CENTRO PER LA FORMAZIONE IN ECONOMIA E POLITICA DELLO SVILUPPO RURALE. Collana Working Paper

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENTRO PER LA FORMAZIONE IN ECONOMIA E POLITICA DELLO SVILUPPO RURALE. Collana Working Paper"

Transcript

1 CENTRO PER LA FORMAZIONE IN ECONOMIA E POLITICA DELLO SVILUPPO RURALE DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E POLITICA AGRARIA Università degli Studi di Napoli Federico II Collana Working Paper Questa pubblicazione è disponibile on-line al sito del Centro per la Formazione in Economia e Politica dello Sviluppo Rurale o al sito del Dipartimento di Economia e Politica Agraria dell Università di Napoli Federico II This publication is available online on the CENTRO website:http:// Per commenti o questioni relative al contenuto di questo paper si prega di contattare gli autori For questions or comments about the contents of this paper, please contact the authors

2 I determinanti delle innovazioni di prodotto nell industria alimentare italiana: il ruolo dell Università e delle istituzioni pubbliche di ricerca 1 The determinants of product innovation in the Italian Food Sector: the role of the Universities and Public Research Labs Massimiliano D Alessio* e Ornella Wanda Maietta** working paper n.4 / th April 2007 Abstract This paper focuses on an important issue currently debated in literature: the role of public research institutions in helping to promote the processes of technological and economic catch up, development and growth. Objective of the paper is to verify whether and how Universities and other public research institutions influence the innovation process in the Italian agro-food sector. The data used are the 7th ( ) and 8th ( ) wave of Capitalia surveys based on a representative sample of manufacturing firms with information on firm characteristics, employee education levels, innovation and R&D investments. The approach used is a probit analysis where the dependant variable is the introduction of product innovation and the dependant variables are firm characteristics. The analysis has been performed separately for the two periods for Italy and for the South of Italy. The results of the analysis show that the determinants of innovations in the agro-food sector are different for firms in the South of Italy respect with those located in the rest of the country and new determinants, as the use of part-time labour, have emerged for the second period examined. The linkage with the Universities and other public research centres was always significant for Italy and not significant during the years for the South of Italy; the size was significant only in the first period while the R&D intensity was significant only in the second period both for Italy and for the South of Italy. Human capital of employees became significant in the year as a consequence of labour market deregulation. Keywords: innovations, University-industry interactions, agro-food JEL: O31, D21, R1 1 Si ringraziano vivamente Antonio D Agata e Grazia Santangelo per aver commissionato questo lavoro in occasione della invited lecture del Professor Richard Nelson, della Columbia University: The Roles of Research at Universities and Public Labs in Innovation Systems, presso l Università di Catania, Facoltà di Scienze Politiche, Modica; si ringraziano ancora Roberto Basile ed Erasmo Papagni per gli utili suggerimenti e Francesco de Stefano per gli interessanti commenti che hanno permesso di migliorare in modo apprezzabile una precedente versione di questo lavoro. Lavoro realizzato nell ambito del progetto PRIN Spillovers sistemici sulla competitività dell'industria italiana: una valutazione quantitativa per le politiche di settore. * Fondazione Metes, Roma. ** Università di Napoli Federico II e Centro per la Formazione in Economia e Politica dello Sviluppo Rurale, Portici. 1

3 1. Introduzione L importanza delle innovazioni per la performance competitiva di imprese e di nazioni e per la crescita economica di lungo periodo è riconosciuta da tutte le scuole di pensiero economico. Tuttavia, le scelte politiche economiche compiute in Italia negli ultimi trent anni hanno sacrificato obiettivi di crescita di lungo termine, privilegiando la competitività di costo, come dimostrato dalle politiche di lavoro ispirate alla flessibilità, rispetto alla competitività basata sulla qualità e sull innovazione, come dimostrato dalla limitata spesa pubblica in ricerca e sviluppo, di fatto adottando un modello di sviluppo basato sulla applicazione e diffusione delle innovazioni generate all esterno del sistema (Papagni, 1995; Costabile, 2006; ENEA, 2006). La crescente complessità del cambiamento tecnologico, che supera la capacità della maggior parte delle singole imprese, spiega il ricorso a fonti esterne di competenze tecnologiche (Basile, 1998), tra queste le istituzioni pubbliche di ricerca. Il ruolo delle istituzioni universitarie nelle società è stato oggetto di interesse da parte di studiosi in diversi ambiti disciplinari. Fin dalla seconda metà degli anni 60, obiettivo delle università era considerato generare e diffondere conoscenza quale bene pubblico, principalmente attraverso i canali: ricerca, istruzione e assistenza (Sonka e Chicoine, 2004). Più recentemente, si è sviluppata una articolata riflessione sul ruolo dell università nella nascita di nuova industria ad alta tecnologia e sul supporto che l università può fornire allo sviluppo economico locale trainato dalla nuova tecnologia (Mansfield, 1991; Rosenberg e Nelson 1994; Mansfield e Lee, 1996). La necessità di accelerare la generazione e la diffusione di innovazione industriale e le crescenti interconnessioni a livello internazionale della ricerca di base, rendono cruciali le università, particolare in economie, come quelle del Sud Europa, caratterizzate dalla presenza di piccole e medie imprese, da un limitato investimento in ricerca e da una tradizione di rapporti molto limitati tra università ed imprese. Obiettivo del Sesto programma Quadro, lanciato dall Unione Europea nel 2002, era appunto di connettere la ricerca di base, in particolare universitaria dei vari paesi, per trasferire i risultati alle imprese (Ramaciotti, 2003). Il modello europeo a cui si ispira è la realizzazione di una sorta di agenzia della ricerca estremamente selettiva che finanzierà grandi aggregazioni di ricercatori su argomenti e progetti predefiniti a livello 2

4 comunitario, con l obiettivo di focalizzare congrui finanziamenti sui gruppi di ricerca di eccellenza. In tale contesto l Italia, la cui spesa in ricerca era pari all 1.1% del PIL nel 2000, rispetto ad una media dei paesi OCSE del 2.3% (Bratti e Matteucci, 2005; Weil, 2007), ha bloccato gli investimenti in ricerca pubblica, con una riduzione dei grandi progetti nazionali ed un calo dei finanziamenti locali degli atenei, sebbene molte Regioni stiano orientando verso la ricerca scientifica risorse prevalentemente rivolte e programmi industriali o a progetti con ricadute a breve termine. Il tessuto industriale italiano si caratterizza per la preminenza di piccole imprese, spesso riunite in distretti industriali. È, quindi, probabile che molti processi innovativi siano sottostimati dai dati sulla spesa formale in R&D ma avvengano all interno dei distretti in settori tradizionali, operati dalle singole imprese sulla base delle relazioni infra e intra industriale e degli scambi con gli utenti e con i fornitori, siano di tipo incrementale e/o focalizzate a generare progresso tecnico incorporato (Bratti e Matteucci, 2005; ENEA, 2006). L intensità delle spese in R&D non è un indicatore sufficiente per valutare la ricaduta sulla crescita del PIL anche perché è importante la concentrazione territoriale delle spese in R&D, per la presenza di economie di scala, dovute al numero di ricercatori, alla scala e alla varietà di laboratori, all accumulo di ricerca pregressa, su cui poter sviluppare nuove ricerche. D altra parte la presenza, nei paesi più deboli in termini di spese di ricerca, di un industria diffusa, di piccole dimensioni in settori tradizionali, tende a delineare una domanda formalizzata di ricerca da parte del settore privato molto più limitata di paesi in cui predomina la grande impresa, che non solo domanda ricerca, ma è in grado di valutare e di acquisire beni intangibili. I progetti sopranazionali, molto utili nei settori che richiedono enormi investimenti tecnologici, quali quelli più avanzati della conoscenza di base, rischiano di penalizzare economie con una struttura produttiva frammentata, dove è ancora più importante il compito dell università di valorizzare la ricerca a fini industriali, identificando il potenziale produttivo e applicativo della ricerca di base da trasmettere all industria. Ciò è particolarmente vero per il settore alimentare per vari motivi. Rispetto ai distretti industriali, i sistemi locali agroalimentari hanno caratteristiche che possono rallentare, in generale, il progresso tecnico (Becattini, 2000): i benefici 3

5 delle innovazioni sono meno appropriabili nella fase di produzione primaria che si svolge all aperto, quindi sotto gli occhi di tutti, e la dinamica della scomposizione del processo produttivo in fasi distinte, anche molto specializzate, che possono essere riconvertite rapidamente nella direzione richiesta dal mercato, è rallentata da dati tecnici e socio-culturali, quali l abitudine ad una domanda meno rapidamente variabile, il senso di appartenenza statico ad un area, il maggiore ruolo dei rapporti gerarchici rispetto a quelli di mercato e il vincolo della proprietà della terra che blocca la mobilità sociale e professionale all interno dell area e ostacola le operazioni di riassetto fondiario (ad esempio, Cupo, 1995). Inoltre, l innovazione di processo e di prodotto derivante dalla ricerca scientifica in campo alimentare è quasi mai frutto di idee sviluppate in un solo ambito disciplinare ma deriva da un attività multidisciplinare dove diversi aspetti (biologici, chimici, tecnologici, ingegneristici, nutrizionali, economici e legislativi) concorrono nello sviluppo del complesso percorso che porta dalla formulazione dell idea alla sua realizzazione industriale 2 (Masi, 2006). Infine, l industria alimentare italiana è, in generale, eccessivamente frammentata con un elevata presenza di piccole e medie imprese (la percentuale di imprese con al massimo nove addetti è del 90%), concentrate soprattutto al Sud e con maggiori difficoltà di accesso all informazione e all innovazione tecnologica 3 (Pantini, 2007). Il trasferimento delle conoscenze alle imprese e il coordinamento delle attività di ricerca, per esplicitare la domanda latente di innovazioni e garantire una massa critica sufficiente, sono, quindi, particolarmente problematici per l industria alimentare meridionale, caratterizzata da proprietà familiare. Obiettivo di questo lavoro è verificare il ruolo delle università e degli istituti pubblici di ricerca, rispetto ad altri fattori determinanti, abitualmente utilizzati in letteratura, nell introduzione di innovazioni di prodotto nel settore alimentare italiano. L analisi sarà svolta utilizzando i dati relativi alle imprese alimentari della 7 a ( ) e 8 a ( ) indagine Capitalia. La stessa specificazione sarà stimata, attraverso una 2 Ad esempio, nel caso di prodotti di quarta gamma, lo sviluppo di una tecnologia integrata che rendesse economicamente valido il processo produttivo dei friarielli pronti al consumo, ha richiesto la messa a punto di nuove tecniche colturali (Masi, 2006). 3 La realizzazione di film edibili, a partire da proteine e polisaccaridi di origine animale e vegetale, per fare in modo che la pastiera napoletano mantenga le proprie caratteristiche organolettiche per un mese o per far assorbire poco olio alle patatine fritte (Masi, 2006) ovviamente non sono alla portata di una pasticceria o di una friggitoria media. 4

6 regressione probit, separatamente sui campioni tratti dalle due ondate dell indagine e sui sub-campioni contenenti solo imprese meridionali. 2. Le interazioni università-industria Numerosi studi, basandosi sugli strumenti attraverso cui si realizza il trasferimento tecnologico, quali brevetti e collaborazioni di ricerca, hanno analizzato gli effetti dell interazione università-industria per il contesto americano (Ulrich et al., 1986; Mowery et al., 2001; Thursby et al., 2001; Colyvas et al., 2002; Di Gregorio e Shane, 2003). Pochi studi sono stati condotti per l Europa e per l Italia. Baldini et al. (2006) hanno costruito una banca dati contenente informazioni di dettaglio sui brevetti depositati a nome di atenei italiani presso l Ufficio Italiano Brevetti e Marchi e le relative estensioni internazionali, dopo aver rilevato l attività regolamentare delle università italiane in materia di brevetti aggiornata al 31 dicembre Le imprese rappresentano il 23% dei co-titolari di brevetti depositati da atenei italiani nel periodo esaminato. Il trasferimento tecnologico dalle università alle imprese non si attua solo attraverso brevetti e collaborazioni di ricerca: D Este e Patel (2007), da un indagine condotta sugli studiosi delle università inglesi, evidenziano che altri canali di interazione e di possibile trasferimento tecnologico sono importanti, quali consulenze e partecipazione a incontri e conferenze. La varietà dei canali di interazione dipende maggiormente da caratteristiche individuali del ricercatore piuttosto che da caratteristiche del dipartimento di cui il ricercatore fa parte, quindi incentivi rivolti esclusivamente alle università potrebbero essere insufficienti a stimolare le potenziali interazioni tra università e industria ma nuovi meccanismi di incentivazione, da rivolgere ai ricercatori, potrebbero risultare più efficaci. Iorio (2006) conferma per la realtà italiana che il brevetto non è la modalità più frequente di interazione tra università e industria. L impatto della ricerca in collaborazione con l industria è ritenuto positivo dalle interviste condotte nell Università di Bologna, Ferrara e Trieste, sia sulla quantità che sulla qualità delle pubblicazioni. Tuttavia, l aumento del tempo dedicato alla ricerca industriale riduce il 5

7 tempo dedicato alla ricerca di base e le pubblicazioni derivanti da ricerca industriale subiscono dilazioni e limitazioni nei contenuti, maggiori quando dalla ricerca in collaborazione deriva un brevetto piuttosto che una pubblicazione congiunta. Bonaccorsi et al. (2006) misurano l efficienza delle università italiane, considerando tra gli input anche i trasferimenti industriali, giungendo al risultato che economie di scala e di scopo non solo fattori determinanti nella produttività accademica, sia della ricerca che dell istruzione. Per quanto concerne il trade-off tra pubblicazioni scientifiche e ricerca industriale applicata, gli effetti di complementarietà o sostituzione hanno una caratterizzazione locale, con evidenza di una relazione ad U rovesciata, evidenziata nel grafico 1, tra fonti esterne e contributo al miglioramento dell efficienza. Tuttavia, la maggioranza delle università italiane si localizza nella regione degli effetti positivi in quanto l evidenza di un effetto di sostituzione dei trasferimenti industriali è dovuta a poche osservazioni nella coda a destra della distribuzione (che superano il 6% della quota di budget dell università derivante da trasferimenti industriali). È quindi possibile affermare che la ricerca scientifica e la collaborazione con l industria per le università italiane sono complementari. Grafico 1. Trasferimenti industriali ed effetto sull efficienza dell università 1.1 Effetto sull'efficienza dell'univers Quota di trasferimenti industriali sul budget dell'università Fonte: Bonnacorsi et al.,

8 Ramaciotti (2006) osserva come la collaborazione tra università e industria sia importante nello sviluppo economico di sistemi territoriali e lo stesso concetto di trasferimento tecnologico dall università all industria risulti oramai inadeguato perché implica l esistenza di due organizzazioni separate che si scambiano un bene appropriabile: la ricerca applicata. Tale visione è legata ad una fase storica, quella fordista, in cui le imprese erano individuate come organizzazioni di grande dimensione rivolte essenzialmente alla produzione fisica di un bene il cui impianto era dato ed i cui vantaggi erano le economie di scala statiche di riproduzione in grande serie di un prodotto standardizzato. In tale modello la ricerca era una attività precedente alla produzione i cui risultati richiedevano cambiamenti nella linea di produzione per poter essere applicati. L innovazione industriale era, quindi, uno shock da realizzarsi in termini discontinui. Viceversa, le stesse università possono essere incubatrici di nuova industria, permettendo la nascita di imprese derivate dalla ricerca, i cosiddetti spin off, attraendo investimenti di imprese esterne nell area universitaria e trasferendo tecnologie ad imprese già esistenti, che si riuniscono così nel nuovo cluster high tech, il cui elemento coagulante sono le nuove agglomerazioni locali di imprese ad alta tecnologia. È quanto concludono anche Quadrio Curzio e Fortis (2002) attraverso lo studio di casi, analizzando gli elementi che spiegano il successo di sistemi di impresa ad alta tecnologia, diffusisi in tutto il mondo senza essere espressione della grande impresa, da cui risulta come la collaborazione tra università e industria sia importante nello sviluppo dei sistemi territoriali. A tal fine risulta fondamentale la presenza di capitale umano specializzato in particolari capacità tecniche e scientifiche, simili o complementari fra loro (Ramaciotti, 2006). 3. La metodologia 3.1. I dati I dati utilizzati provengono dall Indagine sulle imprese manifatturiere svolta da Mediocredito Centrale, oggi Capitalia, per i periodi e L indagine raccoglie informazioni su un campione rappresentativo di imprese manifatturiere 7

9 operanti in Italia con più di dieci addetti e su tutte le imprese con più di 500 addetti 4. Complessivamente, il campione relativo al periodo è composto di 4497 osservazioni mentre quello relativo al periodo consta di 4680 rilevazioni. Facendo ricorso alla classificazione ATECO 91, da questi campioni sono state estratte rispettivamente 402 e 450 imprese del settore agro-industriale per i due periodi esaminati. L indagine di Capitalia raccoglie informazioni relative all introduzione di innovazioni di prodotto e di processo e alla quota di fatturato derivante dalla vendita di nuovi prodotti. Quest ultima informazione è stata utilizzata per distinguere le imprese che hanno innovato rispetto alle altre. Il motivo di tale scelta risiede nel desiderio di utilizzare un indicatore del successo dell innovazione introdotta. Inoltre, tale scelta è supportata dalla considerazione che nel periodo esaminato, le imprese agro-industriali meridionali hanno più frequentemente adottato innovazioni congiunte di prodotto e di processo (Istituto Guglielmo Tagliacarne, 2004). La tabella 1 evidenzia che il 14% delle imprese del campione ha introdotto un innovazione di prodotto nel periodo ed il 16% nel periodo successivo. La performance innovativa delle imprese, intesa quale percentuale di fatturato da nuovi prodotti, è riportata in tabella 2. Nel periodo , la vendita di nuovi prodotti contribuisce in media per il 19% al fatturato delle imprese che hanno innovato e per il 24% nel periodo , con un evidente miglioramento della performance innovativa delle imprese. A tal proposito è interessante sottolineare l incremento nella performance innovativa delle imprese meridionali che raggiungono un valore del 30% del fatturato realizzato da nuovi prodotti con un risultato leggermente superiore a quello medio nazionale. Le caratteristiche strutturali e dimensionali delle imprese esaminate sono riportate nella tabella 1. Osservando i valori di numero di occupati e fatturato, si può rilevare che il campione é costituito in prevalenza da imprese di medie dimensioni e che nel periodo considerato si riduce la dimensione media. Per le imprese che hanno innovato (tab. 2), viceversa, si registra un incremento della dimensione, a giudicare dai valori medi degli occupati e del fatturato, per le imprese nazionali ed una riduzione del fatturato per quelle meridionali. 4 Si vedano Mediocredito Centrale (1999) e Capitalia (2002) per gli aspetti metodologici dell'indagine. 8

10 L intensità di R&S, misurata dal rapporto tra spesa in R&S e fatturato, permette di evidenziare il differente comportamento adottato dalle imprese che hanno innovato rispetto alle altre. Le prime, infatti, sembrano puntare sull attivazione e realizzazione di processi endogeni di produzione dell innovazione, considerando anche le variabili relative all investimento complessivo realizzato dall azienda in ICT 5 e il peso di questo tipo di investimento sul totale del fatturato aziendale. Entrambe le variabili subiscono un incremento nel periodo considerato. Tabella 1 - Statistiche descrittive per le imprese alimentari del campione Italia Sud Italia Sud Variabile N imprese Imprese con fattur. da nuovi prod. (%) N occupati medio Fatturato medio (ml Euro) Investimenti medio (ml Euro) Imprese con R&S Spesa R&S/fatturato (%) Investimento ICT (1000 euro) Investimento ICT/fatturato (%) % ICT invest. hardware % ICT invest. software % ICT invest. comunicazione % Spesa in R&S per miglioramento di processo miglioramento di prodotto nuovi processi nuovi prodotti Accordi tecnologici in Italia Imprese con rapporti con GDO Occupati laureati (%) R&S da rapporti con l Università Imprese con lavoratori flessibili Fonte: Nostre elaborazioni sui dati Capitalia 5 Ammontare di investimento realizzato dall'impresa in hardware informatico, software, reti telematiche e telecomunicazioni. 9

11 Per descrivere l attività di cooperazione tecnologica delle imprese, è stata considerata una variabile dicotomica che indica la partecipazione dell impresa ad un accordo tecnologico. Dalla tabella 1 si può, in proposito, evidenziare la riduzione delle imprese con accordi tecnologici siglati con partner italiani. Per le imprese che hanno innovato, viceversa, si registra un incremento degli accordi. Tabella 2 - Statistiche descrittive per le imprese alimentari innovative del campione Italia Sud Italia Sud Variabile N imprese Fatturato da nuovi prodotti (%) N occupati medio Fatturato medio (ml Euro) Investimenti medio (ml Euro) Imprese con R&S Spesa R&S/fatturato (%) Investimento ICT (1000 Euro) Investimento ICT/Fatturato (%) % ICT invest. Hardware % ICT invest. software % ICT invest. Communication % Spesa in R&S per miglioramento di processo miglioramento di prodotto nuovi processi nuovi prodotti Accordi tecnologici in Italia Imprese con rapporti con GDO Occupati laureati (%) R&S da rapporti con l Università Imprese con lavoratori flessibili Fonte: Nostre elaborazioni su dati Capitalia Per quanto riguarda i canali di commercializzazione utilizzati dalle aziende, si può evidenziare l elevato incremento delle aziende che hanno rapporti con la grande distribuzione organizzata (GDO). Nel gruppo delle imprese che hanno innovato, questa crescita è leggermente inferiore nel campione nazionale ma è superiore nelle aziende meridionali. 10

12 Il numero di laureati in rapporto al totale di occupati non è molto differente tra imprese che hanno innovato e non, probabilmente perché una maggiore percentuale di laureati indica una struttura organizzativa interna più articolata (R&S, progettazione, marketing e finanza) ma non è direttamente connessa alla performance innovativa aziendale (Pavitt, 1993). Per analizzare la collaborazione con le Università ed altri centri pubblici di ricerca è stata utilizzata una variabile dicotomica che vale uno per le aziende che hanno rapporti con strutture pubbliche di ricerca. Dalla tabella 1, si può rilevare che il 16% delle imprese ha avuto contatti con strutture pubbliche di ricerca nei due periodi considerati. Tra le imprese che hanno innovato, il 31% ha avuto rapporti con istituti pubblici di ricerca nell ultimo periodo considerato, con un vistoso incremento nel periodo considerato per le imprese meridionali. Questo dato trova conferma nel fatto che le imprese agro-industriali meridionali si rivolgono più spesso di alte imprese meridionali agli enti pubblici di ricerca (Istituto Guglielmo Tagliacarte, 2004). Dalle tabelle 1 e 2, si può, infine, rilevare che il 47% delle imprese del campione e il 61% delle imprese che hanno innovato ricorrono a lavoro flessibile (contratti part-time e/o a tempo determinato) Il modello econometrico Per identificare i determinanti dell introduzione di innovazioni è stata effettuata un analisi di regressione probit (Maddala, 1983). Brevemente, con tale modello si assume che la differenza tra le due alternative, innovare e non innovare, possa essere modellata come una variabile latente y*: y * i = β x i + ui dove indica x il vettore di variabili che condizionano la probabilità di innovare per l impresa i-esima e u i è una componente stocastica. Un indicatore binario F i osservabile è associato alla variabile latente y* tale che y i =1 quando y i *>0 e y i =0 altrimenti. Assumendo una distribuzione normale standardizzata per gli errori nel modello latente, si può usare un modello probit per rappresentare il processo di scelta tra innovare e non innovare. In tal caso, la probabilità di innovare è data da: 11

13 Pr( y = 1) =Φβ ( x ) dove Φ rappresenta la funzione di densità cumulata normale. Simmetricamente, la probabilità di non innovare è definita da: i Pr( y = 0) = 1 Φ( β x ) i I parametri del modello probit si ottengono massimizzando la funzione congiunta di log-verosimiglianza: ln L = ln(1 Φ ) + ln Φ i yi= 0 yi= 1 La variabile dipendente y i assume valore 1 per imprese con fatturato derivante da nuovi prodotti e il valore 0 diversamente. i i i 3.3. La specificazione empirica La specificazione qui proposta per la funzione indice del modello probit è la seguente: F = β 0 + β 1 Accordi tecnologici +β 2 GDO + β 3 Occupati laureati +β 4 R&S +β 5 R&S da università +β 6 R&S da imprese +β 7 R&S per miglioramento di prodotto+ 3 β 7 + d d d +β 9 Flessibilità +β 10 Cooperativa +β 11 Incentivi+ β 12 Incentivi*R&S da rapporti esterni + d = 1 6 β 12 + c c= 1 d c + 2 β 18 + g g= 1 d g dove: Accordi tecnologici, GDO, R&S da università, R&S da imprese, Flessibilità, Cooperativa, Incentivi sono variabili dicotomiche; Occupati laureati = percentuale di laureati sul totale degli addetti; R&S = percentuale di spesa in R&S sul fatturato dell impresa; R&S per miglioramento di prodotto = percentuale di spesa in R&S destinata al miglioramento dei prodotti: R&S da rapporti esterni= R&S da università + R&S da imprese d d dicotomiche di classi di fatturato definite secondo la classificazione AGRA (2004) 6 : 6 La scelta della proxy di dimensione, se in termini di variabili continue o di classi di addetti o di fatturato, è stata effettuata tenendo conto di quale specificazione desse il miglior adattamento. In 12

14 Classe di dimensione 1 = ml Euro Classe di dimensione 2 = 3-5 ml Euro Classe di dimensione 3 = 5-25 ml Euro Classe di dimensione 4 = ml Euro Classe di dimensione 5 = 50 ml Euro d c dicotomiche per i comparti carne, orto-frutta, lattiero-caseario, granaglie, alimenti e bevande; d g dicotomiche per le circoscrizioni Nord e Sud. 4. I risultati dell analisi econometrica Questa sezione riporta i risultati dell analisi econometrica del comportamento innovativo delle imprese. Come già menzionato, i dati a nostra disposizione sono tratti da due ondate dell indagine di Capitalia: la prima riguarda il periodo e consta complessivamente di 402 osservazioni; la seconda è relativa agli anni e si compone di 450 rilevazioni. Questi due insiemi di osservazioni si riducono rispettivamente a 338 e a 386 rilevazioni, considerando i valori mancanti. Come già menzionato, obiettivo dell analisi è individuare le variabili che influenzano la probabilità di realizzare un prodotto nuovo di successo, ossia commercializzato, e verificare l evoluzione delle determinanti del processo innovativo, dal confronto tra le variabili significative per il periodo e quelle significative nel periodo Analogamente, considerando esclusivamente le aziende meridionali è possibile analizzare le determinanti che nei due periodi temporali spiegano il processo innovativo dell agro-industria meridionale. In generale, non si evidenzia un comportamento innovativo differenziato tra comparti e tra forme di impresa, non essendo risultate significative le dummy di comparto (ad eccezione del comparto granaglie) e le dicotomiche per le cooperative, in nessuno dei periodi e delle estensioni geografiche considerate. particolare, la specificazione con le classi AGRA 2, 3 e 4 rispetto a quella con le classi 3, 4 e 5, ha fornito l adattamento migliore per la regressione riportata in tab

15 4.1. I determinanti delle innovazioni di prodotto nel periodo La tabella 3 contiene le stime degli effetti marginali dei parametri e dei valori di significatività del modello probit applicato nel periodo Tabella 3 - Determinanti delle innovazioni di prodotto nelle imprese alimentari italiane ( ). Regressione probit. Variabile dipendente: presenza di fatturato da nuovi prodotti Variabile df/dx z P> z Accordi tecnologici in Italia Rapporti con GDO Occupati laureati Intensità R&S R&S da rapporti con università R&S da rapporti con imprese Spesa in R&S per miglioramento di prodotto Classe di dimesione Classe di dimesione Classe di dimesione Imprese con lavoratori flessibili Cooperativa Incentivi Incentivi*R&S da rapporti esterni Comparto carne Comparto orto-frutticolo Comparto lattiero-caseario Comparto granaglie Comparto alimenti Comparto bevande Nord Sud Psuedo R 2 di McFadden 0.20 Psuedo R 2 di Efron 0.17 Psuedo R 2 di Veall/Zimmermann 0.31 % di predizioni corrette 87 N. osservazioni 338 Prob[χ 2 > valore critico] L adattamento della regressione è buono a giudicare dalla percentuale di predizioni corrette e dalla significatività del test condotto sull ipotesi nulla che i parametri diversi dalla costante siano nulli. La bontà di adattamento può essere giudicata anche dai valori 14

16 dello psuedo R 2 di McFadden, di Efron e di Veall/Zimmermann, che empiricamente difficilmente raggiungono valori prossimi a 1 (Scarpa, 2002). Le variabili, altamente significative, che influenzano positivamente la probabilità di sviluppare e commercializzare un nuovo prodotto sono l esistenza di rapporti commerciali con la GDO e la dimensione dell impresa, seguono, in ordine di significatività, la presenza di R&S che proviene da rapporti con strutture pubbliche di ricerca e gli incentivi finalizzati a stimolare tali collaborazioni, come è possibile giudicare dalla significatività della variabile di interazione tra la presenza di incentivi e la presenza di R&D da strutture esterne, sia pubbliche che private. La presenza di spesa in R&D finalizzata al miglioramento di prodotti già esistenti disincentiva la realizzazioni di nuovi prodotti. La percentuale di laureati tra gli occupati dell azienda e la presenza di un dipartimento di R&S aziendale non aumentano la probabilità di innovare, perché probabilmente il loro effetto è già stato colto dalla variabile di dimensione aziendale. Le imprese con strategie di cooperazione e integrazione con altre imprese italiane non hanno maggior probabilità di innovare. La presenza di R&S che proviene da rapporti esterni con imprese, la presenza di lavoratori flessibili, la struttura proprietaria dell impresa, le variabili di comparto e di circoscrizione geografica non influenzano, in media la probabilità di realizzare nuovi prodotti di successo. Per quanto riguarda la dimensione dell impatto, il rapporto con strutture esterne pubbliche di ricerca è la variabile che presenta l effetto marginale più alto, superiore anche a quello relativo alla dimensione aziendale. La tabella 4 contiene le stime degli effetti marginali dei parametri e dei valori di significatività del modello probit nel periodo per il gruppo delle imprese meridionali. Dai risultati ottenuti si può, innanzitutto, evidenziare come siano diverse le variabili che spiegano l adozione d innovazioni per le aziende meridionali. Innanzitutto non è possibile respingere l ipotesi nulla che l effetto congiunto dei parametri diversi dalla costante sia nullo, probabilmente in parte spiegato dalla minore numerosità del campione, per l elevata incidenza di valori mancanti, che riduce la variabilità dei determinanti osservati. 15

17 Tabella 4 - Determinanti delle innovazioni di prodotto nelle imprese alimentari meridionali ( ). Regressione probit. Variabile dipendente: presenza di fatturato da nuovi prodotti Variabile df/dx z P> z Accordi tecnologici in Italia Rapporti con GDO Occupati laureati Intensità R&S R&S da rapporti con università R&S da rapporti con imprese % Spesa in R&S per miglioramento di prodotto Classe di dimensione Classe di dimensione Imprese con lavoratori flessibili Cooperativa Incentivi Incentivi*R&S da rapporti esterni Comparto carne Comparto lattiero-caseario Comparto granaglie Comparto alimenti Comparto bevande Psuedo R 2 di McFadden 0.37 Psuedo R 2 di Efron 0.31 Psuedo R 2 di Veall/Zimmermann 0.52 % di predizioni corrette 89 N. osservazioni 75 Prob[χ 2 > valore critico] Infatti, la dimensione è la variabile che spiega in toto l introduzione di innovazioni di successo, essendo la presenza del canale commerciale della grande distribuzione l unica altra variabile, debolmente significativa I determinanti delle innovazioni di prodotto nel periodo La tabella 5 contiene le stime degli effetti marginali e della loro significatività nel modello probit stimato per il periodo Si può, innanzitutto, osservare come non siano le stesse le variabili che spiegano l introduzione di innovazioni nei due periodi considerati. Parallelamente a quanto osservato per il periodo precedente, i determinanti del processo innovativo sono la percentuale di R&S che proviene da rapporti con strutture universitarie di ricerca e 16

18 l esistenza di rapporti commerciali con la GDO. Diventano significative variabili quali le strategie di cooperazione e integrazione tecnologica con altre aziende italiane, la presenza di un dipartimento di R&S aziendale e la percentuale di laureati tra gli occupati dell azienda. La grande dimensione, sempre definita dall appartenenza alle classi di fatturato secondo la classificazione AGRA, non è più significativa rispetto alle stime precedenti, si osserva una minore ma poco significativa probabilità di innovare delle imprese di dimensioni minori. Tabella 5 - Determinanti dell introduzione di innovazioni nelle imprese alimentari italiane ( ). Regressione probit. Variabile dipendente: presenza di fatturato da nuovi prodotti Variabile df/dx z P> z Accordi tecnologici in Italia Rapporti con GDO Occupati laureati Intensità R&S R&S da rapporti con università R&S da rapporti con imprese % Spesa in R&S per miglioramento di prodotto Classe di dimensione Classe di dimensione Classe di dimensione Imprese con lavoratori flessibili Cooperativa Incentivi Incentivi*R&S da rapporti con l Università Comparto carne Comparto orto-frutticolo Comparto lattiero-caseario Comparto granaglie Comparto alimenti Comparto bevande Nord Sud Psuedo R 2 di McFadden 0.17 Psuedo R 2 di Efron 0.16 Psuedo R 2 di Veall/Zimmermann 0.28 % di predizioni corrette 0.86 N. osservazioni 386 Prob[χ 2 > valore critico]

19 Le variabili ricorso a lavoratori flessibili e R&D da rapporto con imprese esterne sono debolmente significativa così come, con segno negativo, l aver migliorato i prodotti. Non si osserva una differenza statisticamente significativa tra le imprese appartenenti ad aree geografiche differenti; la dicotomica relativa comparto delle granaglie mostra un segno negativo con una debole significatività. Per quanto riguarda l impatto, presentano effetto marginale superiore gli accordi tecnologici con altre imprese italiane e la variabile R&S da rapporti con università. In tabella 6 sono riportate le stime effettuate per l Italia meridionale. La flessibilità del lavoro è la variabile più significativa nello spiegare la probabilità di sviluppare e commercializzare un nuovo prodotto, seguono gli incentivi, la presenza di R&S intra moenia ed extra moenia da rapporti con centri pubblici di ricerca. La percentuale di laureati è debolmente significativa così come la dicotomica relativa al comparto granaglie. In quanto ad effetti marginali, la presenza di R&S extra moenia da rapporti con centri pubblici di ricerca presenta il valore superiore, seguono gli incentivi e la presenza di lavoratori flessibili. Quest ultima variabile è altamente significativa per il Mezzogiorno e probabilmente ciò spiega la minore significativa della variabile percentuale di laureati, nel senso che il ricorso a lavoro flessibile ha abbassato il costo di acquisizione di capitale umano necessario all impresa per poi innovare, ciò in particolare per il Mezzogiorno. Questo risultato sembra suggerire che la flessibilità del lavoro abbia consentito lo skill-upgrading necessario alla differenziazione verticale del prodotto (Celi, 1996; Bratti e Matteucci, 2005) In sintesi nel periodo esaminato, subentrano nuovi sentieri di cambiamento tecnologico con un avvicinamento tra sentiero nazionale e meridionale. L importanza della conoscenza si esplicita anche per il Mezzogiorno osservando l acquisita significatività di variabili quali la spesa in R&D intra moenia ed extra moenia da università e centri pubblici e della percentuale di laureati, sebbene quest ultima variabile solo debolmente. La dimensione non è più una variabile importante probabilmente perché gli incentivi pubblici hanno indotto a esplicitare la domanda latente di innovazioni e a cercare altrove risposte adeguate, nelle università ma anche nelle imprese private. Il ricorso al 18

20 lavoro flessibile emerge quale determinante significativa, in particolare per il Mezzogiorno ma l impatto di tale variabile dicotomica è inferiore a quello della presenza di spesa in R&D da università. Tabella 6 - Determinanti delle innovazioni nelle imprese alimentari meridionali ( ). Regressione probit. Variabile dipendente: presenza di fatturato da nuovi prodotti Variabile df/dx z P> z Rapporti con GDO Occupati laureati Intensità R&S R&S da rapporti con università R&S da rapporti con imprese % Spesa in R&S per miglioramento di prodotto Classe di dimesione Classe di dimesione Classe di dimesione Imprese con lavoratori flessibili Cooperativa Incentivi Incentivi*R&S da rapporti con l Università Comparto carne Comparto orto-frutticolo Comparto lattiero-caseario Comparto granaglie Comparto alimenti Comparto bevande Psuedo R 2 di McFadden 0.31 Psuedo R 2 di Efron 0.27 Psuedo R 2 di Veall/Zimmermann 0.45 % di predizioni corrette 91 N. osservazioni 145 Prob[χ 2 > valore critico] Per il Mezzogiorno, la presenza di R&S extra moenia da rapporti con università e centri pubblici di ricerca passa da determinante non significativa dell introduzione di innovazioni di prodotto nel periodo a variabile significativa al 6% nel periodo Per l Italia nel suo complesso la significatività della variabile rimane invariata ed alta ma diminuisce il suo effetto marginale da a 0.228; viceversa il valore che assume l effetto marginale per il Mezzogiorno nel periodo , sebbene meno significativo rispetto al resto d Italia, è molto alto

I determinanti delle innovazioni di prodotto nell industria alimentare italiana: il ruolo dell Università e delle istituzioni pubbliche di ricerca 1

I determinanti delle innovazioni di prodotto nell industria alimentare italiana: il ruolo dell Università e delle istituzioni pubbliche di ricerca 1 I determinanti delle innovazioni di prodotto nell industria alimentare italiana: il ruolo dell Università e delle istituzioni pubbliche di ricerca 1 The determinants of product innovation in the Italian

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Seminario. Diritti di proprietà intellettuale tra incentivi e strategie. Problemi di ricerca e casi di studio. Torino, venerdì 17 giugno

Seminario. Diritti di proprietà intellettuale tra incentivi e strategie. Problemi di ricerca e casi di studio. Torino, venerdì 17 giugno Seminario Diritti di proprietà intellettuale tra incentivi e strategie. Problemi di ricerca e casi di studio Torino, venerdì 17 giugno LORENZO CASSI Università Bocconi, Milano Tema di ricerca Network sociali

Dettagli

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica:

Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano. Audizione dell Istituto nazionale di statistica: VERSIONE PROVVISORIA Indagine conoscitiva sui rapporti di lavoro presso i call center presenti sul territorio italiano Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott. Roberto Monducci Direttore

Dettagli

DOMENICO SARNO CURRICULUM VITAE. Professore Ordinario di Economia Politica alla Seconda Università di Napoli, Dipartimento di Economia.

DOMENICO SARNO CURRICULUM VITAE. Professore Ordinario di Economia Politica alla Seconda Università di Napoli, Dipartimento di Economia. DOMENICO SARNO CURRICULUM VITAE Luogo e anno di nascita: Avellino, 1956 Residenza: Avellino, via Macchia, 25/A; Stato civile: coniugato con un figlio. Posizione attuale Professore Ordinario di Economia

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 Massimo G. Colombo Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale Le gazzelle high-tech Le gazzelle

Dettagli

Rafforzare il sistema innovativo regionale e le sue filiere: il ruolo dell ARTI. Dott.ssa Adriana Agrimi ARTI 16 Giugno 2008, Bari

Rafforzare il sistema innovativo regionale e le sue filiere: il ruolo dell ARTI. Dott.ssa Adriana Agrimi ARTI 16 Giugno 2008, Bari Rafforzare il sistema innovativo regionale e le sue filiere: il ruolo dell ARTI Dott.ssa Adriana Agrimi ARTI 16 Giugno 2008, Bari Competizione tra territori Vi è una relazione positiva fra dimensione di

Dettagli

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione

Dettagli

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA

CORSO DI POLITICA ECONOMICA PER L INNOVAZIONE FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA FACOLTÀ DI ECONOMIA R.GOODWIN UNIVERSITÀ DI SIENA PROF.SSA MARIA ALESSANDRA ROSSI ALESSANDRA.ROSSI@UNISI.IT Innovazione e lavoro UN TEMA (DI)BATTUTO DA TEMPO SCHEMA DELLA LEZIONE Effetti dell innovazione

Dettagli

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE cosa stai cercando? riflessioni sulla ricerca sanitaria dall idea all application: come descrivere un progetto di ricerca e chiedere un finanziamento Regione Liguria Terzo

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB

RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB RELAZIONE DI SINTESI DELL ATTIVITA SVOLTA Progetto OS4E Università Bocconi Customer & Service Science LAB Obiettivi La sezione di ricerca realizzata da CSS-LAB Customer & Service Science LAB dell Università

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Gli incentivi alle imprese per l innovazione

Gli incentivi alle imprese per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Gli incentivi alle imprese per l innovazione Raffaello Bronzini Banca d Italia DPS Invitalia - Incontro su: Il ruolo degli strumenti nelle smart specializzation strategy

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

Quanto vale la cooperazione agricola italiana?

Quanto vale la cooperazione agricola italiana? Eddi Fontanari *, Carlo Borzaga ** Quanto vale la cooperazione agricola italiana? * Euricse, University of Missouri - visiting scholar. **Università degli Studi di Trento, Euricse. Negli ultimi anni l

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca

DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE. Progetto di ricerca DIVERSIFICAZIONE E PERFORMANCE Progetto di ricerca Premessa La diversificazione rappresenta, ormai da qualche anno, uno dei temi verso i quali esperti e studiosi di finanza e di management rivolgono grande

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Perché la crisi non diventi declino Idee e proposte per Veneto 2015 Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Vicenza, 6 luglio 2013 Giancarlo Corò Sommario 1. Tendenze di lungo periodo dell

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Pinuccia Calia, Ignazio Drudi La diffusione e la penetrazione dell

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE

7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE 7 ITALIA USA: UN CONFRONTO TRA LE DIFFERENTI STRATEGIE DI FORMAZIONE Lo studio ISFOL Politecnico di Torino sulla formazione nella grandi imprese italiane si è servito di un questionario per la rilevazione

Dettagli

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo

CAPITOLO XXI. Crescita e sviluppo CAPITOLO XXI Crescita e sviluppo L obiettivo è di integrare alcuni aspetti della nuova teoria della crescita con quelli del paradigma dello sviluppo umano Considereremo le relazioni tra il capitale umano,

Dettagli

ALESSANDRO ARRIGHETTI

ALESSANDRO ARRIGHETTI ALESSANDRO ARRIGHETTI Department of Economics, University of Parma, Via Kennedy 6 43100 Parma Phone: +39.0521.032404 Fax: +39.0521.032402 e-mail: alessandro.arrighetti@unipr.it Professore ordinario in

Dettagli

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR

Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna. Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Le politiche di ricerca e sviluppo della Regione Emilia-Romagna Morena Diazzi Autorità di Gestione POR FESR Il POR FESR Emilia Romagna ASSE 1 Ricerca industriale e trasferimento tecnologico 115 milioni

Dettagli

Quinto incontro con le Regioni sul tema: Il ruolo degli strumenti nella Smart Specialisation Strategy Start up: gli strumenti, gli effetti

Quinto incontro con le Regioni sul tema: Il ruolo degli strumenti nella Smart Specialisation Strategy Start up: gli strumenti, gli effetti Quinto incontro con le Regioni sul tema: Il ruolo degli strumenti nella Smart Specialisation Strategy Start up: gli strumenti, gli effetti Maurizio Sobrero, Università di Bologna Obiettivi Condividere

Dettagli

La diffusione settoriale dell innovazione. Titolo corso: Economia dell innovazione 1. Davide Arduini

La diffusione settoriale dell innovazione. Titolo corso: Economia dell innovazione 1. Davide Arduini La diffusione settoriale dell innovazione Titolo corso: Economia dell innovazione 1 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino Lezione n.5 Linea espositiva 1. Introduzione alla

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

Big Data e Customer Engagement

Big Data e Customer Engagement 2013 Big Data e Customer Engagement Una Ricerca di: Novembre 2013 SOMMARIO PRINCIPALI RISULTATI DELLO STUDIO 2 INTRODUZIONE 5 COSA SONO I BIG DATA 5 PERCHÉ I BIG DATA SONO DIVENTATI IMPORTANTI 6 ADOZIONE

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere

Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere Nuove soluzioni e nuovi strumenti per migliorare i risultati nell amministrazione e nella gestione delle strutture alberghiere 6 MARZO 2014 BUSINESS VALUE SRL BUSINESS VALUE è una società di consulenza

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

Nuove tecnologie per il Made in Italy

Nuove tecnologie per il Made in Italy ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER LE NUOVE TECNOLOGIE PER IL MADE IN ITALY LA FILIERA AGROALIMENTARE: RISORSA PER LO SVILUPPO DELLA LOMBARDIA ITS ISTITUTO TECNICO SUPERIORE CORSO PER TECNICI SUPERIORI PER

Dettagli

Le nostre strategie. Patrizio Bianchi. Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012

Le nostre strategie. Patrizio Bianchi. Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012 Le nostre strategie Patrizio Bianchi Università di Ferrara e Regione Emilia Romagna Bologna 14 dicembre 2012 Il cambiamento recenti approcci di politica industriale Due esempi, uno voluto ed uno non voluto

Dettagli

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI Cosa si intende per Open Innovation Angela Rotellini, LIUC Università Cattaneo Lomazzo, 22 Aprile 2015 Agenda Definizione di Open Innovation I vantaggi dell Open

Dettagli

Allegato 1 Questionario di valutazione del settore ICT

Allegato 1 Questionario di valutazione del settore ICT Progetto CLUOS DM2.1 allegato 1 21 giugno 2008 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PALERMO FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Tecnologia Meccanica, Produzione ed Ingegneria Gestionale Allegato 1 Questionario

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI

TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI TENDENZE EVOLUTIVE NELLA DISCIPLINA DI MARKETING E RICERCA DI NUOVI PARADIGMI LO SVILUPPO DELLA DISCIPLINA DI MARKETING 1. Le origini 1920-1940 2. Lo sviluppo 1950-1965 3. La maturità 1965-1980 4. Il riorientamento

Dettagli

FIRM HETEROGENEITY AND NUMBER OF EXPORT DESTINATIONS: A POISSON REGRESSION APPROACH

FIRM HETEROGENEITY AND NUMBER OF EXPORT DESTINATIONS: A POISSON REGRESSION APPROACH Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ di ECONOMIA Sede di Forlì FIRM HETEROGENEITY AND NUMBER OF EXPORT DESTINATIONS: A POISSON REGRESSION APPROACH CANDIDATO: Marco Novelli RELATORE: Prof.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II RELAZIONE SULLE ATTIVITÀ DI RICERCA, DI FORMAZIONE E DI TRASFERIMENTO TECNOLOGICO (L. 1/2009 * ) - ANNO 2014 - * Ex art.3 quater D.L. n. 180/2008 convertito con legge 1/2009. Disposizioni urgenti per il

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Innovazione di Prodotto e Processo. Progetto PROMETEO

Innovazione di Prodotto e Processo. Progetto PROMETEO Innovazione di Prodotto e Processo Contesto È sempre più condiviso il concetto che l innovazione è uno degli strumenti chiave per il mantenimento e la crescita della competitività delle imprese, ma poche

Dettagli

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali fra AUIL FEMCA-CISL FILTEA-CGIL UILTA-UIL Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Sintesi Dati di scenario: 600 imprese per 15 addetti

Dettagli

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale

Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Innovazione e diritti di proprietà intellettuale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione Quali sono i Diritti di Proprietà

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE

EDUCATION EXECUTIVE. Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale. Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE EXECUTIVE EDUCATION Enterprise 2.0: il nuovo modello aziendale Comprendere le opportunità e analizzare i rischi CORSO EXECUTIVE fondazione cuoa business school dal 1957 Il punto di riferimento qualificato

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 6-3 Il capitale umano - L addestramento sul lavoro e il profilo età - guadagni 1 L addestramento sul lavoro e il profilo età - guadagni La forma del profilo età guadagni

Dettagli

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA

FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA FONTI E STRUMENTI PRIVATI PER LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il ruolo dei Venture Capital (VC) nel finanziamento dello sviluppo industriale e economico è esemplificato da alcuni dati. Nel 2006,

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Creazione di valore. di Massimo Lazzari (*)

Creazione di valore. di Massimo Lazzari (*) Il settore delle telecom, tra crescita e creazione di valore di Massimo Lazzari (*) Prosegue con questo contributo il filone dedicato all analisi di una serie di settori industriali tipicamente Business

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Risoluzione delle controversie in materia di impresa

Risoluzione delle controversie in materia di impresa Osservatorio Giustizia Risoluzione delle controversie in materia di impresa Primi risultati dell indagine campionaria ABI-Confindustria Maggio 2015 1 2 Indice Premessa... 4 Composizione del campione...

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

Piattaforma Italiana per il Future Internet

Piattaforma Italiana per il Future Internet Piattaforma Italiana per il Future Internet L innovazione ICT come opportunità di crescita economica e sociale In risposta alla recente crisi economica e a sfide preesistenti quali la globalizzazione,

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Il credito bancario alle imprese e la crisi: un analisi dei divari territoriali

Il credito bancario alle imprese e la crisi: un analisi dei divari territoriali Il credito bancario alle imprese e la crisi: un analisi dei divari territoriali Alessio D Ignazio Banca d Italia, Dipartimento di Economia e Statistica Regioni e sistema creditizio, ISSiRFA - CNR Roma,

Dettagli

Innovazione e imprese

Innovazione e imprese Innovazione e imprese Prof. Sandro Trento Facoltà di Economia, Università di Trento Roma, 15 settembre, Innovazione Italia Innovazione Innovazione è sinonimo di nuovo? La novità deve raggiungere il mercato

Dettagli

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO

EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO EXPO: PARLATO E BRUNO PRESENTANO IL RAPPORTO CREA SUL COMMERCIO ESTERO 5144-01:07:15/13:05 - milano, (agra press) - nel 2014 per l'agroalimentare le esportazioni, pari a circa 35 miliardi di euro, sono

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.

Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg. Università degli Studi di Perugia A.A. 2014/2015 Dipartimento di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Davide Castellani (davide.castellani@unipg.it) Introduzione Struttura di mercato e incentivi a investire

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono

Le imprese, i distretti, i territori che raccolgono Economia e Servizi Delocalizzazione e occupazione: il caso delle medie imprese nel Nord-Est Claudio Gagliardi Direttore Centro Studi Unioncamere Nazionale Un interessante studio di Unioncamere testimonia

Dettagli

Finanziamento e politiche per l innovazione

Finanziamento e politiche per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Finanziamento e politiche per l innovazione Banca d Italia, Sede di Genova 19 Novembre 2013 Le politiche per l innovazione: motivazione economica Tipologia ed effetti

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

L effetto degli asili nido sulle disuguaglianze di partenza

L effetto degli asili nido sulle disuguaglianze di partenza Vittoria Dicandia Progetto di ricerca per borsa di studio Roberto Franceschi L effetto degli asili nido sulle disuguaglianze di partenza Il tema degli asili nido è negli ultimi anni entrato con prepotenza

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi

Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Camera dei Deputati X Commissione (Attività Produttive, Commercio e Turismo) Audizione del Presidente di RetImpresa Aldo Bonomi Risoluzione in commissione n. 7/00574 in tema di reti di impresa Roma, 7

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese commenti a Gianluca Fiorentini *futuro al presente* Il mulino, Bologna 17 ottobre 2014 Andrea Gavosto Fondazione Giovanni Agnelli

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG42U

STUDIO DI SETTORE SG42U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE

SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE SPESA SANITARIA, COSTI-EFFICACIA e SCELTE TRAGICHE Giuseppe Clerico, Università del Piemonte orientale, Facoltà di Giurisprudenza, Dipartimento di Scienze giuridiche ed economiche Negli ultimi cinquantanni

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio?

Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? La metamorfosi del «modello emiliano»: c è ancora un futuro per i distretti industriali? Una prospettiva economica Carpi e i distretti italiani del tessile-abbigliamento: da dove parte il rilancio? Cristina

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital

Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Il mercato italiano del Private Equity e Venture Capital Focus sul settore high tech 5 Dicembre 2007 Indice Overview generale Il mercato italiano del Private equity e Venture capital Focus sul settore

Dettagli

E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI

E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI I N I T A L I A R A P P O R T O 2 0 1 3 SOMMARIO 9 PREFAZIONE 11 SINTESI DEL RAPPORTO 17 PARTE 1: IL SETTORE 18 1.1 Le imprese del settore

Dettagli