Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio II parte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio II parte"

Transcript

1 CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio II parte

2 COSTI/BARRIERE TEORIA DELLO SCAMBIO Il target che cosa pensa del comportamento proposto? Che cosa pensa di dover fare per aderire a tale comportamento? Perché non lo ha mai messo in atto in passato o almeno non con regolarità? Perché dovrebbe abbandonare un determinato comportamento proprio adesso? BENEFICI Il target che cosa pensa di ottenere in cambio all adesione al comportamento proposto? Che probabilità ci sono che il target lo metta in atto? Lo desidera veramente?

3 TEORIA DELLO SCAMBIO CONCORRENZA Quale comportamento diverso da quello proposto sta mettendo in atto il target? Perché? Quali benefici derivanti dal comportamento concorrente percepisce? Quali sono i costi e come confronta il suo comportamento con quello proposto?

4 TEORIA DELLO SCAMBIO

5 TEORIA DELLO SCAMBIO Esempio: Indossare il casco Mi rovina l acconciatura Non sono immediatamente riconoscibile dagli amici e dalle ragazze Non posso essere originale e alternativo ( non è cool ) Nessuno dei miei amici lo indossa Mi pesa portarlo dietro soprattutto per il secondo passeggero COSTI BENEFICI Può salvarmi la vita Può evitarmi lesioni Non prendo multe I genitori non mi stressano Mi comporto responsabilmente

6 TEORIA DELLO SCAMBIO Esempio: Utilizzare il preservativo Costo economico elevato Disagio durante l acquisto Disagio nell utilizzo pratico Disagio psicologico nel chiederne l utilizzo al partner o nel proporlo Rapporto poco naturale Protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili Protegge da gravidanze indesiderate E un comportamento adulto e responsabile E un atto di rispetto nei confronti del/la partner COSTI BENEFICI

7 Posizionamento come si desidera che il target consideri il comportamento desiderato dare risalto ai vantaggi che si possono ottenere aderendo a quanto viene proposto rispetto alla concorrenza, rappresentata dal comportamento che si intende modificare. Il risultato del posizionamento è l individuazione/creazione di forti motivazioni per le quali il target dovrebbe aderire alla proposta di modifica/adesione/abbandono del comportamento oggetto della proposta. Desideriamo che [DESTINATARI/TARGET] vedano/considerino [IL COMPORTAMENTO AUSPICATO] come [FRASE DESCRITTIVA] e più importante e vantaggioso del [COMPORTAMENTO CONCORRENTE]

8 3. MARKETING OPERATIVO PRODOTTO PARTNER PREZZO PROMOZIONE DISTRIBUZIONE

9 PRODOTTO (Product): un idea offerta al fine di provocare un cambiamento comportamentale, talvolta associata ad un prodotto tangibile o ad un servizio. Esempio: promozione di una guida sicura libera dall alcol con distribuzione di alcol-test oggetti tangibili al servizio delle idee.

10 PREZZO (Price): l insieme dei costi economici, psicologici, di tempo e di energia che i destinatari devono sostenere per attuare il cambiamento richiesto. Esempio: utilizzo del preservativo: costi economici e psicologici (disagio); timore della disapprovazione dei pari e del partner;

11 PIANO DI PREVENZIONE ATTIVA INCIDENTI STRADALI PROMOZIONE DI COMPORTAMENTI LIBERI DALL ALCOL PER LA PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI ASL BI ASL NO ASL VC ASL VCO DISTRIBUZIONE (Place): i canali attraverso i quali il prodotto (comportamento, idea, servizio,..) raggiunge i destinatari e il luogo nel quale esso viene offerto (scuola, ambienti di lavoro, esercizi commerciali, luoghi di cura, manifestazioni di piazza, ). ASL VCO ASL BI ASL NO ASL VC PROMOZIONE DI COMPORTAMENTI LIBERI DALL ALCOL PER PA PREVENZIONE DI INCIDENTI STRADALI Esempio: PPA incidenti stradali VCO Sicurezza in festa guida sicura senza alcol. Stand all interno della manifestazioni/sagre di paese e postazioni mobili davanti alla discoteche: successo di contatti per scelta appropriata dei canali distributivi che hanno favorito una maggiore disponibilità di ascolto e di tempo da parte del pubblico.

12 PROMOZIONE (Promotion): le attività di comunicazione (pubblicità, eventi, materiale grafico,ufficio stampa ) utili alla diffusione della conoscenza dei benefici derivanti dall adozione dell idea/comportamento proposti. APPENDINI APPENDINI PER PER AUTOBUS AUTOBUS POSTER POSTER MANIFESTO MANIFESTO GADGET GADGET VIDEO VIDEO PER PER YOU YOU TUBE TUBE PROMO-CARD PROMO CARD PIEGHEVOLE PIEGHEVOLE BANNER BANNER

13 PARTNER: lo sviluppo di alleanze per fornire messaggi coerenti e favorire un processo di partecipazione e di costruzione sociale della salute (es. istituzioni, gruppi di influenza, enti e associazioni, personaggi del mondo dello spettacolo, interessati a vario titolo al tema).

14 4. VALUTAZIONE La complessità della valutazione dell efficienza (costi/benefici) e dell efficacia (raggiungimento del risultato) di una campagna di marketing sociale dipende dal tipo di offerta (prodotto, servizio, idea/comportamento) e dagli obiettivi (cambiamento cognitivo, di atteggiamento, comportamentale).

15 VALUTAZIONE (2) L attività di valutazione è un processo continuativo, di particolare importanza nella definizione del piano e nella misurazione dei risultati. prima: fissare obiettivi quantificabili durante: pre-test e controlli periodici per eventuali correzioni dopo: rilevazioni approfondite e su larga scala per misurare l efficacia del piano.

16 MARKETING SOCIALE

17 MARKETING SOCIALE Area focus Marketing Sociale Approfondimenti sui temi del marketing sociale e della comunicazione per la salute; raccolta di buone pratiche e di materiali divulgativi; metodi di valutazione. Fact Sheet

18 MARKETING SOCIALE

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

Il Marketing Sociale: teoria ed esperienze

Il Marketing Sociale: teoria ed esperienze Elisa Ferro, 11 maggio 2011 CORSO DI FORMAZIONE IL MARKETING SOCIALE COME STRATEGIA PER PROMUOVERE LA SALUTE Alessandria, 11 maggio 2011 Il Marketing Sociale: teoria ed esperienze MARKETING SOCIALE Che

Dettagli

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

PROGRAMMA. Teoria dello scambio Lavoro a gruppi n.1: elaborazione di un messaggio basato sulla teoria dello scambio

PROGRAMMA. Teoria dello scambio Lavoro a gruppi n.1: elaborazione di un messaggio basato sulla teoria dello scambio CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione PROGRAMMA Ivrea, 8 febbraio 2011 9.15 9.25 10.00

Dettagli

DIECI STEP PER SVILUPPARE UN PIANO DI MARKETING SOCIALE

DIECI STEP PER SVILUPPARE UN PIANO DI MARKETING SOCIALE DIECI STEP PER SVILUPPARE UN PIANO DI MARKETING SOCIALE P. Kotler 1, N.R. Lee 2 1. Northwestern University 2. Social Marketing Services, Inc. Sintesi e adattamento del capitolo: Steps in the Strategic

Dettagli

Il prodotto e il prezzo nella strategia di marketing sociale

Il prodotto e il prezzo nella strategia di marketing sociale 4 LABORATORIO DI MARKETING SOCIALE DoRS Regione Piemonte Torino, 17 novembre 2011 Il prodotto e il prezzo nella strategia di marketing sociale Elisa Ferro, 17 novembre 2011 PIANO DI MARKETING SOCIALE Il

Dettagli

Il marketing sociale: Che cos è?

Il marketing sociale: Che cos è? Seminario Marketing sociale e Comunicazione per la salute Torino, 27-28 febbraio 2008 Il marketing sociale: Che cos è? a cura di Eleonora Tosco DoRS, Centro di Documentazione per la Promozione della salute

Dettagli

ELEMENTI DI MARKETING SOCIALE E VALUTAZIONE DI RISULTATO NEI PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE

ELEMENTI DI MARKETING SOCIALE E VALUTAZIONE DI RISULTATO NEI PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE ELEMENTI DI MARKETING SOCIALE E VALUTAZIONE DI RISULTATO NEI PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Dott.ssa Maria Cristina Vallone Dipartimento Patologia delle Dipendenze ASL NO il marketing sociale è l

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

di Novara Tel. 0321 374111 fax 0321 374519

di Novara Tel. 0321 374111 fax 0321 374519 Azienda Sanitaria Locale Sede Legale: viale Roma, 7 28100 Novara di Novara Tel. 0321 374111 fax 0321 374519 P.IVA 01522670031 www.asl.novara.it PROPOSTA DI EVENTO NELL AMBITO DELLA CAMPAGNA EUROPEA DELLA

Dettagli

Laboratorio di Marketing sociale : Promozione di un adesione alla vaccinazione contro il Papilloma Virus (Hpv)

Laboratorio di Marketing sociale : Promozione di un adesione alla vaccinazione contro il Papilloma Virus (Hpv) Laboratorio di Marketing sociale : (Hpv) A.A. 2007 2008 Chi siamo 0 che sta realizzando un progetto di informazione sociale per l Azienda USL di Bologna Con il patrocinio di: Ministero della Salute Regione

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

GiannaElisa Ferrando. Genova 01-12-2015

GiannaElisa Ferrando. Genova 01-12-2015 GiannaElisa Ferrando Genova 01-12-2015 Quali strategie occorre mettere in atto per comunicare la salute in modo efficace ed attivare processi di cambiamento nei cittadini? Comunicare la salute vuol dire

Dettagli

Progetto Dos Edu: Drugs on Street Educational

Progetto Dos Edu: Drugs on Street Educational Progetto Dos Edu: Drugs on Street Educational Interventi informativi ed educativi per la prevenzione dell incidentalità stradale correlata al consumo di alcol e droga prof.ssa Paola Cannavale COME NASCE

Dettagli

COMUNICAZIONE E MARKETING PER LA SALUTE

COMUNICAZIONE E MARKETING PER LA SALUTE COMUNICAZIONE E MARKETING PER LA SALUTE OPERAZIONE MENO PILLOLE Campagna informativa per favorire un uso corretto e responsabile dei prodotti farmaceutici A cura di: Gregorio Paone e Monica Ferro CHI SIAMO

Dettagli

Il Marketing Sociale VS. Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli

Il Marketing Sociale VS. Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli VS. Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli 1971-Kotler e Zaltman in un articolo all interno del Journal of Marketing, introducono per la prima

Dettagli

Consulta Nazionale delle Associazioni per la lotta contro l AIDS. Coordinamento scientifico nazionale: Bruna Zani

Consulta Nazionale delle Associazioni per la lotta contro l AIDS. Coordinamento scientifico nazionale: Bruna Zani Consulta Nazionale delle Associazioni per la lotta contro l AIDS Responsabile scientifico per il progetto Bruna Zani Responsabile scientifico per il progetto Pina Lalli Coordinamento scientifico nazionale:

Dettagli

Facebook HIV Prevention Trial

Facebook HIV Prevention Trial Laboratorio FIASO Comunicazione e promozione della salute Venezia 21 giugno 2012 Facebook HIV Prevention Trial Definizione di un modello educativo per la prevenzione dell infezione da HIV negli adolescenti

Dettagli

Programma nazionale di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare salute (PinC)

Programma nazionale di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare salute (PinC) 11 Meeting Italiano Rete Città Sane OMS Comunicazione e partecipazione per la promozione della salute 2013 Anno europeo dei cittadini 16 17 maggio 2013, Milano Programma nazionale di informazione e comunicazione

Dettagli

VIVI LA NOTTE. Abstract Conferenza Dibattito VIVI LA NOTTE. 20 marzo 2008 AVIGLIANA. 22 aprile 2008 BEINASCO

VIVI LA NOTTE. Abstract Conferenza Dibattito VIVI LA NOTTE. 20 marzo 2008 AVIGLIANA. 22 aprile 2008 BEINASCO Abstract Conferenza Dibattito VIVI LA NOTTE 20 marzo 2008 AVIGLIANA 22 aprile 2008 BEINASCO VIVI LA NOTTE E un progetto attivo dal settembre 2006. Gestito dalla Cooperativa Sociale ESSERCI e finanziato

Dettagli

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione U.O. EDUCAZIONE SANITARIA Responsabile: Dott.ssa Angela Epifanio Tel. 0964399905 Sede: via Dromo (ospedale vecchio) Siderno R.C. Segreteria: Tel/Fax 0964399908 - E mail promozionesaluterc@libero.it Mission:

Dettagli

laboratorio di marketing sociale Un progetto di prevenzione

laboratorio di marketing sociale Un progetto di prevenzione laboratorio di marketing sociale Un progetto di prevenzione Progetto TempoZero è una frase che comunemente i ragazzi adolescenti usano nello slang giovanile per definire una cosa che ha un efficacia immediata,

Dettagli

Comportamenti a rischio, prevenzione e promozione di stili di vita sani

Comportamenti a rischio, prevenzione e promozione di stili di vita sani AVIS REGIONALE LOMBARDIA Convegno: Gli stili di vita dei giovani Piacenza, 27 Febbraio 2010 Comportamenti a rischio, prevenzione e promozione di stili di vita sani Colette Gallotti Medico, specializzando

Dettagli

Allegato 2: Programma dei corsi della formazione di base organizzata dalla scuola

Allegato 2: Programma dei corsi della formazione di base organizzata dalla scuola Regolamento organizzativo dei corsi interaziendali Impiegata di commercio/impiegato di commercio con attestato federale di capacità (AFC) Ramo di formazione e d'esame Servizi e amministrazione Allegato

Dettagli

Campagna sperimentale. Presentazione di: Francesca Banchelli Licia Giglio

Campagna sperimentale. Presentazione di: Francesca Banchelli Licia Giglio Campagna sperimentale Presentazione di: Francesca Banchelli Licia Giglio CHISIAMO: Assessorato ambiente e sviluppo sostenibile della Regione Emilia Romagna tramite l ufficio Servizio Comunicazione e Educazione

Dettagli

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA FORMAZIONE SULLE EVIDENZE SCIENTIFICHE E SULLE STRATEGIE DI IMPLEMENTAZIONE DELLA CAMPAGNA La Campagna Nazionale Maria Caterina Sateriale Chiara Cuoghi Azienda

Dettagli

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Incidenti stradali e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Incidenti stradali, morti e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Fonte: ISTAT L'indice di mortalità:

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI INFANTILI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti - Ufficio

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

Introduzione al Marketing Mix

Introduzione al Marketing Mix Introduzione al Marketing Mix Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il Marketing Mix Le 4 P Product Price Promotion Place È la combinazione delle variabili controllabili di marketing che l

Dettagli

Il SELF MARKETING Il marketing di se stessi

Il SELF MARKETING Il marketing di se stessi Il marketing di se stessi I concetti di base del marketing vengono rielaborati per essere poi applicati al "prodotto persona Fare self marketing significa essenzialmente progettarsi, migliorarsi, proporsi

Dettagli

Piano Marketing Operativo esempio

Piano Marketing Operativo esempio Piano Marketing Operativo esempio Il Piano Marketing Operativo è la parte conclusiva del Piano di Marketing: nel Piano Marketing Operativo vengono attuate le Strategie studiate nel Piano Marketing Strategico.

Dettagli

ALCOL e DROGA, SBALLO DA MORIRE

ALCOL e DROGA, SBALLO DA MORIRE ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2100 ITALIA CLUB : BATTIPAGLIA e CAMPAGNA VALLE DEL SELE ISTITUTO COMPRENSIVO G. PALATUCCI Quadrivio di CAMPAGNA ALCOL e DROGA, SBALLO DA MORIRE Evento Educativo sulle droghe

Dettagli

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione Il capitolo illustra in che modo i fattori di rischio e i fattori di protezione influenzano i comportamenti di abuso, i segnali precoci di rischio, i

Dettagli

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO ASPETTI DA VALUTARE CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO LE PERSONE Gli interessi in gioco I vantaggi Introduzione agli aspetti comportamentali per la gestione dei negoziati e delle controversie

Dettagli

LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CHE TI SERVE

LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CHE TI SERVE LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CHE TI SERVE Il progetto riguarda qualsiasi Pubblica Amministrazione (P.A.). Potrà, pertanto, essere ritagliato su misura della P.A. interessata per migliorare sportelli al

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA FORMAZIONE SULLE EVIDENZE SCIENTIFICHE E SULLE STRATEGIE DI IMPLEMENTAZIONE DELLA CAMPAGNA Formatore Azienda Ospedaliera:Dott Dott.ssa Nadia Mansueti COME NASCE

Dettagli

conosci le regole del gioco?

conosci le regole del gioco? Sesso: conosci le regole del gioco? Quanto ti prendi cura del tuo corpo? 2 Prendersi cura del proprio corpo è fondamentale per vivere in armonia con sé stessi e con gli altri. Tenersi in forma non significa

Dettagli

Formare e informare i propri lavoratori (Traduzione e adattamento da Drug-free Wokplace kit SAMHSA http://www.samhsa.gov/workplace/workplace-programs)

Formare e informare i propri lavoratori (Traduzione e adattamento da Drug-free Wokplace kit SAMHSA http://www.samhsa.gov/workplace/workplace-programs) Formare e informare i propri lavoratori (Traduzione e adattamento da Drug-free Wokplace kit SAMHSA http://www.samhsa.gov/workplace/workplace-programs) L intera organizzazione dovrebbe essere a conoscenza

Dettagli

Economia Aziendale. Il marketing

Economia Aziendale. Il marketing Università degli Studi di Bari Aldo Moro Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Economia Aziendale Il marketing Lezione n. 12 del 27 aprile 2016 Michele Di Marcantonio Bari

Dettagli

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo

Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Elementi di successo e di ostacolo alla comunicazione efficace in un processo educativo Gabriella Geraci La comunicazione La comunicazione serve per trasmettere delle informazioni per mezzo di messaggi

Dettagli

Baby Consumers. Primo rapporto sui consumi dei minori

Baby Consumers. Primo rapporto sui consumi dei minori Baby Consumers Primo rapporto sui consumi dei minori Numero interruzioni pubblicitarie, n. spot totali, maschili, femminili e alimentari durante 12 giorni totali di monitoraggio. (Canale 5 è stata osservata

Dettagli

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI: UN PROGETTO INTEGRATO DI PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA DELLE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

LE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI: UN PROGETTO INTEGRATO DI PREVENZIONE PRIMARIA E SECONDARIA DELLE INFEZIONI SESSUALMENTE TRASMISSIBILI PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2005-2006 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2005-2006 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 284-28.11.05 BURP 13 30.03.06) LE MALATTIE SESSUALMENTE

Dettagli

Comunicare per Guadagnare Salute Analisi dei bisogni formativi degli operatori

Comunicare per Guadagnare Salute Analisi dei bisogni formativi degli operatori Informati e competenti: Percorsi per la promozione della salute Istituto Superiore di Sanità - 6 maggio 2010 Comunicare per Guadagnare Salute Analisi dei bisogni formativi degli operatori B. De Mei, C.

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o

CAPITOLO 11 Innovazione cam i amen o CAPITOLO 11 Innovazione e cambiamento Agenda Ruolo strategico del cambiamento Cambiamento efficace Cambiamento tecnologico Cambiamento di prodotti e servizi i Cambiamento strategico e strutturale Cambiamento

Dettagli

E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS

E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS CONEGLIANO, 19 OTTOBRE 2012 E possibile prevenire l abuso di alcolici? I risultati della sperimentazione del progetto PAASS Bolzonello Igor & Massimo Santinello -Il progetto P.A.A.S.S. è la conseguenza

Dettagli

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere

Alcol: sai cosa bevi? Più sai meno rischi! UN PROGRAMMA IN 6 PUNTI PER CAMBIARE LE ABITUDINI DEVI SMETTERE DI BERE? quando smettere di bere quando smettere di bere DEVI SMETTERE DI BERE? Se il bere é una scelta libera e consapevole da parte di un individuo, é anche vero che molti non si trovano nelle condizioni di poter bere e continuare a

Dettagli

L. Tanzi ASL Novara 4 Dicembre 2012

L. Tanzi ASL Novara 4 Dicembre 2012 BUONE PRATICHE L. Tanzi ASL Novara 4 Dicembre 2012 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

Comunicazione persuasiva. Dott. Luca Pietrantoni Modulo formativo comunicazione interpersonale Bologna, 30 Marzo 2007

Comunicazione persuasiva. Dott. Luca Pietrantoni Modulo formativo comunicazione interpersonale Bologna, 30 Marzo 2007 Comunicazione persuasiva Dott. Luca Pietrantoni Modulo formativo comunicazione interpersonale Bologna, 30 Marzo 2007 Persuasione Processo con cui intenzionalmente si inducono altri a cambiare atteggiamenti

Dettagli

Dedicato agli studenti delle scuole medie superiori

Dedicato agli studenti delle scuole medie superiori Un progetto di O.N.Da Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna patrocinato dal M.I.U.R Ministero dell Istruzione, dell Universitaria e della Ricerca Dedicato agli studenti delle scuole medie superiori

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

LA POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI E GLI STUDENTI

LA POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI E GLI STUDENTI SINTESI PROGETTO LA POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI E GLI STUDENTI OBIETTIVI DOVE TARGET Sviluppare uno strumento in grado di promuovere una più matura riflessione sull uso responsabile e legale dei social

Dettagli

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI

DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI GIORNATE DI SUPPORTO ALLA FORMAZIONE DEI REFERENTI PER LA DISLESSIA DELLA LOMBARDIA 22 Aprile 2008 DISLESSIA ED ADOLESCENZA: ASPETTI PSICOLOGICI ED EMOTIVI Rosy Tavazzani Montani PERCHE L INSEGNANTE DOVREBBE

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIE PIANO E BUDGET DI MARKETING STRATEGIE PIANO E BUDGET DI MARKETING Ogni impresa deve decidere il programma della propria attività per l anno successivo. Il compito

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO!

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! MONDO GRAFICA 7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! IL MATTONE di ogni comunicazione Grafica La pubblicità è quella forma di comunicazione che raggruppa la diffusione di messaggi

Dettagli

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI

GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI GUADAGNARE SALUTE ASL 4 DI TERNI I DATI EPIDEMIOLOGICI Sez. III Consumo di Alcol e Sicurezza Stradale 2 Consumo di Alcol L alcol insieme a fumo, attività fisica e alimentazione ha assunto nell ambito della

Dettagli

PROGETTO POLLICINO E L'ORCO

PROGETTO POLLICINO E L'ORCO AZIENDA SANITARIA LOCALE N 4 ENNA SERVIZIO NEUROPSICHIATRIA INFANTILE U.O. DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE DISTRETTO AGIRA PROGETTO POLLICINO E L'ORCO Percorsi di prevenzione, di educazione alla salute e di

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

12 punti per promuovere efficacemente un pacchetto in Hotel

12 punti per promuovere efficacemente un pacchetto in Hotel 12 punti per promuovere efficacemente un pacchetto in Hotel Best Practice SysHotel On Line e Comunicazione Il presente Tutorial desidera mostrare i passi per la pubblicazione e la comunicazione di un pacchetto

Dettagli

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese.

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. 11 SETTEMBRE 2006 Copyright SDA Bocconi 2006 La Credibilità della Visione

Dettagli

Guida alla pianificazione di iniziative locali

Guida alla pianificazione di iniziative locali Guida alla pianificazione di iniziative locali TUTTI IN FORMA SENZA VELENI www.coxi.ch Pubbliche relazioni mirate per determinati gruppi target La Fondazione Pusch per la Pratica Ambientale attuerà nel

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

Ufficio Comune Area Infanzia Adolescenza Giovani

Ufficio Comune Area Infanzia Adolescenza Giovani UFFICIO COMUNE Comuni di Fiorano Modenese, Formigine, Frassinoro, Maranello, Montefiorino, Palagano, Prignano, Sassuolo Promozione dei diritti dell infanzia e dell adolescenza. Giovani, partecipazione,

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E.

DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E. 1 DIPARTIMENTO DELLE CURE PRIMARIE U.O. Assistenza Consultoriale N.O. M.P.C.E.E. TITOLO DEL PROGETTO PREMESSA Grandi e piccoli per crescere insieme ( programma di educazione affettivarelazionale e sessuale

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XCVII N. 2

Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI DOC. XCVII N. 2 Camera dei Deputati 5 Senato della Repubblica PREMESSA La presente relazione è predisposta ai sensi dell articolo 8, comma 3, della legge 5 giugno 1990, n. 135. Gli argomenti ivi contenuti sono raggruppati

Dettagli

Campagna di comunicazione MENO ALCOL PIU GUSTO

Campagna di comunicazione MENO ALCOL PIU GUSTO Campagna di comunicazione MENO ALCOL PIU GUSTO meno alcol PIU GUSTO è una Campagna di Prevenzione Alcologica dell Ulss 6 di Vicenza. Ha il suo culmine nel mese di aprile, che in Italia è dedicato alla

Dettagli

ESSERE (Educare al Sesso Sicuro per Essere Ragazzi Emancipati)

ESSERE (Educare al Sesso Sicuro per Essere Ragazzi Emancipati) PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ESSERE (Educare al Sesso

Dettagli

Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics

Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics Comportamento manageriale A.A. 2012/2013 Dott.ssa Monia La Verghetta Obiettivo Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics Valori

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELL IDEA DI BUSINESS: DEL CONTESTO COMPETITIVO

LA VALUTAZIONE DELL IDEA DI BUSINESS: DEL CONTESTO COMPETITIVO LA VALUTAZIONE DELL IDEA DI BUSINESS: ANALISI DEL MERCATO E DEL CONTESTO COMPETITIVO Prof. Paolo Gubitta Obiettivi dell incontro L incontro si propone di rispondere a queste domande: come si fa a dire

Dettagli

Il disagio adolescenziale

Il disagio adolescenziale Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia Il disagio adolescenziale 22 gennaio 2008 Prof.ssa M.A. Zanetti, Dott.ssa S. Peruselli COS'E' IL DISAGIO ADOLESCENZIALE? COME SI PUO' DESCRIVERE

Dettagli

Progetto di marketing sociale tra gli studenti delle scuole medie inferiori. A cura di Ilario Fago e Micaela Rizzo

Progetto di marketing sociale tra gli studenti delle scuole medie inferiori. A cura di Ilario Fago e Micaela Rizzo Progetto di marketing sociale tra gli studenti delle scuole medie inferiori A cura di Ilario Fago e Micaela Rizzo 1 Studenti del Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale,

Dettagli

Accorgimenti per negoziare con efficacia

Accorgimenti per negoziare con efficacia Accorgimenti per negoziare con efficacia Enrica Poltronieri Novembre 2009 NEGOZIAZIONE = PROCESSO INTERATTIVO IN CUI DUE ATTORI PORTATORI DI INTERESSI DIVERSI PERVENGONO, ATTRAVERSO UN AZIONE CONGIUNTA,

Dettagli

HBSC: analisi dei bisogni di salute degli adolescenti Confronto 2010 2104

HBSC: analisi dei bisogni di salute degli adolescenti Confronto 2010 2104 Workshop «Crescere insieme con What s up?» 7-8 settembre 2015 Fondazione Carigo Gorizia HBSC: analisi dei bisogni di salute degli adolescenti Confronto 2010 2104 HEALTH PROMOTING HOSPITALS & HEALTH SERVICES

Dettagli

CUNEO E PROVINCIA A.S. 2012/2013

CUNEO E PROVINCIA A.S. 2012/2013 Ti M.u.O.v.i.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini CUNEO E PROVINCIA A.S. 2012/2013 PERCORSI DI CONTINUITA E SOTTOPROGETTI: PERCORSO A: Conoscere l ambiente stradale e le sue regole TI MUOVI?

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti

7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 7 Le situazioni di emergenza nelle scuole: approfondimenti 1. Generalità Nei capitoli precedenti, il tema della sicurezza nelle scuole è stato affrontato da più punti di vista: soggettivo, da un lato,

Dettagli

I comportamenti a rischio e la selezione del donatore

I comportamenti a rischio e la selezione del donatore AVIS REGIONALE LOMBARDIA - Convegno: Il contributo essenziale del donatore di sangue e emocomponenti al proseguimento degli obiettivi strategici della medicina trasfusionale: qualità, sicurezza, autosufficienza

Dettagli

immagini in movimento

immagini in movimento immagini in movimento Chi non appare è out, >>>>>>> >>>>>>>>>>>>>>>> ed ancora più out chi appare fermo. >>>>>>> Siamo nell era del WEB. Facebook, YouTube, le community virtuali e le web tv; la comunicazione

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1

Capitolo 1. Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente. Capitolo 1- slide 1 Capitolo 1 Il marketing: costruire una relazione profittevole con il cliente Capitolo 1- slide 1 Obiettivi di apprendimento Che cos è il marketing? Comprendere il mercato e i bisogni del consumatore Obiettivi

Dettagli

5 LABORATORIO DI MARKETING SOCIALE DoRS Regione Piemonte. La comunità incontra il Marketing Sociale: il Community-Based Social Marketing

5 LABORATORIO DI MARKETING SOCIALE DoRS Regione Piemonte. La comunità incontra il Marketing Sociale: il Community-Based Social Marketing 5 LABORATORIO DI MARKETING SOCIALE DoRS Regione Piemonte La comunità incontra il Marketing Sociale: il Community-Based Social Marketing Elisa Ferro, 30 maggio 2012 MARKETING SOCIALE è l'utilizzo dei principi

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori

RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori Le presenti Raccomandazioni sono destinate ai genitori, allo scopo di informarli sugli eventuali rischi nei quali i figli in età

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D.

PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE E PROMOZIONE DELLA SALUTE (D.D. 308/2006) MA PA PERCHE NON PARLIAMO DI SESSO? ASL/ASO Responsabile di progetto Cognome e nome Struttura di appartenenza Indirizzo postale per

Dettagli

La comunicazione degli eventi

La comunicazione degli eventi La comunicazione degli eventi 1 2 Gli strumenti di comunicazione 3 4 Immagine e branding 5 Il branding è l insieme delle attività strategiche e operative relative alla costruzione della marca. Definizione

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

STRATEGIE DI MARKETING IL SETTORE DEL TRASPORTO AEREO

STRATEGIE DI MARKETING IL SETTORE DEL TRASPORTO AEREO STRATEGIE DI MARKETING IL SETTORE DEL TRASPORTO AEREO Prof.Anna Claudia Pellicelli 7 Ottobre 2014 Tratto da Marketing Strategico e Branding - Case Studies, ed Giappichelli 2012. NATURA DEL SERVIZIO E IMPLICAZIONE

Dettagli

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004)

MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) Ministero della Salute Commissione oncologica nazionale (D.M. 26.5.2004) MATERIALE PRODOTTO DALLA COMMISSIONE ONCOLOGICA NAZIONALE (D.M. 26.5.2004) PER UN PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE Roma, ottobre 2006

Dettagli