Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio II parte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio II parte"

Transcript

1 CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio II parte

2 COSTI/BARRIERE TEORIA DELLO SCAMBIO Il target che cosa pensa del comportamento proposto? Che cosa pensa di dover fare per aderire a tale comportamento? Perché non lo ha mai messo in atto in passato o almeno non con regolarità? Perché dovrebbe abbandonare un determinato comportamento proprio adesso? BENEFICI Il target che cosa pensa di ottenere in cambio all adesione al comportamento proposto? Che probabilità ci sono che il target lo metta in atto? Lo desidera veramente?

3 TEORIA DELLO SCAMBIO CONCORRENZA Quale comportamento diverso da quello proposto sta mettendo in atto il target? Perché? Quali benefici derivanti dal comportamento concorrente percepisce? Quali sono i costi e come confronta il suo comportamento con quello proposto?

4 TEORIA DELLO SCAMBIO

5 TEORIA DELLO SCAMBIO Esempio: Indossare il casco Mi rovina l acconciatura Non sono immediatamente riconoscibile dagli amici e dalle ragazze Non posso essere originale e alternativo ( non è cool ) Nessuno dei miei amici lo indossa Mi pesa portarlo dietro soprattutto per il secondo passeggero COSTI BENEFICI Può salvarmi la vita Può evitarmi lesioni Non prendo multe I genitori non mi stressano Mi comporto responsabilmente

6 TEORIA DELLO SCAMBIO Esempio: Utilizzare il preservativo Costo economico elevato Disagio durante l acquisto Disagio nell utilizzo pratico Disagio psicologico nel chiederne l utilizzo al partner o nel proporlo Rapporto poco naturale Protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili Protegge da gravidanze indesiderate E un comportamento adulto e responsabile E un atto di rispetto nei confronti del/la partner COSTI BENEFICI

7 Posizionamento come si desidera che il target consideri il comportamento desiderato dare risalto ai vantaggi che si possono ottenere aderendo a quanto viene proposto rispetto alla concorrenza, rappresentata dal comportamento che si intende modificare. Il risultato del posizionamento è l individuazione/creazione di forti motivazioni per le quali il target dovrebbe aderire alla proposta di modifica/adesione/abbandono del comportamento oggetto della proposta. Desideriamo che [DESTINATARI/TARGET] vedano/considerino [IL COMPORTAMENTO AUSPICATO] come [FRASE DESCRITTIVA] e più importante e vantaggioso del [COMPORTAMENTO CONCORRENTE]

8 3. MARKETING OPERATIVO PRODOTTO PARTNER PREZZO PROMOZIONE DISTRIBUZIONE

9 PRODOTTO (Product): un idea offerta al fine di provocare un cambiamento comportamentale, talvolta associata ad un prodotto tangibile o ad un servizio. Esempio: promozione di una guida sicura libera dall alcol con distribuzione di alcol-test oggetti tangibili al servizio delle idee.

10 PREZZO (Price): l insieme dei costi economici, psicologici, di tempo e di energia che i destinatari devono sostenere per attuare il cambiamento richiesto. Esempio: utilizzo del preservativo: costi economici e psicologici (disagio); timore della disapprovazione dei pari e del partner;

11 PIANO DI PREVENZIONE ATTIVA INCIDENTI STRADALI PROMOZIONE DI COMPORTAMENTI LIBERI DALL ALCOL PER LA PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI ASL BI ASL NO ASL VC ASL VCO DISTRIBUZIONE (Place): i canali attraverso i quali il prodotto (comportamento, idea, servizio,..) raggiunge i destinatari e il luogo nel quale esso viene offerto (scuola, ambienti di lavoro, esercizi commerciali, luoghi di cura, manifestazioni di piazza, ). ASL VCO ASL BI ASL NO ASL VC PROMOZIONE DI COMPORTAMENTI LIBERI DALL ALCOL PER PA PREVENZIONE DI INCIDENTI STRADALI Esempio: PPA incidenti stradali VCO Sicurezza in festa guida sicura senza alcol. Stand all interno della manifestazioni/sagre di paese e postazioni mobili davanti alla discoteche: successo di contatti per scelta appropriata dei canali distributivi che hanno favorito una maggiore disponibilità di ascolto e di tempo da parte del pubblico.

12 PROMOZIONE (Promotion): le attività di comunicazione (pubblicità, eventi, materiale grafico,ufficio stampa ) utili alla diffusione della conoscenza dei benefici derivanti dall adozione dell idea/comportamento proposti. APPENDINI APPENDINI PER PER AUTOBUS AUTOBUS POSTER POSTER MANIFESTO MANIFESTO GADGET GADGET VIDEO VIDEO PER PER YOU YOU TUBE TUBE PROMO-CARD PROMO CARD PIEGHEVOLE PIEGHEVOLE BANNER BANNER

13 PARTNER: lo sviluppo di alleanze per fornire messaggi coerenti e favorire un processo di partecipazione e di costruzione sociale della salute (es. istituzioni, gruppi di influenza, enti e associazioni, personaggi del mondo dello spettacolo, interessati a vario titolo al tema).

14 4. VALUTAZIONE La complessità della valutazione dell efficienza (costi/benefici) e dell efficacia (raggiungimento del risultato) di una campagna di marketing sociale dipende dal tipo di offerta (prodotto, servizio, idea/comportamento) e dagli obiettivi (cambiamento cognitivo, di atteggiamento, comportamentale).

15 VALUTAZIONE (2) L attività di valutazione è un processo continuativo, di particolare importanza nella definizione del piano e nella misurazione dei risultati. prima: fissare obiettivi quantificabili durante: pre-test e controlli periodici per eventuali correzioni dopo: rilevazioni approfondite e su larga scala per misurare l efficacia del piano.

16 MARKETING SOCIALE

17 MARKETING SOCIALE Area focus Marketing Sociale Approfondimenti sui temi del marketing sociale e della comunicazione per la salute; raccolta di buone pratiche e di materiali divulgativi; metodi di valutazione. Fact Sheet

18 MARKETING SOCIALE

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011

L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 L. Tanzi ASL Novara 19 Settembre 2011 MARKETING SOCIALE Il Marketing Sociale è l'utilizzo delle strategie e delle tecniche del marketing per influenzare un gruppo target ad accettare, modificare o abbandonare

Dettagli

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte

Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello scambio I parte CORSO DI FORMAZIONE A.S.L. TO4 Comunicazione e prevenzione: strategie efficaci per trasmettere messaggi di salute rivolti a target diversi di popolazione Introduzione al Marketing Sociale: la teoria dello

Dettagli

DIECI STEP PER SVILUPPARE UN PIANO DI MARKETING SOCIALE

DIECI STEP PER SVILUPPARE UN PIANO DI MARKETING SOCIALE DIECI STEP PER SVILUPPARE UN PIANO DI MARKETING SOCIALE P. Kotler 1, N.R. Lee 2 1. Northwestern University 2. Social Marketing Services, Inc. Sintesi e adattamento del capitolo: Steps in the Strategic

Dettagli

Il marketing sociale: Che cos è?

Il marketing sociale: Che cos è? Seminario Marketing sociale e Comunicazione per la salute Torino, 27-28 febbraio 2008 Il marketing sociale: Che cos è? a cura di Eleonora Tosco DoRS, Centro di Documentazione per la Promozione della salute

Dettagli

Il Marketing Sociale VS. Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli

Il Marketing Sociale VS. Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli VS. Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli 1971-Kotler e Zaltman in un articolo all interno del Journal of Marketing, introducono per la prima

Dettagli

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza.

1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. Piano operativo Schede 1. Regione Piemonte 2. Titolo del programma 2.9.4. Guadagnare salute in adolescenza. 3. Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i 2.9 Prevenzione e sorveglianza

Dettagli

Programma nazionale di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare salute (PinC)

Programma nazionale di informazione e comunicazione a sostegno degli obiettivi di Guadagnare salute (PinC) 11 Meeting Italiano Rete Città Sane OMS Comunicazione e partecipazione per la promozione della salute 2013 Anno europeo dei cittadini 16 17 maggio 2013, Milano Programma nazionale di informazione e comunicazione

Dettagli

Il SELF MARKETING Il marketing di se stessi

Il SELF MARKETING Il marketing di se stessi Il marketing di se stessi I concetti di base del marketing vengono rielaborati per essere poi applicati al "prodotto persona Fare self marketing significa essenzialmente progettarsi, migliorarsi, proporsi

Dettagli

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA FORMAZIONE SULLE EVIDENZE SCIENTIFICHE E SULLE STRATEGIE DI IMPLEMENTAZIONE DELLA CAMPAGNA Formatore Azienda Ospedaliera:Dott Dott.ssa Nadia Mansueti COME NASCE

Dettagli

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione

Regione Calabria ASP Reggio Calabria Dipartimento di Prevenzione U.O. EDUCAZIONE SANITARIA Responsabile: Dott.ssa Angela Epifanio Tel. 0964399905 Sede: via Dromo (ospedale vecchio) Siderno R.C. Segreteria: Tel/Fax 0964399908 - E mail promozionesaluterc@libero.it Mission:

Dettagli

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA

PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA PROMUOVERE LA SALUTE NEI PRIMI ANNI DI VITA FORMAZIONE SULLE EVIDENZE SCIENTIFICHE E SULLE STRATEGIE DI IMPLEMENTAZIONE DELLA CAMPAGNA La Campagna Nazionale Maria Caterina Sateriale Chiara Cuoghi Azienda

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

LA POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI E GLI STUDENTI

LA POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI E GLI STUDENTI SINTESI PROGETTO LA POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI E GLI STUDENTI OBIETTIVI DOVE TARGET Sviluppare uno strumento in grado di promuovere una più matura riflessione sull uso responsabile e legale dei social

Dettagli

NOI DONNE HPV: la linea giusta è la prevenzione

NOI DONNE HPV: la linea giusta è la prevenzione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA LM- Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale Corso di Marketing Sociale A.A. 2010-2011 PROGETTO NOI DONNE HPV: la linea giusta è la prevenzione Realizzato da: Alessia

Dettagli

5 LABORATORIO DI MARKETING SOCIALE DoRS Regione Piemonte. La comunità incontra il Marketing Sociale: il Community-Based Social Marketing

5 LABORATORIO DI MARKETING SOCIALE DoRS Regione Piemonte. La comunità incontra il Marketing Sociale: il Community-Based Social Marketing 5 LABORATORIO DI MARKETING SOCIALE DoRS Regione Piemonte La comunità incontra il Marketing Sociale: il Community-Based Social Marketing Elisa Ferro, 30 maggio 2012 MARKETING SOCIALE è l'utilizzo dei principi

Dettagli

PERSONAGGI ED INTERPRETI

PERSONAGGI ED INTERPRETI PERSONAGGI ED INTERPRETI REFERENTE DEL PROGETTO Responsabile Daniela Nocentini Unione Comuni Montani del Casentino Responsabile dei Servizi Sociali Via Roma, n. 203 52014 POPPI Tel. 0575 507258 Fax 0575

Dettagli

ELEMENTI DI MARKETING SOCIALE E VALUTAZIONE DI RISULTATO NEI PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE

ELEMENTI DI MARKETING SOCIALE E VALUTAZIONE DI RISULTATO NEI PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE ELEMENTI DI MARKETING SOCIALE E VALUTAZIONE DI RISULTATO NEI PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE Dott.ssa Maria Cristina Vallone Dipartimento Patologia delle Dipendenze ASL NO il marketing sociale è l

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

Progetto DAVID Insieme per la sicurezza

Progetto DAVID Insieme per la sicurezza Incontri di sensibilizzazione alla sicurezza stradale rivolti agli studenti delle scuole superiori Il progetto è un programma di incontri nelle scuole superiori, organizzati dalla Polizia Municipale in

Dettagli

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein

ASL TO2 DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein DIPARTIMENTO PATOLOGIA DELLE DIPENDENZE 2 C. Olievenstein 57 Dipartimento Patologia delle Dipendenze 2 C. Olievenstein Circoscrizioni 6 e 7 Unplugged È un programma scolastico di prevenzione delle dipendenze,

Dettagli

CUNEO E PROVINCIA A.S. 2012/2013

CUNEO E PROVINCIA A.S. 2012/2013 Ti M.u.O.v.i.? Mobilità Urbana autonoma per giovani e bambini CUNEO E PROVINCIA A.S. 2012/2013 PERCORSI DI CONTINUITA E SOTTOPROGETTI: PERCORSO A: Conoscere l ambiente stradale e le sue regole TI MUOVI?

Dettagli

Fumo a scuola. Marketing sociale tra gli adolescenti. di Giulia Baisi, John Kregel, Valentina Loreti

Fumo a scuola. Marketing sociale tra gli adolescenti. di Giulia Baisi, John Kregel, Valentina Loreti Fumo a scuola Marketing sociale tra gli adolescenti di Giulia Baisi, John Kregel, Valentina Loreti CHI SIAMO Gruppo di studenti del corso di Laurea Magistrale in scienze della comunicazione pubblica e

Dettagli

Progetto Educazione stradale

Progetto Educazione stradale Comune di Montemurlo Polizia Municipale Progetto Educazione stradale Interventi nella scuola materna - elementare - media Comune di Montemurlo: la nostra esperienza Abbiamo adottato programmi ed interventi

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

STRATEGIE DI COLLABORAZIONE TRA PROFIT E NON PROFIT. La Responsabilita' Sociale di Impresa e il mondo del volontariato

STRATEGIE DI COLLABORAZIONE TRA PROFIT E NON PROFIT. La Responsabilita' Sociale di Impresa e il mondo del volontariato STRATEGIE DI COLLABORAZIONE TRA PROFIT E NON PROFIT La Responsabilita' Sociale di Impresa e il mondo del volontariato Tanti buoni motivi per scegliere il non profit - Soddisfare il consumo critico: - l'82%

Dettagli

INCIDENTI ED INFORTUNI MANCATI TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE

INCIDENTI ED INFORTUNI MANCATI TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE INCIDENTI ED INFORTUNI MANCATI TECNICHE DELLA COMUNICAZIONE Dott.ssa Manuela Rossi Medico Competente Specialista in Medicina del Lavoro Sistema della prevenzione in azienda Dirigenti Preposti 2 Sistema

Dettagli

Promozione del benessere e dei corretti stili di vita a scuola

Promozione del benessere e dei corretti stili di vita a scuola Promozione del benessere e dei corretti stili di vita a scuola proposta di iniziative di promozione della salute nel territorio dell Area Vasta 3 dell ASUR Marche: PAESAGGI DI PREVENZIONE per le scuole

Dettagli

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori

Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori Indagine conoscitiva sui ragazzi delle classi Terze delle Scuole Medie Inferiori porta avanti da diversi anni interventi di informazione-educazione nelle scuole di ogni ordine e grado, tenuti da un medico

Dettagli

5 Colloquio psicologico clinico familiare o di coppia. Include mediazione familiare

5 Colloquio psicologico clinico familiare o di coppia. Include mediazione familiare ELENCO DELLE PRESTAZIONI DELLO PSICOLOGO AI FINI DI DETERMINARNE L ESENZIONE O MENO DALL I.V.A. (Testo aggiornato al 10/09/07 secondo la normativa fiscale: DPR 26 ott. 1972 n.633- art. 10 ; D.M. 21 gennaio

Dettagli

Le politiche del settore birrario per il consumo responsabile di alcol. Deruta, 26 settembre 2008

Le politiche del settore birrario per il consumo responsabile di alcol. Deruta, 26 settembre 2008 Le politiche del settore birrario per il consumo responsabile di alcol Deruta, 26 settembre 2008 1 Il settore birrario e il consumo responsabile ASSOBIRRA, l Associazione degli Industriali della Birra

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione

Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Corso Laboratorio Ambiente Salute Educazione Incidenti stradali e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Incidenti stradali, morti e feriti (1991-2004 / valori assoluti) Fonte: ISTAT L'indice di mortalità:

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA

EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA U.O. IGIENE E SANITÁ PUBBLICA ASP- Potenza EDUCAZIONE ALLA SALUTE A SCUOLA Percorsi per guadagnare salute 2015-2016 1 PREMESSA Il concetto della salute è un concetto che necessita di molteplici azioni

Dettagli

"Strade direzione mare"

Strade direzione mare COMUNE DI RAVENNA "Strade direzione mare" Murales e poster nella nostra città: espressioni di arte contemporanea nel contesto urbano progetto "Sicuramente al Mare 2011" Strade direzione mare Murales e

Dettagli

(Provincia di Milano) Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING. Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO

(Provincia di Milano) Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING. Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO Progetto ANDIAMO A SCUOLA CON IL CAR POOLING Per le scuole primarie del Comune di Vittuone REGOLAMENTO 1 Denominazione e referenti Il Progetto Andiamo a scuola con il car pooling è promosso dal Comune

Dettagli

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri

Scuola Media di Serravalle. Progetto FILO DIRETTO. con se stessi e gli altri Scuola Media di Serravalle Maggi Marco Con su len t e edu ca t i vo Esper t o i n pr ocessi for m a t i vi I st r u tt or e Met od o Gor d on Progetto FILO DIRETTO con se stessi e gli altri Proposte di

Dettagli

Progetto. Guadagnare Salute

Progetto. Guadagnare Salute Servizio Dipartimentale di Medicina dello Sport Comitato Provinciale di Perugia Progetto Guadagnare Salute Sport, movimento e non solo.. per ridurre la sedentarietà in età scolare Premessa I fenomeni del

Dettagli

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada

Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Studenti di oggi cittadini di domani: lezioni di mobilità e sicurezza in strada Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Agenzia per la Mobilità EDUCAZIONE STRADALE TRA SCUOLA E FAMIGLIA L educazione

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2009 Relazione finale attività (periodo 2006-2009)

Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2009 Relazione finale attività (periodo 2006-2009) Regione Piemonte Piano Nazionale della Prevenzione 2005-2009 Relazione finale attività (periodo 2006-2009) Progetto Regionale Sorveglianza e Prevenzione Incidenti Stradali 2006-09 Referente: Dott.ssa Laura

Dettagli

12 punti per promuovere efficacemente un pacchetto in Hotel

12 punti per promuovere efficacemente un pacchetto in Hotel 12 punti per promuovere efficacemente un pacchetto in Hotel Best Practice SysHotel On Line e Comunicazione Il presente Tutorial desidera mostrare i passi per la pubblicazione e la comunicazione di un pacchetto

Dettagli

Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria

Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria Lo screening dei tumori del colon retto: aggiornamento per Farmacisti e Medici di Assistenza Primaria La comunicazione con l assistito nel percorso di screening per i MAP 01 giugno 2013 e 16 novembre 2013

Dettagli

DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE

DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE DIPARTIMENTO INTEGRATO DELLA PREVENZIONE 17 SSD Epidemiologia ed Educazione Sanitaria Alimentazione e attività Fisica - SASA (Scuola alimentazione sport aria aperta) Questo intervento è proposto alle scuole

Dettagli

Progetto di marketing sociale tra gli studenti delle scuole medie inferiori. A cura di Ilario Fago e Micaela Rizzo

Progetto di marketing sociale tra gli studenti delle scuole medie inferiori. A cura di Ilario Fago e Micaela Rizzo Progetto di marketing sociale tra gli studenti delle scuole medie inferiori A cura di Ilario Fago e Micaela Rizzo 1 Studenti del Corso di Laurea Magistrale in Scienze della Comunicazione Pubblica e Sociale,

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIE PIANO E BUDGET DI MARKETING STRATEGIE PIANO E BUDGET DI MARKETING Ogni impresa deve decidere il programma della propria attività per l anno successivo. Il compito

Dettagli

Allegato 2: Programma dei corsi della formazione di base organizzata dalla scuola

Allegato 2: Programma dei corsi della formazione di base organizzata dalla scuola Regolamento organizzativo dei corsi interaziendali Impiegata di commercio/impiegato di commercio con attestato federale di capacità (AFC) Ramo di formazione e d'esame Servizi e amministrazione Allegato

Dettagli

Immagine istituzionale Azione Cattolica

Immagine istituzionale Azione Cattolica Milano, 25 maggio 2010 Immagine istituzionale Azione Cattolica Il progetto La situazione di partenza Una associazione con 10.000 soci sparsi su un territorio in una diocesi con 1000 parrocchie e 200 km

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza Passi Uso dei dispositivi per la sicurezza stradale periodo 2010-2013 Valle d Aosta USO DEI DISPOSITIVI DI SICUREZZA STRADALE

Dettagli

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010

Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

Pro.Sa: P0283 VALUTAZIONE PROGETTO: 21/22 FINANZIAMENTO CONCESSO: 5000.00

Pro.Sa: P0283 VALUTAZIONE PROGETTO: 21/22 FINANZIAMENTO CONCESSO: 5000.00 PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) PRONTI? PARTENZA VIA!!!!

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori

RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori RACCOMANDAZIONI PER LA SICUREZZA DEI MINORI IN RETE ad uso dei genitori Le presenti Raccomandazioni sono destinate ai genitori, allo scopo di informarli sugli eventuali rischi nei quali i figli in età

Dettagli

SERVIZIO DI PSICOLOGIA

SERVIZIO DI PSICOLOGIA SERVIZIO DI PSICOLOGIA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA SERVIZIO DI PSICOLOGIA PRESSO I CONSULTORI AIED Il servizio di psicologia nei consultori Aied, articolato nelle

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Piano Regionale della Prevenzione 2010-2012 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono, in Italia, la principale causa di morte e di disabilità sotto

Dettagli

Piano delle azioni di comunicazione

Piano delle azioni di comunicazione Piano delle azioni di comunicazione Il ruolo della comunicazione Il successo delle politiche di sviluppo individuate all'interno dei P.I.C. è condizionato anche da un coerente sistema di azioni d'informazione

Dettagli

IL PRE-TEST: STRUMENTO PER GARANTIRE L EFFICACIA DEI MATERIALI DI UNA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE

IL PRE-TEST: STRUMENTO PER GARANTIRE L EFFICACIA DEI MATERIALI DI UNA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE IL PRE-TEST: STRUMENTO PER GARANTIRE L EFFICACIA DEI MATERIALI DI UNA CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE K. McCormack Brown 1, J.H. Lindenberger 2, C.A. Bryantl 3 1. Professor of Health Education and Behavior,

Dettagli

I giovani, i telefoni cellulari e la guida: risultati preliminari dell'indagine AMR2003 condotta nelle scuole superiori italiane

I giovani, i telefoni cellulari e la guida: risultati preliminari dell'indagine AMR2003 condotta nelle scuole superiori italiane www.iss.it/stra ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ DIPARTIMENTO AMBIENTE E CONNESSA PREVENZIONE PRIMARIA REPARTO AMBIENTE E TRAUMI OSSERVATORIO NAZIONALE AMBIENTE E TRAUMI (ONAT) Franco Taggi, Marco Giustini,

Dettagli

MECA Una grande opportunità

MECA Una grande opportunità 1 MECA Una grande opportunità OSMI Borsa Immobiliare Camera di Commercio, il Consiglio Notarile di Milano, F.I.M.A.A.Milano e AssimpredilAnce organizzano MECA il 1 Mercato Milanese della Casa dedicato

Dettagli

E...STATE IN FAMIGLIA

E...STATE IN FAMIGLIA E...STATE IN FAMIGLIA Roma, 1-8 Luglio 2015 Il Forum Famiglie Lazio Il Forum nato nel 1998 rappresenta: 48 associazioni 400 mila persone 150 mila famiglie www.forumfamiglielazio.it/ Le finalità del Forum:

Dettagli

Il brand (marchio) è un segno di riconoscimento che noi usiamo per definire e esprimere aspetti di noi stessi. Inoltre è una componente importante

Il brand (marchio) è un segno di riconoscimento che noi usiamo per definire e esprimere aspetti di noi stessi. Inoltre è una componente importante Il brand (marchio) è un segno di riconoscimento che noi usiamo per definire e esprimere aspetti di noi stessi. Inoltre è una componente importante della nostra cultura contemporanea che noi usiamo come

Dettagli

MARKETING E COMUNICAZIONE EVENTI CULTURALI

MARKETING E COMUNICAZIONE EVENTI CULTURALI MARKETING E COMUNICAZIONE EVENTI CULTURALI Anno Accademico 2013-2014 FONTE: LUCIO ARGANO. LA GESTIONE DEGLI EVENTI CULTURALI Organizzazione ed Economia Aziendale dello Spettacolo Prof. Bruno Zambardino

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

PROGETTO PIEDIBUS. ad ARCORE. 23/01/2009 pag. 1/13

PROGETTO PIEDIBUS. ad ARCORE. 23/01/2009 pag. 1/13 PROGETTO PIEDIBUS ad ARCORE 23/01/2009 pag. 1/13 INDICE del CONTENUTO 1. PREMESSA 2. OBIETTIVI DEL PROGETTO 3. COS E E COME FUNZIONA IL PIEDIBUS 4. ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI COINVOLTI 5. LINEE GUIDA E

Dettagli

Sensibilizzare e motivare gli allievi rispetto ai temi della sicurezza sul lavoro

Sensibilizzare e motivare gli allievi rispetto ai temi della sicurezza sul lavoro Presentazione PERCEZIONE DEL RISCHIO Questa proposta prevede la somministrazione agli allievi di un questionario che indaga ma non ha finalità di indagine - sulle loro opinioni e comportamenti riferiti

Dettagli

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana

Teatrando. Scuola dell Infanzia Galciana Teatrando Scuola dell Infanzia Galciana TEATRANDO (Scheda 1) La nostra scuola è inserita in una realtà ancora paesana, in cui esiste da molto tempo una tradizione di teatro e di spettacolazione di piazza.

Dettagli

GIO A. alla PARI. UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro

GIO A. alla PARI. UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro Progetto per la diffusione della cultura di parità e del principio di non discriminazione nel sistema educativo e nel mondo del lavoro. Regione Piemonte Agenzia Piemonte Lavoro UNIONE EUROPEA Fondo Sociale

Dettagli

SICURA LA NOTTE. Prevenzione degli incidenti stradali da guida in stato di ebbrezza. Luoghi di divertimento notturno (bar, discoteche, pub)

SICURA LA NOTTE. Prevenzione degli incidenti stradali da guida in stato di ebbrezza. Luoghi di divertimento notturno (bar, discoteche, pub) PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) SICURA LA NOTTE Filone

Dettagli

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria Economia e Tecnica della Pubblicità A.A. 2009-2010 La Pianificazione Pubblicitaria Fulvio Fortezza Il Piano di comunicazione 2 1 OBIETTIVI Gli obiettivi devono essere specifici e, possibilmente, misurabili

Dettagli

Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics

Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics Comportamento manageriale A.A. 2012/2013 Dott.ssa Monia La Verghetta Obiettivo Comprendere come sfruttare le differenze individuali per attirare, motivare e trattenere collaboratori di talento Topics Valori

Dettagli

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano

Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018 e promozione di uno stile di vita attivo Elena Coffano Premesso che il PNP individua tra gli obiettivi di salute la promozione di uno stile di vita attivo da

Dettagli

I passi seguiti per la creazione di un ambiente di lavoro favorevole alla promozione della salute.

I passi seguiti per la creazione di un ambiente di lavoro favorevole alla promozione della salute. Cap. IV I passi seguiti per la creazione di un ambiente di lavoro favorevole alla promozione della salute. Nella nostra esperienza abbiamo seguito le indicazioni derivanti da esperienze di efficacia e

Dettagli

la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste

la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste ASL CITTA DI MILA ASL CITTA DI MILA Dipartimento di Prevenzione STRADAIMPARANDO la strada è sotto i nostri occhi, la sicurezza è nelle nostre teste Progetto di educazione alla sicurezza stradale rivolto

Dettagli

La comunicazione degli eventi

La comunicazione degli eventi La comunicazione degli eventi 1 2 Gli strumenti di comunicazione 3 4 Immagine e branding 5 Il branding è l insieme delle attività strategiche e operative relative alla costruzione della marca. Definizione

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche

SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Dipartimento di Sanità Pubblica SALUTE E SICUREZZA nell autotrasporto: le condizioni psicofisiche Giorgio Ghedini Medico

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE Pianificazione di comunicazione e marketing.

PIANO DI COMUNICAZIONE Pianificazione di comunicazione e marketing. PIANO DI COMUNICAZIONE Pianificazione di comunicazione e marketing. Si presenta di seguito un piano di azioni commerciali finalizzate all apertura di un format (Osteria di Pinocchio, Pinochcio happy food

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALLA LUDOPATIA Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di Bergamo

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO AZIENDALE E PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO. PA Rev. 0 del 10.04.

REGOLAMENTO AZIENDALE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO AZIENDALE E PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO. PA Rev. 0 del 10.04. REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL MARCHIO AZIENDALE E PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO PA Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 1/04/2013 Ida Mannelli Ida Mannelli Direzione

Dettagli

ALCOL e DROGA, SBALLO DA MORIRE

ALCOL e DROGA, SBALLO DA MORIRE ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2100 ITALIA CLUB : BATTIPAGLIA e CAMPAGNA VALLE DEL SELE ISTITUTO COMPRENSIVO G. PALATUCCI Quadrivio di CAMPAGNA ALCOL e DROGA, SBALLO DA MORIRE Evento Educativo sulle droghe

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2783 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VEZZALI, RABINO, GALGANO, LIBRANDI, PORTA, SOTTANELLI, MARAZZITI, FALCONE, FITZGERALD NISSOLI,

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1

IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 IL SORRISO TELEFONO GIOVANI Uno sguardo sul presente e un ponte verso il futuro 1 di Maria Pia Bianchi 2 Il Sorriso - Telefono Giovani, è un centralino di ascolto ed aiuto telefonico rivolto alle nuove

Dettagli

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA Ente Promotore: Assessorato alle politiche della Salute del Comune di Bologna Oggetto: Piano di Comunicazione per una Cultura della Corretta Alimentazione 1 DEFINIZIONE

Dettagli

Non abbracciare un vizio, abbraccia tuo figlio... Proteggi chi ami dal fumo.

Non abbracciare un vizio, abbraccia tuo figlio... Proteggi chi ami dal fumo. Non abbracciare un vizio, abbraccia tuo figlio... Proteggi chi ami dal fumo. Progetto di Marketing sociale di: Gabriella Bencivenga Isabelle Jordy Alessandro Vitali Progetto sviluppato con la Ausl di Bologna

Dettagli

Prevenzione delle dipendenze: qualche consiglio per i genitori

Prevenzione delle dipendenze: qualche consiglio per i genitori Prevenzione delle dipendenze: qualche consiglio per i genitori 1 Contenuti della presentazione I motivi del consumo Tabacco, alcol, canapa I comportamenti problematici: l esempio della ciberdipendenza

Dettagli

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali

I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010

INCIDENTALITA STRADALE Incidenti stradali con morti o feriti in Italia e nel Lazio - 2010 I dati integrati dei sistemi di sorveglianza sugli incidenti stradali Gli incidenti stradali sono in Italia la principale causa di morte e di disabilità sotto ai 40 anni. Rappresentano quindi un fenomeno

Dettagli

Pattugliatori scolastici

Pattugliatori scolastici Pattugliatori scolastici Scolari e adulti al servizio della sicurezza upi Ufficio prevenzione infortuni Il servizio dei pattugliatori scolastici fornisce un contributo es senziale alla sicurezza sulle

Dettagli

Il marketing sociale come strumento per indurre politiche che sostengono l attività fisica Giuseppe Fattori

Il marketing sociale come strumento per indurre politiche che sostengono l attività fisica Giuseppe Fattori Il marketing sociale come strumento per indurre politiche che sostengono l attività fisica Giuseppe Fattori De arte gymnastica 1569 Social marketing1971 Libro I: Nel primo libro l'autore tratta la nascita

Dettagli

Il rapporto esistente fra le aziende marketing oriented e la comunicazione digitale

Il rapporto esistente fra le aziende marketing oriented e la comunicazione digitale Il rapporto esistente fra le aziende marketing oriented e la comunicazione digitale 8 Aprile 2011 8 Giornata della Comunicazione Azioni per migliorare la comunicazione digitale 2 Nel corso dell ultimo

Dettagli

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi

IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE. Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi IL PAPILLOMA VIRUS E LA CAMPAGNA VACCINALE Sandra Fabbri Fondazione ONLUS Attilia Pofferi LA COMUNICAZIONE SULLA VACCINAZIONE CHIAREZZA E CONDIVISIONE DEGLI OBIETTIVI DI SANITÀ PUBBLICA SUL VACCINO CONTRO

Dettagli

Introduzione al Marketing Mix

Introduzione al Marketing Mix Introduzione al Marketing Mix Relatore: Andrea Baioni (abaioni@andreabaioni.it) Il Marketing Mix Le 4 P Product Price Promotion Place È la combinazione delle variabili controllabili di marketing che l

Dettagli

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute.

Campagna informativa sulle dipendenze patologiche. Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Campagna informativa sulle dipendenze patologiche Abruzzo Sanità: il nostro impegno per la tua salute. Cari cittadini, è con orgoglio che vi presento la prima di dieci Campagne di Comunicazione sanitaria

Dettagli

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 8 LEZIONE. Prof. Marta Ghini

DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 8 LEZIONE. Prof. Marta Ghini DINAMICHE INTERPERSONALI E DI GRUPPO 8 LEZIONE Prof. Marta Ghini LEADERSHIP RIPASSO... Qual è il mio stile di leadership utilizzato solitamente? (come genitore, come insegnante, come catechista... È sempre

Dettagli

Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga

Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga Finanziamenti finalizzati alla lotta alla droga FINANZIAMENTI FINALIZZATI AL CONTRASTO DELLE DIPENDENZE ANNI 2003-2004 Nel corso del 2003, con Delibera

Dettagli

TITOLO DEL PROGETTO: EDUCARE ALL AFFETTIVITA. COORDINATORE DI PROGETTO: Prof.ssa A. De Maria

TITOLO DEL PROGETTO: EDUCARE ALL AFFETTIVITA. COORDINATORE DI PROGETTO: Prof.ssa A. De Maria C.F. 80006100434 - codice meccanografico MCSD01000D e-mail segreteria@istartemacerata.it www.istitutoartemacerata.it PROGETTI P.O.F. 2011/2012 TITOLO DEL PROGETTO: EDUCARE ALL AFFETTIVITA COORDINATORE

Dettagli

INIZIATIVA COFINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO, NELL AMBITO DEL PROGRAMMA OPERATIVO DELLA REGIONE VENETO 2007/2013 OB

INIZIATIVA COFINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO, NELL AMBITO DEL PROGRAMMA OPERATIVO DELLA REGIONE VENETO 2007/2013 OB INIZIATIVA COFINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO, NELL AMBITO DEL PROGRAMMA OPERATIVO DELLA REGIONE VENETO 2007/2013 OB. COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE DGR N. 448 del 04 aprile 2014- FARE RETE

Dettagli

Pro.Sa: P0283 VALUTAZIONE PROGETTO: 21/22 FINANZIAMENTO CONCESSO: 5000.00

Pro.Sa: P0283 VALUTAZIONE PROGETTO: 21/22 FINANZIAMENTO CONCESSO: 5000.00 PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) PRONTI? PARTENZA VIA!!!!

Dettagli