MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA"

Transcript

1 WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione MODELLO ARD Advanced Rehabilitation in Dementia Castellanza, 24 marzo 2015 a cura di DOTT. LIVIO DAL BOSCO DOTT. DAVIDE BARRA

2 I Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Geriatria Dipartimento di Scienze Cardiovascolari, Respiratorie, Nefrologiche, Anestesiologiche e Geriatriche Direttore: Prof. M.Cacciafesta Studio prospettico caso controllo per l elaborazione di un nuovo modello di riabilitazione cognitiva nel paziente anziano con demenza: MODELLO ARD (Advanced Rehabilitation in Dementia)

3 NEUROPLASTICITA Attività fisica Riabilitazione cognitiva classica Stimolazione Neurosensoriale Rete sociale di BDNF Aumentare il livello e la neurogenesi nell ippocampo adulto Onténiente B., Neuroplasticity: from physiological Osservatorio adaptation Settoriale sulle to RSA the concept of therapeutic plasticity. J.Soc Biol Apr 10.

4 STUDIO ARD (Advanced Rehabilitation in Dementia) End point primario Dimostrare l efficacia di un nuovo modello di riabilitazione neurocognitiva sulla performance cognitiva dei pazienti studiati rispetto ad un gruppo controllo trattato con un metodo riabilitativo tradizionale End point secondari Valutare gli effetti sulla riduzione della disabilità e sulla correzione dei disturbi del comportamento e valutare il miglioramento della qualità di vita nel gruppo di pazienti studiato

5 SOGGETTI COINVOLTI A) 30 pazienti ricoverati presso la Residenza Sanitaria Assistenziale Valle dei Laghi di Cavedine (TN); B) un gruppo controllo di 30 pazienti ricoverati presso la Residenza Sanitaria Assistenziale San Germano di Piedimonte S.Germano (FR). Il numero complessivo di soggetti coinvolti nello studio è 60. Sono stati inclusi nello studio pazienti che alla fine della valutazione clinica e cognitivo- comportamentale presentavano diagnosi di demenza sia neurodegenerativa che vascolare di lievemoderata-severa entità con disturbi del comportamento, quali principalmente agitazione psicomotoria, labilità emotiva, depressione del tono dell umore ed insonnia. età > 65 anni entrambi i sessi Sono stati esclusi dallo studio tutti i pazienti sottoposti ad un trattamento farmacologico specifico per il deficit cognitivo (inibitori dell acetilcolinesterasi e/o memantina).

6 TEST ENTRATA MMSE (Mini Mental State Examination) Scale di autonomia Barthel, ADL e IADL (Activity of Daily Living e Instrumental Activity of Daily Living) Scale di valutazione motoria (Tinetti) Scale comportamentali (Neuropsychiatric Inventory, Geriatric Depression Scale). GRUPPI SPERIMENTALI Gruppo sperimentale con deficit cognitivo di grado lieve (Clinical Dementia Rating Scale 1) Gruppo sperimentale con deficit cognitivo di grado moderato (Clinical Dementia Rating Scale 2) Gruppo sperimentale con deficit cognitivo di grado severo (Clinical Dementia Rating Scale 3).

7 Al tempo T0: I pazienti appartenenti al campione sperimentale con CDR 1, sono stati sottoposti alla seguente batteria di test: Alzheimer s Disease Assessment Scale (ADAS cog); I pazienti appartenenti al gruppo sperimentale con CDR2, sono stati sottoposti alla seguente batteria di test: Montreal Cognitive Assessment (MoCA); I pazienti appartenenti al gruppo sperimentale con CDR3, sono stati sottoposti alla seguente batteria di test: Severe Impairment Battery (SIB); Analoga valutazione è stata effettuata al tempo T0 per il gruppo controllo di pazienti ricoverati presso la Residenza Sanitaria Assistenziale San Germano di Piedimonte S.Germano (FR)

8 Punteggio MMSE Punteggio medio MMSE per punteggio CDR 30,0 25,0 24,6 20,0 18,8 15,0 10,0 7,7 5,0 0,0 Punteggio medio MMSE per punteggio CDR CDR1 CDR2 CDR3 Punteggio CDR GRUPPO DI CONTROLLO 30 pazienti, ricoverati presso la Residenza Sanitaria Assistenziale San Germano di Piedimonte S. Germano (FR), omogeneo per età, sesso, comorbidità e trattamento farmacologico rispetto al campione oggetto del nostro studio e analogamente abbiamo sottoposto questi pazienti a somministrazione di batteria di test neuropsicologici di screening.

9 STUDIO ARD (Advanced Rehabilitation in Dementia) Il gruppo sperimentale di pazienti con CDR1 è stato sottoposto a sedute di esercizi di riabilitazione neurocognitiva così articolati: Musicoterapia: una seduta settimanale Stimolazione cognitiva multimediale: una seduta settimanale ROT therapy formale: due sedute settimanali. Pet therapy: una seduta settimanale Memory training : due sedute settimanali

10 STUDIO ARD (Advanced Rehabilitation in Dementia) Il gruppo sperimentale di pazienti con CDR2 è stato sottoposto ai seguenti esercizi di riabilitazione neurocognitiva: Terapia occupazionale: due sedute settimanali Musicoterapia: una seduta settimanale Pet therapy: una seduta settimanale Reminiscenza: due sedute settimanali ROT formale : una seduta settimanale ROT informale : una seduta giornaliera

11 STUDIO ARD (Advanced Rehabilitation in Dementia) Il gruppo sperimentale di pazienti con CDR3 è stato sottoposto ai seguenti esercizi di riabilitazione neurocognitiva: Musicoterapia: una seduta settimanale Pet therapy: una seduta settimanale Stimolazione multisensoriale in snoezelen room per 4 sedute settimanali

12 Il trattamento Snoezelen

13 Gruppo di controllo Pet therapy: una seduta ogni 15 giorni Terapia occupazionale (lettura di quotidiani, lavoro a maglia/uncinetto; disegno e pittura): tre sedute settimanali I soggetti sono stati divisi in gruppi di 10 pazienti e sottoposti a sedute di riabilitazione neurocognitiva della durata di 45 minuti. Ogni tre mesi, i soggetti (gruppo sperimentale e gruppo controllo), sono stati sottoposti a specifiche batterie di test neuropsicologici per valutare il miglioramento della performance cognitiva, la riduzione della disabilità e il miglioramento nei disturbi del comportamento. Per entrambi i gruppi è stato programmato un follow-up a tre, sei e nove mesi con completa rivalutazione clinica, cognitiva, comportamentale e funzionale.

14 STUDIO ARD (Advanced Rehabilitation in Dementia) I pazienti appartenenti al campione di controllo CDR1 e CDR2 sono stati sottoposti a esercizi di riabilitazione neurocognitiva di tipo «convenzionale»: Terapia occupazionale (lettura di quotidiani, lavoro a maglia/uncinetto, disegno e pittura): tre sedute settimanali Pet therapy: una seduta ogni 15 giorni Gruppo CDR3 escluso dalla riabilitazione cognitiva!

15 I pazienti CDR1 (gruppo sperimentale e gruppo controllo) sono stati sottoposti a somministrazione di: Mini Mental State Examination Activity of Daily Living e Instrumental Activity of Daily Living Barthel Scale Scala di Tinetti Neuropsychiatric Inventory Geriatric Depression Scale Alzheimer s Disease Assessment Scale I pazienti CDR2 ( gruppo sperimentale e gruppo controllo) sono stati sottoposti a somministrazione di: Mini Mental State Examination Activity of Daily Living e Instrumental Activity of Daily Living Barthel Scale Scala di Tinetti Neuropsychiatric Inventory Scale Geriatric Depression Scale Montreal Cognitive Assessment. I pazienti CDR3 (gruppo sperimentale e gruppo controllo ) sono stati sottoposti a somministrazione di: Mini Mental State Examination Activity of Daily Living e Instrumental Activity of Daily Living Barthel Scale Scala di Tinetti Neuropsychiatric Inventory, Cornell Scale, Severe e Impairment Battery

16 Risultati dello studio: gruppo CDR1 CDR1 ADAS RIEV PAR CDR1 MMSE

17 Risultati dello studio: gruppo CDR1 CDR1 NPI CDR1 GDS

18 Risultati dello studio: gruppo CDR2 CDR2 MOCA att CDR2 MMSE

19 Risultati dello studio: gruppo CDR2 CDR2 NPI CDR2 BARTHELL

20 Risultati dello studio: gruppo CDR3 CDR3 MMSE CDR3 SIB pra

21 Risultati dello studio: gruppo CDR3 CDR3 NPI CDR3 CORNELL

22 CONCLUSIONI Miglioramento della performance cognitiva nel gruppo sperimentale CDR1 e CDR2 Stabilizzazione del grado di autonomia nel gruppo CDR1 sperimentale e peggioramento nei controlli. Riduzione della disabilità nel gruppo sperimentale CDR2 e CDR3 Nell intero gruppo sperimentale, riduzione dei disturbi del comportamento; riduzione del 40% del dosaggio di farmaci antipsicotici utilizzati e delle contenzioni fisiche SVILUPPI SUCCESSIVI: Studio su campioni più numerosi e per tempi di monitoraggio maggiori Inizio della terapia allo stadio di Mild Cognitive Impairment

23 Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all improvviso vi sorprenderete a fare l impossibile. San Francesco d Assisi

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia

ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza. O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia ADI per Alzheimer : un progetto sperimentale di assistenza O. Casati; C. Negri Chinaglia, S.Chirchiglia; P. Bertolaia CONTESTO GENERALE In Italia l 80% circa dei pazienti affetti da demenza è assistita

Dettagli

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi

Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la popolazione e i pazienti con demenza Sintesi e le Aziende Ospedaliere, IRCCS, ASP(Aziende di Servizi alla Persona), Università elencate nel Documento Integrale Percorso Preventivo-Diagnostico-Terapeutico-Assistenziale Riabilitativo (PDTAR) per la

Dettagli

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G.

I Sessione ore 9,30. La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. I Sessione ore 9,30 La gestione integrata: il modello del Centro demenze Unità Alzheimer della IHG, realizzato nel territorio della ASL Roma G. Gabriele Carbone Responsabile medico Centro Demenze Unità

Dettagli

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B.

II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio. Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. II sessione 15.00 17.00 Assistenza multidisciplinare dell anziano nel territorio Moderatori Dott.ssa M. Loffredo, Dr. M. Parisi, Dott.ssa L.B. Salehi 16.30 La rete integrata socio-sanitaria per le demenze

Dettagli

Responsabile Centro Demenze Unità Alzheimer, Italian Hospital Group di Guidonia, Roma UN MODELLO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER

Responsabile Centro Demenze Unità Alzheimer, Italian Hospital Group di Guidonia, Roma UN MODELLO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER DOTT. GABRIELE CARBONE Responsabile Centro Demenze Unità Alzheimer, Italian Hospital Group di Guidonia, Roma UN MODELLO DI ASSISTENZA DOMICILIARE NELLA MALATTIA DI ALZHEIMER La malattia di Alzheimer (MA)

Dettagli

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1

Indice. Presentazione. Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Indice Presentazione xiii Unità 1 Essere anziani oggi in Italia 1 Capitolo 1 L anziano in Italia, diritti e questioni etiche 3 1.1 Essere anziani oggi in Italia 3 1.2 I diritti 6 1.3 Invecchiare bene 10

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI

CEDEM. Dal CeDeM alla ReteDem. Stefano De Carolis. Centro della Memoria Ospedale «Infermi» Scala B Piano VI Giovan Francesco Nagli detto il Centino (not. 1638-1675) Sant Ubaldo libera un ossessa Azienda USL Rimini Stefano De Carolis Dal CeDeM alla ReteDem Responsabile Aziendale del Progetto Demenze per il territorio

Dettagli

ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) PER PERSONE CON DEMENZA (ADIDEM) E LORO CAREGIVER

ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (A.D.I.) PER PERSONE CON DEMENZA (ADIDEM) E LORO CAREGIVER VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA DI VALUTAZIONE ALZHEIMER (UVA)NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA Roma 7 novembre 2014 ANALISI RETROSPETTIVA DEI PAZIENTI PRESI IN CARICO PER L ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno

Le demenze. Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno Le demenze Manuel Soldato Geriatra RSA S. F. Cabrini - Codogno LE DEMENZE DEFINIZIONE 1. La demenza definisce uno stato di progressivo decadimento delle funzioni cognitive prodotto da una patologia cerebrale

Dettagli

MCI CENNI DI ATTIVAZIONE COGNITIVA ABILITÀ COGNITIVE E INVECCHIAMENTO

MCI CENNI DI ATTIVAZIONE COGNITIVA ABILITÀ COGNITIVE E INVECCHIAMENTO MCI CENNI DI ATTIVAZIONE COGNITIVA ABILITÀ COGNITIVE E INVECCHIAMENTO MILD COGNITIVE IMPAIRMENT La patologia dementigena inizia molto prima delle manifestazioni cliniche della malattia. Esiste una fase

Dettagli

L ANZIANO: UN LIBRO DA SFOGLIARE, UNA STORIA DA RACCONTARE

L ANZIANO: UN LIBRO DA SFOGLIARE, UNA STORIA DA RACCONTARE UNIVERSITA TELEMATICA e-campus Facoltà di PSICOLOGIA Corso Di Laurea in SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE L ANZIANO: UN LIBRO DA SFOGLIARE, UNA STORIA DA RACCONTARE PERCORSO PSICOLOGICO RIABILITATIVO DELL

Dettagli

La progressione clinica

La progressione clinica La progressione clinica I medici di fronte alla demenza nella donna e nell uomo Milano, 20 settembre 2014 Francesca Clerici Centro per il Trattamento e lo Studio dei Disturbi Cognitivi U.O. Neurologia

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC)

CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) POLITICA CRITERI E MODALITA DI ACCESSO (ACC) U.O. RIABILITAZIONE PSICHIATRICA RESIDENZA FRA MOSE BONARDI L unità di recupero e rieducazione funzionale Fra Mose Bonardi è una struttura per la riabilitazione

Dettagli

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST Le Malattie dell encefalo comunemente causano modificazioni del comportamento capacitàdi mantenere una

Dettagli

Importanza della Riabilitazione Cardiologica

Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive Sessione II - Prevenzione, Terapia e Riabilitazione dello Scompenso Cardiaco Importanza della Riabilitazione Cardiologica Prevenire lo scompenso e le sue recidive

Dettagli

GNOCCHI» IL PROGETTO E LE MODALITÀ DI MISURAZIONE DEI

GNOCCHI» IL PROGETTO E LE MODALITÀ DI MISURAZIONE DEI EHEALTH 4 ALL «PREVENZIONE DELLA DISABILITÀ NELL ANZIANO: L APPROCCIO INNOVATIVO INTEGRATO DI FONDAZIONE DON GNOCCHI» IL PROGETTO E LE MODALITÀ DI MISURAZIONE DEI RISULTATI PROGETTUALI ING. G. POZZA DIRETTORE

Dettagli

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII

ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA GIOVANNI XXIII Animazione come strumento di stimolazione cognitiva e di contrasto ai disturbi psico-affettivi. Bologna 26 Maggio 2010 ANIMAZIONE AVANZATA IN CP/RSA: ESPERIENZE DI ATTIVITA ASSISTITA CON ANIMALI E DI MUSICOTERAPIA

Dettagli

LA DEMENZA Dott.ssa Cristina Fonte Neuropsicologa

LA DEMENZA Dott.ssa Cristina Fonte Neuropsicologa LA DEMENZA Dott.ssa Cristina Fonte Neuropsicologa Centro di Ricerca in Riabilitazione Neuromotoria e Cognitiva Dipartimento di Scienze Neurologiche e del Movimento Università degli Studi di Verona DEMENZA

Dettagli

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano

Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano Il Medico di Famiglia e la disabilità da deficit cognitivo nell anziano DONATO Giuseppe*, FURNARI Giacomo, ZACCARI Clara ^ *medico di Medicina Generale (MMG) presso ASL RmF-distretto 2, medico referente

Dettagli

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC

Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG. Visita neurologica per sospetta demenza presso CDC Flow-chart: Percorso del paziente con sospetto diagnostico di demenza MMG Esami ematochimici: emocromo, glicemia, creatinina, ALT, Colesterolo, Trigliceridi, Na, K, Cl, VES, TSH reflex, Dosaggio vit B12

Dettagli

DEMENZA DI ALZHEIMER: dalle cure all assistenza

DEMENZA DI ALZHEIMER: dalle cure all assistenza DEMENZA DI ALZHEIMER: dalle cure all assistenza Organizzazione del CDC nell ULSS 3: dati di attività Dott. Mario ZERILLI Responsabile Neuropsicologia Clinica Adulti e Anziani AZIENDA SANITARIA ULSS 3 Obiettivi

Dettagli

Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare.

Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare. 57 Congresso MiCo Milano Convention Center 21/11/2012-24/11/2012 Lo sviluppo di demenza in pazienti anziani con deficit cognitivo e fibrillazione atriale cronica: ruolo della risposta ventricolare. Mastrobuoni

Dettagli

* Il Progetto Europeo SOCIABLE:

* Il Progetto Europeo SOCIABLE: * Il Progetto Europeo SOCIABLE: 22 Novembre 2012 - HANDIMATICA Dott.ssa CHIARA ZACCARELLI Dott. GIULIO CIRILLO Centro Esperto della Memoria U.O. GERIATRIA (AUSL Forlì) *Progetto Europeo SOCIABLE Progetto

Dettagli

PROGRETTO di GESTIONE. Centro Diurno ARCOBALENO 16154 Genova, Via Merano 3

PROGRETTO di GESTIONE. Centro Diurno ARCOBALENO 16154 Genova, Via Merano 3 Associazione Famiglie Malati Alzheimer Onlus via dei Costo 7H, 16154 Genova telefono 3465881910 e-mail: afmagenovaonlus@gmail.com C.F. 95108370107 PROGRETTO di GESTIONE Centro Diurno ARCOBALENO 16154 Genova,

Dettagli

I luoghi. Welfare e demenza: una proposta di lavoro per un assunzione (forte) di responsabilità LE NORME SULL INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO

I luoghi. Welfare e demenza: una proposta di lavoro per un assunzione (forte) di responsabilità LE NORME SULL INDENNITÀ DI ACCOMPAGNAMENTO Welfare e demenza: una proposta di lavoro per un assunzione (forte) di responsabilità Fabio Cembrani*,Veronica Cembrani** * Unità Operativa Medicina Legale, Azienda provinciale per i Servizi Sanitari di

Dettagli

UN MODELLO DI RETE SOCIO-ASSISTENZIALE INTEGRATA PER LE DEMENZE

UN MODELLO DI RETE SOCIO-ASSISTENZIALE INTEGRATA PER LE DEMENZE UN MODELLO DI RETE SOCIO-ASSISTENZIALE INTEGRATA PER LE DEMENZE Evidenze dopo un anno di assistenza domiciliare continuativa a 31 pazienti affetti da malattia di Alzheimer probabile di grado moderato-severo

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE

LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE LA DEMENZA SENILE: ORIGINE E DIAGNOSI PRECOCE Filippo Bogetto Dipartimento di Neuroscienze, Università degli Studi di Torino Dipartimento Salute Mentale Interaziendale To 1 - Molinette MODIFICAZIONI COGNITIVE

Dettagli

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo

Distretto di Carpi. Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011. Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Distretto di Carpi Servizi socio-sanitari di sostegno al caregiver familiare 21 maggio 2011 Dr.ssa Rossana Cattabriga Dr. Giuseppe d'arienzo Settore Area Fragili U. O. Cure Primarie Area Disabili Area

Dettagli

Archivio Corsi. Area clinica/medica/specialistica

Archivio Corsi. Area clinica/medica/specialistica Archivio Corsi Area clinica/medica/specialistica Pianeta anziano: la gestione della complessità Argomenti di geriatria L amore e la sessualità nell anziano Disturbi cognitivi nell anziano Vita dell anziano

Dettagli

RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE

RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE Torino 27 30 Novembre 2013 RUOLO DELL AMBULATORIO GERIATRICO NELLA RETE DEI SERVIZI PER L ANZIANO: UN ESPERIENZA NELLA ASL 3 GENOVESE C.Pizzorni, L.Sampietro, A.Bongiovanni, E.Bennati, A.Puma, C.Ivaldi

Dettagli

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA

LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA. Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA LA GESTIONE DEL DOLORE NELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA: PRESENTAZIONE DI UN ESPERIENZA Albese con Cassano, Dicembre 2011 Infermiera GIUSY MIRAGLIA OBIETTIVO: Presentare il percorso intrapreso per superare

Dettagli

La valutazione multidimensionale

La valutazione multidimensionale La valutazione multidimensionale Lucia Pavignano Anno 2010 La valutazione multidimensionale geriatrica (VMD) (1) L assessment geriatrico viene definito come una valutazione multidimensionale-interdisciplinare

Dettagli

Università degli Studi di Trieste. Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo

Università degli Studi di Trieste. Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo Università degli Studi di Trieste Scuola di Specializzazione in Geriatria e Gerontologia Direttore: Prof. Gabriele Toigo Prognostic value of multidimensional prognostic index on long term mortality, discharge

Dettagli

INDICE DI MASSA CORPOREA E RISCHIO DI DEMENZA, DATI DAL KUNGSHOLMEN PROJECT

INDICE DI MASSA CORPOREA E RISCHIO DI DEMENZA, DATI DAL KUNGSHOLMEN PROJECT S.I.G.G. Società Italiana di Gerontologia e Geriatria 49 CONGRESSO NAZIONALE S.I.G.G. Firenze 3-10 Novembre 2004 INDICE DI MASSA CORPOREA E RISCHIO DI DEMENZA, DATI DAL KUNGSHOLMEN PROJECT A.R. Atti 1,2,

Dettagli

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT

MILD COGNITIVE IMPAIRMENT MILD COGNITIVE IMPAIRMENT - Rapporto del Gruppo di Lavoro Internazionale sul - Winblad B et al. (2004). Mild Cognitive Impairment: beyond controversies, towards a consensus. Journal of Internal Medicine;

Dettagli

Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale

Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Il ruolo della formazione nella costruzione di una cultura geriatrica e multiprofessionale Scuola di formazione specifica in medicina di famiglia Congresso SIGG/SIMG Regione Emilia Romagna Bologna 22-Ottobre-2011

Dettagli

Aggiornamenti in Audiovestibologia Varese, 11 marzo 2015 Demenza e Sordità Marco Mauri

Aggiornamenti in Audiovestibologia Varese, 11 marzo 2015 Demenza e Sordità Marco Mauri Aggiornamenti in Audiovestibologia Varese, 11 marzo 2015 Demenza e Sordità Marco Mauri Università degli Studi dell Insubria- DBSV U.O. Neurologia e Stroke Unit Ospedale di Circolo - Varese Alzheimer with

Dettagli

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE Strumenti di valutazione utilizzati per gli anziani o per i soggetti affetti da patologia geriatrica. INFERMIERA Aurora Muraca 19 novembre 2014 LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE

Dettagli

Un modello di assistenza domiciliare per i pazienti con Demenza di Alzheimer: esperienza in una ASL della Regione Lazio

Un modello di assistenza domiciliare per i pazienti con Demenza di Alzheimer: esperienza in una ASL della Regione Lazio Un modello di assistenza domiciliare per i pazienti con Demenza di Alzheimer: esperienza in una ASL della Regione Lazio Carbone G.*, Barreca F.*, Mancini G., Pauletti G., Salvi V., Vanacore N. ; Salvitti

Dettagli

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato?

I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? I costi sociali ed economici della malattia di Alzheimer: cosa è cambiato? Firenze 29 novembre 2007 Ketty Vaccaro Perché tornare a parlare di Alzheimer A sette anni dalla realizzazione dell indagine Censis

Dettagli

IV CONVEGNO PUBBLICO SULL ALZHEIMER E LA PATOLOGIA COGNITIVA RICONOSCERE E CURARE IL DOLORE NELLA PERSONA CON DEMENZA

IV CONVEGNO PUBBLICO SULL ALZHEIMER E LA PATOLOGIA COGNITIVA RICONOSCERE E CURARE IL DOLORE NELLA PERSONA CON DEMENZA IV CONVEGNO PUBBLICO SULL ALZHEIMER E LA PATOLOGIA COGNITIVA RICONOSCERE E CURARE IL DOLORE NELLA PERSONA CON DEMENZA Sabato 20 settembre 2014 Affrontare il dolore all Ipab di Vicenza: un progetto multidisciplinare

Dettagli

Efficacia di un nutraceutico a base di fosfatidilinositolo, acidi grassi n-3 e melatonina in pazienti affetti da Mild Cognitive Impairment: studio pilota Mariangela Rondanelli 1, Marco Mozzoni 1, Annalisa

Dettagli

Le valutazioni Moderatori G. Capobianco - M. Turno

Le valutazioni Moderatori G. Capobianco - M. Turno Le valutazioni Moderatori G. Capobianco - M. Turno I disturbi Psicocomportamentali Gabriele Carbone Neurologo Responsabile Centro Demenze Unità Alzheimer Italian Hospital Group Guidonia (Roma) Valutazione

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

4 SYS Srl Informatica dal 1987

4 SYS Srl Informatica dal 1987 RE.S.@SS @MB SYS.@MB Gestionali per la S@nità Soluzioni software per la s@nità del futuro C.@.D. 4 SYS Srl Informatica dal 1987 Viale Palmiro Togliatti, 13 00053 Civitavecchia (Roma) Tel. : 0766.547181

Dettagli

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO

IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO IL PERCORSO DEL PAZIENTE ONCOLOGICO ANZIANO ALESSANDRIA 28 MARZO 2013 DOTT.SSA DEMICHELIS M ONCOLOGIA MEDICA TORINO L'infermiere e la VALUTAZIONE DELL ANZIANO L INVECCHIAMENTO E processo attraverso il

Dettagli

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta

RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta RIDUZIONE DELLA CONTENZIONE FISICA IN CASA DI RIPOSO. Sperimentazione di un protocollo per la valutazione e gestione dei residenti a rischio di caduta Zanetti E*., Zani M*., Negri E.^, Trabucchi M.* *Gruppo

Dettagli

Il trattamento farmacologico dei. paziente con demenza. Dott. Belotti Gloria Responsabile Medico Rsa Fondazione Santa Maria Ausiliatrice Bergamo

Il trattamento farmacologico dei. paziente con demenza. Dott. Belotti Gloria Responsabile Medico Rsa Fondazione Santa Maria Ausiliatrice Bergamo Il trattamento farmacologico dei disturbi psico-comportamentali comportamentali nel paziente con demenza Dott. Belotti Gloria Responsabile Medico Rsa Fondazione Santa Maria Ausiliatrice Bergamo BPSD Behavioral

Dettagli

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio

La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio La cura del dolore nell'anziano fragile: protocollo operativo multicentrico SIGOT di un programma di cure palliative integrato ospedale-territorio Dott. Gianfranco Conati U.O.C. Geriatria Ospedale Civile

Dettagli

Fragilità: Il malato psicogeriatrico

Fragilità: Il malato psicogeriatrico Fragilità: Il malato psicogeriatrico L eclatante aumento della durata della vita, in particolare nei paesi ad alto livello socio-economico, accanto all indubbio aspetto positivo ha portato con sé tutta

Dettagli

Centri diurni Alzheimer e Integrato

Centri diurni Alzheimer e Integrato Best practice e innovazione nelle RSA: esperienze a confronto Giovedì 10 maggio 2012 Castellanza Centri diurni Alzheimer e Integrato A cura di PAOLA GARBELLA Direttore Generale Opera Pia A. E. Cerino Zegna

Dettagli

Pietro Gareri, MD, PhD

Pietro Gareri, MD, PhD Il Chronic Care Model e la sanità d iniziativa Approccio interdisciplinare e ruoli professionali Pietro Gareri, MD, PhD 5 Dicembre 2012 Il concetto della sanità d iniziativa. ovvero di un modello assistenziale

Dettagli

49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004

49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004 49 Congresso Nazionale SIGG Firenze, 3-7 novembre 2004 Aumentato rischio di Mild Cognitive Impairment Amnesico in soggetti portatori dell allele ε 4 dell ApoE Valeria Cornacchiola, Roberto Monastero*,

Dettagli

La depressione nell anziano. Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A.

La depressione nell anziano. Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A. La depressione nell anziano Dott. Antonella Deponte Psicologia sociale dell anziano Facoltà di Psicologia, Università di Trieste A.A. 2007/2008 1 La depressione nell anziano Definizione e forme cliniche

Dettagli

La presa in carico integrata ospedale territorio: garanzia per la continuità di cura

La presa in carico integrata ospedale territorio: garanzia per la continuità di cura Un modello di governance sociosanitaria nel territorio: il Punto Unico d Accesso e la presa in carico della persona Cagliari 10 dicembre 2008 La presa in carico integrata ospedale territorio: garanzia

Dettagli

PROGETTO SOLLECITA MENTE

PROGETTO SOLLECITA MENTE PROGETTO SOLLECITA MENTE MODALITA ORGANIZZATIVA DEL SERVIZIO L offerta progettuale si pone come obiettivo quello di offrire una assistenza specializzata per i soggetti affetti da demenza, finalizzata a

Dettagli

Centri diurni specializzati nell assistenza alle persone con demenza: esperienze e materiali

Centri diurni specializzati nell assistenza alle persone con demenza: esperienze e materiali PROGETTO GRAFICO: SCOUTDESIGN Centri diurni specializzati nell assistenza alle persone con demenza: esperienze e materiali Assessorato politiche per la salute Assessorato politiche per la salute Centri

Dettagli

I disturbi comportamentali nella demenza: approccio e terapia

I disturbi comportamentali nella demenza: approccio e terapia I disturbi comportamentali nella demenza: approccio e terapia SIGG LIGURIA 16 ottobre 2010 Camilla Prete Unità Valutativa Alzheimer Geriatria E.O. Ospedali Galliera RAPPORTO MONDIALE 2010 costi economici

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO-ASSISTENZIALE DECADIMENTO COGNITIVO/DEMENZA

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO-ASSISTENZIALE DECADIMENTO COGNITIVO/DEMENZA PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO-ASSISTENZIALE DECADIMENTO COGNITIVO/DEMENZA Settembre 2011 Composizione gruppo di lavoro Coordinatori Dott.ssa Fausta Podavitte - Direttore Dipartimento ASSI Dr. Tarcisio

Dettagli

Le persone affette da demenza al domicilio

Le persone affette da demenza al domicilio Azienda di Servizi alla Persona ISTITUTI MILANESI MARTINITT E STELLINE E PIO ALBERGO TRIVULZIO LE CURE DOMICILIARI PER L ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Brescia, 15 dicembre 2012 Le persone affette da demenza

Dettagli

Approccio clinico in Medicina Interna

Approccio clinico in Medicina Interna Prof. Benvenuti VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE La geriatria fonda tutta se stessa sulla valutazione multidimensionale; ovviamente c è una storia: la geriatria nasce dall esigenza di superare un limite,

Dettagli

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto!

Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! Aspetti della promozione della salute mentale attraverso lo sport: un bel gioco dura... tanto! A Cura della Struttura Semplice Per lo sviluppo ed il monitoraggio di azioni in tema di educazione e promozione

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA. Strumenti per la valutazione del paziente con demenza

REGIONE EMILIA ROMAGNA. Strumenti per la valutazione del paziente con demenza REGIONE EMILIA ROMAGNA Strumenti per la valutazione del paziente con demenza ottobre 2000 2 1. Introduzione 5 Valutazione delle funzioni cognitive 9 Mini Mental State Examination (MMSE) 11 Severe Impairment

Dettagli

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna

Punto Unico di Accesso. Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Punto Unico di Accesso Socio-SanitaroSanitaro nella provincia di Modena Violetta Ferrari Emanuela Malagoli 17 Maggio 2012 Bologna Il Punto Unico d'accesso Socio Sanitario (PUASS) è una modalità organizzativa

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - UNITA' OPERATIVA DI PSICOLOGIA CLINICA - DIREZIONE SANITARIA

Dirigente ASL I fascia - UNITA' OPERATIVA DI PSICOLOGIA CLINICA - DIREZIONE SANITARIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 14/01/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio TEMPONE MARIA GRAZIA I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO Dirigente ASL

Dettagli

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili

E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili E-LEARNING IN NEURORIABILITAZIONE Focus sul miglioramento della qualità della vita nelle persone anziane e disabili Responsabile scientifico di progetto CARLO CALTAGIRONE Università di Roma Tor Vergata

Dettagli

La societa come ambiente di relazione: il ruolo sociale dell anziano

La societa come ambiente di relazione: il ruolo sociale dell anziano Atti del convegno ATTI DEL CONVEGNO La societa come ambiente di relazione: il ruolo sociale dell anziano Dott. Renzo Scortegagna, Università di Padova La società contemporanea ha riservato molta attenzione

Dettagli

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione

WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione ISRAA ISTITUTO PER SERVIZI DI RICOVERO E ASSISTENZA AGLI ANZIANI WORKSHOP BEST PRACTICE E INNOVAZIONE NELLE RSA: ESPERIENZE A CONFRONTO 3 Edizione RETE ALZHEIMER TREVISO: UN MODELLO DI INTERVENTO A DOMICILIO

Dettagli

-Heart Failure Model per Pocket Pc-

-Heart Failure Model per Pocket Pc- -Heart Failure Model per Pocket Pc- Copyright Università di Modena e Reggio Emilia 2007, tutti i diritti riservati Andrea Zanasi Studente del VI anno del Corso di laurea di Medicina e Chirurgia dell Università

Dettagli

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA

CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA CENTRO DIURNO DISTURBI COGNITIVI ATHENA DESTINATARI DEL SERVIZIO: Il Centro Diurno per Disturbi Cognitivi è una struttura che eroga servizi in sinergia con la Residenza Sanitaria Assistenziale posta in

Dettagli

LE BUONE PRATICHE DELLE CITTA SANE: Promozione della salute e attività fisica

LE BUONE PRATICHE DELLE CITTA SANE: Promozione della salute e attività fisica LE BUONE PRATICHE DELLE CITTA SANE: Promozione della salute e attività fisica ALLENAMENTO DELLA MEMORIA Dall anno 2008, il Comune di Foggia e la Rete Pugliese Città Sane OMS hanno attuato il progetto ALLENAMENTO

Dettagli

Terapia non farmacologica: lo stato dell arte

Terapia non farmacologica: lo stato dell arte Terapia non farmacologica: lo stato dell arte Giovannina Conchiglia Clinica Villa Camaldoli Napoli Reparto Neurologia Comportamentale giopsico@libero.it Caserta, 16 ottobre 2014 1 CONGRESSO NAZIONALE A.

Dettagli

Progetto I.N.E.S. Insieme per Non Essere Soli: Demenze. Quando ti guardo sono terrorizzata dall idea che tutto ciò finirà ben presto.

Progetto I.N.E.S. Insieme per Non Essere Soli: Demenze. Quando ti guardo sono terrorizzata dall idea che tutto ciò finirà ben presto. Comune di Genova ATS 34 Municipio VII Ponente Progetto I.N.E.S. D Insieme per Non Essere Soli: Demenze Asl 3 Genovese - Quando ti guardo sono terrorizzata dall idea che tutto ciò finirà ben presto. Conosciamo

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

Paolo Calvarese C.so Rosselli, 194 10141 Torino. psipa@libero.it

Paolo Calvarese C.so Rosselli, 194 10141 Torino. psipa@libero.it INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Paolo Calvarese C.so Rosselli, 194 10141 Torino Telefono 011.38.60.07 Cellulare 339.63.28.074 E-mail psipa@libero.it Luogo di nascita Foggia Data di nascita 19/08/1973

Dettagli

VALUTAZIONE E PIANIFICAZIONE DELL ASSISTENZA

VALUTAZIONE E PIANIFICAZIONE DELL ASSISTENZA VALUTAZIONE E PIANIFICAZIONE DELL ASSISTENZA Centro Congressi Fiera di Verona Sala Salieri Convegno per Operatori, Infermieri, Fisioterapisti e Educatori Professionali Giovedì 28 Maggio 2009 ore 10.00

Dettagli

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA

LE FRAGILITA DELL ANZIANO FRAGILITA LE FRAGILITA DELL ANZIANO Motoria FRAGILITA Cerebro-vascolare Cognitiva Ambientale Metabolica STROKE 80 % ISCHEMICO EMORRAGICO 20 % CORTICALE A. cerebrale ant. A. cerebrale media A. cerebrale post. SOTTOCORTICALE

Dettagli

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE

L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Corso di Formazione ATTIVITÀ MOTORIA ED ESERCIZIO FUNZIONALE NEI GRANDI ADULTI Milano, 5 Ottobre 2013 L ATTIVITÀ MOTORIA NEL SOGGETTO ANZIANO CON LIMITATA FUNZIONE Filippini Federico Dottore Magistrale

Dettagli

INCONTRI DI GERIATRIA 2006 CASA SOLLIEVO DELLA SOFFERENZA

INCONTRI DI GERIATRIA 2006 CASA SOLLIEVO DELLA SOFFERENZA Società Italiana di Gerontologia e Geriatria con il patrocinio Società Italiana di Gerontologia e Geriatria, SIGG European Union Geriatric Medicine Society, EUGMS INCONTRI DI GERIATRIA 2006 a CASA SOLLIEVO

Dettagli

RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA

RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA PROGRAMMA MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA NELL ADULTO E NELL ANZIANO III EDIZIONE TORINO 21 FEBBRAIO 2015-20 DICEMBRE 2015 (Scadenza iscrizioni 15 GENNAIO 2015) Organizzato

Dettagli

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione

I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione I DCA 429/12 e 431/12: l omogeneità delle funzioni valutative su tutto il territorio regionale e gli strumenti della valutazione Dott. Gianni Vicario - Laziosanità ASP Contesto ELEVATA COMPLESSITA ASSISTENZIALE

Dettagli

Demenze : La sfida del Territorio. Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici

Demenze : La sfida del Territorio. Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici Demenze : La sfida del Territorio Dott. Antonio Colin Responsabile Unità Valutativa Alzheimer ASL NA5 - Distretto 81 - Portici Evoluzione Popolazione Italiana - Lori et al. 1995 DEMENZA SENILE QUARTA CAUSA

Dettagli

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di:

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di: PROGRAMMA MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: DIAGNOSI NEUROPSICOLOGICA NELL ADULTO E NELL ANZIANO I EDIZIONE TORINO 19 GENNAIO 2014-14 DICEMBRE 2014 (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da:

Dettagli

TERAPIA FARMACOLOGICA della M. DI ALZHEIMER. Dr. Massimo Moleri responsbile U.O. Neurologia CSC S. Francesco

TERAPIA FARMACOLOGICA della M. DI ALZHEIMER. Dr. Massimo Moleri responsbile U.O. Neurologia CSC S. Francesco TERAPIA FARMACOLOGICA della M. DI ALZHEIMER Dr. Massimo Moleri responsbile U.O. Neurologia CSC S. Francesco APPROCCIO TERAPEUTICO AL PAZIENTE CON M.DI ALZHEIMER Terapia mirata alla cura dei sintomi cognitivi

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

STRUMENTI PROGNOSTICI PER LA MORTALITÀ A MEDIO E LUNGO TERMINE NEL PAZIENTE ANZIANO CON BPCO: CONFRONTO TRA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE E BODE INDEX

STRUMENTI PROGNOSTICI PER LA MORTALITÀ A MEDIO E LUNGO TERMINE NEL PAZIENTE ANZIANO CON BPCO: CONFRONTO TRA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE E BODE INDEX STRUMENTI PROGNOSTICI PER LA MORTALITÀ A MEDIO E LUNGO TERMINE NEL PAZIENTE ANZIANO CON BPCO: CONFRONTO TRA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE E BODE INDEX Dott. Livio Cortese Area di Geriatria e Gerontologia

Dettagli

poter fornire una efficace circolazione delle informazioni e un monitoraggio continuo dei trattamenti.

poter fornire una efficace circolazione delle informazioni e un monitoraggio continuo dei trattamenti. LA PSICOGERIATRIA La psichiatria dell anziano è una branca della psichiatria ed è parte di un approccio multidisciplinare al problema della salute mentale dell anziano. Questa specialità viene anche definita

Dettagli

Ministero della salute

Ministero della salute Ministero della salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Guida alla Redazione dei Progetti CCM 2010 Allegato 1 TITOLO: La definizione del case-mix nelle cure domiciliari:

Dettagli

I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI

I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI I PROBLEMI NELLE FASI INIZIALI DELLA DEMENZA E I MODI PER AFFRONTARLI Dr. Emiliano Petrò Responsabile Unità Valutativa Alzheimer Policlinico San Marco, Zingonia Importanza della diagnosi precoce Esclude

Dettagli

CARTELLA UTENTE WEB 1. PACCHETTO BASE

CARTELLA UTENTE WEB 1. PACCHETTO BASE CARTELLA UTENTE WEB Cartella Utente Web e la soluzione innovativa per la gestione della Cartella Socio- sanitaria integrata che si avvale del nuovo approccio internet al fine di rendere più semplice la

Dettagli

Role of activation therapy for patients with mild dementia or mild cognitive impairment: caregiver burden reduction

Role of activation therapy for patients with mild dementia or mild cognitive impairment: caregiver burden reduction G Gerontol 2011;59:38-45 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Ar t i c o l o o r i g i n a le Original article Sezione di Biogerontologia ed Epidemiologia Ruolo del programma di attivazione cognitiva

Dettagli

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie

Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Ministero della Salute Centro Nazionale per la Prevenzione ed il Controllo delle Malattie Quadro 1 Elementi generali. Analisi della situazione iniziale TITOLO PROGETTO Implementazione della diagnostica

Dettagli

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA?

COSA VUOLE DIRE DEMENZA DEGENERATIVA PRIMARIA? CHE COSA È LA MALATTIA DI ALZHEIMER? La malattia di Alzheimer è una forma di demenza degenerativa primaria legata alla progressiva perdita di cellule nervose della corteccia cerebrale, dette neuroni. Essa

Dettagli

domicilio: via Damiano Filia, 1, 07100 Sassari (Italia) 335 6263444 rossellacherchi@tin.it www.rossellacherchi.it

domicilio: via Damiano Filia, 1, 07100 Sassari (Italia) 335 6263444 rossellacherchi@tin.it www.rossellacherchi.it Curriculum Vitae INFORMAZIONI PERSONALI Rossella Cherchi domicilio: via Damiano Filia, 1, 07100 Sassari (Italia) 335 6263444 rossellacherchi@tin.it www.rossellacherchi.it Sesso Femminile Data di nascita

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALATTIA DI ALZHEIMER IN ITALIA: IL PROGETTO I.PR.E.A.

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALATTIA DI ALZHEIMER IN ITALIA: IL PROGETTO I.PR.E.A. EPIDEMIOLOGIA DELLA MALATTIA DI ALZHEIMER IN ITALIA: IL PROGETTO I.PR.E.A. Emanuele Scafato, Claudia Gandin, Paola Meli, Gino Farchi Istituto Superiore di Sanità Convegno Nazionale di Epidemiologia Congresso

Dettagli