Pubblica Amministrazione. Osservatorio OCAP. Innovazione e Agenda Digitale. Maria Cucciniello e Greta Nasi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pubblica Amministrazione. Osservatorio OCAP. Innovazione e Agenda Digitale. Maria Cucciniello e Greta Nasi 20.02.2014"

Transcript

1 Pubblica Amministrazione Osservatorio OCAP Innovazione e Agenda Digitale Maria Cucciniello e Greta Nasi

2 Agenda Inquadramento del tema: le promesse dell agenda digitale L attuazione in Italia: alcuni dati macro Innovazione e agenda digitale a livello locale Elementi di attenzione e criticità Le nostre proposte 2

3 Inquadramento del tema: le promesse dell agenda digitale 3

4 Identità digitale Ricerca, innovazione e Comunità Intelligenti PA digitale e open data L Agenda Digitale si focalizza su 7 macro aree principali Giustizia digitale Istruzione digitale Divario digitale e pagamenti elettronici Sanità digitale

5 Migliorare la produttività 5

6 Promuovere la misurazione dei risultati Migliori performance aziendali 6

7 Promuovere l accountability

8 Aumentare la soddisfazione dei cittadini

9 Ridurre la corruzione Canada: 9 posto Italia: 72 posto Brasile: 69 posto Somalia: 174 posto Nuova Zelanda 1 posto Fonte: Transparency International Corruption Index 2012

10 L attuazione in Italia: alcuni dati macro 10

11 Indicatori attuazione e-government: confronto Italia-EU Uso dei servizi di e-procurement 13% 9% Aziende che riempono moduli dei servizi e- government 58% 74% Utilizzo dei servizi e-government 88% 85% Media UE Italia Cittadini che riempono moduli dei servizi e- government, ultimi 12 mesi 21% 10% Cittadini che utlizzano i servizi dell' e-government, ultimi 12 mesi 21% 41% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Fonte: Commissione Europea, Digital Agenda Commission

12 Diffusione internet e uso strumenti tecnologici: confronto Italia-EU Siti visitati dotati di protocollo ipv6 5% 2% Individui che non hanno mai utilizzato Internet 21% 34% Utilizzatori di tablet o laptop per accedere ad internet (%di individui) 13% 24% Utilizzatori di Internet (% di utilizzatori frequenti: almeno 1 volta al giorno negli ultimi 3 mesi) Utilizzatori di Internet con almeno un fattore di svantaggio (% di utilizzatori regolari: almeno 1 volta a settimana negli ultimi 3 mesi) 42% 62% 54% 57% Media UE Italia Utilizzatori di Internet (% di utilizzatori regolari: almeno 1 volta a settimana negli ultimi 3 mesi) 56% 72% Abitazioni con accesso ad Internet 69% 79% Fonte: Commissione Europea, Digital Agenda Commission % 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% 12

13 Focus Enti Locali: stato sistemi informativi aziendali Valori % Principali processi informatizzati Processi meno informatizzati Fonte: Istat Rilevazione sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nelle pubbliche amministrazioni locali - Anno 2012

14 Focus Enti Locali: stato servizi on-line Servizi più diffusi Livelli di interattività PAL che utilizzano tecnologia mobile (SMS) nei rapporti con l'utenza Accesso alle delibere 10,2% 15,5% 2 Bandi/concorsi Monitoraggio dell'utilizzo dei servizi offerti sul sito 28,9% 34,5% 2 Bandi/gare PAL con sito web che consente il pagamento online 13% 16,3% 2 Avvio e conclusione per via telematica dell'intero iter Tasse e relativo tributi al servizio richiesto 7,6% 19,1% Cultura/turismo Inoltro on line della modulistica 15,6% 1 36,7% 2012 Servizi anagrafici Acquisizione (download) di modulistica 2 67,8% 75,9% SCIA (ex DIA) Visualizzazione e/o acquisizione di informazioni 2 89,8% 90,5% Lavori pubblici PAL con sito web 2 91,3% 99,4% Fonte: Assinform Fonte: Istat Politiche Rilevazione comunitarie sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione 2 nelle pubbliche / amministrazioni locali - Anno 2012 NetConsulting

15 Focus sanità: stato sistemi informativi e priorità di investimento per il 2014 Area Territoriale Area Amministrativa 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Area Direzionale MEDIA STATO SISTEMA INFORMATIVO PRIORITA' MEDIA DI INVESTIMENTO Telemedicina Area Clinica-ospedaliera Gestione delle relazioni con stakeholder Fonte: CERGAS ehealth research programme 2014

16 Innovazione e agenda digitale a livello locale 16

17 Vision, policy e strategia Nazionale Definisce la politica per l agenda digitale in ottica politica Può coordinare (almeno in parte) i fondi per l attuazione Esiste (almeno) una istituzione incaricata di governarla Definisce macro obiettivi Regionale Declina le politiche per l agenda digitale rispetto a priorità e specificità territoriali Può coordinare programmi di innovazione Può definire framework per monitorare e valutare gli effetti Locale Definisce obiettivi strategici rispetto all organizzazione e i relativi piani attuativi Alloca risorse e implementa progetti inter ed intraorganizzativi Può valutare il contributo alla performance organizzativa e il ritorno dell investimento in innovazione tecnologica 17

18 Strategia: dalla vision all attuazione - la logica Obiettivi strategici Vision Piano pluriennale Programmazione operativa Piano operativo t1 Piano operativo t2 Piano operativo t. Programmazione finanziaria Budget t1 Budget t2 Budget t. Monitoraggio e valutazione

19 Strategia: dalla vision all attuazione - la logica Obiettivi strategici Vision Piano pluriennale Programmazione operativa Piano operativo t1 Programmazione finanziaria Budget t2. Monitoraggio e valutazione

20 Risorse umane: personale dedicato all innovazione e agenda digitale nella PAL Nord-ovest 2,0 1,8 Italia 1,5 1,6 1,4 1,2 1,0 0,8 0,6 0,4 0,2 0,0 1,3 1,6 Nord-est Mezzogiorno 1,3 1,7 Centro Fonte: Istat Rilevazione sulle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nelle pubbliche amministrazioni locali - Anno 2011 (Rielaborazione) 20

21 Risorse umane: competenze e background nella PAL 30% Formazione in ambito tecnico ed informatico 70% Formazione ed esperienza in campo tecnico e manageriale Fonte: SDA Bocconi

22 Comunicazione organizzativa Un automobilista, a un certo punto, capisce di essersi perso, si ferma e chiede ad una passante: Ho promesso ad un amico di incontrarlo alle due, credo di essere in ritardo e non so dove mi trovo!? La passante risponde: Non c è problema, sono le 13,33 e lei si trova tra 40 e 42 latitudine Nord e tra 58 e 60 longitudine Ovest L automobilista risponde: lei dev essere senz altro un Informatica La passante sorpresa: Come ha fatto a capirlo L automobilista: Perché ciò che ha detto è tecnicamente esatto, mi sta dando informazioni particolarmente dettagliate ma di nessuna utilità La passante: lei dev essere senz altro un Manager L automobilista sorpreso: Come ha fatto a capirlo Distorsione cognitiva e comunicativa La passante: Ha fatto una promessa che non sa assolutamente come mantenere, non sa dove si trova e dove deve andare ed ora spera che un altro le risolva il problema

23 Struttura organizzativa: Collocazione Ufficio Sistemi Informativi 32,62 % Vicesindaco Sindaco Giunta Assessorato... Assessorato... DIR SI Direzione SI DG Assessorato... 19,83 % 18,10% 28,45 % DIREZIONE 1 DIREZIONE 2 DIREZIONE SI Ufficio SI

24 Risorse economiche: la spesa della PAL (valori in migliaia di euro) -1.8% -1.8% -1.3% -3.3% -3.6% -1.9% -0.9% -2.8% -1.5% -2.0% -2.8% -0.8% ICT IT TLC -3.0% -0.5% -1.2% -5.0% -4.7% -3.4% P Fonte: Dati Assinform 2012 (Rielaborazione)

25 Risorse economiche: percentuale di bilancio innovazioni tecnologiche 31,25% 9,38% 53,13% Fino allo 0,5% Oltre il 2,5% Fino al 2,5% Fino al 2% Fino all'1,5% Fino all'1% 3,13% 1,04% 2,08% Fonte: SDA Bocconi

26 Elementi di attenzione e criticità 27

27 Innovazione e agenda digitale a livello locale: elementi di criticità Governance Distanza tra obiettivi strategici e piani attuativi Approccio ancora troppo tecnologico Governance spesso policentrica Limiti di capacity per la gestione di progetti di innovazione complessi Necessità di rivedere il business model dei progetti di innovazione Quale valore dell agenda digitale? Monitoraggio avanzamento non puntuale Capacità di essere efficaci nella definizione degli obiettivi 28

28 Le nostre proposte 29

29 Proposta 1: Nuova governance 30

30 Quale governance dell agenda digitale a livello locale? L organizzazione funzionale non favorisce la definizione di una governance efficace Esistono diversi esempi virtuosi di Chief Digital Officers nei relativi contesti Manca la cultura necessaria per superare disomogeneità, frammentazioni, ritardi e lentezza decisionale che rappresentano un serio ostacolo alla diffusione di innovazioni tecnologiche

31 Governance: unico owner del progetto Profilo: ufficio o figura professionale in grado di leggere bisogni organizzativi, tradurli in richieste informatiche Collocazione organizzativa: in grado di leggere trasversalmente l organizzazione e le relazioni inter-organizzative principali, dotato di autonomia decisionale e coordinamento risorse finanziarie per innovazione tecnologica Competenze manageriali: direttore d orchestra Competenze tecniche: in grado di garantire la rispondenza a standard tecnici definiti e condivisi a livello aziendale e sovraaziendale 32

32 Proposta 2: Co-production dell investimento

33 Come si affronta in modo adeguato l investimento? La spesa per investimenti è circa 1/3 di quella degli altri paesi EU Sono necessari investimenti certi per garantire progetti di innovazione tecnologica sostenibili La pianificazione è condizione necessaria per l attuazione Fonte: Netics 2012 su dati Eurostat 2010 riferito al comparto sanità

34 La relazione enti locali fornitori ICT I criteri di selezione dei fornitori Valori da 1 = poco importante a 5 = molto importante Fonte: Assinform / NetConsulting 2011 Punti nodali Il criterio di selezione principale dei fornitori resta ancora il prezzo Business model del fornitore è spesso a catalogo con offerte offerte poco innovative Il dialogo domanda-offerta è ancora molto limitato

35 Focus sanità: stato dei sistemi informativi e stato dell offerta Continuità Assistenziale Accettazione 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Order Entry MEDIA STATO SISTEMA INFORMATIVO MEDIA OFFERTA Dimissione Diari clinici Elaborazione: CERGAS ehealth research program

36 Capacità Vision Focus sanità: il posizionamento dei fornitori ICT sul mercato italiano 50,00 45,00 Challengers Leaders 40,00 35,00 30,00 25,00 20,00 15,00 AAA BBB CCC DDD EEE FFF 10,00 5,00 Niche Players 0,00 0,00 5,00 10,00 15,00 20,00 25,00 30,00 35,00 40,00 45,00 50,00 Fonte: CERGAS ehealth research programme 2014 Capacità Implementation Visionaries

37 Gli stakeholders: il ruolo dei cittadini Feedback dei cittadini aiutano ad problemi ed opportunità

38 Nuovo business model dell attuazione dell agenda digitale a livello locale Coassessment Coproduction Co-design 39

39 Proposta 3: Misurare per valutare

40 Misurare e valutare l agenda digitale Assunto di fondo: le innovazioni tecnologiche possono generare ritorni in investimento e contribuire a migliorare le performance aziendali e del settore pubblico Definire obiettivi e target di risultato è un esercizio semplice quanto potente In realtà la valutazione dell agenda digitale è spesso non strutturata, non governata, basata su tecniche di misurazione non confrontabili Molto spesso è basata su una prospettiva finanziaria e manca la prospettiva relativa al contributo del sistema informativo al business e al valore aziendale in cui il sistema informativo è inteso come risorsa strategica con obiettivi di carattere aziendale, i cui risultati non sono scindibili dai risultati aziendali (Caccia, 2008) Sistemi di misurazione e valutazione dell agenda digitale basati su metodologie strutturate, multi-dimensionali e in grado di misurare i costi e benefici per tutti gli stakeholder

41 The measured City Mayor s Management Report (MMR) 42

42 43

43 Proposta 4: l innovazione utile 44

44 Strategia e user-orientation Il coinvolgimento degli utenti è condizione necessaria ma non sufficiente per un effettiva strategia di implementazione dell innovazione. Occorre introdurre un orientamento sistemico ai bisogni dell utenza. User involvement in strategic planning is a necessary, but not sufficient condition for effective strategy implementation. Rather, it requires systematic user-orientation in strategic management

45 Focus trasparenza: quale relazione tra innovazione formale e utilità DIMENSIONE ISTITUZIONALE 63,25% DIMENSIONE DELL'EROGAZIONE DI SERVIZI 31,85% 54,23% DIMENSIONE POLITICA Livello di utilità percepità (dato complessivo) 28,53% DIMENSIONE FINANZIARIA Totale comuni FINANZIARIA POLITICA SERVIZI ISTITUZIONALE 46

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica. Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del servizio sanitario

4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica. Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del servizio sanitario 4 Congresso nazionale Società Italiana Telemedicina e sanità elettronica Telemedicina: una sfida per la sostenibilità del servizio sanitario Progetto e-health Assinform - Gruppo di lavoro e-health Giovanna

Dettagli

Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione Locale

Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione Locale Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione Locale A. Pesaro 19 Giugno 2003 Le politiche del Governo per lo sviluppo dell uso dell ITC nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda Digitale Italiana Agostino Ragosa Forum PA 2013 Palazzo dei Congressi - Roma, 28 Maggio 2013 Il contesto L economia digitale italiana Ha registrato un

Dettagli

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia:

Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Analisi del Primo Rapporto ASSINFORM sull ICT nella Pubblica Amministrazione Locale in Italia: Le Province all avanguardia nell innovazione tecnologica! Premesse Lunedì 15 Novembre è stato presentato a

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 La Strategia di comunicazione e gli obblighi di pubblicità 2 L attività

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30

FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 PROGRAMMAZIONE 2014-2020 DEI FONDI SIE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE GOVERNANCE E CAPACITA ISTITUZIONALE FORUM PA 2015 LA PA DIGITALE ROMA 26 MAGGIO 14.30.15.30 Il PON Governance e capacità istituzionale

Dettagli

L innovazione digitale in Sanità, una sfida che non possiamo perdere

L innovazione digitale in Sanità, una sfida che non possiamo perdere L innovazione digitale in Sanità, una sfida che non possiamo perdere Mariano Corso Responsabile Scientifico Osservatorio Innovazione Digitale in Sanità 16 ottobre 2015 Indice dei contenuti La sostenibilità

Dettagli

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè

Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale. Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Integrazione fra performance organizzativa e performance individuale Formez, Napoli 29 novembre 2012 Giancarla Masè Indice La realtà di UNITN La performance organizzativa La performance individuale 1 La

Dettagli

2. Innovazione e Agenda digitale 27

2. Innovazione e Agenda digitale 27 2. Innovazione e Agenda digitale 27 di Maria Cucciniello 28 29, 30 e Greta Nasi Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un acceso dibattito su come, e in che misura, le tecnologie dell informazione

Dettagli

Tornare a crescere con il digitale

Tornare a crescere con il digitale Tornare a crescere con il digitale Trasformazione digitale a portata di PMI Cosa dicono le aziende modenesi? Giancarlo Capitani Il mercato ICT e digitale nel 2014-2015 Le anticipazioni del rapporto Assinform

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale. Irene Bengo Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano

La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale. Irene Bengo Dipartimento di Ingegneria Gestionale Politecnico di Milano La Misura delle Smart Communities e il Piano Nazionale Irene Bengo Politecnico di Milano Strategia: Smart Community 2 SMART CITY Convergenza tecnologia innovazione sociale (benessere) Articolazione sul

Dettagli

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna

Dall agenda digitale locale alle Smart Communities: il percorso in atto in regione Emilia Romagna. Dimitri Tartari, Regione Emilia-Romagna L Agenda Digitale Locale: il piano strategico condiviso per le politiche di innovazione e di progettazione di comunità locali intelligenti e sostenibili: il caso dell Emilia-Romagna Dall agenda digitale

Dettagli

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014

L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 L organizzazione della gestione dei sistemi informativi nella PA Bologna, 01 luglio 2014 Evento organizzato in collaborazione con Digital Government: in fondo alle classifiche Il grado di digitalizzazione

Dettagli

Linee di intervento della Coalizione Italiana. RosaMaria Barrese Giuseppe Iacono Salvatore Marras Franco Patini

Linee di intervento della Coalizione Italiana. RosaMaria Barrese Giuseppe Iacono Salvatore Marras Franco Patini Linee di intervento della Coalizione Italiana RosaMaria Barrese Giuseppe Iacono Salvatore Marras Franco Patini 1 Agenda 1. Obiettivi e linee di intervento 2. Competenze per la cittadinanza digitale 3.

Dettagli

La valutazione della performance

La valutazione della performance LA VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Agenda La responsabilità del manager pubblico. La logica Attività-Risultati La definizione degli obiettivi La valutazione della performance LA RESPONSABILITÀ DEL MANAGER

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

E-health. 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi. L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati del paziente

E-health. 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi. L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati del paziente CERGAS Centro di Ricerche sulla Gestione dell Assistenza Sanitaria e Sociale E-health 22 aprile 2004 ore 16,15 Aula Perego Università Bocconi L impatto della ICT nell area clinica: la centralità dei dati

Dettagli

La Gestionale Ambientale in Enel

La Gestionale Ambientale in Enel La Gestionale Ambientale in Enel Il contesto della Gestione Ambientale Politiche, Regolazione e principi internazionali Corporations Impatti sugli ecosistemi locali Impatti sull ecosistema globale Movimenti

Dettagli

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali

Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali Coalizione Nazionale per le Competenze Digitali A cosa servono queste linee guida? Queste linee guida identificano gli elementi la cui presenza è ritenuta necessaria per i progetti della Coalizione Nazionale

Dettagli

La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali

La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali La Coalizione Italiana per le Occupazioni Digitali Agostino Ragosa Direttore Agenzia per l Italia Digitale 18 giugno 2014 Le Competenze digitali nella missione dell Agenzia per l Italia Digitale Dal Decreto

Dettagli

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO

PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE 2014-2020 PER LA SCUOLA COMPETENZE E AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 2014-2020 LA STRATEGIA DI COMUNICAZIONE E GLI OBBLIGHI DI PUBBLICITÀ La Strategia

Dettagli

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Presentazione del VI rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale in Europa 6 ottobre2014 Massimo Sabatini Politiche regionali e

Dettagli

LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE

LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE www.riccardograssi.it info@riccardograssi.it Master interuniversitario Joventut i Societat Condizione giovanile e politiche giovanili nel sud Europa LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE

Dettagli

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013

Rapporto Innovazione nell Italia delle Regioni 2012 LUCAI. Lucia Pasetti - Milano, 21 gennaio 2013 LUCAI 2012 Il CISIS CPSI Comitato Permanente Sistemi Informatici CPSS Comitato Permanente Sistemi Statistici CPSG Comitato Permanente Sistemi Geografici La cooperazione interregionale Il CISIS opera come

Dettagli

27 ottobre 1953 a Broadstairs (GB) Sassari

27 ottobre 1953 a Broadstairs (GB) Sassari INFORMAZIONI PERSONALI Nome e cognome Data e luogo di nascita Residenza 27 ottobre 1953 a Broadstairs (GB) Sassari ESPERIENZE PROFESSIONALI Date (da a) 01.01.2011 ad oggi Comune di Sassari Ente Locale

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dipartimento Programmazione e Finanze SALVATORE PANZANARO DOMENICA NARDELLI GIUSEPPE BERNARDO FFAELE PACIELLO ENRICO D ALESSIO

Dettagli

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15

Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 PROT. 5585/2015 Proposta organizzativa per CdA del 29/7/15 ARCA S.p.a. Organigramma Presidenza Relazioni Istituzionali e Comunicazione Segreteria Generale e Affari Societari Program Management e Internal

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Agenda Digitale Italiana: quale bilancio e quale rilancio?

Agenda Digitale Italiana: quale bilancio e quale rilancio? ANFoV Osservatorio Agenda Digitale Italia Criticità e realizzazioni Roberto Azzano Vice Presidente ANFoV Agenda Digitale Italiana: quale bilancio e quale rilancio? Quale bilancio per l Agenda digitale

Dettagli

Osservatorio Business Intelligence

Osservatorio Business Intelligence Divisione Ricerche Claudio Demattè Osservatorio Business Intelligence 3 Ciclo di ricerca 2010 Filone di ricerca BI Governance nel Settore dell Energy, Utility e servizi di pubblica utilità In collaborazione

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source

La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source La Pubblica Amministrazione consumatore di software Open Source Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie Paola Tarquini Sommario Iniziative in atto Una possibile strategia per la diffusione del Software

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI

Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane. Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Il processo di definizione e gestione del Risk Appetite nelle assicurazioni italiane Renzo G. Avesani, Presidente CROFI Milano, 10 07 2013 1. Che cosa è il Risk Appetite? 2. Il processo di Risk Appetite

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo

25/11/14 ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Tecnologie dell informazione e controllo ORGANIZZAZIONE AZIENDALE 1 Tecnologie dell informazione e controllo 2 Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale IT e coordinamento esterno IT e

Dettagli

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE SOMMARIO TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE CAPITOLO PRIMO LE ORIGINI DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE 1. Introduzione 1.1 La definizione di società dell informazione 1.2 La Società

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

Presentazione (di Elio Borgonovi) Prefazione (di Enrico Valdani) Nota introduttiva

Presentazione (di Elio Borgonovi) Prefazione (di Enrico Valdani) Nota introduttiva Presentazione (di Elio Borgonovi) Prefazione (di Enrico Valdani) Nota introduttiva XIII XVII IXX Capitolo 1 - Introduzione al governo elettronico 1.1 II governo elettronico: approcci e definizioni 1 1.1.1

Dettagli

Skills Management Consulenza e Formazione

Skills Management Consulenza e Formazione DIVISIONE SANITA' è una società di consulenza direzionale e di formazione manageriale, innovativa e dinamica, che affianca i propri Clienti nella gestione dei processi di cambiamento, nello sviluppo della

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Triennio 2013 2015 1 Indice Articolo 1. Articolo 2. Articolo 3. Articolo 4. Articolo 5. Articolo 6. Articolo 7. Oggetto e Finalità Organizzazione e

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE

AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE AGENDA DIGITALE: COSA I COMUNI SI ATTENDONO DALLA SUA ATTUAZIONE E COME I COMUNI POSSONO CONTRIBUIRE ALLA SUA ATTUAZIONE Milano, 19 dicembre 2012 1 Premessa L agenda digitale italiana, con le prime misure

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009

ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 ICT IN SANITÀ: IL PERCORSO DEL FUTURO Saronno (Va) 18 febbraio 2009 Il progetto di sviluppo del sistema informativo nell Azienda Ospedaliera di Legnano Claudio Caccia Responsabile Staff Sistemi Informativi

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015 Tre giorni di incontri e appuntamenti sulla trasformazione del sistema della salute in chiave digitale UN PROGETTO DI CON IL PATROCINIO DI IN COLLABORAZIONE CON CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCIE

Dettagli

L agenda digitale europea

L agenda digitale europea Agenda digitale, alfabetizzazione e competenze digitali: verso un Piano nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali Rosamaria Barrese * L agenda digitale europea L Agenda Digitale

Dettagli

Welfare e ICT: strumenti e opportunità

Welfare e ICT: strumenti e opportunità 15 Novembre 2013 Welfare e ICT: strumenti e opportunità Barbara Pralio Welfare: le esigenze Riduzione spese per il welfare Aumento esigenze di protezione sociale Necessità di ragionare su opportunità di

Dettagli

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda

Contributi per evento dell 8 maggio 2015 c/o UNiVda Région Autonome Vallée d Aoste Regione Autonoma Valle d Aosta Présidence de la Région Secrétaire Général de la Région Presidenza della Regione Segretario Generale della Regione Piano Pluriennale 2014-201

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale

Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale Enrico Giovannini Presidente dell Istituto nazionale di statistica Milano, 21 gennaio

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Sintesi delle funzioni attribuite DIREZIONE UNITA` ORGANIZZATIVA con fondi della Legge Speciale per Venezia, sovrintende all erogazione dei contributi per il recupero

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

Missione 011 - Competitività e sviluppo delle imprese

Missione 011 - Competitività e sviluppo delle imprese Missione 011 - Competitività e sviluppo delle imprese 005 - Regolamentazione, incentivazione dei settori imprenditoriali, riassetti industriali, sperimentazione tecnologica, lotta alla contraffazione,

Dettagli

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra soci effettivi e soci aggregati) 62 Sezioni Territoriali (presso le Unioni Provinciali di Confindustria) Oltre 1 milione

Dettagli

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE

CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE CLUSTER ALISEI, SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE E INTEGRAZIONE DELLE RISORSE Anna Allodi Rappresentante pro tempore del Cluster Alisei e Direttore Generale CIRM Le Scienze della vita (1/2) Il settore "Scienze

Dettagli

Spending Re-engineering

Spending Re-engineering Spending Re-engineering Una possibile riforma strutturale della PA Franco Masera, Senior Advisor, KPMG Advisory Forum PA Roma, 28 maggio 2014 Premessa La PA in Europa, ed in particolare in Italia, non

Dettagli

Tavoli tematici. Contributo. Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono (+39) 095 8182326 Giovanni.trombetta@selex-es.com www.selex-es.

Tavoli tematici. Contributo. Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono (+39) 095 8182326 Giovanni.trombetta@selex-es.com www.selex-es. VERSO LA STRATEGIA REGIONALE DELL INNOVAZIONE 2014-2020 Tavoli tematici Contributo 1 1. Dati proponente contributo Nome Giovanni Cognome Trombetta Ente/organizzazione di appartenenza Selex-ES Telefono

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità 2013-2015 INDICE 1. Introduzione: organizzazione e funzione dell Agenzia Regionale per la Tecnologica e l Innovazione - ARTI... 2 2. I dati... 4 2.1

Dettagli

Master Universitario Online in Management & E-Governance per la Pubblica Amministrazione

Master Universitario Online in Management & E-Governance per la Pubblica Amministrazione Master Universitario Online in Management & E-Governance per la Pubblica Amministrazione Master Universitario Online di I e II Livello 60 Crediti Formativi Universitari 1. Premesse Il tema dell innovazione

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto!

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La Medicina Telematica per le Piccole Isole Antonino Sciré Presidente ANSPI Associazione nazionale sanitaria piccole isole Roma, 24 giugno

Dettagli

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali

Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali Programmi europei: opportunità per Regioni ed Enti Locali ForumPA - Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano flavia.marzano2@unibo.it Roma, 22 Maggio 2007 Flavia Marzano 1 Ricerca europea? Arrivare al 3% del

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Ministero dell industria

Ministero dell industria PRINCIPI Principi di base per il Commercio Elettronico Legislazione leggera e minimo intervento di regolazione Regole chiare e semplici Sviluppo guidato dal mercato Linee guida coordinate a livello europeo.

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO per la gestione del rischio amministrativo-contabile

SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO per la gestione del rischio amministrativo-contabile Allegato al Decreto n. 465 del 30/07/2013 Piano 2013-2015 e programma 2013 Piano 2013-2015 e programma 2013 per lo sviluppo del SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO per la gestione ***** pagina 1/12 1. Linee guida

Dettagli

CBI 2011 Corporate Banking and Electronic Invoice

CBI 2011 Corporate Banking and Electronic Invoice CBI 2011 Corporate Banking and Electronic Invoice Dematerializzazione e Transazioni elettroniche: una necessità per lo sviluppo 0 Paolo Angelucci Presidente Assinform Milano, 1 dicembre 2011 Il profilo

Dettagli

Civilia Next è una soluzione per: la pa semplice, veloce e innovativa

Civilia Next è una soluzione per: la pa semplice, veloce e innovativa Civilia Next è una soluzione per: la pa semplice, veloce e innovativa Soluzioni e servizi per migliorare la gestione interna dell Ente e le modalità di erogazione dei servizi ai cittadini e alle imprese

Dettagli

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Cabina di Regia del 26 gennaio 2009 Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento della Cabina di Regia Città di Avellino Programma Integrato

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE

DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI AUTOVALUTAZIONE Step 1 - Decidere come organizzare e pianificare l autovalutazione Ancor prima dell unificazione in entrambi i Plessi erano state avviate iniziative volte al

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Software. Engineering

Software. Engineering Software Engineering Agenda Scenario nel quale matura la necessità di esternalizzare Modalità conrattuali, ambito, livelli di servizio Modalità di governo del contratto e di erogazione dei servizi Metodologia

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Parte 1 Perché esistono e come funzionano le amministrazioni pubbliche (sovranazionali, nazionali e locali)

Parte 1 Perché esistono e come funzionano le amministrazioni pubbliche (sovranazionali, nazionali e locali) Indice Introduzione Parte 1 Perché esistono e come funzionano le amministrazioni pubbliche (sovranazionali, nazionali e locali) 1 Rilevanza e complessità delle istituzioni pubbliche 1.1 Le istituzioni

Dettagli

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA).

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). Ing Paolo Neri 4 Settembre 2014 Associazione Vecchie e Nuove Povertà Empoli IL «PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA» Missione: favorire l uscita dal

Dettagli

ICT per la Sanità in Emilia Romagna

ICT per la Sanità in Emilia Romagna ICT per la Sanità in Emilia Romagna Roma, 18 maggio 2012 L innovazione digitale per la sostenibilità del SSN 2 giornata nazionale della sanità elettronica Cabina di Regia 22 Maggio 2008 0 Sommario Vision,

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS

BOZZA. Attività Descrizione Competenza Raccolta e definizione delle necessità Supporto tecnico specialistico alla SdS Allegato 1 Sono stati individuati cinque macro-processi e declinati nelle relative funzioni, secondo le schema di seguito riportato: 1. Programmazione e Controllo area ICT 2. Gestione delle funzioni ICT

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

MANAGEMENT DELLA SICUREZZA E GOVERNANCE PUBBLICA - MASGOP

MANAGEMENT DELLA SICUREZZA E GOVERNANCE PUBBLICA - MASGOP MANAGEMENT DELLA SICUREZZA E GOVERNANCE PUBBLICA - MASGOP Master di I Livello - A.A. 2015/2016 Premessa Il tema dell innovazione della Pubblica amministrazione italiana richiede oggi, dopo anni di dibattito

Dettagli

PERCORSO EXECUTIVE IN MANAGEMENT PUBBLICO A.A. 2015-2016

PERCORSO EXECUTIVE IN MANAGEMENT PUBBLICO A.A. 2015-2016 PERCORSO EXECUTIVE IN MANAGEMENT PUBBLICO A.A. 2015-2016 Negli ultimi anni le amministrazioni pubbliche, e in particolar modo le Regioni, sono coinvolte in un processo di forte cambiamento dettato dalla

Dettagli

La reingegnerizzazione dei processi nella Pubblica Amministrazione

La reingegnerizzazione dei processi nella Pubblica Amministrazione La reingegnerizzazione dei processi nella Pubblica Amministrazione Dott.ssa Teresa Caltabiano Area della Ricerca Catania, 15 luglio 2011 Agenda Il contesto di riferimento Le organizzazioni I processi Il

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI.

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI. 29 marzo 2012 Anno 2011 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto nel 2011 un indagine sull utilizzo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE

area tematica: QUALITA SOCIALE E WELFARE Tabella A. sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Fenomeno nuove povertà e precarizzazioni sociali Precarizzazione mercato del lavoro INSICUREZZA SOCIALE E SCENARI SOCIO- ECONOMICI E DEMOGRAFICI

Dettagli

Progetto P.R.I.S.M.A. a cura di Maurizio Piccinetti

Progetto P.R.I.S.M.A. a cura di Maurizio Piccinetti Progetto P.R.I.S.M.A Obiettivi trasversali indicati dall Avviso Pubblico della Provincia di Roma Prevedere un forte raccordo fra i sistemi della formazione, del lavoro e del sociale, al fine di individuare

Dettagli

Rapporto sulla implementazione della Carta

Rapporto sulla implementazione della Carta Rapporto sulla implementazione della Carta Il Rapporto sul grado di implementazione degli impegni assunti con la sottoscrizione della Carta per le Pari Opportunità e l Uguaglianza sul lavoro è un rendiconto

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

Laboratorio Ancitel S.p.A. dall identificazione in rete al coinvolgimento dei cittadini Roma,3 febbraio 2010

Laboratorio Ancitel S.p.A. dall identificazione in rete al coinvolgimento dei cittadini Roma,3 febbraio 2010 Laboratorio Ancitel S.p.A. dall identificazione in rete al coinvolgimento dei cittadini Roma,3 febbraio 2010 Le ICT nei Comuni: il Rapporto Ancitel 2009 Paolo Teti, Ancitel Spa Roma, 3 Febbraio 2010 Ancitel

Dettagli

monitoraggio aslromag.info analisi anno 2013

monitoraggio aslromag.info analisi anno 2013 Le Linee Guida per i siti Web della P.A., redatte in base al art. 4 della Direttiva n. 8/2009 del Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione prevedono la pubblicazione periodica dei Dati

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

Consip S.p.A. Obiettivi e prospettive per la razionalizzazione degli acquisti della PA. Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato

Consip S.p.A. Obiettivi e prospettive per la razionalizzazione degli acquisti della PA. Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato Consip S.p.A. Obiettivi e prospettive per la razionalizzazione degli acquisti della PA Dott. Domenico Casalino, Amministratore Delegato Roma, 30 gennaio 2012 1 Macro Trend in atto nella PA In un momento

Dettagli

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore

METODI AGILI IL CONTROLLO DI GESTIONE PER. Loredana G. Smaldore METODI AGILI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE 1 Fonte: Smaldore, L.G. (2014), Metodi «Agili» per il Controllo di Gestione, in Busco C., Giovannoni E. e Riccaboni A. (a cura di), Il controllo di gestione. Metodi,

Dettagli