MARKETING SOCIALE E DIABETE GIOVANILE: il caso di INSU Associazione Giovani Diabetici di Pordenone

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARKETING SOCIALE E DIABETE GIOVANILE: il caso di INSU Associazione Giovani Diabetici di Pordenone"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE CORSO DI LAUREA IN RELAZIONI PUBBLICHE MARKETING SOCIALE E DIABETE GIOVANILE: il caso di INSU Associazione Giovani Diabetici di Pordenone Relatore Laureanda Prof.ssa Donata COLLODI Buriola Tiziana matricola Anno accademico

2 Pag. 2

3 Pag. 3 A mio padre e a Matilde

4 Pag. 4

5 INDICE INTRODUZIONE pag Marketing e marketing sociale pag Definizioni pag Marketing e responsabilità sociale d impresa pag Il marketing nella tutela della salute pag Il marketing nelle organizzazioni no-profit pag Marketing sociale, strategia e comunicazione per la salute pag Azioni informative-educative al cambiamento pag Sistema di comunicazione pag Comunicazione sociale: strumenti e canali pag Il processo strategico pag La creazione di un piano di marketing sociale pag Elementi essenziali pag La gestione delle fasi pag Fase analitica pag Fase Strategica pag Fase Operativa pag Fase di Valutazione, Verifica e Operatività del Piano pag Le raccolte fondi (fundraising) pag. 41 Il caso di INSU Associazione Giovani Diabetici di Pordenone. 4. Il Diabete e il Diabete Giovanile pag Introduzione pag Le dimensioni del problema in Regione FVG pag Individuazioni delle credenze, dei bisogni e dei comportamenti pag I comportamenti a rischio e il ruolo dell educazione pag INSU Associazione Giovani Diabetici Pordenone pag Un altra associazione? pag Il Piano di Marketing Sociale: programma operativo per fasi pag Fase analitica pag Fase strategica pag Fase operativa pag Fase di Valutazione, Verifica e Operatività del Piano pag Rete del valore pag. 68 CONCLUSIONI pag. 69 RINGRAZIAMENTI pag. 71 BIBLIOGRAFIA pag. 73 LIBRI pag. 73 ARTICOLI E RIVISTE pag. 74 Pag. 5

6 SITOGRAFIA pag. 74 NORME E LEGGI CITATE pag. 75 Pag. 6

7 «Perché sei un essere speciale, ed io, avrò cura di te (Franco Battiato La cura ) INTRODUZIONE Il marketing e le relazioni pubbliche sono strettamente interconnesse soprattutto nel marketing sociale a tutela della salute, dove gli obiettivi tendono a sintetizzarsi nell indurre cambiamenti comportamentali, di conoscenza e di persuasione. Nello specifico strutturare a grandi linee un piano di marketing sociale che coinvolga bambini, giovani diabetici e relative famiglie per accompagnarli ad una ottimale gestione di una patologia come il diabete e che induca una particolare attenzione dei pubblici coinvolti sono le priorità della presente tesi di laurea. Le relazioni pubbliche svolgono in questo contesto una funzione di supporto alle trattative con le strutture sanitarie, politiche, scolastiche, sportive mettendo a disposizione competenze, risorse, strumenti e canali di comunicazione al fine di garantire che l insieme delle relazioni con i pubblici sia coerente agli obiettivi che ci si pone. La presente tesi è stata suddivisa in due parti: un introduzione generale al marketing per la salute e una più specifica sul diabete e sull associazione per giovani diabetici. Inizialmente sono state analizzate le varie estensioni del Marketing: partendo con una panoramica generale delle definizioni dell American Marketing Association, per poi passare al Marketing Sociale, alla Responsabilità Sociale d Impresa, al Marketing per le Organizzazioni Non Profit e al Marketing per la Tutela della Salute. A seguire ci si è addentrati nello specifico argomento della comunicazione per la salute, con tutti gli strumenti e i canali necessari per un efficace educazione informativa-educativa al cambiamento; per approdare infine all analisi puntuale della vera e propria costruzione di un Piano di Marketing Sociale. Nella seconda parte del lavoro ci si è focalizzati maggiormente sulla patologia del diabete giovanile, sia in termini statistici in relazione al territorio, che in termini medico-psicologici per far cogliere le implicazioni di una malattia tanto invasiva; si è poi continuato con il progetto Pag. 7

8 della costruzione di un vero e proprio Piano di Marketing Sociale destinato ad una neo-nata associazione per giovani diabetici. L idea di questa tesi deriva da un esperienza personale dell autrice che ha vissuto l esordio del Diabete Mellito Tipo 1 sulla propria figlia e ha avuto modo sia di verificare quanto poco fosse conosciuta la patologia nell età pediatrica, sia la difficoltà e il bisogno di sentirsi sostenuti in un momento tanto delicato. Pag. 8

9 1. MARKETING E MARKETING SOCIALE. 1.1 Definizioni Le prime apparizioni del marketing quale strumento di gestione si concretizzano verso la fine degli anni venti, ma solo dalla seconda metà del secolo scorso questa materia ha sperimentato un notevole incremento ed una concettualizzazione maggiormente strutturata. La prima definizione ufficiale di Marketing adottata dell America Marketing Association (AMA) del 1960 recitava così: Il marketing si identifica con lo svolgimento di tutte le attività aziendali che servono a far muovere il flusso dei beni e dei servizi dal produttore al consumatore o utilizzatore in questo concetto tale disciplina era rappresentata nella pianificazione delle decisioni d impresa sulle diverse leve a disposizione (distribuzione, prezzi, pubblicità, ricerca, organizzazione, vendita, ecc.) allo scopo di conseguire un obiettivo finale (profitto, quota di mercato, vendite, fatturato, ecc.). L idea del Marketing Sociale fu introdotto per la prima volta nel 1971 da P. Kotler e S. Levi nella prestigiosa rivista americana Journal of Marketing 1 in un articolo in cui tale disciplina veniva definita come un attività sociale non limitata alla sola vendita di prodotti quali dentifricio, saponette o acciaio, ma la estendeva a nuove realtà del mutato contesto socioeconomico che stavano prendendo piede in quel periodo storico 2. Tale ampliamento del concetto di Marketing pur basandosi sul paradigma dello scambio si concentra più sull attività transazionale che sullo strumento che collega produzione e consumo: si può affermare dunque che si ha una transazione ogniqualvolta via sia un passaggio di valore tra due soggetti e si può ravvisare ad esempio anche nei momenti in cui attraverso una donazione di danaro si cercano di ottenere beni intangibili quali gratitudine, stima, apprezzamento, ecc. A partire dagli anni Ottanta lo sviluppo della materia prese connotazioni molto più ampie e maggiormente definite e nel 1985 l'american Marketing Association 3 definiva il marketing nel seguente modo: "Il marketing è il processo di pianificazione e realizzazione delle attività di concepimento, determinazione dei prezzo, promozione e distribuzione di idee, beni o servizi, destinati a creare scambi allo scopo di soddisfare obiettivi degli individui e delle 1 P. KOTLER, S. LEVI, Broadening the concept of marketing, Journal of Marketing, vol. 33,1969, pp Cit. in S. TAMBORINI, Marketing e Comunicazione Sociale, Lupetti & Co. Editore, Milano 1992, p.45 2 il marketing è un attività sociale pervasiva che va ben oltre la vendita di prodotti come il dentifricio, le saponette o l acciaio Nessuno sforzo, però, è stato fatto fino ad oggi per verificare in che misura i principi del tradizionale marketing dei beni di consumo siano trasferibili al marketing dei servizi, delle persone e delle idee 3 Sito ufficiale dell AMA: Pag. 9

10 organizzazioni". Tale definizione proponeva una diversa dimensione del marketing in cui si riscontrava una natura eterogenea di ciò che sta alla base del processo di scambio (idee, beni o servizi) e un ampliamento della definizione dei soggetti che partecipano al processo stesso; risulta palese che il riferimento a idee e organizzazioni tendesse ad includere sia le organizzazioni che attraverso lo scambio di idee cercavano di fare proseliti quali partiti politici, movimenti religiosi e d opinione, sia quegli enti pubblici o privati che tendevano a sensibilizzare una collettività di fronte a problemi quali la salute, l istruzione, la sicurezza, ecc. La definizione più recente recita così: Marketing is the activity, set of institutions, and processes for creating, communicating, delivering, and exchanging offerings that have value for customers, clients, partners, and society at large (AMA, 2007) ciò significa che il Marketing non è solo una funzione organizzativa, ma coinvolge le attività, le istituzioni e i processi che creano, comunicano, distribuiscono e scambiano beni e/o servizi di valore per una moltitudine di pubblici quali consumatori, clienti, partner e società in generale, includendo, di conseguenza, il ruolo che il marketing gioca dentro una società più ampia e definendolo in sintesi come una filosofia, una scienza ed un processo educativo: si tratta quindi di un passo avanti nel complesso discorso sull'applicabilità del marketing ai diversi contesti. In una edizione del 2004 di Marketing management di Philip Kotler si fa riferimento ad una definizione sociale/relazionale, oltre a quella manageriale del marketing su esposta, che risulta così enunciata: il marketing è il processo mediante il quale individui e gruppi ottengono ciò di cui hanno bisogno o che desiderano tramite la creazione, l offerta e il libero scambio di prodotti e servizi di valore 4. Tra le diverse definizioni di marketing è chiaramente evidente nella prima l orientamento alla produzione (product oriented) e nelle altre la propensione al soddisfacimento dei bisogni (customer oriented) con la copertura dell intera gamma delle relazioni umane. Lo sviluppo del Marketing Sociale, trova sempre in Kotler la sua definizione: il marketing sociale può definirsi come l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare un comportamento in modo volontario, al fine di ottenere un vantaggio per i singoli individui o la società nel suo complesso 5 ed è in quest ottica che maggiormente ci interessa parlare di marketing ai fini della presente discussione in relazione alla tutela della salute e a quello delle organizzazioni non profit. 4 KOTLER P. Marketing Management Pearson Education Italia KOTLER P., ROBERTO N., LEE N. - Social Marketing - Improving the Quality of Life. Sage Pubblications.2002 Pag. 10

11 Appare doveroso, a questo punto, chiarire la distinzione tra il marketing delle organizzazioni senza scopo di lucro ( marketing for no profit organizations ), che risulta molto simile alla disciplina tradizionale se si esclude la tipologia dei soggetti implicati, ed il marketing sociale vero e proprio ( social marketing ). Tra il marketing sociale e quello delle organizzazioni non profit risulta esserci una sostanziale differenza in relazione a natura, tipo e finalità dell offerta presentata come oggetto di scambio. Mentre nel primo ci si propone di cambiare gli atteggiamenti, i comportamenti, i modi di pensare e di percepire in relazione all argomento o alla causa sociale di interesse; nel secondo i propositi sono prodotti, servizi, persone o organizzazioni. E a questo punto rilevante affermare che il Marketing Sociale è spesso contenuto nel Marketing per le organizzazioni non profit perché si sviluppa prevalentemente nelle Associazioni, Organizzazioni di volontariato o organismi di vario genere 6. Tuttavia, anche nelle aziende a scopo di lucro, azioni di marketing sociale possono essere implementate, anche se a ben vedere non vi rientrano pienamente in quanto hanno importanti ricadute in termini di immagine aziendale risultando così al servizio di scopi commerciali. Come già accennato nel marketing sociale l oggetto dello scambio è rappresentato non tanto da un prodotto, sia questo un bene tangibile o un servizio, quanto dalle idee, che sono alla base di attitudini, valori, credenze e pratiche, e che diventano cause sociali nel momento in cui si diffondono a livello collettivo. In un azione di marketing sociale può comunque accadere che l idea venga associata ad un particolare prodotto concreto o servizio, questo generalmente dipende dal tentativo di rendere più facile l adozione dell idea stessa, che quindi rappresenta l offerta principale. Nelle azioni di marketing sociale, attraverso la proposta di idee alternative ad opinioni e/o comportamenti che si ritengono dannosi, si mira a risolvere dei problemi nell interesse collettivo. Nonostante l istanza individuale sia presente, in quanto è sempre l individuo che agisce e che ricava benefici dall accettazione della proposta, essa è strettamente connessa ad un interesse generale, che costituisce la finalità ultima di questi interventi. Quindi si può affermare che l oggetto dell azione di marketing sociale è un idea dal carattere relativamente controverso che viene proposta nell interesse collettivo al fine di risolvere problematiche sociali. Il marketing sociale quindi, si definisce come l applicazione dei principi e delle tecniche del marketing per aumentare l accettabilità di una causa o idea d interesse collettivo e nell interesse collettivo. 6 Se ogni iniziativa di marketing sociale costituisce un esempio di marketing no profit, non è comunque sempre vero l inverso TAMBORINI S., Marketing e comunicazione sociale, Milano, Lupetti & Co., 1996 Pag. 11

12 Le principali differenze tra il marketing sociale e il marketing no profit si possono sintetizzare nella seguente tabella: PRINCIPALI DIFFERENZE TRA MARKETING SOCIALE E MARKETING NO PROFIT SOCIALE NO PROFIT PRODOTTI un'idea o un atteggiamento alternativo a quanto fatto fino a quel momento in relazione comportamenti, atteggiamenti o pensieri (es. campagna a favore del riciclaggio rifiuti) un'organizzazione, istituzione, ente, associazione o altro che crea valori etici e promuove una "giusta causa" (es. L UNICEF si occupa di infanzia e promuove iniziative perchè i bambini abbiano da mangiare, possano bere acqua potabile, ricevano assistenza medica, abbiano un'istruzione, non vengano sfruttati e che non si abusi di loro) STRUMENTI dispensare conoscenze, informazioni, "emozioni" in relazione alla causa (es. come sta aumentando l'inquinamento del pianete, come vengono riutilizzati i rifiuti della raccolta differenziata, il mondo "più pulito" che lascerermo alle future generazioni) attraverso la conoscenza dei bisogni si cerca di sensibilizzare i pubblici generando fiducia, consenso rispetto alla mission, ai progetti e alle attività con raccolte fondi e il coinvolgimento di volontari (spot televisivi, gadget da vendere tipo Pigotta, biglietti di auguri natalizi, ecc. o ancora con la sponsorizzazione di eventi, ecc.) OBIETTIVI beneficio sociale individuale e collettivo (gratificazione dal fare la cosa giusta, benefici nei costi di smaltimento per l intera comunità e salvaguardia ambientale) affermare un immagine chiara e distintiva per l acquisizione di un valore sociale, etico o psicologico (il marchio di un bel azzurro bebè, oltre alle immagini di bimbi generalmente di colore) che possa riscuotere maggiori adesioni Fig. 1: Differenze tra marketing sociale e marketing per le organizzazioni non profit (nostra elaborazione) Le campagne, che spesso sottolineano i benefici individuali derivanti dall adozione o dall abbandono di un comportamento, mirano in ogni caso a risolvere un problema collettivo. Si pensi, ad esempio, ad una qualsiasi iniziativa volta a promuovere l attività fisica: il vantaggio che il singolo ottiene dall accettazione della proposta si riflette in un beneficio sociale di più Pag. 12

13 ampio respiro (miglior salute fisica, diminuzione dei casi di diabete, minor ospedalizzazioni, buon controllo cardio-circolatorio, ecc,). 1.2 Marketing e Responsabilità sociale d impresa Altra distinzione fondamentale è quella che contrappone al marketing delle organizzazioni non profit e al marketing sociale, il societal marketing o responsabilità sociale dell impresa, riguardante la partecipazione delle aziende coinvolte in cause/campagne sociali. Oggigiorno le aziende, in tutti i settori, sono impegnate non solo, come nel passato, nella creazione di valore per i loro azionisti, ma debbono anche farsi carico di obiettivi inerenti la responsabilità degli effetti che l attività stessa crea o può creare nel sistema sociale in cui l azienda opera. Si pensi alle catastrofi ambientali dovute a falle o esplosioni nelle petroliere con riversamento in mare degli oli inquinanti, oppure a esplosioni negli stabilimenti con emissioni di sostanze tossiche o radioattive, ecc. Questa nuova attenzione viene definita Corporate Social Responsability, traducibile come responsabilità sociale d impresa, che riguarda l impegno che un impresa si attribuisce per accrescere il benessere della comunità attraverso pratiche volontarie di business, che prevedono la messa a disposizione di risorse aziendali. Tali pratiche generalmente, si realizzano attraverso iniziative sociali atte a sostenere cause sociali di tutela della salute o ambientali o altro e ricevendone in cambio un ritorno in immagine e valore. Come già segnalato le cause più frequentemente supportate attraverso tali azioni sono quelle che contribuiscono alla tutela della salute della comunità (prevenzione, diagnosi precoce di tumori, vaccinazioni, screening, ecc.), all educazione (diffusione di tablet nelle scuole, alfabetizzazione), alla sicurezza (corsi di guida sicura, prevenzione del crimine), all ambiente (riciclaggio, eliminazione di prodotti chimici quali pesticidi, conservanti, ecc., riduzione imballaggi) e ai più svariati bisogni e desideri primari degli esseri umani (lotta alla fame, difesa degli animali, rifugi per senzatetto, non sfruttamento del lavoro minorile, ecc.) Le 6 tipologie di iniziative che vengono più facilmente utilizzate 7 sono: - Filantropia aziendale: quando un impresa dona un contributo diretto spesso in denaro ad un istituzione benefica o ad una causa, tipologia che ha perso negli anni la sua attrattività, a seguito delle pressioni, a cui sono sottoposte le aziende, sia interne che esterne affinché 7 KOTLER & LEE, Marketing e responsabilità sociale d'impresa, Milano, Il Sole 24 Ore SpA, 2008 Pag. 13

14 adottino approcci maggiormente strategici e mirati legando gli obiettivi al target dell azienda; - Promozione di una causa o Cause Related Marketing (CRM): in cui l azienda mette a disposizione fondi, contributi in natura per sostenere una causa sociale, anche sponsorizzando iniziative benefiche (Body Shop garantisce promuove il divieto di testare i prodotti su animali); - Marketing legato alla causa: anche questa è una tipologia di CRM, quando l azienda si impegna a dare un contributo o a donare una percentuale dei ricavi di vendita di un prodotto ad una determinata causa (ad es. McDonald e la vendita del Parmigiano Reggiano per il terremoto dell Emilia, IKEA sponsorizza il WWF con 1 x ogni scatola di lampadine fluorescenti riportate); - Volontariato presso la comunità: in cui l impresa invita i dipendenti, ma anche i partner commerciali, a dedicare gratuitamente del tempo ad organizzazioni e cause benefiche (anche attraverso delle politiche di tempo libero retribuito per i dipendenti); - Pratiche di business socialmente responsabili: l azienda adotta e applica pratiche di business discrezionali ed effettua investimenti a supporto di cause sociali intese a migliorare il benessere della comunità e a proteggere l ambiente (ad esempio le gelaterie GROM utilizzano prodotti biodegradabili quali coppette, cucchiaini, ecc.) 8 - Marketing sociale d impresa: si attua attraverso la promozione, lo sviluppo e l implementazione di una campagna di cambiamento comportamentale a tutela della salute pubblica, l ambiente o il benessere di una comunità. 1.3 Il Marketing nella tutela della salute La promozione della salute è un processo iniziato verso la fine del XVIII secolo con la riduzione delle asperità delle condizioni di lavoro in luoghi malsani per i lavoratori; successivamente la stessa Organizzazione Mondiale della Sanità, propose una nuova definizione della salute: la salute non è solo l assenza di malattia ma uno stato di completo benessere fisico, mentale e di competenza sociale (United Nation Department of Public Information, 1948), ma che ottiene un suo effettivo riconoscimento con la Carta di Ottawa del 1986 dove la 8 Progetto ecologico "Grom Loves World" ancora una volta sosteniamo con forza il nostro rispetto per l'ambiente e l'ecosostenibilità tutta la plastica (cucchiaini, sacchetti per il gelato d'asporto e per la spazzatura) infatti viene sostituita dal Materbi, uno straordinario materiale che deriva dall'amido di mais e da oli vegetali, completamente biodegradabile e compostabile - dal sito Pag. 14

15 promozione della salute è il processo che rende le comunità e gli individui in grado di aumentare il controllo sui fattori determinanti di salute, quindi migliorando la salute stessa, percepita pertanto come valore da difendere, e consentendo di vivere una vita sana, attiva e produttiva. La promozione della salute diviene allora un processo culturale, sociale, ambientale, economico, e politico e tendente a rafforzare il potenziale di salute delle persone in modo che la buona salute sia il mezzo per avere una vita felice e produttiva. La Carta di Bangkok per la promozione della salute in un Mondo Globalizzato del 2005 è stata il primo aggiornamento della Carta di Ottawa. Come già ribadito il marketing sociale promuove valori e comportamenti alternativi, offrendo opportunità di riflessione e incoraggiando la consapevolezza degli individui affinché divengano parte attiva del processo, tutto questo comporta benefici derivanti da un cambiamento di stile di vita e di opinione che risultano misurabili solo nel medio/lungo periodo e che possono riguardare non solo la tutela della salute, ma molteplici aspetti del vivere sociale. L uso del marketing sociale per la prevenzione e la promozione della salute si pone come un processo condiviso e partecipato di realizzazione sociale della salute che coinvolge i diversi settori della società rendendoli partecipanti attivi: enti locali, aziende sanitarie, università, scuola, imprenditori, sindacati, terzo settore, Agenzia Regionale Prevenzione e Ambiente, mondo dello sport e mondo della cultura, singoli cittadini e associati. Analogamente all individuazione degli obiettivi contribuiscono documenti normativi che ai vari livelli, europeo, nazionale, regionale, provinciale e distrettuale, fissano i criteri d azione nel campo della prevenzione e della promozione della salute. Alcuni tra i più recenti sono 9 : - Guadagnare salute La strategia europea per la prevenzione e il controllo delle malattie croniche elaborato dal Comitato Regionale per l Europa dell Organizzazione Mondiale della Sanità (Copenaghen, settembre 2006) e che considera la prevenzione un investimento in salute e sviluppo ; - il Piano Sanitario Nazionale (e i relativi Piani Regionali), che pone il miglioramento e potenziamento della prevenzione e della promozione della salute tra le scelte strategiche di sviluppo e indica le linee d intervento per la prevenzione nell ambito delle seguenti aree prioritarie: malattie cardiovascolari, oncologhiche, respiratorie croniche, obesità, diabete, salute mentale, dipendenze patologiche, malattie infettive (vaccinazione), ecc, 9 Marketing Preventivo. Appunti per una nuova prevenzione del consumo di droghe, a cura di Marino V. e Serpelloni G. (pubblicazione realizzata nell ambito del progetto della provincia di Varese Gli stili di vita per la prevenzione delle tossicodipendenze ) Pag. 15

16 - le deliberazioni a valenza provinciale degli organismi di rappresentanza degli Enti Locali; - piani operativi distrettuali. Nell ambito che a noi interessa il marketing sociale, volto all adozione di stili di vita più sani, intende incoraggiare la condivisione con i cittadini e la comunità, nel cui ambito territoriale opera l ente promotore, di una più vasta gamma di comportamenti alternativi che siano garanti di scelte più adeguate, libere e consapevoli riguardo a ciò che influisce sul proprio stato di salute, e per questo deve tener conto delle linee guida o dei protocolli stabiliti dalle politiche di salute e del valore del ruolo dei partner quali enti locali, sanitari, pubblici, mondo dello sport, del volontariato, ecc. 1.4 Il marketing nelle organizzazioni non profit. Ogni tipo di organizzazione, commerciale o non profit, dispone di risorse umane e finanziarie limitate con le quali deve sforzarsi di raggiungere gli obiettivi per cui è stata costituita, agendo più efficacemente ed efficientemente possibile, ed operando in un ambiente competitivo. Anche un organizzazione non lucrativa quindi, indipendentemente dalla propria natura giuridica e scopo, si trova ad affrontare problemi di marketing, e può utilmente sfruttarne principi e tecniche. Tale approccio agli strumenti del marketing e della comunicazione d impresa in ambito non profit nasce da un cambiamento culturale e da un analisi dell organizzazione non profit del suo ambiente e delle relazioni che intrattiene con i terzi. Oggigiorno acquista maggiore importanza l aspetto relazionale dell organizzazione nel senso dei rapporti con i soggetti dell ambiente in cui la stessa agisce, a fianco all aspetto etico dell organizzazione non profit - che mette in evidenzia il ruolo dei valori e della mission - e all aspetto istituzionale che riguarda le prospettive formali, giuridiche e di funzionamento. L organizzazione non profit relaziona costantemente con una molteplicità di soggetti instaurando con loro delle relazioni per scambi di varia natura: materiale (scambio di beni/servizi) o immateriale (ad es. gratificazione personale e tempo per un volontario). Il governo di queste relazioni, che costituiscono la base per il reperimento delle risorse necessarie al raggiungimento degli obiettivi che si è posta la stessa organizzazione, può divenire un problema. Pag. 16

17 Per amministrare tali rapporti è necessario prima di tutto comprendere e definire i bisogni espressi e latenti dei singoli individui e al contempo offrire beni/servizi in grado di soddisfare quanto richiesto o individuato. Per favorire convenientemente questi scambi l organizzazione deve essere in grado di: gestire i mezzi di comunicazione; conoscere e capire i propri interlocutori (target di riferimento compreso); esprimersi in modo appropriato e convincente per rendere riconoscibile la propria causa, stimolandone l adesione; proporre un immagine positiva che contribuisca ad una identificazione univoca e corretta Ovviamente in questo sistema di relazioni gli enti non profit avviano azioni di marketing e comunicazione sociale tese sia a coinvolgere l opinione pubblica che a condurla a sostenere i propri sforzi. Questo significa che se da un lato le organizzazioni si fissano l obiettivo di modificare comportamenti o opinioni, dall altro devono risultare contemporaneamente efficaci per il reperimento di risorse umane ed economiche (people raising o fundraising) Generalmente tali operazioni sono indirizzate a tutti gli stakeholder, ma a ciascuno di essi vengono dedicati gli strumenti e le modalità di contatto più idonee: nello specifico i maggiori gruppi a cui si rivolgono gli enti non profit sono da una parte i singoli cittadini, e dall altra le amministrazioni/fondazioni/imprese e mentre ai primi si chiedono sostegno ideologico e risorse economiche e umane, agli altri si chiede di diventare finanziatori delle attività dell organizzazione attraverso collaborazioni quali sponsorizzazioni, promozioni, patrocini, ecc. D altra parte, il fine delle organizzazioni senza fini di lucro, cioè la soddisfazione di determinati bisogni sociali, si ricollega direttamente al concetto stesso di marketing che ha contribuito allo sviluppo di tecniche e strumenti finalizzati all identificazione dei bisogni dei consumatori e ai mezzi per soddisfarli. Questa capacità di aumentare il livello di soddisfazione dei consumatori/clienti si unisce alla possibilità di una gestione efficace ed efficiente, fondata sul miglior sfruttamento possibile delle risorse in relazione alle opportunità espresse dal mercato, ai mutevoli fattori ambientali e agli obiettivi dell organizzazione 10 Risulta a questo punto chiaro che il punto in comune tra il marketing delle organizzazioni non profit e il marketing sociale si riduce al fatto che entrambe non perseguono fini lucrativi, ma, mentre il primo si occupa specificatamente degli aspetti organizzativi, istituzionali dell azienda, quali: la promozione della sua immagine, i problemi di recupero risorse, ecc., l altro, il 10 (TAMBORINI, 1996) Pag. 17

18 marketing sociale, si concentra sulle attività finalistiche occupandosi di ciò che ha una rilevanza sociale. Pag. 18

19 2. MARKETING SOCIALE, STRATEGIA E COMUNICAZIONE PER LA SALUTE. 2.1 Azioni informative-educative al cambiamento In ogni collettività ci si ritrova a fronteggiare problematiche di natura sociale che richiedono un cambiamento di opinioni o di comportamenti nei settori più disparati: ecologico e di salvaguardia ambientale, tutela della salute, tutela dei diritti civili, lavoro minorile, ecc. Cambiare i comportamenti o i modi di pensare delle persone migliora la qualità della vita di tutti, ambiente compreso ed è per questo che oggigiorno si ricorre all utilizzo di diverse tipologie di strumenti per raggiungere tale obiettivo: - normativi: interventi che possono essere coercitivi o di incentivazione all uso o al disuso di particolari pratiche (es. uso delle cinture di sicurezza in auto, divieto della vendita di alcool/tabacco ai minori di 18 anni, aumento punti-patente per guida corretta, ecc.); - economici: interventi di tassazione di comportamenti negativi o di incentivazione di quelli positivi (es. aumento della tassazione sulle sigarette per combattere il fumo; incentivazione attraverso contributi o detassazione degli agricoltori che sostituiscono la coltivazione del tabacco con altri tipi di piantagioni, ecc.) - tecnologici: quando attraverso una qualche innovazione tecnologica si facilita l adozione o l abbandono di comportamenti sociali desiderabili o non (es. la sigaretta elettronica potrebbe aiutare le persone ad abbandonare il vizio del fumo, un segnale acustico nelle auto incentiva l uso delle cinture di sicurezza in auto, ecc.); - uso di campagne o azioni informative-educative (o persuasive) per indurre il cambiamento attraverso la conoscenza e quindi una maggiore consapevolezza delle persone in relazione ad un determinato problema sociale; tale consapevolezza sta alla base di ogni campagna sociale per favorire l adozione di nuovi o diversi modi di pensare o di agire. Il marketing sociale si rifà proprio a questa tipologia di approccio, tenendo in considerazione che spesso le campagne di tipo informativo-educativo possono risultare da sole poco efficaci sia per la non corretta individuazione del target, sia per i messaggi poco incisivi o recepiti in maniera distorta, sia per processi di categorizzazione (euristiche) in cui l individuo tende a ridurre la complessità di uno stimolo riducendolo ad una categoria di appartenenza 11, o ancora per la 11 VANNONI D., Manuale di psicologia della comunicazione persuasiva, UTET Università, 2007 Pag. 19

20 mancanza di un appoggio concreto o di una alternativa efficace al fine di modificare il comportamento. Le campagne sociali comunque vanno analizzate sotto un duplice aspetto individualistico e collettivo: i bisogni a cui esse cercano di fare fronte sono di tipo collettivistico senza peraltro negare un vantaggio al singolo, si tratta quindi di un impegno richiesto ad una collettività, promosso da un gruppo che cerca di persuaderne un altro, per modificare e/o accettare determinati atteggiamenti e comportamenti che hanno intrinseca una rilevanza collettiva. Sovente le azioni di marketing sociale presentano altresì la caratteristica di produrre benefici a catena in diverse aree della struttura socio-economica: l organizzazione promotrice dell azione deve quindi comunicare ai pubblici tutti i vantaggi che deriveranno dal cambiamento da essi promosso (ad esempio dalla buona gestione del diabete risultano meno ospedalizzazioni a carico del Servizio Sanitario Nazionale) Ciò che fa divenire le campagne sociali lo strumento principe della diffusione di nuovi opinioni/comportamenti/valori è proprio il carattere educativo-persuasorio anziché impositivopersecutorio: poiché il consenso condiviso e di libera scelta ad una nuova modalità risulta maggiormente efficace. Quindi andando oltre le motivazioni psicologiche individuali, viene compresa e condivisa l importanza dell adozione di un comportamento/opinione consono al benessere collettivo attraverso anche un tornaconto soggettivo che si muove dall interno, basandosi su dinamiche consensuali. In Italia nel 1971 nacque una associazione non profit Pubblicità Progresso (divenuta Fondazione nel 2005) che si impegnava alla soluzione di problemi morali, civili ed educativi dell intera comunità utilizzando campagne pubblicitarie distribuite gratuitamente. Oggi la stessa Fondazione è Centro Permanente della Comunicazione Sociale ed utilizza per i suoi fini non solo la pubblicità, ma facilita il confronto sulla comunicazione sociale attraverso una biblioteca multimediale, organizza eventi nazionali ed internazionali, predispone momenti formativi in collaborazione con altre organizzazioni, offre il proprio patrocinio ad altri enti non profit creando link, invita al dibattito su temi attuali attraverso la gestione di un blog aperto a tutti, ecc. 12 Si può quindi concludere affermando che il marketing sociale è l applicazione di concetti e tecniche del marketing e di altre discipline per raggiungere obiettivi cognitivi e/o 12 Dal sito Pag. 20

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

E LE SUE STRATEGIE COMUNICATIVE.

E LE SUE STRATEGIE COMUNICATIVE. ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea specialistica in: Scienze della Comunicazione Pubblica, Sociale e Politica LA RESPONSABILITÀ SOCIALE D IMPRESA

Dettagli

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG

LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG TERZA CONFERENZA AMBIENTALE DEI MINISTRI E DEI LEADER POLITICI REGIONALI DELL'UNIONE EUROPEA LA RISOLUZIONE DI GÖTEBORG Dopo l incontro di preparazione tenuto nella regione Rhône-Alpes, Francia, il 28

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt)

La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) SCHEDA 8 La Dichiarazione di Verona sugli investimenti in salute (The Verona Declaration on Investment for Healt) Verona, Italia, 5-9 luglio 2000 LA SFIDA DI VERONA Investire in salute significa promuoverne

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Corso di Marketing. Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA

Corso di Marketing. Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA Corso di Marketing Prof. Gennaro Iasevoli Corso di Laurea Scienze della Comunicazione, Informazione e Marketing Università LUMSA Presentazione del corso Obiettivi Timing e struttura del programma Modalità

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali

Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali IL FUND RAISING PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Principi, strumenti e tecniche Il lavoro sulle risorse immateriali precede la ricerca delle risorse materiali Spesso, di fronte al tema delle risorse, chi

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

GiannaElisa Ferrando. Genova 01-12-2015

GiannaElisa Ferrando. Genova 01-12-2015 GiannaElisa Ferrando Genova 01-12-2015 Quali strategie occorre mettere in atto per comunicare la salute in modo efficace ed attivare processi di cambiamento nei cittadini? Comunicare la salute vuol dire

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY

LA RESPONSABILITÀ SOCIALE DELLE IMPRESE CORPORATE SOCIAL RESPONSABILITY Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 10/10/2007. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE

LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE LE COMPETENZE DEL TERAPISTA OCCUPAZIONALE COMPETENZE GENERALI Competenze strumentali: Capacità di analisi e sintesi Programmazione e gestione del proprio tempo Conoscenze generali di base nel campo di

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA Forum Lombardo delle Lombardia FeLCeAF Associazioni familiari ACCORDO DI PROGRAMMA PER L ATTIVAZIONE DI UNA RETE DI COMUNI AMICI DELLA FAMIGLIA La crisi in atto ormai da alcuni anni porta al contenimento

Dettagli

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE

IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE di Sergio Ricci 1 IL BILANCIO SOCIALE E IL SUO RADICAMENTO NELLE ASSOCIAZIONI LINEE GUIDA E RIFLESSIONI SULLE METODOLOGIE Intervento per il Convegno Turismo Sociale e Bilancio Sociale : contributi in un

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

CENTRO LA TENDA - Napoli

CENTRO LA TENDA - Napoli OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE CENTRO LA TENDA - Napoli STAZIONE DI NAPOLI CENTRALE SCHEDA DI PRESENTAZIONE DEL CENTRO E DEL PROGETTO HELP CENTER Referente

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa.

La moneta. La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. La moneta La definizione di moneta esula dalla forma fisica assunta dalla stessa. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA La moneta e le istituzioni monetarie Le forme fisiche assunte dalla moneta sono diverse,

Dettagli

Social Innovation AROUND Award

Social Innovation AROUND Award Social Innovation AROUND Award Social Innovation Around Award APPuntamento e Premio dell Innovazione Sociale, quest anno alla sua prima edizione, è una iniziativa di SIS Social Innovation Society che con

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di puntare ad una diffusione della sostenibilità sul territorio.

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Team Building e Volontariato d impresa

Team Building e Volontariato d impresa Team Building e Volontariato d impresa LE MALATTIE RARE OGNI MINUT0 NEL MONDO NASCONO 10 BAMBINI COME TOMMASO, AFFETTI DA UNA MALATTIA GENETICA RARA. La Formazione di Valore produce VALORE Rebis e Zeta

Dettagli

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4

Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Learning News Aprile 2011, anno V - N. 4 Le competenze di fundraising nel Non Profit Il Fundraising da tecnica di raccolta fondi ad attività di progettazione strategica: i cinque ambiti di applicazione

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE DI INIZIATIVA POPOLARE DELLA CISL PUGLIA SICUREZZA QUALITÀ E BENESSERE LAVORATIVO 1 OGGI IL LAVORO ANCORA UCCIDE 2 AL FINE DI SVILUPPARE IN PUGLIA UN APPROCCIO NUOVO AL PROBLEMA

Dettagli

Riflessioni sulla e-leadership

Riflessioni sulla e-leadership PIANO NAZIONALE PER LA CULTURA, LA FORMAZIONE E LE COMPETENZE DIGITALI Riflessioni sulla e-leadership (a cura di Franco Patini e Clementina Marinoni) Nella sua più completa espressione l e-leader è una

Dettagli

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre

DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre DG Éducation et culture L autonomie scolaire en Europe Politiques et mécanismes de mise en œuvre Commission européenne Comunicato stampa L autonomia scolastica in Europa Politiche e modalità attuative

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Cos è il fundraising 1

Cos è il fundraising 1 La Raccolta di fondi richiede competenze e investimenti. Ha senso sviluppare un progetto di fundraising per un gruppo di organizzazioni nonprofit? La Campagna Lasciti, una strada percorribile. Intervento

Dettagli

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo

Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo Catalogo 2010 Terzo settore e Associazionismo PRESENTAZIONE CORSI PER LE ORGANIZZAZIONI DEL TERZO SETTORE Strategie di marketing, Comunicazione e Fund Raising: Una sfida e una necessita per le organizzazioni

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century)

La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) SCHEDA 6 La Dichiarazione di Jakarta sulla promozione della salute nel 21 Secolo (Jakarta Declaration on Leading Health Promotion into the 21st Century) Quarta Conferenza Internazionale sulla Promozione

Dettagli

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio

Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21 come processo partecipato e condiviso del nostro territorio CoMoDo. Comunicare Moltiplica Doveri (art direction, grafica, fotografia Marco Tortoioli Ricci) Provincia di Terni in collaborazione con i Comuni della provincia Sviluppo sostenibile locale: Agenda 21

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

Introduzione al processo di Marketing Management Cap. 1

Introduzione al processo di Marketing Management Cap. 1 Introduzione al processo di Marketing Management Cap. 1 Introduzione al processo di Marketing Management 1) La filosofia del marketing, ovvero il marketing concept 2) Che cos è il marketing 3) La funzione

Dettagli

LA CARTA DELLA DONAZIONE

LA CARTA DELLA DONAZIONE LA CARTA DELLA DONAZIONE 1 - PRINCIPI GENERALI La Carta della Donazione è il primo codice etico italiano per l autoregolamentazione della raccolta fondi nell ambito del non profit. Promossa da Solidaritas,

Dettagli

CITTADINANZA E COSTITUZIONE

CITTADINANZA E COSTITUZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: STORIA, CITTADINANZA E COSTITUZIONE; DISCIPLINE CONCORRENTI:TUTTE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI PER IL CURRICOLO

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 COMPETENZE SOCIALI E CIVICHE CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle Indicazioni Nazionali 2012 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: Storia, Cittadinanza e Costituzione DISCIPLINE CONCORRENTI: tutte Le competenze

Dettagli

Parte II Le aree della comunicazione d impresa

Parte II Le aree della comunicazione d impresa Parte II Le aree della comunicazione d impresa Cap.3 La comunicazione istituzionale Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione istituzionale: definizione

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Settore di appartenenza

Settore di appartenenza Impresa e filantropia III^ edizione curata da Osservatorio IID di Sostegno al Non Profit Sociale settembre 2009 1 Anche per il 2009 l Istituto ha ripetuto la sua indagine sull universo di Aziende Socie

Dettagli

Training sulla Finanza per l Azienda

Training sulla Finanza per l Azienda Training sulla Finanza per l Azienda Identificare le fonti di finanziamento alternative A tendere si osserverà nei mercati una riduzione del credito concesso dalle banche, a causa degli shock endogeni

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti

Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Nell ambito della rassegna espositiva del Turismo e delle vacanze per tutti Dal 3 al 6 aprile 2014 in Fiera a Vicenza, vi aspettano quattro giornate di divertimento alla scoperta del fascino degli sport,

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Prefazione Prefazione all edizione italiana

Prefazione Prefazione all edizione italiana Prefazione Prefazione all edizione italiana Autori XV XVII XX Parte 1 Capire il sistema sanitario e il ruolo del marketing Capitolo 1 Il ruolo del marketing nell organizzazione sanitaria 3 Panoramica:

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale In collaborazione con 15 e 22 aprile 2015 Programma 15 aprile 2015 Tecniche e strumenti di marketing e comunicazione

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO

Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO Progetto di Educazione Ambientale DAI COLORE AL GRIGIO Cooperativa Sociale l Ulivo s.c.r.l. Via del Lavoro 25/h 40127 Bologna Tel 051 255934 Fax 051 255981 Codice Fiscale e Partita Iva : 03604680375 info@ulivo.coop

Dettagli

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività

2 PRINCIPI E VALORI CAP. 2.0 PRINCIPI E VALORI 2.1 SCOPO 2.2 PRINCIPI. 2.2.1 Inclusività Pag. 24 / 69 2 2.1 SCOPO Formalizzare e rendere noti a tutte le parti interessate, i valori ed i principi che ispirano il modello EcoFesta Puglia a partire dalla sua ideazione. 2.2 PRINCIPI Il sistema

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli