogna qualunquisticamente bollare come inopportune e screditanti le nomine fatte dalla politica. Succede anche che gli accordi tra le forze politiche partoriscano designazioni eccellenti e di qualità, sia tra i dirigenti che tra i manager che tra i direttori, conduttori e giornalisti del servizio pubblico. Il metodo è in astratto non meritocratico e non democratico, ma a volte il risultato è migliore di quello temuto. Fatto sta che gli esempi d oltreconfine evidenziano l inadeguatezza del servizio pubblico televisivo italiano, impoverito dai cospicui tagli di bilancio che hanno sottratto ingenti risorse agli investimenti su prodotto e contenuti. Il modello di riferimento per una riforma del servizio pubblico radiotelevisivo resta, a sommesso avviso di chi scrive, la BBC, la più grande azienda radiotelevisiva del mondo. La politica non interferisce in alcun modo con le scelte di governance della Tv pubblica inglese, che ha organi decisionali non di nomina governativa. Nel BBC trust, che vigila sull imparzialità delle trasmissioni, entrano 12 membri nominati dalla Regina, che però può farsi consigliare dal Parlamento. La Tv pubblica non ospita spot e si alimenta quasi esclusivamente con il canone. Nel risanamento dei conti delle aziende pubbliche, le due tendenze, peraltro sinergiche, sono quelle al taglio dei costi e alla privatizzazione di porzioni minoritarie di rami d azienda, per consentire l ingresso di capitali privati. La legge Gasparri n.112 del 3 maggio 2004 prevede la privatizzazione della Rai, con la permanenza del 51% dell azienda in mano pubblica. Perché non costituire un tavolo congiunto Mise-Rai per attuare quell ipotesi? Nel resto d Europa (in Norvegia, ad esempio) esistono forme consortili a gestione mista pubblico-privato che garantiscono la transizione alle nuove piattaforme trasmissive e la copertura dei costi dell innovazione tecnologica, senza compromettere 13

10 a bbc rai il carattere pubblico della programmazione radiotelevisiva. Anche in molti altri Stati europei, soprattutto in Danimarca e Portogallo, il dibattito sulla privatizzazione della Tv pubblica è molto acceso. Sul versante dei costi, allora, perché non prendere esempio dall Inghilterra? Il governo londinese ha minacciato la BBC di tagliare i fondi ad essa destinati, se non verranno ridotti i compensi alle star (conduttori, show-girl, ecc.) che vi lavorano. Nel guinness delle retribuzioni, si registrano compensi record e assolutamente fuori mercato. In Italia c è una situazione analoga. Perché non ripartire da qui anche in Italia? Timidi segnali ci sono stati, ma occorre forse fare di più. La qualità della nostra Tv pubblica è scarsa. Lo pensa la maggioranza dei cittadini (tutti i sondaggi dicono questo, anche l ultimo Rapporto Censis sull informazione). Già nella Relazione annuale del 2008, l ex Presidente dell Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Corrado Calabrò, denunciò un omologazione al ribasso che sbiadisce la missione del servizio pubblico e colloca la nostra televisione al di sotto di altre televisioni europee e citò l esempio della BBC che fornisce a tutto il mondo (Italia compresa) interessanti documentari scientifici, storici, geografici, e, più in generale, realizza prodotti di valido contenuto culturale con destinazione mirata. Calabrò in quella sede dichiarò altresì che l elevazione della qualità del servizio pubblico radiotelevisivo resterebbe lettera morta se non permeasse il convincimento della stessa Rai la quale ha risorse professionali per tradurla in atto. Il riferimento esplicito era alla ricchezza di contenuti che la Rai ha già a disposizione, anche attraverso il suo archivio, pezzo fondamentale della nostra storia. Perché non ripartire da una seria rivalutazione e riqualificazione delle risorse umane e materiali esistenti in Rai? Anche su questo punto l attuale governance sta facendo meno di quanto potrebbe. Negli ultimi anni si sta lavorando alla semplificazione del reticolo di norme amministrativo-contabili che imbriglia la Tv pubblica anche per coniugare il carattere imprenditoriale della governance con il perseguimento degli obiettivi di fondo di un servizio pubblico. Sul modello di altre nazioni, il servizio pubblico radiotelevisivo (public service broadcasting) dev essere sempre più orientato alla soddisfazione dell utenza (customer orientation). Anche su questo versante, la direzione verso cui tendere è quella inglese. Ad ogni inizio di stagione radiotelevisiva, la BBC redige il Rapporto delle promesse agli utenti, che contiene i programmi da trasmettere, gli standard editoriali adottati, le modalità di consultazione e di risposta agli utenti, i parametri di qualità. Tali parametri riguardano l effettiva universalità del servizio (concetto di democrazia dell informazione, rivolta a tutti e nell interesse di tutti), il rispetto degli standard di qualità (equità, imparzialità, puntualità, esattezza e correttezza 14

CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV

CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV CONFINDUSTRIA RADIO TELEVISIONI Operatori di Rete DTT associati in CRTV Commissione IX Trasporti, Poste e Telecomunicazioni CAMERA dei DEPUTATI Atti dell'unione europea. Proposta di decisione del Parlamento

Dettagli

La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer

La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer La televisione digitale: una nuova realtà per i sordi? A cura di Giulio Scotto di Carlo Senior Software Engineer Abstract Illustrazione nuove possibilità di utilizzare la televisione digitale come uno

Dettagli

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni

Guido Salerno Aletta. Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Dalla televisione digitale di prima generazione alla Ip-TV Guido Salerno Aletta Direttore Generale Fondazione Ugo Bordoni Il passaggio al digitale nella telefonia mobile e nella televisione inizia dal

Dettagli

Sintesi 30 Gennaio 2014 RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI EU 2020 DELLA BANDA LARGA IN ITALIA: PROSPETTIVE E SFIDE

Sintesi 30 Gennaio 2014 RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI EU 2020 DELLA BANDA LARGA IN ITALIA: PROSPETTIVE E SFIDE RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI EU 2020 DELLA BANDA LARGA IN ITALIA: PROSPETTIVE E SFIDE Introduzione A Novembre del 2013 il Presidente Letta ha incaricato il Commissario di Governo per l attuazione dell Agenda

Dettagli

La tv digitale: innovazione ed economia

La tv digitale: innovazione ed economia La tv digitale: innovazione ed economia Giuseppe Richeri Università della Svizzera Italiana, Lugano Il processo d innovazione in atto L applicazione delle tecniche digitali ai mezzi di comunicazione oggi

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1931 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VITA, DI GIOVAN PAOLO, VIMERCATI e ZANDA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 14 DICEMBRE 2009 Misure per favorire la

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza.

Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Allegato B alla delibera n. 93/13/CONS Documento di consultazione per l indagine conoscitiva sulla Televisione 2.0 nell era della convergenza. Premessa In Italia, con il recente switch-off della televisione

Dettagli

WORKSHOP AERANTI-CORALLO 13 MAGGIO 2004. Sintesi della relazione dell avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO e presidente AERANTI

WORKSHOP AERANTI-CORALLO 13 MAGGIO 2004. Sintesi della relazione dell avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO e presidente AERANTI WORKSHOP AERANTI-CORALLO 13 MAGGIO 2004 Sintesi della relazione dell avv. Marco Rossignoli, coordinatore AERANTI-CORALLO e presidente AERANTI Problematiche normative relative ai fornitori di contenuti

Dettagli

La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane

La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane 1 semestre 2005 Primo rapporto semestrale sulla penetrazione della tv digitale. Le fonti: dichiarazioni

Dettagli

PA e Web: evoluzione e tendenze

PA e Web: evoluzione e tendenze Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA PA e Web: evoluzione e tendenze Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA Diritti: Dipartimento

Dettagli

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it

IPTV. Video Services. Fondazione Ugo Bordoni 2007 Tutti i diritti riservati http:// www.fub.it email: redazioneweb@fub.it IPTV IPTV, o Internet Protocol Television è il generico acronimo per una serie di sistemi con i quali i segnali televisivi, o genericamente i contenuti video, sono distribuiti agli utenti utilizzando tecnologie

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

DELLE!SCUOLE!MEDIE!E!DELLE!UNIVERSITA! IN#COLLABORAZIONE#CON! CON#IL#PATROCINO#DI! ****************!!

DELLE!SCUOLE!MEDIE!E!DELLE!UNIVERSITA! IN#COLLABORAZIONE#CON! CON#IL#PATROCINO#DI! ****************!! UNANUOVACARTAD'IDENTITÀPERLARAI CONCORSONAZIONALERIVOLTOAGLISTUDENTI DELLESCUOLEMEDIEEDELLEUNIVERSITA INCOLLABORAZIONECON MINISTERODELL'ISTRUZIONE,DELL'UNIVERSITÀERICERCA CONILPATROCINODI EUROPEANBROADCASTINGUNION(EBU)

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

Siena, 5 dicembre 2005. La Televisione Digitale Terrestre. Tecnologie e Servizi. Opportunità e Prodotti.

Siena, 5 dicembre 2005. La Televisione Digitale Terrestre. Tecnologie e Servizi. Opportunità e Prodotti. Siena, 5 dicembre 2005 La Televisione Digitale Terrestre. Tecnologie e Servizi. Opportunità e Prodotti. Giuseppe Burschtein Vice Presidente Fondazione Sistema Toscana La missione della Fondazione La Fondazione

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO Camera dei Deputati 1 Senato della Repubblica CAMERA DEI DEPUTATI Doc. XII N. 595 RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO APPROVATA NELLA SEDUTA DI GIOVEDÌ 3 MAGGIO 2001 Risoluzione del Parlamento europeo sull

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli

Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Facoltà di Giurisprudenza DOTTORATO DI RICERCA IN DIRITTO DEGLI AFFARI XXIII CICLO Gli obblighi giuridici di condivisione delle infrastrutture

Dettagli

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Open Data, opportunità per le imprese. Ennio Lucarelli. Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Open Data, opportunità per le imprese Ennio Lucarelli Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Prendo spunto da un paragrafo tratto dall Agenda nazionale per la Valorizzazione del Patrimonio

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

IL VALORE DELLE PREDISPOSIZIONI NEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI

IL VALORE DELLE PREDISPOSIZIONI NEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI IL VALORE DELLE PREDISPOSIZIONI NEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI Relatore: dott. ing. Oscar Trevisan (membro CEI Confartigianato Imprese) NUOVE TECNOLOGIE IMPIANTISTICHE Home e Building automation Spesso, tale

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Risoluzione in commissione n. 7/00574 in tema di reti di impresa Roma, 7

Dettagli

Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale

Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale Europäische Hochschulschriften - Reihe XL 91 Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale von Benedetta Prario 1. Auflage Le trasformazioni dell impresa televisiva verso l era digitale

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7

COGENIAapprofondimenti. Il progetto di quotazione in borsa. Pagina 1 di 7 Il progetto di quotazione in borsa Pagina 1 di 7 PREMESSA Il documento che segue è stato realizzato avendo quali destinatari privilegiati la Direzione Generale o il responsabile Amministrazione e Finanza.

Dettagli

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre?

Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Che cos è la Televisione Digitale Terrestre? Il digitale terrestre, la cui sigla è DTT, è il nuovo sistema che sarà utilizzato per diffondere il segnale televisivo e che adotta la tecnica digitale, simile

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET NELLE SCUOLE GUARDIAMOCI ATTORNO PRIMAVERA MULTIMEDIALE A ciascuno il suo punto di vista Alla scuola nel suo complesso con la varietà di ruoli Alla società

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

PROF. ANGELO MARCELLO CARDANI

PROF. ANGELO MARCELLO CARDANI SENATO DELLA REPUBBLICA 1ª COMMISSIONE (Affari Costituzionali) AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PROF. ANGELO MARCELLO CARDANI TESTO BASE DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre. I contenuti interattivi per la nuova televisione

Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre. I contenuti interattivi per la nuova televisione Forum Europeo sulla televisione digitale terrestre Lucca, 10 Giugno 2005 I contenuti interattivi per la nuova televisione Benedetto Habib Amministratore delegato My-tv Spa Indice -Verso il digitale - I

Dettagli

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa Sommario Indice 1 Internet 1 1.1 Reti di computer........................... 1 1.2 Mezzo di comunicazione di massa - Mass media.......... 2 1.3 Servizi presenti su Internet - Word Wide Web........... 3

Dettagli

WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO

WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO WORKSHOP DAY DEL RADIOTV FORUM DI AERANTI-CORALLO Relazione introduttiva dell avv. Marco Rossignoli Coordinatore di Aeranti-Corallo e Presidente Aeranti Milano 3 novembre 2009 Il passaggio al digitale

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

Koinè Consulting. Profilo aziendale

Koinè Consulting. Profilo aziendale Koinè Consulting Profilo aziendale Koinè Consulting è una società cooperativa a responsabilità limitata che svolge attività di consulenza e servizi alle imprese, avvalendosi di competenze interne in materia

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

L Alta Definizione nel salotto di casa Istruzioni per l uso

L Alta Definizione nel salotto di casa Istruzioni per l uso L Alta Definizione nel salotto di casa Istruzioni per l uso Luigi Rocchi Direttore, Strategie Tecnologiche RAI CEI & HD Forum Italia Ricevere, vedere ed ascoltare l alta definizione a casa 19 marzo 2009

Dettagli

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016

Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Evento Smart Cities and Communities -Milano 5 aprile 2016 Esperienze di successo e prospettive future Olivia Postorino AdG POR FESR 2007-2013 Un contesto in evoluzione : il ruolo delle Smart Cities Un

Dettagli

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta

IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA. Manuela Giaretta IL NODO DEI PAGAMENTI NELL ESPERIENZA DI REGIONE LOMBARDIA Manuela Giaretta 23 gennaio 2014 Strumenti elettronici di pagamento Regione Lombardia è stata tra le prime Regioni ad introdurre l ordinativo

Dettagli

(All) Digital Monitor

(All) Digital Monitor (All) Digital Monitor 1 Trend TV Digitale Il rilevamento del Digital Monitor effettuato fra Febbraio e Marzo del 2013 fotografa una fase ormai matura della digitalizzazione televisiva, con le ultime tappe

Dettagli

Misura 321 Azione 4 Reti tecnologiche di informazione e comunicazione (ICT)

Misura 321 Azione 4 Reti tecnologiche di informazione e comunicazione (ICT) Misura 321 Motivazioni dell intervento Nel panorama regionale esistono alcune aree, soprattutto quelle più marginali, dove la copertura di banda larga non è ancora presente, o in larga parte insufficiente

Dettagli

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE Camera dei deputati LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE INCONTRO CON LA STAMPA PARLAMENTARE Sala del Mappamondo 20 dicembre 2012 INDICE Introduzione....3 Il sito Internet...4 La rassegna stampa...4 La Web tv...5

Dettagli

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA -

AUDIZIONE DI FIMI - FEDERAZIONE DELL INDUSTRIA MUSICALE ITALIANA - Camera dei Deputati IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni Indagine conoscitiva sull assetto e sulle prospettive delle nuove reti del sistema delle comunicazioni elettroniche AUDIZIONE DI

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Banda ultralarga: 6 miliardi per il nuovo piano

Banda ultralarga: 6 miliardi per il nuovo piano Banda ultralarga: 6 miliardi per il nuovo piano - 5 marzo 2015 - Il Consiglio dei Ministri ha approvato la Strategia italiana per la banda ultralarga e per la crescita digitale 2014-2020. Le due strategie

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato.

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Decreto legislativo 15 novembre 2000, n. 373 OBIETTIVO Armonizzazione delle

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo

Essere leader nella Green Economy. Percorso formativo Essere leader nella Green Economy Percorso formativo L urgenza di innovare il modello produttivo e di mercato che ha causato la crisi economica e ambientale che stiamo vivendo, sta aprendo spazi sempre

Dettagli

Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide

Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide Rapporto alla Presidenza del Consiglio Commissario Francesco Caio Team Esperti: Scott Marcus & Gerard Pogorel Roma,

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta

Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta Mutate esigenze dei clienti Nuove offerte della Posta Intervento di Susanne Ruoff Direttrice generale della Posta Svizzera 10 giugno 2013 FA FEDE IL DISCORSO EFFETTIVAMENTE PRONUNCIATO Gentili Signore,

Dettagli

DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA

DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA DELIBERA N. 93/13/CONS AVVIO DI UN INDAGINE CONOSCITIVA IN VISTA DELLA REDAZIONE DI UN LIBRO BIANCO SULLA TELEVISIONE 2.0 NELL ERA DELLA CONVERGENZA L AUTORITÀ NELLA riunione del Consiglio del 6 febbraio

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

Il servizio pubblico Informazioni per gli insegnanti

Il servizio pubblico Informazioni per gli insegnanti Informazioni per gli insegnanti 1/8 Compito Per guardare la TV e ascoltare la radio bisogna pagare. Svolgendo una serie di compiti diversi gli alunni imparano che cosa si intende con il termine «servizio

Dettagli

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future INTERGRUPPO PARLAMENTARE SUL TERZO SETTORE Roma, 31 luglio 2013 ore 10:00-13:00 Sala delle Colonne Via Poli, 19 Seminario Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future Il contributo di ASC

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI GUIDA AL DIGITALE TERRESTRE in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI LA TELEVISIONE DIGITALE Come già accaduto per la telefonia mobile e per Internet le reti di comunicazione stanno gradualmente

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI

AL DIGITALE TERRESTRE. in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI GUIDA AL DIGITALE TERRESTRE in Emilia-Romagna INTRODUZIONE PER I MENO ESPERTI LA TELEVISIONE DIGITALE Come già accaduto per la telefonia mobile e per Internet le reti di comunicazione stanno gradualmente

Dettagli

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane.

La comunicazione istituzionale rappresenta, da oltre un decennio, un tema di rilevante interesse per le amministrazioni pubbliche italiane. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 1 SETTORE AMMINISTRAZIONE GENERALE P R O G E T T O UFFICIO STAMPA E SUPPORTO UFFICIO COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE DELLA PROVINCIA DI BRINDISI 1 MOTIVAZIONI La funzione

Dettagli

Offerta Televisiva. Generalità

Offerta Televisiva. Generalità Offerta Televisiva Generalità Quadro Generale Cambiamenti a livello delle filiera televisiva Accanto alla tradizionale modalità di diffusione terrestre (satellitare, TV via cavo,...) l offerta di contenuti

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Rivoluzione HR. human resource revolution

Rivoluzione HR. human resource revolution Rivoluzione HR human resource revolution L a tecnologia sta modificando le abitudini e lo stile di vita delle persone ma, nel nuovo mondo che verrà sarà il loro modo di pensare che dovrà cambiare. Ogni

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Programmi di Attività 2012

Programmi di Attività 2012 Programmi di Attività 2012 Gabinetto di Presidenza Servizio Informazione e comunicazione istituzionale Assemblea Legislativa 1 GABINETTO DI PRESIDENZA... 4 ATTIVITÀ DI RACCORDO FRA GIUNTA E ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese

Gli Internet Provider e le Piccole e Medie Imprese di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Torniamo dopo un anno a parlare del ruolo degli Internet Provider nella catena del valore delle piccole e medie imprese, per verificare se e quanto le aziende italiane

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento

Scenari di sviluppo e innovazione nelle forme e nei sistemi di pagamento CeTIF Competence Centre 2008 Scenari di Sviluppo e innovazione CETIF Centro di Ricerca su Tecnologie, Innovazione e servizi Finanziari Dipartimento di Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale Università

Dettagli

NGN & WIFI PROMOSSI DALLA PA

NGN & WIFI PROMOSSI DALLA PA Il Trentino Territorio d innovazione Mario Groff mario.groff@trentinonetwork.it L infrastrutturazione in larga banda ed in fibra ottica sono elementi abilitanti allo sviluppo imprenditoriale, dei servizi

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Sistemi tecnologici e modelli della Connected tv

Sistemi tecnologici e modelli della Connected tv Sistemi tecnologici e modelli della Connected tv Alberto Marinelli Teoria e tecniche della comunicazione e dei nuovi media A.A. 2013/ 2014 Parte terza UN NUOVO AMBIENTE DI SINTESI: LA CONNECTED TELEVISION

Dettagli

Memorandum Of Understanding. Italia Digitale. Sviluppo dell infrastruttura per Reti a Banda Ultra Larga

Memorandum Of Understanding. Italia Digitale. Sviluppo dell infrastruttura per Reti a Banda Ultra Larga Memorandum Of Understanding Italia Digitale Sviluppo dell infrastruttura per Reti a Banda Ultra Larga 1 Oggetto Il presente Memorandum of Understanding (nel seguito MOU ) ha come oggetto la definizione

Dettagli