Sigla deliverable DG1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sigla deliverable DG1"

Transcript

1 Realizzazione Studi di Settore al fine di facilitare l'emersione di cluster di imprese operanti nel settore ICT Intervento SD07B) CLUOS Sigla deliverable DG1 Specificità della presenza di Grandi Imprese ICT in Campania e ruolo assunto nella formazione dei cluster Dipartimento di Ingegneria Data Pagina 1 di 122

2 Indice 1. Premessa Le agglomerazioni di imprese ed i cluster Hi-Tech Introduzione Definizione di cluster ai fini del report Agglomerazioni territoriali ed elementi costitutivi del Cluster I vantaggi di un cluster L evoluzione dei cluster Fattori di successo di un cluster e loro misura Descrizione dei cluster High-Tech Esempi di cluster di successo nelle ICT Introduzione Silicon Valley Il capitale umano e la nascita delle grandi imprese Il ruolo delle università Il ruolo della conoscenza Il ruolo dei Venture Capitalist Conclusioni Il cluster tecnologico di Cambridge Introduzione Le origini del distretto Il ruolo dell Università di Cambridge Il cluster di Cambridge La cultura manageriale ed il ruolo delle grandi imprese Conclusioni Silicon Wadi Introduzione Le origini del successo Lo sviluppo del cluster Conclusioni Il cluster Finlandia: il ruolo delle grandi imprese (NOKIA) I distretti tecnologici in Italia (Torino Wireless, Sardegna ICT) Il distretto tecnologico Torino Wireless in Piemonte Le attività del distretto ed il ruolo della fondazione Torino Wireless Il distretto Sardegna ICT Conclusioni Le grandi imprese ICT in Campania Introduzione Il caso STMicroelectronics L azienda L insediamento in Campania Attività, tecnologie, risorse e mercati di sbocco della sede campana Rapporti con le università ed altre istituzioni Conclusioni Il caso EDS L azienda L insediamento in Campania Attività, tecnologie, risorse e mercati di sbocco della sede campana Rapporti con le università ed altre istituzioni...83 Pagina 2 di 122

3 Conclusioni Il caso Seven One Solution L azienda L insediamento in Campania Attività, tecnologie, risorse e mercati di sbocco della sede campana Rapporti con le università ed altre istituzioni Conclusioni Il caso T-Systems Italia L azienda L insediamento in Campania Attività, tecnologie, risorse e mercati di sbocco della sede campana Rapporti con le università ed altre istituzioni Conclusioni Il caso TELECOM ITALIA L azienda L insediamento in Campania Attività, tecnologie, risorse e mercati di sbocco delle sede campana Rapporti con le università ed altre istituzioni Conclusioni Modelli di cluster nel settore ICT Distretti industriali e cluster Modelli di cluster Emersione e sviluppo del cluster L intervento pubblico e le politiche di sostegno al cluster Proposte per un cluster Hi-Tech in Campania Conclusioni Bibliografia Indice delle Figure Indice delle Tabelle Pagina 3 di 122

4 1. Premessa L oggetto di tale deliverable è quello di proporre dei modelli di cluster nel settore ICT per la regione Campania e lo studio del possibile ruolo che la grande impresa possa assumere affinché tale cluster si sviluppi. Tale deliverable rappresenta l ultimo anello di un percorso di analisi che ha avuto inizio nei deliverable DM2 e DM4. Questi ultimi costituiscono le premesse metodologiche sulla base delle quali sono state condotte le analisi contenute nel deliverable in esame. In particolare, il deliverable DM2 ha come oggetto la definizione del settore ICT per la regione Campania ed il deliverable DM4 quello di illustrare la metodologia adottata per individuare le grandi imprese ITC presenti nel settore. Tali imprese costituiscono l oggetto di analisi di questo deliverable. In particolare una volta individuate le grandi imprese ICT presenti in Campania, queste imprese hanno sono state oggetto di una ricerca empirica sulla base della quale si è cercato di analizzare quale potrebbe essere il ruolo che le stesse dovrebbero assumere al fine di facilitare l emersione di un cluster Hi-Tech nella regione Campania. Il contenuto di tale deliverable può essere così sintetizzato. Nel primo capitolo viene proposta una rassegna sulla letteratura sui cluster e sulle agglomerazioni di imprese ripercorrendo le varie definizioni che nel corso del tempo gli studiosi hanno attribuito a tale fenomeno. Successivamente (secondo capitolo) sono stati analizzati i principali cluster Hi-tech a livello internazionale ripercorrendo le ragioni storiche che hanno portato allo sviluppo del cluster nonché le caratteristiche insite in ciascuno di essi che li contraddistinguono l uno dagli altri. Nel terzo capitolo vengono illustrati i principali risultati che sono emersi dall indagine avente ad oggetto le grandi imprese ICT individuate attraverso la metodologia illustrata nel deliverable DM4. Pagina 4 di 122

5 In particolare sono stati redatti 5 case study aventi ad oggetto le realtà più significative per il contesto campano. In questi case study vengono non solo spiegate le ragioni storiche che hanno portato tali imprese ad insediarsi sul territorio campano ma anche le competenze ICT di cui dispongono, i rapporti che hanno con le università ed i centri di ricerca ed infine la loro disponibilità a collaborare congiuntamente con gli altri attori del sistema campano delle ICT. Nel quinto ed ultimo capitolo vengono illustrati alcuni suggerimenti metodologici che le autorità locali dovrebbero tenere conto nell ambito ai fini dell adozione di politiche regionali finalizzate a far sì che un aggregazione territoriale di imprese Hi-Tech possa manifestare appieno i vantaggi che essa comporta in termini di sviluppo dell economia locale. In particolare viene analizzato il ruolo che la grande impresa ICT potrebbe assolvere in tale processo di aggregazione e le linee di policy che le istituzioni locali dovrebbero intraprendere per assicurare che ciò avvenga nel pieno raggiungimento degli obiettivi comuni a tutti gli attori del cluster. Pagina 5 di 122

6 2. Le agglomerazioni di imprese ed i cluster Hi-Tech 2.1. Introduzione In questa sezione verranno, in un primo momento, passate in rassegna le principali definizioni di cluster che nel corso degli anni sono state adottate da economisti ed esperti di settore. Successivamente verranno analizzate da un punto di vista teorico le principali caratteristiche tipiche di un cluster industriale, la sua evoluzione ed i vantaggi che queste aggregazioni di imprese apportano all economia locale e non Definizione di cluster ai fini del report I primi studi sui cluster industriali risalgono al contributo di Marshall (1920) sulle economie di localizzazione. Da allora molti economisti industriali, come Porter, Sabel e Krugman, si sono interessati al fenomeno, considerato uno dei fattori chiave per la crescita economica e la competitività. In merito ai fattori che contribuiscono alla nascita dei cluster industriali, Rosenfeld (1997) enfatizza l importanza dell infrastruttura sociale, dei flussi di informazione e della collaborazione tra le imprese, e definisce un cluster come una concentrazione geograficamente delimitata di attività collegate o complementari, comprendente canali attivi per le transazioni economiche e la comunicazione tra le imprese, che condividono infrastrutture specializzate, mercati e servizi, e si ritrovano ad affrontare le stesse minacce ed opportunità. Una definizione che va più in profondità è quella fornita da Jacobs e De Long (1996), in quanto prende in considerazione oltre al raggruppamento spaziale e geografico delle attività economiche, anche le relazioni orizzontali e verticali tra diversi settori industriali, la presenza di un attore che abbia un ruolo centrale nello sviluppo del Pagina 6 di 122

7 cluster, la cooperazione tra le imprese ed il ruolo dell interazione sociale. Anche Porter e Schwab (2002) sottolineano l importanza delle relazioni sia verticali (con clienti e fornitori) sia orizzontali (con altre imprese del cluster), definendo questa tipologia di agglomerazione industriale come una concentrazione geografica di imprese interconnesse, fornitori specializzati, fornitori di servizi, imprese appartenenti a settori industriali tra loro collegati ed istituzioni associate, che competono ma al tempo stesso cooperano. Ai fini del report risulta interessante analizzare le agglomerazioni regionali di imprese. Secondo Porter (1990), un cluster regionale è la concentrazione di imprese indipendenti in una piccola area geografica in una particolare regione. In riferimento ai fattori che sono alla base della nascita e dello sviluppo dei cluster industriali, in particolare di quelli regionali, molti economisti ritengono che essi siano legati a particolari condizioni locali, come ad esempio le caratteristiche della domanda locale (Enright, 1993); altri riconoscono l importanza delle economie esterne, della divisione locale del lavoro, dell influenza delle strutture sociali sul clima competitivo locale (Piore e Sabel, 1984). Ad ogni modo, è opinione comune che non esiste una legge generale sulle modalità di sviluppo dei cluster. Tra i fattori più comunemente riconosciuti è possibile indicare i seguenti: - Presenza di un impresa leader intorno alla quale crescono altre imprese. L esempio tipico è fornito dalla Silicon Valley (Porter, 1998); - Investimenti in ricerca e sviluppo. La presenza di laboratori di ricerca è responsabile della nascita di cluster ad alta intensità di conoscenza (Porter, 1998); - Domanda locale e tipologia del mercato sono ritenuti responsabili della nascita di cluster che ottengono solo in seguito un elevato livello di competitività internazionale. Pagina 7 di 122

8 Una interessante classificazione delle tipologie di cluster è quella che si basa sullo stadio di sviluppo del cluster (Enright, 2001); a tale proposito si distinguono: - I cluster potenziali, caratterizzati dall esistenza di opportunità ed elementi chiave per lo sviluppo che non sono ancora sfruttati completamente; - I cluster latenti, costituiti da un elevato numero di imprese che però hanno un basso livello di interazione dovuto alla mancanza di fiducia, ad una bassa cooperazione e ad elevati costi di transazione; - I working cluster, che rappresentano agglomerazioni completamente sviluppate che operano in maniera interdipendente. Sulla base delle definizioni e delle classificazioni presenti in letteratura, l analisi delle caratteristiche delle Grandi Imprese ICT campane è volta dunque ad individuare l esistenza di fattori che possano favorire la nascita e lo sviluppo di cluster a livello regionale. A tale scopo nel seguito si illustrano le principali caratteristiche e quelli che sono ritenuti i più importanti fattori per il successo di un cluster Agglomerazioni territoriali ed elementi costitutivi del Cluster In termini di relazioni interorganizzative, è possibile distinguere diverse tipologie di agglomerazioni regionali di imprese: 1. le classiche aree metropolitane (come ad esempio Parigi o Londra) con un alto livello di attività economica in generale; 2. i sistemi di produzione regionali, costituiti nella maggior parte dei casi da industrie affini o comunque basate su tecnologie simili, che hanno come obiettivo principale la massimizzazione dell efficienza, essendo caratterizzati da piccole dimensioni e basse quote di mercato; 3. le regioni imprenditoriali, con un elevata concentrazione di Pagina 8 di 122

9 nuove imprese; si tratta di regioni economicamente floride che non necessariamente formano un cluster; 4. i cluster, caratterizzati da imprese agglomerate sulla base dell utilizzo di tecnologie simili. In molti casi si tratta di imprese che lottano per realizzare prodotti knowledge-based, il cui obiettivo principale non è una produzione standardizzata (di massa), né il raggiungimento di efficienza ed efficacia nei costi, bensì innovazione e crescita. In generale si possono individuare i seguenti elementi costitutivi di un cluster: 1. le istituzioni; 2. l infrastruttura e il contesto socio-economico della regione; 3. l attrattività del cluster. Le principali istituzioni di un cluster si individuano nelle seguenti: imprese collegate o di supporto. L esistenza di piccole imprese in fase di crescita comporta dinamiche locali all interno del cluster; imprese emergenti, per esempio sulla base di nuove tecnologie, necessitano di collaborare con altri attori del cluster. In tal modo si crea un elevato livello di attività. Nello stesso tempo aziende multinazionali che competono a livello mondiale introducono nuove risorse di capitale ed informazioni riguardo agli sviluppi di nuovi prodotti all interno del cluster; comunità di ricerca. Molti cluster sono nati nei pressi di università ed istituti di ricerca; spesso, infatti, istituti di ricerca privati collaborano con università pubbliche e/o altre imprese. Un altro gruppo di comunità di ricerca è costituito dai dipartimenti industriali di ricerca e sviluppo; istituzioni finanziarie. I cluster costituiscono l ambiente ideale per la crescita degli affari. Molti investitori istituzionali trovano in essi potenziali opportunità di investimento; Pagina 9 di 122

10 governo. Le agenzie governative facilitano i rapporti tra le imprese del cluster e gli attori politici ed amministrativi. Le istituzioni locali spesso supportano le pubbliche relazioni del cluster a livello internazionale e/o forniscono specifica assistenza alle imprese emergenti; imprese di servizi. Forniscono servizi di supporto alle imprese appartenenti al cluster, quali ad esempio servizi di segreteria, finanziari, di stampa. Inoltre facilitano i rapporti con gli stakeholder esterni. Il secondo elemento costitutivo di un cluster è rappresentato dall infrastruttura della regione. Questa include l accessibilità fisica al cluster (strade, aeroporti, stazioni ferroviarie) e l infrastruttura tecnica (disponibilità di reti a banda larga, ad esempio). Un altro fattore importante è il contesto socio-economico. In molti casi questo dipende anche dal sistema legislativo (sistema di tassazione, disponibilità di capitali, possibilità di investimenti). Il terzo elemento costitutivo riguarda la capacità del cluster di attrarre personale qualificato. Questa dipende da diversi fattori, quali la presenza di scuole per un educazione di elevata qualità, di club ed istituzioni culturali per attività del tempo libero, la possibilità di impiego per gli altri membri della famiglia. Il numero e la qualità degli impiegati con diverse esperienze è molto importante per le dinamiche di un cluster; inoltre queste caratteristiche attraggono personale altamente qualificato a livello internazionale I vantaggi di un cluster Secondo il rapporto Structure of the Software, Systems, and IT Services Industries in the European Union (2006), realizzato da CapGemini, per le imprese che operano all interno di un cluster regionale si possono individuare alcuni fondamentali vantaggi: Pagina 10 di 122

11 la prossimità delle imprese comporta l affluenza di personale specializzato da altre regioni e settori; di conseguenza le imprese appartenenti ad un cluster possono accedere più facilmente al mercato dei lavoratori e dei fornitori; la collaborazione di imprese vicine comporta l utilizzo comune di servizi e/o la realizzazione di progetti e processi congiunti, come ad esempio l approvvigionamento collaborativo; all interno dei cluster la disponibilità di informazioni (formali ed informali) e di tecnologie (infrastrutture a banda larga, servizi IT) è generalmente elevata. Tutto questo comporta un incremento della produttività delle imprese e delle possibilità di esplorazione di nuove aree di business. Inoltre gli incontri e gli scambi di informazioni per la creazione di nuove alleanze sono semplificati in quanto non necessitano di grandi spostamenti. Grazie alla concentrazione locale di imprese, le informazioni riguardo alla crescita delle imprese, alla creazione di alleanze ed allo sviluppo del mercato, sono facilmente reperibili; inoltre le barriere di ingresso ai mercati sono più basse. In definitiva, il principale vantaggio di un cluster può essere considerato l accresciuto livello di innovazione. In effetti, le imprese di un cluster: hanno una migliore visione del mercato rispetto ai propri concorrenti che sono regionalmente isolati; il continuo dialogo con i partner, i fornitori ed i clienti permette di avere una comprensione più profonda; utilizzano collegamenti sia formali che informali per acquisire conoscenza sulle nuove tecnologie; possono mettere in comune le risorse utili per la ricerca e sviluppo. Sebbene i cluster si concentrino in piccole aree geografiche, i cluster Pagina 11 di 122

12 di successo innovano e competono a livello mondiale. Per questo motivo, quando si parla di competitività mondiale, essi costituiscono un importante fattore da tenere in considerazione L evoluzione dei cluster Lo sviluppo nel tempo e le dinamiche sia interne che esterne di un cluster costituiscono da sempre una questione aperta. In generale i cluster necessitano di dieci o più anni per svilupparsi e guadagnare un vantaggio competitivo a livello mondiale (Rapporto CapGemini, 2006). Nascono inizialmente come piccoli nuclei di imprese che a volte si trovano per caso localmente vicine; naturalmente, devono esistere fattori di supporto alla nascita del cluster, come l ambiente naturale e l infrastruttura. Il grado di interazione tra gli attori del cluster è molto basso all inizio; elementi di sviluppo, quali la disponibilità di capitali di rischio, lo sviluppo di prodotti innovativi, o la fertile collaborazione tra le imprese, innesca importanti dinamiche che possono portare all acquisizione di vantaggio competitivo. Se il grado di interazione raggiunge livelli elevati, la collaborazione tra le imprese ed altre istituzioni diventa più organizzata, l interazione diventa più pianificata e formale. In tal modo il processo si intensifica: successi commerciali stimolano altri successi commerciali, i prodotti innovativi di un impresa spronano servizi innovativi di altre imprese, nuovo personale specializzato è attratto verso quei cluster che sono portatori di nuovi metodi ed idee. Questi processi cumulativi si sviluppano a diversi livelli: contatti individuali; collaborazione istituzionale tra imprese, istituti di ricerca, etc.; dialogo pubblico: l evoluzione dei cluster diventa argomento di eventi pubblici, articoli di stampa etc. Pagina 12 di 122

13 Con il passare degli anni, la cooperazione tra le imprese del cluster migliora l efficienza economica di tutti i partner. Inoltre l investimento di grandi imprese multinazionali nei cluster aumenta l affluenza di impiegati provenienti da altre nazioni e favorisce il dialogo internazionale Fattori di successo di un cluster e loro misura Per capire se, a partire dalle singole imprese localizzate in una determinata regione, è possibile far emergere un cluster, e quindi un agglomerazione di imprese le cui performance risultino maggiori della somma delle prestazioni delle singole parti, è necessario individuare quali sono quei fattori, se esistono, che contribuiscono al successo del cluster. Come evidenziato nel già citato rapporto CapGemini (2006), si possono individuare tre fattori di successo fondamentali per un cluster regionale. 1. I cluster di successo sono sempre reti socio-economiche. Questo indica che i cluster sono reti caratterizzate da parametri, come il governo d impresa, basati sulle relazioni sociali, sulla fiducia, sulla condivisione delle risorse. Le relazioni sociali sono la base per un flusso di informazioni ottimale. In altre parole, il concetto di cluster si poggia su una più ampia e più dinamica nozione di competizione tra imprese. I collegamenti all interno di un cluster influenzano la crescita e l innovazione molto più delle singole imprese. La teoria dei cluster si concentra sull eliminazione delle restrizioni alla produttività, sulla collaborazione tra le imprese e sull innovazione. Inoltre essa enfatizza i miglioramenti dinamici piuttosto che la condivisione del mercato (Porter 2002; Swann 2004). 2. I cluster di successo sono sempre specializzati. La specializzazione può avvenire per specifici settori, tecnologie o Pagina 13 di 122

14 attività. È un requisito fondamentale in quanto l innovazione è il risultato dello scambio di informazioni e della collaborazione, che entrambi hanno senso all interno di una specifica area di conoscenza. 3. La vicinanza è molto importante per il successo di un cluster, non solo in termini di prossimità spaziale tra le imprese, ma anche intermini di intensità dei rapporti con i clienti, in modo da fornire prodotti e servizi conformi alle esigenze. Nella figura seguente sono mostrati alcuni fattori chiave per il successo di un cluster. I più importanti risultano essere la rete di alleanze, la tecnologia innovativa e la disponibilità di capitale umano. Figura 1 Fattori critici di successo per un cluster individuati in letteratura (in percentuale degli articoli che menzionano tali fattori come di successo) Rete di alleanze Tecnologia innovativa Capitale umano Infrastruttura fisica Presenza di grandi imprese Imprenditorialità Accesso ai finanziamenti Servizi specializzati Accesso ai mercati Accesso ai servizi di Concorrenza Accesso alle informazioni Reti di comunicazione Leadership Disponibilità ICT Impatti economici esterni Fonte: Elaborazione CLUOS da CapGemini (2006) Nel corso dei diversi stadi di evoluzione di un cluster, i fattori critici di successo assumono diversa importanza. Di conseguenza, il successo di un cluster non dovrebbe essere misurato con lo stesso indicatore nel tempo, ma deve essere adattato alla fase di evoluzione. Se il nucleo di un cluster è ad esempio il dipartimento di Ricerca e Sviluppo di una rinomata università, un possibile indicatore è dato dallo sviluppo del cluster intorno ad una nuova tecnologia. Un campione di possibili fattori di successo può fornire indicazioni Pagina 14 di 122

15 riguardo alla forza del cluster. Di seguito vengono indicati in ordine di importanza tali fattori: prossimità (indice di concentrazione); frequenza dei contatti fisici (face-to-face); accesso alle informazioni (affidabili, corrette, tempestive); senso di collettività; miglioramenti qualitativi e quantitativi della produttività; innovazioni qualitative e quantitative; frequenza di nuovi prodotti e servizi delle imprese; mobilità del personale (all interno del cluster); collaborazione esplicita; Libero flusso delle informazioni. Di seguito sono inoltre elencati alcuni indicatori di performance dei cluster (CapGemini, 2006): numero di imprese emergenti (derivate, esterne); creazione di lavoro (all interno/all esterno del cluster); crescita annuale (interna, esterna); importanza nell economia nazionale (dimensione); esportazione (nazionale, internazionale, mondiale); investimenti delle imprese locali in imprese esterne; presenza di imprese estere (Joint Ventures, etc.); brevetti; bresenza di un marchio proprio; sviluppo di nuovi prodotti e/o processi (assenza di concorrenti/imitatori); concorrenza basata sulla differenziazione. Pagina 15 di 122

16 2.7. Descrizione dei cluster High- Tech Quando si parla di cluster High-Tech si fa riferimento alle agglomerazioni spaziali di attività ad alto contenuto tecnologico, che si distinguono da quelle specializzate nella produzione di beni tradizionali con tecnologie standardizzate. Un esempio di cluster High-Tech è costituito da imprese di software, sistemi e servizi IT. In generale, esistono pochi esempi di cluster costituiti da imprese che si occupano solo di software. Nella maggior parte dei casi tali imprese fanno parte di un più ampio cluster ICT. Per capire le relazioni tra le imprese che appartengono ad un cluster High-Tech, consideriamo la catena del valore dello sviluppo di un software (Figura 2). Figura 2: Catena del valore di un cluster high-tech Fonte: elaborazione CLUOS da CapGemini (2006) I confini del cluster (1) comprendono imprese provenienti da diversi settori High-Tech; in questo caso è possibile parlare di cluster multisettoriale. Le imprese di software (2) spesso sono racchiuse in un più ampio Cluster High-Tech regionale, mentre le imprese di servizi IT (3) sono generalmente imprese di supporto, ossia non costituiscono un Pagina 16 di 122

17 cluster autonomo. Ulteriori imprese di supporto (4) operano a monte del cluster per facilitare lo sviluppo del software, mentre a valle troviamo imprese clienti/utilizzatrici (5). Ulteriori imprese (equivalenti) (6) si collocano all interno della catena del valore e dell infrastruttura di supporto. Secondo il rapporto CapGemini (2006), esiste una scarsa evidenza statistica riguardo alla percentuale della creazione di valore derivante dalla produzione di tecnologie informatiche o specificamente di software all interno del cluster. Il motivo principale è che le tecnologie informatiche si prestano ad un utilizzo generalizzato. Infatti sono tecnologie abilitanti che vengono applicate in tutti i settori dell economia. Inoltre le imprese solitamente non raccolgono né pubblicano dati sul valore creato dalla produzione di software, per cui se tali dati sono disponibili, generalmente si basano su stime. Pagina 17 di 122

18 3. Esempi di cluster di successo nelle ICT 3.1. Introduzione In questa sezione descriveremo gli elementi essenziali dei principali cluster industriali nel panorama internazionale sottolineando le determinati del loro successo. In particolare, coerentemente con gli obiettivi del deliverable, analizzeremo il ruolo che le grandi imprese hanno avuto nel processo di formazione e di sviluppo del cluster Silicon Valley Il capitale umano e la nascita delle grandi imprese L area geografica che va sotto il nome di Silicon Valley 1 rappresenta senza ombra di dubbio l esempio di maggiore successo di cluster industriale ad alta tecnologia. Con tale nome si fa riferimento ad una vasta zona geografica (circa 1300 chilometri quadrati) situata nella Contea di Santa Clara, circa 70 km a sud di San Francisco e a 670 km a nord di Los Angeles. La popolazione della Silicon Valley è cresciuta del 450% passando pressappoco da 500 mila abitanti nel 1960 a circa 2,8 milioni di abitanti nel Sempre nel 2005 il 60% della popolazione attiva lavora nella Silicon Valley ed il reddito pro-capite, il più alto tra le città degli Stati Uniti d America, ammontava a circa dollari. Le origini del successo di quest area geografica, in quanto promotrice di uno sviluppo tecnologico senza precedenti, risalgono ai primi anni trenta quando Frederick Terman, professore di ingegneria presso l Università di Stanford diede vita, contribuendo personalmente, alle prime grandi imprese Hi-Tech dell area. Il ruolo assunto da Terman fu quello di coinvolgere i suoi migliori 1 Il nome Silicon Valley fu utilizzato per la prima volta nel 1971 dal giornalista Don C. Hoefler, per indicare la fortissima concentrazione di imprese legate alla produzione di semiconduttori basati sul silicio. Pagina 18 di 122

19 studenti nello sviluppo di progetti ad alto contenuto tecnologico che traevano origine dagli ambienti di ricerca accademici. Tutto ciò avveniva attraverso la creazione di apposite imprese, il cui successo manifestato nel tempo fu da attribuirsi proprio agli stretti legami che le stesse conservarono con gli ambienti universitari di Stanford. Imprese quali: la Litton Industries (1932), la Hewlett-Packard (1937) e la Varian Associates (1948) sono state le prime forme di attività imprenditoriali di successo che hanno contribuito, almeno inizialmente, allo sviluppo e alla crescita economica della Silicon Valley, dando luogo ad una trasformazione radicale di un area contrassegnata prevalentemente da attività a carattere agricolo. Oggi la Silicon Valley è una delle aree geografiche del mondo a più alta concentrazione di imprese Hi-Tech. Tuttavia, la spinta decisiva verso una crescita sempre più vertiginosa avvenne nel corso della seconda guerra mondiale a causa della crescente domanda di equipaggiamenti elettronici richiesti dalle autorità governative per fini militari. Durante quel periodo e per gli anni che seguirono incominciò a diffondersi tra gli imprenditori, autorità governative ed istituti di ricerca un nuovo modo di condivisione e trasmissione delle informazioni basato su relazioni di tipo informali grazie alle quali fu possibile accrescere notevolmente il tasso di innovazione tecnologica i cui vantaggi economici, che da esso scaturivano, potevano essere condivisi da tutti gli attori coinvolti. Durante gli anni 50 e 60 si assistette, inoltre, ad una dislocazione verso la Silicon Valley di quei centri di ricerca facenti capo a quelle imprese che avevano localizzato le loro attività sulla costa orientale quali la Ibm, la Westinghouse, la Philco-Ford e la Sylvania. In questo periodo, infatti, ebbe inizio quella spinta all aggregazione tipica dei cluster tecnologici che si concretizzò attraverso una concentrazione di imprese Hi-Tech sia di nuova costituzione, sia precedentemente costituite in zone geografiche diverse dalla Silicon Valley. In quello stesso periodo il silicio fece il suo primo ingresso nella valle Pagina 19 di 122

20 di Santa Clara grazie a William Shockley 2, il quale insieme a Bardeen e Brittain 3 dopo aver sviluppato inizialmente i primi semiconduttori presso i Laboratori Bells di At&T sulla costa orientale, decise di spostarsi nella Contea di Santa Clara dando vita alla Shockley Semiconductor Laboratory con l intento di produrre e commercializzare semiconduttori. Un anno dopo la nascita di tale impresa (1957), otto dei migliori collaboratori di Shockley lasciarono la Shockley Semiconductor Laboratory per costituire una nuova impresa con l intento di sviluppare un progetto legato allo sviluppo di transistor a doppia diffusione di silicio al quale Shockley non aveva mostrato molto entusiasmo. Grazie all aiuto di una banca di investimenti di New York e a Sherman Fairchild, un ingegnere proprietario della Fairchild Camera and Instruments Corporation, il quale mostrò uno spiccato interesse per l idea portata avanti dagli otto ex-collaboratori di Shockley, questi diedero vita alla Fairchild Semiconductor Company, la quale acquisì, grazie soprattutto alla spinta in termini di domanda da parte dell aviazione americana, una posizione di leadership nella produzione di una tipologia di transistor molto più efficiente di quella già esistente. Tuttavia, l elemento cruciale che portò la Silicon Valley ad assumere un ruolo decisivo nell ambito dell innovazione tecnologica non fu esclusivamente la costituzione di un impresa a carattere sicuramente innovativo quale la Fairchild Semiconductor Company, bensì la generazione, ad opera di quest ultima, di una serie di operazioni di spin-out 4 che portarono alla nascita di diverse realtà imprenditoriali di 2 Precedentemente, i semiconduttori venivano prodotti in Texas e nella California del Sud. 3 I tre furono insigniti del premio Nobel per la Fisica nel Con tale termine si è soliti indicare la costituzione di una nuova impresa ad opera di un gruppo di dirigenti/lavoratori di una data impresa, i quali abbandonando la loro azienda, danno vita ad una realtà imprenditoriale Pagina 20 di 122

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Il canale distributivo Prima e dopo Internet. Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Il canale distributivo Prima e dopo Internet Corso di Laurea in Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco La distribuzione commerciale Il canale distributivo è un gruppo di imprese

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015

19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 19/01/2015 La Repubblica - Affari Finanza - N.2-19 Gennaio 2015 Pag. 33 (diffusione:581000) La proprietà intellettuale è riconducibile alla fonte specificata in testa alla pagina. Il ritaglio stampa è

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Il CIO del futuro Report sulla ricerca

Il CIO del futuro Report sulla ricerca Il CIO del futuro Report sulla ricerca Diventare un promotore di cambiamento Condividi questo report Il CIO del futuro: Diventare un promotore di cambiamento Secondo un nuovo studio realizzato da Emerson

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo

Lo scopo dell IFAD. Dove lavoriamo 1. Come lavoriamo L IFAD in breve Lo scopo dell IFAD La finalità del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (IFAD) è mettere le popolazioni rurali povere in condizione di raggiungere una maggiore sicurezza alimentare,

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Profilo Commerciale Collabor@

Profilo Commerciale Collabor@ Profilo Commerciale Collabor@ 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E REQUISITI Collabor@ è un servizio di web conferenza basato sulla piattaforma Cisco WebEx, che consente di organizzare e svolgere riunioni web,

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset.

Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Diversificato, profittevole, senza rischi. Diamond investment asset. Indice Chi Siamo Azienda Conte Diamonds 2 Investire in Diamanti 3 Vantaggi dell investimento in Diamanti 5 Il Diamante. Un investimento

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2010 I RELATORI ALBERTO AGAZZI GENERALI IMMOBILIARE ITALIA Alberto Agazzi è nato a Milano il 18/06/1977 ed laureato in Ingegneria Edile presso il Politecnico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Scheda sintetica del progetto arvore da vida

Scheda sintetica del progetto arvore da vida Scheda sintetica del progetto arvore da vida Contesto AVSI collabora con FIAT Brasile dal 2004, con il progetto di responsabilità sociale Arvore da Vida, nelle aree prossime allo stabilimento di Belo Horizonte,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli