L Utilizzo degli strumenti informatici (dimostrazione)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Utilizzo degli strumenti informatici (dimostrazione)"

Transcript

1 L Utilizzo degli strumenti informatici (dimostrazione) -Entratel -I software per la Comunicazione dell inizio attività e delle variazioni all Agenzia delle Entrate. -I software per la gestione della Comunicazione Unica (Fedra e Comunica)

2 1 a parte ENTRATEL

3 L applicazione Entratel per il Servizio Telematico dell Agenzia delle Entrate Le componenti principali del Servizio Telematico dell Agenzia delle Entrate sono: Il sito web del servizio raggiungibile sia mediante connessione diretta via numero verde sia via Internet; l applicazione di sistema (Java Virtual Machine) ed applicazione Entratel da installare sulla postazione di lavoro che si utilizza; i programmi di utilità (programmi di controllo e di compilazione per alcune tipologie di documenti), distribuiti gratuitamente dall Agenzia; servizio di assistenza telefonica; la banca dati delle soluzioni ai problemi più frequenti, consultabile via Internet all indirizzo

4 Chi è obbligato ad utilizzare il canale Entratel per l accesso al Servizio Telematico dell AdE Il servizio Telematico Entratel è dedicato ai seguenti soggetti obbligati alla trasmissione telematica di dichiarazioni ed atti: i contribuenti, società ed enti che devono presentare la dichiarazione dei sostitutid'imposta (mod. 770) per più di 20 soggetti; gli intermediari (professionisti del settore tributario, CAF e associazioni di categoria) per la presentazione telematica delle dichiarazioni; le Poste Italiane S.p.A, per le proprie dichiarazioni e per quelle presentate, secondo la normativa vigente, dai contribuenti agli sportelli; le società che trasmettono per conto delle società del gruppo cui fanno parte; le amministrazioni dello Stato; gli intermediari e soggetti delegati per la registrazione telematica dei contratti di locazione e di affitto immobili. Per accedere ad Entratel è necessario presentare o, preferibilmente, spedire apposita domanda corredata di richiesta di pre-iscrizione ad un qualsiasi ufficio locale dell'agenzia delle entrate, ovvero alle Direzioni regionali che offrono tale possibilità, della regione in cui ricade il domicilio fiscale dell'interessato. L'accoglimento della domanda è subordinato ad alcuni controlli di tipo amministrativo ed è evasa normalmente in tempo reale.

5 L abilitazione al Servizio Telematico Entratel L utilizzo del canale telematico Entratel è subordinato alla preventiva autorizzazione che va richiesta seguendo i seguenti passi: 1. richiedere la pre-iscrizione al servizio, mediante la funzione specifica presente nel sito WEB; 2. stampare e conservare in luogo sicuro il codice di pre-iscrizione necessario per il prelievo dei dati contenuti nella busta virtuale; 3. stampare l'esito della pre-iscrizione mediante la funzione Stampa allegato per ufficio del sito WEB; 4. compilare la domanda di abilitazione in base alla tipologia utente; 5. presentare la domanda all'ufficio dell'agenzia competente (uno qualsiasi della regione nella quale è stabilito il domicilio fiscale dell'utente), allegando la stampa di cui al punto 3 e l'eventuale ulteriore documentazione da allegare alla domanda di abilitazione. Tale procedura vale per tutti i nuovi utenti e anche per gli utenti già registrati che avessero necessità di effettuare variazioni (es. abilitazione per sedi secondarie). A seguito di opportune verifiche l ufficio dell'agenzia delle entrate rilascia all utente la seguente documentazione: - autorizzazione rilasciata dall ufficio locale - avvertenze sull utilizzo del servizio, che contengono, tra l altro, il NUMERO VERDE da utilizzare per configurare la connessione diretta e il NUMERO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA TELEFONICA

6 Il completamento dell abilitazione Dopo aver ottenuto l'attestato di avvenuta abilitazione al servizio Entratel da parte dell'ufficio dell'agenzia delle entrate, l utente deve procedere al completamento della procedura di abilitazione effettuando, mediante apposita funzione del sito WEB, il prelievo della busta virtuale. In particolare la busta virtuale contiene i seguenti dati: nella sezione 1, nome utente e password per la configurazione della connessione al servizio mediante rete privata; nella sezione 2, nome utente e password per l accesso all area protetta del sito Tale sezione è presente solo per le persone fisiche; nella sezione 3, il Pincode da utilizzare per la generazione dell ambiente di sicurezza.

7 La busta con le credenziali. Unitamente al decreto di abilitazione è consegnata al soggetto abilitato la busta contenente le credenziali per: - accedere al servizio mediante numero verde via modem o terminal adapter ISDN (sezione 1 busta) - accedere all area web del servizio (sezione 2 busta) - generare l ambiente di sicurezza e il pin per l accesso ai servizi del cassetto fiscale del soggetto abilitato e ai servizi di consultazione catastale.

8 Connessione via modem Accesso area web Pincode generazione ambiente di sicurezza

9 Caratteristiche della postazione di lavoro Ambiente WIN: Sistemi operativi: Windows 2000 Windows XP Windows Server 2003 Windows Vista Windows 7 (anche a 64bit) Requisiti hardware minimi Pentium 233 MHz (Consigliato: Pentium 500MHz o superiore) 64 MB RAM (Consigliato: 128 MB RAM o superiore) Virtual Machine Java E il software di sistema che consente di eseguire i prodotti software distribuiti dall Agenzia delle Entrate. E necessario che sulla postazione che si utilizza sia installata la versione 1.5.0_xx o successive per l ambiente Windows o la versione Java 1.5.0_16

10 La connessione al servizio La connessione al servizio avviene via modem o terminal adapter ISDN. E possibile raggiungere il servizio anche via Internet. Coloro quindi che dispongono di collegamenti ADSL o raggiungono Internet tramite la propria rete locale, possono utilizzare tale modalità.

11 L installazione dell applicazione Entratel Accedete all area software del sito nella sezione Pacchetti applicativi: scaricate l ambiente Java e poi dopo la sua installazione l applicazione Entratel. Salvate i file eseguibili in cartella locale da cui avviare l installazione. Il Multifile vers. 170 è da installare se la postazione gestisce invii massivi di file al servizio.

12 La struttura locale dell applicazione. Ciascuna applicazione possiede una propria struttura interna, che non deve per nessun motivo essere alterata spostando o rinominando i singoli file o cartelle. L'applicazione viene installata in una directory ("directory di installazione") indicata dall'utente: in ambiente Windows, in assenza di indicazioni diverse viene eseguita l'installazione nella directory di default C:\Entratel; Per conoscere la directory di installazione occorre selezionare l'opzione "Versione>Applicazione Entratel" del menu "Aiuto". All'interno della directory di installazione è prevista una struttura di cartelle nelle quali si trovano i diversi componenti dell'applicazione e i file generati dall'applicazione stessa nelle varie fasi di utilizzo da parte dell utente:

13 L impostazione della multiutenza Se più soggetti utilizzano la stessa postazione è necessario configurare l applicazione per gestire le trasmissioni e le ricevute in maniera da poter archiviare i documenti di controllo e invio in maniera suddivisa tra i vari utenti all interno della cartella principale C:\Entratel. Le funzioni di menù disponibili sono le seguenti opzioni: "Aggiungi" per inserire uno o più utenti che intendono utilizzare l'applicazione Entratel; "Modifica" per modificare i dati di uno o più utenti già inseriti con l'opzione "Aggiungi"; "Elimina" per cancellare uno o più utenti precedentemente inseriti; "Ripristina" per ripristinare la multiutenza nel caso risulti danneggiata; "Lavora con" per passare da un utente ad un altro, senza dover chiudere l'applicazione.

14 La gestione in multiutenza Nel caso in cui più utenti utilizzino la stessa postazione di lavoro ed abbiano provveduto a configurare correttamente l'applicazione sfruttando l'opzione "Multiutenza", le cartelle generali sopra descritte vengono ulteriormente suddivise, creando tante sotto-cartelle quanti sono gli utenti indicati al momento della configurazione stessa. Ad esempio nel caso di due utenti, "ute01" e "ute02" che utilizzano lo stesso computer, la struttura dell'applicazione è la seguente:

15 Per inserire gli utenti della postazione occorre indicare l identificativo che si vuole assegnare all utente e poi occorre riportare le credenziali di connessione alla VPN dell Agenzia delle Entrate. Confermando l applicazione vi informa che saranno generate le cartelle utente e pertanto in essa saranno gestiti i documenti successivi. La lista utenti inserita è riportata nella box a fianco all interno della finestra.

16 La gestione delle opzioni di configurazione: le opzioni di sistema. Dal menù file selezionate la voce opzioni e la sottovoce Sistema per accedere alla configurazione del metodo di connessione e del percorso di ubicazione della chiave di autenticazione.

17 3. accesso via internet al Servizio Telematico Entratel mediante Modem o ISDN. In tal caso è necessario indicare il nome della connessione che si intende attivare; 4. accesso via internet al Servizio Telematico Entratel mediante la rete locale dell utente o ADSL con la possibilità di inserire, se necessario, i dati relativi al proxy ed alla porta utilizzati. I tipi di accesso sono i seguenti: 1. accesso alla rete privata del Servizio Telematico Entratel mediante Modem o ISDN. In tal caso è necessario indicare il nome che si desidera attribuire alla connessione (l applicazione propone automaticamente il nome ENTRATEL); 2. accesso alla rete privata del Servizio Telematico Entratel mediante la rete locale dell utente con la possibilità di inserire, se necessario, i dati relativi al proxy ed alla porta utilizzati;

18 La chiave privata che consente l autenticazione dei file trasmessi e la decriptazione delle ricevute può essere generata anche su supporti di rete o rimovibili (usb). Per gestire il percorso in cui è stata salvata la chiave privata dell utente dalla finestra di dialogo di gestione della connessione è possibile gestire anche il percorso in cui l applicazione ricercherà la suddetta chiave nella fase di invio e di decompressione delle ricevute.

19 Le opzioni di autentica dei file La voce di menù Opzioni oltre a gestire le impostazioni di Sistema, consente di gestire altre 2 opzioni: quella di Autentica e quella di stampa delle ricevute. Quella di autentica consente di selezionare la gestione dell autenticazione di file sottoscritti con firma digitale residente su smart card rilasciata da certificatore accreditato. I file firmati digitalmente sono comunque da autenticare con la chiave privata Entratel. Quando si calcola il codice di autenticazione del file, la tecnica che si utilizza è identica a quella nota come firma digitale a norma e prevede i passi seguenti: 1. lettura da parte dell applicazione del documento da sottoscrivere; 2. calcolo di una stringa di caratteri estratti secondo algoritmi stastistico-matematici dal documento; 3. creazione della firma elettronica, cifrando la stringa estratta con la chiave privata del sottoscrittore; 4. imbustamento del documento, effettuata aggiungendo al documento originario la firma elettronica e il certificato contenente la chiave pubblica del sottoscrittore, secondo un formato standard.

20 Le opzioni di stampa delle ricevute L opzione di scelta una volta impostata, riguarderà tutte le stampe delle ricevute o attestazioni di scarto. Per modificare la selezione o ripristinare la stampa completa, occorrerà quindi modificare l opzione scelta in precedenza. L opzione di stampa delle ricevute è da utilizzare per scegliere particolari modalità di stampa delle stesse (o attestazioni di scarto) relative alle dichiarazioni. Le ricevute (e le attestazioni di scarto), infatti, contengono informazioni relative a : dati generali della dichiarazione, ricavati dal record che contiene il frontespizio della dichiarazione stessa; principali dati contabili ed eventuali segnalazioni. Utilizzando la funzione in esame, è possibile limitare la stampa ad una delle sezioni contenute nella ricevuta, limitando, di conseguenza, anche il numero di pagine di cui si comporrà la stampa.

21 Configurazione e gestione dell ambiente di sicurezza Dopo aver impostato le opzioni di sistema occorre generare l'ambiente di sicurezza. Tale operazione va effettuata una sola volta per ciascun utente ed eseguita prima di procedere al primo invio dei documenti. Sono tenuti a generare l ambiente di sicurezza: tutti i nuovi utenti tutti coloro che intendono utilizzare la propria smart card per l accesso (CNS) distribuita da un certificatore accreditato coloro che non sono in grado di utilizzare il proprio ambiente di sicurezza in precedenza generato (ad esempio, per la perdita del supporto di memorizzazione, per lo smarrimento della password di protezione oppure per l ambiente di sicurezza scaduto)

22 Generazione dell ambiente passo 1 Per procedere alla generazione dell'ambiente di sicurezza occorre: - avere a disposizione l'attestazione e la busta sigillata rilasciate dall'ufficio territoriale - selezionare la funzione "Imposta ambiente" dal menu "Sicurezza" Nelle finestre presentate dal sistema occorre, per proseguire nell'elaborazione, fare click sul bottone "Avanti". E' possibile tornare alle finestre precedenti facendo click sul bottone "Indietro". Per interrompere l'elaborazione fare click sul bottone "Annulla" o sul bottone di chiusura della finestra. ATTENZIONE: Se il processo di generazione del nuovo ambiente di sicurezza dovesse interrompersi - anche in una sola delle fasi di "Invia richiesta", "Importa certificati" o "Copia ambiente" - non sarà più possibile completare l operazione in modalità automatica ma sarà necessario completare la procedura via web tramite il sito dei Servizi Telematici.

23 Progressivo di sede: rilevabile dalla documentazione ricevuta nella fase di abilitazione presso l'ufficio finanziario. E' un numero che identifica le diverse sedi per le quali l'utente ha richiesto l'abilitazione al servizio (per le sedi principali e per gli utenti che operano da una sola sede il progressivo di sede è 000). In questa fase (composta di 4 passi) viene generata la coppia di chiavi asimmetriche dell'utente (chiave pubblica e chiave privata); è richiesto l'inserimento delle seguenti informazioni: Passo 1 di 4 Pincode: è formato da 16 caratteri più 4 di controllo, consente all'agenzia delle Entrate di identificare in modo certo l'utente nella fase di registrazione della richiesta di iscrizione. E' contenuto nella sezione 3 della busta sigillata ricevuta nella fase di abilitazione. Codice fiscale dell'utente.

24 Pin di revoca: l'utente deve inserire un codice scelto a piacere (da 15 a 20 caratteri - lettere non accentate e/o numeri) che potrà utilizzare esclusivamente per revocare le proprie chiavi senza doversi recare all'ufficio finanziario, non appena sarà resa disponibile la relativa funzione sul sito del servizio Entratel (dal 15/10/2002 è disponibile la funzione Ripristina ambiente nel menu Servizi). Per questo motivo, si consiglia di archiviare il codice scelto in un luogo sicuro, non accessibile ad altre persone.

25 Se si smarrisce la password di protezione del supporto magnetico è necessario procedere nuovamente alla generazione dell'ambiente di sicurezza. Al passo 3 viene richiesto di inserire la password di protezione del supporto magnetico (floppy o chiavetta usb, disco di rete In funzione delle opzioni gestite in precedenza) che conterrà i certificati generati in questa fase. La password è un codice scelto a piacere (da 8 a 20 caratteri - lettere non accentate e/o numeri, deve contenere almeno una lettera ed almeno un numero). Lo stesso codice deve essere riportato per conferma nella casella "Conferma password". ATTENZIONE: si consiglia di scrivere il codice prescelto archiviandolo in un luogo sicuro, non accessibile ad altre persone.

26 Al passo 4 vengono generate le chiavi asimmetriche. Inserire, quando richiesto dall applicazione, il primo supporto formattato sul quale vengono registrate le chiavi private (di firma e di cifratura).

27 La registrazione dell ambiente di sicurezza Una volta conclusa la generazione delle coppie di chiavi asimmetriche, viene richiesto di inserire il primo supporto magnetico (floppy o chiavetta usb,) formattato sul quale vengono registrate le chiavi (di cifratura e di firma). Selezionato poi il bottone avanti, si deve attendere la conclusione della fase che si perfeziona con la scrittura del supporto magnetico. Nel caso si utilizzi un supporto USB, l'ambiente di sicurezza generato verrà registrato direttamente su di esso. L'ultima fase della generazione dell'ambiente di sicurezza prevede la copia dell'ambiente su di un altro supporto. analogamente alla funzione "Copia Ambiente", in questo caso verrà richiesto di specificare il percorso della cartella su cui si vuole copiare l ambiente (es: E:\chiaveprivCopia); se non si vuole effettuare la copia basta non scrivere nulla nell'apposito campo.

28 La generazione della richiesta di registrazione In questa fase il sistema scrive il file req.ccc contenente la richiesta di iscrizione nel registro degli utenti (riportante i dati identificativi dell'utente e la chiave pubblica generata), da trasmettere in via telematica all'agenzia delle Entrate per la necessaria registrazione; non è richiesto l'inserimento di alcun dato. Il file viene memorizzato nella cartella \entratel\invio o, nel caso si utilizzi l'opzione Multiutenza e si stia lavorando ad es. con l'utenza ute01, il file req.ccc corrispondente a tale utente verrà memorizzato nella cartella \entratel\invio\ute01\req.ccc.

29 In seguito alla creazione del file di richiesta di iscrizione, viene presentata una finestra di riepilogo che riporta le informazioni inserite. Controllare la correttezza dei dati. Se le informazioni riportate non risultassero corrette, selezionare il bottone Annulla per interrompere l'elaborazione. In questo caso sarà necessario generare un nuovo ambiente di sicurezza. Se i dati risultano corretti, utilizzare il bottone Stamp per stampare le informazioni che verranno inserite nella richiesta di iscrizione (tra le quali è presente il pin di revoca) e conservare la stampa in un luogo sicuro. Continuare, quindi, nell'elaborazione selezionando il bottone Avanti.

30 L invio della richiesta Durante questa fase, per consentire di inviare il file req.ccc, verrà proposta una finestra di connessione apposita in base alla modalità di accesso scelta. Per effettuare l'invio diretto (accesso alla rete privata dei Servizi telematici, ossia quello utilizzato nelle precedenti versioni), verificare, prima di procedere, che il modem sia acceso e collegato in modo corretto. Se l'utente sta predisponendo la propria postazione per la prima volta (nuovo utente di Entratel), deve aver preventivamente impostato i parametri di connessione della propria postazione di lavoro come indicato nelle istruzioni fornite all'atto dell'abilitazione selezionando la voce Configurazione browser e rete dal pannello di controllo del sistema. Nella finestra di connessione presentata, quindi, è necessario indicare il nome utente e la password per la connessione telefonica al servizio (sezione 1 della busta) se la connessione è tramite linea telefonica. Inoltre si devono indicare il nome utente e la password (sezione 2 della busta) per l'accesso alle pagine protette del sito, ossia la parte Servizi. Se la password di accesso ai servizi è stata cambiata dall'utente, si dovrà indicare il nuovo valore. Se l'utente ha dimenticato la password di accesso ai servizi dovrà accedere al sito del servizio Entratel e provvedere a ripristinare il valore iniziale

31 Per effettuare l'invio diretto alla rete privata dei Servizi telematici mediante rete locale, è possibile indicare, se necessario, il nome utente e la password del proxy della propria rete locale. Inoltre si devono indicare il nome utente e la password (sezione 2 della busta) per l'accesso alle pagine protette del sito, ossia la parte Servizi. Se la password di accesso ai servizi è stata cambiata dall'utente, si dovrà indicare il nuovo valore. Se l'utente ha dimenticato la password di accesso ai servizi dovrà accedere al sito del servizio Entratel e provvedere a ripristinare il valore iniziale.

32 Per effettuare l'invio via Internet (accesso via modem o ISDN tramite un proprio Internet Provider), è necessario indicare il nome utente e la password per la connessione telefonica al proprio Internet Provider. Inoltre si devono indicare il nome utente e la password (sezione 2 della busta) per l'accesso alle pagine protette del sito, ossia la parte Servizi. Se la password di accesso ai servizi è stata cambiata dall'utente, si dovrà indicare il nuovo valore. Se l'utente ha dimenticato la password di accesso ai servizi dovrà accedere al sito del servizio Entratel e provvedere a ripristinare il valore iniziale.

33 Per effettuare l'invio via Internet mediante una propria rete locale indicare il nome utente e la password (sezione 2 della busta) per l'accesso alle pagine protette del sito, ossia la parte Servizi. Se la password di accesso ai servizi è stata cambiata dall'utente, si dovrà indicare il nuovo valore. Se l'utente ha dimenticato la password di accesso ai servizi dovrà accedere al sito dei Servizi telematici e provvedere a ripristinare il valore iniziale.

34 Una volta impostati i campi, selezionando il bottone Avanti verrà mostrata la seguente finestra. In questa fase, l applicazione esegue automaticamente la connessione al servizio e l invio della richiesta req.ccc : assicurarsi quindi che la postazione sia correttamente configurata e collegata per eseguire la connessione (modem collegato, linea libera, connessione ADSL attivata, etc.). Se quest'ultimo passo sembra "lento" è perché l'applicazione tenta la connessione e l'invio per tre volte. Se la connessione e l'invio non riescono nei tre tentativi, l'utente dovrà provvedere a connettersi e ad inviare la richiesta di iscrizione (il file req.ccc) all'agenzia delle Entrate in un secondo momento, e a terminare "manualmente" la generazione dell'ambiente di sicurezza. Se l'invio della richiesta di iscrizione è andato a buon fine, nella maschera viene riportato il successo dell'operazione ed il numero di protocollo associato all'invio della richiesta effettuato. Selezionando il bottone Avanti si passa alla fase successiva.

35 L importazione dei certificati utente L'importazione dei certificati dal sito dei Servizi telematici a seguito dell'invio della richiesta di iscrizione è fatto "contestualmente" alla generazione dell'ambiente di sicurezza. L'operazione è quindi eseguita immediatamente se si sta generando l'ambiente di sicurezza e la fase precedente (quella di invio della richiesta di iscrizione) si è conclusa con successo. Nel caso in cui ATTENZIONE: l'operazione di scarico dei certificati l'operazione di importazione dei certificati richiede qualche minuto. Se al termine non venga eseguita correttamente, l'utente dell'importazione viene riportato il messaggio dovrà procedere utilizzando la funzione OPERAZIONE COMPLETATA CON SUCCESSO Importa certificato dal menù sicurezza. l'ambiente di sicurezza è già stato correttamente generato ed è completo. Se non si sono verificati errori, selezionare il bottone Avanti per procedere alla copia dell'ambiente di sicurezza sul secondo supporto magnetico.

36 La copia dell ambiente di sicurezza In questa fase (composta di 2 passi) il sistema esegue su un secondo supporto magnetico formattato una copia della chiave privata; non è richiesto l'inserimento di alcun dato. Anche la chiave privata registrata nel secondo supporto viene protetta dalla password scelta dall'utente nella fase 2. Seguirà il passo 2 che consiste nell'elaborazione dei dati inseriti e nella copia della chiave privata.

37 Al termine dell operazione, i due supporti contengono i key store dell utente: un "keystore" che contiene sia la chiave pubblica che la chiave privata di cifratura; un keystore che contiene sia la chiave pubblica che la chiave privata che saranno utilizzate per calcolare i codici di autenticazione. Entrambi i keystore sono protetti dalla stessa password. I supporti che contengono i keystore devono essere conservati in luogo sicuro, al fine di evitarne un uso indebito da parte di terzi; è opportuno conservare in luogo diverso la password di protezione della chiave privata. I supporti che contengono l'ambiente di sicurezza dovranno essere conservati in un luogo sicuro; è opportuno conservare in un luogo diverso la password di protezione dei supporti. Si consiglia, inoltre, di proteggere i due supporti magnetici (floppy o supporto usb) da operazioni di scrittura. Nel caso si utilizzi un supporto USB, tale funzione consente di copiare l'ambiente di sicurezza su un altro supporto USB. Dopo aver copiato l'ambiente di sicurezza presente sul primo supporto, verrà richiesto di specificare il percorso della cartella su cui si vuole copiare l'ambiente (es: E:\chiaveprivCopia).

38 La visualizzazione dei certificati I certificati utente sono visualizzabili attraverso la funzione visualizza ambiente presente nel menù Sicurezza

39 Completare l ambiente di sicurezza via web: invio via web del file req.ccc Se durante la generazione dell'ambiente di sicurezza si verifica un errore nella fase di invio della richiesta di iscrizione (DOPO, quindi, la generazione del file req.ccc), l'utente deve procedere a completare la procedura di generazione dell'ambiente di sicurezza effettuando le operazioni di seguito descritte:

40 In questa fase l'utente deve procedere all'invio del file req.ccc (il file che contiene la richiesta di iscrizione al registro degli utenti) all'agenzia delle Entrate, mediante il servizio "Invio" disponibile nella "Home dei Servizi" (Accedi ai servizi) del sito Web dei Servizi Telematici. Per fare ciò, l'utente deve attivare l'accesso ai Servizi telematici selezionando direttamente dal proprio browser il link corrispondente al sito web dei Servizi Telematici oppure utilizzando la funzione Connetti del menu Sito Web dell'applicazione Entratel, posto che la connessione sia stata correttamente indicata utilizzando il menu Operazioni, Opzioni, Sistema.

41 In caso di accesso da parte di incaricato abilitato ad operare per più intermediari, il browser presenta la richiesta di selezione dell utenza di lavoro. Selezionata l utenza tramite il codice fiscale dell intermediario premete sul bottone Invia per accedere alla scrivania principale. Selezionare la voce Servizi per e quindi la sottovoce inviare. Selezionare "Invio" e procedere, quindi, alla "selezione del file da inviare" seguendo le istruzioni fornite nelle pagine visualizzate dal browser.

42 Dopo aver premuto il pulsante Sfoglia, selezionare il file req.ccc da inviare dalla cartella invio, (nel caso della Multiutenza, per esempio, dalla cartella invio\ute01). A selezione del file avvenuta, il percorso completo verrà visualizzato nella casella della finestra di selezione. Se il file è quello da inviare si faccia click sul bottone "OK". A questo punto, il Servizio informerà dell'avvenuta ricezione del file req.ccc, fornendo anche le informazioni relative alla dimensione del file inviato ed al numero di protocollo di ricezione associato.

43 L importazione manuale del certificato utente Per controllare la presenza del certificato, l'utente deve: attivare l'accesso ai Servizi telematici utilizzando la funzione Connetti del menu Sito Web dell'applicazione Entratel. L'accesso tramite l'applicazione Entratel, provvede anche ad aprire il browser alla homepage del sito dei Servizi telematici. Se non si sono verificati "Problemi di accesso al sito web" oppure "Problemi con il browser" e la connessione, selezionare poi "Accedi ai servizi" inserendo il nome utente e la password della sezione 2 della busta ritirata presso l'amministrazione; selezionare la voce "Ricerca ricevute" del menu "Ricevute

44 Nella maschera mostrata nella slide precedente è possibile effettuare una ricerca in due modi: - inserendo direttamente il numero di protocollo di ricezione associato al file da ricercare; chiedendo una lista degli invii ovvero un riepilogo degli invii effettuati in un certo intervallo temporale. - Utilizzando ad esempio il riepilogo degli invii, verrà presentata una tabella contenente tutti i file inviati nel periodo indicato.

45 Lo stato degli invii suddiviso in quattro colonne, corrispondenti allo stato dell'elaborazione. La prima colonna, "Ricevuto", contiene tutti i file inviati dall'utente del servizio, per i quali l'elaborazione non risulta ancora iniziata. La colonna "In elaborazione" contiene i file ricevuti, che risultano in corso di elaborazione. La terza e la quarta coda contengono il risultato dell'elaborazione dei file: se la richiesta di iscrizione stata scartata l'utente pu risalire al motivo dal codice di errore; se viceversa la richiesta di iscrizione stata accettata, l'attestazione di iscrizione pu essere scaricata dall'utente. A questo punto sufficiente selezionare la casella "Elaborato" corrispondente allo stato della richiesta di iscrizione per predisporsi allo scarico del certificato. Se nella casella "Ricevuta" presente una cartellina gialla, vuol dire che possibile scaricare il certificato elaborato dall'amministrazione. Se invece la cartellina gialla non presente e la casella "Stato" indica che la richiesta stata scartata, si potr risalire al motivo di tale scarto dal codice numerico riportato nella casella "Motivo di scarto.

46 Dopo aver effettuato il controllo della presenza del file di attestazione di iscrizione elaborato dall'amministrazione, per poterlo scaricare è sufficiente cliccare sulla cartellina gialla presente nella casella "Ricevuta". Selezionare l'opzione di salvataggio del file su disco premendo il pulsante "Salva". È necessario salvare il file "certif.in" nella cartella \ricezione della directory di installazione (default c:\entratel); qui è necessario impostare, nella finestra di dialogo "Salva con nome", nella casella "Salva come" il valore Tutti i file.

47 L importazione del certificato tramite l applicazione Entratel La funzione Importa certificato, attivabile dal menu Sicurezza dell'applicazione Entratel, deve essere utilizzata quando la generazione del nuovo ambiente di sicurezza si interrompe per un qualunque errore riscontrato durante la fase di Invia richiesta. Si consiglia di avere a disposizione il supporto su cui è stato parzialmente generato l'ambiente di sicurezza, prima dell'interruzione occorsa nella fase di invio e di inserirlo dell'apposito supporto (driver). Se non è stato ancora scaricato il file certif.in o se il file non è stato scaricato nella cartella corretta, viene presentata la seguente finestra:

48 Nel primo caso, selezionare il bottone Connetti per attivare la connessione al sito dei Servizi telematici. Verrà automaticamente presentata la homepage del sito. Accedere alla pagina Servizi e procedere come descritto in precedenza Nel secondo caso, utilizzare il bottone Sfoglia per selezionare il file certif.in nella cartella in cui è stato precedentemente scaricato. Se non è già stato fatto, inserite il floppy che contiene l'ambiente parzialmente creato prima dell'interruzione nella fase Invia richiesta e selezionare il bottone OK. Verrà eseguita l'importazione del certificato sul supporto. Se si verifica un errore in questa fase, controllare che il supporto non sia protetto in scrittura. Se non si sono verificati errori, al termine dell'operazione è visualizzato il seguente messaggio:

49 Predisporre documenti per l invio L Agenzia delle entrate consente agli intermediari dei contribuenti di inviare alcune tipologie di documenti mediante l utilizzo del canale telematico. Con il termine documento si intende un qualunque tipo di dichiarazione, istanza o comunicazione per la quale è prevista la presentazione attraverso il servizio telematico. La predisposizione del documento consiste quindi in tutte le attività che svolge l intermediario, come ad esempio compilare una dichiarazione. I prodotti software di compilazione sono generalmente da acquisire autonomamente, in quanto l Agenzia delle entrate distribuisce applicazioni soltanto per alcune tipologie di documenti gestiti dal servizio, come ad esempio i contratti di locazione. Tutti i prodotti di compilazione contengono al loro interno una funzione che consente la creazione del file telematico, cioè di un archivio che contiene la versione elettronica di UNO o PIU documenti in precedenza predisposti. La versione elettronica è la rappresentazione in forma di dati del documento; tale rappresentazione possiede regole precise, che vengono definite dall Agenzia e rese pubbliche attraverso decreti o circolari contenenti le "specifiche tecniche". Per controllare il rispetto di tali regole, l Agenzia delle entrate distribuisce gratuitamente i programmi di controllo, che consentono a chi li utilizza di verificare la correttezza formale del singolo documento contenuto nel file telematico, evitandone lo scarto durante la fase di elaborazione successiva all'invio. Il seguente flusso illustra la sequenza delle operazioni da effettuare per predisporre il documento, da inviare con il Servizio Telematico.

50 Il flow chart del flusso operativo per la predisposizione dei documenti da trasmettere.

51 L autentica per l invio Dopo avere predisposto il documento fiscale (utilizzando il software fornito dall Agenzia delle entrate oppure un pacchetto software di mercato installato sulla propria postazione di lavoro) ed eventualmente controllato il file prodotto, è necessario utilizzare l'applicativo Entratel per autenticare e inviare i file dei vari adempimenti fiscali (per esempio IVA SINGOLA, UNICO PF, 730, UNICO SC). Al termine della compilazione e dell'eventuale successivo controllo, il file da inviare con l'applicativo Entratel va predisposto per la trasmissione telematica (cifratura del file) con la funzione 'Autentica' attivabile dal menu 'Documenti'. Nel corso dell'operazione è necessario inserire il supporto contenente la chiave privata dell'utente; pertanto si consiglia di averlo a portata di mano. Chi utilizza la smart card, dovrà inserirla nell'apposito lettore.

52 L'opzione "Autentica" del menu "Documenti" genera, nella cartella \invio della directory (cartella) di installazione, un file "autenticato" in formato utile per l'invio all'agenzia delle Entrate. Viene presentata la finestra di dialogo per la scelta del file da autenticare (nel caso si tratti di un documento per cui la fase di controllo è obbligatoria, il file controllato si trova nella specifica cartella \documenti\controllati). Procedere con la selezione del file da autenticare

53 A questo punto viene chiesto il nome del file da autenticare, selezionabile attraverso l'apposita finestra di dialogo. Il file autenticato avrà lo stesso nome, con estensione ccf purché tale nome sia formato esclusivamente da lettere o numeri, in caso contrario viene richiesto di rinominare il file. Se il nome del file da autenticare è formato da più di 8 caratteri, l'applicazione attribuirà al file autenticato un nome composto dai primi 8 caratteri del file di input. Selezionando il bottone Lista, è possibile visualizzare le informazioni sintetiche sul file che si vuole autenticare. Premere Chiudi per continuare con la fase di autentica.

54 Procedendo con l'autenticazione, viene chiesto di indicare il tipo di file da trasmettere mediante selezione dell'apposita casella di scelta (file per la trasmissione effettiva o per la trasmissione sperimentale). Gli invii sperimentali possono essere inibiti in prossimità delle scadenze per gli invii telematici. Un file di prova inviato in tali periodi può essere scartato con motivo di scarto codice I file trasmessi in via sperimentale, essendo di prova, non saranno considerati validi ai fini del rispetto degli adempimenti a carico degli utenti del servizio telematico.

55 Se si sta autenticando un file che contiene contratti di locazione, viene mostrata la seguente finestra dove si devono indicare le coordinate del conto su cui verranno addebitate le spese di registrazione. Perl'addebito automatico sul conto corrente aperto presso un istituto di credito convenzionato con l'agenzia delle Entrate per la modalità di pagamento F24 on-line, non deve essere compilato alcun modello F24, ma è sufficiente che l'utente inserisca nel file contenente i dati relativi al contratto da registrare anche l'ammontare delle imposte da pagare e comunichi, in questa fase, gli estremi del conto corrente (ABI, CAB, numero di conto, CIN) sul quale verranno addebitate le imposte. In dettaglio, il pagamento delle imposte dovute per la registrazione dovrà essere effettuato indicando: le coordinate del conto corrente dell'utente, qualora quest'ultimo provveda direttamente alla registrazione. In alternativa, l'art 21, comma 1, lettera a) consente agli intermediari di cui all'art 15, comma 1, lettere b), c), d) ed e), di esporre le coordinate bancarie dell'utente, purchè quest'ultimo abbia espresso il proprio consenso scritto in tal senso nel momento in cui ha conferito l'incarico; le coordinate del conto corrente di uno degli intermediari di cui all'art 15, comma 1, lettere b), c), e d), nel caso di registrazione del contratto, da parte di quest'ultimo, per conto dell'utente (a partire dal 1 febbraio 2002).

56 L'apposizione del codice di autenticazione è obbligatoria. Solo dopo aver effettuato tale operazione, il documento elettronico può essere trasmesso in via telematica all'agenzia delle Entrate. La durata dell'operazione di autenticazione è strettamente connessa alle dimensioni del file da autenticare; l'operazione non viene portata a conclusione se tali dimensioni eccedono il limite massimo consentito: 1,38 MB compressi per il file in formato "autenticato". Il file da autenticare può variare da 15 a 60 MB espansi; questo limite è molto indicativo e dipende fortemente dal tipo di documento contenuto nel file. Il limite è innalzato a 3MB compressi, che corrisponde approssimativamente a 50 MB espansi, se il file inviato risulta essere stato sottoposto precedentemente a procedura di controllo (corrisponde al file "nome_file.dcm" generato dal software di controllo dell Agenzia delle Entrate). Qualora la dimensione complessiva delle dichiarazioni da trasmettere ecceda il limite previsto (1,38 MB compressi), si dovrà procedere alla predisposizione di più forniture, avendo cura che i dati relativi a ciascuna dichiarazione siano contenuti nella stessa fornitura.

57 Durante l'autentica, l'applicazione verifica che il codice fiscale del fornitore (richiedente la registrazione) presente sul record di testa del file da autenticare sia congruente con quello dell'utente che sta effettuando l'autenticazione (colui che trasmette). In caso di non coincidenza dei due codici, viene emesso un messaggio di attenzione. In particolare il richiedente la registrazione di un contratto di locazione (un soggetto presente nel contratto, ad es. locatore) può non coincidere con colui che trasmette con l'applicazione entratel se questi è un soggetto delegato (ad esempio un commercialista)

58 L invio diretto con Entratel Una volta autenticato il file con l'applicazione Entratel, è possibile inviare direttamente il file predisposto premendo il bottone Invia, che attiva automaticamente la connessione con il sito WEB dei Servizi Telematici (precedentemente definita dall'utente) ed effettua direttamente l'invio del file senza la necessità di aprire il browser e di accedere al sito web. Se si desidera, invece, effettuare l'invio in un momento successivo, premere il bottone Chiudi.

59 Qualora, dunque, si voglia procedere con l'invio immediato del file autenticato e si sia premuto il pulsante Invia, verrà mostrata una nuova finestra in cui con il pulsante Invia si accede al sito dei Servizi Telematici e con il pulsante Imposta è possibile cambiare la modalità di connessione al sito. ATTENZIONE: qualunque sia la modalità di connessione scelta, è sempre necessario indicare il nome utente e la password (sezione 2 della busta) per l'accesso alle pagine protette del sito. Nel caso l'utente abbia dimenticato la password di accesso ai Servizi Telematici, dovrà accedere al sito dei Servizi Telematici e provvedere a ripristinare il valore iniziale.

60 Connessione Modem analogico o ISDN a Connessione ADSL VPN Agenzia Entrate. Dopo aver digitato le credenziali di accesso e indicato, se l'invio viene fatto per conto di un altro soggetto dal quale si è incaricati oppure per proprio conto, confermare la trasmissione del file con il pulsante Invia Invia.

61 Al termine controllare l'esito dell'invio effettuato. Annotare il numero di protocollo rilasciato dal sistema per successive consultazioni, effettuabili dalla voce Ricevute del sito web dei Servizi Telematici, o stampare la ricevuta di trasmissione. Se l'invio viene interrotto, è possibile procedere "manualmente", mediante un invio in differita o collegandosi al sito web dei Servizi Telematici.

62 2 a parte I SOFTWARE PER LA COMUNICAZIONE DELL INIZIO ATTIVITÀ E DELLE VARIAZIONI ALL AGENZIA DELLE ENTRATE.

63 L applicazione per la richiesta di n. P.IVA ditta individuale L applicazione per l attribuzione del numero di partita iva delle imprese individuali è obbligatoria per tutti i soggetti che intraprendono un attività di lavoro autonomo professionale, non iscrivibile nel Registro delle Imprese, quali a titolo esemplificativo: Medici Avvocati Liberi professionisti

64 L installazione dell applicazione nella versione in uso avviene lanciando il file eseguibile ATTVAPF221.exe dopo lo scarico dal sito del Servizio Telematico. La directory di installazione deve essere NECESSARIAMENTE DIVERSA da quella dell'applicazione Entratel. L'installazione del pacchetto creerà un'icona sul desktop, al di fuori dell'applicazione Entratel-Servizio telematico. Quest'ultima dovrà essere comunque utilizzata per l'autentica e l'invio dei file contenenti le dichiarazioni di attribuzione nonchè per la visualizzazione e la stampa delle ricevute, consistenti nei certificati di attribuzione partita IVA.

65 L installazione crea il collegamento sulla barra dei programmi all interno della quale è inserito il collegamento per l avvio dell applicazione.

66 Il menù file contiene le funzioni per la compilazione della modulistica AA9/11. Per gestire una nuova dichiarazione, selezionate la funzione Nuova dichiarazione

67 Data inizio dell attività ai fini IVA Denominazione impresa individuale Dati per soggetti esteri che richiedono l identificazione in Italia Dati inerenti l attività: codice ATECO, descrizione attività, volume d affari, sede dell attività, Opzioni per contribuenti minimi o soggetti che richiedono il regime agevolato art. 13 L. 388/2000 (forfettino).

68 L inserimento del codice Ateco e della descrizione dell attività svolta avviene attraverso il bottone Selezionando prima la macroarea di attività e poi dall elenco dei codici ateco afferenti alla macroarea selezionata il codice scelto. Per inserire il dato confermare con il bottone OK.

69 La gestione dei dati inerenti la provincia e il comune, nei campi del modulo ove sono richiesti è operativa attraverso il bottone Si selezione la Provincia e poi si scorre l elenco dei Comuni abbinati alla Provincia, selezionate quello prescelto e col bottone OK il Comune e la sigla della Provincia sono riportati nei rispettivi campi. La gestione consente anche di selezionare lo Stato Estero, in caso di soggetto nato o residente all estero.

70 Dati del titolare del numero di partita iva che si richiede. Dati del rappresentante del titolare, in caso di soggetto minore, o soggetto inabilitato

71 Il quadro F consente di indicare il soggetto depositario delle scritture contabili e il luogo di conservazione all estero delle fatture. Per l inserimento si attiva il bottone nella sezione e si inserisce il codice fiscale del soggetto depositario poi col bottone posto a lato del riquadro si accede all inserimento dell indirizzo del depositario presso cui sono tenute le scritture.

72 Per riportare il dato nel quadro F cliccare sul bottone OK Inseriti i dati dell indirizzo si conferma col bottone OK e il luogo è riportato nel campo sottostante al codice fiscale.

73 Altre attività economiche e/o altri luoghi di svolgimento dell attività. Quadro I per dati di compilazione facoltativa, salvo per alcuni soggetti che dichiarano di svolgere attività per le quali è obbligatorio l indicazione dei dati inerenti le comunicazioni catastali dell immobile detenuto in proprietà o in locazione presso cui si svolge l attività. Campi per l iscrizione negli elenchi VIES

74 Riepilogo quadri compilati, data di presentazione della dichiarazione e C.F. dichiarante firmatario. Codice fiscale intermediario tipologia di impegno assunto e data dell impegno.

75 Il salvataggio e la stampa della dichiarazione Ultimata la compilazione con la dichiarazione aperta Accedete al menù File e selezionate la funzione Salva il programma genera 3 documenti. Il file con estensione.dch è quello che sarà da utilizzare per generare il file telematico da sottoporre a controllo e spedizione tramite Entratel

76 La stampa della dichiarazione si avvia dal menù file selezionando la funzione Stampa. La stampa genera un file pdf denominato con i primi 8 caratteri del codice fiscale in formato pdf. Il file è posizionato nel percorso c:\anagraficopf\inizioat\pf\stampe\

77 Il pdf visualizzato a video può essere stampato su carta in duplice copia dovendone poi consegnare 1 al contribuente insieme alla dichiarazione di impegno alla trasmissione e alla ricevuta di avvenuta elaborazione.

78 La preparazione del file da trasmettere Dopo aver completato l inserimento delle dichiarazioni da inserire nel file da inviare Selezionare "Preparazione file" dal menù Strumenti. Inserire le informazioni mancanti nella finestra visualizzata (la data di preparazione ed il codice fiscale del Responsabile della dichiarazione). Servizio Entratel Il codice fiscale da inserire deve essere quello dell'intermediario fiscale Responsabile della Dichiarazione anche nel caso in cui il file sia inviato da altro soggetto. Esso deve comunque corrispondere a quello di un utente abilitato all'utilizzo della funzione Entratel o in possesso di Dichiarazione che lo autorizzi ad avvalersi di soggetti abilitati.

79 Dopo aver inserito la data di preparazione (entro 30 giorni data dell impegno) e il codice fiscale dell intermediario abilitato Entratel che è stato indicato nella dichiarazione, col bottone aggiungi selezionate il file dalla cartella C:\AnagraficoPF\InizioAT\PF\D ocumenti\ nomefile.dch.

80 Il file è riportato nel riquadro dei file da preparare. Con il clic sul bottone Ok è avviata la preparazione che genera un file nomefile.inv nella cartella C:\AnagraficoPF\InizioAT\PF\Preparati. La finestra di dialogo per il salvataggio che appare, richiede di attribuire un nome al file, in quanto vi viene proposto il nome *.INV. Sostituite l asterisco con il nome del file che deve essere non superiore a 8 caratteri. Ultimata la preparazione potete chiudere l applicazione e avviare Entratel per sottoporre a controllo il file previa installazione del modulo di controllo.

81 3 a parte I SOFTWARE PER LA GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE UNICA (FEDRA E COMUNICA)

82 ComUnica Fedra per le pratiche societarie Le applicazioni Comunica e Fedra, consentono di gestire la modulistica elettronica del Registro delle imprese e la distinta di comunicazione unica (ai sensi dell art. 9 della L. 40/2007) per l inoltro delle domande di iscrizione, modifica e cancellazione delle imprese costituite in forma collettiva. Sono gestibili solo per alcune pratiche - come le costituzioni societarie e gli atti legali (lista completa) oppure in mancanza di una connessione permanente ad Internet, è necessario utilizzare il software ComunicaFedra da scaricare sul proprio personal computer. Dallo scorso 9 giugno 2012, la versione in uso non consente più di gestire le domande di iscrizione, modifica e cancellazione delle imprese individuali.

83 Come operare Per poter compilare ed inviare telematicamente la Comunicazione Unica con Comunica Fedra è necessario disporre di: software FEDRA 6.60 firma digitale, per firmare la pratica unificata con lo stesso valore della firma autografa casella di posta elettronica certificata (PEC). Le imprese in forma societaria sono tenute ad indicare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata nella domanda di iscrizione al Registro delle Imprese. Pertanto le società devono dotarsi autonomamente della casella PEC (D.L. 185/2008 convertito nella legge 2/2009).

84 L installazione delle applicazioni L area spedizioni del sito di Telemaco Registro Imprese contiene i link per l acquisizione in locale delle applicazioni. Occorre scaricare i Software Fedra Plus versione e l applicativo Comunica Impresa. Per installare la seconda applicazione è necessario che sulla postazione sia installata la macchina virtuale Java (quella utilizzata dall applicazione Ge.Ri.Co.) Nella pagina dell area spedizione, trovate il link per il download della macchina virtuale.

85 Fedra e le applicazioni aggiuntive

86 La normalizzazione indirizzi La normalizzazione degli indirizzi, è quella operazione che consente di effettuare una analisi ed una validazione dell'indirizzo ai fini della qualità del dato che viene registrato nel Registro Imprese. La normalizzazione, ottenuta tramite il plus in di Fedra Plus, consente di avere la certezza che gli indirizzi dei soggetti delle anagrafiche imprese (solo delle anagrafiche imprese!) presenti nell'archivio locale del software sono corretti. L'installazione del plus in crea un tasto Normalizza nel riquadro Anagrafiche Locale Imprese.

87

88 La gestione di una pratica La configurazione dell applicazione serve a gestire l impostazione della distinta della pratica Registro imprese, con la memorizzazione dei dati dello studio che gestisce la pratica ed impostare la CCIAA alla quale si è soliti presentare la pratica.

89 Elenco dei principali atti gestibili con Fedra Viene di seguito riportato l'elenco, non esaustivo, dei più importanti atti e fatti da iscrivere o depositare presso il Registro Imprese: Atto costitutivo Atti modificativi dello statuto, atto costitutivo o patti sociali Iscrizione, modifica e cessazione dei membri degli organi amministrativi e degli organi di controllo Operazioni finanziarie Aumento, riduzione e sottoscrizione del capitale sociale Versamento del capitale sociale Comunicazione di unico socio di spa e srl Comunicazione di ricostituzione (o costituzione) della pluralità dei soci Emissione e cessazione di un prestito obbligazionario Nomina del rappresentate comune degli obbligazionisti Offerta di azioni in opzione, offerta di obbligazioni convertibili, avviso di anticipata conversione di obbligazioni Strumenti finanziari Modifica delle condizioni di emissione e circolazione degli strumenti finanziari nonché dei relativi diritti Patrimoni destinati ad un singolo affare Nomina del rappresentante comune dei possessori di strumenti finanziari Deposito del rendiconto finale Finanziamento destinato ad uno specifico affare Cessione rapporti giuridici tra banche e altri soggetti finanziari Distribuzione della riserva di rivalutazione Iscrizione degli atti di trasferimento delle quote sociali di Srl di cui alla l. 310/93 Trasferimento partecipazioni (anche pegni) di Srl Pignoramenti e sequestri di partecipazioni di Srl Estinzione e pignoramento o sequestro di partecipazioni di Srl Istituzione, modifica e cancellazione di sedi secondarie Scioglimento, liquidazione e cancellazione di società Patti parasociali Bilanci di esercizio ed elenchi soci per le società di capitali I consorzi che hanno la qualifica di confidi sono tenuti a depositare il bilancio di esercizio e l'elenco soci La situazione patrimoniale per i consorzi Atti di trasferimento sede Operazioni straordinarie Trasformazione tra società Fusione/scissione Direzione e coordinamento di società Trasferimenti d'azienda ai sensi dell'art c.c. come modificato dalla L.310/93 Altri atti da iscrivere Iscrizione domanda di arbitrato e atti collegati Iscrizione dell'ordinanza di sospensione del provvedimento impugnato con domanda di arbitrato e del lodo arbitrale Iscrizione dell'accordo di ristrutturazione dei debiti Iscrizione dell'avvenuta concentrazione di imprese Denunce REA Repertorio Economico Amministrativo

90 L avvio di una pratica si attiva dal menù Pratiche attraverso la funzione Nuova. La creazione di una nuova pratica è subordinata alla presenza nell'archivio di Anagrafica Locale Imprese/Persone del soggetto cui la pratica attiene.

91 La gestione dell archivio anagrafiche L'inserimento in anagrafica dei dati del soggetto giuridico/fisico della pratica può essere fatto: attivando direttamente l'apposita funzione anagrafica da menù attivando la funzione a partire dalla compilazione pratica importando i dati da altro archivio (FeDra).

92 L evidenziazione dei campi obbligatori Al fine di fornire un'evidenza visiva delle informazioni obbligatorie richieste per la compilazione del modello relativo allo specifico adempimento sono stati utilizzati due accorgimenti grafici la scheda (cartella) che contiene uno o più riquadri obbligatori viene evidenziata con un simbolo di warning nel riquadro INDICE del cruscotto pratiche i riquadri la cui compilazione è obbligatoria sono evidenziati col titolo ROSSO

93 Nella singola finestra sono fornite anche le informazioni di stato ed identificativo FeDra assegnato alla pratica, oltre alla data e ora di sistema. Per ogni singolo modello di pratica vengono visualizzati a video i soli riquadri obbligatori oppure quelli facoltativi selezionati.

94 Dalla voce menù Pratiche è possibile: inserire una nuova pratica importare una pratica importare un adempimento dal R.I. accedere all'indice delle pratiche attivare il controllo di Validazione Immediata Il menù Pratiche

95 Il sistema consente di aprire una nuova pratica attraverso la visualizzazione di una finestra come da figura successiva, nella quale sono disponibili tre schede ciascuna delle quali, selezionabile da linguetta, contiene le opportune opzioni di scelta: Tipologia soggetto Adempimenti Modello Base L'ordine sequenziale di redazione delle schede, selezionato dalla linguetta, fornisce una guida per un'adeguata scelta del modello base da utilizzare per il deposito della domanda.

96 La preventiva scelta della Tipologia Soggetto agisce da filtro, assieme alla tipologia dell'adempimento, sui possibili modelli base da utilizzare per la compilazione della pratica. La selezione della Tipologia Soggetto agisce da filtro anche sull'elenco dei soggetti selezionabili in compilazione pratica.

97 La scelta del modello base può essere fatta anche direttamente dalla scheda Modello Base in cui sono elencati tutti i modelli che soddisfano tale caratteristica.

98 Selezionando il modello principale sono visualizzati i riquadri di cui esso si compone con l evidenza in rosso di quelli obbligatori e in nero di quelli facoltativi. La pubblicazione dei riquadri NON OBBLIGATORI che costituiscono la struttura del modello è f acoltativa : tramite SELEZIONA TUTTO avviene la pubblicazione totale di tutti i riquadri che costituiscono la struttura di un modello; mirata con esplicita valorizzazione del check sul riquadro di interesse.

99 Occorrenze multiple di dati imputati nel modello vengono rappresentate in forma tabellare o con strutture ad albero come da figura. Viene utilizzata la tecnica di Microsoft e fornita una "tool box" di spiegazione online, come aiuto alla compilazione ed interpretazione del campo della maschera, posizionandovi sopra il cursore come da immagine

100 I tasti funzione delle maschere E' attivata una modalità, allineata agli standard MS_Windows, secondo la quale in una maschera d'inserimento dati è possibile: con il tasto APPLICA memorizzare i dati presenti sulla scheda in quel momento attiva. Il sistema salva i dati e rimane nella scheda corrente. con il tasto ANNULLA: annullare eventuali modifiche non ancora salvate. La sua validità è per l'intero modulo. Premuto il tasto si ritorna SEMPRE all'indice della pratica. con il tasto CHIUDI vengono confermate tutte le modifiche apportate all'intero modulo. Premuto il tasto si ritorna SEMPRE all'indice della pratica. con il tasto SALVA DETTAGLIO si consolidano e confermano i dati apportati all'interno di una occorrenza. Premuto il tasto si torna SEMPRE alla lista delle occorrenze definite in griglia.

101 Cancellare i dati inseriti E' sempre possibile azzerare/annullare i dati precedentemente memorizzati di una scheda, posizionando il cursore sul campo stesso ed utilizzando il tasto CANC. Tale tecnica può essere applicata su tutte le tipologie di campi che prevedono immissione o selezione di valori compresi i "pulsanti opzione". La possibilità di annullare le selezioni impostate nei campi o le opzioni selezionate viene evidenziata dalla marcatura dell'etichetta del campo stesso. L'icona, raffigurante il cestino, permette di cancellare, in un solo colpo, tutti i campi imputati di un riquadro del Modello,identificato da una etichetta con numero e testo in caratteri grassetto.

102 La cancellazione delle occorrenze La cancellazione di una occorrenza avviene in due momenti separati: una prenotazione di cancellazione con il tasto CANCELLA e la cancellazione vera e propria con il tasto APPLICA. La sequenza delle operazioni da compiere per cancellare una occorrenza sono: e' necessario selezionare la occorrenza desiderata e premere il tasto CANCELLA il tasto APPLICA conferma la cancellazione della occorrenza

103 Il riquadro obbligatorio contenente gli estremi della domanda di iscrizione. Inseriti i dati col bottone chiudi riportate i dati nel riquadro.

104 Attivando la validazione immediata eventuali campi obbligatori non compilati sono segnalati in giallo.

105 Si passa quindi a compilare i quadri facoltativi selezionati in fase di prima gestione dei riquadri del modello.

106 Se il riquadro prevede l aggiornamento di campi che modificano l anagrafica dell impresa o della persona presente in archivio è data la possibilità di aggiornare i dati in automatico, senza dover procedervi manualmente.

107 La funzione di ricerca del Comune In generale, la funzione di ricerca comune e' attivabile dalla modulistica oppure, ad esempio, in Anagrafica Imprese e Persone con il tasto Cerca. Le opzioni di ricerca sono: il campo Digitare il Comune e' auto compilante e presenta in automatico la lista dei Comuni che iniziano con la stringa digitata nel caso in cui si valorizzi il campo In provincia di viene pubblicata la lista dei Comuni che sono presenti in quella Provincia nel caso in cui si valorizzi il campo Digitare il Comune e In provincia di vengono pubblicati i Comuni di quella Provincia che coincidono con la stringa presente nel campo Digitare il Comune

108

109 La funzione di importazione delle note E' disponibile una funzione di importa note, che permette di gestire e richiamare, importando nei campi in cui è associata, parti di testo fisse, già precompilate, classificate ed organizzate in un Archivio. Tale funzionalità aiuta a semplificare la compilazione della pratica consentendo di gestire ed inserire parti di testo comuni e ripetibili nelle diverse pratiche, in modo immediato. Una volta importato il testo sarà sempre possibile integrarlo o modificarlo a livello nel campo. La funzione d'importa note (associata in genere ad ogni campo della modulistica di tipo testo) è attivabile selezionando il link corrispondente come da figura di seguito. L'attivazione della funzione di importa note permette di individuare e selezionare da un elenco di "scritte fisse", gestito come Archivio Note, una scritta contenente la parte/ o tutto il testo da utilizzare e quindi, una volta selezionata, importarla della modulistica, corrispondente direttamente nel campo,

110

111 L aggiunta di moduli alla pratica L'aggiunta di un modello avviene attraverso la selezione dello stesso (agendo non più sul quadratino laterale ma puntando il mouse sulla descrizione del modello) e la successiva azione sulla voce Aggiungi Modulo del menu principale come da figura. La finestra che compare permette la selezione dei moduli che sono previsti come possibili allegati al quel modello. Dopo aver selezionato, uno per volta, i modelli da aggiungere, questi vengono inseriti sotto il modello base tramite il tasto Inserisci. La modalità sarà chiusa in quello che è chiamato indice della pratica.

112 L eliminazione di un modulo aggiuntivo La cancellazione di un modulo allegato, avviene attraverso la selezione del modello da eliminare e la successiva azione sulla voce "Elimina Modulo" dalla maschera di struttura pratica come da figura

113 La gestione delle note della pratica Le pratiche se presentate da professionista incaricato richiedono necessariamente l indicazione dell incarico. Se il professionista è sprovvisto di firma digitale con certificato di ruolo, la dichiarazione di incarico deve anche contenere la dichiarazione di notorietà circa l assenza di provvedimenti disciplinari in corso al momento di trasmissione della pratica. Le note sono memorizzabili come visto in precedenza.

114

115

116

117 Il modulo di riepilogo Il Modulo Riepilogo (RP) è obbligatorio allegarlo a qualsiasi pratica. In questo modulo saranno presenti le informazioni di riepilogo di tutto l'incartamento informatico relativo alla pratica. Nel caso si debba allegare al deposito digitale: atti, certificati e documenti vari, essi dovranno essere definiti ed aggiunti alla pratica tramite il Modulo Riepilogo che è automaticamente generato da FedraPlus nell'indice della pratica, alla sua creazione. Tali documenti possono essere rappresentati da "documenti digitali" (files) prodotti con procedimenti tecnici definiti, tra cui la scansione ottica del cartaceo o la trasformazione in pdf di un documento in origine informatico (preparato in Word, Excel etc.). La compilazione del modulo di riepilogo permette di collegare tutti i files alla pratica digitale e di specificarne il contenuto, come richiesto dalle specifiche ministeriali. Una volta aperto il Riepilogo viene visualizzata una griglia, che contiene le occorrenze di tutti i files allegati alla pratica, e tramite la quale è possibile agire per inserirne degli altri o modificarne la descrizione.

118 In automatico vengono create per ogni pratica, due occorrenze una per il file U3T (nome FILE DATI FEDRA che contiene i dati inseriti nei vari modelli) una per la distinta (nome DISTINTA FEDRA ). La griglia contiene sempre almeno due occorrenze. Per allegare ulteriori files si dovrà selezionare prima sul tasto "Aggiungi" poi sul tasto Sfoglia. Verrà proposto l'albero di "gestione/esplora risorse" del sistema dal quale l'utente potrà cercare il percorso del file da allegare.

Prima di generare l ambiente di sicurezza occorre configurare le Opzioni di sistema seguendo i passi riportati di seguito:

Prima di generare l ambiente di sicurezza occorre configurare le Opzioni di sistema seguendo i passi riportati di seguito: GENERARE L AMBIENTE DI SICUREZZA Prima di inviare tramite Entratel i file predisposti (dichiarazioni dei redditi, modelli RLI, etc..) è necessario generare l ambiente di sicurezza. Si tratta di un sistema

Dettagli

A. Richiedere PIN presso Ufficio Entrate

A. Richiedere PIN presso Ufficio Entrate A. Richiedere PIN presso Ufficio Entrate L'abilitazione a Fisconline può essere ottenuta richiedendo il codice PIN (di identificazione strettamente personale) recandosi presso un qualsiasi ufficio territoriale

Dettagli

INDICE. 1 Scopo del documento...3. 2 Passi da seguire...3. 3 Abilitazione al servizio...7. 4 Caratteristiche minime della postazione...

INDICE. 1 Scopo del documento...3. 2 Passi da seguire...3. 3 Abilitazione al servizio...7. 4 Caratteristiche minime della postazione... 4 novembre 2010 INDICE 1 Scopo del documento...3 2 Passi da seguire...3 3 Abilitazione al servizio...7 4 Caratteristiche minime della postazione...9 5 Configurazione della connessione...9 6 Download dei

Dettagli

INDICE. 1 Scopo del documento... 2. 2 Passi da seguire... 3. 3 Materiale consegnato al momento dell abilitazione... 6

INDICE. 1 Scopo del documento... 2. 2 Passi da seguire... 3. 3 Materiale consegnato al momento dell abilitazione... 6 11 gennaio 2007 INDICE 1 Scopo del documento... 2 2 Passi da seguire... 3 3 Materiale consegnato al momento dell abilitazione... 6 4 Caratteristiche minime della postazione... 7 5 Virtual Machine Java...

Dettagli

21/02/2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE CERTIFICATI VERSIONE 1.0

21/02/2013 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE CERTIFICATI VERSIONE 1.0 MANUALE DI ISTRUZIONI DELL APPLICAZIONE SID GENERAZIONE VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 39 INDICE 1. PREMESSA 4 2. INSTALLAZIONE 5 3. ESECUZIONE 6 4. STRUTTURA DELLE CARTELLE 7 5. CARATTERISTICHE GENERALI DELL

Dettagli

INDICE. Scopo del documento... 5. Glossario... 5. NOVITÀ DELLA VERSIONE 4.7.2 e superiori... 9. Virtual Machine Java... 10. Installazione...

INDICE. Scopo del documento... 5. Glossario... 5. NOVITÀ DELLA VERSIONE 4.7.2 e superiori... 9. Virtual Machine Java... 10. Installazione... 04/11/10 INDICE Scopo del documento... 5 Glossario... 5 NOVITÀ DELLA VERSIONE 4.7.2 e superiori... 9 Virtual Machine Java... 10 Installazione... 10 Caratteristiche generali... 12 Struttura delle cartelle...

Dettagli

LA TELEMATIZZAZIONE DELLE DICHIARAZIONI INTRASTAT

LA TELEMATIZZAZIONE DELLE DICHIARAZIONI INTRASTAT Gruppo di lavoro Operazioni doganali e intracomunitarie Consiglio Compartimentale degli Spedizionieri Doganali Piemonte Valle D Aosta Gruppo di lavoro Operazioni doganali e intracomunitarie Venerdì, 5

Dettagli

OBBLIGO DI REGISTRAZIONE TELEMATICA DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE PER GLI AGENTI IMMOBILIARI

OBBLIGO DI REGISTRAZIONE TELEMATICA DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE PER GLI AGENTI IMMOBILIARI OBBLIGO DI REGISTRAZIONE TELEMATICA DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE PER GLI AGENTI IMMOBILIARI OBBLIGO DI REGISTRAZIONE TELEMATICA DEI CONTRATTI DI LOCAZIONE PER GLIAGENTI IMMOBILIARI E stata pubblicata nella

Dettagli

Trasferimento Quote AGGIORNATO AL 3 MAGGIO 2012

Trasferimento Quote AGGIORNATO AL 3 MAGGIO 2012 TQ Trasferimento Quote Software per la gestione integrata della pratica di Trasferimento Quote di Società a Responsabilità Limitata curata da Commercialisti AGGIORNATO AL 3 MAGGIO 2012 Trasferimento Quote

Dettagli

GERICO 2015 p.i. 2014

GERICO 2015 p.i. 2014 Studi di settore GERICO 2015 p.i. 2014 Guida operativa 1 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. ASSISTENZA ALL UTILIZZO DI GERICO... 4 3. CARATTERISTICHE TECNICHE... 5 4. INSTALLAZIONE DEL PRODOTTO DA INTERNET...

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del Manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 25 febbraio 2010 SERVIIZIIO TELEMATIICO DOGANALE Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione al servizio

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8K8GNE44764 Data ultima modifica 29/07/2011 Prodotto TuttoTel Modulo TuttoTel Oggetto: Configurazione degli intermediari Per poter far funzionare correttamente

Dettagli

L adesione al servizio telematico

L adesione al servizio telematico L adesione al servizio telematico effettuate le operazioni di generazione dell'ambiente di sicurezza l'utente deve collegarsi via internet, al sito Servizio Telematico doganale Ambiente di Prova e selezionare

Dettagli

ENTRATEL E FISCONLINE. Materiale Didattico a cura dello Studio Pallino

ENTRATEL E FISCONLINE. Materiale Didattico a cura dello Studio Pallino ENTRATEL E FISCONLINE Materiale Didattico a cura dello Studio Pallino Utilizzare il Servizio Fisconline Il servizio Fisconline consente la trasmissione telematica dei documenti fiscali e la visualizzazione

Dettagli

Trasferimento Quote AGGIORNATO AL 15 MAGGIO 2014

Trasferimento Quote AGGIORNATO AL 15 MAGGIO 2014 TQ Trasferimento Quote Software per la gestione integrata della pratica di Trasferimento Quote di Società a Responsabilità Limitata curata da Commercialisti AGGIORNATO AL 15 MAGGIO 2014 Trasferimento Quote

Dettagli

SERVIZIO TELEMATICO DOGANALE

SERVIZIO TELEMATICO DOGANALE SERVIZIO TELEMATICO DOGANALE Materiale Didattico a cura dello Studio Pallino Aggiornato al 17/05/2011 ACCESSO AL SITO WEB EFFETTUARE L ISTANZA DI ADESIONE Per ottenere l'autorizzazione, occorre compilare

Dettagli

PREFAZIONE. Filename: TRFileint-1210_02 Pag. 1 di 19

PREFAZIONE. Filename: TRFileint-1210_02 Pag. 1 di 19 Istruzioni per scaricare ed installare l aggiornamento dell applicazione File Internet per la trasmissione telematica dei dati relativi alle operazioni di verificazione periodica degli apparecchi misuratori

Dettagli

5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO

5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO 5. VALIDAZIONE E SCARICO DELLA PRATICA DISTINTA DI ACCOMPAGNAMENTO In questo capitolo tratteremo: a) dello scarico della pratica, b) della predisposizione della distinta di accompagnamento e c) di tutte

Dettagli

ENTRATEL: Servizio telematico Agenzia delle Entrate

ENTRATEL: Servizio telematico Agenzia delle Entrate ENTRATEL: Servizio telematico Agenzia delle Entrate Visualizzazione delle ricevute relative ai file inviati. Per controllare lo stato di elaborazione dei file inviati e per entrare in possesso delle ricevute

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE ONLINE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE ONLINE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI BARI GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLE PRATICHE ONLINE ALLO SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE aprile 2013 RIPARTIZIONE SVILUPPO ECONOMICO SUAP Sportello Unico per le Attività Produttive SOMMARIO

Dettagli

Linea Sistemi Srl Lecce, Via del Mare 18 0832/392697 0832/458995 0832/372266 0832/372308 e-mail : lineasistemi@tiscali.it

Linea Sistemi Srl Lecce, Via del Mare 18 0832/392697 0832/458995 0832/372266 0832/372308 e-mail : lineasistemi@tiscali.it Linea Sistemi Srl Lecce, Via del Mare 18 0832/392697 0832/458995 0832/372266 0832/372308 e-mail : lineasistemi@tiscali.it Rinnovo Ambiente di Sicurezza per Entratel Premessa Quando il Vostro Certificato

Dettagli

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale.

Si precisa in ogni caso che questa guida rapida non esime dalla lettura del manuale utente presente nell ambiente del Servizio Telematico Doganale. GUIDA RAPIDA versione 11 marzo 2008 SEERVIIZZIIO TTEELLEEMATTIICO M DOGANALLEE G Avvertenze: Questa guida vuole costituire un piccolo aiuto per gli operatori che hanno già presentato richiesta di adesione

Dettagli

COMUNICAZIONI ANOMALIE 2015 GUIDA OPERATIVA

COMUNICAZIONI ANOMALIE 2015 GUIDA OPERATIVA COMUNICAZIONI ANOMALIE 2015 GUIDA OPERATIVA Introduzione Profilo utente Acquisizione nuova comunicazione Variazione della comunicazione Cancellazione di una comunicazione esistente Stampa della comunicazione

Dettagli

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox

Manuale d uso. Applicazione client Postecert Firma Digitale per Postemailbox per Postemailbox Documento pubblico Pagina 1 di 22 Indice INTRODUZIONE... 3 REQUISITI... 3 SOFTWARE... 3 HARDWARE... 3 INSTALLAZIONE... 3 AGGIORNAMENTI... 4 AVVIO DELL APPLICAZIONE... 4 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE...

Dettagli

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili

SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili SICE.NET Servizio Informativo Casse Edili http://213.26.67.117/ce_test Guida all uso del servizio Internet On-Line CASSA EDILE NUOVA INFORMATICA Software prodotto da Nuova Informatica srl Pag. 1 Il Servizio

Dettagli

Indice. Manuale Utente Business Key Lite InfoCert

Indice. Manuale Utente Business Key Lite InfoCert Business Key Lite Manuale Utente InfoCert Indice 1. La Business Key Lite... 3 2. Installazione... 3 2.1 Installazione iniziale... 3 2.2 Prerequisiti... 4 2.3 Casi particolari... 4 2.4 Utente amministratore

Dettagli

Manuale operativo per la gestione della procedura digitale di rendicontazione del

Manuale operativo per la gestione della procedura digitale di rendicontazione del Manuale operativo per la gestione della procedura digitale di rendicontazione del OccupaMI 2013: Bando contributi alle pmi per il sostegno all occupazione 1. Finalità delle procedure digitali La nuova

Dettagli

SUPPORTO TECNICO INVIO TELEMATICO MODELLO 770 SEMPLIFICATO E MODELLO UNICO TRAMITE ENTRATEL E FISCO ON LINE

SUPPORTO TECNICO INVIO TELEMATICO MODELLO 770 SEMPLIFICATO E MODELLO UNICO TRAMITE ENTRATEL E FISCO ON LINE SUPPORTO TECNICO AI PRODOTTI: PROCEDURA INTEGRATA GESTIONE CONDOMINIO RENT MANAGER SERVIZIO DI ASSISTENZA CLIENTI INVIO TELEMATICO MODELLO 770 SEMPLIFICATO E MODELLO UNICO TRAMITE ENTRATEL E FISCO ON LINE

Dettagli

Direzione Provinciale di Barletta-Andria-Trani. Ufficio Territoriale di Barletta GUIDA SOFTWARE RLI

Direzione Provinciale di Barletta-Andria-Trani. Ufficio Territoriale di Barletta GUIDA SOFTWARE RLI Direzione Provinciale di Barletta-Andria-Trani Ufficio Territoriale di Barletta GUIDA SOFTWARE RLI ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE ED IL SUCCESSIVO INVIO DEL MODELLO DI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE Di seguito

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI A SOSTEGNO DI INVESTIMENTI INNOVATIVI

BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI A SOSTEGNO DI INVESTIMENTI INNOVATIVI BANDO DI CONCORSO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE PMI A SOSTEGNO DI INVESTIMENTI INNOVATIVI ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA TRASMISSIONE TELEMATICA DELLE DOMANDE DI CONTRIBUTO Per ulteriori informazioni:

Dettagli

LA SMART CARD GUIDA PRATICA

LA SMART CARD GUIDA PRATICA LA SMART CARD GUIDA PRATICA SOMMARIO PREMESSA... 1 RITIRO DELLA SMART CARD... 1 PRIMO UTILIZZO DEL DISPOSITIVO DI FIRMA DIGITALE... 2 COME SI FIRMA UN DOCUMENTO INFORMATICO... 4 LETTURA CERTIFICATI CONTROLLO

Dettagli

Business Key Manuale Utente. Manuale utente. Manuale Utente Business Key Vers. 5.0 del 06/10/08 1

Business Key Manuale Utente. Manuale utente. Manuale Utente Business Key Vers. 5.0 del 06/10/08 1 Manuale utente Manuale Utente Business Key Vers. 5.0 del 06/10/08 1 Indice 1. La Business Key...3 1.1. Caratteristiche... 3 2. Installazione...3 2.1 Installazione iniziale... 3 2.2 Casi particolari...

Dettagli

Manuale d uso Mercurio

Manuale d uso Mercurio Manuale d uso Mercurio SOMMARIO Pagina Capitolo 1 Caratteristiche e Funzionamento Capitolo 2 Vantaggi 3 3 Capitolo 3 Cosa Occorre Capitolo 4 Prerequisiti Hardware e Software Prerequisiti hardware Prerequisiti

Dettagli

Manuale Operativo per la firma digitale

Manuale Operativo per la firma digitale Manuale Operativo per la firma digitale Indice 1. Introduzione... 1 2. Installazione del lettore di smart card... 1 3. Installazione del Dike e Dike Util... 7 1. Premessa... 8 2. Installazione DikeUtil...

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - PREDISPOSIZIONE DI UNA PRATICA UTILIZZO GENERALE DEL PROGRAMMA PREDISPOSIZIONE DI UNA PRATICA. Al primo

Dettagli

DCSIT Area Gestione Reddituale redditiweb@inps.it CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1

DCSIT Area Gestione Reddituale redditiweb@inps.it CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1 CAMPAGNA RED ITALIA SERVIZI WEB MANUALE OPERATIVO VERSIONE 7.8.9 24/05/2013 1 Nota tecnica. La procedura è stata progettata ed ottimizzata per essere utilizzata con il browser Internet Explorer, si consiglia

Dettagli

ebridge 730 2015 PROFESSIONISTI

ebridge 730 2015 PROFESSIONISTI PREMESSA... 2 NOVITA - GESTIONE RICHIESTA DELEGA E 730 PRECOMPILATO... 2 Fase Preliminare... 3 Prima Fase Richiesta Delega... 5 Seconda Fase Richiesta 730 Precompilato... 8 Gestore File Telematico Archiviaz.\Visualizzaz.

Dettagli

Fedra Plus. Prodotto per la gestione e compilazione della modulistica relativa al Registro delle Imprese. Guida all avvio

Fedra Plus. Prodotto per la gestione e compilazione della modulistica relativa al Registro delle Imprese. Guida all avvio Fedra Plus Prodotto per la gestione e compilazione della modulistica relativa al Registro delle Imprese Guida all avvio Pag.1 PREMESSA... 3 REQUISITI DI SISTEMA... 4 DOVE È POSSIBILE SCARICARE IL PROGRAMMA...

Dettagli

SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL. Applicazione Autentica-Apri Multifile

SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL. Applicazione Autentica-Apri Multifile SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL Applicazione Autentica-Apri Multifile Versione del documento: Novembre 2012 SERVIZIO TELEMATICO ENTRATEL: applicazione Autentica-Apri Multifile 1 1. Premessa 3 2. Cartella

Dettagli

Di seguito vengono elencati i passi logici che verranno affrontati dalla procedura Comunicazione Unica:

Di seguito vengono elencati i passi logici che verranno affrontati dalla procedura Comunicazione Unica: Fino ad oggi le imprese ed i loro intermediari evadevano gli obblighi riguardanti il Registro delle Imprese, l Agenzia delle Entrate, l INAIL e l INPS con procedure diverse per ogni Ente e, soprattutto,

Dettagli

Prodotto INDI INfocamere Digital Certification

Prodotto INDI INfocamere Digital Certification InfoCamere Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni Prodotto INDI INfocamere Digital Certification MU/BK - Manuale utente Business Key Funzione emittente Redatto

Dettagli

Guida pratica all utilizzo dei programmi InfoCamere per il Registro delle Imprese di Cagliari

Guida pratica all utilizzo dei programmi InfoCamere per il Registro delle Imprese di Cagliari Camera di Commercio, Industria Artigianato e Agricoltura di Cagliari Guida pratica all utilizzo dei programmi InfoCamere per il Registro delle Imprese di Cagliari - 2.a parte / Telemaco - aggiornata a

Dettagli

INFORMAZIONI PRELIMINARI D USO

INFORMAZIONI PRELIMINARI D USO INFORMAZIONI PRELIMINARI D USO CARATTERISTICHE PRINCIPALI, COMUNI A TUTTI I MODULI - Utilizzo di un Archivio Unico. - Semplicità d'uso e rapidità nella compilazione dei modelli. - Stampa laser di tutta

Dettagli

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0

11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 11/02/2015 MANUALE DI INSTALLAZIONE DELL APPLICAZIONE DESKTOP TELEMATICO VERSIONE 1.0 PAG. 2 DI 38 INDICE 1. PREMESSA 3 2. SCARICO DEL SOFTWARE 4 2.1 AMBIENTE WINDOWS 5 2.2 AMBIENTE MACINTOSH 6 2.3 AMBIENTE

Dettagli

Supporto On Line Allegato FAQ

Supporto On Line Allegato FAQ Supporto On Line Allegato FAQ FAQ n.ro MAN-8JZGL450591 Data ultima modifica 22/07/2011 Prodotto Tuttotel Modulo Tuttotel Oggetto: Installazione e altre note tecniche L'utilizzo della procedura è subordinato

Dettagli

BREVE GUIDA ALL USO DI CNS E SMART CARD aggiornata a febbraio 2009

BREVE GUIDA ALL USO DI CNS E SMART CARD aggiornata a febbraio 2009 Area Anagrafe Economica BREVE GUIDA ALL USO DI CNS E SMART CARD aggiornata a febbraio 2009 PREMESSA... 1 PRIMO UTILIZZO DEL DISPOSITIVO DI FIRMA DIGITALE... 1 COME SI FIRMA UN DOCUMENTO INFORMATICO...

Dettagli

ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE. 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione

ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE. 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione ISTRUZIONI per l utilizzo della Firma Digitale Banca Marche INDICE 1. Introduzione 2. Predisposizione iniziale: Installazione Driver e Avvio Menù di Gestione 3. Accessi Successivi al Menù Gestione 4. Utilizzo

Dettagli

UFFICIO REGISTRO IMPRESE DI VERCELLI. Guida alla gestione delle pratiche Fedra in Telemaco NOVEMBRE 2002

UFFICIO REGISTRO IMPRESE DI VERCELLI. Guida alla gestione delle pratiche Fedra in Telemaco NOVEMBRE 2002 UFFICIO REGISTRO IMPRESE DI VERCELLI Guida alla gestione delle pratiche Fedra in Telemaco NOVEMBRE 2002 Indice Introduzione al sistema di gestione delle pratiche telematiche... 2 Accesso al sistema...

Dettagli

Agevolazioni autotrasportatori Dichiarazione trimestrale Manuale utente

Agevolazioni autotrasportatori Dichiarazione trimestrale Manuale utente Agevolazioni autotrasportatori Dichiarazione trimestrale Manuale utente Marzo 2015 1 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. NOVITÀ DELLA PRESENTE VERSIONE... 3 1.2. REQUISITI TECNICI... 3 1.3. GENERALITA... 3 1.4.

Dettagli

Modello F24: versamenti telematici obbligatori dal 1 ottobre 2006 per i soggetti titolari di partita IVA

Modello F24: versamenti telematici obbligatori dal 1 ottobre 2006 per i soggetti titolari di partita IVA ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 17 14 SETTEMBRE 2006 Modello F24: versamenti telematici obbligatori dal 1 ottobre 2006 per

Dettagli

Manuale Operativo per la firma digitale

Manuale Operativo per la firma digitale Manuale Operativo per la firma digitale Indice 1. Introduzione... 3 2. Installazione del lettore di smart card... 3 3. Installazione del Dike... 8 4. Attivazione della smart card... 9 5. PIN per la firma

Dettagli

PRIMO PASSO. Agenzia Entrate Direzione Provinciale di Trento Ufficio Gestione Tributi

PRIMO PASSO. Agenzia Entrate Direzione Provinciale di Trento Ufficio Gestione Tributi Manuale Tutorial REGISTRAZIONE ATTI TELEMATICI da parte degli ENTI PUBBLICI PRIMO PASSO Gli Enti interessati all'invio telematico richiedono l abilitazione al servizio compilando l apposito modello disponibile

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

VERSIONE DIMOSTRATIVA VIETATA LA COPIA, LA DISTRIBUZIONE E TecniCons L UTILIZZO DOPO I 30 GIORNI DAL DOWNLOAD VERSIONE DIMOSTRATIVA VIETATA LA

VERSIONE DIMOSTRATIVA VIETATA LA COPIA, LA DISTRIBUZIONE E TecniCons L UTILIZZO DOPO I 30 GIORNI DAL DOWNLOAD VERSIONE DIMOSTRATIVA VIETATA LA SOMMARIO Il programma applicativo Dike...2 Controllo versione DiKe...2 Impostazione VERSIONE del Lettore di smart card...3 DIMOSTRATIVA VIETATA LA Verifica della smart card assegnata al richiedente...3

Dettagli

CGM ACN2009 CERTIFICATI

CGM ACN2009 CERTIFICATI GUIDA OPERATIVA aggiornata al 24/09/2013 (ver. 3.7.1.0) CGM ACN2009 CERTIFICATI 1 of 27 SOMMARIO 1 INSTALLAZIONE ACN2009... 3 1.1 Verifiche preliminari... 3 1.2 Requisiti minimi... 4 1.3 Procedure di installazione

Dettagli

Metano 4.3. Acquisizione su file della dichiarazione di consumo di gas metano per l anno d imposta 2006. Manuale utente

Metano 4.3. Acquisizione su file della dichiarazione di consumo di gas metano per l anno d imposta 2006. Manuale utente Metano 4.3 Acquisizione su file della dichiarazione di consumo di gas metano per l anno d imposta 2006 Manuale utente Versione 4.3 Ottobre 2006 Manuale utente Pagina 2 di 31 INDICE 1. PRESENTAZIONE...

Dettagli

Manuale per la presentazione della domanda per il Premio Brianza Economica edizione 2014

Manuale per la presentazione della domanda per il Premio Brianza Economica edizione 2014 Manuale per la presentazione della domanda per il Premio Brianza Economica edizione 2014 Istruzioni valide per la presentazione delle domande sia per la sezione A (Imprese), sia per la sezione B (Dipendenti)

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. IMPLEMENTAZIONI RELEASE Versione 2016.00.05

Dettagli

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare.

Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. Gestione delle informazioni necessarie all attività di validazione degli studi di settore. Trasmissione degli esempi da valutare. E stato previsto l utilizzo di uno specifico prodotto informatico (denominato

Dettagli

Manuale Operativo per la firma digitale

Manuale Operativo per la firma digitale Manuale Operativo per la firma digitale Indice 1. Introduzione...3 2. Installazione del lettore di smart card...4 3. Installazione del Dike...9 4. Attivazione della smart card... 10 5. PIN per la firma

Dettagli

Contratti di locazione. Guida Completa al Servizio

Contratti di locazione. Guida Completa al Servizio Contratti di locazione Guida Completa al Servizio Sommario INFORMAZIONI GENERALI... 2 MONITOR INIZIALE... 3 TASTI FUNZIONE... 5 MONITOR ERRORI... 7 ASSISTENZA GUIDE... 8 GESTIONE ANAGRAFICHE... 9 MODIFICA

Dettagli

Volume 2 FIRMA DIGITALE. Camera di Commercio di Reggio Emilia

Volume 2 FIRMA DIGITALE. Camera di Commercio di Reggio Emilia Volume 2 FIRMA DIGITALE Camera di Commercio di Reggio Emilia Rinnovare i certificati della smart card Procedure per l anno 2005 Sommario CAPITOLO 1 Firma digitale e smart card in pillole 1 Allegati Istruzioni

Dettagli

La cedolare secca per l affitto di appartamenti.

La cedolare secca per l affitto di appartamenti. La cedolare secca per l affitto di appartamenti. Da evidenziare che l esercizio dell opzione sospende, per un periodo corrispondente alla durata della stessa, la facoltà di chiedere l aggiornamento del

Dettagli

GUIDA RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE CONTRATTI DI LOCAZIONE E AFFITTO DI IMMOBILI CENTRO STUDI FIAIP EMILIA-ROMAGNA

GUIDA RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE CONTRATTI DI LOCAZIONE E AFFITTO DI IMMOBILI CENTRO STUDI FIAIP EMILIA-ROMAGNA RICHIESTA DI REGISTRAZIONE CONTRATTI DI LOCAZIONE E AFFITTO DI IMMOBILI CENTRO STUDI FIAIP EMILIA-ROMAGNA 2 Le principali novità Modalità di presentazione Il modello RLI per la registrazione dei contratti

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

LEXTEL SPA GUIDA AL RINNOVO DEI CERTIFICATI DIGITALI

LEXTEL SPA GUIDA AL RINNOVO DEI CERTIFICATI DIGITALI LEXTEL SPA GUIDA AL RINNOVO DEI CERTIFICATI DIGITALI 2009 SOMMARIO INFORMAZIONI... 3 VERIFICA VERSIONE DIKE... 4 DOWNLOAD DIKE... 5 INSTALLAZIONE DIKE... 7 RIMUOVERE DIKE... 7 INSTALLARE DIKE... 7 DOWNLOAD

Dettagli

PROCEDURA PER LA PREDISPOSIZIONE DI PRATICHE TRAMITE IL PORTALE SUAP DEL COMUNE DI GHEDI

PROCEDURA PER LA PREDISPOSIZIONE DI PRATICHE TRAMITE IL PORTALE SUAP DEL COMUNE DI GHEDI PROCEDURA PER LA PREDISPOSIZIONE DI PRATICHE TRAMITE IL PORTALE SUAP DEL COMUNE DI GHEDI Questa procedura consente di fornire informazioni e modulistica agli operatori ed alle imprese per tutti i procedimenti

Dettagli

INVIO PRATICA TELEMATICA

INVIO PRATICA TELEMATICA Con la collaborazione del Comune di Granaglione INVIO PRATICA TELEMATICA Manuale Utente Indice Fase 1 - Registrazione al sistema:...3 Accedere alla piattaforma...3 Fase 2 - Accesso al sistema PeopleSuap

Dettagli

Guida alla compilazione della pratica di Comunicazione Unica per la dichiarazione della PEC delle società e delle Imprese Individuali

Guida alla compilazione della pratica di Comunicazione Unica per la dichiarazione della PEC delle società e delle Imprese Individuali Guida alla compilazione della pratica di Comunicazione Unica per la dichiarazione della PEC delle società e delle Imprese Individuali Indice 1. Introduzione... 3 2. Come dichiarare la PEC al Registro Imprese...

Dettagli

Sistemi Forlì S.r.l.

Sistemi Forlì S.r.l. Forlì, marzo 2013 Sistemi Forlì S.r.l. Via Vivaldi n. 22-47122 FORLI' Tel. 0543.783.172 Fax 0543.783.216 www.sistemiforli.it Capitale Sociale:. 25.000 - R.I. - FO: 03316020407 - R.E.A.: 295507 - Cod. Fisc.

Dettagli

Manuale Operativo FER CEL-PAS. Lato Compilatore. Servizio FER - Fonti Energetiche Rinnovabili

Manuale Operativo FER CEL-PAS. Lato Compilatore. Servizio FER - Fonti Energetiche Rinnovabili Manuale Operativo FER CEL-PAS Lato Compilatore Servizio FER - Fonti Energetiche Rinnovabili Revisione del Documento: 06 Data revisione: 13-01-2013 INDICE DEI CONTENUTI Indice 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DELLA PEC PER SOCIETÀ GIÀ ISCRITTE AL REGISTRO DELLE IMPRESE

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DELLA PEC PER SOCIETÀ GIÀ ISCRITTE AL REGISTRO DELLE IMPRESE GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DELLA PEC PER SOCIETÀ GIÀ ISCRITTE AL REGISTRO DELLE IMPRESE 1 CAMERE DI COMMERCIO DELLA TOSCANA GUIDA ALLA COMUNICAZIONE DELLA PEC PER SOCIETÀ GIÀ ISCRITTE AL REGISTRO DELLE IMPRESE

Dettagli

BANDI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI

BANDI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI BANDI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Istruzioni per l invio telematico delle domande e degli allegati previsti dai Bandi pubblicati dalla CCIAA di Cosenza per la concessione di contributi -Edizione 2015-

Dettagli

Manuale Utente CryptoClient

Manuale Utente CryptoClient Codice Documento: CERTMOB1.TT.DPMU12005.01 Firma Sicura Mobile Telecom Italia Trust Technologies S.r.l. - Documento Pubblico Tutti i diritti riservati Indice degli argomenti... 1 Firma Sicura Mobile...

Dettagli

Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE...

Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE... Manuale Operatore Indice 1. PREMESSA...4 2. OPERATORE...4 3. RENDICONTAZIONI ONLINE...5 3.1. Saldi ed ultimi dieci movimenti...6 4. RENDICONTAZIONI GIORNALIERE...6 4.1. Saldi...6 4.1.1. Riepilogo saldi...6

Dettagli

GUIDA OPERATIVA APPLICAZIONE PER LA VISUALIZZAZIONE DELLE FORNITURE DEI DATI DEI FABBRICATI MAI DICHIARATI CON ACCERTAMENTO CONCLUSO

GUIDA OPERATIVA APPLICAZIONE PER LA VISUALIZZAZIONE DELLE FORNITURE DEI DATI DEI FABBRICATI MAI DICHIARATI CON ACCERTAMENTO CONCLUSO GUIDA OPERATIVA APPLICAZIONE PER LA VISUALIZZAZIONE DELLE FORNITURE DEI DATI DEI FABBRICATI MAI DICHIARATI CON ACCERTAMENTO CONCLUSO 27 Giugno 2011 DOC. ES-31-IS-0B PAG. 2 DI 26 INDICE PREMESSA 3 1. INSTALLAZIONE

Dettagli

Guida rapida Intesa Imprese On-line

Guida rapida Intesa Imprese On-line Guida rapida Intesa Imprese On-line Riepilogo delle principali FAQ del servizio: Se nella tendina di Banca delle distinte compare no document found. Attivare il conto. Si fa riferimento anche alle coordinate

Dettagli

Agevolazioni autotrasportatori Dichiarazione trimestrale Manuale utente

Agevolazioni autotrasportatori Dichiarazione trimestrale Manuale utente Agevolazioni autotrasportatori Dichiarazione trimestrale Manuale utente Marzo 2013 1 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. NOVITÀ DELLA PRESENTE VERSIONE... 3 1.2. REQUISITI TECNICI... 3 1.3. GENERALITA... 3 1.4.

Dettagli

COMUNICAZIONI ANOMALIE 2013 GUIDA OPERATIVA

COMUNICAZIONI ANOMALIE 2013 GUIDA OPERATIVA COMUNICAZIONI ANOMALIE 2013 GUIDA OPERATIVA Introduzione Profilo utente Acquisizione nuova comunicazione Variazione della comunicazione Cancellazione di una comunicazione esistente Stampa della comunicazione

Dettagli

M.U.T Modulo Unico Telematico

M.U.T Modulo Unico Telematico M.U.T Modulo Unico Telematico http://mut.cnce.it Guida all uso dei servizi Internet Versione: 1.0 Data redazione: 15.10.2004 Software prodotto da Nuova Informatica srl Rovigo Pagina 1 di 40 Indice dei

Dettagli

CGM ACN2009 CERTIFICATI

CGM ACN2009 CERTIFICATI GUIDA OPERATIVA aggiornata al 24/09/2013 (ver. 3.7.1.0) CGM ACN2009 CERTIFICATI 1 of 28 SOMMARIO 1 INSTALLAZIONE ACN2009... 3 1.1 Verifiche preliminari... 3 1.1.1 Attivazione servizi Integra... 4 1.2 Requisiti

Dettagli

Agevolazioni autotrasportatori Manuale utente

Agevolazioni autotrasportatori Manuale utente Agevolazioni autotrasportatori Manuale utente Versione 9 Anno 2010 1 1. INTRODUZIONE...3 1.1. REQUISITI TECNICI...3 1.2. GENERALITA...3 2. ACQUISIRE NUOVA DICHIARAZIONE...5 2.1. FRONTESPIZIO...6 2.2. QUADRO

Dettagli

Versione 4.0. (aggiornamento 1/09/2009 )

Versione 4.0. (aggiornamento 1/09/2009 ) Manuale d uso del sistema Anagrafica operatori Versione 4.0 (aggiornamento 1/09/2009 ) 1 Premessa...2 2 Certificato digitale e Carta Nazionale dei Servizi...2 3 Come funziona l Anagrafica operatori...4

Dettagli

COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE TELEMATICA DEI 730-4 PER IL 2012

COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE TELEMATICA DEI 730-4 PER IL 2012 COMUNICAZIONE PER LA RICEZIONE TELEMATICA DEI 730-4 PER IL 2012 I lavoratori dipendenti che intendono presentare la propria dichiarazione dei redditi compilando il modello 730, possono rivolgersi ai CAF-Centri

Dettagli

SIPEM ACCESSO AL SISTEMA ED UTILIZZO DELLA CHIAVETTA DI FIRMA. Rev 1.1. Sistema Informativo Pratiche Edilizie e Monitoraggio municipale

SIPEM ACCESSO AL SISTEMA ED UTILIZZO DELLA CHIAVETTA DI FIRMA. Rev 1.1. Sistema Informativo Pratiche Edilizie e Monitoraggio municipale SIPEM Sistema Informativo Pratiche Edilizie e Monitoraggio municipale ACCESSO AL SISTEMA ED UTILIZZO DELLA CHIAVETTA DI FIRMA Rev 1.1 Il presente documento è attualmente in fase di lavorazione. Ancitel,

Dettagli

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo

Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo Direzione Centrale per le Politiche dell Immigrazione e dell Asilo SUI Sportello Unico Immigrazione Sistema inoltro telematico domande di nulla osta al lavoro, al ricongiungimento familiare e conversioni

Dettagli

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Sportello Unico Immigrazione Sistema inoltro telematico Manuale Utente Versione per Decreto Flussi 2010 per l ingresso di lavoratori non stagionali Data

Dettagli

Registro Imprese. Guida rapida

Registro Imprese. Guida rapida Registro Imprese Guida rapida Indice La compilazione di Comunica con Starweb...1 Pratiche di Comunicazione Unica Impresa...4 Iscrizione di imprese individuali attive o inattive, di soggetto collettivo

Dettagli

Dichiarazione di consumo ANNO 2014

Dichiarazione di consumo ANNO 2014 Dichiarazione di consumo ANNO 2014 Cuneo 25.02.2015 Adesione al servizio telematico doganale Compilazione della dichiarazione di consumo Trasmissione telematica del file (sintesi) 2 Prima di procedere

Dettagli

NOTE SPECIFICHE MODELLO 770/2013

NOTE SPECIFICHE MODELLO 770/2013 26 marzo 2013 Pagina 1 Dichiarazioni annuali 770 2013 NOTE SPECIFICHE MODELLO 770/2013 IMPORTANTE! TUTTI GLI IMPORTI INDICATI NEL MODELLO DEVONO ESSERE ESPRESSI IN CENTESIMI DI EURO. L ESPOSIZIONE DEI

Dettagli

1 Riconoscimento del soggetto richiedente da parte del sistema

1 Riconoscimento del soggetto richiedente da parte del sistema Guida alla compilazione on-line della domanda per il bando Servizi per l accesso all istruzione (Trasporto scolastico, assistenza disabili e servizio pre-scuola e post-scuola) INDICE 1 Riconoscimento del

Dettagli

SIPEM ACCESSO AL SISTEMA ED UTILIZZO DELLA CHIAVETTA DI FIRMA DIGITALE. Sistema Informativo Pratiche Edilizie e Monitoraggio municipale. Rev 1.

SIPEM ACCESSO AL SISTEMA ED UTILIZZO DELLA CHIAVETTA DI FIRMA DIGITALE. Sistema Informativo Pratiche Edilizie e Monitoraggio municipale. Rev 1. SIPEM Sistema Informativo Pratiche Edilizie e Monitoraggio municipale ACCESSO AL SISTEMA ED UTILIZZO DELLA CHIAVETTA DI FIRMA DIGITALE Rev 1.2 Il presente documento è attualmente in fase di lavorazione.

Dettagli

GUIDA ALL'UTILIZZO DEL SUAP (Sportello Unico Attività Produttive)

GUIDA ALL'UTILIZZO DEL SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) GUIDA ALL'UTILIZZO DEL SUAP (Sportello Unico Attività Produttive) Per accedere al sistema di presentazioni on-line della SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) fare riferimento al portale web

Dettagli

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DOCUMENTI. Aggiornato alla versione 2015J

CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DOCUMENTI. Aggiornato alla versione 2015J CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA DOCUMENTI Aggiornato alla versione 2015J CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA Se l utente intende gestire la conservazione sostitutiva dei documenti rilevanti a livello fiscale differenti

Dettagli

3. LE FUNZIONI DI DI.KE. E LA FIRMA DEGLI ATTI E DEI DOCUMENTI

3. LE FUNZIONI DI DI.KE. E LA FIRMA DEGLI ATTI E DEI DOCUMENTI 3. LE FUNZIONI DI DI.KE. E LA FIRMA DEGLI ATTI E DEI DOCUMENTI Dí.Ke (Digital Key), sviluppato e distribuito gratuitamente da InfoCamere, è il software che consente di apporre e/o verificare una o più

Dettagli

UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS

UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS UTILIZZO DEL SOFTWARE FEDRA PLUS GUIDA ALLA PREDISPOSIZIONE DI UNA PRATICA TELEMATICA Come predisporre una pratica telematica - 1 - Registro delle Imprese PREDISPOSIZIONE DI UNA PRATICA 1. CONFIGURAZIONE

Dettagli

Manuale di Attivazione. Edizione Ottobre 2008

Manuale di Attivazione. Edizione Ottobre 2008 Manuale di Attivazione Edizione Ottobre 2008 Manuale attivazione BT Internet Banking - 2008 INDICE 1. REQUISITI PRELIMINARI 3 2. DATI PER L ACCESSO AL SERVIZIO 4 2.1 UTENTI CHE UTILIZZANO IL CERTIFICATO

Dettagli