Project management. La gestione di progetti e programmi.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Project management. La gestione di progetti e programmi."

Transcript

1 , fondatore del Project Management Institut, si è occupato di consulenza per numerose compagnie e agenzie di dodici paesi sparsi nei quattro continenti, oltre che dell'implementazione di processi e sistemi di Project Management e della formazione in questo campo, collaborando con numerose grandi imprese high-tech e agenzie governative.. La gestione di progetti e programmi. Franco Angeli, 2009 ISBN pagine 464 Managing high-technology. Program & Projects, Un classico del management in un'edizione totalmente rivista e aggiornata. Project Management è un indispensabile metodologia e guida professionale per gestire i progetti dall'inizio alla fine, rispondendo alle sfide di un mondo sempre più dinamico, coniugando creatività con sistematicità e razionalità, senza dimenticare il controllo dei costi, l'innovazione e il necessario equilibrio tra la velocità di realizzazione, la qualità totale e il servizio al cliente. Il Project Management è un sistema gestionale orientato ai risultati: una gestione sistemica di un impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta al raggiungimento di un obiettivo chiaro e predefinito mediante un processo continuo di pianificazione e controllo di risorse diverse, con vincoli interdipendenti di costi, tempi, qualità. I sistemi adattativi, temporanei, formati da diversi specialisti e valutatori di problemi, legati insieme da coordinatori e valutatori di compiti, in flusso organico, sostituiranno gradualmente le strutture che conosciamo: avremo delle strutture organico-adattative. Alla centralizzazione e unità di comando, si sostituiscono via via articolati processi di delega e si sviluppano e diffondono forme organizzative basate sull autocontrollo, autodeterminazione e autovalutazione. Una tale innovazione richiede nuove capacità manageriali, nuovi modelli organizzativi, notevoli capacità di programmazione e professionalità multidisciplinari, buona confidenza con il mondo del trattamento e controllo delle informazioni. Programmi e progetti sono elementi della massima importanza per tutte le organizzazioni: industria, società, pubblica amministrazione, persone. Nelle industrie e nelle aziende la ricerca, lo sviluppo, e la commercializzazione si attuano attraverso progetti, così come l innovazione o il miglioramento dei processi produttivi e dei sistemi informativi. Non minore è la rilevanza dei progetti nella pubblica amministrazione: la capacità d elaborare e di realizzare programmi e

2 Effective progetti, condiziona il miglioramento e lo sviluppo della scuola, della sanità, dei trasporti, dell assistenza e di ogni altro settore. I progetti esistono Cos è un progetto? Un progetto è un processo coordinato di azioni finalizzate a ottenere risultati determinanti e nuovi, nel rispetto dei limiti stabiliti di tempo e di risorse. Ogni progetto è composto di più attività elementari, sforzi a breve termine: sono i compiti. Più progetti tra loro correlati, in maggiore o minore misura, costituiscono un programma, un iniziativa a più lungo termine. Tutti i progetti devono essere ben concepiti e ben gestiti nelle fasi di pianificazione e d esecuzione per conseguire i risultati desiderati. Se il project manager, nella selezione dei progetti, nella loro pianificazione ed esecuzione, non è all altezza del suo compito si sprecano tempo, denaro, competenze e si mette a rischio lo stesso committente. L insuccesso di un singolo progetto può inoltre annullare i benefici di molti altri progetti, anche ben gestiti e riusciti. Troppo spesso, infatti, le attività di controllo e valutazione di progetti essenziali non sono svolte in modo efficace, e gli errori sono rilevati solo quando non si è più in grado di evitare conseguenze negative. È quindi essenziale che ogni unità organizzativa abbia la capacità di gestire efficacemente i progetti di sua competenza. Le organizzazioni si possono distinguere in due specie: quelle project driven e quelle project dependent. Nelle prime l'attività principale è la di realizzazione di progetti e da questo dipendono le strategie di crescita. Nelle seconde l'attività principale non è la realizzazione di progetti, ma la fornitura di beni e servizi: i progetti, i committenti e i finanziamenti sono interni. Entrambe hanno però modalità di crescita che possono essenzialmente essere: una crescita progressiva: lenta ma costante, nei prodotti, nei servizi, nei mercati e nelle risorse umane; una crescita per salti: di piccola, media e grande entità, ma più consistenti di quelli che caratterizzano la crescita progressiva. Guida strategica La guida a livello strategico della crescita di un'impresa, di un'istituzione, di un ente o di qualsiasi organizzazione, richiede: l'idea, vision, di che cosa sarà o dovrà essere l'organizzazione nel futuro; il consenso e l'adesione, commitment, nella struttura di potere dell'organizzazione, su traguardo strategico, mission, e orientamento generale che l'organizzazione si deve dare per il futuro; la documentazione dei maggiori obiettivi e delle principali strategie per il conseguimento del traguardo strategico; la pianificazione e l'implementazione di programmi e progetti specifici, per l'attuazione delle strategie stabilite e per il conseguimento degli obiettivi. Gli obiettivi indicano dove si vuole andare, mentre le strategie stabiliscono come andarci. Strategie che sono attuate attraverso progetti o programmi multi-progetto: i progetti servono quindi a mettere in pratica le strategie e a tradurre in realtà gli obiettivi stabiliti. Il processo di Project Management Il moderno Project Management si pone due obiettivi: assicurare che programmi e progetti concepiti e approvati siano coerenti con gli obiettivi strategici dell organizzazione e comportino rischi accettabili; pianificare, controllare e condurre ciascun progetto in concomitanza con tutti gli altri progetti, secondo criteri di efficacia ed efficienza, in modo che ognuno raggiunga l obiettivo 2

3 Effective strategico che li sottende tutti, nel rispetto dei vincoli di costi e tempo. Il primo di questi obiettivi è intimamente connesso alla conduzione strategica dell'organizzazione e ne deriva una maggior sicurezza della buona riuscita dei progetti intrapresi, e una maggiore garanzia di successo. La documentazione Per ottenere tutti i benefici derivanti dall utilizzo del Project Management, occorre però dotarsi di un quadro ben documentato del suo processo generale. Questo processo descrive come i portafogli di progetti siano correlati alle strategie di crescita dell'organizzazione di appartenenza; identifica e definisce le specie, o le categorie di progetti, considerando tanto i progetti in corso, quanto quelli ancora in fase di pianificazione; definisce la vita del progetto e il processo dettagliato di Project Management per ciascuna categoria progettuale; definisce, per ciascuna categoria progettuale, le linee guida dell'impresa in materia di analisi del rischio, pianificazione e controllo, con gli opportuni adattamenti per situazioni particolari; specifica le prassi e i poteri di approvazione in merito all'avviamento e all'autorizzazione dei nuovi progetti, o di cambiamenti di rilievo a progetti già autorizzati; identifica i ruoli determinanti e definisce responsabilità e poteri in materia di conduzione strategica, di Project Management e di management di funzione; specifica e descrive i metodi, le procedure e gli strumenti da impiegare in ciascuna categoria progettuale; specifica le procedure per il rimando al livello gerarchico appropriato dei conflitti e delle questioni irrisolte ai livelli inferiori, in modo da arrivare a una soluzione. Il processo di Project Management, quindi, si fonda concettualmente su tre elementi: responsabilità bene identificate per l integrazione degli apporti al progetto; pianificazione e controllo di progetto con funzione predittiva e integrativa dei singoli apporti; costituzione, gestione e conduzione del team di progetto come luogo dell integrazione dei singoli apporti al progetto. Nell ambito di questi tre elementi, i più importanti ruoli di responsabilità per l'integrazione dei singoli apporti ai progetti sono l'alta direzione, i Project managers e i Program managers, i capi funzione. Il team di progetto riunisce poi tutte le conoscenze, professionalità e competenze specialistiche necessarie alla riuscita del progetto. Programmi e progetti Il Project Management tratta della concezione, selezione, autorizzazione, pianificazione e realizzazione d iniziative chiamate progetti. I concetti e i sistemi utilizzati per gestire progetti, e le loro difficoltà, derivano dalla natura dei progetti stessi. È perciò importante avere ben chiare le loro caratteristiche specifiche e ordinarle secondo una classificazione che ne agevoli la descrizione e la gestione. I progetti sono sforzi complessi che hanno inizio e fine, e non sono ripetitivi. Un progetto è il processo di creazione di determinati risultati. Il progetto ha una vita finita. Il carattere del progetto cambia a ogni fase. L incertezza per i tempi e i costi complessivi diminuiscono man mano che il progetto procede. Molti progetti non sopravvivono alla fase di concezione o di definizione. Il costo d accelerazione di un progetto, man mano che ci si avvicina al completamento, aumenta esponenzialmente. 3

4 Effective Da queste caratteristiche si può comprendere come i progetti debbano essere gestiti in base al loro life cycle Project Management, ciclo di vita, con continuità di responsabilità, pianificazione e controllo integrato dall inizio alla fine. Deve essere dedicata uguale cura alla gestione sia del prodotto del progetto sia al processo generale che lo crea, cioè il progetto stesso. La definizione delle fasi, ognuna delle quali svilupperà un proprio life cycle project, del ciclo di vita tipico di una categoria progettuale è relativamente facile: concezione: inizio, identificazione, selezione; definizione: fattibilità, sviluppo, dimostrazione, progettazione, quantificazione; esecuzione: implementazione, produzione, esecuzione, collaudo; chiusura: conclusione e valutazione. A queste fasi bisogna poi aggiungere la considerazione di alcuni fattori del contesto progettuale variabili da progetto a progetto: le caratteristiche organizzative; il grado di familiarità con le tecniche da impiegare; la pressione concorrenziale che induce ad avviare il progetto in questione. Nei cicli di vita predittiva, la preminenza è data all'ottimizzazione rispetto all'adattabilità, in quelli adattativi si cerca, invece, di rendere le fasi progettuali più compatibili con le esigenze di cambiamento in corso d'opera, rinviando il più possibile la pianificazione di dettaglio. Contesto Ogni progetto deve, infatti, essere concepito e gestito secondo il suo particolare contesto operativo, che deve essere attentamente studiato e compreso, perché ciò che funziona egregiamente in un determinato contesto può rivelarsi inefficace in un altro. Molti progetti incontrano difficoltà o non riescono perché i loro obiettivi, la loro impostazione e le loro tecniche di management non si accordano agli elementi del contesto in cui si svolgono. Il successo del progetto, in molte situazioni, dipende quindi non solo dalla logica e dalla consequenzialità della distribuzione di ruoli, responsabilità, e risorse, ma dall'adattamento delle varie parti agli elementi esterni, gli stakeholders. Stakeholders La definizione stakeholders, elaborata nel 1963 al Research Institute dell Università di Stanford, identifica i portatori d interessi nei confronti di un'iniziativa economica, di un azienda o di un progetto: clienti, fornitori, finanziatori, collaboratori, ma anche gruppi d interesse esterni come i residenti in aree limitrofe o gruppi d interesse locali. Ogni iniziativa deve soddisfare soglie critiche di costo, servizio e qualità, diverse e specifiche per ogni stakeholders: al di sotto di quelle soglie, il cliente cambia fornitore, manager e collaboratori si licenziano e i processi non possono materialmente continuare. Una concezione più etica definisce stakeholders tutti i soggetti che possono influenzare l'impresa o che da questa sono influenzati. L'impresa deve quindi tener conto anche di quanti non hanno potere diretto su processi e profitti, portatori d'interesse passivi, ma ne subiscono le conseguenze (esempio un impatto ambientale negativo). È la responsabilità sociale dell impresa. Il valore dei progetti deve essere sempre equilibrato con la strategia d impresa. L'entità dei costi totali nel Project Management varia notevolmente, secondo il tipo, l'entità e il numero dei progetti, ma anche in dipendenza del grado di maturità che l'organizzazione ha raggiunto nella padronanza della disciplina di Project Management. Si possono quindi individuare opportunità di miglioramento dell'efficacia del Project Management, riferendole anche al personale, all'organizzazione, ai processi, ai sistemi e alle procedure in atto. Opportunità che sono: 4

5 Effective l'identificazione dei sintomi dell'inefficacia; l attribuzione dei sintomi alle cause; la definizione di un programma di miglioramento; l attuazione del programma e la valutazione dei risultati. Gestire progetti è gestire il cambiamento Migliorare le tecniche di Project Management significa quindi cambiare. L'implementazione o il miglioramento delle tecniche richiedono però l'applicazione di tecniche a lungo termine. Non esiste, infatti, un'unica risposta a tutte le situazioni. Un progetto pilota non troppo avanzato nel suo ciclo di vita, rappresentativo di gran parte degli altri progetti, strutturato in modo da non essere sprecato permette quindi di sviluppare e verificare un particolare gruppo di cambiamenti prima di introdurre su vasta scala le innovazioni ipotizzate. Comprendere e utilizzare in modo appropriato i ruoli d integrazione degli apporti progettuali, secondo la disciplina del Project Management, è determinante per il successo dei progetti complessi che molte grandi organizzazioni si trovano a dover gestire. Se qualcuno di questi ruoli è lasciato vacante, o non è definito adeguatamente, sorgeranno conflitti e si sconterà un degrado nell'efficacia progettuale. Per quanto sofisticato sia, un software di Project Management non potrà, infatti, mai sopperire agli errori nella definizione dei ruoli e della loro assegnazione. I sistemi, gli strumenti e i metodi di pianificazione e controllo dei progetti con funzione predittiva e integrativa dei singoli apporti formano il nocciolo del Project Management. Si basano sull'integrazione, in un sistema coerente, di tutte le fasi progettuali e di tutti gli elementi informativi necessari per la predizione di ciò che accadrà al progetto, in base ai piani e alle stime correnti, alla valutazione dell'avanzamento del progetto stesso e all'assorbimento dei costi preventivati. La logica è prevedere gli sviluppi non desiderati con un anticipo sufficiente a consentire azioni correttive capaci di prevenirli. Sistemi e metodi Tra i molti strumenti che permettono la migliore applicazione del Project Management si possono considerare: TPM - Total Productive Maintenance: in tutte le aziende impianti e macchine richiedono una gestione che ne garantisca l'utilizzo ottimale, poiché il loro impiego incide notevolmente sui costi di prodotto. I metodi per ottenere tale risultato sono diversi: il TPM consente di sviluppare un sistema completo di manutenzione produttiva e di migliorare l'efficienza globale degli impianti attraverso il coinvolgimento di tutte le funzioni aziendali. XPM - Extreme Project Management: X significa expanded o extreme e in questo caso vale estremo come al limite, rapido, mutevole. XPM è la gestione estrema dei progetti, o la gestione di progetti estremi. È il free climbing rispetto l alpinismo d alta quota. Più flessibile, leggero e più adatto a gestire progetti turbolenti come la creazione e lo sviluppo di un software, di un sito Web, di un prodotto con time to market molto ridotto. L XPM è governato dal chaos management. SCRUM: è un termine che deriva dal rugby, dove indica la squadra che si muove sul campo come un unica entità, mentre i giocatori si passano la palla con l obiettivo di andare a meta. Nella gestione dei progetti si propone come metodo alternativo al Project Management: aspetta l inatteso ed esercita il controllo attraverso ispezioni frequenti e adattamenti continui di processi definiti in maniera imperfetta. Meno tempo nel pianificare e definire i task. Più tempo con il team di progetto, non più un gruppo di individui in attesa di istruzioni ma gruppo che agisce autonomamente. SWOT - Strenght Weakness Objection and Threatness Analysis: permette di analizzare contestualmente i punti di forza e criticità del 5

6 Effective contesto interno ed esterno entro cui si colloca un progetto/intervento consentendo di visualizzare contemporaneamente: punti di forza interni: Strenght; punti di debolezza interni: Weakness; opportunità esterne: Opportunities; minacce esterne: Threats. È così possibile, in base ad un ottica sistemica, evidenziare in modo chiaro e sintetico le variabili capaci di agevolare o ostacolare il raggiungimento degli obiettivi, distinguendo tra i fattori legati all ambiente esterno e quelli legati invece all organizzazione interna e consentendo di orientare in modo più efficace le successive scelte strategiche e operative. Diagramma di GANTT: è uno strumento di supporto alla gestione dei progetti, ideato dall'ingegnere, studioso di scienze sociali, Henry Laurence Gantt nel Un diagramma di Gantt rappresenta graficamente un calendario di attività, utile al fine di pianificare, coordinare e tracciare le specifiche attività di un progetto dando chiara illustrazione del loro stato d avanzamento. Di contro, una delle cose non tenute in considerazione in questo tipo di diagrammazione, è l'interdipendenza delle attività sottostanti, cosa evidenziata viceversa nei diagrammi PERT e CPM. PERT/CPM: è un sistema di metodologie di gestione progetti, nato nella seconda metà degli anni cinquanta. PERT Program Evaluation and Review Technique: è una tecnica di Project Management sviluppata nel 1958 dalla Booz Allen & Hamilton in collaborazione con la Marina degli Stati Uniti. Con questa tecnica si controllano le attività di un progetto utilizzando una rappresentazione reticolare che considera l interdipendenza tra tutte le attività necessarie al completamento del progetto (considerando però infinite le risorse). CPM Critical Path Method: ovvero metodo del percorso critico, è uno strumento di gestione progetti che individua, nell'ambito di un diagramma a rete (tipo PERT), la sequenza di attività più critica (massima durata) ai fini della realizzazione del progetto. Individuato il percorso critico si tengono sotto stretto controllo le attività che lo compongono, perché un ritardo (maggiore durata del previsto) di una qualsiasi di queste comporta inevitabilmente un ritardo dell'intero progetto. Il team di progetto L efficacia del Project Management si fonda sul riconoscimento che progetti pianificati siano realizzati con l apporto di un gruppo composito di persone e sul funzionamento di tale gruppo. Ma senza un attento e capace project manager, nulla di tutto ciò può funzionare. Il team di progetto è uno dei tre elementi concettuali del Project Management, assieme all esplicitazione delle responsabilità per l'integrazione dei singoli apporti al progetto e alla pianificazione di tali apporti. E sono questi tre elementi concettuali a distinguere il Project Management dalle altre forme di direzione aziendale. In senso lato, infatti, si può dire che tutti partecipanti al progetto possono considerarsi membri del team, ma, ovviamente, occorre individuare quali sono i membri determinanti del team di progetto. Le condizioni tutte essenziali perché questo accada sono: individuazione esplicita dei membri del team, dei loro ruoli e delle loro responsabilità; obiettivi del progetto chiari e ben compresi; piani di lavoro realistici con scadenze ben chiare; regole ben ragionate in merito al flusso delle informazioni, alle comunicazioni, alle riunioni, ecc.; leadership del project manager. Una leadership è necessaria e fondamentale e deve essere capace di cogliere i tratti distintivi delle circostanze e delle personalità che di volta in volta entrano in gioco. Per far questo potrà utilizzare: tecniche motivazionali: bisogna rendersi conto dei bisogni insoddisfatti dei singoli membri del team di progetto; comunicazione interpersonale e 6

7 Effective organizzazione: le situazioni conflittuali sono comuni, e un utile strategia per superarle è quella di instaurare un clima ispirato al confronto leale e al problem solving; competenze di decision making e di team building: risponde ai bisogni dei singoli e contribuisce alla qualità delle decisioni e all'unità del team; processi d integrazione. Processi d integrazione che, all interno del gruppo di lavoro, si attuano attraverso: comportamenti rafforzativi: concentrarsi e far concentrare su ciò che più conta; dare l esempio; premiare collaborazione e risultati; reagire ai comportamenti denigratori; comportamenti innovativi: cercare di fare sempre meglio; rimuovere i blocchi nelle aspettative; creare un contesto aperto alle nuove idee; favorire una ragionevole apertura al rischio. I comportamenti rafforzativi e innovativi consolidano il senso di affiliazione al team. Il project manager deve perciò: offrire un modello comportamentale positivo; sollecitare a tutti il feedback continuo sull avanzamento dei lavori e sulle opportunità di miglioramento; prestare attenzione all applicazione dei piani e alla ricerca di miglioramento; mantenere l equilibrio fra esigenze e priorità. Le risorse e la loro gestione Le risorse da gestire sono diverse. Sono tempo, denaro, persone, mezzi a disposizione, attrezzature, materiali. Il tempo è risorsa fondamentale perché scorre inesorabilmente, le altre devono essere pianificate. La gestione delle risorse è quindi essenziale e comporta: la stima e la previsione delle risorse necessarie ai compiti delle singole funzioni per ogni progetto (schedulazione); l acquisizione, la fornitura e l allocazione delle risorse, in modo tempestivo ed efficiente; la pianificazione del lavoro in modo da tener conto dei limiti delle risorse disponibili; il controllo dell utilizzo delle risorse, per far completare il lavoro secondo il piano del progetto. La pianificazione e il controllo delle operazioni facenti parte di un progetto o di più progetti richiede l applicazione di modelli di moderno management e di gestione di sistemi. Un adeguata struttura organizzativa è, infatti, necessaria alla crescita di un adeguato sistema di pianificazione e controllo. Pena l inefficienza. Per risolvere il problema della pianificazione e del controllo del complesso delle operazioni occorre quindi saldare il momento organizzativo al momento dello sviluppo sistemico. Occorre valutare integralmente il progetto per: assicurare la maggiore trasparenza delle interdipendenze tra costi, tempi e realizzazioni lungo tutto il progetto; individuare i problemi prima che accadano, in modo da evitarli o minimizzarne gli effetti; individuare rapidamente le opportunità e sfruttarle in modo da accelerare la schedulazione, ridurre i costi e migliorare gli aspetti realizzativi. La valutazione integrata di un progetto è un processo da svolgere con continuità lungo tutta la durata del progetto stesso e mai un intervento da effettuare senza pianificazione solo quando emerge un problema. Nel processo di valutazione si possono individuare tre fasi da ripetere a intervalli regolari: stabilire per l intero progetto il lavoro effettivamente eseguito; i risultati tecnici ottenuti e previsti; le risorse utilizzate: tempo, personale, denaro; 7

8 Effective raffrontare la situazione di piano per: o schedulazioni; o costi budgetari; o specifiche di realizzazione; identificare gli scostamenti tra: o costi; o schedulazioni; o piani. I metodi e i procedimenti che permettono di eseguire la valutazione dei progetti si fondano sull osservazione diretta, sull interpretazione di rendiconti orali o scritti, sulla presentazione grafica delle informazioni, sulle riunioni di valutazione del progetto, sulla revisione della realizzazione, sull attività di un centro di controllo. La valutazione è però necessaria anche a progetto concluso. Al completamento del progetto si: individuano gli errori; verificano le conseguenze prodotte dagli stessi e si stabilisce come evitarli in futuro; si avviano le necessarie modifiche di miglioramento delle politiche e delle procedure nelle singole funzioni e nel Project Management. Questa valutazione finale è assimilabile allo stesso Project Management e deve essere condotta con gli stessi criteri: stabilendo obiettivi iniziali e finali (realizzazione, costi, tempi); capendo se sono stati raggiunti e individuando le cause del sì o, nel caso, del no; decidendo quali cambiamenti, di politica e procedure, compiere per rimuovere le cause di errore e implementando i cambiamenti. La diffusione delle tecniche di Project Management è seguita dall Association for Project Management e dal Project Management Institute. L APM è un organizzazione indipendente inglese con la missione di sviluppare e diffondere le pratiche di Project Management. Conta oltre soci individuali e oltre 300 aziende associate. Rilascia una certificazione internazionale di Project Management sulla base dei canoni dell International Project Management Association IPMA. Il Project Management Institute è un ente noprofit statunitense con la missione di coltivare e diffondere l eccellenza sul Project Management. La sua attività si sviluppa attraverso la gestione e pubblicazione di standard e best practices e la gestione di certificazioni internazionali sul Project Management. Se vuoi che le cose siano differenti diventa differente. Norman Vincent Peale Effective permette di aggiornare le proprie conoscenze, fornendo validi strumenti per poterle subito applicare aumentando così la propria produttività. Maggiori Conoscenze Maggiori Capacità Effective seleziona, tra le migliaia di libri pubblicati annualmente, una serie di testi italiani e internazionali, preparando per ognuno un Book Brief: una presentazione dei contenuti del libro, un sunto dei suoi concetti e delle sue idee, uno strumento efficace e rapido di conoscenza e crescita professionale e personale. È il come fare : conoscenze subito applicabili perché trasformate in capacità. Ottimizzate il tempo. Risparmiate centinaia di ore di lettura. Aumentate la produttività. Memorizzate nuove idee chiave subito applicabili. I benefici di Effective, con efficacia e concisione, sono questi. 8

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT IL PROJECT MANAGEMENT Scopi e campi di applicazione La pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione dei tempi La gestione e il controllo del progetto

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA Roma, aprile 2015 Project Management (Prof. A. Rocchi) A cosa si riferisce Diverse sono le problematiche relative alla gestione dei progetti all interno di ogni

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER

LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER LE COMPETENZE DI FUNDRAISING (CF) INSEGNATE AL MASTER Indice INTRODUZIONE... 3 CF1 - SVILUPPARE IL CASO PER IL FUNDRAISING... 4 CF 1.1 : INDIVIDUARE LE NECESSITÀ DI FUNDRAISING DI UN ORGANIZZAZIONE NONPROFIT;...

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI

Proposte formative CHANGE MANAGEMENT MANAGEMENT DELLE RISORSE UMANE GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO E ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO NELLA PMI Proposte formative Un team di esperti in progettazione formativa è a disposizione per lo sviluppo di soluzioni personalizzate e la realizzazione di percorsi costruiti intorno alle esigenze di ciascuna

Dettagli

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA

Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Lezione n.15 IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il progetto definitivo è corredato dal cronoprogramma delle lavorazioni, redatto anche al

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015

IL CRONOPROGRAMMA 04/05/2015 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere - prof. arch. Renato G. Laganà IL CRONOPROGRAMMA Prof. arch. Renato Laganà Articolo 17. All. XXI Codice Appalti Cronoprogramma. 1. Il

Dettagli

Il ciclo di vita del progetto Laboratorio di progettazione con il metodo del quadro logico

Il ciclo di vita del progetto Laboratorio di progettazione con il metodo del quadro logico Il ciclo di vita del progetto Laboratorio di progettazione con il metodo del quadro logico MODULO D Roma, 06/08 e 11/13 maggio 2015 Carlos Costa FINANZIAMENTO REALIZZAZIONE 2 La pianificazione delle attività:

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML

Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Proposte formative offerte da Trevi S.p.A. in collaborazione con Fraunhofer IML Corsi internazionali, corsi in house, master e convegni: la qualità dell insegnamento è sempre garantita da docenti selezionati,

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012)

Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012) Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012) Il Project Management: approcci gestionali e processi (Prof. Ing. Guido Capaldo)

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1

LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING. Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Prof. Giancarlo Ferrero - Università 1 LA PIANIFICAZIONE DI MARKETING Argomenti affrontati: Pianificazione aziendale e pianificazione di marketing Tendenze evolutive nella

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1

Scrum. Caratteristiche, Punti di forza, Limiti. versione del tutorial: 1.0. www.analisi-disegno.com. Pag. 1 Scrum Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 1.0 Pag. 1 Scrum è uno dei processi agili (www.agilealliance.com) il termine è derivato dal Rugby, dove viene chiamato Scrum il pacchetto

Dettagli

Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #8.1 «Principi e Strumenti della Gestione dei Progetti»

Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #8.1 «Principi e Strumenti della Gestione dei Progetti» Università del SALENTO - Facoltà di INGEGNERIA CdL Ingegneria Civile (Lecce) & CdL Ingegneria Industriale (Brindisi) A.A. 2014/2015 Corso di «Ingegneria Economica» Sessione #8.1 «Principi e Strumenti della

Dettagli

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi

Project Management. Modulo: Introduzione. prof. ing. Guido Guizzi Project Management Modulo: Introduzione prof. ing. Guido Guizzi Definizione di Project Management Processo unico consistente in un insieme di attività coordinate con scadenze iniziali e finali, intraprese

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

Dalla storia antica ai tempi moderni

Dalla storia antica ai tempi moderni Dalla storia antica ai tempi moderni Il termine project management oggi ampiamente diffuso nel mondo dell ICT (Information and Communication Technologies) fa, da sempre, riferimento alla organizzazione

Dettagli

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it La verifica di fattibilità Dagli studi sull opportunità all'avvio del progetto. Studio del mercato. Cenni di business

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Pianificazione e progettazione

Pianificazione e progettazione Pianificazione e progettazione L analisi preventiva degli eventi e delle loro implicazioni rappresenta una necessità sempre più forte all interno di tutte le organizzazioni variamente complesse. L osservazione

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management

Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management Condizioni organizzative per la gestione di progetti di successo Project Management L organizzazione del lavoro per progetti è stata per lungo tempo una caratteristica prevalente delle aziende che operano

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP.

Marketing: una definizione 28/10/2013 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2013/2014 CREAZIONE DI VALORE, ATTIVITÀ DI MARKETING E STRATEGIE D IMPRESA, PIANIFICAZIONE (CAP. 1, 2, 3) Unit 5 Slide 5.2.1 Lezioni del 29/30/31 ottobre 2013 IL

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione.

Diventa fondamentale che si verifichi una vera e propria rivoluzione copernicana, al fine di porre al centro il cliente e la sua piena soddisfazione. ISO 9001 Con la sigla ISO 9001 si intende lo standard di riferimento internazionalmente riconosciuto per la Gestione della Qualità, che rappresenta quindi un precetto universale applicabile all interno

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo

Capitolo XVII. La gestione del processo innovativo Capitolo XVII La gestione del processo innovativo Il ruolo dell innovazione nell economia dell immateriale L innovazione ha assunto un ruolo particolarmente significativo come variabile esplicativa della

Dettagli

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ Bottoncino CATALOGO CORSI (SEZIONE FORMAZIONE AZIENDALE) COMUNICAZIONE E RELAZIONALITÀ COMPETENZE MANAGERIALI BENESSERE E PRODUTTIVITÀ FORMAZIONE TECNICA Cliccando tendina COMUNICAZIONE E RELAZIONALITA

Dettagli

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO Lucio Argano Esempio di check list nella gestione di progetti di spettacolo 1 LUCIO ARGANO Esempio di check list per la gestione di un progetto nel settore dello spettacolo dal vivo sintesi da L.Argano

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG)

Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG) PROGETTO DI CONSULENZA DIREZIONALE Obiettivo principale: Riorganizzazione del sistema aziendale (ORG) Data / / Nome azienda Sede Legale Premessa: In relazione agli obiettivi emersi nel corso dell incontro

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

Le novità della nuova UNI EN ISO 14001:2015. Daniele Pernigotti Delegato italiano in ISO/TC 207/SC1/WG5

Le novità della nuova UNI EN ISO 14001:2015. Daniele Pernigotti Delegato italiano in ISO/TC 207/SC1/WG5 Le novità della nuova UNI EN ISO 14001:2015 Daniele Pernigotti Delegato italiano in ISO/TC 207/SC1/WG5 Milano, 25/09/2015 Sommario 1. Perchè una nuova revisione 2. Le principali novità della ISO 14001:2015

Dettagli

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO

Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO 1 Organisational Approach of Self-controlled Instrument for qualification demand in SME QUESTIONARIO O A S I 2005 2 SESSIONI DEL QUESTIONARIO 1. Il processo di analisi 2. Informazioni sull'impresa ID 3.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PERCORSO LABORATORIO CAF

PERCORSO LABORATORIO CAF PERCORSO LABORATORIO CAF I.I.S.S. Majorana-Laterza Il progetto FORMIUR Miglioramento delle performance delle Istituzioni scolastiche, realizzato nell'ambito del PON 2007-2013 "Competenze per lo sviluppo"

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese

Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento. Proverbio cinese Quando soffia il vento del cambiamento, gli uni costruiscono muri, gli altri mulini a vento Proverbio cinese Cogito ERGO sum Cartesio solutions s.r.l. è una società che vuole essere al servizio delle Aziende

Dettagli

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento.

Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Unità Formativa 2.2: Definizione degli obiettivi dell intervento. Una volta realizzata l analisi del contesto di riferimento e dei fabbisogni formativi che esso esprime (vedi UF 2.1), il progettista dispone

Dettagli

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA

DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA DISPORRE DEL CAPITALE UMANO ADEGUATO PER COGLIERE GLI OBIETTIVI DELL AZIENDA LA FORMAZIONE MANAGERIALE 1. [ GLI OBIETTIVI ] PERCHÉ PROGETTARE E REALIZZARE PERCORSI DI CRESCITA MANAGERIALE E PROFESSIONALE?

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento*

Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* Quel che ogni azienda deve sapere sul finanziamento* *ma senza le note scritte in piccolo Allineare gli investimenti tecnologici con le esigenze in evoluzione dell attività Il finanziamento è una strategia

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico e Quadro Logico PROGETTO Gruppo di attività che mirano a raggiungere un obiettivo specifico in un tempo dato PROGRAMMA Serie di progetti i cui obiettivi riuniti contribuiscono all obiettivo globale comune,

Dettagli

PROVINCIA DI TORINO. 8-9 Aprile 2003

PROVINCIA DI TORINO. 8-9 Aprile 2003 PROVINCIA DI TORINO Percorso formativo per l avvio della progettazione dei Piani di Zona 8-9 Aprile 2003 La progettazione partecipata ed il lavoro di rete Marco Anoni responsabile unità Formazione Kai

Dettagli

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw

Pianificazione e gestione di progetto. Adozione di tecniche e metodologie usate anche in settori diversi dalla progettazione sw Pianificazione e gestione di progetto Responsabile di progetto: attività 1) Pianificazione 2) Organizzazione 3) Gestione del personale (staffing) 4) Direzione 5) Controllo Adozione di tecniche e metodologie

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006)

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE CON QUALIFICA DIRIGENZIALE SISTEMA DI VALUTAZIONE (Approvato con deliberazione G.P. n.74/2006) Nel quadro della innovazione organizzativa avviato dalla Provincia, il Nucleo

Dettagli

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori

UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori UNI CEI EN ISO/IEC 17025 Sez. 4 e requisiti SINAL per l accreditamento dei laboratori Struttura della norma ISO/IEC 17025 1. Scopo 2. Riferimenti normativi 3. Termini e definizioni 4. Requisiti gestionali

Dettagli

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!!

TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! TU METTI LE IDEE.. NOI LE SOLUZIONI!! MISSION La mission di CSR Solution è quella di supportare soluzioni software avanzate nei settori della progettazione e della produzione industriale per le aziende

Dettagli

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA

GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA GESTIONE DI PROGETTO E ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA Il project management nella scuola superiore di Antonio e Martina Dell Anna 2 PARTE VII APPENDICE I CASI DI STUDIO Servizi pubblici territoriali online

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004

Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Governare il tempo IV Bando l.r. 28/2004 Progettare il tempo Il metodo, il processo e gli strumenti della progettazione in ottica temporale Costantina Regazzo, Antiforma srl - Milano Percorso formativo

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

PMO: così fanno le grandi aziende

PMO: così fanno le grandi aziende PMO: così fanno le grandi aziende Tutte le grandi aziende hanno al loro interno un PMO - Project Management Office che si occupa di coordinare tutti i progetti e i programmi aziendali. In Italia il project

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2

E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2 Nuove frontiere per le attività formative E X P O T R A I N I N G 2 0 1 2 Fiera Milano, 26 Ottobre 2012 Obiettivo Il Project Management può rappresentare per gli organismi formativi un ambito di business

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 PASSAGGIO DA FORMA SEMPLICE A FORMA GERARCHICO-FUNZIONALE La forma semplice è caratterizzata

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA).

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). Ing Paolo Neri 4 Settembre 2014 Associazione Vecchie e Nuove Povertà Empoli IL «PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA» Missione: favorire l uscita dal

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 10 Problematiche di gestione delle risorse umane nelle imprese internazionalizzate La gestione internazionale delle risorse umane L International

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4

IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 4 IL PROCESSO TECNICO DI SCHEDULAZIONE: TEMPI E COSTI DI UN PROJECT UNA VOLTA CREATA LA WBS E, QUINDI, INDIVIDUATA CIASCUNA PARTE ELEMENTARE DEL PROJECT, SI PASSA ALLA SCHEDULAZIONE CHE CONSISTE NELL ASSEGNARE

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO Il seguente documento, redatto per estratti da documenti del Ministero della Pubblica Istruzione, illustra in modo sintetico ma completo l Offerta Formativa dei Nuovi Indirizzi degli Istituti Tecnici.

Dettagli

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING gno Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING COSA

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli