Relazione Semestrale al 29 giugno 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Semestrale al 29 giugno 2012"

Transcript

1 Relazione Semestrale al 29 giugno 2012 MC FdF High Yield MC FdF Europa MC FdF America MC FdF Asia MC FdF Paesi Emergenti MC FdF Megatrend Wide MC FdF Flex High Volatility MC FdF Flex Medium Volatility MC FdF Bilanciato MC FdF Global Bond MC FdF Flex Low Volatility Società sottoposta all attività di direzione e coordinamento del Socio unico Sara Assicurazioni S.p.A. 1

2 NOTA ILLUSTRATIVA Allo scopo di fornire una corretta ed esauriente illustrazione dell attività di gestione dei Fondi e delle politiche di investimento, seguono tre sezioni della nota illustrativa dedicate, rispettivamente, alla descrizione del quadro macroeconomico nell ambito del quale l attivo dei Fondi è stato gestito nel semestre, alla descrizione dell andamento dei mercati ed alla sintesi delle decisioni essenziali che sono state adottate in materia di investimenti. La nota illustrativa è integrata di un ulteriore sezione, dedicata all illustrazione degli eventi di rilevo successivi alla fine del semestre. IL QUADRO MACROECONOMICO Durante il 2011 la crescita mondiale ha continuato a perdere vigore, risentendo della contrazione dell attività in Europa e in Giappone e del rallentamento delle economie emergenti. Il deterioramento del commercio internazionale è stato accompagnato da una temporanea flessione dei corsi delle materie prime e da una generalizzata attenuazione delle spinte inflative. L accentuarsi delle tensioni sul debito sovrano nell'area dell'euro, una maggiore rilevanza sistemica della crisi e la persistente incertezza circa il processo di consolidamento delle finanze pubbliche negli Stati Uniti hanno concorso ad alimentare l'incertezza e il peggioramento delle prospettive di crescita, soprattutto per le economie dei paesi avanzati. I corsi dei titoli di Stato in molti paesi dell'area euro hanno risentito dell'incertezza sui modi di gestione della crisi a livello comunitario e in sede di coordinamento intergovernativo, nonostante le importanti correzioni degli squilibri di finanza pubblica operate dai governi nazionali. Al fine di fugare la stretta creditizia a livello globale e contrastare le difficoltà di provvista delle banche, indotte dalle tensioni sul mercato del debito sovrano e aggravate dall'elevato ammontare di obbligazioni bancarie in scadenza nella prima parte del 2012, a dicembre e a febbraio la Banca Centrale Europea ha condotto due operazioni di rifinanziamento (identificate nella sigla LTRO) a tre anni al tasso fisso dell'1,0% e con pieno soddisfacimento della domanda; sono stati inoltre ampliati i requisiti di accettabilità del collaterale ed è stato dimezzato il coefficiente di riserva obbligatoria. L'ammontare netto di fondi immessi nel sistema è stato pari a circa 500 miliardi e ha raggiunto direttamente un elevato numero di banche riuscendo nel primo trimestre a calmierare le tensioni e a ridurre significativamente premi per il rischio sui titoli di Stato, i differenziali sui mercati interbancari, i premi sui CDS bancari. Tuttavia, l espansione della domanda aggregata nei paesi avanzati è rimasta frenata dal processo di riduzione del debito, sia pubblico sia privato. L incertezza ancora elevata circa l evoluzione della crisi del debito sovrano in Europa e il rischio di un nuovo rialzo delle quotazioni petrolifere condizionano l intensità della ripresa nel prossimo biennio. L indebolimento dell attività economica nel quarto trimestre del 2011 è stato intenso in Europa. Negli Stati Uniti il PIL si è attestato all 1.7% ed è stato sospinto dall accumulazione delle scorte e da un espansione dei consumi in eccesso rispetto a quella del reddito disponibile, a fronte di un apporto negativo della spesa pubblica e di un rallentamento degli investimenti. In Giappone la contrazione dell attività produttiva ( 0,7 per cento) ha risentito soprattutto della forte caduta delle esportazioni, anche per i problemi di approvvigionamento di beni intermedi seguiti alle inondazioni in Thailandia. Nel Regno Unito la caduta del prodotto dal 2.1% del 2010 allo 0.7% ha riflesso il forte calo degli investimenti e il decumulo di scorte. Nelle principali economie emergenti l attività economica ha rallentato nel quarto trimestre del 2011, risentendo delle misure di politica economica di segno restrittivo adottate nel primo semestre e della fiacchezza della domanda dei paesi avanzati. In Cina la crescita si è ridotta solo leggermente (all 8,9 per cento sul trimestre corrispondente del 2010), beneficiando della dinamica ancora sostenuta della domanda interna, mentre in India e in Brasile la decelerazione dell attività è stata più sensibile (al 6,1 e all 1,4 per cento, rispettivamente), in connessione con il netto rallentamento nel settore industriale; per contro, in Russia l espansione è rimasta vivace (4,3%). Le spinte inflazionistiche si sono attenuate sia nei principali paesi avanzati sia in quelli emergenti, riflettendo la debolezza dell attuale fase ciclica e la flessione dei corsi delle materie prime durante il In marzo negli Stati Uniti la dinamica dei prezzi al consumo è scesa al 2,7 per cento sui dodici mesi, dal 3,9 in settembre; al netto delle componenti energetiche e alimentari si è collocata al 2,3 per cento. Nel Regno Unito in febbraio l inflazione è calata al 3,4 per cento (1,8 punti percentuali in meno rispetto al picco di settembre), beneficiando del calo della componente di fondo al 2,4 per cento. In Giappone si sono allentate le tendenze deflative; in febbraio la flessione dell indice di fondo è risultata pari allo 0,6 per cento sui dodici mesi. La volatilità nei mercati azionari internazionali è salita e scesa durante il periodo di riferimento poiché la mancanza di chiarezza ha portato gli investitori a reagire velocemente sia alle notizie positive sia a quelle negative. I ribassi sono stati causati dall incertezza sulla permanenza o meno della Grecia all interno dell Unione, dalla maggiore rilevanza sistemica della crisi, deboli dati economici, tensioni politiche in Corea. Questi ribassi sono stati velocemente contrastati dalle reazioni positive degli investitori agli annunci dei finanziamenti senza precedenti relative all operazione di rifinanziamento LTRO da parte della BCE. Probabilmente questi trend contrastanti continueranno anche nel corso dell anno corrente. Il FMI per questo anno prevede una crescita di solo l 1.4% per i mercati sviluppati, mentre prevede una crescita del 5.7% per i mercati emergenti, quasi quattro volte superiore. I mercati Globali tormentati da questi dati contrastanti e da questi trend differenti potrebbero continuare ad essere instabili nel

3 Negli ultimi sei mesi le borse mondiali sono state caratterizzate da una forte volatilità e da una crescita a due velocità all interno delle singole aree geografiche, l indice MSCI World espresso in valuta locale ha registrato un risultato del 5.02%. Dopo le pesanti ripercussioni causate dall'aggravarsi della crisi del debito pubblico in Europa, i nuovi piani di aiuto finanziario per la Grecia e le iniezioni di liquidità della Banca Centrale Europea hanno rasserenato il sentiment degli operatori del mercato. La situazione si è tranquillizzata soprattutto grazie alle due aste di liquidità triennale della BCE che, interamente assegnate, hanno notevolmente alleviato il rischio sistemico di una crisi bancaria, scongiurando allo stesso tempo la minaccia di una morsa del credito. Anche il ritrovato dinamismo dell'economia statunitense ha contribuito a stimolare il mercato. Nel semestre di riferimento, l'indice S&P 500 ha guadagnato l 8.21% per cento in valuta locale, mentre l'indice Euro STOXX 50 ha conseguito un risultato negativo di 2.24%. L'indice giapponese Nikkei ha chiuso in territorio positivo, registrando una performance del 6.52%. Anche le economie emergenti (Emerging Market) hanno registrato netti recuperi (+2.29% in dollari USA), alimentati dalla crescente propensione al rischio degli investitori. Nel periodo di riferimento l andamento del mercato obbligazionario è stato significativamente condizionato dai timori relativi al debito pubblico greco e più in generale dall interrogativo sulla sostenibilità del debito pubblico di alcuni paesi dell area euro, reagendo in modo prevedibile: vendite delle obbligazioni governative dei paesi periferici dell area euro e acquisti su Germania e USA. Nel mese di maggio i tassi di rendimento nominali degli US Treasury decennali hanno toccato i minimi attestandosi a 1.44%. Il tasso di rendimento dei titoli di stato tedeschi biennali è sceso al di sotto di quello dei corrispondenti titoli giapponesi. Tali timori hanno comportato un notevole allargamento degli spread dei titoli periferici rispetto al bund determinando una ricomposizione dei portafogli verso investimenti considerati più sicuri. In risposta a queste tensioni d inizio anno la Banca Centrale Europea ha condotto due operazioni di rifinanziamento quantitativo illimitato (identificati nella sigla LTRO) e il vertice UE ha posto le basi in direzione di una futura unione fiscale. I MERCATI Europa Continua la stasi dell economia reale, con il Pil che nel primo trimestre si è attestato al 0,1% a/a; secondo il FMI l Eurozona chiuderà in recessione il 2012 ( 0,3%) per tornare ad espandersi nel 2013 (+0,9%). I dati congiunturali evidenziano un Europa a due velocità: in particolare tiene la Germania (disoccupazione in calo e Pil in crescita), mentre più marcata è la contrazione per i paesi della periferia. Lo spread Bonos Bund ha superato la soglia psicologica dei 500pb con il rendimento sul decennale spagnolo vicino al 7%, livello che, una volta superato, spinse Grecia, Irlanda e Portogallo a ricorrere a piani di salvataggio. L attenzione degli operatori è focalizzata soprattutto su quanto verrà deciso dal Summit UE e se questo sarà in grado di riorientare le aspettative dei mercati sull irreversibilità politica UME. Le decisioni principali riguarderanno la centralizzazione della vigilanza bancaria, la possibilità di ricapitalizzare direttamente le banche via ESM e una maggior flessibilità nell utilizzo EFSF ESM per paesi virtuosi. Passi importanti per avviare unione bancaria e spezzare il circolo vizioso debito bancario sovrano Innescato. Durante il periodo di riferimento si è osservato il deprezzamento dell Euro nei confronti del dollaro, chiudendo con un cambio attorno a 1,26 (con un minimo da inizio anno di circa ); la moneta risente della debolezza e delle incertezze dell Area, ma l andamento del cross potrebbe essere uno stimolo per le esportazioni. Persistenti le tensioni sul mercato del lavoro, con il tasso di disoccupazione che resta al livello record dell 11%. Con riferimento allo scenario di politica monetaria, il Consiglio direttivo della Banca centrale europea (BCE) durante il periodo di riferimento ha adottato misure volte a evitare che le crescenti difficoltà di raccolta delle banche indotte dalla crisi del debito sovrano, divenute evidenti dall estate e progressivamente aggravatesi, si traducessero in una grave contrazione del credito all economia, con effetti destabilizzanti sul quadro macroeconomico e finanziario. Sono state introdotte due operazioni di rifinanziamento a tre anni con pieno soddisfacimento della domanda e sono stati ampliati i requisiti di stanziabilità del collaterale. Stati Uniti In America, la tenuta della ripresa dell economia risente anche delle preoccupazioni per il rallentamento dei Paesi e mergenti (in particolare Cina e India) e soprattutto delle tensioni in Eurozona. Il Pil, nel primo trimestre si è attestato all 1.9%. La debolezza strutturale del mercato del lavoro riaccende poi il dibattito sulle future mosse che la Fed deciderà per sostenere l occupazione (probabile o un allungamento dell operazione c.d. Twist o un nuovo QE). Il Fondo Monetario Internazionale sostiene comunque che la crescita USA per l intero 2012 si attesterà al 2%. Analoghe le attese dell OCSE che stima un tasso di crescita del Pil del 2,4% nel 2012 e del 2,6% nel Sebbene i dati produttivi nel complesso mostrino una buona tenuta la maggior parte dei leading indicators (Philadelphia Fed, Richmond Fed, Fed Dallas, Pmi Chicago e Ism manifatturiero) evidenziano un rallentamento, a conferma che le tensioni sui mercati globali minacciano la stabilità della ripresa nei mesi futuri. I verbali relativi all ultima riunione del FOMC evidenziano che la crescita rimarrà moderata nei prossimi trimestri per poi migliorare gradualmente, senza però fornire chiare indicazioni sulle intenzioni della Fed. Alcuni membri del comi 3

4 tato federale sono pronti ad agire se la ripresa rallentasse, ma il rischio di pressioni inflazionistiche fa ritenere remota la possibilità di misure di allentamento per ora. L attenzione negli Stati Uniti si concentrerà sempre di più sulle probabili implicazioni delle elezioni presidenziali di novembre, e in particolare sul loro impatto sulla politica di bilancio pubblico. Il combinarsi della scadenza degli sgravi fiscali dell amministrazione Bush della fine delle sospensioni temporanee sulle imposte sul lavoro e dei tagli di spesa automatici (Budget Control Act 2011) potrebbe significare una restrizione fiscale di un trilione di dollari nel 2013/2014, stimata intorno al 7 per cento del PIL statunitense. Giappone In Giappone il ritmo della ripresa dopo il disastroso tsunami di marzo 2011 ha subito un rallentamento durante il periodo di riferimento. La contrazione dell attività produttiva ( 0,7 per cento) ha risentito soprattutto della forte caduta delle esportazioni, anche per i problemi di approvvigionamento di beni intermedi seguiti alle inondazioni in Thailandia. Ne ha subito risentito la spesa al consumo, con una flessione della spesa mensile delle famiglie pari al 2,3% su base annua a gennaio. Inoltre, la bilancia dei conti con l estero del Giappone ha subito un deciso deterioramento per effetto dell'incremento delle importazioni e della riduzione delle esportazioni. In seguito alla progressiva chiusura delle centrali nucleari nipponiche causata dal terremoto e dallo tsunami, è aumentata l'esigenza di importazione di combustibile e di altri prodotti necessari per la ricostruzione. Sul fronte monetario, la Bank of Japan ha tenuto fede alla sua politica del tasso zero e ha fissano un nuovo target d'inflazione dell'1%. In risposta alle pressioni politiche, la banca centrale ha i noltre annunciato un'espansione patrimoniale di JPY miliardi, inclusi ulteriori finanziamenti di miliardi di Yen nell'ambito della linea di credito a supporto della crescita. Secondo le stime del FMI il Giappone tornerà ad espandersi nel 2012 (+2%), con una lieve riduzione del ritmo di crescita per il 2013 (+1.7%). Paesi Emergenti I mercati emergenti hanno registrato durante il periodo di rifermento una performance del 2.29% in dollari USA. Dall inizio del semestre Turchia, Thailandia, Egitto e Pakistan sono stati tra i paesi più performanti. Viceversa, Argentina Brasile e SRI Lanka hanno sottoperformato. Gli ultimi dati indiani e cinesi hanno messo in luce evidenti segnali di rallentamento, al punto da indurre la continuazione dell implementazione di manovre espansive, ultima delle quali il taglio del tasso di riserva obbligatoria cinese. Le stime sugli utili hanno continuato a essere riviste al ribasso, sebbene a ritmo più modesto. Non mancano però le eccezioni, come ad esempio la Thailandia, dove la spesa per le infrastrutture sta dando slancio all economia, e la Polonia, che sta beneficiando della sua prossimità alla Germania. A livello globale, le prospettive della Cina rimangono cruciali. La debolezza nella crescita delle esportazioni e l implementazione di misure di inasprimento per ridurre le pressioni inflazionistiche e il surriscaldamento nel settore immobiliare sono stati tra i motivi chiave di questa flessione. Ciò ha avuto un pesante ed indesiderato effetto negativo sulle piccole e medie imprese, che forniscono un contributo molto importante all occupazione. A maggio il governo brasiliano ha annunciato nuove misure volte a stimolare l attività l economica. Tra i provvedimenti principali il taglio delle imposte sulla produzione automobilistica, una minore tassazione delle transazioni finanziarie. Inoltre la Banca Centrale ha ridotto il tasso d interesse di 50 bp a supporto dell attività economica nazionale. Il PIL in Russia ha visto un accelerazione al 4.9% anno su anno nel primo trimestre del 2012, rispetto al 4.8% registrato nell ultimo trimestre del Mantenendo una politica monetaria neutrale, la Banca Centrale ha lasciato invariato il tasso di interesse ufficiale all 8%. L ANDAMENTO DELLE QUOTE Fondo MC FdF High Yield La performance del fondo nel semestre di riferimento è stata del 1.16% per la classe A e del 0.93% per la classe B contro un rendimento del benchmark* del 8.57% (spread negativo di 7.41% e di 7.64% rispettivamente) e dell indice Fideuram (della relativa categoria Assogestioni) di 6.72%. Nel corso del periodo l attenzione è stata concentrata nel cogliere i trend che si profilavano di volta in volta sui mercati in ottica opportunistica. La gestione del fondo è stata caratterizzata da alternanza dinamica tra fondi emerging markets, high yield internazionali e convertibili. La dinamica valutaria ha inciso profondamente sulle performance dei gestori di primo livello. Tranne rarissime eccezioni, i gestori di primo livello hanno subito forti sotto performance rispetto ai relativi benchmark, portando le fluttuazioni delle quotazioni del fondo da un valore minimo di euro 6,905 (Classe A) e euro 4,947 (Classe B) ad un valore massimo di euro 7,199 (Classe A) e euro 5,157 (Classe B). 4

5 Fondo MC FdF Europa La performance del fondo nel semestre di riferimento è stata del 6.22% per la classe A e del 5.89% per la classe B contro un rendimento del benchmark* del 2.93% (spread positivo del 3.29% e del 2,96% rispettivamente) e dell indice Fideuram (della relativa categoria Assogestioni) di 3.21%. La gestione del fondo è stata premiante grazie alla focalizzazione sulla parte core dell Europa, sulle piccole capitalizzazioni e su alcuni settori come Technology, Real Estate e Consumer Staples. Oltre ad un ottimale selezione dei gestori di primo livello su cui investire è risultato determinante il timing di entrata e di uscita sulla parte emergente e paesi nordici ha portato le fluttuazioni delle quotazioni del fondo da un valore minimo di euro 5,851 (Classe A) e euro 3,286 (Classe B) ad un valore massimo di euro 6,54 (Classe A) e euro (Classe B). Mentre l investimento sulla componente long di volatilità che ha contribuito a rendere difensivo il portafoglio nelle fasi di discesa del mercato di riferimento. Fondo MC FdF America La performance del fondo nel semestre di riferimento è stata del 2.76% per la classe A e del 2.44% per la classe B contro un rendimento del benchmark* del 7% (spread negativo del 4.24% e del 4.56% rispettivamente) e dell indice Fideuram (della relativa categoria Assogestioni) di 8.92%. La gestione del fondo è stata penalizzata dall estrema volatilità del cambio euro dollaro e dagli effetti della copertura del rischio cambio, a tale dato va sommata la scelta di mantenere un profilo più prudente nella parte finale del periodo di riferimento. In particolar modo si è stati capaci di cogliere i trend sottostanti l andamento positivo del mercato, come le medie capitalizzazioni e le varie fasi degli stili growth/value, ma è non stata premiante la selezione dei gestori di primo livello che non hanno saputo sovra preformare i relativi benchmark, portando le fluttuazioni delle quotazioni del fondo da un valore minimo di euro (Classe A) e euro 3,959 (Classe B) ad un valore massimo di euro 5,603 (Classe A) e euro 4,359 (Classe B). A livello settoriale sono stati invece premianti gli investimenti sui comparti Biotech, Technology e Consumer Discretionary realizzati anche attraverso l uso di. Fondo MC FdF Asia La performance del fondo nel semestre di riferimento è stata di 0.91% per la classe A e di 1.23% per la classe B contro un rendimento del benchmark* del 6.37% (spread negativo del 7.28% e del 7.6% rispettivamente) e dell indice Fideuram (della relativa categoria Assogestioni) di 5.25%. La gestione del fondo è stata penalizzata dall estrema volatilità del cambio euro yen e dal sottopeso della componente giapponese, a tale dato va sommata la scelta di mantenere un profilo più prudente durante il periodo di riferimento. Le quotazioni del fondo hanno registrato fluttuazioni da un valore minimo di euro (Classe A) e euro 3,11 (Classe B) ad un valore massimo di euro (Classe A) e euro 3,49 (Classe B). Fondo MC FdF Emergenti La performance del fondo nel semestre di riferimento è stata del 3.83% per la classe A e del 3.57% per la classe B contro un rendimento del benchmark* del 4.27% (spread negativo di 0.44% e di 0.7% rispettivamente) e dell indice Fideuram (della relativa categoria Assogestioni) di 4.83%. La gestione del fondo è stata penalizzata dall estrema volatilità dei rapporti di cambio sottostanti, inoltre a tale dato va sommata la scelta di mantenere un profilo più prudente durante il periodo di riferimento. La gestione è stata caratterizzata dalla rotazione delle sottoaree emergenti su cui si è investito e il sovrappeso costante della componente small cap dell intera area cavalcando il tema dei consumi interni. Nella seconda parte del semestre il portafoglio ha subito movimentazioni tattiche in un ottica di riduzione del rischio, ridotte notevolmente la componente emergente Brasile e Cina, dismessa la componente Russia. Tali modifiche sono state realizzate a favore della componente emergente small cap, Middle East e Indonesia. Le quotazioni del fondo hanno registrato fluttuazioni da un valore minimo di euro (Classe A) e euro 3.51 (Classe B) ad un valore massimo di euro (Classe A) e euro 3,956 (Classe B). Fondo MC FdF Megatrend Wide La performance del fondo nel semestre di riferimento è stata del 5.76% per la classe A e del 5.47% per la classe B contro un rendimento del benchmark* del 5.61% (spread di 0.15% e di 0.14% rispettivamente) e dell indice Fideuram (della relativa categoria Assogestioni) di 6.11% La gestione del fondo è stata premiante perché ha saputo cogliere sia in termini settoriali sia geografici i trend sottostanti, assumendo anche un profilo difensivo durante le fasi di discesa del mercato di riferimento. Inoltre è stata premiante la selezione dei gestori di primo livello che hanno saputo sovraperfomare i relativi benchmark, portando le fluttuazioni delle quotazioni del fondo da un valore minimo di euro 6,057 (Classe A) e euro 3,5 (Classe B) ad un valore massimo di euro (Classe A) e euro (Classe B). 5

6 Fondo MC FdF Flex High Volatility La performance del fondo nel semestre di riferimento è stata del 3.6% per la classe A e del 3.4% e dell indice Fideuram (della relativa categoria Assogestioni) di 2,35%. La gestione del fondo è stata premiante perché ha saputo cogliere sia in termini settoriali sia geografici i trend sottostanti, assumendo anche un profilo difensivo durante le fasi di discesa del mercato di riferimento. Inoltre è stata premiante la selezione dei gestori di primo livello che hanno saputo sovraperfomare i relativi benchmark. La misura di rischio del fondo (minor rendimento mensile) registrata nel corso dell esercizio è stata pari al 4.69% per la classe A e 4,68% per la classe B, valori sensibilmente inferiori al limite di rischio indicato nel prospetto pari al 12,5% (Var, 1 mese, 99%). Le fluttuazioni delle quotazioni del fondo vanno da un valore minimo di euro 4,203 (Classe A) e euro 3,54 (Classe B) ad un valore massimo di euro 4,507 (Classe A) e euro 3,79 (Classe B). Fondo MC FdF Flex Medium Volatility La performance del fondo nel semestre di riferimento è stata dello 0.4% per la classe A e di 0% per la classe B contro un rendimento dell indice Fideuram (della relativa categoria Assogestioni) di 2.73%. La misura di rischio del fondo (minor rendimento mensile) registrata nel corso dell esercizio è stata pari all 1.8% per la classe A e 1.29% per la classe B, valori sensibilmente inferiori al limite di rischio indicato nel prospetto pari al 7,70% (Var, 1 mese, 99%). La gestione del fondo è stata caratterizzata da un profilo decorrelato rispetto al mercato assumendo dunque un profilo difensivo durante le fasi di discesa del mercato di riferimento. Le fluttuazioni delle quotazioni del fondo vanno da un valore minimo di euro 5,54 (Classe A) e euro 3,64 (Classe B) ad un valore massimo di euro 5,665 (Classe A) e euro 3,72 (Classe B). Fondo MC FdF Bilanciato La performance del fondo nel semestre di riferimento è stata del 4.22% per la classe A e del 3.94% per la classe B contro un rendimento del benchmark* del 4.08% (spread positivo dello 0,70% e dello 0,19% rispettivamente) e dell indice Fideuram (della relativa categoria Assogestioni) di 4,31% (spread dello 0.14% e di 0.14% rispettivamente). La gestione del fondo è stata caratterizzata da un approccio prudenziale durante il periodo di riferimento, che ha creato sì un profilo di rendimento più lineare, ma decorrelato con l andamento dei sottostanti azionari ed obbligazionari. Relativamente alla componente obbligazionaria la gestione ha continuiamo a preferire la parte corporate ed high yield, mentre a livello azionario la parte americana e settoriale. Le quotazioni del fondo hanno registrato fluttuazioni da un valore minimo di euro (Classe A) e euro 4,418 (Classe B) ad un valore massimo di euro 6,363 (Classe A) e euro 4,674 (Classe B). Fondo MC FdF Global Bond La performance del fondo nel semestre di riferimento è stata dell 1.70% per la classe A e dell 1.73% per la classe B contro un rendimento del benchmark* del 2.70% (spread negativo di 1% e di 0.97% rispettivamente) e dell indice Fideuram (della relativa categoria Assogestioni) di 2.74%. La gestione del fondo è stata caratterizzata dalla presenza di fondi governativi in prevalenza europei e in misura residuale dall alternanza dinamica tra fondi governativi globali, emerging markets, high yield internazionali e convertibili. La dinamica valutaria ha inciso profondamente sulle performance dei gestori di primo livello. Tranne rarissime eccezioni, i gestori di primo livello hanno subito forti sotto performance rispetto ai relativi benchmark, portando le fluttuazioni delle quotazioni del fondo da un valore minimo di euro 5.26 (Classe A) e euro 5,180 (Classe B) ad un valore massimo di euro 5,48 (Classe A) e euro 5,41 (Classe B). Fondo MC FdF Flex Low Volatility La performance del fondo nel semestre di riferimento è stata del 4.6% per la classe A e del 4.61% per la classe B contro un rendimento dell indice Fideuram (della relativa categoria Assogestioni) di 2,73%. La misura di rischio del fondo (minor rendimento mensile) registrata nel corso dell esercizio è stata pari all 1.73% per la classe A e 1,75% per la classe B, valori sensibilmente inferiore al limite di rischio indicato nel prospetto pari al 5% (Var, 1 mese, 99%). La gestione del fondo è stata premiante perché ha saputo cogliere i trend del mercato obbligazionario, investendo con alternanza dinamica tra fondi monetari, emerging markets, high yield internazionali e convertibili. Le fluttuazioni delle quotazioni del fondo vanno da un valore minimo di euro 5,22 (Classe A) e euro 5,21 (Classe B) ad un valore massimo di euro 5,47 (Classe A) e euro 5,46 (Classe B). 6

7 EVENTI DI RILIEVO SUCCESSIVI ALLA CHIUSURA DEL SEMESTRE Nel corso del semestre appena trascorso ha posto in essere un operazione di cessione della propria azienda a favore di ZENIT SGR S.p.A. L operazione riguarda, oltre il servizio di gestione collettiva, anche i servizi di gestione di portafogli e di consulenza finanziaria e trae origine dal fatto che ZENIT ed MC GESTIONI presentavano dimensioni e complessità organizzative del tutto similari e tali da rendere strategica l integrazione societaria con evidenti vantaggi in termini di efficienza operativa e di miglioramento della gamma dei prodotti offerti. Nell ambito di tale operazione, è stata attuata una razionalizzazione nell offerta dei fondi promossi e gestiti dalle due Società al fine di creare un unica gamma (Sistema FONDI ZENIT MC ) disciplinata dal medesimo Regolamento di gestione e da un unico Prospetto d offerta. Le fusioni tra fondi, e le connesse modifiche regolamentari, deliberate dal Consigli di Amministrazione delle Società, rispettivamente, per MC Gestioni il 27 febbraio e per Zenit SGR il 29 febbraio, sono state approvate dalla Banca d Italia con Provvedimento n /12 dell 11/05/2012 e sono efficaci a decorrere dal 1 luglio Tra le modifiche regolamentari, il fondo MC Megatrend Wide FdF ha inoltre cambiato soggetto gestore da MC Gestioni a Zenit SGR. Informativa sulla fusione dei Fondi La tabella sottostante illustra l operazione di fusione per incorporazione sia tra fondi del Sistema Fondi di Fondi, gestiti da MC GESTIONI, sia tra questi e i fondi del Sistema Fondi Zenit, gestiti da ZENIT. Si evidenzia che il sistema Fondi Zenit, che ha assunto la denominazione dal 1 luglio 2012 FONDI ZENIT MC, si completa del fondo Zenit MC Pianeta Italia, denominazione assunta da Zenit Azionario, fondo già gestito da Zenit SGR. Tale ultimo fondo non è stato interessato da operazioni di fusione. I fondi risultanti dalla fusione saranno offerti in due classi, Classe I e Classe R, che si differenziano sia per il diverso regime commissionale, sia per le condizioni di accesso, basate sulle caratteristiche dell investitore e delle modalità di sottoscrizione. Le classi A e B dei fondi incorporati del sistema Fondo di Fondi confluiranno nella classe R dei fondi incorporanti, salvo il diritto per gli investitori che ne abbiano i requisiti di ricevere quote di classe I. La fusione per incorporazione è stata realizzata sulla base dei valori delle quote dei fondi al 29 giugno 2012 e, nel giorno di efficacia della fusione, dal 1 luglio 2012 sono state attribuite ai partecipanti dei fondi incorporati quote dei fondi incorporanti sulla base del rapporto di concambio tra i valori quota al 29 giugno

8 Informativa su ZENIT SGR A decorrere dalla data di efficacia Zenit SGR S.p.A. svolgerà il ruolo di gestore in proprio di tutti i fondi comuni di investimento ricompresi (per inclusione o per incorporazione) nel Sistema FONDI ZENIT MC. Zenit SGR S.p.A. appartenente al Gruppo PFM Finanziaria è una Società di Gestione del Risparmio autorizzata dalla Banca d Italia ed iscritta al n. 51 dell Albo tenuto dalla Banca d Italia ai sensi dell articolo 35 del D. Lgs.24 febbraio 1998 n.58 ed ha sede in Milano, via privata Maria Teresa 7. Indirizzo del sito internet: 8

9 Fondo MC FdF HIGH YIELD Situazione patrimoniale al 29/06/2012 ATTIVITÀ Valore In perc. Valore In perc. complessivo del totale attività complessivo del totale attività A. STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI , ,816 A1. Titoli di debito A1.1 Titoli di stato A1.2 Altri A2. Titoli di capitale A3. Parti di O.I.C.R , ,816 B. STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI B1. Titoli di debito B2. Titoli di capitale B3. Parti di O.I.C.R. C. STRUMENTI FINAZIARI DERIVATI C1. Margini presso organismi di compensazione e garanzia C2. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari C3. Opzioni,premi o altri strumenti finanziari D. DEPOSITI BANCARI D1 A vista D2 Altri E. PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE F. POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITA' , ,143 F1. Liquidità disponibile , ,143 F2. Liquidità da ricevere per operazioni da regolare F3. Liquidità impegnata per operazioni da regolare 19 0,000 G. ALTRE ATTIVITA' , ,041 G1. Ratei attivi , ,036 G2. Crediti di imposta G3. Altre ,005 TOTALE ATTIVITA' , ,000 9

10 Fondo MC FdF HIGH YIELD Situazione patrimoniale al 29/06/2012 PASSIVITÀ E NETTO H. FINAZIAMENTI RICEVUTI H1. Finanziamenti ricevuti indebitamento euro H2. Finanziamenti ricevuti per sottoscrizioni da regolare I. PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE L. STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI L1. Opzioni,premi o altri strumenti finanziari L2. Opzioni,premi o altri strumenti finanziari M. DEBITI VERSO I PARTECIPANTI M1. Rimborsi richiesti e non regolati M2. Proventi da distribuire M3. Altri N. ALTRE PASSIVITA' N1. Provvigioni ed oneri maturati e non liquidati N2. Debiti di imposta N3. Altre TOTALE PASSIVITA' VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO (classe A) VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO (classe B) Numero delle quote in circolazione (classe A) , ,282 Numero delle quote in circolazione (classe B) , ,306 Valore unitario delle quote (classe A) 6,998 6,918 Valore unitario delle quote (classe B) 5,005 4,959 Movimenti delle quote nell anno Quote emesse (classe A) ,749 Quote rimborsate (classe A) ,190 Quote emesse (classe B) ,204 Quote rimborsate (classe B) ,728 10

11 Fondo MC FdF HIGH YIELD Situazione patrimoniale al 29/06/2012 Elenco titoli in portafoglio alla data Rendiconto in ordine decrescente di valore Titoli Divisa Quantità Controvalore Euro in % incidenza su attività del Fondo DB X TRACKERS II EMG MKTS LIQU EUROBOND EUR 3.430, ,16 16,32 ING (L) RENTA FUND GLOBAL HIGH YIELD EUR 2.127, ,50 16,15 BNP L1 BOND WORLD EMERGING IC USD 1.076, ,33 16,07 AMUNDI BOND GLOBAL MUC USD 9.146, ,91 15,70 DB X TRACKERS IBX EUR SOV EUROZONE EUR 4.924, ,10 15,50 DB X TRACKERS II EONIA TOTAL RET EUR 4.961, ,81 12,23 BNP L1 BOND BEST SELECTION WORLD EMER IH EUR 3.614, ,67 5,27 Totale ,24 11

12 Fondo MC FdF EUROPA Situazione patrimoniale al 29/06/2012 ATTIVITÀ Valore In perc. Valore In perc. complessivo del totale attività complessivo del totale attività A. STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI , ,524 A1. Titoli di debito A1.1 Titoli di stato A1.2 altri A2. Titoli di capitale A3. Parti di O.I.C.R B. STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI B1. Titoli di debito B2. Titoli di capitale B3. Parti di O.I.C.R. 85, ,524 C. STRUMENTI FINAZIARI DERIVATI C1. Margini presso organismi di compensazione e garanzia C2. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari C3. Opzioni,premi o altri strumenti finanziari D. DEPOSITI BANCARI D1. A vista D2. Altri E. PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE F. POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITA' ,60 3, ,186 F1. Liquidità disponibile , ,186 F2. Liquidità da ricevere per operazioni da regolare F3. Liquidità impegnata per operazioni da regolare G ALTRE ATTIVITA' , , ,538 10, ,290 G1. Ratei attivi 150 0, ,035 G2. Crediti di imposta ,034 G3. Altre , ,220 TOTALE ATTIVITA' , ,00 12

13 Fondo MC FdF EUROPA Situazione patrimoniale al 29/06/2012 PASSIVITÀ E NETTO H. FINAZIAMENTI RICEVUTI H1. Finanziamenti ricevuti indebitamento euro H2. Finanziamenti ricevuti per sottoscrizioni da regolare I. PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE L. STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI L1. Opzioni,premi o altri strumenti finanziari L2. Opzioni,premi o altri strumenti finanziari M. DEBITI VERSO I PARTECIPANTI M1. Rimborsi richiesti e non regolati M2. Proventi da distribuire M3. Altri N. ALTRE PASSIVITA' N1. Provvigioni ed oneri maturati e non liquidati N2. Debiti di imposta N3. Altre TOTALE PASSIVITA' VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO (classe A) VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO (classe B) Numero delle quote in circolazione (classe A) , ,204 Numero delle quote in circolazione (classe B) , ,794 Valore unitario delle quote (classe A) 6,162 5,801 Valore unitario delle quote (classe B) 3,450 3,258 Movimenti delle quote nell anno Quote emesse (classe A) ,343 Quote rimborsate (classe A) ,950 Quote emesse (classe B) 4.683,066 Quote rimborsate (classe B) ,593 13

14 Fondo MC FdF EUROPA Situazione patrimoniale al 29/06/2012 Elenco titoli in portafoglio alla data Rendiconto in ordine decrescente di valore Titoli Divisa Quantità Controvalore in Euro % incidenza su attività del Fondo BLACKROCK GLOBAL CONTINENTAL EUR FLEX EUR , ,73 16,18 THREADNEEDLE EUR SEL EUR 2 EUR , ,21 8,48 BNP L1 EQUITY BEST SELECT EUROPE I EUR 1.233, ,43 8,46 THREADNEEDLE EUR SM EUR , ,19 8,16 BLACKROCK GLOBAL EUROPEAN FOCUS EUR , ,32 7,65 CREDIT SUISSE EQ SM&MCPGER I EUR 116, ,21 7,12 THREADNEEDLE PAN EUR SM EUR 2 A EUR , ,52 6,38 AMUNDI VOLATILITY EURO EQUITIES EUR 859, ,11 5,80 ISHARES MDAX EUR 1.159, ,82 5,09 ISHARES DIVDAX EUR 9.517, ,26 4,79 BNP L1 EQUITY IEUROPE CONS GOOD EUR 564, ,28 4,49 DB X TRACKERS SMI ETF EUR 1.108, ,79 2,69 Totale ,29 14

15 Fondo MC FdF AMERICA Situazione patrimoniale al 29/06/2012 ATTIVITÀ Valore In perc. Valore In perc. complessivo del totale attività complessivo del totale attività A. STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI ,67 96, ,809 A1. Titoli di debito ,074 A1.1 Titoli di stato ,074 A1.2 altri A2. Titoli di capitale A3. Parti di O.I.C.R ,67 96, ,736 B. STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI B1. Titoli di debito B2. Titoli di capitale B3. Parti di O.I.C.R. C. STRUMENTI FINAZIARI DERIVATI ,863 C1. Margini presso organismi di compensazione e garanzia C2. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari C3. Opzioni,premi o altri strumenti finanziari D. DEPOSITI BANCARI D1. A vista D2. Altri E. PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE ,863 F. POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITA' ,77 3, ,922 F1. Liquidità disponibile ,97 3, ,967 F2. Liquidità da ricevere per operazioni da regolare F3. Liquidità impegnata per operazioni da regolare ,507 54,20 0, ,552 G ALTRE ATTIVITA' 4.000,74 0, ,405 G1. Ratei attivi 544,33 0, ,233 G2. Crediti di imposta G3. Altre 3.456,41 0, ,172 TOTALE ATTIVITA' ,18 100, ,000 15

16 Fondo MC FdF AMERICA Situazione patrimoniale al 29/06/2012 PASSIVITÀ E NETTO H. FINAZIAMENTI RICEVUTI H1. Finanziamenti ricevuti indebitamento euro H2. Finanziamenti ricevuti per sottoscrizioni da regolare I. PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE L. STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI L1. Opzioni,premi o altri strumenti finanziari L2. Opzioni,premi o altri strumenti finanziari M. DEBITI VERSO I PARTECIPANTI M1. Rimborsi richiesti e non regolati M2. Proventi da distribuire M3. Altri N. ALTRE PASSIVITA' N1. Provvigioni ed oneri maturati e non liquidati N2. Debiti di imposta N3. Altre TOTALE PASSIVITA' VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO (classe A) VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO (classe B) Numero delle quote in circolazione (classe A) , ,070 Numero delle quote in circolazione (classe B) , ,151 Valore unitario delle quote (classe A) 5,252 5,111 Valore unitario delle quote (classe B) 4,079 3,982 Movimenti delle quote nell anno Quote emesse (classe A) ,067 Quote rimborsate (classe A) ,583 Quote emesse (classe B) ,185 Quote rimborsate (classe B) ,412 16

17 Fondo MC FdF AMERICA Situazione patrimoniale al 29/06/2012 Elenco titoli in portafoglio alla data Rendiconto in ordine decrescente di valore Titoli Divisa Quantità Controvalore in Euro % incidenza su attività del Fondo THREADNEEDLE AM EX ALPHA INA EUR , ,39 17,39 MORGAN ST US ADVANTAGE ZH EUR , ,53 12,95 UBS LUX USA GROWTH USD , ,15 12,83 DWS BIOTECH TYP O EUR 5.458, ,57 9,04 SOURCE MARKET CONSUMER DISC S&P US ETF USD 3.921, ,75 8,86 LYXOR ETF NASDAQ 100 EUR , ,67 6,18 DB X TRACKERS MSCI USA TRN EUR , ,96 6,18 TECHNOLOGY S&P US SELECT SEC ETF USD 5.286, ,70 5,80 SOURCE MARKET CONSUMER STAP S&P US ETF USD 1.262, ,56 4,70 CREDIT SUISSE EF USA I USD 253, ,72 4,47 JP MORGAN F US VALUE B USD , ,47 3,76 FRANK TEMP BEACON I ACC EUR , ,14 2,27 MORGAN ST US PROPERTY Z USD 3.020, ,06 2,18 Totale ,61 17

18 Fondo MC FdF ASIA Situazione patrimoniale al 29/06/2012 ATTIVITÀ Valore In perc. Valore In perc. complessivo del totale attività complessivo del totale attività A. STRUMENTI FINANZIARI QUOTATI , ,158 A1. Titoli di debito , ,165 A1.1 titoli di stato , ,165 A1.2 altri A2. Titoli di capitale A3. Parti di O.I.C.R , ,992 B. STRUMENTI FINANZIARI NON QUOTATI B1. Titoli di debito B2. Titoli di capitale B3. Parti di O.I.C.R. C. STRUMENTI FINAZIARI DERIVATI ,149 C1. Margini presso organismi di compensazione e garanzia C2. Opzioni, premi o altri strumenti finanziari C3. Opzioni,premi o altri strumenti finanziari D. DEPOSITI BANCARI D1. A vista D2. Altri E. PRONTI CONTRO TERMINE ATTIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE F. POSIZIONE NETTA DI LIQUIDITA' , ,320 F1. Liquidità disponibile F2. Liquidità da ricevere per operazioni da regolare F3. Liquidità impegnata per operazioni da regolare 4,027 1, , , , ,810 G ALTRE ATTIVITA' , ,374 G1. Ratei attivi , ,159 G2. Crediti di imposta ,065 G3. Altre , ,149 TOTALE ATTIVITA' , ,000 18

19 Fondo MC FdF ASIA Situazione patrimoniale al 29/06/2012 PASSIVITÀ E NETTO H FINAZIAMENTI RICEVUTI H1. Finanziamenti ricevuti indebitamento euro H2. Finanziamenti ricevuti per sottoscrizioni da regolare I. PRONTI CONTRO TERMINE PASSIVI E OPERAZIONI ASSIMILATE L. STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI L1. Opzioni,premi o altri strumenti finanziari L2. Opzioni,premi o altri strumenti finanziari M. DEBITI VERSO I PARTECIPANTI M1. Rimborsi richiesti e non regolati M2. Proventi da distribuire M3. Altri N. ALTRE PASSIVITA' N1. Provvigioni ed oneri maturati e non liquidati N2. Debiti di imposta N3. Altre TOTALE PASSIVITA' VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO (classe A) VALORE COMPLESSIVO NETTO DEL FONDO (classe B) Numero delle quote in circolazione (classe A) , ,899 Numero delle quote in circolazione (classe B) , ,855 Valore unitario delle quote (classe A) 5,785 5,838 Valore unitario delle quote (classe B) ,256 Movimenti delle quote nell anno Quote emesse (classe A) ,282 Quote rimborsate (classe A) ,623 Quote emesse (classe B) ,841 Quote rimborsate (classe B) ,193 19

20 Fondo MC FdF ASIA Situazione patrimoniale al 29/06/2012 Elenco titoli in portafoglio alla data Rendiconto in ordine decrescente di valore Titoli Divisa Quantità Controvalore in Euro % incidenza su attività del Fondo ISHARES MSCI JAPAN FUND EUR , ,67 11,05 AXA ROS JP EN IDX EQ ALPHA JPY , ,29 10,60 ABERDEEN GL JAPANESE EQTY A2 JPY , ,52 10,03 ABERDEEN GL JAPANESE SMALLER COMP FUND JPY , ,49 7,15 DWS INVEST JAPANESE EUR 2.964, ,48 6,79 LYXOR ETF JAPAN TOPIX EUR 2.295, ,67 6,23 SCHRODER INTL PACIFIC EQUITY USD , ,68 5,88 BOTS A EUR , ,53 5,85 PARVEST EQUITY JAPAN SMALL CAP JPY 157, ,92 5,02 LYXOR ETF EURO CASH EONIA EUR 1.092, ,84 4,13 SCHRODER INTL EMERG ASIA C EUR 5.108, ,25 3,31 DB X TRACKERS S&P/ASX 200 EUR 2.314, ,55 2,07 Totale ,11 20

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema

BRating Analysis. Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. 15/04/2015. Statistiche del sistema BRating Analysis 15/04/2015 Summary Concluse le analisi mensili sui dati aggiornati a fine Marzo 2015. Per quanto riguarda il mercato azionario I protagonisti del mese sono stati i fondi che investono

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009

TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Settimana del 31 agosto 2009 1 Trend e Strategie di Investimento http://www.educazionefinanziaria.com/ TREND E STRATEGIE DI INVESTIMENTO Mercato Azionario Semaforo Verde Situazione Fondamentale: Neutrale (basata sul differenziale

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici

Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Jacob Gyntelberg Peter Hördahl jacob.gyntelberg@bis.org peter.hoerdahl@bis.org Quadro generale degli sviluppi: mercati spronati dai tassi di interesse ancora ai minimi storici Fra inizio settembre e fine

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire

Materiale di marketing Schroders Fondi Income. Una generazione. su cui investire Materiale di marketing Schroders Fondi Income Una generazione su cui investire Con mercati sempre più volatili e imprevedibili, affidarsi al solo apprezzamento del capitale spesso non basta. Il bisogno

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese

RAPPORTO ANNUALE2014. La situazione del Paese RAPPORTO ANNUALE2014 La situazione del Paese Rapporto annuale 2014. La situazione del Paese. Presentato mercoledì 28 maggio 2014 a Roma presso la Sala della Regina di Palazzo Montecitorio RAPPORTO ANNUALE2014

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici

Deutsche Asset & Wealth Management. Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015. CIO View. I giganti asiatici. Sfida tra modelli economici Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Maggio 2015 CIO View I giganti asiatici Sfida tra modelli economici Nove Posizioni Le nostre previsioni Il crollo delle esportazioni

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale.

Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Risparmiatori italiani combattuti tra ricerca del rendimento e protezione del capitale. Questo il risultato di una ricerca di Natixis Global Asset Management, secondo cui di fronte a questo dilemma si

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager

FONTEDIR. Selezione Gestori Finanziari. Milano, luglio 2007. Institutional Sales Manager FONTEDIR Selezione Gestori Finanziari Monica Basso Milano, luglio 2007 Institutional Sales Manager Agenda Struttura e esperienza del mercato dei Fondi pensione Filosofia e Processo di investimento Sistema

Dettagli

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist

Capital Group. Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Capital Group Intervista a Richard Carlyle, Investment Specialist Evento Citywire Montreux, maggio 2015 La tesi a favore delle azioni europee Richard Carlyle, Investment Specialist, Capital Group La ripresa

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014.

Considerazioni finali. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015. centoventunesimo esercizio. anno 2014. Assemblea Ordinaria dei Partecipanti Roma, 26 maggio 2015 anno esercizio centoventunesimo esercizio CXXI Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno - centoventunesimo esercizio Roma, 26 maggio 2015 Signori

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale

SEB Asset Management. Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale SEB Asset Management Il processo di investimento e la selezione degli asset: come creare un percorso ottimale Fabio Agosta, Responsabile Commerciale Europa Meridionale & Medio Oriente SEB Stockholm Enskilda

Dettagli

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte

I dati pubblicati possono essere riprodotti purché ne venga citata la fonte IMPORT & EXPORT DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA 1 semestre 2013 A cura di: Vania Corazza Ufficio Statistica e Studi Piazza Mercanzia, 4 40125 - Bologna Tel. 051/6093421 Fax 051/6093467 E-mail: statistica@bo.camcom.it

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011

Resoconto Intermedio di Gestione. del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 Resoconto Intermedio di Gestione del Gruppo Bipiemme al 30 settembre 2011 (*) Società Cooperativa a r.l. fondata nel 1865

Dettagli

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG

Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Situazione «Grecia» Informazione da parte di PPCmetrics PPCmetrics AG Alfredo Fusetti, Partner Luca Barenco, Investment Consultant Zurigo, 30.06.2015 Situazione attuale (1) Secondo il comunicato stampa

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni

Gli Investitori Globali Ritengono che le Azioni Saranno La Migliore Asset Class Nei Prossimi 10 Anni é Tempo di BILANCI Gli Investitori Hanno Sentimenti Diversi Verso le Azioni In tutto il mondo c è ottimismo sul potenziale di lungo periodo delle azioni. In effetti, i risultati dell ultimo sondaggio di

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità

KBC KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità KBC: accelerato il piano di rimborso degli aiuti pubblici Discreti i conti trimestrali, l Irlanda resta una criticità Il gruppo finanziario belga KBC ha chiuso i primi 9 mesi del 2012 con un utile netto

Dettagli

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche

Focus. BTP Italia: settimana emissione. 20 ottobre 2014. Intesa Sanpaolo Servizio Studi e Ricerche BTP Italia: settimana emissione Dal 20 al 23 ottobre 2014 si tiene il collocamento del settimo BTP Italia, titolo di stato indicizzato all inflazione italiana (ex tabacco) e pensato prevalentemente per

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short

ETF su indici daily short: investire nei mercati orso. db x-trackers su indici daily short db x-trackers su indici daily short ETF su indici daily short: investire nei mercati orso L investimento in un ETF db x-trackers correlato ad indice daily short è destinato unicamente ad investitori sofisticati

Dettagli

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza

Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta. insieme fino all essenza Solo un leader della Gestione Alternativa può offrirvi una tale scelta insieme fino all essenza Dexia Asset Management, un leader europeo nell ambito della Gestione Alternativa n Una presenza storica fin

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11

Analisi Settimanale. 6-12 Luglio 2015 TERMINI & CONDIZIONI. CH-1196 Gland forex.analysis@swissquote.ch. Swissquote Bank SA Tel +41 22 999 94 11 Analisi Settimanale TERMINI & CONDIZIONI - Sommario p3 p4 p5 p6 p7 p8 Economia Economia Economia Economia Mercati FX Termini Legali Fed: aspettative sul rialzo dei tassi a Settembre in stand-by- Yann Quelenn

Dettagli

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management

CIO View. Un pezzo dopo l altro. Verso l integrazione fiscale europea. Deutsche Asset & Wealth Management Deutsche Asset & Wealth Management Edizione Europa, Medio Oriente e Africa Giugno 2015 CIO View Un pezzo dopo l altro Verso l integrazione fiscale europea Nove posizioni Le nostre previsioni L aumento

Dettagli

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio

Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Congiuntura Economica Architettura aperta come strumento di diversificazione nel controllo di rischio di portafoglio Luca Martina Private Banker Banca

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Le due facce dell investimento

Le due facce dell investimento Schroders Educational Rischio & Rendimento Le due facce dell investimento Per essere buoni investitori non basta essere buoni risparmiatori. La sfida del rendimento è tutta un altra storia. È un cammino

Dettagli

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano

2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano 2. Il risparmio e la sua gestione: situazione e sfide del mercato italiano Domenico Siniscalco 2.1 Premessa L Italia è un paese di grandi risparmiatori. Comunque la si misuri in rapporto al reddito disponibile

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE

RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE A Ugo che ci ha insegnato con competenza e passione ad apprezzare ogni riga del Rapporto RAPPORTO 2014 SULL ECONOMIA REGIONALE Il presente rapporto è stato redatto

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto

ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI. Relazione sull attività svolta dall Istituto ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto Roma, 26 giugno 2013 ISTITUTO PER LA VIGILANZA SULLE ASSICURAZIONI Relazione sull attività svolta dall Istituto

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Advisory Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 1 2 3 Il trend del risparmio gestito prima e dopo la crisi finanziaria

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti

Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità. Cristiana Brocchetti Hedge Fund: stili di gestione e peculiarità Cristiana Brocchetti Milano, 17 dicembre 2012 1 Tradizionale o Alternativo? Due le principali aree che caratterizzano le tipologie di investimento: Tradizionali

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli