EMILIA ROMAGNA DIGITALE BENCHMARKING DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EMILIA ROMAGNA DIGITALE BENCHMARKING DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA"

Transcript

1 5 2 EMILIA ROMAGNA DIGITALE BENCHMARKING DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA SECONDO RAPPORTO: LA DIFFUSIONE DI INTERNET FRA I CITTADINI LA DIFFUSIONE DI INTERNET NELLE SCUOLE I PUNTI DI ACCESSO PUBBLICO AD INTERNET

2 51 2 EMILIA ROMAGNA DIGITALE BENCHMARKING DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA SECONDO RAPPORTO: LA DIFFUSIONE DI INTERNET FRA I CITTADINI LA DIFFUSIONE DI INTERNET NELLE SCUOLE I PUNTI DI ACCESSO PUBBLICO AD INTERNET

3 5 2 INDICE 1. PREMESSA Duccio Campagnoli, Regione Emilia-Romagna 5 2. INTRODUZIONE 7 3. SINTESI DEL RAPPORTO 9 4. EXECUTIVE SUMMARY (English version) LA DIFFUSIONE DI INTERNET FRA I CITTADINI EMILIANO-ROMAGNOLI 53 a. Indagine locale 53 b. Comparazione europea LA DIFFUSIONE DI INTERNET NELLE SCUOLE 101 a. Indagine locale 101 b. Comparazione europea I PUNTI DI ACCESSO PUBBLICO AD INTERNET: INDAGINE LOCALE E COMPARAZIONE EUROPEA VERSO UNA LETTURA INTEGRATA DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE: DOMANDA E OFFERTA DI INFRASTRUTTURE E SERVIZI ICT ALLEGATI: I QUESTIONARI 181

4 1 PREMESSA Il secondo volume del progetto di benchmarking della società dell informazione offre una prospettiva più ampia su come effettivamente Internet stia cambiando la società. Se il primo volume si era concentrato sull infrastruttura di rete e sull azione della Pubblica Amministrazione in materia di ICT, ora gli studi presentati allargano lo sguardo al territorio ed illustrano l impatto concreto di Internet nella vita quotidiana delle famiglie. È questo per noi un contesto di riferimento importante, poiché l intervento regionale il piano telematico non è finalizzato solo a rendere più efficiente la Pubblica Amministrazione, ma a promuovere l innovazione e lo sviluppo economico sul territorio regionale: per fare ciò deve dunque utilizzare strumenti di conoscenza del territorio e della società. In particolare, sono qui raccolte le indagini sulla diffusione di Internet fra cittadini e nelle scuole della regione, ed un censimento dei punti di accesso pubblico ad Internet. Il confronto con gli altri territori europei si fa qui più puntuale rispetto al primo volume, grazie alla collaborazione con il progetto europeo BISER 1 che ha svolto indagini su un campione di cittadini di 28 regioni europee. I dati presentati sono dunque confrontabili non più solo con gli stati nazionali, ma anche e per la prima volta con un numero significativo di regioni europee. I dati comparativi qui presentati sono i migliori oggi possibili ma ancora non esaustivi. La regione Emilia-Romagna ha perciò lanciato una rete europea di collaborazione in tema di benchmarking che si propone di definire indicatori regionali comuni 1 5

5 su tutti i temi della società dell informazione, basandosi sull esperienza della Commissione Europea benchmarking eeurope. Gli studi del presente volume forniscono una base di conoscenza fondamentale per supportare la definizione e l attuazione delle politiche regionali, ed il continuo confronto con altre esperienze europee stimola il processo di innovazione attraverso il confronto con regioni e paesi più avanzati. Oggi sappiamo ad esempio che attraverso Internet possiamo raggiungere direttamente il 48% della popolazione, e quindi che i servizi pubblici on line che il piano telematico sta realizzando non si rivolgono ad una nicchia ristretta. Occorre essere più incisivi nell opera di sensibilizzazione dei cittadini all uso dei servizi pubblici on line; d altra, proprio la Pubblica Amministrazione, verso cui la popolazione regionale sembra particolarmente portata a interagire on line, può svolgere un ruolo di apripista ed accelerare la maturazione dell uso di Internet dalle attuali finalità informative verso un uso transattivo di servizi sul web, che potrà ripercuotersi positivamente su tutta l economia regionale. Altro tema importante qui affrontato è il digital divide. I dati definiscono la regione Emilia-Romagna come regione particolarmente inclusiva, in cui i gruppi deboli sono meno esclusi rispetto alla media europea. In particolare, non pare esistere più un rischio di esclusione tecnologica per le donne: il 47% accede ad Internet contro il 49% degli uomini. Anche gli anziani e le persone con basso livello di scolarizzazione sono meno esclusi che nel resto d Europa. Come già nel primo rapporto, si evidenzia anche e soprattutto un significativo rischio di divisione territoriale fra aree forti e aree deboli: le prime hanno un grado di sviluppo telematico maggiore delle seconde, e senza interventi pubblici l innovazione tecnologica rischia di accentuare il divario invece di favorire la coesione territoriale. Nel complesso dunque emerge una regione avanzata, con molti punti di forza che testimoniano della maturità digitale di alcune parti della società emiliano-romagnola, ma con punti di debolezza che se non affrontati organicamente rischiano di non far cogliere per tempo al territorio regionale tutte le opportunità che le nuove tecnologie offrono. L aver rilevato queste criticità costituisce il primo importante risultato di aver fatto benchmarking. Solo da questa continua interazione fra territori europei e la realtà locale, che caratterizza pienamente l iniziativa di benchmarking, può svilupparsi il processo innovativo necessario al pieno sviluppo della società dell informazione regionale. Duccio Campagnoli Assessore alle attività produttive, sviluppo economico e piano telematico Regione Emilia-Romagna 6

6 2 INTRODUZIONE Il presente volume contiene il secondo rapporto sul benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna e riguarda tre specifici temi: Diffusione di Internet nelle famiglie Numero e localizzazione PIAP Connessione ad Internet nelle scuole Oltre alla situazione della Regione Emilia-Romagna vengono presentati i risultati della comparazione con regioni e paesi europei. Tale rapporto segue quello già pubblicato nel novembre 2003 relativo all e-government (Servizi pubblici on line) e alla infrastruttura a larga banda. È prevista, entro Marzo 2004, la pubblicazione del terzo rapporto di benchmarking riguardante la connessione dei centri di ricerca e università, il numero di laureati in ICT, la diffusione dell e-commerce fra le imprese e la dimensione del settore ICT e produzione di contenuti locali. 7

7 3 SINTESI DEL RAPPORTO Il rapporto raccoglie tre studi svolti nel 2003 relativi alla diffusione di Internet in regione Emilia-Romagna: 1. Internet fra i cittadini 2. Internet nelle scuole 3. I punti di accesso pubblico ad Internet Si tratta del secondo rapporto di benchmarking della società dell informazione in regione. Il primo 1 aveva compreso le indagini sull e-government e sull infrastruttura a banda larga in regione Emilia-Romagna. Il terzo verrà pubblicato nel Marzo 2004 e raccoglierà le indagini sull e-commerce nelle imprese, sulle dimensioni del settore ICT, e sull offerta di laureati in materie ICT. Tali rapporti si collocano nell ambito dell iniziativa di benchmarking prevista dalla RER nel suo Piano Telematico Regionale LA DIFFUSIONE DI INTERNET FRA I CITTADINI DELL EMILIA-ROMAGNA Sono stati intervistati telefonicamente circa 1500 soggetti residenti sul territorio regionale. Il campione è stato stratificato per sesso, classe di età (meno di 25 anni, tra i 25 e i 44 anni, tra i 45 e i 64 anni, più di 64 anni) e zona di residenza (Emilia, Bologna, Romagna). Oltre il 60% degli emiliano-romagnoli dichiara di possedere uno o più computer nella propria abitazione e quasi la metà degli intervistati (48%) si auto-dichiara internauta (dato superiore alla media nazionale). Sottolineiamo che la definizione di internauta prescinde dalla frequenza e dal tipo di utilizzo della rete. 1 Benchmarking della Società dell Informazione in Emilia-Romagna. Primo rapporto: e-government e infrastruttura a banda larga in regione Emilia-Romagna pubblicato nel settembre 2003 dalla regione Emilia-Romagna, nella collana Emilia-Romagna digitale. Il volume è disponibile presso la DG Organizzazione, Sistemi Informativi e Telematica e scaricabile dal seguente URL: 9

8 Lei personalmente naviga in Internet? Sì 48% No 52% Base: 1501 IDENTIKIT DELL UTENTE INTERNET IN EMILIA ROMAGNA Il 36% degli internauti si connette a Internet ogni giorno e il 46% da 1 a 5 ore la settimana, ma è alta anche la percentuale (29%) di chi trascorre su Internet meno di 1 ora alla settimana. Emerge dunque un profilo di utente legato alla rete da un rapporto costante ma forse non molto intenso. L uso della rete è più concentrato nella fascia d età giovane (meno di 25 anni), e in quella fra i 25 e i 44 anni, e tende a decrescere all aumentare dell età degli intervistati. Si registra, come era logico immaginare, una concentrazione verso i livelli più alti di istruzione. Dall analisi emerge che, soprattutto per le classi di età intermedie, il livello di istruzione rappresenta una variabile fondamentale per valutare il grado in propensione alla rete. Gli utenti Internet non solo sono maggiormente concentrati nelle classi d età più basse, ma anche che, a parità di età, questi sono in possesso di un titolo di studio superiore rispetto ai non utenti. Anche rispetto alla professione notiamo ancora una forte presenza relativa di dirigenti, impiegati, insegnanti e in particolare studenti un dato che ovviamente concorda con la crescente presenza di giovani. Inoltre la presenza femminile tra gli internauti è incoraggiante; il 46.6% delle donne intervistate naviga, contro una media generale del 47.9%. Possiamo notare che le donne che navigano hanno un reddito superiore alla media e sono più attive sul mercato del lavoro. Lo stile di vita degli internauti è caratterizzato da un uso di mezzi di informazione decisamente superiore alla media; leggono più giornali, riviste e libri, fanno più sport, e, soprattutto, sono più propensi ad acquisti in tecnologia (PC portatile, palmare, DVD, lettore MP3), hanno, inoltre, maggiori interessi culturali (musei, teatro). Non è da sottovalutare il fattore reddito: a livelli di reddito crescente corrisponde un 10

9 maggior numero di utenti Internet. Troviamo differenze apprezzabili anche rispetto alle aree territoriali in cui è stata suddivisa la Regione: il 52% degli intervistati Bolognesi si dichiara internauta, contro un 49% degli Emiliani e un 40% dei Romagnoli. Gli internauti da noi intervistati utilizzano Internet soprattutto per gestire la posta elettronica, o per la ricerca di informazioni. Rispetto agli acquisti, rimangono predominanti viaggi e turismo, l acquisto di biglietti per eventi, libri/giornali/cd e hardware/software. Decisamente ancora molti deboli le percentuali di acquisto di prodotti come alimentari, abbigliamento, cosmetici e arredamento. I NON UTENTI Non usano Internet perché non sono interessati o non lo ritengono utile, non per questioni economiche, ma il 26% di coloro che non navigano attualmente si sta attrezzando per farlo in futuro. Sono soprattutto persone di classe di età intermedia (tra i 25 e i 45 anni), diplomati e impiegati. Le classi di età più anziane, soprattutto pensionati e casalinghe con titolo di studio basso non sembrano, viceversa, assolutamente attratte dal web. INTERNET E LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Il 36% degli utenti Internet dichiara di aver avuto qualche genere di contatto con i servizi a distanza della P.A., in generale si è trattato di reperire informazioni o scaricare moduli. Meno del 40% degli intervistati (tra coloro che attualmente navigano) ha inoltrato documenti. In tale dato si può leggere un certo timore ad avere un approccio attivo nei confronti dei servizi a distanza. Si può pensare ad una certa diffidenza verso i servizi offerti della P.A., o ad una più generale diffidenza verso Internet. Si deve comunque sottolineare che l 86% si ritiene soddisfatto del servizio ricevuto. Le è mai capitato di contattare la P.A. attraverso Internet? Sì 36% No 64% Base:

10 Chi non è soddisfatto afferma di non aver trovato ciò che serve o di aver avuto difficoltà di utilizzo. In tal senso potrebbero risultare proficue azioni volte alla semplificazione nelle procedure di utilizzo dei siti. In generale, comunque, l utilizzo dei servizi a distanza è ancora piuttosto limitato. Solo alcuni sembrano avere percentuali significative, tra questi la ricerca di lavoro, la prenotazione di libri presso le biblioteche e l iscrizione all Università. Per il 66% del campione il servizi a distanza sono utili ma prioritario risulta essere il buon funzionamento dell ufficio fisico, mentre il 16% dichiara la non utilità dei servizi a distanza. Gli intervistati hanno evidenziato, inoltre, che lo snellimento dei vincoli burocratici e l aumento di competenze del personale della P.A. potrebbero permette un migliore funzionamento dei servizi su Internet. È molto interessante anche la percentuale di chi riterrebbe opportuno che la stessa P.A. si facesse carico di insegnare l utilizzo di Internet ai cittadini. I servizi che gli intervistati hanno giudicato di maggiore utilità sono: la possibilità di trovare informazioni sulla città e sulle pratiche amministrative, e quella di svolgere pratiche amministrative. Minore interesse per gli strumenti di partecipazione attiva dei cittadini alle scelte della P.A. e strumenti per effettuare pagamenti. Tale dato sottolinea ancora una volta la scarsa fiducia nell effettuare transazioni economiche via Internet. Strategicamente, si può comunque pensare che la rete potrebbe produrre benefici notevoli nel rapporto tra cittadino e istituzioni sia nella comunicazione delle informazioni da fornire agli utenti (sfruttando la tempestività del web); sia nel dialogo tra cittadini e istituzioni (tramite , forum di discussione, sondaggi on line). Si deve però tenere in considerazione che nell immaginario collettivo, Internet è percepito come molto lontano dalle lentezze burocratiche della P.A. È viceversa vero che, proprio perché il sistema pubblico italiano si presenta tuttora macchinoso e fortemente burocratico, Internet potrebbe rappresentare una forte spinta alla modernizzazione, basti pensare all eliminazione di grossi archivi cartacei e alla maggiore facilità di ricerca e reperimento dei documenti anche quando si tratta di atti di altre amministrazioni; questo eviterebbe al cittadino le frequenti code agli sportelli di enti pubblici alle quali è oggi spesso costretto. Affinché i servizi a distanza della P.A. siano realmente efficaci, è indubbiamente necessario migliorare l efficienza interna delle amministrazioni nonché il grado di informatizzazione del personale delle stesse. È chiaro inoltre che la progettazione di siti e portali deve tenere conto di due fattori fondamentali: 1. l usabilità, ossia la facilità con cui un soggetto interessato ed abilitato a conoscere i dati riesce ad accedervi con le tecnologie disponibili (in tal senso bisognerà scegliere strategie adeguate per le diverse tipologie di fruitori), onde evitare che il cittadino 12

11 si perda tra i diversi link del sito come si perde tra i diversi sportelli degli uffici fisici. 2. la sicurezza, intesa come insieme delle misure tese ad assicurare l accesso ai soli dati conoscibili a un soggetto interessato Un obiettivo primario dell e-government deve essere poi quello di offrire ai cittadini servizi integrati e non più frammentati secondo le competenze dei singoli enti amministrativi. Per far questo è necessario che tutti i sistemi informativi di tutte le amministrazioni siano connessi tra loro. LA COMPARAZIONE CON L EUROPA Grazie alla collaborazione con il progetto europeo BISER 2, abbiamo dati comparabili fra l Emilia-Romagna e 28 altre regioni europee in cui BISER ha svolto le rilevazioni. Rispetto all accesso ad Internet, in Emilia-Romagna il 42,8 % delle persone si collega ad Internet almeno una volta al mese. Questo colloca la regione nella parte mediobassa della classifica, leggermente più in alto rispetto ad altre regioni italiane, ma più indietro delle regioni nordiche che superano il 60%. Il ritardo è più accentuato quando si guarda alla percentuale di case con accesso ad Internet: solo il 37,6% in Emilia-Romagna mentre la maggior parte delle regioni supera il 50%. Molti emiliano-romagnoli accedono quindi ad Internet fuori da casa. Se basso è l accesso da casa, alta è la qualità di quelli che hanno accesso: la diffusione della connessione DSL è decisamente superiore in Emilia-romagna rispetto alla maggioranza delle regioni europee (19,2%). Se includiamo però altre tecnologie di accesso la situazione regionale appare peggiore, poiché molte altre regioni hanno una diffusione importante dell accesso via cavo coassiale, non disponibile in Italia. Dopo aver esaminato l accesso a Internet, è importante rilevare l uso che i navigatori fanno di Internet. In Emilia-Romagna, molto alta è la percentuale di cittadini che hanno contattato la Pubblica Amministrazione attraverso Internet: 17% mentre la maggior parte delle regioni europee non supera l 11%. Rispetto ad altri usi di Internet, emerge un uso più intenso di altre regioni di servizi informativi sugli orari dei treni e sul traffico, e meno intenso per acquisti on line. Infine, l home banking in particolare sembra emergere in senso negativo come servizio poco diffuso in Emilia-Romagna rispetto alle regioni europee, anche se in linea con le altre regioni italiane

12 Percentuale di cittadini che hanno usato Internet nelle ultime 4 settimane Berkshire, Bucks and Oxfordshire Smaland and islands Fyn Friesland Braunscweig Leicestershire, Rutland and Northlands Stuttgart Damstadt Salzburg Central Finland Mecklenburg-Western Pomerania Ile-de-France Greater Manchester Magdeburg Border, Midlands and Western Liege Tees Valley and Durham 72,0 69,8 68,4 64,5 64,4 63,8 62,0 62,0 59,5 58,1 56,3 55,7 54,1 52,2 51,6 50,5 50,4 Brittany Lazio Emilia-Romagna Lisboa e Vale do Tejo Languedoc-Roussillon Lombardy Catalonia Nord/Pas-de-Calais Tuscany Sicily Castille-Leon 44,9 44,0 42,8 42,7 41,8 40,2 40,2 39,9 39,5 35,1 33,1 Central Macedonia 12,

13 % di case con banda larga su totale case connesse Liege Lisboa e Vale do Tejo Catalonia Ile-de-France Greater Manchester Central Finland Border, Midlands and Western Fyn Leicestershire, Rutland and Northlands Tees Valley and Durham Nord/Pas-de-Calais Friesland Salzburg Castille-Leon Berkshire, Bucks and Oxfordshire Stuttgart Smaland and islands Braunscweig Damstadt Emilia-Romagna Brittany Languedoc-Roussillon Magdeburg Mecklenburg-Western Pomerania Lazio Lombardy Sicily Tuscany Central Macedonia DSL cavo altro (inclusa fibra) 15

14 Percentuale di cittadini che hanno contattato la P.A. via Internet Smaland and islands Friesland 28,12 27,54 Fyn 22,28 Ile-de-France Emilia-Romagna Berkshire, Bucks and Oxfordshire Salzburg Central Finland Lisboa e Vale do Tejo Lazio Languedoc-Roussillon Nord/Pas-de-Calais Catalonia Leicestershire, Rutland and Northlands Brittany Castille-Leon Border, Midlands and Western Tuscany Lombardy Greater Manchester Liege Tees Valley and Durham Stuttgart Sicily Damstadt Braunscweig Mecklenburg-Western Pomerania Magdeburg Central Macedonia 17,44 17,06 14,21 13,03 12,94 12,62 12,31 11,92 11,47 10,94 10,94 10,53 10,27 10,06 9,94 9,93 9,60 9,59 9,50 8,64 8,01 7,97 7,09 6,91 5,52 4,

15 Percentuale di utenti Internet che hanno usato l on line banking Central Finland Fyn 57,6 55,1 Smaland and islands 22,28 Friesland Braunscweig Berkshire, Bucks and Oxfordshire 45,8 17,06 41,9 Stuttgart Ile-de-France Darmstadt Magdeburg Mecklenburg-Western Pomerania Salzburg Leicestershire, Rutland and Northlands 38,2 38,1 37,8 37,3 37,0 36,9 36,9 Tees Valley and Durham Lisboa e Vale do Tejo Nord/Pas-de-Calais 32,3 30,9 30,6 Greater Manchester Languedoc-Roussillon Brittany Catalonia Liege Border, Midlands and Western 26,8 25,8 25,5 22,7 22,2 21,1 Lombardy Emilia-Romagna Castille-Leon Lazio Tuscany 18,0 17,7 15,9 14,4 13,6 Sicily 8,7 Central Macedonia 3, Particolare attenzione richiama il tema del digital divide, ossia del divario della diffusione di Internet fra gruppi sociali forti e deboli. Comparando i dati regionali con i dati europei e statunitensi prodotti dal progetto europeo SIBIS 2, l Emilia-Romagna emerge come regione particolarmente inclusiva per l accesso ad Internet

16 In particolare, abbiamo preso in considerazione alcuni gruppi a maggior rischio di digital divide, ossia donne, anziani, disoccupati, persone con basso reddito e con bassa scolarità. Rispetto a tutti questi criteri di analisi, l Emilia-Romagna presenta livelli di digital divide minori della media europea, e simili ai livelli americani. L unica parziale eccezione è per i disoccupati, che sono digitalmente esclusi in Emilia-Romagna all incirca come in Europa e più che negli Stati Uniti. Rispetto al genere, il digital divide sembra estremamente ridotto rispetto all Unione Europea e simile a quello degli Stati Uniti, anche se in termini assoluti vi è una per- 100 Il digital divide in genere in E-R, UE, USA % utenti Internet sul totale del genere ER 2003 UE 2002 USA 2002 maschio femmina % utenti Internet sul totale della classe di età Il digital divide di età in E-R, UE, USA ER 2003 UE 2002 USA 2002 meno di 25 anni più di 50 anni 18

17 Il digital divide di educazione in E-R, UE, USA 100 % utenti Internet per livello educativo ER 2003 UE 2002 USA 2002 laurea o più licenza media o meno centuale maggiore di donne connesse ad Internet rispetto all Emilia-Romagna. Rispetto all età, il divide è in Emilia-Romagna molto più ridotto della UE e simile a quello degli Stati Uniti. In questo caso, in Emilia-Romagna vi è addirittura una maggiore percentuale di ultracinquantenni connessi ad Internet rispetto alla media UE. Infine, rispetto all educazione, il divario in Emilia-Romagna è notevolmente inferiore rispetto a Unione Europea e ancor di più agli Stati Uniti: in particolare, chi ha una licenza media o meno ha maggiore probabilità di avere accesso ad Internet in Emilia- Romagna: questo potrebbe essere indice anche di una maggiore qualità del sistema educativo di base. LA DIFFUSIONE DI INTERNET NELLE SCUOLE Il referente intervistato è stato prevalentemente il docente con delega per l informatica ed Internet, figura rilevante nelle scuole medie inferiori e nelle elementari (dove è stato intervistato in oltre il 47% dei casi) e meno presente negli istituti superiori non licei (quasi il 26%). Il responsabile tecnico informatico è invece una figura maggiormente diffusa nelle scuole superiori, costituendo il 40,0% degli intervistati nei licei e il 19?8% nelle scuole superiori non licei. Per quanto riguarda la connessione ad Internet, si rileva che quasi tutti gli Istituti (95,5%) sono collegati alla rete. Tra gli Istituti intervistati, quelli non connessi sono scuole medie inferiori e scuole elementari, mentre tutte le scuole medie superiori dispongono di un collegamento a Internet. 19

18 La modalità di connessione più diffusa è l ISDN, presente in quasi il 34% degli Istituti. Per quanto riguarda le connessioni in banda larga, si rileva che un terzo degli Istituti ha già operato questo tipo di scelta (composta quasi totalmente da connessioni con ADSL 32%, mentre Fibra Ottica e Satellite raggiungono congiuntamente solo l 1%). Il modem collegato alla Rete telefonica generale è la modalità di connessione tuttora adottata da oltre un quarto degli Istituti. Le scuole superiori si dimostrano quelle più evolute dal punto di vista del collegamento ad Internet (il 68,8% degli Istituti dispone di ADSL e il 3,9% di Fibra Ottica). Complessivamente, nelle scuole dell Emilia Romagna sono presenti oltre PC. Quasi l 80% di essi è presente nei laboratori, prevalentemente di tipo dedicato; il 12.7% nelle segreterie; il 5.7% nelle aule adibite alla didattica e infine il 2.9% nelle aule professori. L 84.8% dei PC presenti negli Istituti della Regione è utilizzato per scopi didattici, do cui quasi 3/4 è collegato ad Internet. Il restante 15.2% del totale dei PC è allocato nelle segreterie o comunque anche se presente in aule, laboratori o sale professori, non viene utilizzato per scopi didattici. L analisi condotta, ha portato a distinguere la dotazione di PC in relazione al loro utilizzo. In particolare, l indagine ha incentrato la propria attenzione sui computer utilizzati per fini didattici (vale a dire a supporto della lezione e a disposizione di insegnanti e studenti) e, tra questi, a quelli collegati a Internet. Per quanto riguarda i PC utilizzati per la didattica, emerge che presso le scuole dell Emilia Romagna sono presenti in media 7,4 PC per 100 studenti. Il valore più elevato si registra nelle scuole superiori non licei (13), mentre le scuole medie inferiori presentano un valore più elevato rispetto ai licei, rispettivamente 7.4 contro 6.2, chiudono le elementari con 4.3 PC per 100 studenti. Approfondendo l analisi sui PC on line utilizzati per finalità didattiche, si rileva che l 80.9% dei PC si trova nei laboratori dedicati, il 12.8% nei laboratori condivisi con altri Istituti, il 4.2% nelle aule adibite alla didattica e infine il 2.1% nelle aule professori. Considerando la presenza nelle scuole di PC collegati a Internet e dislocati nelle aule adibite alla didattica, risulta che il 13,1% delle scuole dell Emilia Romagna (pari a 233) si trova in questa situazione. Nei licei e nelle elementari la presenza di PC nelle aule è minima, rilevata solo nel 5% e 5.3% dei casi, mentre nelle scuole medie inferiori e negli istituti superiori non licei, il PC nelle classi è più diffuso (rispettivamente il 21.4% e il 29.6%). Ovviamente non si deve intendere tale dato come se i PC siano presenti in tutte le aule, ma che in almeno una di esse per scuola esiste un PC collegato ad Internet ed utilizzato per fini didattici. 20

19 Per macroprovincia Media totale: 5,3 Per tipo di scuola Media totale: 5,3 PR + PC 5,0 Elementari 2,1 RN + FC + RA 5,7 Medie 5,7 RE + MO 4,2 Licei 5,3 FE + BO 6,5 Superiori non Licei 10,7 PC on line utilizzati a scopo didattico (Fonte: Assinform/NetConsulting) La dotazione media di PC on line utilizzati per finalità didattiche è di 5.3 per 100 studenti. La situazione è differente per tipo di Istituto, infatti nei non licei ci sono 10.7 PC per 100 studenti (l 82% dei PC utilizzati per la didattica), nei licei 5.3 (85%), nelle medie inferiori 5.7 (77%) e nelle elementari 2.1 (49%). Analizzando, invece, la situazione nelle diverse macroprovince, il dato risulta più omogeneo alla media. In particolare le province di Ferrara e Bologna presentano una media più alta di PC on line utilizzati per finalità didattiche con 6.5 PC per 100 studenti, mentre il dato più basso, 4.2, viene rilevato nelle province di Reggio Emilia e Modena. LA COMPARAZIONE CON L EUROPA I dati comparativi sono tratti dall indagine svolta da Eurobarmeter nel 2002 per la Commissione Europea nell ambito dell iniziativa benchmarking eeurope. Grazie alla pubblicazione completa di campione, metodologia, questionari e dati di eeurope, siamo in grado di presentare dati comparativi significativi, anche se con due limiti: la differenza di un anno nella rilevazione (eeurope 2002, Emilia-Romagna 2003) probabilmente fa apparire la situazione regionale leggermente migliore della realtà. I nuovi dati di eeurope, in origine previsti per ottobre 2003, non sono invece ancora stati pubblicati al momento della presente pubblicazione. eeurope presenta dati solo a livello nazionale e non esistono altre ricerche comparative a livello regionale. Il dato relativo alla connessione di base ad Internet evidenzia come in Emilia-Romagna la quasi totalità delle scuole lo sia (95%), più o meno come la media dell Unione Europea e leggermente meglio dell Italia. Le differenze in questo caso non sono particolarmente significative e la distanza temporale della rilevazione ne ridimensiona ulteriormente la rilevanza. 21

20 La diffusione della banda larga pone l Emilia-Romagna in linea con la media europea (33% E-R, 32% UE) ed è doppia rispetto alla media italiana (15%). In Svezia, Regno Unito e Olanda oltre il 90% delle scuole aveva nel 2002 l accesso ad Internet a banda larga. Rispetto alla presenza del sito web, ancora una volta l Emilia-Romagna (59,5%) supera la media europea (51%) ed italiana (45%). In Svezia e Danimarca più dell 80% delle scuole ha il sito web. L indicatore-chiave per eeurope è comunque la disponibilità di PC on line per gli studenti. In questo caso, l Emilia-Romagna (5,3) è leggermente sotto alla media europea (5,9 PC on line per 100 studenti) ma nettamente superiore alla media italiana (2,1). Su questo indicatore, eccellente è la Danimarca con 25 PC on line per 100 studenti, mentre Finlandia, Svezia e Regno Unito hanno tutti più di 10 PC per 100 studenti. Infine, se accettabile e il numero di PC per studente, molto più carente è la diffusione di PC nelle classi. Solo il 32% delle scuole ha PC nelle aule, contro la media europea del 60% e italiana del 16%. In Svezia, Regno Unito e Olanda più del 90% delle scuole ha i PC nelle aule, mentre in Emilia-Romagna abbiamo visto che i PC sono in genere collocati nei laboratori. Dall indagine sappiamo che avere un PC in aula incide molto positivamente sulla frequenza di utilizzo del PC nella didattica, quindi su questo indicatore il ritardo della regione Emilia-Romagna è significativo rispetto all Europa e importante rispetto all utilizzo di PC nella didattica. In generale, l Emilia-Romagna si colloca su livelli vicini alla media europea, e nettamente superiori alla media italiana. Siamo comunque su livelli ben lontani dai paesi europei leader, che sono generalmente i paesi nordici (Svezia, Finlandia, Danimarca ma anche il Regno Unito). Numero medio di PC on line per 100 studenti tutte le scuole , ,0 11,0 10,6 7,1 6,4 6,3 6,1 5,9 5,4 5,3 5,1 5,0 4,6 4,1 2,9 2,5 0 DK FIN S UK L E A F EU (15) NL RER P IRL B D I EL Paesi 22

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL

Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori. Oriana Cuccu, Simona De Luca, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi 2014-2020 Risultati attesi, realizzazioni, indicatori, DPS-UVAL Struttura dei Programmi Operativi Innovazioni di metodo Risultati attesi Risultati Azioni attesi Tempi

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D

Present Perfect SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D SCUOLA SECONDARIA I GRADO LORENZO GHIBERTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PELAGO CLASSI III C/D Present Perfect Affirmative Forma intera I have played we have played you have played you have played he has played

Dettagli

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test

TAL LIVELLO A2. Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo. PARTE II: Cloze test TAL LIVELLO A2 Test scritto in 5 parti ( 50 minuti) Prova d ascolto (10 minuti) PARTE I: Comprensione del testo PARTE II: Cloze test PARTE III: Grammatica PARTE IV: Scrittura guidata PARTE V: Scrittura

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo

1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo Prova di verifica classi quarte 1. Uno studente universitario, dopo aver superato tre esami, ha la media di 28. Nell esame successivo lo studente prende 20. Qual è la media dopo il quarto esame? A 26 24

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente.

1. SIMPLE PRESENT. Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. 1. SIMPLE PRESENT 1. Quando si usa? Il Simple Present viene anche detto presente abituale in quanto l azione viene compiuta abitualmente. Quanto abitualmente? Questo ci viene spesso detto dalla presenza

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO

FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO FORMAZIONE IN INGRESSO PER DOCENTI NEOASSUNTI IN ANNO DI PROVA ANNO SCOLASTICO 2014-15 AVVIO PERCORSO FORMATIVO VERSO UN CODICE DEONTOLOGICO DEL DOCENTE Paolo Rigo paolo.rigo@istruzione.it ALCUNE SEMPLICI

Dettagli

CALDO SGUARDO GRECO PDF

CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF ==> Download: CALDO SGUARDO GRECO PDF CALDO SGUARDO GRECO PDF - Are you searching for Caldo Sguardo Greco Books? Now, you will be happy that at this time Caldo Sguardo Greco PDF

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE.

UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIRE 3 SERVIZI ALITALIA. SEMPRE DI PIÙ, PER TE. UN BUON VIAGGIO INIZIA PRIMA DI PARTIR 3 RVIZI ALITALIA. MPR DI PIÙ, PR T. FAT TRACK. DDICATO A CHI NON AMA PRDR TMPO. La pazienza è una grande virtù. Ma è anche vero che ogni minuto è prezioso. Per questo

Dettagli

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine

40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine 40 motivi per cui le puttane sono le mie eroine Le puttane sanno condividere le parti più private e delicate del corpo con perfetti sconosciuti. Le puttane hanno accesso a luoghi inaccessibili. Le puttane

Dettagli

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014

AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 AGLI OPERATORI DELLA STAMPA E attiva la procedura di accredito alle Serie WSK 2014. La richiesta di accredito deve pervenire entro il 9 febbraio 2014 Per la richiesta di accredito alla singola gara, le

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of "typical tuscan"

Il vostro sogno diventa realtà... Your dream comes true... Close to Volterra,portions for sale of typical tuscan Il vostro sogno diventa realtà... Vicinanze di Volterra vendita di porzione di fabbricato "tipico Toscano" realizzate da recupero di casolare in bellissima posizione panoramica. Your dream comes true...

Dettagli

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1

Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 Nota Informativa Relativa alla Circolare 2009/1 In merito alla nuova circolare del Sottosegretariato per il Commercio Estero del Primo Ministero della Repubblica di Turchia, la 2009/21, (pubblicata nella

Dettagli

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA?

L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? OSSERVATORIO IT GOVERNANCE L OPPORTUNITÀ DEL RECUPERO DI EFFICIENZA OPERATIVA PUÒ NASCONDERSI NEI DATI DELLA TUA AZIENDA? A cura del Professor Marcello La Rosa, Direttore Accademico (corporate programs

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE

Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Il primo bando del programma Interreg CENTRAL EUROPE, Verona, 20.02.2015 Il programma Interreg CENTRAL EUROPE Benedetta Pricolo, Punto di contatto nazionale, Regione del Veneto INFORMAZIONI DI BASE 246

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo

Mario Rotta. eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo eportfolio e altre strategie di personalizzazione per l'apprendimento continuo Quali strategie possono essere applicate con successo nel Life Long Learning, tenendo conto degli scenari attuali? Emerge

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione

È un progetto di Project by Comune di Numana Ideazione LA CALETTA È proprio nell ambito del progetto NetCet che si è deciso di realizzare qui, in uno dei tratti di costa più belli della Riviera del Conero, un area di riabilitazione o pre-rilascio denominata

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA?

HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE. Cosa è l HTA? HTA: PRINCIPI, LOGICHE OPERATIVE ED ESPERIENZE Cosa è l HTA? Marco Marchetti Unità di Valutazione delle Tecnologie Policlinico Universitario "Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore L Health

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities

R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale italiana Sheet nr.1 for the Italian tax authorities R/GB-I/3 Esemplare n.1 per l'amministrazione fiscale Sheet nr.1 for the Italian tax authorities DOMANDA DI RIMBORSO PARZIALE-APPLICATION FOR PARTIAL REFUND * applicata sui canoni pagati da residenti dell'italia

Dettagli

I diplomati ECDL nel mondo del lavoro (indagine AICA 2008 )

I diplomati ECDL nel mondo del lavoro (indagine AICA 2008 ) 1 I diplomati ECDL nel mondo del lavoro (indagine AICA 2008 ) 1. Introduzione L offerta di tecnologie innovative, e gli investimenti in nuovi servizi e prodotti digitali, possono essere in gran parte disattesi

Dettagli

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING

MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING MS OFFICE COMMUNICATIONS SERVER 2007 IMPLEMENTING AND MAINTAINING AUDIO/VISUAL CONFERENCING AND WEB CONFERENCING UN BUON MOTIVO PER [cod. E603] L obiettivo del corso è fornire le competenze e conoscenze

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti

La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Seminario Valutazione PON Roma, 29 marzo 2012 La valutazione degli effetti dei Programmi: il progetto PQM e altre indagini sui dati acquisiti Elena Meroni - Università di Padova e INVALSI Daniele Vidoni

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure.

Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. Condivisione delle risorse e Document Delivery Internazionale: Principi e linee guida per le procedure. TRADUZIONE A CURA DI ASSUNTA ARTE E ROCCO CAIVANO Prima versione dell IFLA 1954 Revisioni principali

Dettagli

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE

PANNELLO FRONTALE: QUERCIA STYLE CANNELLA PROFILO: PINO NERO PIANO DI SERVIZIO E ZOCCOLO: AGGLOMERATO MEROPE Una proposta dall estetica esclusiva, in cui tutti gli elementi compositivi sono ispirati dalla geometria più pura e dalla massima essenzialità del disegno per un progetto caratterizzato da semplicità

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual.

MANUALE CASALINI M10. A number of this manual are strongly recommends you read and download manuale casalini m10 information in this manual. MANUALE CASALINI M10 A number of this manual are strongly recommends you read and download information in this manual. Although not all products are identical, even people who come from the same brand

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3

Premessa... 2. 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3. 1.1. L esperienza vissuta... 3 Indice Premessa... 2 1. Gli italiani al volante. La distrazione alla guida tra realtà e percezione... 3 1.1. L esperienza vissuta... 3 1.2. Opinioni e percezioni dei guidatori italiani... 4 2. La guida

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la

Per i primi tempi era davvero stridente la differenza tra una grande città affollata come Milano, e la Ci sono molti ricordi che rimangono impressi nella memoria, quegli eventi che rappresentano una parte importante della propria vita e di cui non ci si dimentica mai. Tra i miei c è questo viaggio, che

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini

Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Assessorato Politiche per la Salute Gli ambulatori vaccinali: la qualità percepita dai cittadini Dicembre 2014 Servizio Sanità Pubblica Direzione Generale Sanità e Politiche sociali Agenzia Sanitaria e

Dettagli