Pubblica Amministrazione. Osservatorio OCAP. Innovazione e Agenda Digitale. Maria Cucciniello e Greta Nasi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblica Amministrazione. Osservatorio OCAP. Innovazione e Agenda Digitale. Maria Cucciniello e Greta Nasi 20.02.2014"

Transcript

1 Pubblica Amministrazione Osservatorio OCAP Innovazione e Agenda Digitale Maria Cucciniello e Greta Nasi

2 Agenda Inquadramento del tema: le promesse dell agenda digitale L attuazione in Italia: alcuni dati macro Innovazione e agenda digitale a livello locale Elementi di attenzione e criticità Le nostre proposte 2

3 Inquadramento del tema: le promesse dell agenda digitale 3

4 Identità digitale Ricerca, innovazione e Comunità Intelligenti PA digitale e open data L Agenda Digitale si focalizza su 7 macro aree principali Giustizia digitale Istruzione digitale Divario digitale e pagamenti elettronici Sanità digitale

5 Migliorare la produttività 5

6 Promuovere la misurazione dei risultati Migliori performance aziendali 6

7 Promuovere l accountability

8 Aumentare la soddisfazione dei cittadini

9 Ridurre la corruzione Canada: 9 posto Italia: 72 posto Brasile: 69 posto Somalia: 174 posto Nuova Zelanda 1 posto Fonte: Transparency International Corruption Index 2012

10 L attuazione in Italia: alcuni dati macro 10

11 Indicatori attuazione e-government: confronto Italia-EU Uso dei servizi di e-procurement 13% 9% Aziende che riempono moduli dei servizi e- government 58% 74% Utilizzo dei servizi e-government 88% 85% Media UE Italia Cittadini che riempono moduli dei servizi e- government, ultimi 12 mesi 21% 10% Cittadini che utlizzano i servizi dell' e-government, ultimi 12 mesi 21% 41% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Fonte: Commissione Europea, Digital Agenda Commission

12 Diffusione internet e uso strumenti tecnologici: confronto Italia-EU Siti visitati dotati di protocollo ipv6 5% 2% Individui che non hanno mai utilizzato Internet 21% 34% Utilizzatori di tablet o laptop per accedere ad internet (%di individui) 13% 24% Utilizzatori di Internet (% di utilizzatori frequenti: almeno 1 volta al giorno negli ultimi 3 mesi) Utilizzatori di Internet con almeno un fattore di svantaggio (% di utilizzatori regolari: almeno 1 volta a settimana negli ultimi 3 mesi) 42% 62% 54% 57% Media UE Italia Utilizzatori di Internet (% di utilizzatori regolari: almeno 1 volta a settimana negli ultimi 3 mesi) 56% 72% Abitazioni con accesso ad Internet 69% 79% Fonte: Commissione Europea, Digital Agenda Commission % 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 12

13 Focus Enti Locali: stato sistemi informativi aziendali Valori % Principali processi informatizzati Processi meno informatizzati Fonte: Istat Rilevazione sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nelle pubbliche amministrazioni locali - Anno 2012

14 Focus Enti Locali: stato servizi on-line Servizi più diffusi Livelli di interattività PAL che utilizzano tecnologia mobile (SMS) nei rapporti con l'utenza Accesso alle delibere 10,2% 15,5% 2 Bandi/concorsi Monitoraggio dell'utilizzo dei servizi offerti sul sito 28,9% 34,5% 2 Bandi/gare PAL con sito web che consente il pagamento online 13% 16,3% 2 Avvio e conclusione per via telematica dell'intero iter Tasse e relativo tributi al servizio richiesto 7,6% 19,1% Cultura/turismo Inoltro on line della modulistica 15,6% 1 36,7% 2012 Servizi anagrafici Acquisizione (download) di modulistica 2 67,8% 75,9% SCIA (ex DIA) Visualizzazione e/o acquisizione di informazioni 2 89,8% 90,5% Lavori pubblici PAL con sito web 2 91,3% 99,4% Fonte: Assinform Fonte: Istat Politiche Rilevazione comunitarie sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione 2 nelle pubbliche / amministrazioni locali - Anno 2012 NetConsulting

15 Focus sanità: stato sistemi informativi e priorità di investimento per il 2014 Area Territoriale Area Amministrativa 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Area Direzionale MEDIA STATO SISTEMA INFORMATIVO PRIORITA' MEDIA DI INVESTIMENTO Telemedicina Area Clinica-ospedaliera Gestione delle relazioni con stakeholder Fonte: CERGAS ehealth research programme 2014

16 Innovazione e agenda digitale a livello locale 16

17 Vision, policy e strategia Nazionale Definisce la politica per l agenda digitale in ottica politica Può coordinare (almeno in parte) i fondi per l attuazione Esiste (almeno) una istituzione incaricata di governarla Definisce macro obiettivi Regionale Declina le politiche per l agenda digitale rispetto a priorità e specificità territoriali Può coordinare programmi di innovazione Può definire framework per monitorare e valutare gli effetti Locale Definisce obiettivi strategici rispetto all organizzazione e i relativi piani attuativi Alloca risorse e implementa progetti inter ed intraorganizzativi Può valutare il contributo alla performance organizzativa e il ritorno dell investimento in innovazione tecnologica 17

18 Strategia: dalla vision all attuazione - la logica Obiettivi strategici Vision Piano pluriennale Programmazione operativa Piano operativo t1 Piano operativo t2 Piano operativo t. Programmazione finanziaria Budget t1 Budget t2 Budget t. Monitoraggio e valutazione

19 Strategia: dalla vision all attuazione - la logica Obiettivi strategici Vision Piano pluriennale Programmazione operativa Piano operativo t1 Programmazione finanziaria Budget t2. Monitoraggio e valutazione

20 Risorse umane: personale dedicato all innovazione e agenda digitale nella PAL Nord-ovest 2,0 1,8 Italia 1,5 1,6 1,4 1,2 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 0,0 1,3 1,6 Nord-est Mezzogiorno 1,3 1,7 Centro Fonte: Istat Rilevazione sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nelle pubbliche amministrazioni locali - Anno 2011 (Rielaborazione) 20

21 Risorse umane: competenze e background nella PAL 30% Formazione in ambito tecnico ed informatico 70% Formazione ed esperienza in campo tecnico e manageriale Fonte: SDA Bocconi

22 Comunicazione organizzativa Un automobilista, a un certo punto, capisce di essersi perso, si ferma e chiede ad una passante: Ho promesso ad un amico di incontrarlo alle due, credo di essere in ritardo e non so dove mi trovo!? La passante risponde: Non c è problema, sono le 13,33 e lei si trova tra 40 e 42 latitudine Nord e tra 58 e 60 longitudine Ovest L automobilista risponde: lei dev essere senz altro un Informatica La passante sorpresa: Come ha fatto a capirlo L automobilista: Perché ciò che ha detto è tecnicamente esatto, mi sta dando informazioni particolarmente dettagliate ma di nessuna utilità La passante: lei dev essere senz altro un Manager L automobilista sorpreso: Come ha fatto a capirlo Distorsione cognitiva e comunicativa La passante: Ha fatto una promessa che non sa assolutamente come mantenere, non sa dove si trova e dove deve andare ed ora spera che un altro le risolva il problema

23 Struttura organizzativa: Collocazione Ufficio Sistemi Informativi 32,62 % Vicesindaco Sindaco Giunta Assessorato... Assessorato... DIR SI Direzione SI DG Assessorato... 19,83 % 18,10% 28,45 % DIREZIONE 1 DIREZIONE 2 DIREZIONE SI Ufficio SI

24 Risorse economiche: la spesa della PAL (valori in migliaia di euro) -1.8% -1.8% -1.3% -3.3% -3.6% -1.9% -0.9% -2.8% -1.5% -2.0% -2.8% -0.8% ICT IT TLC -3.0% -0.5% -1.2% -5.0% -4.7% -3.4% P Fonte: Dati Assinform 2012 (Rielaborazione)

25 Risorse economiche: percentuale di bilancio innovazioni tecnologiche 31,25% 9,38% 53,13% Fino allo 0,5% Oltre il 2,5% Fino al 2,5% Fino al 2% Fino all'1,5% Fino all'1% 3,13% 1,04% 2,08% Fonte: SDA Bocconi

26 Elementi di attenzione e criticità 27

27 Innovazione e agenda digitale a livello locale: elementi di criticità Governance Distanza tra obiettivi strategici e piani attuativi Approccio ancora troppo tecnologico Governance spesso policentrica Limiti di capacity per la gestione di progetti di innovazione complessi Necessità di rivedere il business model dei progetti di innovazione Quale valore dell agenda digitale? Monitoraggio avanzamento non puntuale Capacità di essere efficaci nella definizione degli obiettivi 28

28 Le nostre proposte 29

29 Proposta 1: Nuova governance 30

30 Quale governance dell agenda digitale a livello locale? L organizzazione funzionale non favorisce la definizione di una governance efficace Esistono diversi esempi virtuosi di Chief Digital Officers nei relativi contesti Manca la cultura necessaria per superare disomogeneità, frammentazioni, ritardi e lentezza decisionale che rappresentano un serio ostacolo alla diffusione di innovazioni tecnologiche

31 Governance: unico owner del progetto Profilo: ufficio o figura professionale in grado di leggere bisogni organizzativi, tradurli in richieste informatiche Collocazione organizzativa: in grado di leggere trasversalmente l organizzazione e le relazioni inter-organizzative principali, dotato di autonomia decisionale e coordinamento risorse finanziarie per innovazione tecnologica Competenze manageriali: direttore d orchestra Competenze tecniche: in grado di garantire la rispondenza a standard tecnici definiti e condivisi a livello aziendale e sovraaziendale 32

32 Proposta 2: Co-production dell investimento

33 Come si affronta in modo adeguato l investimento? La spesa per investimenti è circa 1/3 di quella degli altri paesi EU Sono necessari investimenti certi per garantire progetti di innovazione tecnologica sostenibili La pianificazione è condizione necessaria per l attuazione Fonte: Netics 2012 su dati Eurostat 2010 riferito al comparto sanità

34 La relazione enti locali fornitori ICT I criteri di selezione dei fornitori Valori da 1 = poco importante a 5 = molto importante Fonte: Assinform / NetConsulting 2011 Punti nodali Il criterio di selezione principale dei fornitori resta ancora il prezzo Business model del fornitore è spesso a catalogo con offerte offerte poco innovative Il dialogo domanda-offerta è ancora molto limitato

35 Focus sanità: stato dei sistemi informativi e stato dell offerta Continuità Assistenziale Accettazione 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Order Entry MEDIA STATO SISTEMA INFORMATIVO MEDIA OFFERTA Dimissione Diari clinici Elaborazione: CERGAS ehealth research program

36 Capacità Vision Focus sanità: il posizionamento dei fornitori ICT sul mercato italiano 50,00 45,00 Challengers Leaders 40,00 35,00 30,00 25,00 20,00 15,00 AAA BBB CCC DDD EEE FFF 10,00 5,00 Niche Players 0,00 0,00 5,00 10,00 15,00 20,00 25,00 30,00 35,00 40,00 45,00 50,00 Fonte: CERGAS ehealth research programme 2014 Capacità Implementation Visionaries

37 Gli stakeholders: il ruolo dei cittadini Feedback dei cittadini aiutano ad problemi ed opportunità

38 Nuovo business model dell attuazione dell agenda digitale a livello locale Coassessment Coproduction Co-design 39

39 Proposta 3: Misurare per valutare

40 Misurare e valutare l agenda digitale Assunto di fondo: le innovazioni tecnologiche possono generare ritorni in investimento e contribuire a migliorare le performance aziendali e del settore pubblico Definire obiettivi e target di risultato è un esercizio semplice quanto potente In realtà la valutazione dell agenda digitale è spesso non strutturata, non governata, basata su tecniche di misurazione non confrontabili Molto spesso è basata su una prospettiva finanziaria e manca la prospettiva relativa al contributo del sistema informativo al business e al valore aziendale in cui il sistema informativo è inteso come risorsa strategica con obiettivi di carattere aziendale, i cui risultati non sono scindibili dai risultati aziendali (Caccia, 2008) Sistemi di misurazione e valutazione dell agenda digitale basati su metodologie strutturate, multi-dimensionali e in grado di misurare i costi e benefici per tutti gli stakeholder

41 The measured City Mayor s Management Report (MMR) 42

42 43

43 Proposta 4: l innovazione utile 44

44 Strategia e user-orientation Il coinvolgimento degli utenti è condizione necessaria ma non sufficiente per un effettiva strategia di implementazione dell innovazione. Occorre introdurre un orientamento sistemico ai bisogni dell utenza. User involvement in strategic planning is a necessary, but not sufficient condition for effective strategy implementation. Rather, it requires systematic user-orientation in strategic management

45 Focus trasparenza: quale relazione tra innovazione formale e utilità DIMENSIONE ISTITUZIONALE 63,25% DIMENSIONE DELL'EROGAZIONE DI SERVIZI 31,85% 54,23% DIMENSIONE POLITICA Livello di utilità percepità (dato complessivo) 28,53% DIMENSIONE FINANZIARIA Totale comuni FINANZIARIA POLITICA SERVIZI ISTITUZIONALE 46

2. Innovazione e Agenda digitale 27

2. Innovazione e Agenda digitale 27 2. Innovazione e Agenda digitale 27 di Maria Cucciniello 28 29, 30 e Greta Nasi Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un acceso dibattito su come, e in che misura, le tecnologie dell informazione

Dettagli

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 Evento organizzato in collaborazione con Digital Government: in fondo alle classifiche Il grado di digitalizzazione

Dettagli

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 PROT. 5585/2015 Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 ARCA S.p.a. Organigramma Presidenza Relazioni Istituzionali e Comunicazione Segreteria Generale e Affari Societari Program Management e Internal

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL

L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL L attuazione del piano nazionale di e-e government nella PAL Seminario sulla Società dell informazione, cooperazione territoriale e sviluppo locale Catania, 9 novembre 2005 Mauro Savini CNIPA, Progetto

Dettagli

1. Leadership: La risposta in tal senso è stata positiva consolidando un opera di continuo presidio del territorio da parte dell UP ACI Lucca..

1. Leadership: La risposta in tal senso è stata positiva consolidando un opera di continuo presidio del territorio da parte dell UP ACI Lucca.. 1. Leadership: 1.1. Orientare l organizzazione, attraverso lo sviluppo di una missione, una visione e dei valori per: formulare e sviluppare la missione (quali sono i nostri obiettivi) e la visione (dove

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dipartimento Programmazione e Finanze SALVATORE PANZANARO DOMENICA NARDELLI GIUSEPPE BERNARDO FFAELE PACIELLO ENRICO D ALESSIO

Dettagli

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica. Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del servizio sanitario

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica. Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del servizio sanitario 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del servizio sanitario Progetto e-health Assinform - Gruppo di lavoro e-health Giovanna

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

E-health. 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi. L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati del paziente

E-health. 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi. L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati del paziente CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale E-health 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati

Dettagli

L innovazione digitale in Sanità, una sfida che non possiamo perdere

L innovazione digitale in Sanità, una sfida che non possiamo perdere L innovazione digitale in Sanità, una sfida che non possiamo perdere Mariano Corso Responsabile Scientifico Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità 16 ottobre 2015 Indice dei contenuti La sostenibilità

Dettagli

E-GOV PIANO EDITORIALE 2011

E-GOV PIANO EDITORIALE 2011 E-GOV PIANO EDITORIALE 2011 E-GOV è il bimestrale Maggioli di cultura e tecnologie per l innovazione dedicato a tutti gli innovatori: manager pubblici e privati, ricercatori e analisti, consulenti, formatori,

Dettagli

CBI 2011 Corporate Banking and Electronic Invoice

CBI 2011 Corporate Banking and Electronic Invoice CBI 2011 Corporate Banking and Electronic Invoice Dematerializzazione e Transazioni elettroniche: una necessità per lo sviluppo 0 Paolo Angelucci Presidente Assinform Milano, 1 dicembre 2011 Il profilo

Dettagli

Osservatorio Business Intelligence

Osservatorio Business Intelligence Divisione Ricerche Claudio Demattè Osservatorio Business Intelligence 3 Ciclo di ricerca 2010 Filone di ricerca BI Governance nel Settore dell Energy, Utility e servizi di pubblica utilità In collaborazione

Dettagli

Linee di intervento della Coalizione Italiana. RosaMaria Barrese Giuseppe Iacono Salvatore Marras Franco Patini

Linee di intervento della Coalizione Italiana. RosaMaria Barrese Giuseppe Iacono Salvatore Marras Franco Patini Linee di intervento della Coalizione Italiana RosaMaria Barrese Giuseppe Iacono Salvatore Marras Franco Patini 1 Agenda 1. Obiettivi e linee di intervento 2. Competenze per la cittadinanza digitale 3.

Dettagli

ASSINTER ACADEMY. Programma di Formazione Edizione 2015

ASSINTER ACADEMY. Programma di Formazione Edizione 2015 ASSINTER ACADEMY Programma di Formazione Edizione 2015 Contesto In questa fase di profondi cambiamenti dei modelli di governance e degli assetti organizzativi delle IT in-house regionali e provinciali

Dettagli

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali ForumPA - Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano flavia.marzano2@unibo.it Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano 1 Ricerca europea? Arrivare al 3% del

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Agenda Digitale Italiana: quale bilancio e quale rilancio?

Agenda Digitale Italiana: quale bilancio e quale rilancio? ANFoV Osservatorio Agenda Digitale Italia Criticità e realizzazioni Roberto Azzano Vice Presidente ANFoV Agenda Digitale Italiana: quale bilancio e quale rilancio? Quale bilancio per l Agenda digitale

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

Skills Management Consulenza e Formazione

Skills Management Consulenza e Formazione DIVISIONE SANITA' è una società di consulenza direzionale e di formazione manageriale, innovativa e dinamica, che affianca i propri Clienti nella gestione dei processi di cambiamento, nello sviluppo della

Dettagli

RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA

RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA PRESENTAZIONE Marco Mena - Between 1 CONTENUTI 1. ANALISI DELLA DOMANDA NELLA PROVINCIA DI ROMA 2. INFRASTRUTTURE E SERVIZI A BANDA LARGA NELLA PROVINCIA

Dettagli

La gestione delle Performance: risultati raggiunti e strumenti realizzati nell ambito del progetto Elistat

La gestione delle Performance: risultati raggiunti e strumenti realizzati nell ambito del progetto Elistat La gestione delle Performance: risultati raggiunti e strumenti realizzati nell ambito del progetto Elistat EasyGov Solutions Srl Start-up del Politecnico di Milano Agenda Il Piano delle Performance Il

Dettagli

Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio. Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009

Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio. Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009 Il sostegno delle istituzioni ai processi di innovazione e di sviluppo del territorio Alberto Daprà Milano, 26 Maggio 2009 Contenuti Lombardia: un territorio fertile per l innovazione Il sostegno delle

Dettagli

La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale. Irene Bengo Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano

La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale. Irene Bengo Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale Irene Bengo Politecnico di Milano Strategia: Smart Community 2 SMART CITY Convergenza tecnologia innovazione sociale (benessere) Articolazione sul

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Evoluzione del CST CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Evoluzione del CST 1. Introduzione Il prossimo 30 settembre 2008 termina il progetto di esercizio sperimentale dei servizi e, quindi, il Centro Servizi

Dettagli

Relazione sintetica relativa alle azioni di competenza dei CST Province

Relazione sintetica relativa alle azioni di competenza dei CST Province Relazione sintetica relativa alle azioni di competenza dei CST Province La presente relazione del sottogruppo Province compendia tutte le attività sviluppate all interno delle azioni WP1.3 WP1.4 WP2.1

Dettagli

RoundTable del Performance Management nei Comuni: I sistemi di performance management sono utilizzati per le decisioni?

RoundTable del Performance Management nei Comuni: I sistemi di performance management sono utilizzati per le decisioni? RoundTable del Performance Management nei Comuni: I sistemi di performance management sono utilizzati per le decisioni? 1 Le analisi ed evidenze tratte dalle esperienze internazionali Giovanni Valotti

Dettagli

Costi, ricavi IT e Audit. Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it

Costi, ricavi IT e Audit. Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it Costi, ricavi IT e Audit Fabio Nervegna Cell. 335-5377988 fabio.nervegna@altran.it 1 Premessa 2 Idea: la genesi 3 Le motivazioni 4 Descrizione tematica: idea e contesto, obiettivi 5 Approccio metodologico

Dettagli

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015 Tre giorni di incontri e appuntamenti sulla trasformazione del sistema della salute in chiave digitale UN PROGETTO DI CON IL PATROCINIO DI IN COLLABORAZIONE CON CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCIE

Dettagli

La e leadership nella PA

La e leadership nella PA La e leadership nella PA Cittadinanza digitale, egovernment e open government Cultura digitale Competenze specialistiche ICT Competenze di e-leadership Competenze per la cittadinanza digitale Competenze

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

Presentazione (di Elio Borgonovi) Prefazione (di Enrico Valdani) Nota introduttiva

Presentazione (di Elio Borgonovi) Prefazione (di Enrico Valdani) Nota introduttiva Presentazione (di Elio Borgonovi) Prefazione (di Enrico Valdani) Nota introduttiva XIII XVII IXX Capitolo 1 - Introduzione al governo elettronico 1.1 II governo elettronico: approcci e definizioni 1 1.1.1

Dettagli

Osservatorio sulla figura e ruolo del Controller Prima fase Novembre 2012

Osservatorio sulla figura e ruolo del Controller Prima fase Novembre 2012 EXECUTIVE SUMMARY La necessità di una certificazione delle competenze del Controller italiano è essenziale nello attuale contesto socio economico. Il nuovo quadro normativo recentissimamente approvato

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

PIANO DELLA COMUNICAZIONE ANNO 2014

PIANO DELLA COMUNICAZIONE ANNO 2014 PIANO DELLA COMUNICAZIONE ANNO 2014 Legge n.150/2000 D.P.R. 21-9-2001 n. 422 Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 19 del 25/02/2014 1/9 PREMESSA L'evoluzione che caratterizza l'attuale scenario

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1

IL PROFILO DELL AZIENDA. Cherry Consulting S.r.l 1 IL PROFILO DELL AZIENDA 1 Chi siamo e la nostra missione Chi siamo: un gruppo di manager che hanno maturato esperienze nella consulenza, nel marketing, nella progettazione, nella vendita di soluzioni e

Dettagli

Dati sulle ICT nei Comuni italiani (dal Rapporto Netics/Ancitel 2009)

Dati sulle ICT nei Comuni italiani (dal Rapporto Netics/Ancitel 2009) Osservatorio ICT Regione Piemonte Workshop Wi Pie 2010 Dati sulle ICT nei Comuni italiani (dal Rapporto Netics/Ancitel 2009) Paolo Colli Franzone Direttore Generale Netics I Comuni piemontesi (segmentazione

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda Digitale Italiana Agostino Ragosa Forum PA 2013 Palazzo dei Congressi - Roma, 28 Maggio 2013 Il contesto L economia digitale italiana Ha registrato un

Dettagli

27 ottobre 1953 a Broadstairs (GB) Sassari

27 ottobre 1953 a Broadstairs (GB) Sassari INFORMAZIONI PERSONALI Nome e cognome Data e luogo di nascita Residenza 27 ottobre 1953 a Broadstairs (GB) Sassari ESPERIENZE PROFESSIONALI Date (da a) 01.01.2011 ad oggi Comune di Sassari Ente Locale

Dettagli

Agenda Digitale Europea in Emilia- Romagna: Traguardi raggiunti Sfide da vincere. Chiara Mancini/Barbara Santi Coordinamento PiTER 18/06/2014

Agenda Digitale Europea in Emilia- Romagna: Traguardi raggiunti Sfide da vincere. Chiara Mancini/Barbara Santi Coordinamento PiTER 18/06/2014 Agenda Digitale Europea in Emilia- Romagna: Traguardi raggiunti Sfide da vincere Chiara Mancini/Barbara Santi Coordinamento PiTER 18/06/2014 + PIL della UE: +5% nei prossimi 8 anni + 3,8 mil. di nuovi

Dettagli

La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali

La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali Agostino Ragosa Direttore Agenzia per l Italia Digitale 18 giugno 2014 Le Competenze digitali nella missione dell Agenzia per l Italia Digitale Dal Decreto

Dettagli

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013 LUCAI 2012 Il CISIS CPSI Comitato Permanente Sistemi Informatici CPSS Comitato Permanente Sistemi Statistici CPSG Comitato Permanente Sistemi Geografici La cooperazione interregionale Il CISIS opera come

Dettagli

E-Government 2.0 a costo ZERO

E-Government 2.0 a costo ZERO E-Government 2.0 a costo ZERO SERVIZI WEB PER UNA PA "OPEN" Ferdinando Germano Ferrari Andrea Lazzarotti Regione Lombardia Programmazione Integrata e Finanza Semplificazione Agenda 1 Dall e-government

Dettagli

2 Giornata sul G Cloud Introduzione

2 Giornata sul G Cloud Introduzione Roberto Masiero Presidente THINK! The Innovation Knowledge Foundation 2 Giornata sul G Cloud Introduzione Forum PA Roma, 18 Maggio 2012 THINK! The Innovation Knowledge Foundation Agenda Cloud: I benefici

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

Civilia Next è una soluzione per: la pa semplice, veloce e innovativa

Civilia Next è una soluzione per: la pa semplice, veloce e innovativa Civilia Next è una soluzione per: la pa semplice, veloce e innovativa Soluzioni e servizi per migliorare la gestione interna dell Ente e le modalità di erogazione dei servizi ai cittadini e alle imprese

Dettagli

2. Obiettivi del progetto e benefici attesi

2. Obiettivi del progetto e benefici attesi 2. Obiettivi del progetto e benefici attesi Il progetto ELISTAT si pone come obiettivo la progettazione, lo sviluppo e la messa in rete di un sistema integrato di indicatori statistici relativo a tutte

Dettagli

La valutazione della performance

La valutazione della performance LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Agenda La responsabilità del manager pubblico. La logica Attività-Risultati La definizione degli obiettivi La valutazione della performance LA RESPONSABILITÀ DEL MANAGER

Dettagli

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015 L Agenda digitale del Piemonte 2 febbraio 2015 I punti di partenza La Digital Agenda europea è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020 Nella politica di coesione 2014-2020 il miglior

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA

UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA Ministro per l innovazione e le tecnologie Tavolo Permanente Sanità Elettronica delle Regioni e delle Province Autonome UNA POLITICA PER LA SANITÀ ELETTRONICA Per un migliore e più efficiente Sistema Sanitario

Dettagli

Parte 1 Perché esistono e come funzionano le amministrazioni pubbliche (sovranazionali, nazionali e locali)

Parte 1 Perché esistono e come funzionano le amministrazioni pubbliche (sovranazionali, nazionali e locali) Indice Introduzione Parte 1 Perché esistono e come funzionano le amministrazioni pubbliche (sovranazionali, nazionali e locali) 1 Rilevanza e complessità delle istituzioni pubbliche 1.1 Le istituzioni

Dettagli

Un modello di governance per la P.A.

Un modello di governance per la P.A. Un modello di governance per la P.A. La situazione in Italia 2 3 4 La situazione dei Data center 5 Il «caos» delle applicazioni 6 I falsi miti sulla sicurezza! 7 La politica del Cyber Security 8 9 Cyber

Dettagli

Il caso del Comune di Milano

Il caso del Comune di Milano Programma : Competenze professionali per l Innovazione Digitale Evoluzione dei Modelli Organizzativi e dei ruoli professionali e manageriali dell ICT per rispondere al business aziendale Milano, 29 gennaio

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione Locale

Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione Locale Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione Locale A. Pesaro 19 Giugno 2003 Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

PIEMONTE. Rating: 18.38 P- Fair Normal score: 41.64 Transparency level: 40.71

PIEMONTE. Rating: 18.38 P- Fair Normal score: 41.64 Transparency level: 40.71 Rating: 18.38 P- Fair Normal score: 41.64 Transparency level: 40.71 PIEMONTE Contatti: Piazza Castello, 165-10124 - Torino - TO - Telefono: 011-432.11.11 Email: urp@regione.piemonte.it Popolazione: 4457335

Dettagli

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless

ICT e Smart Cities. ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016. Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless ICT e Smart Cities ICT for Smart Societies Degree Politecnico di Torino 10 giugno 2016 Donatella Mosso Torino Smart City e Torino Wireless Di cosa vi parlo Le smart city, definizioni, opportunità, Nuovi

Dettagli

Le imprese italiane e la multicanalità: strategie del gregge o piena consapevolezza? Giuliano Noci giuliano.noci@polimi.it

Le imprese italiane e la multicanalità: strategie del gregge o piena consapevolezza? Giuliano Noci giuliano.noci@polimi.it Le imprese italiane e la multicanalità: strategie del gregge o piena consapevolezza? Giuliano Noci giuliano.noci@polimi.it 1/42 Agenda Multicanalità: perdersi e ritrovarsi nel mare di definizioni Multicanalità:

Dettagli

Programma Innovare Livorno. Darya Majidi Giovedi 29 Giugno 2012 ASSESSORATO LAVORO E SEMPLIFICAZIONE

Programma Innovare Livorno. Darya Majidi Giovedi 29 Giugno 2012 ASSESSORATO LAVORO E SEMPLIFICAZIONE Programma Innovare Livorno Darya Majidi Giovedi 29 Giugno 2012 ASSESSORATO LAVORO E SEMPLIFICAZIONE Programma Innovare Livorno INNOVARE LIVORNO (2009-2014) è un programma quinquennale di innovazione e

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

monitoraggio aslromag.info analisi anno 2013

monitoraggio aslromag.info analisi anno 2013 Le Linee Guida per i siti Web della P.A., redatte in base al art. 4 della Direttiva n. 8/2009 del Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione prevedono la pubblicazione periodica dei Dati

Dettagli

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini Mestre, 3 luglio 2013 AGENDA 1. Cosa è Euricse 2. La Social Economy Guide 3. L Impresa Sociale in Europa COSA E EURICSE Euricse

Dettagli

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA

1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA 1. P.T.I. PIATTAFORMA TELEMATICA INTEGRATA La Regione Siciliana ha intrapreso nell'ultimo decennio un percorso di modernizzazione che ha come frontiera la creazione della Società dell Informazione, ovvero

Dettagli

Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici

Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici Sistemi di knowledge management per innovativi modelli di governance dei progetti pubblici Marco Gentili Area Governo e Monitoraggio delle Forniture ICT 1 Area Governo e Monitoraggio Forniture ICT Governo

Dettagli

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia

Tabella 6: Tipologie di azioni della Società dell Informazione, Progetti di InnovaPuglia Tabella 6: della Società dell Informazione, Asse I - Infrastruttura a banda larga 1. Completamento della copertura a banda larga degli Enti pubblici e dei siti strategici per l erogazione di servizi di

Dettagli

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015

Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2015 Organismo Indipendente di Valutazione Sede, 03.04.2015 Pr. 88 PRESIDENTE Dott. Riccardo Maria Monti DIRETTORE GENERALE Dott. Roberto Luongo E,p.c.: Presidenza Direzione Generale Dott. Gianpaolo Bruno Dott.

Dettagli

La Business Intelligence per la PA piemontese

La Business Intelligence per la PA piemontese La Business Intelligence per la PA piemontese GIULIANA BONELLO CSI PIEMONTE 0 Agenda Premessa Le basi dati della PA piemontese Le applicazioni di carattere decisionale della PA piemontese La piattaforma

Dettagli

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007;

PARTE SECONDA. VISTO il PO 2007 2013 FESR della Regione Puglia, come approvato dalla Commissione Europea con C(2007) 5726 del 20/11/2007; 50014 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 175 del 24 12 2014 PARTE SECONDA Atti regionali DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO ECONOMICO, IL LAVORO E L IN NOVAZIONE 18 dicembre

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Risultati del Progetto Valutazione delle Performance e riconoscimento alle amministrazioni

Risultati del Progetto Valutazione delle Performance e riconoscimento alle amministrazioni Il Rafforzamento della Capacità amministrativa nella Programmazione 2014-2020 Risultati del Progetto Valutazione delle Performance e riconoscimento alle amministrazioni Claudia Migliore, FormezPA Responsabile

Dettagli

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento

Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento Il Programma Operativo Nazionale Per la Scuola Competenze e Ambienti per l Apprendimento IL PERCORSO DELLA PROGRAMMAZIONE 2014-2020 Dicembre 2013: invio seconda bozza dell Accordo di Partenariato alla

Dettagli

10 Convegno nazionale sulle Garanzie e Tutele Sociali. SPENDERE MENO, SPENDERE MEGLIO proposte per una spesa pubblica di qualità

10 Convegno nazionale sulle Garanzie e Tutele Sociali. SPENDERE MENO, SPENDERE MEGLIO proposte per una spesa pubblica di qualità 10 Convegno nazionale sulle Garanzie e Tutele Sociali SPENDERE MENO, SPENDERE MEGLIO proposte per una spesa pubblica di qualità Università Bocconi Milano, 12 novembre 2013 Sintesi dell intervento di Paolo

Dettagli

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 Il progetto di sviluppo del sistema informativo nell Azienda Ospedaliera di Legnano Claudio Caccia Responsabile Staff Sistemi Informativi

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management

Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management Services Portfolio «Energy Management» Servizi per l implementazione dell Energy Management 2015 Summary Chi siamo Il modello operativo di Quality Solutions Contesto di riferimento Framework Lo standard

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

PA: opportunità e competenze per e con gli Open Data

PA: opportunità e competenze per e con gli Open Data PA: opportunità e competenze per e con gli Open Data Nello Iacono Presidente Istituto Italiano Open Data Vicepresidente Associazione Stati Generali dell Innovazione 1 L Istituto Italiano Open Data: quale

Dettagli

Welfare e ICT: strumenti e opportunità

Welfare e ICT: strumenti e opportunità 15 Novembre 2013 Welfare e ICT: strumenti e opportunità Barbara Pralio Welfare: le esigenze Riduzione spese per il welfare Aumento esigenze di protezione sociale Necessità di ragionare su opportunità di

Dettagli

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda Région Autonome Vallée d Aoste Regione Autonoma Valle d Aosta Présidence de la Région Secrétaire Général de la Région Presidenza della Regione Segretario Generale della Regione Piano Pluriennale 2014-201

Dettagli

Il ruolo del controller @ POLIMI

Il ruolo del controller @ POLIMI Il ruolo del controller @ POLIMI 22 Novembre 2012 MARIKA ARENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE - POLITECNICO DI MILANO Agenda 2 L evoluzione del contesto competitivo L evoluzione del controllo di

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector

PloneGov.org Open source collaboration for the public sector PloneGov.org Open source collaboration for the public sector Assessora Fortunata Dini Navacchio, 04 Dicembre 2008 Quadro normativo Obiettivi strategici Conferenza di Lisbona del 2000 Il passaggio ad un

Dettagli

2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni

2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni 2. Intervista confronto L IT e l ITC nel sistema paese: parlano i presidenti delle Regioni 2.2 Intervista al Presidente della Regione Toscana, On. Claudio Martini di Elisabetta Zuanelli* ESTRATTO: L innovazione

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono (+39) 095 8182326 Giovanni.trombetta@selex-es.com www.selex-es.

Tavoli tematici. Contributo. Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono (+39) 095 8182326 Giovanni.trombetta@selex-es.com www.selex-es. VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Giovanni Cognome Trombetta Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono

Dettagli

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI:

ASSEGNA LE SEGUENTI COMPETENZE ISTITUZIONALI AGLI UFFICI DELLA DIREZIONE GENERALE OSSERVATORIO SERVIZI INFORMATICI E DELLE TELECOMUNICAZIONI: IL PRESIDENTE VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni, in particolare l art. 8, comma 2, ai sensi del quale l Autorità stabilisce le norme sulla propria

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Settembre 2010 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE 1. INTRODUZIONE La legge-delega 4 marzo

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

Materiali didattici «Smart City» BOLOGNA SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Materiali didattici «Smart City» BOLOGNA SMART CITY. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Materiali didattici «Smart City» GREEN JOBS Formazione e Orientamento INTRODUZIONE La città di Bologna occupa il secondo posto nella classifica italiana delle città smart. Gli indicatori elaborati confermano

Dettagli

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORTING INTERNO: PREMESSE Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORT ISTITUZIONALI REPORT OPERATIVI REPORT

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE"

PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO NELL'AMBITO DELL'OBIETTIVO "INVESTIMENTI IN FAVORE DELLA CRESCITA E DELL'OCCUPAZIONE" CCI 2014IT05M2OP002 Titolo PON Governance e Capacità Istituzionale Versione 1.3 Primo anno 2014

Dettagli

Indagine sulla Banda larga nel segmento business in Italia. Indagine promossa da Federcomin e Assinform e realizzata con:

Indagine sulla Banda larga nel segmento business in Italia. Indagine promossa da Federcomin e Assinform e realizzata con: Indagine sulla Banda larga nel segmento business in Italia Indagine promossa da Federcomin e Assinform e realizzata con: IL MERCATO DELL OFFERTA 23 gennaio 2003 Slide 1 L estensione della fibra ottica

Dettagli