Classe 1 C Materia Scienze Motorie anno scolastico 2015/2016

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classe 1 C Materia Scienze Motorie anno scolastico 2015/2016"

Transcript

1 Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Prof.ssa SCARAMUZZO ORNELLA Classe 1 C Materia Scienze Motorie anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere: L'insegnamento della disciplina dovrà portare l'alunno ad avere padronanza della propria corporeità e del movimento e ad essere consapevole delle potenzialità delle scienze motorie e sportive per il suo benessere individuale. A tal fine sono stati individuati i seguenti obiettivi generali: 1) movimento (percezione di sé e completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie) 2) linguaggi del corpo 3) gioco-sport 4) salute e benessere. Obiettivi educativi e cognitivi trasversali: L'insegnamento della disciplina si propone le seguenti finalità: favorire l'armonico sviluppo globale dell'adolescente agendo sull'area corporea; rendere l'adolescente cosciente della sua corporeità al fine di aiutarlo a superare le difficoltà tipiche dell'età che riguardano la sfera corporea; facilitare l'acquisizione di un'abitudine alla motricità che tenda a promuovere la pratica sportiva come costume di vita; favorire la scoperta e l'orientamento delle attitudini motorie personali che possano essere coltivate anche dopo l'esperienza scolastica. Risultati di apprendimento: Per ogni obiettivo specifico (competenza) è possibile individuare l'ambito delle relative conoscenze e abilità. 1 obiettivo: MOVIMENTO (percezione di sé e completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie ed espressive). -conoscere il proprio corpo e la sua funzionalità (posture,funzioni fisiologiche, capacità motorie) e quindi realizzare schemi motori funzionali alle attività proposte; -conoscere il ritmo delle azioni motorie e quindi percepire e riprodurre ritmi attraverso il movimento; -conoscere le corrette attività motorie e sportive anche in ambiente naturale e quindi muoversi nel territorio rispettando l'ambiente; -conoscere le funzioni fisiologiche in relazione al movimento e i principali paramorfismi e dismorfismi e quindi riconoscere le variazioni fisiologiche indotte dalla pratica sportiva e assumere posizioni corrette.. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente si orienta negli ambiti motorie e sportivi, utilizzando le tecnologie e riconoscendo le variazioni fisiologiche e le proprie potenzialità. Livello 3: padroneggia autonomamente azioni motorie complesse, rielaborando le informazioni di cui dispone in contesti anche non programmati. 1

2 Livello 2: mette in atto differenti azioni motorie, utilizzando le informazioni di cui dispone adeguandole al contesto e alle proprie potenzialità. Livello 1: esegue azioni motorie e sportive utilizzando le indicazioni date, applicandole al contesto e alle proprie potenzialità. 2 obiettivo: LINGUAGGI DEL CORPO -conoscere le modalità di utilizzo dei diversi linguaggi non verbali e quindi rappresentare idee e stati d'animo con creatività e con semplici tecniche espressive; -riconoscere le caratteristiche del ritmo nel movimento e quindi riprodurre sequenze ritmiche di movimento. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente esprime con creatività azioni, emozioni, sentimenti con finalità comunicativo-espressiva. Livello 3: applica e rielabora molteplici tecniche espressive in diversi ambiti, assegna significati al movimento. Livello 2: si esprime con creatività utilizzando correttamente più tecniche, sa interagire con i compagni con finalità comunicative. Livello 1: si esprime riferendosi ad elementi conosciuti con finalità comunicativo-espressiva, utilizzando, guidato, le tecniche proposte. 3 obiettivo: GIOCO-SPORT (lo sport, le regole, il fair play) -conoscere le abilità tecniche dei giochi e degli sport proposti e quindi adattarle alle situazioni in forma personale; -conoscere semplici tattiche e strategie dei giochi e degli sport praticati e partecipare in maniera propositiva; -conoscere la terminologia, le norme principali del regolamento tecnico e il fair play in funzione dei diversi ruoli e anche dell'arbitraggio. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente pratica le attività sportive applicando tattiche e strategie con fair play. Livello3: mostra elevate abilità tecnico-tattiche nelle attività sportive con un personale apporto interpretativo del fair play e dei fenomeni sportivi. Livello 2: mostra elevate abilità tecnico-tattiche nelle abilità sportive e nel fair play Livello 1: sollecitato, pratica le attività sportive conoscendo semplici tattiche e strategie con fair play e attenzione all'aspetto sociale. 4 obiettivo: SALUTE E BENESSERE -conoscere i principi fondamentali per la sicurezza e per il primo soccorso e quindi assumere comportamenti corretti per prevenire gli infortuni e applicare le prime procedure di soccorso; -approfondire le informazioni della corretta alimentazione e dei danni provocati da sostanze nocive (fumo, doping, droga, alcool); -conoscere i principi generali dell'allenamento utilizzati per migliorare lo stato di efficienza psicofisica e quindi scegliere di praticare attività motoria e sportiva nella vita quotidiana per vivere meglio. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente adotta comportamenti attivi, in sicurezza, per migliorare la propria salute e il proprio benessere. 2

3 Metodologia: Si terrà conto delle esigenze psico-fisiche dei singoli alunni, della personalità in ogni momento della loro evoluzione; ciascuno sarà messo in condizione di conseguire obiettivi adeguati alle proprie possibilità. La metodologia sarà dapprima globale in riferimento alle proposte di giochi e di attività sportive, analitica per progressioni ed esercizi già conosciuti. Per facilitare l apprendimento motorio e l acquisizione di automatismi, si utilizzerà il criterio della gradualità. Si cercherà sempre, nel limite del possibile, di interessare gli alunni e di farli partecipare attivamente alle lezioni attraverso esercizi individuali e collettivi, giochi di gruppo e di squadra Organizzazione dei contenuti Lezione teorica: apparato scheletrico, articolazioni paramorfismi e dismorfismi.test di verifica attività ed esercizi a carico naturale e circuiti attività ed esercizi con piccoli e grandi attrezzi attività ed esercizi di allungamento e di mobilità articolare attività sportive di squadra: i fondamentali di alcuni sport (pallavolo, pallacanestro e pallamano) Trimestre Settembre Ottobre Novembre Novembre - Dicembre verifiche finali, test organizzazione, applicazione e consolidamento dei contenuti precedenti, intesi a sviluppare qualità tecniche Eventuale corso di dragon boat elementi semplici di preacrobatica Pentamestre Gennaio Marzo elementi tattici di alcuni sport individuali attività sportive di squadra (fasi di gioco, regole principali) organizzazione ed applicazione dei contenuti precedentemente appresi ed eventuale recupero di alunni con difficoltà Aprile Maggio -Giugno verifiche finali, test Risorse e strumenti: si utilizzeranno tutti i materiali presenti in palestra. 3

4 TABELLA DEI DESCRITTORI PER LA VALUTAZIONE Voto in decimi Competenze relazionali 10 propositivo leader Partecipazione Rispetto delle regole costruttiva (sempre) 9 Collaborativo Efficace (quasi sempre) 8 Disponibile Attiva e pertinente (spesso) condivisione autocontrollo Applicazione sicura costante Conoscenza applicazione 7 Selettivo Attiva (sovente) Conoscenza regole principali 6 Dipendente poco adattabile 5 Conflittuale passivo Dispersiva settoriale (talvolta) Oppositiva passiva Guidata essenziale Rifiuto insofferenza Metodo Conoscenza Possesso competenza Rielaborativo critico Organizzato sistematico Approfondita disinvolta Livello 3 eccelle (esperto) Certa sicura Livello 3 supera (abile competente) Organizzato Soddisfacente Livello 2 supera (competente) Mnemonico meccanico Superficiale difficoltoso Non ha metodo Globale Livello 2 (principiante avanzato) Essenziale parziale Non conosce Livello 1 (principiante) Livello 0 non incompetente La competenza motoria indica la comprovata capacità di usare conoscenze,abilità e capacità personali,sociali e metodologiche in ambito ludico, espressivo, sportivo, del benessere e del tempo libero, ed è espressa in termini di responsabilità, autonomia e consapevolezza. Lo standard motorio definisce una soglia accettabile per determinare il possesso (l'acquisizione) di una competenza. Il livello di sviluppo di una competenza esprime il grado di possesso qualitativo e quantitativo della competenza. Ne vengono individuati tre: minimo: - si avvicina al livello stabilito intermedio: supera- il livello stabilito elevato: eccelle- supera il livello stabilito L'esecuzione di alcuni test iniziali per la verifica delle capacità motorie (coordinative e condizionali) permetterà di individuare il livello di partenza dei singoli allievi e quello medio della classe. Le valutazioni saranno almeno 2 nel trimestre e 3 nel pentamestre. Le valutazioni saranno effettuate attraverso prove pratiche e teoriche; inoltre gli allievi essendo impegnati in un processo continuo di fasi applicative motorio-pratiche,dei loro progressi di apprendimento saranno valutati anche attraverso un osservazione continua e attenta durante le lezioni. Nella valutazione non si terrà conto solo della preparazione finale ma anche del livello di partenza e quindi dei miglioramenti conseguiti da ciascun allievo, delle capacità motorie individuali, nonché dell'impegno e della volontà profusi. La valutazione sarà riferita a tutti gli allievi, anche quelli esonerati dalle attività pratiche ( circ. min. n 216 del ) 4

5 Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Prof.ssa SCARAMUZZO ORNELLA Classe 2 C Materia Scienze Motorie anno scolastico 2015/2016. Obiettivi generali da raggiungere: L'insegnamento della disciplina dovrà portare l'alunno ad avere padronanza della propria corporeità e del movimento e ad essere consapevole delle potenzialità delle scienze motorie e sportive per il suo benessere individuale. A tal fine sono stati individuati i seguenti obiettivi generali: 5) movimento (percezione di sé e completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie) 6) linguaggi del corpo 7) gioco-sport 8) salute e benessere. Obiettivi educativi e cognitivi trasversali: L'insegnamento della disciplina si propone le seguenti finalità: favorire l'armonico sviluppo globale dell'adolescente agendo sull'area corporea; rendere l'adolescente cosciente della sua corporeità al fine di aiutarlo a superare le difficoltà tipiche dell'età che riguardano la sfera corporea; facilitare l'acquisizione di un'abitudine alla motricità che tenda a promuovere la pratica sportiva come costume di vita; favorire la scoperta e l'orientamento delle attitudini motorie personali che possano essere coltivate anche dopo l'esperienza scolastica. Risultati di apprendimento: Per ogni obiettivo specifico (competenza) è possibile individuare l'ambito delle relative conoscenze e abilità. 1 obiettivo: MOVIMENTO (percezione di sè e completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie ed espressive). -conoscere il proprio corpo e la sua funzionalità (posture,funzioni fisiologiche, capacità motorie) e quindi realizzare schemi motori funzionali alle attività proposte; -conoscere il ritmo delle azioni motorie e quindi percepire e riprodurre ritmi attraverso il movimento; -conoscere le corrette attività motorie e sportive anche in ambiente naturale e quindi muoversi nel territorio rispettando l'ambiente; -conoscere le funzioni fisiologiche in relazione al movimento e i principali paramorfismi e dismorfismi e quindi riconoscere le variazioni fisiologiche indotte dalla pratica sportiva e assumere posizioni corrette.. 5

6 Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente si orienta negli ambiti motorie e sportivi, utilizzando le tecnologie e riconoscendo le variazioni fisiologiche e le proprie potenzialità. Livello 3: padroneggia autonomamente azioni motorie complesse, rielaborando le informazioni di cui dispone in contesti anche non programmati. Livello 2: mette in atto differenti azioni motorie, utilizzando le informazioni di cui dispone adeguandole al contesto e alle proprie potenzialità. Livello 1: esegue azioni motorie e sportive utilizzando le indicazioni date, applicandole al contesto e alle proprie potenzialità. 2 obiettivo: LINGUAGGI DEL CORPO -conoscere le modalità di utilizzo dei diversi linguaggi non verbali e quindi rappresentare idee e stati d'animo con creatività e con semplici tecniche espressive; -riconoscere le caratteristiche del ritmo nel movimento e quindi riprodurre sequenze ritmiche di movimento. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente esprime con creatività azioni, emozioni, sentimenti con finalità comunicativo-espressiva. Livello 3: applica e rielabora molteplici tecniche espressive in diversi ambiti, assegna significati al movimento. Livello 2: si esprime con creatività utilizzando correttamente più tecniche, sa interagire con i compagni con finalità comunicative. Livello 1: si esprime riferendosi ad elementi conosciuti con finalità comunicativo-espressiva, utilizzando, guidato, le tecniche proposte. 3 obiettivo: GIOCO-SPORT (lo sport, le regole, il fair play) -conoscere le abilità tecniche dei giochi e degli sport proposti e quindi adattarle alle situazioni in forma personale; -conoscere semplici tattiche e strategie dei giochi e degli sport praticati e partecipare in maniera propositiva; -conoscere la terminologia, le norme principali del regolamento tecnico e il fair play in funzione dei diversi ruoli e anche dell'arbitraggio. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente pratica le attività sportive applicando tattiche e strategie con fair play. Livello3: mostra elevate abilità tecnico-tattiche nelle attività sportive con un personale apporto interpretativo del fair play e dei fenomeni sportivi. Livello 2: mostra elevate abilità tecnico-tattiche nelle abilità sportive e nel fair play Livello 1: sollecitato, pratica le attività sportive conoscendo semplici tattiche e strategie con fair play e attenzione all'aspetto sociale. 4 obiettivo: SALUTE E BENESSERE -conoscere i principi fondamentali per la sicurezza e per il primo soccorso e quindi assumere comportamenti corretti per prevenire gli infortuni e applicare le prime procedure di soccorso; -approfondire le informazioni della corretta alimentazione e dei danni provocati da sostanze nocive (fumo, doping, droga, alcool); -conoscere i principi generali dell'allenamento utilizzati per migliorare lo stato di efficienza psicofisica e quindi scegliere di praticare attività motoria e sportiva nella vita quotidiana per vivere meglio. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente adotta comportamenti attivi, in sicurezza, per migliorare la propria salute e il proprio benessere. 6

7 Metodologia: Si terrà conto delle esigenze psico-fisiche dei singoli alunni, della personalità in ogni momento della loro evoluzione; ciascuno sarà messo in condizione di conseguire obiettivi adeguati alle proprie possibilità. La metodologia sarà dapprima globale in riferimento alle proposte di giochi e di attività sportive, analitica per progressioni ed esercizi già conosciuti. Per facilitare l apprendimento motorio e l acquisizione di automatismi, si utilizzerà il criterio della gradualità. Si cercherà sempre, nel limite del possibile, di interessare gli alunni e di farli partecipare attivamente alle lezioni attraverso esercizi individuali e collettivi, giochi di gruppo e di squadra. Organizzazione dei contenuti Lezione teorica: il sistema muscolare. Test di verifica - attività ed esercizi a carico naturale e circuiti 1) attività ed esercizi con piccoli e grandi attrezzi 2) attività ed esercizi di allungamento e di mobilità articolare 3) attività sportive di squadra: i fondamentali di alcuni sport (pallavolo, pallacanestro e pallamano) verifiche finali, test Corretto stile di vita - Lezione teorica: alimentazione e sport Conoscenza dei principi nutritivi fondamentali per una corretta alimentazione: carboidrati, lipidi, proteine, sali minerali, vitamine, acqua -I disturbi dell alimentazione. Visione del video Attività fisica per un corretto stile di vita -Test di verifica Trimestre Settembre Ottobre Novembre Dicembre Pentamestre Gennaio Marzo organizzazione, applicazione e consolidamento dei contenuti precedenti, intesi a sviluppare qualità tecniche Eventuale corso di arrampicata Aprile Maggio -Giugno elementi semplici di preacrobatica elementi tattici di alcuni sport individuali attività sportive di squadra (fasi di gioco, regole principali) organizzazione ed applicazione dei contenuti precedentemente appresi ed eventuale recupero di alunni con difficoltà verifiche finali, test Risorse e strumenti: si utilizzeranno tutti i materiali presenti in palestra. 7

8 Valutazione: criteri, modalità di verifica e di autoverifica. Voto in decimi Competenze relazionali 10 propositivo leader Partecipazione Rispetto delle regole costruttiva (sempre) 9 Collaborativo Efficace (quasi sempre) 8 Disponibile Attiva e pertinente (spesso) condivisione autocontrollo Applicazione sicura costante Conoscenza applicazione 7 Selettivo Attiva (sovente) Conoscenza regole principali 6 Dipendente poco adattabile 5 Conflittuale passivo Dispersiva settoriale (talvolta) Oppositiva passiva Guidata essenziale Rifiuto insofferenza Metodo Conoscenza Possesso competenza Rielaborativo critico Organizzato sistematico Approfondita disinvolta Livello 3 eccelle (esperto) Certa sicura Livello 3 supera (abile competente) Organizzato Soddisfacente Livello 2 supera (competente) Mnemonico meccanico Superficiale difficoltoso Non ha metodo Globale Livello 2 (principiante avanzato) Essenziale parziale Non conosce Livello 1 (principiante) Livello 0 non incompetente La competenza motoria indica la comprovata capacità di usare conoscenze,abilità e capacità personali,sociali e metodologiche in ambito ludico, espressivo, sportivo, del benessere e del tempo libero, ed è espressa in termini di responsabilità, autonomia e consapevolezza. Lo standard motorio definisce una soglia accettabile per determinare il possesso (l'acquisizione) di una competenza. Il livello di sviluppo di una competenza esprime il grado di possesso qualitativo e quantitativo della competenza. Ne vengono individuati tre: minimo: - si avvicina al livello stabilito intermedio: supera- il livello stabilito elevato: eccelle- supera il livello stabilito L'esecuzione di alcuni test iniziali per la verifica delle capacità motorie (coordinative e condizionali) permetterà di individuare il livello di partenza dei singoli allievi e quello medio della classe. Le valutazioni saranno almeno 2 nel trimestre e 3 nel pentamestre. Le valutazioni saranno effettuate attraverso prove pratiche e teoriche; inoltre gli allievi essendo impegnati in un processo continuo di fasi applicative motorio-pratiche, dei loro progressi di apprendimento saranno valutati anche attraverso un osservazione continua e attenta durante le lezioni. Nella valutazione non si terrà conto solo della preparazione finale ma anche del livello di partenza e quindi dei miglioramenti conseguiti da ciascun allievo, delle capacità motorie individuali, nonché dell'impegno e della volontà profusi. La valutazione sarà riferita a tutti gli allievi, anche quelli esonerati dalle attività pratiche ( circ. min. n 216 del ) 8

9 Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Prof.ssa SCARAMUZZO ORNELLA Classe 3 C Materia Scienze Motorie anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere: L'insegnamento della disciplina dovrà portare l'alunno ad avere padronanza della propria corporeità e del movimento e ad essere consapevole delle potenzialità delle scienze motorie e sportive per il suo benessere individuale. Inoltre si comincerà a porre le basi affinchè, alla fine del triennio, l'alunno sia in grado di svolgere compiti e risolvere problemi in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze e abilità essenziali e di saper applicare le regole e le procedure fondamentali della materia. A tal fine sono stati individuati i seguenti obiettivi generali della disciplina: 1) movimento (percezione di sé e completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie) 2) linguaggi del corpo 3) gioco-sport 4) salute e benessere Obiettivi educativi e cognitivi trasversali: L'insegnamento della disciplina si propone le seguenti finalità: favorire l'armonico sviluppo globale dell'adolescente agendo sull'area corporea; rendere l'adolescente cosciente della sua corporeità al fine di aiutarlo a superare le difficoltà tipiche dell'età che riguardano la sfera corporea; facilitare l'acquisizione di un'abitudine alla motricità che tenda a promuovere la pratica sportiva come costume di vita; favorire la scoperta e l'orientamento delle attitudini motorie personali che possano essere coltivate anche dopo l'esperienza scolastica. Risultati di apprendimento: Per ogni obiettivo specifico (competenza) è possibile individuare l'ambito delle relative conoscenze e abilità. 1 obiettivo: MOVIMENTO (percezione di sè e completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie ed espressive). -conoscere le proprie potenzialità (punti di forza e criticità) e confrontare con tabelle di riferimento e quindi realizza nuovi schemi motori utili ad affrontare attività motorie e sportive; -conoscere il ritmo delle azioni motorie e sportive complesse e quindi è capace di percepire, riprodurre e variare il ritmo delle azioni motorie; -conoscere le caratteristiche delle attività motorie e sportive legate al territorio e quindi muoversi nel territorio rispettando l'ambiente ed è capace di organizzare attività e percorsi motori sia individuali che di gruppo; -conoscere i principi fondamentali della teoria del movimento e alcune metodiche di allenamento e quindi di distinguere le variazioni fisiologiche indotte dalla pratica sportiva. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente elabora e attua risposte motorie in situazioni complesse, assumendo i diversi ruoli dell'attività sportiva. Pianifica percorsi motori e sportivi. 9

10 Livello 3: pianifica e attua azioni motorie personalizzate in situazioni complesse. Rielabora autonomamente percorsi motori e sportivi. Livello 2: realizza risposte motorie adeguate in situazioni complesse assumendo in autonomia i diversi ruoli e pianifica percorsi motori e e sportivi. Livello 1: esegue azioni motorie e sportive in situazioni complesse, utilizzando varie informazioni e adeguandole al contesto e pianifica percorsi motori e sportivi. 2 obiettivo: LINGUAGGI DEL CORPO -conoscere i codici della comunicazione corporea e le tecniche mimico-gestuali e quindi saper dare un significato al movimento. -conoscere le caratteristiche della musica e del ritmo in funzione del movimento e quindi sa realizzare sequenze ritmiche espressive anche in gruppo. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente rielabora creativamente il linguaggio espressivo in contesti differenti. Livello 3: esprime stati d'animo ed emozioni attraverso il linguaggio non verbale. Livello 2: comunica attraverso il linguaggio non verbale e interpreta i messaggi. Livello 1: riconosce i principali aspetti comunicativi del linguaggio non verbale. 3 obiettivo: GIOCO-SPORT (lo sport, le regole, il fair play) -approfondire la conoscenza delle tecniche dei giochi e degli sport proposti e trasferire tecniche sportive proponendo varianti; -sviluppare le strategie tecnico-tattiche dei giochi e degli sport; -conoscere terminologia, regolamento tecnico, fair play e svolgere ruoli nella organizzazione di tornei, feste scolastiche e eventi sportivi; -conoscere e interpretare con senso critico i fenomeni di massa del mondo sportivo (tifo, doping). Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente pratica autonomamente attività sportiva con fair play scegliendo personali tattiche e strategie anche nell'organizzazione, interpretando al meglio la cultura sportiva. Livello3: pratica autonomamente attività sportiva con fair play scegliendo personali tattiche e strategie anche nell'organizzazione, interpretando al meglio la cultura sportiva. Livello 2: pratica autonomamente le attività sportive con fair play scegliendo tattiche e strategie, con attenzione all'aspetto organizzativo e sociale. Livello 1: è in grado di praticare autonomamente con fair play alcune attività sportive scegliendo semplici tattiche e strategie, con attenzione all'aspetto sociale e partecipando all'aspetto organizzativo. 4 obiettivo: SALUTE E BENESSERE -conoscere le procedure per la sicurezza e per il primo soccorso e quindi assumere comportamenti funzionali alla sicurezza nelle diverse attività e saper applicare le procedure di primo soccorso; -conoscere i danni di una scorretta alimentazione e i pericolo legati all'uso di sostanze che inducono dipendenza e quindi assumere comportamenti attivi rispetto all'alimentazione, igiene, e salvaguardia da sostanze illecite; -conoscere le problematiche legate alla sedentarietà dal punto di vista fisico e sociale e quindi assumere comportamenti fisicamente attivi in molteplici contesti per un miglioramento dello stato di benessere. Per questo obbiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente assume in maniera consapevole comportamenti orientati a stili di vita attivi applicando i principi di prevenzione e sicurezza nei diversi ambienti. LIVELLO 3: assume autonomamente stili di vita attivi applicando i principi di prevenzione, sicurezza e primo soccorso nei vari ambienti, migliorando il proprio benessere. LIVELLO 2: adotta stili di vita attivi applicando i principi di sicurezza e prevenzione e dando valore all'attività fisica e sportiva. 10

11 LIVELLO 1: adotta stili di vita attivi applicando i principi di sicurezza e prevenzione e dando valore all'attività fisica e sportiva. Metodologia: Si terrà conto delle esigenze psico-fisiche dei singoli alunni, della personalità in ogni momento della loro evoluzione; ciascuno sarà messo in condizione di conseguire obiettivi adeguati alle proprie possibilità. La metodologia sarà dapprima globale, in riferimento alle proposte di giochi e di attività sportive, analitica per progressioni ed esercizi già conosciuti. Per facilitare l apprendimento motorio e l acquisizione di automatismi, si utilizzerà il criterio della gradualità. Si cercherà sempre, nel limite del possibile, di interessare gli alunni e di farli partecipare attivamente alle lezioni attraverso esercizi individuali e collettivi, giochi di gruppo e di squadra. Organizzazione dei contenuti -Lezione teorica, Le sostanze e i loro effetti ( Tabacco, alcol, droghe). Test di verifica attività ed esercizi a carico naturale e circuiti attività ed esercizi con piccoli e grandi attrezzi attività ed esercizi di allungamento e di mobilità articolare attività sportive di squadra: tecnica e tattica di alcuni sport: (pallavolo, pallacanestro e pallamano) Trimestre Settembre Ottobre Novembre Novembre - Dicembre verifiche finali, test -Lezione teorica: nozioni di primo soccorso organizzazione, applicazione e consolidamento dei contenuti precedenti, intesi a sviluppare qualità tecniche e tattiche Pentamestre Gennaio Marzo Eventuale corso di difesa personale elementi semplici di preacrobatica elementi tattici di alcuni sport individuali attività sportive di squadra (fasi di gioco, regole principali) Aprile Maggio -Giugno organizzazione ed applicazione dei contenuti precedentemente appresi ed eventuale recupero di alunni con difficoltà verifiche finali, test Risorse e strumenti: si utilizzeranno tutti i materiali presenti in palestra 11

12 Valutazione: criteri, modalità di verifica e di autoverifica Voto in decimi Competenze relazionali 10 propositivo leader Partecipazione Rispetto delle regole costruttiva (sempre) 9 Collaborativo Efficace (quasi sempre) 8 Disponibile Attiva e pertinente (spesso) condivisione autocontrollo Applicazione sicura costante Conoscenza applicazione 7 Selettivo Attiva (sovente) Conoscenza regole principali 6 Dipendente poco adattabile 5 Conflittuale passivo Dispersiva settoriale (talvolta) Oppositiva passiva Guidata essenziale Rifiuto insofferenza Metodo Conoscenza Possesso competenza Rielaborativo critico Organizzato sistematico Approfondita disinvolta Livello 3 eccelle (esperto) Certa sicura Livello 3 supera (abile competente) Organizzato Soddisfacente Livello 2 supera (competente) Mnemonico meccanico Superficiale difficoltoso Non ha metodo Globale Livello 2 (principiante avanzato) Essenziale parziale Non conosce Livello 1 (principiante) Livello 0 non incompetente. La competenza motoria indica la comprovata capacità di usare conoscenze,abilità e capacità personali,sociali e metodologiche in ambito ludico, espressivo, sportivo, del benessere e del tempo libero, ed è espressa in termini di responsabilità, autonomia e consapevolezza. Lo standard motorio definisce una soglia accettabile per determinare il possesso (l'acquisizione) di una competenza. Il livello di sviluppo di una competenza esprime il grado di possesso qualitativo e quantitativo della competenza. Ne vengono individuati tre: minimo: - si avvicina al livello stabilito intermedio: supera- il livello stabilito elevato: eccelle- supera il livello stabilito L'esecuzione di alcuni test iniziali per la verifica delle capacità motorie (coordinative e condizionali) permetterà di individuare il livello di partenza dei singoli allievi e quello medio della classe. Le valutazioni saranno almeno 2 nel trimestre e 3 nel pentamestre. Le valutazioni saranno effettuate attraverso prove pratiche e teoriche; inoltre gli allievi essendo impegnati in un processo continuo di fasi applicative motorio-pratiche,dei loro progressi di apprendimento saranno valutati anche attraverso un osservazione continua e attenta durante le lezioni. Nella valutazione non si terrà conto solo della preparazione finale ma anche del livello di partenza e quindi dei miglioramenti conseguiti da ciascun allievo, delle capacità motorie individuali, nonché dell'impegno e della volontà profusi. La valutazione sarà riferita a tutti gli allievi, anche quelli esonerati dalle attività pratiche ( circ. min. n 216 del ). 12

13 Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Prof.ssa SCARAMUZZO ORNELLA Classe 4 C Materia Scienze Motorie anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere: L'insegnamento della disciplina dovrà portare l'alunno ad avere padronanza della propria corporeità e del movimento e ad essere consapevole delle potenzialità delle scienze motorie e sportive per il suo benessere individuale. Inoltre si comincerà a porre le basi affinchè, alla fine del triennio, l'alunno sia in grado di svolgere compiti e risolvere problemi in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze e abilità essenziali e di saper applicare le regole e le procedure fondamentali della materia. A tal fine sono stati individuati i seguenti obiettivi generali della disciplina: 1) movimento (percezione di sé e completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie) 2) linguaggi del corpo 3) gioco-sport 4) salute e benessere Obiettivi educativi e cognitivi trasversali: L'insegnamento della disciplina si propone le seguenti finalità: favorire l'armonico sviluppo globale dell'adolescente agendo sull'area corporea; rendere l'adolescente cosciente della sua corporeità al fine di aiutarlo a superare le difficoltà tipiche dell'età che riguardano la sfera corporea; facilitare l'acquisizione di un'abitudine alla motricità che tenda a promuovere la pratica sportiva come costume di vita; favorire la scoperta e l'orientamento delle attitudini motorie personali che possano essere coltivate anche dopo l'esperienza scolastica. Risultati di apprendimento: Per ogni obiettivo specifico (competenza) è possibile individuare l'ambito delle relative conoscenze e abilità. 1 obiettivo: MOVIMENTO (percezione di sè e completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie ed espressive). -conoscere le proprie potenzialità (punti di forza e criticità) e confrontare con tabelle di riferimento e quindi realizza nuovi schemi motori utili ad affrontare attività motorie e sportive; -conoscere il ritmo delle azioni motorie e sportive complesse e quindi è capace di percepire, riprodurre e variare il ritmo delle azioni motorie; -conoscere le caratteristiche delle attività motorie e sportive legate al territorio e quindi muoversi nel territorio rispettando l'ambiente ed è capace di organizzare attività e percorsi motori sia individuali che di gruppo; -conoscere i principi fondamentali della teoria del movimento e alcune metodiche di allenamento e quindi di distinguere le variazioni fisiologiche indotte dalla pratica sportiva. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente elabora e attua risposte motorie in situazioni complesse, assumendo i diversi ruoli dell'attività sportiva. Pianifica percorsi motori e sportivi. Livello 3: pianifica e attua azioni motorie personalizzate in situazioni complesse. Rielabora autonomamente percorsi motori e sportivi. 13

14 Livello 2: realizza risposte motorie adeguate in situazioni complesse assumendo in autonomia i diversi ruoli e pianifica percorsi motori e e sportivi. Livello 1: esegue azioni motorie e sportive in situazioni complesse, utilizzando varie informazioni e adeguandole al contesto e pianifica percorsi motori e sportivi. 2 obiettivo: LINGUAGGI DEL CORPO -conoscere i codici della comunicazione corporea e le tecniche mimico-gestuali e quindi saper dare un significato al movimento. -conoscere le caratteristiche della musica e del ritmo in funzione del movimento e quindi sa realizzare sequenze ritmiche espressive anche in gruppo. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente rielabora creativamente il linguaggio espressivo in contesti differenti. Livello 3: esprime stati d'animo ed emozioni attraverso il linguaggio non verbale. Livello 2: comunica attraverso il linguaggio non verbale e interpreta i messaggi. Livello 1: riconosce i principali aspetti comunicativi del linguaggio non verbale. 3 obiettivo: GIOCO-SPORT (lo sport, le regole, il fair play) -approfondire la conoscenza delle tecniche dei giochi e degli sport proposti e trasferire tecniche sportive proponendo varianti; -sviluppare le strategie tecnico-tattiche dei giochi e degli sport; -conoscere terminologia, regolamento tecnico, fair play e svolgere ruoli nella organizzazione di tornei, feste scolastiche e eventi sportivi; -conoscere e interpretare con senso critico i fenomeni di massa del mondo sportivo (tifo, doping). Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente pratica autonomamente attività sportiva con fair play scegliendo personali tattiche e strategie anche nell'organizzazione, interpretando al meglio la cultura sportiva. Livello3: pratica autonomamente attività sportiva con fair play scegliendo personali tattiche e strategie anche nell'organizzazione, interpretando al meglio la cultura sportiva. Livello 2: pratica autonomamente le attività sportive con fair play scegliendo tattiche e strategie, con attenzione all'aspetto organizzativo e sociale. Livello 1: è in grado di praticare autonomamente con fair play alcune attività sportive scegliendo semplici tattiche e strategie, con attenzione all'aspetto sociale e partecipando all'aspetto organizzativo. 4 obiettivo: SALUTE E BENESSERE -conoscere le procedure per la sicurezza e per il primo soccorso e quindi assumere comportamenti funzionali alla sicurezza nelle diverse attività e saper applicare le procedure di primo soccorso; -conoscere i danni di una scorretta alimentazione e i pericolo legati all'uso di sostanze che inducono dipendenza e quindi assumere comportamenti attivi rispetto all'alimentazione, igiene, e salvaguardia da sostanze illecite; -conoscere le problematiche legate alla sedentarietà dal punto di vista fisico e sociale e quindi assumere comportamenti fisicamente attivi in molteplici contesti per un miglioramento dello stato di benessere. Per questo obbiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente assume in maniera consapevole comportamenti orientati a stili di vita attivi applicando i principi di prevenzione e sicurezza nei diversi ambienti. LIVELLO 3: assume autonomamente stili di vita attivi applicando i principi di prevenzione, sicurezza e primo soccorso nei vari ambienti, migliorando il proprio benessere. LIVELLO 2: adotta stili di vita attivi applicando i principi di sicurezza e prevenzione e dando valore all'attività fisica e sportiva. LIVELLO 1: adotta stili di vita attivi applicando i principi di sicurezza e prevenzione e dando valore all'attività fisica e sportiva. 14

15 Metodologia: Si terrà conto delle esigenze psico-fisiche dei singoli alunni, della personalità in ogni momento della loro evoluzione; ciascuno sarà messo in condizione di conseguire obiettivi adeguati alle proprie possibilità. La metodologia sarà dapprima globale in riferimento alle proposte di giochi e di attività sportive, analitica per progressioni ed esercizi già conosciuti. Per facilitare l apprendimento motorio e l acquisizione di automatismi, si utilizzerà il criterio della gradualità. Si cercherà sempre, nel limite del possibile, di interessare gli alunni e di farli partecipare attivamente alle lezioni attraverso esercizi individuali e collettivi, giochi di gruppo e di squadra. -. Organizzazione dei contenuti Lezione teoriche: droghe, doping sportivo. Test di verifica. attività ed esercizi a carico naturale e circuiti attività ed esercizi con piccoli e grandi attrezzi attività ed esercizi di allungamento e di mobilità articolare attività sportive di squadra: tecnica e tattica di alcuni sport: (pallavolo, pallacanestro e pallamano) Trimestre Settembre Ottobre Novembre Novembre - Dicembre verifiche finali, test Lezione teorica: miglioramento degli apparati e delle capacità motorie attraverso il movimento e l allenamento organizzazione, applicazione e consolidamento dei contenuti precedenti, intesi a sviluppare qualità tecniche e tattiche Pentamestre Gennaio Marzo Eventuale corso di Zumba elementi semplici di preacrobatica elementi tattici di alcuni sport individuali attività sportive di squadra (fasi di gioco, regole principali) organizzazione ed applicazione dei contenuti precedentemente appresi ed eventuale recupero di alunni con difficoltà Aprile Maggio -Giugno verifiche finali, test Risorse e strumenti: si utilizzeranno tutti i materiali presenti in palestra. 15

16 Valutazione: criteri, modalità di verifica e di autoverifica Voto in decimi Competenze relazionali 10 propositivo leader Partecipazione Rispetto delle regole costruttiva (sempre) 9 Collaborativo Efficace (quasi sempre) 8 Disponibile Attiva e pertinente (spesso) condivisione autocontrollo Applicazione sicura costante Conoscenza applicazione 7 Selettivo Attiva (sovente) Conoscenza regole principali 6 Dipendente poco adattabile 5 Conflittuale passivo Dispersiva settoriale (talvolta) Oppositiva passiva Guidata essenziale Rifiuto insofferenza Metodo Conoscenza Possesso competenza Rielaborativo critico Organizzato sistematico Approfondita disinvolta Livello 3 eccelle (esperto) Certa sicura Livello 3 supera (abile competente) Organizzato Soddisfacente Livello 2 supera (competente) Mnemonico meccanico Superficiale difficoltoso Non ha metodo Globale Livello 2 (principiante avanzato) Essenziale parziale Non conosce Livello 1 (principiante) Livello 0 non incompetente. La competenza motoria indica la comprovata capacità di usare conoscenze,abilità e capacità personali,sociali e metodologiche in ambito ludico, espressivo, sportivo, del benessere e del tempo libero, ed è espressa in termini di responsabilità, autonomia e consapevolezza. Lo standard motorio definisce una soglia accettabile per determinare il possesso (l'acquisizione) di una competenza. Il livello di sviluppo di una competenza esprime il grado di possesso qualitativo e quantitativo della competenza. Ne vengono individuati tre: minimo: - si avvicina al livello stabilito intermedio: supera- il livello stabilito elevato: eccelle- supera il livello stabilito. L'esecuzione di alcuni test iniziali per la verifica delle capacità motorie (coordinative e condizionali) permetterà di individuare il livello di partenza dei singoli allievi e quello medio della classe. Le valutazioni saranno almeno 2 nel trimestre e 3 nel pentamestre. Le valutazioni saranno effettuate attraverso prove pratiche e teoriche; inoltre gli allievi essendo impegnati in un processo continuo di fasi applicative motorio-pratiche,dei loro progressi di apprendimento saranno valutati anche attraverso un osservazione continua e attenta durante le lezioni. Nella valutazione non si terrà conto solo della preparazione finale ma anche del livello di partenza e quindi dei miglioramenti conseguiti da ciascun allievo, delle capacità motorie individuali, nonché dell'impegno e della volontà profusi. La valutazione sarà riferita a tutti gli allievi, anche quelli esonerati dalle attività pratiche ( circ. min. n 216 del ). 16

17 Al Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE Prof.ssa SCARAMUZZO ORNELLA Classe 5 C Materia Ed. Fisica anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere: L'insegnamento della disciplina dovrà portare l'alunno ad avere padronanza della propria corporeità e del movimento e ad essere consapevole delle potenzialità delle scienze motorie e sportive per il suo benessere individuale. Inoltre si comincerà a porre le basi affinchè, alla fine del triennio, l'alunno sia in grado di svolgere compiti e risolvere problemi in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze e abilità essenziali e di saper applicare le regole e le procedure fondamentali della materia. A tal fine sono stati individuati i seguenti obiettivi generali della disciplina: 1) movimento (percezione di sé e completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie) 2) linguaggi del corpo 3) gioco-sport 4) salute e benessere Obiettivi educativi e cognitivi trasversali: L'insegnamento della disciplina si propone le seguenti finalità: 2. favorire l'armonico sviluppo globale dell'adolescente agendo sull'area corporea; 3. rendere l'adolescente cosciente della sua corporeità al fine di aiutarlo a superare le difficoltà tipiche dell'età che riguardano la sfera corporea; 4. facilitare l'acquisizione di un'abitudine alla motricità che tenda a promuovere la pratica sportiva come costume di vita; 5. favorire la scoperta e l'orientamento delle attitudini motorie personali che possano essere coltivate anche dopo l'esperienza scolastica. Risultati di apprendimento: Per ogni obiettivo specifico (competenza) è possibile individuare l'ambito delle relative conoscenze e abilità. 1 obiettivo: MOVIMENTO (percezione di sè e completamento dello sviluppo funzionale delle capacità motorie ed espressive). -riconoscere le diverse caratteristiche personali in ambito motorio e sportivo e quindi avere consapevolezza delle proprie attitudini; -conoscere il ritmo delle azioni motorie e sportive complesse e quindi realizzare personalizzazioni efficaci; -conoscere le caratteristiche delle attività motorie e sportive legate al territorio e quindi muoversi nel territorio rispettando l'ambiente; è capace di mettere in atto comportamenti responsabili e di tutela del bene comune come stile di vita; -conoscere gli effetti positivi generati dai percorsi di preparazione fisica specifici e quindi trasferire e applicare autonomamente metodi di allenamento. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente elabora e attua risposte motorie in situazioni complesse, assumendo i diversi ruoli dell'attività sportiva. Pianifica percorsi motori e sportivi. Livello 3: pianifica e attua azioni motorie personalizzate in situazioni complesse. Rielabora autonomamente percorsi motori e sportivi. 17

18 Livello 2: realizza risposte motorie adeguate in situazioni complesse assumendo in autonomia i diversi ruoli e pianifica percorsi motori e e sportivi. Livello 1: esegue azioni motorie e sportive in situazioni complesse, utilizzando varie informazioni e adeguandole al contesto e pianifica percorsi motori e sportivi. 2 obiettivo: LINGUAGGI DEL CORPO -conoscere possibili interazioni fra linguaggi espressivi e quindi padroneggiare l'espressività corporea; -conoscere la comunicazione non verbale e quindi individuare fra le diverse tecniche espressive quella quella a lui più congeniale; -conoscere le caratteristiche della musica e del ritmo in funzione del movimento e quindi sa realizzare sequenze ritmiche espressive anche in gruppo. Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente rielabora creativamente il linguaggio espressivo in contesti differenti. Livello 3: esprime stati d'animo ed emozioni attraverso il linguaggio non verbale. Livello 2: comunica attraverso il linguaggio non verbale e interpreta i messaggi. Livello 1: riconosce i principali aspetti comunicativi del linguaggio non verbale. 3 obiettivo: GIOCO-SPORT (lo sport, le regole, il fair play) -approfondire la conoscenza delle tecniche dei giochi e degli sport proposti e trasferire tecniche sportive proponendo varianti; -sviluppare le strategie tecnico-tattiche dei giochi e degli sport; -conoscere terminologia, regolamento tecnico, fair play e svolgere ruoli nella organizzazione di tornei, feste scolastiche e eventi sportivi; -conoscere e interpretare con senso critico i fenomeni di massa del mondo sportivo (tifo, doping). Per questo obiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente pratica autonomamente attività sportiva con fair play scegliendo personali tattiche e strategie anche nell'organizzazione, interpretando al meglio la cultura sportiva. Livello3: pratica autonomamente attività sportiva con fair play scegliendo personali tattiche e strategie anche nell'organizzazione, interpretando al meglio la cultura sportiva. Livello 2: pratica autonomamente le attività sportive con fair play scegliendo tattiche e strategie, con attenzione all'aspetto organizzativo e sociale. Livello 1: è in grado di praticare autonomamente con fair play alcune attività sportive scegliendo semplici tattiche e strategie, con attenzione all'aspetto sociale e partecipando all'aspetto organizzativo. 4 obiettivo: SALUTE E BENESSERE -conoscere le procedure per la sicurezza e per il primo soccorso e quindi assumere comportamenti funzionali alla sicurezza nelle diverse attività e saper applicare le procedure di primo soccorso; -approfondire gli aspetti scientifici e sociali delle problematiche alimentari, delle dipendenze e delle sostanze illecite e quindi scegliere autonomamente di adottare corretti stili di vita; -approfondire gli effetti positivi di uno stile di vita attivo per il benessere fisico e socio-relazionale della persona e quindi adottare autonomamente stili di vita attivi che durino nel tempo; -conoscere le problematiche legate alla sedentarietà dal punto di vista fisico e sociale e quindi assumere comportamenti fisicamente attivi in molteplici contesti per un miglioramento dello stato di benessere. Per questo obbiettivo è stata individuata la seguente competenza standard: lo studente assume in maniera consapevole comportamenti orientati a stili di vita attivi applicando i principi di prevenzione e sicurezza nei diversi ambienti. LIVELLO 3: assume autonomamente stili di vita attivi applicando i principi di prevenzione, sicurezza e primo soccorso nei vari ambienti, migliorando il proprio benessere. LIVELLO 2: adotta stili di vita attivi applicando i principi di sicurezza e prevenzione e dando valore all'attività fisica e sportiva. 18

19 LIVELLO 1: adotta stili di vita attivi applicando i principi di sicurezza e prevenzione e dando valore all'attività fisica e sportiva Metodologia: Si terrà conto delle esigenze psico-fisiche dei singoli alunni, della personalità in ogni momento della loro evoluzione; ciascuno sarà messo in condizione di conseguire obiettivi adeguati alle proprie possibilità. La metodologia sarà dapprima globale in riferimento alle proposte di giochi e di attività sportive, analitica per progressioni ed esercizi già conosciuti. Per facilitare l apprendimento motorio e l acquisizione di automatismi, si utilizzerà il criterio della gradualità. Si cercherà sempre, nel limite del possibile, di interessare gli alunni e di farli partecipare attivamente alle lezioni attraverso esercizi individuali e collettivi, giochi di gruppo e di squadra. 19

20 Organizzazione dei contenuti Lezione teoriche: droghe, doping sportivo. Test di verifica. Effetti del movimento e dell allenamento sportivo. Nozioni di primo soccorso Progetto P.R.E.S.T.O. (rianimazione personale medico) Attività ed esercizi a carico naturale e circuiti. Attività ed esercizi con piccoli e grandi attrezzi. Attività ed esercizi di allungamento e di mobilità articolare Attività sportive di squadra: tecnica e tattica (pallavolo, pallacanestro e pallamano) verifiche finali, test Trimestre Settembre Ottobre Novembre Novembre - Dicembre Pentamestre organizzazione, applicazione e consolidamento dei contenuti precedenti, intesi a sviluppare qualità tecniche eventuale corso di zumba o danza verticale Gennaio Febbraio - Marzo elementi di preacrobatica elementi tecnici di alcuni sport individuali attività sportive di squadra (fasi di gioco, regole principali) salto in alto,in lungo,velocità organizzazione ed applicazione dei contenuti precedentemente appresi ed eventuale recupero di alunni con difficoltà Aprile Maggio -Giugno verifiche finali, test Risorse e strumenti: si utilizzeranno tutti i materiali presenti in palestra. 20

Ampliare le capacità coordinative e condizionali, realizzando schemi motori complessi utili ad affrontare attività motorie e sportive.

Ampliare le capacità coordinative e condizionali, realizzando schemi motori complessi utili ad affrontare attività motorie e sportive. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LICEO STATALE G.TARANTINO Gravina in Puglia (BA) A.S. 2014-2015 Il Dipartimento, approfondendo le tematiche che fanno riferimento alla

Dettagli

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado

SEZIONE A. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della Scuola Secondaria di Primo Grado SEZIONE A Competenze Europee Competenza Chiave in Educazione Fisica Competenza Sociale e Civica Imparare ad Imparare Spirito d'iniziativa e imprenditorialità Competenza digitale Fonti di Legittimazione

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica 1 Curricolo verticale Educazione Motoria/ Educazione Fisica 2 Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia Obiettivi di apprendimento Dimensione Competenza Abilità Eseguire piccoli compiti motori

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 1 Eseguire piccoli compiti motori Essere in grado di riconoscere le possibilità di Il proprio corpo e quello degli altri movimento dei diversi segmenti

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA La scuola si impegna a: PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA organizzare l orario su 5 giorni in settimana per favorire le attività di allenamento e la partecipazione alle competizioni sportive degli studenti;

Dettagli

5.9. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO

5.9. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO 5.9. SCIENZE MOTORIE Coordinatore del Dipartimento di scienze : prof.ssa Margherita Pizzo Docenti componenti il Dipartimento di scienze : proff. Lucio Bergomas, Carlo Giorgiutti, Antonella Jogna, Aniello

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria

Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015. Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria Curricolo di Educazione fisica Istituto Comprensivo Gandhi Prato Istituto Comprensivo Gandhi a.s. 2014/2015 Curricolo di Educazione Fisica: Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA : COMPETENZA CHIAVE:

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE SECONDA A.S.2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

Infanzia Obiettivi di apprendimento

Infanzia Obiettivi di apprendimento I DISCORSI E LE PAROLE IMMAGINI, SUONI, COLORI IL CORPO E IL MOVIMENTO Il corpo e la sua relazione con lo spazio e il tempo Asse linguistico-espressivo Infanzia-Primaria -Secondaria I grado- NUCLEI FONDANTI

Dettagli

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi

SCIENZE MOTORIE. Competenze disciplinari Competenze di base Abilità/Capacità Contenuti Tempi Primo Anno SCIENZE MOTORIE a) Rielaborazione degli schemi motori propri di varie discipline a carattere sportivo e/o espressivo; b) Sviluppo della consapevolezza di sé; c) Sviluppo delle capacità coordinative

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE A.S. 2012/201 87 CURRICOLO SCIENZE MOTORIE Ambito disciplinare SCIENZE MOTORIE

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

I.I.S. C. MARCHESI. INSEGNANTE Rossetto Monica CL. 5 SEZ. CL MATERIA Educazione fisica - Scienze Motorie e Sportive

I.I.S. C. MARCHESI. INSEGNANTE Rossetto Monica CL. 5 SEZ. CL MATERIA Educazione fisica - Scienze Motorie e Sportive Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PIANO ANNUALE DI LAVORO INSEGNANTE Rossetto Monica CL. 5 SEZ. CL MATERIA Educazione fisica - Scienze Motorie e Sportive 1) PROFILO INIZIALE DELLA CLASSE a) comportamento

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE OSA - PRIMO BIENNIO. 1.2. Elaborare risposte motorie efficaci in situazioni complesse.

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE OSA - PRIMO BIENNIO. 1.2. Elaborare risposte motorie efficaci in situazioni complesse. SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE OSA - PRIMO BIENNIO 1.1. Conoscere le potenzialità del movimento del corpo e le funzioni fisiologiche in relazione al movimento. 1.2. Elaborare risposte motorie efficaci in situazioni

Dettagli

5.8. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO

5.8. SCIENZE MOTORIE PRIMO BIENNIO 5.8. SCIENZE MOTORIE Coordinatore del Dipartimento di scienze : prof.ssa Gabriella Pagano Docenti componenti il Dipartimento di scienze : proff. Lucio Bergomas, Carlo Giorgiutti, Antonella Jogna, Aniello

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO DI CERESARA a.s. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI SCIENZE MOTORIE SPORTIVE CLASSI PRIME E SECONDE Consolidare le capacità coordinative Migliorare le capacità condizionali

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE Competenze sociali e civiche: riconosce la propria identità nel contesto culturale di riferimento. Assimila il senso e la necessità del rispetto

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

PREREQUISITI DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE PRIMA DEL PRIMO BIENNIO

PREREQUISITI DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE PRIMA DEL PRIMO BIENNIO PREREQUISITI DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE PRIMA DEL PRIMO BIENNIO PRE -REQUISITO Metodo di apprendimento e di organizzazione Padronanza della pratica di Scienze motorie e sportive Produzione scritta

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA L educazione fisica promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità in relazione con l ambiente, gli altri e gli

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSI: 1^ CORSO: AFM - LICEO SPORT AS 20152016 Moduli Libro Di Testo scienze motorie Appunti schede tecniche Competenze di base - Sviluppo funzionale

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO

COMPETENZE PRIMO BIENNIO Pag. 1 di 18 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PIANO DI LAVORO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE INDIRIZZO : LICEO LINGUISTICO, LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO- SOCIALE, LICEO MUSICALE,

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S. 2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE 1 BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza,

Dettagli

PROGETTAZIONE GENERALE PRIMO BIENNIO SCIENZE MOTORIE

PROGETTAZIONE GENERALE PRIMO BIENNIO SCIENZE MOTORIE LICEO SCIENTIFICO LEONARDO DA VINCI GENOVA Programmazione di Scienze Motorie A.s. 2014-2015 PROGETTAZIONE GENERALE PRIMO BIENNIO SCIENZE MOTORIE ASSI CULTURALI E COMPETENZE, ASSE DEI LINGUAGGI LOGICO ARGOMENTATIVA

Dettagli

CURRICOLO DI ED.FISICA

CURRICOLO DI ED.FISICA ISTITUTO COMPRENSIVO PASSIRANO-PADERNO CURRICOLO DI ED.FISICA SCUOLA PRIMARIA/SECONDARIA DI PRIMO GRADO Revisione Curricolo di Istituto a.s. 2014-2015 Curricolo suddiviso in obiettivi didattici, nuclei

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE SOCRATE -BARI - DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

LICEO CLASSICO STATALE SOCRATE -BARI - DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LICEO CLASSICO STATALE SOCRATE -BARI - DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE COORDINATRICE: PROF.SSA ANNA RITA RUBINO PROGRAMMAZIONE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 FINALITÀ

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO EDUCATIVA DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE a.s.2015/16 PRIMO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO EDUCATIVA DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE a.s.2015/16 PRIMO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO EDUCATIVA DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE a.s.201/1 PRIMO BIENNIO L'insegnamento delle scienze motorie nel primo biennio della scuola secondaria di secondo grado

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. STEFANO

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA (Classe 1ª)

SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA (Classe 1ª) Riconoscere le parti del corpo ed acquisire consapevolezza delle funzioni senso-percettive. Controllare gli schemi motori e posturali di base adattandoli alle

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza, rispetto

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti

EDUCAZIONE FISICA - SCUOLA INFANZIA Prerequisiti Competenze Conoscere e utilizzare le proprie capacità motorie sia nei punti di forza sia nei limiti. Utilizzare gli aspetti comunicativi del linguaggio motorio per entrare in relazione con gli altri EDUCAZIONE

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LINEE GENERALI E FINALITÀ L insegnamento di Scienze Motorie e Sportive, come espresso anche dalle indicazioni nazionali della disciplina, concorre alla formazione dello studente

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO - PRIMO ANNO

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO - PRIMO ANNO DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO - PRIMO ANNO - Partecipare attivamente e costantemente allo didattica - Utilizzare in maniera appropriata gli strumenti e le attrezzature specifiche

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE LICEO SCIENTIFICO STATALE Banzi Bazoli Lecce PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ANNO SCOLASTICO 05/06 PREMESSA Il piano annuale del Dipartimento di Scienze motorie e

Dettagli

PROF. TODINI MANUELA. MATERIA: Scienze Motorie e Sportive. CLASSE terza B

PROF. TODINI MANUELA. MATERIA: Scienze Motorie e Sportive. CLASSE terza B ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTE SAN PIETRO M.I.U.R. U.S.R. EMILIA ROMAGNA Ambito territoriale n.2 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. TODINI MANUELA MATERIA: Scienze Motorie

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

LICEO A. MANZONI Caserta

LICEO A. MANZONI Caserta Pag.1 di 8 LICEO A. MANZONI Caserta ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA PRIMO BIENNIO INDIRIZZO : Classe ª SEZ. MATERIA : SCIENZE MOTORIE CLASSE DI CONCORSO A029 DOCENTE PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

Istituto Superiore. G.V.Gravina

Istituto Superiore. G.V.Gravina Istituto Superiore G.V.Gravina Crotone Programmazione Anno scolastico 2013-2014. Disciplina: Scienze motorie e sportive Classi: 1^, 2^ e 3^, sez. A - Liceo Scienze Umane: Opzione economico-sociale Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA SVOLTO NELLA CLASSE 1 H

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA SVOLTO NELLA CLASSE 1 H PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA SVOLTO NELLA CLASSE 1 H - test motori di ingresso - - - attrezzi, es. preatletici generali comprendenti flessioni, torsioni, piegamenti ecc., esercizi di allungamento. -

Dettagli

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE Nei primi anni di vita dei bambini il movimento riveste un importanza fondamentale negli apprendimenti e nella socializzazione. Corpo e movimento costituiscono il nucleo

Dettagli

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA C. e M. 1 Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa cosa

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Il seguente piano di lavoro annuale viene redatto in accordo con la formulazione dei Programmi, di cui al d.p.r.908 del 01-10-1982,e

Dettagli

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta CURRICOLO DI EDUCAZIONE FISICA SCUOLA PRIMARIA Classe Prima TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA L alunno: utilizza il linguaggio corporeo e motorio per comunicare ed

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale IL CORPO e LA SUA RELAZIONE con LO SPAZIO e IL TEMPO Utilizza gli aspetti comunicativorelazionali del linguaggio motorio per Saper utilizzare e trasferire le abilità per la realizzazione dei gesti tecnici

Dettagli

MACRO COMPETENZA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO DISCIPLINE CONCORRENTI SCIENZE MOTORIE

MACRO COMPETENZA DISCIPLINA DI RIFERIMENTO DISCIPLINE CONCORRENTI SCIENZE MOTORIE COMPETENZA 1 1. Assumere sempre posture corrette, soprattutto in presenza di carichi. Educazione posturale CONOSCERE E PADRONEGGIARE IL PROPRIO CORPO 2. Organizzazione di personali percorsi di attività

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE EDUCAZIONE FISICA Scuola primaria

CURRICOLO VERTICALE EDUCAZIONE FISICA Scuola primaria CURRICOLO VERTICALE EDUCAZIONE FISICA Scuola primaria Istituto Comprensivo Novellara NUCLEI TEMATICI CLASSE 1^ ABILITA CONOSCENZE METODOLOGIE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il corpo e la sua

Dettagli

IC SIGNA-Secondaria-PROGRAMMAZIONE ANNUALE di Ed. Fisica (In raccordo con Curricolo verticale e Indicazioni nazionali)

IC SIGNA-Secondaria-PROGRAMMAZIONE ANNUALE di Ed. Fisica (In raccordo con Curricolo verticale e Indicazioni nazionali) IC SIGNA-Secondaria-PROGRAMMAZIONE ANNUALE di Ed. Fisica (In raccordo con Curricolo verticale e Indicazioni nazionali) CLASSE PRIMA GRIGLIA N 1 IL CORPO E LA SUA RELAZIONE CON LO SPAZIO E IL TEMPO Ha cura

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE Educazione Fisica

PIANO DI LAVORO ANNUALE Educazione Fisica Istituto di Istruzione Superiore telefono: 0257500115 ITALO CALVINO fax: 0257500163 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e- mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Obiettivi essenziali per il biennio: Ciascun alunno, al termine del biennio, dovrà:

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI

Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde OBIETTIVI FORMATIVI Scuola secondaria di primo grado Lana Fermi Brescia PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Classi prime e seconde UDA 1) Revisione e consolidamento dello schema corporeo. Consolidamento e

Dettagli

Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015

Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015 Liceo Classico Anco Marzio Roma Programmazione di Scienze Motorie per Obiettivi Minimi A.S. 2014/2015 FINALITÀ EDUCATIVE DELLA DISCIPLINA Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA G. CIGNA- G BARUFFI -F. GARELLI MONDOVI ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI SCIENZE MOTORIE Docente : PROF. ARUNDO CLAUDIA CLASSE : II A CAT CONTESTO DELLA

Dettagli

Documento di Programmazione Dipartimento di Scienze Motorie

Documento di Programmazione Dipartimento di Scienze Motorie Documento di Programmazione Dipartimento di Scienze Motorie (biennio/triennio) Anno scolastico 2014/2015 Coordinatore Prof. Sorrentino Alfredo IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Silvana Rocco 1 LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

Materia. PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI Ed. Fisica/Scienze Motorie e sportive. Ed. Fisica/Scienze motorie e sportive

Materia. PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI Ed. Fisica/Scienze Motorie e sportive. Ed. Fisica/Scienze motorie e sportive PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI Ed. Fisica/Scienze Motorie e sportive Materia Ed. Fisica/Scienze motorie e sportive COORDINATORE/I Prof. Antonio Masiello 1) COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Imparare ad

Dettagli

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Asse* LINGUAGGI Materia SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE COORDINATORE/I MAROTTA ROBERTO VINCENZO 1. COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA Da acquisire al

Dettagli

IPSSAR Matteotti G. - PISA. Programmazione di Scienze Motorie classe III Sala B A. S. 2014/2015

IPSSAR Matteotti G. - PISA. Programmazione di Scienze Motorie classe III Sala B A. S. 2014/2015 IPSSAR Matteotti G. - PISA Programmazione di Scienze Motorie classe III Sala B A. S. 2014/2015 Obiettivi trasversali formativi Nel rispetto delle linee guida ministeriali, le Scienze Motorie promuovono

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE PIANO DELLE 5 ASM. ANNO 2011/2012 n. 1 Titolo: La p ercezione del proprio corpo e lo sviluppo espressive 1 - La percezione di sé e il completamento

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE

PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE Anno Scolastico 2015/16 PERCORSO FORMATIVO DI SCIENZE MOTORIE CLASSE 5 A LSU Docente: Miragoli Cristina Ore settimanali: 2 Ore annuali (previste in data 8-6-16) : 55 FINALITA' E OBIETTIVI FINALITA Acquisire

Dettagli

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE

PIANO DI LAVORO PERSONALE MATERIA: SC MOTORIE E SPORTIVE OBIETTIVI GENERALI DELLA DISCIPLINA NEL BIENNIO/TRIENNIO Premessa Il seguente piano di lavoro è stato redatto ai i fini dell adempimento dell obbligo di istruzione, tenendo conto delle competenze di cittadinanza,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10

PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 PROGRAMMAZIONE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Cl. Terze Anno Scolastico 2009-10 RESISTENZA ORGANICA Miglioramento delle capacità aerobiche degli alunni. - Corsa in equilibrio di consumo di ossigeno - Corsa

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-11

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-11 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CIVATI TIZIANA STRIZZI GIACOMO SECONDO BIENNIO DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ZAPPA GIOVANNA BONAMORE PAOLA PASTORI SERENA A. Modigliani Giussano

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ COMPETENZA 1 CONOSCERE E RICONOSCERE LE VARIE PARTI DEL CORPO, LA LORO FUNZIONALITÀ E POTENZIALITÀ

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO SCUOLA DELL INFANZIA IL CORPO E IL MOVIMENTO POTENZIARE LE ATTIVITÀ MOTORIE ALLE ATTIVITÀ DI GIOCO MOTORIO/ SPORTIVO DENOMINARE E INDIVIDUARE LE PARTI DEL CORPO CONTROLLANDOLE GLOBALMENTE. DISCRIMINARE

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE É 055/661628 Ê 055/67.841 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it LICEO TECNICO ECONOMICO

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-14

ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ZINI BARBARA Scienze Motorie e Sportive CLASSE 1 B Via IV Novembre, 4 40050 (BO) Tel. 051-6761483 Fax 051-6764245 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO CIVEZZANO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO CIVEZZANO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO CIVEZZANO SP/SSPG di ALBIANO PROGRAMMA DISCIPLINARE SVOLTO PSI IV BIENNIO ITALIANO Anno scolastico 2014-2015 COMPETENZE, ABILITÀ, CONOSCENZE

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2015-16 CLASSE 4 B L DISCIPLINA_ SCIENZE MOTORIE DOCENTE Moramarco Pasquale QUADRO ORARIO

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Triennio Anno scolastico 2014/2015 FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE R. FRANCHETTI VE-MESTRE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PERCORSO FORMATIVO PREVENTIVO. Materia: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

LICEO CLASSICO STATALE R. FRANCHETTI VE-MESTRE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PERCORSO FORMATIVO PREVENTIVO. Materia: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 pagina 1 di 5 LICEO CLASSICO STATALE R. FRANCHETTI VE-MESTRE ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PERCORSO FORMATIVO PREVENTIVO Materia: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Insegnante:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 4 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Educazione fisica_a.s. 2015 / 2016 Classi: 1P, 2P, 2R, 3W, 4W, 5W, 3Y, 4Y, 5Y Docente : Prof. Atzeni Giorgio PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO

IL CORPO E IL MOVIMENTO IL CORPO E IL MOVIMENTO COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare abilità motorie di base in situazioni Partecipare alle attività di gioco e di sport, rispettandone le regole; assumere responsabilità delle proprie

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ICTORRIMPIETRA CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A. IL CORPO E LE FUNZIONI SENSO-PERCETTIVE L alunno/a acquisisce consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la padronanza degli schemi motori e posturali nel continuo adattamento alle variabili

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 a. Obiettivi : Educativi generali: Favorire l armonico sviluppo psicofisico dell adolescente far prendere

Dettagli

Responsabile del Progetto

Responsabile del Progetto Si propone di seguito un progetto di educazione motoria e giocosport da realizzarsi nell Istituto Comprensivo Marina di Cerveteri in orario curriculare all interno delle ore destinate alla disciplina Corpo

Dettagli

Curricolo verticale di Ed. Fisica scuola primaria

Curricolo verticale di Ed. Fisica scuola primaria Curricolo verticale di Ed. Fisica scuola primaria Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio

Dettagli

PROF. TODINI MANUELA. MATERIA: Scienze Motorie e Sportive. CLASSE prima D

PROF. TODINI MANUELA. MATERIA: Scienze Motorie e Sportive. CLASSE prima D ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE MONTE SAN PIETRO M.I.U.R. U.S.R. EMILIA ROMAGNA Ambito territoriale n.2 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. TODINI MANUELA MATERIA: Scienze Motorie

Dettagli

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA CLASSE IV^ ISA

PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA CLASSE IV^ ISA POLO VAL BOITE Anno scolastico 2007-2008 PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA CLASSE IV^ ISA FINALITA L insegnamento dell ed.fisica concorre alla formazione degli alunni e delle alunne attraverso la ricerca

Dettagli

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Consapevolezza ed espressione culturale riguarda l importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione,

Dettagli

Curricolo verticale di EDUCAZIONE FISICA. TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

Curricolo verticale di EDUCAZIONE FISICA. TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di EDUCAZIONE FISICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la

Dettagli

MATERIA SCIENZE MOTORIE

MATERIA SCIENZE MOTORIE MATERIA SCIENZE MOTORIE PROGRAMMAZIONE FINALE ANNO SCOLASTICO: 2014_-2015 INSEGNANTE: TROMBONE MICHELE CLASSE: 1D SETTORE: SC INDIRIZZO: FINALITA DELLA DISCIPLINA (finalità formative generali cui tende

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria Indicazioni nazionali per il curricolo del primo ciclo d istruzione (tratto da IN allegate al Decreto Ministeriale adottato dal MIUR con nota 26 novembre 2012) Educazione fisica Nel primo ciclo l educazione

Dettagli

Profilo delle competenze Competenza Chiave Discipline coinvolte

Profilo delle competenze Competenza Chiave Discipline coinvolte DECLNAZONE DELLE COMPETENZE Profilo delle competenze Competenza Chiave Discipline coinvolte L alunno ha padronanza della lingua italiana, Comunicazione nella taliano comprende enunciati e testi semplici

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

I NUOVI SCENARI DELLE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Questa Disciplina fonda la sa azione sui saperi motori, i quali rappresentano beni irrinunciabili nel processo formativo dell alunno, in quanto finalizzati

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2013-2014 Docente Prof.ssa Caramico Luigina LINEE GENERALI E COMPETENZE Acquisire

Dettagli

Programmazione di dipartimento Biennio e triennio

Programmazione di dipartimento Biennio e triennio LICEO SCIENTIFICO F. SEVERI FROSINONE Programmazione di dipartimento Biennio e triennio DISCIPLINA: EDUCAZIONE FISICA Anno scolastico 2011-2012 BIENNIO: FINALITA Gli ultimi programmi confermano l evoluzione

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive

Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Programmazione del dipartimento di Scienze motorie e sportive Premessa L elaborazione della programmazione annuale impone al Dipartimento di Scienze motorie e sportive una serie di riflessioni sugli obbiettivi

Dettagli