Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi"

Transcript

1 Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto assolutamente importante, sia per la prestazione del giocatore sia per limitare le possibilità di infortunio così frequenti nel nostro sport. Praticamente tutti i preparatori atletici e gli allenatori, (con poche eccezioni, ma che, proprio perché eccezioni, confermano la regola) concordano nell attribuire al miglioramento della forza un posto basilare nella preparazione (vedi nelle note finali, in breve, le definizioni fondamentali relative alla forza). In questo lavoro rivolgeremo la nostra attenzione ad esercizi per il miglioramento della forza che possono essere proposti nelle prime fasce di età e, tra i molti mezzi che possono essere utilizzati, ci soffermeremo sui balzi. Questi rappresentano certamente, per le età che ci interessano (ma anche per tutti i calciatori), una delle forme di lavoro più efficaci per il miglioramento di questa capacità, anche perché riproducono molto da vicino il tipo di sforzo frequentemente utilizzato nel corso di una partita. Quale tipo di forza vogliamo allenare? - la forza veloce nelle sue diverse espressioni, identificabili principalmente con la forza esplosiva, la forza pliometrica e la forza coordinativa. Quali tipi di balzi possiamo utilizzare? - praticamente tutte le forme di balzi possono essere utilizzate in quanto facilmente eseguibili e, anche se di difficile controllo, relativamente modulabili nell intensità, sia attraverso il numero di esecuzioni sia attraverso la loro forma esecutiva (con riferimento, ad esempio, all esecuzione libera, con ostacoli, sulle scale o sui gradoni della tribuna, su terreni in pendenza o anche su superfici non fisse o non solide sabbia, neve, tappeti morbidi). - Facciamo subito un osservazione basilare: dal momento che tutte le volte che facciamo dei balzi (ma anche praticamente tutti i movimenti che interessano una parte rilevante dei segmenti corporei) chiamiamo in causa il tratto lombare della colonna vertebrale (in particolare l articolazione tra la quinta lombare e la prima sacrale) dovranno essere rafforzati i muscoli che intervengono nella stabilità della colonna stessa in modo che siano in grado di assorbire vantaggiosamente le sollecitazioni. Per attenerci a questo è di importanza fondamentale che sia curata la correttezza dell esecuzione dei balzi di cui l allenatore o il preparatore devono conoscere alla perfezione i corretti meccanismi esecutivi, anche se la conformità a questi non è facile da ottenere con giocatori così giovani. Quali devono essere le forme esecutive? Perché si rispettino i canoni per l allenamento della forza veloce i balzi devono essere improntati a rapidità di esecuzione con appoggi a terra con tempi ridotti al minimo, compatibilmente con il carico.

2 Quando possono essere programmati? - nell ambito di un programma annuale possono essere introdotti a partire dalle prime sedute avendo cura di osservare il principio della gradualità. La distribuzione sarà su tutta la stagione agonistica, ma, se si vuole applicare il principio dei blocchi di cui si è parlato ai corsi, una particolare importanza verrà data ai balzi nel secondo blocco (gennaio marzo) in cui è prevista una percentuale più elevata di allenamenti per la forza. - Nella programmazione settimanale si può fare una scelta determinata dal numero degli allenamenti settimanali e collocarla nel primo o nei primi due allenamenti. Probabilmente però i risultati migliori si ottengono prevedendo degli esercizi per la forza in tutte le sedute, un po come abbiamo visto quando abbiamo parlato dell allenamento per la velocità. - Alla base di questa proposta c è la considerazione che le due capacità si integrano perfettamente: praticamente non si può allenare la velocità senza intervenire anche sulla capacità di forza e non si può allenare la forza specifica del calciatore senza prevedere movimenti veloci o esplosivi quindi con un importante intervento sulla velocità. - Questo è un concetto sul quale ritengo ci si debba soffermare perché sia ben chiaro. In effetti, per allenare le due capacità, si possono seguire diverse formule: 1) prevedere esercizi ed esercitazioni separati per le due capacità; 2) prevedere esercizi ed esercitazioni misti, cioè forza + velocità. Per gli esercizi e le esercitazioni separate, richiamato quanto è stato detto per la velocità (ripetizioni di tratti brevi a velocità massima o submassimale), per quanto concerne la forza devono essere utilizzate molte forme di lavoro, ma, in particolare con i giocatori di prima e di seconda fascia, si deve procedere con la massima cautela per evitare sovraccarichi eccessivi. I balzi sono sicuramente uno dei mezzi utilizzabili per validi risultati. Un principio deve essere assolutamente rispettato con i giovani (ma vale in assoluto) è la regola di Roux che richiama l attenzione sulle esigenze di un organismo in relazione allo sviluppo ed alla maturazione delle strutture e dice: 1. stimoli deboli compromettono lo sviluppo; 2. stimoli medi sono utili allo sviluppo; 3. stimoli massimali nascondono pericoli. Per attenerci a questa regola dovremo quindi rivolgere la nostra massima attenzione nella ricerca degli esercizi ottimali per sottoporre il nostro organismo a stimoli di media entità. In particolare nella seconda fascia con lo sviluppo corporeo che caratterizza questa età, la nostra attenzione dovrà essere sempre massima con un controllo continuo delle risposte agli stimoli che proponiamo in modo da evitare sovraccarichi derivanti da numero e intensità eccessivi o da entrambi.

3 Per gli esercizi e le esercitazioni miste bisogna mettere in rilievo che hanno una maggiore influenza sulla capacità di forza che su quella di velocità in quanto, inevitabilmente, gli esercizi sono proposti nell ordine forza velocità (ad esempio una serie di balzi seguiti da un tratto di velocità). Questo porta a prevedere, quando nell ambito della stessa seduta si voglia privilegiare la velocità, prima una serie di esercizi per la velocità poi gli esercizi misti di balziche continuano con tratti di velocità massima. Nell ambito della seduta la collocazione sarà funzionale subito dopo un accurato riscaldamento se non sono previsti esercizi per la velocità o se sono previste esercizi misti per la forza e la velocità oppure dopo il riscaldamento e gli esercizi per la velocità. I balzi Molte sono le forme esecutive, alcune delle quali prevedono però una buona abilità esecutiva, non sempre in possesso dei giocatori delle fasce di età cui facciamo riferimento in queste note. La distinzione principale da fare è tra: - balzi in avanzamento - balzi da fermo Teniamo ben presente un principio fondamentale: un esercizio elementare ben eseguito ha un rendimento notevolmente maggiore di un esercizio più complesso ma eseguito con approssimazione. La nostra scelta sarà quindi orientata verso le forme esecutive più semplici, sulle quali dovremo essere comunque molto esigenti sulla correttezza dei gesti con un controllo continuo. Balzi in avanzamento Sono quelli più utilizzati in ambito calcistico. I principali sono: - balzi alternati in cui si alterna la gamba di spinta. Possono essere rettilinei, a zigzag (o slalom), con incrocio.

4 - balzi successivi (sullo stesso piede o monopodalici) rettilinei o a zigzag (a slalom) - balzi a due piedi pari uniti (o poco divaricati) rettilinei, a zigzag (a slalom), con spostamento laterale. E possibile partire da gambe piegate per accentuare il carico di lavoro - balzi combinati in cui si possono alternare nella stessa sequenza le forme esecutive (hanno il vantaggio di richiedere una continua attenzione da parte dei giocatori e di imporre un vigile controllo coordinativo) - passo stacco in cui si esegue uno stacco con flessione in avanti alto della gamba libera tornando a terra sullo stesso piede, si fa un passo e si esegue

5 uno stacco sull altro piede. Se anziché fare un passo se ne fanno tre (passo stacco 1 x 3) è possibile si può ottenere una elevazione maggiore. Se anziché fare un passo se ne fanno due (passo stacco 1 x 2) si esegue lo stacco sempre sullo stesso piede. Varianti che richiamano il gesto tecnico sono: passo stacco con adduzione della coscia a gamba flessa o a gamba semiflessa. - step (o altra denominazione) - impulso con i due piedi in contemporanea e flessione rapida di una gamba alternando la destra e la sinistra Lo step può essere eseguito anche sul posto.

6 Balzi sul posto Sono utili per un più attento controllo del movimento e per la possibilità di graduare lo sforzo (con l ultima fascia eventualmente con l uso di sovraccarichi come giubbotti, cinture, polsiere o cavigliere zavorrati). Si possono far rientrare tra i balzi sul posto anche quelli che prevedono spostamenti molto ridotti (ad esempio balzi a piedi pari con spostamento laterale e ritorno). I diversi balzi possono essere. - Saltelli pari uniti o su un solo piede, sul posto o con brevi spostamenti e ritorno. - Saltelli pari uniti (o leggermente divaricati) con rotazione di 90, 180, Saltelli pari uniti con rapida flessione delle gambe, portando le ginocchia al petto - Saltelli pari uniti o leggermente divaricati eseguendo un arco dorsale in volo

7 ! - Saltelli su un piede solo sul posto o con piccoli spostamenti nelle diverse direzioni e ritorno - Saltelli con slancio incrociato di una gamba per uno spostamento laterale - Saltelli sul posto con slanci alternati in fuori di una gamba distesa o flessa

8 - Saltelli sul posto con divaricata delle gambe in volo sul piano frontale o sul piano sagittale, eventualmente con slancio delle braccia per fuori in alto. Una buona forma esecutiva assai gradita è la cavallina (vedi figura), peraltro molto conosciuta.! Ricordiamo che ogni balzo chiama in causa, nella fase di ritorno a terra, la forza pliometrica, mentre esercizi specifici per questa forza (denominati esercizi pliometrici) sono quelli che prevedono una forma esecutiva di caduta da un punto elevato e rimbalzo immediato. In considerazione dell elevata intensità di questi esercizi e delle alte sollecitazioni cui sono sottoposte le articolazioni di ginocchio e caviglia è consigliabile non introdurli nell allenamento fino ai 18/19 anni, usandoli sempre con opportuna cautela. Lo stesso vale, in misura maggiore, per gli esercizi propriocettivi, f o r m a d i a l l e n a m e n t o d e r i va t a d a l l a r i e d u c a z i o n e postraumatica che prevede balzi con partenza e arrivo su tavole oscillanti, e per i balzi con partenza e arrivo su superfici inclinate. Queste forme di lavoro potranno far parte di un futuro articolo.

9 Quanti balzi si devono far eseguire? Dopo aver visto i tipi di balzi cerchiamo di avere indicazioni sul delicato problema relativo alla quantità di balzi. Prendiamo nota che con i più piccoli, specialmente con i balzi in movimento, non si possono ottenere prestazioni massimali in quanto entra i gioco, con notevole impatto, la forza coordinativa. L impegno sarà comunque classificato tra quelli elevati. La forma esecutiva dei balzi, l età dei giocatori e il loro livello assumono logicamente un importanza fondamentale quando si vuole determinare la quantità da proporre. Relativamente alla forma esecutiva abbiamo già visto che deve essere privilegiata la forma veloce con la logica prudenza legata all età dei giocatori, ma, andando verso le fasce di età più alte (soprattutto con la quarta fascia) si richiederanno frequentemente esecuzioni massimali, con molta attenzione al volume di lavoro. I balzi alternati, rettilinei o a slalom, possono prevedere un caricamento maggiore e un tempo di appoggio più lungo per aumentarne l intensità. Questa forma si allontana dalla forza veloce e può essere utilizzata soltanto con la terza e quarta fascia per l elevato carico sulle articolazioni. I balzi vengono organizzati in serie, composte generalmente da 8/12 ripetizioni. In una seduta si può proporre un numero totale di variabile dai 60 ai 120 a seconda del periodo della stagione e delle condizioni dei giocatori (anche qui forma esecutiva, età, condizioni di allenamento generale e grado di stanchezza del momento). Si ritiene che sia più funzionale proporre, nella stessa seduta, diverse forme esecutive più efficaci per l attivazione di un gran numero di gruppi muscolari in condizioni vicine a quelle che vengono richieste in partita. Si possono sommare balzi sul posto e balzi in movimento. Ricordiamo che, come abbiamo accennato precedentemente, spesso si utilizzano balzi seguiti da tratti di velocità massima, per ottenere un intervento sulle due capacità di forza e velocità. In questo caso la somma dei balzi sarà ridotta per consentire un efficace impegno sui tratti di velocità, ad esempio 5 balzi seguiti da 10 m di velocità massima. I balzi seguiti dalla velocità possono essere in avanzamento o sul posto (in quest ultimo caso ci si avvicina molto agli esercizi di pliometria).

10 Attrezzi per particolari esecuzioni dei balzi Per rendere più varia o più efficace l esecuzione dei balzi si possono utilizzare diversi attrezzi. Vediamoli in breve: Ostacoli - adeguandone l altezza all età e alle capacità dei giocatori sono indubbiamente uno strumento molto efficace per un esecuzione controllata. Se ne avvantaggiano anche diverse capacità coordinative, aumentandone così l importanza. Alcune delle tante proposte possibili sono state presentate nei corsi base e riportate sul book relativo. Gli esercizi possono essere eseguiti con salti a piedi pari o, dislocando gli ostacoli alle distanze opportune, eseguendo un salto come un passo di corsa con elevazione più accentuata. Corda per saltare (o funicella) - costituisce un mezzo di buona efficacia per migliorare la sensibilità del piede e la mobilità della caviglia. Si possono eseguire diversi esercizi a piedi pari oppure alternando i piedi sul posto o in avanzamento, se si vuole anche di un certo impegno. La prima figura indica il modo per verificare se la corda è della lunghezza giusta: essa, fermata sotto i piedi uniti, deve risultare tesa tenendo i gomiti piegati a 90 e un poco aperti. Gli altri disegni presentano alcuni degli esercizi che possono essere eseguiti.!

11 Cerchi - sono un buon mezzo per ottenere la precisione e la lunghezza dei balzi. Possono essere collocati in linea retta o sfasati in vari modi per un impegno maggiore. L esecuzione dei balzi può prevedere la forma alternata o i balzi ad uno o due piedi. Con modalità simili a quelle dei cerchi possono essere utilizzate corde per saltare disposte sul terreno per indicare appoggi obbligati oppure conetti e cinesini (o messicani come vengono anche chiamati). L utilizzo di paletti comporta il rischio di scivolamenti se il piede finisce sopra uno di essi.

12 Note Forza capacità di opporsi ad una resistenza per mezzo della contrazione muscolare volontaria. L opposizione alla resistenza può avere tre risultati, da ognuno dei quali deriva un tipo di forza diversa: 1) la forza esercitata supera la resistenza (contrazione muscolare dinamica concentrica che può essere indicata come positiva, superante o vincente) 2) la resistenza supera la forza (contrazione muscolare dinamica eccentrica che può essere indicata come negativa o cedente) 3) la resistenza non viene spostata dalla forza applicata (contrazione muscolare statica indicata come contrazione isometrica) Per distinguerle da quelle senza movimento, le prime due forme di contrazione, nel loro insieme, possono essere classificate, oltre che dinamiche, a n c h e c o m e anisometriche, c i o è n o n isometriche. La quantità di forza che si può sviluppare dipende da diversi fattori, tra i quali la volontà del soggetto, ed è condizionata dall entità della resistenza alla quale ci si vuole opporre. E proporzionale alla sezione fisiologica del muscolo (Weber, 1856). Alla determinazione della forza concorrono quindi fattori costituzionali e fattori migliorabili. Fattori costituzionali a) - Conformazione fisica b) - Composizione e forma del muscolo c) - Velocità di conduzione dello stimolo nervoso Fattori migliorabili a) - Capacità di reclutamento e sincronizzazione delle fibre muscolari. b) - Capacità di attivazione dei processi volontari c) - Capacità di attivazione dei processi biochimici specifici d) - Capacità tecnica Forza relativa forza che il soggetto è in grado di esprimere in rapporto al suo peso corporeo. Il concetto di forza relativa deve essere tenuto nella massima considerazione nell impostazione dell allenamento giovanile in quanto risulta fondamentale nella determinazione dei carichi per ogni soggetto. Forza coordinativa (che possiamo chiamare anche forza di destrezza) capacità di espressione della forza nella realizzazione di movimenti di coordinazione complessa Questi argomenti verranno trattati in modo approfondito questo stesso sito. in un prossimo lavoro che potrete trovare in

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

La coordinazione nel giovane portiere di calcio

La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione nel giovane portiere di calcio La coordinazione rappresenta la base di una buona capacità senso-motoria di apprendimento. Prima di eseguire una determinata azione motoria, è necessario

Dettagli

La forza nei giovani

La forza nei giovani La forza nei giovani Vinicio PAPINI Premessa FORZA: capacità di vincere o contrastare resistenze esterne Lo sviluppo della forza deve essere effettuato unitamente agli altri aspetti della motricità. Considerare

Dettagli

Preatletismo generale,

Preatletismo generale, Preatletismo Con il termine preatletismo molto spesso indichiamo quello generale, cioè una serie di esercitazioni che sviluppano la forza a carico naturale in età giovanile, favorendo lo sviluppo armonico

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 La durata del lavoro sarà di circa tre settimane per poi passare

Dettagli

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE A 14-15 anni inizia un avvio alla specializzazione nei salti esteso ad almeno tre salti. A 16-17 anni continua il percorso verso uno specializzazione ma per salti

Dettagli

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini

Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009. Relatore: Prof. Nicola Piccinini Volley Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Relatore: Prof. Nicola Piccinini Introduzione Fondamentale da punto con alta valenza tecnico - tattica sia a livello individuale che di squadra. Collegato

Dettagli

FORZA RAPIDA (o veloce)

FORZA RAPIDA (o veloce) FORZA RAPIDA (o veloce) Per FORZA RAPIDA (o VELOCE) si intende la capacità del sistema neuromuscolare di superare resistenze con un elevata velocità di contrazione. Viene definita: - Forza esplosiva quando

Dettagli

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO

LE ANDATURE. Non esiste una terminologia ufficiale ma alcuni termini sono ormai comunemente accettati. 1. ALLUNGO LE ANDATURE Le andature sono una serie di esercizi simili alla corsa o alla marcia che sono funzionali alla tecnica, alla coordinazione o alla mobilità. 1 Sono andature speciali utilizzate per allenare

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

Esercitazioni per la mobilità articolare passiva (stretching), mista, attiva.

Esercitazioni per la mobilità articolare passiva (stretching), mista, attiva. Categoria cadetti Indirizzi programmatici per i giovani ( fascia d età 13/14/15 anni ) PERIODO DELL ALLENAMENTO GENERALE Es. di lavoro settimanale (fino alle vacanze di Natale) con corsa lenta rimbalzata

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI Testo e disegni di Stelvio Beraldo (Stelvio Beraldo - 1983) MODALITÀ DI

Dettagli

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA Lo scopo: la velocità media avvio accelerazione lanciato Aspetti biomeccanici: lunghezza e frequenza del passo Struttura del movimento: fase di appoggio

Dettagli

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa :

MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento. - Esercitazioni tecniche della Corsa : MEZZOFONDO VELOCE : Mezzi di Allenamento - Esercitazioni tecniche della Corsa : Queste rappresentano il mezzo più specifico per l apprendimento di un corretto utilizzo della corsa. Questa, infatti, dovrebbe

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

Verona, 14 Gennaio 2008. La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute

Verona, 14 Gennaio 2008. La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Verona, 14 Gennaio 2008 La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Verona, 14 Gennaio 2008 La Formazione del Giocatore Silvano Garbin L Allenamento Sportivo Processo pedagogico-educativo

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE

Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Settore Promozionale TROFEO GYM PRIME GARE Il Trofeo Gym Prime Gare, a carattere regionale, è rivolto a tutte le ginnaste alle prime esperienze di gara e pertanto è riservato a coloro che non partecipano

Dettagli

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo

Il linguaggio dell insegnante. Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo Il linguaggio dell insegnante Scienze Motorie Prof.ssa Marta Pippo A Assi e piani Asse longitudinale: è la linea immaginaria che ti attraversa dall alto (vertice della testa) in basso (in mezzo ai talloni).

Dettagli

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Aspetti metodologici e pratici del periodo preparatorio nella pallavolo. Organizzazione della seduta fisico tecnica. Utilizzo di attrezzi e

Dettagli

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009

Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 Volley Ball Project di Nicola Piccinini Ottobre 2009 INTRODUZIONE Il bagher è un fondamentale di base nella pallavolo, cioè concorre con varianti diverse a formare i fondamentali complessi della ricezione

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME

Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012. PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di SCIENZE MOTORIE - CLASSI PRIME -Accoglienza: discussione sull importanza della materia Scienze Motorie -Questionario d ingresso sull attività motoria

Dettagli

Scienze Motorie e Sportive

Scienze Motorie e Sportive Scienze Motorie e Sportive GLOSSARIO DEI MOVIMENTI GINNASTICI E SPORTIVI (Testo e disegni di Stelvio Beraldo) DOCENTE: prof Pieraldo Carta CLASSI: 1^A, 1^B, 2^B A.S. 2013-2014 1 Atteggiamenti POSIZIONI

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO CON LA PANCA MULTIFUNZIONE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO CON LA PANCA MULTIFUNZIONE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO CON LA PANCA MULTIFUNZIONE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Caratteristiche della panca multifunzione come mezzo di allenamento - Schede esercizi

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti della forza rapida - Il carico naturale come mezzo di

Dettagli

3 TENNIS TRAINING PERIODO FONDAMENTALE 2 PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA. www.tennisworlditalia.

3 TENNIS TRAINING PERIODO FONDAMENTALE 2 PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA. www.tennisworlditalia. ANDREA GUARNACCIA 3 TENNIS TRAINING PROGRAMMA COMPLETO DI PREPARAZIONE ATLETICA SPECIFICA PER IL TENNISTA PERIODO FONDAMENTALE 2 DICEMBRE GENNAIO www.tennisworlditalia.com Andrea Guarnaccia Titolo TENNIS

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

L EQUILIBRIO. Luciano Orano istruttore nazionale minibasket/istruttore c.a.s. Pataviumpetrarca Basket e centro minibasket Mira Dolo.

L EQUILIBRIO. Luciano Orano istruttore nazionale minibasket/istruttore c.a.s. Pataviumpetrarca Basket e centro minibasket Mira Dolo. L EQUILIBRIO Luciano Orano istruttore nazionale minibasket/istruttore c.a.s. Pataviumpetrarca Basket e centro minibasket Mira Dolo. introduzione: Nella metodologia dell insegnamento,si deve tener conto

Dettagli

Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI

Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI Per la valutazione dei giovani sciatori di fondo L obiettivo principale dell allenamento giovanile è di assicurare ai giovani una valida

Dettagli

F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte

F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte CORSO DI FORMAZIONE ISTRUTTORI 2006 La corsa ad ostacoli: tecnica e didattica. Prof. Roberto Amerio L IMPORTANZA DELL UTILIZZO DEGLI OSTACOLI NELLE CATEGORIE GIOVANILI

Dettagli

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE

SEZIONE ARTISTICA MASCHILE MMM COMITATO REGIONALE TOSCANA DIREZIONE TECNIA REGIONALE SEZIONE ARTISTICA MASCHILE TEST REGIONALE Categoria Esordienti PROGRAMMA TECNICO Ginnastica di base Anno sportivo 2010 2 A cura del Tecn. Michele

Dettagli

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo POWER FITNESS IN CASA: ESEMPI DI PROGRAMMI DI ALLENAMENTO COL CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo 1- Caratteristiche del carico naturale come mezzo di allenamento 2- Schede esercizi per

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna.

8) Coscia e anca: a) flessione; b) estensione; c) abduzione; d) adduzione; e) rotazione interna; f) rotazione esterna. Glossario dei movimenti ginnastici e sportivi Terminologia riferita alle posizioni e ai movimenti del corpo 1) Capo: a) flessione in avanti; b) inclinazione indietro con iperestensione del rachide cervicale;

Dettagli

Novara Calcio TRAINING GUIDE - 2003-2004 JSS COACH: Enrico Mordillo Age range: 2003-2004 N 1 Date: 3-9-2012 N Players: Where: Novarello Project: Goals: g 1) 2) 3) 4) 5) Coordinative program 1-2 speed ladder

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO

FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO FEDERAZIONE ITALIANA PALLAVOLO IL MURO: DALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TECNICA ALL APPLICAZIONE APPLICAZIONE TATTICA PARTENDO DAL SETTORE GIOVANILE VERSO L ECCELLENZA Settore tecnico giovanile Squadre

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI TEORIA TECNICA E DIDATTICA DELL ATLETICA LEGGERA LA CORSA VELOCE. Prof.

SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI TEORIA TECNICA E DIDATTICA DELL ATLETICA LEGGERA LA CORSA VELOCE. Prof. SCUOLA UNIVERSITARIA INTERFACOLTA IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI TEORIA TECNICA E DIDATTICA DELL ATLETICA LEGGERA LA CORSA VELOCE Prof. Paolo Moisè LA CORSA (KOLTAI) È UN ESPRESSIONE FONDAMENTALE DELL ATLETICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 RESISTENZA ORGANICA Miglioramento delle capacità aerobiche degli alunni. - Corsa in equilibrio di consumo di ossigeno - Corsa

Dettagli

Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali

Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali Argomento del modulo: Organizzazione e realizzazione di un programma di allenamenti con 3 sedute settimanali Modugno 14 maggio 2006 In generale, per organizzazione del processo di allenamento, s'intende:

Dettagli

SCHEDA ESERCIZI CONCENTRICI ED ECCENTRICI con attrezzi isotonici

SCHEDA ESERCIZI CONCENTRICI ED ECCENTRICI con attrezzi isotonici SCHEDA ESERCIZI CONCENTRICI ED ECCENTRICI con attrezzi isotonici 1 Riscaldamento : saltelli funicella Note : esercizio ottimale per le gambe e polpacci per la spinta verso l'alto (contrazione concentrina)

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA

GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA GINNASTICA PER IL MAL DI SCHIENA Introduzione: Per limitare i danni provocati alla colonna vertebrale durante l'attività sportiva e garantire una postura corretta nello sviluppo della stessa, è necessario

Dettagli

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico Prof. Chiovini Mimmo Chieti 9 Dicembre 2012 La pallavolo richiede un notevole impegno neuromuscolare. I tendini e le articolazioni

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO. Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm.

LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO. Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm. LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm. La struttura del programma Il programma può essere strutturato

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

Valutazione dello stile di corsa

Valutazione dello stile di corsa Valutazione dello stile di corsa Lo scopo principale della scheda di valutazione per lo stile di corsa è quello di fornire ai tecnici e all'osservatore arbitrale uno strumento utile per una presa di conoscenza

Dettagli

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base

Programmazione Scuola Calcio USD BARCANOVASALUS stagione 2013 / 2014 attività di base PICCOLI AMICI Obiettivi: Il lavoro svolto con i bambini dei Piccoli Amici (5, 6 e 7 anni) è prevalentemente basato sul gioco in generale, ed evidenzia l aspetto ludico motorio della attività. Si lavorerà

Dettagli

8 - LA VELOCITÀ. Per velocità s intende la capacità di eseguire il maggior numero d azioni motorie nell'unità di tempo (Zaciorskij, 1977).

8 - LA VELOCITÀ. Per velocità s intende la capacità di eseguire il maggior numero d azioni motorie nell'unità di tempo (Zaciorskij, 1977). 85 8 - LA VELOCITÀ Per velocità s intende la capacità di eseguire il maggior numero d azioni motorie nell'unità di tempo (Zaciorskij, 1977). Se riferita alla Fisica, possiamo definirla come la capacità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI dott. Alessandro Ganzini Principi generali dell allenamento Specificità Es. Gli schemi di movimento devono essere simili allo sport

Dettagli

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO: TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo TEST PER LA FORZA ESPLOSIVA: Salto in alto da fermo da gambe semi-piegate (Sergeant) - Salto

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

LA PALLAVOLO E IL VERTICAL JUMP di D. Ercolessi (Supervolley nov00-giu01)

LA PALLAVOLO E IL VERTICAL JUMP di D. Ercolessi (Supervolley nov00-giu01) LA PALLAVOLO E IL VERTICAL JUMP di D. Ercolessi (Supervolley nov00-giu01) Per un giocatore di pallavolo saltare è un'abitudine. E ogni atleta, almeno una volta, ha desiderato migliorare le proprie capacità

Dettagli

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro

Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Mezzofondo Femminile: stesse metodologie di allenamento? Endrizzi Pietro Convegno Tecnico Villalagarina, 11 gennaio 2014 Esistono differenze di genere? Le donne devono allenarsi più dei maschi Sfatare

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

Metodo per determinare la percentuale di carico riferita al massimale e per conoscere il massimale utilizzando carichi inferiori (S.

Metodo per determinare la percentuale di carico riferita al massimale e per conoscere il massimale utilizzando carichi inferiori (S. Metodo per determinare la percentuale di carico riferita al massimale e per conoscere il massimale utilizzando carichi inferiori (S. Beraldo 1983) MODALITÀ DI UTILIZZO DELLA TABELLA - Per stabilire il

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

I PRINCIPI DELLO STEP SICURO

I PRINCIPI DELLO STEP SICURO LO STEP L allenamento con lo step è una delle attività cardiovascolari che offre maggiori benefici muscolari. Questo grazie ad un azione ciclica caratterizzata dal continuo salire e scendere dal gradino

Dettagli

STUDI CLASSICI SULLA FORZA ED IL SUO ALLENAMENTO. Una breve rassegna sui più importanti studi

STUDI CLASSICI SULLA FORZA ED IL SUO ALLENAMENTO. Una breve rassegna sui più importanti studi STUDI CLASSICI SULLA FORZA ED IL SUO ALLENAMENTO Una breve rassegna sui più importanti studi MECCANISMI DELLA FORZA La possibilità per un atleta di produrre forza e velocità sempre più elevata dipende

Dettagli

Criteri per l individuazione delle attitudini ai vari ruoli e principi metodologici nell allenamento delle tecniche

Criteri per l individuazione delle attitudini ai vari ruoli e principi metodologici nell allenamento delle tecniche Criteri per l individuazione delle attitudini ai vari ruoli e principi metodologici nell allenamento delle tecniche Scopo: Il titolo intende riassumere l esperienza selettiva svolta dai tecnici federali

Dettagli

Antonio Laguardia e collaboratori (Roberto Piscitelli, Riccardo Pisani, Sergio Biagetti, Andrea Presacane)

Antonio Laguardia e collaboratori (Roberto Piscitelli, Riccardo Pisani, Sergio Biagetti, Andrea Presacane) L ALLENAMENTO DEGLI SPRINTER JUNIOR, PROPOSTE PER L ANNO 2007 Antonio Laguardia e collaboratori (Roberto Piscitelli, Riccardo Pisani, Sergio Biagetti, Andrea Presacane) SETTORE VELOCITÀ PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Pratica della velocita

Pratica della velocita Training B Ticino 2011 l. Di Tizio Pratica della velocita 1. Riscaldamento intensive con eserzitazioni dinamiche - corricchiare e saltellare sugli avampiedi differenti velocita e direzioni - slanci rimbalzati

Dettagli

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011 SEDE PASCOLI TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI Flessibilità in avanti. Flessibilità scapolo-omerale.

Dettagli

CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA

CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA CONI FIPCF LO STRAPPO CORSO DI AGGIORNAMENTO PER TECNICI DI PESISTICA E CULTURA FISICA Fig. 1 Fig. 2 Fig.3 Fig. 4 Fig. 5 Fig. 6 SEQUENZA FOTOGRAFICA DELLO STRAPPO RECORD DI 180 KG. EFFETTUATO DA ASEN ZLATEV,

Dettagli

ESERCIZI PER I GLUTEI

ESERCIZI PER I GLUTEI ESERCIZI PER I GLUTEI BREVE ANATOMIA DEI GLUTEI La regione glutea è rappresentata dal grande gluteo, dal medio gluteo e dal piccolo gluteo, con funzione di abdurre il femore. Il grande gluteo, assieme

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

A voi la scelta! Complimenti, siete sulla linea di partenza.

A voi la scelta! Complimenti, siete sulla linea di partenza. Complimenti, siete sulla linea di partenza. Qui inizia il vostro Zurich percorsovita «...» che avrete a vostra disposizione ogniqualvolta lo vorrete. Resistenza A voi la scelta! Troverete 15 stazioni con

Dettagli

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova

EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova EQUILIBRIO - Metodologia dell allenamento Parte seconda - Luciano Orano Patavium Basket Padova aumento difficolta per mezzo di forze disequilibranti. aumento difficolta per mezzo di piattaforme instabili.

Dettagli

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Stagione sportiva 2012/2013 ARBITRI CALCIO A 5

PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Stagione sportiva 2012/2013 ARBITRI CALCIO A 5 PROGRAMMA DI PREPARAZIONE PRE-CAMPIONATO Stagione sportiva 2012/2013 ARBITRI CALCIO A 5 Tutto il periodo di allenamento previsto dal programma di pre - campionato, rappresenta una fase fondamentale per

Dettagli

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO

REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO REGOLAMENTO PERCORSO A TEMPO e PALLONCINO CLASSI DI ETA - GRADO Samurai 5-6-7 anni Da gialla a marrone Bambini 8-9 anni Da gialla a marrone Ragazzi 10-11 anni Da gialla a marrone ASPETTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

L allenamento del nuotatore con particolare riferimento ai movimenti della spalla a cura di Gianni Cedolini

L allenamento del nuotatore con particolare riferimento ai movimenti della spalla a cura di Gianni Cedolini L allenamento del nuotatore con particolare riferimento ai movimenti della spalla a cura di Gianni Cedolini La spalla del nuotatore è una patologia infiammatoria dell articolazione scapolo omerale che

Dettagli

FIF ANNUAL CONVENTION. Bologna 27 Ottobre 2012

FIF ANNUAL CONVENTION. Bologna 27 Ottobre 2012 FIF ANNUAL CONVENTION Bologna 27 Ottobre 2012 LA PROGRAMMAZIONE Ricordiamoci che nelle attività di fitness vi sono sostanziali differenze rispetto agli sport di prestazione dove l atleta utilizza il proprio

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

RECORD GETTO PESO. Migliore prestazione Italiana aggiornato al 31.12.07. Tecnica. Getto del Peso

RECORD GETTO PESO. Migliore prestazione Italiana aggiornato al 31.12.07. Tecnica. Getto del Peso Getto del Peso RECORD GETTO PESO Outdoor: Randy Barnes 23.12 m Westwood, California USA 20 May 1990 Natalya Lisovskaya 22.63 m Mosca, 1987 Indoor Randy Barnes 22.66 m 1989 Helena Fibingerová 22.50m 1977

Dettagli

MODULO MO 16.03 PROGRAMMA SVOLTO. Pagina 1 di 1. Rev. 01 Data 1-06-2014 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INSEGNANTE: MARILÙ REZZONICO

MODULO MO 16.03 PROGRAMMA SVOLTO. Pagina 1 di 1. Rev. 01 Data 1-06-2014 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INSEGNANTE: MARILÙ REZZONICO MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INSEGNANTE: MARILÙ REZZONICO Classe: 1 INFO A Anno scolastico 2013-2014 Esercizi a corpo libero e con piccoli attrezzi per migliorare la mobilità articolare, l allungamento

Dettagli

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI)

ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) ALLENAMENTO AZZURRINA LOMBARDIA DEL 20 11 2011 MACHERIO (MI) 10.00 12.00 ALLENATORE Guido Cantamesse ASSISTENTi Nazareno Lombardi Carlo Grassi PREP. FISICO Cosimo De Milo ******************** ATTIVAZIONE

Dettagli

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 3.

Dieci esercitazioni per migliorare il dominio-controllo palla. Raccolta N 3. N.26 DICEMBRE 2005 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO

Dettagli

Settore Tecnico A.I.A.

Settore Tecnico A.I.A. Settore Tecnico A.I.A. Corso Arbitro di Calcio Stagione Sportiva 2008/09 Associazione Italiana Arbitri: Corso Arbitro di Calcio Lezione n. 5 5.1. Proposta Routine Riscaldamento Pre-Gara 5.2. Valutazione

Dettagli

FORZA MASSIMA. Testo e disegni di Stelvio Beraldo

FORZA MASSIMA. Testo e disegni di Stelvio Beraldo FORZA MASSIMA Testo e disegni di Stelvio Beraldo LA SCELTA DELLA GIUSTA METODOLOGIA LA FORZA MASSIMA NELLE VARIE DISCIPLINE SPORTIVE METODI DI MIGLIORAMENTO DELLA FORZA MASSIMA Metodo dei Carichi Massimali

Dettagli

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B

Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B Settore Promozionale Agonistico CAMPIONATO NAZIONALE SERIE B Il Campionato Nazionale Serie B è riservato a tutte le ginnaste tesserate alla Confsport Italia A.S.D. ad esclusione di coloro che partecipano

Dettagli

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare 1 Le forme principali di sollecitazione motoria rappresentate dalla forza, velocità, resistenza, mobilità articolare e dalle capacità coordinative costituiscono i presupposti fondamentali per l apprendimento

Dettagli

DURATA: 30 torsioni in totale.

DURATA: 30 torsioni in totale. Il warm up è la fase di riscaldamento generale a secco indispensabile prima di entrare in acqua. La funzione è quella di preparare il corpo allo sforzo, prevenire gli infortuni e migliorare la performance

Dettagli

EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE

EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE EQUILIBRIO TRA RESISTENZA, FORZA E AGILITA LA PREPARAZIONE FISICA DEL CALCIATORE DILETTANTE UN ALLENATORE NON DEVE MAI DIMENTICARE CHE: DOBBIAMO PREPARARE AL MEGLIO I NOSTRI GIOCATORI IN FUNZIONE DEL GIOCO

Dettagli

7 - LA FORZA. La forza muscolare, capacità motoria importante per qualunque attività sportiva, è condizionata:

7 - LA FORZA. La forza muscolare, capacità motoria importante per qualunque attività sportiva, è condizionata: 64 7 - LA FORZA La forza è la capacità posseduta dal muscolo umano di sviluppare tensioni utili a superare o ad opporsi a resistenze esterne. (Vittori, 1978) La forza muscolare, capacità motoria importante

Dettagli