Facoltà di scienze della Formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Facoltà di scienze della Formazione"

Transcript

1 Facoltà di scienze della Formazione Laurea triennale in Formazione e Risorse Umane Corso di Politica Economica e Gestione delle Risorse Umane Prof. Aldo Gandiglio TESINA Distruzione Creatrice: come la Globalizzazione cambia le culture del mondo A cura di : Terentii Cristina A.A. 2013/2014 1

2 INDICE Che cos è LA GLOBALIZZAZIONE... 3 Origini della globalizzazione... 5 Globalizzazione Culturale... 6 Globalizzazione e Società della Conoscenza... 8 La competitività nel mercato globale Aspetti positivi e negativi della globalizzazione Riflettere sui problemi per trovare soluzioni Conclusioni Bibliografia Sitografia

3 L'antica distinzione tra uomo e natura, tra abitante di città e abitante di campagna, tra greco e barbaro, tra cittadino e forestiero, non vale più: l'intero pianeta è ormai diventato un villaggio, e di conseguenza il più piccolo dei rioni deve essere progettato come un modello funzionale del mondo intero LEWIS MUMFORD Che cos è LA GLOBALIZZAZIONE La parola globalizzazione è entrata nel vocabolario quotidiano negli ultimi trent anni provocando uno dei dibattiti più appassionati. Sempre di più si sente parlare di globalizzazione, sempre di più i giornali, la tele visione, insomma i mezzi di informazione si occupano dell'argomento. Ma esattamente per globalizzazione COSA SI INTENDE? GLOBALIZZAZIONE COSA VUOLE DIRE? Per il termine globalizzazione, a quanto pare, non esiste una definizione precisa e ampiamente accettata ad essa vengono riconosciuti differenti significati e riferimenti diversi. Nella sua accezione più generale, il concetto di «globalizzazione» indica un insieme assai ampio di fenomeni, connessi con la crescita dell integrazione economica, sociale e culturale tra le diverse aree del mondo. L'OCSE(Organizzazione per la Cooperazione e lo sviluppo Economico) definisce la globalizzazione co me un processo attraverso il quale mercati e produzione nei diversi paesi diventano sempre più interdipen denti, in virtù dello scambio di beni e servizi e del movimento di capitale e tecnologia. La globalizzazione si riferisce perciò principalmente ai mercati - più quelli finanziari che quelli economici - ma in realtà com prende ogni aspetto dalla vita moderna. Il sociologo U. Beck individua tre diversi utilizzi del termine, e distingue tra : Globalismo, quando il riferimento è a un idea di mercato mondiale, di neoliberismo che sostituisc e o rimuove l azione politica. Ad esso si contrappone la posizione di coloro che dicendo no al glob alismo si schierano con intonazioni diverse a favore di un sostanziale protezionismo. Globalità, nel senso di società mondo, in cui la rappresentazione di spazi chiusi perde significato. In questo caso si ha riguardo sia a quella nuova forma di globalizzazione che ha per oggetto gli uo mini ed è l immigrazione che alla globalizzazione dei diritti e condivisione dei valori Globalizzazione, quando si guarda al processo attraverso il quale gli Stati nazionali e le loro sov ranità, vengono condizionati e connessi trasversalmente da attori transnazionali, con apertura di sp azi importanti per le culture locali. La globalizzazione economica si concretizza in una intensificazione degli scambi commerciali accompag nata dall abbattimento delle barriere commerciali; in una crescita esponenziale dei flussi finanziari all int erno di mercati sempre più interconnessi; nell aumento del numero, delle dimensioni e dell influenza dei gruppi economici transnazionali; nella diffusione delle nuove tecnologie, soprattutto nel campo dell infor mazione, con l affermarsi, per alcuni, di un nuovo modello economico (la new economy); Con gli anni si è riusciti a superare il concetto esclusivamente economico del termine, avviando il processo su tutti i campi. La globalizzazione può essere vista come una internazionalizzazione di determinati prodotti, suscitando una crescente omologazione a livello mondiale dei consumi, una standardizzazione dei comportamenti antropologico-culturali, ai danni delle specificità locali. Il processo di globalizzazione implica una diffusione a livello mondiale di determinati prodotti e attività, seco 3

4 ndo il motto: "Think global & act local"(pensare globalmente ed agire localmente) Ma quando è iniziato questo processo? Quando è cominciata la globalizzazione? Nella seconda parte cer cheremo una risposta a questa domanda. 4

5 Origini della globalizzazione La globalizzazione non è un fenomeno nuovo. Secondo alcuni pensatori, il processo di globalizzazione ha origini molto lontane. C'è chi sostiene che questo processo fu avviato al tempo dei Fenici, Cartaginesi e G reci ed ebbe un impennata decisa nella seconda metà del 1200 poi venne potenziato con le imprese dei gran di esploratori del , soprattutto con la scoperta dell'america. Altri sostengono che con la rivoluzi one industriale di fine '700, altri ancora col periodo che precedette la prima guerra mondiale. Nel 1929, la globalizzazione conobbe i tempi bui della crisi. Globale fu il contagio del crollo della Borsa di Wall Street e negli anni Trenta i paesi si chiusero a riccio, innalzando di nuovo le barriere che li separavano. Prima della crisi di Wall Street, però, lo sviluppo della globalizzazione era già stato ostacolato da una seri e di tragici eventi,soprattutto, della Prima guerra mondiale. Dopo la seconda guerra mondiale si è sviluppata sempre di più una politica di libero scambio ed è accresci uta in proporzioni fino ad oggi del tutto sconosciute la mobilità delle persone e delle cose. "Il nostro è un mondo nuovo di zecca, fatto di subitaneità. Il tempo è cessato, lo spazio è svanito. Ora noi v iviamo in un villaggio globale, in un avvenimento simultaneo", così McLuhan introduceva l espressione nel suo famoso libro Understanding media (1964).La globalizzazione investe ogni campo ed il risultato, l'effett o di questo fenomeno è quello che accade in un punto qualsiasi del pianeta è come se avvenisse sotto casa, accanto a noi come se vivessimo in un immenso villaggio. Infine, una data di nascita vera e propria è difficile da stabilire, quello che è certo è che a partire dagli anni '70 del secolo scorso ha subito un'accelerazione senza confronti col passato. I fatti più rilevanti sono stati: l a dichiarazione sulla liberalizzazione dei movimenti di capitale, fatta dal presidente americano Richard Nix on nel 1971, insieme alla non convertibilità del dollaro, la politica Reagan - Thatcher degli anni '80, e anco ra di più con la caduta del muro di Berlino del 1989, che ha aperto i mercati dell'est al libero mercato, dal b ipolarismo USA-URSS si è passati alla triade: USA-Giappone-Europa. Una sorta di Distruzione creatrice sembra che ha investito gli ultimi decenni del ventesimo secolo. Agli i nizi del Duemila non è rimasto alcun angolo di alcun continente, alcun gruppo umano o popolazione, le cu i condizioni di vita non subiscano direttamente o indirettamente, per il meglio o per il peggio,l'influenza de l mercato mondiale. Oggi viviamo in un Mondo globale, interconnesso, integrale, un mondo unico, senza frontiere, dove tutto e tutti sono sempre raggiungibili. Il progresso tecnologico, divenuto sempre più veloce, ha ridimensionato le barriere naturali agli scambi e alle comunicazioni, contribuendo alla forte crescita registrata dal commercio internazionale e dagli investimenti diretti all estero. Ma la globalizzazione non è solo questo. <<E in atto u na rivoluzione sociale e culturale come conseguenza della globalizzazione economica>>dice un commenta tore della CNN.<<Essa riguarda l impiegato americano quanto l uomo della strada di Mosca o il manager d i Tokyo. Ciò significa che quello che facciamo in e per America vale per ogni altra parte del mondo. Le no stre notizie sono notizie globali.>>(u.beck,che cos è la globalizzazione) 5

6 La globalizzazione culturale è una forma di totalitarismo. Jean-Luc Godard, su la Repubblica, 2004 Globalizzazione Culturale La globalizzazione dell agire economico viene accompagnata da ondate di trasformazione c ulturale, un processo designato come globalizzazione culturale. Si parla di "globalizzazione culturale" quando si vuole evidenziare che alcuni stili di vita e alcune abitudini si diffondono rapidamente da un luogo all altro della Terra, spesso a scap ito delle tradizioni locali, che invece vanno scomparendo. Numerosi sociologi come U.Beck, P.Berger, G.Ritzer ecc. hanno richiamato l attenzione su alcuni fenomeni, modelli da imit are universalmente, cioè della presenza di una cultura globale emergente. Nella propagazione della global culture un fattore cruciale è il linguaggio. Al giorno d oggi l inglese è parlato come prima lingua da circa trecento milioni di persone ed un quint o della popolazione mondiale possiede un ottimo livello di competenza linguistica. Propagat osi grazie agli scambi commerciali e soprattutto per mezzo di Internet, Hollywood e della c ultura del consumo, è diventato il tramite con cui la Torre di Babele globale può comunic are, tanto che questa lingua franca è stata ribattezzata globish (global English). Secondo il sociologo americano P.Berger la dinamica sociologica del processo di globalizz azione è segnata dalla <<sfida lanciata dalla cultura globale emergente di provenienza preva lentemente occidentale e americana, che penetra il resto del mondo sia sul piano dell élite c he su quello popolare>>,rispetto alla quale la risposta data dalle differenti culture oscilla << fra l accettazione e il rifiuto, con posizioni intermedie di coesistenza e di sintesi>>(berger,2 002,2). Il fatto della diffusione su scala mondiale di catene di fast-food, parchi di divertimento, clu b-vacanze ecc., ha suggerito al teorico Ritzer di identificare la globalizzazione con la Mc donaldizzazione. Ritzer è convinto che la mcdonaldizzazione non si limiti alla ristorazione ma sia ormai estesa" alla scuola,il mondo del lavoro, i viaggi, l'alimentazione,la politica, la famiglia", ovvero ad ogni settore della società. Da questo punto di vista la posizione di Ritz er si colloca dalla parte dei teorici che vedono nei processi di globalizzazione in corso la co ndizione di possibilità della formazione di un "mondo unico" improntato ai modelli e agli st ili di vita americani. Esso definisce la Mcdonaldizzazione come un processo di omologazio ne e spersonalizzazione che con i suoi prodotti occupa un posto di primo piano nella cultura di massa. La globalizzazione viene vista dunque da questi autori come sinonimo di one-dimensional way: come colonizzazione /omologazione planetaria sul modello americano; secondo quest e prospettive l'unica realtà globale è quella americana. Questa "American Way of life" quest 6

7 o stile di vita, sta conquistando il mondo.i processi di globalizzazione sono il veicolo della diffusione del "Modello McDonald's "nella vita quotidiana di individui di società le più lont ane,e per altri aspetti,le più diverse tra loro. Iniziata negli anni Ottanta,la globalizzazione dei consumi è ormai giunta oggi a livelli pr essoché assoluti. Lo studioso Ohmae, discutendo del sistema economico dei consumi, ha de scritto la convergenza dei gusti e delle preferenze delle giovani generazioni, dall'america L atina all'estremo Oriente,come un processo di californizzazione. Il simbolo della diffusione a livello mondiale dei consumi occidentali è diventata la Coca-Cola. Nell Asia orientale, pe r definire questa diffusione,che è vista come una specie di nuova invasione coloniale, si ad opera addirittura un po seriamente un po ironicamente, il termine «Cocacolonizzazione». Il fenomeno di occidentalizzazione suscita paure e contrasti. Negli ultimi tempi in molti paesi dell Africa, dell Asia e dell America Latina, si va diffondendo il timore che l affermarsi di consumi e mode occidentali porti alla graduale scomparsa di molte tradizioni culturali locali. È nato cioè, nei confronti dell occidente, un atteggiamento misto, di attrazione-rifiuto. Accanto alla voglia di godere della cultura e della tecnologia occidentale, cresce un avversione dovuta, in parte, al ricordo del colonialismo e dell arroganza razzista dei bianchi, e in parte all orgoglio di appartenere a grandi culture, non inferiori a quelle europee e americane, ma minacciate oggi dall influenza dei modelli occidentali. Dunque,come nottava il teorico P.Berger, la grande sfida che stanno per affrontare le realtà locali nazionali, regionali, provinciali e di accettare l omologazione culturale in nome dell America sovrana oppure di opporsi a tale livellamento della società tirando fuori il proprio background secolare, fatto di cultura e tradizioni. 7

8 Globalizzazione e Società della Conoscenza La forza degli individui risiede nella loro capacità di apprendere, cioè di dominare l informazione, di assimilarla, di trasformarla in conoscenza e di utilizzarla in modo rapido ed efficace" (Henry 1996). Fino agli anni cinquanta, l elaborazione e la comunicazione del sapere coinvolgeva una minoranza di esperti, i contenuti erano definiti soprattutto da contesti istituzionali ed accademici. Le nuove tecnologie possono consentire la comunicazione delle conoscenze a tutti gli individui. La multimedialità, la realtà virtuale, le reti telematiche, i satelliti digitali, Internet, modificano i processi di comunicazione del sapere ma anche i modi con cui si acquisiscono. Questi cambiamenti inducono il passaggio da una società dell informazione ad una società della conoscenza. Questo modello di società si sviluppa sul cosiddetto triangolo della conoscenza, composto da tre elementi essenziali: Istruzione Innovazione Ricerca Sinteticamente la società della conoscenza potrebbe essere definita, come riporta anche Alberici in Imparare sempre nella società della conoscenza, come una società che: stimola e consente che tutti i suoi membri e gruppi sviluppino continuamente le loro conoscenze, capacità e attitudini. L istruzione è ancorata alla cultura come sua primaria condizione di esistenza. Ciò è considerato altamente importante nei programmi di molte istituzioni sociali. Oltre ai sistemi di istruzione numerose altre agenzie sono coinvolte, i mass-media, le organizzazioni sindacali, le industrie e il commercio, i servizi sanitari, [ ] e quant altro. Il termine conoscenza evoca un sapere di grande respiro, che va al di là della semplice informazione, che è in grado di penetrare oltre la superficie delle cose, di stabilire relazioni, di operare astrazioni e di abbracciare la complessità e la molteplicità. La società della conoscenza ci richiede di rapportarci con un sapere dalle caratteristiche nuove: dinamicità, distribuzione e globalizzazione, complessità. Per la prima volta i temi della conoscenza sono stati individuati come portanti nella riunione straordinaria tenutasi a Lisbona nel marzo del Con la Strategia globale concertata l'unione si è prefissata l obiettivo strategico di diventare l'economia basata sulla conoscenza più competitiva e dinamica del mondo, in grado di realizzare una crescita economica sostenibile con nuovi e migliori posti di lavoro e una maggiore coesione sociale. 8

9 Nella Strategia di Lisbona si ribadisce che «le persone sono la principale risorsa per l Europa» e che l educazione e la formazione devono essere «adeguate alle esigenze della società dei saperi e alle necessità di migliorare il livello e la qualità dell occupazione». La prosecuzione del ciclo della strategia di Lisbona che si conclude nel 2010 è rappresentata dalla nuova Strategia Europa 2020 che ha aiutato l'unione ad attraversare la tempesta della recente crisi. La Commissione ritiene che la strategia UE 2020 debba concentrarsi su: crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione; crescita sostenibile: promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e più competitiva; crescita inclusiva: promuovere un'economia con un alto tasso di occupazione che favorisca la coesione sociale e territoriale. Come si è notato la nuova strategia UE 2020 dovrà rafforzare la dimensione sociale, coniugare in maniera efficace e coerente la strategia di ripresa economica, la strategia per la crescita e l occupazione, lo sviluppo sostenibile e l attenzione per i cambiamenti climatici. In questo scenario sta crescendo sempre di più la consapevolezza dell entrata in crisi del circolo virtuoso innovazione-sviluppo-crescita-occupazione, e quindi dell esigenza di preparare gli individui ad inserirsi costruttivamente in un modello di società dinamico ed in continua evoluzione e in un mercato del lavoro estremamente flessibile che richiede professioni nuove, professioni emergenti e l attualizzazione delle professioni tradizionali. Una delle trasformazioni che riguardano il mondo lavorativo scaturisce dalla progressiva dematerializzazione del lavoro e all aumento dei lavoratori della conoscenza, i cosiddetti knowledge workers, intesi come coloro che fanno della conoscenza e del sapere la base su cui impostare tutto il percorso lavorativo. Questo implica, per i sistemi di istruzione e formazione, sia un prolungamento delle stesse verso l istruzione terziaria (universitaria o tecnicoprofessionale superiore) sia una ridefinizione delle professionalità. La nuova professionalità richiede di sviluppare una capacità di utilizzare diverse competenze e conoscenze (conoscenze specifiche, capacità relazionali e operative, competenze sociali, ecc.) e che vengano, quindi, forniti a giovani e adulti percorsi educativi e formativi che si fondino su solide basi di istruzione iniziale in previsione di favorire e orientare verso percorsi di livello medio-alto. Dunque, per i sistemi educativi si profilano nuovi compiti: da una parte promuovere la formazione degli strumenti concettuali necessari per rapportarsi con i nuovi saperi e dall altra rendere i processi di apprendimento al loro interno sinergici con quelli che hanno luogo spontaneamente, soprattutto sulla rete, al di fuori dei contesti istituzionali. 9

10 La formazione deve raggiungere un utenza di massa diversificata anche rispetto all età. Non è più possibile acquisire una professionalità valida per tutto l arco della vita. Ciò comporta lo sviluppo di capacità per inserirsi in un processo di apprendimento continuo, spesso realizzato in situazioni di autoapprendimento, rivolto non solo a sviluppare competenze settoriali specifiche, ma anche capacità cognitive superiori (attitudini al ragionamento, alla risoluzione dei problemi e alla pianificazione delle azioni) ed abilità sociali (autonomia, capacità di comunicazione e di collaborazione). La sfida per l Europa è affrontare i cambiamenti derivanti dalla svolta epocale risultante dalla globalizzazione e dalla nuova economia basata sulla conoscenza cercando di mantenere coerenti i propri valori e concetti di società. 10

11 La competitività nel mercato globale Nei precedenti capitoli abbiamo sottolineato la varietà di significati che porta in sé il fenom eno di globalizzazione. Secondo il grande studioso Luciano Gallino uno dei significati più noti di questo fenome no è di "universalismo del mercato", cioè un' espansione mondializzante del mercato. Il termine mercato è stato definito dai numerosi teorici come un complesso e instabile esito d'un processo di costruzione sociale,nel quale un ruolo decisivo appare svolto dallo st ato. Al presente,la costruzione sociale del mercato a livello planetario è orientata e per dive rsi aspetti imposta a tutti i livelli (economico, politico, culturale) dalle direttive del G-7(il gr uppo dei sette paesi più industrializzati del mondo );dagli accordi della OCSE; dalle norme del Fondo monetario internazionale; dalle azioni della Banca mondiale e della Banca per i r egolamenti internazionali; dalle politiche della Organizzazione mondiale per il commercio. Un economia globale è un economia le cui attività centrali funzionano come un unità int egrata che opera simultaneamente su scala planetaria. I mercati dei capitali sono interconnes si in tutto il mondo, in modo che in tutti i paesi i risparmi e gli investimenti, anche se non so no investiti globalmente, dipendono per i loro risultati dall evoluzione e dal comportamento dei mercati finanziari globali. Un momento di grande rilevanza è la partecipazione ai merc ati globali di numerosi paesi in via di sviluppo come la Cina, Filippine, Malesia, India, Messico, Argentina, Brasile e altri. La combinazione tra progresso tecnologico, minori costi di trasporto e liberalizzazione del le politiche nell Unione europea e altrove ha determinato un incremento dei flussi commerc iali e finanziari tra i paesi, con importanti ripercussioni sul funzionamento dell economia de ll UE. Il segno principale dell economia globale è stata l accelerazione, senza precedenti per la sua dimensione quantitativa, del commercio mondiale. Per quanto il tasso di crescita registrato i n anni precedenti sia comunque stato elevato, grosso modo doppio rispetto alla crescita del prodotto interno lordo, è negli anni 90 che la progressione del commercio mondiale (in part icolare dei prodotti industriali) si disaccoppia dalla crescita della produzione e del reddito. T ra il 1990 e il 2000, mentre la produzione è cresciuta del 27% e il reddito mondiale del 25%, il volume delle esportazioni è presso chè raddoppiato (+96%) e in valore è cresciuto dell 80%. Gli effetti dell'espansione priva di regole del mercato e dei mercati sono da vedersi princi palmente nel fatto che gli individui, le imprese, i paesi si trovano a dover competere duram ente gli uni con gli altri allo scopo di sopravvivere, siano o no attrezzati per farlo. 11

12 La competizione è la forza motrice della globalizzazione. Essa è necessaria per costruire un modello destinato a durare nel tempo, sostenibile, che sappia conservare il suo posto nel mo ndo di domani, dove si viva bene, vi sia prosperità e coesione sociale piuttosto che disoccup azione, esclusione, disparità crescenti, povertà e insicurezza. Secondo la teoria economica tradizionale, il regime di libera concorrenza realizza una sit uazione di ottimo, cioè la migliore situazione possibile, per la collettività. Ciò accadrebbe p er tre motivi: 1) in concorrenza, il prezzo dei beni tende ad eguagliare il costo dei produzioni dei beni st essi; 2) la concorrenza realizza la sovranità del consumatore; 3) la concorrenza spinge le imprese ad utilizzare i fattori produttivi (capitale e lavoro) in modo efficiente (cioè economico o razionale) e fa ottenere nel sistema economico il massim o volume possibile di produzione (di beni e servizi). Nel contesto globale che si è contornato l Europa deve sostenere la forte concorrenza dell e economie a bassi costi, come quella cinese e indiana, e di quelle incentrate sull innovazio ne, come quella statunitense. L'unica soluzione è essere sempre due spanne avanti agli altri, in altre parole "innovazione, innovazione, innovazione". Occorre realizzare prodotti sempre più innovativi, servire i clienti sempre meglio, creare delle procedure interne che diminuisca no tutti gli sprechi e le inefficienze. Per quanto riguarda la competitività complessiva dell Italia, dal Global Competitiveness Report elaborato dal Word Economic Forum, ci risulta che resta il paese del G7 con il ranking più basso,posizionandosi al quarantatreesimo posto superata da paesi come Barbados, Porto Rico, Malesia ed Estonia. I maggiori problemi che bloccano la competitivit à in Italia sono l inefficienza della burocrazia e le aliquote fiscali, ma anche l accesso al cre dito, regole restrittive sul mercato del lavoro e il livello inadeguato delle infrastrutture.un s uggerimento del Fondo monetario internazionale in riferimento al miglior amento della competitività arriva da un documento secondo cui è urgente superare il nanis mo delle aziende e spingere l acceleratore sull innovazione ed efficienza. Nell era della globalizzazione occorre essere competitivi per garantire, mantenere nel temp o e potenziare i modelli locali che entrano tra loro in contatto gettando il fondamento di un mercato globale. Gli Stati, sotto lo stimolo delle istituzioni, si dovranno fare carico di creare istituzioni adatte alla competizione globale, ossia regole del gioco che offrano opportunità e non vincoli, e giocatori preparati a sfruttarle positivamente. 12

13 Aspetti positivi e negativi della globalizzazione La globalizzazione, così come la definiamo noi uomini ricchi, è qualcosa di molto interessante. perché parliamo di internet, di cellulari, di personal computer. Peccato che tutto ciò non comprenda ben due terzi del mondo Jimmy Carter La globalizzazione offre grandi opportunità per il progresso umano: l'era della globalizzazio ne sta aprendo numerose possibilità per milioni di individui favorendo una serie di benefici come: 1. la costruzione del grande mercato interno ; 2. la ricchezza mondiale e possibilità di sviluppo ; 3. la libertà culturale ; 4. una politica globale responsabile ; 5. i progressi tecnologici ; 6. l'istruzione la formazione ; 7. il mondo del lavoro ; 8. una migliore organizzazione aziendale. Ma come ogni cosa ha i suoi pro e contro, da alcuni è vista come una salvezza e da altri come un nemico da temere. La globalizzazione quindi divide due gruppi di pensiero: i pro che sostengono la necessità di eliminare tutte le barriere doganali in modo da aprire i m ercati dei paesi industrializzati alle esportazioni dei paesi poveri e secondo cui il livello dell e aspirazioni si è alzato ed il benessere permette di sopportare la disoccupazione in attesa di trovare un lavoro desiderabile. Coloro che sono contro la globalizzazione ( i NO GLOBAL) credono che con essa si costruiscono grandi ricchezze e si rovinano intere nazioni tramite m ovimenti di capitale che speculano sui paesi più poveri che,invece che svilupparsi, rimango no perennemente subordinati al potere delle multinazionali. In questo contesto si diffondon o i seguenti fenomeni negativi : 1) Instabilità finanziaria e insicurezza economica 2) Insicurezza relativa al posto di lavoro e al reddito 3) Insicurezza culturale. Esistono certo basi teoriche e fattuali per affermare che attraverso il progresso e la diffu sione delle tecnologie dell'informazione,del libero movimento dei capitali e dell'espansione del commercio mondiale, la globalizzazione reca in sé importanti opportunità. Sono opportu nità di crescita economica ;di sviluppo sociale e personale; di riduzione della disoccupazion e e della povertà che è diminuita più negli ultimi 50 anni che durante gli ultimi 500;di migli 13

14 oramento della qualità del lavoro e della vita. Gli effetti diretti della globalizzazione sono stati oggetto di grande discussione. Una delle più importante conseguenze che si rivela un arma dal duplice taglio è la concorr enza: da un lato essa incoraggia la creatività e l'innovazione e mantiene controllati i prezz i delle materie prime e dei servizi ma dall altro lato molti Paesi poveri vengono esclusi dal commercio mondiale non potendo competere con le grandi multinazionali, le vere protagoni ste della globalizzazione; in conseguenza di ciò cresce il divario tra Nord e Sud del mondo. Un altro fenomeno causato dalla globalizzazione che può essere considerato sia positivame nte che negativamente è lo spostamento delle multinazionali occidentali nei paesi del Terzo Mondo, cosiddetto il fenomeno della delocalizzazione.questo fenomeno ha come causa pri ncipale il basso costo della manodopera nei paesi del Terzo Mondo dove, la popolazione po vera accetta stipendi molto bassi; se da un lato questo fenomeno ha permesso un aumento dei posti di lavoro e quindi una diminuzione della disoccupazione nei paesi del terzo mondo, d'altro canto ha favorito lo sfruttamento delle popolazioni del Terzo Mondo allargandosi a nche il lavoro e lo sfruttamento minorile (cf. palloni, scarpe e tappetti fatti dai bambini); ed una crisi crescente nei paesi occidentali dove aumentano i licenziamenti. Lo spostamento delle aziende occidentali nel Terzo Mondo a sua volta ha favorito l'industri alizzazione dei paesi del Terzo Mondo e quindi l'unificazione economica di tutto il pianeta. La Commissione europea calcola che circa un quinto del miglioramento del tenore di vita nell UE negli ultimi 50 anni è attribuibile alla globalizzazione. Per questa ragione l UE ha a ssunto un atteggiamento decisamente favorevole ad una maggiore apertura economica. La s ua politica commerciale si è rivelata un importante strumento per guidare la liberalizzazione degli scambi a livello mondiale. In conclusione, secondo Joseph Stiglitz- premio Nobel per l'economia nel 2001 ed ex con sulente della Banca Mondiale- la globalizzazione è una forza positiva che ha portato enormi vantaggi ad alcuni, ma per il modo in cui è stata gestita, tanti milioni di persone non ne han no tratto alcun beneficio e moltissime altre stanno ancora peggio di prima. 14

15 Riflettere sui problemi per trovare soluzioni Conclusioni Se non prendiamo atto dei problemi della globalizzazione e non li affrontiamo, sarà difficile proseguire su questa strada. J. Stiglitz In conclusione di questa tesina proverò a sviluppare alcune riflessioni sui problemi e sulle eventuale soluzioni che porta in sé il fenomeno della Globalizzazione. Una sorta di "Distruzione creatrice" sembra che ha investito gli ultimi decenni del ventesimo secolo fino al giorno d oggi. Molto si è discusso sui problemi che sono emersi con l affermarsi del fenomeno della globalizzazione. Uno dei problemi più noti è il fenomeno delle nuove schiavitù, causato della povertà presente nel Terzo Mondo. Secondo lo studioso Kevin Bales, essa presenta le seguenti caratteristiche: 1) la violenza, attraverso la quale si ottiene l'obbedienza; 2) la durata: tipiche della nuova schiavitù sono, infatti, la prigionia di breve durata; breve può voler dire 10 settimane come 10 anni, ragion per cui gli schiavisti non hanno interesse per la salute del loro investimento. I nuovi schiavi sono una merce"usa e getta"; 3) la perdita del controllo sulla propria vita da parte della schiavo; 4) l'inesauribilità del debito nei confronti del padrone. Un lato ancora più oscuro della nuova schiavitù è la schiavitù minorile che si sta affermando nei nuovi paesi emergenti come la Cina-che può essere considera oggi la fabbrica del mondo- e l'india- diventato il più importante paese al mondo nel settore informatico. Anche se stanno attraversando una eccezionale fase di crescita economica, culturale e sociale comunque al loro interno permangono forti squilibri sociali e un crescente divario tra poveri e ricchi. 15

16 Come un esempio della povertà ed emarginazione dell attuale terzo mondo globalizzato voglio citare la storia di Iqbal che può essere considerata una metafora della schiavitù minorile dell'economia globale. Iqbal Masih è il ragazzo pakistano di 12 anni che è diventato in tutto il mondo il simbolo della lotta contro la schiavitù minorile. Questo grazie al coraggio dimostrato nel ribellarsi alla tirannia dei suoi padroni. Le sue gesta sono state da insegnamento per altri piccoli schiavi. E' molto difficile stabilire con esattezza il contributo fornito dagli schiavi all'economia mondiale ma dai calcoli degli studiosi si stima un profitto totale annuo di tredici miliardi di dollari. Nell era della globalizzazione siamo tutti coinvolti e influenzati anche da eventi a grande distanza, perciò dobbiamo prendere coscienza degli effetti della povertà dei paesi del sud del mondo e trovare delle soluzioni. Come sostiene un studioso del fenomeno : L'integrazione economica globale ha contribuito alla riduzione della povertà, ma l'economia globale potrebbe essere molto più inclusiva: non si può continuare ad escludere dalla crescita economica il gruppo dei paesi più poveri circa un quinto della popolazione mondiale vive con meno di un dollaro al giorno e questo è inaccettabile Un alto problema di quale dobbiamo prendere coscienza e la criticità ambientale. Il nostro pianeta continua a correre forti rischi di sostenibilità ambientale a causa del modello di sviluppo economico dominante. Il global warming causa: 1) immissione nell atmosfera di gas serra (anidride carbonica, metano, sostanze inquinanti) prodotti dall attività industriale dell uomo. 2) deforestazione indiscriminata dei polmoni verdi della Terra che porta a grave conseguenze come all amplificazione dell effetto serra naturale,all aumento della temperatura sulla terra ed a cambiamenti climatici(fusione dei ghiacciai, desertificazione, fenomeni meterelogici estremi ed imprevedibili).su questi aspetti purtroppo continua a mancare una adeguata risposta da parte dei policy maker delle principali nazioni del mondo ma comunque si stanno esplorando le possibilità per una società economicamente ed ecologicamente sostenibile. Con la globalizzazione il mondo si sta trasformando. La maggioranza delle persone vive sempre nello stesso posto e non si rende conto che con la globalizzazione ne facciamo ormai tutti parti di una comunità globale. Siamo tutti coinvolti in questo processo: non si può fermare, ma si può cercare di indirizzarlo per viverlo al meglio. 16

17 La sfida che si pone per tutti gli Stati è l affrontare la diversità degli squilibri presenti nel mondo globale, come: - l aumento della povertà del Terzo mondo; - l invecchiamento della popolazione nel mondo sviluppato che lascia scoperti alcuni lavori; - emigrazione dei paesi poveri del terzo mondo verso quelli più ricchi dell Europa e del America del Nord dove c è la necessità di accoglienza e l integrazione degli immigrati ecc. Per superare tutti gli squilibri serve favorire lo sviluppo economico del terzo mondo, eliminare i focolai di guerra e di ridurre le spese militari. Il grande studioso Joseph Stiglitz ritiene che la globalizzazione possa essere una forza positi va e che abbia tutte le potenzialità per arricchire chiunque nel mondo, in particolare i poveri.ma perchè ciò avvenga, è necessario un ripensamento attento del modo in cui essa è stata gestita,degli accordi commerciali internazionali che tanto hanno fatto per eliminare quelle b arriere e delle politiche che sono state imposte ai paesi in via di sviluppo durante il processo di globalizzazione. In conclusione: Nell'età della globalizzazione,<<se le opportunità globali non si muovono verso la gente, allora sarà inevitabile la gente a muoversi verso le opportunità globali.>> 17

18 Bibliografia Ulrich Beck Che cos è la globalizzazione Carocci,2002 Leonardo Allodi Globalizzazione e relativismo culturale, EdizioniStudium-Roma,2003 Joseph E.Stiglitz La globalizzazione che funziona,einaudi,2007 La globalizzazione e i suoi oppositori 2003 Luciano Gallino Globalizzazione e Disuguaglianze 2009 Sitografia buzione/#.ux45tfl5pve zazione.html 18

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI

MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI 1 MANIFESTO PER UN SISTEMA MONDIALE DI COOPERAZIONE PER LO SVILUPPO DEI TERRITORI Quest iniziativa è lanciata, in occasione di Expo 2015, dalle reti internazionali degli attori pubblici, associativi e

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

e-learning Pensare all'istruzione di domani

e-learning Pensare all'istruzione di domani 1 COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE e-learning Pensare all'istruzione di domani Introduzione Durante il Consiglio europeo di Lisbona, tenutosi nei giorni 23 e 24 marzo 2000, i Capi di Stato e di Governo,

Dettagli

Il Boom Economico 1945-1960

Il Boom Economico 1945-1960 Sistema Mondo - La ricostruzione postbellica: 1 -Investimenti nell economia e nel sociale con particolare riguardo all istruzione e alle opere pubbliche; 2- Veloce incremento demografico nei paesi dell

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

PIL e tasso di crescita.

PIL e tasso di crescita. PIL e tasso di crescita. 1.1 Il lungo periodo PIL è una sigla molto usata per indicare il livello di attività di un sistema economico. Il Prodotto Interno Lordo, misura l insieme dei beni e servizi finali,

Dettagli

La trappola della stagnazione

La trappola della stagnazione Conversazione con Michael Spence e Kemal Dervis La trappola della stagnazione 52 Aspenia 66 2014 ASPENIA. La crisi finanziaria esplosa nel 2008, divenuta una crisi economica semiglobale, si è negli anni

Dettagli

Il riscaldamento del pianeta influirà sull economia globale Giovanna Dall Ongaro

Il riscaldamento del pianeta influirà sull economia globale Giovanna Dall Ongaro Il riscaldamento del pianeta influirà sull economia globale Giovanna Dall Ongaro L aumento della temperatura metterà in crisi l economia globale, non solo quella dei Paesi poveri. Per la prima volta, un

Dettagli

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche?

L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? L Internazionalizzazione dell Economia Italiana: Nuove Prospettive, Nuove Politiche? Sintesi dei risultati Premessa L internazionalizzazione del sistema produttivo italiano costituisce uno degli obiettivi

Dettagli

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione:

Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE. L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Incontro ad Alto Livello del Comitato Turismo dell OCSE L Economia del Turismo e la Globalizzazione: Un motore per l innovazione, la crescita e l occupazione 9-10 ottobre 2008 CENTRO CONGRESSI, RIVA DEL

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

educazione alla legalità

educazione alla legalità Coordinamento LIBERA TOSCANA educazione alla legalità e alla cittadinanza attiva Percorsi e Laboratori Per la scuola primaria, secondaria di primo e secondo grado a.s. 2011-2012 In collaborazione con:

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan Scegliamo di unire il potere dei mercati con l autorevolezza degli ideali universalmente riconosciuti. 1. Le opportunità del Patto

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

La globalizzazione ci renderà tutti uguali?

La globalizzazione ci renderà tutti uguali? La globalizzazione ci renderà tutti uguali? Suzanne Berger insegna Scienze Politiche al MIT di Boston ed è l autrice di How We Compete. Questo libro riporta i risultati di un indagine condotta, con altri

Dettagli

Il rinnovato impegno della comunità internazionale

Il rinnovato impegno della comunità internazionale Il rinnovato impegno della comunità internazionale La situazione dei Paesi poveri Sei anni fa le Nazioni Unite hanno lanciato il programma Millennium Development Goals (MDGs, ossia «Obiettivi per lo sviluppo

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929

CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 CRISI MONDIALE! CONFRONTI ED ANALOGIE CON IL 1929 Sintesi del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Facoltà di Scienze Politiche - per l'insegnamento di Geografia Economica. Milano, aprile

Dettagli

Colonialismo e Neocolonialismo

Colonialismo e Neocolonialismo Colonialismo e Neocolonialismo Introduzione Nella sua definizione propria, il colonialismo viene rappresentato come l'estensione della sovranità di una nazione su territori e popoli all'esterno dei suoi

Dettagli

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi

TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi TRACCIA INTERVENTO Quale finanza per uno sviluppo partecipato in America Latina? Franco Caleffi Gentili ospiti e convenuti, dopo un incontro così denso di interventi e ricco di stimoli cercare di tirare

Dettagli

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD

,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRURDOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD ,FRPSXWHUFDPELDQRLOPHUFDWRGHOODYRUR"DOFXQL FRQWULEXWLGHOODVFLHQ]DHFRQRPLFD Scritto con Maria Cristina Piva. Pubblicato su Rassegna Sindacale 2000. Il mercato del lavoro degli Stati Uniti e quello dei grandi

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO

ALFABETIZZAZIONE E OBIETTIVI DEL MILLENNIO ORIENTAMENTI INTERNAZIONALI NELL EDUCAZIONE DEGLI ADULTI IL CONTESTO DELLE INIZIATIVE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa

L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa L EUROPA SI MUOVE, E TU? Cambiare per premiare chi merita: la nostra scommessa in Europa In una realtà economica complessa ed in rapida evoluzione la responsabilità per i giovani di cercare un cambio di

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia

La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy. Rosanna Laraia La nuova politica di gestione dei rifiuti: riutilizzo, riciclaggio, green economy Rosanna Laraia 1. Introduzione Tutti gli atti strategici e regolamentari dell Unione Europea, a partire dal VI Programma

Dettagli

IV Forum Confcommercio sul Fisco

IV Forum Confcommercio sul Fisco IV Forum Confcommercio sul Fisco Intervento del Ministro dell Economia e delle Finanze Prof. Pier Carlo Padoan al IV Forum Confcommercio sul Fisco Meno tasse, meno spesa Binomio per la ripresa Roma, 22

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

Capitolo III. Problemi dello sviluppo italiano e necessità di una nuova manovra culturale e educativa. Priorità e strategie

Capitolo III. Problemi dello sviluppo italiano e necessità di una nuova manovra culturale e educativa. Priorità e strategie Capitolo III Problemi dello sviluppo italiano e necessità di una nuova manovra culturale e educativa. Priorità e strategie FATTORI DELLA CRISI ITALIANA 1) Debito pubblico Debito pubblico rapportato al

Dettagli

60 anni di Costituzione. La Costituzione e il principio di solidarietà

60 anni di Costituzione. La Costituzione e il principio di solidarietà 60 anni di Costituzione La Costituzione e il principio di solidarietà Costituzione della Repubblica Italiana E la legge fondamentale e fondativa dello Stato italiano. All art. 2 stabilisce che La Repubblica

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento

Nel complesso quindi possiamo considerare l Italia una nazione all avanguardia in termini di efficienza e di contenimento di emissioni e inquinamento Efficienza Energetica L'Italia è tradizionalmente uno dei Paesi dell area OCSE a più elevata efficienza energetica: il consumo finale di energia per abitante, pari a 2,4 tonnellate equivalenti di petrolio/capita

Dettagli

Lezione 10. Slide 10-1

Lezione 10. Slide 10-1 Lezione 10 La politica commerciale nei PVS Slide 10-1 Road Map Introduzione Industrializzazione basata sulla sostituzione delle importazioni Problemi dell economia duale Industrializzazione orientata all

Dettagli

La via cinese alle riforme neoliberiste

La via cinese alle riforme neoliberiste Wan Zhe La via cinese alle riforme neoliberiste 50 Aspenia 73 2016 La Cina sta aggiornando il proprio modello di sviluppo con l adattamento delle teorie economiche neoliberiste la supply side economics

Dettagli

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale

ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) - World Employment and Social Outlook 2015. The Changing Nature of Jobs ILO: aumenta l insicurezza nel mercato del lavoro globale La prima edizione del nuovo

Dettagli

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo

ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Empowerment di Giuseppe Burgio Insegnante e formatore; ricercatore presso l Istituto di Formazione politica «Pedro Arrupe» di Palermo Tra le parole straniere ormai di uso corrente, empowerment è una delle

Dettagli

EMBARGO. Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET)

EMBARGO. Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET) Sintesi del rapporto EMBARGO Da non pubblicare prima di Giovedì 4 dicembre 2014, ore 23:01 GMT (5 dicembre, ore 00:01 CET) Rapporto globale sui salari 2014/15 Disparità di salario e di reddito Rapporto

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

The New Leadership Paradigm

The New Leadership Paradigm Leadership del XXI secolo The New Leadership Paradigm Richard Barrett A cura di Luigi Spiga I 7 stati di coscienza della leadership Servizio Fare la differenza Trasformazione Stima di se stessi Relazione

Dettagli

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE

GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE GLI SCENARI ECONOMICI INTERNAZIONALI E LE OPPORTUNITA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE PER LE PMI TRENTINE Raffaele Farella Dirigente con incarico speciale per l internazionalizzazione e la promozione estera,

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo.

Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. Flexicurity: il ruolo delle Istituzioni europee nel difficile percorso verso una crescita economica che non rinneghi il modello sociale europeo. La flexicurity è uno strumento di disciplina del mercato

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

La classe media americana non è più la più ricca del mondo

La classe media americana non è più la più ricca del mondo RESeT INTERNAZIONALE The New York Times DAVID LEONHARDT E KEVIN QUEALY ED. IT. DI MARIA CARANNANTE 22 aprile 2014 La classe media americana non è più la più ricca del mondo La classe media americana, a

Dettagli

IC Monte San Vito Classe III B Scuola secondaria di primo grado Docente Gilberto Rossi

IC Monte San Vito Classe III B Scuola secondaria di primo grado Docente Gilberto Rossi La globalizzazione IC Monte San Vito Classe III B Scuola secondaria di primo grado Docente Gilberto Rossi 1 ECONOMIA-DIRITTO MULTINAZIONALI MERCATO MONDIALE DELLE MERCI SVILUPPO /SOTTOSVILUPPO PROTEZIONISMO/LIBERISMO

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Lavorare insieme per l'europa del futuro: un nuovo inizio per la strategia di Lisbona

Lavorare insieme per l'europa del futuro: un nuovo inizio per la strategia di Lisbona Lavorare insieme per l'europa del futuro: un nuovo inizio per la strategia di Lisbona JOSÉ MANUEL DURÃO BARROSO HA STUDIATO LEGGE ALL UNIVERSITÀ DI LISBONA ED HA CONSEGUITO UN MASTER IN SCIENZE POLITICHE

Dettagli

Globalizzazione economica

Globalizzazione economica Globalizzazione economica Docente: Antonio Forte Lezione 3 I centri dell economia mondiale: una prospettiva storica La Globalizzazione: una prospettiva storica Benefici e canali di trasmissione della Globalizzazione

Dettagli

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO

DICEMBRE 2009. Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO DICEMBRE 2009 Ufficio Studi PROSPETTIVE E DETERMINANTI DEL PREZZO DEL PETROLIO Prospettive e Determinanti del Prezzo del Petrolio Bruno Chiarini Recessione e petrolio Occorre ricordare che l economia italiana

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D

LA GLOBALIZZAZIONE. Istituto Primario Primo Grado F.D LA GLOBALIZZAZIONE Istituto Primario Primo Grado F.D Un mondo globalizzato La globalizzazione è un fenomeno che si estende a tutta la superficie terrestre o all intera umanità Essa offre grandi possibilità

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

"Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte."francois de La Rochefoucauld

Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte.francois de La Rochefoucauld "Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte."francois de La Rochefoucauld Ma chi sono i veri padroni del cibo? I signori dell'industria alimentare sono 10 e hanno un enorme guadagno

Dettagli

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO

Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Intervento di Paolo Gallana LA POLITICA DI FRONTE AI DIRITTI, ALLE INEGUAGLIANZE SOCIALI, ALLE POVERTÀ, ALLO SPRECO Art. 1 Dalla dichiarazione universale dei diritti dell uomo Tutti gli esseri umani nascono

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti 1-1 Dipartimento di Scienze Politiche Università di Bari Corso di Economia Internazionale 2015-16 Prof. Gianfranco Viesti Modulo 1 Introduzione Hill, capitolo 1 molto integrato C.W.L. Hill, International

Dettagli

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca.

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. Uno degli aspetti più evidenti della cosiddetta globalizzazione è la diffusione di culture, mode, modi di vivere e pensare, oggetti uguali in tutto il mondo.

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici

La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La conferenza delle nazioni unite a Copenhagen sui cambiamenti climatici La quindicesima conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici si è svolta nel Bella Center di Copenhagen, in Danimarca,

Dettagli

Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa

Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa Rinnovare l Europa. Per una comune politica industriale socio-ecologica in Europa L Europa continua ad essere impantanata nella crisi. Dall inizio della grande crisi, nel 2007, la debolezza della crescita

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

2012 Scenari Energetici al 2040

2012 Scenari Energetici al 2040 212 Scenari Energetici al Sommario Fondamentali a livello globale 2 Settore residenziale e commerciale 3 Settore dei trasporti 4 Settore industriale 5 Produzione di energia elettrica 6 Emissioni 7 Offerta

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO L'evoluzione della domanda di turismo e le implicazioni per i modelli di offerta turistica

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO

Luca Limonta 1 L EVOLUZIONE DELLE CLASSI SOCIALI NEL TEMPO Luca Limonta Nella lezione del 30 aprile abbiamo analizzato 4 punti: 1- L evoluzione delle classi sociali nel tempo 2- Le prime rilevazioni statistiche 3- I poveri, una classe particolare 4- L indice di

Dettagli

Simposio Internazionale Economia Solidale e Sviluppo Sostenibile per l Africa

Simposio Internazionale Economia Solidale e Sviluppo Sostenibile per l Africa Simposio Internazionale Economia Solidale e Sviluppo Sostenibile per l Africa Pontificia Accademia delle Scienze Città del Vaticano 29 Novembre 2013 Simposio Internazionale ECONOMIA SOLIDALE E SVILUPPO

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione

Abilità e competenze. Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Abilità e competenze Qual è il confine tra abilità e competenza? Conoscenze, abilità, competenze: Tentativo di una definizione Conoscenze indicano il risultato dell assimilazione di informazioni (fatti,

Dettagli

"Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva"

Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva COMMISSIONE EUROPEA Antonio TAJANI Vicepresidente della Commissione europea, responsabile per l'industria e l'imprenditoria "Un'industria automobilistica europea più forte e competitiva" Piano d azione

Dettagli

Carta d Identità del CNGEI

Carta d Identità del CNGEI Carta d Identità del CNGEI "Il nostro è un movimento libero, accanitamente, irriducibilmente libero da ingerenza politica, confessionale o di interesse e deve rimanere tale contro chiunque fosse di diverso

Dettagli

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO]

I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] INNOVAZIONE DI MERCATO E LEVA PER LA CRESCITA I N D I C E 1 [ INTRODUZIONE ] 2 [ IL PROCESSO DI INNOVAZIONE ] 3 [ L INNOVAZIONE DI MERCATO] 1. [ INTRODUZIONE ] Capacità d innovazione e adattamento ai numerosi

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

Ernesto Screpanti LA GRANDE CRISI E LA GLOBALIZZAZIONE

Ernesto Screpanti LA GRANDE CRISI E LA GLOBALIZZAZIONE Ernesto Screpanti LA GRANDE CRISI E LA GLOBALIZZAZIONE Una crisi da deflazione del debito la cui gravità è determinata dall enorme accumulo di debito negli USA: privato, pubblico, estero Il debito si è

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI.

L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. L INDUSTRIA ELETTRICA ITALIANA E LA SFIDA DELLE FONTI RINNOVABILI. www.assoelettrica.it INTRODUZIONE Vieni a scoprire l energia dove nasce ogni giorno. Illumina, nel cui ambito si svolge la terza edizione

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA

L ITALIA VISTA DALL EUROPA L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 2004 Sintesi L obiettivo strategico dell Unione europea per il decennio in corso, stabilito dai Capi di Stato e di Governo degli

Dettagli

Rassegna stampa a cura di

Rassegna stampa a cura di Rassegna stampa a cura di Programma Presenze stampa Press_comunicati stampa Recall_carta stampata Recall_web /portali di settore Social Network Spazio I Press i-pressnews.it Fotogallery Indice programma

Dettagli

I mass-media. di Roberto Cirone

I mass-media. di Roberto Cirone I mass-media di Roberto Cirone I mass-media, conseguenza dello sviluppo tecnologico, condizionano ormai tanta parte del nostro vivere quotidiano. Analizziamo gli effetti socialmente positivi e quelli negativi.

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010)

Introduzione. (Martha C. Nussbaum, Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica, Il Mulino, 2010) 7 Introduzione «Cosa c è nell esistenza umana che rende così difficile sposare le istituzioni democratiche basate sul rispetto dei princìpi dell uguaglianza e delle garanzie del diritto, e così facile

Dettagli

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8

Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Analisi dei risultati della consultazione on line sul Vertice G8 Sono circa mille i cittadini che hanno partecipato a Dite la vostra sul G8, la prima consultazione pubblica on line sul Vertice G8. La consultazione

Dettagli

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES

L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES L internazionalizzazione leggera in Sicilia. Il IV Rapporto della Fondazione RES Pier Francesco Asso ECONOMIA SICILIANA Si illustrano alcuni risultati del IV rapporto di ricerca della Fondazione RES dedicato

Dettagli

Politica Culturale dell Unione Europea e Industrie Creative

Politica Culturale dell Unione Europea e Industrie Creative Politica Culturale dell Unione Europea e Industrie Creative INDEX 1. Base legale...3 2. Programmi cultura...3 2.1 Cultura 2007...3 3. Agenda europea per la cultura...4 4. Industrie Creative...6 4.1 Libro

Dettagli

INVESTIRE NEL FUTURO

INVESTIRE NEL FUTURO EUROPEAN TRADE UNION COMMITTEE FOR EDUCATION COMITATO SINDACALE EUROPEO DEGLI INSEGNANTI EFEE THE EUROPEAN FEDERATION OF EDUCATION EMPLOYERS INVESTIRE NEL FUTURO Dichiarazione congiunta sull'istruzione,

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

La scuola valutata: Europa, Italia, OCSE-PISA e altro

La scuola valutata: Europa, Italia, OCSE-PISA e altro 5 N PRMO PANO La scuola valutata: Europa, talia, OCSE-PSA e altro La scuola valutata: Europa, talia, OCSE-PSA e altro D PATRZA BORETT La scuola italiana bocciata ancora una volta n talia il dibattito sulla

Dettagli

Approfondimento Diritto e attività agricola europea

Approfondimento Diritto e attività agricola europea Approfondimento Diritto e attività agricola europea La globalizzazione Il termine globalizzazione indica, in primo luogo, il processo economico, sociale, politico e culturale attraverso il quale i mercati

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Introduzione alla sociologia

Introduzione alla sociologia Introduzione alla sociologia Le persone e il sociale La sociologia studia il rapporto di influenza reciproco che lega le persone alle strutture e ai processi sociali, i quali possono essere associati a

Dettagli

Infosecurity. Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica. La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT

Infosecurity. Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica. La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT Infosecurity Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT Milano, 10 febbraio 2005 Pietro Varaldo Direttore generale Federcomin

Dettagli