Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti ESERCIZI SUL FULL COSTING SCG-E02 Pagina 0 di 41

2 CASO GAMMA TESTO La società Gamma S.P.A. produce tipi di tessuti per diversi settori industriali tra i quali in particolare l abbigliamento sportivo, l alta moda e camiceria di media qualità. I clienti del settore alta moda si lamentano per il prezzo troppo elevato di 3 specifici prodotti (A, B e C). L imprenditore, per verificare questa informazione richiede al responsabile amministrativo i costi standard dei tre prodotti. Vengono di seguito forniti il Conto Economico di budget e i dati standard di produzione. Conto Economico totale % Ricavi delle vendite ,00% Materie prime ,00% Provvigioni ,00% Salari ,00% Ammortamento impianti specifici ,00% Energie (elettricità e metano) ,00% Coloranti e materiali di consumo ,50% Stipendi ,50% Spese generali ,50% Totale costi ,50% Reddito operativo ,50% Pagina 1 di 41

3 CASO GAMMA TESTO Il sistema di calcolo dei costi dell azienda è costituito da 4 centri di costo, tre relativi all area produzione ed uno che comprende tutti i costi di struttura: 1. Tessitura 2. Finissaggio 3. Confezionamento 4. Centro di costo di struttura Si riportano i dati per la localizzazione dei costi e le informazioni necessarie per procedere al calcolo dei costi. Parametri per la localizzazione dei costi Materie prime direttamente sul prodotto Provvigioni direttamente sul prodotto (% sul fatturato) Salari in base al nr persone di produzione: Tessitura = 25 Finissaggio = 15 Confezionamento = 10 Ammortamento impianti Specifici di centro di costo Tessitura = Finissaggio = specifici Confezionamento = Energie (elettricità e metano) sulla base delle ore uomo: Tessitura = Finissaggio = Confezionamento = Coloranti e materiali di Specifici di centro di costo Tessitura = Finissaggio = consumo Confezionamento = Stipendi e spese generali Centro di costo di strutturatt ra Pagina 2 di 41

4 CASO GAMMA TESTO I costi dei centri di costo produttivi sono da imputare ai prodotti sulla base del loro costo orario e delle ore uomo utilizzate per prodotto. Il centro di costo di struttura è da imputare ai prodotti sulla base della percentuale sul fatturato. Le informazioni dei prodotti sono: Domanda: PRODOTTO A B C Prezzo unitario ( ) Materie prime (utilizzo unitario) 2,00 2,75 2,50 Materie prime (prezzo al mt) 5,00 6,00 7,00 Provvigioni (incidenza sul prezzo unitario) 6% 6% 6% Ore Tessitura (utilizzo orario per unità) 0,10 1,00 0,50 Ore Finissaggio (utilizzo orario per unità) 0,25 0,20 0,10 Ore Confezionamento (utilizzo orario per unità) 0,20 0,20 0,30 Si calcolino i costi pieni unitari dei tre prodotti. I prezzi di vendita sono effettivamente troppo elevati? Pagina 3 di 41

5 CASO GAMMA Per poter calcolare il costo pieno dei tre prodotti è necessario procedere attraverso le fasi operative del metodo full costing. In particolare: Individuare i centri di costo (informazione presente nel testo); Definire le modalità di localizzazione dei costi (indiretti) nei centri di costo (informazioni presenti nel testo); Localizzare i costi nei centri di costo e calcolarne il costo totale; Definire modalità di allocazione dei centri di costo intermedi su quelli finali (fase non necessaria in questo esercizio); Calcolare il costo unitario di output per centro di costo finale; Attribuire i costi ai prodotti: per i costi diretti in funzione delle informazioni contenute nel testo, per quelli indiretti in funzione del coefficiente di imputazione. Una volta calcolato il costo di prodotto è necessario confrontarlo con il prezzo unitario di vendita per definirne la redditività. Pagina 4 di 41

6 CASO GAMMA Fase 1: Localizzare i costi nei centri di costo e calcolarne il costo totale Conto Economico totale % Tessitura Finissaggio Confeziona mento Centro di costo di struttura Costi e Ricavi Diretti verifica quadratura Ricavi delle vendite ,00% Materie prime ,00% Provvigioni ,00% Salari ,00% Ammortamento impianti specifici ,00% Energie (elettricità e metano) ,00% Coloranti e materiali di consumo ,50% Stipendi ,50% Spese generali ,50% Totale costi ,50% Note: la colonna di quadratura finale consente di verificare se i calcoli sono stati svolti correttamente e se non si sono dimenticati costi durante la fase di elaborazione. La colonna Costi diretti serve semplicemente come contenitore di costi e ricavi ma non per effettuare fasi di elaborazione. Pagina 5 di 41

7 CASO GAMMA Il costo del personale di produzione viene ripartito tra i centri di costo produttivi sulla base del numero di presone di ogni centro (salari/ n totale personale di produzione*n personale di produzione del centro di costo): Costo unitario: Ripartizione per centro di costo: Tessitura x 25 = = Finissaggio x 15 = Confezionamento x 10 = Gli ammortamenti di impianti specifici sono attribuiti a ciascun centro di costo produttivo come specificato nel testo ( a Tessitura, a Finissaggio e a Confezionamento). L energia viene suddivisa utilizzando le ore uomo 1 (tot. costo per energia/tot. ore uomo*ore uomo per centro di costo produttivo): Costo unitario: Ripartizione per centro di costo: Tessitura 1,20 x = =1,20 ( ) Finissaggio 1,20 x = Confezionamento 1,20 x = :Queste sono le ore uomo complessive per centro di costo che devono essere utilizzate anche per il calcolo del costo orario di centro di costo. Pagina 6 di 41

8 CASO GAMMA I coloranti e i materiali di consumo sono attribuiti a ciascun centro di costo produttivo come specificato nel testo ( a Tessitura, a Finissaggio e a Confezionamento). Gli stipendi ( ) e le spese generali ( ) sono interamente attribuiti al costo di struttura. Fase 2: Calcolare il costo unitario di output per centro di costo finale Per calcolare il costo orario dei centri di costo produttivi occorre dividere il costo totale di centro di costo per le ore uomo. Per il centro di costo di struttura il costo totale deve essere diviso per il fatturato totale (come richiesto dal testo): Costo unitario dei centri di costo produttivi: Tessitura = 25,00 ( /h) Finissaggio = 30,00 ( /h) Confezionamento = 20,00 ( /h) Pagina 7 di 41

9 CASO GAMMA Fase 3: Attribuzione dei costi ai prodotti Le informazioni rilevanti per la soluzione del problema (costo unitario per centro di costo produttivo e incidenza sul fatturato per centro di costo di struttura) sono state calcolate. Per attribuire i costi dei centri di costo ai prodotti A, B e C è sufficiente moltiplicare i costi unitari di centro per gli utilizzi forniti dal testo. Si fornisce il procedimento di calcolo dei costi di lavorazione e di struttura per i tre prodotti. Si precisa che per il calcolo dei costi di struttura si è moltiplicato il costo unitario del centro di costo per il fatturato del singolo prodotto. Prodotto A Prodotto B Prodotto C Tessitura: Tessitura: Tessitura: 25,00 x 0,10 = 2,50 25,00 x 1,00 = 25,00 25,00 x 0,50 = 12,50 Finissaggio: Finissaggio: Finissaggio: 30,00 x 0,25 = 7,50 30,00 x 0,20 = 6,00 30,00 x 0,10 = 3,00 Confezionamento: Confezionamento: Confezionamento: 20,00 x 0,20 = 4,00 20,00 x 0,20 = 4,00 20,00 x 0,30 = 6,00 Costi di struttura: Costi di struttura: Costi di struttura: 40,00 x 6% = 2,40 55,00 x 6% = 3,30 50,00 x 6% = 3,00 Pagina 8 di 41

10 CASO GAMMA Per il calcolo del costo pieno di prodotto, rimangono ora da trovare i costi diretti: le provvigioni i i sono pari al 6% del prezzo di vendita mentre il costo delle materie prime si ottiene moltiplicando il prezzo al metro per l utilizzo unitario (quest ultimo indica i metri necessari per produrre la singola unità di prodotto). Prodotto A Prodotto B Prodotto C Provvigioni: Provvigioni: Provvigioni: 40,00 x 6% = 2,40 55,00 x 6% = 3,30 50,00 x 6% = 3,00 Materie prime: Materie prime: Materie prime: 5,00 x 2,00 = 10,00 6,00 x 2,75 = 16,50 7,00 x 2,50 = 17,50 Pagina 9 di 41

11 CASO GAMMA Confrontando i prezzi di vendita con i costi trovati, si ottiene la seguente scheda di sintesi: A B C Prezzo di vendita 40,00 100,00% 55,00 100,00% 50,00 100,00% Provvigioni 2,40 6,00% 3,30 6,00% 3,00 6,00% Materie prime 10,00 25,00% 16,50 30,00% 17,50 35,00% Totale Costi Diretti 12,40 31,00% 19,80 36,00% 20,50 41,00% Tessitura 2,50 6,25% 25,00 45,45% 12,50 25,00% Finissaggio 7,50 18,75% 6,00 10,91% 3,00 6,00% Confezionamento 4,00 10,00% 4,00 7,27% 6,00 12,00% Costi di lavorazione 14,00 35,00% 35,00 63,64% 21,50 43,00% Costi di struttura 2,40 6,00% 3,30 6,00% 3,00 6,00% Totale Costi Indiretti 16,40 41,00% 38,30 69,64% 24,50 49,00% Totale Costi 28,80 72,00% 58,10 105,64% 45,00 90,00% Reddito operativo 11,20 28,00% ,10-5,64% 564% 500 5,00 10,00% 00% Pagina 10 di 41

12 CASO GAMMA Per rispondere alla domanda 1 è infine necessario confrontare la redditività dei prodotti (reddito operativo/prezzo di vendita) con quella media aziendale (10,50%). Redditività prodotto A: 11,20 40,00 = 28,00% Redditività prodotto B: -3,10 = -5,64% 55,00 Redditività prodotto C: 5,00 50,00 = 10,00% L unico prodotto venduto ad un prezzo troppo elevato risulta essere il prodotto A. Infatti, la redditività del prodotto C è in linea con la media aziendale, mentre il prodotto B è addirittura a venduto sottocosto. Pagina 11 di 41

13 CASO POLIEDRIX TESTO La società Poliedrix S.p.A. produce tipi di prodotti suddivisi tra agende, calendari e block- notes. In particolare, l imprenditore vuole conoscere la redditività dei seguenti prodotti: l agenda Asterix, il calendario Olimpiadi e il block-notes cod Il Conto Economico di budget è il seguente: Conto Economico totale % Ricavi delle vendite ,00% Materie prime ,00% Ammortamento fabbricati ,00% Salari ,00% Ammortamento macchinari ,00% Energia elettrica ,00% Coloranti e materiali di consumo ,50% Stipendi ,50% Spese generali ,50% Totale costi ,50% Reddito operativo ,50% Pagina 12 di 41

14 CASO POLIEDRIX TESTO Il sistema di calcolo dei costi dell azienda è costituito da 4 centri di costo, tre relativi all area produzione ed uno che comprende tutti i costi di struttura: 1. Stampaggio 2. Colorazione 3. Rilegatura 4. Centro di costo di struttura Si riportano i dati per la localizzazione dei costi e le informazioni necessarie per procedere al calcolo dei costi. Parametri per la localizzazione dei costi Materie prime direttamente sul prodotto Salari in base al nr persone di produzione: Stampaggio = 37,5 Colorazione = 22,5 Rilegatura = 15 Ammortamento t macchinari i Specifici i di centro di costo: Stampaggio = Colorazione = Rilegatura = Ammortamento fabbricati sulla base dei metri quadri occupati: Stampaggio = 500 Colorazione = 100 Rilegatura = Energie elettrica sulla base delle ore uomo: Stampaggio = Colorazione = Rilegatura = Coloranti e materiali di Specifici di centro di costo: Stampaggio = Colorazione = consumo Rilegatura = Stipendi e spese generali Centro di costo di struttura Pagina 13 di 41

15 CASO POLIEDRIX TESTO I costi dei centri di costo produttivi sono da imputare ai prodotti sulla base del loro costo orario e delle ore uomo utilizzate per prodotto. Il centro di costo di struttura è da imputare ai prodotti sulla base della percentuale sul fatturato. Le informazioni dei prodotti sono: PRODOTTO AGENDA CALENDARIO BLOCK NOTES "ASTERIX" "OLIMPIADI" COD Prezzo unitario ( ) Materie prime (kg) 0,700 0,100 0,250 Materie prime (prezzo al kg) 10, , ,00 Ore stampaggio (utilizzo orario per unità) 0,05 0,05 0,01 Ore colorazione (utilizzo orario per unità) - 0,05 - Ore rilegatura (utilizzo orario per unità) 0,10 0,01 0,01 Domanda: Si determini quale dei tre prodotti ha una redditività maggiore. Pagina 14 di 41

16 CASO POLIEDRIX Per trovare la redditività dei tre prodotti è necessario calcolarne il costo pieno procedendo attraverso le fasi operative del metodo full costing. In particolare: Individuare i centri di costo (informazione presente nel testo); Definire le modalità di localizzazione dei costi (indiretti) nei centri di costo (informazioni presenti nel testo); Localizzare i costi nei centri di costo e calcolarne il costo totale; Definire le modalità di allocazione dei centri di costo intermedi su quelli finali (fase non necessaria in questo esercizio); Calcolare il costo unitario di output per centro di costo finale; Attribuire i costi ai prodotti: per i costi diretti in funzione delle informazioni contenute nel testo, per quelli indiretti in funzione del coefficiente di imputazione. Una volta calcolato il costo di prodotto è necessario confrontarlo con il prezzo unitario di vendita per definirne la redditività. Pagina 15 di 41

17 CASO POLIEDRIX Fase 1: Localizzare i costi nei centri di costo e calcolarne il costo totale Conto Economico totale % stampaggio colorazione rilegatura Centro di costo di struttura Costi e Ricavi Diretti verifica quadratura Ricavi delle vendite ,00% Materie prime ,00% Ammortamento fabbricati ,00% Salari ,00% Ammortamento macchinari ,00% Energia elettrica ,00% Coloranti e materiali di consumo ,50% Stipendi ,50% Spese generali ,50% Totale costi ,50% Note: la colonna di quadratura finale consente di verificare se i calcoli sono stati svolti correttamente e se non si sono dimenticati costi durante la fase di elaborazione. La colonna Costi diretti serve semplicemente comecontenitore di costi ericavi i ma non per effettuare fasi di elaborazione. Pagina 16 di 41

18 CASO POLIEDRIX Il costo del personale di produzione viene ripartito tra i centri di costo produttivi sulla base del numero di presone di ogni centro (salari/ n totale personale di produzione*n personale di produzione del centro di costo): Costo unitario: Ripartizione per centro di costo: stampaggio x 37,50 = = ,00 colorazione x 22,50 = rilegatura x 15,00 = Gli ammortamenti dei macchinari sono attribuiti a ciascun centro di costo produttivo come specificato nel testo (Stampaggio= , Colorazione= e Rilegatura=30.000). L ammortamento dei fabbricati è attribuito a ciascun centro di costo produttivo sulla base dei metri quadri occupati da ogni centro (ammortamento fabbricati/mq totali*mq centro di costo): Costo unitario: i Ripartizione i per centro di costo: stampaggio 450 x 500 = = 450 /mq colorazione 450 x 100 = rilegatura 450 x = Pagina 17 di 41

19 CASO POLIEDRIX L energia viene suddivisa utilizzando le ore uomo 1 (tot. costo per energia/tot. ore uomo*ore uomo per centro di costo produttivo): Costo unitario: Ripartizione per centro di costo: stampaggio 1,20 x = = 1,20 /h colorazione 120x 1, = rilegatura 1,20 x = I coloranti e i materiali di consumo sono attribuiti a ciascun centro di costo produttivo come specificato nel testo (Stampaggio= , Colorazione= e Rilegatura= ). Gli stipendi ( ) elespese generali ( ) sono interamente attribuiti al centro di costo di struttura. 1 Queste sono le ore uomo complessive per centro di costo che devono essere utilizzate anche per il calcolo del costo orario di centro di costo. Pagina 18 di 41

20 CASO POLIEDRIX Fase 2: Calcolare il costo unitario di output per centro di costo finale Per calcolare il costo orario dei centri di costo produttivi occorre dividere il costo totale di centro di costo per le ore uomo. Per il centro di costo di struttura il costo totale deve essere diviso per il fatturato totale (come richiesto dal testo): Costo unitario dei centri di costo produttivi: stampaggio = 28,00 ( /h) colorazione = 31,00 ( /h) rilegatura = 41,00 ( /h) Costo unitario del centro di costo di struttura: = 6% (del fatturato) Pagina 19 di 41

21 CASO POLIEDRIX Fase 3: Attribuzione dei costi ai prodotti Le informazioni rilevanti per la soluzione del problema (costo unitario per centro di costo produttivo e incidenza sul fatturato per centro di costo di struttura) sono state calcolate. Per attribuire i costi dei centri di costo ai tre prodotti è sufficiente moltiplicare i costi unitari di centro per gli utilizzi forniti dal testo. Si fornisce il procedimento di calcolo dei costi di lavorazione e di struttura per i tre prodotti. Si precisa che per il calcolo dei costi di struttura si è moltiplicato il costo unitario del centro di costo per il fatturato del singolo prodotto. AGENDA "ASTERIX" CALENDARIO "OLIMPIADI" BLOCK NOTES COD stampaggio stampaggio stampaggio 28,00 x 0,05 = 1,40 28,00 x 0,05 = 1,40 28,00 x 0,01 = 0,28 colorazione colorazione colorazione 31,00 x 0,00 = 0,00 31,00 x 0,05 = 1,55 31,00 x 0,00 = 0,00 rilegatura rilegatura rilegatura 41,00 x 0,10 = 4,10 41,00 x 0,01 = 0,41 41,00 x 0,01 = 0,41 Costi di struttura tt Costi di struttura tt Costi di struttura tt 6% x 15 = 0,90 6% x 5 = 0,30 6% x 2 = 0,12 Pagina 20 di 41

22 CASO POLIEDRIX Per il calcolo del costo pieno di prodotto, rimangono ora da calcolare i costi diretti, rappresentati in questo esercizio dal solo costo delle materie prime: quest ultimo si ottiene moltiplicando il prezzo al kg per l utilizzo unitario (quest ultimo indica i kg necessari per produrre la singola unità di prodotto). AGENDA "ASTERIX" CALENDARIO "OLIMPIADI" BLOCK NOTES COD Materie prime: Materie prime: Materie prime: 10,00 x 0,700 = 7,00 10,00 x 0,100 = 1,00 3,00 x 0,250 = 0,75 Confrontando i prezzi di vendita con i costi trovati, si ottiene la seguente scheda di sintesi: AGENDA "ASTERIX" CALENDARIO "OLIMPIADI" BLOCK NOTES COD Prezzo di vendita 15,00 100,00% 5,00 100,00% 2,00 100,00% - 0,00% - 0,00% - 0,00% - 0,00% - 0,00% - 0,00% Materie prime 7,00 46,67% 1,00 20,00% 0,75 37,50% - 000% 0,00% - 0,00% 00% - 0,00% 00% Totale Costi Variabili 7,00 46,67% 1,00 20,00% 0,75 37,50% Margine di Contribuzione 8,00 53,33% 4,00 80,00% 1,25 62,50% Stampaggio 1,40 9,33% 1,40 28,00% 0,28 14,00% Rilegatura - 0,00% 1,55 31,00% - 0,00% Colorazione 4,10 27,33% 0,41 8,20% 0,41 20,50% Costi di lavorazione 5,50 36,67% 3,36 67,20% 0,69 34,50% Costi di struttura 0,90 6,00% 0,30 6,00% 0,12 6,00% Totale costi 13,40 89,33% 4,66 93,20% 1,56 78,00% Reddito operativo 1,60 10,67% 0,34 6,80% 0,44 22,00% Dalla tabella emerge che il prodotto con una redditività maggiore è il block notes cod Pagina 21 di 41

23 CASO BACHELIT TESTO La società Bachelit S.p.A., leader nello stampaggio di termoindurenti, produce manopole e maniglie per il settore degli elettrodomestici tra cui: M06CO0013: manopola in bachelite con finitura cromo opaco; M04OT1100: manopola in bachelite con finitura ottone; G06CL0058: maniglia in bachelite con finitura cromo lucido. Il ciclo produttivo si articola nelle seguenti fasi: Progettazione Stampaggio Sbavatura Burattatura Cromatura (lavoraz. est.) Controllo Pagina 22 di 41

24 CASO BACHELIT TESTO lo stampaggio: consiste nello stampaggio della resina termoindurente con presse ad iniezione di diverso tonnellaggio e capacità produttiva; la sbavatura: consiste nell eliminazione delle bave prodotte dallo stampaggio; la burattatura: consiste nella smussatura, con l utilizzo di buratti, dei pezzi che dovranno essere cromati; la cromatura: trattamento superficiale che viene eseguito esternamente; il controllo qualità: esegue il controllo dei pezzi lavorati durante le varie fasi di lavorazione; la progettazione: l ufficio tecnico progetta gli stampi per le presse dello stampaggio sulla base delle specifiche tecniche dei prodotti. Pagina 23 di 41

25 CASO BACHELIT TESTO Il Conto Economico di budget per il 2008 è il seguente (dati in ): Ricavi delle vendite ,0% Materie prime ,0% Lavorazioni esterne (cromatura) ,0% Imballaggi ,8% Trasporti ,7% Canoni leasing ,7% Ammortamenti ,6% Locazione immobile ,4% Manutenzioni ,8% Energia ,8% Gas e riscaldamento ,2% Salari e stipendi ,3% Spese commerciali % 0,8% Spese amministrative ,0% Altri costi generali ,1% Totale costi ,2% Reddito operativo ,8% Il sistema di calcolo dei costi dell azienda è costituito da 5 centri di costo, tre relativi all area produzione (stampaggio, sbavatura e burattatura), due ausiliari alla produzione (controllo qualità e progettazione) ed uno di struttura. Pagina 24 di 41

26 CASO BACHELIT TESTO Si riportano di seguito i dati per la localizzazione dei costi e le informazioni necessarie per procedere al calcolo l dei costi. Parametri per la localizzazione dei costi Materie prime, direttamente sul prodotto Lavorazioni esterne, Imballaggi e Trasporti Canoni leasing sulla base dei canoni leasing di ciascun centro di costo: Stampaggio = Controllo qualità = Struttura = Ammortamenti specifici di centro di costo: Stampaggio = Sbavatura = Burattatura = Controllo qualità = Progettazione = Struttura = Pagina 25 di 41

27 CASO BACHELIT TESTO Locazione immobile e Gas e riscaldamento Manutenzioni Energia sulla base dei mq occupati da ciascun centro di costo: Stampaggio = mq Sbavatura = 5.000mq Burattatura = 1.000mq Controllo qualità = 1.000mq Progettazione = 1.000mq Struttura = 2.000mq specifici dei centri di costo produttivi: Stampaggio = 60% Sbavatura = 30% Burattatura = 10% il 95% del costo è localizzato sulla base delle ore lavorate nei seguenti centro di costo: Stampaggio = h Sbavatura = 8.500h Burattatura = 8.500h il 2% del costo è relativo al Controllo Qualità, il 2% del coso è relativo alla Progettazione e il restante è relativo alla Struttura Pagina 26 di 41

28 CASO BACHELIT TESTO Salari e Stipendi Spese commerciali e Spese amministrative Altri costi generali sulla base del numero di persone e del loro costo medio annuo per ciascun centro di costo: Stampaggio = 40 persone Sbavatura = 5 persone Burattatura = 5 persone Controllo qualità = 10 persone Progettazione = 5 persone Struttura = 5 persone costo medio personale dei cdc produttivi: costo medio personale dei cdc ausiliari e di struttura: specifiche del centro di costo di struttura specifici di centro di costo: Stampaggio = Sbavatura = Burattatura = Controllo qualità = Struttura = Pagina 27 di 41

29 CASO BACHELIT TESTO Il costo del centro di costo Controllo Qualità viene allocato sui i centri di costo produttivi sulla base del numero di pezzi controllati in ciascun centro di costo, come indicato nella seguente tabella: Chiusura del cdc Controllo Qualità Stampaggio Sbavatura Burattatura Totale Pezzi controllati (n ) Il costo del centro di costo Progettazione viene allocato sul centro di costo Stampaggio. I costi dei centri di costo produttivi sono da imputare ai prodotti sulla base del loro costo orario e delle ore lavorate per prodotto. Il centro di costo di struttura è da imputare ai prodotti in percentuale sui costi industriali. Pagina 28 di 41

30 CASO BACHELIT TESTO Le informazioni relative agli standard dei tre prodotti sono: Lotto da pz. M06 M04 G06 Prezzo unitario ( ) Materie prime (kg.) Materie prime ( /kg.) 20 2,0 25 2,5 30 3,0 Cromatura ( ) 60,00 160,00 Imballaggi ( ) 4,000 4,000 9,000 Trasporti (in % su prezzo) 0,7% 0,7% 0,7% Ore Stampaggio (utilizzo orario) 100 1, , ,00 Ore Sbavatura (utilizzo orario) 0,80 1,30 1,70 Ore Burattatura (utilizzo orario) 0,60 1,20 Domanda: Calcolare i costi pieni per il lotto da pezzi dei tre prodotti e commentare i risultati ottenuti. Pagina 29 di 41

31 CASO BACHELIT Per poter calcolare il costo pieno dei tre prodotti è necessario procedere attraverso le fasi operative del metodo full costing. In particolare: individuare i centri di costo; localizzare i costi nei centri di costo e calcolarne il costo totale; allocare i centri di costo intermedi su quelli finali; calcolare il costo unitario di output per centro di costo finale; attribuire i costi ai prodotti: per i costi diretti in funzione delle informazioni contenute nel testo, per quelli indiretti in funzione del coefficiente di imputazione. Pagina 30 di 41

32 CASO BACHELIT Fase 1: Localizzare i costi nei centri di costo e calcolarne il costo totale Conto Economico totale % Stampaggio Sbavatura Burattatura Controllo qualità Progetta zione Struttura Costi-Ricavi Diretti verifica quadratura a u a Ricavi delle vendite ,0% Materie prime ,0% Lavorazioni esterne ,0% (cromatura) 0,0% 0 Imballaggi ,8% Trasporti ,7% Canoni leasing ,7% Ammortamenti ,6% Locazione immobile ,4% Manutenzioni ,8% Energia ,8% Gas e riscaldamento ,2% Salari e stipendi ,3% Spese commerciali ,8% Spese amministrative ,0% Altri costi generali ,1% ,0% 0 0,0% 0 Totale costi ,2% Pagina 31 di 41

33 CASO BACHELIT Note: la colonna di quadratura finale consente di verificare se i calcoli sono stati svolti correttamente e se non si sono dimenticati costi durante la fase di elaborazione. La colonna Costi diretti serve semplicemente come contenitore di costi e ricavi ma non per effettuare fasi di elaborazione. Le materie prime, le lavorazioni esterne, gli imballaggi e i trasporti sono attribuiti direttamente al prodotto. I canoni leasing e gli ammortamenti sono attribuiti a ciascun centro di costo come specificato nel testo: - canoni leasing: Stampaggio = , Controllo qualità = e Struttura = ; - ammortamenti: Stampaggio = , Sbavatura = , Burattatura = , Controllo qualità = , Progettazione = e Struttura = Pagina 32 di 41

34 CASO BACHELIT La locazione dell immobile e il gas e riscaldamento sono attribuiti a ciascun centro di costo sulla base dei metri quadri occupati da ciascun centro. Locazione immobile (locazione / mq totali * mq del centro di costo): Costo unitario: = 14, Ripartizione per centro di costo: Stampaggio = 14,08 x = Sbavatura = 14,08 x = Burattatura a = 14,08 x = Controllo qualità = 14,08 x = Progettazione = 14,08 x = Struttura = 14,08 x = Pagina 33 di 41

35 CASO BACHELIT Gas e riscaldamento (gas e riscaldamento / mq totali * mq del centro di costo): Costo unitario: = 0, Ripartizione per centro di costo: Stampaggio = 0,64 x = Sbavatura = 0,64 x = Burattatura = 0,64 x = 640 Controllo qualità = 0,64 x = 640 Progettazione = 0,64 x = 640 Struttura = 0,64 x = Le manutenzioni sono specifiche dei centri di costo produttivi: Stampaggio = 60% x = Sbavatura = 30% x = Burattatura = 10% x = Pagina 34 di 41

36 CASO BACHELIT L energia è localizzata: il 95% nei centri di costo produttivi sulla base delle ore lavorate (tot. costo per energia / tot. ore macchina * ore macchina per centro di costo produttivo), il 2% nel Controllo Qualità, il 2% alla Progettazione e il restante al centro di costo di Struttura: Queste sono le ore macchina complessive per centro di costo che devono essere utilizzate anche per il calcolo del costo orario di centro di costo. Costo unitario: = 3,40 Ripartizione per centro di costo: Centri di costoproduttivi: = 95% x = Stampaggio = 3,40 x = Sbavatura = 3,40 x = Burattatura = 3,40 x = Controllo qualità = 2% x = Progettazione = 2% x = Struttura = 1% x = Pagina 35 di 41

37 CASO BACHELIT I salari e stipendi sono ripartiti tra i centri di costo sulla base del numero di persone e del loro costo medio annuo per ciascun centro di costo (n personale di ciascun centro di costo * costo medio annuo): Stampaggio = 40 x = Sbavatura = 5 x = Burattatura = 5 x = Controllo qualità = 10 x = Progettazione = 5 x = Struttura = 5 x = Le spese commerciali ( ) e le spese amministrative ( ) sono interamente attribuite al centro di costo di struttura. Gli altri costi generali sono specifici di centro di costo: Stampaggio = , Sbavatura = 6.320, Burattatura = , Controllo qualità = e Struttura = Pagina 36 di 41

38 CASO BACHELIT Fase 2: Calcolare il costo unitario di output per centro di costo finale Per calcolare il costo orario dei centri di costo produttivi occorre allocare il costo del centro di costo Controllo Qualità sui centri di costo produttivi sulla base del numero di pezzi controllati nei tre centri, allocare il centro di costo Progettazione sullo Stampaggio e, successivamente, dividere il nuovo costo totale dei centri di costo produttivi per le ore lavorate. Per il centro di costo di struttura il costo totale deve essere diviso per il totale dei costi industriali (come richiesto dal testo). Allocazione del centro di costo Controllo Qualità Costo unitario: = 0,07 /pz. Ripartizione per centro di costo: Stampaggio = 0,07 x = Sbavatura = 0,07 x = Burattatura = 0,07 x = Pagina 37 di 41

39 CASO BACHELIT Allocazione del centro di costo Progettazione Stampaggio = = Nuovo costo totale dei centri di costo produttivi: Stampaggio = = Sbavatura = = Burattatura = = Costo unitario dei centri di costo produttivi: Stampaggio = = 28 /h Sbavatura = = 57 /h Burattatura = = 30 /h Incidenza sui costi industriali per il centro di costo di struttura: Totale costi industriali = = = 20% Pagina 38 di 41

40 CASO BACHELIT Fase 3: Attribuzione dei costi ai prodotti Le informazioni rilevanti per la soluzione del problema (costo unitario per centro di costo produttivo e incidenza sui costi industriali per centro di costo di struttura) sono state calcolate. Per attribuire i costi dei centri di costo ai tre prodotti è sufficiente moltiplicare i costi unitari di centro per gli utilizzi forniti dal testo. Si fornisce il procedimento di calcolo dei costi di lavorazione e di struttura per i tre prodotti. Si precisa che per il calcolo dei costi di struttura si è moltiplicata la percentuale trovata nella fase 2 per i costi industriali del singolo prodotto. M06 M04 G06 Stampaggio Stampaggio Stampaggio 28 x 1,00 = 28,00 28 x 1,50 = 42,00 28 x 2,00 = 56,00 Sbavatura Sbavatura Sbavatura 57 x 0,80 = 45,60 57 x 1,30 = 74,10 57 x 1,70 = 96,90 Burattatura Burattatura Burattatura 30 x 0,60 = 18,00 30 x 0 = 0 30 x 1,20 = 36,00 Costi di struttura Costi di struttura Costi di struttura 20% x 91,60 = 18,32 20% x 116,10 = 23,22 20% x 188,90 = 37,78 Pagina 39 di 41

41 CASO BACHELIT Per il calcolo del costo pieno di prodotto, rimangono ora da trovare i costi diretti relativi a: materie prime: si ottengono moltiplicando il prezzo al kg per i kg necessari per produrre ciascun lotto di prodotto; lavorazioni esterne (cromatura): pari a 60 per il lotto M06 e 160 per il lotto G06; imballaggi: pari a 4 per il lotto M06, 4 per il lotto M04 e 9 per lotto per G06; trasporti: pari allo 0,7% del prezzo di vendita per ciascun lotto M06 M04 G06 Materie prime Materie prime Materie prime 50,00 x 2,00 = 100,00 60,00 x 2,50 = 150,00 100,00 x 3,00 = 300,00 Trasporti Trasporti Trasporti 0,7% x 300,00 = 2,10 0,7% x 322,00 = 2,25 0,7% x 800,00 = 5,60 Pagina 40 di 41

42 CASO BACHELIT Confrontando i prezzi di vendita con i costi trovati, si ottiene la seguente scheda di sintesi: M06 M04 G06 Prezzo di vendita 300,00 100,00% 322,00 100,00% 800,00 100,00% Materie prime 100,00 33,33% 150,00 46,58% 300,00 37,50% Lavorazioni esterne 60,00 20,00% 0,00 0,00% 160,00 20,00% (cromatura) Imballi 4,00 1,33% 4,00 1,24% 9,00 1,13% Trasporti 2,10 0,70% 2,25 0,70% 5,60 0,70% Totale Costi Variabili 166,10 55,37% 156,25 48,53% 474,60 59,33% Margine di Contribuzione 133,90 44,63% 165,75 51,47% 325,40 40,68% Stampaggio 28,00 9,33% 42,00 13,04% 56,00 7,00% Sbavatura 45,60 15,20% 74,10 23,01% 96,90 12,11% Burattatura 18,00 6,00% 0,00 0,00% 36,00 4,50% Costi di lavorazione 91,60 30,53% 116,10 36,06% 188,90 23,61% 18,32 6,11% 23,22 7,21% 37,78 4,72% 000 0,00 0,00% 00% 000 0,00 0,00% 00% 000 0,00 0,00% 00% Costi di struttura 18,32 6,11% 23,22 7,21% 37,78 4,72% Totale costi 276,02 92,01% 295,57 91,79% 701,28 87,66% Reddito operativo 23,98 7,99% 26,43 8,21% 98,72 12,34% Pagina 41 di 41

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 21-06-2011 DOMANDA Illustrare brevemente gli strumenti

Dettagli

Conto Economico % Si riportano i dati per la localizzazione dei costi e le informazioni necessarie per procedere al calcolo dei costi.

Conto Economico % Si riportano i dati per la localizzazione dei costi e le informazioni necessarie per procedere al calcolo dei costi. ESERCIZIO 20 - CASO TEX - (full costing per centri di costo) La società Tex SpA produce tessuti per arredamento ed è specializzata nella produzione di tovaglie (tovaglie antimacchia e tovaglie damascate),

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 08-04-10 DOMANDA 1 Definire e illustrare graficamente il concetto di break even point. ESERCIZIO 1 La società Dolly Creation S.p.A. produce bambole da collezione e giochi per la prima infanzia.

Dettagli

Facoltà di Economia - Parma 1

Facoltà di Economia - Parma 1 La contabilità per centri di costo 7 LA CONTABILITA PER CENTRI DI COSTO Ai fini di un corretto calcolo del costo di prodotto occorre definire all interno della combinazione produttiva unità operative dette

Dettagli

Analisi delle configurazioni dei costi

Analisi delle configurazioni dei costi Analisi delle configurazioni dei costi i costi riferiti ad un medesimo oggetto possono assumere varie configurazioni a seconda del tipo di attività e dei fattori produttivi che s intende analizzare in

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti CASO BONLIEU SCG-E02 Pagina 0 di 5 Il Signor Bonlieu proprietario di una piccola falegnameria, è preoccupato

Dettagli

Metodologie Contabili

Metodologie Contabili Metodologie Contabili Contabilità Semplificata Contabilità per centri di costo Activity based Costing (ABC) imputa i costi ai prodotti senza la mediazione di oggetti intermedi imputa i costi ai prodotti

Dettagli

TOTALE 1830 900 2500 560 800

TOTALE 1830 900 2500 560 800 Esempio di calcolo dei costi di prodotto per centro produttivo La Beta realizza i componenti A, B e C ciascuno in un unico centro produttivo. Nei 260 gg. Lavorativi ogni centro produce ogni giorno rispettivamente

Dettagli

Confronto tra full costing tradizionale e activity based costing

Confronto tra full costing tradizionale e activity based costing Esercitazioni svolte 2012 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 25 Confronto tra full costing tradizionale e activity based costing Emanuele Perucci La produzione della Topolino s.p.a. si articola su una gamma

Dettagli

IMPUTAZIONE DEI COSTI AI PRODOTTI

IMPUTAZIONE DEI COSTI AI PRODOTTI IMPUTAZIONE DEI COSTI AI PRODOTTI MATERIE PRIME I costi delle materie prime vengono imputati ai prodotti con la seguente formula: Consumi x prezzo unitario I consumi possono essere determinati : Direttamente

Dettagli

L azienda Come una volta produce tessuto in cotone e tessuto in lino Nel mese di marzo (rappresentativo del trimestre) abbiamo i seguenti dati:

L azienda Come una volta produce tessuto in cotone e tessuto in lino Nel mese di marzo (rappresentativo del trimestre) abbiamo i seguenti dati: ESERCIZIO 1 CONTABILITA PER CENTRI DI COSTO L azienda Come una volta produce tessuto in cotone e tessuto in lino Nel mese di marzo (rappresentativo del trimestre) abbiamo i seguenti dati: COTONE LINO TOTALE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO RIEPILOGO ARGOMENTI I MODULO

PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO RIEPILOGO ARGOMENTI I MODULO PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO RIEPILOGO ARGOMENTI I MODULO ESERCIZIO 1 CASO ZIPPO S.R.L. La ZIPPO SRL è un azienda che produce giocattoli per la prima infanzia. Il processo produttivo avviene in tre reparti

Dettagli

LA DETERMINAZIONE DEI COSTI COMPLESSIVI DI COMMESSA CON IL CRITERIO DELLA LOCALIZZAZIONE DEI COSTI: il caso Sicilyelectronic 2000 S.r.l.

LA DETERMINAZIONE DEI COSTI COMPLESSIVI DI COMMESSA CON IL CRITERIO DELLA LOCALIZZAZIONE DEI COSTI: il caso Sicilyelectronic 2000 S.r.l. LA DETERMINAZIONE DEI COSTI COMPLESSIVI DI COMMESSA CON IL CRITERIO DELLA LOCALIZZAZIONE DEI COSTI: il caso Sicilyelectronic 2000 S.r.l. Corso di Economia Aziendale (esercitazioni) Dott. Sergio Paternostro

Dettagli

ESERCIZIO CDC (fonte: Pitzalis, Tenucci,Strumenti per l analisi dei costi. Esercizi e casi di Cost Accounting, Giappichelli, 2005)

ESERCIZIO CDC (fonte: Pitzalis, Tenucci,Strumenti per l analisi dei costi. Esercizi e casi di Cost Accounting, Giappichelli, 2005) ESERCIZIO CDC (fonte: Pitzalis, Tenucci,Strumenti per l analisi dei costi. Esercizi e casi di Cost Accounting, Giappichelli, 2005) L azienda CARP srl produce tre tipi di canne da pesca per tre differenti

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Prima Puntata www.studiobarale.it Parte 1 di 6 Obiettivi spiegare le diverse metodologie di calcolo dei costi di prodotto, mostrandone logiche

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Quarta Puntata www.studiobarale.it Parte 4 di 6 Full costing a basi multiple Full costing a basi multiple Il full costing a base multiple

Dettagli

LA METODOLOGIA DI CALCOLO DEL FULL COSTING

LA METODOLOGIA DI CALCOLO DEL FULL COSTING LA METODOLOGIA DI CALCOLO DEL FULL COSTING Ai Ai costi attribuiti direttamente ai ai singoli oggetti di di riferimento viene aggiunta una quota parte di di costi indiretti Quota di di costo da da attribuire

Dettagli

ESERCIZI CAPITOLO 3 REPARTO IMBALLAGGIO

ESERCIZI CAPITOLO 3 REPARTO IMBALLAGGIO ESERCIZI CAPITOLO 3 ESERCIZIO 1 Calcolo del costo unitario di produzione con il metodo tradizionale La Glassex S.p.A. produce due tipologie di lampade in vetro, Simplex e Suprema, in due reparti: il reparto

Dettagli

Le classificazioni dei costi

Le classificazioni dei costi L analisi dei costi. Le classificazioni dei costi rilevanti per il controllo di gestione 1 Le classificazioni dei costi In base alle caratteristiche fisiche ed economiche dei fattori (natura) In base all

Dettagli

MY WORK MY TIME TOTALE Unità vendute 5.600 4.200 9.800 Prezzo di vendita unitario 50,00 40,00 45,71 FATTURATO 280.000,00 168.000,00 448.

MY WORK MY TIME TOTALE Unità vendute 5.600 4.200 9.800 Prezzo di vendita unitario 50,00 40,00 45,71 FATTURATO 280.000,00 168.000,00 448. MY WORK MY TIME TOTALE Unità vendute 5.600 4.200 9.800 Prezzo di vendita unitario 50,00 40,00 45,71 FATTURATO 280.000,00 168.000,00 448.000,00 Materie prime per unità 12,00 7,50 Manodopera per unità 15,00

Dettagli

ESERCIZIO 1. La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000.

ESERCIZIO 1. La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000. ESERCIZIO 1 La Zelig S.p.A. viene costituita il 1 gennaio 2004 con 1) il versamento da parte degli azionisti di capitale per 1.000. Nel corso del periodo 1 gennaio 2004 31 dicembre 2004 si svolgono le

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI AVVIAMENTO 100.000,00 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI: MACCHINARI-IMPIANTI 200.000,00 AUTOVETTURE 50.

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI AVVIAMENTO 100.000,00 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI: MACCHINARI-IMPIANTI 200.000,00 AUTOVETTURE 50. Una Società a Responsabilità Limitata con attività commerciale presenta il seguente: BILANCIO DI VERIFICA AL 31 DICEMBRE 2005 ATTIVITA' IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI AVVIAMENTO 100.000,00 IMMOBILIZZAZIONI

Dettagli

Il caso CodeInt s.r.l.

Il caso CodeInt s.r.l. L ANALISI DEI COSTI DI DISTRIBUZIONE PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA COMMERCIALE Il caso CodeInt s.r.l. Che cos è la contabilità analitica? insieme di determinazioni economicoquantitative mediante cui

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di prof.ssa Maria Sole Brioschi CST-E01 Corsi 208422 e 328422 Anno Accademico 2008/2009 Contabilità analitica : elementi di base La contabilità generale ha per oggetto

Dettagli

EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE

EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE Il software Easy Costing è uno strumento per il calcolo dei costi di produzione e per la corretta imputazione degli stessi

Dettagli

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi

TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi TOMO 1-3. DIRECT COSTING, FULL COSTING E ACTIVITY BASED COSTING Svolgimento a cura di Gabriela Subinaghi 3.2 margine di contribuzione ( ) Scelta del prodotto di cui incrementare la produzione e la vendita

Dettagli

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA

CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA CASI ED ESERCIZI DI CONTABILITA ANALITICA Esercizio 1: variabilità dei costi In base alle seguenti informazioni relative ai costi dell uso aziendale di un autoveicolo: costi fissi: assicurazione 1.200

Dettagli

Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli

Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli Prova di esame del 12.01.2004 La società Velux opera nel settore degli infissi in legno ed e attiva nella produzione

Dettagli

ESEMPIO: CENTRI DI COSTO

ESEMPIO: CENTRI DI COSTO ESEMPIO: CENTRI DI COSTO PRESENTAZIONE DELL AZIENDA Prodotti realizzati: 1. A 2. B Centri produttivi: 1. Centro di prima lavorazione 2. Centro di seconda lavorazione Centri ausiliari: Centri funzionali:

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 4_Il calcolo del costo di prodotto e la contabilità per centri di costo Il costo unitario di prodotto Conoscere il COSTO UNITARIO DI PRODOTTO è importante per:

Dettagli

EASY SHARE FINANCE S.r.l.

EASY SHARE FINANCE S.r.l. EASY SHARE FINANCE S.r.l. SOCIETA DI CONSULENZA IN FINANZA AZIENDALE E FORMAZIONE certificata ISO 9001:2000 Sincert - accreditata dalla Regione Lombardia Il software si compone di tre sezioni: 1) Controllo

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Terza Puntata www.studiobarale.it Parte 3 di 6 Full costing Full costing Prevede che tutti i costi (variabili e fissi; specifici e comuni)

Dettagli

Le finalità del calcolo dei costi di produzione. Le configurazioni di costo.

Le finalità del calcolo dei costi di produzione. Le configurazioni di costo. Le finalità del calcolo dei costi di produzione. Le configurazioni di costo. 1 Le finalità del calcolo dei costi Il calcolo del costo riferito a fenomeni o oggetti aziendali può rispondere a molteplici

Dettagli

LA POLITICA DEI PREZZI:

LA POLITICA DEI PREZZI: LA POLITICA DEI PREZZI: I VINCOLI DI MERCATO E LA CORRETTA DETERMINAZIONE DEL COSTO DEL PRODOTTO 1 DETERMINAZIONE DEL PREZZO APPROCCIO CENTRATO SULL AZIENDA APPROCCIO CENTRATO SUL MERCATO 2 APPROCCIO CENTRATO

Dettagli

L analisi dei costi: il costing

L analisi dei costi: il costing L analisi dei Costi - a.a. 2012/2013 L analisi dei costi: il costing 1 La tecnica del costing (1) Il termine costing indica la tecnica specificatamente rivolta alla rilevazione dei costi. Negli ultimi

Dettagli

Università degli studi di Bergamo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Economia e Organizzazione Aziendale Prof.

Università degli studi di Bergamo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Economia e Organizzazione Aziendale Prof. Università degli studi di Bergamo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Economia e Organizzazione Aziendale Prof. Michele Meoli Esercitazione: Analisi di Break-Even (o analisi del punto

Dettagli

Analisi e contabilità dei costi

Analisi e contabilità dei costi Analisi e contabilità dei costi Le diverse configurazioni del costo del prodotto 1 Oggetto delle rilevazioni Tipologie di produzione Processi tecnico-produttivi Unità economiche di riferimento Finali Intermedie

Dettagli

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E ANALISI DEI COSTI. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E ANALISI DEI COSTI. Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E ANALISI DEI COSTI Dott. Claudio Orsini Studio Cauli, Marmocchi, Orsini & Associati Bologna Tipologie di processi produttivi Produzione su commessa Produzione su modello

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

Il full costing e la contabilità per centri di costo

Il full costing e la contabilità per centri di costo Il full costing e la contabilità per centri di costo Full costing Fondato sul principio di assorbimento integrale dei costi Il costo di tutti i fattori impiegati deve concorrere alla determinazione del

Dettagli

Prodotto Materia S (kg/unità) Materia U (kg/unità) Componente L Alce 0,15 0,45 2 Orso 0,75 0,75 3

Prodotto Materia S (kg/unità) Materia U (kg/unità) Componente L Alce 0,15 0,45 2 Orso 0,75 0,75 3 Budget Esercizio n 1 L impresa Yellowstone produce due prodotti (Alce e Orso) utilizzando le materie prime S e U e un componente (L). Il componente L può essere prodotto internamente utilizzando un impianto

Dettagli

Controllo di gestione budget settoriali budget economico

Controllo di gestione budget settoriali budget economico Controllo di gestione budget settoriali budget economico TEMA Pianificazione, programmazione e controllo di gestione costituiscono le tre fasi del processo globale attraverso il quale l impresa realizza

Dettagli

Costi e prezzi: quale sistema di calcolo per gestire l ipercompetizione

Costi e prezzi: quale sistema di calcolo per gestire l ipercompetizione Costi e prezzi: quale sistema di calcolo per gestire l ipercompetizione Lucidi di A. Bubbio Posto che l ipercompetizione è: Che cos è l ipercompetizione? ricavi di vendita imprese /consumi Presenza di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO - Facoltà di Ingegneria CORSO SISTEMI DI CONTROLLO DI GESTIONE Ingegneria Informatica Prof. Sergio Mascheretti ESAME DEL 09-11-09 Descrivere il processo di elaborazione del budget di produzione ESERCIZIO 1 La Telefono Casa spa produce tre tipologie di apparecchi telefonici per la casa: modello Alfa, modello Beta

Dettagli

Ogni azienda ha la necessità di conoscere il proprio sistema dei costi sia per controllare la situazione esistente che per verificare il

Ogni azienda ha la necessità di conoscere il proprio sistema dei costi sia per controllare la situazione esistente che per verificare il Ogni azienda ha la necessità di conoscere il proprio sistema dei costi sia per controllare la situazione esistente che per verificare il raggiungimento degli obiettivi avendo come fine il mantenimento

Dettagli

I margini lordi nelle aziende che producono su commessa Il caso Sicilyelectronic srl

I margini lordi nelle aziende che producono su commessa Il caso Sicilyelectronic srl I margini lordi nelle aziende che producono su commessa Il caso Sicilyelectronic srl Corso di Economia Aziendale (esercitazioni) Università degli Studi di Palermo Agenda Caratteristiche delle aziende che

Dettagli

Metodi di calcolo dei costi di prodotto

Metodi di calcolo dei costi di prodotto Metodi di calcolo dei costi di prodotto Presentazione Ing. Cecilia Fariselli Da 23 anni nel settore dell Information Technology. Da oltre 10 anni gestione manageriale, organizzazione aziendale, operando

Dettagli

Analisi dei costi e contabilità industriale

Analisi dei costi e contabilità industriale Analisi dei costi e contabilità industriale A cura di dottor Alessandro Tullio La Contabilità Industriale 1 CONTABILITA INDUSTRIALE A COSA SERVE? ANALIZZARE I COSTI ORIENTARE I PREZZI DETERMINARE RISULTATI

Dettagli

a) Determinare i numeri indice a base fissa del fatturato con base 2007=100 e commentare i risultati ottenuti per gli anni 2008 e 2012

a) Determinare i numeri indice a base fissa del fatturato con base 2007=100 e commentare i risultati ottenuti per gli anni 2008 e 2012 ESERCIZIO 1 Nella tabella che segue sono riportate le variazioni percentuali, rispetto all anno precedente, del fatturato di un azienda. Sulla base dei dati contenuti in tabella a) Determinare i numeri

Dettagli

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II

I Fondamentali di Controllo di Gestione. Parte II I Fondamentali di Controllo di Gestione Parte II LA STRUTTURA DEL SISTEMA DI CONTROLLO DI GESTIONE definizione di una struttura organizzativa costruzione della struttura tecnico contabile attivazione del

Dettagli

Le costruzioni in economia

Le costruzioni in economia 1 L acquisizione delle immobilizzazioni MODALITÀ DI ACQUISIZIONE Le immobilizzazioni possono essere acquisite: in proprietà in godimento 2 ACQUISIZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI (IN PROPRIETÀ) Acquisti da

Dettagli

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra)

ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE. (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) ECONOMIA CLASSE IV prof.ssa Midolo L ASPETTO ECONOMICO DELLA GESTIONE (lezione della prof.ssa Edi Dal Farra) La GESTIONE (operazioni che l azienda compie per raggiungere i suoi fini) può essere: ORDINARIA

Dettagli

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato

Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Aziende Commerciali e servizi:budget e cash flow per Reparti e Consolidato Molto spesso nelle Aziende commerciali e/o di Servizi si ha la necessità di analizzare, sia a livello economico che finanziario,

Dettagli

Costi indiretti 2.800.000 1.000.000 Ore macchina 70.000 8.200 Ore MOD 35.000 50.000

Costi indiretti 2.800.000 1.000.000 Ore macchina 70.000 8.200 Ore MOD 35.000 50.000 Capitolo 2 La Arredo s.r.l produce mobili in serie, tavoli e sedie, in due reparti, produzione e imballaggio. Un tavolo richiede: - 5 ore macchina e 2 ore MOD nel reparto produzione - 15 minuti macchina

Dettagli

Costi - 10. 1. calcolare il costo pieno industriale delle creme prodotte nel mese; L impresa. Sistemi di governo valutazione e controllo

Costi - 10. 1. calcolare il costo pieno industriale delle creme prodotte nel mese; L impresa. Sistemi di governo valutazione e controllo Costi - 10 La Hope SpA produce due tipi di creme solari (Normale per il Mediterraneo e Super per i Tropici) utilizzando un processo produttivo continuo suddiviso in due fasi. Nella prima fase le materie

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Sistemi di Controllo di Gestione SCG-E05

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Facoltà di Ingegneria. Corso di Sistemi di Controllo di Gestione SCG-E05 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Esercizi ABC SCG-E05 Esercizio 1 Una società produce quattro prodotti indicati con P1, P2, P3 e P4 utilizzando apparecchiature comuni e processi di produzione

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione - ADA A.A. 2011/2012. Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia

Sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione - ADA A.A. 2011/2012. Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia - Facoltà di Economia Laurea Specialistica in Amministrazione e Direzione Aziendale (ADA) Anno Accademico 2011-2012 Corso di SISTEMI DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DI GESTIONE 2 Analisi dei costi Prof.ssa

Dettagli

La contabilità gestionale. Prof. Sartirana

La contabilità gestionale. Prof. Sartirana La contabilità gestionale Prof. Sartirana La contabilità gestionale E chiamata anche contabilità industriale Contrariamente alla contabilità generale ha per oggetto i FATTI INTERNI di gestione e non i

Dettagli

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Costi GIA-L05

Corso di Gestione dell Informazione Aziendale. Costi GIA-L05 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Gestione dell Informazione Aziendale prof. Paolo Aymon Costi GIA-L05 5 - CLASSIFICAZIONE DEI COSTI 1 buildings servizi generali personale costi MO Modello di

Dettagli

Costi standard secondo il metodo dei costi completi

Costi standard secondo il metodo dei costi completi pagina 1 Costi standard secondo il metodo dei costi completi Frigo SA produce frigoriferi e congelatori di alta qualità per diversi fabbricanti di cucine. Il processo di fabbricazione è simile per i due

Dettagli

Processi di contabilità analitica

Processi di contabilità analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Processi di contabilità analitica Processi di contabilità analitica PROCEDURA AMMINISTRATIVO-CONTABILE

Dettagli

7. LE RIMANENZE DI MAGAZZINO

7. LE RIMANENZE DI MAGAZZINO 7. LE RIMANENZE DI MAGAZZINO Prof. Fabio Corno Dott. Stefano Colombo Milano, 10 febbraio 2012 La valutazione delle rimanenze finali CONTO ECONOMICO COSTI Acquisto merci RICAVI Merci c/rim.finali ATTIVITÀ

Dettagli

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE

PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE PIANIFICAZIONE E CONTROLLO DELLA PRODUZIONE OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE E CONTROLLO: q PROGRAMMARE LA PRODUZIONE OTTIMIZZARE L UTILIZZO DELLA CAPACITA PRODUTTIVA

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

PAPER S.R.L. L azienda Paper S.r.l. produce e commercializza quaderni rilegati ad anelli, formato A4.

PAPER S.R.L. L azienda Paper S.r.l. produce e commercializza quaderni rilegati ad anelli, formato A4. L azienda Paper S.r.l. produce e commercializza quaderni rilegati ad anelli, formato A4. BUDGET DEI VOLUMI DI VENDITA Dal budget dei volumi produttivi si ricava che per il prossimo periodo amministrativo

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * *

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * * Economia dei gruppi e bilancio consolidato Esempi di quesiti d esame (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) Q. 1 Il Candidato, ricorrendo alla costruzione del foglio di lavoro di stato

Dettagli

La valutazione delle immobilizzazioni

La valutazione delle immobilizzazioni Bilancio d esercizio - Valutazione delle Immobilizzazioni Art. 2426, Co. 1, punto 1 Criterio del costo di acquisto (costi accessori) Criterio del costo di produzione Lezione 19 1 B-II Immobilizzazioni

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

Pricing & Costing: Il comportamento dei costi aziendali

Pricing & Costing: Il comportamento dei costi aziendali Pricing & Costing: Il comportamento dei costi aziendali G. TOSCANO e A. VINCI Corso: Pricing & Costing LIUC Università di Ottobre 2012 Anno accademico 2012/13 1 La definizione di costo UN COSTO PUO ESSERE

Dettagli

Il Break Even Point. Soluzione: BEP = CF/(p-cv) CF=522.800 cv =.6 p =.70 BEP = 522.800/(70-6) = 8.168,75 BEP giornaliero = 8.

Il Break Even Point. Soluzione: BEP = CF/(p-cv) CF=522.800 cv =.6 p =.70 BEP = 522.800/(70-6) = 8.168,75 BEP giornaliero = 8. Il Break Even Point Esercizio 1 Un albergo con 40 camere doppie, aperto tutto l anno, vende i pernottamenti a un prezzo medio di.70 per camera con trattamento B&B. Presenta i seguenti costi fissi relativi

Dettagli

Per calcolare il costo dell attività di controllo qualità da attribuire a ciascuna unità di Stagionato occorre fare come segue:

Per calcolare il costo dell attività di controllo qualità da attribuire a ciascuna unità di Stagionato occorre fare come segue: Esercizio 3.1 Cheese S.p.A. Per calcolare il costo dell attività di controllo qualità da attribuire a ciascuna unità di Stagionato occorre fare come segue: n. controlli qualità: 4 * 200 = 800 / 500 unità

Dettagli

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO

TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO TIPOLOGIE DI PROCESSI PRODUTTIVI E CONTROLLO DI GESTIONE PRODUZIONE SU COMMESSA PRODUZIONE SU MODELLO PRODUZIONE A FLUSSO CONTINUO 1 PRODUZIONE SU COMMESSA CARATTERISTICHE DELL ATTIVITA : - ORIGINA DAL

Dettagli

osti negli impianti produttivi lassificazione in due grandi categorie che si differenziano in base alla relazione con il volume di produzione: Fissi Variabili costi osti totali osti variabili osti fissi

Dettagli

Il Controllo di gestione a supporto della Sostenibilità economica. Massimo Marietta, Responsabile Sviluppo ENOLOGIA (Sistemi SpA)

Il Controllo di gestione a supporto della Sostenibilità economica. Massimo Marietta, Responsabile Sviluppo ENOLOGIA (Sistemi SpA) Il Controllo di gestione a supporto della Sostenibilità economica Massimo Marietta, Responsabile Sviluppo ENOLOGIA (Sistemi SpA) Agenda 1 Il Controllo di gestione e i Processi chiave 2 Il Modello organizzativo

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Il sistema informativo aziendale insieme delle attività connesse alla raccolta, analisi e rappresentazione delle informazioni interne ed esterne all'azienda dati indispensabili per poter valutare lo stato

Dettagli

Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli

Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli Facoltà di Economia Giorgio Fuà Corso di Programmazione aziendale Prof. Attilio Mucelli Prova di esame del 08.07.2004 La società Sicura Spa è un azienda che si articola in due divisioni ognuna delle quali

Dettagli

1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo

1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo 21 Capitolo II Il budget 1. Definizione di budget e collocazione nel processo di programmazione e controllo Il budget - e' un programma delle operazioni di gestione da compiere in un anno, finalizzato

Dettagli

Il controllo di gestione per le aziende vitivinicole SECONDA GIORNATA

Il controllo di gestione per le aziende vitivinicole SECONDA GIORNATA Il controllo di gestione per le aziende vitivinicole SECONDA GIORNATA CONTATTI Se desideri richiedere la ripetizione di questo corso, oppure vuoi avere informazioni sulla nostra attività di consulenza

Dettagli

2.3 Azienda PACK. 54 L Activity Based Costing in pratica

2.3 Azienda PACK. 54 L Activity Based Costing in pratica 54 L Activity Based Costing in pratica 2.3 Azienda PACK L azienda Pack opera nel settore del packaging e produce contenitori per alimenti. Il controllo di gestione ha applicato una tecnica ABC per conoscere

Dettagli

Costi - 3. Valore Materie prime 300.000 Work in progress 200.000 Prodotti finiti 540.000

Costi - 3. Valore Materie prime 300.000 Work in progress 200.000 Prodotti finiti 540.000 Costi - 3 La Velox S.p.A. produce cambi sequenziali per macchine operatrici. Nel mese di giugno del 2000 lavora tutte e tre le tipologie di prodotto che ha in catalogo: Forte, Resistente e Sicuro. La produzione

Dettagli

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti

Facoltà di Ingegneria. prof. Sergio Mascheretti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Sistemi i di controllo di gestione prof. Sergio Mascheretti CALCOLO DEI COSTI NELL IT SCG-E03 Pagina 0 di 7 Casi tratti e liberamente elaborati da Esercizi, problemi e

Dettagli

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti erogazione di servizi produzione. Zona commerciale, da verificare con franchisee. 32 mq (da 16 a 48 mq)

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti erogazione di servizi produzione. Zona commerciale, da verificare con franchisee. 32 mq (da 16 a 48 mq) SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

Materiali diretti ( ) Lavoro diretto (h)

Materiali diretti ( ) Lavoro diretto (h) Costi n 1 [Job Order Costing ] La Jerle S.p.A. assembla quattro diversi tipi di imballaggi: Bek, Leah, Predd e Walker. Tutti i prodotti vengono realizzati su commessa secondo le richieste delle imprese

Dettagli

Allegato D CONCEDENTE

Allegato D CONCEDENTE Allegato D CONCEDENTE FinBard S.p.a. Loc. Grand Chemin, 34 11020 - Saint-Christophe(AO) Telefono: +39.0165.230053 - Fax: +39.0165.236214 finbard@netvallee.it www.infobard.it OGGETTO: CONCESSIONI-CONTRATTO

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

Fashion Control System

Fashion Control System Fashion Control System Daywork Fashion Control System è il nome della piattaforma proposta da Dún Soluzioni Informatiche a supporto dei sistemi di Programmazione e Controllo di Gestione delle aziende del

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

Via A. Pirro n.12 84122 Salerno Tel e Fax. 089 236 276 Email:ciro.trivisone@libero.it

Via A. Pirro n.12 84122 Salerno Tel e Fax. 089 236 276 Email:ciro.trivisone@libero.it Ilsottoscrittodott.CiroTrivisone,iscrittoall'OrdinedeiDottoriCommercialistiedEspertiContabili disalernoconiln.631/a,nonchéall'albodeiperitiedeiconsulentitecnicipressoiltribunaledi Salerno, PREMESSO di

Dettagli

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica

Figura 3.22 - Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica. Figura 3.23 - Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.22 Evoluzione dei consumi totali di energia elettrica Figura 3.23 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica 67 Figura 3.24 Ripartizione dei consumi totali di energia elettrica (dati

Dettagli

L'analisi volumi costi risultati

L'analisi volumi costi risultati L'analisi volumi costi risultati Lucidi a cura di Alessandro Zattoni Università Parthenope L'analisi costi - volumi - risultati Uno dei principali modelli per l analisi di problemi di natura operativa

Dettagli

Lezione 12. Centri di costo. Impieghi dei centri. Analisi per centri di costo

Lezione 12. Centri di costo. Impieghi dei centri. Analisi per centri di costo Lezione 12 Analisi per centri costo Centri costo In presenza un organizzazione complessa del processo produttivo è utile, ai fini un più corretto calcolo e controllo dei costi, definire all interno dell

Dettagli

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale Il calcolo dei costi unitari dei prodotti e servizi e il loro utilizzo Dr. Francesco MERISIO Bergamo, 05 Novembre 2010 Materiale

Dettagli

Esercizi Capitolo 8. Convenienza economica ad eliminare o aggiungere un segmento

Esercizi Capitolo 8. Convenienza economica ad eliminare o aggiungere un segmento Decisioni in condizioni di certezza Esercizi Capitolo 8 Convenienza economica ad eliminare o aggiungere un segmento 8.1 Esercizio Beauty Dati Volumi Prezzi Provvigioni Mascara 1.250.000,00 4,50 5,0% Rossetti

Dettagli

1 M.E. Porter, Il vantaggio competitivo, Edizioni di Comunità, Milano 1987, pp. 43 e segg.

1 M.E. Porter, Il vantaggio competitivo, Edizioni di Comunità, Milano 1987, pp. 43 e segg. Prof. Carlo Dal Bo Coordinatore Dipartimento di Economia aziendale ISIS Città della Vittoria, Vittorio Veneto (TV) L evoluzione della contabilità industriale Direct costing, full costing e abc Nelle moderne

Dettagli

creazione di un Piano dei Centri di Costo Tramite il programma Piani dei Centri di costo inserire la struttura del proprio piano aziendale.

creazione di un Piano dei Centri di Costo Tramite il programma Piani dei Centri di costo inserire la struttura del proprio piano aziendale. GESTIONE CENTRI DI COSTO La contabilità per centri di costo consente di stabilire dei "contenitori" di costo, normalmente coincidenti con unità organizzative della struttura aziendale. Normalmente i centri

Dettagli

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Corso semestrale di Analisi e Contabilità dei Costi Aureli Selena 1_Sistema di controllo e contabilità analitica Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione,

Dettagli

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: per operare in modo efficiente le aziende hanno bisogno di conoscere se l utilizzo delle risorse che stanno impiegando nelle diverse attività è economicamente

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO

SCHEDA TECNICA DI PROGETTO SCHEDA TECNICA DI PROGETTO Sezione 1: Anagrafica del progetto Titolo: Acronimo: Durata (Mesi): Data prevista per l'avvio (mm/aa) Sintesi del progetto (max 3000 caratteri) N.B.: Con la sottoscrizione del

Dettagli

ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI. Prof. Lino Cinquini. Dott.

ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI. Prof. Lino Cinquini. Dott. ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI I COSTI AZIENDALI E L ANALISI COSTI-VOLUMI-PROFITTI Prof. Lino Cinquini l.cinquini@sssup.it Dott. Andrea Tenucci a.tenucci@sssup.it 13 marzo 2014 Palazzo dei

Dettagli