Attaccare e difendere la reputazione: Come la nuova informazione modifica l eterovalutazione.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Attaccare e difendere la reputazione: Come la nuova informazione modifica l eterovalutazione."

Transcript

1 Università degli studi di Udine Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Relazioni Pubbliche Tesi di laurea in Psicologia Generale Attaccare e difendere la reputazione: Come la nuova informazione modifica l eterovalutazione. Laureando: Dario Compagno Relatore: prof.ssa Renata Kodilja Anno Accademico 2002/2003

2 Attaccare e difendere la reputazione: Come la nuova informazione modifica l eterovalutazione Indice 2 Introduzione 5 Parte I - La reputazione Cos è la reputazione? 11 o Responsabilità 11 o Immagine 12 o Onore 13 o Individualità 13 o Reputation management 14 o Indici quantitativi 16 o Attributi generali della reputazione 17 Autenticità della reputazione 20 o Verità 20 o Coerenza 22 Caratteristiche della reputazione 27 o Natura diffusa 27 o Corrispondenza tra persona e personaggio 28 o Dove sta Internet? 29 Psicologia sociale 31 o Teorie attribuzionali 31 o Dissonanza e self 34 o Sé, reputazione e relazioni pubbliche 37 Parte II - Tutela giuridica della reputazione I diritti della persona 40 o Che cos è l onore 40 o Onore vs reputazione 41 2

3 o Lesione all onore ed alla reputazione 42 o Altri diritti della personalità 43 Libertà di espressione del proprio pensiero 43 o Principi 44 o I diritti del giornalista 47 Difesa del proprio diritto 48 o Risarcimento del danno 49 o Tutela penale e civile 50 o Quantificazione del danno 52 o Tutele specifiche 52 Come si offende e si calunnia 53 o L ingiuria 54 o La diffamazione 54 o Riferimento ad un fatto determinato 57 Parte III - L effetto della nuova informazione Introduzione 59 Proposizioni generali e particolari 61 Modello proposizionale della reputazione 63 o Schema 64 o Input 65 o Elaborazione 68 o Output 70 o Estensibilità del sistema a gruppi 71 o Cristallizzazione e rarefazione dei tratti 73 Esperimento: come la nuova informazione modifica la reputazione 76 o Struttura del questionario 76 o Disegno sperimentale 78 o Analisi dei dati 80 o Evidenze 87 o Conclusioni 91 3

4 Allegati Onore ed anti-onore per Schopenhauer 92 Estratto dalla costituzione 94 Estratto dal codice penale 95 Estratto dal codice civile 97 Questionario 99 Bibliografia 110 Ringraziamenti 114 4

5 Introduzione Questo è uno studio sulla costituzione e sul mutamento della reputazione di un soggetto. 1)La persona e la reputazione Durante tutto il giorno, tutti i giorni, le persone ricevono, elaborano ed organizzano messaggi. Tutti questi messaggi si mescolano prima di raggiungere i nostri organi di senso, ad esempio la voce di un amico proveniente da una stanza attigua alla nostra sarà filtrata dalle pareti e potrà venir confusa da altri rumori di sottofondo. L organizzazione di questi messaggi e la loro interpretazione in base a principi e precedenti esperienze è ciò che chiamiamo percezione. Percezione che ricostruisce l insieme continuo e confuso di dati sensibili in un altro insieme ordinato o sistema a cui ci riferiamo normalmente col termine di realtà. L indicizzazione dei messaggi secondo differenti emittenti è una delle operazioni percettive a cui un osservatore ingenuo pone minore attenzione cosciente. Noi nel comprendere ciò che ci sta intorno cataloghiamo gli eventi come azioni afferenti a dei soggetti e da essi causate. Il Ventriloquio è un attività che confonde la comprensione di chi dice cosa sulla scena vista ed ascoltata di un palco, e lo straniamento prodotto da questa forma di spettacolo ci ricorda quanto lavoro compia il cervello in questo senso senza che noi ce ne accorgiamo 1. Una delle prime ipotesi della metafisica riguarda proprio il fatto che non vi sia una moltitudine di soggetti nel mondo, ma uno soltanto che emana ogni messaggio, e noi ci inganniamo pensando di poter demarcare distinzioni tra parlanti diversi. Ma oggi si ammette che la pluralità di enti sia autentica e questo viene archiviato come uno dei pochi successi indiscutibili della metafisica (Loptson, 2001). Esistono quindi più soggetti emananti la totalità dei messaggi che riceviamo. Si prova a comprendere come noi distinguiamo un soggetto emittente di messaggi da un altro, e come formuliamo dei giudizi sulla potestà dei diversi messaggi. Nell ascoltare una frase pronunziata da una persona a noi conosciuta, individuiamo in essa delle tracce che trasportano nel messaggio indizi sull identità della loro fonte. Il timbro della voce, 1 Alcuni studi in questo senso riguardano l effetto cocktail party nella psicologia cognitiva (Moray, 1959) ed ancora l errore di attribuzione di arousal nella psicologia sociale (Ross e Olson, 1981). 5

6 l andamento delle pause, le preferenze di costruzione sintattica adottate, le singole parole utilizzate ci rivelano delle informazioni per il riconoscimento del soggetto che parla. Quindi ammesso che la persona che ascolta questa ipotetica frase possegga già nella sua memoria delle categorie per distinguere i suoi conoscenti, che ogni categoria abbia dei tratti distintivi unici o delle combinazioni di tratti non ambigue, e che il meccanismo di riconoscimento funzioni come dovrebbe, sarà possibile al nostro ascoltatore individuare nel messaggio stesso la firma della sua fonte. Certo è problematica, oltre che il funzionamento di questo meccanismo di riconoscimento, anche e soprattutto la costituzione delle categorie mnemoniche di cui sopra. Quante volte dobbiamo sentire una persona parlare per poter riconoscere delle frasi successive come sue proprie senza vedere direttamente l emittente? 2 Una situazione analoga si ha nella giurisprudenza nell attribuire ad un soggetto la responsabilità per un evento. Quali sono i segni che vanno indagati per individuare la colpa di una persona nel causare un danno? Un insight interessante potrebbe venirci dato dal considerare una persona solo ed esclusivamente come un insieme di tratti distintivi. Pensiamo ad esempio che ci venga riferita da un terzo una frase, e ci venga chiesto di identificare tra un gruppo di possibili soggetti chi l ha pronunziata. Non avremmo indizi fisici sull apparato fonatorio del soggetto, mancherebbero le pause e la prosodia originaria della enunciazione originale. Dovremmo allora interamente basarci su ciò che è stato detto, sulla proposizione quale puro contenuto. Dobbiamo arrangiare delle ipotesi di produzione, poi effettuare dei test per scegliere quella che ci sembra più corretta. Mettiamo che la frase riguardi una banale descrizione di una passeggiata e l acquisto di un gelato. Una analisi mirata ed approfondita ci farebbe riconoscere un congiuntivo tra i verbi della frase, permettendoci di scartare uno dei soggetti che, sappiamo, non usa mai queste costruzioni. Il gusto del gelato ancora ci indirizzerebbe verso un insieme ancora più ridotto di candidati e così via ci faremmo un idea più o meno chiara e forse corretta del parlante misterioso. Ma proviamo ad osservare questo procedimento di scelta e giudizio più da vicino. Abbiamo fiduciosamente scartato un candidato perché sappiamo che non usa mai il congiuntivo quando parla, e crediamo che questa situazione così quotidiana non faccia eccezione al suo comportamento generale. Quindi noi abbiamo nella nostra memoria un modello di comportamento per questo nostro amico-soggetto. Abbiamo a tutti gli effetti una teoria che ci suggerisce cosa egli faccia in diverse situazioni. 2 Domande simili sull apprendimento di tipi sono state affrontate dai comportamentisti e dalla psicologia cognitiva (Smith e Medin, 1981). 6

7 Questa teoria potrebbe costituire quello che noi chiamiamo reputazione nel nostro linguaggio. Più semplicemente potremmo dire di sapere qualcosa sulla personalità di quel soggetto, o con una sfumatura ancora diversa abbiamo una copia di quella persona nella nostra memoria, pronta ad essere richiamata in caso di bisogno. Il termine persona abbandona con il diritto romano (Giuliano, 1997) il significato greco originario di maschera teatrale per diventare di un insieme di responsabilità assegnato ad un essere umano o ad un gruppo organizzato di esseri umani (Torrente, 1999). Personalità in psicologia sono quelle caratteristiche comportamentali proprie di un singolo individuo che, sebbene descritte con un linguaggio che vuole permettere il confronto trasversale tra più soggetti, mirano all identificazione di uno ed un solo comportamento appunto personale. Cos è invece che intendiamo per reputazione? Un soggetto può avere una sua, autentica personalità. Una reputazione sarà invece sempre vincolata al qualcuno che pensa qualcosa di qualcun altro. Reputazione potrebbe essere proprio la ricostruzione della personalità di un individuo nella mente di un altro. Non stupisce allora che tanto possano distanziarsi l effettivo comportamento di qualcuno ed il modo in cui si ritiene che egli agisca. Nell esempio di prima sull identificazione del parlante misterioso, potrebbe non essere affatto vero che il nostro conoscente non usi mai i congiuntivi. Potremmo non averlo mai udito noi utilizzarli o potremmo sistematicamente cancellare la loro presenza nelle frasi da lui prodotte concentrando la nostra attenzione solo su quelle da lui sbagliate. In entrambi i casi avremmo un modello povero sul comportamento del nostro soggetto. Vi sono informazioni mancanti o mal organizzate, e la forte struttura del modello di comportamento potrebbe resistere ad ogni successivo tentativo di modifica e correzione. Eccoci quindi alle domande affrontate in questa sede. Cosa sappiamo della costruzione, del cambiamento e dell uso che facciamo di questi modelli di comportamento che sono le reputazioni? Possiamo trattarle analogamente ad altri modelli mentali studiati ed in qualche modo compresi o presentano delle differenze sostanziali da essi? Il carattere sociale della reputazione si rivela in molti contesti. Sentir parlare in tale o talaltro modo di una persona influenzerà il mio modo di rapportarmi ad essa. Oltre che ad informazioni di prima mano su di un soggetto, capita spesso di utilizzare racconti di terzi per provare a farsi un idea di come conduca la sua vita. Di alcuni personaggi noi abbiamo addirittura solo informazioni già interpretate in testi da altri. 7

8 I personaggi pubblici che popolano l universo dei mass media combaciano per chi non ha l occasione di conoscerli direttamente con la loro reputazione pubblica. Non chi è ma chi è detto essere. Bisogna considerare inoltre che la propria reputazione ci serve anche da copione per compiere le nostre scelte quotidiane. Prendere a modello qualcuno è un principio etico rispettato ed ampiamente utilizzato 3, ma anche il prendere a modello la propria immagine di se stessi è importante. Molti studi sono stati fatto sul self come immagine che le persone costruiscono di se stesse guardando le proprie azioni ed elaborando le descrizioni fatte di loro dall esterno 4. E queste descrizioni potrebbero essere proprio le diverse reputazioni di cui godiamo nel tessuto sociale di cui facciamo parte. 2)La reputazione tra psicologia e diritto L accezione del termine reputazione che qui vedremo avrà il ruolo di bridge. Nella comunicazione si è sempre un po incerti di come il nostro interlocutore comprenderà ciò che diciamo. Questo principio generale è fortemente accentuato in un campo accademico tanto eterogeneo quanto il nostro, dove diverse discipline utilizzano linguaggi e concetti diversi per costruire degli oggetti comuni. Alcune idee possono essere richiamate dalle stesse parole da studiosi e professionisti di diversa formazione, ed in questo caso non è per nulla ovvio che allo stesso termine corrisponda lo stesso oggetto. L esempio della reputazione mette in relazione due mondi spesso distinti, ma a volte strettamente legati: quello della psicologia e quello del diritto. La teoria psicologica ha un forte potere conoscitivo. Con la ricerca empirica gli psicologi provano ad individuare le forme del comportamento umano, ed a costruire un immagine del pensiero a partire dai fatti verso l ideale. Il diritto è invece un linguaggio di autorità, dotato di un enorme potere coercitivo. Le norme individuate, scelte grazie ad un esperienza millenaria, identificano il comportamento astratto. Le norme giuridiche esistono prima degli atti umani, e sono quest ultimi a dover essere ricondotti alle prime e non viceversa. Due esigenze diverse quindi, quelle dei giuristi e degli scienziati sociali. Ed altrettanto diversi sono i loro metodi ed i loro risultati. 3 Pensiamo allo stoico Epitteto (1996) che ci invita ad aver sempre presente davanti ai nostri occhi un modello di virtù, ed ancora prima ad Aristotele (1999) nella sua formulazione di virtù nei termini di seguire un modello virtuoso. 4 In psicologia sociale si parla di auto-percezione del sé nel momento in cui indaghiamo la nostra personalità come fossimo estranei alla nostra coscienza osservando il nostro comportamento quotidiano ed elaborando teorie sul perché facciamo ciò che facciamo (Bem, 1972). 8

9 Spesso si perde di vista che il diritto è esso stesso una teoria, generata da qualcuno della cui accuratezza bisogna fidarsi, ma con misura. Diversi anni fa l unico studio del cittadino desideroso di comprendere la vita sociale era proprio quello del diritto. Il diritto crea dei concetti, o meglio definisce i lineamenti delle idee a cui gli uomini più spesso ricorrono per descriversi vicendevolmente. Anche la psicologia nasce interrogandosi su alcune manifestazioni tanto osservate e poco capite, e oggi si è affrancata come voce affidabile per la scoperta di noi stessi. Mentre il diritto è alla fine basato sull accordo e sulla convenzione, un po come la matematica, così la psicologia vuole muoversi sinteticamente, spiegando ciò che accade e non prescrivendolo. Una finalità della psicologia, specie nell accezione utile ai non psicologi di tecnica di condizionamento, sarà appunto il riuscire a risolvere dei problemi più o meno quotidiani con delle tecniche. L uso che invece si potrà fare del sistema giuridico è di agire sul comportamento degli altri individui secondo specifiche esigenze. Entrambe le discipline possono essere allora viste come armi per vivere la vita sociale al meglio. La reputazione è allora qualcosa per gli psicologi e qualcosa di diverso per i giuristi, ma in fondo entrambi creano un oggetto esplicito definibile e studiabile. Mettere insieme questi due punti di vista risulta a mio parere estremamente produttivo nello scoprire i limiti delle due visioni prese singolarmente, e nel darsi queste nuovi propositi l un l altra. Su di una base di significato esiste accordo: la reputazione è ciò che gli altri dicono di noi. Non è ad esempio ciò che siamo o ciò che noi pensiamo di noi stessi (ovvero non è l onore giuridico corrispondente al Sé psicologico), pur essendo questi ad essa strettamente correlati. L idea centrale della tesi, che essendo un lavoro preminentemente psicologico sarà sviluppata attorno ad un esperimento, viene suggerita proprio dal codice penale italiano. In entrambi gli articoli 594 e 595 di esso, che delineano la tutela rispettivamente dell onore e della reputazione personali, è presente il medesimo comma, che prescrive a chi danneggi l altrui diritto una sanzione raddoppiata in un determinato caso. Questo caso riguarda la modalità espressiva con cui l ingiuria o la diffamazione sono perpetrati, nello specifico se si insulta utilizzando delle frasi generiche o se si scenda maggiormente nei particolari di una circostanza concreta. Ad una primissima analisi dal molo psicologico (e sociologico) viene subito alla mente una bitta per attraccare lo spunto. 9

10 Se davvero la reputazione esiste infatti come fatto sociale, potrebbe venire in qualche modo comunicata. Ed il senso comune sembra essere concorde appunto che la reputazione si dica e si pensi linguisticamente. L approdo si avvicina, e basta evocare un aspetto fondamentale dello studio della realtà linguistiche per renderlo a portata di braccio. La scienza (se così si può definirla) del linguaggio è la logica. Questa ci dice che l unità con cui si discute è la proposizione, e che le proposizioni si dividono in generali e particolari. Ecco allora che possiamo scendere a riva: la reputazione si dice, e se si dice deve dirsi in proposizioni; le proposizioni possono essere esclusivamente generali o particolari; il diritto italiano discrimina esplicitamente tra esse in termini di effetto reale sulla reputazione. Con un esperimento proveremo a capire se il legislatore ha ragione o se invece si sbaglia. Nel mentre azzarderemo un modello provvisorio di lavoro provando a costruire una descrizione proposizionale della reputazione per rispondere alla nostra esigenza conoscitiva. 10

11 La reputazione Cos è la reputazione? Responsabilità Schopenhauer 5 (1991, 1998) descrive la reputazione con un affascinante metafora. Per lui la reputazione è come un vestito, che più è usurato e meno valore ha per il possessore, mentre se è tenuto lindo e pulito motiva alla sua cura. La reputazione è un circolo virtuoso che se imboccato si alimenta da sé, consumando energie ma anche producendo certi effetti. Per il filosofo rientrano all interno del campo della nostra responsabilità e quindi influenzano la nostra reputazione esclusivamente i nostri atti, e non tutti gli eventi che ci vedono protagonisti passivi. Per esempio, se ad una festa un invitato sbadatamente inciampa e ci ricopre di punch dalla testa ai piedi, non essendo stata colpa nostra non dovremo temere di venire giudicati malamente dai nostri amici (sebbene una risatina potrebbe saltar fuori davanti ad un simile spettacolo ). Quello a cui dobbiamo pagare la massima attenzione in una situazione come questa è alla nostra reazione. Se ancora colante comincio ad insultare colui che credo mi abbia fatto cadere nel ridicolo allora sì che comunico qualcosa del mio comportamento a chi mi osserva. Come non è un bella scena un individuo fradicio che urla oscenità e minacce tanto è ammirevole un gentiluomo che mostra buon viso alla necessità. In fondo è fuori dalle nostre possibilità controllare tutti gli eventi che ci accadono, ma le azioni che noi produciamo sono in una qualche misura libere e veicolano informazioni autentiche sulla nostra personalità. Nelle pubbliche relazioni si discute spesso dell inutilità del nascondere delle informazioni pericolose all interno di un organizzazione (tra gli altri Lee, in Harrison, 1995). L ostracizzazione del famoso no comment, traguardo degli esperti in comunicazione, ci insegna come sia la reazione di un soggetto a causare problemi o ad evitarli, e non le sventure che a quel soggetto accadono. Se ad un disastro si risponde con la volontà di assumersi le proprie responsabilità e l interesse ad indagare a fondo sulle sue cause invece di provare a fuggire ed insabbiare, guadagniamo nella comunità in cui viviamo un atteggiamento diverso nei nostri confronti. 5 Per un approfondimento sul pensiero di Schopenhauer si veda l allegato sul suo testo L arte di farsi rispettare. 11

12 Facendoci vedere fonti di informazione di prima mano poi conquistiamo quell importantissima attenzione del pubblico necessaria per far valere la nostra versione dei fatti, obiettivo molto difficile da ottenere se combattiamo schierati contro i media. Il nascondere delle macchie nel nostro operato di buoni membri della società ha effetti a lungo termine molto dannosi, tanto grandi nei loro costi da rendere antieconomico il mantenere in vita nascosta le nostre menzogne 6. Immagine Potremmo quindi cominciare a delineare una prima definizione del concetto di reputazione: essendo questa formata dalle azioni di un soggetto ricordate nella mente di un pubblico, e quello che di queste azioni si dice. Questo concetto coincide per molti versi con quello di immagine, più usato in pubblicità (Lombardi, 2001) ed in teoria della comunicazione. Si usa spesso quest ultimo termine intendendo quanto dell identità di una persona o marchio viene effettivamente percepito. Il confine dell immagine con la reputazione resta quindi molto labile, sebbene delle altre discipline come il diritto facciano delle distinzioni più rigide (relegando l immagine alle rappresentazioni visibili dei soggetti), od ancora privilegino quasi del tutto uno dei due termini. L identità percepita da tutti i pubblici che interessano un soggetto viene a causare un fenomeno di posizionamento nella mente di questi: un organizzazione, un prodotto o un luogo diviene riconoscibile grazie a dei tratti distintivi (ibidem). 6 Ipotizziamo ad esempio un attentato terroristico ad una linea aerea. Ciò che può danneggiare la reputazione della compagnia è solo il suo comportamento, ad esempio che siano stati effettuati gli adeguati controlli prima della partenza, che l ufficio di pubbliche relazioni abbia informato tempestivamente le famiglie delle vittime ed i media, che sia stato dato totale supporto alle forze dell ordine nel condurre le indagini, ed ovviamente che nessuno nel personale della compagnia avesse implicazioni nell atto terroristico. Che le dichiarazioni date dal management corrispondano a ciò che stampa e polizia trovi con le ricerche influirà poi sull attributo di sincerità nella reputazione della compagnia. Ma cosa succederebbe se, pur essendosi comportati tutti nel migliore dei modi, non avendo colpe nell accaduto, comunque l immagine della compagnia venisse incrinata dall attributo di essere unsafe? Bisognerebbe tempestivamente avviare un programma di comunicazione per riproporre una nuova azienda e limitare il danno economico. Certo non sarebbe un compito facile, ma nemmeno impossibile. Attenzione adesso ad una variazione di questa storia: se al momento dell attentato la compagnia avesse fatto qualcosa di sbagliato nei suoi rapporti con i media od altri pubblici rilevanti, oppure addirittura fosse stata scoperta una discrepanza tra le dichiarazioni del CEO e le rilevazioni investigative. Quale sarebbe adesso il danno! Nessuna relazione con la sfortuna adesso (sebbene sappiamo quanto questa sia deleteria per l immagine di un servizio ad alto rischio come il trasporto aereo) ma un accusa alla bontà della gestione. Ogni tipo di comunicazione trasmessa verso l esterno ed è questo il danno più grave causato dall essere scoperti nel manipolare la propria reputazione con la menzogna sarebbe adesso analizzata a fondo dal pubblico pensando alla possibilità di finzione. Ogni business ha su di se una possibile accusa di scorrettezza, ma la concretizzazione di questa possibilità con un dato concreto aumenta l attenzione posta nell interpretazione e nel controllo delle parole e delle azioni di questo. 12

13 Questo riguarda evidentemente il fenomeno da noi osservato sia che ad esso ci si riferisca col termine proprio di reputazione sia con quello di immagine allargato a fuoriuscire dai dipinti. Onore La reputazione riguarda il riconoscimento sociale di un individuo. La prima definizione che viene data del concetto di onore (nel senso oggettivo di reputazione come da noi adottato), si trova in Aristotele (1999): L onore (timé) è il fine a cui mira uno dei tre tipi di vita possibili agli individui quello politico-pratico. L opinione che gli altri hanno del nostro valore e della nostra dignità è il motivo che sta alla base della vita politica, diviene stimolo quindi per interessarsi alla res pubblica. Questo viene riconosciuto dallo stagirita come il più grande dei beni esteriori, proprio in quanto premio che viene dato ai virtuosi. L onore è quindi cosa buona solo se autentico nella sua costituzione, solo se nato cioè dal comportamento e non dall infondata mistificazione. Più tardi Tommaso d Aquino arriverà a fare appartenere esso stesso all ordine delle cose spirituali proprio come la virtù, giacché esso è legittimamente attribuito solo in presenza di quest ultima. Il segno di ciò che è santo diviene anch esso mirabile. Contrariamente a questi due filosofi si schiereranno gli stoici, che nella loro instancabile ricerca dell indispensabile non riterranno opportuno includere questo bene tra quelli degni di preoccupazione. Anche loro videro comunque l importanza nella vita sociale di questo indice (dalla Presentazione di Franco Volpi a Schopenhauer, 1998). Individualità Come dicevamo nell introduzione un emittente che viene riconosciuta viene coronata dalla caratteristica fondamentale di individualità. In sociologia si parla della nascita relativamente recente del concetto di individuo, prodotto appunto e non origine della società, anzi per i liberalisti come Marx e Weber realizzazione ultima del sistema sociale (Seidman, 1998). Così nella dimensione giuridica del reale è necessario che una società o associazione ricevano dalle autorità di competenza il privilegio di avere un identità giuridica, cioè la possibilità di agire come soggetti attivi con la correlata assunzione di responsabilità (Torrente, 1999). Ancora nel marketing ed in pubblicità bisogna lottare per conquistare una fetta di memoria nel proprio pubblico proprio sotto forma di un nome segno di un identità individuale: essere non più 13

14 un prodotto-tappezzeria nel supermercato ma parlare al consumatore appunto da soggetto è un obiettivo dei nuovi marchi (ancora Lombardi, 2001). Reputation management Nelle discussioni sulla comunicazione generalmente si tagliano con lo stesso coltello immagine e reputazione come proiezioni della propria personalità o identità. In Internet gli attacchi agli esperti di relazione pubbliche da parte dei colleghi del marketing o degli economisti riguarda proprio l uso intercambiabile di termini quali identità, immagine, reputazione nei propri discorsi. Reputazione sarebbe un modo con cui i relatori pubblici si distinguono dai loro comunication cousins (Gedulig, 1999). Ed esempio di quanto reputazione e pubbliche relazioni siano correlate è una domanda formulata dalla Interel European Public Affairs di Bruxelles: Are corporate reputation and PR the same discipline?. All interno delle PR comunque si cerca ci chiarire cosa si intenda per reputazione rispetto ad altri concetti del perception management: Reputation has been defined as the public information on the hitherto trustworthiness of an actor. It is an indicator that signals the experiences of third parties with a potential exchange partner. (Picot et al., 2001) In the marketing oriented literature the reputation of a firm has been considered to be the aggregated evaluation of all image aspects about a company. (Dowling, 1994) Reputations emerge as a result of social network effects, when information on an actor s behavior in one relation spreads to others via an information network. (Granovetter, 1985) Perception of a company s ability to meet the expectations of all its stakeholders. (Fombrun, 1996) Reputation as an asset that is shared among people, build-up among them and also destroyed by them. Reputation serves as a hostage in the hands of the customer. (Spremann, 1988) 14

15 Tra queste definizioni si staglia un modo diverso di intendere la reputazione da quello di cui abbiamo parlato prima. La reputazione è intesa come valutazione dell immagine: non come un insieme di elementi ma come un giudizio su di essi. Allora all identità di un individuo percepita da un pubblico (image) si affianca un giudizio che il pubblico fa di questa (reputation). Più che essere composta di valori in sé la reputazione è un indicatore di quanto un individuo nel suo comportamento sia più o meno apprezzato da un pubblico. Non esisterebbe quindi più una reputazione di persona onesta, o di truffatore, o di giocherellone, bensì un immagine con un giudizio più o meno positivo su di essa. Se la reputazione fosse solo un giudizio possiamo ipotizzare che due soggetti possano avere gli stessi tratti distintivi sebbene possano essere valutati diversamente da pubblici diversi. Ma per quanto questo approccio semplifichi molto la divisione tra immagine e reputazione (tanto da permettere una serie di studi quantitativi su quest ultima di cui parleremo più avanti), produce anche certe domande a livello concettuale. Potremmo immaginare un persona parecchio robusta che nella nostra società non sia considerata particolarmente attraente che, trasferitasi in un isola del pacifico rientri benissimo nei canoni di splendore della popolazione indigena. Avremmo allora un caso in cui una ipersemplificazione potrebbe farci credere che l immagine del soggetto non sia per niente cambiata, essendo i tratti estetici comunicati dal suo corpo sempre gli stessi, mentre sia la sua reputazione ad aver subito un cambiamento. Ma mettiamo che quel soggetto sia anche dotato di un grandissimo sense of humour che lo renda un amabile conversatore. Nella sua società d origine aveva un ottima reputazione in questo senso, ma nell isola d arrivo non conoscendo la lingua ha difficoltà a stupire nello stesso modo. Avremmo qui allora dei giudizi che allo stesso momento da positivi divengono negativi e viceversa. Bisogna quindi cercare più reputazioni parziali per ogni soggetto non solo in riferimento a pubblici diversi ma anche a diverse caratteristiche della propria identità? Ad esempio una reputazione estetica, una conviviale, un altra riferita alla correttezza negli affari e così via. O piuttosto riferirsi ad un valore complessivo, scambiato in un mercato dell immagine, che ogni persona ha per un pubblico? Certo sarà però poi impossibile tenere conto di diverse reputazioni inerenti allo stesso soggetto: come ci comporteremmo quando il diritto ammette un certo tipo di risarcimento a chi abbia subito un danno alla propria reputazione professionale e solo a quella, indipendentemente dello stato della sua reputazione generale (Gaudino, 1996)? 15

16 Comprendiamo quindi che limitare il concetto di reputazione a etichetta con su il prezzo dell immagine formi un bias nella ricerca, sebbene possa instaurare continuità col linguaggio tecnico esistente. Non è allora la reputazione ad essere un giudizio sull immagine, sebbene si possa dare un giudizio alla stessa reputazione. Ricapitolando la reputazione può essere vista come un giudizio generale e complessivo sul comportamento e sull immagine di un soggetto comunicativo. Si potranno allora costruire delle graduatorie tra soggetti diversi rispetto ad una migliore o peggiore reputazione. Bisognerà comunque chiarire per quale pubblico quella reputazione valga. Un inconveniente riguarda l impossibilità di tenere conto di più reputazioni specifiche per un unico soggetto. Altrimenti la reputazione può essere invece costituita da elementi riguardanti il comportamento passato del soggetto in grado di creare aspettative specifiche sul suo agire futuro. Sarà possibile allora riferirsi a differenti reputazioni dello stesso soggetto: si potrà parlare di una persona con una buona reputazione rispetto ad una qualità od abilità ma con una meno buona reputazione rispetto a qualche altro aspetto. Stesso dicasi per più pubblici per il quale una reputazione parziale può valere. Indici quantitativi Nelle pubbliche relazioni si rileva oggi una tendenza a cercare dei metodi quantitativi per la rilevazione della reputazione delle organizzazioni (per la maggior parte aziende) come valutazione generale. In effetti non è agevole la rilevazione degli attributi che compongono un immagine, ma è molto più semplice ordinare gerarchicamente le organizzazioni in termini di una migliore o peggiore reputazione assoluta. Il Reputation Institute di New York già da alcuni anni effettua delle rilevazioni per un indice di reputazione negli Stati Uniti. Questo indice RQ (Reputation Quotient) viene pubblicato su base annua dichiarando i vincitori di un campionato della migliore reputazione. La ricerca è svolta con un campionamento telefonico casuale e con la tecnica del free recall: viene chiesto all intervistato di nominare le tre aziende che per lui godono di miglior reputazione e quella che invece si comporta per lui in modo peggiore. Insomma un voto sulla simpatia che le persone nutrono nei confronti di un azienda. 16

17 Esistono diverse filiali europee del Reputation Institute, una delle quali anche in Italia si appoggia alla SDA Bocconi. Qui nel vecchio continente si ricerca un indice Euro-RQ sia su base paneuropea che entro limiti dei singoli stati membri 7. Questa ricerca si occupa quindi di quella reputazione che i clienti hanno delle aziende. Anzi più che i clienti diretti delle singole organizzazioni viene sondata un opinione pubblica territoriale formata da consumatori. Esistono altri studi in questo senso con modalità operative leggermente differenti, ma che condividono questa definizione numerica della reputazione. Aspetto molto positivo di questa scelta è che lasciando il concetto di reputazione nella massima generalità affida ai singoli intervistati il compito di pensare cosa essi intendano per buona o cattiva reputazione: un mix di affidabilità, customer orientation, storia comunicativa, notorietà e qualità della gestione, cortesia della front line, il tutto rappresentato da una singola quantità. Di certo non ci si aspetta di fornire dati su come queste organizzazioni siano valutate da altri pubblici con cui possono avere un contatto più diretto, ad esempio le altre imprese con cui intrattengono affari o i loro veri e propri clienti diretti. Più che quella degli stakeholders si cerca l opinione dell americano o dell italiano medio. Attributi generali della reputazione Potrebbe essere quindi che a differenza dell immagine composta di attributi diversi da soggetto e soggetto, la reputazione sia questo core di tratti generali comuni ad ogni immagine che ne garantiscano la valutazione comparativa. Questi potrebbero cambiare con il periodo storico e la situazione sociale di riferimento. Ad ogni ruolo la sua reputazione. La reputazione potrebbe essere visualizzata come il rovescio della medaglia che segue le nostre scelte, quello che comporta avere un immagine pubblica. Viceversa avere una buona o cattiva reputazione potrebbe essere circostanziato non solo ad un pubblico ma anche ad un aspetto dell identità. Un ladro potrebbe avere non solo una buona reputazione per un pubblico (i suoi colleghi) ed una pessima per un altro (la polizia), ma anche rispetto alle stesse persone giudicanti sarebbe considerato meglio per certe sue abilità (scassinare ad esempio) ma peggio per altre (guidare un auto in fuga). 7 In Italia la tecnica di rilevazione è simile a quella americana ma chiede ai soggetti di nominare una o due imprese delle quali abbiano un ottima opinione ed una o due delle quali ne abbiano una pessima; vengono considerate solo le aziende in quanto tali con autonomia giuridica e che sono italiane. 17

18 Elemento in primo piano è comunque la caratteristica di valore che una reputazione assume, e si potrebbero studiare gli effetti che le singole azioni o delle ipotetiche micro-reputazioni abbiano su di un più generale giudizio che viene dato della persona. Ad esempio una compagnia potrà avere una buona reputazione nei confronti dei suoi clienti riguardo alla qualità dei suoi prodotti ed alla preparazione del suo personale, ma queste opinioni così generali devono essere fondate su singole esperienze e su giudizi con una portata più ristretta ma attinenti (le telefonate al call center). A questo punto un unico giudizio generale di un pubblico di cosa terrebbe conto? Quali caratteristiche hanno più peso nella valutazione di una persona in termini assoluti? A quali standard morali vengono paragonate le diverse azioni dei singoli per poter comparare individui con professioni, abilità e personalità molto diverse? Bisognerebbe quindi individuare alcune categorie generali e meno soggette al mutamento dei valori sociali che possano spiegare il comportamento degli attori sociali, eleggendo queste a corpo fondamentale del processo. Il sistema reputazione di per sé deve avere delle caratteristiche formali di mantenimento, che auspicabilmente rimarrebbero pressoché invariate interindividualmente ed tra diversi periodi storici. Se riconducessimo tutto il meccanismo della reputazione al, poniamo, rapporto di fiducia o trust tra reputante e reputato, riuscendo cioè a spiegare molti effetti di quello che chiamiamo reputazione in termini di fidarsi, credere alle parole dell altro, vorremmo a quel punto cercare delle parole che non identifichino più delle credenze sociali ma dei veri e propri ingranaggi del processo. Anche il valore della sincerità è contestuale? Al capitano di una nave pirata sarebbe stato concesso di mentire all intero suo equipaggio in qualsiasi situazione o esiste anche in situazioni critiche il bisogno di credere alle parole gli uni degli altri per mantenere un certo ordine all interno delle relazioni? E ancora, questo bucaniere avrebbe mai potuto godere di una assoluta ed imprescindibile reputazione da buon pirata? E se sì, questa avrebbe implicato una certa forma di sincerità nei confronti del suo pubblico giudicante (la sua ciurma presumibilmente, e forse anche le sue vittime)? Abbiamo insomma sempre bisogno di vedere in una qualsiasi professionalità quei valori cristiani o da eroe di un film americano per considerarla buona, o questi si modificano del tutto a seconda del pubblico a cui vengono proposti? 18

19 Nel caso in cui non esistesse un meccanismo della reputazione basato su delle costanti allora potremmo solo rifugiarci in un fa ciò che vuoi con la preghiera che la gente ci giudichi positivamente, o da consulenti di pubbliche relazioni potremmo di volta in volta provare ad indagare cosa piace alla gente che piace (a noi) per un opera di persuasione di volta in volta personalizzata e mirata. Questo giustificherebbe del tutto il mentire, a condizione che poi si sia abbastanza savi da saper tenere in piedi la propria menzogna, e farebbe perdere di valore a quei codici etici scritti ed assoluti che altro non possono fare che essere di impiccio per un consulente che debba di volta in volta leggerli in chi lo ascolta. Ma anche in questo caso si potrebbero cercare dei principi assoluti! Nello specifico del mentire in considerazione, sarebbe legittimo chiedersi come si possa fare per mantenere la propria reputazione menzognera a filo con l opinione del pubblico, e quindi si ammetterebbe quindi il verosimile come valore vero. Uno studio sulla coerenza allora scalzerebbe il bisogno di veridicità per un obbligo a mantenersi verosimili nella propria parte. Ma da dove prenderebbe il bisogno di coerenza la sua legittimazione? Dalla fiducia forse di poter prevedere il comportamento razionale di un soggetto nel non eleggere a capo di stato un pazzo criminale? Ma non si basa questa fiducia almeno in parte sull ipotizzare fino a prova contraria le dichiarazioni dell altro come vere (almeno le assunzioni di responsabilità)? Ed ecco formato un circolo vizioso che quasi scoraggia questo tipo di ricerche, o forse stimola ad usare quegli indici RQ che tanto poco vogliono sapere della reputazione se non un generico mi piace non mi piace del pubblico e confidano nelle leggi dei grandi numeri per la correzione degli errori. Nel caso volessimo invece affidarci meno alle ricerche di mercato e cercare di capire cosa sia necessario che una buona reputazione abbia per essere tale ora e sempre, rischieremmo di incorrere in quell imposizione di autorità che tanto ha danneggiato la produzione di massa prima dell avvento del marketing. Se dichiarassimo che un soggetto debba essere in ogni situazione sincero, coerente e magari anche dotato della practical wisdom aristotelica ovvero di buon senso, e poi scoprissimo durante il corso della nostra campagna che questi attributi non comunicano nulla al nostro pubblico obiettivo (Cutlip e Center, 1997)? Di sicuro è da molti, moltissimi anni che l esplosione pragmatica contagia gli studi sulla retorica e sulla gestione della comunicazione. Ma allo stesso tempo il messaggio più importante di uno degli ultimi grandi pensatori esistiti è proprio che questo relativismo va compreso ma non deve soffocarci di nulla esiste, anche accettando un atto di autorità per limitarlo. 19

20 Autenticità della reputazione Io mento, forse il più famoso dei paradossi, ci mostra quanto sia difficile discutere riguardo la sincerità di una persona. Se io dicessi cosa vera nel dire che mento, non farei un asserzione autentica e quindi non sarei sincero? Ma allora, le mie parole andrebbero interpretate come verità, quindi sarebbe vero che ciò che dico, cioè che sono insincero. Ma l essere insincero implica che le mie parole vadano interpretate come false, e mentendo nel dire che mento affermerei di essere sincero. E siamo punto e daccapo. Di sicuro non è facile essere garanti della propria reputazione di insincerità! Ma nella vita quotidiana è davvero fuori dall ordinario trovare chi combatta per essere creduto menzognero, molto più comune è invece la ricerca di credibilità. Per quanto per essere persone credibili non sia necessario essere anche creduti sinceri (basti pensare ad un dittatore o capo di stato ricoperto da un manto di menzogne riconosciute, che però continua ad incutere rispetto e timore, e quindi ad essere credibile nel suo ruolo), è invece indispensabile aver credibilità per essere riconosciuto come una persona sincera. Verità Anzi forse l essere considerati sinceri è l ultimo gradino di un escalation alla credibilità completa. Per il popolo persiano antico la menzogna era considerato il peccato più grave che un uomo potesse commettere, ed anche oggi la verità delle proprie asserzioni è circondata da un alone di sacralità, dubbio e rispetto. Come la verità assoluta appartiene solo a Dio, così l essere falsi è associato a persone turpi con le quali si spera di aver poco a che fare nella propria vita. In molte situazioni sembra che mentire sia una soluzione accettabile, efficace ed efficiente per risolvere un problema o semplificare una situazione. Se l uomo della strada non ha motivo di chiedere ad un altro uomo la ragione per cui ha mentito per salvarsi la vita, attribuendo quindi alla propria salvezza un valore primo e provato in sé, è invece occasionale che si domandi a qualcuno perché mai abbia detto la verità in una situazione nella quale tutto quanto pesava sul piatto della bilancia del fingere. A volte sembra che non mentire sia un principio davvero autoreferenziale: non si mente perché non si vuole mentire, altre ragioni non se ne vedono. Sembra che si possa aggiustare qua e là il mondo che comunichiamo senza danni ed anzi con numerosi benefici per noi e per gli altri: i potenti hanno ricevuto altisonanti suggerimenti al 20

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Il Principio di non Contraddizione

Il Principio di non Contraddizione Formulazione Il Principio di non Contraddizione Nel libro IV della Metafisica, Aristotele prende in esame quello che lui stesso chiama il principio più saldo di tutti (bebaiotáte archè), intorno a cui

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Un differente punto di vista

Un differente punto di vista A Different Point of View Un differente punto di vista by Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Come sappiamo dal primo principio Huna, (IL MONDO E' COME TU PENSI CHE SIA

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem

E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Comunicazione E come può un corpo avere un anima? Wittgenstein e il gioco linguistico del mind-body problem Lucia Bacci * lucia.bacci@unifi.it Come sostiene Rosaria Egidi in Wittgenstein e il problema

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Ascrizioni di credenza

Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Ascrizioni di credenza Introduzione Sandro Zucchi 2014-15 Le ascrizioni di credenza sono asserzioni del tipo in (1): Da un punto di vista filosofico, i problemi che pongono asserzioni

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Una risposta ad una domanda difficile

Una risposta ad una domanda difficile An Answer to a Tough Question Una risposta ad una domanda difficile By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Un certo numero di persone nel corso degli anni mi hanno chiesto

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Gli anziani e Internet

Gli anziani e Internet Hans Rudolf Schelling Alexander Seifert Gli anziani e Internet Motivi del (mancato) utilizzo delle tecnologie dell informazione e della comunicazione (TIC) da parte delle persone sopra i 65 anni in Svizzera

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Catturare una nuova realtà

Catturare una nuova realtà (Interviste "di LuNa" > di Nadia Andreini Strive - 2004 Catturare una nuova realtà L opera di Ansen Seale (www.ansenseale.com) di Nadia Andreini (www.nadia-andreini.com :: nadia@nadia-andreini.com) Da

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli