EMILIA ROMAGNA DIGITALE BENCHMARKING DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EMILIA ROMAGNA DIGITALE BENCHMARKING DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA"

Transcript

1 5 2 EMILIA ROMAGNA DIGITALE BENCHMARKING DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA SECONDO RAPPORTO: LA DIFFUSIONE DI INTERNET FRA I CITTADINI LA DIFFUSIONE DI INTERNET NELLE SCUOLE I PUNTI DI ACCESSO PUBBLICO AD INTERNET

2 51 2 EMILIA ROMAGNA DIGITALE BENCHMARKING DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA SECONDO RAPPORTO: LA DIFFUSIONE DI INTERNET FRA I CITTADINI LA DIFFUSIONE DI INTERNET NELLE SCUOLE I PUNTI DI ACCESSO PUBBLICO AD INTERNET

3 5 2 INDICE 1. PREMESSA Duccio Campagnoli, Regione Emilia-Romagna 5 2. INTRODUZIONE 7 3. SINTESI DEL RAPPORTO 9 4. EXECUTIVE SUMMARY (English version) LA DIFFUSIONE DI INTERNET FRA I CITTADINI EMILIANO-ROMAGNOLI 53 a. Indagine locale 53 b. Comparazione europea LA DIFFUSIONE DI INTERNET NELLE SCUOLE 101 a. Indagine locale 101 b. Comparazione europea I PUNTI DI ACCESSO PUBBLICO AD INTERNET: INDAGINE LOCALE E COMPARAZIONE EUROPEA VERSO UNA LETTURA INTEGRATA DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE: DOMANDA E OFFERTA DI INFRASTRUTTURE E SERVIZI ICT ALLEGATI: I QUESTIONARI 181

4 1 PREMESSA Il secondo volume del progetto di benchmarking della società dell informazione offre una prospettiva più ampia su come effettivamente Internet stia cambiando la società. Se il primo volume si era concentrato sull infrastruttura di rete e sull azione della Pubblica Amministrazione in materia di ICT, ora gli studi presentati allargano lo sguardo al territorio ed illustrano l impatto concreto di Internet nella vita quotidiana delle famiglie. È questo per noi un contesto di riferimento importante, poiché l intervento regionale il piano telematico non è finalizzato solo a rendere più efficiente la Pubblica Amministrazione, ma a promuovere l innovazione e lo sviluppo economico sul territorio regionale: per fare ciò deve dunque utilizzare strumenti di conoscenza del territorio e della società. In particolare, sono qui raccolte le indagini sulla diffusione di Internet fra cittadini e nelle scuole della regione, ed un censimento dei punti di accesso pubblico ad Internet. Il confronto con gli altri territori europei si fa qui più puntuale rispetto al primo volume, grazie alla collaborazione con il progetto europeo BISER 1 che ha svolto indagini su un campione di cittadini di 28 regioni europee. I dati presentati sono dunque confrontabili non più solo con gli stati nazionali, ma anche e per la prima volta con un numero significativo di regioni europee. I dati comparativi qui presentati sono i migliori oggi possibili ma ancora non esaustivi. La regione Emilia-Romagna ha perciò lanciato una rete europea di collaborazione in tema di benchmarking che si propone di definire indicatori regionali comuni 1 5

5 su tutti i temi della società dell informazione, basandosi sull esperienza della Commissione Europea benchmarking eeurope. Gli studi del presente volume forniscono una base di conoscenza fondamentale per supportare la definizione e l attuazione delle politiche regionali, ed il continuo confronto con altre esperienze europee stimola il processo di innovazione attraverso il confronto con regioni e paesi più avanzati. Oggi sappiamo ad esempio che attraverso Internet possiamo raggiungere direttamente il 48% della popolazione, e quindi che i servizi pubblici on line che il piano telematico sta realizzando non si rivolgono ad una nicchia ristretta. Occorre essere più incisivi nell opera di sensibilizzazione dei cittadini all uso dei servizi pubblici on line; d altra, proprio la Pubblica Amministrazione, verso cui la popolazione regionale sembra particolarmente portata a interagire on line, può svolgere un ruolo di apripista ed accelerare la maturazione dell uso di Internet dalle attuali finalità informative verso un uso transattivo di servizi sul web, che potrà ripercuotersi positivamente su tutta l economia regionale. Altro tema importante qui affrontato è il digital divide. I dati definiscono la regione Emilia-Romagna come regione particolarmente inclusiva, in cui i gruppi deboli sono meno esclusi rispetto alla media europea. In particolare, non pare esistere più un rischio di esclusione tecnologica per le donne: il 47% accede ad Internet contro il 49% degli uomini. Anche gli anziani e le persone con basso livello di scolarizzazione sono meno esclusi che nel resto d Europa. Come già nel primo rapporto, si evidenzia anche e soprattutto un significativo rischio di divisione territoriale fra aree forti e aree deboli: le prime hanno un grado di sviluppo telematico maggiore delle seconde, e senza interventi pubblici l innovazione tecnologica rischia di accentuare il divario invece di favorire la coesione territoriale. Nel complesso dunque emerge una regione avanzata, con molti punti di forza che testimoniano della maturità digitale di alcune parti della società emiliano-romagnola, ma con punti di debolezza che se non affrontati organicamente rischiano di non far cogliere per tempo al territorio regionale tutte le opportunità che le nuove tecnologie offrono. L aver rilevato queste criticità costituisce il primo importante risultato di aver fatto benchmarking. Solo da questa continua interazione fra territori europei e la realtà locale, che caratterizza pienamente l iniziativa di benchmarking, può svilupparsi il processo innovativo necessario al pieno sviluppo della società dell informazione regionale. Duccio Campagnoli Assessore alle attività produttive, sviluppo economico e piano telematico Regione Emilia-Romagna 6

6 2 INTRODUZIONE Il presente volume contiene il secondo rapporto sul benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna e riguarda tre specifici temi: Diffusione di Internet nelle famiglie Numero e localizzazione PIAP Connessione ad Internet nelle scuole Oltre alla situazione della Regione Emilia-Romagna vengono presentati i risultati della comparazione con regioni e paesi europei. Tale rapporto segue quello già pubblicato nel novembre 2003 relativo all e-government (Servizi pubblici on line) e alla infrastruttura a larga banda. È prevista, entro Marzo 2004, la pubblicazione del terzo rapporto di benchmarking riguardante la connessione dei centri di ricerca e università, il numero di laureati in ICT, la diffusione dell e-commerce fra le imprese e la dimensione del settore ICT e produzione di contenuti locali. 7

7 3 SINTESI DEL RAPPORTO Il rapporto raccoglie tre studi svolti nel 2003 relativi alla diffusione di Internet in regione Emilia-Romagna: 1. Internet fra i cittadini 2. Internet nelle scuole 3. I punti di accesso pubblico ad Internet Si tratta del secondo rapporto di benchmarking della società dell informazione in regione. Il primo 1 aveva compreso le indagini sull e-government e sull infrastruttura a banda larga in regione Emilia-Romagna. Il terzo verrà pubblicato nel Marzo 2004 e raccoglierà le indagini sull e-commerce nelle imprese, sulle dimensioni del settore ICT, e sull offerta di laureati in materie ICT. Tali rapporti si collocano nell ambito dell iniziativa di benchmarking prevista dalla RER nel suo Piano Telematico Regionale LA DIFFUSIONE DI INTERNET FRA I CITTADINI DELL EMILIA-ROMAGNA Sono stati intervistati telefonicamente circa 1500 soggetti residenti sul territorio regionale. Il campione è stato stratificato per sesso, classe di età (meno di 25 anni, tra i 25 e i 44 anni, tra i 45 e i 64 anni, più di 64 anni) e zona di residenza (Emilia, Bologna, Romagna). Oltre il 60% degli emiliano-romagnoli dichiara di possedere uno o più computer nella propria abitazione e quasi la metà degli intervistati (48%) si auto-dichiara internauta (dato superiore alla media nazionale). Sottolineiamo che la definizione di internauta prescinde dalla frequenza e dal tipo di utilizzo della rete. 1 Benchmarking della Società dell Informazione in Emilia-Romagna. Primo rapporto: e-government e infrastruttura a banda larga in regione Emilia-Romagna pubblicato nel settembre 2003 dalla regione Emilia-Romagna, nella collana Emilia-Romagna digitale. Il volume è disponibile presso la DG Organizzazione, Sistemi Informativi e Telematica e scaricabile dal seguente URL: 9

8 Lei personalmente naviga in Internet? Sì 48% No 52% Base: 1501 IDENTIKIT DELL UTENTE INTERNET IN EMILIA ROMAGNA Il 36% degli internauti si connette a Internet ogni giorno e il 46% da 1 a 5 ore la settimana, ma è alta anche la percentuale (29%) di chi trascorre su Internet meno di 1 ora alla settimana. Emerge dunque un profilo di utente legato alla rete da un rapporto costante ma forse non molto intenso. L uso della rete è più concentrato nella fascia d età giovane (meno di 25 anni), e in quella fra i 25 e i 44 anni, e tende a decrescere all aumentare dell età degli intervistati. Si registra, come era logico immaginare, una concentrazione verso i livelli più alti di istruzione. Dall analisi emerge che, soprattutto per le classi di età intermedie, il livello di istruzione rappresenta una variabile fondamentale per valutare il grado in propensione alla rete. Gli utenti Internet non solo sono maggiormente concentrati nelle classi d età più basse, ma anche che, a parità di età, questi sono in possesso di un titolo di studio superiore rispetto ai non utenti. Anche rispetto alla professione notiamo ancora una forte presenza relativa di dirigenti, impiegati, insegnanti e in particolare studenti un dato che ovviamente concorda con la crescente presenza di giovani. Inoltre la presenza femminile tra gli internauti è incoraggiante; il 46.6% delle donne intervistate naviga, contro una media generale del 47.9%. Possiamo notare che le donne che navigano hanno un reddito superiore alla media e sono più attive sul mercato del lavoro. Lo stile di vita degli internauti è caratterizzato da un uso di mezzi di informazione decisamente superiore alla media; leggono più giornali, riviste e libri, fanno più sport, e, soprattutto, sono più propensi ad acquisti in tecnologia (PC portatile, palmare, DVD, lettore MP3), hanno, inoltre, maggiori interessi culturali (musei, teatro). Non è da sottovalutare il fattore reddito: a livelli di reddito crescente corrisponde un 10

9 maggior numero di utenti Internet. Troviamo differenze apprezzabili anche rispetto alle aree territoriali in cui è stata suddivisa la Regione: il 52% degli intervistati Bolognesi si dichiara internauta, contro un 49% degli Emiliani e un 40% dei Romagnoli. Gli internauti da noi intervistati utilizzano Internet soprattutto per gestire la posta elettronica, o per la ricerca di informazioni. Rispetto agli acquisti, rimangono predominanti viaggi e turismo, l acquisto di biglietti per eventi, libri/giornali/cd e hardware/software. Decisamente ancora molti deboli le percentuali di acquisto di prodotti come alimentari, abbigliamento, cosmetici e arredamento. I NON UTENTI Non usano Internet perché non sono interessati o non lo ritengono utile, non per questioni economiche, ma il 26% di coloro che non navigano attualmente si sta attrezzando per farlo in futuro. Sono soprattutto persone di classe di età intermedia (tra i 25 e i 45 anni), diplomati e impiegati. Le classi di età più anziane, soprattutto pensionati e casalinghe con titolo di studio basso non sembrano, viceversa, assolutamente attratte dal web. INTERNET E LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Il 36% degli utenti Internet dichiara di aver avuto qualche genere di contatto con i servizi a distanza della P.A., in generale si è trattato di reperire informazioni o scaricare moduli. Meno del 40% degli intervistati (tra coloro che attualmente navigano) ha inoltrato documenti. In tale dato si può leggere un certo timore ad avere un approccio attivo nei confronti dei servizi a distanza. Si può pensare ad una certa diffidenza verso i servizi offerti della P.A., o ad una più generale diffidenza verso Internet. Si deve comunque sottolineare che l 86% si ritiene soddisfatto del servizio ricevuto. Le è mai capitato di contattare la P.A. attraverso Internet? Sì 36% No 64% Base:

10 Chi non è soddisfatto afferma di non aver trovato ciò che serve o di aver avuto difficoltà di utilizzo. In tal senso potrebbero risultare proficue azioni volte alla semplificazione nelle procedure di utilizzo dei siti. In generale, comunque, l utilizzo dei servizi a distanza è ancora piuttosto limitato. Solo alcuni sembrano avere percentuali significative, tra questi la ricerca di lavoro, la prenotazione di libri presso le biblioteche e l iscrizione all Università. Per il 66% del campione il servizi a distanza sono utili ma prioritario risulta essere il buon funzionamento dell ufficio fisico, mentre il 16% dichiara la non utilità dei servizi a distanza. Gli intervistati hanno evidenziato, inoltre, che lo snellimento dei vincoli burocratici e l aumento di competenze del personale della P.A. potrebbero permette un migliore funzionamento dei servizi su Internet. È molto interessante anche la percentuale di chi riterrebbe opportuno che la stessa P.A. si facesse carico di insegnare l utilizzo di Internet ai cittadini. I servizi che gli intervistati hanno giudicato di maggiore utilità sono: la possibilità di trovare informazioni sulla città e sulle pratiche amministrative, e quella di svolgere pratiche amministrative. Minore interesse per gli strumenti di partecipazione attiva dei cittadini alle scelte della P.A. e strumenti per effettuare pagamenti. Tale dato sottolinea ancora una volta la scarsa fiducia nell effettuare transazioni economiche via Internet. Strategicamente, si può comunque pensare che la rete potrebbe produrre benefici notevoli nel rapporto tra cittadino e istituzioni sia nella comunicazione delle informazioni da fornire agli utenti (sfruttando la tempestività del web); sia nel dialogo tra cittadini e istituzioni (tramite , forum di discussione, sondaggi on line). Si deve però tenere in considerazione che nell immaginario collettivo, Internet è percepito come molto lontano dalle lentezze burocratiche della P.A. È viceversa vero che, proprio perché il sistema pubblico italiano si presenta tuttora macchinoso e fortemente burocratico, Internet potrebbe rappresentare una forte spinta alla modernizzazione, basti pensare all eliminazione di grossi archivi cartacei e alla maggiore facilità di ricerca e reperimento dei documenti anche quando si tratta di atti di altre amministrazioni; questo eviterebbe al cittadino le frequenti code agli sportelli di enti pubblici alle quali è oggi spesso costretto. Affinché i servizi a distanza della P.A. siano realmente efficaci, è indubbiamente necessario migliorare l efficienza interna delle amministrazioni nonché il grado di informatizzazione del personale delle stesse. È chiaro inoltre che la progettazione di siti e portali deve tenere conto di due fattori fondamentali: 1. l usabilità, ossia la facilità con cui un soggetto interessato ed abilitato a conoscere i dati riesce ad accedervi con le tecnologie disponibili (in tal senso bisognerà scegliere strategie adeguate per le diverse tipologie di fruitori), onde evitare che il cittadino 12

11 si perda tra i diversi link del sito come si perde tra i diversi sportelli degli uffici fisici. 2. la sicurezza, intesa come insieme delle misure tese ad assicurare l accesso ai soli dati conoscibili a un soggetto interessato Un obiettivo primario dell e-government deve essere poi quello di offrire ai cittadini servizi integrati e non più frammentati secondo le competenze dei singoli enti amministrativi. Per far questo è necessario che tutti i sistemi informativi di tutte le amministrazioni siano connessi tra loro. LA COMPARAZIONE CON L EUROPA Grazie alla collaborazione con il progetto europeo BISER 2, abbiamo dati comparabili fra l Emilia-Romagna e 28 altre regioni europee in cui BISER ha svolto le rilevazioni. Rispetto all accesso ad Internet, in Emilia-Romagna il 42,8 % delle persone si collega ad Internet almeno una volta al mese. Questo colloca la regione nella parte mediobassa della classifica, leggermente più in alto rispetto ad altre regioni italiane, ma più indietro delle regioni nordiche che superano il 60%. Il ritardo è più accentuato quando si guarda alla percentuale di case con accesso ad Internet: solo il 37,6% in Emilia-Romagna mentre la maggior parte delle regioni supera il 50%. Molti emiliano-romagnoli accedono quindi ad Internet fuori da casa. Se basso è l accesso da casa, alta è la qualità di quelli che hanno accesso: la diffusione della connessione DSL è decisamente superiore in Emilia-romagna rispetto alla maggioranza delle regioni europee (19,2%). Se includiamo però altre tecnologie di accesso la situazione regionale appare peggiore, poiché molte altre regioni hanno una diffusione importante dell accesso via cavo coassiale, non disponibile in Italia. Dopo aver esaminato l accesso a Internet, è importante rilevare l uso che i navigatori fanno di Internet. In Emilia-Romagna, molto alta è la percentuale di cittadini che hanno contattato la Pubblica Amministrazione attraverso Internet: 17% mentre la maggior parte delle regioni europee non supera l 11%. Rispetto ad altri usi di Internet, emerge un uso più intenso di altre regioni di servizi informativi sugli orari dei treni e sul traffico, e meno intenso per acquisti on line. Infine, l home banking in particolare sembra emergere in senso negativo come servizio poco diffuso in Emilia-Romagna rispetto alle regioni europee, anche se in linea con le altre regioni italiane

12 Percentuale di cittadini che hanno usato Internet nelle ultime 4 settimane Berkshire, Bucks and Oxfordshire Smaland and islands Fyn Friesland Braunscweig Leicestershire, Rutland and Northlands Stuttgart Damstadt Salzburg Central Finland Mecklenburg-Western Pomerania Ile-de-France Greater Manchester Magdeburg Border, Midlands and Western Liege Tees Valley and Durham 72,0 69,8 68,4 64,5 64,4 63,8 62,0 62,0 59,5 58,1 56,3 55,7 54,1 52,2 51,6 50,5 50,4 Brittany Lazio Emilia-Romagna Lisboa e Vale do Tejo Languedoc-Roussillon Lombardy Catalonia Nord/Pas-de-Calais Tuscany Sicily Castille-Leon 44,9 44,0 42,8 42,7 41,8 40,2 40,2 39,9 39,5 35,1 33,1 Central Macedonia 12,

13 % di case con banda larga su totale case connesse Liege Lisboa e Vale do Tejo Catalonia Ile-de-France Greater Manchester Central Finland Border, Midlands and Western Fyn Leicestershire, Rutland and Northlands Tees Valley and Durham Nord/Pas-de-Calais Friesland Salzburg Castille-Leon Berkshire, Bucks and Oxfordshire Stuttgart Smaland and islands Braunscweig Damstadt Emilia-Romagna Brittany Languedoc-Roussillon Magdeburg Mecklenburg-Western Pomerania Lazio Lombardy Sicily Tuscany Central Macedonia DSL cavo altro (inclusa fibra) 15

14 Percentuale di cittadini che hanno contattato la P.A. via Internet Smaland and islands Friesland 28,12 27,54 Fyn 22,28 Ile-de-France Emilia-Romagna Berkshire, Bucks and Oxfordshire Salzburg Central Finland Lisboa e Vale do Tejo Lazio Languedoc-Roussillon Nord/Pas-de-Calais Catalonia Leicestershire, Rutland and Northlands Brittany Castille-Leon Border, Midlands and Western Tuscany Lombardy Greater Manchester Liege Tees Valley and Durham Stuttgart Sicily Damstadt Braunscweig Mecklenburg-Western Pomerania Magdeburg Central Macedonia 17,44 17,06 14,21 13,03 12,94 12,62 12,31 11,92 11,47 10,94 10,94 10,53 10,27 10,06 9,94 9,93 9,60 9,59 9,50 8,64 8,01 7,97 7,09 6,91 5,52 4,

15 Percentuale di utenti Internet che hanno usato l on line banking Central Finland Fyn 57,6 55,1 Smaland and islands 22,28 Friesland Braunscweig Berkshire, Bucks and Oxfordshire 45,8 17,06 41,9 Stuttgart Ile-de-France Darmstadt Magdeburg Mecklenburg-Western Pomerania Salzburg Leicestershire, Rutland and Northlands 38,2 38,1 37,8 37,3 37,0 36,9 36,9 Tees Valley and Durham Lisboa e Vale do Tejo Nord/Pas-de-Calais 32,3 30,9 30,6 Greater Manchester Languedoc-Roussillon Brittany Catalonia Liege Border, Midlands and Western 26,8 25,8 25,5 22,7 22,2 21,1 Lombardy Emilia-Romagna Castille-Leon Lazio Tuscany 18,0 17,7 15,9 14,4 13,6 Sicily 8,7 Central Macedonia 3, Particolare attenzione richiama il tema del digital divide, ossia del divario della diffusione di Internet fra gruppi sociali forti e deboli. Comparando i dati regionali con i dati europei e statunitensi prodotti dal progetto europeo SIBIS 2, l Emilia-Romagna emerge come regione particolarmente inclusiva per l accesso ad Internet

16 In particolare, abbiamo preso in considerazione alcuni gruppi a maggior rischio di digital divide, ossia donne, anziani, disoccupati, persone con basso reddito e con bassa scolarità. Rispetto a tutti questi criteri di analisi, l Emilia-Romagna presenta livelli di digital divide minori della media europea, e simili ai livelli americani. L unica parziale eccezione è per i disoccupati, che sono digitalmente esclusi in Emilia-Romagna all incirca come in Europa e più che negli Stati Uniti. Rispetto al genere, il digital divide sembra estremamente ridotto rispetto all Unione Europea e simile a quello degli Stati Uniti, anche se in termini assoluti vi è una per- 100 Il digital divide in genere in E-R, UE, USA % utenti Internet sul totale del genere ER 2003 UE 2002 USA 2002 maschio femmina % utenti Internet sul totale della classe di età Il digital divide di età in E-R, UE, USA ER 2003 UE 2002 USA 2002 meno di 25 anni più di 50 anni 18

17 Il digital divide di educazione in E-R, UE, USA 100 % utenti Internet per livello educativo ER 2003 UE 2002 USA 2002 laurea o più licenza media o meno centuale maggiore di donne connesse ad Internet rispetto all Emilia-Romagna. Rispetto all età, il divide è in Emilia-Romagna molto più ridotto della UE e simile a quello degli Stati Uniti. In questo caso, in Emilia-Romagna vi è addirittura una maggiore percentuale di ultracinquantenni connessi ad Internet rispetto alla media UE. Infine, rispetto all educazione, il divario in Emilia-Romagna è notevolmente inferiore rispetto a Unione Europea e ancor di più agli Stati Uniti: in particolare, chi ha una licenza media o meno ha maggiore probabilità di avere accesso ad Internet in Emilia- Romagna: questo potrebbe essere indice anche di una maggiore qualità del sistema educativo di base. LA DIFFUSIONE DI INTERNET NELLE SCUOLE Il referente intervistato è stato prevalentemente il docente con delega per l informatica ed Internet, figura rilevante nelle scuole medie inferiori e nelle elementari (dove è stato intervistato in oltre il 47% dei casi) e meno presente negli istituti superiori non licei (quasi il 26%). Il responsabile tecnico informatico è invece una figura maggiormente diffusa nelle scuole superiori, costituendo il 40,0% degli intervistati nei licei e il 19?8% nelle scuole superiori non licei. Per quanto riguarda la connessione ad Internet, si rileva che quasi tutti gli Istituti (95,5%) sono collegati alla rete. Tra gli Istituti intervistati, quelli non connessi sono scuole medie inferiori e scuole elementari, mentre tutte le scuole medie superiori dispongono di un collegamento a Internet. 19

18 La modalità di connessione più diffusa è l ISDN, presente in quasi il 34% degli Istituti. Per quanto riguarda le connessioni in banda larga, si rileva che un terzo degli Istituti ha già operato questo tipo di scelta (composta quasi totalmente da connessioni con ADSL 32%, mentre Fibra Ottica e Satellite raggiungono congiuntamente solo l 1%). Il modem collegato alla Rete telefonica generale è la modalità di connessione tuttora adottata da oltre un quarto degli Istituti. Le scuole superiori si dimostrano quelle più evolute dal punto di vista del collegamento ad Internet (il 68,8% degli Istituti dispone di ADSL e il 3,9% di Fibra Ottica). Complessivamente, nelle scuole dell Emilia Romagna sono presenti oltre PC. Quasi l 80% di essi è presente nei laboratori, prevalentemente di tipo dedicato; il 12.7% nelle segreterie; il 5.7% nelle aule adibite alla didattica e infine il 2.9% nelle aule professori. L 84.8% dei PC presenti negli Istituti della Regione è utilizzato per scopi didattici, do cui quasi 3/4 è collegato ad Internet. Il restante 15.2% del totale dei PC è allocato nelle segreterie o comunque anche se presente in aule, laboratori o sale professori, non viene utilizzato per scopi didattici. L analisi condotta, ha portato a distinguere la dotazione di PC in relazione al loro utilizzo. In particolare, l indagine ha incentrato la propria attenzione sui computer utilizzati per fini didattici (vale a dire a supporto della lezione e a disposizione di insegnanti e studenti) e, tra questi, a quelli collegati a Internet. Per quanto riguarda i PC utilizzati per la didattica, emerge che presso le scuole dell Emilia Romagna sono presenti in media 7,4 PC per 100 studenti. Il valore più elevato si registra nelle scuole superiori non licei (13), mentre le scuole medie inferiori presentano un valore più elevato rispetto ai licei, rispettivamente 7.4 contro 6.2, chiudono le elementari con 4.3 PC per 100 studenti. Approfondendo l analisi sui PC on line utilizzati per finalità didattiche, si rileva che l 80.9% dei PC si trova nei laboratori dedicati, il 12.8% nei laboratori condivisi con altri Istituti, il 4.2% nelle aule adibite alla didattica e infine il 2.1% nelle aule professori. Considerando la presenza nelle scuole di PC collegati a Internet e dislocati nelle aule adibite alla didattica, risulta che il 13,1% delle scuole dell Emilia Romagna (pari a 233) si trova in questa situazione. Nei licei e nelle elementari la presenza di PC nelle aule è minima, rilevata solo nel 5% e 5.3% dei casi, mentre nelle scuole medie inferiori e negli istituti superiori non licei, il PC nelle classi è più diffuso (rispettivamente il 21.4% e il 29.6%). Ovviamente non si deve intendere tale dato come se i PC siano presenti in tutte le aule, ma che in almeno una di esse per scuola esiste un PC collegato ad Internet ed utilizzato per fini didattici. 20

19 Per macroprovincia Media totale: 5,3 Per tipo di scuola Media totale: 5,3 PR + PC 5,0 Elementari 2,1 RN + FC + RA 5,7 Medie 5,7 RE + MO 4,2 Licei 5,3 FE + BO 6,5 Superiori non Licei 10,7 PC on line utilizzati a scopo didattico (Fonte: Assinform/NetConsulting) La dotazione media di PC on line utilizzati per finalità didattiche è di 5.3 per 100 studenti. La situazione è differente per tipo di Istituto, infatti nei non licei ci sono 10.7 PC per 100 studenti (l 82% dei PC utilizzati per la didattica), nei licei 5.3 (85%), nelle medie inferiori 5.7 (77%) e nelle elementari 2.1 (49%). Analizzando, invece, la situazione nelle diverse macroprovince, il dato risulta più omogeneo alla media. In particolare le province di Ferrara e Bologna presentano una media più alta di PC on line utilizzati per finalità didattiche con 6.5 PC per 100 studenti, mentre il dato più basso, 4.2, viene rilevato nelle province di Reggio Emilia e Modena. LA COMPARAZIONE CON L EUROPA I dati comparativi sono tratti dall indagine svolta da Eurobarmeter nel 2002 per la Commissione Europea nell ambito dell iniziativa benchmarking eeurope. Grazie alla pubblicazione completa di campione, metodologia, questionari e dati di eeurope, siamo in grado di presentare dati comparativi significativi, anche se con due limiti: la differenza di un anno nella rilevazione (eeurope 2002, Emilia-Romagna 2003) probabilmente fa apparire la situazione regionale leggermente migliore della realtà. I nuovi dati di eeurope, in origine previsti per ottobre 2003, non sono invece ancora stati pubblicati al momento della presente pubblicazione. eeurope presenta dati solo a livello nazionale e non esistono altre ricerche comparative a livello regionale. Il dato relativo alla connessione di base ad Internet evidenzia come in Emilia-Romagna la quasi totalità delle scuole lo sia (95%), più o meno come la media dell Unione Europea e leggermente meglio dell Italia. Le differenze in questo caso non sono particolarmente significative e la distanza temporale della rilevazione ne ridimensiona ulteriormente la rilevanza. 21

20 La diffusione della banda larga pone l Emilia-Romagna in linea con la media europea (33% E-R, 32% UE) ed è doppia rispetto alla media italiana (15%). In Svezia, Regno Unito e Olanda oltre il 90% delle scuole aveva nel 2002 l accesso ad Internet a banda larga. Rispetto alla presenza del sito web, ancora una volta l Emilia-Romagna (59,5%) supera la media europea (51%) ed italiana (45%). In Svezia e Danimarca più dell 80% delle scuole ha il sito web. L indicatore-chiave per eeurope è comunque la disponibilità di PC on line per gli studenti. In questo caso, l Emilia-Romagna (5,3) è leggermente sotto alla media europea (5,9 PC on line per 100 studenti) ma nettamente superiore alla media italiana (2,1). Su questo indicatore, eccellente è la Danimarca con 25 PC on line per 100 studenti, mentre Finlandia, Svezia e Regno Unito hanno tutti più di 10 PC per 100 studenti. Infine, se accettabile e il numero di PC per studente, molto più carente è la diffusione di PC nelle classi. Solo il 32% delle scuole ha PC nelle aule, contro la media europea del 60% e italiana del 16%. In Svezia, Regno Unito e Olanda più del 90% delle scuole ha i PC nelle aule, mentre in Emilia-Romagna abbiamo visto che i PC sono in genere collocati nei laboratori. Dall indagine sappiamo che avere un PC in aula incide molto positivamente sulla frequenza di utilizzo del PC nella didattica, quindi su questo indicatore il ritardo della regione Emilia-Romagna è significativo rispetto all Europa e importante rispetto all utilizzo di PC nella didattica. In generale, l Emilia-Romagna si colloca su livelli vicini alla media europea, e nettamente superiori alla media italiana. Siamo comunque su livelli ben lontani dai paesi europei leader, che sono generalmente i paesi nordici (Svezia, Finlandia, Danimarca ma anche il Regno Unito). Numero medio di PC on line per 100 studenti tutte le scuole , ,0 11,0 10,6 7,1 6,4 6,3 6,1 5,9 5,4 5,3 5,1 5,0 4,6 4,1 2,9 2,5 0 DK FIN S UK L E A F EU (15) NL RER P IRL B D I EL Paesi 22

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Diffusione e modalità di utilizzo dello Sportello Unico per le Attività Produttive online (SUAP) Settembre 2015 Il presente documento è stato

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Joint staff training mobility

Joint staff training mobility Joint staff training mobility Intermediate report Alessandra Bonini, Ancona/Chiaravalle (IT) Based on https://webgate.ec.europa.eu/fpfis/mwikis/eurydice/index.php/belgium-flemish- Community:Overview and

Dettagli

sistemapiemonte.it sistemapiemonte Piemonte in focus 2006:

sistemapiemonte.it sistemapiemonte Piemonte in focus 2006: sistemapiemonte Piemonte in focus 2006: accesso e utilizzo di Internet da parte delle famiglie, delle imprese e della Pubblica Amministrazione sistemapiemonte.it OSSERVATORIO ICT DEL PIEMONTE Un focus

Dettagli

E-Business Consulting S.r.l.

E-Business Consulting S.r.l. e Rovigo S.r.l. Chi siamo Scenario Chi siamo Missione Plus Offerti Mercato Missionedi riferimento Posizionamento Metodologia Operativa Strategia Comunicazione Digitale Servizi Esempidi consulenza Clienti

Dettagli

Internet e telematica Mauro Nanni

Internet e telematica Mauro Nanni Internet e telematica Mauro Nanni Connessione ad Internet ad uso didattico A partire dalla seconda metà degli anni 90 le scuole hanno iniziato ad utilizzare strumenti telematici per le attività didattiche

Dettagli

Focus sul Rapporto di Benchmarking sulla società dell informazione in Emilia-Romagna Edizione 2015

Focus sul Rapporto di Benchmarking sulla società dell informazione in Emilia-Romagna Edizione 2015 Direzione generale centrale Organizzazione, Personale, Sistemi Informativi e Telematica Focus sul Rapporto di Benchmarking sulla società dell informazione in Emilia-Romagna Edizione 2015 Bologna, 27 agosto

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca Principali risultati della ricerca INTRODUZIONE Principali risultati della ricerca 1. Descrizione Lo scopo della ricerca è stato quello di valutare i comportamenti di consumo degli utenti internet italiani

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

La e leadership nella PA

La e leadership nella PA La e leadership nella PA Cittadinanza digitale, egovernment e open government Cultura digitale Competenze specialistiche ICT Competenze di e-leadership Competenze per la cittadinanza digitale Competenze

Dettagli

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE L OSSERVATORIO DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Federcomin/MIT Osservatorio permanente della Società dell Informazione Sintesi a cura del Centro Studi Giugno 2005 Sommario 1. Il settore ICT in Italia...

Dettagli

Direttive e Finanziamenti Europei

Direttive e Finanziamenti Europei Direttive e Finanziamenti Europei Flavia Marzano marzano@cibernet.it marzano@cibernet.it 1 Premessa Codice PA digitali SEZIONE II (Diritti dei cittadini e delle imprese) ART. 3 (Diritto all uso delle tecnologie)

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34

Scritto da DEApress Lunedì 14 Aprile 2014 12:03 - Ultimo aggiornamento Martedì 26 Maggio 2015 09:34 This week I have been walking round San Marco and surrounding areas to find things that catch my eye to take pictures of. These pictures were of various things but majority included people. The reason

Dettagli

L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA

L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA L IMPORTANZA DELLA EDUCAZIONE FINANZIARIA La Sicurezza Economica nell Età Anziana: Strumenti, Attori, Rischi e Possibili Garanzie. Courmayeur, 20 settembre 2008 Annamaria Lusardi Dartmouth College, NBER,

Dettagli

Cenni sulla presenza delle tecnologie nelle scuole Maria Teresa Bertani

Cenni sulla presenza delle tecnologie nelle scuole Maria Teresa Bertani Cenni sulla presenza delle tecnologie nelle scuole Maria Teresa Bertani Progetti nazionali e regionali Nel questionario erano anche presenti domande rivolte alle scuole che hanno partecipato a progetti

Dettagli

Roberto Fanfani PROFESSORE ORDINARIO DI POLITICA ECONUMICA ED ECONOMIA AGRARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

Roberto Fanfani PROFESSORE ORDINARIO DI POLITICA ECONUMICA ED ECONOMIA AGRARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Il Divulgatore N.1-2/ 2003 Il censimento dell'agricoltura Dati e tendenze della realtà bolognese Ristrutturazioni in corso A livello regionale Bologna vanta un primato in termini di superficie destinata

Dettagli

È la nuova arma dell UE per combattere il digital divide.

È la nuova arma dell UE per combattere il digital divide. È la nuova arma dell UE per combattere il digital divide. ma quanti sono, ancora oggi, i cittadini italiani che non hanno accesso alla banda larga? Nella Granda? Tra un report e l altro l Agenda Digitale

Dettagli

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives

Dr Mila Milani. Comparatives and Superlatives Dr Mila Milani Comparatives and Superlatives Comparatives are particular forms of some adjectives and adverbs, used when making a comparison between two elements: Learning Spanish is easier than learning

Dettagli

sviluppo dell umbria

sviluppo dell umbria L internet economy e il suo contributo allo sviluppo dell umbria Mauro Casavecchia l internet economy crea valore e occupazione Contributo diretto di Internet al PIL 2009 Contributo di Internet alla crescita

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Lepida@Unife: Rete e Servizi

Lepida@Unife: Rete e Servizi Direzione Generale Centrale Organizzazione, Personale,Sistemi Informativi e Telematica Lepida@Unife: Rete e Servizi Polo Scientifico e Tecnologico, Università di Ferrara 22 gennaio 2007 Regione Emilia-Romagna/

Dettagli

Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014

Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014 Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014 Mobilità in Erasmus+ - Sostegno Linguistico Online: Dimostrazione

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE

NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE NUOVE TECNOLOGIE SCHEDA DI VALUTAZIONE SULL AVANZAMENTO DELLE AZIONI PREVISTE DAL PIANO DI AZIONE REGIONALE DIREZIONE ORGANIZZAZIONE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA Premessa Le azioni intraprese dalla

Dettagli

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi

Comunicato stampa. L identikit e le scelte dei diplomati calabresi Comunicato stampa L identikit e le scelte dei diplomati calabresi I diplomati calabresi si raccontano prima e dopo il diploma. Quest anno la Regione Calabria ha esteso il progetto AlmaDiploma - l associazione

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

Sacca di Goro case study

Sacca di Goro case study Sacca di Goro case study Risposte alle domande presentate all incontro di Parigi (almeno è un tentativo ) Meeting Locale, Goro 15-16/10/2010, In English? 1.What is the origin of the algae bloom? Would

Dettagli

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI

5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5. IL PC E INTERNET NELLE DIVERSE TIPOLOGIE FAMILIARI 5.1 Considerazioni generali Il livello di informatizzazione delle famiglie toscane è stato esaminato, oltre che sulla base del territorio, anche tenendo

Dettagli

L ITALIA DELLA E-FAMILY

L ITALIA DELLA E-FAMILY L ITALIA DELLA E-FAMILY 27 Gennaio 3 CASA E TECNOLOGIA : LA RICERCA SULLA E-FAMILY! RICERCA INIZIATA NEL 1995, EFFETTUATA IN DUE EDIZIONI ANNUALI! CAMPIONE DI 5. FAMIGLIE E DI 14.4 INDIVIDUI! LA FAMIGLIA

Dettagli

IP/10/1602. Bruxelles, 25 novembre 2010

IP/10/1602. Bruxelles, 25 novembre 2010 IP/10/1602 Bruxelles, 25 novembre 2010 Nel luglio 2010 circa un terzo delle linee europee a banda larga viaggiava a velocità superiori a 10 Mbps (15% nel luglio 2009). Velocità maggiori di trasmissione

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

7.2 Indagine di Customer Satisfaction

7.2 Indagine di Customer Satisfaction 7.2 Indagine di Customer Satisfaction Il campione L indagine è stata condotta su un campione a più stadi di 795 clienti TIEMME SpA (errore di campionamento +/ 2%) rappresentativo della popolazione obiettivo,

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO CON ESEMPI BASATI SULLA TRADUZIONE DELLA BIBBIA (ITALIAN EDITION) BY BRUNO OSIMO

I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO CON ESEMPI BASATI SULLA TRADUZIONE DELLA BIBBIA (ITALIAN EDITION) BY BRUNO OSIMO I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO CON ESEMPI BASATI SULLA TRADUZIONE DELLA BIBBIA (ITALIAN EDITION) BY BRUNO OSIMO READ ONLINE AND DOWNLOAD EBOOK : I CAMBIAMENTI PROTOTESTO-METATESTO, UN MODELLO

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1 Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana Valeria Severini, Freedata S.r.l. Milano, 20 Marzo 2007 1 La Ricerca Obiettivo definire le caratteristiche del divario digitale in Italia nelle

Dettagli

Solutions in motion.

Solutions in motion. Solutions in motion. Solutions in motion. SIPRO SIPRO presente sul mercato da quasi trent anni si colloca quale leader italiano nella progettazione e produzione di soluzioni per il motion control. Porsi

Dettagli

Relazione comune Pro-Dsa

Relazione comune Pro-Dsa Relazione comune Pro-Dsa In data 5 maggio 2015 presso la Badia di Torre Chiara (Felino PC) si è tenuto l incontro conclusivo di verifica del Progetto ProDSA dei referenti dei CTS della regione Emilia-

Dettagli

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI

Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI Settore Istruzione RILEVAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEGLI UTENTI DEL SERVIZIO MENSA SCOLASTICA NELLE SCUOLE DELL INFANZIA SINTESI DEI RISULTATI M o d e n a, n o v e m b re 2 0 1 4 1 INDICE Pagina INFORMAZIONI

Dettagli

4 6 7 7 8 8 9 10 11 14 15 17 21 25 Riassunto Realizzazione di un Sistema Informativo Territoriale per la sorveglianza sanitaria della fauna nel Parco Nazionale della Majella tramite software Open Source

Dettagli

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma

SCUOLA DIGITALE. Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma SCUOLA DIGITALE Giuseppe Marucci Ispettore Tecnico MIUR- Roma Smart communities Alfabetizzazione informatica E-commerce Agenda digitale italiana E-government, Investimenti Sicurezza Infrastrutture Ricerca

Dettagli

Piano Nazionale Banda Ultralarga. Trento Marzo 2015

Piano Nazionale Banda Ultralarga. Trento Marzo 2015 Piano Nazionale Banda Ultralarga Trento Marzo 2015 Chi siamo Infratel Italia S.p.A. (Infrastrutture e Telecomunicazioni per l Italia) è stata costituita su iniziativa del Dipartimento Comunicazioni del

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

LE ICT NELLA SCUOLA ITALIANA Sintesi dei dati e quadro comparativo (EU)

LE ICT NELLA SCUOLA ITALIANA Sintesi dei dati e quadro comparativo (EU) LE ICT NELLA SCUOLA ITALIANA Sintesi dei dati e quadro comparativo (EU) 16 Novembre 2013 Firenze Giuliano Vivanet Università di Cagliari giuliano.vivanet@unica.it Argomenti Indagine OECD: Review of the

Dettagli

Progetto Scuole. Sicurezza Digitale. Enrica Salbaroli. Modena, 21 ottobre 2011

Progetto Scuole. Sicurezza Digitale. Enrica Salbaroli. Modena, 21 ottobre 2011 Progetto Scuole Modena, 21 ottobre 2011 Sicurezza Digitale Enrica Salbaroli Outline Contesto Progetto Scuole Analisi connettività Modello Sicurezza Sperimentazioni - 2 - Contesto Scuole luoghi complessi:

Dettagli

EURAXESS Researchers in Motion

EURAXESS Researchers in Motion EURAXESS Researchers in Motion Natalia Paganelli, Fondazione CRUI per le Università Italiane EURAXESS Road Show Università degli Studi di Milano 8 Aprile 2014 Cos è EURAXESS? EURAXESS è un iniziativa lanciata

Dettagli

3. LE FAMIGLIE TOSCANE E INTERNET

3. LE FAMIGLIE TOSCANE E INTERNET 3. LE FAMIGLIE TOSCANE E INTERNET 3.1 Le famiglie collegate ad Internet Considerazioni generali: Sono circa 519.800 le famiglie toscane che dispongono del collegamento ad Internet (Figura 7). Rappresentano

Dettagli

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A.

Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Amministrazione Digitale La rete nazionale dei pagamenti elettronici come opportunità di cambiamento per le P.A. Salerno, 18 giugno 2014 Palazzo di Città, Salone dei Marmi Domenico Gammaldi Banca d Italia

Dettagli

Roma 10 maggio 2004. Digital divide. Una questione di competenze, costi o fiducia? Gianni Dominici. Gianni Dominici. Gianni Dominici.

Roma 10 maggio 2004. Digital divide. Una questione di competenze, costi o fiducia? Gianni Dominici. Gianni Dominici. Gianni Dominici. Digital divide Una questione di competenze, costi o fiducia? Roma 10 maggio 2004 La PA on line 100 90 80 Roma 10 maggio 2004 La diffusione quantitativa dei siti dal 1996 ad oggi 95 L anno del raddoppio

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Progetto della Organizzato da Indagine realizzata da Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Milano, 22 gennaio 2008 1 La Ricerca >> Obiettivo: definire le caratteristiche del divario

Dettagli

Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli

Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli Donne in età adulta e mondo del lavoro: recuperare il gap tecnologico Giuliana Cacciapuoti consulente esperta inserimento e reinserimento lavorativo fasce deboli 1.Uno sguardo alla condizione svantaggiata

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio

Banda larga. Asset strategico per la competitività del territorio Banda larga Asset strategico per la competitività del territorio La strategia digitale di Confindustria Verona Iniziative volte a promuovere la riduzione del digital divide culturale e infrastrutturale:

Dettagli

CONVEGNO SCUOLA DIGITALE: AMBIENTI E STRUMENTI PER LA DIDATTICA VERSO EUROPA 2020

CONVEGNO SCUOLA DIGITALE: AMBIENTI E STRUMENTI PER LA DIDATTICA VERSO EUROPA 2020 Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia Direzione Generale UFFICIO III - Politiche formative e rete scolastica U.O. 2: Fondi Strutturali dell

Dettagli

Informazioni Statistiche

Informazioni Statistiche Informazioni Statistiche Settore Sistema Informativo di supporto alle decisioni. Ufficio Regionale di Statistica Aprile 2015 I CITTADINI TOSCANI E LE NUOVE TECNOLOGIE- ANNO 2014 In sintesi: Il 67% delle

Dettagli

Le dotazioni. informatiche delle Pubbliche Amministrazioni. emiliano-romagnole

Le dotazioni. informatiche delle Pubbliche Amministrazioni. emiliano-romagnole Le dotazioni informatiche delle Pubbliche Amministrazioni emiliano-romagnole Le dotazioni informatiche delle Pubbliche Amministrazioni emiliano-romagnole 3 Sommario Descrizione della rilevazione e del

Dettagli

AVERE 30 ANNI E VIVERE CON LA MAMMA BIBLIOTECA BIETTI ITALIAN EDITION

AVERE 30 ANNI E VIVERE CON LA MAMMA BIBLIOTECA BIETTI ITALIAN EDITION AVERE 30 ANNI E VIVERE CON LA MAMMA BIBLIOTECA BIETTI ITALIAN EDITION READ ONLINE AND DOWNLOAD EBOOK : AVERE 30 ANNI E VIVERE CON LA MAMMA BIBLIOTECA BIETTI ITALIAN EDITION PDF Click button to download

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita 1 Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita L Osservatorio semestrale della Società dell Informazione, realizzato da Federcomin, analizza semestralmente lo stato e le dinamiche

Dettagli

Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate

Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate Le migrazioni internazionali delle professioni altamente qualificate Antonietta Pagano Roma 23 novembre 2010 Percorso delle lezioni Introduzione al fenomeno delle migrazioni qualificate Definizione di

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese.

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. 11 SETTEMBRE 2006 Copyright SDA Bocconi 2006 La Credibilità della Visione

Dettagli

www.statigeneralidelleditoria.it

www.statigeneralidelleditoria.it www.statigeneralidelleditoria.it Stati generali dell editoria 2008 Più cultura, più lettura, più Paese: scommettere sui giovani Scommettere sui giovani La sintesi della ricerca Iard La lettura dei libri

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO STEP BY STEP INSTRUCTIONS FOR COMPLETING THE ONLINE APPLICATION FORM Enter the Unito homepage www.unito.it and click on Login on the right side of the page. - Tel. +39 011 6704425 - e-mail internationalexchange@unito.it

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE L'obiettivo di questa ricerca speciale sugli atteggiamenti degli europei nei confronti della donazione e della trasfusione di sangue

Dettagli

Customer Satisfaction SISSA 2012

Customer Satisfaction SISSA 2012 Customer Satisfaction SISSA 2012 1 - PERIODO DI SVOLGIMENTO DELL INDAGINE 31 luglio 2012-15 settembre 2012 2 - OBIETTIVI GENERALI L obiettivo principale è stato quello di effettuare una prima indagine

Dettagli

Indagine sul Commercio Elettronico

Indagine sul Commercio Elettronico Definizione dei target e delle abitudini di acquisto degli individui acquirenti http://research.onetone.it/ FEBBRAIO 2003 OBIETTIVI DEL LAVORO L obiettivo della seguente indagine è stato di delineare le

Dettagli

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE 7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE Lo studio ISFOL Politecnico di Torino sulla formazione nella grandi imprese italiane si è servito di un questionario per la rilevazione

Dettagli

ABITUDINI ALIMENTARI E STILI DI VITA DEGLI ITALIANI

ABITUDINI ALIMENTARI E STILI DI VITA DEGLI ITALIANI Pag. 10S-11S Atlante 01 OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO CARDIOVASCOLARE ITALIANO INDAGINE 008-01 ABITUDINI ALIMENTARI E STILI DI VITA DEGLI ITALIANI Le abitudini alimentari sono disponibili solo per l indagine

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE "BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI"

REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA LEGISLATIVA OGGETTO: 2949 I COMMISSIONE PERMANENTE BILANCIO AFFARI GENERALI ED ISTITUZIONALI Atti assembleari IX LEGISLATURA Commissioni DOCUMENTI - PROGETTI DI LEGGE E DI REGOLAMENTO PROVVEDIMENTI E RELAZIONI DI COMPETENZA DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONE EMILIA-ROMAGNA IX LEGISLATURA ASSEMBLEA

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI

LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI Read Online and Download Ebook LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO TESTAMENTO VERSIONE RIVEDUTA BY GIOVANNI LUZZI DOWNLOAD EBOOK : LA SACRA BIBBIA: OSSIA L'ANTICO E IL NUOVO Click link bellow and

Dettagli

U Corso di italiano, Lezione Quindici

U Corso di italiano, Lezione Quindici 1 U Corso di italiano, Lezione Quindici U Buongiorno, anche in questa lezione iniziamo con qualche dialogo formale M Good morning, in this lesson as well, let s start with some formal dialogues U Buongiorno,

Dettagli

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019

INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA CULTURA 2019 COMUNE DI RAVENNA SERVIZIO RISORSE UMANE E QUALITA U.O. ORGANIZZAZIONE, QUALITA E FORMAZIONE INDAGINE SULLA CONOSCENZA E SODDISFAZIONE DEI CITTADINI IN MERITO AL PERCORSO DI RAVENNA CAPITALE EUROPEA DELLA

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Laboratorio Ancitel S.p.A. dall identificazione in rete al coinvolgimento dei cittadini Roma,3 febbraio 2010

Laboratorio Ancitel S.p.A. dall identificazione in rete al coinvolgimento dei cittadini Roma,3 febbraio 2010 Laboratorio Ancitel S.p.A. dall identificazione in rete al coinvolgimento dei cittadini Roma,3 febbraio 2010 Le ICT nei Comuni: il Rapporto Ancitel 2009 Paolo Teti, Ancitel Spa Roma, 3 Febbraio 2010 Ancitel

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010

Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 Viaggio di classe I risultati dell Osservatorio sul Turismo Scolastico del Centro Studi TCI A.S. 2009/2010 L Osservatorio TCI sul Turismo Scolastico Perché? L idea di costituire un Osservatorio sul Turismo

Dettagli

http://www-5.unipv.it/eduroam/

http://www-5.unipv.it/eduroam/ EduRoam - UniPv http://www-5.unipv.it/eduroam/ Page 1 of 1 30/01/2014 EduRoam è un servizio internazionale che permette l'accesso alla rete wireless agli utenti mobili (roaming users) in tutte le organizzazioni

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Infratel Italia. Broadband and UltraBroadband Plan. Settembre 2014

Infratel Italia. Broadband and UltraBroadband Plan. Settembre 2014 Infratel Italia Broadband and UltraBroadband Plan Settembre 2014 Agenda Digitale Europea Piano Banda Larga Aiuti di Stato SA 33807/2011 e n 646/2009 Piano Banda Ultra-Larga (Next Generation Access Network)

Dettagli

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti

Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti Dimensione 4: Rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti L Università Unitelma Sapienza nel corso dell a.a. 2013/2014 ha attivato i 2 questionari previsti dall ANVUR relativi alla valutazione

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

L utilizzo dell E-commerce in Europa e i ritardi dell Italia

L utilizzo dell E-commerce in Europa e i ritardi dell Italia L utilizzo dell E-commerce in Europa e i ritardi dell Introduzione p. 2 Obiettivo e variabili utilizzate p. 3 La classifica p. 4 Analisi dei dati e considerazioni p. 6 Metodologia p. 14 1 L utilizzo dell

Dettagli

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE

SOMMARIO. TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE SOMMARIO TITOLO TESI: e- GOVERNMENT E SOCIETA DELL INFORMAZIONE CAPITOLO PRIMO LE ORIGINI DELLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE 1. Introduzione 1.1 La definizione di società dell informazione 1.2 La Società

Dettagli

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi

E-learning. Vantaggi e svantaggi. DOL79 Laura Antichi E-learning Vantaggi e svantaggi vantaggi Abbattimento delle barriere spazio-temporali Formazione disponibile sempre (posso connettermi quando voglio e tutte le volte che voglio) e a bassi costi di accesso

Dettagli

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE

5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5DOPO IL DIPLOMA DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ I DIPLOMATI E IL LAVORO LA FAMIGLIA DI ORIGINE 5.1 DALLA SCUOLA ALL UNIVERSITÀ 82 Sono più spesso le donne ad intraprendere gli studi universitari A partire

Dettagli

INFRATEL ITALIA Piano Nazionale Banda Larga Piano Nazionale Banda Ultralarga

INFRATEL ITALIA Piano Nazionale Banda Larga Piano Nazionale Banda Ultralarga INFRATEL ITALIA Piano Nazionale Banda Larga Piano Nazionale Banda Ultralarga Guido Citerni di Siena INFRATEL ITALIA 1 I modelli di intervento Piano Banda Larga Piano Banda Ultra-Larga A) Modalità diretta

Dettagli

Le nostre strategie. Patrizio Bianchi. Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012

Le nostre strategie. Patrizio Bianchi. Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012 Le nostre strategie Patrizio Bianchi Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012 Il cambiamento recenti approcci di politica industriale Due esempi, uno voluto ed uno non voluto

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Nuove frontiere della scuola digitale Alcune esperienze in Trentino PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

Nuove frontiere della scuola digitale Alcune esperienze in Trentino PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Nuove frontiere della scuola digitale Alcune esperienze in Trentino PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Il sistema Trentino La situazione del sistema educativo nella provincia di Trento evidenzia una serie di

Dettagli

Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale

Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale Presentazione del II Rapporto RIIR. Progetti, Iniziative e Investimenti delle Regioni Italiane per l Innovazione Digitale Enrico Giovannini Presidente dell Istituto nazionale di statistica Milano, 21 gennaio

Dettagli

Nuovi media, apprendimento e qualità della vita. Marco Gui - Università di Milano-Bicocca

Nuovi media, apprendimento e qualità della vita. Marco Gui - Università di Milano-Bicocca Nuovi media, apprendimento e qualità della vita Marco Gui - Università di Milano-Bicocca Seminario Liceo Galilei, Ancona 16 gennaio 2014 Sommario L uso dei media tra gli studenti delle superiori I dati

Dettagli

La percezione del metano nei trasporti

La percezione del metano nei trasporti La percezione del metano nei trasporti Awareness e opinioni degli automobilisti italiani RISULTATI DELL INDAGINE DEMOSCOPICA In collaborazione con Verona, 28 maggio 2014 Premesse In linea con i trend su

Dettagli

REPORT SCUOLE ITALIANO

REPORT SCUOLE ITALIANO REPORT SCUOLE ITALIANO Riuscire a fare una ricapitolazione di quanto emerso dai questionari effettuati non è stato facile, per via del fatto che le realtà prese in considerazione risultano essere abbastanza

Dettagli