I Siti Militari studio di fattibilità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Siti Militari studio di fattibilità"

Transcript

1 I Siti Militari studio di fattibilità Razionalizzazione, accorpamento ed ammodernamento del patrimonio immobiliare in uso al Ministero della Difesa nella città di Milano

2 Indice Premessa 3 Siti Militari in trasformazione 4 Caserma Montello 5 Caserma Mameli 12 Comprensorio (Magenta, Carroccio, XXIV Maggio 19 P.zza d Armi, Caserma S. Barbara, Magazzini di Baggio 29 2

3 Premessa In data 29 maggio 2009 il Ministero della Difesa ed il Comune di Milano hanno sottoscritto un Protocollo d Intesa finalizzato alla riqualificazione e razionalizzazione di alcuni siti militari presenti sul territorio cittadino. I siti indicati dal Ministero della Difesa sono: Caserma Montello, via Caracciolo 29, sede del Battaglione Spluga del 1 Reggimento Trasmissioni; Caserma Mameli, viale Suzzani 125, sede del 3 Reggimento Bersaglieri; Comprensorio costituita dalla Caserma Magenta, via Mascheroni 26, sede del Centro Documentale, Caserma Carroccio, via Mario Pagano 22, sede del 3 Reparto Infrastrutture e Caserma XXIV Maggio, via Vincenzo Monti 59, sede del Comando Militare Esercito e del 3 Reparto Infrastrutture; Magazzini di commissariato Milano-Baggio denominati Magazzini di Baggio,via Della Rovere, sede del deposito materiali dell Aeronautica Militare; Area addestrativi denominata Piazza d Armi; Caserma S.Barbara, piazzale Perucchetti 1, sede del Reggimento Artiglieria a cavallo e del 1 Reggimento Trasmissioni; Caserma Mercanti, via Tanzi 5, sede del 3 Centro Rifornimento e Mantenimento. 3 Analisi Alla luce dell intesa sottoscritta, il Comune di Milano - Settore Valorizzazione Aree Comunali e non Comunali, in accordo con il Ministero della Difesa, ha avviato gli studi preliminari alla formalizzazione delle diverse proposte di programmazione/pianificazione urbanistica necessarie. Sulla base delle indicazioni fornite dal Ministero, dei 9 siti militari ne sono stati individuati 4 ai quali dare priorità e precisamente: le Caserme Montello, Mameli, Magazzini di Baggio con l area addestrativa denominata Piazza d Armi ed il Comprensorio. Nei siti individuati, sono presenti edifici dichiarati di interesse culturale ai sensi dell art.10 del D.lgs n.42 del 22 gennaio 2004 (Codice dei beni culturali e del Paesaggio). Solo l area denominata Piazza d Armi risulta libera da vincoli, in quanto libera da edificazioni. Le aree sono classificate nel PGT, approvato il , come ambiti di trasformazione, pertanto, verificati gli indici di Ut., si è proceduto con il calcolo della s.l.p. insediabile e quindi alla formulazione delle prime ipotesi progettuali. Gli studi preliminari condotti dal Comune di Milano, in collaborazione con il Ministero della Difesa, sono stati condivisi con la Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici della Lombardia ed alla luce di successivi sopralluoghi se ne è verificata la fattibilità. Il presente documento, pertanto, illustra l intero iter procedurale, percorso dal Comune di Milano, Ministero della Difesa e Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Lombardia, che ha definitivamente determinato gli edifici soggetti a interventi di conservazione e quelli oggetto di possibile demolizione e ricostruzione, ipotizzando le diverse soluzioni di trasformazione dei siti militari, anche in funzione delle prescrizioni imposte dal P.G.T..

4 Siti militari in trasformazione Settore Settore Pianificazione Pianificazione Tematica Tematica e Valorizzazione e Valorizzazione Aree Aree 4

5 Caserma Montello 5

6 Caserma Montello da PRG SS zone per servizi speciali SS b 8/6 Caserme da PGT Ambito di trasformazione Verde di progetto Indicazioni PGT 6 Superficie Territoriale mq Indice 0,70 Slp max accoglibile mq Spazi e servizi pubb. >50%ST Spazi a Parco >30%ST Vocazione

7 Caserma Montello 7 Rilievo fotografico

8 Caserma Montello Stato di fatto Ipotesi da PGT Caserma Montello ST mq Caserma Montello ST mq Ut 0,70 SLP mq Zona 8 Il calcolo della s.l.p. è stato effettuato secondo la definizione prevista dal R.E. vigente, semplificato vuoto per pieno (VPP). ST SLP generabile di cui Housing Sociale mq mq Ut 0,70 mq/mq mq Ut 0,35 mq/mq 8 Ai fini di un più puntuale calcolo, la stessa s.l.p. dovrà essere oggetto di ulteriore verifica, ovvero, secondo quanto dettagliato dall art. 10 del R.E. vigente, nonché, dall art. 4 dell NTA del PDR del PGT adottato. di cui edilizia libera SLP esistente di cui vincolati a seguito del Decreto della Soprintendenza mq Ut 0,35 mq/mq mq Ut 0,37 mq/mq mq Area di progetto

9 Caserma Montello Zona 8 Ambito di Trasformazione A seguito degli incontri avvenuti tra il Ministero della Difesa, il Comune di Milano, la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio sono state individuate le seguenti invarianti: - gli edifici che affacciano sulle vie Caracciolo, Amari e Bartolini sono soggetti a interventi di conservazione ai sensi dell art. 29 del codice; - per quanto riguarda gli edifici che affacciano sulla via Arimondi, l edificio centrale ed i due edifici che lo affiancano sono anch essi soggetti a interventi di conservazione; mentre i due edifici più esterni possono essere modificati/trasformati, mantenendo però l impianto urbanistico; - il muro di cinta può essere aperto in alcuni punti per permettere la permeabilità dell intera area. Immobili di interesse culturale oggetto di trasformazione Immobili di interesse culturale 9

10 Caserma Montello Indicazioni sulla trasformazione Studio di fattibilità Dati quantitativi Area di progetto: St = mq Ut = 0,70 mq/mq SLP da PGT = mq SLP vincolata = mq SLP insediabile = mq Area verde ~ Destinazioni d uso previste: Ricettivo Residenza Servizi compatibili con la residenza: Commerciale Terziario Sarà comunque da verificare la compatibilità delle funzioni con gli edifici soggetti a conservazione (art. 29 D.Lgs 42/2004 e s.m.i.) 10

11 Caserma Montello Indicazioni sulla trasformazione Studio di fattibilità 5 <piani <7 (15<H<21m) 1 piano (H=5,2m) 3 piani (H=18,5m) 2 piani (H=13,6m) 4 piani (H=12m) 1 piano (H=5,2m) 1 piano (H=9,2m) 5 <piani <7 (15<H<21m) 1 piano (H=5,3m) H= altezza calcolata al filo di gronda Si precisa che il numero dei piani varia, tra 5 e 7, a seconda dell effettivo calcolo della s.l.p. esistente (art. 10 RE). 11

12 Caserma Mameli 12

13 Caserma Mameli da PRG SS zone per servizi speciali SS b 8/6 Caserme da PGT Ambito di trasformazione Verde di progetto 13 Indicazioni PGT Superficie Territoriale mq Indice 0,70 Slp max accoglibile mq Spazi e servizi pubb. >50%ST Spazi a Parco >30%ST Vocazione

14 Caserma Mameli 14 Rilievo fotografico

15 Caserma Mameli Stato di fatto Ipotesi da PGT Caserma Mameli ST mq Caserma Mameli ST mq Ut 0,70 SLP = mq Zona 9 Il calcolo della s.l.p. è stato effettuato secondo la definizione prevista dal R.E. vigente, semplificato vuoto per pieno (VPP). ST mq SLP generabile mq Ut 0,70 mq/mq di cui Housing Sociale mq Ut 0,35 mq/mq 15 Ai fini di un più puntuale calcolo, la stessa s.l.p. dovrà essere oggetto di ulteriore verifica, ovvero, secondo quanto dettagliato dall art. 10 del R.E. vigente, nonché, dall art. 4 dell NTA del PDR del PGT adottato. di cui edilizia libera mq Ut 0,35 mq/mq SLP esistente mq Ut 0,27 mq/mq di cui vincolati a seguito del Decreto della Soprintendenza mq Area di progetto

16 Caserma Mameli Zona 8 Ambito di Trasformazione A seguito degli incontri avvenuti tra il Ministero della Difesa, il Comune di Milano, la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio sono state individuate le seguenti invarianti: - i due piccoli edifici che segnano l ingresso all area e i primi due edifici a corte sono soggetti a interventi di conservazione; - i restanti 4 edifici a corte dovranno essere conservati con però la possibilità di rialzo di un piano/due da verificarsi sulla base delle soluzioni architettoniche e tecnico-costruttive previste; - l impianto urbanistico deve sempre essere mantenuto; - per quanto riguarda l area priva di vincoli sono da preferire edifici a torre; - il muro di cinta può essere aperto in alcuni punti per permettere la permeabilità dell intera area. Immobili non sottoposti a tutela Immobili di interesse culturale Immobili di interesse culturale oggetto di trasformazione 16

17 Caserma Mameli Indicazioni sulla trasformazione Studio di fattibilità Area di progetto: St = mq Ut = 0,70 mq/mq SLP da PGT = mq SLP vincolata = mq SLP insediabile = mq Area verde ~ Dati quantitativi Destinazioni d uso previste: Residenza Servizi compatibili con la residenza: Commerciale Terziario Sarà comunque da verificare la compatibilità delle funzioni con gli edifici soggetti a conservazione (art. 29 D.Lgs 42/2004 e s.m.i.) 17

18 Caserma Mameli Indicazioni sulla trasformazione Studio di fattibilità 8 piani (H=24m) 9 piani (H=27m) 5 piani (H=15m) 3 piani (H=9m) H= altezza calcolata al filo di gronda Si precisa che il numero dei piani potrebbe variare a seconda dell effettivo calcolo della s.l.p. esistente (art. 10 RE). 2 piani (H=6m) 1 piano (H=5,5m) 18

19 Comprensorio Magenta - Carroccio - XXIV Maggio 19

20 Comprensorio Magenta Carroccio XXIV Maggio da PRG da PGT SS zone per servizi speciali SS b 8/6 Caserme Ambito di trasformazione Verde di progetto 20 Indicazioni PGT Superficie Territoriale mq Indice 0,70 Slp max accoglibile mq Spazi e servizi pubb. >50%ST Spazi a Parco >20%ST Vocazione

21 Caserma Magenta 21 Rilievo fotografico

22 Caserma Carroccio 22 Rilievo fotografico

23 Caserma XXIV Maggio 23 Rilievo fotografico

24 Comprensorio Magenta Carroccio XXIV Maggio Stato di fatto Ipotesi da PGT Caserma XXIV Maggio St mq Caserma Magenta St mq Caserma Carroccio St mq Caserma XXIV Maggio St mq Ut 0,70 slp = mq Caserma Magenta St mq Ut 0,70 slp = mq Caserma Carroccio St mq Ut 0,70 slp = mq 24 Caserma XXIV maggio Magenta Carroccio TOTALE ST mq mq mq mq SLP generabile mq mq mq mq Ut 0,70 mq/mq di cui Housing Sociale 5.073,5 mq 6.043,5 mq 3.324,5 mq ,5 mq Ut 0,35 mq/mq di cui edilizia libera 5.073,5 mq 6.043,5 mq 3.324,5 mq ,5 mq Ut 0,35 mq/mq SLP esistente mq mq mq mq Ut 1,2 mq/mq di cui vincolati a seguito del Decreto della Soprintendenza mq mq mq mq Zona 7 Zona 8 Area di progetto

25 Comprensorio Magenta Carroccio XXIV Maggio Riepilogo Vincoli A seguito degli incontri avvenuti tra il Ministero della Difesa, il Comune di Milano, la Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici e la Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio sono state assunte le seguenti decisioni: - gli immobili principali devono essere mantenuti; - nell ambito della caserma XXIV Maggio è data la possibilità di sostituire gli edifici esistenti sul fronte prospiciente via Reggimento Savoia con nuova edificazione; - il muro di cinta può essere aperto in alcuni punti per permettere la permeabilità dell intera area. Immobili non sottoposti a tutela 25 Immobili di interesse culturale Immobili di interesse culturale oggetto di trasformazione

26 Comprensorio Magenta Carroccio XXIV Maggio Verifiche indicazioni Piano di Governo del Territorio Area intervento St mq Ut <0, <slp<28.883mq A seguito del Protocollo d Intesa stipulato tra il Ministero della Difesa, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ed il Comune di Milano, riguardante l assegnazione in uso alla Accademia di Brera del complesso immobiliare riguardante una porzione del Comprensorio Magenta Carroccio XXIV Maggio, si rileva la difficoltà a poter garantire i percorsi di attraversamento dell area indicati nel PGT, in quanto l area occupata dalla Grande Brera non sarà di libero accesso. Per quanto riguarda le funzioni insediabili, oltre alla Grande Brera non si prevedono ulteriori servizi aggiuntivi. 26 Grande Brera St mq Ut <0,70 slp < mq Area intervento ST mq SLP generabile mq Ut 0,70 mq/mq di cui Housing Sociale mq Ut 0,35 mq/mq di cui edilizia libera mq Ut 0,35 mq/mq L area di concentrazione fondiaria èl ambito perimetratoin rosso SLP esistente mq Ut 1,05 mq/mq di cui vincolati a seguito del Decreto della Soprintendenza mq

27 Comprensorio Magenta Carroccio XXIV Maggio Indicazioni sulla trasformazione Nuovo studio di fattibilità Dati quantitativi Area di progetto: St = mq Ut = 0,70 mq/mq SLP da PGT = mq Area cessione= mq Grande Brera Area di concentrazione mq SLP vincolata = mq SLP insediabile = mq Da ricollocare = mq Area verde ~ Destinazioni d uso previste: Residenza Servizi compatibili con la residenza: Commerciale Terziario Servizi di interesse pubblico Sarà comunque da verificare la compatibilità delle funzioni con gli edifici soggetti a conservazione (art. 29 D.Lgs 42/2004 e s.m.i.) 27

28 Comprensorio Magenta Carroccio XXIV Maggio Indicazioni sulla trasformazione Nuovo studio di fattibilità 3 piani (H=18m) 7 piani (H=21m) La GRANDE BRERA 2 piani (H=8,8m) 3 piani (H=17m) 4 piani (H=22m) 3 piani (H=17m) 1 piano (H=3,6m) H= altezza calcolata al filo di gronda 28

29 Piazza d Armi -Magazzini di Baggio 29

30 Piazza d Armi Ambito di Trasformazione Dichiarazione d interesse Zona 7 Immobili non sottoposti a tutela Immobili di interesse culturale Area incolta pianeggiante, utilizzata dalla vicina caserma S. Barbara come area di esercitazione. Attualmente l area di proprietà del Demanio Militare, risulta inutilizzata e non presenta elemento da far supporre un interesse culturale. L area, pertanto, è valutata di non interesse e quindi non è sottoposta a tutela. L immobile in oggetto è ESCLUSO dalle disposizioni di tutela di cui alla parte II titolo I del Decreto Legislativo 42/2004 e s.m.i. in quanto l edificio in questione NON presenta caratteri materici, formali, architettonici e tipologici tali da giustificarne la sottoposizione a tutela. (Estratto dal decreto di vincolo Prot ) 30

31 Piazza d Armi 31 Rilievo fotografico

32 Magazzini di Baggio Ambito di Trasformazione Dichiarazione d interesse Zona 7 Immobili non sottoposti a tutela 32 Immobili di interesse culturale Il bene denominato Palazzina di Comando Dei Magazzini Di Baggio è dichiarato di interesse storico artistico ai sensi dell art. 10 del D.Lgs 22 gennaio 2004, n. 42 e s.m.i., e rimane quindi sottoposto a tutte le disposizioni di tutela contenute nel predetto Decreto Legislativo. La Palazzina fa parte di un insieme più ampio denominato MAGAZZINI Di Baggio, annesso a un quartiere monofunzionale realizzatp nei primi anni del XX secolo in conseguenza alle esigenze di decentrare parte delle caserme collocate all interno del centro storico di Milano e realizzato sulla base di un accordo con il comune in prossimità della nuova Piazza d Armi della Caserma Santa Barbara in località Baggio. L ingresso dell area avviene in corrispondenza di una stradina secondaria in adiacenza alla attuale Piazza d Armi, tramite due cancellate adiacenti la Palazzina di Comando in questione. L edificio ha una planimetria a C, due piani fuori terra, sul prospetto principale presenta delle bucature regolari; sulle ali al primo piano in corrispondenza con gli uffici vi è un balcone che si trasforma in tettoia e ripara le scale d ingresso al piano rialzato. La teoria di finestrature del fronte prospiciente via Della rovere si caratterizza per l uso di cornici in pietra al primo ed al secondo livelli, oltre che per un portale monumentale disposto in posizione centrale come elemento cardine della composizione simmetrica della facciata principale. L attacco a terra avviene attraverso una zoccolatura in pietra su cui si aprono una serie di finestre di piccole dimensioni allineate alle bucature dei piani superiori utilizzate per far prendere luce ai locali del piano seminterrato. Tali elementi architettonici coevi al periodo di costruzione del manufatto e ben conservati concorrono a determinare l interesse culturale del bene indicato. Pertinenze Magazzini di Baggio complesso architettonico: Realizzato nei primi anni del XX secolo il complesso in questione si compone di diversi capannoni di diverse dimensioni, realizzati con struttura portante in cemento armato, solai in laterocemento e copertura a falda. Le tecniche e i materiali utilizzati sono del tutto correnti e privi di pregio nonchè privi di elementi originali - o di originale interpretazione di modelli precedenti e pertanto non sufficientemente dotati per un eventuale interesse culturale. Pertanto l immobile in oggetto è ESCLUSO dalle disposizioni di tutela di cui alla parte II titolo I del Decreto Legislativo 42/2004 e s.m.i. in quanto l edificio NON presenta caratteri matrici, formali, architettonici e tipologici tali da giustificarne la sottoposizione a tutela. (Estratto dal decreto di vincolo Prot )

33 Magazzini di Baggio 33 Rilievo fotografico

34 Piazza d Armi Magazzini di Baggio Stato di fatto Ipotesi di progetto Piazza d Armi St mq Ut 0,70 slp = mq Caserma S. Barbara* St mq Ut 0,70 slp = mq Ambito di Valorizzazione St mq 0,70 <Ut< mq < slp < mq Aree da destinare a servizi Caserma S. Barbara St mq Magazzini di Baggio St mq Ut 0,70 slp= mq St mq Ut< 0,70 slp < mq ST* mq Zona 7 SLP generabile mq Ut 0,70 mq/mq 34 di cui Housing Sociale mq Ut 0,35 mq/mq di cui edilizia libera mq Ut 0,35 mq/mq SLP esistente mq Ut 0,12 mq/mq di cui vincolati a seguito del Decreto della Soprintendenza mq *La Caserma S. Barbara, pur rientrando nell Accordo di Programma, attualmente non è oggetto di dismissione. La Superficie Territoriale considerata è quindi relativa alla Piazza d armi ed ai Magazzini di Baggio. Area di progetto

35 Piazza d Armi - Magazzini di Baggio Ipotesi di trasformazione Dati quantitativi Area di progetto: St = mq Ut = 0,70 mq/mq SLP da PGT = mq Area cessione = mq (area destinata a servizi) Area di possibile concentrazione mq SLP vincolata = mq SLP insediabile = mq Area verde > 50% St Destinazioni d uso previste: Residenza Servizi compatibili con la residenza: Commerciale Terziario Servizi di interesse pubblico Sarà comunque da verificare la compatibilità delle funzioni con gli edifici soggetti a conservazione (art. 29 D.Lgs 42/2004 e s.m.i.) 35

36 Settore Settore Pianificazione Pianificazione Tematica Tematica e Valorizzazione e Valorizzazione Aree Aree RIEPILOGO ST Ut SLP SLP esistente SLP vincolata Caserma Montello mq 0.70mq/mq mq mq mq Caserma Mameli mq 0,70 mq/mq mq mq mq Caserma XXIV Maggio mq 0,70 mq/mq mq mq mq Caserma Magenta mq 0,70 mq/mq mq mq mq Caserma Carroccio mq 0,70 mq/mq mq mq mq Ambito Valorizz. P.zza d Armi mq 0,70 mq/mq mq / / TOTALE mq mq 36

Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Il Sito Militare di Piazza d armi

Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Il Sito Militare di Piazza d armi Il Sito Militare di Piazza d armi Razionalizzazione, accorpamento ed ammodernamento del patrimonio immobiliare in uso al Ministero della Difesa nella città di Milano Premessa In data 8 agosto 2014 il Ministero

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA. Gruppo di Progetto - Task Force per la valorizzazione e la dismissione degli immobili non residenziali del Ministero della Difesa.

SCHEDA INFORMATIVA. Gruppo di Progetto - Task Force per la valorizzazione e la dismissione degli immobili non residenziali del Ministero della Difesa. SCHEDA INFORMATIVA Gruppo di Progetto - Task Force per la valorizzazione e la dismissione degli immobili non residenziali del Ministero della Difesa. 1. Generalità. La Task Force per la valorizzazione

Dettagli

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34

P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 P.I.I. VIA FRIGIA, 19 E VIA RUCELLAI, 34 Ricostruzione dell'isolato di via Frigia - via Capelli attraverso la realizzazione di nuova residenza, attività commerciali e un parcheggio pubblico; creazione

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA CONSISTENZA IMMOBILE DI VIA G. BANDI N 15 ATTUALE SEDE DELLE ATTIVITA DIREZIONALI DELL AZIENDA AMBIENTALE DI PUBBLICO SERVIZIO OHSAS 18001 Livorno, li 19 ottobre 2009 UFFICIO

Dettagli

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039

COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 tel. 0565-943411 fax.0565-943021 COMUNE DI RIO NELL'ELBA (Prov. di Livorno) Via G.Garibaldi, 38 57039 C.F.:82001450491 SETTORE-EDILIZIA E URBANISTICA U.O. - EDILIZIA PRIVATA DOCUMENTAZIONE NECESSARIA DA

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo

Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca. Milano - Monza - Cinisello Balsamo Progetto di sviluppo delle residenze dell Università di Milano-Bicocca Milano - Monza - Cinisello Balsamo Residenza Universitaria denominata U10.2 Piazza dell Ateneo Nuovo, 2 Milano Superficie totale Alloggi

Dettagli

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree

Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree Direzione Centrale Sviluppo del Territorio Settore Pianificazione Tematica e Valorizzazione Aree SCHEDA SINTETICA DESCRITTIVA RELATIVA ALL IMMOBILE SITO IN VIALE MONZA 148 Allegata all avviso per l attivazione

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

Immobile sito in Milano, via Battista De Rolandi 8 INDICAZIONI URBANISTICHE

Immobile sito in Milano, via Battista De Rolandi 8 INDICAZIONI URBANISTICHE Immobile sito in Milano, via Battista De Rolandi 8 INDICAZIONI URBANISTICHE 1 PREMESSA. Il sottoscritto arch. Luca Oppio su incarico della Proprietà del compendio immobiliare in Milano, via Battista De

Dettagli

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE

OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE OPERE DI ADEGUAMENTO E VALORIZZAZIONE CHIOSCO VILLASANTA (ALLEGATO 1) PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE TECNICA / ILLUSTRATIVA 1 INDICE 1. CENNI STORICI pag. 3 2. ANALISI DELLO STATO DI FATTO pag. 3 3. QUADRO

Dettagli

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione

5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3. ART.1 Limite di massima edificazione 5.1- LE NORME DI ATTUAZIONE DEL PIANO NORMATIVO 4/3 ART.1 Limite di massima edificazione Per questa parte di zona appositamente delimitata, vale esattamente questo piano con le relative norme di attuazione.

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA 12 REPARTO INFRASTRUTTURE - Comando - P.zza 1 Maggio, 28 33100 UDINE Tel. 0432-504341-2-3 Fax 0432-414050 RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA Alloggio codice Via Tullio, 24 - UDINE (UD) 1 Indice 1. OGGETTO

Dettagli

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea).

COMUNICA. 1. Ex convento di Sant Orsola ex Manifattura tabacchi (Via di Sant Orsola/Via Guelfa 23/ via Panicate e via Taddea). VARIANTE URBANISTICA AL PRG VIGENTE RELATIVA A CINQUE IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI FIRENZE, DELLA REGIONE TOSCANA, DELLA PROVINCIA DI FIRENZE E DEL DEMANIO DELLO STATO A SEGUITO DELPROTOCOLLO D

Dettagli

RELAZIONE DI ANALISI

RELAZIONE DI ANALISI CITTA DI VENTIMIGLIA Prov. di Imperia P. Iva/C.f. 00247210081 Piazza della Libertà, 3 18039 Ventimiglia (IM) Tel. 0184 2801 - Fax 0184-352581 PEC comune.ventimiglia@legalmail.it PIANO DEL COLORE DEL CENTRO

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE

POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE SETTORE A ARCHITETTURA PROVA PRATICA E PRIMA PROVA SCRITTA

Dettagli

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA

RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA RILIEVO CONSISTENZE STRUTTURE COMUNALI AD USO TECNICO-AMMINISTRATIVO FINALIZZATO ALLA AGGREGAZIONE DELLE STESSE IN SEDE UNICA SERVIZIO PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI SU STRUTTURE Il Responsabile (Arch.

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni

Modificato a seguito delle prescrizioni contenute nel parere di compatibilità con il P.T.C.P. e dell'accoglimento delle osservazioni Comune di Ghedi Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO A Piani di recupero del centro antico Approvato con delibera C.C. n.17 del

Dettagli

ESERCITAZIONE SU PIANO DI LOTTIZZAZIONE

ESERCITAZIONE SU PIANO DI LOTTIZZAZIONE Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2011/2012 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I ESERCITAZIONE SU PIANO DI LOTTIZZAZIONE 30 aprile e 7 maggio 10,30-13,30

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015 PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A

COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A COMUNE DI MONSUMMANO TERME Provincia di Pistoia Settore Servizi Tecnici Pianificazione e Gestione del Territorio Servizio Urbanistica Allegato A REGOLAMENTO ARREDI DELLE AREE PERTINENZIALI Atto collegato

Dettagli

2 EDIFICIO in VALPERGA

2 EDIFICIO in VALPERGA 2 EDIFICIO in VALPERGA Per ulteriori approfondimenti e programmazione sopralluoghi (Tel. 011.861.2447-2494-2402-2620) UBICAZIONE Il complesso immobiliare dista 50 km da Torino ed è ubicato nel comparto

Dettagli

INTESA STATO REGIONE ex art. 81 D.P.R. 616/1977 e s.m.i.

INTESA STATO REGIONE ex art. 81 D.P.R. 616/1977 e s.m.i. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE, SVILUPPO TERRITORIO E LAVORO DIREZIONE URBANISTICA VIA MEUCCI, 4 INTESA STATO REGIONE ex art. 81 D.P.R. 616/1977 e s.m.i. Progettazione e Costruzione fabbricato per il potenziamento

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 21/04/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

COMUNE DI MONTEGIORGIO

COMUNE DI MONTEGIORGIO COMUNE DI MONTEGIORGIO (Provincia di ASCOLI PICENO) STUDIO PRELIMINARE DI FATTIBILITA FINALIZZATO ALL AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE ROSSETTI Località: Via Faleriense Est, 81 63025 Montegiorgio (AP)

Dettagli

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane)

integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) integrati nella città della trasformazione. Progetti urbani per le nuove Centralità urbane/metropolitane) Standard Urbanistici: si introduce il metodo della perequazione e della cessione compensativa per

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

ELENCO AREE 1/AMBITI DI RIORGANIZZAZIONE URBANA 2/AMBITI DI TRASFORMAZIONE URBANA 3/AMBITI DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA

ELENCO AREE 1/AMBITI DI RIORGANIZZAZIONE URBANA 2/AMBITI DI TRASFORMAZIONE URBANA 3/AMBITI DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA ELENCO AREE 1/AMBITI DI RIORGANIZZAZIONE URBANA - 1.1/ via Brunetti zona 8 (A 270, R 332, A 340, A 343, A 349, A 338, A 135) 2/AMBITI DI TRASFORMAZIONE URBANA - ex piazza d Armi (Caserma Santa Barbara)

Dettagli

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E comune di CAMPOSANTO P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E Norme di specificazione per gli interventi di ricostruzione e/o delocalizzazione di edifici posti in territorio rurale vincolati dalla

Dettagli

Milano Via Besozzi Via Caianello

Milano Via Besozzi Via Caianello Milano Via Besozzi Via Caianello Marzo 2012 i n f o @ d d - i m m o b i l i. c o m w w w. d d - i m m o b i l i. c o m 01 Milano, Via Besozzi Via Caianello Caratteristiche principali Proprietà: Terreno

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA DEGLI INTERVENTI CONCERNENTI EDIFICI SOGGETTI A RESTAURO E RISANAMENTO.

CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA DEGLI INTERVENTI CONCERNENTI EDIFICI SOGGETTI A RESTAURO E RISANAMENTO. Provincia autonoma di Trento Servizio urbanistica e tutela del paesaggio. Incarico speciale di supporto in materia di paesaggio Legge provinciale 28 marzo 2009, n. 2 - articolo 4. Contributi per gli interventi

Dettagli

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA

COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA COMUNE DI PRATO PIANO DI RECUPERO RELATIVO AD UN COMPLESSO IMMOBILIARE UBICATO IN VIA S.GONDA Proprietà : COOP. S. GONDA. Progetto : Arch. Alessio Cantini Arch. Marco Benassai Ing. Sirio Chilleri RELAZIONE

Dettagli

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria Città di Biella Provincia di Biella Regione Piemonte PIANO PARTICOLAREGGIATO DI COMPLETAMENTO DEL COMPARTO ZONA SUD COMPRESO TRA VIA PER CANDELO E LA STRADA TROSSI U.I.2 GARDENVILLE - STRADA TROSSI 27/A,

Dettagli

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009

Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 62 del 13 ottobre 2009 COMUNE DI ALZANO LOMBARDO ASSESSORATO AL GOVERNO DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI INCENTIVI FINALIZZATI ALLA RIQUALIFICAZIONE DEI CENTRI STORICI DI ALZANO LOMBARDO Approvato con Deliberazione

Dettagli

UBICAZIONE Il Comune di Legnano

UBICAZIONE Il Comune di Legnano Ex Fonderia LEGNANO UBICAZIONE Il Comune di Legnano Il Comune di Legnano ha 60.000 abitanti ed è situato a circa 20 km a nord ovest di Milano. L area della Ex Fonderia, inserita in un contesto prettamente

Dettagli

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01

INDICE. VERNIANA Tav. 5 Bc vrn 01 pag. 04. PALAZZUOLO Tav. 6 Bc pal 01 pag. 01 INDICE MONTE SAN SAVINO Tav. 1a e 1b Ap mss 02 pag. 01 Ap mss 03 pag. 04 Ap mss 04 pag. 07 Bc mss 01 pag. 10 Bc mss 02 pag. 13 Bc mss 03 pag. 16 Bc mss 04 pag. 19 Bc mss 05 pag. 22 Bc mss 06 pag. 25 Bc

Dettagli

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

NORME TECNICHE D ATTUAZIONE COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.R.G. INTEGRAZIONE DELLA SCHEDATURA DEL CENTRO STORICO Redatto da: Zanolini arch. Paola Data: Prima Adozione: Adozione Definitiva:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UFFICIO PROGETTAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UFFICIO PROGETTAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO UFFICIO PROGETTAZIONE OGGETTO: PIANO URBANISTICO ATTUATIVO P.U.A.- CAMPUS DI FISCIANO RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE (ART. 13 D.lgs 16.01.2008 n 4) R E L A Z I O N E

Dettagli

Piano delle Regole. Norme Tecniche di Attuazione. Allegato A. Ambiti di completamento a SLP definita

Piano delle Regole. Norme Tecniche di Attuazione. Allegato A. Ambiti di completamento a SLP definita Comune di Serle Provincia di Brescia Piano di Governo del Territorio Piano delle Regole Norme Tecniche di Attuazione Allegato A Ambiti di completamento a SLP definita Approvato con delibera C.C. n.15 del

Dettagli

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.03. Sindaco. Progettisti Incaricati. Collaboratori tecnici

Provincia di Pavia. ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Allegato PR.03. Sindaco. Progettisti Incaricati. Collaboratori tecnici Provincia di Pavia ai sensi della L.R. 11 marzo 2005, n. 12 e s.m.i. Progettisti Incaricati dott. ing. Fabrizio Sisti via C. Battisti, 46-27049 Stradella (PV) dott. arch. Giuseppe Dondi via San Pietro,

Dettagli

UBICAZIONE Loc.. Via /Piazza.. Foglio.. mappali... Nominativo. ..(Codice Fiscale / Partita I.V.A.. COMUNICA/NO

UBICAZIONE Loc.. Via /Piazza.. Foglio.. mappali... Nominativo. ..(Codice Fiscale / Partita I.V.A.. COMUNICA/NO Pratica: Protocollo Al Sig. Sindaco del Comune di PERGOLA COMUNICAZIONE DI ATTIVITA EDILIZIA LIBERA PER TINTEGGIATURA ESTERNA DI FABBRICATO Ai sensi del comma 2, art. 6 del D.P.R. 380/01 così come modificato

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3

Comune di Castiglione Olona PGT 2013 3 INDICE Ambito di Trasformazione AT1 Residenziale via Petrarca, via Montello... 4 Ambito di Trasformazione AT2 Residenziale via Boccaccio - via Monte Cengio... 10 Ambito di Trasformazione AT3 Residenziale

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro

Piano esecutivo Concessione onerosa Concessione convenzionata Concessione gratuita in base all articolo Altro Domanda di Permesso di costruire BOLLO Prot. n. Spett. Comune di RANCO Piazza PARROCCHIALE n. 4 21020 - RANCO Li gg mese anno Il/la sottoscritto/a quale rappresentante legale dell impresa (ove necessario)

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

Dato atto che la commissione consiliare urbanistica ha espresso in data parere in merito al presente provvedimento;

Dato atto che la commissione consiliare urbanistica ha espresso in data parere in merito al presente provvedimento; IRIDE 1142136 Delib. n. - N. P.G. OGGETTO:Adozione Variante al Piano di Recupero in variante al vigente Piano delle Regole Immobiliare Supercinema c.so Garibaldi La Giunta comunale propone al Consiglio

Dettagli

P.TA A MARE VIA DI VIACCIA

P.TA A MARE VIA DI VIACCIA COMUNE DI PISA Ufficio Speciale del Piano REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDA-NORMA PER LE AREE DI TRASFORMAZIONE SOGGETTE A PIANO ATTUATIVO scheda n.23.1 P.TA A MARE VIA DI VIACCIA D.M.1444/68: ZONA OMOGENEA

Dettagli

Adeguamento del contributo di costruzione

Adeguamento del contributo di costruzione Adeguamento del contributo di costruzione previsto dall art.43 della LR 12/05 e s.m.i. 8 Gennaio 2016 PRINCIPI DELLA VARIANTE AL PGT riduzione del consumo di suolo e delle potenzialità edificatorie creazione

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco

NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco ORTOFOTO PLANIMETRIA AEROFOTOGRAMETRICA (scala 1:1000) Nuclei di antica formazione Criteri

Dettagli

Viale Ugo Foscolo 59, Monza. Piano Attuativo. Area in Viale delle Industrie 44/48 - Monza. Dicembre 2012

Viale Ugo Foscolo 59, Monza. Piano Attuativo. Area in Viale delle Industrie 44/48 - Monza. Dicembre 2012 Viale Ugo Foscolo 59, Monza Piano Attuativo Area in Viale delle Industrie 44/48 - Monza Dicembre 2012 Arch. Carlo Luigi Gerosa Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia

Dettagli

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA

Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Provincia di Venezia Comune di Chioggia 545_Parcheggio Marco Polo Viale Marco Polo DUE DILIGENCE SCHEDA DESCRITTIVA Anagrafica COMPLESSO Codice bene Denominazione bene Comune Provincia Indirizzo Quartiere

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO)

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) 1 2 3 UNITA EDILIZIA N. 1 Sono

Dettagli

VIALE GAETANO SCIREA, CORSO FERRARA, VIA TRAVES, VIA DRUENTO VARIANTE N. 277 APPROVAZIONE VA.277 MECC. 2012 07696/009 DEL 21.12.

VIALE GAETANO SCIREA, CORSO FERRARA, VIA TRAVES, VIA DRUENTO VARIANTE N. 277 APPROVAZIONE VA.277 MECC. 2012 07696/009 DEL 21.12. CITTÀ DI TORINO PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO EX ART. 43 L.R. 56/ 77 e s.m.i. AMBITO 4.25 CONTINASSA VIALE GAETANO SCIREA, CORSO FERRARA, VIA TRAVES, VIA DRUENTO VARIANTE N. 277 APPROVAZIONE VA.277 MECC.

Dettagli

1) PREMESSA 2) DESCRIZIONE DELLE VARIANTI

1) PREMESSA 2) DESCRIZIONE DELLE VARIANTI 1) PREMESSA Il Comune di Lajatico si è dotato di Piano Strutturale approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 27.09.2006 e di Regolamento Urbanistico approvato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CONCESSIONE DELLA DEROGA AI SENSI DELLA L. 106/2011, DELLA CIRCOLARE REGIONE PIEMONTE 7/UOL E DELL ART. 72 DELLE N.T.A. DEL P.R.G.C. A ESACASE S.R.L. PER AMPLIAMENTO DELLA VOLUMETRIA, NUMERO DEI PIANI,

Dettagli

COMUNE DI FERRARA. Installazione di pannelli solari aderenti o integrati nella copertura.

COMUNE DI FERRARA. Installazione di pannelli solari aderenti o integrati nella copertura. COMUNE DI FERRARA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICI ESISTENTI E TITOLI EDILIZI RICHIESTI Principali casistiche per gli interventi sull edilizia esistente, a partire dal 1 luglio 2008

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

- che il sottoscritto Leonardo Serafino iscritto all Albo degli Architetti di Roma e Provincia al

- che il sottoscritto Leonardo Serafino iscritto all Albo degli Architetti di Roma e Provincia al Dott. Arch. Leonardo Serafino Via R.Grazioli Lante, 5 00195 - Roma Tel./fax 06. 3723602 E-Mail: leonardoserafino@virgilio.it www.leonardoserafino.it PROPRIETA ANNI VERDI PERIZIA DI STIMA RELATIVA A VIA

Dettagli

COMUNE PROV. INDIRIZZO DESCRIZIONE

COMUNE PROV. INDIRIZZO DESCRIZIONE REGIONE PIEMONTE BU33 20/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 13 luglio 2015, n. 13-1729 Piano regionale delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare - Proposta di nuove destinazioni

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via S.Elia n civico: s.n.c. Superficie

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Allegato a) RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento riguarda un area compresa nell isolato tra la via Sansovino e le vie Refrancore e Cuniberti, situato nella parte nord della Città, nella Circoscrizione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO MODIFICA AL PROGRAMMA DI EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE AI SENSI ART. 51 L. 865/71 AREA EX-CASERMETTE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 94 DEL 18/12/2009 RELAZIONE

Dettagli

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica.

Lo stato attuale dei luoghi è illustrato nelle tavole dedicate e nella documentazione fotografica. RELAZIONE TECNICA Nel corso dei diversi sopralluoghi tecnici effettuati si sono riscontrate innumerevoli problematiche legate allo stato di conservazione degli edifici nel loro complesso e in particolar

Dettagli

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti-

- Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- - Disciplina dei rapporti tra lottizzanti- Il P.A.r.17a come si evince dalla relativa scheda allegata è derivante dalla suddivisione del P.A.r.17 in due lottizzazioni separate approvate in variante al

Dettagli

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività

SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività SCHEDE DI TIPO A Interventi soggetti a Denuncia di Inizio Attività CAMBIO DI DESTINAZIONE D USO - Art. 9.5 del R.E.C. - Art. 79 comma 1, lett c) L.R. 1/05 SCHEDA A6 CLASSIFICAZIONE DELL INTERVENTO R.E.C.

Dettagli

LOTTO N.23: EX SCUOLA ELEMENTARE SCANDALI, VIA TAVERNELLE

LOTTO N.23: EX SCUOLA ELEMENTARE SCANDALI, VIA TAVERNELLE LOTTO N.23: EX SCUOLA ELEMENTARE SCANDALI, VIA TAVERNELLE OGGETTO UBICAZIONE DESCRIZIONE STRUTTURA DESCRIZIONE L immobile è ubicato in via Tavernelle 1, quartiere Tavernelle, sito nella prima periferia

Dettagli

COMMISSIONE per la QUALITA ARCHITETTONICA ed il PAESAGGIO

COMMISSIONE per la QUALITA ARCHITETTONICA ed il PAESAGGIO COMUNE DI SAN FELICE SUL PANARO (Provincia di Modena) Via Mazzini, 13 41038 San Felice sul Panaro Tel. Centralino 0535 86311 Fax 0535 84362 C.F. 00668130362 e-mail: posta@comunesanfelice.net COMMISSIONE

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Allegato a) RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento riguarda l immobile in piazza Bernini n. 5, nella Circoscrizione Amministrativa n. 3 (San Paolo, Cenisia, Pozzo Strada, Cit Turin, Borgata Lesna),

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via Roma/Q. Di Vona n civico: s.n.c Superficie

Dettagli

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N 3 VISTO il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 6 aprile 2009, pubblicato sulla G.U. n 87 del 7

Dettagli

con sede legale in Via G. de Castillia n. 08, Milano P.IVA. 07522060156

con sede legale in Via G. de Castillia n. 08, Milano P.IVA. 07522060156 Committente: CIVE S.P.A. con sede legale in Via G. de Castillia n. 08, Milano P.IVA. 07522060156 Proprietà: Sig. BUZZI LUIGI residente in Via Carroccio, Giussano (Mb) C.F. BZZLGU29M13E063W Progettista

Dettagli

Stima di un vecchio fabbricato da ristrutturare, a uso residenziale, ubicato in zona storica nella città di Mantova

Stima di un vecchio fabbricato da ristrutturare, a uso residenziale, ubicato in zona storica nella città di Mantova Caso 0 Copyright 2004 The Companies srl Stima di un vecchio fabbricato da ristrutturare, a uso residenziale, ubicato in zona storica nella città di Mantova Indice Conferimento dell incarico e quesito di

Dettagli

INDAGINE ESPLORATIVA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONI D INTERESSE PER LA VALORIZZAZIONE DELL IMMOBILE DENOMINATO

INDAGINE ESPLORATIVA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONI D INTERESSE PER LA VALORIZZAZIONE DELL IMMOBILE DENOMINATO INDAGINE ESPLORATIVA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE DI MANIFESTAZIONI D INTERESSE PER LA VALORIZZAZIONE DELL IMMOBILE DENOMINATO Ex Arsenale di Pavia Ex Caserma Cairoli Officina di Costruzione del Genio

Dettagli

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15

SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 SCHEDA DI VERIFICA E VALUTAZIONE DELL AMBITO DI POSSIBILE TRASFORMAZIONE: AR 15 VERIFICA DI COERENZA ESTERNA: Compatibilità dell intervento con le previsioni del PTCP VERIFICA DELLA VINCOLISTICA E DEGLI

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

SCHEMA DELIBERA ADOZIONE

SCHEMA DELIBERA ADOZIONE SCHEMA DELIBERA ADOZIONE AREA: Politiche del Territorio DIREZIONE: Pianificazione Urbanistica, E.R.P. e Mobilità Alla Giunta Comunale Sede N Prop. Del. N Prop. Dir. OGGETTO: Adozione del Piano Attuativo

Dettagli

RICERCA DI MERCATO PROGETTO CASA PER IL PERSONALE DELL AERONAUTICA MILITARE

RICERCA DI MERCATO PROGETTO CASA PER IL PERSONALE DELL AERONAUTICA MILITARE RICERCA DI MERCATO PROGETTO CASA PER IL PERSONALE DELL AERONAUTICA MILITARE 1. L Aeronautica Militare, sensibile alle esigenze del personale che sopporta notevoli disagi per il pendolarismo giornaliero

Dettagli

C.so Italia, 19 20122 Milano S.C. Gestione Patrimonio e Servizio Tecnico. Allegato 2

C.so Italia, 19 20122 Milano S.C. Gestione Patrimonio e Servizio Tecnico. Allegato 2 C.so Italia, 19 20122 Milano S.C. Gestione Patrimonio e Servizio Tecnico Allegato 2 PROGETTO PRELIMINARE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLA SEDE DI P.LE ACCURSIO, 7 - PALAZZINA A OPERE DI STRAODINARIA MANUTENZIONE,

Dettagli

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Interventi Titolo abilitativo Ampliamento di locali - senza aumento della Slp (spostamento di tavolati interni

Dettagli