Uscire dalla crisi. Costruire un modello di sviluppo per un nuovo assetto industriale del Lazio 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Uscire dalla crisi. Costruire un modello di sviluppo per un nuovo assetto industriale del Lazio 1"

Transcript

1 Uscire dalla crisi. Costruire un modello di sviluppo per un nuovo assetto industriale del Lazio 1 1. Il contesto di riferimento I dati sull economia del Lazio degli ultimi anni hanno evidenziato le difficoltà di ripresa (quando non di tenuta) del sistema produttivo regionale di fronte agli effetti della crisi internazionale. Alle problematiche più sistemiche, legate anche alle difficoltà e alle contraddizioni dell insieme dell economia italiana nel nuovo scenario internazionale, si sono aggiunte nel nostro territorio il mancato avvio di ampi e strutturali processi di modernizzazione e innovazione del tessuto produttivo e la carenza da parte del decisore pubblico negli ultimi anni di strategie di intervento di medio- lungo periodo in grado di sostenere il sistema produttivo nella competizione internazionale tra grandi aree metropolitane e regionali. Anche per queste ragioni, le aziende e i settori che pure hanno evidenziato un elevata capacità di espansione nei settori più innovativi non sono state adeguatamente accompagnate e incoraggiate. La variazione del Pil della Regione tra il 2008 e il 2012 (a prezzi costanti) è stata pari a - 4,1%; il reddito pro- capite è sceso da a euro (- 7,6%); la produttività del lavoro è calata del 4,2%; gli occupati nell industria in senso stretto, sono scesi dai a del 2013 (- 8%); il tasso di intensità industriale (occupati industria in senso stretto/occupati totali) è sceso dall 11,0% al 10,3%; il numero delle imprese complessive è salito da del 2008 a del 2013 (+6,4%) mentre le industrie in senso stretto sono scese da a (- 21,8%). Le imprese laziali pesano oggi per il 10,3% sul totale nazionale; mentre le imprese in senso in stretto rappresentano il 6,5% del totale Italia. Eppure, il Lazio è e rimane uno dei principali motori di produzione del Paese che ancora rappresenta circa il 10% dell intero prodotto nazionale; ma è un economia che ha incontrato la grande recessione senza essere riuscita a innovare il suo modello produttivo. La fase recessiva che stiamo attraversando ha prodotto effetti particolarmente consistenti sia dal lato della domanda che nella struttura dell offerta produttiva della regione, con effetti rilevanti per il mercato del lavoro (aumento della disoccupazione giovanile e di quella complessiva) e per la tenuta del nostro modello di welfare. Soltanto nel primo semestre del 2014 si è ricominciata a vedere una lieve luce in fondo al tunnel: i dati Istat indicano nel secondo trimestre 2014 un leggero miglioramento congiunturale del mercato del lavoro nel Lazio. Gli occupati sono 2 milioni e 255 mila, circa 41 mila in più rispetto allo stesso periodo del 2013; il tasso di occupazione sale a 58% rispetto al 57,2% del II trimestre 2014 (mentre quello dell Italia rimane stabile a 55,7). I disoccupati sono 303 mila, circa 8 mila in meno rispetto al secondo trimestre 2013, a ancora molti in più rispetto ai valori pre- crisi (erano 182 mila nel 2008). Il tasso di disoccupazione nel trimestre si attesta all 11,9%, era 12,3% nel II trimestre Si tratta di un primo dato positivo dopo anni di forte contrazione, ma è ancora presto per poter stabilire la consistenza di questa ripresa. Secondo l ultimo rapporto di Banca d Italia, infatti, il trend del Lazio seguirebbe quello del Paese (lieve recessione); il settore dei servizi è l unico per cui 1 A cura di Guido Fabiani e Stefano Palermo. 1

2 la situazione economica sembra essersi stabilizzata, mentre nell industria si sono ridotti, anche se con margini molto diversi, fatturato, investimenti ed export. È in questo contesto, dunque che come Assessorato allo sviluppo economico e come Regione Lazio ci siamo trovati ad operare. Un contesto fortemente influenzato da elementi di carattere esterno ed interno. Dal punto di vista esterno, basti fare riferimento ai dati di cui parlavo prima che hanno aderito su un sistema territoriale a lungo vissuto sulla presenza di alcuni nuclei industriali in alcuni casi anche di eccellenza e su una economia del terziario e dell indotto della PA che dal 2010 in poi, con l avvio delle manovre di austerity, ha incontrato forti tensioni e riduzioni del valore aggiunto. Sul fronte interno, arrivati al governo della Regione a marzo 2013, ci siamo dovuti confrontare con un ingranaggio arrugginito e bloccato da anni. Una macchina che aveva vissuto due shock legislativi (la chiusura della legislatura Marrazzo e soprattutto di quella Polverini) e troppo a lungo retta su una spesa improduttiva, autoreferenziale o, come in molti casi evidenziano le cronache, guidata da logiche clientelari se non illecite. Tutto questo in un sistema economico, quello precedente la crisi del 2008, che già mostrava segni di forte instabilità, come oramai dimostra l ampia bibliografia economica e storico- economica sull ultimo ventennio italiano. Abbiamo trovato una Regione il cui Bilancio era di fatto oramai fuori controllo con dodici miliardi di debiti commerciali e altri di debito sanitario, frutto di una gestione della programmazione del Bilancio degli anni passati a dir poco superficiale. Abbiamo trovato un Programma di impiego dei Fondi Por Fesr che, malgrado l impegno dei funzionari preposti, rischiava di rimanere in larga parte inattuato, disperdendo così risorse indispensabili in questa fase di crisi del nostro territorio. Abbiamo trovato una totale assenza di strategie, di interlocuzione con le parti sociali di costruzioni di obiettivi condivisi di medio- lungo periodo per arginare gli effetti della crisi e poi provare a venirne fuori. Sintetizzando si può dire: mentre il mondo cambiava, il Lazio rimaneva fermo per cominciare poi a retrocedere lentamente. 2. Ricostruire un idea di sviluppo In questa situazione, dunque, come Assessorato allo Sviluppo Economico nel primo anno di legislatura ci siamo dati alcuni obiettivi chiari e concreti, cercando di ridefinire un idea dello sviluppo, o quanto meno di sostegno pubblico funzionale a valorizzare i processi di sviluppo del territorio. Per questo ci siamo mossi su quattro direttrici principali: a) riavviare il confronto con gli stakeholders; b) individuare le principali e migliori azioni utili a migliorare la competitività del Lazio in linea con le migliori esperienze europee; c) recuperare e reinvestire tutte le risorse possibili, a partire dalla rimodulazione dei fondi residui del Por Fesr ; d) avviare un processo di semplificazione amministrativa e legislativa. Per farlo abbiamo collaborato, insieme alla Presidenza della Regione, all elaborazione del Patto per il lavoro e lo sviluppo, siglato insieme a 23 sigle sindacali e rappresentative delle forze imprenditoriali e associative nel quale venivano indicate le prime urgenze su cui intervenire; allo stesso modo abbiamo avviato tavolo specifici di confronto sulla semplificazione amministrativa e 2

3 legislativa, sulla rimodulazione dell ultima tranche dei fondi Por Fesr e sulla nuova programmazione dei fondi europei Il punto dal quale muovevamo e ancora oggi muoviamo le nostre analisi è l assoluta necessità di alzare il livello di competitività complessiva della nostra Regione. Proprio perché siamo convinti che la crisi che stiamo attraversando sia strutturale e non congiunturale e che la possibile, auspicata, ripresa si sostanzierà e consoliderà solamente modificando alla radice il modello di sviluppo del Lazio abbandonando le logiche che lo avevano retto fino al 2010 (anno di arrivo della crisi in Italia), dobbiamo adoperarci per sostenere processi innovativi, le strat- up, la ricerca e il trasferimento tecnologico, lo sviluppo delle reti di impresa e la loro crescita dimensionale, il superamento della dimensione dei distretti industriali inglobandoli nel concetto più ampio di sistemi produttivi locali che contempla l insieme delle potenzialità attrattive e produttive di un dato territorio. Allo stesso modo, in un contesto nel quale appare sempre più condivisa tra gli economisti la consapevolezza che una delle principali cause della mancata crescita economica degli ultimi anni risieda nella assenza di incrementi di produttività, appare particolarmente significativo che nell Indice di competitività regionale calcolato dall Unione Europea nel 2013, il Lazio è al 143 posto su 262 regioni continentali. Avviare processi innovativi è una delle chiavi per alzare il livello della produttività e con essa il livello complessivo del sistema, dell offerta (e dei salari). Sono processi complessi da programmare e ancora più da realizzare che richiedono mesi se non anni di implementazione. Ma siamo convinti che questa sia la strada da perseguire. Nella nostra Regione è presente un sistema articolato nel quale convivono diverse esperienze imprenditoriali: dalla piccola e media impresa, alle grandi aziende nazionali dei comparti pubblico o privato, alle imprese multinazionali. Un sistema che, di fronte all evoluzione del contesto macro e mesoeconomico regionale dell ultimo quinquennio, richiede evidentemente forme di intervento e di policy differenti a seconda dei diversi modelli aziendali e sistemi territoriali. In una fase di forte recessione e di complessiva riorganizzazione degli equilibri economici internazionali, quindi, è necessario che la Regione sappia adeguatamente sostenere e incentivare la riorganizzazione del tessuto imprenditoriale per non perdere le opportunità di crescita attualmente comunque presenti nelle aree economicamente più innovative dell Europa e del pianeta. Opportunità che possono essere colte attraverso un adeguata valorizzazione di quelli che sono gli altri punti di forza della nostra Regione, sui quali puntare per permettere alle imprese del Lazio di agganciare la crescita in atto. Tra questi, in particolare, emerge la dotazione di una realtà scientifica e tecnologica tra le più avanzate del Paese. La possibilità di favorire processi di innovazione e di valorizzazione dei settori ad alta intensità di capitale passa, infatti, per un adeguato sostegno alla creazione di sinergie tra il tessuto imprenditoriale e il mondo della ricerca e dello sviluppo, incentivando anche la formazione delle nuove reti di impresa che sempre più devono essere focalizzate sui settori ad alta intensità tecnologica. Questi obiettivi sono strettamente connessi a quelli rilanciati in sede comunitaria dalla recente approvazione da parte della Commissione europea del Piano d'azione imprenditorialità 2020 e delle misure collegate alla nuova programmazione dei Fondi strutturali Dagli interventi organici a un Piano per la reindustrializzazione del Lazio 3

4 Partendo dunque dal presupposto che la crisi che stiamo vivendo è una crisi di carattere strutturale e non congiunturale, ci siamo mossi attraverso una serie di interventi organici, ovvero una molteplicità di azioni che hanno a nostro avviso il pregio di comunicare tra loro e di contribuire, ciascuno dal proprio punto di vista, a quel progetto di medio- lungo periodo che è l innalzamento della produttività e della competitività del Lazio. Simo così intervenuti attraverso due tipi di azioni principali: uno di carattere interno, relativo cioè al funzionamento proprio della macchina amministrativa; uno di carattere esterno, relativo non solo alla quantità di risorse messe a disposizione del territorio, ma anche alla loro qualità, alla loro destinazione strategica e al conseguente monitoraggio, una pratica molto poco frequentata in Italia ma che noi stiamo cercando di introdurre e implementare. Sotto il profilo degli interventi interni, solo per ricordare quelli più importanti, siamo intervenuti: a. tagliando un miliardo di euro in due anni di spese inutili e/o di risparmi conseguiti; b. accorpando le società partecipate; c. riducendo le direzioni da 20 a 12, non solo per risparmiare sui costi ma anche per rendere più snello e diretto il rapporto tra assessorati e macchina amministrativa; d. riducendo gli sprechi e le sovrapposizioni di funzioni; e. dando vita alla centrale unica per gli acquisti; f. dimezzando il debito commerciale con le imprese da 12,5 a 6 miliardi nel 2014 e puntando a raggiungere i 5 miliardi nel 2015; g. puntando al piano di rientro dal commissariamento della sanità entro il 2015; h. avviando un processo di trasparenza amministrativa (ancora in progress) senza precedenti tramite l utilizzo della rete ; i. essendo la prima regione d Italia ad utilizzare la fatturazione elettronica portando così a meno di un mese i tempi di attesa di una parte dei pagamenti regionali. Sotto il profilo degli interventi esterni, abbiamo lavorato a favore delle imprese attraverso un sistema di azioni diversificate ma tra loro integrate e comunicanti, finanziate con la rimodulazione del vecchio Por Fesr e con una parte dei fondi del Bilancio regionale. In questo modo abbiamo allocato oltre 264 milioni di euro destinandoli alla patrimonializzazione delle imprese, l accesso al credito, la green economy e il sostegno alle startup. Penso, per fare qualche esempio delle attività svolte: a. ai 50 milioni stanziati in 5 anni per l internazionalizzazione delle imprese del Lazio; b. ai 30 milioni per il progetto Start up Lazio; c. agli interventi congiunti con il MISE per risolvere le crisi dei sistemi produttivi di Frosinone, Latina e Rieti; d. ai 50 milioni per le reti di impresa; e. agli oltre 100 milioni allocati per le politiche di accesso al credito per le imprese, all apertura del Plafond Lazio nel Fondo Centrale di Garanzia, con cui abbiamo raggiunto un risultato straordinario che ha sostanzialmente raddoppiato il numero di accessi e la quantità di risorse erogate alle imprese laziali; parliamo di circa 251 milioni di euro di 4

5 prestiti (tra garanzia diretta e controgaranzia), di cui circa il 21% accesi per sostenere investimenti produttivi; f. alle nuove norme di semplificazione presentate e approvate in Giunta come il Testo Unico sull Artigianato o il Testo Unico sul Commercio, strumenti fondamentali per rilanciare l iniziativa privata in un sistema di regole chiare e condivise, ma non oppressive. Si tratta di una serie di iniziative (ne potrei citare altre come l impegno per l aerospazio, la farmaceutica, l economia del mare, il trasferimento tecnologico, il Piano per il lavoro) che si parlano tra di loro e devono essere considerate tutte come parte di un progetto organico per innovare il nostro sistema- territoriale e sostenere così le imprese. Soprattutto, lo facciamo attraverso avvisi pubblici di assoluta trasparenza che prevedono, per i bandi a sportello, il sistema del click day: l inserimento nel bando della data a partire dalla quale potranno essere presentate le domande sui siti internet predisposti, per permettere a tutti di concorrere dallo stesso nastro di partenza. Una serie di interventi esterni di tipo organico che sono in larga parte confermati e ampliati nella nuova programmazione strategica che tiene insieme i fondi europei, le risorse di Bilancio e il fondo di coesione nazionale per oltre 4,1 miliardi di euro si concentra sulla realizzazione di 45 azioni cardine che la Giunta e il Consiglio Regionale hanno individuato come prioritarie per rilanciare la competitività del sistema Lazio (cfr. 3/ ). Di questi 4,1 miliardi, le risorse del POR Fesr Lazio (di più diretto riferimento dell assessorato allo sviluppo economico) saranno pari a 913 milioni di euro e saranno impiegate su alcuni assi strategici come: a. il Piano per l internazionalizzazione del Lazio; b. le politiche per l accesso al credito e le garanzie delle imprese; c. il progetto Startup Lazio!; d. il riposizionamento competitivo dei sistemi imprenditoriali; e. innovazione e reti d impresa; f. agenda digitale e semplificazione (sportello unico per le imprese, banda larga, trasparenza P.A.); g. Energia sostenibile, ambiente, cultura, mobilità e territorio; h. le politiche di accesso al credito, allocando 171 milioni di euro, attraverso l uso integrato delle risorse europee (Fesr e Feasr); l accordo con la Banca Europea per gli Investimenti pari a un impegno di 125 milioni di euro da distribuire al sistema delle imprese attraverso appositi istituti bancari appena selezionati dopo apposito bando di gara; un nuovo strumento di Microcredito regionale con uno stanziamento di fondi regionali di almeno 10 milioni di euro. Siamo convinti che la forza organica di queste misure sia tale da potere essere messa anche a disposizione di una prima serie di interventi per la reindustrializzazione dell economia del Lazio. Il ritorno alla manifattura è un fenomeno in molti Paesi cosiddetti occidentali avanzati, certamente accompagnata da innovazioni di prodotto e di processo. Noi crediamo che il Lazio, proprio perché obbligato a reinventare un nuovo modello di sviluppo diverso da quello precedente la crisi del 2008, debba lavorare per un Progetto di reindustrializzazione regionale. 5

6 È un tema centrale anche per la stessa Commissione Europea che ha evidenziato come tra il 2008 e il 2014 la presenza di produzione manifatturiera sia scesa dal 20% del PIL al 15% del PIL (pari a - 4 milioni di posti di lavoro). La stessa Commissione ha osservato che i paesi che hanno tendenzialmente retto meglio all impatto della crisi, accusando una decrescita economica ma senza impatto sulle caratteristiche economiche strutturali, sono stati proprio quelli dotati di una politica industriale solida. Per queste ragioni la Commissione uscente ha adottato una strategia, denominata RISE (Renaissance of Industry for a Sustainable), che si prefigge di riportare il livello d industrializzazione medio dei paesi dell UE dal 15% del PIL al 20% del PIL entro il 2020 nell'ottica di una terza rivoluzione industriale, attraverso un aumento della dotazione di risorse ai programmi di ricerca e innovazione, all internazionalizzazione, alle strategie di specializzazione intelligente. Una nuova politica industriale per il Lazio si deve quindi fondare su un alleanza tra Regione, banche, imprese, parti sociali e altre istituzioni e su una serie di misure propedeutiche al riavvio del settore manifatturiero: a. accesso al credito a lungo termine per le PMI e le imprese che decidono di reinvestire nel manifatturiero in particolare; b. sostegno all internazionalizzazione delle imprese nei mercati emergenti; b. sviluppo delle tecnologie e trasferimento di kno- how fondamentali; c. formazione delle risorse umane; d. economia knowledge- based; e. capacità delle imprese di fare rete, aumentando in questo modo direttamente o indirettamente la dimensione di impresa; È vero che viviamo una fase di scarsità di risorse pubbliche utili a sostenere questi processi; ed è altrettanto vero che anche in virtù dei tagli decisi dal governo nazionale dovremo valorizzare molto i fondi Por Fesr, tuttavia è bene ricordare due aspetti: I. il primo che questo ci deve spingere a scegliere cosa fare e ad essere particolarmente bravi e selettivi nell allocazione; II. il secondo è che l investimento pubblico non deve sostituire quello privato, come per troppo tempo nel Lazio è accaduto, ma deve accompagnarlo e incentivarlo. Pensiamo a un piano che si muova a partire da alcune linee strategiche: Attrazione degli investimenti esteri e privati italiani; Politiche settoriali; Circular Economy; il credito; i nuovi lavori; innovazione e trasferimento tecnologico; R&D; Start- Up; Internazionalizzazione. E che sappia implementare queste linee attraverso alcune prime misure concrete: Aerospazio; Beni culturali e tecnologie della cultura; Industrie creative digitali; Agrifood; Green Economy; Riutilizzo dei capannoni industriali dismessi; Riposizionamento competitivo sistemi imprenditoriali delimitati territorialmente; Aree produttive ecologicamente attrezzate; Accesso al credito; Internazionalizzazione; Innovazione; Reti d impresa; Ricerca e trasferimento tecnologico; Infrastrutture materiali e immateriali; Start up Lazio!. Si tratta, ovviamente, di una serie di misure preliminari di un più completo Piano per l industrializzazione i cui contorni e i cui obiettivi dovranno essere inquadrati in un percorso che è appena cominciato e che nei prossimi mesi vedrà il coinvolgimento di esperti e di tutti gli 6

7 stakeholder, per arrivare a nella prossima primavera a un appuntamento generale nel quale, a seguito del lavoro svolto, si possano declinare in maniera più specifica le 45 azioni cardine della Regione nel progetto di Reindustrializzazione. 7

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014

AUDIZIONE. MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi. X Commissione del Senato - X Commissione della Camera. Roma, 27 marzo 2014 AUDIZIONE MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Federica Guidi X Commissione del Senato - X Commissione della Camera Roma, 27 marzo 2014 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO 2 CICLO ECONOMICO IN MIGLIORAMENTO

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI

ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI ALLEGATO 1 C SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI SINTESI DEL PROGRAMMA OPERATIVO PER I CITTADINI La Regione Emilia-Romagna giunge all appuntamento con il nuovo periodo di programmazione dei

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

Smart Specialisation Strategy e forme aggregative

Smart Specialisation Strategy e forme aggregative Smart Specialisation Strategy e forme aggregative Nuovi strumenti a supporto dell innovazione e la competitività Piazzola sul Brenta, 23 maggio 2015 Dipartimento Sviluppo Economico Sezione Ricerca e Innovazione

Dettagli

66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI

66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI 66 UNA NUOVA CHANCE PER I PROFESSIONISTI di FRANCESCO VERBARO Èdifficile trovare dei legami immediati tra microcredito e libere professioni. Eppure non è impossibile. Come ben sintetizzato dal Presidente

Dettagli

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero

Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero Direzione centrale attività produttive, commercio, cooperazione, risorse agricole e forestali Area per il manifatturiero FVG regione a vocazione manifatturiera Settori di specializzazione FVG Principali

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

Luigi Paganetto SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI. Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata

Luigi Paganetto SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI. Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata SVILUPPO E PARTECIPAZIONE: NUOVE PROSPETTIVE PER LE RELAZIONI INDUSTRIALI Presidente Fondazione Economia Università di Tor Vergata Roma, 15 ottobre 2013 LA CRISI DELL ECONOMIA ITALIANA DIPENDE DALLA RECESSIONE

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010

Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Il mercato dell involucro edilizio in Italia nel 2010 Indice 2 Sintesi 3 Cos era avvenuto nel 2009 4 Cosa sta accadendo nel 2010 6 Estratto dall osservatorio Uncsaal sul primo quadrimestre 2010 Sintesi

Dettagli

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020.

Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi. Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020. Fi.La.S. Finanziaria Laziale di Sviluppo S.p.a. Stefano Turi Il supporto regionale alle PMI in linea con le strategie di Europa 2020 Roma, 27 V 2011 Europa 2020 Nuovo contesto ed orientamenti sull innovazione

Dettagli

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula.

Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. Il materiale ripercorre i presupporti teorici legati al tema del welfare aziendale proponendo quanto emerso in occasione di un intervento in aula. E possibile approfondire il tema consultando il sito La

Dettagli

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020

Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Programma operativo regionale POR CreO FESR 2014-2020 Obiettivo Investimenti per la Crescita e l Occupazione Siena, 27 marzo 2015 Monica Bartolini, Ilaria Buselli Ufficio Autorità di Gestione POR FESR

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: II RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2016 PMI DEL SUD RIALZANO LA TESTA, MA IL CONTO DELLA CRISI RESTA SALATO

CONFINDUSTRIA-CERVED: II RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2016 PMI DEL SUD RIALZANO LA TESTA, MA IL CONTO DELLA CRISI RESTA SALATO CONFINDUSTRIA-CERVED: II RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2016 PMI DEL SUD RIALZANO LA TESTA, MA IL CONTO DELLA CRISI RESTA SALATO Si rafforzano i segnali positivi dalle PMI del Sud: i livelli pre-crisi sono ancora

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015

CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 CONFINDUSTRIA-CERVED: RAPPORTO PMI MEZZOGIORNO 2015 Duro l impatto della crisi, ma anche dalle PMI del Sud arrivano primi segnali di ripartenza. Servono più imprese gazzelle per trainare ripresa. Più di

Dettagli

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese

Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Lo scenario socio-economico del Mezzogiorno: l effetto della crisi su famiglie, giovani e imprese Salvio CAPASSO Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e del Territorio Napoli, 12 maggio 2015 Agenda

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale

Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Ingegneri, Industria: creazione di valore tecnologico sociale Venezia, 30 settembre 2015 La Tavola Rotonda si pone l obiettivo di analizzare i nuovi orientamenti che il sistema produttivo italiano può

Dettagli

2020. Direttive di attuazione.

2020. Direttive di attuazione. Oggetto: Fondo di capitale di rischio (venture capital) per investimenti in equity per la creazione e lo sviluppo di imprese innovative PO FESR Sardegna 2014-2020. 2020. Direttive di attuazione. L Assessore

Dettagli

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA

LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Direzione Affari Economici e Centro Studi LA QUESTIONE INFRASTRUTTURALE E L ANDAMENTO DELLA SPESA PUBBLICA Il ritardo infrastrutturale italiano è il frutto di scelte di politica economica che da anni continuano

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE

LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE LA LOMBARDIA PER LE IMPRESE 1. Linee guida per il Progetto di legge per il rilancio della competitività lombarda 2. Aggiornamento dei criteri attuativi di Credito Adesso: 3.

Dettagli

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020

IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 IL PERCORSO DI DEFINIZIONE DEL POR MARCHE FESR 2014/2020 Paola Giorgi, Assessore regionale alle Politiche Comunitarie Evento di lancio Por Fesr 14/20 Macerata, 25/03/2015 Le novità del POR Marche FESR

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi

Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi Primi bilanci delle misure di contrasto alla crisi G. Benedetto Responsabile Direzione Attività Produttive Autorità di Gestione del POR Regione Piemonte L azione di Governo in risposta alla crisi: Interventi

Dettagli

Prof. Guido Fabiani, Assessore alle politiche per lo sviluppo economico 4 marzo 2015

Prof. Guido Fabiani, Assessore alle politiche per lo sviluppo economico 4 marzo 2015 Prof. Guido Fabiani, Assessore alle politiche per lo sviluppo economico 4 marzo 2015 In Italia L imprenditoria femminile: alcuni dati l imprenditoria femminile conta 1.302.054 imprese e rappresenta il

Dettagli

Approfondimenti: Provincia di Cuneo

Approfondimenti: Provincia di Cuneo Approfondimenti: Provincia di Cuneo Premessa Contesto e attività/1 Nel generale contesto di crisi che ha continuato a caratterizzare il sistema economico italiano nel 2013 i dati relativi al Piemonte hanno

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs

Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs Convegno Good Vocational Education and Training A future for young workers Le Politiche di Regione Lombardia Skills and Jobs 4 dicembre 2014 Un cordiale buongiorno a tutti i presenti. Grazie, innanzitutto,

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto il decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 134, recante Misure urgenti per la crescita del Paese, e,

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015

Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo seminari SNV NUVAL - 19 maggio 2015 Ciclo di seminari Ricostruzione della Teoria del Programma per la redazione dei Piani di Valutazione Analisi dell OT3 RA 3.6: Miglioramento dell accesso al credito

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE 75 i dossier www.freefoundation.com COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE NEL RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA MISSIONE IN ITALIA DEL 3-16 MAGGIO 17 maggio 2012 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito

METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito Seminario informativo METTERSI IN PROPRIO opportunitàe strumenti di accesso al credito Settore Politiche orizzontali di sostegno alle imprese Via Luca Giordano, 13 50132 Firenze Gli strumenti di accesso

Dettagli

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA

RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA RAPPORTO 2014 LA FINANZA TERRITORIALE IN ITALIA Il finanziamento degli investimenti degli Enti locali e territoriali: gli strumenti ed il loro utilizzo Alessandro Panaro Milano, 23 gennaio 2015 Le fonti

Dettagli

Interventi urgenti a sostegno della crescita

Interventi urgenti a sostegno della crescita Interventi urgenti a sostegno della crescita Misure di accelerazione dell utilizzo delle risorse della politica di coesione (Fondo Sviluppo e Coesione, Piano Azione Coesione e Programmi dei Fondi Strutturali

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA

LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA LA COESIONE ECONOMICA, SOCIALE E TERRITORIALE DELL UNIONE EUROPEA Quale obiettivo si prefigge l Unione europea nel rafforzare la sua coesione economica, sociale e territoriale? L Unione europea sviluppa

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO

REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO REGIONE LOMBARDIA CAMERE DI COMMERCIO UNIONCAMERE LOMBARDIA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO E LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA LOMBARDO PROGRAMMA D AZIONE 2006 - prime linee - Premessa La sottoscrizione

Dettagli

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal

La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal La politica industriale si è sviluppata in Italia in un progressivo allargamento del campo di intervento, passando dalla impresa al settore, dal settore al distretto e dal distretto alla filiera. Nella

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria

Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria Tavola rotonda CREDITO E PMI Roma, 6 dicembre 2011 Valentina Carlini Fisco, Finanza e Welfare Confindustria La crescita economica in Italia (Centro Studi Confindustria Congiuntura flash, Novembre 2011)

Dettagli

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano)

Tendenze in atto e prospettive per il futuro. Luca Zanderighi (Università di Milano) Tendenze in atto e prospettive per il futuro Luca Zanderighi (Università di Milano) Milano, 6 giugno 2012 Schema dell intervento La situazione internazionale L Italia di fronte a una svolta: prospettive

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI)

POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) POI ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO 2007-2013 (POI) Avanzamento Attività Organismo Intermedio Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per gli incentivi alle imprese D.G.I.A.I Linee

Dettagli

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione.

La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. La cooperazione tra PMI e Centri di Ricerca per l innovazione. Treviso, 24 febbraio 2015 Smart Specialisation Strategy Rappresenta il rafforzamento delle specializzazioni del territorio e la promozione

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e Centro Studi COSTRUZIONI: ANCORA IN CALO I LIVELLI PRODUTTIVI MA EMERGONO ALCUNI SEGNALI POSITIVI NEL MERCATO RESIDENZIALE, NEI MUTUI ALLE FAMIGLIE E NEI BANDI DI GARA I dati

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile

Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Strumentazioni in favore dell imprenditoria femminile e giovanile Verona, 14 aprile 2014 Michele Pelloso Direttore Sezione Industria e Artigianato Assessorato all Economia e Sviluppo, Ricerca e Innovazione

Dettagli

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA

MEMORIA DI GIUNTA 1) PREMESSA MEMORIA DI GIUNTA Linee guida per il più efficace utilizzo degli strumenti di Ingegneria Finanziaria per favorire l accesso al credito delle P.M.I. del Lazio 1) PREMESSA I Fondi di Ingegneria Finanziaria

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Impatto territoriale e settoriale della crisi economica

Impatto territoriale e settoriale della crisi economica Punto 4 dell ordine del giorno Impatto territoriale e settoriale della crisi economica e attività di contrasto poste in essere nel Programma Operativo Le dimensioni i i globali li della crisi i La crisi

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale. Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00

Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale. Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00 Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli di Ercole P. Pellicanò L'alto

Dettagli

Prof. Luigi Nicolais. Consiglio Nazionale delle Ricerche

Prof. Luigi Nicolais. Consiglio Nazionale delle Ricerche Prof. Luigi Nicolais Consiglio Nazionale delle Ricerche Cambiamenti Negli ultimi 10 anni l orizzonte concorrenziale è stato profondamente trasformato da Asia, America Latina, Africa per Disponibilità risorse

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi

La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi discussione di Scenari economici n. 20 La partenza ritardata e lenta I fondi europei leva per uscire dalla crisi Alessandra Staderini Servizio Struttura economica, Banca d Italia Roma, 26 giugno 2014 Confindustria,

Dettagli

La strategia di specializzazione intelligente della Regione Lazio Francesco Mazzotta

La strategia di specializzazione intelligente della Regione Lazio Francesco Mazzotta La strategia di specializzazione intelligente della Regione Lazio Francesco Mazzotta Ricerca e Innovazione: le sinergie tra la Smart Specialisation Strategy e Horizon 2020 Roma, 9 luglio 2014 S 3 : nuovo

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Programma Operativo 2014/2020

Programma Operativo 2014/2020 Programma Operativo Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014/2020 DOTAZIONE FINANZIARIA F.E.S.R. 2014/2020 965.844.740 Nel periodo 2007/2013 1.076.000.000 Criteri di concentrazione delle risorse per la

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI

MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI MIGLIORA PER LE IMPRESE ITALIANE L ACCESSO AI FINANZIAMENTI Silvano Carletti * Nei suoi primi cinque appuntamenti (l ultimo a fine settembre 2015) il Targeted Longer-Term Refinancing Operations (TLTRO)

Dettagli

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri

La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia. Francesco Daveri La diffusione della crisi e il credit crunch in Italia Francesco Daveri 1 Le componenti del Pil nel 2008-09 (primo tempo della crisi).. (1) G ha svolto funzione anticiclica; (2) C diminuiti meno del Pil;

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI?

Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Scheda n. 3 PER COSA SARANNO UTILIZZATI I FONDI? Il piano di investimenti per l Europa consisterà in un pacchetto di misure volte a sbloccare almeno 315 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Il fare impresa dei migranti in Italia

Il fare impresa dei migranti in Italia Il fare impresa dei migranti in Italia Natale Forlani direttore generale immigrazione ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali L Italia è stata per quasi un secolo e mezzo un Paese a forte emigrazione.

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita

PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita PMI: contributi a fondo perduto 2014-2020 per le aziende e nuove opportunità di crescita FONDI STRUTTURALI E DI COESIONE 2014/2020 PROGRAMMAZIONE EUROPEA: A livello europeo: Quadro Strategico Comune A

Dettagli

L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020

L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020 I Fondi Europei per la competitività e l innovazione delle PMI campane: strategie e opportunità di finanziamento L internazionalizzazione delle PMI nella programmazione regionale 2014-2020 Dr. Ennio Parisi

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni

Agenda. Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria. Consulenza globale. Ambiti d intervento. Conferma e arricchimento soluzioni Agenda Gli accordi Intesa Sanpaolo Confindustria Piccola Industria Consulenza globale Ambiti d intervento Conferma e arricchimento soluzioni 1 Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria Un impegno

Dettagli

Programma di attività Linee Guida

Programma di attività Linee Guida Programma di attività Linee Guida SEZIONE INFORMATION TECHNOLOGY Augusto Coriglioni Il Lazio e Roma : Il nostro contesto Nel Lazio Industria significa in larga misura Manifatturiero; a Roma, Servizi; Complementarietà

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese

Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese Il microcredito: risorse ed opportunità per le microimprese E 1. IL RUOLO DELLE PMI E DELLE MICROIMPRESE MARIO BACCINI PRESIDENTE DELL ENTE NAZIONALE PER IL MICROCREDITO E NOTO COME IL SISTEMA PRODUTTIVO

Dettagli

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione

Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Promuovere gli investimenti per la crescita e l occupazione Presentazione del VI rapporto sulla coesione economica, sociale e territoriale in Europa 6 ottobre2014 Massimo Sabatini Politiche regionali e

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

La Toscana che cresce. Ricerca, innovazione, competitività, sviluppo territoriale sostenibile

La Toscana che cresce. Ricerca, innovazione, competitività, sviluppo territoriale sostenibile La Toscana che cresce Ricerca, innovazione, competitività, sviluppo territoriale sostenibile Sono molto soddisfatto del traguardo raggiunto dalla nostra regione con il via libera da Bruxelles ai Programmi

Dettagli