ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014"

Transcript

1 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani INFORMAZIONI SUL CORSO Orario MER GIO VEN Ricevimento MER GIO

2 INFORMAZIONI SUL CORSO Conoscenze preliminari conoscenza di base di statistica descrittiva e inferenziale Tutti i lucidi saranno disponibili su Calendario degli esami LUN 15 DICEMBRE ore 9.00 MER 14 gennaio 2015 ore 9.00 MER 28 gennaio 2015 ore 9.00 MER 27 maggio 2015 ore 9.00 MER 17 giugno 2015 ore 9.00 MER 1 luglio 2015 ore 9.00 VEN 11 settembre 2015 ore 9.00 Sede: congressi + A 2

3 LIBRO DI TESTO Sergio Zani Andrea Cerioli ANALISI DEI DATI E DATA MINING PER LE DECISIONI AZIENDALI Giuffrè MATERIALE AGGIUNTIVO SU E consentito tenere questo libro durante l esame! SOFTWARE SPSS: Statistical Package for Social Sciences MATLAB R SAS: Statistical Analysis System 3

4 Software utilizzati nel corso Excel SPSS ver. 21 MODALITÀ DI ESAME (prova scritta) Quattro (tre) domande, ciascuna costituita da vari punti: aspetti di calcolo aspetti di commento e di interpretazione dei risultati circa della medesima importanza Aspetti relativi alle formule di Excel Commento dei risultati ottenuti da SPSS 4

5 Obiettivi del corso Illustrare i metodi statistici per il trattamento delle informazioni d interesse aziendale, considerando contemporaneamente più variabili, sia qualitative sia quantitative. Fornire un supporto conoscitivo razionale per le decisioni EVOLUZIONE DI CONCETTI Statistica (descrittiva e inferenziale) Analisi dei dati multidimensionali Data Mining = «Estrazione da una miniera di dati» (di grandi dimensioni) Scavare in insiemi di dati molto numerosi per estrarre informazioni utili Text mining Web mining 5

6 PUNTO DI PARTENZA dell analisi dei dati MATRICE DEI DATI: X riferita a n unità e p variabili Ipermercati Sup. addetti vendite Centro Torri Esselunga... MATRICE DEI DATI x is = modalità che presenta la variabile s- esima nell unità statistica i-esima Significato dei vettori riga e dei vettori colonna Tipologia delle unità statistiche 6

7 TIPI DI DATI Qualitativi (categorici) nominali: Esempi: sesso, tipo di laurea, forma giuridica delle imprese BINARI (DICOTOMICI) O CON CATEGORIE MULTIPLE (POLITOMICI) Qualitativi (categorici) ordinali: giudizi: insuff., suff., discreto, buono, ottimo Quantitativi: peso, fatturato, n. dipendenti Questionario p. 13 INDAGINE SULL ATTEGGIAMENTO DEI GIOVANI NEI CONFRONTI DELLA MODA Sesso maschio 1 femmina 2 Età _ _ Quale scuola frequenti? Liceo classico altra 4 1 liceo scientifico 2 ragioneria 3 Taglia Quanta importanza attribuisci al modo di vestire? nulla 1 moltissima scarsa 5 2 media 3 molta 4 Come definiresti il tuo stile di vestire? sportivo 1 elegante-classico 2 casual A quanto ammonta la tua paghetta settimanale? 7

8 Tab Home theatre, 7 variabili pag. 8 MARCA PREZZO POTEN ZA CASS E DVDRE C WIREL. DV X RDS 1 Akai Hitachi K Lg DAT Yamaha YHT TIPI DI MATRICI DEI DATI unità x variabili X di dimensioni n x p Individui (questionari) Aziende Prodotti o marche Unità territoriali (province, ) Tempi (serie storiche o temporali) 8

9 DATI ASSOLUTI E RELATIVI Esempio: n aziende DATI ASSOLUTI: Fatturato, valore aggiunto, n. addetti, DATI RELATIVI: Fatturato per addetto, valore aggiunto sul fatturato, ROE, A PRIORI DEFINISCO LO SCOPO DELLA RICERCA E POI SCELGO IL DATA SET DA ANALIZZARE Es. Banca Marketing strategico Ciclo vitale Next Product Segmentazione comportamentale Rischio di abbandono Sensitività del valore del portafoglio clienti 9

10 ANALISI DEL CICLO VITALE ETA STATO CIVILE PRODOTTI LAV SESSO Es. Relazione tra classe di età e possesso di cassette di sicurezza 10

11 Es. Relazione tra stato civile e possesso di cassette di sicurezza STATO CIVILE 21: CONIUGATO IN SEPARAZIONE LEGALE Output del modello di ciclo vitale Una spezzata che riporta la probabilità stimata di possedere un macroprodotto al variare dell età per ogni combinazione di SESSO STATO CIVILE PROFESSIONE 11

12 Prob. di possesso: «Assicurazione danni» Maschio, Separato, Dirigente UTILIZZI DEL MODELLO Il modello segnala in automatico le combinazioni di classe età, professione e stato civile con la più elevata probabilità di possedere il prodotto. Es.M, divorziati, infermieri e medici, età anni Il modello segnala i clienti per cui il modello prevede il possesso del prodotto ma in realtà non è presente 12

13 NEXT PRODUCT (orizzonte di breve) STATO CIVILE ETA LAV SESSO? Var COGE PRODOTTI?? OBIETTIVO VARIABILE RISPOSTA Y=1 (sì ASS DANNI ultimi 6 mesi e lo posseggono attualmente) Y=0 (no ass DANNI attualmente) Quali sono i comportamenti finanziari che meglio separano i due gruppi? Quali sono le variabili più importanti (a priori consideriamo un set di variabili esplicative) 13

14 Riepilogo variabili potenziali sesso stato civile professione classe di età totale prodotti posseduti uso di Internet possesso di Internet Debiti a breve (ammontare) Debiti a lungo (ammontare) Raccolta diretta + Indiretta Impieghi Fondi (importo) Fondi (numero)num Certificati di deposito Depositi a risparmio cc saldo (Italia +Estero) azioni (ammontare) obbligazioni (ammontare) SEGMENTAZIONE COMPORTAMENTALE (cluster analysis) 14

15 Operazione preliminare Individuazione dei valori anomali (outliers) Gr 2 Gr. 5 Gr. 6 Gr 1 Gr. 7 Gr. 8 Centroidi e matrici di covarianze: definiscono la posizione, l orientamento e l ampiezza dei diversi ellissoidi (gruppi) 15

16 Probabilità di appartenenza di un unità ai diversi gruppi (un unità non appartiene completamente ad un gruppo) Gr 1 (0.3) Gr 2 (0.6) Gr. 5 (0) Gr. 6 (0) Gr. 7 (0) Gr. 8 (0) Ciascun cliente è attribuito ad ogni segmento con una certa probabilità RISCHIO DI ABBANDONO 16

17 Rischio di abbandono: Analisi preliminari Analisi preliminari 17

18 OBIETTIVO VARIABILE RISPOSTA Y=1 (sì clienti che hanno abbandonato negli ultimi 6 mesi) Y=0 (clienti che non hanno abbandonato) Quali sono i comportamenti finanziari che meglio separano i due gruppi? Quali sono le variabili più importanti (a priori consideriamo un set di variabili esplicative) SENSITIVITA DEL PORTAFOGLIO CLIENTI 18

19 MACROPRODOTTO/I FISSATO/I Qual è la redditività aggiuntiva se i clienti con prob > soglia acquistano il prodotto? redditività potenziale richiesta Quanti clienti devo contattare e quali prodotti devo vendere? 19

20 Numero di clienti di contattare fissato Qual è la redditività attesa? CONCETTO DA RIBADIRE A PRIORI DEFINISCO LO SCOPO DELLA RICERCA E POI SCELGO IL DATA SET DA ANALIZZARE 20

21 SCHEMA FONDAMENTALE DELLA RICERCA SCIENTIFICA Problema (domanda) Raccolta di dati Analisi dei dati Conclusione provvisoria (risposta) Estensioni, generalizzazioni, nuovi problemi Il vero indicatore d intelligenza non è la conoscenza, ma l immaginazione (A. EINSTEIN) FONTI DEI DATI Fonti interne: Sistema informativo Data base (data warehouse) Data mart (The data mart is a subset of the data warehouse that is usually oriented to a specific business line or team) Fonti esterne: Banche dati: MILIOLI, RIANI, ZANI, 2010, pp ; Indagine campionaria (survey), sondaggi d opinione Ricerche di mercato: 21

22 MATRICE DEI DATI: X riferita a n unità e p variabili: X = [ x is ] Visualizzazione delle informazioni e scoperta di eventuali valori anomali Studio delle relazioni tra variabili - Quantitative (correlazione) - Qualitative nominali e ordinali (ASSOCIAZIONE) TECNICHE DI ANALISI DEI DATI TRATTAMENTI PRELIMINARI DEI DATI (cap. III) pulizia dei dati Dati mancanti (missing values) Valori anomali (outliers) VISUALIZZAZIONE DEI DATI (cap. V) RIDUZIONE DELLE DIMENSIONI (cap. VI e VII) Analisi delle componenti principali e Analisi delle corrispondenze 22

23 TECNICHE DI ANALISI DEI DATI FORMAZIONE DI GRUPPI OMOGENEI Misure di dissimilarità e di similarità tra oggetti o individui per variabili quantitative, qualitative e miste (cap. VIII) Cluster analysis (cap. IX): metodi gerarchici e non gerarchici Segmentazione dei prodotti e dei consumatori SPSS Costruzione della matrice dei dati Visualizzazione variabili: Nome, tipo, etichetta, valori Visualizzazione dati Inserimento valori, modalità o codici 23

24 Esercizio Aprire il file home_theatre_ini.sav. Assegnare alle variabili il corretto formato SCOSTAMENTI STANDARDIZZATI MILIOLI, RIANI, ZANI, 2010, pp Definizione: z i = (x i M)/ ove M è la media e (a volte indicato con s) è la deviazione standard (in SPSS calcolata come s.q.m. CORRETTO) Proprietà: 1. M = O 2. puri numeri (confrontabili) MATRICE DEGLI SCOST. STAND. : Z 24

25 Esercizio Aprire il file home_theatre.sav oppure home_theatre.xls e creare la matrice degli scostamenti standardizzati Traccia di soluzione in SPSS 25

26 Calcolo delle statistiche descrittive Esercizio: calcolare le statistiche descrittive (media, min, max, standard deviation, varianza, asimmetria e curtosi) per le 3 variabili quantitative presenti nel file home_theatre Eseguire i calcoli in Excel e SPSS. In Excel controllare le formule di asimmetria e curtosi tramite l implementazione manuale Formule da utilizzare per gli indici di asimmetria e curtosi Indice di curtosi Indice di asimmetria 26

27 Traccia di soluzione in SPSS Traccia di soluzione in Excel Dopo aver installato (attivato) il componente aggiuntivo Analisi dei dati 27

28 Traccia di soluzione in Excel Traccia di soluzione in Excel 28

29 Output Ponderazione delle unità Unità statistiche: con la stessa importanza con importanza diversa: ponderazione Vettore dei pesi (relativi): w = [w 1,, w i,, w n ] Esempio dei settori dell industria (p. 23 e seg.) 29

30 Esercizio Aprire il file Indicatori_economici. Escludere dall analisi il settore delle raffinerie Calcolare medie e deviazioni standard pesate per le variabili VA/FATT, COSTO DEL LAVORO PER DIPENDENTE, RETRIBUTIONE LORDA PER DIPENDENTE, INVESTIMENTI PER ADDETTO. Utilizzare come variabile peso il numero di addetti Traccia di soluzione in SPSS Dati Seleziona casi 30

31 Traccia di soluzione in SPSS Dati Pesa casi Traccia di soluzione in SPSS Analizza Statistiche_descrittive Descrittive 31

32 Output Traccia di soluzione in Excel Implementazione manuale delle formule 32

33 MATRICE PARTIZIONATA Partizione: suddivisione d un insieme in gruppi disgiunti Partizione delle n unità della matrice dei dati: analisi distinta per ciascun gruppo di unità ed analisi complessiva. Esempio: clienti con e senza carta fedeltà SPSS PER MATRICE PARTIZIONATA Comandi: DATI DISTINGUI CONFRONTA Unica tabella suddivisa DATI DISTINGUI DISTINGUI Una tabella per ogni gruppo 33

34 Esercizio Aprire il file home_theatre. Calcolare media e standard deviation delle variabili Prezzo e Potenza distinte per la presenza o assenza di RDS. Traccia di soluzione tramite SPSS 34

35 Traccia di soluzione tramite SPSS Output di SPSS 35

36 Traccia di soluzione tramite EXCEL Ci sono tre possibilità Utilizzo del menu Dati Subtotali Filtri + funzione subtotale Tabelle pivot ESTRAZIONE DI UN CAMPIONE CASUALE (SPSS) Dati seleziona casi 36

37 ESTRAZIONE DI UN CAMPIONE CASUALE (EXCEL) Funzione casuale.tra o generazione di numeri casuali uniformi dal componente aggiuntivo Analisi dei Dati Utilizzo della funzione INDICE per estrarre i dati MATRICE DEI DATI A TRE VIE X = [ x ist ] di dimensioni n x p x q n unità statistiche p variabili q tempi 37

38 ESEMPI Panel di consumatori: Campione costituito dai medesimi individui (famiglie) interrogati più volte in tempi successivi (6.000 famiglie) Misura dell audience televisiva: AUDITEL Dal 1986, Auditel rileva, 24 ore su 24, minuto per minuto, tutta la TV, nazionale e locale, vista attraverso diverse fonti: terrestre, satellitare, analogica e digitale. Perché Auditel? Perché la misurazione degli ascolti è un elemento fondamentale per la pianificazione degli spazi pubblicitari, risorse di cui la TV vive. Perché è necessario un organismo super partes che operi con trasparenza e affidabilità. AUDIWEB 38

39 ANALISI DI MATRICI A TRE VIE Analisi distinte per ogni tempo: si ripete q volte lo studio consueto della matrice dei dati n x p. Analisi dinamiche: si studia l evoluzione nel tempo di ogni unità con riferimento alle p variabili, oppure l evoluzione temporale dei valori di ogni singola variabile con riferimento alle n unità Creazione di classi da variabili quantitative SPSS: Trasforma Categorizzazione visuale EXCEL: se le classi sono equispaziate si può utilizzare la tabella pivot, altrimenti bisogna utilizzare la funzione frequenza oppure preliminarmente la funzione CONFRONTA e creare la tabella pivot sulla variabile categorizzata 39

40 Esercizio Aprire il file ex23.xls (ex23.sav) Creare la distribuzione di frequenze della variabile reddito utilizzando prima classi equispaziate e poi le classi che seguono Traccia di soluzione tramite SPSS Partendo dal file ex23 creare la tabella a doppia entrata che segue 40

41 Esercizio Dopo aver creato le classi richieste tramite la Categorizzazione visuale 41

42 Output Creazione della tabella a doppia entrata 42

43 Output 43

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it TRATTAMENTI PRELIMINARI DEI DATI Pulizia dei dati (data cleaning) = processo capace di garantire, con una certa soglia

Dettagli

Indice-sommario INDICE SOMMARIO CAPITOLO I LE MATRICI DEI DATI E LE ANALISI UNIVARIATE

Indice-sommario INDICE SOMMARIO CAPITOLO I LE MATRICI DEI DATI E LE ANALISI UNIVARIATE VII INDICE SOMMARIO Prefazione... xv CAPITOLO I LE MATRICI DEI DATI E LE ANALISI UNIVARIATE 1. Analisi dei dati e data mining... 1 2. La matrice dei dati «unità pervariabili»... 6 3. Idatiricavatidaun

Dettagli

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it LA CLASSIFICAZIONE CAP IX, pp.367-457 Problema generale della scienza (Linneo, ) Analisi discriminante Cluster Analysis

Dettagli

Contenuto del libro...2 Convenzioni utilizzate nel libro...2

Contenuto del libro...2 Convenzioni utilizzate nel libro...2 Indice Introduzione... 1 Contenuto del libro...2 Convenzioni utilizzate nel libro...2 I INTERVALLI E FORMULE DI EXCEL 1 Ricavare il massimo dagli intervalli.... 7 Tecniche avanzate di selezione degli intervalli...7

Dettagli

Il campionamento. Ulteriori vantaggi: economicità (costi e tempi limitati)

Il campionamento. Ulteriori vantaggi: economicità (costi e tempi limitati) Il campionamento Il campionamento Insieme delle operazioni che consistono nella selezione, nelle intenzioni rappresentativa, degli appartenenti ad una popolazione, allo scopo di studiare una porzione della

Dettagli

CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti

CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti CRM Strategico Soluzione evoluta per aumentare vendite e soddisfazione dei clienti Canali e Core Banking Finanza Crediti Sistemi Direzionali Sistemi di pagamento e Monetica CRM Strategico Cedacri ha sviluppato

Dettagli

Indice L Analisi dei dati con SPSS

Indice L Analisi dei dati con SPSS Indice 1 L Analisi dei dati con SPSS 1 1.1 Introduzione....................................... 1 1.2 Importazione di un file di dati.............................. 3 1.3 Preparazione di un file dati...............................

Dettagli

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it RIPASSO SULLE MATRICI 1 Addizione tra matrici Moltiplicazione Matrice diagonale Matrice identità Matrice trasposta

Dettagli

DATA MINING PER IL MARKETING

DATA MINING PER IL MARKETING DATA MINING PER IL MARKETING Andrea Cerioli andrea.cerioli@unipr.it Sito web del corso GLI ALBERI DI CLASSIFICAZIONE Algoritmi di classificazione Zani-Cerioli, Cap. XI CHAID: Chi-square Automatic Interaction

Dettagli

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla 21 Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla Analizza Regressione Statistiche Grafici Metodo di selezione Analisi dei dati 21.1 Introduzione 21.2 Regressione lineare multipla con SPSS 21.3 Regressione

Dettagli

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014

ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 ANALISI DEI DATI PER IL MARKETING 2014 Marco Riani mriani@unipr.it http://www.riani.it RAPPRESENTAZIONI GRAFICHE Nella comunicazione una figura vale più di cento numeri e di mille parole! 1 SCOPI DELLE

Dettagli

modo differenziato i clienti ricadenti nelle differenti classi. Tecnica RFM Questo approccio considera, oltre al valore di fatturato (contemplato

modo differenziato i clienti ricadenti nelle differenti classi. Tecnica RFM Questo approccio considera, oltre al valore di fatturato (contemplato Metodi quantitativi per il targeting Per le piccole e medie imprese il Data Base di Marketing (DBM) è di importanza cruciale nella segmentazione della clientela e individuazione del target di interesse

Dettagli

Excel Terza parte. Excel 2003

Excel Terza parte. Excel 2003 Excel Terza parte Excel 2003 TABELLA PIVOT Selezioniamo tutti i dati (con le relative etichette) Dati Rapporto tabella pivot e grafico pivot Fine 2 La tabella pivot viene messa di default in una pagina

Dettagli

EPG Metodologia della ricerca e Tecniche Multivariate dei dati. Dott.ssa Antonella Macchia E-mail: a.macchia@unich.it. www.psicometria.unich.

EPG Metodologia della ricerca e Tecniche Multivariate dei dati. Dott.ssa Antonella Macchia E-mail: a.macchia@unich.it. www.psicometria.unich. EPG Metodologia della ricerca e Tecniche Multivariate dei dati Dott.ssa Antonella Macchia E-mail: a.macchia@unich.it www.psicometria.unich.it GIORNI E ORARI LEZIONI Sabato 01-03-2014 h 08:00-12:00 Sabato

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

FACOLTA DI PSICOLOGIA Scienze della Mente TESINA DI INFORMATICA. Fossataro Carlotta Di Rienzo Ariana Basso Alessandra Marchetto Helena

FACOLTA DI PSICOLOGIA Scienze della Mente TESINA DI INFORMATICA. Fossataro Carlotta Di Rienzo Ariana Basso Alessandra Marchetto Helena FACOLTA DI PSICOLOGIA Scienze della Mente TESINA DI INFORMATICA Fossataro Carlotta Di Rienzo Ariana Basso Alessandra Marchetto Helena SPSS INDICE INTRODUZIONE...3 FINESTRE...4 EDITOR DEI DATI...4 OUTPUT...11

Dettagli

ESERCITAZIONE 4 SOCIALE. Corso di Laurea Comunicazione e A.A. 2012/2013

ESERCITAZIONE 4 SOCIALE. Corso di Laurea Comunicazione e A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE 4 STATISTICA PER LA RICERCA SOCIALE Corso di Laurea Comunicazione e Psicologia A.A. 2012/2013 \\lib\psico\corsi\esercitazioni_cp1 Il programma SPSS 1) Aprire spss 2) Immettere dati / aprire

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG82U

STUDIO DI SETTORE VG82U ALLEGATO 18 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG82U SERVIZI PUBBLICITARI, RELAZIONI PUBBLICHE E COMUNICAZIONE CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence

Introduzione alla Business Intelligence SOMMARIO 1. DEFINIZIONE DI BUSINESS INTELLIGENCE...3 2. FINALITA DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...4 3. DESTINATARI DELLA BUSINESS INTELLIGENCE...5 4. GLOSSARIO...7 BIM 3.1 Introduzione alla Pag. 2/ 9 1.DEFINIZIONE

Dettagli

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. Analisi sui consumi. Metodo delle inchieste familiari. Metodo delle disponibilità globali

Analisi di Mercato. Facoltà di Economia. Analisi sui consumi. Metodo delle inchieste familiari. Metodo delle disponibilità globali Obiettivi delle aziende Analisi di Mercato Facoltà di Economia francesco mola Analisi sui consumi Conoscere i bisogni e i gusti dei consumatori Valutare la soddisfazione della clientela Lanciare nuovi

Dettagli

Analisi dei gruppi (Cluster analysis)

Analisi dei gruppi (Cluster analysis) Capitolo 10 Analisi dei gruppi (Cluster analysis) Partendo da un collettivo multidimensionale, l analisi dei gruppi mira ad assegnarne le unità a categorie non definite a priori, formando dei gruppi di

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG82U

STUDIO DI SETTORE VG82U ALLEGATO 18 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG82U SERVIZI PUBBLICITARI, RELAZIONI PUBBLICHE E COMUNICAZIONE 862 CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio

Dettagli

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione

Value Manager. Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager Soluzione integrata per la pianificazione e il controllo di gestione Value Manager è una soluzione completa

Dettagli

Data mining e rischi aziendali

Data mining e rischi aziendali Data mining e rischi aziendali Antonella Ferrari La piramide delle componenti di un ambiente di Bi Decision maker La decisione migliore Decisioni Ottimizzazione Scelta tra alternative Modelli di apprendimento

Dettagli

SEGMENTAZIONE INNOVATIVA VS TRADIZIONALE

SEGMENTAZIONE INNOVATIVA VS TRADIZIONALE SEGMENTAZIONE INNOVATIVA VS TRADIZIONALE Arricchimento dei dati del sottoscrittore / user Approccio Tradizionale Raccolta dei dati personali tramite contratto (professione, dati sul nucleo familiare, livello

Dettagli

Dipartimento di Scienze dell Educazione Università degli studi Roma Tre

Dipartimento di Scienze dell Educazione Università degli studi Roma Tre Dipartimento di Scienze dell Educazione Università degli studi Roma Tre Materiale del Laboratorio sulle Procedure Statistiche di base con SPSS CASD Centro Analisi Statistica Dati 1 1. Il Questionario Nella

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG87U

STUDIO DI SETTORE VG87U ALLEGATO 21 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG87U CONSULENZA FINANZIARIA, AMMINISTRATIVO-GESTIONALE E AGENZIE DI INFORMAZIONI COMMERCIALI CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE

Dettagli

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it

Introduzione alla Business Intelligence. E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence E-mail: infobusiness@zucchetti.it Introduzione alla Business Intelligence Introduzione Definizione di Business Intelligence: insieme di processi per raccogliere

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK16U

STUDIO DI SETTORE TK16U ALLEGATO 7 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TK16U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine

Dettagli

STUDIO DI SETTORE WK21U

STUDIO DI SETTORE WK21U ALLEGATO 12 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE WK21U ATTIVITÀ DEGLI STUDI ODONTOIATRICI CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce ai

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistemi informazionali La crescente diffusione dei

Dettagli

Cluster gerarchica. Capitolo

Cluster gerarchica. Capitolo Cluster gerarchica Capitolo 33 Questa procedura consente di identificare gruppi di casi relativamente omogenei in base alle caratteristiche selezionate, utilizzando un algoritmo che inizia con ciascun

Dettagli

Piacenza, 10 marzo 2014 La preparazione della tesi di Laurea Magistrale

Piacenza, 10 marzo 2014 La preparazione della tesi di Laurea Magistrale Piacenza, 0 marzo 204 La preparazione della tesi di Laurea Magistrale ma questa statistica a che cosa serve? non vedo l ora di cominciare a lavorare per la tesi. e dimenticarmi la statistica!! il mio relatore

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG41U

STUDIO DI SETTORE UG41U A L L E G AT O 1 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UG41U R I C E R C H E D I M E R C A T O E S O N D A G G I D I O P I N I O N E CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U ALLEGATO 21 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

IBM SPSS Direct Marketing 21

IBM SPSS Direct Marketing 21 IBM SPSS Direct Marketing 21 Nota: Prima di utilizzare queste informazioni e il relativo prodotto, leggere le informazioni generali disponibili in Note a pag. 109. Questa versione si applica a IBM SPSS

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA TESI DI LAUREA TRIENNALE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA TESI DI LAUREA TRIENNALE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA TRIENNALE Cluster Analysis per la segmentazione della clientela utilizzando

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM44U

STUDIO DI SETTORE SM44U ALLEGATO 4 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM44U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

IBM SPSS Direct Marketing 20

IBM SPSS Direct Marketing 20 IBM SPSS Direct Marketing 20 Nota: Prima di utilizzare queste informazioni e il relativo prodotto, leggere le informazioni generali disponibili in Note legali a pag. 109. Questa versione si applica a IBM

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG40U

STUDIO DI SETTORE SG40U ALLEGATO 1 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG40U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG55U

STUDIO DI SETTORE VG55U ALLEGATO 10 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG55U SERVIZI DI POMPE FUNEBRI E ATTIVITÀ CONNESSE CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG70U

STUDIO DI SETTORE VG70U ALLEGATO 14 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG70U SERVIZI DI PULIZIA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce ai contribuenti un

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SG42U

STUDIO DI SETTORE SG42U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Introduzione e Statistica descrittiva Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Introduzione

Dettagli

Tecniche di rilevazione statistica

Tecniche di rilevazione statistica Tecniche di rilevazione statistica Il disegno di ricerca Indagini censuarie e campionarie Indagini campionarie basate su questionario Introduzione al campionamento Il disegno di ricerca Con il termine

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG94U

STUDIO DI SETTORE UG94U A L L E G AT O 6 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UG94U P R O D U Z I O N I E D I S T R I B U Z I O N I C I N E M A T O G R A F I C H E E D I V I D E O, A T T I V I T À R A D I O T E L E V

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG34U

STUDIO DI SETTORE VG34U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG34U SERVIZI DI ACCONCIATURA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce ai contribuenti

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale di area tecnica. Corso di Statistica Medica Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale di area tecnica Corso di Statistica Medica Campionamento e distribuzione campionaria della media Corsi di laurea triennale di area tecnica -

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM09A

STUDIO DI SETTORE VM09A ALLEGATO 6 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VM09A COMMERCIO DI AUTOVEICOLI CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce ai contribuenti

Dettagli

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice

Riassunto 24 Parole chiave 24 Commenti e curiosità 25 Esercizi 27 Appendice cap 0 Romane - def_layout 1 12/06/12 07.51 Pagina V Prefazione xiii Capitolo 1 Nozioni introduttive 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Cenni storici sullo sviluppo della Statistica 2 1.3 La Statistica nelle scienze

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG39U

STUDIO DI SETTORE VG39U A L L E G AT O 8 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG39U A G E N Z I E D I M E D I A Z I O N E I M M O B I L I A R E CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio

Dettagli

Presentazione. Risorse Web. Metodi Statistici 1

Presentazione. Risorse Web. Metodi Statistici 1 I-XVI Romane_ 27-10-2004 14:25 Pagina VII Prefazione Risorse Web XI XIII XVII Metodi Statistici 1 Capitolo 1 Tecniche Statistiche 3 1.1 Probabilità, Variabili Casuali e Statistica 3 1.1.1 Introduzione

Dettagli

Fogli Elettronici: MS Excel utilizzo avanzato

Fogli Elettronici: MS Excel utilizzo avanzato Fogli Elettronici: MS Excel utilizzo avanzato 1 Ripasso 2 1 Selezionare celle e gruppi di celle Una cella in un foglio è individuata dall incrocio tra la riga e la colonna (coordinate della cella) Es:

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Data Mining. Introduzione La crescente popolarità

Dettagli

2. Un carattere misurato in un campione: elementi di statistica descrittiva e inferenziale

2. Un carattere misurato in un campione: elementi di statistica descrittiva e inferenziale BIOSTATISTICA 2. Un carattere misurato in un campione: elementi di statistica descrittiva e inferenziale Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG67U

STUDIO DI SETTORE VG67U A L L E G AT O 19 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG67U T I N T O R I E E L AVA N D E R I E CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG93U

STUDIO DI SETTORE UG93U A L L E G AT O 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UG93U A T T I V I T À D E G L I S T U D I D I D E S I G N CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di

Dettagli

INTRODUZIONE STATISTICA

INTRODUZIONE STATISTICA INTRODUZIONE STATISTICA (scienza dello stato): insieme dei principi e di metodi per la raccolta, elaborazione, utilizzazione e interpretazione di informazioni riguardanti fenomeni collettivi. In termini

Dettagli

Catalogo dei corsi di statistica e di marketing research

Catalogo dei corsi di statistica e di marketing research I nostri corsi di formazione Catalogo dei corsi di statistica e di marketing research 06/02/2009 Knowledge management for marketing intelligence La nostra esperienza di formazione I ricercatori e i consulenti

Dettagli

Sommario. Capitolo 1 Impiego della statistica per la gestione dell azienda 1. Capitolo 2 Disponibilità e produzione delle informazioni statistiche 19

Sommario. Capitolo 1 Impiego della statistica per la gestione dell azienda 1. Capitolo 2 Disponibilità e produzione delle informazioni statistiche 19 Prefazione XI Capitolo 1 Impiego della statistica per la gestione dell azienda 1 1.1 Premessa 1 1.2 Il ruolo della statistica a supporto del processo decisionale del manager 3 1.3 L impiego della statistica

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM44U

STUDIO DI SETTORE VM44U ALLEGATO 18 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VM44U COMMERCIO AL DETTAGLIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER UFFICIO CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio

Dettagli

8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT

8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT 8.9 CREARE UNA TABELLA PIVOT Utilizziamo la tabella del foglio di Excel Consumo di energia elettrica in Italia del progetto Aggiungere subtotali a una tabella di dati, per creare una Tabella pivot: essa

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM10U

STUDIO DI SETTORE VM10U ALLEGATO 8 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VM10U COMMERCIO DI PARTI E ACCESSORI DI AUTOVEICOLI E MOTOVEICOLI CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di

Dettagli

Corso di Analisi Statistica per le Imprese (9 CFU) Prof. L. Neri a.a. 2011-2012

Corso di Analisi Statistica per le Imprese (9 CFU) Prof. L. Neri a.a. 2011-2012 Corso di Analisi Statistica per le Imprese (9 CFU) Prof. L. Neri a.a. 2011-2012 1 Riepilogo di alcuni concetti base Concetti di base: unità e collettivo statistico; popolazione e campione; caratteri e

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG33U

STUDIO DI SETTORE VG33U ALLEGATO 4 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG33U SERVIZI DEGLI ISTITUTI DI BELLEZZA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce ai

Dettagli

Concetto di analisi ANQ

Concetto di analisi ANQ Concetto di analisi ANQ Sondaggio nazionale tra i pazienti dal 2012 Versione 2.0, settembre 2013/GR Indice Premessa... 3 1. Situazione di partenza... 3 2. Metodo sviluppo del questionario dell ANQ... 3

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO La segmentazione Considerato l insieme dei clienti che costituiscono il mercato potenziale, occorre trovare dei tratti, omogenei a più clienti, che determinano risposte simili

Dettagli

Opportunità e rischi derivanti dall'impiego massivo dell'informatica in statistica. Francesco Maria Sanna Roma, 3 maggio 2012

Opportunità e rischi derivanti dall'impiego massivo dell'informatica in statistica. Francesco Maria Sanna Roma, 3 maggio 2012 Opportunità e rischi derivanti dall'impiego massivo dell'informatica in statistica Francesco Maria Sanna Roma, 3 maggio 2012 Procedere alla misura, al rilevamento e al trattamento dei dati è sempre stato

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG41U

STUDIO DI SETTORE VG41U A L L E G AT O 1 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG41U R I C E R C H E D I M E R C A T O E S O N D A G G I D I O P I N I O N E CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG36U

STUDIO DI SETTORE VG36U ALLEGATO 6 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG36U SERVIZI DI RISTORAZIONE COMMERCIALE CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L applicazione dello studio di settore attribuisce ai

Dettagli

Disegni di Ricerca e Analisi dei Dati in Psicologia Clinica. Rcmdr

Disegni di Ricerca e Analisi dei Dati in Psicologia Clinica. Rcmdr Disegni di Ricerca e Analisi dei Dati in Psicologia Clinica Rcmdr http://www.r-project.org http://qplab.psy.unipd.it Che cos è Rcmdr? Rcmdr è un pacchetto che possiamo scaricare dal CRAN e installare su

Dettagli

3. Piano di lavoro: - applicazione di alcune semplici procedure, con il confronto tra le diverse soluzioni possibili nell ambito del programma SPSS

3. Piano di lavoro: - applicazione di alcune semplici procedure, con il confronto tra le diverse soluzioni possibili nell ambito del programma SPSS Per utilizzare SPSS sui PC dell aula informatica occorre accedere come: ID: SPSS Password: winidams Testo rapido di consultazione: Fideli R. Come analizzare i dati al computer. ed. Carocci, Urbino, 2002.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO

MASTER UNIVERSITARIO MASTER UNIVERSITARIO Analisi Dati per la Business Intelligence In collaborazione con II edizione 2013/2014 Dipartimento di Culture, Politica e Società Dipartimento di Informatica gestito da aggiornato

Dettagli

Introduzione al software SAS

Introduzione al software SAS Introduzione al software SAS Metodi Quantitativi per Economia, Finanza e Management Esercitazione n 1 Orario di ricevimento Alberto Saccardi alberto.saccardi@nunatac.it asaccardi@liuc.it Lunedì 17-18 Aula

Dettagli

Indice generale. Prefazione...xi. Introduzione...1. Capitolo 1 Tabelle e prospetti...25

Indice generale. Prefazione...xi. Introduzione...1. Capitolo 1 Tabelle e prospetti...25 Prefazione...xi Introduzione...1 Terminologia essenziale... 1 Differenze di aspetto tra Excel 2003 (XP) ed Excel 2010: la barra multifunzione... 3 Novità relative al menu File e alle barre Standard e Formattazione...

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG78U

STUDIO DI SETTORE VG78U ALLEGATO 15 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG78U ATTIVITÀ DELLE AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO E DEI TOUR OPERATOR CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio

Dettagli

1 La Matrice dei dati

1 La Matrice dei dati Dispense sull uso di Excel Daniela Marella 1 La Matrice dei dati Un questionario è costituito da un insieme di domande raccolte su un determinato supporto (cartaceo o elettronico) e somministrate alla

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE

BUSINESS INTELLIGENCE QlikView analisi dati del Personale Business Intelligence Risorse Umane BUSINESS INTELLIGENCE H1 Hrms Versione 7.0.0 Dicembre 2014 approfondimento analisi dati REPORT ED ANALISI VERSIONE BASE - MODULO

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG99U

STUDIO DI SETTORE UG99U ALLEGATO 2 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UG99U ALTRI SERVIZI A IMPRESE E FAMIGLIE CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce ai

Dettagli

La distribuzione Gaussiana

La distribuzione Gaussiana Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Biotecnologie Corso di Statistica Medica La distribuzione Normale (o di Gauss) Corso di laurea in biotecnologie - Corso di Statistica Medica La distribuzione

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG37U

STUDIO DI SETTORE VG37U ALLEGATO 7 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG37U BAR, GELATERIE E PASTICCERIE CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L applicazione dello studio di settore attribuisce ai contribuenti

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG53U

STUDIO DI SETTORE VG53U ALLEGATO 8 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG53U SERVIZI LINGUISTICI E ORGANIZZAZIONE DI CONVEGNI E FIERE CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 1

CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 1 CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 1 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it Un breve riepilogo: caratteri, unità statistiche e collettivo UNITA STATISTICA: oggetto dell osservazione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG91U

STUDIO DI SETTORE VG91U A L L E G AT O 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG91U A T T I V I T À A U S I L I A R I E D E I S E R V I Z I F I N A N Z I A R I E A S S I C U R A T I V I CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG53U

STUDIO DI SETTORE UG53U ALLEGATO 9 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE UG53U ORGANIZZAZIONE DI CONVEGNI ED ATTIVITA DI TRADUZIONI ED INTERPRETARIATO CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'obiettivo dell'applicazione

Dettagli

ALLEGATO 4. Nota Tecnica e Metodologica SG34U

ALLEGATO 4. Nota Tecnica e Metodologica SG34U ALLEGATO 4 Nota Tecnica e Metodologica SG34U 1 NOTA TECNICA E METODOLOGICA 1. CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione dello studio

Dettagli

Guida alla costruzione di tavole con i database

Guida alla costruzione di tavole con i database Guida alla costruzione di tavole con i database Al fine di fornire all utente uno strumento di analisi flessibile, oltre a rendere disponibili alcune tavole riepilogative in questo volume, viene data la

Dettagli

Ricerca scientifica Processo di ricerca

Ricerca scientifica Processo di ricerca Ricerca scientifica Processo di ricerca Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 1 Pedon, Gnisci (2004) Metodologia della ricerca psicologica. Mulino Cap. 2 La ricerca

Dettagli

IBM SPSS Direct Marketing 19

IBM SPSS Direct Marketing 19 IBM SPSS Direct Marketing 19 Note: Before using this information and the product it supports, read the general information under Notices a pag. 111. This document contains proprietary information of SPSS

Dettagli

STUDIO DI SETTORE WG34U

STUDIO DI SETTORE WG34U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE WG34U SERVIZI DI ACCONCIATURA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce ai contribuenti

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO. Analisi Dati per la Business Intelligence e Data Science. IV edizione 2015/2016

MASTER UNIVERSITARIO. Analisi Dati per la Business Intelligence e Data Science. IV edizione 2015/2016 MASTER UNIVERSITARIO Analisi Dati per la Business Intelligence e Data Science In collaborazione con IV edizione 2015/2016 Dipartimento di Culture, Politica e Società Dipartimento di Informatica Dipartimento

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG94U

STUDIO DI SETTORE VG94U A L L E G AT O 6 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG94U P R O D U Z I O N I E D I S T R I B U Z I O N I C I N E M A T O G R A F I C H E E D I V I D E O, A T T I V I T À R A D I O T E L E V

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VD12U

STUDIO DI SETTORE VD12U A L L E G AT O 17 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VD12U P R O D U Z I O N E E C O M M E R C I O A L D E T T A G L I O D I P R O D O T T I D I PA N E T T E R I A CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VG52U

STUDIO DI SETTORE VG52U ALLEGATO 7 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE VG52U CONFEZIONAMENTO DI GENERI ALIMENTARI E NON CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L'applicazione dello studio di settore attribuisce

Dettagli