Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)"

Transcript

1 Razionale d uso Vaccino DTPa e vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio inattivato (IPV), è necessario eseguire dei richiami a distanza di anni. Dopo il compimento del sesto anno di vita (per alcune Regioni dopo il compimento del settimo anno), è necessario usare il vaccino tipo adulti, che contiene quantità ridotte di antigeni. E possibile usare un vaccino trivalente tipo adulti nel quale la quantità di anatossina difterica e la quantità di antigeni della pertosse debbono essere ridotte, se non si vogliono ottenere reazioni avverse dopo l inoculazione. La riduzione della quantità di antigene è indicata nella sigla con la minuscola: d minuscola e p minuscola. La sigla di questo vaccino è dtpa. In commercio esiste anche un vaccino dt (chiamato vaccino difterite e tetano tipo adulti), nel quale mancano gli antigeni della pertosse e che andrebbe fatto solo per la somministrazione delle prime due dosi, in seoggetti mai vaccinati. Il ritmo con il quale il vaccino dtpa va somministrato, è ogni 10 anni per tutta la vita, ma la prima dose viene raccomandata a 12 anni, cioè appena 7-8 anni dopo la quarta dose di vaccino DTPa. Si tratta di un vaccino che può essere usato solo come richiamo. Vaccino antipolio inattivato e potenziato Tutti i vaccini oggi a disposizione nel nostro Paese sono inattivati e potenziati. Questo vaccino va somministrato con 4 dosi per via intramuscolare, di cui le prime 3 al terzo, quinto e undicesimo-tredicesimo mese, sempre utilizzando il vaccino esavalente combinato e la quarta dose al quinto-sesto anno, preferibilmente utilizzando il vaccino combinato tetravalente (DTPa/IPV). Vaccino contro l epatite B La vaccinazione contro il virus dell epatite B va eseguita con 3 dosi per via intramuscolare, di cui la prima al terzo mese, la seconda al quinto mese e la terza all mese. Di regola questa vaccinazione fa parte del vaccino combinato esavalente. Nei figli di madri HBsAg positive la vaccinazione prevede invece 4 dosi per via intramuscolare: la prima entro ore dalla nascita, la seconda dopo un mese, la terza dopo 2 mesi e la quarta all mese anche in concomitanza con le altre vaccinazioni. Contemporaneamente alla somministrazione della prima dose è previsto l impiego di immuno-globuline specifiche anti-hbv (HBIG). Se al momento della nascita non è ancora conosciuta la situazione della madre nei confronti dell HBV, viene eseguita comunque la somministrazione delle prima dose di vaccino, sempre entro le 12 ore dalla nascita; se la risposta e negativa si prosegue con le altre vaccinazioni anti-hbv come da calendario. Se invece la madre e positiva va continuata la vaccinazione con altre 3 dosi (secondo quanto detto sopra) e va eseguita la somministrazione di HBIG, nel caso in cui la risposta arrivi entro 7 giorni dalla nascita, mentre non va eseguita alcuna somministrazione di HBIG se la risposta positiva arriva dopo il settimo giorno di vita del neonato. In questo ultimo caso, la mancata somministrazione di HBIG nella prima settimana di vita comporta un modesto aumento del rischio di sviluppo di un epatite B nei mesi successivi. Da un punto di vista pratico, nel caso di positività della ricerca dell HBsAg, le prime due dosi vanno eseguite utilizzando un vaccino monocomponente, mentre per la terza dose e le successive il bambino riceverà il vaccino esavalente: ovviamente se si adotta questo schema il lattante riceverà 5 dosi di vaccino contro l epatite B invece di 4, senza che questo comporti alcun rischio. Vaccino contro l Haemophilus influenzae tipo b Le dosi di vaccino sono 3, da impiegare per via intramuscolare: al terzo, quinto e all mese. Anche questo vaccino è contenuto nel vaccino esavalente combinato. Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) La vaccinazione contro morbillo, parotite, rosolia e varicella può essere eseguita contemporaneamente con un vaccino tetravalente o separatamente con il vaccino MPR e con quello della varicella. Sia nell uno che nell altro caso, la vaccinazione consta di due dosi: la prima dose al 13 mese e la seconda al 5-6 anno: l esecuzione della seco nda dose è ritenuta come indispensabile per una buona immunizzazione. La distanza minima fra le due dosi, secondo indicazioni internazionali viene indicata in un mese: tuttavia un indicazione del genere si riscontra unicamente in corso di epidemia, perché è anche

2 vero che quanto maggiore è la distanza e tanto maggiore è la possibilità di ottenere una buona risposta immunitaria. In corso di epidemia la somministrazione della prima dose può essere anticipata al compimento del sesto mese di età; tuttavia poiché nel secondo semestre di vita non tutti i lattanti sono in grado di rispondere al vaccino contro il morbillo e a quello contro la parotite epidemica (la possibilità di risposta è tanto minore quanto minore è l età del vaccinando), di questa prima dose anticipata non viene tenuto conto, per cui la vera prima dose va successivamente effettuata dopo il compimento del primo anno e la seconda vera dose al 5-6 anno. La vaccinazione contro il morbillo (ma non quella contro parotite e rosolia) è efficace anche post-esposizione, quando l esposizione sia stata saltuaria e la vaccinazione venga fatta entro 72 ore dal contatto. La prima dose di MPRV potrà essere effettuata in co-somministrazione con vaccino antimeningococco C coniugato e la seconda con vaccino DTPa/IPV. La vaccinazione contro la rosolia consta di due dosi di vaccino MPRV, di cui la prima al mese e la seconda al 5-6 anno, eventualmente nella stessa seduta con altri vaccini (esavalente o meningococco C coniugato per la prima dose, e DTPa/IPV per la seconda dose). I casi di sospetta rosolia congenita e di sospetta rosolia in gravidanza, per lungo tempo non sorvegliati sistematicamente, dal 2005, con l entrata in vigore del nuovo sistema di sorveglianza, debbono essere notificati tempestivamente con apposito modello di flusso. Dei vaccini contenuti nel tetravalente quello contro la parotite è risultato il meno immunogeno e di conseguenza quello meno efficace sul campo. Tuttavia, secondo l esperienza finlandese e statunitense, quando si raggiungano e si superino coperture del 95%, si assiste prima alla riduzione e poi alla scomparsa dei casi di parotite epidemica. Indubbiamente la campagna condotta contro il morbillo avrà le sue ricadute favorevoli anche nei confronti della parotite. Per i bambini, anamnesticamente negativi per varicella, che effettuano al 5-6 anno la vaccinazione MPRV dopo aver ricevuto una precedente dose di MPR, è indicata la somministrazione di una dose di vaccino antivaricella monovalente da effettuare appena possibile e comunque alla prima occasione opportuna. I bambini, anamnesticamente negativi per varicella, che sono stati vaccinati al mese con solo MPR e non con MPRV possono essere vaccinati prima dei 6 anni, alla prima occasione opportuna, con varicella monovalente e successivamente al 5-6 anno con MPRV. La disponibilità del vaccino tetravalente MPRV permette di agevolare il raggiungimento dei seguenti obiettivi: raggiungere coperture > all 80%, per impedire la comparsa dell effetto perverso, cioè lo spostamento dell età d insorgenza della malattia verso l adolescenza e l età del giovane adulto, quando sono più frequenti le forme complicate; somministrare sempre due dosi, qualunque sia l età del soggetto da vaccinare. Uno dei vantaggi della vaccinazione MPRV risiede anche nel fatto che l aggiunta della vaccinazione contro la varicella non richiede un aumento delle sedute vaccinali da parte dei servizi di vaccinazione. E ormai ampiamente dimostrato che la vaccinazione di un suscettibile non si accompagna mai a una diffusione nell ambiente dei virus vivi attenuati del vaccino, per cui: Può essere vaccinato con MPRV il figlio di una madre suscettibile in stato di gravidanza Può essere vaccinato con MPRV un bambino, convivente con un soggetto immunocompromesso (addirittura con AIDS) senza che questo comporti alcun rischio. Se vacciniamo un adolescente in età fertile, è sufficiente raccomandarle di non entrare in gravidanza entro un mese dall esecuzione dell immunizzazione e non entro 3 mesi come veniva raccomandato fino a qualche anno fa. La vaccinazione con MPRV non va mai eseguita in gravidanza: tuttavia se questa evenienza si verificasse, essa, sulla base di larghe esperienze internazionali, non rappresenterebbe mai un indicazione all interruzione precoce di gravidanza, perché i virus attenuati del vaccino solo

3 eccezionalmente sono stati trovati nella placenta e ancora più di rado nel prodotto del concepimento e che mai (sic!!) sono state osservate conseguenze di qualsiasi tipo, né nell embrione, né nel feto, né nel neonato. Vaccinazione Varicella Soggetti anamnesticamente negativi per varicella all età di 12 anni o più debbono essere vaccinati con due dosi, a distanza di un mese o più l una dall0altra. Vaccini coniugati contro lo pneumococco Abbiamo due nuovi vaccini coniugati multivalenti: uno a 10 componenti e uno a 13. Il vaccino viene somministrato con 3 dosi nel primo anno di vita (al terzo mese, al quinto mese e all mese). Se la vaccinazione inizia nel secondo semestre di vita, vanno eseguite ugualmente 3 dosi a distanza di sei-otto settimane l una dall altra; due dosi se si inizia dopo il compimento del primo anno; una dose se si inizia dopo il compimento del secondo anno. Il vaccino può essere co-somministrato con l esavalente o con qualsiasi altro vaccino. Il vaccino 13-valente deve essere anche offerto gratuitamente in singola dose ai soggetti a rischio, fino a 5 anni. Nel passaggio dal PCV7 al PCV13 vanno seguite alcune raccomandazioni: Soggetti non a rischio naive: 3 dosi di CPV 13 Soggetti non a rischio che abbiano già ricevuto dosi di PCV7: - se hanno ricevuto una dose di PCV7, faranno due dosi di PCVV13 - se hanno ricevuto due dosi di PCV7, faranno una dose di PCV13 - se hanno ricevuto tre dosi di PCV7, è opportuno che facciano una dose di PCV13 Soggetti a rischio naive: 3 dosi di PCV13 Soggetti a rischio che abbiano già ricevuto dosi di PCV7: - se hanno ricevuto una dose di PCV7 (3 mese), far anno 3 dosi di PCV13 (5 mese, 7 mese, mesi) - se hanno ricevuto due dosi di PCV7 (3 mese e 5 mese), faranno due dosi di PCV13 (al 7 mese e a mesi) - se hanno ricevuto tre dosi di PCV7 (3 mese, 5 m ese e 11 mese), faranno due dosi di PCV13 ( a mesi e a mesi) Soggetti a rischio che hanno già ricevuto 3 dosi di PCV7, in età fra 24 e 5anni: due dosi di PCV13 (almeno a 2 mesi l una dall altra) Nati pretermine: schedula naive: quattro dosi di PCV13 al 3, 5, 7 e mese - se hanno ricevuto una dose di PCV7, faranno 3 dosi di PCV13 (5, 7 e mese - se hanno ricevuto due dosi di PCV7, faranno due dosi di PCV13 (7 e mese) - se hanno già fatto tre dosi di PCV7, faranno una dose di PCV13 al 16-1 mese4 La presenza del polisaccaride coniugato dello pneumococco 19, spesso antibioticoresistente, permette di avere finalmente un arma preventiva in mano contro quello che oggi viene considerato come il nemico pubblico numero 1. Per il PCV13 la corrispondenza dei ceppi contenuti nel vaccino con quelli in circolazione in Italia, viene calcolata superiore al 90%, comprese le reattività crociate. Vaccinazione contro il Meningococco C Nella maggior parte delle Nazioni europee e delle Regioni italiane, la schedula adottata per la vaccinazione contro il meningococco C coniugato prevede una dose dopo il compimento del primo anno di vita, invece delle tre dosi, come veniva praticato fino a qualche anno fa. L esperienza olandese ha convinto sull utilità, anche pratica di questa schedula vaccinale. Tuttavia nei soggetti a rischio ambientale è lecito ricorrere ancora alla tre dosi nel primo anno. Nel calendario proposto, accanto alla vaccinazione dei bambini al primo anno di vita, è stata prevista una dose per i ragazzi nel dodicesimo anno di vita, tenendo conto dei dati epidemiologici che indicano chiaramente una ripresa del numero di casi all adolescenza: si tratta cioè di seguire una schedula simile a quella che abbiamo concluso qualche anno fa per l epatite B.

4 E disponibile in Italia un vaccino tetravalente coniugato (A, C, W135, Y) con CRM 197, già in commercio in altri Paesi. Poiché con questo calendario, a cavallo del primo anno di vita, è previsto che siano eseguite 4 vaccinazioni, viene suggerito che in una prima seduta vaccinale vengano eseguite in cosomministrazione le vaccinazioni esavalente + pneumococco, per le quali non è indispensabile aver compiuto il primo anno, e in una seconda, a una distanza di tempo qualsiasi (comunque dopo il compimento dell anno), la co-somministrazione del vaccino MPRV (o MPR + V) e del vaccino coniugato contro il meningococco C. Vaccinazione papillomavirus (HPV) Secondo indicazioni ministeriali, la vaccinazione HPV va eseguita nelle ragazze durante il 12 anno di vita (s intende per dodicesimo anno di vita il periodo compreso fra il compimento degli 11 anni e il compimento dei 12 anni), con possibilità di utilizzo del vaccino dall età di 9 anni all età di 26 anni. In molte Regioni sono state invitate gratuitamente alla vaccinazione anche altre coorti di età, ben oltre il 12 anno di vita. Quanto maggiore sarà il numero dei soggetti di sesso femminile sottoposti alla vaccinazione HPV e tanto prima arriveremo all obiettivo finale, cioè alla riduzione del numero dei cancri dell utero. La sequenza delle somministrazioni varia a seconda del vaccino usato: Cervarix (papillomavirus 16 e 18): tre dosi, al tempo 0, 1 e 6 mesi Gardasil (papillomavirus 6, 11, 16 e 18): tre dosi al tempo 0, 2 e 6 mesi 1 Nei confronti del cancro del collo dell utero i due vaccini sono ugualmente efficaci (efficacia del % in donne trattate per protocollo). L immunizzazione attiva con questi vaccini e le prove di screening in uso da decenni (prova di Papanicolaous) sono da considerare come ambedue altamente efficaci e non in contrasto l una con l altra: la prima è un esempio classico di prevenzione primaria, mentre la seconda è una prevenzione secondaria. E evidente che le prove di screening non possono assolutamente essere sospese nei soggetti vaccinati, perché la vaccinazione da sola non protegge verso tutti i tipi di HPV, ma soltanto per quel 70% dei cancri dovuti ai papillomavirus 16 e 18. Di recente è stato dimostrato che altri tipi di papillomavirus strettamente legati al 16 e al 18 nell albero filogenetico sono limitati nella loro crescita e quindi nello sviluppare il cancro: complessivamente si può calcolare che la vaccinazione attuale copra probabilmente l 80% dei cancri del collo dell utero. Gli effetti collaterali della vaccinazione sono molto limitati. Poiché il vaccino viene somministrato in soggetti di sesso femminile in età preadolescenziale/adolescenziale è possibile che la somministrazione del vaccino sia coincidente con la comparsa di malattie autoimmunitarie (diabete mellito, tiroidite di Hashimoto, artrite idiopatica giovanile, lupus eritematoso sistemico e altre) così frequenti in queste età della vita. Sono disponibili dati sull l incidenza di queste malattie nelle giovani donne, prima dell introduzione della vaccinazione: Vaccinazione contro l influenza stagionale Ogni anno la circolare del Ministero della Salute indica la composizione del nuovo vaccino antinfluenzale ed i soggetti a rischio per le complicanze dell influenza ai quali esso va offerto gratuitamente. Vaccinazione contro i Rotavirus (RV) La possibilità di disporre di vaccini utili per la prevenzione di massa della gastroenterite acuta da RV, ha fatto sì che, vista l epidemiologia della malattia, le sue complicanze, i costi diretti ed indiretti, il carico di lavoro che determina per tutta la Sanità, sia necessario inserire questo vaccino tra quelli da rendere disponibili, su consiglio del pediatra di famiglia, in copagamento. Esistono due vaccini che hanno caratteristiche e schedule differenti:

5 - uno contiene un ceppo umano vivo ed attenuato, si somministra per bocca in due dosi a distanza di quattro settimane a partire dalla 6 settimana di v ita ed è co-somministrabile con la altre vaccinazioni previste per l età; il ciclo dovrebbe essere effettuato preferibilmente entro la 16 settimana di età; - l altro è costituito da 5 ceppi di virus vivo attenuato umano-bovino, si somministra per bocca in tre dosi a partire dalle sei settimane di età con un intervallo di almeno 4 settimane tra una dose e l altra ed è co-somministrabile con la altre vaccinazioni previste per l età; è preferibile che le tre dosi siano somministrate prima delle settimane e non oltre gli 8 mesi di età.

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Anno 2013 A cura: C. Braida, T. Gallo Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria,politiche sociali e famiglia Regione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014 Oggetto: Piano regionale vaccinazioni. Assegnazione alle Aziende Sanitarie regionali delle risorse disponibili nel Bilancio Regionale 2014 ( 800.000 - UPB S05.01.001 capitolo SC 05.0023). L Assessore dell

Dettagli

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*"

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF ((*03/.&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&357$$*/-&/&--3&(*0/&'3*6-*7&/&;* (*6-* %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF PHHFUUP "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*" %FCPSB4&33"$$)*"/* 1SFTJEFOUF 4FSHJP#0-;0/&--0 7JDF1SFTJEFOUF

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Calendario vaccinale della Regione Toscana e direttive in materia di vaccinazioni. Aggiornamento aprile 2015.

Calendario vaccinale della Regione Toscana e direttive in materia di vaccinazioni. Aggiornamento aprile 2015. Allegato 1 Calendario vaccinale della Regione Toscana e direttive in materia di vaccinazioni. Aggiornamento aprile 2015. INDICE Introduzione 1 Il calendario vaccinale universale 2 Le vaccinazioni per i

Dettagli

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 A due anni dalla prima edizione, il Calendario per la Vita si rinnova e si aggiorna. La creazione di una collaborazione strutturata e permanente tra Società

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

Ai Pediatri di libera scelta Ai Medici di Medicina Generale ASP Siracusa

Ai Pediatri di libera scelta Ai Medici di Medicina Generale ASP Siracusa Corso Gelone, 17-96100 Siracusa C.F./P.I. 01661590891 REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE S I R A C U S A U.O.C. SEMP Direttore Dott.ssa Maria Lia Contrino Traversa La Pizzuta (ex ONP) - 96100

Dettagli

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Dr. Mino Baitelli Dirigente Medico Responsabile della

Dettagli

Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini

Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini G. Gabutti Dipartimento di Prevenzione S.C. Igiene e Sanità Pubblica ASL 4 Chiavarese Regione Liguria Corso Vaccinazioni: consolidare

Dettagli

Calendario Vaccinale per la Vita

Calendario Vaccinale per la Vita Calendario Vaccinale per la Vita RAZIONALE Le più importanti federazioni che rappresentano le cure primarie per il bambino (FIMP - Federazione Italiana Medici Pediatri) e per l adulto (FIMMG - Federazione

Dettagli

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma TETANO - Anatossina - Tempi 0, 1, 6 mesi - Richiami ogni 10 anni dopo almeno

Dettagli

DOCUMENTI DI INDIRIZZO RECOMMENDATIONS

DOCUMENTI DI INDIRIZZO RECOMMENDATIONS DOCUMENTI DI INDIRIZZO RECOMMENDATIONS WWW.EPIPREV.IT IL CALENDARIO VACCINALE PER LA VITA 2014 PREDISPOSTO DALLE SOCIETÀ SCIENTIFICHE ITALIANE THE 2014 LIFETIME IMMUNIZATION SCHEDULE APPROVED BY THE ITALIAN

Dettagli

Regione Lazio. Atti del Presidente della Regione Lazio 13/11/2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 63

Regione Lazio. Atti del Presidente della Regione Lazio 13/11/2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 63 Regione Lazio Atti del Presidente della Regione Lazio Decreto del Commissario ad Acta 5 novembre 2012, n. U00192 Presa d'atto dell'intesa ai sensi dell'art. 8 comma 6 della Legge 5 giugno 2003 n. 131 tra

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio organizzazione e qualità delle attività sanitarie PIANO PROVINCIALE DI PROMOZIONE DELLE VACCINAZIONI PER LA PROVINCIA DI TRENTO Gennaio 2012 1. Introduzione...2 Contesto

Dettagli

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI?

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI? In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi di tetano, circa 60.000 casi di morbillo e 30.000

Dettagli

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0 Le vaccinazioni Lezioni di igiene ed educazione sanitaria Anno accademico: 2008-20092009 Le vaccinazioni Costituiscono un intervento per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive Cos è un

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Incontriamo i Medici competenti Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Intervento a cura di: Marino Faccini Milano 28 maggio 2014 Le vaccinazioni hanno sempre un impatto di Sanità Pubblica Contesto

Dettagli

Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita

Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita Italo Guido Ricagni MMG S.I.M.P.eS.V. (Soc. It. di Med.di Prevenzione e Stili di Vita) La prevenzione come stile di vita VACCINAZIONI IMPORTANTI ECONOMICHE

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241 9896 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 18 febbraio 2013, n. 241 Intesa Stato-Regioni 22 febbraio 2012: Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2012-2014. Recepimento e adozione Calendario Regionale

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri

I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Umana Sezione Igiene I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri Elementi di valutazione delle autorità regolatorie! Efficacia

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti 2015 MOTORE SANITÀ STATI GENERALI DELLA SANITÀ REGIONE DEL VENETO 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino Prevenzione in Sanità:

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Aggiornamento: dicembre 2013 a cura di

RASSEGNA STAMPA Aggiornamento: dicembre 2013 a cura di COMUNICATO STAMPA CONGIUTO Da SItI, SIP, FIMP e FIMMG l appello a offrire gratuitamente il vaccino contro il meningococco B a tutti i lattanti italiani 12 dicembre 2013 RASSEGNA STAMPA Aggiornamento: dicembre

Dettagli

Il bambino immigrato con stato vaccinale sconosciuto.

Il bambino immigrato con stato vaccinale sconosciuto. Il bambino immigrato con stato vaccinale sconosciuto. GHINELLI Giuseppe - Pediatra S.C. Assistenza Consultoriale ASL3 Genovese Circolare Ministeriale n.8 del 23/3/1993 "Documenti di vaccinazione per minori

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Massimo Cornale Angela Garbini Monica Mascellani AUSL di Ferrara tratto da Francesca Russo Veneto Maria Grazia Pascucci- Emilia Romagna Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI

PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI a cura dalla Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) Vaccino Gruppo di Età Tetano, Difterite, pertosse per

Dettagli

I vaccini come strumento di prevenzione

I vaccini come strumento di prevenzione I vaccini come strumento di prevenzione Stefania Salmaso Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità Stele egiziana 3000 AC Agente contro Ospite

Dettagli

I vaccini. guida per gli insegnanti HEALTHY FOUNDATION HEALTHY FOUNDATION

I vaccini. guida per gli insegnanti HEALTHY FOUNDATION HEALTHY FOUNDATION I vaccini guida per gli insegnanti HEALTHY FOUNDATION HEALTHY FOUNDATION Introduzione Caro insegnante, questa breve guida si propone di offrire spunti ed elementi di maggiore conoscenza riguardo alle vaccinazioni.

Dettagli

Un Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale Tanti Piani Regionali Prevenzione Vaccinale

Un Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale Tanti Piani Regionali Prevenzione Vaccinale 24 maggio 2014 Un Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale Tanti Piani Regionali Prevenzione Vaccinale Elisabetta Franco Dipartimento di Biomedicina e Prevenzione Università di Roma Tor Vergata Nuovo calendario

Dettagli

Calendario Vaccinale per la Vita Modifica ed integrazione del Calendario Vaccinale della Regione Sicilia adottato con D.A.

Calendario Vaccinale per la Vita Modifica ed integrazione del Calendario Vaccinale della Regione Sicilia adottato con D.A. 1 D.A. n :0820/12 ALLEGATO A Calendario Vaccinale per la Vita Modifica ed integrazione del Calendario Vaccinale della Regione Sicilia adottato con D.A. n 01819/10 Premessa I vaccini hanno cambiato la storia

Dettagli

PIANO DELLE VACCINAZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA

PIANO DELLE VACCINAZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA PIANO DELLE VACCINAZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA SOMMARIO A. Premessa B. Quadro normativo di riferimento C. Fonti utilizzate D. Obiettivi prioritari E. Calendario Regionale delle Vaccinazioni F. Ruoli e

Dettagli

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Il Piano provinciale per la promozione delle vaccinazioni ha una durata triennale, coprendo gli anni 2012, 2013 e 2014.

Dettagli

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. I vaccini contro la varicella: dati disponibili e modalità di impiego

I T A L I A N J O U R N A L O F P U B L I C H E A L T H. I vaccini contro la varicella: dati disponibili e modalità di impiego I vaccini contro la varicella: dati disponibili e modalità di impiego Il vaccino a virus vivi ed attenuati (ceppo OKA) è stato messo a punto da Takahashi e coll. ed attualmente i vaccini disponibili commercialmente

Dettagli

Età alla somministrazione

Età alla somministrazione Età alla somministrazione 7 C a p i t o l o Molti fattori influenzano la scelta dell età alla quale i vaccini vengono somministrati: l interferenza potenziale con le risposte immuni da parte degli anticorpi

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Progetto per il miglioramento delle coperture vaccinali con particolare

Dettagli

Top news Progetto ASCO

Top news Progetto ASCO Società Italiana di MEDICINA GENERALE Top news Il calendario vaccinale per gli adulti e gli anziani Paolo Bonanni Professore Ordinario di Igiene, Dipartimento di Sanità Pubblica, Università di Firenze

Dettagli

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Assessorato alla Sanità Direzione Regionale Prevenzione LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina e il metodo più efficace per combattere

Dettagli

Strategie di vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita

Strategie di vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita Strategie di vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita Target della vaccinazione per la prevenzione della Rosolia Congenita 1. Adolescenti 2. Donne suscettibili in età fertile 3. Gruppi difficili

Dettagli

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE PREVENIBILI DA VACCINAZIONE: RISULTATI E IMPLICAZIONI PER LA PREVENZIONE Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione F. Russo, G. Napoletano

Dettagli

VACCINI VACCINAZIONI SIERI

VACCINI VACCINAZIONI SIERI VACCINI VACCINAZIONI SIERI 1 IMMUNITA INNATA ACQUISITA ARTIFICIALE NATURALE ATTIVA (VACCINAZIONE) PASSIVA (SIEROPROFILASSI) ATTIVA (INFEZIONE) PASSIVA (PLACENTA) 2 2 IMMUNITA PASSIVA Immunità passiva artificiale:

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08

Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08 Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08 Regione Proponente: Regione Veneto Linea Progettuale: VACCINAZIONI - Mantenimento/implementazione del Sistema Vaccinale Referente:

Dettagli

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2003

CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2003 CONFERENZA STATO REGIONI SEDUTA DEL 13 NOVEMBRE 2003 Repertorio Atti n. 1857 del 13 novembre 2003 Oggetto: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province Autonome di sul documento recante

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

Ministero della Sanità

Ministero della Sanità Ministero della Sanità Circolare n. 5 del 7 aprile 1999 Il nuovo calendario delle vaccinazioni obbligatorie e raccomandate per l'età evolutiva Gli obiettivi adottati dall'ufficio Regionale Europeo dell'organizzazione

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI PER GLI OPERATORI SANITARI

DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI PER GLI OPERATORI SANITARI DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI PER GLI OPERATORI SANITARI Settimana Europea della Vaccinazione 1. COME CI DIFENDIAMO DALLE MALATTIE INFETTIVE? Le difese dell organismo contro microrganismi

Dettagli

http://www.eurosurveillance.org/viewarticle.aspx?articleid=20183 Obbligo vaccinale in Europa: assenza di strategie condivise

http://www.eurosurveillance.org/viewarticle.aspx?articleid=20183 Obbligo vaccinale in Europa: assenza di strategie condivise Obbligo vaccinale in Europa: assenza di strategie condivise I vaccini proposti ai bambini nei 29 Paesi europei (27 dell'unione europea, più Islanda e Norvegia) sono 15: alcuni sono obbligatori per tutti,

Dettagli

Morbillo & Co.: quando il "frastuono" non fa l'informazione

Morbillo & Co.: quando il frastuono non fa l'informazione Morbillo & Co.: quando il "frastuono" non fa l'informazione Il 30 gennaio 15, si è riunito a Copenaghen il gruppo ETAGE dell OMS (European Technical Advisory Group of Experts on Immunization) per fare

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012-2014 1 INDICE DEL PIANO Prefazione Introduzione Il contesto Gli obiettivi del Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2012-2014 Superamento

Dettagli

ASSESSORATO ALLA SANITÀ

ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLA SANITÀ ASSESSORATO ALLA SANITÀ DIREZIONE REGIONALE PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina e il metodo

Dettagli

INDICE. Influenza... 26 Infezioni da Rotavirus... 27 Epatite A... 28 Altre informazioni utili... 29

INDICE. Influenza... 26 Infezioni da Rotavirus... 27 Epatite A... 28 Altre informazioni utili... 29 INDICE LEGENDA... 2 CALENDARIO DELLE VACCINAZIONI PEDIATRICHE... 3 Offerta attiva e gratuita... 3 Per le ragazze: offerta attiva e gratuita... 3 Offerta attiva e gratuita per gruppi a rischio... 3 LE VACCINAZIONI

Dettagli

Sommario. Introduzione pag. 04. Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06. Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09

Sommario. Introduzione pag. 04. Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06. Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09 Sommario Introduzione pag. 04 Calendario Regionale delle vaccinazioni pag. 06 Vaccinazione contro la poliomielite pag. 09 Vaccinazione contro la difterite e il tetano pag. 11 Vaccinazione contro l epatite

Dettagli

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI TERZA SEZIONE VACCINAZIONI Obiettivi generali di Piano: - Realizzazione della gestione informatizzata delle vaccinazioni - Miglioramento della qualità dell offerta vaccinale - Aumento delle coperture nelle

Dettagli

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara

Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara VACCINO ANTI MORBILLO, ROSOLIA, PAROTITE E VARICELLA Gianni Bona, Carla Guidi Università del Piemonte Orientale A. Avogadro Clinica Pediatrica di Novara Morbillo, parotite, rosolia e varicella sono patologie

Dettagli

Introduzione di un nuovo vaccino nel contesto di prevenzione italiano e regionale

Introduzione di un nuovo vaccino nel contesto di prevenzione italiano e regionale Introduzione di un nuovo vaccino nel contesto di prevenzione italiano e regionale Nicola Nicolotti 1, Maria Rosaria Gualano 1, Flavia Kheiraoui 1, Paolo Castiglia 2, Eugenio Anessi Pessina 1, Walter Ricciardi

Dettagli

6. VACCINAZIONI E CATEGORIE PROFESSIONALI

6. VACCINAZIONI E CATEGORIE PROFESSIONALI 1. Vaccinazioni obbligatorie 2. Vaccinazioni raccomandate 3. Vaccinazioni per i lavoratori che si recano all estero 4. Sicurezza delle vaccinazioni 5. Vaccino antitetanico 6. Vaccino contro la febbre tifoide

Dettagli

La vaccinazione dei pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali ematopoietiche

La vaccinazione dei pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali ematopoietiche Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria sanita.pubblica@regione.piemonte.it Novembre 2014 La vaccinazione dei pazienti sottoposti a trapianto di cellule staminali ematopoietiche 1. Introduzione

Dettagli

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA

LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA ASSESSORATO ALLA SANITÀ DIREZIONE REGIONALE PREVENZIONE LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA Le vaccinazioni rappresentano una delle più importanti conquiste della medicina e il metodo più efficace per combattere

Dettagli

Manuale regionale - Linee guida per la effettuazione delle vaccinazioni

Manuale regionale - Linee guida per la effettuazione delle vaccinazioni 1 Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE - COSENZA DIPARTIMENTO AREA PREVENZIONE PAOLA Manuale regionale - Linee guida per la effettuazione delle vaccinazioni 2 Indice 1 Introduzione pag. 4 2 Calendario

Dettagli

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009

VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 VACCINO Le domande più frequenti Ultimo aggiornamento: 30 Ottobre 2009 1. Quando sarà disponibile il vaccino pandemico per il nuovo virus A(H1N1)? Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

EP/AL/66 MALATTIE PREVENIBILI DA VACCINO

EP/AL/66 MALATTIE PREVENIBILI DA VACCINO EP/AL/66 MALATTIE PREVENIBILI DA VACCINO Attività dell anno 2007 in Regione Piemonte Settembre 2008 MALATTIE PREVENIBILI DA VACCINO Attività dell anno 2007 in Regione Piemonte A cura di: Barale A., Malaspina

Dettagli

PIANO DELLE VACCINAZIONI

PIANO DELLE VACCINAZIONI PIANO DELLE VACCINAZIONI 1.Premessa Il Piano Nazionale Vaccini 2005-2007 ha stabilito gli indirizzi per il mantenimento o raggiungimento degli obiettivi fissati in ordine alla prevenzione e controllo delle

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE PER CONSENSO INFORMATO ALLA VACCINAZIONE

SCHEDE INFORMATIVE PER CONSENSO INFORMATO ALLA VACCINAZIONE SCHEDE INFORMATIVE PER CONSENSO INFORMATO ALLA VACCINAZIONE VACCINAZIONE ANTIPOLIOMIELITICA POLIOMIELITE La poliomielite è una malattia causata da virus che colpiscono alcune cellule nervose responsabili

Dettagli

ASL di Vallecamonica/Sebino

ASL di Vallecamonica/Sebino ASL di Vallecamonica/Sebino DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene e Sanità Pubblica Informazione aigenitori ASL di Vallecamonica-Sebino Anno 2008 Dipartimento di Prevenzione Direttore: Dr.ssa Giuliana

Dettagli

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Versione: 09.10.2013 Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale 1. Cos è il sistema immunitario?

Dettagli

Prefazione...7 Introduzione...9 Ringraziamenti...13 Principali fonti bibliografiche...15. Sezione I NOZIONI GENERALI DI VACCINOPROFILASSI

Prefazione...7 Introduzione...9 Ringraziamenti...13 Principali fonti bibliografiche...15. Sezione I NOZIONI GENERALI DI VACCINOPROFILASSI Prefazione...7 Introduzione...9 Ringraziamenti...13 Principali fonti bibliografiche...15 Sezione I NOZIONI GENERALI DI VACCINOPROFILASSI Capitolo 1 - CONCETTI GENERALI DI IMMUNOPROFILASSI...23 1 - Sieri

Dettagli

Morbillo Rosolia, Parotite e Varicella: aggiornamenti epidemiologici e nuove prospettive di intervento

Morbillo Rosolia, Parotite e Varicella: aggiornamenti epidemiologici e nuove prospettive di intervento Morbillo Rosolia, Parotite e Varicella: aggiornamenti epidemiologici e nuove prospettive di intervento G. Gabutti Dipartimento di Prevenzione S.C. Igiene e Sanità Pubblica ASL 4 Chiavarese Regione Liguria

Dettagli

La Campagna Straordinaria di Recupero

La Campagna Straordinaria di Recupero La Campagna Straordinaria di Recupero Strategie di vaccinazione da attuare per eliminare il morbillo Raggiungere e mantenere nel tempo coperture vaccinali entro i 2 anni per una dose di MPR > 95%. Vaccinare

Dettagli

La rosolia nella donna in gravidanza

La rosolia nella donna in gravidanza La rosolia nella donna in gravidanza ROSOLIA Trasmissione materno-fetale Trasmissione transplacentare Nel corso della fase viremica con o senza manifestazioni cliniche L infezione fetale dopo reinfezione

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione. G. Napoletano

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione. G. Napoletano AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Indicatori di performance e di risultati nei programmi di controllo della diffusione delle malattie infettive Regione Veneto G. Napoletano Padova 04.11.2011

Dettagli

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE e SERVIZI SOCIALI SERVIZIO PREVENZIONE LINEE GUIDA PER L ELIMINAZIONE DI MORBILLO E ROSOLIA CONGENITA IN LIGURIA

REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE e SERVIZI SOCIALI SERVIZIO PREVENZIONE LINEE GUIDA PER L ELIMINAZIONE DI MORBILLO E ROSOLIA CONGENITA IN LIGURIA REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO SALUTE e SERVIZI SOCIALI SERVIZIO PREVENZIONE LINEE GUIDA PER L ELIMINAZIONE DI MORBILLO E ROSOLIA CONGENITA IN LIGURIA 1 SOMMARIO 1. Epidemiologia di Morbillo, Rosolia e Parotite

Dettagli

INDICE. Vaccini che prevengono alcune forme di meningite Infezioni da Stretptococcus pneumoniae (pneumococco) pag. 26. Informazioni ai genitori pag.

INDICE. Vaccini che prevengono alcune forme di meningite Infezioni da Stretptococcus pneumoniae (pneumococco) pag. 26. Informazioni ai genitori pag. INDICE Informazioni ai genitori pag. 3 Attacco e difesa pag. 5 Risposta sicura pag. 7 Regole e raccomandazioni pag. 8 Calendario delle vaccinazioni pediatriche pag. 9 Nel primo anno di vita pag. 12 Un

Dettagli

Programma di vaccinazione con vaccino anti-pneumococcico coniugato (PCV) 13-valente. Nota operativa sintetica

Programma di vaccinazione con vaccino anti-pneumococcico coniugato (PCV) 13-valente. Nota operativa sintetica ALLEGATO B Programma di vaccinazione con vaccino anti-pneumococcico coniugato (PCV) 13-valente Nota operativa sintetica 1) Strategia d intervento e popolazione bersaglio A partire dal 15 ottobre 2015,

Dettagli

IL VACCINO ESAVALENTE

IL VACCINO ESAVALENTE IL VACCINO ESAVALENTE (Difterite-Tetano-Pertosse acellulare, Polio, Hib, Epatite B) Cosa c è da sapere I vaccino esavalente protegge da 6 gravi malattie, causate da virus e batteri. Queste ma- sintomi,

Dettagli

Proposta di Calendario Vaccinale FIMP 2008-2009

Proposta di Calendario Vaccinale FIMP 2008-2009 Proposta di Calendario Vaccinale FIMP 2008-2009 Vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio

Dettagli

RELAZIONE ATTIVITA 2014

RELAZIONE ATTIVITA 2014 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DIRETTORE DR. ANTONIO MAGGIOLO RELAZIONE ATTIVITA 2014 EPIDEMIOLOGIA E PROFILASSI DELLE MALATTIE INFETTIVE DR. SSA KATIA CERVATO ASV PAOLA PASQUIN ASV MONICA BARBIERI ASV DARIA

Dettagli

Le vaccinazioni. La loro efficacia. Le modalità di somministrazione. Giancarlo Malchiodi ASL di Bergamo Dipartimento di Prevenzione Medico

Le vaccinazioni. La loro efficacia. Le modalità di somministrazione. Giancarlo Malchiodi ASL di Bergamo Dipartimento di Prevenzione Medico Le vaccinazioni. La loro efficacia. Le modalità di somministrazione Giancarlo Malchiodi ASL di Bergamo Dipartimento di Prevenzione Medico Vaccini e sicurezza I vaccini hanno una elevata sicurezza perché

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI

DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI 23-30 Aprile 2011 DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI 1. COME CI DIFENDIAMO DALLE MALATTIE INFETTIVE? Le difese dell organismo contro microrganismi invasori sono di tre ordini: comportamentali,

Dettagli

RETE DEI REFERENTI REGIONALI FIMP PER LE VACCINAZIONI SCHEDE PER I GENITORI SULLE VACCINAZIONI

RETE DEI REFERENTI REGIONALI FIMP PER LE VACCINAZIONI SCHEDE PER I GENITORI SULLE VACCINAZIONI RETE DEI REFERENTI REGIONALI FIMP PER LE VACCINAZIONI SCHEDE PER I GENITORI SULLE VACCINAZIONI Rete dei Referenti Regionali FIMP per le Vaccinazioni seguici su: @ReteVacciniFIMP www.facebook/fimpretevaccini

Dettagli

Le malattie infettive

Le malattie infettive Le malattie infettive Le malattie infettive continuano a rappresentare un rilevante problema sanitario, nonostante la disponibilità, per molte di esse, di efficaci interventi di prevenzione e di cura.

Dettagli

LE VACCINAZIONI DEI BAMBINI

LE VACCINAZIONI DEI BAMBINI dedicato ai genitori Direzione Sanità Settore Prevenzione e Veterinaria INDICE LEGENDA...3 Offerta attiva e gratuita...4 Per le ragazze: offerta attiva e gratuita...4 Offerta attiva e gratuita per gruppi

Dettagli

IL VACCINO ESAVALENTE

IL VACCINO ESAVALENTE IL VACCINO ESAVALENTE (Difterite-Tetano-Pertosse acellulare, Polio, Hib, Epatite B) Cosa c è da sapere I vaccino esavalente protegge da 6 gravi malattie, causate da virus e batteri. Queste ma- sintomi,

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DEOMIAZIOE DEL MEDICIALE imenrix polvere e solvente per soluzione iniettabile in siringa preriempita Vaccino coniugato meningococcico gruppo

Dettagli

S.C. Igiene e Sanità Pubblica

S.C. Igiene e Sanità Pubblica Informazioni sulle vaccinazioni dalla nascita ai due anni S.C. Igiene e Sanità Pubblica vaccino Poliomielite Epatite B Difterite Tetano Pertosse Emofilo Pneumococco Meningococco B *vedi nota alla nascita

Dettagli

IL medico di medicina generale vaccinazioni non obbligatorie. Antonio Nigro

IL medico di medicina generale vaccinazioni non obbligatorie. Antonio Nigro IL medico di medicina generale vaccinazioni non obbligatorie OMS E necessaria una elevata copertura vaccinale per evitare la diffusione delle malattie prevenibili da vaccino all interno di una comunità.

Dettagli

ASL di Vallecamonica/Sebino

ASL di Vallecamonica/Sebino ASL Vallecamonica-Sebino ASL di Vallecamonica/Sebino DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Igiene e Sanità Pubblica Informazione aigenitori ASL di Vallecamonica-Sebino Anno 2008 Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PREVENZIONE PRIMARIA: LA VACCINAZIONE HPV

PREVENZIONE PRIMARIA: LA VACCINAZIONE HPV LA PREVENZIONE DEL CERVICO-CARCINOMA A MANTOVA: PASSATO PRESENTE FUTURO Mantova 29 novembre 2013 PREVENZIONE PRIMARIA: LA VACCINAZIONE HPV Dipartimento Prevenzione Medica ASL di Mantova Servizio Igiene

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale Che cos è la meningite? La meningite è un infiammazione delle membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale, che può essere causata da virus o batteri. Le forme virali sono solitamente più lievi

Dettagli

PROGETTO (dicembre 2009)

PROGETTO (dicembre 2009) All. 2 PROGETTO (dicembre 2009) Progetto relativo alla linea del PNP: VACCINAZIONI TITOLO DEL PROGETTO: Mantenimento/implementazione del Sistema Vaccinale veneto Obiettivi Iniziali del Progetto: miglioramento

Dettagli

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 : vaccini Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 03/2011 34-38 Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 A cura della Commissione Vaccini della SIAIP

Dettagli

LE VACCINAZIONI IN PARTICOLARI SITUAZIONI

LE VACCINAZIONI IN PARTICOLARI SITUAZIONI LE VACCINAZIONI IN PARTICOLARI SITUAZIONI 5 C A P I T O L O Esistono particolari situazioni fisiologiche o patologiche, o alcune circostanze della vita, o alcuni mestieri e professioni, nei quali per le

Dettagli