COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA N CONSEGNATA A:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA N CONSEGNATA A:"

Transcript

1 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 1 di 18 Annotazioni: COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA N CONSEGNATA A: 0 Emissione Sottocomitato tecnico M. Mosca. Revisione Descrizione Data Redazione Approvazione

2 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 2 di 18 INDICE 1. Scopo 2. Campo di applicazione 3. Norme e documenti di riferimento 4. Termini e definizioni 5. Condizioni generali del laboratorio 6. Tipica catena metrologica per termoresistenze e termocoppie 7. Procedura di taratura 8. Elaborazione dei dati misurati 9. Stima dell incertezza di misura 10. Presentazione dei risultati della taratura

3 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 3 di 18 1 Scopo Il presente documento ha lo scopo di fornire delle linee guida generali atte ad uniformare le procedure e la presentazione dei risultati delle misure dei laboratori accreditati SIT per la taratura di misuratori di temperatura. 2 Campo di applicazione Questa guida è applicabile dai laboratori accreditati SIT per la taratura dei seguenti misuratori di temperatura: - termoresistenze - termocoppie - termometri elettronici (a termoresistenza, termistore o termocoppia) - termometri meccanici (a espansione di solido, liquido, gas o vapore) 3 Norme e documenti di riferimento EA-4/02 (1997) Expression of the Uncertainty of Measurement in Calibration. EA-10/08 (1997) Calibration of Thermocouples. UNI EN (1990) Criteri generali per il funzionamento dei laboratori di prova. IEC Thermocouples. IEC (1995) Part 1: Reference tables Corrispondente CEI (1997). IEC (1982) Part 2: Tolerances Corrispondente CEI (1992). IEC (1989) Part 3: Extension and compensating cables: Tolerances and identification system Corrispondente CEI (1994). IEC (1995) Industrial platinum resistance thermometer sensors Corrispondente CEI 65-8 (1992). UNI CEI EN ISO/IEC (1999) General requirements for the competence of testing and calibration laboratories. ISO-GUM (1993) Guide to the expression of Uncertainty in Measurement. Corrispondente UNI CEI ENV (2000). ISO-VIM (1993) International Vocabulary of basic and general terms in Metrology. SIT Doc-504 (1999) Procedura gestionale relativa all accreditamento, mantenimento, rinnovo, estensione del laboratorio. SIT Doc-512 (1999) Prescrizione per l emissione del Certificato di Taratura SIT.

4 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 4 di 18 SIT Doc-519 (1999) Introduzione ai criteri di valutazione dell incertezza di misura nelle tarature. (Traduzione della EA-4/02) SIT Doc-523 (1998) Guida per la stesura delle procedure di taratura e di prova. UNI 6893 (1979) Termometri in vetro con riempimento di liquido: Modalità di controllo e verifica. UNI 9010 (1987) Termometri industriali ad espansione di fluido, bimetallici e di vetro, con custodia metallica e con indicazione a quadrante: Classi di precisione. 4 Termini e definizioni La presente guida applica i termini e le definizioni contenuti nelle norme riportate al punto 3. 5 Condizioni generali di taratura Un laboratorio metrologico deve avere un impianto di condizionamento autonomo ed assicurare condizioni ambientali stabili. Le grandezze d influenza ed i valori delle stesse in cui deve operare un Centro SIT accreditato per le misure di temperatura, sono quelli riportati nella tabella seguente: Grandezza d influenza Valore Valore nominale della temperatura da 20 C a 23 C Stabilità attorno al valore nominale da 1,5 C a +1,5 C Umidità (50 10) %U.R. Alimentazione elettrica Stabile entro 5% con distorsione < 5 % Disturbi elettromagnetici Ampiezza < 100 V m -1 Vibrazioni < 1 m tra 0,1 e 50 Hz < 0,1 m s -2 tra 50 e 500 Hz Illuminazione da 800 lux a 1000 lux Un sistema di monitoraggio, per esempio con termoigrografo, deve essere predisposto con strumenti atti a garantire una incertezza estesa di misura non superiore ad un terzo della campo di variazione permesso, per registrare continuamente o ad intervalli prefissati la temperatura e l umidità nei locali del laboratorio. L impianto di condizionamento deve disporre inoltre di filtri antipolvere per filtrare particelle 5 m.

5 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 5 di 18 6 Tipica catena metrologica per termoresistenze e termocoppie IMGC/CNR IEN Istituti Metrologici Primari Termoresistenza 1a linea Termocoppia 1a linea Campione resistenza Campione tensione Campioni prima linea Bagni o forni comparatori Ohmetro digitale Voltmetro digitale Campioni seconda linea Termoresistenza 2a linea Termocoppia 2a linea Bagni o forni comparatori Sensori da tarare Termoresistenza da tarare Termocoppia da tarare

6 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 6 di 18 7 Procedura di taratura 7.1 Apparecchiature e strumentazione necessaria alla taratura Le apparecchiature necessarie alla taratura variano in funzione non solo del tipo di strumento da tarare, ma anche e soprattutto del campo di temperatura che si vuole coprire con la taratura. Ipotizzando un laboratorio metrologico completo accreditato per un campo di temperatura che varia da 80 C a 1550 C le apparecchiature necessarie sono tipicamente le seguenti: Bagni o forni: bagno termostatato (criostato o bagno ad alcool) per temperature < 0 C; bagno termostatato ad acqua per temperature tra 0 C e 100 C; bagno termostatato ad olio per temperature tra 50 C e 250 C; bagno termostatato a sali fusi o letto fluido per temperature tra 200 C e 600 C; forno orizzontale o verticale per temperature tra 400 C e 1200 C; forno per alta temperatura per temperature comprese tra 1000 C e 1550 C; Campioni di prima linea: termoresistenze di platino da 25,5 per temperature tra 80 C a 660 C; termocoppie a metallo nobile per temperature tra 600 C e 1550 C. Campioni di seconda linea: termoresistenze di platino per temperature tra 80 C a 600 C; termocoppie a metallo nobile per temperature tra 600 C e 1550 C. eventuali altri termometri. Altra strumentazione ed apparecchiature: resistori campione (da 25 e da 100 ); ponti per le misure dei rapporti di resistenza; multimetri di elevata accuratezza (ohmetri e voltmetri); produttore di ghiaccio tritato da acqua deionizzata; contenitore termostatico per ghiaccio (vaso dewar); commutatore manuale o automatico a basso rumore di contatto.

7 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 7 di Operazioni preliminari Prima di eseguire qualsiasi operazione di taratura, è necessario prendere visione delle procedure di taratura dello strumento in verifica e sottoporlo alle prove preliminari seguenti: misurare la continuità per termocoppie e termoresistenze; verificare il funzionamento per strumenti trasmettitori, indicatori e registratori, utilizzando un calibratore come sorgente di forza elettro motrice (f.e.m.) o di resistenza, per simulare i sensori collegabili (termocoppie o termoresistenze). Inoltre, prima della taratura è necessario che lo strumento permanga nel locale del laboratorio in cui vengono eseguite le misure per il tempo necessario affinché raggiunga l equilibrio termico con l ambiente, e sia alimentato per un tempo sufficiente alla sua stabilizzazione (dato normalmente fornito dal costruttore). Tutti i collegamenti devono essere realizzati con gli appositi cavi a bassa f.e.m. L unione dei fili delle termocoppie con i conduttori di rame (giunto di riferimento) può essere effettuata mediante saldatura con stagno a bassa f.e.m. 7.3 Operazioni di taratura Termometri a resistenza Effettuare la verifica iniziale a 0 C al punto del ghiaccio fondente (ovvero in vaso dewar riempito di ghiaccio tritato ottenuto da acqua deionizzata): inserire i termometri nel ghiaccio fondente per una lunghezza sufficiente affinché l elemento sensibile raggiunga l equilibrio termico con il ghiaccio; effettuare almeno 5 letture del segnale del termometro in taratura; registrare tali valori ed eventualmente confrontarli con i valori della taratura precedente (se disponibili); inserire il termometro campione e quelli in taratura nel previsto bagno o forno termostatato nella zona di migliore uniformità ed attendere la stabilizzazione; assicurarsi che gli elementi sensibili del campione e dei termometri in taratura siano alla stessa profondità; effettuare almeno 5 letture del segnale del termometro campione e di quelli in taratura; ripetere le predette operazioni per tutti gli altri punti di taratura previsti (si veda 7.4); ripetere a fine ciclo di taratura il punto a 0 C. NOTA 1: Le letture iniziali e finali sul termometro campione danno l indicazione della stabilità di temperatura del bagno o forno. NOTA 2: Dalle misure a 0 C, mediando i valori letti nella verifica iniziale e in quella finale, si ricava il valore R 0 di resistenza al punto di fusione del ghiaccio con la sua incertezza. NOTA 3: Prima di passare al punto di taratura successivo, è buona norma esaminare la ripetibilità dei dati ottenuti.

8 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 8 di Termocoppie - Preparare il riferimento a 0 C con il punto del ghiaccio fondente oppure con giunto freddo elettronico; - inserire il termometro campione e le termocoppie in taratura nel previsto bagno o forno termostatato nella zona di migliore uniformità ed attendere la stabilizzazione; - assicurarsi che gli elementi sensibili del campione e delle termocoppie in taratura siano alla stessa profondità; - effettuare almeno 5 letture ai punti richiesti; - ripetere le predette operazioni per tutti gli altri punti di taratura previsti (si veda 7.4). NOTA 1: Le letture iniziali e finali sul termometro campione danno l indicazione della stabilità di temperatura del bagno o forno. NOTA 2: Prima di passare al punto di taratura successivo, è buona norma esaminare la ripetibilità dei dati ottenuti Termometri elettronici - Occorre operare sui campioni come indicato ai punti precedenti a seconda dell utilizzo di termoresistenze o termocoppie - le operazioni di lettura ai punti di taratura devono essere effettuate in modo analogo a quanto già riportato Termometri meccanici - Prima di procedere alla taratura occorre verificare l indicazione dello strumento ad inizio ed a fondo scala, oppure a valori prossimi (5 e 95 %), e ove possibile intervenire per le opportune correzioni sulla base del manuale di uso; - le successive operazioni di lettura ai diversi punti devono essere effettuate in modo analogo a quanto già riportato Registrazione dei dati di misura I dati rilevati del campione e dei termoelementi in prova devono essere registrati in una tabella che riporti i valori medi di ogni singolo punto di taratura:

9 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 9 di 18 Matricola del campione Valore medio del campione Valore Valore letto corrispondente [ ], [mv] [ C] Matricola termometro in prova Valore medio del misurando Valore in unità del misurando [ ], [mv], [ma], [ C] 7.4 Esecuzione delle misure Un ciclo di taratura può essere eseguito normalmente sia partendo dalla temperatura più bassa che da quella più alta. Se la taratura della termoresistenza deve avvenire su un campo maggiore di 400 C, oppure se la termocoppia deve operare oltre 800 C, è consigliabile eseguire dei cicli iniziali di ricottura fino alla massima temperatura di impiego. Ogni volta che si esegue una misura, occorre attendere un tempo sufficiente affinché si stabilizzi la temperatura; questo tempo dipende dalle dimensioni del termoelemento e dalla capacità termica del bagno o forno comparatore; indicativamente, comunque, con bagni liquidi o con forni comparatori a tubo di calore, 30 minuti di stabilizzazione, dopo il raggiungimento della temperatura desiderata, sono sufficienti a garantire un buon livello di stabilità della temperatura; mentre con forni con blocco equalizzatore è richiesto un tempo di stabilizzazione di almeno 60 minuti. Normalmente la taratura avviene su un minimo di 4 punti (compreso il punto di fusione del ghiaccio, se compreso nell intervallo di taratura), secondo la tabella seguente. Intervallo di temperatura Numero di punti (*) 250 C C C C 7 (*) Per le tarature il cui campo si estende sotto -40 C, in aggiunta vanno eseguiti: - 1 punto a 40 C ; - 1 punto tra 40 e 80 C.

10 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 10 di Richieste possibili da parte del cliente Su espressa richiesta da parte del cliente è possibile eseguire tarature degli strumenti misuratori di temperatura su un numero di punti di misura minore di quello previsto dalle relative procedure normalmente applicate per la taratura completa. A tal scopo è necessario che il laboratorio provveda a redigere una sintetica e specifica procedura che citi le suddette procedure previste per la taratura completa ed evidenzi l eccezione riguardante la sola parte che attiene al numero ed alla scelta dei punti di misura. In questo caso nella stesura della seconda pagina del certificato SIT è necessario: Citare, oltre alla procedura in questione (taratura mediante un numero ridotto di punti di misura), quelle relative normalmente applicate per la taratura completa; Riportare solo i dati sperimentali senza ulteriori elaborazioni; Aggiungere sempre la dicitura: La taratura è stata eseguita su un numero ridotto di punti di misura, su espressa richiesta del cliente intestatario del certificato ; Dichiarare l incertezza tenendo conto dell incertezza riconosciuta al laboratorio per lo strumento ed il campo di misura specifici (nel caso siano interessati più campi di misura dovrà essere riportato il valore di incertezza più grande) 8 Elaborazione dei dati misurati 8.1 Generalità Le termoresistenze e le termocoppie tarate possono essere caratterizzate anche attraverso la determinazione delle costanti specifiche della curva che rappresenta l'andamento del loro segnale in funzione della temperatura (t). La curva è rappresentata numericamente da una funzione polinomiale del tipo: y a a t a t a t a p t 2 3 p [1] in cui y rappresenta R/R 0 nel caso delle termoresistenze, la differenza tra le f.e.m. E per le termocoppie (si veda 8.3) oppure l indicazione d uscita del termometro elettronico o meccanico. L elaborazione dei dati permetterà di ricavare i coefficienti a 0, a 1, a p del polinomio e la loro matrice di varianza-covarianza e la tabella di taratura a partire dai punti ricavati sperimentalmente, ad esempio con il metodo dei minimi quadrati (1).

11 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 11 di Termoresistenze Per le termoresistenze, l equazione [1] si trasforma secondo quanto riportato nella IEC 60751: - polinomio del 2 ordine sopra 0 C: R R0 1 At Bt 2 - polinomio del 4 ordine sotto 0 C: R R t At Bt C t Per le termoresistenze da utilizzare sotto 0 C, si consiglia (2, 3) di: - estrapolare la curva ricavata sopra 0 C fino a 40 C; - determinare il coefficiente C per temperature inferiori a 40 C. 8.3 Termocoppie Per le termocoppie, valgono le equazioni riportate nella IEC (polinomi dell n-esimo ordine in relazione al tipo di termocoppia ed all intervallo di temperatura considerato). La stima dei coefficienti di queste equazioni, in genere di grado elevato, richiede molti punti di taratura, pertanto per la loro caratterizzazione si ricorre al calcolo di un polinomio di secondo grado, che approssima la curva delle differenze ( E) tra i valori misurati (E m ) e quelli di riferimento (E r ): E E m E r [2] Essi vengono elaborati con il metodo dei minimi quadrati utilizzando l equazione: E a [3] 2 0 a1 t a2 t Per la determinazione del polinomio di interpolazione della termocoppia in taratura, si deve combinare il polinomio di riferimento della termocoppia con il polinomio delle differenze dell eq. [3], ottenendo così un unico polinomio che consenta di ottenere la tabulazione dei valori puntuali (in gradi Celsius) e delle loro derivate (in mv/ C) del segnale della termocoppia in taratura.

12 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 12 di 18 9 Stima dell incertezza di misura 9.1 Generalità Secondo la Guida Internazionale ISO-GUM e la Guida Europea EA-4/02, l'incertezza di misura può essere classificata in due categorie: A - incertezze stimate con metodi statistici; B - incertezze stimate con altri metodi. L incertezza di categoria A è quella che si ottiene calcolando lo scarto tipo di una serie di misure indipendenti. L incertezza di categoria B, invece, si ottiene valutando informazioni relative a dati di misura disponibili a priori, non oggetto delle osservazioni effettuate durante la misurazione ma che influenzano in modo determinante il misurando, come ad esempio la distribuzione di temperatura all'interno del comparatore, la deriva a lungo termine del termometro campione, la sensibilità alle condizioni ambientali dei multimetri o ponti utilizzati (dati forniti dai certificati di taratura e dalle specifiche dei costruttori). Si sottolinea inoltre che un'incertezza di categoria A associata ad una misura può diventare di categoria B se è usata come stima di ingresso per altre misure. 9.2 Valutazione dell incertezza di misura La valutazione della incertezza di misura si ottiene tenendo conto dei contributi dovuti almeno dalle seguente cause, ipotizzando per ognuna una distribuzione di probabilità statistica come previsto dalla normativa: - taratura del campione (dal certificato di taratura); - stabilità del campione (dati sperimentali e del costruttore); - eventuale interpolazione sul campione (si veda 8.3 e 9.3); - stabilità del comparatore (dati sperimentali e del costruttore); - uniformità di temperatura nel comparatore (dati sperimentali e del costruttore); - incertezza dello strumento di misura del campione (certificato di taratura); - incertezza dello strumento di misura eventuale del termometro in taratura (dati del costruttore); - risoluzione dello strumento in taratura (per i termometri elettronici: la risoluzione del visualizzatore; per quelli meccanici: metà dell intervallo minimo della scala di misura); - forze elettromotrici parassite, compresa quella introdotta dal commutatore (dati sperimentali); - giunto freddo per le termocoppie (dati sperimentali). Se si opera secondo le condizioni previste dalla EA-4/02 (le componenti indipendenti dell incertezza prese in considerazione, e tra loro non trascurabili, devono essere almeno tre e le componenti di categoria A devono essere stimate a partire da almeno 10 osservazioni indipendenti), l'incertezza estesa (U) espressa a livello di fiducia di circa 95% risulta pari a 2

13 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 13 di 18 volte la radice quadrata della somma quadratica delle incertezze tipo (u i) dei singoli contributi considerati: 2 U 2 u 2 u i i [4] Quando non si può questa regola semplificata bisogna calcolare il numero di gradi di libertà effettivi della misura applicando le considerazioni dell Appendice E della EA-4/02. L incertezza estesa U risulta pari a: U = k u dove k è il fattore di copertura per ottenere un livello di fiducia di circa il 95 %, che si ottiene dalla Tabella Valutazione dell incertezza di interpolazione per termoresistenze e termocoppie. L incertezza di interpolazione deriva dalla dispersione delle misure, che provoca incertezza sulla stima dei coefficienti del polinomio interpolatore. La stima dell'incertezza tipo del polinomio interpolatore (u int ) si ottiene calcolando la radice quadrata della somma in quadratura dei "residui" (M i ), cioè delle differenze, tra i valori misurati e quelli calcolati con il polinomio interpolatore (convertiti entrambi in gradi Celsius), divisa per i gradi di libertà, ovvero: M 2 i i u n m dove: M i = (y m.i. y c.i. ) / (dy/dt c.i) con: n m y m.i. y c.i. int [5] : valore misurato al punto i-esimo : valore calcolato al punto i-esimo dy/dt c.i. : valore calcolato della derivata al punto i-esimo = numero di punti di taratura = numero di coefficienti calcolati del polinomio interpolatore: - per termoresistenze: m = 2, in quanto sono determinati per via statistica (minimi quadrati) i soli valori stimati dei coefficienti A e B del polinomio per t 0 C, se ne consiglia poi l estrapolazione, se necessaria, fino a 40 C. m = 3, per t < - 40 C - per termocoppie: m = 3, poiché il polinomio interpolatore è del secondo ordine. I gradi di libertà del processo di interpolazione sono n m. Tabella 1.

14 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 14 di 18 Gradi di libertà Fattore di copertura Presentazione dei risultati della taratura (certificato) La presentazione dei risultati della taratura deve essere conforme alle prescrizioni del SIT (SIT Doc-512) e fornire almeno: in prima pagina: - i dati della richiesta della taratura; - i dati relativi allo strumento in taratura; - la dichiarazione che l incertezza è espressa al livello di fiducia del 95 % circa. in seconda pagina: - i campioni di prima linea completi delle informazioni relative ai certificati, dai quali parte la catena di riferibilità metrologica; - le procedure di taratura generali e particolari seguite per la verifica dello strumento in taratura; - le condizioni di funzionamento dello strumento in taratura (posizione, alimentazione, collegamento se del caso); - le condizioni ambientali (temperatura ed umidità relativa); - le condizioni di taratura (comparatore utilizzato e profondità di immersione); - l incertezza estesa nei diversi campi di misura. in terza pagina: - la tabella dei risultati della taratura e delle incertezze ai punti di misura per le termoresistenze per le termocoppie per i termometri elettronici per i termometri meccanici in quarta pagina: (*) - l equazione ed i coefficienti del polinomio interpolatore - l incertezza di interpolazione (si veda 9.3) in quinta pagina e successive: (*) - la tabulazione dei risultati derivati dal polinomio interpolatore. (*) Solo per le termoresistenze e le termocoppie tarate secondo il numero di punti minimi previsti nella Tabella riportata al 7.4 e delle quali si fornisce nel certificato l elaborazione dei dati misurati secondo il procedimento riportato al 8.

15 SIT Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 15 di Certificato di una termoresistenza Numero punti Temperatura riferimento Resistenza misurata / Resistenza riferimento IEC (*) / Differenza (R mis R rif ) (*) Valori per termoresistenze aventi coefficiente di temperatura: = 3, C -1 / Differenza (t mis t rif ) Incertezza di misura Sul certificato è necessario riportare anche i seguenti dati: - Dichiarare il tipo di collegamento utilizzato (a 2, 3, 4 fili); - Dichiarare il valore della corrente di misura utilizzata (normalmente 1 ma); - Dichiarare i coefficienti della curva di interpolazione nel campo di taratura, se richiesto; - Dichiarare l'incertezza relativa al procedimento di interpolazione.

16 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 16 di Certificato di una termocoppia Numero punti Temperatura riferimento f.e.m. misurata / mv f.e.m. riferimento IEC / mv Differenza (f.e.m. mis f.e.m. rif ) / mv Differenza (t mis t rif ) Incertezza di misura Sul certificato è necessario riportare anche i seguenti dati: - Dichiarare se la termocoppia in taratura è munita di cavo di collegamento; - Dichiarare, in alternativa, il cavo di collegamento usato e la relativa tolleranza (IEC 60584); - Dichiarare i coefficienti della curva di interpolazione nel campo di taratura, se richiesto; - Dichiarare l'incertezza relativa al procedimento di interpolazione.

17 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 17 di Certificato di una termometro elettronico (o catena termometrica) Numero punti Temperatura riferimento Temperatura indicata Differenza (t rif t ind ) Incertezza di misura Sul certificato è necessario riportare anche i seguenti dati: - Dichiarare il tipo di alimentazione (interna o esterna); - Dichiarare la risoluzione dello strumento in taratura (p. e. la cifra meno significativa della lettura).

18 Identificazione: SIT/Tec-002/01 Revisione: 0 Data Pagina 18 di Certificato di una termometro meccanico Numero punti Temperatura riferimento Temperatura indicata (*) Differenza (t rif - t ind ) Incertezza di misura (*) Per i termometri in vetro a immersione parziale occorre fornire anche la temperatura della colonna emergente. Sul certificato è necessario riportare anche i seguenti dati: - Dichiarare il tipo di immersione (parziale o totale, per termometri in vetro); - Dichiarare il tipo di montaggio (verticale o orizzontale, per termometri a quadrante); - Dichiarare la risoluzione dello strumento in taratura (p.e. ½ divisione della scala di misura). BIBBLIOGRAFIA 1. J. V. Beck, K. J. Arnold, Parameter estimation in engineering and science, John Wiley & Sons, A. Actis, L. Crovini, Temperature. Its Measurement and Control in Science and Industry, vol. 5, pp (1982). 3. L. Crovini et al., Temperature. Its Measurement and Control in Science and Industry, vol. 6, pp (1992).

Modulo della PGQ 13 Revisione: 13 Direzione Centrale Ricerca & Sviluppo e Direzione Laboratori Pagina 1 di 5

Modulo della PGQ 13 Revisione: 13 Direzione Centrale Ricerca & Sviluppo e Direzione Laboratori Pagina 1 di 5 Direzione Centrale Ricerca & Sviluppo e Direzione Laboratori Pagina 1 di 5 PREMESSA Il laboratorio metrologico della Direzione Centrale Ricerca & Sviluppo del CTG, di seguito denominato CENTRO, è accreditato

Dettagli

Si classifica come una grandezza intensiva

Si classifica come una grandezza intensiva CAP 13: MISURE DI TEMPERATURA La temperatura È osservata attraverso gli effetti che provoca nelle sostanze e negli oggetti Si classifica come una grandezza intensiva Può essere considerata una stima del

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE

ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000/ ESEMPI APPLICATIVI DI VALUTAZIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI ELETTRICHE INDICE parte sezione pagina. Misurazione di una corrente continua

Dettagli

TITOLO: CONTRIBUTI DI INCERTEZZA DERIVANTI DAI RISULTATI DI TARATURA DEI TRASDUTTORI DI FORZA E STIMA DELLE VARIANZE

TITOLO: CONTRIBUTI DI INCERTEZZA DERIVANTI DAI RISULTATI DI TARATURA DEI TRASDUTTORI DI FORZA E STIMA DELLE VARIANZE Identificazione: SIT/Tec-013/05 Revisione: 0 Data 2005-06-06 Pagina 1 di 10 Annotazioni: Il presente documento è ispirato al rapporto interno IMGC 1040. COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA

Dettagli

CONTENUTO CENTRO DI CALIBRAZIONE SIT 11

CONTENUTO CENTRO DI CALIBRAZIONE SIT 11 CONTENUTO CENTRO DI CALIBRAZIONE SIT Taratura sensori di temperatura Taratura termometri a liquido in vetro Taratura catene termometriche Taratura fornetti e bagni termostatati Taratura di calibratori

Dettagli

Esaminiamo un caso pratico.

Esaminiamo un caso pratico. VALUTAZIONE DEL PESO DELL'INCERTEZZA DI TARATURA DI UNO STRUMENTO PER MISURAZIONE In un processo di misura, particolare attenzione deve essere posta nella corretta valutazione dell incertezza propagata

Dettagli

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE

GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE Procedura Operativa 11/02/11 Pag. 1 di 8 GESTIONE DELLE APPARECCHIATURE PER MISURAZIONI E MONITORAGGI 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli /

Dettagli

Corso di Metrologia applicata alla Meteorologia 20 Marzo 2013 Nozioni di metrologia Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica INRiM Torino g.lopardo@inrim.it Sommario Riferibilità Metrologica Incertezza

Dettagli

BCSGL 2.0. THEMIS Srl Via Genovesi, 4 10128 Torino www.themis.it

BCSGL 2.0. THEMIS Srl Via Genovesi, 4 10128 Torino www.themis.it THEMIS Srl Via Genovesi, 4 10128 Torino www.themis.it TEL / FAX 011-5096445 e-mail info@themis.it Incubatore Imprese Innovative Politecnico di Torino BCSGL 2.0 Cap. Soc. 50.000,00 i.v. C.F. e P.IVA 08880320018

Dettagli

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Sensori e trasduttori Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Gli Obiettivi Struttura generale di sistemi di controllo e misura Sensori, trasduttori, attuatori Prima classificazione dei sistemi-sensori

Dettagli

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI 2100. Temperatura La misura della temperatura consente di controllare il problema dell inquinamento conseguente all immissione di energia termica nei corpi idrici. A differenza di altri parametri la normativa

Dettagli

LABORATORIO METROLOGICO. Descrizione del Servizio

LABORATORIO METROLOGICO. Descrizione del Servizio LABORATORIO METROLOGICO Descrizione del Servizio 1. PRESENTAZIONE... 3 2. NORME DI RIFERIMENTO... 5 3. MISURE EFFETTUATE... 6 3.1. Catena metrologica... 6 3.2. Grandezze... 6 3.3. Strumenti campione di

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

TERMOMETRI A RESISTENZA

TERMOMETRI A RESISTENZA PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO TERMOMETRI A RESISTENZA Il principio di funzionamento dei termometri a resistenza metallici, più comunemente chiamati termoresistenze, si basa sulla variazione della resistenza

Dettagli

Misure di pressione: i campioni di misura e la taratura degli strumenti

Misure di pressione: i campioni di misura e la taratura degli strumenti Misure di pressione: i campioni di misura e la taratura degli strumenti Mercede Bergoglio e Gianfranco Molinar - CNR Torino (IMGC-CNR) Istituto di Metrologia G. Colonnetti Istituto di Metrologia G. Colonnetti

Dettagli

STRUTTURE DI RIFERIBILITÀ E DOCUMENTAZIONE TECNICA NEI LABORATORI DI TARATURA ELETTRICI

STRUTTURE DI RIFERIBILITÀ E DOCUMENTAZIONE TECNICA NEI LABORATORI DI TARATURA ELETTRICI Identificazione: SIT/Tec 015/07 Revisione: 0 Data 2007-03-06 Pagina 1 di 37 Annotazioni: COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA N CONSEGNATA A: 0 Emissione 2007-03-06 G. La Paglia M. Mosca..

Dettagli

Trasduttori di Temperatura

Trasduttori di Temperatura Trasduttori di Temperatura Il controllo della temperatura è di fondamentale importanza in moltissimi processi industriali. Per la misura della temperatura sono disponibili diversi tipi di trasduttori,

Dettagli

La metrologia ed il controllo di qualità

La metrologia ed il controllo di qualità ACCREDIA L ente italiano di accreditamento La metrologia ed il controllo di qualità Torino, martedì 21 Gennaio 2014 Funzionario Tecnico di ACCREDIA DT Rosalba Mugno 1-36 Perché è importante la Riferibilità

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

Termometri a resistenza e termocoppie. Istruzioni per l uso e di montaggio 00809-0302-2654 revisione AA, settembre 2001

Termometri a resistenza e termocoppie. Istruzioni per l uso e di montaggio 00809-0302-2654 revisione AA, settembre 2001 Termometri a resistenza e termocoppie Istruzioni per l uso e di montaggio 00809-0302-2654 revisione AA, settembre 2001 Istruzioni per l uso Montaggio e avvertenze per l installazione di termometri a resistenza

Dettagli

misura e sensori Parametri fondamentali sono: Scelta del dispositivo (caratteristica intrinseca) Localizzazione nel processo Modalità di installazione

misura e sensori Parametri fondamentali sono: Scelta del dispositivo (caratteristica intrinseca) Localizzazione nel processo Modalità di installazione misura e sensori Introduzione I dispositivi di misura rivestono un ruolo fondamentale nei sistemi di controllo di processo Vanno limitati i ritardi e il rumore di misura Elementi particolarmente critici

Dettagli

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica Facoltà di Ingegneria Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica A.A. 2005-2006 Prof. Paolo Vigo Indice 1. Errori ed Incertezze 2. Errori Sistematici ed Accidentali 3. Proprietà degli Strumenti

Dettagli

Modello generale di trasduttore Come leggere la scheda tecnica di un trasduttore

Modello generale di trasduttore Come leggere la scheda tecnica di un trasduttore Modello generale di trasduttore Come leggere la scheda tecnica di un trasduttore Modello generale di trasduttore Informazioni sulle caratteristiche fisiche Sistema di misura Catena di misura Dati numerici

Dettagli

Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE. Ing. Ricci Andrea Simone

Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE. Ing. Ricci Andrea Simone Esercitazioni per il corso di Microonde 2005/2006: CENNI DI TEORIA DELL ERRORE Ing. Ricci Andrea Simone INCERTEZZA DI MISURA - Introduzione X SISTEMA Y Misura > complesso di attività volte alla valutazione

Dettagli

Regolamento per l Accreditamento di tarature esterne e di Laboratori di Taratura multisito

Regolamento per l Accreditamento di tarature esterne e di Laboratori di Taratura multisito Titolo/Title Regolamento per l Accreditamento di tarature esterne e di Laboratori di Taratura multisito Regulation for the Accreditation of external calibration and multi-site calibration laboratories

Dettagli

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005

Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 1 Schema di accreditamento e Norma ISO/IEC 17025:2005 Flavio Banfi ITALCERT Viale Sarca 336 20126 Milano banfi@italcert.it Cos è la certificazione? 2 La certificazione di conformità è l azione attestante

Dettagli

Esperienza 15: taratura. della termocoppia. Laboratorio di Fisica 1 (II Modulo) A. Baraldi, M. Riccò. Università di Parma. a.a.

Esperienza 15: taratura. della termocoppia. Laboratorio di Fisica 1 (II Modulo) A. Baraldi, M. Riccò. Università di Parma. a.a. Esperienza 15: taratura Università di Parma della termocoppia a.a. 2011/2012 Laboratorio di Fisica 1 (II Modulo) A. Baraldi, M. Riccò Copyright M.Solzi Obiettivi dell esperienza Scopo dell'esperienza è

Dettagli

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi

Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Rapidamente al grado esatto Tarature di temperatura con strumenti portatili: una soluzione ideale per il risparmio dei costi Gli strumenti per la misura di temperatura negli impianti industriali sono soggetti

Dettagli

Limiti di legge. 152/1999 ): 5 ug/l A. Superficiali nel 2008 (Decreto 367/2003): 0,2 ug/l

Limiti di legge. 152/1999 ): 5 ug/l A. Superficiali nel 2008 (Decreto 367/2003): 0,2 ug/l Limiti di legge Acque Potabili (D.Lgs 3/00): 5 ug/l A. Superficiali e Sotterranee(D.Lgs 5/999 ): 5 ug/l A. Superficiali nel 008 (Decreto 367/003): 0, ug/l La stima della ripetibilità intermedia (S I )

Dettagli

LINEA GUIDA PER ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA DI MISURA NELLA TARATURA DI TERMOMETRI INDUSTRIALI

LINEA GUIDA PER ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA DI MISURA NELLA TARATURA DI TERMOMETRI INDUSTRIALI Identificazione: SIT/Tec-006/03 Revisione: 0 Data 003-11-1 Pagina 0 di 11 Annotazioni: COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA N CONSEGNATA A: 0 Emissione 003-11-1 V. Fernicola A. Mangano

Dettagli

Indicazioni Operative per la Qualità della Misura in Radioprotezione

Indicazioni Operative per la Qualità della Misura in Radioprotezione Indicazioni Operative per la Qualità della Misura in Radioprotezione 1 Composizione del Gruppo di Lavoro Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro - ISPESL (F. Campanella coordinatore,

Dettagli

Pressione Temperatura. Servizi di calibrazione

Pressione Temperatura. Servizi di calibrazione Pressione Temperatura Servizi di calibrazione SERVIZIO CALIBRAZIONE PRESSIONE Noi tariamo per voi Processo di taratura nel nostro laboratorio Strumenti meccanici per la misura di pressione Trasmettitori

Dettagli

attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392

attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392 attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392 392 5.4.1 celle di carico tecnotest unità di controllo digitale monotronic monotronic - centralina digitale a microprocessore AD 005

Dettagli

QUALITA DEL DATO E ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI ECOTOSSICOLOGIA

QUALITA DEL DATO E ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI ECOTOSSICOLOGIA QUALITA DEL DATO E ACCREDITAMENTO DEI LABORATORI DI ECOTOSSICOLOGIA 1 REQUISITI ISO/IEC17025 E ACCREDIA RIFERIBILITA DELLE MISURE REQUISITI COGENTI QUALITA DEL DATO METODO DI PROVA CONFRONTI INTERLABORATORIO

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

CALCOLATRICE TC/RTD. Convertitore temperatura - mv/ω secondo le norme EN60584-1 / EN60584-2 / EN60751+A2. a cura di. Ing.

CALCOLATRICE TC/RTD. Convertitore temperatura - mv/ω secondo le norme EN60584-1 / EN60584-2 / EN60751+A2. a cura di. Ing. CALCOLATRICE TC/RTD Convertitore temperatura - mv/ω secondo le norme EN60584-1 / EN60584-2 / EN60751+A2 a cura di Ing. Mauro Cilloni INDICE Prefazione.. 3 Diritto d autore e marchi di fabbrica 4 Informazioni

Dettagli

Termoflussimetri N o r m a t i v a d i r i f e r i m e n t o

Termoflussimetri N o r m a t i v a d i r i f e r i m e n t o N o r m a t i v a d i r i f e r i m e n t o REVISIONE DATA 1.0 Marzo 2012 Sommario Capitolo 1. TRASMISSIONE DEL CALORE... 3 1.1 Generalità... 3 1.2 La trasmittanza U... 3 1.3 Misura in opera della trasmittanza...

Dettagli

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Strumenti Digitali. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Strumenti Digitali Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica Facoltà di Ingegneria ezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica 13. a taratura nel settore massa Introduzione alle misure di massa a spinta aerostatica a spinta è pari alla forza-peso del

Dettagli

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Sistemi di gestione di Qualità: certificazione (UNI EN ISO 9001:2008) ed accreditamento (UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005) ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Ferrara, 11 Maggio 2011 Rita Settimo Arpa Ferrara

Dettagli

Industria e Taratura - novità, progetti, programmi

Industria e Taratura - novità, progetti, programmi ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Industria e Taratura - novità, progetti, programmi Mario Mosca Direttore Dipartimento Laboratori di Taratura m.mosca@accredia.it 011 3 919 735 AFFIDABILITA &

Dettagli

Esame e Interpretazione di Certificati di Taratura SIT e EA Propagazione delle Incertezze

Esame e Interpretazione di Certificati di Taratura SIT e EA Propagazione delle Incertezze Esame e Interpretazione di Certificati di Taratura SIT e EA Propagazione delle Incertezze PROPAGAZIONE INCERTEZZE 1di 22 INDICE 1. Introduzione 2. Caratteristiche Campioni I^ linea Aziendali 3. Taratura

Dettagli

COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA N CONSEGNATA A:

COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA N CONSEGNATA A: Identificazione: /Tec-003/03 Revisione: 0 Data 003-01-10 Pagina 1 di 40 Annotazioni: COPIA CONTROLLATA N CONSEGNATA A: COPIA NON CONTROLLATA N CONSEGNATA A: 0 Emissione 003-01-10 A. Cappa M. Mosca Revisione

Dettagli

INCERTEZZA DI MISURA

INCERTEZZA DI MISURA L ERRORE DI MISURA Errore di misura = risultato valore vero Definizione inesatta o incompleta Errori casuali Errori sistematici L ERRORE DI MISURA Errori casuali on ne si conosce l origine poiche, appunto,

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto.

Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. Sintesi dei risultati di prova sui rilevatori di tensione a distanza e a contatto. novembre 2006 Progetto RdS Trasmissione e distribuzione Rapporto TTD Tecnologie T&D Approvato Pag. 1/22 Committente Ministero

Dettagli

TERMOCOPPIE PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

TERMOCOPPIE PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO TERMOCOPPIE La termocoppia è costituita da un circuito elettrico formato da due conduttori metallici di differente materiale saldati insieme alle loro estremità. In presenza

Dettagli

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova

ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova ISO/IEC 17025 : 2005 per i Laboratori di Prova Perugia, 30 giugno 2005 D.ssa Daniela Vita ISO/IEC 17025:2005 1 Differenza tra UNI EN ISO 9001:2000 e ISO/IEC 17025:2005 La norma UNI EN ISO 9001:2000 definisce

Dettagli

Il presente Tariffario entra in vigore il 25/06/2014.

Il presente Tariffario entra in vigore il 25/06/2014. 1. Servizi offerti dal Servizio Qualità di Ateneo Il Servizio Qualità di Ateneo (SQuA) Area Gestione Infrastrutture e Servizi Politecnico di Milano, in aggiunta alle proprie attività istituzionali di garanzia

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA

SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA SISTEMA INTEGRATO A LETTURA AUTOMATICA DI RIVELATORI A TRACCIA PADC CON ANALISI DEI DATI COMPUTERIZZATA 1. INTRODUZIONE Il Radon ( 222 Rn) è un gas radioattivo monoatomico presente nell atmosfera e generato

Dettagli

Stazione Sperimentale per l Industria. Area Validazione di Processo

Stazione Sperimentale per l Industria. Area Validazione di Processo Stazione Sperimentale per l Industria delle Conserve Alimentari Area Validazione di Processo Stefania Quintavalla Giuseppe Dipollina Roberto Loiudice 1 Obiettivi Studi - Tematiche Assistere le aziende

Dettagli

Limiti d'uso e precisioni delle termoresistenze al platino conformi a EN 60751: 2008

Limiti d'uso e precisioni delle termoresistenze al platino conformi a EN 60751: 2008 Informazioni tecniche Limiti d'uso e precisioni delle termoresistenze al platino conformi a EN 60751: 2008 Scheda tecnica WIKA IN 00.17 Informazioni generali La temperatura è la misurazione dello stato

Dettagli

Sensori di temperatura

Sensori di temperatura Sensori di temperatura La variazione di temperatura è tra le principali cause di cambiamento delle caratteristiche fisiche dei materiali, pertanto, si possono realizzare elementi sensibili alle variazioni

Dettagli

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA

Analisi dei Sistemi di Misurazione - MSA Data: 16 Marzo 2011 Indice Il processo zione impiego specifico Cenni di SPC e di MSA 2 CARATTERISTICA DA CONTROLLARE, TOLLERANZA E RELATIVA CLASSE DI IMPORTANZA METODO DI CONTROLLO STRUMENTO DI MISURA

Dettagli

Calibratore multifunzione di temperatura Modello CTM9100-150

Calibratore multifunzione di temperatura Modello CTM9100-150 Calibrazione Modello CTM900-50 Scheda tecnica WIKA CT.0 Applicazioni Controllo e calibrazione di tutti gli strumenti di misura della temperatura Strumento di riferimento per laboratori industriali per

Dettagli

SENSORI E TRASDUTTORI

SENSORI E TRASDUTTORI SENSORI E TRASDUTTORI Il controllo di processo moderno utilizza tecnologie sempre più sofisticate, per minimizzare i costi e contenere le dimensioni dei dispositivi utilizzati. Qualsiasi controllo di processo

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

Circuiti di condizionamento per sensori resistivi

Circuiti di condizionamento per sensori resistivi Perché non è possibile utilizzare direttamente un partitore di tensione per condizionare uno strain gage? isposta: Per problemi di risoluzione: una d piccola provocherebbe una dout difficile da misurare;

Dettagli

TERMOGRAFIA E DIAGNOSTICA A SUPPORTO DELLA QUALITA IN EDILIZIA

TERMOGRAFIA E DIAGNOSTICA A SUPPORTO DELLA QUALITA IN EDILIZIA TERMOGRAFIA E DIAGNOSTICA A SUPPORTO DELLA QUALITA IN EDILIZIA Misura della trasmittanza termica in opera: determinazione mediante il termoflussimetro RELATORE: Dott. Arch. Paiola Livio ARGOMENTI TRATTATI

Dettagli

35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1,

35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1, 35272&2//2',0,685$'(,&$03,(/(775,&2(0$*1(7,&2$+]$,),1, '(// $33/,&$=,21('(//$'*51 3RVL]LRQLGLPLVXUD - Il sensore deve essere posizionato ad un altezza di 1,5 m dal suolo - La misura deve essere eseguita

Dettagli

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1

Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). Foggia, 15 febbraio 2012 1 Processo di verifica che stabilisce se un metodo è adatto per lo scopo previsto ( ). 1 : misura in cui i dati prodotti da un processo di misurazione consentono a un utente di prendere tecnicamente ed amministrativamente

Dettagli

Ing. Simone Giovannetti

Ing. Simone Giovannetti Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Ing. Simone Giovannetti Firenze, 29 Maggio 2012 1 Incertezza di Misura (1/3) La necessità di misurare nasce dall esigenza

Dettagli

Indicatori digitali per montaggio a pannello Modello DI35

Indicatori digitali per montaggio a pannello Modello DI35 Accessori Indicatori digitali per montaggio a pannello Modello DI35 Scheda tecnica WIKA AC 80.03 Applicazioni Costruzione di macchine e impianti Banchi prova Misura di livello Applicazioni industriali

Dettagli

Manuale d uso Fonometro di ispezione digitale mod. AS8000 FONOMETRO DIGITALE DI ISPEZIONE

Manuale d uso Fonometro di ispezione digitale mod. AS8000 FONOMETRO DIGITALE DI ISPEZIONE AS8000 FONOMETRO DIGITALE DI ISPEZIONE 1 ATTENZIONE! Questo strumento é stato progettato per prevenire infortuni all'operatore se correttamente e propriamente usato. Tuttavia, nessuna progettazione ingegneristica

Dettagli

Rapporto di taratura di strumenti per pesare

Rapporto di taratura di strumenti per pesare Rapporto di taratura di strumenti per pesare Cliente esempio Indirizzo CAP 15121 Località Alessandria (AL) Relazione n 114 del 12/01/2013 Data di emissione relazione: 12/01/2013 Data di esecuzione prove:

Dettagli

Ordinanza sulla procedura di omologazione energetica per scaldacqua, serbatoi di accumulo dell acqua calda e accumulatori di calore

Ordinanza sulla procedura di omologazione energetica per scaldacqua, serbatoi di accumulo dell acqua calda e accumulatori di calore Ordinanza sulla procedura di omologazione energetica per scaldacqua, serbatoi di accumulo dell acqua calda e accumulatori di calore del 15 aprile 2003 Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti,

Dettagli

Incertezza delle misure e metodi di controllo

Incertezza delle misure e metodi di controllo Corso di Formazione APC MONITORAGGIO DI SPOSTAMENTI NEL SOTTOSUOLO E PRESSIONI INTERSTIZIALI SOTTO FALDA Incertezza delle misure e metodi di controllo Lucia Simeoni Università degli Studi dell Aquila Dipartimento

Dettagli

5.6 Riferibilità delle misure definizioni MISURAZIONE Insieme di operazioni aventi lo scopo di determinare il valore di una grandezza. [VIM 2.

5.6 Riferibilità delle misure definizioni MISURAZIONE Insieme di operazioni aventi lo scopo di determinare il valore di una grandezza. [VIM 2. 5.6 Riferibilità delle misure definizioni MISURAZIONE Insieme di operazioni aventi lo scopo di determinare il valore di una grandezza. [VIM 2.01] CAMPIONE DI RIFERIMENTO Campione, generalmente della migliore

Dettagli

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1

Impianti elettrici. Impianti Meccanici 1 Impianti Meccanici 1 Gli impianti sono soggetti ad una ampia normativa nazionale. Tali norme sono in continua evoluzione anche al fine di unificare internazionalmente le regole della buona tecnica e dell

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE

CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE CELLA DI CARICO 3100P MANUALE D INSTALLAZIONE 1. GENERALITÀ...2 1.1. Messa a livello...2 1.2. Sollecitazioni...2 1.3. Saldature elettriche...2 1.4. Fulmini...2 1.5. Influenze meccaniche esterne...3 2.

Dettagli

Rapporto di Taratura

Rapporto di Taratura LA B CERT TARATURA & CERTIFICAZIONE LABCERT snc di G. Blandino & C. Via Comina, 3 33080 S. QUIRINO (PN) Italy Tel.: 0434 554707 Fax 0434 362081 INTERNET: www.labcert.it e-mail: info@labcert.it Partita

Dettagli

Fis-193 Determinazione del coefficiente di dilatazione dei gas a pressione costante

Fis-193 Determinazione del coefficiente di dilatazione dei gas a pressione costante Fis-19 Determinazione del coefficiente di dilatazione dei gas a pressione costante Riassunto / Abstract L'esperimento consente di determinare in modo semplice il coefficiente di dilatazione dei gas e di

Dettagli

SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5

SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5 SPECIFICA DI COLLAUDO Pagina 1 di 5 Il presente documento è di proprietà intellettuale della società ENEL DISTRIBUZIONE S.p.A. ; ogni riproduzione o divulgazione dello stesso dovrà avvenire con la preventiva

Dettagli

Criteri applicativi ed esperienze relative alla verifica della conduzione delle prove chimiche

Criteri applicativi ed esperienze relative alla verifica della conduzione delle prove chimiche AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze, criticità e prospettive per l accreditamento I.S.S. - Roma, 13-14 Dicembre

Dettagli

Conferma metrologica: approfondimento

Conferma metrologica: approfondimento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Conferma metrologica: approfondimento aprile 2015 Paola Pedone Funzionario Tecnico ACCREDIA-DT Riunione Centri- Accredia Dipartimento Taratura 1 /8 Aprile 2015

Dettagli

SCELTA,TIPOLOGIA, INSTALLAZIONE E TARATURA DEI SENSORI DI RILEVAMENTO DELLA TEMPERATURA NELLA VALIDAZIONE DEI PROCESSI DI STERILIZZAZIONE TERMICA

SCELTA,TIPOLOGIA, INSTALLAZIONE E TARATURA DEI SENSORI DI RILEVAMENTO DELLA TEMPERATURA NELLA VALIDAZIONE DEI PROCESSI DI STERILIZZAZIONE TERMICA SCELTA,TIPOLOGIA, INSTALLAZIONE E TARATURA DEI SENSORI DI RILEVAMENTO DELLA TEMPERATURA NELLA VALIDAZIONE DEI PROCESSI DI STERILIZZAZIONE TERMICA Come è noto, la validazione è la procedura consistente

Dettagli

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1

Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 Ordinanza del DFGP sugli strumenti di misurazione di energia termica 1 941.231 del 19 marzo 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), visti gli articoli 5 capoverso

Dettagli

1 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma 30 Novembre 1-2-3 Dicembre

1 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma 30 Novembre 1-2-3 Dicembre Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Ugo Marchesi 1 WORKSHOP DEI LABORATORI DEL CONTROLLO UFFICIALE DI OGM Roma 30 Novembre 1-2-3 Dicembre Riferibilità del risultato analitico

Dettagli

Annotazioni: eliminato errore nel calcolo dell incertezza della differenza di volumi 8.3.3.1, formula 28 bis

Annotazioni: eliminato errore nel calcolo dell incertezza della differenza di volumi 8.3.3.1, formula 28 bis Identificazione: SIT/Tec-004/03 Revisione: 1 Data 004/05/5 Pagina 1 di 36 Annotazioni: eliminato errore nel calcolo dell incertezza della differenza di volumi 8.3.3.1, formula 8 bis COPIA CONTROLLATA N

Dettagli

titolo e contenuto della tavola: ELETTRICO CDZ STUDIO ING. MICHELE DESIATI

titolo e contenuto della tavola: ELETTRICO CDZ STUDIO ING. MICHELE DESIATI sezione: ELETTRICO CDZ titolo e contenuto della tavola: VERBALE DI REGOLARE ESECUZIONE IMPIANTO CLIMATIZZAZIONE IMPIANTO ELETTRICO STUDIO ING. MICHELE DESIATI - Energia - Sicurezza luoghi lavoro - Acustica

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

NOTE E CONSIDERAZIONI SULLA PESATURA DI SILOS E SERBATOI CON CELLE DI CARICO

NOTE E CONSIDERAZIONI SULLA PESATURA DI SILOS E SERBATOI CON CELLE DI CARICO ADRIANO GOMBA & C. NOTE E CONSIDERAZIONI SULLA PESATURA DI SILOS E SERBATOI CON CELLE DI CARICO Installazione. Un sistema di pesatura è costituito da un serbatoio, il cui contenuto deve essere tenuto sotto

Dettagli

CEMB S.p.A. - 23826 MANDELLO DEL LARIO (LC) - Via Risorgimento 9

CEMB S.p.A. - 23826 MANDELLO DEL LARIO (LC) - Via Risorgimento 9 CEMB S.p.A. - 23826 MANDELLO DEL LARIO (LC) - Via Risorgimento 9 Tel. (+39)0341/706.111 - Fax (+39)0341/706.299 www.cemb.com e-mail: stm@cemb.com Trasduttore Non Contatto T-NC/API Certificato secondo direttiva

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

SERVIZI DI TARATURA LAT N 128. Laboratorio di Taratura Accreditato ACCREDIA Umidità, Temperatura, Pressione; Tensione, Corrente e Resistenza Elettrica

SERVIZI DI TARATURA LAT N 128. Laboratorio di Taratura Accreditato ACCREDIA Umidità, Temperatura, Pressione; Tensione, Corrente e Resistenza Elettrica Laboratorio di Taratura Accreditato ACCREDIA SERVIZI DI TARATURA FASINTERNATIONAL Fasinternational, recentemente trasferita in una nuova sede operativa con i Laboratori di taratura completamente rinnovati,

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi

La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi 1 La direttiva MID Applicazione nella vendita sfusa di detersivi Torino, 10 aprile 2013 Igor Gallo 2 D. Lgs. N. 22/2007 Recepimento direttiva MID Recepimento della nuova Direttiva Europea 2004/22/CE MID

Dettagli

DEFINIZIONE Una grandezza fisica è una classe di equivalenza di proprietà fisiche che possono essere misurate mediante un rapporto.

DEFINIZIONE Una grandezza fisica è una classe di equivalenza di proprietà fisiche che possono essere misurate mediante un rapporto. «Possiamo conoscere qualcosa dell'oggetto di cui stiamo parlando solo se possiamo eseguirvi misurazioni, per descriverlo mediante numeri; altrimenti la nostra conoscenza è scarsa e insoddisfacente.» (Lord

Dettagli

1 Introduzione. 2 La bilancia elettronica

1 Introduzione. 2 La bilancia elettronica Università degli Studi di Firenze - Corso di Laurea in Fisica Appunti del corso di Esperimentazioni 1-Anno Accademico 2008-2009 Prof. Oscar Adriani, Prof. Andrea Stefanini MISURA DELLA DENSITÀ RELATIVA

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 REQUISITI TECNICI E REQUISITI DEL SIT

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 REQUISITI TECNICI E REQUISITI DEL SIT UNI CEI EN ISO/IEC 17025 REQUISITI TECNICI E REQUISITI DEL SIT Mario Mosca SIT-IMGC/CNR e-mail: m.mosca@imgc.to.cnr.it 5.4 METODI DI TARATURA E LORO VALIDAZIONE 5.4.1 Generalità 5.4.2 Scelta dei metodi

Dettagli

Strumenti meccanici di misura della pressione nell industria di processo. Redazionale tecnico

Strumenti meccanici di misura della pressione nell industria di processo. Redazionale tecnico Convenienza e sicurezza allo stesso tempo Strumenti meccanici di misura della pressione nell industria di processo Al lavoro o a casa, la nostra vita è o diventerà sempre più digitale. Ciò nonostante,

Dettagli

Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B

Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B Norme per la Certificazione e l Accettazione a Bordo delle Porte Tagliafuoco di Classe A e B In vigore dal 1 Gennaio 2003 RINA Società per azioni Gruppo REGISTRO ITALIANO NAVALE Via Corsica, 12-16128 Genova

Dettagli

Valutazione dell incertezza nelle misure analitiche: metodo metrologico

Valutazione dell incertezza nelle misure analitiche: metodo metrologico Bologna 25 novembre 2004 Valutazione dell incertezza nelle misure analitiche: metodo metrologico Maria Belli Dipartimento Stato Ambiente & Metrologia Ambientale Servizio Metrologia Ambientale Definizioni

Dettagli

- Sensori di misura della temperatura per uso industriale - Figura 1: Termocoppie Convenzionali

- Sensori di misura della temperatura per uso industriale - Figura 1: Termocoppie Convenzionali TERMOCOPPIE e TERMORESISTENZE - Sensori di misura della temperatura per uso industriale - Figura 1: Termocoppie Convenzionali Figura 2: Termocoppie in Ossido Minerale Figura 3: Termoresistenze CARATTERISTICHE

Dettagli

Il laboratorio ENEA sugli elettrodomestici del freddo e forni elettrici: caratteristiche e potenzialità di prova

Il laboratorio ENEA sugli elettrodomestici del freddo e forni elettrici: caratteristiche e potenzialità di prova Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Il laboratorio ENEA sugli elettrodomestici del freddo e forni elettrici: caratteristiche

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA Venezia,. Foglio n. 1 di 7. Protocollo: Luogo e Data della prova: Richiedente: Materiale testato:

RAPPORTO DI PROVA Venezia,. Foglio n. 1 di 7. Protocollo: Luogo e Data della prova: Richiedente: Materiale testato: Foglio n. 1 di 7 Protocollo: Luogo e Data della prova: Mestre, Richiedente: Materiale testato: Prova eseguita: Conducibilità termica Riferimento Normativo: UNI EN 12667 DESCRIZIONE DEL CAMPIONE SOTTOPOSTO

Dettagli

Pacchetto Termodinamica

Pacchetto Termodinamica La Scienza del millennio Il kit è realizzato in modo tale da permettere agli insegnanti di poter eseguire una serie di semplici ma efficaci esperienze atte ad introdurre vari argomenti di Termodinamica.

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli