Gli argomenti. Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa. di Francesco Estrafallaces

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli argomenti. Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa. di Francesco Estrafallaces"

Transcript

1 Gli argomenti Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa 1 1 di Francesco Estrafallaces La recente fase di recessione economica e la blanda ripresa in atto hanno inevitabilmente reso più complessi i meccanismi di formazione di liquidità e di reperimento di fonti finanziarie, soprattutto da parte delle strutture produttive di piccole e medie dimensioni, ovvero di vasta parte del tessuto d impresa. La contrazione dell offerta di credito bancario ha acuito ulteriormente la situazione, generando, come è noto, una caduta libera degli investimenti e rendendo assai più complicata la gestione corrente a causa di una netta riduzione dei flussi di cassa. Il merito, se così si può dire, della crisi è, tuttavia, di avere definitivamente chiarito alcune debolezze implicite nell impresa minore, sul fronte della gestione finanziaria, ma anche di aver messo in evidenza una capacità reattiva e di adattamento a difficoltà contingenti. Si rimette, così, in discussione l idea - piuttosto consolidata in letteratura, - per cui le performance migliori sono attribuibili alle poche imprese di maggiori dimensioni, mentre le PMI risentono in modo permanente, delle debolezze che si acuiscono nelle fasi più critiche, di cambiamento dei mercati. I dati più recenti a disposizione, mettono in evidenza, ad esempio, come l indice di rischio di insolvenza (Z-score) calcolato dalla Centrale dei bilanci, sia cresciuto maggiormente tra le imprese più grandi, nel 2008, già alle prime avvisaglie della Lo scenario attuale

2 crisi, mentre le strutture di minori dimensioni sembrano avere manifestato, pur in una situazione di difficoltà generalizzata, casi relativamente più contenuti di default nei confronti del sistema bancario. Ciò significa, in sostanza, che le analisi relative alla gestione finanziaria, ai rapporti con il sistema del credito ed alla capacità di investimento dovrebbero tenere conto di fenomeni complessi, non facilmente visibili e che non sempre evidenziano il preteso dualismo netto tra grande impresa efficiente e piccola impresa debole. Vale la pena di chiarire, in via preliminare, quale sia il quadro attuale riguardante la distribuzione dei mezzi liquidi, la capacità di risparmio, il fabbisogno finanziario e la capacità di investimento delle imprese, quattro variabili strettamente connesse. Il quadro congiunturale si presenta piuttosto critico, già dalla fine del 2008, con un lieve miglioramento solo a partire dal La disponibilità di mezzi liquidi generati dall attività caratteristica resta, soprattutto per le strutture di piccole dimensioni, piuttosto contenuta a causa, come si vedrà più avanti, del prolungato ridimensionamento del fatturato e di un forte sfasamento temporale tra entrate correnti e uscite, sfasamento generato da ritardi nel recupero dei crediti commerciali. Parallelamente, la fase recessiva dell ultimo anno e mezzo si è sostanziata, come è noto, in una contrazione estremamente accentuata delle spese per investimenti. Nel 2009, tali spese, in termini reali, hanno subito una flessione del 12,1%, con una variazione del -16,6% per i soli macchinari e attrezzature. Si tratta di indicatori sufficienti per capire la complessità del momento e l effetto circolare vizioso che si è innescato. Il clima di sfiducia ha spinto, inizialmente, gran parte delle imprese a contenere o a sospendere le spese per investimenti. La contrazione della concessione del credito e del fatturato ha poi ridimensionato, di fatto, la capacità di formazione di liquidità per spese finalizzate all acquisto di capitale tecnico, 2 2

3 generando una miscela malsana, che ha contribuito a inasprire la situazione recessiva che ha caratterizzato il Paese, in modo evidente, almeno fino al primo trimestre del 2010 e che solo di recente sembra attenuarsi. Vale la pena chiedersi, dunque, quale sia la situazione finanziaria delle imprese, ovvero quale sia sostanzialmente la disponibilità di risorse più o meno liquide su cui il sistema produttivo può contare. Se l ammontare di risorse altamente liquide (moneta, depositi e titoli facilmente smobilizzabili) ha incrementato la propria incidenza sul totale delle attività finanziarie tra il 2005 ed il 2009 (fig. 1), ciò non significa che le imprese dispongano realmente di risorse finanziarie maggiori, rispetto al passato, per affrontare nuovi investimenti e per fronteggiare le difficoltà che la crisi ha portato con sé. 3 3 Fonte: elaborazione su dati Banca d Italia In effetti, ciò che colpisce non è tanto il dato sopra richiamato, quanto la crescita accentuata dell incidenza dei crediti

4 commerciali sul totale delle attività finanziarie, passati dal 26,1% del 2005 a quasi il 35% nel 2009 e che rappresentano un immobilizzazione sostanziale di mezzi liquidi. Il quadro si completa se si tiene conto del fabbisogno finanziario delle imprese, cresciuto consistentemente nel periodo compreso tra il 2006 ed il 2008, ma poi in netta contrazione nel 2009; il che rivela una situazione di disagio e di difficoltà generalizzata (fig. 2). 4 4 Fonte: elaborazione su dati Banca d Italia Scendendo più nel dettaglio, emergono tre fenomeni interessanti che possono probabilmente aiutare a comprendere quale capacità di formazione di mezzi liquidi e quale capacità di investimento e di sviluppo esprimano attualmente le piccole e medie imprese italiane. In particolare: a) la crisi da riduzione della domanda di beni e servizi, con effetti immediati di contrazione del fatturato, si è progressivamente trasformata, già nei primi mesi del 2009, in una crisi di liquidità, determinata dal restringimento dei flussi di cassa; Gestione finanziaria e capacità di investimento ai tempi della crisi Lo scenario attuale

5 b) la capacità di accumulazione di capitale si è ridotta tra il 2008 ed il 2009, determinando a sua volta una caduta libera della spesa per investimenti; c) la capacità di indebitamento delle imprese si è visibilmente ridotta, anche a seguito della contrazione dell offerta di credito soprattutto da parte dei principali gruppi bancari nazionali; ciò è stato evidente sin dalla fine del Per ciò che concerne il primo aspetto, è bene sottolineare che gli effetti della recessione sulla formazione di liquidità corrente sono stati immediati e chiaramente visibili nelle strutture di minori dimensioni più che in quelle medie e grandi; più nelle reti di subfornitura, ad esempio, che nelle strutture con accesso ed un contatto diretto con i mercati finali. Per le strutture di minori dimensioni, la formazione e gestione del capitale circolante netto, già difficoltosa in condizioni normali, ha risentito del doppio effetto dei ritardi dei pagamenti, della difficoltà di recupero dei crediti commerciali e del contenimento del credito concesso dalle banche. La dilatazione progressiva dei tempi di pagamento dei clienti, dovuta ad una situazione di disorientamento generalizzato e di timore di rimanere a corto di risorse finanziarie prontamente disponibili si è rivelato, dunque, uno degli aspetti più critici per tutti i settori produttivi. La crescita più sostenuta della durata media per il pagamento dei crediti commerciali si è registrata tra le aziende industriali con un numero di addetti compreso tra 50 e 199. Le analisi di Banca d Italia, infatti, mettono in evidenza come, dai 99 giorni mediamente necessari per riscuotere il credito commerciale, registrati nel 2008, si sia passati l anno successivo a 104 giorni. Ma anche nelle altre classi dimensionali la dilatazione dei tempi è stata egualmente evidente (fig. 3). Solo, paradossalmente, nelle strutture piccolissime l aggravamento delle condizioni di riscossione appare meno 5 5

6 accentuato, ma bisogna ricordare che proprio queste imprese sono quelle che registrano, in assoluto, tra i tempi più lunghi sia nelle fasi espansive del ciclo economico che in quelle recessive. 6 6 Fonte: elaborazione su dati Banca d Italia Indagine Invind Tra le imprese con un numero di addetti compreso, ad esempio, tra 20 e 49 unità, il tempo medio di riscossione di un credito commerciale si avvicina ai 100 giorni e supera tale livello se si tratta ovviamente di un credito con una Pubblica Amministrazione (i giorni sono, infatti, mediamente 106). La crisi ha ovviamente accentuato i casi di insolvenza o di incaglio: se nel 2008 la quota di credito riscossa in ritardo era pari, tra le imprese industriali, al 24,5%, nel 2009 essa ha raggiunto il 26,3%. Nei servizi, la quota riscossa in ritardo è passata dal 25,4% al 28,5%. Anche in questo caso, le imprese di minori dimensioni sembrano aver dimostrato un ridotto potere contrattuale, in termini di capacità di riscossione: sia le aziende fino a 50 addetti che quelle fino a 200 registrano attualmente le percentuali più elevate di crediti riscossi in ritardo; nel primo caso poco più di un

7 quarto dei crediti sottostà a questa criticità e nel secondo caso si arriva addirittura al 30,3% (fig. 4). 7 7 Fonte: elaborazione su dati Banca d Italia Indagine Invind Dall altro lato, i dati della Centrale dei rischi mettono in evidenza come nel 2009 e presumibilmente anche nel 2010 le imprese che hanno ritardato maggiormente i pagamenti sono quelle industriali, di piccole dimensioni e localizzate nel Mezzogiorno. L effetto più evidente è consistito nella contrazione dei flussi finanziari in entrata (e per molti versi in uscita) delle imprese, dovuti alle dilatazioni dei tempi di pagamento nell intero sistema produttivo, con difficoltà di formazione di flussi di cassa sufficienti a far fronte alla quotidianità e con scompensi finanziari notevoli. Nonostante il forte calo degli investimenti negli ultimi tre anni, la capacità delle imprese di sostenere la spesa utilizzando risorse proprie è rimasta molto contenuta ed è stato anche più contenuta nel 2009, rispetto agli anni precedenti, non solo la capacità di accrescere il valore delle attività finanziarie (liquidità disponibile,

8 valore di titoli azionali e di titoli e medio e lungo termine), ma anche di accrescere il valore delle passività (debiti finanziari e commerciali, emissione di titoli di debito), il cui flusso è passato infatti dagli oltre 100 miliardi nel 2008 a 15,5 miliardi nel 2009, ad indicare come l intera gestione della liquidità si sia notevolmente ridimensionata, rispecchiando la turbolenza del mercato ed il disorientamento di vasta parte delle imprese. Il disavanzo finanziario delle imprese (dato dalla differenza tra attività e passività finanziarie) è passato, dunque, da -79 miliardi di euro nel 2008 e -36,4 miliardi nel 2009 ad indicare l improvviso prosciugamento delle risorse liquide disponibili. L autofinanziamento resta, ovviamente la fonte primaria per far fronte alle spese legate all accumulazione di capitale tecnico e quindi per garantire possibilità di crescita. Tuttavia, da almeno quattro anni si assiste ad una progressiva e ormai preoccupante flessione dell incidenza dello stesso sul valore degli investimenti. Da un incidenza del 63% delle risorse proprie sugli investimenti registrati nel 2000, si è passati al 39% nel 2009 (fig. 5). E se già appare di per sé preoccupante il fatto che lo strumento finanziario preponderante per le imprese italiane sia da sempre l autofinanziamento, risulta particolarmente grave il ridimensionamento dello stesso negli ultimi anni di crisi. Vi è, dunque, un intrinseca debolezza del sistema produttivo nazionale che tenta di fare fronte alle sfide della crescita con limitati mezzi liquidi, derivanti per lo più da risorse proprie, a volte improvvisate, e con pochi strumenti di finanza più strutturata. Ciò sembra porre una seria ipoteca sul futuro, anche alla luce del preoccupante prosciugamento di liquidità registrato a partire dalla fase di crisi e che ancora oggi non accenna ad invertire la tendenza. Con pochi mezzi liquidi, in sostanza, l impresa realizza piani di investimento e programmi di espansione assai limitati ed è questa la china discendente che vasta parte delle aziende, specie di piccole dimensioni, sembrano avere imboccato. 8 8

9 9 9 Fonte: elaborazione su dati Banca d Italia e Istat Disallineamenti sempre più accentuati tra incassi e uscite, ritardi nella riscossione dei crediti, flussi di cassa sempre più esigui non consentono, soprattutto alle strutture di minori dimensioni, la formazione di massa liquida sufficiente a fronteggiare nuovi investimenti e non permettono di disporre neanche di garanzie sufficienti per accedere al credito bancario. Le imprese di minori dimensioni appaiono, peraltro, più deboli rispetto alle medio-grandi in termini di capacità di formazione di risorse liquide finalizzabili ad autofinanziamento (fig. 6): - se nel 2006 il 31,4% delle imprese industriali con un numero di addetti tra 50 e 199 dichiarava di aver ridotto la propria capacità di autofinanziamento rispetto all anno precedente, nel 2009 è stato ben il 64,3% ad avere dichiarato tale tendenza (l incremento delle piccole imprese con capacità di autofinanziamento in riduzione appare, dunque, molto elevato);

10 - nel 2006 il 43,1% delle imprese industriali con 500 addetti e oltre indicava di avere ridotto la propria capacità di autofinanziamento, mentre nel 2009 tale percentuale si attesta al 58,8%, compensata peraltro da una crescita del ricorso a capitale proprio e dell indebitamento bancario Fonte: elaborazione su dati Banca d Italia Emerge, dunque, con relativa evidenza, il terzo aspetto sopra richiamato, ovvero, la capacità della piccola impresa di accedere al sistema bancario per continuare a disporre di un flusso sufficiente di mezzi liquidi. Le più recenti indagini disponibili a livello europeo mettono in evidenza (se mai ve ne fosse stato bisogno), ancora una volta, come le aziende di piccole dimensioni italiane siano quelle che più intensamente utilizzano risorse proprie per finanziare l attività d impresa e che meno intensamente ricorrono a prestiti bancari e scoperti di conto, se messe a confronto con la media dell Unione Europea. La rilevazione della Banca Centrale Europea sull accesso

11 agli strumenti finanziari delle PMI rivela come a metà del 2010, il 51,4% delle imprese italiane analizzate abbia dichiarato di avere fatto ricorso negli ultimi sei mesi a risorse proprie, a fronte di una media europea del 40,5% (più di 10 punti percentuali in meno) e che parallelamente solo il 28,9% delle imprese italiane abbia fatto ricorso allo scoperto di conto a fronte di una media europea di quasi il 40%. Egualmente il 33,9% delle imprese italiane ha fatto ricorso a prestiti bancari contro una media europea del 37%. Se da un lato ha agito il ridimensionamento spontaneo del fabbisogno finanziario, dovuto alla presenza di mercati turbolenti e che hanno spinto molte imprese ad un atteggiamento di attendismo e quindi di sospensione delle spese per investimenti, dall altro lato, tuttavia, ha operato un vero e proprio fenomeno di credit crunch. E sufficiente rilevare che nel 2009 i prestiti bancari si sono ridotti del 3% su base annua, con una riduzione di 28 miliardi di euro. Il trend discendente è proseguito anche nei primi mesi del 2010; a marzo la flessione dei prestiti è stata del 2,9% e solo a partire da agosto si è registrato un incremento dell 1,8%. Ciò che è importante sottolineare è che ultimamente la riduzione più forte riguarda le imprese medio-grandi, mentre per le piccole il trend pur rimando negativo è meno marcato. Ad esempio, alla fine del 2009 la flessione dei prestiti bancari alle grandi imprese è stato di circa il 3%, mentre per le piccole si è mantenuto intorno allo 0%; egualmente, nei primi mesi del 2010, la flessione presso le grandi e medie imprese è stata di circa il 4%, mentre nelle piccole si è mantenuta ancora intorno allo 0% (fig. 7). Ad un fabbisogno piuttosto consistente di mezzi liquidi e che appare determinante per tornare a crescere, sembra dunque che il sistema bancario riesca a rispondere solo in parte, con un atteggiamento improntato alla prudenza e senza slanci, né nei confronti delle imprese di maggiori dimensioni, da sempre 111

12 ritenute privilegiate nei rapporti con le banche, ma neanche con le strutture più piccole, per le quali il livello di concessione dei prestiti è rimasto sostanzialmente immobile negli ultimi 12 mesi Fonte: elaborazione su dati Banca d Italia Servizio di vigilanza Le analisi condotte a livello europeo sulle PMI ribadiscono come i principali ostacoli per l accesso al credito delle strutture più piccole siano legate alle limitate garanzie patrimoniali disponibili e a costi bancari eccessivi. Si ribadiscono, dunque, criticità note, che tuttavia, nella fase di crisi si sono aggiunte alla diffusa contrazione del fatturato e che hanno pertanto generato una mancanza di liquidità assai pericolosa. E interessante rilevare come per il 37% del campione di piccole imprese italiane analizzate dalla BCE a fine 2009 il principale ostacolo per l accesso al credito bancario risulta essere la mancanza di adeguate garanzie e per 36,9% è il costo o i tassi eccessivi praticati sulle operazioni, a fronte di una media europea (di piccole imprese) pari rispettivamente al 26,1% ed al 20% (fig. 8), con un divario molto consistente.

13 13 13 Fonte: elaborazione su dati Bce Come da tempo viene sottolineato dalle analisi sul sistema bancario, sulla contrazione dei prestiti stanno influendo le politiche restrittive adottate soprattutto dai gruppi bancari di maggiori dimensioni. Per fare un esempio, ad agosto 2010 (rispetto allo stesso mese del 2009) il credito erogato dai primi cinque gruppi bancari si è ridotto dell 1,1% (e a marzo si era ridotto del 5%), mentre quello delle altre banche è cresciuto del 3,3%. Si tratta di una variabile di non poco conto, che può servire ad immaginare le prospettive di breve periodo del rapporto tra banca ed impresa. Non appare azzardato affermare, infatti, che le banche di minori dimensioni, più radicate nel territorio, possano essere buoni partner per i localismi d impresa, ovvero per le strutture di minori dimensioni. In sostanza, la soluzione ai molti problemi di liquidità e di fonti di finanziamento dell impresa minore sembrano risiedere più nelle piccole banche che nelle grandi strutture. Da tutti i sondaggi finora effettuati, in effetti, emerge come le strutture bancarie più piccole siano più propense Reti e territorio per ricostituire la capacità finanziaria delle PMI

14 ad ascoltare i problemi e le esigenze delle imprese e ad adottare, come mostrato dai dati ufficiali sui flussi di credito, politiche più espansive. Ritorna per molti versi l idea che la soluzione, o una delle soluzioni, ai più recenti problemi legati alla carenza di liquidità e di risorse finanziarie per gli investimenti possa risiedere nel concetto di rete collaborativa; tale risulta essere il sistema delle banche di minori dimensioni, distribuite in forma di reticolo leggero sul territorio (si pensi alle banche popolari e di credito cooperativo), per le quali il legame con le imprese locali è spesso molto accentuato. Ma in un ottica di rete opera anche il sistema dei Confidi, rivelatosi importante nella recente fase di crisi finanziaria che il sistema produttivo nazionale ha registrato. Confidi opera attualmente con una rete di oltre 500 strutture operanti nel territorio nazionale, con una capacità di penetrazione, in termini di imprese sul totale del tessuto produttivo, di oltre il 23%. Vale la pena chiedersi quali prospettive caratterizzino il sistema delle piccole e medie imprese in termini di fabbisogno finanziario, disponibilità di mezzi liquidi e di capacità di investimento. Sebbene il quadro congiunturale resti complesso, tale da non lasciare intravedere possibilità di crescita sostenuta nell immediato, occorre mettere in evidenza che già a metà del 2010 alcuni indicatori rivelano un leggero miglioramento, o quanto meno per le imprese di minori dimensioni l accesso al credito non è peggiorato ed il livello degli investimenti ha ripreso a crescere, così come si aggiunge al quadro generale la ripresa consistente della capacità di esportazione del paese. Negli ultimi mesi, la sottoscrizione di piani di ristrutturazione del debito bancario e l adesione ai piani di moratoria dei debiti è stato più diffuso tra le aziende di piccole e medie dimensioni rispetto a quelle più grandi. Ciò può essere visto anche come un impegno 14 14

15 forte della piccola impresa ad affrontare il problema dell indebitamento con più impegno e capacità di visione rispetto al passato e potrebbe essere il primo passo verso una ristrutturazione dei comportamenti di gestione finanziaria tali da contribuire ad una ripresa che si auspica non lontana L autore Francesco Estrafallaces, nato a Lecce nel 1966 è responsabile del Settore per l'analisi economica del Censis. Si occupa prevalentemente di analisi sui sistemi d'impresa, sui distretti produttivi, sui comportamenti di spesa e di consumo. Fa parte del comitato scientifico dell'osservatorio nazionale dei Distretti produttivi italiani. R.ETE. Imprese Italia R.ETE. Imprese Italia è l Associazione che nasce nel maggio del 2010 come evoluzione del Patto del Capranica, stretto tra Casartigiani, CNA, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti. R.ETE. Imprese Italia ha quali obiettivi la promozione e il consolidamento delle imprese come componenti fondamentali del sistema economico e della società civile, e il riconoscimento del loro ruolo a tutti i livelli di interlocuzione istituzionale e privata. La Fondazione R.ETE. Imprese Italia intende promuovere i valori dell impresa, del lavoro e dell etica imprenditoriale nella società civile, per favorire una nuova e più forte integrazione sociale, culturale e politica degli imprenditori nel Paese e nei loro territori di riferimento. Contatti Fondazione R.ETE. Imprese Italia Presidente Giuseppe De Rita Corso Vittorio Emanuele II Roma Telefono: Fax:

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014

EvoluzionE E cifre sull agro-alimentare CredIto I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare Credito I trimestre 2014 A 4 CREDITO impieghi per il settore agricolo. In particolare, tutte le circoscrizioni hanno mostrato una tendenza all aumento

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

Il credito in Toscana. III trimestre 2014

Il credito in Toscana. III trimestre 2014 Il credito in Toscana III trimestre 2014 Firenze, Febbraio 2015 Il contesto di riferimento Prosegue il rallentamento dei prestiti concessi dalle banche al settore privato italiano (-1,7% il dato di agosto

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Presentazione del Rapporto L economia del Molise Marco Manile Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 21 L economia del Molise I prestiti bancari È proseguito il calo dei prestiti bancari,

Dettagli

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni

La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni La gestione finanziaria delle Pmi: criticità e possibili soluzioni di Antonio Ricciardi (*) Nell attuale scenario competitivo, caratterizzato da una profonda crisi strutturale, dalla globalizzazione dei

Dettagli

L attività degli intermediari finanziari

L attività degli intermediari finanziari L economia del Friuli Venezia Giulia L attività degli intermediari finanziari Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, Del Linguaggio, dell Interpretazione e della Traduzione Università di Trieste

Dettagli

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma)

4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) 4 Osservatorio congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa nel Comune di Venezia (Centro Storico e Terraferma) ANDAMENTI 1 SEMESTRE 2009 PREVISIONI 1I SEMESTRE 2009 COMUNICATO STAMPA L Osservatorio

Dettagli

imprese della provincia di latina luglio 2013

imprese della provincia di latina luglio 2013 imprese della provincia di latina luglio 2013 indagine trimestrale congiunturale sulle imprese della provincia di rapporto di ricerca secondo trimestre 2013 roma, 30 luglio 2013 (12153lq 02) agenda 1.

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 3// Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e riflette

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: ITALIA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010,

Dettagli

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA Ricerca a cura di Confcommercio Format Milano 22 maggio 2009 Il 73,7% delle imprese avverte un peggioramento della situazione economica

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA

IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA IL QUADRO DEL CREDITO IN UMBRIA Perugia, 24 ottobre 2014 In collaborazione con Impieghi: il quadro al 30/06/2014 (dati in mln di e composizione %) IMPIEGHI (in milioni di euro) 1 - IMPRESE 2 - FAMIGLIE

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Le imprese in questo nuovo scenario.

Le imprese in questo nuovo scenario. Banche credito tassi - imprese: un nuovo scenario Le imprese in questo nuovo scenario. 1 Mercoledì 26 ottobre 2011, ore 16.00 Palazzo Bonin - Corso Palladio 13 Vicenza Aspetti fondamentali del nuovo scenario:

Dettagli

Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia

Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia Quello che pensano le imprese della crisi: un indagine della CNA di Roma sulle imprese della Provincia Roma, 12 novembre 2008 La CNA di Roma ha condotto dal 29 ottobre al 4 novembre 2008 un indagine tra

Dettagli

Secondo trimestre 2014 e previsioni per il terzo trimestre 2014

Secondo trimestre 2014 e previsioni per il terzo trimestre 2014 Secondo trimestre 2014 e previsioni per il terzo trimestre 2014 I diritti di traduzione, memorizzazione elettronica, di riproduzione e adattamento, totale o parziale con qualsiasi mezzo, sono riservati

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2013 Pisa, 31 luglio 2014. La presenza bancaria in provincia di Pisa risente del processo di riorganizzazione che sta attraversando il sistema

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014

Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 Banca-Impresa 2014: il punto della situazione. Trasparenza e corretta comunicazione contano più del bilancio? 21 gennaio 2014 CSC: il credit crunch prosegue nel 2014 - nel 2015 inversione di tendenza?

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione ENERGIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell energia; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2016: valore aggiunto, produttività ed occupazione Il valore aggiunto prodotto dall industria cartaria e della stampa rappresenta l 1 per cento del Pil italiano.

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE I dati utilizzati per le elaborazioni sono aggiornati al 31/7/1 Pagina 1 Questa

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa

L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa L ACCESSO AL CREDITO PER LE PMI Lo scenario attuale e gli strumenti a disposizione per imprenditori e consulenti di impresa La situazione dell accesso al credito per le piccole e medie imprese che costituiscono

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi

L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Agevolazioni Finanziarie 7 di Tommaso Zarbo (1) Esperto in materia di finanziamenti agevolati Finanziamenti comunitari L intervento della BEI a sostegno delle Pmi Con le recenti turbolenze finanziarie

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LUNEDÌ 2 LUGLIO 2012 ORE 11.00 CENTRO CONSERVAZIONE E RESTAURO LA VENARIA REALE VIA XX SETTEMBRE 18 VENARIA REALE (TO) CONTESTO ECONOMICO

Dettagli

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale

Economie regionali. La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Economie regionali La domanda e l'offerta di credito a livello territoriale Roma dicembre 2013 2 0 1 3 44 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013

INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE SULLE PREVISIONI DI ANDAMENTO DELL INDUSTRIA IN LIGURIA NEL TERZO TRIMESTRE 2013 Le previsioni delle imprese manifatturiere liguri per il terzo trimestre 2013 hanno confermato alcuni

Dettagli

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA

LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 BOLOGNA OSSERVATORIO SUL MERCATO IMMOBILIARE Comunicato stampa LA CONGIUNTURA IMMOBILIARE PRIMO SEMESTRE 2012 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2012 Trimestre Bologna Numero di compravendite

Dettagli

OSSERVATORIO FINANZIARIO

OSSERVATORIO FINANZIARIO OSSERVATORIO FINANZIARIO SULLE SOCIETÀ VINICOLE ITALIANE Analisi dei profili reddituali e finanziari di un campione rappresentativo delle diverse tipologie di società vinicole italiane 2 edizione, 2006

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro)

La ricchezza delle famiglie italiane (miliardi di euro) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/22 del 9/4/22 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della banca.

Dettagli

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI. Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013 IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE: CONGIUNTURA E PROBLEMI STRUTTURALI Giorgio Gobbi Servizio Studi di Struttura Economica e Finanziaria della Banca d Italia Una finanza per la crescita Milano 12 giugno 2013

Dettagli

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE:

SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: PICCOLE E MEDIE IMPRESE: PICCOLE E MEDIE IMPRESE SCHEDA PAESE: CINA PICCOLE E MEDIE IMPRESE: RICOST RUIRE LE PREMESSE PER UNA NUOVA CRESCITA IN COLLABORAZIONE CON: IN COLLABORAZIONE CON: L indagine Nel mese di ottobre 2010, Forbes

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 29//29 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative e

Dettagli

RISPARMIARE NON BASTA!

RISPARMIARE NON BASTA! RISPARMIARE NON BASTA! 2015-02-03 Introduzione Una piccola nota per comprendere come il problema del credit crunch, ovvero della mancanza di credito per le aziende, sia anche legato alle scelte di investimento

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011

LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE Indagine Nomisma 2011 Comunicato stampa Comunicato stampa LA SITUAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DELLE FAMIGLIE ITALIANE E L INVESTIMENTO IMMOBILIARE VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli

ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli ANALISI DELLA STRUTTURA FINANZIARIA a cura Giuseppe Polli PRIMA PARTE clicca QUI per accedere direttamente alla seconda parte dell'intervento... 1 INTRODUZIONE Da un punto di vista ragionieristico lo Stato

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione CARTA, STAMPA ED EDITORIA Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito

Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Hong Kong / Parigi, 12 marzo 2015 Ritardi di pagamento in Cina: nel 2014, l 80% delle imprese ne è colpito Nel 2015 prevista una crescita più lenta e un aumento dei prestiti in sofferenza Un nuovo studio

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione PRODOTTI IN METALLO Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore; come misura dell attività si utilizza il valore aggiunto

Dettagli

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie

Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Le imprese e l accesso al credito. Le dinamiche del mercato e il ruolo delle garanzie Gianmarco Paglietti Consorzio Camerale per il credito e la finanza Cremona, 17 giugno 2013 L economia nel 2012 PIL

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013

Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Relazione Semestrale al 25 giugno 2013 Fondo comune di investimento mobiliare aperto di diritto italiano armonizzato alla Direttiva 2009/65/CE INDICE Considerazioni Generali - Commento Macroeconomico...

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

ACCORDO TRA INTESA SANPAOLO E RETE IMPRESE ITALIA

ACCORDO TRA INTESA SANPAOLO E RETE IMPRESE ITALIA ACCORDO TRA INTESA SANPAOLO E RETE IMPRESE ITALIA INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156, iscritta nel registro delle imprese Ufficio di Torino al

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE

PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE PER LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO CASSE RURALI E ARTIGIANE DEL VENETO MEFR MODELLO ECONOMETRICO FINANZIARIO REGIONALE Elaborazione del 30/0/2009 Pagina 1 Questa nota ha finalità puramente informative

Dettagli

I4ER2014 IndagIne sugli InvestImentI delle Imprese IndustrIalI dell emilia-romagna

I4ER2014 IndagIne sugli InvestImentI delle Imprese IndustrIalI dell emilia-romagna I4ER2014 Indagine sugli investimenti delle industriali dell Emilia-Romagna L Indagine è stata realizzata dall Area Economia di Confindustria Emilia-Romagna, a cura di Annamaria Raimondi e Luca Rossi Un

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,......... L u g l i o 2 0 1 4 Debito PA: miglioramenti più contenuti nel primo trimestre... Sintesi dei risultati C ontinuano nei primi tre mesi del 2014

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

Il capitale circolante del settore siderurgico

Il capitale circolante del settore siderurgico Il capitale circolante del settore siderurgico Quale impatto sulla posizione finanziaria nel 21? Analisi elaborata dall Unità di di Centrobanca Pio De Gregorio Stefania Baccalini Gianluca De Sanctis 8

Dettagli

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014

Regione Campania. 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 1 Regione Campania 1. Dati congiunturali del secondo trimestre 2014 Il saldo tra iscrizioni e cessazioni Il secondo trimestre del 2014 mostra un deciso rafforzamento numerico del sistema imprenditoriale

Dettagli

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria La crescita economica in Italia (Centro Studi Confindustria Congiuntura flash, Novembre 2011)

Dettagli

FONDO PER INVESTIMENTI IN IMMOBILI PREVALENTEMENTE NON RESIDENZIALI. Relazione semestrale al 30 giugno 2005 Relazione semestrale al 30 giugno 2006

FONDO PER INVESTIMENTI IN IMMOBILI PREVALENTEMENTE NON RESIDENZIALI. Relazione semestrale al 30 giugno 2005 Relazione semestrale al 30 giugno 2006 FONDO PER INVESTIMENTI IN IMMOBILI PREVALENTEMENTE NON RESIDENZIALI Relazione semestrale al 30 giugno 2005 Relazione semestrale al 30 giugno 2006 POLIS FONDI SGR.p.A. POLIS FONDI IMMOBILIARI DI BANCHE

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale

(Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale (Divieto d ) accesso al credito per le imprese: (serve capitale per) il ruolo dei Confidi 15 Maggio 2012 1 Agenda Premessa (sulle ragioni della crisi) (Divieto d ) d) accesso al credito per le imprese:

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Ad aprile continua la flessione della domanda di credito da parte di famiglie e imprese: -3% i prestiti, -9% i mutui richiesti dalle famiglie;

Dettagli

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO?

COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? COME LA BANCA VALUTA IL MERITO CREDITIZIO? Dr. Giulio Modonutti Consulente finanziario indipendente Migliore è il punteggio assegnato all azienda, maggiori sono le possibilità che l impresa acceda ad un

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014

Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Costruzioni: mercato interno sempre più debole. Niente ripresa nel 2014 Roma 28 novembre 2013 - Nel 2012 il volume economico generato dal sistema italiano delle costruzioni, compresi i servizi, è stato

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract

IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 2011 Abstract Comunicato stampa IV RAPPORTO SULLA FINANZA IMMOBILIARE 211 VERSO UN NUOVO PROFILO FINANZIARIO DELLE FAMIGLIE ITALIANE La condizione finanziaria delle famiglie italiane, da sempre caratterizzata da un

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa

USCIRE DALLA CRISI. Sintesi per la Stampa USCIRE DALLA CRISI Sintesi per la Stampa Roma 9 maggio 2013 LA CONTABILITÁ DELLA CRISI La perdita di prodotto La recessione che stiamo vivendo è diventata più profonda e lunga di quelle del secolo scorso,

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli