Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese"

Transcript

1 j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano su commessa

2

3 Indice Indice Premessa 1. Il processo di pianificazione e controllo nelle piccole e medie imprese 1.1 Alcune considerazioni in tema di piccole e medie imprese 1.2 Il concetto di strategia 1.3 La progettazione organizzativa 1.4 Il processo di formulazione della strategia, pianificazione e controllo di gestione (SP&C) 1.5 Gli strumenti di supporto per la formulazione della strategia e per la pianificazione strategica 1.6 Un cenno al Business Plan quale strumento di pianificazione 1.7 Dalla pianificazione strategica al controllo di gestione 1.8 Il controllo di gestione nelle PMI 1.9 Problematiche nelle PMI in caso di adozione di un sistema di controllo di gestione sistematico 1.10 Alcuni casi aziendali Il caso Ristorazione Il caso Yacht 2. La contabilità analitica 2.1 Premessa 2.2 La classificazione dei costi 2.3 I principali strumenti della contabilità analitica 2.4 Il caso Coop Presentazione dell azienda Analisi delle principali problematiche emerse Individuazione di centri di costo all interno di Coop 3. L iter di costruzione del budget 3.1 Premessa 3.2 Introduzione al budget 3.3 Il budget commerciale Il piano delle vendite I costi commerciali 3.4 Il budget dei costi della produzione 3.5 Il budget delle altre aree 3.6 Il budget economico 3.7 Il budget finanziario 4. Il reporting 4.1 Il controllo a preventivo, il controllo in itinere e il controllo a consuntivo 4.2 Il reporting 4.3 La Variance Analysis Gli scostamenti dei ricavi VII Cesi Multimedia V

4 Indice Gli scostamenti dei costi variabili Gli scostamenti dei costi fissi 5. Il controllo di gestione nelle PMI che operano su commessa 5.1 Peculiarità del controllo di gestione delle aziende che operano su commessa 5.2 La costruzione del budget nelle aziende che operano su commessa 5.3 Il caso Elettrico Presentazione dell azienda Problemi gestionali e strumenti di controllo Bibliografia VI Cesi Multimedia

5 3. L iter di costruzione del budget 3.1 Premessa L azienda è un sistema complesso in continua evoluzione e va gestita in modo efficace ed efficiente anche se spesso nelle imprese di piccola dimensione l imprenditore tende a basarsi sulle proprie capacità personali per la gestione. Chiaramente arrivati ad un certo grado di crescita e di complessità è utile ed auspicabile ricorrere a validi strumenti direzionali a supporto della gestione al fine di intraprendere tempestivamente azioni correttive. Nel momento in cui l imprenditore o il management formalizzano attraverso strumenti e procedure le attività di pianificazione e controllo allora si può affermare che finalmente si è giunti a implementare un sistema di controllo di gestione. Il controllo di gestione è una necessità per un impresa che vuole crescere bene; l imprenditore non può amministrare la propria azienda appuntando qua e là i suoi obiettivi, come spesso accade nelle piccole e medie realtà, ma ha bisogno di validi strumenti, altrimenti l efficacia e la continuità di realizzazione del proprio modello di business ne possono risentire. Il compito principale del controllo di gestione è quello di identificare indicatori atti a misurare il raggiungimento degli obiettivi strategici e tradurre tali obiettivi in piani operativi, mentre è compito della pianificazione individuare obiettivi chiari e precisi per implementare la strategia designata. Il sistema di controllo di gestione è composto da tre elementi 1 : la struttura organizzativa, quella tecnico-contabile e la modalità di svolgimento del processo, i quali vengono condizionati da variabili come i fattori organizzativi (struttura organizzativa di base, meccanismi di premio-punizione), i fattori umani (capacità, conoscenze, motivazioni, valori) e i fattori sociali. Il sistema di controllo, proprio perché influenzato da fattori organizzativi, umani e sociali che caratterizzano in modo specifico ogni singola impresa, deve essere progettato dopo aver svolto un attento studio delle caratteristiche dell ambiente organizzativo in cui viene impiantato. Lo strumento tecnico-contabile più significativo, utilizzato nel processo di controllo di gestione, è il budget che ha proprio il compito di esplicitare come raggiungere operativamente gli obiettivi prefissati e nei paragrafi seguenti verrà illustrato il procedimento di costruzione di tale documento sia dal punto di vista teorico che pratico BRUNETTI G., Il controllo di gestione in condizioni ambientali perturbate, Milano, Franco Angeli, Cesi Multimedia 53

6 Nelle PMI l introduzione del budget, anche se la fase iniziale risulta difficoltosa, ha notevoli influenze positive, in quanto, oltre a chiarire e a testare economicamente le intenzioni strategiche dell imprenditore, consente anche di risolvere certi conflitti interni, il più noto dei quali è quello tra il responsabile commerciale e il responsabile di produzione, aumentando così il grado di integrazione delle diverse aree funzionali, anche se in tali aziende il controllo potrebbe essere pregiudicato, dato che diverse funzioni sono ricoperte dalle medesime persone, in particolare dall imprenditore stesso. In tali realtà gli obiettivi da raggiungere possono essere dettati direttamente dall alto o discussi con i responsabili, anche se sarebbe auspicabile un approccio più partecipativo nella costruzione del budget, in modo che l imprenditore e i diversi responsabili di area, che hanno le adeguate conoscenze tecniche, si confrontino e definiscano obiettivi realistici, basandosi su dati corretti più che precisi. Il rischio che si può correre utilizzando tale modalità è che i responsabili di funzione, almeno inizialmente, quantifichino e accettino obiettivi piuttosto conservativi e facili da raggiungere, soprattutto se è presente anche un sistema di incentivi. Una volta definiti gli obiettivi e giunti alla prima stesura del budget occorre verificare almeno bimestralmente/trimestralmente il raggiungimento degli stessi, anche se nelle PMI tale verifica viene trascurata per seguire e risolvere le questioni del quotidiano. 3.2 Introduzione al budget Come già anticipato, il processo di controllo di gestione si estrinseca nel budget, che ha il compito di evidenziare l impatto economico-finanziario dei programmi d azione previsti per attuare la strategia così come definita dalla direzione, facendone emergere la fattibilità economica e finanziaria. Il budget globale d azienda contiene essenzialmente tre documenti: il budget economico; il budget finanziario; il budget patrimoniale. Il budget economico deriva dal consolidamento dei budget settoriali dei ricavi e dei costi programmati per il successivo esercizio e mette in evidenza la redditività della gestione complessiva. Il budget finanziario è lo strumento che consente la verifica della fattibilità dei programmi operativi sotto il profilo finanziario, mentre il budget patrimoniale mette in evidenza l entità e la composizione del capitale netto d impresa ad una certa data (Brusa, 2000). Inoltre il budget globale assolve a pieno il suo compito se usato come strumento di guida e responsabilizzazione dei manager. Spesso però, nelle piccole e medie imprese, tale documento non viene utilizzato correttamente. Infatti spesso viene utilizzato come una semplice previsione, trasforman- 54 Cesi Multimedia

7 dosi in un mero conto economico previsionale, perdendo così la sua principale caratteristica gestionale di guida e responsabilizzazione dei manager. In questo modo il budget diventa un documento che rischia di subire l influenza dall esterno anziché divenire uno strumento per dominare e influenzare le diverse situazioni ambientali che l impresa dovrà affrontare. Scrive a tal proposito Bubbio: «Il budget non è una previsione di andamento economico-finanziario della gestione, ma è l insieme dei programmi d azione riflettente, anche sotto l aspetto economico-finanziario, l intera gestione con riferimento ad un predeterminato periodo di tempo futuro» 2. Conseguentemente il budget d esercizio deve contenere quantitativamente i piani d azione, espressi attraverso adeguati supporti informativi, che generalmente nelle piccole e medie imprese non sono adottati e dove di frequente il piano d azione non è chiaramente esplicitato, ma è nella testa dell imprenditore. Infatti, un altro aspetto importante quando si progetta un sistema di controllo di gestione è capire come raccogliere, analizzare e rappresentare i dati rilevanti per il controllo della gestione e stabilire a chi sono destinate tali informazioni, se al solo imprenditore oppure anche ai suoi collaboratori al fine di coinvolgerli nell attività di gestione dell impresa. Per progettare un buon sistema di controllo di gestione occorre anche dotarsi di un adeguato sistema informativo al fine di poter elaborare tutte le informazioni di cui necessita. Tale sistema deve saper rispettare alcune condizioni di base per poter favorire l attività di controllo come la flessibilità, ovvero la capacità di saper produrre informazioni in linea con i cambiamenti dell ambiente in cui l azienda opera, una sufficiente autonomia in modo da non dover dipendere da terzi per eventuali adeguamenti e un costo adeguato alle dimensioni aziendali. Generalmente le aziende sono dotate almeno di due strumenti per la rilevazione: il sistema di contabilità generale e il sistema di contabilità analitica, anche se talvolta scarsamente integrati. Il sistema di contabilità generale serve per determinare il reddito di esercizio ed il correlato capitale di funzionamento, mentre il sistema di contabilità analitica elabora i costi e i ricavi provenienti dalla contabilità generale, al fine di svolgere analisi utili alla risoluzione di problematiche gestionali. Spesso nelle imprese di piccola dimensione il sistema di contabilità analitica non è fortemente sviluppato, ma assume una certa rilevanza quando incominciano a presentarsi problemi gestionali di rilievo, quali scarsa redditività di prodotti o linee di prodotto, mancanza di liquidità, ecc. Nelle imprese di piccola e media dimensione emerge chiaramente come il principale ostacolo all utilizzo del budget sia legato al fatto che, spesso, esse non dispongono di esplicite linee d azione e adeguati supporti informativi con cui quantificare le scelte ef BUBBIO A. (1991), Il budget nel governo d impresa, Milano, Pirola. Cesi Multimedia 55

8 fettuate a causa dell elevato grado di accentramento direttivo e della carenza di cultura manageriale che spesso caratterizza queste imprese. Conseguentemente la costruzione del budget potrà risultare difficoltosa, poiché mancano competenze e supporti per valutare l impatto dei programmi previsti sulla dimensione economica, patrimoniale e finanziaria. È chiaro a questo punto che lo sviluppo di uno strumento come il budget d esercizio è tanto più supportato se si verificano tre condizioni di base: l effettiva volontà di coordinare con efficienza ed efficacia la gestione; l esistenza di idonei supporti informativi al fine di quantificare le scelte intraprese; la presenza di risorse umane in grado di leggere e interpretare i dati gestionali e, conseguentemente, con una adeguata cultura manageriale. In un impresa di piccola dimensione, dunque, la costruzione del budget d esercizio richiede molteplici interventi, per garantire coerenza tra le varie componenti del sistema di controllo. Infine, per quanto attiene l iter di formazione del budget, le principali fasi che si possono individuare sono le seguenti: traduzione degli obiettivi del piano strategico in obiettivi generali di budget; traduzione degli obiettivi generali di budget nel budget commerciale, nel budget dei costi di produzione e nel budget delle altre aree; in base ai budget operativi sopra evidenziati, formulazione del budget degli investimenti. Nei paragrafi che seguono vengono esaminati i principali documenti che compongono il budget globale d azienda e che sono anche quelli maggiormente utilizzati nelle PMI, quali: budget commerciale, con particolare attenzione al piano delle vendite e al budget dei costi commerciali; budget dei costi della produzione; budget delle altre aree; budget economico; budget finanziario. 3.3 Il budget commerciale Il budget commerciale costituisce il punto di partenza per la programmazione aziendale, attraverso il quale vengono tradotti in termini economici gli obiettivi di vendita dell azienda. Tale budget contiene il programma delle vendite, i relativi ricavi e tutti i costi aventi natura commerciale. Per quanto riguarda la forma ogni azienda sceglierà quella più opportuna per rappresentare al meglio il proprio business e quindi raggrupperà le informazioni per tipologie di prodotti piuttosto che per centri di responsabilità oppure ancora per tipologia di clientela. 56 Cesi Multimedia

9 3.3.1 Il piano delle vendite Il piano delle vendite e il relativo budget dei ricavi contiene le quantità da vendere e il fatturato da realizzare nell esercizio considerato. Tale documento impone un momento importante di riflessione in quanto vengono effettuate scelte che condizioneranno la gestione futura quali: il mix dei prodotti venduti; la quantità che si reputa assorbibile dal mercato; la politica dei prezzi; la capacità produttiva dell impresa. Per quanto concerne le modalità di previsione della domanda i metodi che vengono utilizzati nelle PMI sono piuttosto semplici, spesso basati sulle conoscenze e l intuito dell imprenditore e su dati storici. Qui di seguito viene riportato un esempio di piano delle vendite con i relativi ricavi di una media impresa che effettua la commercializzazione di macchine per movimento terra. Tale caso aziendale verrà riproposto anche nella costruzione dei successivi budget affinché costituisca un valido supporto al processo di budgeting. Le quantità degli impianti da vendere sono state stimate in base ai dati storici e tenendo conto delle previsioni di mercato, che non presentano segnali di crescita particolari. La previsione dei modelli venduti, tenuto conto degli obiettivi aziendali, è stata proiettata sull esercizio considerato. Tabella n. 1 - Il piano delle vendite BUDGET QUANTITÀ VENDUTE ALFA S.P.A. Modello Quantità Macchinario A 160 Macchinario B 70 Macchinario C 80 Macchinario D 200 Macchinario E 10 Macchinario F 14 Macchinario G 10 Macchinario H 20 Macchinario I 60 Macchinario L 3 Macchinario M 3 Totale 630 Fonte: elaborazione propria su dati aziendali. Sulla base delle quantità di vendita previste è stato possibile elaborare il budget dei ricavi. Prima di entrare nell ambito dei dati economici è d obbligo precisare che i ricavi per chi effettua la rivendita, in questo caso di macchinari per movimento terra, sono dati non Cesi Multimedia 57

10 solo dalla vendita del macchinario in sé, ma anche dai premi per la quantità venduta a raggiungimento del budget da parte della casa madre. Tabella n. 2 - Il budget dei ricavi Modello Quantità Prezzo di vendita Fatturato da cessione macchinari Fatturato da premi 3% Fatturato da premi 2% Fatturato annuo totale Macchinario A Macchinario B Macchinario C Macchinario D Macchinario E Macchinario F Macchinario G Macchinario H Macchinario I Macchinario L Macchinario M Totale Dati espressi in euro Fonte: elaborazione propria su dati aziendali I costi commerciali A completamento del budget commerciale, dopo aver predisposto il piano delle vendite ed elaborato il budget dei ricavi, occorre sviluppare il budget dei costi commerciali, ovvero il budget di quei costi necessari per poter vendere il prodotto, riflettendo gli obiettivi assegnati in sede di pianificazione e che quindi dovranno tener conto: delle modalità di consegna e di distribuzione del prodotto; delle tempistiche di consegna del prodotto, anche considerando l eventuale deperibilità del bene; delle politiche di assistenza al cliente; delle attività promozionali e di pubblicità al fine di stimolare la vendita. Nel programmare i costi commerciali si deve tener presente che alcuni costi variano con i volumi di vendita programmati, mentre altri ne sono indipendenti e dipendono da scelte discrezionali fatte dal management ogni anno. I costi considerati come diretta conseguenza dei programmi di vendita solitamente sono le provvigioni, le spese di trasporto e gli imballi, mentre costi come le spese di pubblicità, le spese promozionali, le spese per assistenza dei clienti vengono decise in modo discrezionale, naturalmente tenendo conto della struttura aziendale. 58 Cesi Multimedia

11 Tabella n. 3 - Budget dei costi commerciali Fonte: elaborazione propria su dati aziendali. Cesi Multimedia 59

12 Consolidando in un unico documento il budget dei ricavi e il budget dei costi commerciali si ottiene il budget commerciale, riferito all area commerciale. L articolazione, come già precisato, dovrà tener conto delle esigenze aziendali. L azienda esaminata, che attualmente opera nel Nord-Ovest dell Italia (principalmente Piemonte, Liguria e Valle d Aosta), ha strutturato il conto economico per prodotti, come riportato nella tabella che segue, anche se, essendo cresciuto il mercato di riferimento, sarebbe opportuno anche conoscere e approfondire la variabile geografica. 60 Cesi Multimedia

13 Tabella n. 4 - Budget commerciale Fonte: elaborazione propria su dati aziendali. Cesi Multimedia 61

14 3.4 Il budget dei costi della produzione Dopo aver formulato il budget commerciale e conseguentemente dopo aver definito il piano delle vendite occorre programmare la produzione e i relativi costi industriali. L area interessata è quella di produzione che in tale documento esprime i propri obiettivi e, più in generale, vengono esplicitati obiettivi legati: all efficienza produttiva e di contenimento dei costi; all efficacia produttiva in termini di qualità del prodotto; all efficacia produttiva in termini di rispetto della quantità da produrre; allo sfruttamento della capacità produttiva; alla politica delle scorte. Per quanto attiene l iter di costruzione di tale budget il passaggio fondamentale consiste nella formulazione del volume di produzione programmato. La differenza sostanziale tra il piano delle quantità da vendere e il piano delle quantità da produrre consiste nella politica delle scorte come qui di seguito evidenziato: Volume di vendita programmato + Rimanenze finali di prodotti programmate - Rimanenze iniziali di prodotti programmate Volume di produzione programmato Determinato il volume di produzione programmato occorre definire i costi variabili rispetto al volume di produzione e i costi di produzione, definiti, secondo le modalità di programmazione, discrezionali e vincolati. I principali costi industriali possono essere così individuati: materiali diretti; mano d opera diretta; costi generali industriali o di fabbricazione, come materiali di consumo, energia elettrica, manodopera indiretta (Brusa, 2000). I cosiddetti costi standard, che variano in base al volume, sono rappresentati principalmente dai materiali e dalla manodopera diretta. Per tali costi è possibile individuare uno standard fisico e uno standard monetario per definire il costo variabile unitario 3. Costo variabile unitario = standard fisico (ad esempio kg di materia o ore di manodopera diretta) x standard monetario (ad esempio euro al kg o euro all ora) Si precisa che gli standard consentono un calcolo abbastanza preciso e rapido, ma devono essere sottoposti a revisione almeno annualmente o in caso di particolari variazioni sia del prezzo di mercato che di risorsa impiegata. 62 Cesi Multimedia

15 I costi generali industriali sono costituiti principalmente da costi fissi e, quindi, in una qualche misura slegati rispetto al volume di produzione, come gli ammortamenti industriali, le spese di manutenzione, gli affitti industriali, ecc. Esistono poi i cosiddetti costi misti, come l energia elettrica, contenenti quindi una componente fissa e una componente variabile. Tali costi, in particolare le spese generali industriali, derivano da scelte strutturali e di capacità produttiva, conseguentemente risultano vincolanti e difficilmente modificabili in sede di budget. Un ulteriore problematica da considerare, a completamento del budget dei costi della produzione, è riferibile al budget degli acquisti o degli approvvigionamenti. Il budget degli acquisti viene così calcolato: Budget acquisti = quantità da acquistare x prezzo standard dove la quantità da acquistare dipende dalle rimanenze attese e viene così determinata: Consumi programmati + Rimanenze finali programmate - Rimanenze iniziali programmate Quantità da acquistare Per quanto riguarda il caso pratico analizzato, trattandosi di una media impresa commerciale, va precisato che l attività di produzione è costituita principalmente dall acquisto delle macchine e dalla loro preparazione per la vendita. Per quanto attiene la politica delle scorte, il magazzino viene gestito con la tecnica del just in time, in quanto sono macchinari con un certo costo e che quindi costituirebbero un forte investimento per l azienda. Infatti negli anni l azienda, per ragioni di convenienza, ha ridotto a zero il parco macchine a magazzino. Nelle tabelle che seguono vengono riportati il budget degli acquisti e il budget dei costi della produzione. Cesi Multimedia 63

16 Tabella n. 5 - Budget degli acquisti Tabella n. 6 - Budget dei costi della produzione Fonte: elaborazione propria su dati aziendali. Fonte: elaborazione propria su dati aziendali. 64 Cesi Multimedia

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Strumenti per l analisi della redditività a preventivo: il budget d esercizio

Strumenti per l analisi della redditività a preventivo: il budget d esercizio 5 Strumenti per l analisi della redditività a preventivo: il budget d esercizio 147 5.1 Caratteristiche e funzioni del budget Come anticipato nel primo capitolo, attraverso il processo di pianificazione

Dettagli

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite

Il budget. Prof. Salvatore Loprevite Il budget 1 Il Budget Il budget è un programma di gestione aziendale, tradotto in termini economico-finanziari, che guida e responsabilizza i manager verso obiettivi di , definiti nell

Dettagli

CAPITOLO SECONDO IL CONTROLLO DI GESTIONE 1. NOZIONE

CAPITOLO SECONDO IL CONTROLLO DI GESTIONE 1. NOZIONE CAPITOLO SECONDO IL CONTROLLO DI GESTIONE Sommario: 1. Nozione. 2. L approccio sistemico al controllo di gestione. - 3. Gli strumenti contabili del controllo di gestione (nozioni e rinvio). - 4. I sistemi

Dettagli

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI

COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI COME COSTRUIRE REPORT COMMERCIALI ESSENZIALI ******* Formazione Unindustria Treviso 29 Novembre 2004 Indice Brevi richiami all attività direzionale e al budget...2 L Attività Direzionale... 2 Il Budget...

Dettagli

Controllo di gestione budget settoriali budget economico

Controllo di gestione budget settoriali budget economico Controllo di gestione budget settoriali budget economico TEMA Pianificazione, programmazione e controllo di gestione costituiscono le tre fasi del processo globale attraverso il quale l impresa realizza

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie

Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Master EMSS VIII edizione Lugo, 15 Aprile 2010 Il processo di Budgeting nelle aziende sanitarie Prof.ssa Monia Castellini Monia Castellini Università di Ferrara 1 Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale

Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale Gli Elementi fondamentali della Gestione Aziendale n La Pianificazione n L Organizzazione n Il Coinvolgimento del Personale n Il Controllo Componenti del Sistema di Pianificazione n Valutazioni interne

Dettagli

Classificazione dei costi e break even analisys

Classificazione dei costi e break even analisys Classificazione dei costi e break even analisys Il sistema informativo direzionale complessità globalizzazione competitività Informazioni sempre più ampie e razionali IMPRESA Il sistema informativo direzionale

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

La contabilità gestionale: full costing e direct costing

La contabilità gestionale: full costing e direct costing La contabilità gestionale: full costing e direct costing Impostazione tradizionale: la contabilità gestionale a costi diretti A seconda del metodo con cui si calcola il costo di un oggetto, ossia del tipo

Dettagli

Il processo di Controllo di Gestione. Lezione n 16 24 Maggio 2013 Alberto Balducci

Il processo di Controllo di Gestione. Lezione n 16 24 Maggio 2013 Alberto Balducci Il processo di Controllo di Gestione Lezione n 16 24 Maggio 2013 Alberto Balducci Il Controllo di Gestione è uno strumento guida della gestione aziendale verso il raggiungimento degli obiettivi prefissati

Dettagli

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili 1. Le caratteristiche organizzative e gestionali delle imprese industriali 1) Definizione e classificazione delle imprese

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Quando si opera in un mercato

Quando si opera in un mercato Controllo ALLA RICERCA DELL EFFICIENZA: UN SISTEMA INTEGRATO DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Quando si opera in un mercato competitivo, attraverso un organizzazione complessa, è fondamentale disporre di

Dettagli

Il CONTROLLO DI GESTIONE

Il CONTROLLO DI GESTIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA A.A. 2010 2011 GESTIONE AZIENDALE 2 10.12.2010 Il CONTROLLO DI GESTIONE ESPERIENZE D D AZIENDA Relatore: Dr. Fabrizio Pascucci fabriziopascucci@yahoo.it La Funzione

Dettagli

1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ

1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ 1. IL CONTROLLO DI GESTIONE: TECNICHE E FINALITÀ Il controllo di gestione: tecniche e finalità 1. Premessa 1.1. 1.1. PREMESSA I sistemi di programmazione e controllo iniziarono a svilupparsi nel diciannovesimo

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

Business Plan. Sommario. Introduzione

Business Plan. Sommario. Introduzione Business Plan Sommario 1. Introduzione 2. Definizione di Business Plan (BP) cos è? 3. Le esigenze che spingono alla redazione del BP perchè? 4. 5. Dall idea all idea di business 6. Requisiti del BP 7.

Dettagli

PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO

PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO PIANIFICAZIONE, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO Indice PIANO STRATEGICO PROGRAMMAZIONE LA PIANIFICAZIONE AZIENDALE ACTION PLAN PIANO AZIENDALE IL BUSINESS PLAN FUNZIONI DEL BUSINESS PLAN DESTINATARI DEL BUSINESS

Dettagli

La pianificazione strategica

La pianificazione strategica Esempio budget 1 Obiettivi 1. Capire cosa si intende per pianificazione strategica e in quale contesto si inserisce il processo di formazione del budget 2. Capire perché le aziende preparano il budget

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

Performance management assesment per PMI

Performance management assesment per PMI PMI assesment Performance management assesment per PMI Il performance management assesment è un processo di valutazione della gestione aziendale integrato, che coniuga una analisi della strategia e della

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

studio della gestione

studio della gestione studio della gestione individuazione ed analisi delle cause che agiscono sulla economicità aziendale l economicità aziendale può essere scomposta: - in un livello di efficienza interna (Q/f) e in un livello

Dettagli

Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A.

Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A. Costo orario industriale in una PMI: l esperienza di CMG S.p.A. di Andrea Panizza (*) Una corretta quantificazione del costo di prodotto rappresenta uno dei più importanti fattori di successo dell impresa.

Dettagli

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna

LA CONTABILITA INTERNA. La contabilità interna LA CONTABILITA INTERNA 1 LA CONTABILITA ANALITICA La gestione dei costi aziendali richiede informazioni più dettagliate rispetto a quelle offerte dalla contabilità esterna: è, infatti, necessario individuare

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE SISTEMI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Dott. Ing. Matteo Moi Dott. Ing. Matteo Moi 1 ARGOMENTI CONTENUTI Introduzione ai sistemi di controllo di gestione La Pianificazione strategica Il Bilancio

Dettagli

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan

CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO. 4.1 Introduzione. 4.2. Struttura del business plan CAP. 4. IL BUSINESS PLAN: UNO STRUMENTO GESTIONALE A SUPPORTO DELL ATTIVITA ESTRATTIVA 4.1 Introduzione Il business plan è lo strumento alla base di ogni processo di pianificazione sistematico ed efficace.

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING

Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Basilea 2: Vincere insieme la sfida del RATING Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi più industrializzati. Il Comitato non legifera, formula

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti.

executive master www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. executive master COURSE www.cspmi.it General Management Modena, aprile - dicembre 2014 Sempre un passo avanti. EXECUTIVE MASTER COURSE General Management PREMESSA Le figure al timone di un azienda hanno

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Contabilità generale e contabilità direzionale. Definizioni e distinzioni

Contabilità generale e contabilità direzionale. Definizioni e distinzioni Contabilità generale e contabilità direzionale Definizioni e distinzioni L attività di direzione aziendale Obiettivi strategici Organizzazione aziendale ATTIVITA DI DI DIREZIONE AMBIENTE STRATEGIA SCELTE

Dettagli

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte II LA STRUTTURA DEL SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE definizione di una struttura organizzativa costruzione della struttura tecnico contabile attivazione del

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale Mario Fochi e Associati S.a.s. PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Assistenza continuativa: Informativa economica finanziaria Informativa statistico gestionale Presentazione del servizio Sede: TORINO Via Pietro

Dettagli

CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI DI INGEGNERIA

CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI DI INGEGNERIA CONTROLLO DI GESTIONE E ANALISI DEI COSTI PER STUDI DI INGEGNERIA Studio Candussi & Partners ottobre novembre 2007 ovvero METODI PER LA DETERMINAZIONE DELLE PARCELLE DOPO LA LIBERALIZZAZIONE BERSANI Studio

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali

Il reporting per la misurazione delle performance aziendali Programmazione e controllo Capitolo 12 Il reporting per la misurazione delle performance aziendali a cura di A. Pistoni e L. Songini 1. Obiettivi di apprendimento 1. Apprendere i criteri di progettazione

Dettagli

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse

Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Mexal Controllo di Gestione e Gestione Commesse Controllo di Gestione e Gestione Commesse TARGET DEL MODULO Il modulo Controllo di Gestione e Gestione Commesse di Passepartout Mexal è stato progettato

Dettagli

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN: COSA OCCORRE SAPERE INDICAZIONI PER LA REDAZIONE DI UN BUSINESS PLAN Cos è il BUSINESS PLAN? E un documento volto a rappresentare in ottica prospettica il progetto di sviluppo imprenditoriale

Dettagli

l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse contabilità dei costi contabilità industriale contabilità analitica economico-quantitative

l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse contabilità dei costi contabilità industriale contabilità analitica economico-quantitative Analisi dei Costi La gestione implica l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse, e dunque, costose. L analisi dei costi, è un momento fondamentale del sistema del controllo di gestione con l'espressione

Dettagli

Intraprendendo. www.intraprendendo.com

Intraprendendo. www.intraprendendo.com Business Plan la guida Intraprendendo 2012 Noi di Intraprendendo crediamo che lo sviluppo dell economia non sia altro che la somma della crescita nostra e delle nostre aziende e che fare impresa e farla

Dettagli

I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli.

I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli. I lettori che desiderano informarsi sui libri e le riviste da noi pubblicati possono consultare il nostro sito Internet: www.francoangeli.it e iscriversi nella home page al servizio Informatemi per ricevere

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014.

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PROGETTO D IMPRESA - Concorso Il miglior progetto d impresa - 2^ edizione 2013/2014. PREMESSA Per partecipare al concorso è necessario compilare il modulo Progetto d impresa

Dettagli

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento

Business Plan. Accesso alle fonti di finanzamento Il business plan Definizione Il Business Plan, o piano economico-finanziario, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono

Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORTING INTERNO: PREMESSE Esistono differenti tipologie di report aziendali, a seconda della funzione per cui sono redatti e dei soggetti a cui si rivolgono REPORT ISTITUZIONALI REPORT OPERATIVI REPORT

Dettagli

Elaborazione di una scheda di budget

Elaborazione di una scheda di budget LAUREA MAGISTRALE PREVENZIONE A.A 2005-2006 Elaborazione di una scheda di budget Maria Patrizia Becheroni Università degli Studi di Firenze Facoltà di Medicina e chirurgia Dipartimento di sanità Pubblica

Dettagli

BUDGET FINANZA E CONTROLLO

BUDGET FINANZA E CONTROLLO CONTROLLO DI GESTIONE AVANZATO IL BILANCIO: APPROFONDIMENTI E STRUMENTI PRATICI PER NON SPECIALISTI IL CREDITO COMMERCIALE: GESTIONE, SOLLECITO, RECUPERO COME AVVIARE LA CONTABILITÀ INDUSTRIALE CALCOLARE

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI

Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Anno scolastico 2013/2014 Programma di Economia Aziendale Classe: 5^ F Mercurio Insegnante: Lino Bartolini Modulo A : ASPETTI STRUTTURALI, GESTIONALI E CONTABILI DELLE IMPRESE INDUSTRIALI Le caratteristiche

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING

Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Basilea 2: Assistenza per il Credito e la Finanza. Vincere la sfida del RATING Il Comitato di Basilea Il Comitato di Basilea viene istituito nel 1974 dai Governatori delle Banche Centrali dei 10 paesi

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

Economia Aziendale. L analisi dei costi

Economia Aziendale. L analisi dei costi Economia Aziendale L analisi dei costi Roma, 03 novembre 2014 Dott.ssa Sabrina Ricco 1 Tematiche La contabilità generale e la contabilità analitica I costi aziendali: i costi fissi e i costi variabili

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Università degli Studi di Messina Facoltà di Ingegneria AA 2005/2006 Lezione n. 6 Prof. S. Loprevite Il sistema informativo aziendale 1 Sistema informativo Controllo di gestione Per attuare il controllo

Dettagli

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista

Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Derivati e rischi finanziari: implicazioni per la professione del dottore commercialista Convegno ODC Milano Milano 26 gennaio 2006 Intervento di Emanuele Facile e.facile@fin-innovations.com 1 Gli auspici

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il Business Plan è il principale strumento per valutare la convenienza economica e la fattibilità di un nuovo progetto di impresa. Documento indispensabile per accedere

Dettagli

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA

A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2014/2015 CLASSE 5 F SIA DISCIPLINA Economia Aziendale DOCENTE Rezzonico Isabella MODULO E/O UNITA DIDATTICA CONTABILITÀ GENERALE BILANCI AZIENDALI E REVISIONE LEGALE DEI CONTI CONTENUTI

Dettagli

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni

IL BUSINESS PLAN. Il Business Plan - definizioni IL BUSINESS PLAN Il Business Plan definizioni Il business plan, o piano di impresa, riassume i contenuti, le caratteristiche e le aspettative future di un iniziativa, di un progetto o di un attività Può

Dettagli

Introduzione Azienda ed organizzazione

Introduzione Azienda ed organizzazione Introduzione Azienda ed organizzazione 1 L AZIENDA E IL SUO AMBIENTE AZIENDA: sistema aperto che instaura rapporti di input e output con l ambiente esterno, sociale e naturale Condizioni fondamentali per

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Prima Puntata www.studiobarale.it Parte 1 di 6 Obiettivi spiegare le diverse metodologie di calcolo dei costi di prodotto, mostrandone logiche

Dettagli

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa

Piano Industriale. Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti. Guida Operativa Piano Industriale Logiche di costruzione e strutturazione dei contenuti Guida Operativa Indice 1. Premessa 2. Le componenti del Piano Industriale 3. La strategia realizzata 4. Le intenzioni strategiche

Dettagli

Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda. Fabio Tamburini

Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda. Fabio Tamburini Banca - Impresa verso un linguaggio comune Business planning in azienda Fabio Tamburini Premessa Il business plan uno strumento a disposizione dell impresa per la pianificazione finanziaria a supporto

Dettagli

Chi siamo. Curriculum

Chi siamo. Curriculum S t u d i o B o c c a s s i n i - C i o c c a Chi siamo EURO-FINANCE Studio Boccassini-Ciocca è una struttura operativa da oltre un decennio ed è composta da Dottori Commercialisti, Avvocati e Consulenti

Dettagli

INDICE. Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE

INDICE. Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE Introduzione... V Parte Prima LINEE GUIDA FONDAMENTALI SU PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO 1. IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO IN ECONOMIA AZIENDALE 1.1. Il controllo strategico... 4 1.2. Il controllo

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN COS È IL BUSINESS PLAN E QUAL È LA SUA UTILITÀ? Il business plan è un documento scritto che descrive la vostra azienda, i suoi obiettivi e le sue strategie, i

Dettagli

Organizzazione aziendale e controllo di gestione

Organizzazione aziendale e controllo di gestione Organizzazione aziendale e controllo di gestione I nostri servizi: Definizione procedure di pianificazione e controllo Studio e miglioramento lay-out Studio tempi e metodi di lavorazione Ottimizzazione

Dettagli

Il Reporting Direzionale

Il Reporting Direzionale L offerta di consulenza di Professionisti per l Impresa www.piconsulenza.it A cosa serve il controllo individuare i fattori che determinano le performance misurare le performance informare i responsabili

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

Milano, 3 Luglio 2010. A cura di Massimo Solbiati

Milano, 3 Luglio 2010. A cura di Massimo Solbiati L evoluzione dei sistemi di reporting: come costruire un cruscotto aziendale per monitorare l efficacia delle strategie aziendali Milano, 3 Luglio 2010 A cura di Massimo Solbiati 1 Agenda Che cosa significa

Dettagli

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo

TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE. Percorso formativo Corso di specializzazione TECNICO SPECIALIZZATO IN BUDGET E CONTROLLO DI GESTIONE Percorso formativo Moduli propedeutici ELEMENTI DI OFFICE AUTOMATION Foglio elettronico Presentazione multimediale Servizi

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

ESAME DEL PRINCIPIO CONTABILE N. 13 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO - 13 LUGLIO 2005

ESAME DEL PRINCIPIO CONTABILE N. 13 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO - 13 LUGLIO 2005 ESAME DEL PRINCIPIO CONTABILE N. 13 LE RIMANENZE DI MAGAZZINO - 13 LUGLIO 2005 di Lorenzo Gelmini Premessa Il Principio Contabile n. 13 enuncia le regole relative alla rilevazione, valutazione e rappresentazione

Dettagli

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale

Pianificazione. e controllo. Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale Gestire i ricavi per incrementare la redditività aziendale di Massimo Lazzari (*) Molti settori industriali si trovano oggi a dover operare in contesti estremamente competitivi, caratterizzati, da un lato,

Dettagli

Bilancio, Finanza & Budget

Bilancio, Finanza & Budget Bilancio, Finanza & Budget Modulo 1 Analisi di bilancio Guida all analisi e alla interpretazione della struttura economica, finanziaria e patrimoniale d impresa alla luce di Basilea 2 Il corso Attraverso

Dettagli

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,(

*(67,21(,03$77,25*$1,==$7,9,( 3,1,),=,21((21752//2, *(67,21(,0377,25*1,==7,9,( 68//(5,6256(801( 7HVWLPRQLDQ]DGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGD *=DQRQL 0LODQRJLXJQR Struttura del Gruppo Banca Lombarda 6WUXWWXUDGHO*UXSSR%DQFD/RPEDUGDH3LHPRQWHVH

Dettagli

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò.

I titoli di credito. Caratteristiche. Le cambiali, Cambiale tratta e pagherò. Compilazione di tratte e pagherò. Istituto tecnico economico statale Roberto Valturio A.s. 2014/15 Programma consuntivo di Economia aziendale Classe 2^ E Prof. Paolo Fabrizio Correggioli ARGOMENTI I CALCOLI FINANZIARI I rapporti di credito.

Dettagli

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI

Servizi e soluzioni in outsourcing, elaborazione dati, data entry per le PMI Siamo ancora in tempo Questo è l anno in cui lo scenario competitivo nel quale si muovono le PMI italiane è difficile come non mai in passato. L affiancamento di un Partner qualificato qual è implica per

Dettagli

MANAGEMENT. Come fare il controllo di gestione. Guida pratica per imprenditori e dirigenti. Con 5 programmi di gestione scaricabili online

MANAGEMENT. Come fare il controllo di gestione. Guida pratica per imprenditori e dirigenti. Con 5 programmi di gestione scaricabili online Marcello D Onofrio Come fare il controllo di gestione Guida pratica per imprenditori e dirigenti Con 5 programmi di gestione scaricabili online MANAGEMENT FrancoAngeli MANAGEMENT TOOLS Visioni, esperienze,

Dettagli

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE

MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE OFFERTA FORMATIVA Titolo: MASTER SPECIALISTICO IN PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE Padova, Roma e Bologna. Destinatari: Il Master si rivolge a laureati, preferibilmente in discipline economiche,

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

Appunti per il controllo di gestione nelle PMI

Appunti per il controllo di gestione nelle PMI Appunti per il controllo di gestione nelle PMI INDICE INTRODUZIONE... 3 CAPITOLO I ASPETTI TEORICI E METODOLOGICI DEL BUDGET ANNUALE... 4 I.1: IL BUDGET ANNUALE... 4 I.2: OBIETTIVI DEL BUDGET E DELLA PIANIFICAZIONE...

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

! " #! "!$ % &''(% )''* )+), *'' ()

!  #! !$ % &''(% )''* )+), *'' () ! " #! "!$% &''(% )''* )+),*'' () MODALITA DI FREQUENZA Il Master in Agroalimentare verrà attivato ad ANCONA febbraio 013 01 marzo 013 31 maggio 013 14 giugno 013 BOLOGNA 5 gennaio 013 4 maggio 013 PERUGIA

Dettagli

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM

PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM PROGRAMMA DI ECONOMIA AZIENDALE Anno scolastico 2011/12 Classe 5^BM TOMO 1 MODULO 1: LA GESTIONE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI CAPITOLO 1: Le caratteristiche delle imprese industriali 1. Il sistema produttivo

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE

LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE LA REDAZIONE DEL PIANO INDUSTRIALE Bibliografia: Capitolo 6 di Pianificazione Finanziaria Guida al Piano Industriale di Borsa Italiana S.p.a. Piano finanziario e Piano industriale Cap. 4 Obiettivi Piano

Dettagli

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM

di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM RICONOSCERE I CLIENTI PROFITTEVOLI : GLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE di Andrea Papavero Marketing e Vendite >> CRM DEFINIRE IL GRADO DI PROFITTABILITA DEL CLIENTE Avere un'organizzazione orientata al cliente

Dettagli

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN

REALIZZARE UN BUSINESS PLAN Idee e metodologie per la direzione d impresa Ottobre 2003 Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. REALIZZARE UN

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CORCIANO PROVINCIA DI PERUGIA REGOLAMENTO SUL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10 DEL 19 MARZO 2015 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli