Documento di Piano Quadro Conoscitivo Comune di Gambolò (PV) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE IL SISTEMA URBANO...5

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento di Piano Quadro Conoscitivo Comune di Gambolò (PV) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE...3 2. IL SISTEMA URBANO...5"

Transcript

1

2 SOMMARIO 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE IL SISTEMA URBANO IL SISTEMA ECOLOGICO Il territorio agricolo Le Cascine del territorio comunale I parchi urbani ll patrimonio boschivo naturale Il patrimonio semi naturale IL SISTEMA SOCIALE Dati demografici Le forme di organizzazione sociale Lo stile di vita della popolazione I servizi alla popolazione IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE Il sistema della mobilità La rete idrica I depurtori INDUSTRIE A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE (RIR) VALUTAZIONE DI INCIDENZA RETICOLO IDRICO MINORE VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA ( VAS ) VINCOLI COMUNALI Vincoli militari Fasce di rispetto di elettrodotti e metanodotti Zone cimiteriali Zone di interesse archeologico L area dell ex discarica Vincoli di tutela ambientale I BENI DI RILEVANZA STORICA La basilica romana di S. Eusebio Il castello Litta...51 Pagina 1

3 ELABORATI TECNICI RELATIVI AL QUADRO CONOSCITIVO QC_R1 QC_01 QC_02 QC_03 QC_04 QC_05 QC_06 QC_07 QC_08 QC_09 QC_10 QC_11 QC_12 QC_13 QC_14 QC_15 QC_16 Relazione illustrativa Corografia Pianificazione sovraordinata Uso del suolo capoluogo Uso del suolo frazioni Viabilità e infrastrutture Localizzazione cascine Reti tecnologiche capoluogo Reti tecnologiche frazioni Localizzazione principali esercizi di vicinato tessuto storico Localizzazione principali servizi pubblici e privati di uso pubblico Vincoli comunali e sovracomunali Industrie a rischio di incidente rilevante Carta delle sensibilità paesaggistiche Carta del paesaggio Localizzazione istanze capoluogo Localizzazione istanze frazioni Pagina 2

4 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE Il Comune di Gambolò, provincia di Pavia, fa parte del Comprensorio 22 del distretto scolastico di Vigevano, ASL di Pavia, ed è integralmente inserito nel consorzio Lombardo Parco della Valle del Ticino. L'estensione è di 51,53 Kmq per una popolazione di abitanti (Ufficio Anagrafe 31/12/2009) con una densità territoriale di 191 ab/kmq. Il territorio confina a Nord ed Est con il Comune di Vigevano; a sud con il Comune di Borgo S.Siro e Tromello, ad Ovest con Mortara. Dista Km 30 da Pavia; Km 35 da Milano; Km 10 da Mortara; Km 6 da Vigevano. Il territorio di Gambolò Il Capoluogo è ubicato in posizione centrale al territorio; le frazioni Belcreda, Molino d'isella, Stradella, in prossimità della Strada Provinciale Novara Voghera n. 206, la frazione Remondò in fregio alla provinciale Mortara Pavia. Il territorio non urbanizzato è prevalentemente coltivato, fatta eccezione per le aree boschive in fregio all'estremo Nord Est del territorio, limitrofe al Fiume Ticino. Il territorio è fertile, attraversato dal Torrente Terdoppio in prossimità del Capoluogo e dal Subdiramatore Sinistro del Canale Cavour. ZONA SISMICA Il territorio comunale risulta classificato nella zona sismica 4. Livello di pericolosità sismica molto basso. È la zona meno pericolosa, dove le possibilità di danni sismici sono rare. ALTITUDINE Pagina 3

5 Valore medio: 106 m/slm. ZONA CLIMATICA E Periodo di accensione degli impianti termici: dal 15 ottobre al 15 aprile (14 ore giornaliere), salvo ampliamenti disposti dal Sindaco. GRADI GIORNO unità di misura che stima il fabbisogno energetico necessario per mantenere un clima confortevole nell abitazione. TEMPERATURA I valori delle temperature medie locali registrano un massimo nel mese di luglio ( circa ), e un minimo in gennaio ( 0 1 ) PIOGGE Il regime pluviometrico è di transizione, con piovosità maggiore nella stagione primaverile e tardo autunnale. Le precipitazioni medie registrate negli ultimi anni si aggirano intorno ai 80 mm d acqua con un massimo di 110 mm in novembre e un minimo di 50mm in gennaio. TEMPORALI Non sono molto frequenti. Il loro numero è limitato a 4 / 5 nel periodo estivo. I danni da grandine sono generalmente contenuti se confrontati con zone limitrofe (novarese) NEVE La zona è interessata annualmente da nevicate, che si registrano da metà dicembre sino a febbraio, con intensità discontinua negli anni. NEBBIA I fenomeni nebbiosi sono tipici e frequenti nel periodo invernale: saltuari in autunno e primavera, e generalmente in occasione dei fenomeni di inversione termica. GEOLOGIA Negli ultimi anni sono state eseguite alcune stratigrafie del territorio nei punti più significativi, sia nelle porzioni abitate del capoluogo che delle frazioni, nonchè nelle zone interessate da cave dismesse. Su tutto il territorio comunale si è riscontrata una grande omogeneità stratigrafica, dove il terreno è costituito quasi esclusivamente da sabbie intercalate da ghiaia limo e argilla in strati discontinui. La permeabilità, desunta da prove in sito e di laboratorio, (analisi granolumetrica, presenta un valore k di 10 elevato alla 3 / 4 cm. al secondo). La profondità della falda freatica invece è estremamente varia: in alcune zone a valle del ciglio alluvionale risulta a profondità media di 1 ml, mentre nelle zone abitate varia da 2 a 6 metri; i valori massimi di profondità si riscontrano in corrispondenza del fronte alluvionale con circa 13 ml., con un gradiente massimo del 5 per mille. Il calcolo della capacità portante del terreno, desunta dalle prove geologiche stratigrafiche o superficiali penetrometriche, propone abitualmente un valore medio di rottura del terreno prossimo a 3 4 KG per cm. quadrato, con un carico ammissibile di 1,5 Kg.per cmq. Pagina 4

6 2. IL SISTEMA URBANO Gambolò è un nucleo urbano di remote origini celtiche, caratterizzato da un impianto viario originalmente radiocentrico, in direzione est, fortemente condizionato dalla presenza del torrente Terdoppio verso Ovest. Le notizie storiche sono scarse fino all anno Mille. Si conosce con certezza l esistenza di due poli religiosi, con rispettivi riferimenti romani e longobardi, attorno ai quali si riconoscevano due ceppi distinti di popolazione e di culto. Il primo faceva capo alla pieve di S. Pietro, localizzata ove sorge l attuale parrocchiale, e l altro faceva capo alla attuale chiesa di S. Eusebio, ex parrocchiale, esterna al perimetro fortificato. L abitato si andò gradualmente sviluppando in epoca medioevale, lungo le direttrici Vigevano Tromello e Gambolò Mortara. Lungo quest ultima direttrice era fiorente fino all anno Mille lo scomparso Borgo Masuvico. Fondo della Famiglia De Gambolate nell alto medioevo, si inserì nelle tumultuose lotte dell età comunale, affiancandosi a Pavia e subendo conseguenzialmente numerosi incursioni dei Milanesi. Con il rifiorire del feudo sotto la Signoria dei Visconti, Gambolò divenne terra nobile dei conti Beccarla, che dimorarono a lungo nel grande castello, frequentato da illustri personaggi della famiglia viscontea. Alla fine del sec. XV, Gambolò, come tutti i borghi della Lomellina, si trovò coinvolta nelle tristi vicende della guerra tra Ludovico il Moro e Luigi XII di Francia, e successivamente nell annoso conflitto tra francesi e spagnoli. In quegli anni drammatici, il nome di Gambolò, di tanto in tanto, compare alla ribalta, affiancato a nomi illustri.. Fece successivamente parte del Marchesato di Vigevano, retto da Giacomo Trivulzio; fu feudo del cardinale Schiner, ospitò successivamente Francesco I di Francia nel 1515, Giovanni De Medici nel 1524, che andava all assedio di Garlasco con le sue Bande Nere. Verso la seconda metà del XVI secolo, il paese, stremato dalle guerre, cadeva sotto il dominio degli spagnoli, con tutto il ducato di Milano. Già a quel tempo, Gambolò aveva una notevole estensione territoriale; il villario contava 400 case, ed era dominato dalla massiccia mole del castello, ancora fortificato. Le condizioni economiche erano mediocri, come nel resto dei comuni limitrofi, con incremento demografico documentato a partire dal 1550 e conseguente l opera di bonifica dei territori agricoli. Nel 1573 Gambolò divenne feudo dei Marchesi Litta di Milano, che acquistarono il castello e lo utilizzarono come residenza di campagna. Agli albori del 1700 il borgo passò allo stato sabaudo, seguendo successivamente le vicende della Lomellina attraverso il dominio austriaco, il periodo napoleonico, la restaurazione, il risorgimento. Le caratteristiche ambientali, l'impianto urbanistico e soprattutto quello viabile testimoniano la trasformazione avvenuta nelle varie epoche; sono ancora individuati gli assi matrici di impianto, la parcellazione medievale, le modifiche all'assetto viario. La matrice ortogonale della viabilità del nucleo originario, condizionò l'assetto della viabilità all'interno della cinta fortificata, e l'aspetto quadrilatero ha condizionato numerosi autori e studiosi ad ipotizzare la nascita dell'abitato sui resti di un accampamento romano o "castra", tesi parzialmente supportata da ritrovamenti di elementi ( are e marmi ) di epoca romana, ma l'ipotesi non è suffragata da elementi scientifici. In realtà, dallo studio dei tracciati viari, attraverso una lettura in chiave storico urbanistica, appare palese, a giudizio dello scrivente, la datazione medievale dell'impianto viario, anche se curiosamente basato su una matrice quadrilatera. Nell'ambito dell'antico nucleo urbano, si contano 6 chiese tutte di interesse storico, oltre alla mole del castello. Il contesto urbano appare povero dal punto di vista architettonico residenziale, con pochi individui edilizi di qualche interesse; molto interessante interessante invece la omogeneità del tessuto edilizio, che rende pregevole l insieme. Il centro storico di Gambolò appare abbastanza integro nella sua immagine urbana, e non presenta che rarissimi interventi edilizi di natura speculativa, tipici degli anni Pagina 5

7 Infatti in Gambolò, una economia di tipo prevalentemente agricolo con strutture familiari patriarcali, ha di fatto impedito fino agli anni 70 gli episodi di edilizia speculativa riscontrati in centri dell area lomellina, mentre verso la fine del decennio veniva strutturato il primo piano particolareggiato del centro storico, che ha controllato le spinta indesiativa e speculativa nel centri storici di Gambolo e frazioni. La spinta insediativa tra il 1970 ed il 1980 ha trovato sfogo verso l'ampia disponibilità di aree esterne all'antico nucleo urbano: il risveglio di interesse si è avvertito in modo prepotente solo verso il 1985, sotto il controllo di uno strumento (P.P.R.) vigente dal 1982, che nonostante i grossi limiti, ha di fatto indirizzato ed incentivato il recupero del centro storico. L'integrità formale del tessuto edilizio è stata essenzialmente recuperata mediante attente indicazioni progettuali e tipologiche, prescritte nella normativa di piano regolatore, e che hanno guidato l'iniziativa privata in particolare nell ultimo ventennio. All attualità, si può affermare che l obiettivo di recuperare l immagine tipologica degli edifici, l eliminazione delle superfetazioni e dei fabbricati destinati a rustico e destinati ad attività pressoché legate all agricoltura e quindi riconducibili all 800 è stato pressoché raggiunto. A ciò si aggiunga che le iniziali resistenze all osservanza delle prescrizioni di piano regolatore relative al centro storico hanno successivamente fatto da trampolino per la riqualificazione di tutto il nucleo antico, nel quale si è assistito anche alla definitiva e decorosa sistemazione di parecchi cortili comuni, precedentemente caratterizzati da situazioni di disordine e di abbandono, di androni carrai, di accessi e di altri elementi architettonici. Al di fuori della cerchia dei portoni storici, la spinta insediativa si è attuata lungo la direttrice in direzione Vigevano, con la costruzione di villini e sporadicamente di palazzine a due tre piani, nell ambito di lottizzazioni convenzionate. Pur essendo un centro abitato di medie dimensioni, Gambolò non presenta, al di fuori del centro storico, edifici multipiano di forte impatto, con capacità insediativi elevata: segno questo di una scelta urbanistica, delle amministrazioni succedutesi nel tempo, volta, seppure con espansione territoriale elevata, al mantenimento di una bassa densità abitativa; il tutto accompagnato sempre, all interno dei comparti di lottizzazione, dalla realizzazione di superfici destinate a parcheggi, una viabilità di elevata dimensione e da superfici a verde di tutto rispetto. Negli ultimi vent anni, soprattutto, ciò è risultato particolarmente evidente nella zona Nord ovest di Gambolò, con la forte espansione avutasi nella zona di Via Vignate, in seguito all approvazione del P.R.G. del 1993, mediante l attuazione di lottizzazioni private convenzionate. Mappa del Catasto Teresiano Pagina 6

8 Il Comune di Gambolò si è dotato di un Piano particolareggiato del Centro Storico approvato con dalla Regione Lombardia con Nota N del 15/07/1982 in cui sono stati invidiati i nuclei storici del Capoluogo e delle Frazioni di Garbana e Remondò, al fine di ottemperare ai disposti dell art. 17 della L.R. n. 51/75. Per centro storico si era intesa quella parte centrale dell abitato aventi affinità urbanistiche edilizie, affinità del tessuto sociale e presenza di testimonianze storico ambientali. Tale individuazione è stata effettuata per fasi successive partendo da una suddivisione del territorio Comunale in isolati fino ad arrivare ad un indagine ed un rilievo geometrico e fotografico dello stato di fatto dei singoli edifici, della consistenza edilizia, specificando l epoca di costruzione, il numero dei piani, lo stato di conservazione e le modalità di intervento edifici. Obiettivi prioritari erano : salvaguardare i valori ambientali del Centro Storico considerato polo qualificante del territorio; salvaguardare, recuperare e riutilizzare il patrimonio edilizio esistente nei centri storici nella prospettiva di rendere possibile la continuità vitale dell impianto urbanistico originario con la restante parte del territorio comunale. L indagine effettuata aveva permesso di individuare i Centro storici, così come definiti, per il capoluogo e per le frazioni di Garbana e Remondò, senza far nessun riferimento alle altri frazioni. Questa classificazione, basata su indagini eseguite in loco e dimostratasi ben rispondente alla realtà, è stata utilizzata successivamente negli atti di pianificazione comunale in quanto considerata più attendibile rispetto alle carte di prima levatura dell IGM. La cartografia dell IGM individua la presenza di Centri Storici anche nelle frazioni Cason Peri e Stradella. In realtà tali nuclei corrispondevano sostanzialmente alla Chiesa e non si era ritenuto opportuno individuarli nel Piano Particolareggiato del 1982, in quanto informazioni e documentazioni storiche non avevano evidenziato la presenza di elementi che potessero far classificare tali isolati come Centri Storici. Pagina 7

9 3. IL SISTEMA ECOLOGICO Veduta aerea del territorio agricolo 3.1 Il territorio agricolo Le prime notizie sul territorio agricolo risalgono alla civiltà celto ligure e etrusca. Ritrovamenti archeologici di questa civiltà dimostrano la prima rudimentale suddivisione del territorio in distretti ( pagi ) intorno a cui un certo numero di villaggi (vici). Successivamente, nel I sec A.C., questi territori divennero colonia dello stato romano che, in meno di due secoli, riorganizzarono urbanisticamente i centri cittadini esistenti e li inserirono nel sistema statale come municipi dotandoli di tutte le infrastrutture necessarie per un concreto equilibrio tra la città e la campagna costituendo la cosiddetta civiltà Gallo Romana. Il territorio di Gambolò si trovava in una posizione abbastanza privilegiata sia perché equidistante dalle principali aree subalpine come Milano, Pavia, Novara da cui partivano i principali collegamenti romani, sia per la vicinanza con un altra arteria importantissima : il fiume Ticino. IL PAESAGGIO AGRARIO NELLE EPOCHE BARBARICHE Fonte storiche mettono in luce che il territorio agricolo non fu direttamente interessato dalla centuriazione romana e la forma e distribuzione dei terreni era costituita o da campi permanenti con quote distribuite ad ogni membro del villaggio, oppure da campi instabili a disposizione di chi li voleva dissodare, invece, i pascoli e i boschi erano di uso comune. La caduta dell Impero romano e l occupazione longobarda non modificarono l istituzione delle pievi che, spesso identificate nei pagi, continuarono a costituire i cardini della civiltà rurale. Solo le seconde invasioni barbariche, lo sviluppo del feudalesimo, e la necessità di raggrupparsi intorno ad un potente o nei pressi di un villaggio fortificato portarono a ridurre le aree coltivate troppo lontane dai recinti e dalle mura. I poderi erano disseminati come isole in un ambiente quasi selvaggio, appena fuori dalle aree Pagina 8

10 coltivate si trovava il regno dell incolto con orto e poderi circondati da boschi e paludi. Questi paesaggi marginali costituivano, però soprattutto per il contadino povero, l unica fonte di sussistenza. LE PRIME ROTAZIONI AGRICOLE Un ruolo di fondamentale importanza per la trasformazione del paesaggio agricolo è stato quello della distribuzione della proprietà. Se la maggior parte del territorio era costruito da grossi latifondi, questi erano in parte costituti da aree boschive e non adatte alla coltivazione e in parte ancora da dissodare. Gli orti e le vigne erano in parte localizzati intorno alle abitazioni. I campi, che occupavano la maggior parte del territorio e si estendevano in particolare verso la zona nord est del paese venivano delimitati dai solchi che distinguevano una regione dall altra. Le particelle, in cui si suddividevano questa prima grande ripartizione, formavano sull intera superficie del territorio coltivato un reticolo minuto e molto asimmetrico. Ogni particella si allungava in direzione dei solchi mentre la direzione perpendicolare era minima. Questa suddivisione si sviluppò inizialmente intorno al borgo e alle piccole comunità agricole sparse nel territorio, forse in zona Garbana, Belcreda e S. Pietro. Successivamente si estese ai nuovi territori che venivano dissodati, fino ad interessare tutto il territorio comunale con maglie più o meno fitte a seconda della regione e della loro configurazione. Rimasero escluse da questa suddivisione le parti più selvagge ed impervie (Pozzuolo, sabbioni di Remondò, dossi di Cason Peri, gran parte delle zone umide e paludose lungo il Terdoppio e la Valle del Ticino). LE PRIME SISTEMAZIONI IDRAULICHE Attorno al XIII sec., si registra un aumento della popolazione a seguito di una situazione particolarmente favorevole, e si moltiplicano le iniziative di trasformazione agraria che incidono sempre di più sulle forme del paesaggio e portano alla sperimentazione di nuove tecniche agrarie ed idrauliche. Tra la fine del XV sec e la prima metà del XVI sec. con l avvento delle Signorie, queste sperimentazioni si sviluppano rapidamente e, sotto lo stimolo del podere modello della Sforzesca, si andava intensificando e rinnovando la tecnica agraria e il sistema economico del paese. Intorno al 1573, sotto la dominazione spagnola, il feudo di Gambolo venne acquistato all asta dalla famiglia Litta che risultava essere la più grande proprietaria terriera del paese con più di 5000 pertiche milanesi di terreno che in gran parte erano uniti a formare due grandi fondi, uno nella Regione di Cascina nuova (valle del Terdoppio) e l altra nella valle del Ticino. Nel XVII sec un altro aspetto che innovativo caratterizzava il paesaggio agrario era la presenza delle prime aziende agricole sparse sul territorio dislocate lontano dal centro abitato e non più legate al borgo comunale. Queste aziende con annessa cascina ( Roverina, Pessina, Riccardina, Valmora, Portalupa) sono generalmente possedimenti di medi e grandi proprietari che, per trarre profitto dai fondi agricoli spesso incolti o da bonificare, li affidavano alle famiglie contadine o mezzadri. Alla fine del 600 le cascine esistenti sul territorio comunale erano tutte affittate o affidate a livellari e risultavano essere: la Portalupa, del Cassino, Modaiola, del Molino del Rotto, Dojola, Riccardina, Calossa, Gandola, Baracca, Cassinetta, Arella, Pellacrista, poste in prossimità della Valle del Ticino ; la cascina Roverina e Caverzò vicino alla Sforzesca, e altre come la Cascina Valmora, la Cattabrega, la Pessina. Le uniche tre cascine relativamente vicino al borgo erano la Cascina Nuova Litta, la Cascinetta e la Cascina delle Castagne secche che nell arco di poco tempo scomparirà insieme ad altre di dimensione più modesta. Il modello di cascina più rappresentativo sul territorio è quello con abitazione e rustico allineati nello stesso edificio con sovrapposto il granaio e il fienile. Quando l azienda si arricchiva e si estendeva si costruiva il rustico o una stalla nuova, oppure un mulino per le granaglie. Nel XVII sec. solo due cascine sono a corte Pagina 9

11 chiusa : la Roverina e la Cascina Nuova Litta che probabilmente rappresentano il frutto di investimenti consistenti legati all allevamento dei bovini e alle coltivazioni cerealicole. Cascina Roverina, tipico insediamento agricolo a pianta quadrilatera. IL PAESAGGIO AGRARIO TRA IL 1700 E IL 1800 Negli anni tra il 1700 e il 1800 sempre nuovi lavori di miglioria trasformavano la struttura del paesaggio. L apertura di nuove rogge e canali di irrigazione ha aspetti rivoluzionari sull intero sistema agricolo. Le forme dei campi vengono adeguate al nuove percorso dei canali superando i limiti tradizionali della proprietà feudale clericale e la cascina diventa il fulcro della trasformazione del paesaggio agricolo. Essa non è più l azienda signorile ripartita in poderi adeguati alla capacità lavorativa delle famiglia ma diventa una unità economica adeguata alle nuove esigenze tecniche ed economiche dove si investono capitali e si impiegano salariati fissi. La casa colonica viene di conseguenza ampliata con stalle e fienili fino ad assumere la struttura a corte, simbolo del nuovo capitalismo agricolo. Verso la fine del 1800 l aspetto e le trasformazioni del territorio sono ormai stabilizzate e ben pochi erano i terreni rimasti incolti e da bonificare. DAL DOPOGUERRA AD OGGI Le mutate condizioni economiche e sociali del dopoguerra, l abbandono delle campagne e l introduzione della meccanizzazione dei sistemi produttivi portarono ad una nuova trasformazione del territorio agricolo. Diventava ormai necessario procedere ad una razionalizzazione del territorio attraverso processi di riunificazione dei lotti e soprattutto mediante il recupero dei fabbricati rurali spesso abbandonati o parzialmente inutilizzati. Da un indagine condotta dal Consorzio Parco Lombardo della valle del Ticino è risultato che nel 1985 le cascine ospitavano solo 86 addetti all agricoltura contro una potenzialità ricettiva di gran lunga superiore. Malgrado ciò il paesaggio rurale, per quanto diversificato nelle diverse realtà, propone ancora una certa varietà e la monumentalità di architetture rurali legate ad un agricoltura tra le più fiorenti d Europa in termini quantitativi e qualitativi. Pagina 10

12 Diventa pertanto importante definire una politica di salvaguardia di queste strutture rurali di fondamentale valore storico mediante un loro riutilizzo a scopo agrituristico, tempo libero a altro. SETTORE AGRICOLO Il settore agricolo che fino a pochi anni fa poteva essere considerato un cardine per l economia locale si è invece rivelato un settore abbastanza stagnante, anzi ha registrato una certa crisi occupazionale. ANNO N. ADDETTI AGRICOLTURA % % % Dal 1981 l occupazione è risultata pressoché stabile evidentemente grazie ad una ottimizzazione della produttività e la forza lavoro ed è costituita prevalentemente da agricoltori professionali. L 80% del territorio comunale ha una destinazione agricola e l orientamento produttivo prevalente risulta prettamente cerealicolo (circa il 70 % del reddito complessivo) con una forte componente risicola. Il recupero delle cascine con destinazione diversa da quelle strettamente legate all agricoltura potrebbe costituire una valida alternativa al sistema tradizionale. Proprio in questa direzione si sta muovendo anche il Consorzio Parco Lombardo della Valle del Ticino GLI INSEDIAMENTI RURALI DISMESSI La presenza su territorio di numerosi insediamenti rurali abbandonati da anni e l impossibilità di convertirli per altre destinazioni con il rischio di disperdere un significativo patrimonio immobiliare ha portato il Consorzio Parco Lombardo della valle del Ticino a predisporre un Regolamento attuativo per l individuazione e il recupero di tali insediamenti, specificando nel dettaglio quanto contenuto nelle Norme di Attuazione del P.T.C. Consentire il recupero di questi insediamenti diventa infatti fondamentale perchè impedisce un ulteriore consumo del territorio e favorisce la tutele e valorizzazione del paesaggio. In particolare il regolamento attuativo esplicita alcuni dettagli quali le modalità di individuazione, di progettazione, l utilizzo dei materiali, la tipologia e tutti elementi caratterizzanti. Pagina 11

13 Cascina Portalupa 3.2 Le Cascine del territorio comunale Nelle Tavole del quadro conoscitivo è evidenziata la localizzazione delle innumerevoli cascine presenti sul territorio comunale di Gambolò. CASCINA MORSELLINA Si trova dopo la Frazione Garbana al confine con il Comune di Vigevano. CASCINA MOLAZZA Databile alla fine del 1800, ora utilizzata per soli scopi residenziali, integra nel suo insieme. CASCINA BAZZANINA Piccolo insediamento annesso alla cascina Bazzanina. Interessante la struttura muraria in mattoni a vista. CASCINA PESSINA Complesso interessante, risalente nella sua struttura originale al 1600 ed in parte ristrutturata Numerosi particolari architettonici di rilievo, (soffitti in legno, una colonna con capitello in granito, ecc.).la zona è periferica al territorio del parco ed è interessata da colture cerealicole. CASCINA NUOVA LITTA Pagina 12

14 La cascina è sorta ai primi del 600, e conserva lo stemma del casato dei Litta, che furono Signori di Gambolò in tale epoca. Interessanti alcuni elementi architettonici di pregio, un ballatoio in legno, un caminetto in pietra, archi in muratura. CASCINETTA LITTA o CASCINA CASCINETTA Ambiente circostante ricco di prati e marcite. L'insediamento è in prossimità del Torrente Terdoppio, in prossimità di un leggero dislivello che costituisce probabilmente il vecchio letto alluvionale del torrente. Sono presenti poche superfetazioni, ma nel complesso l'insediamento è ancora tipologicamente integro. Interessanti alcune parti strutturali della residenza e la riquadratura delle finestre. Attualmente ristrutturata. CASCINA MARANINA Il complesso ha uno sviluppo lineare e sorge in fregio alla provinciale Gambolò Tromello. Risalente alla fine del 1800 nella sua immagine globale, risente del gusto neogotico nella presenza di voltini a sesto acuto e cotto a vista. Interessante l'affresco della crocifissione, di notevole fattura. Attualmente ristrutturata. CASCINA VALMORA VECCHIA Risalente al 1700, è un tipico edificio a corte aperta. Immagine ambientale unitaria e compatta, presenta particolari architettonici degni di rilievo. CASCINA VALMORA NUOVA L'insediamento è ubicato nelle vicinanze della Valmora Vecchia. Risalente ai primi del 900, ricalca uno schema compositivo dei fabbricati di tipo tradizionale. CASCINA CATTABREGA Risalente al 1600, presenta il tipico schema della cascina lombarda a corte. Sono da segnalare l'androne d'ingresso in volta ribassata, particolari in cotto, un affresco. CASCINA BOLOGNA Databile alla fine 800, ha conservato l'immagine di una economia aziendale modesta. Omogeneo l'insieme. Attualmente ristrutturata CASCINA BELLARIA Risalente al 1848, conserva elementi decorativi di pregio. Nell'insieme il complesso è ben conservato. CASCINA GENIANA Tipica costruzione ottocentesca legata ad una modesta economia aziendale. Scarso interesse architettonico. Attualmente ristrutturata. Pagina 13

15 CASCINA CAVERZO' Interessante complesso in linea, risalente ai primi del 1700, semiabbandonato ed in cattive condizioni manutentive, ma interessante per la felice caratteristica ubicazionale. Situato sul ciglio del terrazzo alluvionale, in un punto dove lo stesso degrada dolcemente ed è coltivato a prati marcitori. Interessante la presenza della struttura del fienile mulino, quadrilatera ad archi in mattoni a vista, che sorge isolata. Tale struttura presenta un particolare tipo di orditura di sostegno dei coppi, di origine piemontese, risalente al CASCINA ROVERINA L'insediamento è forse uno dei più caratteristici del territorio comunale. Ripete il classico schema compositivo della cascina a corte, con elementi decorativi risalenti probabilmente al 1500 ed affini a quelli visibili nel vicino insediamento della Frazione Sforzesca di Vigevano. Tipica è anche la presenza di stalle con volte a vela e pilastri in granito bianco. Gli ambienti appaiono alquanto suggestivi: le strutture murarie in mattoni ripetono elementi dominanti della cultura cinquecentesca locale (Sforzesca, Torrazza, Castello D'Agogna ripetono esempi simili). Caratteristici i grigliati in mattoni per l'areazione dei fienili, presenti in numero consistente. Pagina 14

16 VILLA CASONI OTTONE Il complesso risale al Recentemente ristrutturata. Recuperata per fini residenziali. ROVERINA (detto villino) Databile 1905, ricalca lo schema compositivo della cascina lombarda. Non sono presenti particolari caratteristiche architettoniche, fatta eccezione per una decorazione in cotto di gusto neoclassico. CASONI STURINO Risalente alla fine del 1800, presenta uno schema compositivo semplice e ben proporzionato nonostante al modestia dell'intervento. Il complesso è in avanzata fase di degrado. CASCINA NOVELLINA Risalente al 1862, non presenta elementi di pregio. CASCINA CASALINA Situata alla frazione Belcreda. La cascina, attualmente abitata presenta un normale stato manutentivo. Pagina 15

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa Allegato B COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa SETTORE 2 GESTIONE DEL TERRITORIO E DEL PATRIMONIO U.O. URBANISTICA EDILIZIA Modifica all Appendice 2 Schede norma dei comparti di trasformazione

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com

Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com Dott. Andrea Pagliari Naturalista Via Mandolossa, 20-25064 Gussago (BS) tel. 347 2451447 mail andrea.pagliari@gmail.com tel. 335 5860896 mail massimilianoperazzoli@yahoo.it SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 ANALISI

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA

PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA PRESENTAZIONE INTERVENTO PARCO COMMERCIALE AREA EX-SMA 1 Realizzazione Parco Commerciale Osimo (AN) STRADA CLUENTINA 57/A 62100 MACERATA Indice INTRODUZIONE ALL INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE

COMUNE DI VITTORIA REVISIONE PIANO REGOLATORE GENERALE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ATTUAZIONE . REGIONE SICILIA COMUNE DI VITTORIA Provincia di Ragusa REVISIONE PROGETTO: UFFICIO TECNICO COMUNALE - SETTORE URBANISTICA - ARCH. NUNZIO BARONE (Capogruppo) ARCH. EMILIO GIANSANTI ING. EMANUELE GULINO

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Gli oneri concessori

Gli oneri concessori Laboratorio di di Progettazione Esecutiva dell Architettura 2 Modulo di Estimo Integrazione al costo di produzione: gli oneri concessori Proff. Coll. Renato Da Re Federica Di Piazza Gli oneri concessori

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A.

AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. AGGIORNAMENTO DELLE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL S.U.A. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE P.R.G. VIGENTE In base alla tavola di Zonizzazione del P.R.G. vigente l area oggetto dell intervento è normata come

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA DGR n 896 del 24/06/2003 Pubblicata sul Bur n 62 del 11/07/2003 2 OGGETTO: Legge n.447/1995 Legge quadro sull inquinamento acustico e legge regionale 14 novembre 2001, n.28 Norme per

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb.

Gruppo di lavoro. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013. PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Adottato con D.C.C. n. 16 del 23/04/2013 Approvato in Conferenza di Servizi del 01/10/2014 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urb. Raffaele Gerometta Urb. Daniele Rallo Urb. Valeria Polizzi CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta

Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE. Relatore: Michele Carta Carta dei tipi forestali della Regione Lombardia LA BANCA DATI FORESTALE Relatore: Michele Carta LA BANCA DATI Insieme di cartografie e dati descrittivi, gestite tramite GIS, di supporto alla modellizzazione

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA

GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA GLI SPAZI APERTI SPAZI APERTI E PROGETTI DI AREA VASTA 0147 Gli Spazi Aperti Spazi aperti e progetti di area vasta Spazi aperti e progetti di area vasta Gli spazi aperti sono qui identificati con quelle

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

2001 - Aggiornamento CI0703ur15 VOCE I 7.3 LRG/XV,1. ASSETTO ISTITUZIONALE ENTI LOCALI L.R. 29 giugno 1998, n. 10

2001 - Aggiornamento CI0703ur15 VOCE I 7.3 LRG/XV,1. ASSETTO ISTITUZIONALE ENTI LOCALI L.R. 29 giugno 1998, n. 10 LEGGE REGIONALE 29 giugno 1998, n. 10 «Disposizioni per la valorizzazione, lo sviluppo e la tutela del territorio montano in attuazione della legge 97/1994». (B.U. 29 giugno 1998, n. 26, 1º suppl. ord.)

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007

il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 il fiorire del S E C C H I A progetto di integrazione socio-spaziale Corte Ospitale Rubiera 25 maggio 2007 Fiorire del Secchia La costruzione di un Parco Aperto Obbiettivi: Salvaguardare l ambientale;

Dettagli