Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali"

Transcript

1 Dipartimento Donna Bambino con l integrazione dei servizi consultoriali territoriali Il passa o p rto per la futura mamma

2 Consigli ed informazioni utili per la gravidanza per rendere più tranquillo e sereno il corso della sua gravidanza La gravidanza non è una malattia e, nella maggioranza dei casi, ha un decorso normale che si conclude con un parto naturale tuttavia, talvolta, presenta complicazioni e perciò sono raccomandati periodici controlli. La donna sana, nel corso dell evoluzione fisiologica della gravidanza, non ha bisogno di modificare sostanzialmente il suo stile di vita; è il buon senso che la deve guidare, come del resto in qualsiasi altra circostanza. Si propongono tuttavia alcuni utili suggerimenti: Non è controindicato il bagno in vasca o sotto la doccia, ad una temperatura gradevole compresa tra i C; evitare solo l uso di acqua troppo calda o troppo fredda. Non esistono dati certi sull assenza di rischio nei riguardi di tinture per capelli e prodotti per permanenti: è probabile che siano innocui, ma è comunque prudente non adoperarli, soprattutto nel primo trimestre di gravidanza. La cura dei denti presso i medici dentisti può essere praticata normalmente e può essere eseguita, se necessario, l anestesia locale. Gli abiti devono essere ampi per evitare costrizioni; si consigliano scarpe comode a pianta larga, con tacco ampio e basso; può essere utile una ventriera elastica. È bene che l attività sessuale prosegua, salvo che si presenti una tendenza all aborto o al parto prematuro; spesso, andando avanti nella gravidanza, si verifica una naturale riduzione di essa per l infondato timore di provocare danno al bambino e per spontanea idealizzazione della donna. Il fumo di sigaretta fa aumentare il rischio di aborto di circa il 50% rispetto alle non fumatrici; ed i neonati hanno mediamente minor peso alla nascita; inoltre il fumo può essere causa del distacco precoce della placenta. Il consumo elevato di alcool può avere effetti dannosi sul corso della gravidanza; infatti l alcool passa la barriera placentare e la sua concentrazione nel feto è simile a quella della madre; non è chiaro se vi sia rischio associato ad un suo consumo moderato. L eccessivo uso di caffè in gravidanza può determinare un aumento di rischio d aborto o di dare alla luce bambini di basso peso alla nascita Non sussistono particolari contrindicazioni ai viaggi, purché si evitino situazioni disagevoli. L aereo è il mezzo più idoneo per le lunghe distanze. Tutte le infezioni contratte in gravidanza possono risultare dannose sia per la madre che per il prodotto del concepimento; perciò misure igieniche abituali vanno seguite scrupolosamente. Oggi è diventata routine la ricerca degli anticorpi anti Rosolia, Toxoplasmosi e Malattia da Citomegalovirus, anticorpi IgG (espressione di malattia contratta in passato e dunque di protezione attuale) ed anticorpi IgM (espressione di malattia in atto o recente e dunque di pericolo). La Rosolia se contratta entro le prime 24 settimane di gravidanza può causare gravi danni all embrione o al feto. L esame da eseguire è il RUBEO TEST : risultati possibili: RUBEO TEST IgG positivo - IgM negativo: infezione già contratta e superata => assenza di rischio attuale RUBEO TEST IgG negativo e IgM negativo: malattia mai contrattata=> precauzioni da seguire: evitare fonti di contagio (bambini affetti da rosolia), ripetizione periodica del Rubeo test; somministrazione di anticorpi specifici IgG in caso di contagio avvenuto o sospetto RUBEO TEST IgG negativo - IgM positivo: possibile infezione in atto => ulteriori accertamenti su indicazione medica specialistica La Toxoplasmosi è una malattia trasmessa dalle feci del gatto e di alcuni uccelli, dalla carne cruda, la verdura e la frutta non accuratamente lavate, le uova crude e i salumi. È generalmente priva di sintomi e può determinare danni all embrione ed al feto se contratta per la prima volta in gravidanza e non curata. L esame da eseguire è il Toxo test i cui risultati possibili sono: TOXOTEST IgG positivo - IgM negativo: infezione già contratta e superata= assenza di rischio attuale TOXOTEST IgG negativo e IgM negativo: infezione mai avvenuta=>precauzioni da seguire evitare contatti con animali e in particolare gatti e uccelli evitare le pulizie domestiche e giardinaggio senza guanti evitare di mangiare uova crude e carne cruda

3 lavare accuratamente le verdure e la frutta curare accuratamente l igiene delle mani ripetere periodicamente il TOXOTEST durante la gravidanza TOXOTEST IgG negativo - IgM positivo: possibile infezione in atto=>ulteriori accertamenti da discutere con il proprio medico per eventuale appropriata terapia. La MALATTIA DA CITOMEGALOVIRUS è anch essa solitamente priva di sintomi. Se contratta per la prima volta in gravidanza, in una piccolissima percentuale di casi, può essere fonte di danni per l embrione ed il feto. L esame da eseguire è il CITOMEGALOVIRUS (C.M.V.) TEST: risultati possibili: C.M.V. Test IgG positivo - IgM negativo: malattia già contratta e superata=> rischio minimo di reinfezione. C.M.V. Test IgG negativo e IgM negativo: malattia mai contratta=> ripetizione del C.M.V. Test alla 35 settimana. C.M.V. Test IgG negativo IgM positivo: possibilità di infezione in atto=> ulteriori accertamenti su indicazione medica specialistica. Per la ricerca di anomalie genetiche (o cromosomiche) come per esempio il mongolismo (sindrome di Down) è possibile eseguire esami particolari: la Villocentesi e l Amniocentesi. La VILLOCENTESI consiste nel prelievo dei villi coriali sotto guida ecografica. L esame si effettua tra l settimana di gravidanza; per la sua complessità e per il lieve aumento di rischio abortivo deve essere eseguito in un Centro abilitato di Riferimento della Regione. La AMNIOCENTESI consiste nel prelievo di liquido amniotico sotto guida ecografica e può essere effettuato nei due Presidi Ospedalieri di Imperia e Sanremo. Le cellule in esso contenute vengono analizzate in un Centro di Riferimento della Regione Liguria. L esame si effettua alla settimana di gravidanza, non è obbligatorio, presenta il rischio di abortività dello 0,5-1%. Inoltre, per il suo costo e complessità, il Sistema Sanitario Nazionale riserva questo esame gratuito alle donne gravide: d età superiore ai 35 anni che abbiano famigliari affetti da malattie a trasmissione ereditaria che abbiano partorito figli con anomalie cromosomiche o genetiche su indicazione del Duo o Tri test o ecografica. Le donne gravide (la maggioranza) che non sono candidate all amniocentesi, per basso rischio genetico, possono eseguire il DUO test oppure il TRI test. Il DUO TEST (screening combinato) consiste nella elaborazione al computer di due dati: la misura ecografica della traslucenza nucale dell embrione e il dosaggio di P.P.A. e Free Beta HCG, sostanze presenti nel sangue materno. Il test si effettua tra l 11 e la 14 settimana di gravidanza; esso non ha lo stesso valore dell amniocentesi in quanto non esprime una diagnosi, ma indica soltanto il rischio statistico, con il 75-80% di affidabilità, per quel feto di essere affetto da malattia cromosomica. In caso di rischio aumentato, ciò non equivale ad una sicura malattia del feto: infatti la maggior parte delle donne con rischio aumentato ha un feto normale; è però necessario escludere ogni dubbio mediante l esecuzione dell amniocentesi. Il TRISTEST consiste nell elaborazione al computer dei valori di tre sostanze (estriolo, HCG, alfafetoproteina) presenti nel sangue materno. Il test si effettua intorno alla settimana di gravidanza ed offre risultati analoghi al Duo test. Sono inoltre raccomandati altri due esami: il Test glicemico e il Tampone vaginale. Il TEST GLICEMICO ha lo scopo di svelare una tendenza al diabete; si effettua alla 24 settimana di gravidanza, ma in taluni casi di donne a rischio aumentato, si anticipa all inizio del 2 trimestre. Il TAMPONE VAGINALE si effettua tra la 34 e la 37 settimana di gravidanza. Si tratta di un test utile per la ricerca dello streptococco beta-emolitico, microrganismo responsabile, in bassissima percentuale, di gravi danni al neonato durante il parto; l adeguato trattamento antibiotico va effettuato soltanto in travaglio di parto.

4 Cartella ostetrica Cartella n Data: Sede: Cognome e Nome nata a il Residente a Via N Telefono Professione Ultima mestruazione Epoca presunta del parto Ultima mestruazione con USG Gruppo sanguigno Epoca presunta del parto con USG Fattore Rh Test di Coombs indiretto Hbs Ag: Anti HCV Anti HIV VDRL-TPHA Rubeo - Test Toxo - Test Citomegalovirus Test Elettroforesi Hb Periodo del parto dal al Partner Cognome e Nome Nato a il Residente a Via N Telefono Professione Gruppo sanguigno Fattore Rh Glucosio 50 gr OGTT Tampone vaginale Duo Test Tri Test Amniocentesi Pap test Malattie ereditarie Ascendenti diabetici Ipertensione Altre Menarca mestruazioni successive Sigarette/die n. uso alcolici e/o farmaci Malattie pregresse e/o in atto N parti: N aborti: N parti prematuri:

5 Decorso Prenatale AUMENTO PONDERALE MATERNO LUNGHEZZA SINFISI FONDO UTERINO Data Settimana di gravidanza B.C.F Osservazioni

6

7 L ecografia in gravidanza Alcune informazioni utili Che cosa è l ecografia? L ecografia è una tecnica che consente di vedere gli organi del nostro corpo con l utilizzo di onde sonore ad alta frequenza (oltre la capacità percettiva dell orecchio umano e perciò non udibiliultrasuoni) che attraversano i tessuti. Il principio dell ecografia è lo stesso usato dai sonar delle navi per localizzare i sottomarini o i banchi di pesci. Dalla sonda posta sull addome materno partono impulsi di onde sonore che attraversano il corpo. Tali onde sono riflesse sia dalla parete addominale che dalla parete dell utero creando echi. Le onde sonore che arrivano al feto mandano a loro volta altri echi (o onde di ritorno) che sono trasformati in immagini su un monitor. Con l ecografia è, dunque, possibile osservare il feto nell utero. Che cosa si vede con l ecografia? Come si utilizzano i dati? Nei primi due tre mesi di gravidanza, l ecografia fa vedere il piccolo embrione nel suo sacco gestazionale. Misurandone la lunghezza è possibile valutarne il suo sviluppo rispetto all epoca di gravidanza, calcolata in riferimento alla data dell ultima mestruazione. Se questa non è ricordata esattamente o se le mestruazioni non sono regolari, un ecografia eseguita nei primi tre mesi di gestazione consente di datare con precisione l epoca della gravidanza e di poter risalire correttamente all epoca presunta del parto. Dalla fine del secondo mese si visualizza l attività pulsatile del cuore, i movimenti embrionali ed il numero degli embrioni. Più tardi, dal quarto mese in poi, si effettuano misurazioni della testa, dell addome e del femore fetale; confrontando i valori di tali misure con quelli delle curve di riferimento è possibile valutare se le dimensioni del feto corrispondono a quelle attese per l epoca. In questo stesso periodo si visualizzano la sede di inserzione placentare, la quantità di liquido amniotico e alcuni organi interni. Il sesso del feto è evidenziabile dal quarto mese, ma la possibilità di definirlo dipende dalla posizione del feto stesso; è possibile che, anche a termine di gravidanza, non si riesca a determinare il sesso se la posizione del feto non è favorevole. È possibile valutare gli organi interni del feto? Oltre alle strutture che vengono visualizzate e misurate normalmente (testa, addome, femore) si visualizzano e si studiano la vescica, i reni, lo stomaco, la colonna vertebrale, le strutture intracraniche e gli arti. L ecografia consente di visualizzare anche altre parti del corpo fetale (ad esempio il cuore); esami dettagliati di certi organi vengono eseguiti solo quando vi sia l indicazione specifica e con strumentazione adeguata. La possibilità di rilevare un anomalia dipende dalla sua dimensione, dalla posizione del feto nell utero, dalla quantità di liquido amniotico dallo spessore della parete addominale materna e dall epoca di gravidanza. Pertanto, per i limiti della metodica, si sottolinea che un esame ecografico anche accurato può non evidenziare alcune anomalie morfologiche, specialmente a carico del cuore e delle estremità. Alcune anomalie inoltre possono avere carattere evolutivo e dunque possono essere evidenziate solo in epoca avanzata. Cosa si intende per ecografia morfologica? Col termine di ecografia morfologica ci si riferisce ad una valutazione ecografica del feto eseguita tra la 21 e la 23 settimana di gestazione, finalizzata a svelarne alcune anomalie, anche se non tutte le malformazioni possono essere identificate; non si può dunque considerare quest esame come assolutamente sicuro. L identificazione di alcune alterazioni può portare a terapie tempestive ed anche risolutive. L ecografia è innocua per il feto? Gli ultrasuoni sono utilizzati nella pratica ostetrica da oltre venticinque anni e mai sono stati riportati effetti dannosi, anche a lungo termine, sul feto. Per tale ragione, con le procedure oggi adottate, l uso diagnostico dell ecografia è ritenuto esente da rischi. Quanti esami ecografici è bene fare nel corso della gravidanza? Nella gravidanza normale sono ritenuti sufficienti tre esami: nel primo trimestre, nel secondo (a settimane) e nel terzo trimestre (a settimane); su indicazione del medico curante, l ecografia può essere effettuata anche in altre date. In alcuni casi è necessario ripetere l esame più volte, su consiglio e a giudizio del medico specialista.

8 Ecografia standard per il primo trimestre di gravidanza U.M. Epoca mestruale Fattori di rischio Fattori limitanti l esame Obesità Oligodramnios Camera Gestazionale: localizzazione intrauterina SI NO N Diametro medio mm Embrione Rilevato Non rilevato N Attività cardiaca presente SI NO CRL mm Diametro biparietale mm Datazione ecografica corrispondente all epoca di amenorrea: SI NO Patologie uterine associate: SI NO Patologie annessiali materne associate: SI NO Osservazioni Si consiglia di eseguire un ulteriore esame ecografico tra Si consiglia di eseguire ulteriori esami ecografici tra le 20 e 22 settimane e tra le 30 e 34 settimane Apparecchio utilizzato Sonda transaddominale Sonda transvaginale Data / / Firma e timbro CRL CM SETTIMANE

9 Ecografia standard per il secondo trimestre di gravidanza U.M. Epoca mestruale Fattori di rischio Fattori limitanti l esame Obesità Oligodramnios N. Feti Situazione: Longitudinale Trasversale Presentazione: Cefalica Podalica ESTREMITÀ CEFALICA E RACHIDE DBP mm CC mm DTC mm Trigono mm Orbite visualizzate: SI NO Colonna vertebrale visualizzata: SI NO CUORE Attività cardiaca presente: SI NO 4 camere visualizzate: SI NO ADDOME CA mm Reni visualizzati: SI NO Vescica visualizzata: SI NO stomaco visualizzato: SI NO Parete addominale visualizzata: SI NO ARTI LF mm Estremità visualizzate: SI NO Ossa lunghe visualizzate: SI NO LIQUIDO AMNIOTICO normale assente diminuito aumentato polidramnios PLACENTA anteriore posteriore fundica laterale dx laterale sx praevia centrale marginale laterale ACCRESCIMENTO Biometria corrispondente all epoca di amenorrea: SI NO Osservazioni Si consiglia di eseguire un ulteriore esame ecografico tra Si consiglia di eseguire un ulteriore esame ecografico tra 30 e 34 settimane Apparecchio utilizzato Sonda transaddominale Sonda transvaginale Data / / Firma e timbro

10

11 Ecografia standard per il terzo trimestre di gravidanza U.M. Epoca mestruale Fattori di rischio Fattori limitanti l esame Obesità Oligodramnios N. Feti Situazione: Longitudinale Trasversale Presentazione: Cefalica Podalica DBP mm CC mm CA mm FL mm Attività cardiaca presente: SI NO Ventricoli cerebrali regolari: SI NO Stomaco visualizzato: SI NO Reni regolari: SI NO Vescica visualizzata: SI NO LIQUIDO AMNIOTICO normale assente diminuito aumentato polidramnios PLACENTA anteriore posteriore fundica laterale dx laterale sx praevia centrale marginale laterale ACCRESCIMENTO Biometria corrispondente all epoca di amenorrea: SI NO Osservazioni Si consiglia di eseguire un ulteriore esame ecografico tra Apparecchio utilizzato Sonda transaddominale Sonda transvaginale Data / / Firma e timbro

12 Monitoraggio della gravidanza a termine Data Ora E.G. V.B.T. I.P. M.A.F. A.F.I. P.A. Medico sett+gg Ms % si/no cm mm/hg Visita ostetrica ed eventuali indicazioni Data Data

13 Data Data Data

14 Monitoraggio della gravidanza a termine Il monitoraggio della gravidanza a termine a basso rischio si riferisce ai controlli che deve effettuare una donna gravida giunta a termine di una gravidanza evoluta senza complicazioni. Per le gravidanze che decorrono con complicazioni, e perciò definite ad alto rischio, il medico curante specialista indicherà quali e quanti controlli dovranno essere fatti, e quando farli. Il termine della gravidanza deve essere stabilito in riferimento alla ecografia del primo trimestre; il monitoraggio deve iniziare a 40 settimane compiute e consiste nella esecuzione di un tracciato cardiotocografico computerizzato associato ad una ecografia che valuti la quantità di liquido amniotico (A.F.I.) ancora presente nel sacco gestazionale. Questi test consentono di avere preziose informazioni relative allo stato ossigenativo del bambino; sono i test più diffusi per conoscere lo stato di benessere fetale. Malgrado tali informazioni consentano una notevole sicurezza circa il benessere ossigenativo del feto, sono considerate attendibili al 98%. In riferimento al tracciato cardiotocografico, questo esame, della durata variabile da 10 a 60 minuti, fornisce informazioni sulla situazione attuale delle condizioni fetali e non consente di escludere il verificarsi successivo di patologie placentari o funicolari, per altro rare, che potrebbero instaurarsi dopo la fine dell esame stesso. [GYNECOAOGOI n modificato] I controlli verranno suggeriti dallo specialista che avrà sottoscritto l esame e, se non insorge un travaglio di parto spontaneo, questo verrà indotto a 41 settimane + 4 giorni. Corsi di preparazione alla nascita Il Dipartimento Donna Bambino organizza per le donne in gravidanza corsi di preparazione alla nascita, attraverso un servizio cogestito dai reparti di ostetricia, pediatria ed i consultori, su tutto il territorio della provincia di Imperia. Si tratta di un percorso di accompagnamento, confronto con scambi informativi, lezioni pratiche e teoriche sull esperienza dell attesa, del parto e sul sostegno per le prime cure del bambino. I corsi si articolano in circa una decina di incontri che intendono proporsi come spazio per la mamme (e in alcune occasioni anche i papà) per imparare ad ascoltare le sensazioni, i ritmi personali, i movimenti di un corpo nuovo. Per fare questo vengo utilizzate varie tecniche: dal rilassamento, allo stretching, dalla ginnastica dolce al massaggio, allo yoga al movimento terapia... Si tratta di una occasione per informarsi e trovare sostegno e confronto nella scelta dei comportamenti più idonei e naturali rispetto al travaglio, al parto ed ai primi mesi di vita del bambino....e dopo la nascita? Il servizio organizza per le mamme con i neonati spazi per condividere dubbi, fatiche, emozioni del dopo nascita e per confrontarsi sul tema dell allattamento. Per entrambi i corsi è possibile contattare i reparti di ostetricia e i consultori per conoscere le modalità di partecipazione.

15 Note e osservazioni

16 Il passaporto per la futura mamma Sedi e orari dei servizi ospedalieri e territoriali OSPEDALI Ospedale di Imperia Reparto di Ginecologia e Ostetricia Tel 0183/ Ospedale di Sanremo Reparto di Ginecologia e Ostetricia Tel 0184/ SERVIZI TERRITORIALI Ambito Imperiese Sede di Imperia Via Dietro Monastero Tel e Fax: 0183/ Sede di Pontedassio Via Garibaldi 154 Tel: 0183/ Sede di Pieve di Teco Via Vittorio Emanuele Tel: 0183/ Sede di Diano Marina Via XX settembre Tel: 0183/ Ambito Sanremese Sede di Sanremo Via Fiume 22 Tel: 0184/ Sede di Ospedaletti Via Matteotti, 116 Tel: 0184/ Ambito Ventimigliese Sede di Ventimiglia (ex Ospedale) Via Basso, 2 Tel: 0184/ Sede di Dolceacqua Tel:

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine

LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine LA DIAGNOSTICA PRENATALE: dal Test Combinato alle ecografie di routine ECOGRAFIA FETO NUMERO e VITALITA CORIONICITA AMBIENTE FETALE ACCRESCIMENTO MORFOLOGIA e FUNZIONALITA PLACENTA LOCALIZZAZIONE FUNZIONALITA

Dettagli

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali

Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali Esami per lo screening e la diagnosi delle patologie cromosomiche fetali La domanda che ogni donna in gravidanza rivolge al proprio ginecologo e quali esami eseguire per essere certi che il proprio bambino

Dettagli

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE

POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE POSSIBILITA E LIMITI DELLA DIAGNOSI PRENATALE 1 Durante la gravidanza vi verranno offerti alcuni test che forniscono informazioni sulla eventuale presenza di malformazioni nel vostro bambino prima che

Dettagli

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE

BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE BILANCI DI SALUTE Il Bilancio di Salute è il risultato dell incontro tra la donna e il professionista che segue la sua gravidanza. Durante tale incontro la donna fornisce tutte le informazioni sulla sua

Dettagli

Radiazioni e gravidanza

Radiazioni e gravidanza Treviso 24.11.2011 Radiazioni e gravidanza G.Bracalente gbracalente@ulss.tv.it Unita Operativa Semplice DIAGNOSI PRENATALE ED ECOGRAFIA OSTETRICA Dir. Dott.ssa G.Bracalente Unità Operativa Complessa GINECOLOGIA

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE

DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE SERVIZIO DI ECOGRAFIA E DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PRENATALE DELLE ANOMALIE CROMOSOMICHE 1 CROMOSOMI Cosa sono i cromosomi? I cromosomi si trovano nel nucleo della cellula, sono costituiti da proteine

Dettagli

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più

Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Alcune domande ed alcune risposte per chi desidera saperne di più Dott. Gustavo Boemi U.O.C. Ginecologia e Ostetricia. P.O. Garibaldi Nesima. Catania. Specialista in Ginecologia e Ostetricia. Università

Dettagli

La Diagnosi Prenatale

La Diagnosi Prenatale Cos è? Di cosa ci occupa Cosa consente La Diagnosi Prenatale Tecniche di screening Tecniche dirette: indicazioni Villocentesi: cos è Villocentesi: come si esegue? Amniocentesi: cos è? Amniocentesi: come

Dettagli

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia

Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia ASL DI VALLECAMONICA-SEBINO PRESIDIO OSPEDALIERO E DIPARTIMENTO A.S.S.I. Servizio Famiglia Questo opuscolo si rivolge a tutte le donne in gravidanza, siano esse in coppia o sole, felici o preoccupate per

Dettagli

SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP)

SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP) DIAGNOSI PRENATALE SCOPO DELLA DIAGNOSI PRENATALE (DP) offrire ai genitori e al medico le migliori informazioni possibili sui rischi di dare alla luce un bambino affetto da un'anomalia congenita o da una

Dettagli

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE

PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE ALLEGATO A PRESTAZIONI SPECIALISTICHE PER LA TUTELA DELLA MATERNITA RESPONSABILE, ESCLUSE DALLA PARTECIPAZIONE AL COSTO IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 1. Prestazioni specialistiche per la donna 89.26.1 PRIMA

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI

DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIAGNOSI PRENATALE DEI DIFETTI CONGENITI DIFETTI CONGENITI Le anomalie congenite sono condizioni che si instaurano tra il momento del concepimento e la nascita. LA DIAGNOSI PRENATALE insieme di tecniche

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI

DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI DIAGNOSI PRENATALE GUIDA INFORMATIVA DNA, GENI E CROMOSOMI Ogni individuo possiede un proprio patrimonio genetico che lo rende unico e diverso da tutti gli altri. Il patrimonio genetico è costituito da

Dettagli

Decreto Legge 10 settembre 1998

Decreto Legge 10 settembre 1998 Decreto Legge 10 settembre 1998 Protocolli di accesso ad esami di Laboratorio e di Diagnostica strumentale delle donne in stato di gravidanza ed a tutela della maternità (Gazzetta Ufficiale 20 ottobre

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI

Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile Via Montereale 24 - Pordenone NOTA INFORMATIVA PER AMNIOCENTESI Azienda per l Assistenza Sanitaria n. 5 Friuli Occidentale Via della Vecchia Ceramica, 1 33170 Pordenone C.F. e P.I. 01772890933 PEC aas5.protgen@certsanita.fvg.it Presidio Ospedaliero di Pordenone Sacile

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI

SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI NUMERO MONOGRAFICO Notiziario gennaio 2010 SI RINNOVANO LA GINECOLOGIA E L OSTERICIA PRESSO LA SEDE DI VIA RESPIGHI a cura del dr.moreno Dindelli Specialista in Ginecologia e Ostetricia Dall autunno 2009,

Dettagli

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ Metodi di diagnosi prenatale per le anomalie fetali WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ 1 Frequenza delle anomalie cromosomiche alla nascita in funzione dell età materna anomalie/1000 nati 40 35 30 25 20 15 10

Dettagli

GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE. Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara

GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE. Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara GRAVIDANZA FISIOLOGICA E ASSISTENZA PRENATALE Prof. Pantaleo Greco Università degli Studi di Ferrara Sorveglianza prenatale n E la sistematica e attenta valutazione della donna gravida con lo scopo di

Dettagli

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie.

GENETICA MEDICA. Analisi genetiche per oltre 400 geni testabili vengono inviati a strutture pubbliche esterne, ospedaliere e universitarie. GENETICA MEDICA PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA L ambulatorio di Genetica Medica fa parte del Dipartimento Materno Infantile. Essa collabora ed interagisce strettamente con le Strutture del Dipartimento

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ

(Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 20 ottobre 1998, n. 245) IL MINISTRO DELLA SANITÀ D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento del d.m. 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del d.m. 14 aprile 1984 recante protocolli di accesso agli esami di laboratorio e di diagnostica strumentale per le

Dettagli

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245)

Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998. (pubblicato in G.U. 20 ottobre 1998, n. 245) Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 10 settembre 1998 "Aggiornamento del decreto ministeriale 6 marzo 1995 concernente l'aggiornamento del decreto ministeriale 14 aprile 1984 recante i protocolli

Dettagli

Indagini da svolgere nelle settimane di gravidanza fino alla 13 (primo trimestre). ESAMI ESENTI (GD 10-9-98)

Indagini da svolgere nelle settimane di gravidanza fino alla 13 (primo trimestre). ESAMI ESENTI (GD 10-9-98) Indagini da svolgere nelle settimane di gravidanza fino alla 13 (primo trimestre). ESAMI ESENTI (GD 10-9-98) Esame urine Emocromo Glucosio AST ALT Virus Rosolia IgG ed IgM (non serve farli se vi è documentata

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza Corso di aggiornamento obbligatoria Arezzo, 16/06/2007 La rosolia nella donna in gravidanza Dott. Ario Joghtapour Specialista in Ginecologia e Ostetricia e Fisiopatologia della Riproduzione Dott. Francesco

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO

Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO Struttura Semplice Dipartimentale GENETICA MEDICA - OSPEDALE SAN BASSIANO PRESENTAZIONE DELLA STRUTTURA La Struttura Semplice Dipartimentale di genetica medica fa parte del Dipartimento di Medicina dei

Dettagli

Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde

Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde Collegio Ostetriche Sassari- Olbia- Tempio Ostetrica D. ssa Milena Tedde Ostetrica e ultrasuoni: Il ruolo dell Ostetrica alla luce delle nuove normative VI CORSO GALLURESE DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA OLBIA

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

Malformazioni fetali

Malformazioni fetali Malformazioni fetali Indagine morfologica precoce Via transaddominale Sonde a elevata risoluzione Via transvaginale Epoca gestazionale 11-14 settimane Translucenza nucale Indagine morfologica precoce Strutture

Dettagli

ultrascreen villocentesi amniocentesi

ultrascreen villocentesi amniocentesi CORSO TEORICO PRATICO DI ECOGRAFIA PER OSTETRICHE Conegliano, 10-12 giugno 2010 Ruolo dell ostetrica nella diagnosi prenatale e nel counselling della diagnosi prenatale: ultrascreen villocentesi amniocentesi

Dettagli

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano

Profilassi anti-d della sensibilizzazione Rhesus. Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano della sensibilizzazione Rhesus Direttive aggiornate dell Accademia di medicina materno-fetale del 24 luglio 2005 a Lugano Esami Ricerca degli anticorpi irregolari Al primo controllo della gravidanza Gruppo

Dettagli

Medicina Fetale Diagnosi Prenatale delle Anomalie Cromosomiche

Medicina Fetale Diagnosi Prenatale delle Anomalie Cromosomiche DIPARTIMENTO DI SALUTE DELLA DONNA E DEL BAMBINO U.O.C. Clinica Ginecologica - Ostetrica Direttore: Prof. G.B. Nardelli Medicina Fetale Dott. E. Cosmi (Ricercatore Universitario) Dott. G. Francia (Dirigente

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO

CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO REGIONE VENETO OSSERVATORIO REGIONALE PER LA PATOLOGIA IN ETÀ PEDIATRICA CERTIFICATO DI ASSISTENZA AL PARTO Regione Istituto/Azienda Ospedaliera Azienda USL Comune di evento Sezione Generale COGNOME della

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

Protocollo di gestione della gravidanza ed indagini prenatali

Protocollo di gestione della gravidanza ed indagini prenatali Protocollo di gestione della gravidanza ed indagini prenatali * Indagini da svolgere nelle settimane di gravidanza fino alla 13ª( primo trimestre) A) ESAMI ESENTI (in base alla Gazzetta Ufficiale del 10-9-98):

Dettagli

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA Questo vademecum non ha alcuna pretesa medica, ma intende essere uno strumento informativo di base per le coppie portatrici di talassemia. Invitiamo gli interessati

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale

Il percorso nascita dell'ausl di Rimini. U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi. Rete Consultoriale Provinciale Il percorso nascita dell'ausl di Rimini U.O. Ostetricia e Gin. H.Infermi Rete Consultoriale Provinciale Risorse e Organizzazione dell U.O. 43 Letti di Ostetricia 12 Letti di Ginecologia 8 Letti DH 6 Sale

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA

PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA AZIENDA OSPED ALIERA UN IVERSITA DI PADOVA PROCEDURA GESTIONE AMNIOCENTESI E VILLOCENTESI ECOGUIDATA Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

L ecografia ostetrica é la tecnica più usata nello studio del benessere fetale e nel 2004, a livello nazionale, sono state effettuate in media

L ecografia ostetrica é la tecnica più usata nello studio del benessere fetale e nel 2004, a livello nazionale, sono state effettuate in media Fonte: Analisi del evento nascita. Ministero dela Salute. Dipartimento dela Qualità. Direzione Generale Sistema Informativo. Ufficio di Direzione Statistica. GENNAIO 2007 Indagini diagnostiche in gravidanza

Dettagli

A cura di Nicola Natale e Giorgio Pardi RACCOMANDAZIONI DI ASSISTENZA DIAGNOSI PRENATALE PRECOCE

A cura di Nicola Natale e Giorgio Pardi RACCOMANDAZIONI DI ASSISTENZA DIAGNOSI PRENATALE PRECOCE A cura di Nicola Natale e Giorgio Pardi RACCOMANDAZIONI DI ASSISTENZA DIAGNOSI PRENATALE PRECOCE 1 1) DEFINIZIONE La SLOG ritiene opportuno, allo stato attuale conoscitivo ed organizzativo, definire diagnosi

Dettagli

LEZIONI OSTETRICIA E GINECOLOGIA

LEZIONI OSTETRICIA E GINECOLOGIA OTTOBRE 2011 3 LU 4 MA dalle 11.30 alle 12.15 GAMETOGENESI - FECONDAZIONE PLACENTAZIONE D'ANTONA 5 ME dalle 12.30 alle 13.15 FUNZIONI PLACENTARI - MODIFICAZIONI MATERNE IN GRAVIDANZA D'ANTONA dalle 13.30

Dettagli

Diagnosi prenatale: i difetti cromosomici. Difetti cromosomici: conosciamoli insieme Diagnosi non invasiva Diagnosi invasiva Per maggiori informazioni

Diagnosi prenatale: i difetti cromosomici. Difetti cromosomici: conosciamoli insieme Diagnosi non invasiva Diagnosi invasiva Per maggiori informazioni per la vostra Salute GUIDE PRATICHE Centro Unico di Prenotazione (CUP): tel. 02 86 87 88 89 Dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.00 alle 17.30 Sabato dalle 8.00 alle 12.00 Ospedale San Giuseppe Via S. Vittore,

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza Carla Verrotti Piano Nazionale di eliminazione del morbillo e della Rosolia congenita. Corso ROSOLIA CONGENITA Parma 12 maggio 2007 D.M. 10 SETTEMBRE 1998 Aggiornamento

Dettagli

Carta dei Servizi di Ostetricia e Ginecologia

Carta dei Servizi di Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Donna Bambino - Carta dei servizi Ostetricia e Ginecologia Dipartimento Donna Bambino Dipartimento Donna Bambino - Carta dei servizi Ostetricia e Ginecologia Carta dei Servizi di Ostetricia

Dettagli

Regione Siciliana Assessorato Regionale della Salute I D. nformativa. onna

Regione Siciliana Assessorato Regionale della Salute I D. nformativa. onna Regione Siciliana Assessorato Regionale della Salute I D nformativa onna I D STILI DI VITA IN GRAVIDANZA Alimentazione 4 Alimenti 4 Igiene degli alimenti 4 Integratori 4 Uso di sostanze dannose 5 Fumo

Dettagli

FISIOLOGIA DELLA GRAVIDANZA E DEL PARTO. Dott. ssa Francesca Ligorio Ostetrica

FISIOLOGIA DELLA GRAVIDANZA E DEL PARTO. Dott. ssa Francesca Ligorio Ostetrica FISIOLOGIA DELLA GRAVIDANZA E DEL PARTO Dott. ssa Francesca Ligorio Ostetrica L inizio della gravidanza è reso possibile dal verificarsi di una serie di eventi, quali: Migrazione degli spermatozoi; Capacitazione

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA La sottoscritta e il sottoscritto acconsentono liberamente di sottoporsi al trattamento di procreazione medico-assistita FIVET (Fertilizzazione

Dettagli

PRESENTAZIONE CHI SIAMO

PRESENTAZIONE CHI SIAMO 1 INDICE Presentazione......................... pag. 3 Chi siamo............................» 3 Informazioni generali dell U. O............» 4 Classificazione delle gravidanze...........» 4 Ambulatorio

Dettagli

Prepararsi alla gravidanza : precauzioni, attenzioni e una vitamina in più

Prepararsi alla gravidanza : precauzioni, attenzioni e una vitamina in più Prepararsi alla gravidanza : precauzioni, attenzioni e una vitamina in più A chi è rivolto questo opuscolo. A tutte le donne che: hanno deciso di avere un figlio pensano in un futuro, anche lontano, di

Dettagli

Agosto 2010 - Workshop

Agosto 2010 - Workshop Agosto 2010 - Workshop LA SESSUALITA FEMMINILE/LA GRAVIDANZA Sarò mamma! La gravidanza è l esperienza più bella e coinvolgente che una donna possa vivere, ma va preparata con attenzione e responsabilità.

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 4 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI EPIDEMIOLOGIA PIAZZA S.GIOVANNI 80031 BRUSCIANO (NA) TEL.08173174254-5 FAX 081/3174226 Prot. n del /SEP Al Laboratorio

Dettagli

Gravidanza fisiologica e a rischio

Gravidanza fisiologica e a rischio WOMAN IN CHANGE Donne che cambiano Modena, 25 / 26 / 27 marzo 2010 Gravidanza fisiologica e a rischio Dr.ssa Rossana Bellucci Direttore Laboratorio Test Modena Durante la gravidanza tutte le donne si sottopongono

Dettagli

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale

Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Lodi 17 maggio 2013 Gli aspetti relativi alla consulenza prenatale Faustina Lalatta Medico genetista Responsabile UOD Genetica Medica Dipartimento area salute della donna, del bambino e del neonato Direttore

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova

Toxoplasmosi. A cura di Dr Nadia Gussetti, Azienda Ospedaliera di Padova Prof Mario Pietrobelli, Università degli Studi di Padova Questo opuscolo informativo nasce da un iniziativa organizzata dall Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Padova e dall Ordine dei Medici Veterinari di Padova con il patrocinio del Comune

Dettagli

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo 1 PRIMA DEL CONCEPIMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Quando si programma l arrivo di un bebè La gravidanza è un evento unico e speciale nella vita di una donna e ogni donna

Dettagli

Unità Operativa Complessa OSTETRICIA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami

Unità Operativa Complessa OSTETRICIA. Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Unità Operativa Complessa OSTETRICIA Numeri di telefono per prenotare visite ed esami Attività sanitaria Descrizione Le dimensioni, la complessità organizzativa e la presenza di una forte componente universitaria

Dettagli

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare?

L Orizzonte di Lorenzo. Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? L Orizzonte di Lorenzo Nostro figlio ha un problema al cuore. Che fare? Bergamo 3/10/2010 Il bambino che stiamo aspettando ha un problema al cuore: che cosa dobbiamo fare e che cosa possiamo fare? A. Borghi

Dettagli

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore

Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Inseminazione artificiale con liquido seminale di donatore Ref. 123 / 2009 Reparto di Medicina della Riproduzione Servicio de Medicina de la Reproducción Gran Vía Carlos III 71-75 08028 Barcelona Tel.

Dettagli

VISITA PRE-CONCEZIONALE

VISITA PRE-CONCEZIONALE VISITA PRE-CONCEZIONALE Avete deciso che è arrivato il momento giusto di avere un bambino è avete già iniziato a prepararvi anche emotivamente al coinvolgimento necessario e all impegno a lungo termine

Dettagli

A cosa serve lo screening prenatale

A cosa serve lo screening prenatale Screening e Diagnosi prenatale della sindrome di Down ed altre anomalie cromosomiche fetali Lo scopo di questa nota è fornire in maniera chiara, semplice e per quanto possibile esaustiva le informazioni

Dettagli

La diagnosi prenatale presso l'ospedale Val d'elsa

La diagnosi prenatale presso l'ospedale Val d'elsa AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE U.O.C. Genetica Medica AZIENDA USL 7 DI SIENA U.O. Ginecologia e Ostetricia Val d'elsa La diagnosi prenatale presso l'ospedale Val d'elsa Cristina Ferretti Indicazioni

Dettagli

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio

GERMOGLIARE onlus. Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Gravidanze e Neonati ad Alto Rischio Dott. F. Stoppoloni, Responsabile U.O.S. Gravidanze ad alto rischio Dott. G. Salvia, Responsabile U.O.S. Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale Osp. Buon Consiglio

Dettagli

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali

Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali 05-2_rosolia_CG_111109.ppt pag. 1 Rischio di infezione congenita e danno fetale dopo infezione materna a diverse età gestazionali Età gestazionale (settimane) Tasso di infezione congenita (%) Neonati infetti

Dettagli

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza

Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza CORSO REGIONALE SULLA ROSOLIA CONGENITA E NUOVE STRATEGIE DI PREVENZIONE Funzione della struttura di riferimento regionale per la gestione delle infezioni in gravidanza Dott.ssa Nadia Gussetti U.O. Malattie

Dettagli

Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini

Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini Amniocentesi o villocentesi: quale scegliere nei casi difficili? Luigi Filippo Orsini Meno invasiva Più precoce ? Fattori particolari di rischio per la diagnosi prenatale Sono fattori che possono Fibromi

Dettagli

GUIDA ALLA GRAVIDANZA (presente sul sito www.aslbassano.it)

GUIDA ALLA GRAVIDANZA (presente sul sito www.aslbassano.it) GUIDA ALLA GRAVIDANZA (presente sul sito www.aslbassano.it) DIVENTEREMO MAMMA E PAPA' Breve guida ai controlli e durante la gravidanza e ai diritti dei neo-genitori 1 INDICE Introduzione Prestazioni specialistiche

Dettagli

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98)

ESENZIONI PER GRAVIDANZA (D.M. 10.09.98) IN FUNZIONE PRECONCEZIONALE 400 Prestazioni prescrivibili per la donna 89.01 ANAMNE E VALUTAZIONE, DEFINITE BREVI Storia e valutazione abbreviata, Visita successiva alla prima Consulenza ginecologica -

Dettagli

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Ostetrica Monica Vitali Lallio, 14 Aprile 2009 1 Obiettivi Identificare

Dettagli

La conferma di laboratorio della rosolia

La conferma di laboratorio della rosolia La conferma di laboratorio della rosolia La risposta anticorpale all infezione post-natale da rosolia IgG Rash IgM Prodromi INCUBAZIONE 0 7 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 27 35 42 VIREMIA ESCREZIONE

Dettagli

L esame morfologico precoce: mito o realtà? Silvia Sansavini

L esame morfologico precoce: mito o realtà? Silvia Sansavini L esame morfologico precoce: mito o realtà? Silvia Sansavini L esame morfologico precoce: mito o realtà? Silvia Sansavini Modena 29 marzo 2012 Ecografia del I trimestre: 11-14 w Ecografia nel I trimestre

Dettagli

Avere un bambino. Guida al percorso nascita nella AUSL 2. USL n 2 Azieda Sanitaria Regionale dell Umbria. Prima della gravidanza.

Avere un bambino. Guida al percorso nascita nella AUSL 2. USL n 2 Azieda Sanitaria Regionale dell Umbria. Prima della gravidanza. USL n 2 Azieda Sanitaria Regionale dell Umbria Prima della gravidanza La Gravidanza Il Parto Avere un bambino Il Ritorno a casa Guida al percorso nascita nella AUSL 2 Avere un bambino Negli ultimi anni

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

Diagnosi Prenatale I

Diagnosi Prenatale I Diagnosi Prenatale I Lezione 15 Diagnosi prenatale nata nel 1966 (Steele e Breg); richiede l intervento di numerose discipline: ostetricia, ultrasonografia, genetica clinica, diagnosi e consulenza genetica

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari

fattori di rischio modificabili, Fattori di rischio modificabili supplementari Dia 1 Quando parliamo di diabete in gravidanza, dobbiamo distinguere : il Diabete di tipo 1, il Diabete di tipo 2, la ridotta tolleranza glucidica preesistenti alla gravidanza, oppure tutte quelle alterazioni

Dettagli

PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO

PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO Il corretto comportamento del paziente prima di un esame di laboratorio contribuisce in modo importante all'accuratezza diagnostica della procedura. Viceversa, il

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

Centro Diagnosi Prenatale Dipartimento di Pediatria, Ostetricia e Medicina della Riproduzione Università degli Studi Siena Lo screening combinato

Centro Diagnosi Prenatale Dipartimento di Pediatria, Ostetricia e Medicina della Riproduzione Università degli Studi Siena Lo screening combinato Centro Diagnosi Prenatale Dipartimento di Pediatria, Ostetricia e Medicina della Riproduzione Università degli Studi Siena Lo screening combinato Sofia Sollazzi, Giovanni Centini, Lucia Rosignoli, Felice

Dettagli

FONDAZIONE Centro per la Famiglia Cardinal C.M. Martini o.n.l.u.s

FONDAZIONE Centro per la Famiglia Cardinal C.M. Martini o.n.l.u.s FONDAZIONE Centro per la Famiglia Cardinal C.M. Martini o.n.l.u.s Nove mesi di attesa.. Diventare mamma, diventare papà: un meraviglioso desiderio, un esperienza gratificante. É il continuo della vita!

Dettagli

tiroide tre ormoni calcitonina Via Mazzini 12, Bologna www.sismer.it

tiroide tre ormoni calcitonina Via Mazzini 12, Bologna www.sismer.it S.I.S.Me.R. - Società Italiana Medicina della Riproduzione La tiroide è una piccola ghiandola endocrina dalla forma simile a quella di una farfalla, posta anteriormente nel collo al di sotto della laringe,

Dettagli

DIAGNOSTICA PRENATALE

DIAGNOSTICA PRENATALE Lezione di Ginecologia del 24/10/2007 DIAGNOSTICA PRENATALE Prof Colacurci Diagnosi prenatale E l insieme delle possibili azioni diagnostiche atte ad individuare dei difetti congeniti nel feto Le patologie

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 A.O.U. Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi VARESE Telefono 0332 393007 http://www.ospedalivarese.net/ L analisi dei villi coriali Dipartimento Materno Infantile e di Biologia-Genetica Sezione di

Dettagli

GEMELLI DIZIGOTI. zigosità 70% DEI GEMELLI CORREDO CROMOSOMICO E GENETICO DIFFERENTE POSSONO ESSERE DI SESSO DIFFERENTE

GEMELLI DIZIGOTI. zigosità 70% DEI GEMELLI CORREDO CROMOSOMICO E GENETICO DIFFERENTE POSSONO ESSERE DI SESSO DIFFERENTE DIAGNOSI DI GRAVIDANZA GEMELLARE: L'IMPORTANZA DELL'ECOGRAFIA NEL I TRIMESTRE Carla Verrotti U.O. Salute Donna Dipartimento Cure Primarie Distretto di Parma Azienda USL di Parma zigosità corionicità amnioticità

Dettagli

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico

Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Diagnosi di portatrice e diagnosi prenatale: counselling genetico Emofilia L emofilia è una malattia autosomica recessiva legata al cromosoma X Meccanismo ereditario dell Emofilia A e B 50% 50% 100% 100%

Dettagli

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE

DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE PROF. GIOVANNI NERI Istituto di Genetica Medica, Università Cattolica del S. Cuore, Roma DIAGNOSI PRENATALE DI MALATTIE RARE: IL FETO COME PAZIENTE La diagnosi prenatale di malattie genetiche rare è pratica

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

Parto dopo taglio cesareo

Parto dopo taglio cesareo Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva UU.OO. Ostetricia e Ginecologia U.O. Aziendale di Pediatria e Neonatologia Dipartimento Cure Primarie U.O. Consultori Familiari Parto dopo taglio cesareo

Dettagli

Prepararsi alla gravidanza: precauzioni, attenzioni e una vitamina in più

Prepararsi alla gravidanza: precauzioni, attenzioni e una vitamina in più Prepararsi alla gravidanza: precauzioni, attenzioni e una vitamina in più A chi è rivolto questo opuscolo A tutte le donne che: hanno deciso di avere un figlio pensano in un futuro, anche lontano, di avere

Dettagli

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre

il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre il progresso dello spirito umano consiste, o certo ha consistito finora, non nell imparare ma nel disimparare principalmente, nel conoscere sempre più di non conoscere, nell avvedersi di saper sempre meno,

Dettagli

0-270... e oltre Un percorso che ora possiamo affrontare insieme.

0-270... e oltre Un percorso che ora possiamo affrontare insieme. PMA - Diagnosi Prenatale - Crioconservazione del sangue cordonale, in un unico servizio a voi dedicato. 0-270... e oltre Un percorso che ora possiamo affrontare insieme. NASCE 0-270... e oltre Il primo

Dettagli

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza.

1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 1) Docente, dal 1985, del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Aspetti della patologia fetale in gravidanza. 2) Docente, dal 1995, della Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia. - Diagnosi

Dettagli

ANOMALIE CROMOSOMICHE UMANE: Patologie derivate da alterazioni del numero o della struttura dei cromosomi SINDROME DI DOWN

ANOMALIE CROMOSOMICHE UMANE: Patologie derivate da alterazioni del numero o della struttura dei cromosomi SINDROME DI DOWN Sinonimi: Trisomia 21 Frequenza : 1/750 nati vivi ANOMALIE CROMOSOMICHE UMANE: Patologie derivate da alterazioni del numero o della struttura dei cromosomi SINDROME DI DOWN La sindrome di Down (detta anche

Dettagli

SONO INCINTA. informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino

SONO INCINTA. informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino SONO INCINTA informazioni sulla gravidanza e sul parto a sostegno della futura mamma e del suo bambino Gruppo di progetto Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara Autrici: Rosaria Cacace, Clinica Ostetrica

Dettagli