Uscire dalla crisi. Costruire un modello di sviluppo per un nuovo assetto industriale del Lazio 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uscire dalla crisi. Costruire un modello di sviluppo per un nuovo assetto industriale del Lazio 1"

Transcript

1 Uscire dalla crisi. Costruire un modello di sviluppo per un nuovo assetto industriale del Lazio 1 1. Il contesto di riferimento I dati sull economia del Lazio degli ultimi anni hanno evidenziato le difficoltà di ripresa (quando non di tenuta) del sistema produttivo regionale di fronte agli effetti della crisi internazionale. Alle problematiche più sistemiche, legate anche alle difficoltà e alle contraddizioni dell insieme dell economia italiana nel nuovo scenario internazionale, si sono aggiunte nel nostro territorio il mancato avvio di ampi e strutturali processi di modernizzazione e innovazione del tessuto produttivo e la carenza da parte del decisore pubblico negli ultimi anni di strategie di intervento di medio- lungo periodo in grado di sostenere il sistema produttivo nella competizione internazionale tra grandi aree metropolitane e regionali. Anche per queste ragioni, le aziende e i settori che pure hanno evidenziato un elevata capacità di espansione nei settori più innovativi non sono state adeguatamente accompagnate e incoraggiate. La variazione del Pil della Regione tra il 2008 e il 2012 (a prezzi costanti) è stata pari a - 4,1%; il reddito pro- capite è sceso da a euro (- 7,6%); la produttività del lavoro è calata del 4,2%; gli occupati nell industria in senso stretto, sono scesi dai a del 2013 (- 8%); il tasso di intensità industriale (occupati industria in senso stretto/occupati totali) è sceso dall 11,0% al 10,3%; il numero delle imprese complessive è salito da del 2008 a del 2013 (+6,4%) mentre le industrie in senso stretto sono scese da a (- 21,8%). Le imprese laziali pesano oggi per il 10,3% sul totale nazionale; mentre le imprese in senso in stretto rappresentano il 6,5% del totale Italia. Eppure, il Lazio è e rimane uno dei principali motori di produzione del Paese che ancora rappresenta circa il 10% dell intero prodotto nazionale; ma è un economia che ha incontrato la grande recessione senza essere riuscita a innovare il suo modello produttivo. La fase recessiva che stiamo attraversando ha prodotto effetti particolarmente consistenti sia dal lato della domanda che nella struttura dell offerta produttiva della regione, con effetti rilevanti per il mercato del lavoro (aumento della disoccupazione giovanile e di quella complessiva) e per la tenuta del nostro modello di welfare. Soltanto nel primo semestre del 2014 si è ricominciata a vedere una lieve luce in fondo al tunnel: i dati Istat indicano nel secondo trimestre 2014 un leggero miglioramento congiunturale del mercato del lavoro nel Lazio. Gli occupati sono 2 milioni e 255 mila, circa 41 mila in più rispetto allo stesso periodo del 2013; il tasso di occupazione sale a 58% rispetto al 57,2% del II trimestre 2014 (mentre quello dell Italia rimane stabile a 55,7). I disoccupati sono 303 mila, circa 8 mila in meno rispetto al secondo trimestre 2013, a ancora molti in più rispetto ai valori pre- crisi (erano 182 mila nel 2008). Il tasso di disoccupazione nel trimestre si attesta all 11,9%, era 12,3% nel II trimestre Si tratta di un primo dato positivo dopo anni di forte contrazione, ma è ancora presto per poter stabilire la consistenza di questa ripresa. Secondo l ultimo rapporto di Banca d Italia, infatti, il trend del Lazio seguirebbe quello del Paese (lieve recessione); il settore dei servizi è l unico per cui 1 A cura di Guido Fabiani e Stefano Palermo. 1

2 la situazione economica sembra essersi stabilizzata, mentre nell industria si sono ridotti, anche se con margini molto diversi, fatturato, investimenti ed export. È in questo contesto, dunque che come Assessorato allo sviluppo economico e come Regione Lazio ci siamo trovati ad operare. Un contesto fortemente influenzato da elementi di carattere esterno ed interno. Dal punto di vista esterno, basti fare riferimento ai dati di cui parlavo prima che hanno aderito su un sistema territoriale a lungo vissuto sulla presenza di alcuni nuclei industriali in alcuni casi anche di eccellenza e su una economia del terziario e dell indotto della PA che dal 2010 in poi, con l avvio delle manovre di austerity, ha incontrato forti tensioni e riduzioni del valore aggiunto. Sul fronte interno, arrivati al governo della Regione a marzo 2013, ci siamo dovuti confrontare con un ingranaggio arrugginito e bloccato da anni. Una macchina che aveva vissuto due shock legislativi (la chiusura della legislatura Marrazzo e soprattutto di quella Polverini) e troppo a lungo retta su una spesa improduttiva, autoreferenziale o, come in molti casi evidenziano le cronache, guidata da logiche clientelari se non illecite. Tutto questo in un sistema economico, quello precedente la crisi del 2008, che già mostrava segni di forte instabilità, come oramai dimostra l ampia bibliografia economica e storico- economica sull ultimo ventennio italiano. Abbiamo trovato una Regione il cui Bilancio era di fatto oramai fuori controllo con dodici miliardi di debiti commerciali e altri di debito sanitario, frutto di una gestione della programmazione del Bilancio degli anni passati a dir poco superficiale. Abbiamo trovato un Programma di impiego dei Fondi Por Fesr che, malgrado l impegno dei funzionari preposti, rischiava di rimanere in larga parte inattuato, disperdendo così risorse indispensabili in questa fase di crisi del nostro territorio. Abbiamo trovato una totale assenza di strategie, di interlocuzione con le parti sociali di costruzioni di obiettivi condivisi di medio- lungo periodo per arginare gli effetti della crisi e poi provare a venirne fuori. Sintetizzando si può dire: mentre il mondo cambiava, il Lazio rimaneva fermo per cominciare poi a retrocedere lentamente. 2. Ricostruire un idea di sviluppo In questa situazione, dunque, come Assessorato allo Sviluppo Economico nel primo anno di legislatura ci siamo dati alcuni obiettivi chiari e concreti, cercando di ridefinire un idea dello sviluppo, o quanto meno di sostegno pubblico funzionale a valorizzare i processi di sviluppo del territorio. Per questo ci siamo mossi su quattro direttrici principali: a) riavviare il confronto con gli stakeholders; b) individuare le principali e migliori azioni utili a migliorare la competitività del Lazio in linea con le migliori esperienze europee; c) recuperare e reinvestire tutte le risorse possibili, a partire dalla rimodulazione dei fondi residui del Por Fesr ; d) avviare un processo di semplificazione amministrativa e legislativa. Per farlo abbiamo collaborato, insieme alla Presidenza della Regione, all elaborazione del Patto per il lavoro e lo sviluppo, siglato insieme a 23 sigle sindacali e rappresentative delle forze imprenditoriali e associative nel quale venivano indicate le prime urgenze su cui intervenire; allo stesso modo abbiamo avviato tavolo specifici di confronto sulla semplificazione amministrativa e 2

3 legislativa, sulla rimodulazione dell ultima tranche dei fondi Por Fesr e sulla nuova programmazione dei fondi europei Il punto dal quale muovevamo e ancora oggi muoviamo le nostre analisi è l assoluta necessità di alzare il livello di competitività complessiva della nostra Regione. Proprio perché siamo convinti che la crisi che stiamo attraversando sia strutturale e non congiunturale e che la possibile, auspicata, ripresa si sostanzierà e consoliderà solamente modificando alla radice il modello di sviluppo del Lazio abbandonando le logiche che lo avevano retto fino al 2010 (anno di arrivo della crisi in Italia), dobbiamo adoperarci per sostenere processi innovativi, le strat- up, la ricerca e il trasferimento tecnologico, lo sviluppo delle reti di impresa e la loro crescita dimensionale, il superamento della dimensione dei distretti industriali inglobandoli nel concetto più ampio di sistemi produttivi locali che contempla l insieme delle potenzialità attrattive e produttive di un dato territorio. Allo stesso modo, in un contesto nel quale appare sempre più condivisa tra gli economisti la consapevolezza che una delle principali cause della mancata crescita economica degli ultimi anni risieda nella assenza di incrementi di produttività, appare particolarmente significativo che nell Indice di competitività regionale calcolato dall Unione Europea nel 2013, il Lazio è al 143 posto su 262 regioni continentali. Avviare processi innovativi è una delle chiavi per alzare il livello della produttività e con essa il livello complessivo del sistema, dell offerta (e dei salari). Sono processi complessi da programmare e ancora più da realizzare che richiedono mesi se non anni di implementazione. Ma siamo convinti che questa sia la strada da perseguire. Nella nostra Regione è presente un sistema articolato nel quale convivono diverse esperienze imprenditoriali: dalla piccola e media impresa, alle grandi aziende nazionali dei comparti pubblico o privato, alle imprese multinazionali. Un sistema che, di fronte all evoluzione del contesto macro e mesoeconomico regionale dell ultimo quinquennio, richiede evidentemente forme di intervento e di policy differenti a seconda dei diversi modelli aziendali e sistemi territoriali. In una fase di forte recessione e di complessiva riorganizzazione degli equilibri economici internazionali, quindi, è necessario che la Regione sappia adeguatamente sostenere e incentivare la riorganizzazione del tessuto imprenditoriale per non perdere le opportunità di crescita attualmente comunque presenti nelle aree economicamente più innovative dell Europa e del pianeta. Opportunità che possono essere colte attraverso un adeguata valorizzazione di quelli che sono gli altri punti di forza della nostra Regione, sui quali puntare per permettere alle imprese del Lazio di agganciare la crescita in atto. Tra questi, in particolare, emerge la dotazione di una realtà scientifica e tecnologica tra le più avanzate del Paese. La possibilità di favorire processi di innovazione e di valorizzazione dei settori ad alta intensità di capitale passa, infatti, per un adeguato sostegno alla creazione di sinergie tra il tessuto imprenditoriale e il mondo della ricerca e dello sviluppo, incentivando anche la formazione delle nuove reti di impresa che sempre più devono essere focalizzate sui settori ad alta intensità tecnologica. Questi obiettivi sono strettamente connessi a quelli rilanciati in sede comunitaria dalla recente approvazione da parte della Commissione europea del Piano d'azione imprenditorialità 2020 e delle misure collegate alla nuova programmazione dei Fondi strutturali Dagli interventi organici a un Piano per la reindustrializzazione del Lazio 3

4 Partendo dunque dal presupposto che la crisi che stiamo vivendo è una crisi di carattere strutturale e non congiunturale, ci siamo mossi attraverso una serie di interventi organici, ovvero una molteplicità di azioni che hanno a nostro avviso il pregio di comunicare tra loro e di contribuire, ciascuno dal proprio punto di vista, a quel progetto di medio- lungo periodo che è l innalzamento della produttività e della competitività del Lazio. Simo così intervenuti attraverso due tipi di azioni principali: uno di carattere interno, relativo cioè al funzionamento proprio della macchina amministrativa; uno di carattere esterno, relativo non solo alla quantità di risorse messe a disposizione del territorio, ma anche alla loro qualità, alla loro destinazione strategica e al conseguente monitoraggio, una pratica molto poco frequentata in Italia ma che noi stiamo cercando di introdurre e implementare. Sotto il profilo degli interventi interni, solo per ricordare quelli più importanti, siamo intervenuti: a. tagliando un miliardo di euro in due anni di spese inutili e/o di risparmi conseguiti; b. accorpando le società partecipate; c. riducendo le direzioni da 20 a 12, non solo per risparmiare sui costi ma anche per rendere più snello e diretto il rapporto tra assessorati e macchina amministrativa; d. riducendo gli sprechi e le sovrapposizioni di funzioni; e. dando vita alla centrale unica per gli acquisti; f. dimezzando il debito commerciale con le imprese da 12,5 a 6 miliardi nel 2014 e puntando a raggiungere i 5 miliardi nel 2015; g. puntando al piano di rientro dal commissariamento della sanità entro il 2015; h. avviando un processo di trasparenza amministrativa (ancora in progress) senza precedenti tramite l utilizzo della rete ; i. essendo la prima regione d Italia ad utilizzare la fatturazione elettronica portando così a meno di un mese i tempi di attesa di una parte dei pagamenti regionali. Sotto il profilo degli interventi esterni, abbiamo lavorato a favore delle imprese attraverso un sistema di azioni diversificate ma tra loro integrate e comunicanti, finanziate con la rimodulazione del vecchio Por Fesr e con una parte dei fondi del Bilancio regionale. In questo modo abbiamo allocato oltre 264 milioni di euro destinandoli alla patrimonializzazione delle imprese, l accesso al credito, la green economy e il sostegno alle startup. Penso, per fare qualche esempio delle attività svolte: a. ai 50 milioni stanziati in 5 anni per l internazionalizzazione delle imprese del Lazio; b. ai 30 milioni per il progetto Start up Lazio; c. agli interventi congiunti con il MISE per risolvere le crisi dei sistemi produttivi di Frosinone, Latina e Rieti; d. ai 50 milioni per le reti di impresa; e. agli oltre 100 milioni allocati per le politiche di accesso al credito per le imprese, all apertura del Plafond Lazio nel Fondo Centrale di Garanzia, con cui abbiamo raggiunto un risultato straordinario che ha sostanzialmente raddoppiato il numero di accessi e la quantità di risorse erogate alle imprese laziali; parliamo di circa 251 milioni di euro di 4

5 prestiti (tra garanzia diretta e controgaranzia), di cui circa il 21% accesi per sostenere investimenti produttivi; f. alle nuove norme di semplificazione presentate e approvate in Giunta come il Testo Unico sull Artigianato o il Testo Unico sul Commercio, strumenti fondamentali per rilanciare l iniziativa privata in un sistema di regole chiare e condivise, ma non oppressive. Si tratta di una serie di iniziative (ne potrei citare altre come l impegno per l aerospazio, la farmaceutica, l economia del mare, il trasferimento tecnologico, il Piano per il lavoro) che si parlano tra di loro e devono essere considerate tutte come parte di un progetto organico per innovare il nostro sistema- territoriale e sostenere così le imprese. Soprattutto, lo facciamo attraverso avvisi pubblici di assoluta trasparenza che prevedono, per i bandi a sportello, il sistema del click day: l inserimento nel bando della data a partire dalla quale potranno essere presentate le domande sui siti internet predisposti, per permettere a tutti di concorrere dallo stesso nastro di partenza. Una serie di interventi esterni di tipo organico che sono in larga parte confermati e ampliati nella nuova programmazione strategica che tiene insieme i fondi europei, le risorse di Bilancio e il fondo di coesione nazionale per oltre 4,1 miliardi di euro si concentra sulla realizzazione di 45 azioni cardine che la Giunta e il Consiglio Regionale hanno individuato come prioritarie per rilanciare la competitività del sistema Lazio (cfr. 3/ ). Di questi 4,1 miliardi, le risorse del POR Fesr Lazio (di più diretto riferimento dell assessorato allo sviluppo economico) saranno pari a 913 milioni di euro e saranno impiegate su alcuni assi strategici come: a. il Piano per l internazionalizzazione del Lazio; b. le politiche per l accesso al credito e le garanzie delle imprese; c. il progetto Startup Lazio!; d. il riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali; e. innovazione e reti d impresa; f. agenda digitale e semplificazione (sportello unico per le imprese, banda larga, trasparenza P.A.); g. Energia sostenibile, ambiente, cultura, mobilità e territorio; h. le politiche di accesso al credito, allocando 171 milioni di euro, attraverso l uso integrato delle risorse europee (Fesr e Feasr); l accordo con la Banca Europea per gli Investimenti pari a un impegno di 125 milioni di euro da distribuire al sistema delle imprese attraverso appositi istituti bancari appena selezionati dopo apposito bando di gara; un nuovo strumento di Microcredito regionale con uno stanziamento di fondi regionali di almeno 10 milioni di euro. Siamo convinti che la forza organica di queste misure sia tale da potere essere messa anche a disposizione di una prima serie di interventi per la reindustrializzazione dell economia del Lazio. Il ritorno alla manifattura è un fenomeno in molti Paesi cosiddetti occidentali avanzati, certamente accompagnata da innovazioni di prodotto e di processo. Noi crediamo che il Lazio, proprio perché obbligato a reinventare un nuovo modello di sviluppo diverso da quello precedente la crisi del 2008, debba lavorare per un Progetto di reindustrializzazione regionale. 5

6 È un tema centrale anche per la stessa Commissione Europea che ha evidenziato come tra il 2008 e il 2014 la presenza di produzione manifatturiera sia scesa dal 20% del PIL al 15% del PIL (pari a - 4 milioni di posti di lavoro). La stessa Commissione ha osservato che i paesi che hanno tendenzialmente retto meglio all impatto della crisi, accusando una decrescita economica ma senza impatto sulle caratteristiche economiche strutturali, sono stati proprio quelli dotati di una politica industriale solida. Per queste ragioni la Commissione uscente ha adottato una strategia, denominata RISE (Renaissance of Industry for a Sustainable), che si prefigge di riportare il livello d industrializzazione medio dei paesi dell UE dal 15% del PIL al 20% del PIL entro il 2020 nell'ottica di una terza rivoluzione industriale, attraverso un aumento della dotazione di risorse ai programmi di ricerca e innovazione, all internazionalizzazione, alle strategie di specializzazione intelligente. Una nuova politica industriale per il Lazio si deve quindi fondare su un alleanza tra Regione, banche, imprese, parti sociali e altre istituzioni e su una serie di misure propedeutiche al riavvio del settore manifatturiero: a. accesso al credito a lungo termine per le PMI e le imprese che decidono di reinvestire nel manifatturiero in particolare; b. sostegno all internazionalizzazione delle imprese nei mercati emergenti; b. sviluppo delle tecnologie e trasferimento di kno- how fondamentali; c. formazione delle risorse umane; d. economia knowledge- based; e. capacità delle imprese di fare rete, aumentando in questo modo direttamente o indirettamente la dimensione di impresa; È vero che viviamo una fase di scarsità di risorse pubbliche utili a sostenere questi processi; ed è altrettanto vero che anche in virtù dei tagli decisi dal governo nazionale dovremo valorizzare molto i fondi Por Fesr, tuttavia è bene ricordare due aspetti: I. il primo che questo ci deve spingere a scegliere cosa fare e ad essere particolarmente bravi e selettivi nell allocazione; II. il secondo è che l investimento pubblico non deve sostituire quello privato, come per troppo tempo nel Lazio è accaduto, ma deve accompagnarlo e incentivarlo. Pensiamo a un piano che si muova a partire da alcune linee strategiche: Attrazione degli investimenti esteri e privati italiani; Politiche settoriali; Circular Economy; il credito; i nuovi lavori; innovazione e trasferimento tecnologico; R&D; Start- Up; Internazionalizzazione. E che sappia implementare queste linee attraverso alcune prime misure concrete: Aerospazio; Beni culturali e tecnologie della cultura; Industrie creative digitali; Agrifood; Green Economy; Riutilizzo dei capannoni industriali dismessi; Riposizionamento competitivo sistemi imprenditoriali delimitati territorialmente; Aree produttive ecologicamente attrezzate; Accesso al credito; Internazionalizzazione; Innovazione; Reti d impresa; Ricerca e trasferimento tecnologico; Infrastrutture materiali e immateriali; Start up Lazio!. Si tratta, ovviamente, di una serie di misure preliminari di un più completo Piano per l industrializzazione i cui contorni e i cui obiettivi dovranno essere inquadrati in un percorso che è appena cominciato e che nei prossimi mesi vedrà il coinvolgimento di esperti e di tutti gli 6

7 stakeholder, per arrivare a nella prossima primavera a un appuntamento generale nel quale, a seguito del lavoro svolto, si possano declinare in maniera più specifica le 45 azioni cardine della Regione nel progetto di Reindustrializzazione. 7

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

VALORE AGGIUNTO LAZIO

VALORE AGGIUNTO LAZIO VALORE AGGIUNTO LAZIO Verso un programma di reindustrializzazione del territorio a cura dell Assessorato allo Sviluppo economico e Attività produttive 16 febbraio 2015 1 indice 1. Premessa 1 2. La reindustrializzazione

Dettagli

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013

LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LAVORO, FUTURO, ITALIA RIPARTIAMO INSIEME! ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE ASSEMBLEA NAZIONALE 2013 LE COOPERATRICI E I COOPERATORI PROTAGONISTI DEL FUTURO DELL ITALIA UN NUOVO IMPEGNO PER LO SVILUPPO

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

Puglia: il POR FESR 2007-2013

Puglia: il POR FESR 2007-2013 Agevolazioni Finanziarie 25 di Bruno Pagamici - Dottore commercialista, Revisore contabile, Pubblicista - Studio Pagamici - Macerata Finanziamenti regionali Puglia: il POR FESR 2007-2013 Per il programma

Dettagli

Conferenza stampa di presentazione del PRA Val Pescara (Piano di Rilancio Area di crisi Val Pescara)

Conferenza stampa di presentazione del PRA Val Pescara (Piano di Rilancio Area di crisi Val Pescara) Conferenza stampa di presentazione del PRA Val Pescara (Piano di Rilancio Area di crisi Val Pescara) Pescara, 12 Luglio 2012 - sala Figlia di Iorio Provincia di Pescara Cronologia delle attività 1) Il

Dettagli

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA MEMORIA DI GIUNTA Linee guida per il più efficace utilizzo degli strumenti di Ingegneria Finanziaria per favorire l accesso al credito delle P.M.I. del Lazio 1) PREMESSA I Fondi di Ingegneria Finanziaria

Dettagli

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Roma, 12 febbraio 2014 IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Le imprese, in attesa da troppo tempo di una ripresa che sembra non arrivare mai, chiedono azioni concrete e rapide e non più progetti astratti per la soluzione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682. Misure per favorire lo sviluppo della managerialità nelle imprese del Mezzogiorno Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 682 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BERTUZZI, FIORONI, VITALI e GHEDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 MAGGIO 2008 Misure per favorire

Dettagli

Regioni e sistema creditizio. Roma, 2 dicembre 2014

Regioni e sistema creditizio. Roma, 2 dicembre 2014 Regioni e sistema creditizio Roma, 2 dicembre 2014 LE ESPERIENZE REGIONALI Puglia Sviluppo S.p.A. Chi siamo È una società per azioni soggetta all attività di direzione e controllo dell unico socio Regione

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

Ricerca e Innovazione: Le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020

Ricerca e Innovazione: Le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Ricerca e Innovazione: Le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Esempio di programmazione Regionale Roma, 09 luglio 2014 Armando De Crinito Direttore Vicario DG Attività Produttive

Dettagli

2020. Direttive di attuazione.

2020. Direttive di attuazione. Oggetto: Fondo di capitale di rischio (venture capital) per investimenti in equity per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative PO FESR Sardegna 2014-2020. 2020. Direttive di attuazione. L Assessore

Dettagli

AZIONE ANTI CRISI MISURE SPECIFICHE E CONTRIBUTO DELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE

AZIONE ANTI CRISI MISURE SPECIFICHE E CONTRIBUTO DELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE AZIONE ANTI CRISI MISURE SPECIFICHE E CONTRIBUTO DELLA PROGRAMMAZIONE REGIONALE Oltre a specifiche misure di immediato sostegno ( 1) il contributo della programmazione regionale all azione anticrisi (

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

PROGETTI STRATEGICI REGIONALI Alcuni dati. Ancona

PROGETTI STRATEGICI REGIONALI Alcuni dati. Ancona PROGETTI STRATEGICI REGIONALI Alcuni dati Ancona 1 Ottobre 2012 «RESISTENZA» MARCHE Le Marche continuano ad essere la prima regione in Italia, come nel periodo precrisi, per quota di lavoratori impegnati

Dettagli

Luigi Paganetto SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI. Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata

Luigi Paganetto SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI. Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata Roma, 15 ottobre 2013 LA CRISI DELL ECONOMIA ITALIANA DIPENDE DALLA RECESSIONE

Dettagli

Linee generali dell'attività di Coopfond

Linee generali dell'attività di Coopfond INCONTRO CON I PARTECIPANTI AL MASTER DI 2 LIVELLO SULL'IMPRESA COOPERATIVA Linee generali dell'attività di Coopfond Aldo Soldi Direttore Generale Roma, 30 ottobre 2013 0 AGENDA 1 Cos è Coopfond 2 La rendicontazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LA POLITICA INDUSTRIALE, LA COMPETITIVITA E LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DIV. VII PMI, Startup innovative e reti di impresa Indagine sulle PMI eccellenti

Dettagli

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE

PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE PROPOSTE DELLE PARTI SOCIALI SU CRESCITA E OCCUPAZIONE RICERCA E INNOVAZIONE Ricerca e Innovazione: leve prioritarie per la crescita La nuova politica di Europa 2020 richiama il ruolo delle imprese e la

Dettagli

Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici. Cosimo Antonaci

Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici. Cosimo Antonaci Fondi Strutturali Periodo 2014-2020 Principi generali e strumenti programmatici Cosimo Antonaci 1 cos è la politica di coesione la politica di coesione (o politica regionale comunitaria) è la politica

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

Ti presento il POR FESR

Ti presento il POR FESR UNIONE EUROPEA Fondo europeo di sviluppo regionale CONCORSO ALLA SCOPERTA DEL POR LOMBARDIA. Seconda edizione Ti presento Guida alle tematiche del concorso Alla scoperta del POR Lombardia 1 1. La politica

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI

PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO DELLA TOSCANA INVESTIMENTI A FAVORE DELLA CRESCITA, DELL OCCUPAZIONE E DEL FUTURO DEI GIOVANI PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 DEL FONDO SOCIALE EUROPEO

Dettagli

Programma Operativo della Regione Piemonte FESR FSE Fondi strutturali europei 2014 2020

Programma Operativo della Regione Piemonte FESR FSE Fondi strutturali europei 2014 2020 Programma Operativo della Regione Piemonte FESR FSE Fondi strutturali europei 2014 2020 Umberto Fava Agenzia di sviluppo Langhe Monferrato Roero Alessandria, 1 Dicembre 2014 Palatium Vetus Fondazione Cassa

Dettagli

Ambrosetti Club Economic Indicator. Il Paese si è rimesso in moto o in motorino?

Ambrosetti Club Economic Indicator. Il Paese si è rimesso in moto o in motorino? Ambrosetti Club Economic Indicator Il Paese si è rimesso in moto o in motorino? 3 settembre 2015 I primi sei mesi del 2015 si chiudono con un Prodotto Interno Lordo che torna finalmente col segno più (+0,3%),

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) La programmazione dei fondi europei 2014 2020 L UE propone attraverso Europa 2020 una strategia concentrata su alcune priorità, innervata

Dettagli

multinazionali, che spesso sono quelle che organizzano, controllano e selezionano l intera filiera produttiva a livello mondiale e che da sole già

multinazionali, che spesso sono quelle che organizzano, controllano e selezionano l intera filiera produttiva a livello mondiale e che da sole già Bozza dell intervento di Cosmo Colonna, del Dipartimento industria Cisl, al Policy Workshop: "La ripresa economica e la politica industriale e regionale: dalla strategia ai progetti" (Milano, 20 marzo

Dettagli

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria La crescita economica in Italia (Centro Studi Confindustria Congiuntura flash, Novembre 2011)

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno

per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno per il Programma di EMPOWERMENT delle Amministrazioni Pubbliche del Mezzogiorno Progetto dall'iter alle reti: Implementazione Sportello Unico Rassegna delle principali possibilità di finanziamento a disposizione

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI

ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI ASSEMBLEA SEZIONE METALMECCANICA, METALLURGICA E COSTRUZIONE MACCHINARI Nel predisporre le linee guida del prossimo mandato della sezione Metalmeccanica ho ritenuto utile, più che trascrivere un programma

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

I COMUNI NELLA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020. Un contributo di Anci Toscana all avvio del dibattito

I COMUNI NELLA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020. Un contributo di Anci Toscana all avvio del dibattito I COMUNI NELLA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 Un contributo di Anci Toscana all avvio del dibattito Il contesto La situazione di crisi dell economia italiana e toscana aumenta la disoccupazione e

Dettagli

OBIETTIVO TEMATICO 3 COMPETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI (PROMUOVERE LA COMPETITIVITÀ DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, IL

OBIETTIVO TEMATICO 3 COMPETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI (PROMUOVERE LA COMPETITIVITÀ DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE, IL REGIONE DEL VENETO POR FESR 2014-2020 ASSESSORATO AL BILANCIO E AGLI ENTI LOCALI SEGRETERIA GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE DIREZIONE PROGRAMMAZIONE OBIETTIVO TEMATICO 3 COMPETITIVITA DEI SISTEMI PRODUTTIVI

Dettagli

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull

La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull La Strategia Europa 2020 ha come filo conduttore la crescita: Intelligente e orientata ad uno sviluppo economico basato sulla conoscenza e sull innovazione. Sostenibile per promuovere un economia più efficiente

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

7. Le infrastrutture

7. Le infrastrutture 77 le infrastrutture 7. Le infrastrutture 7.1 LA SPESA PUBBLICA NEL MEZZOGIORNO Alcune recenti analisi e valutazioni strutturali (1) hanno evidenziato che a partire dal 2000 gli investimenti fissi lordi

Dettagli

persone n pr uttt ttto tto patto

persone n pr uttt ttto tto patto Le L e pe pers p persone errrs ers e so s sone on o ne n e prima pr pri prim p riiim ma ma tutto. di tutto di ttu uttt u ttto to. to o. Nell LLaz Ne Nel Lazio Laaz azio zziioo unaa nu un una nuoovva va

Dettagli

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi,

Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, Una nuova impostazione sui temi della formazione ha caratterizzato l attività del Dipartimento della funzione pubblica nel corso degli ultimi mesi, nuovi presupposti di partenza che hanno portato già a

Dettagli

Convegno. Aree industriali e politiche di piano. Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione sostenibile. Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00

Convegno. Aree industriali e politiche di piano. Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione sostenibile. Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00 Roma 30 gennaio 2014 ore 14,00 Università Roma Tre, Dipartimento di Architettura Via della Madonna dei Monti, 40 Convegno Aree industriali e politiche di Tra deindustrializzazione e nuova industrializzazione

Dettagli

Documento e Proposte

Documento e Proposte Documento e Proposte www.confidicampani.it Pag. 1 di 8 I Confidi I Confidi grazie alla loro figura di collegamento tra il mondo imprenditoriale e quello bancario, operano fruttuosamente a favore delle

Dettagli

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA

COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Angelo Camilli COMITATO TECNICO CREDITO E FINANZA Linee di indirizzo 17 dicembre 2012 Scenario L offerta di credito nel Lazio si riduce progressivamente Il tasso di crescita dei prestiti alle imprese,

Dettagli

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE

Regione Abruzzo. Promozione e Sviluppo del Sistema Produttivo LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE LEGGE REGIONALE PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DEL SISTEMA PRODUTTIVO REGIONALE La Competitività Territoriale Lo sviluppo e la competitività territoriale passano necessariamente attraverso la capacità

Dettagli

L economia della Lombardia: La criticità attuale, le politiche

L economia della Lombardia: La criticità attuale, le politiche Economia regionale e politiche regionali europee A.A. 2012-2013 L economia della Lombardia: La criticità attuale, le politiche Indice presentazione Il contesto macroeconomico e le manovre di finanza pubblica

Dettagli

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring

Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese. Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Dalla crisi alla ripresa: Banca e Factor ancora alleati per lo sviluppo delle imprese Ferdinando Brandi, CEO UniCredit Factoring Torino, 25 gennaio 2011 AGENDA Macroeconomia Factoring Ruolo del factoring

Dettagli

Obiettivi della Riforma

Obiettivi della Riforma Rilancimpresa FVG 1 Obiettivi della Riforma Introdurre misure per l attrazione di nuovi investimenti, per attrarre investimenti nazionali e internazionali per l insediamento di nuove iniziative imprenditoriali;

Dettagli

Sesto Forum Europeo sulla coesione

Sesto Forum Europeo sulla coesione Sesto Forum Europeo sulla coesione Bruxelles 8 settembre 2014 Intervento del Sottosegretario di Stato, On.Sandro Gozi, nella sessione di apertura Restoring growth and jobs: how can cohesion policy contribute

Dettagli

INDUSTRIA 2015. Sintesi ddl

INDUSTRIA 2015. Sintesi ddl INDUSTRIA 2015 Sintesi ddl 2 PERCHE INDUSTRIA 2015 Industria 2015, vuole rappresentare una riflessione sui problemi dell economia reale, sulla collocazione strategica del nostro paese nell ambito della

Dettagli

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER

Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER Le BCC (Casse Rurali) nascono in Italia circa 120 anni fa, come banche mutualistiche delle comunità locali PER UNIRE PICCOLI RISPARMI E PICCOLI CREDITI BANCARE GLI IMBANCABILI COMBATTERE L USURA Costituzione

Dettagli

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010

Relazione dell Assessore Paolo Magnanensi. Seminario Il Bilancio di Genere nella Provincia di Pistoia. Martedì 7 dicembre 2010 Assessorato politiche inerenti lo sviluppo sostenibile, l industria, l artigianato, l innovazione produttiva, l università, la scuola, l istruzione, la formazione professionale, coordinamento politiche

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia

Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell offerta di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia Funzioni e strategie operative per il consolidamento dell di servizi socio-educativi sul territorio: gli orientamenti della regione Puglia (Francesca Zampano Regione Puglia) 1. Finalità, obiettivi e direttrici

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

Osservazioni e Proposte degli Amici della Terra

Osservazioni e Proposte degli Amici della Terra Amici della Terra - ONLUS Via Ippolito Nievo 62, 00153 Roma Tel. +39 06 687 53 08 / Fax +39 06 683 08 610 www.amicidellaterra.it Osservazioni e Proposte degli Amici della Terra Consultazione sul documento

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE IL PERCORSO DI PROGRAMMAZIONE 2014 2020

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE IL PERCORSO DI PROGRAMMAZIONE 2014 2020 PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE IL PERCORSO DI PROGRAMMAZIONE 2014 2020 REGIONE PIEMONTE Comitato di Sorveglianza Torino, 30 maggio 2014 I RIFERIMENTI INTERNI PER LA COSTRUZIONE

Dettagli

IV LA POLITICA PER LA COMPETITIVITA DEL MEZZOGIORNO E DELLE AREE SOTTOUTILIZZATE DEL CENTRO NORD

IV LA POLITICA PER LA COMPETITIVITA DEL MEZZOGIORNO E DELLE AREE SOTTOUTILIZZATE DEL CENTRO NORD IV LA POLITICA PER LA COMPETITIVITA DEL MEZZOGIORNO E DELLE AREE SOTTOUTILIZZATE DEL CENTRO NORD L aumento della competitività del Mezzogiorno e la riduzione del suo divario di sviluppo e di occupazione

Dettagli

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani

Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana. investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo della Toscana investimenti a favore della crescita, dell occupazione e del futuro dei giovani Programma Operativo 2014-2020 del Fondo Sociale Europeo

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

FINANZIAMENTO AGEVOLATO

FINANZIAMENTO AGEVOLATO FINANZIAMENTO AGEVOLATO MICROCREDITO CONTRIBUTO 40 MLN Il Microcredito è un fondo di garanzia istituito dal Ministero dello sviluppo economico ( MISE ), finanziato, per una cifra di 10 milioni di Euro,

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 648 del 15/12/2014 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 3 - Direzione Generale Internazz.ne e rapporti con

Dettagli

Nel caso ternano tre tipologie di strumenti, tra le altre, assumono particolare rilevanza per le implicazioni di sistema che ne discendono: 1) le

Nel caso ternano tre tipologie di strumenti, tra le altre, assumono particolare rilevanza per le implicazioni di sistema che ne discendono: 1) le Piano strategico: il marchio Terni per il nuovo sviluppo Sesto approfondimento del progetto proposto dal Sindaco alla città: le attività produttive tra tradizione e rinnovate vocazioni territoriali Terni

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA

LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA LE IMPRESE CHE FANNO GRANDE L EUROPA NUMERI IN PILLOLE Roma - 08 maggio 2014 Sommario Il valore delle imprese che creano valore 3 Le piccole e medie imprese, esploratrici del mondo 8 Il dualismo del credito

Dettagli

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO

7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO Centro Studi OSSERVATORIO FILLEA GRANDI IMPRESE E LAVORO le prime 300 aziende del legno in Italia 7 ANNO DI ATTIVITA DELL OSSERVATORIO MATERIALI ABSTRACT - LEGNO a cura di Alessandra Graziani ROMA, luglio

Dettagli

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza

Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza Circolare Legge di Stabilità 2014 - Principali misure in materia di credito e finanza INDICE 1. Premessa 2. Garanzie pubbliche per l accesso al credito 3. Patrimonializzazione dei confidi 4. Operatività

Dettagli

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale

Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Perché la crisi non diventi declino Idee e proposte per Veneto 2015 Territori competitivi Le leve dello sviluppo regionale Vicenza, 6 luglio 2013 Giancarlo Corò Sommario 1. Tendenze di lungo periodo dell

Dettagli

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo

Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Panetta 21 giugno 2013 Le banche di credito cooperativo Alle 394 banche di credito cooperativo italiane (BCC) e ai 3 istituti centrali di categoria fa capo il 10 per cento dei prestiti a famiglie e imprese,

Dettagli

Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica

Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica Le politiche per l internazionalizzazione delle PMI della Regione Emilia-Romagna: servizi reali e finanziari alle imprese e diplomazia economica Ruben Sacerdoti Responsabile Servizio Sportello regionale

Dettagli

PRESENTAZIONE ALLA STAMPA

PRESENTAZIONE ALLA STAMPA Torino, 17/7/2015 ore 10,30 Sala E. Vaglio Via Pietro Micca 17 FISAC/CGIL Torino e Piemonte PRESENTAZIONE ALLA STAMPA ANALISI CONGIUNTURALE DEL SISTEMA DEL CREDITO LOCALE IN PIEMONTE A cura di Francesco

Dettagli

I soggetti economici dello sviluppo

I soggetti economici dello sviluppo I soggetti economici dello sviluppo (pp. 435 515 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Deindustrializzazione competitiva per guardare oltre la crisi

Dettagli

Stati Generali della Ricerca e dell Innovazione

Stati Generali della Ricerca e dell Innovazione Stati Generali della Ricerca e dell Innovazione «Ricerca & Innovazione: programmazione comunitaria 2014/2020 e Smart Specialisation Strategy gli strumenti di ingegneria finanziaria» Milano, 25 luglio 2013

Dettagli

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale

La Pianificazione Strategica come strumento di governance territoriale Contributo al Gruppo ASTRID su L istituzione della Città Metropolitana Gruppo di Lavoro Pianificazione Strategica urbana coordinato da Raffaella Florio, ReCS Rete delle Città Strategiche La città metropolitana

Dettagli

IX Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni della Camera di Deputati

IX Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni della Camera di Deputati IX Commissione Trasporti, poste e telecomunicazioni della Camera di Deputati Indagine conoscitiva sul trasporto Pubblico Locale Audizione del Presidente del gruppo Autobus ANFIA Dott. Giovanni Pontecorvo

Dettagli

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione

Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Il Sistema Moda verso il rinnovamento strategico in un mercato dove sono strutturalmente cambiate le leve della competizione Con il rapporto di ricerca presentato dalla Filtea al direttivo del 6 maggio

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali. Milano, 13 Novembre 2014

CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali. Milano, 13 Novembre 2014 CONGRESSO NAZIONALE AICA 2014 Dai Bit agli Atomi: Rilancio della Manifattura e Nuove Competenze Digitali Milano, 13 Novembre 2014 Gentilissimi tutti e Gentilissimo Dott. Lamborghini, mi spiace molto non

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 2013 Sommario SINTESI...

Dettagli

APPROFONDIMENTO SULLE MISURE

APPROFONDIMENTO SULLE MISURE APPROFONDIMENTO SULLE MISURE Asse 1 Competitività delle imprese La ricerca,l innovazione, la valorizzazione e la protezione degli intangibili sono gli elementi che informano tale Asse. Nell ambito dell

Dettagli

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu

Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Mercato e crediti: evoluzione e prospettive Fiorenzo Dalu Milano, 14 aprile 2011 La crisi finanziaria e i suoi riflessi sull economia reale La crisi internazionale Riflessi sull economia Italiana 2008

Dettagli

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE (sintesi DELL INTERVENTO) GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS SENZA LETTURA NON C È CRESCITA QUOTIDIANI, PERIODICI E

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

III Agorà Regionale FQTS. Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi

III Agorà Regionale FQTS. Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi III Agorà Regionale FQTS Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi Anna Chiara Giorio - Ricercatrice Isfol - Welfare e Politiche Attive del Lavoro venerdì 6 dicembre 2013 Palermo

Dettagli

TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana

TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa CNA Toscana RAPPORTO CONGIUNTURALE CONSUNTIVO 2014 TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana PROVINCIA

Dettagli

Presentazione 5 PRESENTAZIONE

Presentazione 5 PRESENTAZIONE Presentazione Il Rapporto sull economia romana elaborato dal Comune di Roma raggiunge quest anno la quinta edizione ufficiale (sesta, se si tiene conto di un numero zero risalente all ormai lontano 1996

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano

Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Banking Summit 2012 Tra declino e rilancio: la sfida delle banche italiane Crisi del debito e recessione: gli scenari per il sistema bancario italiano Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano,

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE 1. Linee guida per il Progetto di legge per il rilancio della competitività lombarda 2. Aggiornamento dei criteri attuativi di Credito Adesso: 3.

Dettagli