INDICE: Torrice Movimento Cinque Stelle.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE: Torrice Movimento Cinque Stelle. torrice5stelle@hotmail.it"

Transcript

1 1 Se hai idee o contributi per migliorare il programma, contattaci e collaboreremo insieme. INDICE: Torrice Movimento Cinque Stelle 1 PRESENTAZIONE pg2 2 CHI SIAMO pg2 3 DEMOCRAZIA E PROPOSTE pg3 1. Democrazia interna 2. Democrazia diretta 4 BILANCIO PARTECIPATO E TRASPARENZA pg4 1. Trasparenza 2. Bilancio partecipato 5 CONNETTIVITA pg6 1. La Rete 6 AMBIENTE pg7 1. Rifiuti 2. Energia 3. Acqua Pubblica 4. Agricoltura 7 TERRITORIO pg13 1. Salvaguardia del Territorio 2. Urbanistica Consapevole 3. Trasporti e Viabilità 4. Potenziamento piazze e ritrovi 8 SPORT ARTE, TEMPO LIBERO pg17 1. Sport e Attività Ricreative 2. Arte e Cultura 9 SCUOLA pg19 1. Scuola 10 SOCIALE E SERVIZI AL CITTADINO pg20 1. Sociale DATI STATISTICI TORRICE pg22

2 2 1 PRESENTAZIONE: Il Movimento 5 Stelle Torrice nasce dall esigenza del cittadino di sentirsi finalmente parte attiva della vita comunale e politica del proprio Paese. Da qui il concetto di democrazia diretta e partecipata: ogni cittadino contribuisce alla crescita sociale della propria città attraverso l espressione delle proprie idee mettendo a disposizione di tutta la comunità competenze ed esperienze. A seguito di varie assemblee pubbliche, in cui ogni cittadino ha espresso le problematiche esistenti sul territorio,proposto progetti e possibili soluzioni, si è arrivati alla stesura di un programma partecipato a cui seguirà l avvio di tavoli di lavoro tematici permanenti. 2 CHI SIAMO: Il Movimento 5 Stelle di Torrice è composto da cittadini Torriciani che condividono i valori, il programma e lo statuto del Movimento. Tutti coloro iscritti e certificati al Blog ( ) che assistono alle riunioni, dibattono, e propongono per il bene di Torrice vengono chiamati Attivisti. Gli Attivisti, sentite le presentazioni di tutti, e curriculum alla mano, eleggono i propri portavoce. Tutti i nostri candidati: Sono incensurati e non hanno processi pendenti ne precedenti penali. Non hanno tessere di partito. Non fanno politica per professione. Possono svolgere un massimo di due mandati. Rendicontano pubblicamente l'uso di qualsiasi fondo pubblico avuto per svolgere l'incarico che ricoprono (es. rimborsi spese, spese d'ufficio, ecc.) Dedicano all'incarico il tempo necessario per essere presente con regolarità e svolgere con serietà il lavoro per cui si è stati eletti. Rifiutano i doppi incarichi elettivi. Ognuno deve essere eletto in un posto soltanto e occuparsi di svolgere bene il lavoro per cui si è stati eletti. Consultano pubblicamente ogni 12 mesi i cittadini per chiedere se si sta operando correttamente o se

3 3 bisogna dimettersi Decidono on-line con gli attivisti le decisioni da prendere in Consiglio comunale. Portano avanti le idee del movimento senza compromessi o personalismi. Hanno il vincolo del gettone di presenza alla effettiva partecipazione almeno al 75% della seduta (per evitare il fenomeno del firmo e vado via come succede spesso). Si impegnano ad una maggiore diffusione dell'elenco di tutti i consulenti del Comune con i relativi compensi. cittadino comune sarà il nostro ottavo consigliere. 3 DEMOCRAZIA E PROPOSTE: Il programma del movimento 5 stelle Torrice nasce dalla collaborazione e continua implementazione dei cittadini, si chiama programma liquido, proprio perché ognuno aggiunge una goccia delle proprie idee e ne aumenta quindi la bontà dei contenuti. Si chiameranno Portavoce, ed avranno il compito di portare la voce dei cittadini nelle istituzioni. Il sindaco sarà sempre vincolato dalla volontà degli attivisti e dai dettami del Movimento 5 Stelle. 1. Democrazia interna: Il Movimento 5 Stelle Torrice è una lista civica nella quale gli attivisti, in seguito ad una presentazione pubblica dei candidati ( graticola day ) decidono il candidato a sindaco, i consiglieri e i ruoli da ricoprire nella giunta. Non esiste un vero e proprio capolista, ma ognuno vale uno, ed il 2. Democrazia diretta: Uno dei punti fondamentali del Movimento 5 Stelle, è il riavvicinamento dei cittadini alle istituzioni. Tutte le decisioni, dall arredo urbano, alla costruzione di edifici pubblici fino alla gestione comunale, devono essere temi nei quali la cittadinanza DEVE avere una importante voce in capitolo.

4 4 Istituzione di periodiche assemblee di discussione, avvalendoci ad esempio degli istituti scolastici presenti sul territorio. 4 BILANCIO PARTECIPATO E TRASPARENZA: Valutazione democratica sulle proposte del singolo cittadino. Realizzazione programmatica delle priorità e criticità del paese. Realizzazione, sul portale di Torrice di una piattaforma gratuita di discussione. Modifica allo statuto comunale per inserire referendum propositivi senza quorum. 1. Trasparenza:. Uno dei punti a cui bisogna far riferimento quando si parla di scarsa trasparenza è proprio la questione dei bilanci comunali che devono essere sia consultabili, ma anche comprensibili a tutti. Si pubblicherà un bilancio leggibile da chiunque per il consuntivo e un bilancio di previsione triennale con indicazione dei diversi capitoli di spesa in dettaglio, distinzione

5 5 tra spese e investimenti, dettaglio sulle spese per servizi dall'esterno e sulle entrate evidenziando trasferimenti dello stato, tasse e oneri locali, denari provenienti a vario titolo da privati con dettaglio dei maggiori contribuenti. Al fine di agevolare i processi di informazione fra cittadino e pubblica amministrazione, tutti i documenti dovranno essere fruibili e consultabili sul sito del comune, insieme a preventivi, delibere, disamine e bandi. Bilanci preventivi e consuntivi partecipati. Pubblicazione sul sito comunale di qualsiasi documento, bando e disamina Realizzazione di un notiziario online a costo zero, per informare i cittadini sugli eventi, sulle attività comunali, sulle ricorrenze e sulle assemblee pubbliche di discussione 2. Bilancio Partecipato: Quando si parla di gestione delle risorse pubbliche, i cittadini DEVONO dire la propria opinione. Istituzione dei referendum sui bilanci preventivi in relazione alle piccole e alle grandi opere. Per la fine dell anno 2013 e inizio anno 2014 delibera che una percentuale degli investimenti vengano messi a disposizione per azioni propositive e deliberative dei cittadini Attivazione di un servizio di assistenza al recupero e compilazione di documenti digitali (online). Adozione di software Open Source nel rifacimento ed erogazione dei servizi online, ove possibile Dirette streaming dei consigli comunali e archiviazione sul portale del Comune. Verifica dell effettiva utilità di ciascuna società e fondazione partecipata per evitare il fenomeno del clientelismo o della moltiplicazione delle poltrone. Idoneo utilizzo e decoro della bacheca pubblica comunale.

6 6 5 CONNETTIVITA': 1. La Rete: La rete non a caso è una delle stelle del movimento, essa ha un vasto bacino di utilizzo, pensare che gli usi che se ne possono fare siano solo di carattere frivolo o ludico è un grande errore. La città di Sarandreas (città premiata come più vivibile d Europa) utilizza la rete per studiare il flusso di traffico, monitorare i parcheggi disponibili, comunicare disservizi, condividere documenti e notizie direttamente sui dispositivi degli abitanti. In Germania e Olanda si utilizza la rete per monitorare le coltivazioni a distanza, umidità, calore, temperatura, nelle scuole la rete diviene un grande contributo allo studio, negli ambienti di lavoro un formidabile mezzo di confronto e crescita professionale. Ovviamente questi sono esempi non completamente rapportabili a Torrice, ma lasciano intendere il vasto uso che si può fare della rete se usata propriamente. In breve, gli utilizzi della rete sono infiniti, costano poco e migliorano tangibilmente la qualità delle informazioni e quindi della vita. Quando si parla di Rete nella pubblica amministrazione ci si ricollega, per forza di cose al tema precedente, ovvero a quello della Trasparenza (4.1), ( difatti la RETE E TRASPARENZA ), ed ovviamente al tema del potenziamento dei luoghi pubblici (5.4). Lo scambio di documentazione digitale nelle pubbliche amministrazioni comporterà non solo un grande risparmio di carta, e quindi economico/ambientale, ma anche di tempo, con ovvi guadagni in termini di efficienza. Il processo di informatizzazione tuttavia deve essere graduale e guidato, i dipendenti pubblici, i docenti nelle scuole, e i cittadini stessi, dovranno essere informati attraverso dei corsi di formazione gratuiti in centri di aiuto e formazione comunali. Gli usi della Rete che abbiamo in mente per incrementare la vivibilità di Torrice spaziano dai trasporti fino alla gestione del comune e sono progetti di modesta spesa economica ma di grande utilità. Istituzione sul sito del comune una Mappa delle competenze, mappando tutte le attività commerciali, piccole e medie imprese, in questo modo si vuole pubblicizzare le aziende e le attività locali che altrimenti potrebbero rimanere nascoste. Studio per l informatizzare le fermate delle corriere in modo da inserire sul sito comunale la posizione degli autobus minuto per minuto, a tutto vantaggio degli studenti e dei pendolari, che potranno consultare la posizione dei mezzi direttamente sugli smartphone(5.3).

7 7 6 AMBIENTE: Informatizzazione della pubblica amministrazione, e degli edifici scolastici. Graduale passaggio da documento cartaceo a documento digitale online, veloce e sempre disponibile 24h su 24h. Corsi comunali gratuiti di aiuto e formazione per l uso di internet e computer. Installazione di hot-spot Wi-Fi nei luoghi di ritrovo e nelle piazze. Riattivazione di un registro dei disservizi già presente sul portale del Comune Mappatura dei mestieri e delle competenze sul sito comunale. Posizione in tempo reale delle corriere sul sito comunale. Adozione di software OpenSource nel rifacimento ed erogazione dei servizi online,ove possibile 1. Rifiuti: Il rifiuto differenziato, se differenziato bene è una risorsa, e come tale genera un guadagno, in luce di ciò, che i primi beneficiari devono essere i cittadini, che di fatto, offrono un servizio di differenziazione al comune. Quando il comune cede il rifiuto i cittadini devono essere informati sul percorso, e sul ritorno economico del loro prodotto differenziato. La raccolta differenziata comunque deve essere inserita in un contesto di disincentivazione alla produzione del rifiuto, e di incentivazione della differenziazione, solo in quest ottica potremmo apprezzare i benefici economici ed ambientali che conseguono da una futura gestione virtuosa, non possiamo in nessun modo far gravare esclusivamente sul cittadino gli oneri di una raccolta funzionale, la pubblica amministrazione deve infatti venire

8 8 incontro alle esigenze dei Torriciani. Incentivare le quattro R, Riduco, Riuso, Riciclo, Recupero. In collaborazione diretta con istituti scolastici del territorio, promuovere iniziative di sensibilizzazione ambientale. Riduzione: sensibilizzare la collettività al fine di diffondere una presa di coscienza sul grave problema dei rifiuti, promuovere norme al fine di ridurre la produzione dei rifiuti a monte (come imballaggi inutili o difficilmente riciclabili) e promuovere nuovi modelli di consumo (scoraggiare l usa e getta); Riutilizzo: promuovere il riuso (vuoto a rendere) e la riparazione degli oggetti altrimenti destinati a diventare rifiuti; Riciclo: programmare impianti di riciclo e compostaggio ed ottimizzare la differenziata porta a porta; Diffusione di distributori automatici alla spina con vuoto a rendere, come per esempio avviene a Frosinone. Incentivazione di raccolta differenziata, direttamente dove si produce rifiuto, cioè in tutti gli esercizi pubblici che distribuiscono cibo in strada, vendono cartacei, o producono imballaggi. Disincentivare l uso di imballi inutili, soprattutto se non biodegradabili. Incentivazione della raccolta porta a porta spinta, ma solo dopo aver impostato una politica di Trasparenza nella gestione dei rifiuti. Con conseguente e graduale diminuzione dei cassonetti stradali. Incentivazione del Last Minute Market, ovvero dei banchi di vendita per prodotti alimentari in scadenza a prezzi agevolati, per evitare sprechi inutili di cibo e rifiuti. Recupero: prima di smaltire il rifiuto rimanente in piccole discariche di servizio, stabilizzare a freddo l indifferenziato ma solo dopo aver recuperato da esso ulteriori materiali riciclabili da rimettere nel ciclo produttivo; Obbligo, per gli uffici pubblici di acquistare prodotti VERDI(Riciclabili o derivati da Riciclaggio). Incentivo dei documenti digitali rispetto ai cartacei. Sanzioni severe per chi inquina. Istituzione di un comitato di

9 9 controllo per le discariche abusive. Utilizzare dove possibile derivati del riciclo, come ad esempio le nuove miscele di asfalto, e parte dell arredo urbano. Progressivo abbattimento del costo dei rifiuti per fare in modo che il primo beneficiario del buon riciclo, sia direttamente il cittadino. Attuazione della proposta di legge popolare denominata ZeroWaste ( Riqualificazione dell isola ecologica rendendola funzionale e aperta al cittadino. Incentivando anche il riuso di alcune tipologie di rifiuto. razionalizzazione del dispendio energetico. Per la sostituzione di energia prodotta da combustibili fossili (come da Roadmap UE 2050), che nella Regione Lazio costituiscono ancora la primaria fonte energetica, bisogna attuare una strategia che abbia in sé più linee d azione; da energia prodotta da fonti rinnovabili, al risparmio energetico, alla limitazione dei consumi. Queste strategie dovranno prendere in considerazione piani specifici per i trasporti e l edilizia, per il sistema industriale e civile. Nel nostro caso specifico le proposte saranno incentrate sull adeguamento degli edifici pubblici agli standard energetici, unita ad una importante educazione-energetica anche e soprattutto per i dipendenti pubblici. Adeguamento degli edifici pubblici agli standard energetici. 2. Energia: Green Energy Educazione-Energetica negli edifici pubblici e nelle scuole, mirata sia agli studenti sia ai dipendenti. Seminari pubblici periodici con esperti nel settore energetico (già collaboratori del Movimento 5 Stelle) volti alle nuove forme di gestione energetica familiare. Uno dei punti cardine del programma del Movimento 5 Stelle è proprio la Incentivazione del fotovoltaico, su capannoni industriali,

10 10 commerciali e pubblici. Incentivazione del sistema solare termico a bassa temperatura per il riscaldamento degli ambienti (pubblici). Sostituzione dell illuminazione stradale con LED a basso consumo, e con sostentamento solare. Energia Trasparente, attraverso sistemi di tele-gestione e di rendiconto energetico online o al di fuori degli edifici pubblici con appositi schermi lcd. Cercare incentivi con società E.S.Co. che si occupano di incentivare l adeguamento energetico comunale. 3. Acqua Pubblica: Analisi di applicabilità di soluzioni energetiche a biogas, avvalendoci di consulenze E.S.Co. L'acqua è un diritto universale di ogni essere umano, deve essere gestita nell'interesse della collettività e su di essa non ci deve essere profitto. Il percorso di ripubblicizzazione dell'acqua parte dal 2007 quando il Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua deposita in Parlamento una proposta di legge di iniziativa popolare con 400mila firme volta ad una gestione pubblica e partecipata del Servizio Idrico Integrato senza finalità di lucro. Nel milioni di italiani votano SI ai referendum per l'acqua pubblica che sanciscono la volontà di avere un servizio

11 11 idrico integrato gestito fuori dalle logiche di mercato e vedere eliminati i profitti dalle bollette dell'acqua. L acqua buona, costante, e pubblica è un diritto. Il Movimento Cinque Stelle dice stop all acqua part-time, problematica che interessa in modo incessante alcune zone del nostro paese, e che rende frustrante, per alcuni cittadini addirittura farsi una doccia. Il Movimento 5 Stelle visti i disservizi in relazione alle tariffe ai cittadini, appena possibile propenderà a recedere al contratto ACEA a causa dell inadempienza di quest ultimo, e ristabilendo una gestione comunale delle risorse idriche, trovando di fatto nuovi posti di lavoro per i Torriciani e gestendo in maniera controllata i fondi per la gestione delle risorse idriche. Essendo l Acea un ente privato il comune provvederà a MULTARLA tempestivamente caso di sprechi dovuti alla mancata manutenzione della rete idrica. Come si multerebbe un cittadino si multa anche una azienda privata, il Movimento 5 Stelle ha come unico nostro interesse tutelare l acqua dei Torriciani. L acqua BUONA deve essere garantita a tutti i Torriciani, per questo si dovrà effettuare un controllo periodico annuale sulle varie sorgenti, e sui rubinetti degli utilizzatori finali, creando una georeferenziazione sul sito del comune, e quindi informando la cittadinanza sulla qualità dell acqua che si consuma, o ad esempio dello stato delle tubature che si utilizzano ( presenza di residui ferrosi ). Si incentiverà anche l installazione di colonnine di approvvigionamento con acqua depurata, con particolare interesse a S. Antonio e Piazza degli Emigranti. Si dovranno combattere gli sprechi, sollecitando in maniera importante ad un rifacimento dell impianti di distribuzione dove avvengono assiduamente disservizi e rotture ( strada per il cimitero ), non si può sprecare un bene cosi prezioso per l inadempienza o l incompetenza di gestione. Attuazione del regolamento per il corretto utilizzo dell acqua anche nel caso di enti privati ACEA mediante la segnalazione tempestiva e relativa sanzione pecuniaria. Sollecito alla riparazione e al rifacimento completo delle linee di distribuzione. Informazione al cittadino sulla qualità dell acqua e sullo stato delle tubature con screaning mirati e mappature. Qualora venga resa attuativa, abbracciare immediatamente la legge d iniziativa popolare denominata "tutela, governo e gestione pubblica delle acque"

12 12 Studio ed analisi delle falde acquifere. Incentivo per l installazione di colonnine di approvvigionamento con acqua alla spina depurata, liscia o gassata. Seria politica contro gli sprechi dalla rete di distribuzione fino all utente, privato e pubblico. Proposta all assemblea dell Unione dei Comuni per la risoluzione del contratto ACEA. conservazione delle culture locali, delle loro caratteristiche nel tempo e più tecnicamente nella difesa della loro biodiversità. Questo discorso è da inserirsi in maniera importante, in un territorio come il nostro ad estrazione prettamente rurale ed agricola. Si deve incentivare la nascita di una nuova imprenditoria agricola attraverso dei seminari informativi, e sulle nuove tecniche di coltivazione sostenibile, in questo modo l incontro fra tradizione e innovazione porterà alla nascita di prodotti competitivi e locali. Per incentivare la produzione sul territorio si istituirà un mercato a KM Zero, dove i produttori potranno vendere le proprie culture direttamente al cittadino, senza inquinanti filiere di trasporti. Agrifidi svolge attività di prestazione di garanzie per agevolare le imprese agricole nell'accesso ai finanziamenti a breve, medio e lungo termine destinate allo sviluppo delle attività economiche e produttive. 4. Agricoltura: La politica sull agricoltura del Movimento 5 Stelle è una politica basata sulla Incentivazione di GAC Gruppi di Acquisto Collettivo, per l acquisto e promozione dei prodotti tipici locali, attraverso una convenzione di vendita con un gruppo o consorzio di cittadini. Promozione di seminari informativi per la formazione di cooperative

13 13 agricole di garanzia in stile Agrifidi (Emilia Romagna) Divulgazione anche a comuni limitrofi dell iniziativa Arcipelago SCEC che prevede l utilizzo di un buono come moneta di scambio locale fra aziende e privati, in modo da incentivare la produzione locale, fidelizzare i clienti, e mantenere la ricchezza in loco. erogazione di seminari tematici sulle nuove tecnologie e modalità di coltivazione innovative e alternative (l acqua-ponica e mezzi di produzione biologica) Promozione di orti condivisi (ovvero orti a coltivazione pubblica) nel quale il comune si proporrà come garante. Organizzazione, in sinergia con i comuni limitrofi, di un mercato agricolo a Km 0. 7 TERRITORIO: Creazione di consorzi agricoli, tipo Empori e Botteghe per formare una struttura condivisa di vendita e trasporto a filiale breve di prodotti di locali. Organizzazione di sagre locali ed eventi ad HOC per la promozione dei prodotti di stagione, Feste Del Raccolto. Attraverso la Mappa del Lavoro (più avanti ) Mappare le aziende agricole, gli agriturismi, le family-farm, e i produttori agricoli, inserendo mappa e info sul sito ed eventuali depliant comunali, mettendo efficacemente in contatto cittadini ed aziende. 1. Salvaguardia del Territorio: Torrice è una collina con una grande quantità di falde acquifere. Questo stato di cose porta le strade ad un dissesto sempre più marcato, e il più delle volte si traduce in frane e smottamenti lesivi per la viabilità. Una politica volta alla riparazione forfettaria e casuale è destinata al fallimento. La chiave risolutoria infatti risiede nella prevenzione e nell attento

14 14 studio del territorio e della fenomenologia delle frane e degli smottamenti. Abbracciando la proposta dell'ordine dei Geologi del Lazio si ridurranno i livelli di rischio per le popolazioni non più solo attraverso opere di difesa passiva, ma con piani organici di interventi che sappiano integrare le difese degli insediamenti esistenti con interventi non strutturali a carattere preventivo, come la salvaguardia del territorio, la manutenzione ordinaria dei corsi d'acqua, dei versanti, delle opere esistenti, la delocalizzazione di insediamenti ed attività, il potenziamento delle reti di monitoraggio e dei sistemi di pre allertamento. Istituzione di un piano di protezione civile cittadino con condivisione dei mezzi e delle risorse in caso di necessità. Individuazione di una idonea struttura a bassa vulnerabilità sismica per creare un punto di ritrovo sicuro per i cittadini in caso di sismi o calamità naturali. Controllo annuale sistematico degli argini e delle canalizzazioni, con monitoraggio costante delle zone ad alto rischio idrogeologico, con sensori elettronici collegati in rete per le zone ad altissimo rischio. Controllo di tutti i progetti futuri di cementificazione in conflitto con il verde pubblico e la salvaguardia del territorio, e della ecosostenibilità. Riqualificazione dei territori ad alto rischio idrogeologico con interventi sanatori. 2. Urbanistica consapevole: Una politica urbanistica consapevole è una politica di gestione che rispetta la realtà e le identità territoriali e storiche. Si dovrà evitare il consumo selvaggio di territorio sia per opere di cemento, sia, ad esempio, per la copertura con pannelli solari a terra, dovrà invece essere incentivato il rifacimento degli edifici storici ed antichi. I cittadini dovranno avere voce in capitolo nelle scelte che riguardano il proprio habitat urbano, ed attraverso una pianificazione urbana partecipata

15 15 potranno esprimere democraticamente il loro concetto di Torrice. Si dovranno prediligere arredi urbani derivati del riciclo, e/o di produzione artigianale locale cosi da abbatterne i costi. le idee ed i progetti, prima che le risorse economiche o le rendite. Disincentivare il consumo selvaggio di territorio, normando in maniera restrittiva l installazione di pannelli solari a terra e di opere invasive in cemento, e proteggendo invece le aree agricole. Introdurre strumenti di pianificazione urbana partecipata per rendere partecipi i cittadini sulla gestione del mattone pubblico. Incentivo attraverso dei seminari tematici sugli edifici passivi e a basso consumo energetico. Coinvolgere le facoltà universitarie locali competenti nelle decisioni e i progetti inerenti l arredo urbano. Rivedere completamente il modo di fare interventi valorizzando più 3. Trasporti e Viabilità: La natura collinare e rurale di Torrice non permette l efficiente sviluppo di piste ciclabili o di mezzi di trasporto a basso costo ed alternativi. Tuttavia è possibile effettuare uno studio statistico sulle principali motivazioni di spostamento con mezzo privato. Sarà incentivato il Car sharing anche attraverso il sito comunale, ovvero la condivisione della propria automobile e del proprio tragitto con altri cittadini, in modo da disincentivare lo spostamento privato. Sentiti i comuni limitrofi si istituiranno delle navette gratuite o a costo agevolato verso punti di interesse, come ad esempio l outlet di Valmontone, o ancor meglio verso musei e zone di interesse naturale, storico o culturale, soprattutto in concomitanza con festività

16 16 e ricorrenze. Introdurre strumenti di pianificazione di viabilità partecipata per rendere partecipi i cittadini sulla gestione della viabilità e per un feedback sulla viabilità attuale. Studiare applicazioni per smartphone e sito comunale, per la viabilità locale con info su condizioni stradali, trasporti pubblici e posizione delle corriere in tempo reale ( GPS). Disincentivazione all utilizzo dell auto privata attraverso l istituzione delle navette e di campagne informative sul car sharing/pooling. Aggiornamento graduale del parco macchine comunale verso mezzi elettrici o a basso consumo e impatto ambientale. Newsletter e portale informativo sulla viabilità e sugli eventi che prevedono viabilità interrotta o limitata, come fiere feste o processioni. 4. Potenziamento delle piazze e dei ritrovi: Oggi più che mai sappiamo bene quanto sia centrale l importanza dei luoghi di ritrovo e quanto questi siano direttamente collegati ad una serie di attività che rendono vivo il tessuto sociale di un paese. Sarà fondamentale riportare il cittadino a riscoprire tutti quei luoghi che trovano nella piazza la loro naturale dimensione e creare attorno ad essa una serie di attività finalizzate alla rinascita del paese. Valorizzazione dei maggiori luoghi di ritrovo e di interesse socioculturale Piazza degli emigranti, installazione di attrezzature per allenarsi all aria aperta, messa in opera di una struttura-palco fissa per feste ed eventi e promozione

17 17 di eventi sportivi. Alberata e piazza San Rocco, installazione di tavolini ( ad esempio in legno ) fissi, per incentivare i giochi da tavolo e promuovere tornei e campionati di questo tipo. Promozione di eventi culturali in Piazza G. Marconi e nella biblioteca comunale che dovrà supportare testi in formato elettronico oltre quelli tradizionali (Kindle, ebook, Ipad etc.) Trovare veloce svincolo legale alla situazione gazebo, in quanto mina in maniera importante, degrada e svaluta la godibilità di piazza degli emigranti. 8 SPORT ARTE E TEMPO LIBERO: A tal proposito i giochi popolari sono un genuino ed importantissimo punto di incontro fra tradizione ed attività ludicoricreativa oltre che ad un particolare motivo di aggregazione fra Torriciani, pertanto si punterà fortemente sulla loro reintroduzione e all'incentivazione dei giochi da tavolo in zona alberata. Nel borgo e nei vicoli si potrebbe proporre l esperimento dei vicoli danzanti, ovvero degli spettacoli di danza itineranti. In ragione delle bellezze naturali che Torrice possiede, si studieranno dei percorsi per mountain bike, e di trecking, per valorizzare il patrimonio boschivo ( in particolar modo rivalorizzando i percorsi dei fontanili come quelli per la fontana longa, fontana santa, fontana dei ceci etc.. ) coinvolgendo eventualmente il CAI e le associazioni sportive provinciali di competenza. A seguito di uno studio dei sentieri, abbiamo individuato e mappato delle zone interessanti per questo genere di attività. Non si può parlare di attività sportiva senza citare la palestra pubblica, riteniamo inaccettabile che i nostri ragazzi debbano allenarsi e giocare nelle palestre dei paesi limitrofi, e quindi si prediligerà alla veloce attivazione di questo importante stabile. La palestra comunale infatti potrà essere utilizzata oltre che per fini sportivi anche per eventi al coperto, o in caso di intemperie. Abbiamo individuato in piazza degli emigranti, anche in forza della vicinanza con la (futura) palestra, un luogo per lo svolgimento di varie attività ludicoricreative, sportive e di aggregazione, come raduni, campionati e tornei. 1. Sport e attività ricreative: Uno dei punti fondamentali che si vuole portare avanti per la valorizzazione del tempo libero di Torrice è l'attività sportiva.

18 18 Reintroduzione dei giochi popolari. Valorizzazione dei patrimoni boschivi e caratteristici, come i fontanili e i vecchi sentieri. Riabilitazione delle palestre comunali ad oggi in disuso o non utilizzate. Utilizzare la palestra pubblica per eventi da svolgersi al chiuso. Valorizzazione di piazza degli emigranti con l'installazione di strutture per allenarsi all'aria aperta. importante matrice culturale e artistica valorizzerebbe l immagine del nostro piccolo borgo in tutta la provincia. Le nostre idee ruoteranno sui temi di, pittura, lettura, arte, musica, e teatro. Istituire una fiera di scambio dei libri nei pressi della biblioteca comunale ha un modico costo, ma ha un grande impatto culturale e aggregativo. Seguendo le orme dei piccoli borghi del Nord Italia, si potrebbero organizzare mostre d'arte, degli antichi mestieri e di opere teatrali, nei vicoli del centro storico sfruttando anche la vicinanza con l accademia delle belle arti ed in concomitanza con festività e ricorrenze. Sarà di primaria importanza fornire una valida continuità agli studi musicali degli studenti delle scuole medie, non solo per l'importante valore artistico, ma anche in previsione di incentivare la nascita di una nuova e duratura banda o coro locale. 2. Arte e Cultura: Arte e Cultura sono temi fondamentali quando si cerca di valorizzare un borgo a origini medioevali come il nostro. Promuovere il nostro paese con eventi a basso impatto economico, ma con Incentivazione di eventi aventi soggetto i libri e la lettura nei pressi della biblioteca. Valorizzare i borghi con mostre artistiche e fiere dell'artigianato antico. Favorire la partecipazione di compagnie teatrali in spettacoli caratteristici, sfruttando maggiormente l anfiteatro. Dare continuità agli studi musicali degli studenti delle scuole medie,

19 19 non solo per l'importante valore artistico, ma anche in previsione di una rinascita della banda locale.. Riproporre gli antichi sapori in chiave artistico-culturale. Reintroduzione dei giochi popolari come punto di incontro fra tradizione ed attività ludicoricreativa oltre che ad un particolare motivo di aggregazione fra Torriciani. 9 SCUOLA: 1 Scuola: La presenza di 5 edifici scolastici nel territorio non rende necessari interventi edilizi nella costruzione di nuove strutture. Si mirerà invece alla riqualificazione funzionale e organizzativa delle strutture preesistenti, organizzando dove possibile dei corsi extra scolastici, o dei corsi formativi ed informativi per la cittadinanza, ad esempio guida all uso di internet e del computer, corsi di musica, elettronica, informatica etc.. L'informatizzazione degli edifici scolastici rappresenta uno dei punti focali del nostro programma in quanto rappresenta un grande vantaggio sia per i docenti che per gli studenti, come ad esempio l introduzione di uno sportello telematico, casa-scuola. Incentiveremo il potenziamento dei laboratori di informatica, per formare gli studenti da subito ad un uso professionale del computer e della rete. Sosterremo le attività che prediligeranno la creatività sia artistica che tecnica degli studenti in attività extra scolastiche, come ad esempio promuovendo le eccellenze con la promozione di competizioni con temi letterari e artistici o matematici e tecnici. I Disturbi alimentari iniziano a manifestarsi in maniera molto precoce, per questo si studierà la possibilità di istituire uno sportello per l alimentazione, lo scopo è organizzare in maniera più efficiente i pasti in mensa, fornire consulenze ai genitori, e ricordare l importante valore educativo rappresentato dai pasti. Rivalutazione degli edifici scolastici dismessi, sia per temi scolastici che per corsi formativi pubblici, ad esempio informatica, inglese musica, etc... Informatizzazione degli edifici scolastici e dei sistemi di

20 20 comunicazione casa-scuola. Valorizzare le attività extra scolastiche, indirizzando verso una attività formativa le passioni degli studenti. Controllo periodico dello stato degli edifici. Potenziamento di corsi di educazione civica e di sensibilizzazione ambientale. Potenziamento dei laboratori di informatica, con introduzione di semplici board di programmazione. Prospetto di studio per il potenziamento dell uscita posteriore dell edificio G.Marini, al fine di sfruttare il parcheggio e decongestionare il traffico. Istituzione di uno sportello per l alimentazione. 10 SOCIALE E SERVIZI AL CITTADINO: 1 Sociale: Il livello di vivibilità di una città si misura anche con la capacità della pubblica amministrazione di occuparsi delle diverse fasce sociali, come i bambini, i malati, le persone svantaggiate, gli anziani ed i giovani. Ci sono dei casi in cui la disabilità fisica mina la dignità dell individuo, questo non può assolutamente essere tollerabile, dobbiamo ascoltare la voce di questi cittadini, sentirne le esigenze ed andargli incontro, ad esempio instillando una severa politica dissuasiva all uso dei parcheggi riservati ai disabili, e di razionalizzazione di questi posti auto, specialmente nei pressi del comune e del centro storico.

21 21 Piuttosto che creare dei muri generazionali fra anziani e giovani, ci dovrebbero essere dei punti di incontro fra queste due fasce sociali, ad esempio con eventi che riscoprono l artigianato antico, o attraverso attività di incontro come ad esempio le commedie teatrali o eventi a tema caratteristico come i giochi popolari. Seguendo gli esempi dei programmi di alcune città a 5 Stelle (Parma), promuoveremo la creazione di una banca del tempo, ovvero una associazione no profit che si occupa di gestire il tempo di volontariato/scambio fra cittadini. La banca del tempo è un luogo in cui ci si incontra come in famiglia, qui si scambiano dei favori, delle attività, io non ho la possibilità o il tempo di fare qualcosa? C è qualcuno che può farlo al posto mio, e io ricambierò con qualcosa che posso fare o che so fare con lo stesso tempo. La moneta che circola nelle banche del tempo non è l euro, è il tempo. Cit: Il Presidente Nazionale Maria Luisa Petrucci. Questa banca potrebbe occuparsi di temi importanti, come il sostegno alla compilazione dei documenti amministrativi, oppure al servizio di SOS alcol, o alla mappa delle competenze e degli hobby. Le associazioni a tema sociale no profit dovranno essere pubblicizzate dal comune e supportate. I proventi del 5X1000 locale dovranno essere indirizzati verso questi enti in modo da mantenere la ricchezza in loco, e sfruttarla al meglio per le esigenze di Torrice. Garanzia a tutte le fasce sociali svantaggiate o deboli. Punti di incontro fra giovani e anziani. Promuovere il 5x1000 a sostegno delle associazioni locali di volontariato. Promuovere la banca del tempo con seminari informativi avvalendoci degli esperti del Movimento 5 Stelle nel settore. Proposta di gemellaggio con paesi limitrofi per creare efficienti associazioni di volontariato tipo banca del tempo e simili. Ricostruzione polo di protezione civile.

22 22 Se hai idee o contributi per migliorare il programma, contattaci e collaboreremo insieme. DATI TORRICE: Torrice Movimento Cinque Stelle Popolazione Superficie (Km²) 18,18 Densità (abitanti/km²) 255,30 Età media (anni) 44,00 Reddito medio Tasso di disoccupazione 12,8% Famiglie: Coppie con figli: 61,43% Figli per famiglia: 0,82 Tasso di natalità (nati/1.000 abitanti) 6,7 Abitazioni Edifici 1.713

23 23 Superficie media abitazioni (m²) 118,37 Stato civile: Abitazioni: Distribuzione Età: Edifici: Popolazione: Epoca di costruzione: Reddito: Numero Figli Famiglie:

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI

Comune di Cotignola ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - PROGETTO RPP: RESPONSABILE: UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR005 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. COMUNICAZIONE UFFICIO URP - SPORTELLO POLIFUNZIONALE BARBERINI GIOVANNI 100 Miglioramento e razionalizzazione attività ordinarie

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Comune di Bagnacavallo

Comune di Bagnacavallo CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: SETTORE SEGRETERIA RESPONSABILE: GRATTONI ANGELA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Settore Segreteria 1 SETTORE SEGRETERIA

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Comune di Bagnara di Romagna

Comune di Bagnara di Romagna CdC ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - CDR009 PROGETTO RPP: RESPONSABILE: RESP. SEGRETERIA GENERALE AREA AMMINISTRATIVA (URP E SERVIZI DEMOGRAFICI - UFFICIO SEGRETERIA) CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale

Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Agenda 21 Locale della Provincia di Novara: progetto di azioni per l avvio del Forum permanente dell Agenda 21 provinciale Verbale tavolo energia/pmi - 19 marzo 2007 Sala Consigliare A cura di: Andrea

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Concorso La scuola più riciclona

Concorso La scuola più riciclona Il futuro è nella nostra natura Concorso La scuola più riciclona Nell'ambito del Piano dell'offerta Formativa Territoriale (POFT) 2014/2015, il Comune di Bitonto indice il concorso La scuola più riciclona

Dettagli

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione?

1. Anagrafica. 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? 2. In quale territorio è situata la sua organizzazione? 1. Anagrafica 1. Qual è la ragione sociale della sua organizzazione? Cooperativa Sociale Comune Consorzio Sociale ASL Azienda Servizi alla persona Organizzazione di volontariato Azienda Speciale Comunità

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli