Sigla deliverable DG1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sigla deliverable DG1"

Transcript

1 Realizzazione Studi di Settore al fine di facilitare l'emersione di cluster di imprese operanti nel settore ICT Intervento SD07B) CLUOS Sigla deliverable DG1 Specificità della presenza di Grandi Imprese ICT in Campania e ruolo assunto nella formazione dei cluster Dipartimento di Ingegneria Data Pagina 1 di 122

2 Indice 1. Premessa Le agglomerazioni di imprese ed i cluster Hi-Tech Introduzione Definizione di cluster ai fini del report Agglomerazioni territoriali ed elementi costitutivi del Cluster I vantaggi di un cluster L evoluzione dei cluster Fattori di successo di un cluster e loro misura Descrizione dei cluster High-Tech Esempi di cluster di successo nelle ICT Introduzione Silicon Valley Il capitale umano e la nascita delle grandi imprese Il ruolo delle università Il ruolo della conoscenza Il ruolo dei Venture Capitalist Conclusioni Il cluster tecnologico di Cambridge Introduzione Le origini del distretto Il ruolo dell Università di Cambridge Il cluster di Cambridge La cultura manageriale ed il ruolo delle grandi imprese Conclusioni Silicon Wadi Introduzione Le origini del successo Lo sviluppo del cluster Conclusioni Il cluster Finlandia: il ruolo delle grandi imprese (NOKIA) I distretti tecnologici in Italia (Torino Wireless, Sardegna ICT) Il distretto tecnologico Torino Wireless in Piemonte Le attività del distretto ed il ruolo della fondazione Torino Wireless Il distretto Sardegna ICT Conclusioni Le grandi imprese ICT in Campania Introduzione Il caso STMicroelectronics L azienda L insediamento in Campania Attività, tecnologie, risorse e mercati di sbocco della sede campana Rapporti con le università ed altre istituzioni Conclusioni Il caso EDS L azienda L insediamento in Campania Attività, tecnologie, risorse e mercati di sbocco della sede campana Rapporti con le università ed altre istituzioni...83 Pagina 2 di 122

3 Conclusioni Il caso Seven One Solution L azienda L insediamento in Campania Attività, tecnologie, risorse e mercati di sbocco della sede campana Rapporti con le università ed altre istituzioni Conclusioni Il caso T-Systems Italia L azienda L insediamento in Campania Attività, tecnologie, risorse e mercati di sbocco della sede campana Rapporti con le università ed altre istituzioni Conclusioni Il caso TELECOM ITALIA L azienda L insediamento in Campania Attività, tecnologie, risorse e mercati di sbocco delle sede campana Rapporti con le università ed altre istituzioni Conclusioni Modelli di cluster nel settore ICT Distretti industriali e cluster Modelli di cluster Emersione e sviluppo del cluster L intervento pubblico e le politiche di sostegno al cluster Proposte per un cluster Hi-Tech in Campania Conclusioni Bibliografia Indice delle Figure Indice delle Tabelle Pagina 3 di 122

4 1. Premessa L oggetto di tale deliverable è quello di proporre dei modelli di cluster nel settore ICT per la regione Campania e lo studio del possibile ruolo che la grande impresa possa assumere affinché tale cluster si sviluppi. Tale deliverable rappresenta l ultimo anello di un percorso di analisi che ha avuto inizio nei deliverable DM2 e DM4. Questi ultimi costituiscono le premesse metodologiche sulla base delle quali sono state condotte le analisi contenute nel deliverable in esame. In particolare, il deliverable DM2 ha come oggetto la definizione del settore ICT per la regione Campania ed il deliverable DM4 quello di illustrare la metodologia adottata per individuare le grandi imprese ITC presenti nel settore. Tali imprese costituiscono l oggetto di analisi di questo deliverable. In particolare una volta individuate le grandi imprese ICT presenti in Campania, queste imprese hanno sono state oggetto di una ricerca empirica sulla base della quale si è cercato di analizzare quale potrebbe essere il ruolo che le stesse dovrebbero assumere al fine di facilitare l emersione di un cluster Hi-Tech nella regione Campania. Il contenuto di tale deliverable può essere così sintetizzato. Nel primo capitolo viene proposta una rassegna sulla letteratura sui cluster e sulle agglomerazioni di imprese ripercorrendo le varie definizioni che nel corso del tempo gli studiosi hanno attribuito a tale fenomeno. Successivamente (secondo capitolo) sono stati analizzati i principali cluster Hi-tech a livello internazionale ripercorrendo le ragioni storiche che hanno portato allo sviluppo del cluster nonché le caratteristiche insite in ciascuno di essi che li contraddistinguono l uno dagli altri. Nel terzo capitolo vengono illustrati i principali risultati che sono emersi dall indagine avente ad oggetto le grandi imprese ICT individuate attraverso la metodologia illustrata nel deliverable DM4. Pagina 4 di 122

5 In particolare sono stati redatti 5 case study aventi ad oggetto le realtà più significative per il contesto campano. In questi case study vengono non solo spiegate le ragioni storiche che hanno portato tali imprese ad insediarsi sul territorio campano ma anche le competenze ICT di cui dispongono, i rapporti che hanno con le università ed i centri di ricerca ed infine la loro disponibilità a collaborare congiuntamente con gli altri attori del sistema campano delle ICT. Nel quinto ed ultimo capitolo vengono illustrati alcuni suggerimenti metodologici che le autorità locali dovrebbero tenere conto nell ambito ai fini dell adozione di politiche regionali finalizzate a far sì che un aggregazione territoriale di imprese Hi-Tech possa manifestare appieno i vantaggi che essa comporta in termini di sviluppo dell economia locale. In particolare viene analizzato il ruolo che la grande impresa ICT potrebbe assolvere in tale processo di aggregazione e le linee di policy che le istituzioni locali dovrebbero intraprendere per assicurare che ciò avvenga nel pieno raggiungimento degli obiettivi comuni a tutti gli attori del cluster. Pagina 5 di 122

6 2. Le agglomerazioni di imprese ed i cluster Hi-Tech 2.1. Introduzione In questa sezione verranno, in un primo momento, passate in rassegna le principali definizioni di cluster che nel corso degli anni sono state adottate da economisti ed esperti di settore. Successivamente verranno analizzate da un punto di vista teorico le principali caratteristiche tipiche di un cluster industriale, la sua evoluzione ed i vantaggi che queste aggregazioni di imprese apportano all economia locale e non Definizione di cluster ai fini del report I primi studi sui cluster industriali risalgono al contributo di Marshall (1920) sulle economie di localizzazione. Da allora molti economisti industriali, come Porter, Sabel e Krugman, si sono interessati al fenomeno, considerato uno dei fattori chiave per la crescita economica e la competitività. In merito ai fattori che contribuiscono alla nascita dei cluster industriali, Rosenfeld (1997) enfatizza l importanza dell infrastruttura sociale, dei flussi di informazione e della collaborazione tra le imprese, e definisce un cluster come una concentrazione geograficamente delimitata di attività collegate o complementari, comprendente canali attivi per le transazioni economiche e la comunicazione tra le imprese, che condividono infrastrutture specializzate, mercati e servizi, e si ritrovano ad affrontare le stesse minacce ed opportunità. Una definizione che va più in profondità è quella fornita da Jacobs e De Long (1996), in quanto prende in considerazione oltre al raggruppamento spaziale e geografico delle attività economiche, anche le relazioni orizzontali e verticali tra diversi settori industriali, la presenza di un attore che abbia un ruolo centrale nello sviluppo del Pagina 6 di 122

7 cluster, la cooperazione tra le imprese ed il ruolo dell interazione sociale. Anche Porter e Schwab (2002) sottolineano l importanza delle relazioni sia verticali (con clienti e fornitori) sia orizzontali (con altre imprese del cluster), definendo questa tipologia di agglomerazione industriale come una concentrazione geografica di imprese interconnesse, fornitori specializzati, fornitori di servizi, imprese appartenenti a settori industriali tra loro collegati ed istituzioni associate, che competono ma al tempo stesso cooperano. Ai fini del report risulta interessante analizzare le agglomerazioni regionali di imprese. Secondo Porter (1990), un cluster regionale è la concentrazione di imprese indipendenti in una piccola area geografica in una particolare regione. In riferimento ai fattori che sono alla base della nascita e dello sviluppo dei cluster industriali, in particolare di quelli regionali, molti economisti ritengono che essi siano legati a particolari condizioni locali, come ad esempio le caratteristiche della domanda locale (Enright, 1993); altri riconoscono l importanza delle economie esterne, della divisione locale del lavoro, dell influenza delle strutture sociali sul clima competitivo locale (Piore e Sabel, 1984). Ad ogni modo, è opinione comune che non esiste una legge generale sulle modalità di sviluppo dei cluster. Tra i fattori più comunemente riconosciuti è possibile indicare i seguenti: - Presenza di un impresa leader intorno alla quale crescono altre imprese. L esempio tipico è fornito dalla Silicon Valley (Porter, 1998); - Investimenti in ricerca e sviluppo. La presenza di laboratori di ricerca è responsabile della nascita di cluster ad alta intensità di conoscenza (Porter, 1998); - Domanda locale e tipologia del mercato sono ritenuti responsabili della nascita di cluster che ottengono solo in seguito un elevato livello di competitività internazionale. Pagina 7 di 122

8 Una interessante classificazione delle tipologie di cluster è quella che si basa sullo stadio di sviluppo del cluster (Enright, 2001); a tale proposito si distinguono: - I cluster potenziali, caratterizzati dall esistenza di opportunità ed elementi chiave per lo sviluppo che non sono ancora sfruttati completamente; - I cluster latenti, costituiti da un elevato numero di imprese che però hanno un basso livello di interazione dovuto alla mancanza di fiducia, ad una bassa cooperazione e ad elevati costi di transazione; - I working cluster, che rappresentano agglomerazioni completamente sviluppate che operano in maniera interdipendente. Sulla base delle definizioni e delle classificazioni presenti in letteratura, l analisi delle caratteristiche delle Grandi Imprese ICT campane è volta dunque ad individuare l esistenza di fattori che possano favorire la nascita e lo sviluppo di cluster a livello regionale. A tale scopo nel seguito si illustrano le principali caratteristiche e quelli che sono ritenuti i più importanti fattori per il successo di un cluster Agglomerazioni territoriali ed elementi costitutivi del Cluster In termini di relazioni interorganizzative, è possibile distinguere diverse tipologie di agglomerazioni regionali di imprese: 1. le classiche aree metropolitane (come ad esempio Parigi o Londra) con un alto livello di attività economica in generale; 2. i sistemi di produzione regionali, costituiti nella maggior parte dei casi da industrie affini o comunque basate su tecnologie simili, che hanno come obiettivo principale la massimizzazione dell efficienza, essendo caratterizzati da piccole dimensioni e basse quote di mercato; 3. le regioni imprenditoriali, con un elevata concentrazione di Pagina 8 di 122

9 nuove imprese; si tratta di regioni economicamente floride che non necessariamente formano un cluster; 4. i cluster, caratterizzati da imprese agglomerate sulla base dell utilizzo di tecnologie simili. In molti casi si tratta di imprese che lottano per realizzare prodotti knowledge-based, il cui obiettivo principale non è una produzione standardizzata (di massa), né il raggiungimento di efficienza ed efficacia nei costi, bensì innovazione e crescita. In generale si possono individuare i seguenti elementi costitutivi di un cluster: 1. le istituzioni; 2. l infrastruttura e il contesto socio-economico della regione; 3. l attrattività del cluster. Le principali istituzioni di un cluster si individuano nelle seguenti: imprese collegate o di supporto. L esistenza di piccole imprese in fase di crescita comporta dinamiche locali all interno del cluster; imprese emergenti, per esempio sulla base di nuove tecnologie, necessitano di collaborare con altri attori del cluster. In tal modo si crea un elevato livello di attività. Nello stesso tempo aziende multinazionali che competono a livello mondiale introducono nuove risorse di capitale ed informazioni riguardo agli sviluppi di nuovi prodotti all interno del cluster; comunità di ricerca. Molti cluster sono nati nei pressi di università ed istituti di ricerca; spesso, infatti, istituti di ricerca privati collaborano con università pubbliche e/o altre imprese. Un altro gruppo di comunità di ricerca è costituito dai dipartimenti industriali di ricerca e sviluppo; istituzioni finanziarie. I cluster costituiscono l ambiente ideale per la crescita degli affari. Molti investitori istituzionali trovano in essi potenziali opportunità di investimento; Pagina 9 di 122

10 governo. Le agenzie governative facilitano i rapporti tra le imprese del cluster e gli attori politici ed amministrativi. Le istituzioni locali spesso supportano le pubbliche relazioni del cluster a livello internazionale e/o forniscono specifica assistenza alle imprese emergenti; imprese di servizi. Forniscono servizi di supporto alle imprese appartenenti al cluster, quali ad esempio servizi di segreteria, finanziari, di stampa. Inoltre facilitano i rapporti con gli stakeholder esterni. Il secondo elemento costitutivo di un cluster è rappresentato dall infrastruttura della regione. Questa include l accessibilità fisica al cluster (strade, aeroporti, stazioni ferroviarie) e l infrastruttura tecnica (disponibilità di reti a banda larga, ad esempio). Un altro fattore importante è il contesto socio-economico. In molti casi questo dipende anche dal sistema legislativo (sistema di tassazione, disponibilità di capitali, possibilità di investimenti). Il terzo elemento costitutivo riguarda la capacità del cluster di attrarre personale qualificato. Questa dipende da diversi fattori, quali la presenza di scuole per un educazione di elevata qualità, di club ed istituzioni culturali per attività del tempo libero, la possibilità di impiego per gli altri membri della famiglia. Il numero e la qualità degli impiegati con diverse esperienze è molto importante per le dinamiche di un cluster; inoltre queste caratteristiche attraggono personale altamente qualificato a livello internazionale I vantaggi di un cluster Secondo il rapporto Structure of the Software, Systems, and IT Services Industries in the European Union (2006), realizzato da CapGemini, per le imprese che operano all interno di un cluster regionale si possono individuare alcuni fondamentali vantaggi: Pagina 10 di 122

11 la prossimità delle imprese comporta l affluenza di personale specializzato da altre regioni e settori; di conseguenza le imprese appartenenti ad un cluster possono accedere più facilmente al mercato dei lavoratori e dei fornitori; la collaborazione di imprese vicine comporta l utilizzo comune di servizi e/o la realizzazione di progetti e processi congiunti, come ad esempio l approvvigionamento collaborativo; all interno dei cluster la disponibilità di informazioni (formali ed informali) e di tecnologie (infrastrutture a banda larga, servizi IT) è generalmente elevata. Tutto questo comporta un incremento della produttività delle imprese e delle possibilità di esplorazione di nuove aree di business. Inoltre gli incontri e gli scambi di informazioni per la creazione di nuove alleanze sono semplificati in quanto non necessitano di grandi spostamenti. Grazie alla concentrazione locale di imprese, le informazioni riguardo alla crescita delle imprese, alla creazione di alleanze ed allo sviluppo del mercato, sono facilmente reperibili; inoltre le barriere di ingresso ai mercati sono più basse. In definitiva, il principale vantaggio di un cluster può essere considerato l accresciuto livello di innovazione. In effetti, le imprese di un cluster: hanno una migliore visione del mercato rispetto ai propri concorrenti che sono regionalmente isolati; il continuo dialogo con i partner, i fornitori ed i clienti permette di avere una comprensione più profonda; utilizzano collegamenti sia formali che informali per acquisire conoscenza sulle nuove tecnologie; possono mettere in comune le risorse utili per la ricerca e sviluppo. Sebbene i cluster si concentrino in piccole aree geografiche, i cluster Pagina 11 di 122

12 di successo innovano e competono a livello mondiale. Per questo motivo, quando si parla di competitività mondiale, essi costituiscono un importante fattore da tenere in considerazione L evoluzione dei cluster Lo sviluppo nel tempo e le dinamiche sia interne che esterne di un cluster costituiscono da sempre una questione aperta. In generale i cluster necessitano di dieci o più anni per svilupparsi e guadagnare un vantaggio competitivo a livello mondiale (Rapporto CapGemini, 2006). Nascono inizialmente come piccoli nuclei di imprese che a volte si trovano per caso localmente vicine; naturalmente, devono esistere fattori di supporto alla nascita del cluster, come l ambiente naturale e l infrastruttura. Il grado di interazione tra gli attori del cluster è molto basso all inizio; elementi di sviluppo, quali la disponibilità di capitali di rischio, lo sviluppo di prodotti innovativi, o la fertile collaborazione tra le imprese, innesca importanti dinamiche che possono portare all acquisizione di vantaggio competitivo. Se il grado di interazione raggiunge livelli elevati, la collaborazione tra le imprese ed altre istituzioni diventa più organizzata, l interazione diventa più pianificata e formale. In tal modo il processo si intensifica: successi commerciali stimolano altri successi commerciali, i prodotti innovativi di un impresa spronano servizi innovativi di altre imprese, nuovo personale specializzato è attratto verso quei cluster che sono portatori di nuovi metodi ed idee. Questi processi cumulativi si sviluppano a diversi livelli: contatti individuali; collaborazione istituzionale tra imprese, istituti di ricerca, etc.; dialogo pubblico: l evoluzione dei cluster diventa argomento di eventi pubblici, articoli di stampa etc. Pagina 12 di 122

13 Con il passare degli anni, la cooperazione tra le imprese del cluster migliora l efficienza economica di tutti i partner. Inoltre l investimento di grandi imprese multinazionali nei cluster aumenta l affluenza di impiegati provenienti da altre nazioni e favorisce il dialogo internazionale Fattori di successo di un cluster e loro misura Per capire se, a partire dalle singole imprese localizzate in una determinata regione, è possibile far emergere un cluster, e quindi un agglomerazione di imprese le cui performance risultino maggiori della somma delle prestazioni delle singole parti, è necessario individuare quali sono quei fattori, se esistono, che contribuiscono al successo del cluster. Come evidenziato nel già citato rapporto CapGemini (2006), si possono individuare tre fattori di successo fondamentali per un cluster regionale. 1. I cluster di successo sono sempre reti socio-economiche. Questo indica che i cluster sono reti caratterizzate da parametri, come il governo d impresa, basati sulle relazioni sociali, sulla fiducia, sulla condivisione delle risorse. Le relazioni sociali sono la base per un flusso di informazioni ottimale. In altre parole, il concetto di cluster si poggia su una più ampia e più dinamica nozione di competizione tra imprese. I collegamenti all interno di un cluster influenzano la crescita e l innovazione molto più delle singole imprese. La teoria dei cluster si concentra sull eliminazione delle restrizioni alla produttività, sulla collaborazione tra le imprese e sull innovazione. Inoltre essa enfatizza i miglioramenti dinamici piuttosto che la condivisione del mercato (Porter 2002; Swann 2004). 2. I cluster di successo sono sempre specializzati. La specializzazione può avvenire per specifici settori, tecnologie o Pagina 13 di 122

14 attività. È un requisito fondamentale in quanto l innovazione è il risultato dello scambio di informazioni e della collaborazione, che entrambi hanno senso all interno di una specifica area di conoscenza. 3. La vicinanza è molto importante per il successo di un cluster, non solo in termini di prossimità spaziale tra le imprese, ma anche intermini di intensità dei rapporti con i clienti, in modo da fornire prodotti e servizi conformi alle esigenze. Nella figura seguente sono mostrati alcuni fattori chiave per il successo di un cluster. I più importanti risultano essere la rete di alleanze, la tecnologia innovativa e la disponibilità di capitale umano. Figura 1 Fattori critici di successo per un cluster individuati in letteratura (in percentuale degli articoli che menzionano tali fattori come di successo) Rete di alleanze Tecnologia innovativa Capitale umano Infrastruttura fisica Presenza di grandi imprese Imprenditorialità Accesso ai finanziamenti Servizi specializzati Accesso ai mercati Accesso ai servizi di Concorrenza Accesso alle informazioni Reti di comunicazione Leadership Disponibilità ICT Impatti economici esterni Fonte: Elaborazione CLUOS da CapGemini (2006) Nel corso dei diversi stadi di evoluzione di un cluster, i fattori critici di successo assumono diversa importanza. Di conseguenza, il successo di un cluster non dovrebbe essere misurato con lo stesso indicatore nel tempo, ma deve essere adattato alla fase di evoluzione. Se il nucleo di un cluster è ad esempio il dipartimento di Ricerca e Sviluppo di una rinomata università, un possibile indicatore è dato dallo sviluppo del cluster intorno ad una nuova tecnologia. Un campione di possibili fattori di successo può fornire indicazioni Pagina 14 di 122

15 riguardo alla forza del cluster. Di seguito vengono indicati in ordine di importanza tali fattori: prossimità (indice di concentrazione); frequenza dei contatti fisici (face-to-face); accesso alle informazioni (affidabili, corrette, tempestive); senso di collettività; miglioramenti qualitativi e quantitativi della produttività; innovazioni qualitative e quantitative; frequenza di nuovi prodotti e servizi delle imprese; mobilità del personale (all interno del cluster); collaborazione esplicita; Libero flusso delle informazioni. Di seguito sono inoltre elencati alcuni indicatori di performance dei cluster (CapGemini, 2006): numero di imprese emergenti (derivate, esterne); creazione di lavoro (all interno/all esterno del cluster); crescita annuale (interna, esterna); importanza nell economia nazionale (dimensione); esportazione (nazionale, internazionale, mondiale); investimenti delle imprese locali in imprese esterne; presenza di imprese estere (Joint Ventures, etc.); brevetti; bresenza di un marchio proprio; sviluppo di nuovi prodotti e/o processi (assenza di concorrenti/imitatori); concorrenza basata sulla differenziazione. Pagina 15 di 122

16 2.7. Descrizione dei cluster High- Tech Quando si parla di cluster High-Tech si fa riferimento alle agglomerazioni spaziali di attività ad alto contenuto tecnologico, che si distinguono da quelle specializzate nella produzione di beni tradizionali con tecnologie standardizzate. Un esempio di cluster High-Tech è costituito da imprese di software, sistemi e servizi IT. In generale, esistono pochi esempi di cluster costituiti da imprese che si occupano solo di software. Nella maggior parte dei casi tali imprese fanno parte di un più ampio cluster ICT. Per capire le relazioni tra le imprese che appartengono ad un cluster High-Tech, consideriamo la catena del valore dello sviluppo di un software (Figura 2). Figura 2: Catena del valore di un cluster high-tech Fonte: elaborazione CLUOS da CapGemini (2006) I confini del cluster (1) comprendono imprese provenienti da diversi settori High-Tech; in questo caso è possibile parlare di cluster multisettoriale. Le imprese di software (2) spesso sono racchiuse in un più ampio Cluster High-Tech regionale, mentre le imprese di servizi IT (3) sono generalmente imprese di supporto, ossia non costituiscono un Pagina 16 di 122

17 cluster autonomo. Ulteriori imprese di supporto (4) operano a monte del cluster per facilitare lo sviluppo del software, mentre a valle troviamo imprese clienti/utilizzatrici (5). Ulteriori imprese (equivalenti) (6) si collocano all interno della catena del valore e dell infrastruttura di supporto. Secondo il rapporto CapGemini (2006), esiste una scarsa evidenza statistica riguardo alla percentuale della creazione di valore derivante dalla produzione di tecnologie informatiche o specificamente di software all interno del cluster. Il motivo principale è che le tecnologie informatiche si prestano ad un utilizzo generalizzato. Infatti sono tecnologie abilitanti che vengono applicate in tutti i settori dell economia. Inoltre le imprese solitamente non raccolgono né pubblicano dati sul valore creato dalla produzione di software, per cui se tali dati sono disponibili, generalmente si basano su stime. Pagina 17 di 122

18 3. Esempi di cluster di successo nelle ICT 3.1. Introduzione In questa sezione descriveremo gli elementi essenziali dei principali cluster industriali nel panorama internazionale sottolineando le determinati del loro successo. In particolare, coerentemente con gli obiettivi del deliverable, analizzeremo il ruolo che le grandi imprese hanno avuto nel processo di formazione e di sviluppo del cluster Silicon Valley Il capitale umano e la nascita delle grandi imprese L area geografica che va sotto il nome di Silicon Valley 1 rappresenta senza ombra di dubbio l esempio di maggiore successo di cluster industriale ad alta tecnologia. Con tale nome si fa riferimento ad una vasta zona geografica (circa 1300 chilometri quadrati) situata nella Contea di Santa Clara, circa 70 km a sud di San Francisco e a 670 km a nord di Los Angeles. La popolazione della Silicon Valley è cresciuta del 450% passando pressappoco da 500 mila abitanti nel 1960 a circa 2,8 milioni di abitanti nel Sempre nel 2005 il 60% della popolazione attiva lavora nella Silicon Valley ed il reddito pro-capite, il più alto tra le città degli Stati Uniti d America, ammontava a circa dollari. Le origini del successo di quest area geografica, in quanto promotrice di uno sviluppo tecnologico senza precedenti, risalgono ai primi anni trenta quando Frederick Terman, professore di ingegneria presso l Università di Stanford diede vita, contribuendo personalmente, alle prime grandi imprese Hi-Tech dell area. Il ruolo assunto da Terman fu quello di coinvolgere i suoi migliori 1 Il nome Silicon Valley fu utilizzato per la prima volta nel 1971 dal giornalista Don C. Hoefler, per indicare la fortissima concentrazione di imprese legate alla produzione di semiconduttori basati sul silicio. Pagina 18 di 122

19 studenti nello sviluppo di progetti ad alto contenuto tecnologico che traevano origine dagli ambienti di ricerca accademici. Tutto ciò avveniva attraverso la creazione di apposite imprese, il cui successo manifestato nel tempo fu da attribuirsi proprio agli stretti legami che le stesse conservarono con gli ambienti universitari di Stanford. Imprese quali: la Litton Industries (1932), la Hewlett-Packard (1937) e la Varian Associates (1948) sono state le prime forme di attività imprenditoriali di successo che hanno contribuito, almeno inizialmente, allo sviluppo e alla crescita economica della Silicon Valley, dando luogo ad una trasformazione radicale di un area contrassegnata prevalentemente da attività a carattere agricolo. Oggi la Silicon Valley è una delle aree geografiche del mondo a più alta concentrazione di imprese Hi-Tech. Tuttavia, la spinta decisiva verso una crescita sempre più vertiginosa avvenne nel corso della seconda guerra mondiale a causa della crescente domanda di equipaggiamenti elettronici richiesti dalle autorità governative per fini militari. Durante quel periodo e per gli anni che seguirono incominciò a diffondersi tra gli imprenditori, autorità governative ed istituti di ricerca un nuovo modo di condivisione e trasmissione delle informazioni basato su relazioni di tipo informali grazie alle quali fu possibile accrescere notevolmente il tasso di innovazione tecnologica i cui vantaggi economici, che da esso scaturivano, potevano essere condivisi da tutti gli attori coinvolti. Durante gli anni 50 e 60 si assistette, inoltre, ad una dislocazione verso la Silicon Valley di quei centri di ricerca facenti capo a quelle imprese che avevano localizzato le loro attività sulla costa orientale quali la Ibm, la Westinghouse, la Philco-Ford e la Sylvania. In questo periodo, infatti, ebbe inizio quella spinta all aggregazione tipica dei cluster tecnologici che si concretizzò attraverso una concentrazione di imprese Hi-Tech sia di nuova costituzione, sia precedentemente costituite in zone geografiche diverse dalla Silicon Valley. In quello stesso periodo il silicio fece il suo primo ingresso nella valle Pagina 19 di 122

20 di Santa Clara grazie a William Shockley 2, il quale insieme a Bardeen e Brittain 3 dopo aver sviluppato inizialmente i primi semiconduttori presso i Laboratori Bells di At&T sulla costa orientale, decise di spostarsi nella Contea di Santa Clara dando vita alla Shockley Semiconductor Laboratory con l intento di produrre e commercializzare semiconduttori. Un anno dopo la nascita di tale impresa (1957), otto dei migliori collaboratori di Shockley lasciarono la Shockley Semiconductor Laboratory per costituire una nuova impresa con l intento di sviluppare un progetto legato allo sviluppo di transistor a doppia diffusione di silicio al quale Shockley non aveva mostrato molto entusiasmo. Grazie all aiuto di una banca di investimenti di New York e a Sherman Fairchild, un ingegnere proprietario della Fairchild Camera and Instruments Corporation, il quale mostrò uno spiccato interesse per l idea portata avanti dagli otto ex-collaboratori di Shockley, questi diedero vita alla Fairchild Semiconductor Company, la quale acquisì, grazie soprattutto alla spinta in termini di domanda da parte dell aviazione americana, una posizione di leadership nella produzione di una tipologia di transistor molto più efficiente di quella già esistente. Tuttavia, l elemento cruciale che portò la Silicon Valley ad assumere un ruolo decisivo nell ambito dell innovazione tecnologica non fu esclusivamente la costituzione di un impresa a carattere sicuramente innovativo quale la Fairchild Semiconductor Company, bensì la generazione, ad opera di quest ultima, di una serie di operazioni di spin-out 4 che portarono alla nascita di diverse realtà imprenditoriali di 2 Precedentemente, i semiconduttori venivano prodotti in Texas e nella California del Sud. 3 I tre furono insigniti del premio Nobel per la Fisica nel Con tale termine si è soliti indicare la costituzione di una nuova impresa ad opera di un gruppo di dirigenti/lavoratori di una data impresa, i quali abbandonando la loro azienda, danno vita ad una realtà imprenditoriale Pagina 20 di 122

Gli assetti a popolazione

Gli assetti a popolazione Gli assetti a popolazione Lo strategic network (mercato auto) L industrial network (filiera, distretto) I business network (eterarchia-relazione) Il policy network (politica pubblica) Le filiere IL SETTORE

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA

INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA INCUBATORE FIRENZE DALL IDEA ALL IMPRESA 5 ANNI DI ESPERIENZA L esperienza di Incubatore Firenze, che dal 2004 ha aiutato la nascita e lo sviluppo di start-up di successo in settori tecnologicamente avanzati,

Dettagli

Gli incubatori d impresa A sostegno dell iniziativa imprenditoriale

Gli incubatori d impresa A sostegno dell iniziativa imprenditoriale Gli incubatori d impresa A sostegno dell iniziativa imprenditoriale di Alberto Bandinelli Le origini e gli sviluppi degli incubatori d impresa Gli incubatori d impresa risalgono alla fine degli anni Cinquanta,

Dettagli

Silicon Valley. Informatica giuridica (corso propedeutico) 1

Silicon Valley. Informatica giuridica (corso propedeutico) 1 Silicon Valley 1 Il suo nome dipende dal fatto che qui si ha la massima concentrazione di silicio al mondo. Con il silicio sono realizzate i chip dei miliardi di calcolatori in funzione nella valle. Il

Dettagli

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Oltre il 12% delle aziende italiane usa soluzioni Open Source.(Istat 2007). Sarebbero molte di più se ci fosse una sufficiente diffusione della conoscenza

Dettagli

FRANCO GAROFALO DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II INCIPIT SCARL

FRANCO GAROFALO DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II INCIPIT SCARL FRANCO GAROFALO DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E SISTEMISTICA UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II INCIPIT SCARL La Compagine di INCIPIT Una favola moderna Nella metà degli anni novanta due studenti dell Università

Dettagli

Deliverable DCL4 - (al 31.03.10 ) Sperimentazione di un pacchetto di Servizi per l emersione di uno o più Cluster potenziali

Deliverable DCL4 - (al 31.03.10 ) Sperimentazione di un pacchetto di Servizi per l emersione di uno o più Cluster potenziali Realizzazione Studi di Settore al fine di facilitare l'emersione di cluster di imprese operanti nel settore ICT Intervento SD07B) CLUOS Deliverable DCL4 - (al 31.03.10 ) Sperimentazione di un pacchetto

Dettagli

I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT)

I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT) Capitolo IV I DISTRETTI TECNOLOGICI (DT) Parole Chiave Industria Science-based Sistema Nazionale di Innovazione Tripla Elica Conoscenza Tecnologica Incubatore di Imprese Silicon Valley 71 Il modello dei

Dettagli

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto

MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto MONITORING PMI capacità di innovazione e dinamiche di sviluppo, bisogni e aspettative delle PMI del Distretto Marco Cantamessa Emilio Paolucci Politecnico di Torino e Istituto Superiore Mario Boella Torino,

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE

TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà Economia Corso di Strategia di Impresa A/A 2008-2009 TECNOLOGIA E GESTIONE DELL INNOVAZIONE -Robert M. Grant- Peitas Patrizia INDICE 1. Il vantaggio competitivo

Dettagli

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese

Capitolo 9. di internazionalizzazione delle PMI. Alessandro Baroncelli, Luigi Serio - Economia e gestione delle imprese Capitolo 9 Reti d impresa d e processi di internazionalizzazione delle PMI Indice Le principali teorie e modelli di internazionalizzazione Le esperienze di internazionalizzazione delle pmi italiane La

Dettagli

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni

CONCLUSIONI. Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera. it Consult 2005. Conclusioni CONCLUSIONI Nel presente lavoro si è concentrata l attenzione sul knowledge broker che opera all interno di un network. Si è svolta un attenta analisi della letteratura sui network, sulle conoscenze, sulla

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL TERMINE STARTUP SULLA STAMPA

L EVOLUZIONE DEL TERMINE STARTUP SULLA STAMPA L EVOLUZIONE DEL TERMINE STARTUP SULLA STAMPA Expert System, in occasione dell annuncio della partnership con Digital Magics all evento Disruption Day: Startup e Tecnologia Semantica, ha svolto una ricerca

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

Obiettivi della lezione. Open Innovation

Obiettivi della lezione. Open Innovation Open Innovation Obiettivi della lezione I modelli di innovazione tradizionale (closed innovation) e le ragioni del loro declino Definire il concetto di open innovation: reti di imprese e mercati della

Dettagli

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI

PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium. TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI PMI : Conferenza Bologna 2000 Business Symposium TAVOLA ROTONDA 2 : Partenariati locale, Distretti industriali e Globalizzazione delle PMI TEMI DI DISCUSSIONE Questa nota è destinata a fornire una base

Dettagli

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital

Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Il ciclo di vita della startup e gli attori della filiera del venture capital Quando ricorrere al capitale di rischio Sostegno alla crescita Ricambio generazionale Internazionalizzazione Riorganizzazione

Dettagli

1.3. La nuova geografia economica mondiale

1.3. La nuova geografia economica mondiale 28 A cavallo della tigre 1.3. La nuova geografia economica mondiale Internet, elettronica, auto: da Occidente a Oriente Negli ultimi tre-cinque anni si sono verificati mutamenti molto profondi nell importanza

Dettagli

Incubatori Tecnologici

Incubatori Tecnologici Incubatori Tecnologici Dal Laboratorio al Mercato Vittorio Palmieri 1 Cos è? L incubazione di impresa è un processo dinamico di sviluppo aziendale. Gli incubatori nutrono le giovani imprese, aiutandole

Dettagli

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele

CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia. A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco Monaldi Daniele CORSO DI STRATEGIA D IMPRESA A.A. 2011/2012 Prof. Tonino Pencarelli Dott. Fabio Bartolazzi CAPITOLO 10 - Creare un organizzazione capace di attuare la strategia A cura di: Cimino Michele Di Majo Marco

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE

Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Capitolo 5 RELAZIONI INTERORGANIZZATIVE Il successo delle aziende, oggi, dipende dalla collaborazione e dalle partnership con altre organizzazioni. Emergono sempre di più le reti di organizzazioni. Oggi

Dettagli

I RISULTATI DELLE RICERCHE BOCCONI E XING PER ASSOLOMBARDA

I RISULTATI DELLE RICERCHE BOCCONI E XING PER ASSOLOMBARDA I RISULTATI DELLE RICERCHE BOCCONI E XING PER ASSOLOMBARDA Introduzione Milano capitale del lavoro, dell economia e della tecnologia innovativa è una metropoli che sa attrarre e integrare intelligenze,

Dettagli

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT 1. QUADRO CONOSCITIVO 1.1 Soggetto attuatore dell intervento: Novamont S.p.A.

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese

Economia e Gestione delle Imprese Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea in Economia Prof. Marco Galdenzi Anno accademico 2013/14 LA STRATEGIA La strategia è un sistema di comportamenti pianificati

Dettagli

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM

A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM A cura di Manuela De Carlo e Silvia Canali Università IULM L obiettivo dell overview è quello di fornire agli operatori un quadro d insieme sui principali cambiamenti avvenuti nel settore dei viaggi d

Dettagli

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract

FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI. Abstract www.qualitapa.gov.it FOCUS SUI CITTADINI: UNA PARTECIPAZIONE AMPIA PER POLITICHE E SERVIZI MIGLIORI Abstract L importanza di un processo di policy making trasparente e inclusivo è largamente condivisa

Dettagli

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output

Costo fisso Costo variabile Costo totale Costo medio = CT / Q Costo marginale: costo di una unità addizionale di output Vantaggio di costo Un'impresa ha un vantaggio di costo se i suoi costi cumulati per realizzare tutte le attività generatrici di valore sono più bassi di quelli dei suoi concorrenti" Porter Costo fisso

Dettagli

Aggregazioni aziendali: possibili tipologie. Antonella Paolini 11 aprile 2012

Aggregazioni aziendali: possibili tipologie. Antonella Paolini 11 aprile 2012 Aggregazioni aziendali: possibili tipologie Antonella Paolini 11 aprile 2012 1. Aspetti definitori I n d i 2. Le ragioni, le modalità, i vantaggi e gli svantaggi delle aggregazioni tra aziende 3. Una classificazione

Dettagli

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione

CAP 2 Le fonti dell innovazione. Gestione dell innovazione CAP 2 Le fonti dell innovazione Gestione dell innovazione 1 La creatività L innovazione può scaturire da molte fonti diverse: Mente degli individui Ricerca universitaria, EPR, incubatori di imprese, fondazioni

Dettagli

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1

Milano Sharing City. SETTORE INNOVAZIONE ECONOMICA, SMART CITY E UNIVERSITA Pag. 1 Milano Sharing City Le sfide globali contemporanee possono, se ben gestite, determinare lo sviluppo di importanti processi di innovazione in grado di portare benessere e crescita economica diffusa. In

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

Aziende agricole a conduzione familiare produttrici di mele nell Alto Adige: un caso di studio sull innovazione nell agricoltura

Aziende agricole a conduzione familiare produttrici di mele nell Alto Adige: un caso di studio sull innovazione nell agricoltura INTERPOMA 2014 Fiera internazionale per la coltivazione, conservazione e commercializzazione della mela Bolzano, 20 22 novembre 2014 Aziende agricole a conduzione familiare produttrici di mele nell Alto

Dettagli

NGN CATANIA. Catania, Conferenza Stampa Venerdì 29 ottobre 2010. Dr. Franco Bernabè

NGN CATANIA. Catania, Conferenza Stampa Venerdì 29 ottobre 2010. Dr. Franco Bernabè Catania, Conferenza Stampa Venerdì 29 ottobre 2010 Dr. Franco Bernabè 1. Oggetto dell Incontro Vi ringrazio per aver accettato il nostro invito. Lo scopo dell evento di oggi è quello di annunciare l avvio

Dettagli

Innovazione e territorio: i distretti tecnologici

Innovazione e territorio: i distretti tecnologici Innovazione e territorio: i distretti tecnologici Obiettivi della lezione I distretti tecnologici: definizione e inquadramento normativo Distretti tecnologici e distretti industriali: la dimensione territoriale

Dettagli

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO

12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12. STRUMENTI DI GESTIONE PER LA VALORIZZAZIONE ECONOMICA DELLE RISORSE CULTURALI DEL VAL DI NOTO 12.1 Strategia integrata e strumenti di coordinamento Nel capitolo precedente abbiamo illustrato alcuni

Dettagli

Azienda: Mission e Vision

Azienda: Mission e Vision Azienda: Mission e Vision Apple è l azienda che negli anni Settanta ha rivoluzionato il mercato informatico e che ha reinventato il personal computer con il suo Macintosh, introducendo l interfaccia grafica

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise

WP2/D.5. Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE. DOCENT Doctors in Enterprise 1 WP2/D.5 Modello di servizio di consulenza alla carriera del Progetto Docent D. 5 DOC SERVICE 2 UN MODELLO PER L EROGAZIONE DI SERVIZI DI CONSULENZA ALLA CARRIERA RISPONDENTE ALLE ESIGENZE DI DOTTORANDI

Dettagli

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013

Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Gli interventi di Regione Lombardia per le reti di impresa: Bando Ergon e Bando Reti POR FESR 2007-2013 Armando De Crinito Direttore Generale Vicario DG Attività produttive, Ricerca e Innovazione Regione

Dettagli

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica

Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo. Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Eraldo Sanna Passino Delegato per il personale Guido Croci Direttore amministrativo Organizzazione dei servizi di supporto alla didattica Premessa: il contesto di riferimento Il decreto ministeriale 270/2004

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS

INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS INNOVAZIONE E MANAGEMENT PER STARTUP INNOVATIVE CIMS Corsi di Alta Formazione - Innovazione, Finanza e Management per le PMI Premessa Le startup, in special modo quelle caratterizzate da processi, servizi

Dettagli

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2

Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per la fase 2 del Progetto ILO2 FESR - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE Creare impresa e diffondere tecnologia a partire dalla ricerca Programma Operativo per

Dettagli

Innovazione e imprese

Innovazione e imprese Innovazione e imprese Prof. Sandro Trento Facoltà di Economia, Università di Trento Roma, 15 settembre, Innovazione Italia Innovazione Innovazione è sinonimo di nuovo? La novità deve raggiungere il mercato

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI

GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI GESTIONE AZIENDALE/GESTIONE DELL INNOVAZIONE E DEI PROGETTI a.a. 2009-10 Prof. Corrado lo Storto DIEG, Dipartimento di Ingegneria Economico-gestionale Facoltà di Ingegneria, Università di Napoli Federico

Dettagli

Talent Management Survey. Risultati

Talent Management Survey. Risultati Risultati Luglio 2012 Nell attuale scenario, per HR si pone la sfida di garantire un collegamento costante tra le strategie di business e le iniziative di gestione del Talento. I cambiamenti legati a globalizzazione

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE

Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE Feedback report ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO AGRARIO E PROFESSIONALE FIRENZE 4 GIUGNO 2014 Feedback report Nome dell organizzazione: Indirizzo: Referente: ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

Dettagli

1.Che cos è e come si articola un Business Plan

1.Che cos è e come si articola un Business Plan CODINEXT 1 1.Che cos è e come si articola un Business Plan Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto

Dettagli

E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI

E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI PRODUZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE NEL SETTORE DEI DISPOSITIVI MEDICI I N I T A L I A R A P P O R T O 2 0 1 3 SOMMARIO 9 PREFAZIONE 11 SINTESI DEL RAPPORTO 17 PARTE 1: IL SETTORE 18 1.1 Le imprese del settore

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MOSCA, LORENZIN. Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3752 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOSCA, LORENZIN Istituzione del Fondo dei fondi presso la Cassa depositi e prestiti Spa Presentata

Dettagli

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE

UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE UFFICO DI BEIRUT LIBANO PANORAMICA DEL SETTORE I.T. & PROSPETTIVE FUTURE Beirut, dicembre 2013 Il mercato libanese dell IT sta ancora procedendo a piccoli passi verso la piena realizzazione di una tecnologia

Dettagli

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale

Mappatura Competenze. Analisi del Clima Aziendale 1/7 Servizi Integrati del Clima Aziendale Oggi, in molte aziende, la comunicazione verso i dipendenti rappresenta una leva gestionale attivata dal vertice aziendale, organizzata, coerente con gli obiettivi

Dettagli

Imprese edili: innovare per crescere

Imprese edili: innovare per crescere Imprese edili: innovare per crescere Peculiarità operative del settore e trend evolutivi Il settore dell edilizia sta attraversando una fase di profonda trasformazione, sia dal punto di vista dell organizzazione

Dettagli

Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione

Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione Roma, gennaio 2011 Guida alla compilazione del Rapporto di Autovalutazione associato al Modello CRUI per l'aq dei CdS universitari di Alfredo Squarzoni GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE

Dettagli

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici

Innovare i territori. Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Innovare i territori Ennio Lucarelli Vice Presidente Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 1 La Federazione CSIT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici 51 Associazioni di Categoria (fra

Dettagli

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba. Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.it Dipartimento di Informatica Università di Bari Centro di Competenza ICT:

Dettagli

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy

Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Il Patto Globale. Corporate Leadership in the World Economy Kofi Annan * Abstract Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Kofi Annan, propose per primo il Global Compact in un discorso al World Economic

Dettagli

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA Introduzione «Imprenditori di imprenditori» Definizione incubatore Per INCUBATORE D IMPRESA si intende un istituzione che interagisce con

Dettagli

ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE

ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE 40 ORGANIZZAZIONE, SERVIZIO ASSISTENZA TECNICA DI FRONT-OFFICE Le attività di accoglienza ed di MARINA COSTA Negli incontri di formazione nel progetto Sportello per il Microcredito si sono affrontate diverse

Dettagli

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012

Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Una Nuvola Pubblica Certificata Alessandro Osnaghi, Fondazione Astrid Convegno Camera di Commercio di Torino, 13 febbraio 2012 Il termine cloud computing è oggi largamente diffuso e utilizzato spesso impropriamente

Dettagli

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 0. INDICE 1. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 2. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 3. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 4. MISSION pag. 4 5. APPROCCIO pag. 4 6. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

Il modello lombardo visto dal Regno Unito

Il modello lombardo visto dal Regno Unito Il modello lombardo Direttore di ResPublica, Londra di Phillip Blond Le ragioni di un interesse 81 Vi sono diverse ragioni alla base del nostro interesse per la Lombardia e il suo modello di sviluppo che,

Dettagli

Impresa: sistema sociale aperto e dinamico. Impiega risorse differenziate (scarse) per

Impresa: sistema sociale aperto e dinamico. Impiega risorse differenziate (scarse) per Impresa: sistema sociale aperto e dinamico Organizzazione economica (Contenuto economico Attività e Obiettivi) Impiega risorse differenziate (scarse) per svolgere processi di acquisizione, produzione di

Dettagli

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale

L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale L attività brevettuale dei docenti universitari: L Italia in un confronto internazionale Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Introduzione

Dettagli

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione

Le sfide future per il Facility Management: l open facility management come nuova soluzione CHE COS È IL FACILITY MANAGEMENT Il Facility Management è una disciplina in continua evoluzione ed infatti in un contesto altamente dinamico, tipico della società odierna, si trova a dover interpretare

Dettagli

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale

La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale La programmazione UE 2014-2020 per una crescita sostenibile e solidale Il Consiglio dell Unione europea ha adottato a dicembre 2013 il Regolamento relativo al Quadro Finanziario Pluriennale per il periodo

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

C'erano una volta i paesi emergenti

C'erano una volta i paesi emergenti C'erano una volta i paesi emergenti È riduttivo chiamare Brasile, Russia e India e Cina dei paesi emergenti». «Ci sono economie che oggi figurano ancora tra i mercati emergenti ma che contribuiscono in

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO

2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO CARTELLA STAMPA di 1. INDICE 2. EXPO 2015: UNA GRANDE SFIDA PER IL TURISMO ITALIANO pag. 3 3. PERCHÉ NASCE EXPLORA pag. 3 4. LA SUA IDENTITÀ pag. 3 5. MISSION pag. 4 6. APPROCCIO pag. 4 7. ELEMENTI DISTINTIVI

Dettagli

DARE VALORE ALLE IMPRESE

DARE VALORE ALLE IMPRESE DARE VALORE ALLE IMPRESE Estero, crescita, nuova imprenditoria Accordo Intesa Sanpaolo - Confindustria Piccola Industria indice 2 UN IMPEGNO COMUNE PER LA CRESCITA 3 I PUNTI CHIAVE DEL NUOVO ACCORDO 4

Dettagli

Contributo per la Carta di Milano

Contributo per la Carta di Milano Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (MAECI-DGCS) Contributo per la Carta di Milano Contributo n 72 Sezione tematica di

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale

CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale CAPITOLO XI La gestione della produzione industriale Tratteremo argomenti quali la organizzazione delle multinazionali e delle loro reti globali di produzione, con un enfasi sulle JV e sul ruolo della

Dettagli

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL

1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 1 - CODICE PROGETTO 2 - TIPOLOGIA DI INTERVENTO/AREA FUNZIONALE DEL PPL 4.1.2 - ASSISTENZA TECNICA AL TERRITORIO PER L I N D I V I D UAZIONE DI STRUMENTI DI POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO NELL AMBITO DELLE

Dettagli

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale

Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale Corso di Economia Aziendale ed Estimo Rurale C.so di Laurea STAG O (S.Severo) Lezione n.1: a) Richiami di concetti di teoria dell'impresa; b) Le strategie aziendali; c) Stima delle colture arboree da frutto

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

prima della gestione.

prima della gestione. 1 Il Business Plan per l impresa alberghiera è uno strumento fondamentale per programmare e controllare la gestione delle attività alberghiere volto ad esplicitare, esaminare e motivare in modo completo

Dettagli

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi

Lezione 4. La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi Lezione 4 La struttura orizzontale I network Ambiente esterno e assetti organizzativi 1 IL RAGGRUPPAMENTO ORIZZONTALE Il raggruppamento orizzontale indica che i dipendenti vengono raggruppati intorno ai

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori

Capitolo 7. Struttura della presentazione. Movimenti dei fattori produttivi. La mobilità internazionale dei fattori Capitolo 7 La mobilità internazionale dei fattori preparato da Thomas Bishop (adattamento italiano di Rosario Crinò) 1 Struttura della presentazione Mobilità internazionale del lavoro Prestiti internazionali

Dettagli

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015

INDICE. 1.Perché fare Qualità. 2. Qualità e non-qualità. 3. Le potenzialità del Sistema di gestione. 4. La ISO 9001:2015 LE NOVITA INDICE 1.Perché fare Qualità 2. Qualità e non-qualità 3. Le potenzialità del Sistema di gestione 4. La ISO 9001:2015 1. PERCHE FARE QUALITA Obiettivo di ogni azienda è aumentare la produttività,

Dettagli

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione

Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione Capitolo 7 Le economie di scala esterne e la localizzazione della produzione [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 7-1 Struttura della presentazione

Dettagli

Unite the Two bays. From the Vesuvio to Silicon Valley and back. Mind the Bridge Job Creator Tour @ Naples, PICO

Unite the Two bays. From the Vesuvio to Silicon Valley and back. Mind the Bridge Job Creator Tour @ Naples, PICO Unite the Two bays From the Vesuvio to Silicon Valley and back Mind the Bridge Job Creator Tour @ Naples, PICO Il progetto ed il concorso d idee Con il progetto Uniamo le due Baie, vogliamo creare un ponte

Dettagli

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management

L internazionalizzazione delle imprese italiane. Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione delle imprese italiane Dati di sintesi, strategie organizzative e modelli di management L internazionalizzazione produttiva delle imprese italiane Fenomeno complesso e differenziato

Dettagli

I. Partenariato. II. Verifica

I. Partenariato. II. Verifica Lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Raggiungere gli obiettivi Comunicato della Conferenza dei Ministri dell Istruzione Superiore, Bergen, 19-20 Maggio 2005 Noi, Ministri dell Istruzione Superiore

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2

Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 LEZIONE 2 Università degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria Economia Internazionale Corso di Laurea in Scienze Economiche A.A. 2008-2009 MATERIALE DIDATTICO da integrare al libro di testo: Hill C.W.L. International

Dettagli

Piccole e Medie Imprese

Piccole e Medie Imprese Piccole e Medie Imprese Imprenditoria e organizzazione delle piccole e medie imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corsi di Laurea: Magistrale Ingegneria e Scienze Informatiche Matematica Applicata UNIVERSITÀ

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli