CALCIO - LA STORIA DEL CALCIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CALCIO - LA STORIA DEL CALCIO"

Transcript

1 CALCIO - LA STORIA DEL CALCIO Enciclopedia dello Sport di Adalberto Bortolotti, Gianni Leali, Mario Valitutti, Angelo Pesciaroli, Fino Fini, Marco Brunelli, Salvatore Lo Presti, Leonardo Vecchiet, Luca Gatteschi, Maria Grazia Rubenni, Franco Ordine, Ruggiero Palombo, Gigi Garanzini Aspetti economici di Marco Brunelli Il calcio, oltre a rappresentare senza dubbio uno straordinario fenomeno sociale, culturale e di costume nella maggior parte dei paesi del mondo, si è affermato anche come una realtà economica di enormi proporzioni in almeno tre continenti (Europa, Sud America e Asia), al punto che attualmente costituisce senza dubbio una delle poche 'industrie globali' del pianeta. All'inizio del 3 millennio, è giocato da 240 milioni di persone in 204 paesi. Non è certamente un caso che proprio una partita di calcio sia stato il programma televisivo più visto nel 2000 in 19 paesi europei su 23, oltre che in Argentina, Brasile, Cile e Perù. Il Campionato del Mondo giocato in Francia nel 1998 è stato trasmesso in 196 paesi del mondo (per ore), totalizzando nel complesso 33,4 miliardi di spettatori. La sola finale tra Francia e Brasile è stata vista da 1 miliardo di persone. In 153 nazioni si seguono in TV gli incontri del Campionato inglese. D'altra parte, nei principali 20 Campionati europei giocano calciatori di 102 paesi diversi. Dei quasi 16 miliardi di dollari che sono stati spesi nel 2000 per sponsorizzare lo sport nel mondo, più della metà sono andati al calcio, ai suoi club, eventi e campioni. Il diritto di trasmettere il Campionato nazionale costa ogni anno 2830 milioni di euro alle televisioni di Inghilterra, Italia, Spagna, Francia, Germania, Brasile, Grecia, Giappone, Olanda, Scozia, Portogallo, Belgio, Danimarca, Austria, Svizzera e Svezia. Questo dato è evidente prova del fatto che l'attuale dimensione economica del calcio è strettamente legata alla scoperta del suo valore mediatico e promozionale, scoperta di fatto piuttosto recente. In realtà, il calcio si è caratterizzato come un fenomeno economico sin dalle sue primissime origini, se è vero che già nel 1876, nove anni prima che la Football Association riconoscesse ufficialmente il professionismo, i club inglesi e scozzesi recintavano il terreno di gioco per far pagare un biglietto agli spettatori e corrispondevano salari, sotto forma di rimborsi, ai propri giocatori. Quasi altrettanto antica è l'abitudine di scambiarsi calciatori a cifre elevatissime: lire per Renzo De Vecchi nel 1913; per Virginio Rosetta nel 1925; lire più una FIAT 509 per Mumo Orsi nel 1929; per Valentino Mazzola nel 1942; 2 milioni per Silvio Piola nel Tuttavia, fino ai primi anni Ottanta, il giro d'affari del calcio mondiale è stato alimentato soprattutto dai consumi diretti dei suoi numerosissimi appassionati (biglietti e, in minor misura, scommesse) e dall'apporto diretto dei soci finanziatori, chiamati spesso a ripianare con mezzi propri bilanci in perdita. In ogni caso, niente a che vedere con le dimensioni attuali del business. Il gradimento del pubblico è stato evidente sin dall'inizio: tra il 1905 e il 1914 la finale di Coppa d'inghilterra ebbe una media di spettatori paganti (con la cifra record di nel 1913). Centomila persone assistettero sia alla finale della prima Coppa Rimet a Montevideo sia a quella delle Olimpiadi di Berlino nel In Inghilterra, nella stagione , le quattro divisioni professionistiche totalizzarono 41,3 milioni di presenze negli stadi. In paesi come l'inghilterra, l'italia e la Spagna il calcio ha storicamente alimentato la crescita dell'industria delle scommesse e dei concorsi pronostici. In Svezia i concorsi pronostici sul calcio esistono dal 1926, in Inghilterra le scommesse dal 1927, il Totocalcio svizzero nasce nel 1938, quelli spagnolo e italiano nel 1946.

2 Vi sono concorsi pronostici sul calcio in una trentina di paesi del mondo, quasi tutti in Europa e Sud America. In Italia, la crescita dei giochi è stata pressoché ininterrotta tra il 1970 e il 1997, quando le giocate lorde hanno raggiunto i 3831 miliardi di lire, per poi precipitare in una crisi che prosegue tuttora (1550 miliardi di lire raccolti complessivamente da Totocalcio, Totogol e Totosei nel 2000, oltre a circa 1200 miliardi di scommesse sportive). In oltre cinquant'anni di vita, i concorsi pronostici hanno assicurato al calcio italiano quasi 2500 miliardi di lire di entrate. Ciononostante, l'assenza di legami significativi tra lo sviluppo del calcio e quello di un settore produttivo specifico spiega perché, fino agli anni Sessanta, l'impatto di questo gioco sull'economia non sia stato neanche lontanamente paragonabile a quello di sport come il ciclismo o l'automobilismo, le cui grandi manifestazioni svolgevano una precisa funzione promozionale per le rispettive industrie. Anche le sponsorizzazioni sono arrivate, nel calcio, molto più tardi rispetto ad altri sport come il ciclismo, l'automobilismo, il basket o il tennis. La consacrazione moderna del calcio in quanto industria è, quindi, strettamente legata alla sua affermazione come straordinario veicolo di comunicazione per le aziende e come contenuto insostituibile per i media di concezione vecchia (radio, televisione) e nuova (Internet, UMTS). In entrambi i casi, decisivi sono stati gli eccezionali livelli di ascolto raggiunti. Non solo: nel calcio, tale audience è trasversale e fedele come in nessun'altra forma di spettacolo, cosa che costituisce un'opportunità irrinunciabile per inserzionisti pubblicitari e acquirenti di diritti televisivi. In Italia, nella stagione le entrate da diritti televisivi hanno superato per la prima volta quelle da vendita di biglietti, che attualmente rappresentano meno del 20% del totale. Nella stagione , emittenti e sponsor hanno garantito il 66% delle entrate complessive dei club inglesi di Premier League, e tale percentuale è aumentata ulteriormente, in maniera significativa, con l'entrata in vigore del nuovo contratto televisivo a partire dal Campionato In Francia, l'84% del fatturato delle società di prima divisione proviene da televisioni e partner commerciali, che rappresentano l'83% dei ricavi in Germania, l'81% in Giappone, il 69% in Portogallo, il 68% in Spagna e il 63% in Olanda. I soli diritti televisivi generano oltre il 60% del giro d'affari del Campionato nazionale brasiliano. Per un club come l'arsenal, il peso del botteghino è passato dal 93% del fatturato nel 1974 al 42% nel Nel caso della Roma, l'incidenza dei ricavi da gare è scesa dal 63% del valore della produzione nel 1988 al 21% nel In meno di vent'anni, il calcio è risultato decisivo per l'affermazione di alcune delle industrie più dinamiche della comunicazione e del tempo libero: sponsorizzazioni, pubblicità, merchandising, televisione commerciale e a pagamento, Internet. Questo, come è ovvio, si è tradotto in un notevole ritorno economico: se tra il 1946 e il 1988 il fatturato dei club inglesi era cresciuto del 3% all'anno, nel decennio successivo l'incremento medio è stato del 18%. Negli ultimi cinque anni del decennio scorso, il giro d'affari dei club è aumentato del 22% a stagione in Inghilterra, del 24% in Italia, del 28% in Spagna, del 15% in Germania e del 22% in Francia. Attualmente nei paesi dell'unione Europea, in Brasile e in Giappone il calcio di prima divisione fattura oltre 6400 milioni di euro, provenienti per il 40% dalla televisione, per il 24% dalla biglietteria e per il 36% da sponsorizzazioni e altre attività commerciali. Considerando anche l'indotto, il giro d'affari totale del calcio è di 5200 milioni di euro in Italia e di 3200 in Spagna. L'aumento delle entrate si è accompagnato, com'era inevitabile, a quello della remunerazione del principale fattore produttivo: i calciatori. Già nel 1913 un calciatore inglese (i professionisti erano 7000) guadagnava più del doppio di un impiegato. Nel 1929, tre anni dopo che la Carta di Viareggio, lo statuto emanato dal CONI contenente i punti fondamentali dell'ente calcio, aveva sancito la distinzione tra

3 dilettanti e non, Orsi guadagnava 8000 lire al mese (8 volte di più rispetto a un magistrato). Ma anche in questo caso, è solo dopo il 1960 che il fenomeno si espande e diventa generalizzato. Gli ingaggi dei calciatori inglesi di prima divisione sono aumentati del 61% tra il 1960 e il 1964 e triplicati tra il 1977 e il 1983, in coincidenza con l'abolizione del tetto salariale e del vincolo. Tra il 1992 e il 2000, gli anni del boom televisivo, la crescita è stata di oltre sei volte. Nel 1998 il calciatore medio della Premier League aveva uno stipendio superiore a quello del Governatore della Banca di Inghilterra e del Primo Ministro. In Italia, nel 1983, lo stipendio medio lordo annuo di un calciatore di serie A era di 130 milioni di lire, di 782 nel 1994 e di 2150 nel Le entrate dei club sono sempre più inadeguate a pagare gli ingaggi dei calciatori: nel 1984, in Italia, gli stipendi assorbivano il 34% dei ricavi, oggi, il 75%. In Inghilterra il 60% (il 38% negli anni Sessanta), in Scozia il 72%, in Germania il 46%, in Spagna il 55%, in Francia il 64%. Anche la campagna trasferimenti dei giocatori è andata crescendo di importanza con l'avvento dell'era televisiva. Da un lato, perché le maggiori risorse a disposizione dei club sono state investite nell'acquisto di nuovi calciatori: 105 milioni di lire per Jeppson nel 1950; più di un miliardo per Savoldi nel 1975; 13 miliardi nel 1984 per Maradona; 51 miliardi per Ronaldo nel 1997; 90 miliardi per Vieri nel 1999; 110 miliardi per Crespo nel 2000; 150 miliardi per Zidane nel Dall'altro, perché le società hanno fatto sempre più ricorso alle plusvalenze del calcio-mercato per attenuare i pesanti deficit operativi causati dall'aumento degli ingaggi dei calciatori e dei procuratori. Nella sola Europa, i trasferimenti alimentano un mercato da 6700 milioni di euro l'anno. Questo vorticoso giro di passaggi di calciatori da una società all'altra produce, come inevitabile conseguenza, l'aumento degli ammortamenti dei diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori iscritti all'attivo del bilancio dei club, che gravano in maniera sempre più pesante sui conti degli stessi. Addirittura, nel caso della serie A italiana, il costo totale dei giocatori, determinato dalla somma degli stipendi e delle quote di ammortamento, ha toccato nella stagione il 124% del valore della produzione, generando una perdita operativa totale (ovvero prima delle plusvalenze) di oltre 740 milioni di euro. Altrove, la difficoltà di produrre bilanci in utile si è tradotta nella crescita esponenziale dell'indebitamento delle società di calcio professionistiche: 931 milioni di euro per i 20 club della Liga spagnola al termine della stagione ; 290 milioni per le società di prima divisione francese nel ; 230 milioni per quelle del Campionato argentino. Attualmente, nei paesi dell'unione Europea, oltre un club su due registra una perdita prima dei trasferimenti dei giocatori: l'83% delle società in Scozia, il 77% in Portogallo, il 72% in Italia, il 71% in Svezia, il 61% in Francia. Per far fronte a una situazione tanto preoccupante, quasi tutte le Federazioni e le Leghe europee hanno varato negli ultimi anni, o si apprestano a farlo nel prossimo futuro, rigorose misure di controllo dei costi dei club: fissazione del numero massimo di giocatori che possono essere utilizzati da parte di una società; ammissione al Campionato condizionata al rispetto di determinati parametri di liquidità o solvibilità economico-finanziaria; imposizione di un salary cap ("tetto salariale"). In alternativa, i club stanno cercando di aumentare le proprie entrate, specie attraverso lo sviluppo in chiave 'globale' di alcuni aspetti del business calcistico che appaiono ancora marginali, o quantomeno riservati a un numero esiguo di club: lo sfruttamento commerciale degli stadi, la valorizzazione dei marchi dei club, la quotazione in Borsa, l'integrazione con aziende dell'entertainment. Tra il 1990 e il 2000 i club inglesi hanno investito 1070 milioni di sterline nel miglioramento degli stadi, che sono diventati per molte società fonti di reddito assai importanti. Il Manchester United, per esempio, ricava 30 milioni di euro dall'affitto alle aziende di palchi e altri posti di rappresentanza all'interno dell'old Trafford, oltre a 13 milioni di euro dalle attività di ristorazione e dall'affitto delle sale convegni presenti nello stadio, su un fatturato complessivo di 210 milioni ( ). Ancora più ampia è la diversificazione delle entrate del Chelsea, che si estende ben al di là della sola gestione polifunzionale dello stadio: la squadra di calcio produce 81 dei quasi 151 milioni di euro che costituiscono il giro d'affari complessivo del club; il resto proviene dall'attività di un'agenzia viaggi (42 milioni di euro), da servizi alberghieri e di ristorazione (19), dalla vendita di prodotti col marchio della

4 società (7,6), dalla gestione di parcheggi e attività editoriali (0,6), dall'amministrazione di proprietà immobiliari (0,2). Secondo una recente indagine della società FutureBrand, 15 club calcistici (4 inglesi, 3 italiani e brasiliani, 2 spagnoli, uno tedesco, scozzese e olandese) figurano tra i 40 marchi sportivi più importanti del mondo, in termini di notorietà, palmarès, seguito internazionale di tifosi e sfruttamento commerciale del proprio nome. Solo tre di questi, tuttavia, Manchester United, Real Madrid e Bayern Monaco, occupano uno dei primi 15 posti, a riprova di come, soprattutto per i club italiani, le potenzialità di valorizzazione del marchio a livello mondiale siano ancora largamente inesplorate, specie se paragonate a quelle di molti team professionistici americani. Per 23 club inglesi (il primo è stato il Tottenham nel 1983, seguito dal Manchester United nel 1992), 6 danesi, 4 scozzesi, 3 italiani, 2 portoghesi, uno olandese e uno tedesco la quotazione in Borsa ha rappresentato negli ultimi anni una valida alternativa all'autofinanziamento o all'indebitamento bancario, tradizionali fonti di approvvigionamento finanziario delle società di calcio. Nel 2001, la capitalizzazione complessiva dei club europei in Borsa è di 4360 miliardi di lire. Nel 2001, importanti aziende della comunicazione e dell'entertainment figuravano tra gli azionisti di club calcistici di Inghilterra, Italia, Francia, Germania, Grecia, Svizzera, Scozia, Brasile, Austria, Svezia e Repubblica Ceca. In qualche caso, tali imprese hanno visto nel calcio il veicolo decisivo per incrementare le proprie entrate tradizionali (abbonamenti televisivi e pubblicità), come BSkyB in Inghilterra, o per sviluppare congiuntamente con i club nuovi prodotti e servizi (canali tematici, portali Internet, servizi new media), come Granada e NTL sempre in Inghilterra. Altre aziende hanno puntato su squadre minori nella speranza di ottenere un ritorno futuro in caso di promozione nelle serie superiori, come Kinowelt in Germania. Altre ancora sono state spinte dal desiderio di diversificare le proprie attività, originariamente confinate nell'ambito dello sport marketing, come IMG e Octagon. In tutti i casi, le società calcistiche ne hanno tratto significativi vantaggi, in termini di apporto di capitali, competenze e possibili sinergie operative. La quotazione in Borsa, insieme all'integrazione dei club con aziende televisive o dell'entertainment, costituisce secondo molti osservatori una prova evidente del processo di trasformazione in atto delle società calcistiche in vere e proprie imprese. Il calcio-mercato di Franco Ordine "Il passaggio di un calciatore da una società all'altra è consentito per imprescindibili motivi di famiglia o di lavoro": datata 1911 e redatta in un italiano asciutto che non indulge a doppiezze né a equivoci, questa è la prima norma che introduce negli scarni regolamenti dell'epoca il complesso e spettacolare fenomeno poi passato sotto la definizione di calcio-mercato. È quindi possibile affermare che il mercato esiste sin dalle origini del calcio italiano. Le trattative, su cui si è sempre appuntato l'interesse delle cronache, un tempo si svolgevano in pochi giorni o settimane, avvenivano in un albergo e più avanti in complessi residenziali, mentre adesso risultano estese all'intero anno e si moltiplicano attraverso circuiti di moderna comunicazione, come Internet e telefoni cellulari. Varata la norma, fu subito trovato il modo di aggirarla, con opportune variazioni dei posti di lavoro. Tra i primi a far ricorso a simili escamotage, vi fu un esperto dirigente del Genoa, deciso a reclutare rinforzi per la propria squadra in modo di metterla al passo della Pro Vercelli, a quel tempo al vertice delle classifiche. Aristodemo Santamaria e Renzo De Vecchi erano i due calciatori oggetto delle mire genoane. Per il primo, mezzala dell'andrea Doria, bisognò sfidare l'ira dei tifosi doriani e i veleni di un'inchiesta nata dal sospetto di un compenso (300 lire) illecito; per il secondo, terzino del Milan ed esponente della nazionale, chiamato 'figlio di Dio' per la sua classe, si trovò un'occupazione a Genova quale fattorino presso un istituto bancario. Il risultato premiò gli sforzi dell'anonimo dirigente ligure: il Genoa vinse lo scudetto, De Vecchi incassò una

5 promozione a fattorino di direzione dal suo datore di lavoro e, quel che più conta, un premio speciale, 3 marenghi d'oro del valore di 100 lire ciascuno, dal club. Nel 1925 ad aggirare la norma fu la Juventus, decisa ad arruolare Virginio Rosetta, terzino anche della nazionale, impiegato a Vercelli come contabile presso le manifatture Lane, con uno stipendio di 1050 lire al mese. Il passaggio di Rosetta fu effettuato seguendo un percorso analogo a quello di De Vecchi: un trasferimento alla conceria Aimone-Marsan di Torino con l'identico stipendio e la promessa di un sostanzioso contributo spese, integrato da ricchi premi. L'affare si trasformò in un caso e finì con l'occupare le scarne cronache dei giornali, quando il reclamo di una squadra concorrente, il Genoa stavolta, segnalò il passaggio durante lo svolgimento della stagione in cui Rosetta stesso risultava tesserato della Pro Vercelli. Appena fu possibile con lo scudetto al Genoa e la Juventus penalizzata ristabilire l'ordine nel Campionato, Rosetta raggiunse Torino senza più proteste: in cambio la Pro Vercelli incassò ufficialmente il pagamento, tutt'altro che modesto, di lire. La cifra fu superata, sul finire degli anni Venti, dalle lire pretese dalla Lazio per cedere all'inter il suo centromediano Fulvio Bernardini, già ragioniere presso la Banca nazionale di Credito. Dopo l'istituzione del girone unico di serie A (1929), grazie alla quale il calcio, divenuto oggetto dell'interesse propagandistico del regime fascista, varcò i confini regionali, furono prese due decisioni di segno opposto, ambedue a opera del presidente della Federazione Leandro Arpinati. Da un lato si procedette alla chiusura delle frontiere, dall'altro si decise d'incrementare l'arrivo degli oriundi, giocatori provenienti da altre nazioni ma dalle scontate origini italiane. I controlli furono severi: Orsi, destinato alla Juventus, restò fermo per un anno, nonostante la spesa sopportata ( lire il contratto, 5000 lire mensili lo stipendio a lui riconosciuto). A inaugurare la serie degli oriundi fu l'argentino Julio Libonatti, idolo dei tifosi del Rosario, che fu scelto dal presidente del Torino, il conte Marone Cinzano, nel corso di uno dei suoi viaggi d'affari in Sud America. Nella sua scia giunsero successivamente Monti, Orsi e Guaita, che fecero addirittura parte della nazionale azzurra campione del Mondo nel Fu a quei tempi che cominciò ad affacciarsi alla ribalta internazionale una figura tipica del calcio-mercato: il faccendiere, chiamato a seconda dei periodi e delle occasioni sensale o mediatore, e poi consulente e infine procuratore, ma comunque caratterizzato dal fatto di riscuotere ricche percentuali sugli affari conclusi. I primi esponenti della categoria furono attivi lungo le rotte calcistiche che collegavano l'europa al Sud America, in particolare all'argentina e al Brasile: si trattava di avventurieri capaci di ricorrere a qualsiasi trucco, pur di dirottare un calciatore da una società all'altra. Avvenne, per esempio, che un argentino acquistato dalla Juventus, Sernagiotto, sbarcasse a Genova con in tasca il contratto per il Napoli, propostogli durante il viaggio da tale Schettini, in seguito smascherato. Una beffa ancora peggiore fu operata dall'ambrosiana ai danni della Juventus nel marzo del 1940, alla vigilia della Seconda guerra mondiale: il presidente dell'ambrosiana, Pozzani, dopo aver ricevuto da Roma una 'soffiata' sull'imminente entrata in guerra dell'italia, offrì al collega bianconero De Divonne tre forti giocatori, Locatelli, Olmi e Perucchetti, in cambio della considerevole cifra di lire; l'affare fu concluso rapidamente, ma fu reso inefficace dalla successiva sospensione del Campionato. Anche la politica ha esercitato la sua influenza sul calcio-mercato. Un caso tipico fu il colpo di mano che riguardò Silvio Piola: centravanti della Pro Vercelli, 51 gol in quattro Campionati, venne d'ufficio convocato in una caserma romana, sicché il suo trasferimento alla Lazio, preparato da un presidente in ottime relazioni con Mussolini, poté avvenire "per obblighi militari". A guerra finita, un episodio analogo accadde in Spagna, quando due società storicamente rivali, il Real Madrid e il Barcellona, si ritrovarono a disputarsi i servigi del fuoriclasse argentino Alfredo Di Stefano, allora venticinquenne, che era stato appena ceduto da un club considerato fuori legge dalla FIFA, i Millonarios di Bogotá al River Plate di Buenos Aires. I dirigenti di Madrid trattarono con i colombiani, i rappresentanti di Barcellona con gli argentini. Il braccio di ferro si risolse con una proposta ambigua della Federazione spagnola: Di Stefano avrebbe potuto giocare un anno a Madrid e uno a Barcellona. I catalani respinsero la mediazione e fu la fortuna del Real.

6 Due episodi ancora più clamorosi nella storia del calcio-mercato risalgono a tempi più recenti. Nel 1981, un attaccante slavo di discreta fama, Safet Susic, riuscì a firmare, nella stessa sezione di calcio-mercato, ben tre contratti: uno con l'inter di Fraizzoli, uno con il Torino di Sergio Rossi, uno con la Roma di Viola. Il presidente della Lega professionisti dell'epoca, Antonio Matarrese, ne decretò immediatamente l'espulsione. Nel 1995 Luis Figo, 23 anni, promettente portoghese dello Sporting di Lisbona, finì nelle mani di un procuratore senza scrupoli e vide svanire le intese sottoscritte prima con la Juventus e poi con il Parma. Non poté venire in Italia e si fermò a Barcellona, il che peraltro non gli ha danneggiato la carriera. Quando il calcio-mercato, da affare episodico riservato a pochi addetti, si trasformò in un fenomeno di costume, in un appuntamento atteso e seguito da giornali e tifosi, la rassegna ebbe la necessità di eleggere una città a sua sede stabile e di modificare abitudini e regolamenti per adeguarli alla statura dei personaggi nel frattempo saliti alla presidenza di molte società di calcio. Fra i nomi più illustri, oltre agli Agnelli, la cui supremazia nella Torino bianconera rimaneva indiscussa, basti ricordare i Rizzoli per il Milan, il petroliere Angelo Moratti per l'inter, il comandante Achille Lauro, sindaco di Napoli e patron della squadra, il conte Marini Dettina, presidente della Roma, Renato Dall'Ara, padrone del Bologna, Paolo Mazza, presidente della Spal salita in serie A. Nella loro scia, lungo i saloni dell'albergo Gallia, nei pressi della stazione Centrale di Milano (il calcio-mercato avrà qui la sua sede fino al 1976, quando sarà trasferito all'hotel Hilton, a 50 metri di distanza), nel mese di giugno una folla di curiosi poteva seguire da vicino le schermaglie e le trattative imbastite da dirigenti competenti, come Gipo Viani e Bruno Passalacqua del Milan, Italo Allodi dell'inter, e Andrea Arrica del Cagliari, oltre che da personaggi minori. Nasceva così la leggenda del calciomercato. Su invito di uno stravagante principe siciliano, Raimondo Lanza di Trabìa, i presidenti si incontravano per cena in un paio di ristoranti milanesi dalle parti di piazza Missori, e passavano poi la notte in albergo a discutere di gol e di rigori parati, di terzini e mediani da distribuire nelle varie squadre d'italia. Accanto ai resoconti veritieri, fiorivano gli aneddoti, i pettegolezzi e le cronache fantasiose, incentrate soprattutto sulle imprese di Lanza di Trabìa, proprietario terriero in Sicilia, presidente del Palermo ma residente a Roma, sposato con l'attrice Olga Villi. Quando morì suicida, a soli 39 anni, il principe lasciò in eredità alla moglie la proprietà del cartellino di Enrique Martegani, giocatore argentino passato dal Padova al Palermo e poi alla Lazio, abile nel palleggiare ma di scarso valore. L'episodio diede a Garinei e Giovannini lo spunto per un musical dal titolo La padrona di Raggio di luna. L'Italia intanto si avviava alla completa ricostruzione e sembrava anzi galvanizzata dal boom economico: mentre venivano riaperte le frontiere per i giocatori stranieri e i club si andavano trasformando in società per azioni senza scopo di lucro (riforma del presidente della Federazione, Giuseppe Pasquale), gli ingaggi diventarono milionari. A sfatare il tabù del milione, aveva provveduto, già nel 1942, Ferruccio Novo, presidente del Grande Torino, grazie all'assegno versato al Venezia per ottenere Loik e Valentino Mazzola, decisivi per completare la fortissima formazione granata. Nel 1950, nell'intento di strappare alla concorrenza della Roma lo svedese Hasse Jeppson, centravanti messosi in luce nell'atalanta, Lauro arrivò a versare la cifra record di 105 milioni. La firma dell'accordo tra l'armatore napoletano e il senatore Turani, presidente dell'atalanta, avvenne al termine di una cena in un ristorante napoletano. Il vincolo, cioè l'obbligo di rispettare la volontà della società, e spesso qualche suo capriccio, rendeva vulnerabile la figura del calciatore, mentre risultava decisivo il ruolo del dirigente. Agli inizi degli anni Cinquanta vennero introdotte, a questo proposito, due importanti innovazioni regolamentari: l'opzione, cioè la possibilità di prenotare in anticipo l'acquisto di un calciatore, e la comproprietà, cioè l'acquisto del 50% del cartellino, per la quale il tesserato veniva a trovarsi al servizio di due padroni. Negli anni Settanta i debiti delle società e le cifre spese per gli ingaggi crebbero a dismisura. Dopo la sconfitta della nazionale di Fabbri ai Mondiali inglesi del 1966, le frontiere erano state nuovamente chiuse e

7 tali sarebbero rimaste fino al 1980: restavano tesserabili solo gli oriundi, mentre le valutazioni dei pochi campioni italiani salivano alle stelle. A rendere meno complicate le trattative, ma più oneroso il loro costo, provvedevano i mediatori, chiamati 'mister 5%' per indicare l'ammontare richiesto per ciascun affare concluso. Tra i più famosi furono Walter Crociani e Romeo Anconetani, poi diventato presidente del Pisa. Il muro del miliardo fu sfiorato per la prima volta dalla Juventus, passata sotto la guida di Giampiero Boniperti, che nel 1974 acquistò dal Como per 950 milioni il terzino Marco Tardelli, per altro già promesso all'inter di Fraizzoli. Presto anche gli altri presidenti si adeguarono. Nel 1975 il costruttore napoletano Corrado Ferlaino, erede di Lauro, annunciò l'acquisto dal Bologna del centravanti Savoldi, per una cifra superiore al miliardo, che fece gridare allo scandalo. Nel 1984, riaperte le frontiere, lo stesso Ferlaino, grazie a un prestito del Banco di Napoli, avrebbe versato 13 miliardi al Barcellona per assicurarsi Maradona. Il calcio era ormai diventato una vera industria dello spettacolo, alla quale una serie di nuovi regolamenti tentava di dare una disciplina. Al vincolo fu sostituita la firma contestuale, voluta dall'avvocato Sergio Campana, battagliero presidente dell'associazione italiana calciatori (il sindacato di categoria fondato nel 1968), in virtù della quale senza il consenso del tesserato non si poteva procedere al suo trasferimento. Il primo a imporre la propria volontà fu Gigi Riva, mai uscito dalla Sardegna, nonostante gli affari conclusi una volta con la Juventus e un'altra con il Milan. In seguito, però, i giocatori si mostreranno meno determinati nei loro rifiuti, e pronti a cambiare idea e destinazione di fronte a offerte più remunerative. Per combattere in modo efficace la figura del mediatore, Campana nell'estate del 1978 presentò un esposto al pretore di Milano Costagliola, il quale dispose la perquisizione della sede del calcio-mercato. Negli stessi giorni Juventus e Vicenza si contendevano un promettente centravanti, Paolo Rossi. L'ebbe vinta il presidente del Vicenza, Giuseppe Farina, che pagò 2,6 miliardi per la comproprietà. Franco Carraro, allora presidente della Lega professionisti, si dimise per protesta. La possibilità di ingaggiare prima uno, poi due, quindi tre stranieri per squadra ha interamente modificato il calcio-mercato, dando vita a una sua nuova formulazione sulla quale hanno poi influito altri importanti fattori, primi fra tutti la quotazione in Borsa delle società (inaugurata dalla Lazio, seguita dalla Roma e dalla Juventus) e la cosiddetta 'sentenza Bosman'. Quest'ultima è stata emessa nel dicembre 1995 dall'alta Corte di Giustizia europea, dopo il ricorso di Jean-Marc Bosman, calciatore belga di modesta fama, e ha decretato la libertà di circolazione dei calciatori nell'ambito dell'unione Europea. Nel frattempo le società sono andate riconoscendo ai loro tesserati stipendi sempre più alti e contratti di durata sempre più lunga, e per gli ingaggi si sono susseguite sempre più vertiginose cifre-record: Zidane pagato 150 miliardi, Figo valutato 143 miliardi, Crespo acquistato per 110 miliardi. Infine, nel settembre 2001, l'ultima riforma, ottenuta dopo una mediazione tra Unione Europea e Federazione mondiale. Si tratta di una svolta epocale, in quanto consente al calciatore di rescindere un contratto in atto. Il giocatore è quindi libero di guadagnare sempre più, insieme con i suoi procuratori, diventati a tutti gli effetti i nuovi padroni del mercato. In Italia spiccano i nomi di figli d'arte, come Alessandro Moggi, figlio di Luciano, il potente direttore generale della Juventus, di qualche calciatore dal passato importante, come Oscar Damiani, o di manager di solida fama, come Giovanni Branchini, proveniente dalla boxe. Del Gallia non c'è più traccia nelle cronache, ma il calcio-mercato continua a occupare i titoli dei giornali e dei telegiornali. SITOGRAFIA:

Sette squadre inglesi nella top 20 Fenerbahce diventa la prima squadra turca ad entrare nella Football Money League

Sette squadre inglesi nella top 20 Fenerbahce diventa la prima squadra turca ad entrare nella Football Money League Comunicato Stampa Deloitte: Il Real Madrid rimane in testa alla Football Money League, compatto il gruppo delle squadre italiane. AS Roma e Juventus fanno un passo avanti verso le prime posizioni. Sette

Dettagli

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE

PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE PRESENTATO OGGI REPORTCALCIO 2015 : IL CALCIO TRA LE PRIME 10 INDUSTRIE ITALIANE Il volume, edito dalla FIGC con la collaborazione di AREL e PwC, rappresenta la fotografia più aggiornata sullo stato del

Dettagli

focus 71.689 1.387.046 23,9% 7.657

focus 71.689 1.387.046 23,9% 7.657 focus 71.689 squadre Le squadre in attività nel 2010-2011 sono 71.689, delle quali 470 professionistiche, 17.020 dilettantistiche e 54.199 impegnate in attività di settore giovanile. Hanno disputato 704.496

Dettagli

Il calcio in TV. rapporto Demos & Pi per la Repubblica

Il calcio in TV. rapporto Demos & Pi per la Repubblica Il calcio in TV rapporto Demos & Pi per la Repubblica 22 febbraio 2015 SE ANCHE IL TIFO DIVENTA UNA PASSIONE TRISTE di Ilvo Diamanti Per molto tempo, il principale motivo di passione, per gli italiani,

Dettagli

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2009/2010. agosto 2009

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2009/2010. agosto 2009 IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2009/2010 agosto 2009 Sommario 2 Introduzione Analisi dei bacini d utenza L interesse per la Serie A Le sponsorizzazioni Le scommesse Introduzione - LA STAGIONE

Dettagli

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2010/2011. agosto 2010

IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2010/2011. agosto 2010 IL BUSINESS DEL CAMPIONATO DI CALCIO SERIE A 2010/2011 agosto 2010 Sommario Introduzione.. pag. 3 Analisi del business pag. 5 Analisi dei bacini d utenza pag. 16 2 Introduzione (1/2) La stagione di Serie

Dettagli

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI

ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI Juventus Stadium 24 ottobre 2014 2 3 Aumento ricavi e risultato Importi in milioni di Euro 251 MATCH DAY + TV RIGHTS + COMMERCIAL RISULTATO ANTE IMPOSTE 280 0-32 0 2005/2006

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Annual Review of Football Finance 2015

Annual Review of Football Finance 2015 Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Dario Esposito Barabino & Partners Tel: +39 02 72023535 Mob: +39 380 7360733 Email: d.esposito@barabino.it

Dettagli

SERIE A 2007/08 Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento

SERIE A 2007/08 Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento Le potenzialità economiche italiane ed europee dell evento evento Scaricato da Bologna, 26 ottobre 2007 www.largoconsumo.info IL BACINO DEI TIFOSI DELLA SERIE A 2 I TIFOSI DELLE SQUADRE DI SERIE A Oltre

Dettagli

111 Società partecipanti ai 4 campionati professionistici 2012-2013. 20 su 20. 94 su 111. 20 su 22. 64 su 94. 16 su 94. 26 su 36.

111 Società partecipanti ai 4 campionati professionistici 2012-2013. 20 su 20. 94 su 111. 20 su 22. 64 su 94. 16 su 94. 26 su 36. ReportCalc o2014 CARATTERISTICHE DEL CAMPIONE ANALIZZATO 2012-2013 SERIE A, SERIE B E LEGA PRO 2012-2013 40 0 33 36 28 20 20 22 26 18 18 20 17 18 11 10 6 2 9 11 5 3 Serie A Serie B Lega Pro 1 a Div Lega

Dettagli

I protagonisti collettivi : le federazioni e le società sportive

I protagonisti collettivi : le federazioni e le società sportive Facoltà di economia e commercio (2012/13) I protagonisti collettivi : le federazioni e le società sportive Regole interne e di organizzazione dello sport La struttura delle società sportive Premessa Dall

Dettagli

Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011. Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE

Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011. Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE Anno 4 - N 24 - Sabato 19 marzo 2011 Il sito costantemente aggiornato sullo sport partenopeo Settimanale di scommesse sportive QUOTE IL PRONOSTICO DI... Per il doppio ex mister di Napoli e Cagliari, il

Dettagli

Corso di Diritto Sportivo Aree critiche e casi di studio. Roma, 9 e 10 novembre 2010 A.S.D. Tennis Roma - Via Ipponio, 11 Roma

Corso di Diritto Sportivo Aree critiche e casi di studio. Roma, 9 e 10 novembre 2010 A.S.D. Tennis Roma - Via Ipponio, 11 Roma Corso di Diritto Sportivo Aree critiche e casi di studio Roma, 9 e 10 novembre 2010 A.S.D. Tennis Roma - Via Ipponio, 11 Roma Dr. Alfredo PARISI L'evoluzione di una logica imprenditoriale nello sport tra

Dettagli

Catalogo 2013 2014 Serie A

Catalogo 2013 2014 Serie A Catalogo 2013 2014 Serie A www.sportmaniatravel.it S P O R T S W O R L D W I D E Segui le tue Passioni!! JUVENTUS 2013/2014 La Juventus Football Club S.p.A., nota anche come Juventus o, più semplicemente,

Dettagli

CHAMPIONS LEAGUE: ANALISI DEI RICAVI DEI CLUB DA CONTRIBUTI UEFA 2003-2010. settembre 2010

CHAMPIONS LEAGUE: ANALISI DEI RICAVI DEI CLUB DA CONTRIBUTI UEFA 2003-2010. settembre 2010 CHAMPIONS LEAGUE: ANALISI DEI RICAVI DEI CLUB DA CONTRIBUTI UEFA 2003-2010 settembre 2010 INTRODUZIONE (1/3) Nella stagione 2009/10, l UEFA ha distribuito 746,4 milioni di Euro ai club partecipanti alla

Dettagli

Juventus Football Club: Il CdA approva i dati relativi al primo semestre 2006/2007

Juventus Football Club: Il CdA approva i dati relativi al primo semestre 2006/2007 Juventus Football Club: Il CdA approva i dati relativi al primo semestre 2006/2007 Sommario i Ricavi del semestre sono pari a 101,5 milioni, in diminuzione del 6,9% rispetto a 109 milioni consuntivati

Dettagli

IL MARKETING SPORTIVO, COOPERAZIONI E MODELLI GESTIONALI NEL CALCIO

IL MARKETING SPORTIVO, COOPERAZIONI E MODELLI GESTIONALI NEL CALCIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA, SCIENZE POLITICHE, GIURISPRUDENZA, INGEGNERIA, ECONOMIA Corso di Laurea Interdipartimentale in Comunicazione, Innovazione e Multimedialità

Dettagli

Le main sponsorship del calcio in Europa

Le main sponsorship del calcio in Europa Report speciale Le main sponsorship del calcio in Europa contenuto nell Annuario della Sponsorizzazione 2010 Sommario Introduzione pag.3 Investimenti medi per club pag.4 Ricavi per settore pag.5 Bundesliga

Dettagli

Champions League 2009/2010: Inter Bayern Monaco, aspetti economici della finale di Madrid. maggio 2010

Champions League 2009/2010: Inter Bayern Monaco, aspetti economici della finale di Madrid. maggio 2010 Champions League 2009/2010: Inter Bayern Monaco, aspetti economici della finale di Madrid maggio 2010 Sommario Introduzione pag.3 La Finale in cifre pag.4 Le sfidanti a confronto pag.9 Analisi dei Premi

Dettagli

Turno A Riconosci i seguenti storici corrispondenti del 90 Minuto :

Turno A Riconosci i seguenti storici corrispondenti del 90 Minuto : Turno A Riconosci i seguenti storici corrispondenti del 90 Minuto : A1...... A2...... A3... paolo Cont... Turno A Riconosci i seguenti storici corrispondenti del 90 Minuto : A4...... A5...... A6... paolo

Dettagli

IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2012/2013

IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2012/2013 IL CDA APPROVA I RISULTATI DEL PRIMO TRIMESTRE DELL ESERCIZIO 2012/2013 Sintesi dei risultati al 30 settembre 2012: I trimestre Importi in milioni di Euro 2012/2013 2011/2012 Assolute % Ricavi 54,6 33,7

Dettagli

realizzata dal Master in Sport Management, Marketing & Sociology

realizzata dal Master in Sport Management, Marketing & Sociology Presentazione Ricerca Il pallone si sgonfia? Ricerca universitaria sul trend economico del calcio professionistico alle soglie del Fair Play finanziario realizzata dal Master in Sport Management, Marketing

Dettagli

Al termine dell esposizione e del dibattito che ne è seguito,

Al termine dell esposizione e del dibattito che ne è seguito, Al termine dell esposizione e del dibattito che ne è seguito, Pagina 3 di 14 - Lega Nazionale Professionisti Serie A l Assemblea delibera all unanimità delle 20 società presenti, nessuno contrario nè astenuto,

Dettagli

Turno 1: Campionato Serie A

Turno 1: Campionato Serie A Turno 1: Campionato Serie A 1.1 Solo due giocatori nello scorso campionato hanno segnato sia contro il Milan, che contro l Inter e la Juventus, chi sono? / 2 1.2 Tra le squadre che partecipano a questo

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

L industria del calcio tra crisi e sviluppo Analisi dei bilanci e prospettive strategiche

L industria del calcio tra crisi e sviluppo Analisi dei bilanci e prospettive strategiche L industria del calcio tra crisi e sviluppo Analisi dei bilanci e prospettive strategiche Castellanza 25 marzo 2013 Azienda calcio: entertainment Input Capitali Asset Risorse Umane Organizzazione Azienda

Dettagli

I ricavi record registrati dimostrano l impressionante capacità del settore di resistere anche alle turbolenze economiche internazionali.

I ricavi record registrati dimostrano l impressionante capacità del settore di resistere anche alle turbolenze economiche internazionali. Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Comunicato Stampa Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Via Tortona, 25 20142 Milano +39 0283326141 btagliaferri@deloitte.it I

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO TUTTOSPORT LEAGUE TORNEO A GIRONI 2012-13 LEGHE DI AMICI

REGOLAMENTO DI GIOCO TUTTOSPORT LEAGUE TORNEO A GIRONI 2012-13 LEGHE DI AMICI REGOLAMENTO DI GIOCO TUTTOSPORT LEAGUE TORNEO A GIRONI 2012-13 LEGHE DI AMICI IL GIOCO Lo scopo del gioco Tuttosport League - Torneo a Gironi 2012-13 Leghe di Amici (di seguito chiamato Gioco ) è creare

Dettagli

PROGETTO CONCITTADINI. Da dove sono emigrati e da quando

PROGETTO CONCITTADINI. Da dove sono emigrati e da quando PROGETTO CONCITTADINI Da dove sono emigrati e da quando DA DOVE SONO EMIGRATI Inizialmente, intorno al 19-20 secolo, nel se Dopo, però, il 1880 anche nel meridione iniziarono a emigrare circa 7 milioni

Dettagli

Introduzione... 3. Prima della Coppa dei Campioni... 4. Tutte le edizioni della Coppa dei Campioni... 5. Il cambio del nome e della formula...

Introduzione... 3. Prima della Coppa dei Campioni... 4. Tutte le edizioni della Coppa dei Campioni... 5. Il cambio del nome e della formula... Andrea Righetti 3B Opzione Storia ed Etica dello Sport SPSE 2007/2008 Indice Introduzione... 3 Prima della Coppa dei Campioni... 4 Tutte le edizioni della Coppa dei Campioni... 5 Il cambio del nome e della

Dettagli

IL CDA APPROVA I DATI RELATIVI AL PRIMO TRIMESTRE 2010/2011

IL CDA APPROVA I DATI RELATIVI AL PRIMO TRIMESTRE 2010/2011 IL CDA APPROVA I DATI RELATIVI AL PRIMO TRIMESTRE 2010/2011 Sommario i Ricavi del primo trimestre sono pari a 48,8 milioni, in diminuzione di 16,1 milioni (pari al 24,8%) rispetto a 64,9 milioni del primo

Dettagli

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014

Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze. Maggio 2014 Il mercato del vino: evoluzioni e tendenze Maggio 2014 1 Sommario 1. IL CONSUMO DI VINO 3 2. TENDENZE DEL COMMERCIO MONDIALE DI VINO NEL 2013 6 3. PRINCIPALI ESPORTATORI NEL 2013 8 4. PRINCIPALI IMPORTATORI

Dettagli

ALMANACCO ILLUSTRATO DEL CALCIO

ALMANACCO ILLUSTRATO DEL CALCIO dai siti www.wikipedia.org e www.laziowiki.org ALMANACCO ILLUSTRATO DEL CALCIO L'Almanacco Illustrato del Calcio Italiano, nato come Enciclopedia Illustrata del calcio nel 1939, con la direzione di Boccali

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno. Collana diretta da Dario Ianes MATELOGICA

Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno. Collana diretta da Dario Ianes MATELOGICA Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Barbara Stucki MATELOGICA Per piccoli geni in matematica VOLUME 3 Numeri fino a 1000

Dettagli

PUNTO DI SITUAZIONE DEL 5 NOVEMBRE 2007

PUNTO DI SITUAZIONE DEL 5 NOVEMBRE 2007 Campionato di calcio 27/28 - Punto di situazione PUNTO DI SITUAZIONE DEL 5 NOVEMBRE 27 SOMMARIO I numeri Incontri disputati 2 Spettatori 2 L analisi dei dati Andamento quinquennale 5 DASPO 12 1 Campionato

Dettagli

La crisi del settore bancario in Europa

La crisi del settore bancario in Europa La crisi del settore bancario in Europa 26 ottobre 2011 Christine Lagarde, direttrice del Fondo Monetario Internazionale, già ad agosto aveva dichiarato che occorrevano circa 200 miliardi di Euro per ricapitalizzare

Dettagli

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA

SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA SECONDA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI STORIA ECONOMICA Prof.ssa Stefania Manfrellotti 2 LA I GUERRA MONDIALE Con lo scoppio della prima guerra mondiale, le spese dello Stato

Dettagli

OVERVIEW MEETING INDUSTRY

OVERVIEW MEETING INDUSTRY OVERVIEW MEETING INDUSTRY 2009/2010 LA MEETING INDUSTRY, parte del SISTEMA TURISMO è anche SISTEMA A SE LE SUE CARATTERISTICHE PRINCIPALI: Destagionalizzazione dei flussi Spesa pro capite maggiore rispetto

Dettagli

La sicurezza come fattore competitivo

La sicurezza come fattore competitivo La sicurezza come fattore competitivo Intervento di Marco BRUNELLI Direttore Generale Lega Calcio Milano, 21 aprile 2009 Siete mai entrati in uno stadio vuoto? Fate la prova. Fermatevi in mezzo al campo

Dettagli

Comunicato stampa. Allianz Global Wealth Report: le famiglie svizzere si confermano le più ricche del mondo

Comunicato stampa. Allianz Global Wealth Report: le famiglie svizzere si confermano le più ricche del mondo Allianz Suisse Comunicazione Comunicato stampa Allianz Global Wealth Report: le famiglie svizzere si confermano le più ricche del mondo Il patrimonio finanziario netto globale supera quota 100'000 miliardi

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

www.pwc.com ReportCalcio 2015 Monza 07 luglio 2015

www.pwc.com ReportCalcio 2015 Monza 07 luglio 2015 www.pwc.com ReportCalcio 2015 Monza 07 luglio 2015 Caratteristiche del campione analizzato 599 Società partecipanti ai 4 campionati professionistici dal 2008-2009 al 2013-2014 100% Bilanci analizzati per

Dettagli

Guglielmo Marconi. Reginald Fessenden Nikola Tesla

Guglielmo Marconi. Reginald Fessenden Nikola Tesla Guglielmo Marconi Reginald Fessenden Nikola Tesla Telefono mobile Telefono fisso L'invenzione della radio è frutto di una serie di esperimenti tenuti alla fine dell'ottocento che dimostravano la possibilità

Dettagli

I diritti televisivi strumento per cristallizzare la Serie A, a danno dei meriti sportivi?

I diritti televisivi strumento per cristallizzare la Serie A, a danno dei meriti sportivi? I diritti televisivi strumento per cristallizzare la Serie A, a danno dei meriti sportivi? 31/10/2014 tratto dal tifosobilanciato.it - Diego Tarì La simulazione della possibile distribuzione dei diritti

Dettagli

Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl

Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Sport ed Economia: analisi della situazione e dati Treviso, 22 giugno 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl 1 Premessa Il fenomeno sportivo nelle sue diverse sfaccettature ha

Dettagli

Presentazione. Stagione sportiva 2015-16. powervolleymilano.it

Presentazione. Stagione sportiva 2015-16. powervolleymilano.it Presentazione Stagione sportiva 2015-16 powervolleymilano.it PALLAVOLO MASCHILE IN ITALIA: LA SUPERLEGA PALLAVOLO IL VOLLEY IN ITALIA 2 Sport in Italia per numero di spettatori on site 2 sport per numero

Dettagli

Sport come Valore Sociale

Sport come Valore Sociale Con la collaborazione organizzativa del Tiro a Segno Nazionale Sezione di Catania 1884 CATANIA, 19 Ottobre 2013 Catania International Airport Hotel Via San Giuseppe La Rena, n. 94 9 CONVEGNO NAZIONALE

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Prof. RUGGIERO UMBERTO

CURRICULUM VITAE di Prof. RUGGIERO UMBERTO CURRICULUM VITAE di Prof. RUGGIERO UMBERTO Nata a: BERGAMO (BG), ITALY. Il: 28 NOVEMBRE 1967 Stato Civile: CONIUGATO Nazionalità: ITALIANA N di telefono: +39 0823.1872359 N di cellulare: +39 339.4686400

Dettagli

REPORT CALCIO 2015 COVERCIANO 18 MAGGIO 2015

REPORT CALCIO 2015 COVERCIANO 18 MAGGIO 2015 REPORT CALCIO 2015 COVERCIANO 18 MAGGIO 2015 RASSEGNA STAMPA WEB p. 2 La Repubblica.it p. 3 L Adige.it p. 4 Il Giornale di Sicilia.it p. 4 La Stampa.it p. 5 La Sicilia.it p. 6 La Gazzetta del Sud online

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1999

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1999 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 1999 Modifiche all'articolo 10 della legge 23 marzo 1981, n. 91, in materia di proprietà e organizzazione delle società sportive professionistiche 05/01/2016-14:34

Dettagli

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE

Inserto settimanale di scommesse sportive. il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli. www.pianetazzurro.it QUOTE Inserto settimanale di scommesse sportive www.pianetazzurro.it il sito costantemente aggiornato sul Calcio Napoli QUOTE IL PRONOSTICO L ex centrocampista azzurro si augura però che la squadra di Mazzarri

Dettagli

DIRITTO DELLO SPORT! PROFESSIONISTI, DILETTANTI E CASI CONCRETI

DIRITTO DELLO SPORT! PROFESSIONISTI, DILETTANTI E CASI CONCRETI Busto Arsizio, 5 febbraio 2014 DIRITTO DELLO SPORT! PROFESSIONISTI, DILETTANTI E CASI CONCRETI avv. pierfilippo capello studio Guardamagna e associati pcapello@gealex.eu Sport e Legge: il doppio ordinamento

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finaze Amministrazione autonoma dei monopoli di stato

Ministero dell Economia e delle Finaze Amministrazione autonoma dei monopoli di stato Ministero dell Economia e delle Finaze Amministrazione autonoma dei monopoli di stato DIREZIONE GENERALE DIREZIONE PER I GIOCHI Oggetto: Scommesse a quota fissa sul calcio Con la presente nota si forniscono

Dettagli

Il calcio: lo sport e il business. Estratto da un analisi. Roma, 14 Maggio 2004

Il calcio: lo sport e il business. Estratto da un analisi. Roma, 14 Maggio 2004 Il calcio: lo sport e il business Estratto da un analisi Roma, 14 Maggio 2004 Obiettivi L obiettivo del progetto è di esaminare l effettivo andamento dell Azienda calcio, intesa come insieme delle società

Dettagli

Joey Saputo. Stiamo lavorando per costruire basi solide per il presente ma anche per il futuro. Chiarman Bologna FC 1909. INTERVISTA 16 luglio 2015

Joey Saputo. Stiamo lavorando per costruire basi solide per il presente ma anche per il futuro. Chiarman Bologna FC 1909. INTERVISTA 16 luglio 2015 BOLOGNA FC 1909 Joey Saputo Chiarman Bologna FC 1909 Stiamo lavorando per costruire basi solide per il presente ma anche per il futuro INTERVISTA 16 luglio 2015 IL CALCIO ITALIANO Il calcio italiano

Dettagli

UNA SOCIETA SPORTIVA COME DEVE ESSERE GESTITA?

UNA SOCIETA SPORTIVA COME DEVE ESSERE GESTITA? LA SOCIETA SPORTIVA DA GESTIRE COME UN AZIENDA «. Nino non aver paura di sbagliare un calcio di rigore, non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore, un giocatore lo vedi dal coraggio,

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL

FORMATO EUROPEO PER IL FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Data di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Dal 4 settembre 2013 al 30 giugno 2014 Nome

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2202 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ATTAGUILE, GIANCARLO GIORGETTI, ALLASIA, BERRETTA, BORGHESI, BOSSI, MATTEO BRAGANTINI, BUONANNO,

Dettagli

Comunicato stampa. Allianz Global Wealth Report: record di crescita della ricchezza dal 2003

Comunicato stampa. Allianz Global Wealth Report: record di crescita della ricchezza dal 2003 Allianz Suisse Comunicazione Comunicato stampa Allianz Global Wealth Report: record di crescita della ricchezza dal 2003 Nel 2013 nuovo record (118.000 miliardi di euro) del patrimonio finanziario lordo

Dettagli

COMPANY PROFILE bwin bwin bwin bwin bwin Italia bwin e Gioco Digitale Gruppo bwin Italia bwin Gioco Digitale,

COMPANY PROFILE bwin bwin bwin bwin bwin Italia bwin e Gioco Digitale Gruppo bwin Italia bwin Gioco Digitale, COMPANY PROFILE bwin Fondata nel 1997 e quotata alla Borsa di Vienna (ATX) dal 2000, bwin Interactive Entertainment AG ( bwin ) si è affermata rapidamente come uno dei principali operatori internazionali

Dettagli

SCHEDE MERCATO BRASILE

SCHEDE MERCATO BRASILE SCHEDE MERCATO BRASILE Dicembre 2011 in collaborazione con Sommario Quadro d insieme... 1 Il mercato turistico brasiliano... 3 Conclusioni... 11 Nota metodologica... 12 Quadro d insieme Caratteristiche

Dettagli

Sintesi dello stato patrimoniale riclassificato - Serie A TIM 30/06/1998 30/06/1999 30/06/2000 30/06/2001 30/06/2002 30/06/2003 30/06/2004

Sintesi dello stato patrimoniale riclassificato - Serie A TIM 30/06/1998 30/06/1999 30/06/2000 30/06/2001 30/06/2002 30/06/2003 30/06/2004 Centro Studi Nota metodologica L analisi si riferisce ai dati di sintesi relativi alla situazione economico-finanziaria della Serie A TIM e della Serie B TIM e compara i dati a partire dalla stagione 1997-1998

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1. Settimanale di scommesse sportive QUOTE

Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1. Settimanale di scommesse sportive QUOTE Anno 5 - N 7 - Sabato 29 ottobre 201 1 Settimanale di scommesse sportive QUOTE 2 LA SCOMMESSA Puntiamo su Napoli, Milan, Cesena e Palermo. OVER in Genoa-Roma Prevalenza del fattore casalingo di Vincenzo

Dettagli

Man. Pal. Avv. Squadre Quota 1 Quota 2 ITA1 16819 188 NAPOLI ROMA 2,40 1,50 ITA1 16819 189 INTER MILAN 1,70 2,00

Man. Pal. Avv. Squadre Quota 1 Quota 2 ITA1 16819 188 NAPOLI ROMA 2,40 1,50 ITA1 16819 189 INTER MILAN 1,70 2,00 Testa a Testa TESTA A TESTA Pronosticare quale tra le due squadre indicate otterrà il miglior piazzamento in classifica al termine del Campionato 24 Agosto 15/ 4 Serie A, Liga, Premier League, Bundesliga,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FOSSATI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FOSSATI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 774 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FOSSATI Disposizioni per la tutela dei segni distintivi delle società sportive, enti e federazioni,

Dettagli

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti

La crisi del 29. Il boom degli anni Venti Nel primo dopoguerra l'economia degli Stati Uniti ebbe un forte incremento, trainata soprattutto dal settore automobilistico. Infatti, in America dal 1922 al 1929, la produzione industriale aumentò del

Dettagli

IL BUSINESS DELLA SERIE A 2008-2009. Dati aggiornati al 26 Agosto 2008

IL BUSINESS DELLA SERIE A 2008-2009. Dati aggiornati al 26 Agosto 2008 IL BUSINESS DELLA SERIE A 2008-2009 2009 Dati aggiornati al 26 Agosto 2008 INDICE ARGOMENTI Introduzione Il Campionato delle metropoli Il giro d affari della Serie A in benchmark con gli altri campionati

Dettagli

L indotto della finale di UEFA Europa League 2013-2014

L indotto della finale di UEFA Europa League 2013-2014 9 L indotto della finale di UEFA Europa League 2013-2014 HIGHLIGHTS INDAGINE SUL PUBBLICO PRESENTE ALLO STADIO INDAGINE SUL PUBBLICO NON RESIDENTE A TORINO IMPATTO ECONOMICO DIRETTO LORDO IMPATTO ECONOMICO

Dettagli

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

PROFILE. La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione:

PROFILE. La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione: PROFILE La Kick Off Group ha il suo core business in tre grandi aree di specializzazione: La Kick Off Group nasce con la prospettiva di offrire al mercato il proprio know how, basandosi sull esperienza

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Oggetto: Nullità dei trasferimenti di Thiago Motta e Diego Alberto Milito al Football Club Internazionale Milano

Oggetto: Nullità dei trasferimenti di Thiago Motta e Diego Alberto Milito al Football Club Internazionale Milano A: Procura Federale FIGC Federazione Italiana Giuoco Calcio Via Gregorio Allegri, 14 00198 Roma Commissione Trasferimenti FIGC Via Gregorio Allegri, 14 00198 Roma e P.C. A: UEFA Organs for the Administration

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Torneo "Città di Spoleto":

RASSEGNA STAMPA Torneo Città di Spoleto: RASSEGNA STAMPA Torneo "Città di Spoleto": marzo 2016 Milano Roma Genova Berlin Brussels London New York INDICE ITALMATCH CHEMICALS 16/03/2016 Il Giornale dello Sport.net 6 Italmatch Chemicals Group: il

Dettagli

Rassegna del 18/03/2015

Rassegna del 18/03/2015 Rassegna del 18/03/2015 ROMA 2024 Tempo 28 Olimpiadi 2024. Si candida anche Amburgo Marino: non temo nessuno... 1 ROMA 2024 Leggo Roma 20 «Olimpiadi, non temiamo nessuno» F.Sci. 2 ROMA 2024 Stampa 30 Lettera.

Dettagli

Ouverture de Sport Management & Global Markets

Ouverture de Sport Management & Global Markets Ouverture de Sport Management & Global Markets Silvio M. Brondoni, Sergio Cherubini 1. Overture Lo sport ha sempre ricoperto un ruolo di sviluppo dei Paesi, tendendo sistematicamente a ridurre le differenze

Dettagli

REPORT CALCIO 2015 COVERCIANO 18 MAGGIO 2015

REPORT CALCIO 2015 COVERCIANO 18 MAGGIO 2015 REPORT CALCIO 2015 COVERCIANO 18 MAGGIO 2015 RASSEGNA STAMPA AGENZIE Ansa AdnKronos Askanews Italpress La Presse (ANSA) ANSA-SCHEDA/ Serie A 'vecchia' e fatturati, i numeri del calcio Report Figc: tanti

Dettagli

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO

CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO CONFERENZA DI LUIGI BELLAVITA E PIERLUIGI NOVELLO MILANO 7 MARZO 2013 ISTITUTO SAN CARLO Il 19 luglio 1943 il generale Alexander sbarcò in Sicilia. Al Suo seguito un esercito militare, dotato dei più moderni

Dettagli

FANTACALCIO 2014/2015

FANTACALCIO 2014/2015 FANTACALCIO 2014/2015 Sommario INTRODUZIONE... 3 SQUADRE PARTECIPANTI E QUOTA DI PARTECIPAZIONE... 4 Squadre Partecipanti... 4 COMPETIZIONI E PREMI... 5 CAMPIONATI... 5 COPPE NAZIONALI... 6 COPPE EUROPEE...

Dettagli

Mercato lavoro, orari, produttività, salari

Mercato lavoro, orari, produttività, salari Mercato lavoro, orari, produttività, salari Roberto Romano 22 marzo 2012 Sommario Premessa... 2 Rigidità della protezione dell'occupazione... 2 Italia, paese dai bassi salari... 4 Ore lavorate... 5 Costo

Dettagli

GSPORT MARKETING & SPONSORING

GSPORT MARKETING & SPONSORING GSPORT MARKETING & SPONSORING INFORMAZIONI IN CARTELLA STAMPA Profilo di Gsport Approccio e metodo di lavoro Sport e business, accoppiata vincente Prodotti e attività Principali concessioni Gsport in pillole

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e il tifo calcistico.

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e il tifo calcistico. OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e il tifo calcistico Il Gazzettino, 24052011 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino Il sondaggio è stato condotto nei giorni

Dettagli

I c.d. fuori rosa e la risoluzione del contratto di prestazione sportiva: aspetti giuridici

I c.d. fuori rosa e la risoluzione del contratto di prestazione sportiva: aspetti giuridici I c.d. fuori rosa e la risoluzione del contratto di prestazione sportiva: aspetti giuridici Nell ambito delle Leghe Nazionali Professionistiche di Calcio Serie A Tim e Serie Bwin è argomento di stretta

Dettagli

Mercato dei Diritti televisivi dei Grandi Eventi Sportivi: Presente in chiaro, futuro criptato

Mercato dei Diritti televisivi dei Grandi Eventi Sportivi: Presente in chiaro, futuro criptato Facoltà di Sociologia Ricerca sul Mercato dei Diritti televisivi dei Grandi Eventi Sportivi: Presente in chiaro, futuro criptato realizzata dal Master Universitario in Sport Management, Marketing and Sociology

Dettagli

Ouverture de Sport Management e mercati globali

Ouverture de Sport Management e mercati globali Ouverture de Sport Management e mercati globali Silvio M. Brondoni *, Sergio Cherubini ** Abstract Lo sport ha sempre ricoperto un ruolo di sviluppo dei Paesi, tendendo sistematicamente a ridurre le differenze

Dettagli

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 0 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 1. L andamento

Dettagli

Qual è lo stato di salute del calcio italiano? Nell ultimo anno ha riguadagnato competitività rispetto alla concorrenza o ha perso altri colpi?

Qual è lo stato di salute del calcio italiano? Nell ultimo anno ha riguadagnato competitività rispetto alla concorrenza o ha perso altri colpi? Qual è lo stato di salute del calcio italiano? Nell ultimo anno ha riguadagnato competitività rispetto alla concorrenza o ha perso altri colpi? E a livello europeo l industria del pallone tira oppure sconta

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Diritti calcistici televisivi in Italia

Diritti calcistici televisivi in Italia Diritti calcistici televisivi in Italia I diritti calcistici televisivi sono i diritti di riprendere e trasmettere, in diretta o in differita e su qualunque piattaforma televisiva, le partite di calcio.

Dettagli

COMITATO PROMOTORE CLUB MAGICO SORRENTO AZIONARIATO POPOLARE

COMITATO PROMOTORE CLUB MAGICO SORRENTO AZIONARIATO POPOLARE "Una società di calcio è patrimonio sociale, culturale ed affettivo della comunità cui appartiene e dei propri tifosi, oltre ad essere impresa economica di coloro che ne sono temporaneamente proprietari."

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO

6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO 92 6. ITALIA E INVESTIMENTI INTERNAZIONALI DI PORTAFOGLIO Nel corso degli anni Ottanta e Novanta si è registrata una crescita rilevante dei flussi internazionali di capitali, sia sotto forma di investimenti

Dettagli

REGOLAMENTO FOSSO LEAGUE 2013/2014

REGOLAMENTO FOSSO LEAGUE 2013/2014 REGOLAMENTO FOSSO LEAGUE 2013/2014 1. Sportività Si gioca secondo principi di lealtà e sportività. La FossoLeague nasce allo scopo di organizzare e incentivare momenti di socializzazione e condivisione,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 45 del 15 NOVEMBRE 2013

COMUNICATO STAMPA N. 45 del 15 NOVEMBRE 2013 COMUNICATO STAMPA N. 45 del 15 NOVEMBRE 2013 La Nostra gente, la grande ricerca di mercato sulla Serie B Quanti sono gli italiani interessati alla Serie B? Qual è il loro identikit? Quali le abitudini,

Dettagli