L impatto sul mercato del lavoro della riorganizzazione produttiva

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L impatto sul mercato del lavoro della riorganizzazione produttiva"

Transcript

1 L impatto sul mercato del lavoro della riorganizzazione produttiva La flessibilità produttiva connessa alla produzione snella ha comportato anche una riorganizzazione strutturale della forza lavoro e un cambiamento significativo nelle caratteristiche della domanda di lavoro, ovvero dell insieme delle competenze richieste dalle aziende ai lavoratori Se nell epoca d oro del capitalismo occidentale la produzione in serie e la catena di montaggio erano riusciti ad assorbire larghe masse di lavoratori non specializzati oggi è proprio questo tipo di lavoro che sta scomparendo nelle economie avanzate Questa ristrutturazione produttiva minaccia, dunque, i lavoratori a bassa qualificazione e tutti coloro, in prevalenza giovani e donne, che non hanno acquisito le competenze pratiche necessarie in un contesto produttivo tecnologicamente avanzato A differenza del passato gli individui che si trovano in una condizione di marginalità nel mercato del lavoro, sia per le scarse competenze tecniche sia per la scarsa esperienza professionale, non rischiano soltanto di essere impiegati in lavori a basso profilo sociale e retributivo, ma di essere completamente esclusi dal mercato del lavoro

2 Le caratteristiche della nuova offerta di lavoro I problemi occupazionali contemporanei vanno considerati, però, anche in riferimento a cambiamenti che hanno riguardato l offerta di lavoro, vale a dire le caratteristiche, le competenze e le aspettative degli individui che vendono la propria forza lavoro sul mercato Mentre nella fase storica coincidente con i processi di consolidamento dell industrializzazione, dopo la seconda guerra mondiale, il settore industriale ha assorbito generazioni poco numerose (quelle nate intorno agli anni trenta) dalla fine degli anni settanta il mercato del lavoro si è trovato a dover occupare le coorti del baby-boom dei primi anni sessanta A questa crescita della popolazione attiva va aggiunta, inoltre, una crescita costante dell offerta di lavoro femminile. Alla base di questo dato riscontriamo un processo molto complesso caratterizzato da molti fattori. L aumento dei livelli di scolarizzazione femminili, la crisi della cultura della maschilità come risultato evidente dei movimenti sociali femministi, la diffusione dei servizi pubblici per l infanzia, le possibilità occupazionali offerti nella pubblica amministrazione, la professionalizzazione di molte attività tradizionalmente svolte dalle donne In tutti i paesi occidentali il mercato del lavoro contemporaneo deve, quindi, confrontarsi con un offerta di lavoro maggiore rispetto a quella della fase di industrializzazione e, soprattutto, con un offerta di lavoro sempre più diversificata sia in termini di composizione sia in termini di aspettative.

3 Le destrutturazione delle biografie lavorative La diffusione di opportunità occupazionali nel settore dei servizi e la riorganizzazione produttiva in ambito industriale hanno contribuito ad una destrutturazione delle biografie lavorative. La flessibilità occupazionale in questi settori ha contribuito alla progressiva perdita di rilevanza dell occupazione stabile all interno della stessa azienda e all affermazione di una carriera lavorativa frammentata contraddistinta da un complesso intreccio tra momenti di formazione, occupazione e disoccupazione In tutti i paesi occidentali la situazione del mercato del lavoro è andata caratterizzandosi, nell ultimo ventennio, quindi, da un acutizzarsi della segmentazione del mercato del lavoro: la fascia protetta di lavoratori con una occupazione stabile e protetta sindacalmente si è ridotta in maniera significativa, mentre il segmento di lavoratori saltuari e precari senza protezione sindacale è cresciuto considerevolmente Quando parliamo di problemi occupazionali nella società contemporanea ci riferiamo, dunque, prevalentemente a quelle situazioni di precarietà in assenza di una prospettiva di lavoro stabile. La perdita o mancanza di lavoro, oggi, non è più un evento eccezionale e raro all interno di una biografia lavorativa, ma diventa una condizione strutturale del mercato del lavoro.

4 I nuovi rischi sociali nel mercato del lavoro L affermazione di uno scenario lavorativo come quello descritto, determina l emergere di specifici rischi sociali diversi dal passato. C è in primo luogo un rischio di carattere individuale, che fa riferimento alla difficoltà del singolo di far fronte all incertezza della propria posizione lavorativa. In situazioni di benessere diffuso l incertezza occupazionale può dare luogo, come avviene spesso ad esempio in Italia, al prolungamento della permanenza dei giovani nella famiglia d origine In altri casi, invece, l instabilità occupazionale può condurre a forme croniche di deprivazione socioeconomica contraddistinte dall impossibilità di re-inserimento lavorativo con il conseguente rischio di creare delle vere e proprie trappole di povertà. Il mutato scenario occupazionale crea problemi, anche al funzionamento del welfare state. Molti dei programmi di protezione sociale si basano sui meccanismi previdenziali che sono stati costruiti e si sono consolidati in riferimento a carriere lavorative stabili e senza interruzioni. Il venir meno di tali requisiti rende necessario, quindi, ri-disegnare l intero assetto dei programmi di previdenza sociale e il sistema di protezione basato sulle assicurazioni per i lavoratori e le lavoratrici

5 L impatto della Globalizzazione Un altro elemento che incide sul funzionamento e sulla sostenibilità istituzionale del welfare state deriva dai processi di globalizzazione dell economia Tra i tanti effetti prodotti dalla globalizzazione c è, infatti, anche quello di spostamento del lavoro e del capitale dal luogo di origine dell impresa ad un nuovo territorio in cui produrre o da cui acquisire forniture Nelle attuali condizioni del mercato globale le imprese, cioè, possono produrre in un paese, pagare le tasse in un altro e richiedere contributi statali in forma di interventi infrastrutturali in un terzo Tali mutamenti influiscono negativamente sui sistemi di protezione sociale. In molti casi, infatti, l ammontare delle risorse derivanti dal mercato del lavoro e dai profitti delle imprese, che lo Stato nazionale potrebbe introiettare tramite il sistema fiscale, rischia di sfuggire alla fiscalità pubblica a causa della frammentazione dei processi produttivi.

6 I cambiamenti demografici I cambiamenti demografici rappresentano un altra grande sfida allo stato sociale. Nei paesi ad economia di mercato, e nell Europa occidentale in particolare, i principali fenomeni che contraddistinguono questi cambiamenti sono a) l invecchiamento della popolazione b) il basso livello di natalità c) l affermazione di nuovi modelli di convivenza d) i flussi migratori Le cause come le conseguenze cui danno luogo sono di varia natura. In primo luogo, si tratta di dinamiche culturali legate al diverso ruolo acquisito dalla donna nella società occidentale nel corso del XX secolo. In secondo luogo si tratta anche di dinamiche socio-economiche che hanno avuto un impatto significativo sull organizzazione della vita quotidiana.

7 La popolazione anziana (1) Quando si parla di invecchiamento della popolazione si fa riferimento ad un fenomeno demografico che è direttamente collegato all aumento del benessere nelle società ad economia di mercato. Il fenomeno è l esito sia dell allungamento della speranza di vita, sia della riduzione del tasso di fertilità al di sotto del cosiddetto tasso di sostituzione, che è il livello di riproduzione che consente ai nuovi nati di assicurare il ricambio generazionale L insieme di queste due tendenze ha determinato un aumento costante dell indice di dipendenza della popolazione anziana, vale a dire del rapporto tra popolazione con un età superiore a 65 anni e la popolazione in età lavorativa compresa tra 15 e 64 anni. Esso è, dunque, un indicatore sociale del disequilibrio generazionale tra la popolazione attiva nel mercato del lavoro e coloro che, invece, hanno accesso ad un reddito quasi esclusivamente attraverso i meccanismi redistributivi dei sistemi pensionistici. Nel corso degli anni novanta tale indice è aumentato di quasi il 3% in Europa, passando dal 21,6% del 1990 al 24,3% del 2000 (in Italia negli stessi anni l indice di dipendenza della popolazione anziana è passato dal 21,5% al 26,6%, in Germania dal 21,6% al 23,9%)

8 La popolazione anziana (2) Secondo gli attuali tassi di invecchiamento della popolazione è stato calcolato che entro il 2020 l indice di dipendenza delle persone anziane in Europa aumenterà del 50% a cui corrisponderà un aumento della spesa sociale compresa tra il 5% ed 7% del PIL in ciascun paese Tendenze demografiche di questo tipo impongono una riflessione sulle conseguenze, e sui diversi (dis-)equilibri, che si creano nel rapporto tra peso numerico delle generazioni e sostenibilità del welfare state secondo il modello redistributivo che si è consolidato nella seconda metà del secolo scorso L aumento degli ultrasessantenni ha un impatto significativo, in primo luogo, sui servizi sanitari che sono chiamati a far fronte alle esigenze di una popolazione che è più esposta alle malattie e ai rischi di non autosufficienza L ambito più problematico derivante dal processo di invecchiamento della popolazione riguarda, però, il funzionamento dei meccanismi di previdenza sociale e, in primo luogo, dei sistemi pensionistici. Nei paesi europei oggi si registra un rapporto di circa 30 pensionati ogni 100 persone in età lavorativa, ma con gli attuali parametri demografici questo rapporto sarà di 70 a 100 nel 2040 e raggiungerà nello stesso anno un rapporto di 100 a 100 in paesi come l Italia e la Spagna nei quali il processo di invecchiamento della popolazione è maggiormente accentuato

9 L impatto dell invecchiamento della popolazione sul welfare state In una società futura, caratterizzata da una piramide rovesciata della popolazione in cui una piccola base la popolazione attiva nel mercato del lavoro è chiamata a reggere il peso di una fascia di popolazione molto più estesa la popolazione inattiva formata prevalentemente da anziani i meccanismi di finanziamento della spesa pensionistica dovranno essere necessariamente ripensati Di certo non sarà più sostenibile a lungo il sistema a ripartizione in cui, cioè, i contributi versati dai lavoratori vengono immediatamente utilizzati per finanziare le prestazioni previdenziali. Progressivamente, quindi, tutti i paesi saranno chiamati ad adottare un sistema a capitalizzazione della spesa pensionistica, in cui i contributi del singolo lavoratore dovranno essere capitalizzati in un fondo personale in grado di garantirgli un reddito adeguato dopo il ritiro dal mercato del lavoro Un altro aspetto centrale del problema, su cui sono chiamati ad intervenire tutti i piani di riforma dei sistemi pensionistici, riguarda l età minima per il pensionamento. L aumento delle aspettative di vita e l ingresso ritardato, rispetto al passato, nel mercato del lavoro impongono, infatti, di posticipare l età del pensionamento per riequilibrare un sistema che altrimenti rischia di dovere redistribuire ai pensionati molto più di quanto hanno effettivamente versato in contributi previdenziali

10 Nuovi modelli familiari Le trasformazioni al femminile nel mercato del lavoro avvenute a partire dagli anni 60 in un clima culturale che ha visto, per la prima volta, le donne divenire un soggetto autonomo portatore di specifici esigenze, diritti e libertà, hanno contribuito a mettere in crisi il modello tradizionale di famiglia basata sul capofamiglia maschio e l assetto di welfare che su di esso si basava Questi cambiamenti culturali sono stati accompagnati, infatti, da una serie di trasformazioni nei modelli di convivenza che vanno dall aumento dell instabilità coniugale alla diffusione delle convivenze more uxorio, dall aumento delle nascite fuori del matrimonio fino all emergere di quelle che vengono definite le nuove famiglie Monogenitoriali: composte da un solo genitore e da uno o più figli Unipersonali: composte da un solo individuo in seguito al divorzio o alla vedovanza Single: composte da un solo individuo mai sposato, Ricostruite: composte da una nuova coppia in cui almeno uno dei partner ha una precedente esperienza coniugale conclusa con il divorzio o con la vedovanza Di fatto : composte da coppie conviventi in assenza di un atto amministrativo formale.

11 Nuovi modelli familiari ed esigenze di conciliazione Al pari delle carriere lavorative, anche le storie familiari negli ultimi anni sono divenute, quindi, meno durature e sempre più instabili. Nel 2005 nei paesi europei un figlio su quattro (25,9%) nasce al di fuori del matrimonio (il 45% in Danimarca, il 28% in Germania, il 14,5% in Italia ed il 42% nel Regno Unito) e circa quattro matrimoni su 10 (41,7%) si concludono con il divorzio (il 38% in Danimarca, il 44% in Germania, il 13% in Italia ed il 53% nel Regno Unito) Le conseguenze di questi cambiamenti configurano nuove sfide per i sistemi di welfare che richiedono la predisposizione di politiche e servizi in grado di agevolare la conciliazione degli impegni che gli individui dedicano ad attività diverse. È il caso, soprattutto, delle madri lavoratrici che in una determinata fase del ciclo di vita si trovano a dover assolvere compiti di cura sia verso i figli in minore età, sia verso i genitori ormai anziani, conciliando questi compiti con l orario del lavoro per il mercato. Queste politiche richiedono un assetto nuovo del welfare state poiché presuppongono il coordinamento tra diversi ambiti di intervento: da quelli riguardanti i servizi per l infanzia a quelli relativi ai tempi ed ai contratti di lavoro dai servizi di assistenza diretta agli anziani agli assegni di cura a sostegno delle famiglie che scelgono la domiciliarità nella cura dei parenti. Le politiche di conciliazione necessitano di risposte complesse e flessibili inconciliabili con il modello organizzativo-burocratico tipico del welfare state

12 L impatto dell immigrazione (1) L immigrazione straniera rappresenta l altro importante fenomeno che ha profondamente trasformato la struttura demografica di molti paesi ad economia di mercato. In Europa, i fenomeni migratori hanno conosciuto diverse fasi e sono state affrontati con il ricorso a politiche fortemente differenti tra loro. Nonostante tali differenze le caratteristiche assunte dai fenomeni migratori in questa nuova fase pongono una serie di problemi comuni a tutti i paesi che si trovano ad accogliere le popolazioni straniere Si tratta, anzitutto, di problemi legati all immigrazione clandestina che caratterizza fortemente questa fase. Questa caratterizzazione pone un primo importante dilemma per gli istituti di protezione sociale. Gli immigrati clandestini, proprio per la loro condizione di illegalità, sono soggetti fortemente vulnerabili sul mercato del lavoro e, conseguentemente, più esposti a rischi di povertà estrema e di esclusione sociale Tuttavia, lo stato sociale ha una scarsa capacità di intervento nei loro confronti proprio perché l impianto di protezione è stato costruito e si è consolidato su specifici criteri di appartenenza (pagamento di contributi, cittadinanza, residenza, ecc.) che, per definizione, queste persone non possono rivendicare

13 L impatto dell immigrazione (2) Della protezione sociale degli immigrati irregolari sono chiamate ad occuparsi, in maniera sempre più impegnativa, altre istituzioni operanti nei sistemi di welfare: le associazioni non profit del terzo settore e le comunità etniche a cui gli immigrati appartengono Anche nel caso di immigrati regolari, però, le sfide poste ai sistemi di welfare non sono meno importanti. Dati comparati dimostrano, infatti, che in tutti i paesi europei, ma non solo, le differenze etniche rappresentano un aspetto centrale nella formazione e nel consolidamento delle disuguaglianze sociali. Agli immigrati vengono destinate, infatti, le posizioni lavorative meno sicure e meno retribuite ed il loro tasso di disoccupazione è sempre più elevato di quello della popolazione locale Le questioni poste dai flussi migratori rimandano, quindi, alla possibilità di porre in essere politiche in grado di favorire la convivenza sociale ed il controllo dei conflitti attraverso il riconoscimento e la gestione delle differenze nonché la conciliazione della diversità culturale

14 Una nuova questione sociale: la vulnerabilità sociale I grandi cambiamenti dovuti alla nuova organizzazione del lavoro e ai mutamenti demografici sopra descritti, hanno profondamente mutato la natura dei rischi sociali. Oggi è la destandardizzazione dei percorsi biografici individuali a produrre le nuove forme di vulnerabilità rendendo il rischio una condizione strutturale in ciascun ambito della vita sociale (Beck, 2003) Rispetto al passato, l individuo è oggi più vulnerabile non solo per un deficit di risorse, ma anche perché è esposto a processi di disgregazione sociale che raggiungono un livello critico, ovvero mettono a repentaglio la stabilità dei modelli di organizzazione della vita quotidiana. La vulnerabilità sociale si configura, quindi, come una situazione in cui l autonomia e la capacità di autodeterminazione dei soggetti sono permanentemente minacciate dall inserimento instabile dentro i principali sistemi di integrazione sociale e di distribuzione delle risorse Se nella società moderna il centro della questione sociale era rappresentato dalla disuguaglianza, nella società postmoderna la questione sociale si riflette prevalentemente nel problema della vulnerabilità sociale e nella sua multidimensionalità

15 L esclusione sociale come rischio emergente Secondo Castel l esclusione sociale inizia sempre da una condizione di vulnerabilità sociale, caratterizzata da un grado variabile di instabilità, che combina precarietà occupazionale e fragilità delle reti sociali di supporto Quando queste forme di deprivazione sono ormai compiute, si è cioè esclusi dal lavoro e dalle reti di reciprocità, si entra in quella che egli definisce dèsafiliation, una sfera sociale nella quale ci si ritrova impossibilitati a raggiungere i principali canali di accesso alle risorse ed ai rapporti sociali. Perché possa parlarsi di esclusione sociale è necessario, quindi, che si verifichi un passaggio dalla sfera della vulnerabilità nella quale la scarsità delle risorse è una caratteristica significativa alla sfera dell esclusione nella quale sono compromesse le possibilità di partecipare ai meccanismi di distribuzione delle ricompense e delle relazioni sociali. È in questo contesto che, a partire dagli anni ottanta, le politiche contro l esclusione sociale hanno assunto un importanza centrale in tutti i paesi, soprattutto quelli europei.

16 Le risposte del welfare state I cambiamenti illustrati sul piano economico-lavorativo e su quello demografico-familiare hanno reso molte delle politiche sociali inadeguate nel riuscire a contenere la spesa sociale e rispondere adeguatamente ai nuovi bisogni della popolazione. In risposta a tale inadeguatezza, da oltre un decennio si assiste, dunque, ad un processo di cambiamento, per molti aspetti ancora in atto, che sta ridisegnando gli schemi di intervento sociale soprattutto in Europa. Tale cambiamento si muove lungo tre direttrici principali che risultano comuni a tutti i paesi e riguardano: 1) il riassetto territoriale delle politiche e dei servizi sociali 2) l esternalizzazione di una serie di funzioni e servizi da parte dello Stato 3) l introduzione di politiche volte a diminuire la dipendenza da welfare per i cittadini Scopo di questi cambiamenti è la progressiva implementazione di piani di intervento volti a contrastare le condizioni di disagio socio-economico, adottando contemporaneamente misure volte a contrastare il rischio di esclusione sociale.

17 Una prima risposta: l affermazione del principio di sussidiarietà L aumento nella domanda di protezione sociale e la sua limitata sostenibilità finanziaria hanno intaccato l equilibrio sul quale si basavano i sistemi di welfare. Questa situazione ha determinato importanti riforme caratterizzate da una riorganizzazione territoriale delle politiche sociali e dall ingresso di nuovi attori nella programmazione e gestione dei servizi. Il processo di riorganizzazione è stato realizzato prevalentemente all insegna del principio di sussidiarietà articolato in due tipi: La sussidiarietà verticale che definisce i criteri di assegnazione delle funzioni ai diversi livelli territoriali di governo (rescaling) La sussidiarietà orizzontale che rimanda a una nuova ripartizione delle competenze fra ambiti amministrativi pubblici ed attori privati, attribuendo così un nuovo ruolo anche alla società civile, alle famiglie, alle associazioni, alla comunità (governance) La retorica sottostante l affermazione di questo principio è che la società civile, grazie alla prossimità territoriale e le dinamiche relazionali ad essa connesse, abbia un ruolo importante e complementare rispetto alle misure di protezione sociale garantite dallo Stato.

18 Il rescaling Un elemento che ha caratterizzato le politiche di welfare sviluppate tra la fine del secondo dopoguerra e la metà degli anni ottanta, è stato la gestione collettiva dei rischi individuali a livello nazionale. L emergere di nuovi profili di rischio e di nuove domande sociali sempre più frammentate e complesse da gestire anche territorialmente hanno reso le politiche nazionali, che per loro natura sono standardizzate, inadeguate. Le riforme degli ultimi quindici anni tendono, per questo motivo, ad affidare al welfare locale non solo le responsabilità di gestione delle politiche contro rischi sociali ma anche la definizione dei contenuti e dei criteri di accesso alle misure di sostegno

19 La governance Il processo di riorganizzazione territoriale delle politiche sociali va letto come complementare ai processi di coinvolgimento degli attori privati nelle funzioni tradizionalmente svolte dallo Stato. Come abbiamo visto precedentemente negli ultimi decenni si sono consolidati specifici modelli di governance che strutturano i rapporti tra i diversi attori coinvolti nella produzione di welfare. Alla base della diffusione di tali modelli c è una duplice convinzione: da una parte l idea che l efficienza e l efficacia di una politica o di un servizio sociale aumentino nel momento in cui diverse competenza vengono messe insieme dall altra l idea che il coinvolgimento degli attori privati sia un metodo utile a garantire la partecipazione attiva della cittadinanza ai processi di elaborazione e attuazione delle scelte collettive. La partecipazione di una pluralità di attori e di interessi dovrebbe garantire, quindi, una legittimazione diversa delle politiche sociali e delle misure atte a soddisfare i bisogni della popolazione. Tuttavia, le potenzialità espresse dai processi di governance vanno ricondotte alle dinamiche regolative presenti in ciascun modello che, come evidenziato in precedenza, possono dare luogo ad esisti significativamente differenziati.

20 Le politiche di attivazione Accanto al rescaling e alla governance, la terza via della riforma del welfare state riguarda la progressiva estensione delle politiche di attivazione. Si tratta, in sintesi, di politiche volte a ridurre il trasferimento passivo di risorse, spesso monetarie, e favorire piani di intervento integrati in cui il trasferimento di risorse è accompagnato anche da servizi di supporto individuali e collettivi con lo scopo esplicito di ridurre la dipendenza degli individui dai servizi di welfare pubblici. Le politiche di attivazione hanno due obiettivi primari: a) ridurre i costi economici e sociali della disoccupazione e della povertà, limitando la cronicizzazione delle condizioni di bisogno fino all esclusione sociale; b) migliorare le capacità di reinserimento sociale ed occupazionale degli individui attraverso piani di intervento ad hoc volti ad accrescere il capitale umano e sociale dei soggetti assistiti Nell ambito delle politiche assistenziali tutte le riforme attuate nei paesi europei dagli anni 90 in poi fanno riferimento all esperienza del Revenue Minimum d Insertion (RMI), introdotto in Francia già nel Tuttavia anche in questo caso emergono delle differenze significative tra i diversi contesti in cui questo nuovo principio è stato applicato

21 Una risposta differenziata L implementazione di questi cambiamenti avviene all interno di un contesto regolativo che è diverso da paese a paese e, quindi, gli esiti delle nuove politiche sociali risultano, in molti casi, molto divergenti Questa divergenza si spiega considerando che i processi di riforma si svolgono all interno di contesti istituzionali che hanno avuto uno sviluppo storico differenziato dando luogo a diversi sistemi di welfare. Le caratteristiche istituzionali e regolative di questi sistemi pre-strutturano, quindi, in maniera differenziata gli esiti dei cambiamenti finendo, in molti casi, col riprodurre le stesse logiche redistributive che ne hanno caratterizzato la nascita ed il consolidamento istituzionale La traduzione dei principi ispiratori delle riforme del welfare state comporta, quindi, un complesso processo di de-contestualizzazione e ri-contestualizzazione delle politiche in relazione alle specificità istituzionali dei singoli sistemi determinando, di fatto, un impatto differenziato nell implementazione delle riforme stesse. Per questo motivo l analisi dei cambiamenti in atto nei sistemi di welfare deve tenere conto non soltanto delle trasformazioni sociali, demografiche ed economiche in atto nella società contemporanea, ma anche dei meccanismi di regolazione sociale specifici di ogni sistema.

22 La risposta del sistema di welfare liberale Nel modello liberale, in particolare nel Regno Unito, il processo di riforma del welfare state ha riguardato in maniera specifica le politiche del lavoro e quelle assistenziali. In tale contesto un forte accento è stato posto soprattutto da parte dei governi conservatori degli anni ottanta e dei primi anni novanta sull istituzionalizzazione di politiche di attivazione fortemente basate sulla contrattualità tra utente e servizi sociali. Sul piano della governance locale, si osserva la presenza di diversi attori in particolare del settore privato anche for profit che garantiscono un ampia gamma di opportunità formative e occupazionali, contribuendo all affermazione di un modello ibrido tra il modello corporativo e quello pluralista In tale modello l efficienza del sistema continua ad essere ricercata attraverso un accesso ai servizi regolato da criteri di verifica dello stato di bisogno (il means test), e una responsabilizzazione crescente degli utenti per i quali le possibilità di ottenimento di un servizio sono subordinate alla sottoscrizione di un contratto che li obbliga ad impegnarsi attivamente nel superamento della loro condizione di bisogno

23 La risposta del sistema di welfare socialdemocratico Anche in tale contesto l erogazione di molti servizi è stata subordinata all obbligo di attivazione da parte della persona in condizione di bisogno. A differenza del sistema liberale tuttavia, l introduzione di tali misure è stata accompagnata da piani di attivazione più individualizzati in cui è prevista anche la partecipazione degli utenti nella definizione dei programmi di re-inserimento. Tali programmi sono volti, prevalentemente, a migliorare le competenze degli utenti e, quindi, delle risorse individuali da impegnare nella ricerca di una nuova occupazione L apertura nei confronti degli attori privati resta, piuttosto limitata e, seppure in crescita negli ultimi anni, permane ancora un forte ruolo di indirizzo e coordinamento da parte delle istituzioni statali La co-partecipazione ai piani di assistenza sociale si svolge prevalentemente tra attori pubblici attraverso il consolidamento di molte forme di collaborazione e coordinamento tra agenzie di assistenza sociale ed uffici del lavoro, delineando così un modello di governance di tipo manageriale caratterizzato da elementi partecipativi sempre più importanti.

24 La risposta del sistema di welfare conservatore/corporativo Il sistema di welfare corporativo ha seguito, nel processo di riforma dello stato sociale, un percorso molto simile a quello di paesi socialdemocratici anche se il grado di implementazione delle politiche di attivazione risente, rispetto al modello scandinavo, di una minore tradizione nella loro programmazione Ciò ha provocato in alcuni casi una difficoltà nella gestione finanziaria del nuovo assetto istituzionale, ed un forte impegno programmatico nell adozione di misure incentivanti l attivazione e l arricchimento delle risorse individuali e misure volte a prevenire pratiche opportunistiche nell accesso ai servizi sociali Particolare attenzione è stata posta, soprattutto in Germania grazie alla forte tradizione federalista, sulla possibilità di garantire alla pratiche di intervento un elevato grado di adattamento alle contingenze ed ai bisogni locali. Si spiega così il coinvolgimento attivo del terzo settore, soprattutto delle associazioni di volontariato, nella programmazione degli interventi di assistenza in ambito locale, prospettando la prevalenza di un modello di governance di tipo corporativo

25 La risposta del sistema di welfare familistico (1) Anche nel modello familistico, caratterizzato da una forte frammentarietà delle politiche sociali, sono stati introdotti recentemente piani di intervento integrati fondati su una logica di attivazione. Le misure introdotte negli anni novanta in Spagna e Portogallo hanno riproposto un assetto funzionale ed organizzativo chiaramente ispirato al disegno istituzionale dell RMI francese. L Italia, pur avendo sperimentato tra il 1998 ed il 2002 un proprio Reddito Minimo di Inserimento rimane, infatti, insieme alla Grecia l unico paese dell Unione (EU-15) a non aver adottato un sistema assistenziale attivo L implementazione di questi programmi, dove è avvenuta, si è giocata su un doppio binario di coordinamento territoriale: Da una parte si è cercato di porre fine alla frammentazione dei piani di intervento che ha sempre rappresentato uno dei principali problemi di equità all interno degli schemi di welfare state dei paesi appartenenti a questo modello Dall altra le agenzie di welfare locale sono state dotate di maggiori poteri decisionali per garantire, comunque, un adattamento degli interventi assistenziali ai bisogni specifici delle comunità locali. Un esempio di questo cambiamento è la riforma avviata in Italia con la legge 328/00 che avrebbe dovuto garantire, attraverso un processo di riorganizzazione territoriale delle politiche sociali, la piena affermazione di un sistema di integrazione tra le diverse agenzie di welfare. Tuttavia gran parte di questa legge è rimasta, ad oggi, poco applicata

26 La risposta del sistema di welfare familistico (2) Per quanto riguarda i processi di governance il modello familistico denota un evidente frammentarietà nei processi di partecipazione dei diversi attori. Negli ultimi anni si è assistito ad una forte apertura al privato sociale e, in particolare, alle organizzazioni non profit e alle associazioni di volontariato. Tuttavia, le relazioni tra questi attori e le agenzie pubbliche variano fortemente a livello locale, spaziando da modelli clientelari e populisti a forme più strutturate di governance corporativa o manageriale a seconda del contesto territoriale sub-nazionale in cui hanno luogo.

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 7. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio

* Evoluzione della. previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * Evoluzione della previdenza complementare nel mutato scenario previdenziale obbligatorio * La pensione pubblica *La previdenza complementare *I numeri della previdenza complementare in Italia *Le questioni

Dettagli

Modelli e regimi di welfare. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12

Modelli e regimi di welfare. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Modelli e regimi di welfare Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Storicamente i sistemi di Welfare State si sono caratterizzati

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL

Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società. di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Traccia intervento sul ruolo della famiglia nel mondo del lavoro e nella società di Pier Paolo Baretta Segretario confederale CISL Non c è dubbio che il tema della centralità della persona e della famiglia

Dettagli

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE. A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2014-2015 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA, FUNZIONI, MODELLI DI WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del

Dettagli

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione

Cosa è necessario sapere sulla riforma pensionistica per non incorrere in sorprese sgradevoli al momento della pensione La breve nota che segue, redatta dal Comitato Pari Opportunità della Provincia, invita i lavoratori e le lavoratrici a riflettere sulle recenti modiche alla normativa pensionistica, al fine di poter pianificare,

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI TRA RISPOSTE PUBBLICHE E PRIVATE

IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI TRA RISPOSTE PUBBLICHE E PRIVATE Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Sociologia Corso di Laurea Specialistica in Scienze per le Politiche Sociali e del Terzo Settore IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI

Dettagli

Le relazioni scuola-famiglia nella crisi famigliare LE NUOVE FAMIGLIE. Dott.ssa Federica Scarian Pedagogista giuridica. Predazzo, 9-13 marzo 2015

Le relazioni scuola-famiglia nella crisi famigliare LE NUOVE FAMIGLIE. Dott.ssa Federica Scarian Pedagogista giuridica. Predazzo, 9-13 marzo 2015 Le relazioni scuola-famiglia nella crisi famigliare LE NUOVE FAMIGLIE Dott.ssa Federica Scarian Pedagogista giuridica Predazzo, 9-13 marzo 2015 Contesto: Le nuove famiglie Calo e posticipazione dei matrimoni

Dettagli

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29%

L OSSERVATORIO. 22 Luglio 2013 CATEGORIA: SOCIETA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 23% 42% 29% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Tra le vittime di episodi di bullismo 42% Tra chi ha compiuto atti di bullismo Non coinvolti

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

LA TIPOLOGIA DI REGIMI DI WELFARE DI ESPING-ANDERSEN

LA TIPOLOGIA DI REGIMI DI WELFARE DI ESPING-ANDERSEN LA TIPOLOGIA DI REGIMI DI WELFARE DI ESPING-ANDERSEN Definizione di welfare state: welfare state è uno stato nel quale il potere organizzato è deliberatamente utilizzato nello sforzo di modificare il gioco

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Lo stato sociale. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Lo stato sociale. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Lo stato sociale Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Motivazioni Fallimenti informativi e ruolo dei due teoremi dell economia del benessere

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare

Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. 1) Cambiamento sociale-familriare e crisi dei regimi di welfare Famiglia e politiche familiari. Situazione attuale e previsioni di sviluppo. Prof. Gianpiero Dalla Zuanna Professore Straordinario facoltà di Scienze Statistiche Università di Padova 1) Cambiamento sociale-familriare

Dettagli

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI

AUDIZIONE. Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI AUDIZIONE Commissione Lavoro Pubblico e Privato Camera dei Deputati LIBRO VERDE SULLE PENSIONI ROMA, 14 OTTOBRE 2010 I sistemi di sicurezza sociale sono sviluppati in Europa più che in altre parti del

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Welfare sociale in Europa e in Italia: sfide e prospettive. Prof. Emmanuele Pavolini Urbino 7 Maggio 2015

Welfare sociale in Europa e in Italia: sfide e prospettive. Prof. Emmanuele Pavolini Urbino 7 Maggio 2015 Welfare sociale in Europa e in Italia: sfide e prospettive Prof. Emmanuele Pavolini Urbino 7 Maggio 2015 Le sfide al modello sociale europeo 1. Globalizzazione 2. Il ruolo dello Stato nazionale fra integrazione

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

Nascita, caratteristiche ed evoluzione dei sistemi di welfare. Prof. Carlo Borzaga

Nascita, caratteristiche ed evoluzione dei sistemi di welfare. Prof. Carlo Borzaga Nascita, caratteristiche ed evoluzione dei sistemi di welfare Prof. Carlo Borzaga Sommario! alcune definizioni! perché servono politiche di welfare! i principali ambiti di intervento e i modelli di welfare!

Dettagli

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro

Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche. a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Statistiche e osservazioni sul cumulo delle prestazioni pensionistiche a cura di: Luca Inglese e Oreste Nazzaro Introduzione Un aspetto al quale è stata dedicata relativamente poca attenzione durante gli

Dettagli

TASSO DI SOSTITUZIONE

TASSO DI SOSTITUZIONE TASSO DI SOSTITUZIONE Un tasso di sostituzione è adeguato quando evita per la generalità dei cittadini un eccessiva caduta nel livello di reddito ad un età di pensionamento coerente con l evoluzione demografica

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Il sostegno pubblico alle famiglie con figli: ragioni teoriche e nuova evidenza

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

Diritti e politiche sociali 10.11.2005

Diritti e politiche sociali 10.11.2005 Diritti e politiche sociali 10.11.2005 il welfare state è un insieme di interventi pubblici connessi al processo di modernizzazione, i quali forniscono protezione sottoforma di assistenza, assicurazione

Dettagli

Occupazione femminile

Occupazione femminile Occupazione femminile Le misure per l inserimento lavorativo delle donne Francesca Di Giovangiulio Struttura Lavoro e Professioni Roma, Corso D Italia, 33 Il lavoro della giornata Quali numeri per le donne

Dettagli

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX

MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX MELBOURNE MERCER GLOBAL PENSION INDEX 9 DICEMBRE 2013 Roberto Veronico Retirement Leader di Mercer Italia Roma Perché il Melbourne Mercer Global Pension Index SFIDE COMUNI A LIVELLO GLOBALE INCREMENTO

Dettagli

INTERVENTO DI LAURA AROSIO

INTERVENTO DI LAURA AROSIO INTERVENTO DI LAURA AROSIO Ricercatrice in Sociologia presso l Università di Milano Bicocca L aumento delle separazioni legali e dei divorzi in Italia BIOGRAFIA Laura Arosio è ricercatrice in Sociologia

Dettagli

IL RAPPORTO ORES 2009

IL RAPPORTO ORES 2009 IL RAPPORTO ORES 2009 SINTESI DEI PRINCIPALI CONTENUTI Con ORES, Osservatorio Regionale sull Esclusione Sociale della Lombardia, l ente regionale si è dotato di uno strumento in grado di integrare i dati

Dettagli

IV.3 Politiche per l equità

IV.3 Politiche per l equità IV.3 Politiche per l equità L indice di povertà relativa, misurato con la metodologia comunitaria, è nel nostro paese del 19 per cento (quota della popolazione che vive sotto la linea di povertà relativa),

Dettagli

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012

Le Politiche Pensionistiche. Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 Le Politiche Pensionistiche Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-2012 In generale la pensione è una prestazione pecuniaria vitalizia

Dettagli

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà

Le parole chiave: Per non svuotare la sussidiarietà LINEE GUIDA PER UN PATTO PER IL RICONOSCIMENTO E LA VALORIZZAZIONE DELL APPORTO DEL TERZO SETTORE ALLA RETE DI SOSTEGNO AL WELFARE DI BOLOGNA E PROVINCIA Le parole chiave: 1. SUSSIDIARIETA 2. STABILE REGIA

Dettagli

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno

AGE MANAGEMENT. Conoscere la propria azienda per farla crescere. 8 giugno 2015 sede Gruppo 24 ORE, Milano. Estratti del Convegno AGE MANAGEMENT Conoscere la propria azienda per farla crescere 8 giugno 215 sede Gruppo 24 ORE, Milano Estratti del Convegno UN PATTO TRA GENERAZIONI PER EVITARE LA CRISI Gli equilibri all interno delle

Dettagli

n. 183 2 novembre 2011

n. 183 2 novembre 2011 n. 183 2 novembre 2011 ATTIVITA FERROVIARIE Convocazione Responsabili Regionali Attività Ferroviarie LOGISTICA TRASPORTO MERCI E SPEDIZIONI Autamarocchi conferma incontro DIPARTIMENTO DIRITTI Pari opportunità:

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO

DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO DOMANDE E RISPOSTE CAPITOLO: LA FAMIGLIA E IL DIRITTO 1. QUANDO INIZIA A PORSI IL PROBLEMA DELLA RELAZIONE GIURIDICA DEI RAPPORTI FAMILIARI? Nell ambito della nascita dello stato moderno nel secolo XIX.

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare

Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare DEFINIZIONE DI WELFARE STATE Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare Il Welfare State è un insieme di istituti, principalmente di natura pubblica, sorti nel corso della formazione del

Dettagli

Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare. Scienza delle finanze lezione 8

Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare. Scienza delle finanze lezione 8 Teorie economiche del welfare state e sistemi di welfare Scienza delle finanze lezione 8 DEFINIZIONE DI WELFARE STATE Il Welfare State è un insieme di istituti, principalmente di natura pubblica, sorti

Dettagli

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca.

La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. La flexicurity in Italia. Confronto con un modello vincente: il caso della Danimarca. Nell ultimo ventennio il mercato del lavoro del nostro Paese è stato interessato da un progressivo processo di deregolamentazione

Dettagli

AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona

AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona CONVEGNO Servizi alla persona e occupazione nel welfare che cambia AsSaP Azione di Sistema per lo sviluppo di sistemi integrati di Servizi alla Persona REALIZZAZIONI E PROSPETTIVE Mario Conclave Roma,

Dettagli

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale Facoltà di Scienze Sociali Lezioni di Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale PROGRAMMA DELLE LEZIONI Prima parte Concezione del welfare state e caratteri generali;

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE. Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA FORENSE Comitato dei Delegati 19 settembre 2008 LA CASSA FORENSE La Cassa di Previdenza Forense è stata trasformata in ente con personalità giuridica di diritto privato con

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani

NOTA DAL CSC. In Italia più occupati anziani e meno giovani 02-01-2015 Numero 15-1 NOTA DAL CSC In Italia più occupati anziani e meno giovani Durante la crisi i 55-64enni con lavoro sono aumentati di 1,1 milioni, contro il calo di 1,6 milioni tra i 25-34enni. Il

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

Nota n. 17-2009. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it

Nota n. 17-2009. Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi. Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it Nota n. 17-2009 Presidente: Prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma telefono 06.4818443 gbianchi.isril@tiscali.it 1 Il mondo dei lavoratori interinali, o in somministrazione o in affitto che

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese

Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese Alcuni dati sul sistema di welfare bolognese Sulla base dei dati del consuntivo di Contabilità Analitica 2009 pubblicati dal Comune di Bologna è possibile individuare le risorse dedicate dall Amministrazione

Dettagli

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia

Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia NELLA TRAPPOLA DELLA CRISI, IL LAVORO COME QUESTIONE SOCIALE Le politiche sociali del lavoro Enrica Chiappero-Martinetti Università di Pavia Libertà e Giustizia, Scuola 2013, Collegio Spunti di discussione

Dettagli

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1

I mutamenti del Welfare State. Genova, 7 Luglio 2015 1 I mutamenti del Welfare State 1 Il Welfare State Nel Welfare State gli unici due attori sono il governo e il mercato. La caratteristica principale del Welfare State è che il mercato produce ricchezza ma

Dettagli

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA

Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA Università degli Studi di Trento TEMI ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI ASSISTENTE SOCIALE SPECIALISTA I SESSIONE 2004 Illustri la candidata un progetto di intervento sociale, focalizzandone

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

Lavoro e previdenza in Agriturismo. Il ruolo dell INPS.

Lavoro e previdenza in Agriturismo. Il ruolo dell INPS. Lavoro e previdenza in Agriturismo. Il ruolo dell INPS. Per delineare il ruolo dell INPS nel sistema agrituristico è necessario fare una breve premessa generale sul ruolo dell INPS nel sistema Paese Italia.

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO

LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO LE DISUGUAGLIANZE DI SALUTE E IL RUOLO DEL LAVORO Numerose ricerche hanno riconosciuto il contributo cruciale e multidimensionale In particolare tra i gruppi più a rischio ci sono: Nella presente sintesi

Dettagli

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo

Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Pensione sempre più lontana i Lavoratori Autonomi Andamenti di carriera e calcolo pensionistico nel lavoro autonomo Quando si parla di previdenza del lavoro autonomo il riferimento normativo ancor oggi

Dettagli

Il ruolo dell'industria. della previdenza

Il ruolo dell'industria. della previdenza Il ruolo dell'industria assicurativa nello sviluppo della previdenza La sfida del sistema previdenziale italiano: necessità di adeguare il regime pensionistico alle dinamiche sociali ed economiche in atto

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

Venezia Venerdì 20 Novembre

Venezia Venerdì 20 Novembre Venezia Venerdì 20 Novembre LA PREVIDENZA PER IL MEDICO E L ODONTOIATRA: MIRAGGIO O REALTA Sala convegni dell OMCeO Venezia, Via Mestrina 86 - Mestre . Compito dell ordine professionale E anche stimolare

Dettagli

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie?

Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Il costo dei figli Quale welfare per le famiglie? Rapporto famiglia Cisf 2009 A cura di Pierpaolo Donati Con questo volume inizia la nuova serie del Rapporto Cisf sulla famiglia in Italia che presenta

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia

Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Scenari ed evoluzione delle politiche sanitarie in Italia Matteo Lippi Bruni Dipartimento di Scienze Economiche Università di Bologna Facoltà di Economia sede di Forlì matteo.lippibruni2@unibo.it Forlì,

Dettagli

Una prima definizione del fenomeno

Una prima definizione del fenomeno Una prima definizione del fenomeno " dovrebbero essere definiti poveri quegli individui, famiglie e gruppi di persone le cui risorse materiali, culturali e sociali sono così limitate da escluderli dallo

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

Welfare ed il welfare del Comune di Torino

Welfare ed il welfare del Comune di Torino Welfare ed il welfare del Comune di Torino a cura di Barbara Graglia Il welfare del Comune il sistema cittadino dei servizi sociali offre prestazioni aventi molto spesso caratteristiche di assoluta necessità

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano

Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano Coordinamento Pari Opportunità e Politiche di Genere Bolzano Landeskomitee für Chanchengleichheit Bozen Situazione relativa ai licenziamenti per dimissioni in bianco in Provincia di Bolzano L Alto Adige

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato

Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato Il contesto normativo ed operativo del welfare integrato Franca Maino Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche, Università di Milano Laboratorio Percorsi di secondo welfare, Centro Einaudi Giornata

Dettagli

L INDICE E UN NUMERO CHE ESPRIME E CHE QUANTIFICA QUELL INDICATORE.

L INDICE E UN NUMERO CHE ESPRIME E CHE QUANTIFICA QUELL INDICATORE. PREVIDENZA Principali provvedimenti normativi in Italia: 1919 istituzione delle pensioni di vecchiaia (modello bismarckiano) 1929 Cassa nazionale per le assicurazioni sociali diventa nel 1934 INFPS (Istituto

Dettagli

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI

CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI CAMPANIA, 6 CENSIMENTO GENERALE DELL AGRICOLTURA RISULTATI DEFINITIVI Un decennio di profonde trasformazioni: l agricoltura Campana ha affrontato un periodo di grandi cambiamenti nello scenario socio-economico

Dettagli

6.1 L occupazione femminile

6.1 L occupazione femminile 6.1 L occupazione femminile E oramai noto come la presenza femminile sul mercato del lavoro sia notevolmente cresciuta nell ultimo decennio. La società in trasformazione ha registrato così un importante

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011

Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero. il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Comprendere meglio la riforma Monti-Fornero il raffronto Ante e Post Legge 214/2011 Nello scorso articolo abbiamo spiegato, per sommi capi, le linee guida della recente riforma della previdenza pubblica,

Dettagli

I MODI DI ABITARE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI IN ITALIA E IN EUROPA OSSERVATI ATTRAVERSO L INDAGINE EUROSTUDENT

I MODI DI ABITARE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI IN ITALIA E IN EUROPA OSSERVATI ATTRAVERSO L INDAGINE EUROSTUDENT I MODI DI ABITARE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI IN ITALIA E IN EUROPA OSSERVATI ATTRAVERSO L INDAGINE EUROSTUDENT (Domenico Lovecchio) L Indagine Eurostudent sulle condizioni di vita e di studio degli studenti

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali

Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Funzioni di un sistema di ammortizzatori sociali Oltre che ad evidenti obiettivi di equità, un sistema di assicurazione sociale contro la disoccupazione risponde a motivazioni di efficienza economica,

Dettagli

Undicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale

Undicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia. Sintesi Rapporto finale Undicesimo Rapporto sul Servizio Civile in Italia Sintesi Rapporto finale Dicembre 2009 EXECUTIVE SUMMARY L undicesimo rapporto della Conferenza degli Enti per il Servizio Civile si articola in due parti

Dettagli

Sistemi di welfare 10. UN NUOVO WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 10. UN NUOVO WELFARE. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 10. UN NUOVO WELFARE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili

I trasferimenti monetari alle famiglie. Sociologia della famiglia - Corso di laurea in Educatori di nido e comunità infantili I trasferimenti monetari alle famiglie Trasferimenti economici alle famiglie Trasferimenti monetari diretti indiretti Assegni per il nucleo familiare Assegno di maternità A3F Detrazioni fiscali Storia

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti Le famiglie di Udine raccontate dai numeri 1. Premessa Nel linguaggio comune il concetto di Famiglia è da sempre legato all esistenza di un nucleo di persone unite da legami di natura specifica, quali

Dettagli

PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI

PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI PER UNA REVISIONE DEL FINANZIAMENTO E DELL OFFERTA DEI SERVIZI ODONTOIATRICI L INTERVENTO PUBBLICO E I FONDI INTEGRATIVI Giovanni Maria Mazzanti e Gianluca Fiorentini 1 INDICE DEI CONTENUTI Caratteristiche

Dettagli

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO

AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO per l innovazione della città CHANGE MILANO è un iniziativa del Partito Democratico: un piano di progetti d innovazione per il governo della Città AGENZIA CIVICA DI AVVIAMENTO AL CREDITO Per aprire la

Dettagli