SOMMARIO OBIETTIVI DELL ATTIVITÀ DI RICERCA PRINCIPALE... 3 INTRODUZIONE... 4 RISULTATI... 11

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO OBIETTIVI DELL ATTIVITÀ DI RICERCA PRINCIPALE... 3 INTRODUZIONE... 4 RISULTATI... 11"

Transcript

1

2 Anche quest anno abbiamo il piacere di presentarvi il rapporto Annuale 204 sul fenomeno delle dipendenze patologiche nella provincia di Lodi e sulla sua evoluzione. Noi crediamo che le attività di reporting siano una funzione cruciale dell osservatorio dipendenze. La produzione e la diffusione di output sono, infatti, alla base dell esistenza dell osservatorio perché ne rendono possibile la visibilità e la capacità di rispondere a domande. Quest anno abbiamo potuto contare sul contributo autorevole dell Università degli Studi di Pavia nella elaborazione dei dati e nella stesura della Relazione. Cogliamo infine l occasione per ringraziare la Referente dell Osservatorio, gli operatori del Dipartimento delle Dipendenze e dei Ser.T. per la preziosa collaborazione nel costante monitoraggio della qualità del dato. Il Direttore Sociale Giancarlo Iannello Il Direttore Dipartimento Dipendenze Claudio Filippi

3 SOMMARIO OBIETTIVI DELL ATTIVITÀ DI RICERCA PRINCIPALE... 3 INTRODUZIONE... 4 RISULTATI... 2

4 OBIETTIVI DELL ATTIVITÀ DI RICERCA PRINCIPALE Studiare ed analizzare il fenomeno della diffusione e assunzione di sostanze, di comportamenti ad alta induzione di dipendenza e delle condizioni di fragilità presso la popolazione dell ASL di Lodi. 3

5 INTRODUZIONE Per controllare l evoluzione del fenomeno del consumo di sostanze d abuso e dei comportamenti di dipendenza degli utenti tossicodipendenti è stato realizzato un report annuale (utenti afferenti all ASL di Lodi nell anno 204). La prima fase del progetto ha previsto la consultazione delle fonti normative europee e nazionali, questa fase ha avuto un duplice scopo: realizzare un lavoro in linea con quanto dettato dalle stesse normative e possedere una panoramica generale del quadro epidemiologico, al fine di comprendere l impatto del fenomeno e confrontare i dati in possesso alla luce di differenze e similitudini. Prima di illustrare quanto riscontrato è necessario chiarire il concetto di sostanze tossiche: rientrano nell ambito delle tossicodipendenze tutte quelle sostanze psicoattive (naturali o sintetiche) che, per le loro proprietà farmacologiche, agiscono sul sistema nervoso centrale alterando l equilibrio psicofisico dell organismo. Queste possono essere oggetto di abuso, generando dipendenza fisica e psichica. Si distinguono sostanze illegali (cocaina, cannabinoidi, eroina, ecstasy, ecc) e legali (alcol e tabacco). In questa relazione con il termine droghe viene identificata la prima classe di sostanze, ovvero le sostanze illegali. Dalle fonti consultate si è evinto che: nel 203 sono state segnalate al sistema di allerta rapido dell UE 8 nuove sostanze psicoattive (oltre 350 sostanze monitorate). Secondo le stime è in calo l uso di eroina, a differenza di droghe sintetiche, prodotti medicinali e cannabis che hanno acquisito maggiore rilievo. Almeno un quarto della popolazione adulta nell UE (80 milioni di soggetti) ha consumato sostanze illecite nel corso della vita. Nella maggior parte dei casi si dichiara il consumo di cannabis (73,6 milioni), stime minori si osservano per il consumo di altre droghe almeno una volta nella vita: 4, milioni per la cocaina,,4 milioni per le amfetamine e 0,6 milioni per l ecstasy. I dati più recenti di uno studio che segue le tendenze nel consumo di droga tra gli studenti europei 2, stimano che tra i ragazzi di 5-6 anni uno su quattro abbia consumato una sostanza illecita. La maggior parte del consumo di sostanze riguarda la cannabis: circa il 24 % dichiara di averla consumata una volta nella vita, il 20 % di averla consumata nell ultimo anno e il 2 % di averla consumata nel mese precedente all indagine. Per quanto concerne il consumo di alcol e tabacco: si è visto che queste sostanze sono risultate più diffuse tra gli studenti rispetto alla cannabis. Il 9 % degli studenti dichiara di aver fumato una o più sigarette al giorno, e il 4 % più di 0 sigarette Relazione europea sulla droga - tendenze e sviluppi, 204. Reperibile su 2 ESPAD - Progetto europeo di indagini scolastiche sull alcol e altre droghe. Reperibile su: 4

6 al giorno. Quasi due terzi degli studenti dichiarano di aver bevuto alcol almeno una volta nell ultimo mese, con un 20 % che è rimasto intossicato almeno una volta nello stesso periodo (dati 20) 3. Dal confronto con le altre nazioni europee si è evinto che per le principali sostanze stupefacenti l Italia detiene il 29 posto per il consumo di ecstasy, il 26 per il consumo di amfetamine, il 23 posto per il consumo di cannabis e il 8 posto per il consumo di Cocaina (per l eroina il dato non era disponibile) 4. L'Osservatorio Europeo sulle Droghe e sulle Tossicodipendenze (OEDT) ha definito cinque indicatori chiave, il primo di questi verte sull osservazione dei consumi di tali sostanze e nella popolazione generale e nella popolazione studentesca. I paesi europei, sulla base di una metodologia fornita dallo stesso OEDT, svolgono delle ricerche al fine di reperire informazioni utili a descrivere e comprendere l impatto della diffusione delle sostanze. In Italia le prime indagini epidemiologiche (GPS-ITA e SPS-DPA) sul consumo di stupefacenti sono state avviate nel 200, con cadenza biennale. Insieme al consumo di sostanze, negli ultimi anni si è assistito ad un incremento del fenomeno del gioco d azzardo patologico. Nel 202, grazie ad un indagine di popolazione generale è stato stimato il numero totale dei consumatori (occasionali e dipendenti) pari a oltre unità (da a , IC 95% - Campione rappresentativo di circa italiani con adesione pari al 33,4%) 5. Nel 204 è stato avviato un altro progetto che si propone di monitorare il consumo di sostanze stupefacenti e la prevalenza del gioco d azzardo nel continuum temporale (i risultati di questo studio non sono attualmente disponibili). Nel 2008 sono stati presi in carico complessivamente pazienti suddivisi in 488 Servizi pubblici per le tossicodipendenze (Ser.T.). La maggioranza di tali pazienti risulta essere assuntore di eroina (70.2%), sostanze invece, seppur consumate in percentuali minori, hanno subito nel tempo un incremento nel loro uso (cannabinoidi 5.% e cocaina 8.8%) 6. Anche per quanto concerne il fenomeno legato al consumo di alcol in Europa i dati non sono rassicuranti. Il Global status report on alcohol and health 204 dell OMS che fornisce un profilo nazionale sul consumo di alcol in 94 stati membri dichiara che nel 3 Ibid. 4 RELAZIONE ANNUALE AL PARLAMENTO 204 Uso di sostanze stupefacenti e tossicodipendenze in Italia. Reperibile su 5 Indagine GPS-DPA 202. Documento reperibile su 6 PSN 20/203. 5

7 202 l uso di alcol ha causato nel mondo 3,3 milioni di morti (il 5,9% di tutti i decessi). La Regione Europea risulta essere l'area del mondo con i più alti livelli di consumo di alcol e di danni alcol correlati. In Italia secondo i dati ISTAT 7, nel 203 il 63,9% della popolazione ha consumato almeno una bevanda alcolica nell anno (quota stabile rispetto al 202 ma in decremento rispetto a 0 anni prima 68,7%). Rispetto al 2007, nel 203 i consumatori giornalieri di bevande alcoliche sono scesi dal 3% al 22,7%. È aumentata, invece, la quota di consumatori occasionali (dal 37,6% nel 2003 al 4,2% nel 203) e di coloro che bevono alcolici fuori dai pasti (dal 24,8% al 25,8%). A conferma di quanto registrato nell ultimo decennio, c è stato un decremento dei consumatori che bevono solo vino e birra, a differenza di chi oltre a queste sostanze consuma anche aperitivi, amari e superalcolici che sono in aumento (soprattutto i giovani e i giovanissimi). Sempre nel 203 8, il 5,6% della popolazione beve vino (65,4% maschi e 38,7% femmine), rispetto al 2007 si registrano diminuzioni statisticamente significative delle prevalenze di questa tipologia di consumatori tra gli adulti (M: -3,9 p.p.; F: -2,9 p.p.) e per i soli maschi nella fascia di età giovanile (-5,5 p.p.), non sono state rilevate variazioni significative nel genere così come per la classe di età. Nella stessa popolazione il 45,3% beve birra (i maschi hanno una prevalenza del 60,2%, quasi il doppio rispetto a quella femminile che è del 3,4%). Rispetto al 2007, tra i maschi con più di 65 anni si rileva un incremento pari a 2,8 p.p., mentre tra le donne si registra una diminuzione significativa nella fascia di età -7 anni; per entrambi i sessi non si osservano variazioni significative rispetto all ultimo anno. Gli aperitivi alcolici sono consumati dal 3,4% della popolazione, la prevalenza tra i maschi (4,7%) è circa il doppio rispetto a quella tra le femmine (2,7%). Per questo tipo di bevanda la percentuale di consumatori di genere maschile è rimasta stabile rispetto a rilevazioni precedenti, nelle femminile invece si registra tra il 202 ed il 203 un incremento significativo delle consumatrici pari a 3, p.p., significativo anche nella classe di età 8-64 anni (4,6 p.p.). Il 26,2% della popolazione consuma gli amari, ed anche in questo caso la prevalenza tra i maschi è oltre il doppio di quella delle femmine (M: 38,9%; F: 4,3%). Rispetto al 2007, tra i maschi si registra una riduzione di,9 p.p. significativa anche nella classe di età 8-64 anni (-2, p.p.). Il 23% della popolazione consuma liquori e superalcolici (Maschi 34,4%; contro il 7 L uso e l abuso di alcol in Italia Report ISTAT Relazione del ministro della salute al parlamento sugli interventi realizzati ai sensi della legge n. 25 legge quadro in materia di alcol e problemi alcol correlati, anno 204. Reperibile su 6

8 2,4% delle femmine). Rispetto al 2007 e all anno precedente non ci sono state variazioni statisticamente significative sia nel genere che nelle classi di età esaminate 9. Alla luce di tali dati, si evince quindi l esigenza di mantenere alta l attenzione in particolare per i modelli di consumo di sostanze tossiche più rischiose per la salute e nello specifico per la popolazione più a rischio (giovani e anziani). In questa direzione, il nuovo Piano Nazionale di Prevenzione identifica due obiettivi da attuare per la fascia di popolazione giovanile: ridurre il carico di morbosità, mortalità e disabilità, e prevenire la dipendenza da sostanze. Risulta inoltre necessario intraprendere politiche omogenee mirate a contrastare la problematica, in sinergia con le istituzioni coinvolte. Nello specifico, il Piano Sanitario Nazionale suggerisce il perseguimento dei seguenti obiettivi 0 : Razionalizzazione della presa in carico, tramite la creazione di percorsi differenziati per tipologia di utenza (in rapporto ai bisogni socio-sanitari); Coordinamento tra i vari servizi (al fine di garantire una presa in carico che si occupi dei bisogni dei pazienti in modo globale); Attivazione di interventi di prevenzione primaria (diretti alla popolazione generale e a target mirati quali ad esempio la popolazione giovanile); Attivazione di interventi di prevenzione secondaria e terziaria; Implementazione delle conoscenze professionali sugli effetti delle nuove sostanze e sulle strategie di trattamento, sviluppando negli operatori la cultura della valutazione degli interventi (qualità organizzativa, di processo e di esito). Tra le strategie e gli interventi suggeriti, il monitoraggio degli indicatori epidemiologici risulta uno strumento importante per fronteggiare la problematica delle tossicodipendenze. Sul territorio nazionale, con la legge 62/90 vengono istituiti i Ser.T, ad oggi ci sono oltre 550 strutture attive che operano all'interno dei dipartimenti delle dipendenze delle ASL (una struttura per ogni Distretto Sanitario o ogni abitanti circa). Queste strutture rappresentano i servizi pubblici per le tossicodipendenze del Sistema Sanitario Nazionale ai quali sono affidati le attività di prevenzione primaria, cura, riabilitazione e reinserimento sociale e lavorativo. I Ser.T. godono di un assetto organizzativo autonomo 9 I dati esposti fanno tutti riferimento all anno 203 e interessano la popolazione con età superiore a anni. 0 PSN 20/203. Mission Osservatorio Europeo delle droghe e delle tossicodipendenze. Reperibile su: 7

9 e in sinergia con diversi enti e comunità terapeutiche attuano interventi di primo sostegno ed orientamento per i tossicodipendenti e le loro famiglie (specie nei confronti dei più giovani). All interno di questi organismi vengono effettuati accertamenti sullo stato di salute e a seconda della tipologia di dipendenza, viene fornita l adeguata prestazione diagnostica, di orientamento e supporto psicologico / terapeutico. Nel 2009 nasce in Regione Lombardia l osservatorio regionale sulle dipendenze 2, esso rappresenta lo strumento strategico per la lettura e l interpretazione dei dati sui fenomeni di abuso e dipendenza, nonché fonte ricca di informazioni indispensabili all orientamento degli interventi socio-sanitari ed educativi. Nello specifico l osservatorio si occupa di: analizzare la diffusione dei consumi di droghe e di sostanze d abuso a livello regionale, raccogliere e conservare i documenti per garantire l accessibilità ai dati, prevenire l evoluzione dei consumi, analizzare e prevenire il bisogno di salute e di assistenza, attuare progetti sperimentali o di ricerca analizzando le condizioni di salute e stili di vita di specifici segmenti di popolazione. Nell ASL di Lodi L'Osservatorio Territoriale Dipendenze opera in raccordo e secondo le indicazioni dell Osservatorio Regionale sulle Dipendenze (ORED), esplicando azioni di rilevazione e monitoraggio della domanda e dell'offerta, gestione dei flussi informativi, attività di reporting. Ad oggi sono stati realizzati 3 quaderni epidemiologici che racchiudono la sintesi dell andamento dell evoluzione della fenomenologia legata alle tossicodipendenze (dall anno 2006 al 203). La seconda fase del progetto ha riguardato la raccolta dei dati. Da questa fase in poi, eccetto che per la parte di elaborazione statistica, il lavoro è stato svolto in collaborazione con l'osservatorio Territoriale Dipendenze dell ASL di Lodi. Lo strumento usato per l estrapolazione dei dati è stato il Data Warehouse dell Azienda Sanitaria, questo archivio informatico racchiude le informazioni inerenti al soggetto tossicodipendente che è stato preso in carico dall azienda per una tipologia di dipendenza (droga, alcol, tabagismo e gioco d azzardo patologico) e tiene conto dei familiari che hanno richiesto consulenza e supporto. L archivio fornisce informazioni quali: tipo di sostanza d abuso utilizzata (primaria e secondaria), numero e tipologia di prestazioni erogate, numero e importo di voucher emessi e tutta una serie di altre informazioni socio anagrafiche e sanitarie (età, genere, titolo di studio, professione, stato civile, distretto e località di residenza). Sui dati 2 d.g.r. n del febbraio

10 estrapolati sono state costruite delle routine di controllo della qualità tramite l utilizzo di un software statistico specifico (STATA 2). La fase di analisi statistica ed elaborazione dei dati ha previsto l uso delle opportune statistiche descrittive per le variabili di tipo quantitativo (media e deviazione standard), e frequenze percentuali per le variabili di tipo qualitativo. Nello specifico è stato calcolato: Il numero totale di utenti afferenti (per genere e per classe d età con dettaglio per tipologia di dipendenza); Il numero totale di utenti incidenti (per genere e per classe d età con dettaglio per tipologia di dipendenza); Il numero dei familiari che hanno richiesto supporto all azienda (per tipologia di dipendenza); Età media degli utenti (per genere e tipologia di dipendenza); Distribuzione della classe d età (per genere e tipologia di dipendenza); Il numero medio di prestazioni erogate (in totale e per tipologia di dipendenza) Sono state riportate le seguenti distribuzioni di frequenza percentuale: Distribuzione della sostanza d abuso primaria per macro area (droghe, alcol, gioco d azzardo e tabagismo) e nel dettaglio (alcol, oppiacei, amari, aperitivi, digestivi, benzodiazepine, birra, buprenorfina, cannabinoidi, cocaina, eroina, gioco d'azzardo, sigarette, superalcolici e vini); Distribuzione del genere (per classe d età e tipologia di dipendenza); Distribuzione dell utenza per presidio (per genere e tipologia di dipendenza); Distribuzione del titolo di studio; Distribuzione del tipo di professione; Distribuzione del tipo di stato civile; Distribuzione del tipo di prestazione erogata (in totale e per tipologia di dipendenza). È stato utilizzato il test chi-quadro per valutare la relazione tra variabili categoriche e il test t di Student per quelle quantitative. Per identificare l associazione tra l utilizzo di sostanze e/o gioco d azzardo e le variabili in studio sono stati calcolati gli OR e relativi intervalli di confidenza al 95%. Infine, un modello di regressione logistica è stato implementato per studiare i fattori di rischio per sviluppare una sindrome da utilizzo di 9

11 sostanze e/o gioco d azzardo inserendo come variabili indipendenti le caratteristiche socio-demografiche in studio. Per tutte le variabili raccolte è stato riportato il confronto con i dati dell anno precedente (203). I dati sono stati elaborati tramite il software statistico STATA 2SE. L ultima fase del progetto ha previsto la comunicazione dei risultati al dipartimento delle dipendenze dell ASL di Lodi, gli stessi sono riportati nell apposita sezione di questo documento. 0

12 RISULTATI Nell anno 204, nei 3 presidi dei Ser.T dell ASL di Lodi (Lodi, Casalpusterlengo e Sant Angelo Lodigiano), sono stati registrati complessivamente 576 accessi, per un totale di 333 utenti afferenti. L 83% dei soggetti è di genere maschile con un età media di 40 ± 2 anni (range 5 80). Degli utenti presi in carico, 47 sono i familiari, che pur non rappresentando delle prese in carico vere e proprie hanno usufruito dei servizi offerti dell ASL. Nello specifico: 30 familiari nell ambito delle tossicodipendenze; 2 familiari nell ambito delle alcol dipendenze; 4 familiari nell ambito della dipendenza da gioco d azzardo; familiare nell ambito della dipendenza da tabagismo. Rispetto al 203, si registra l ingresso di 433 nuovi utenti. La figura mostra la distribuzione dell utenza per tipologia di dipendenza nel biennio. Figura. Utenti in carico nei Ser.T dell ASL di Lodi (biennio 203/204) Anno Anno Tabagismo Gioco d'azzardo Alcol Tossicodipendenza

13 Rispetto all anno precedente in cui erano stati presi in carico 50 soggetti si registra un incremento dell utenza pari al 5%. Nello specifico si evidenzia un incremento nelle dipendenze legate all alcol e al tabagismo (tabella ). Tabella. Confronto per tipologia di dipendenza Biennio 203/204. Tipologia D. Anno 203 Anno 204 Variazione % Tossicodipendenza % Alcolismo % G.A.P % Tabagismo % Totale % La tabella 2 mostra la distribuzione dell utenza per sostanza d abuso primaria specifica. Tabella2. Distribuzione sostanza primaria Anno 204 (n=576) Sostanza primaria N % Eroina Alcol Cocaina Cannabinoidi Gioco d'azzardo Vini Sigarette Birra Superalcolici Amari, aperitivi, digestivi Altro alcol Altro droghe Benzodiazepine Altri allucinogeni Altri oppiacei Buprenorfina non prescritta 0.06 Totale La figura 2 mostra la distribuzione della sostanza primaria. Nel 204 la tipologia di dipendenza prevalente è quella legata all uso di droghe (63%), seguita dall uso di sostanze alcoliche (27%). 2

14 Figura 2. Distribuzione percentuale della sostanza primaria Anno 204 (n=576) 6% 4% 27% 63% Alcol Droghe Gioco d'azzardo Sigarette Analisi descrittiva per tipologia di dipendenza Tossicodipendenti Nel 204, gli utenti tossicodipendenti afferenti sono stati 92, per un totale di 995 prese in carico. L 88% degli utenti è di genere maschile. L età media degli utenti è di 36 ± 0 anni (range 5 67). Rispetto al 203 c è stato un decremento del 2% per questa tipologia di utenza. Il presidio di Lodi è il Servizio con maggior prevalenza di prese in carico (5%) e nel quale sono stati assistiti 503 soggetti. La nuova utenza è rappresentata dal 29% degli soggetti. Le prese in carico nei presidi di Casalpusterlengo e Sant Angelo Lodigiano sono state rispettivamente 250 e 242 (tabella 3). Tabella 3. Distribuzione dell utenza tossicodipendente per presidio Biennio 203/204 La figura 3 riporta la distribuzione dell utenza per genere e classe d età. I risultati mostrano come i maschi siano prevalenti in quasi tutte le classi d età, mentre il contributo femminile interessa le classi più giovani. La fascia più rappresentata è quella tra i anni, con 63 utenti. Presidio di Lodi Presidio CasalP. Presidio di S. A L. Totale Nuovi utenti In carico Totale Figura 3. Distribuzione per genere e per età dell utenza tossicodipendente Anno 204 (n=92) 3

15 >64 M F Nella tabella 4 si può osservare la distribuzione della sostanza primaria negli utenti tossicodipendenti, stratificata per presidio. La sostanza primaria prevalente in tutti i presidi è l eroina. Segue la cocaina con percentuali superiori al 20% eccetto nel presidio di Casalpusterlengo nel quale c è un uso più diffuso di sostanze cannabinoidi (20% rispetto al 0% della cocaina), percentuali minori si registrano nel campo di sostanze denominato Altro (rientrano in questo campo sostanze quali: allucinogeni, oppiacei, benzodiazepine e buprenorfina). Tabella 4. Distribuzione della sostanza primaria negli utenti tossicodipendenti - Analisi di presidio (n=995) Presidio Casalpusterlengo Lodi S.A Lod. Sostanza Primaria N % N % N % Cannabinoidi 49 9,6 95 8, ,74 Cocaina 24 9, ,9 45 8,6 Eroina , ,83 Altro 2 0,8 2,9 2 0,83 Totale Profilo socio economico del soggetto tossicodipendente Dalla figura 4 si può osservare che più della metà dell utenza tossicodipendente (53%) possiede un titolo di studio corrispondente alle scuole medie inferiori, solo l % degli utenti ha un diploma universitario. Il 28% dei soggetti, inoltre, esercita una professione in qualità di lavoratore dipendente seguita dal 26% di utenti che non hanno una occupazione lavorativa (figura 5). 4

16 Figura 4. Distribuzione percentuale del titolo di studio dell utenza tossicodipendente Anno 204 (n=92) 60% 50% 53% 40% 30% 20% 0% 0% % 5% % 2% 23% 5% Figura 5. Distribuzione percentuale della professione dell utenza tossicodipendente Anno 204 (n=92) 30% 25% 28% 26% 22% 20% 5% 0% 5% 0% 3% % % 7% 9% 4% Se si considerano i lavoratori in condizioni saltuarie, non professionale e in stato di lavoratore indipendente la percentuale sale al 45%. Per quanto riguarda lo stato civile il 46% degli utenti risulta essere non coniugato (figura 6). 5

17 Figura 6. Distribuzione percentuale dello stato civile dell utenza tossicodipendente Anno 204 (n=92) 50% 45% 40% 35% 30% 25% 20% 5% 0% 5% 0% 9% 8% 2% 46% 9% 4% 2% Profilo socio-economico soggetto tossicodipendente: Genere: Maschio (88%) Età media 36 anni Titolo di studio: scuola media inferiore (53%) Professione: lavoratore (45%) Stato civile: celibe (46%) Rispetto al 203: l età media del soggetto tossicodipendente è aumentata di due anni, la percentuale dei maschi ha subito un incremento del 3%. Per variabili quali il titolo di studio, la professione e lo stato civile non è stato possibile fare un confronto nel biennio poiché a differenza dell anno precedente una parte importante di dati risulta non rilevata (percentuali superiori al 9% di dati non riportati). 6

18 Utenti alcol dipendenti Nel 204, gli utenti alcoldipendenti afferenti sono stati 289, per un totale di 427 prese in carico. Il 78% degli utenti è di genere maschile. L età media degli utenti è di 48 ± anni (range 7 80). Rispetto al 203 c è stato un incremento del 29%. Il presidio di Lodi è il Servizio in cui è stata presa in carico il 64% dell utenza complessiva: sono stati assistiti 274 soggetti, segue Sant Angelo Lodigiano con 94 utenti (22%) e Casalpusterlengo con 59 utenti (4%). Nel Ser.T. di Lodi la nuova utenza rappresenta il 2% dell utenza totale (tabella 5). Tabella 5. Distribuzione dell utenza alcoldipendente per presidio Biennio 203/204 Genere Presidio di Lodi Presidio CasalP. Presidio di S. A L. Totale Nuovi utenti In carico Totale La figura 7 mostra la distribuzione dell utenza per genere e classe d età. Eccetto che per la classe più giovane, i maschi sono prevalenti in quasi tutte le classi d età, mentre il contributo femminile interessa le classi superiori ai 35 anni di età. La fascia più rappresentativa è la fascia d età anni, con 53 utenti. Figura 7. Distribuzione per genere e per età dell utenza alcoldipendente Anno 204 (n=289) >64 M F

19 La figura 8 mostra la distribuzione della sostanza primaria negli utenti alcoldipendenti, stratificata per presidio. La sostanza primaria prevalente in tutti i presidi è l alcol (rientrano in questa categoria bevande quali liquori e sostanze diverse da quelle riportate). Segue il vino con percentuali superiori al 20%. Percentuali minori si registrano nelle altre sostanze, nel presidio di Casalpusterlengo non si registra consumo di superalcolici. Figura 8. Utenza alcoldipendente per sostanza d abuso primaria- Analisi di presidio (n=427) 70% 60% 50% 40% 30% 20% 0% 0% Alcol Amari - Birra Superalcolici Vino Altro aperitivi - dig. Lodi 65% % 7% 4% 20% 2% CasalP 6% 3% 5% 3% S.A. Lod. 69% 2% 4% 3% 20% % Profilo socio economico del soggetto alcoldipendente Quasi la metà dell utenza alcoldipendente (45%) ha un titolo di studio che corrisponde alle scuole medie inferiori, solo l % degli utenti ha un diploma universitario. Il 3% dei soggetti inoltre esercita una professione in qualità di dipendente seguita dal 29% di utenti che non hanno una occupazione lavorativa (figura 0), se si considerano i lavoratori in condizioni saltuarie, non professionale e in stato di lavoratore indipendente la percentuale sale al 49%. 8

20 Figura 9. Distribuzione percentuale del titolo di studio dell utenza alcoldipendente Anno 204 (n=289) 50% 45% 40% 35% 30% 25% 20% 5% 0% 5% 0% % 2% 4% 45% 5% % 5% 7% Figura 0. Distribuzione percentuale della professione dell utenza alcoldipendente Anno 204 (n=289) 35% 30% 3% 29% 25% 20% 5% 0% 5% 0% 0% 4% 2% 8% 8% 8% % A differenza dei soggetti tossicodipendenti, per questa tipologia di utenza il 32% dei soggetti è coniugato (figura ). 9

21 Figura. Distribuzione percentuale dello stato civile dell utenza alcoldipendente Anno 204 (n=289) 35% 30% 25% 20% 32% 29% 5% 2% 2% 0% 5% 4% 7% 3% 0% Profilo socio-economico soggetto alcoldipendente: Genere: Maschio (78%) Età media 48 anni Titolo di studio: scuola media inferiore (45%) Professione: lavoratore (49%) Stato civile: coniugato (32%) Rispetto al 203 l età media del soggetto alcoldipendente è aumentata di due anni, la percentuale dei maschi che usano questa sostanza ha subìto un decremento del 3%. Il titolo di studio è rimasto invariato ma con un decremento del 2%. La professione ha subìto un decremento del 7%, mentre lo stato civile ha un decremento del 3%. Giocatori d azzardo patologico Nel 204, i giocatori d azzardo patologici afferenti al Dipartimento delle Dipendenze sono stati 78 per un totale di 95 prese in carico (tabella 6). Il 7% dell utenza è di genere maschile. L età media dei giocatori patologici è di 50 ± 4 anni (range 2 76). Rispetto al 203 si è registrato un decremento dell utenza pari al 5%. La figura 2 riporta la distribuzione dell utenza per genere e classe d età, e mostra come i maschi siano prevalenti in quasi tutte le fasce. La classe più rappresentativa è la classe d età anni, con 3 utenti. 20

22 Tabella 6. Distribuzione dei giocatori d azzardo per genere e presidio Anno 204 (n=95) Presidio Genere Lodi Casalpusterlengo S.A. Lodigiano Totale Nuovi utenti Utenti Noti Nuovi utenti Utenti Noti Nuovi utenti Utenti Noti M F Totale Figura 2. Distribuzione dei giocatori d'azzardo per genere e classi d'età (n=78) >64 M F Profilo socio-economico giocatore d'azzardo Dalla figura seguente si evince che una percentuale pari al 54% dei giocatori d azzardo ha un titolo di studio che corrisponde alle scuole medie inferiori, solo l % degli utenti ha un diploma universitario. Il 32% dei soggetti inoltre esercita una professione in qualità di dipendente seguita dal 7% di utenti che non hanno una occupazione lavorativa (figura 4, se si considerano i lavoratori in condizioni saltuarie, non professionale e in stato di lavoratore indipendente la percentuale sale al 57%). 2

23 Figura 3. Distribuzione percentuale del titolo di studio dei giocatori d azzardo Anno 204 (n=78) 60% 54% 50% 40% 30% 20% 0% 0% % 2% % 7% % 8% 6% Figura 4. Distribuzione percentuale dello stato civile dei giocatori d azzardo Anno 204 (n=78) 35% 30% 32% 25% 20% 5% 0% 5% 4% 8% 7% 9% 4% 4% 3% 0% Per quanto concerne lo stato civile per questa tipologia di utenza il 38% dei soggetti risulta essere coniugato (figura 5). 22

24 Figura 5. Distribuzione percentuale della professione dei giocatori d azzardo Anno 204 (n=78) 45% 40% 38% 35% 30% 25% 24% 20% 5% 0% 5% 0% 5% 3% 0% 9% 0% Profilo socio-economico giocatore d'azzardo: Genere: Maschio (7%) Età media: 50 anni Titolo di studio: scuola media inferiore (54%) Professione: lavoratore (58%) Stato civile: coniugato (38%) Rispetto all anno 203 l età media del giocatore d azzardo è aumentata di un anno, e i maschi hanno registrato un incremento dell %. Il titolo di studio osservato è lo stesso con un incremento del 2%, mentre la professione ha registrato un aumento del 0%. Lo stato civile è l unica variabile che ha subìto un decremento pari al 2%. 23

25 Utenti tabagisti Gli utenti tabagisti afferenti nel 204 sono stati 53, per un totale di 59 prese in carico (tabella 7). Il 5% dell utenza è di genere femminile. L età media degli utenti è di 52 ± 2 anni (range 25 76). Il presidio di Lodi è il Servizio in cui è stata presa in carico il 60% dell utenza complessiva: sono stati assistiti 36 soggetti, dal 204 si registra l'ingresso di un utente nel presidio di Sant'Angelo Lodigiano. La figura 6 riporta la distribuzione dell utenza per genere e classe d età, la classe più rappresentativa è la classe d età anni, con 9 utenti. Tabella 7. Distribuzione degli utenti tabagisti per genere - Analisi di presidio (n=59) Genere Presidio di Lodi Presidio di S. A L. Totale Nuovi In carico Nuovi In carico Maschi 5-27 Femmine Totale Figura 6. Distribuzione per genere ed età dei tabagisti (n=53) >64 M F

26 Profilo socio-economico soggetto tabagista Il 4% dei tabagisti ha titolo di studio che corrisponde alle scuole medie inferiori mentre il 4% degli utenti ha un diploma universitario (figura 7). Figura 7. Distribuzione percentuale del titolo di studio degli utenti tabagisti Anno 204 (n=53) 45% 40% 35% 30% 25% 20% 5% 0% 5% 0% 4% 6% 9% 28% 4% % 2% Per variabili quali la professione e lo stato civile, la maggior parte dei dati risulta dato missing, rispettivamente il 4% e il 37% (figura 8 e 9). Figura 8. Distribuzione percentuale della professione degli utenti tabagisti Anno 204 (n=53) 45% 40% 35% 30% 25% 20% 5% 0% 5% 0% 2% 8% 20% 4% 4% 6% 25

27 Figura 9. Distribuzione percentuale dello stato civile degli utenti tabagisti Anno 204 (n=53) 40% 35% 35% 37% 30% 25% 20% 5% 3% 0% 5% 4% 4% 2% 6% 0% Profilo socio-economico soggetto tabagista: Genere: Femmina (5%) Età media 52 anni Titolo di studio: scuola media superiori (4%) Professione: non rilevata (4%) Stato civile: non riferito (37%) Rispetto al 203, per questa tipologia di utenza l età media è aumentata di cinque anni, e i consumatori sono per il 5% donne (c è stato un incremento del 4% rispetto all anno precedente). Il titolo di studio è rimasto invariato ma con un decremento del 5%; per la professione e lo stato civile non è stato possibile fare il confronto tra i due anni a causa della presenza di dati non rilevati. 26

28 Prestazioni erogate Nell anno 204 sono state erogate prestazioni tariffate per un valore complessivo di ,66 (tabella 8), rispetto al 203 si è osservato un incremento delle prestazioni pari allo 0,7%. Tabella 8. Distribuzione di prestazione erogate per tipologia di dipendenza Tipologia dipendenza N. Utenti N. Prestazioni tariffate Tossicodipendenze Alcolismo G.A.P Tabagismo Totale Differenti sono le prestazioni erogate, per facilitarne la classificazione le stesse sono state suddivise in 4 diverse macro aree a seconda della natura dell intervento fornito: Attività di natura psicosocio-educativa, comprende: il counselling infermieristico e psicosocio-educativo, colloqui di accoglienza psicosocioeducativo, colloqui di assistenza sociale (valutazione - sostegno e riabilitazione), colloqui di consulenza ai familiari, interviste strutturate e semistrutturate, sostegno socio-educativo/colloqui valutativi e motivazionali, somministrazione / valutazione di test proiettivi e della personalità, questionari, terapia di sostegno psicologico; Attività di natura clinica, comprende: visita medica (generale e specialistica), colloqui clinici (psichiatrici, psicologici etc ), counselling; Attività certificative, comprendono: certificazioni di di TD e non TD, esenzione ticket, patente e invalidità (anche su richiesta di paziente), relazioni scritte sul singolo caso clinico per affido ad altra struttura, per avvio pratiche pensionistiche, ai fini giudiziari; Attività di natura varia, comprendono: test per sostanze stupefacenti su urine, incontri di gruppo con gli utenti, iniezione o infusione di farmaci specifici, laboratorio di animazione-risocializzazione, medicazioni, prelievi, raccolta urine, vaccinazioni e valutazione ip (assessment / triage). La figura 20 riporta la distribuzione della tipologia di prestazioni erogate. Gli interventi di natura varia hanno la prevalenza maggiore per un totale di prestazioni erogate 27

29 (46%) seguite dagli interventi di natura clinica (34%) mentre percentuali minori si registrano nelle altre tipologie di prestazioni. Figura 20. Distribuzione di prestazioni erogate per tipologia Interventi e procedure varie Interventi ass.li psicosocio-educativi Interventi di natura clinica Attività certificative L 82% delle prestazioni sono state erogate per i soggetti tossicodipendenti, il 4% per le dipendenze da alcol, il 3% per i giocatori d azzardo e l % per i tabagisti (tabella 9). Tabella 9. Distribuzione di prestazioni erogate per tipologia di dipendenza (n=42263) Tipo di dipendenza Tipologia di prestazione erogata Interventi ass.li Attività Interventi di psicosocioeducativi certificative natura clinica Interventi e procedure varie Totale Tossicodipendenze G.A.P Alcolismo Tabagismo Totale

30 In media sono state erogate: 35 prestazioni/anno per utente tossicodipendente, 4 prestazioni/anno per utente alcolista, 5 prestazioni/anno per utente giocatore d azzardo e 5 prestazioni/anno per utente tabagista (rispetto al 203 si registrano in media 2 prestazioni in meno per l utente alcolista e 2 prestazioni in più per i giocatori d azzardo). Analisi inferenziale Dopo aver effettuato le analisi descrittive sono stati utilizzati dei test statistici volti a valutare la relazione tra le variabili socio-demografiche e le sostanze indagate. La tabella 0 riporta i risultati per i soggetti dipendenti da droghe. Tabella 0. Variabili sociodemografiche e uso di droghe Dipendenza da droghe 995 (63%) Altre dipendenze 58 (34%) Sesso F 6 (2%) 53 (26%) <0.000* M 879 (88%) 428 (74%) Età 36± ±.88 <0.000** Stato Civile Da solo Coniugato Professione Lavoratore Non lavoratore Scolarità Nessuna/Elementari/Medie Superiori/Laurea Nazionalità Straniera Italiana 824 (83%) 7 (7%) 435 (44%) 559 (56%) 80 (8%) 85 (9%) 98 (20%) 797 (80%) Note: *Test Chi quadro di Pearson, **Test T di Student 38 (55%) 263 (45%) <0.000* P 285 (49%) 288 (5%) 0.022* 45 (7%) 66 (29%) <0.000* 27 (37%) 364 (63%) 0.000* Dall analisi effettuata si evince che esistono delle associazioni statisticamente significative tra tutte le variabili sociodemografiche e l uso di droga, nello specifico: la maggioranza dei consumatori per questa tipologia di sostanza è di sesso maschile (88%); i consumatori sono più giovani rispetto agli altri 36±9.98 vs 49±.88; tra i consumatori l 82% vive da solo; il 56% dei consumatori è disoccupato; 29

31 per quanto concerne il titolo di studio tra i consumatori di droghe l 8% dei soggetti non ha frequentato le scuole o ha frequentato soltanto le scuole elementari o medie inferiori; L 80% dei consumatori è di nazionalità italiana. Tabella. Variabili sociodemografiche e uso di alcol Dipendenza da alcol 427 (27%) Altre dipendenze.49 (73%) Sesso F 94 (22%) 73 (5%) M 333 (78%) 974 (85%) 0.000* Età 48±.27 38±.79 <0.000** Stato Civile Da solo Coniugato 235 (55%) 92 (45%) 907 (79%) 242 (2%) <0.000* Professione Lavoratore Non lavoratore Scolarità Nessuna/Elementari/Medie Superiori/Laurea Nazionalità Straniera Italiana 208 (49%) 26 (5%) 320 (75%) 07 (25%) 73 (4%) 254 (59%) Note: *Test Chi quadro di Pearson, **Test T di Student Nel caso dell alcol invece, si è visto che: P 52 (45%) 63 (55%) 0.33* 905 (79%) 244 (2%) 0.05* 242 (2%) 907 (79%) <0.00* l 80% dei consumatori è di genere maschile; i consumatori hanno un età media più elevata rispetto agli altri 48±.27 vs 38±.79; tra i consumatori il 55% dei soggetti vive da solo; seppur Il 5% dei consumatori sia disoccupato, la situazione lavorativa non risulta essere associata in modo statisticamente significativo all uso di alcol piuttosto che di un altra sostanza; tra i consumatori il 75% dei soggetti non ha frequentato le scuole o ha frequentato soltanto le scuole elementari o medie inferiori; la maggioranza dei consumatori (69%) è di nazionalità italiana. 30

32 Tabella 2. Variabili sociodemografiche e gioco d azzardo Gioco d azzardo 94 (6%) Altre dipendenze.482 (94%) Sesso F 27 (29%) 242 (6%) M 67 (7%).240 (84%) * Età 5± ±2.5 <0.000** Stato Civile Da solo Coniugato 48 (5%) 46 (49%).094 (74%) 388 (26%) <0.000* Professione Lavoratore Non lavoratore Scolarità Nessuna/Elementari/Medie Superiori/Laurea Nazionalità Straniera Italiana 56 (60%) 38 (40%) 70 (74%) 24 (26%) 30 (32%) 64 (68%) Note: *Test Chi quadro di Pearson, **Test T di Student P 664 (45%) 809 (55%) 0.006*.55 (78%) 327 (22%) 0.433* 385 (26%).097 (74%) 0.205* Per quanto concerne il gioco d azzardo, c è un associazione che è risultata statisticamente significativa per tutte le variabili in studio e l uso di questa sostanza ad eccezione del titolo di studio. Nello specifico: il 7% dei consumatori è di genere maschile; i consumatori sono meno giovani rispetto agli altri 5±3.76 vs 40±2.5 tra i consumatori il 5% dei soggetti vive da solo; il 59% dei consumatori ha un occupazione lavorativa; tra i consumatori il 74% dei soggetti non ha frequentato le scuole o ha frequentato soltanto le scuole elementari o medie inferiori; il 68% dei consumatori è di nazionalità italiana. 3

33 Tabella 3. Variabili sociodemografiche e tabacco Dipendenza da tabacco 60 (4%) Altre dipendenze.56 (96%) Sesso F 32 (53%) 237 (6%) M 28 (47%).279 (84%) <0.000* Età 53± ±2.28 <0.000** Stato Civile Da solo Coniugato 35 (58%) 25 (42%).07 (73%) 409 (27%) 0.02* Professione Lavoratore Non lavoratore Scolarità Elementari/medie /nessuno Superiori/Laurea Nazionalità Straniera Italiana 2 (38%) 34 (62%) 25 (42%) 35 (58%) 4 (23%) 46 (77%) Note: *Test Chi quadro di Pearson, **Test T di Student P 699 (47%) 83 (53%) 0.239*.200 (79%) 36 (2%) <0.000* 40 (26%).56 (74%) 0.59* In quest ultimo caso si è riscontrata un associazione statisticamente significativa tra le variabili e l uso di tabacco eccetto che per la situazione professionale, nel dettaglio: A differenza di quanto riscontrato negli altri casi, per questa tipologia di dipendenza Il 53% dei consumatori è di genere femminile; i consumatori sono meno giovani rispetto agli altri 53±2.03 vs 40±2.28; tra i consumatori il 58% dei soggetti vive da solo; il 62% dei consumatori non ha un occupazione lavorativa; tra i consumatori il 58% dei soggetti ha un titolo di studio che va dalle scuole medie superiori alla laurea, il 77% dei tabagisti è di nazionalità italiana. 32

34 Analisi dei determinanti Per gli utenti afferenti ai S.erT che affluiscono all ASL di Lodi è stato possibile verificare l ipotesi di una relazione tra l uso delle diverse sostanze e le variabili socio-demografiche. Le tabella 4 mostra i risultati inerenti all utilizzo di droghe e alcol. Sesso F M Tabella 4.OR grezzi e 95% CI delle caratteristiche sociodemografiche per i consumatori di droghe e alcol Droghe Alcol OR 95% CI p OR 95% CI p < Età < <0.000 Nazionalità Straniera Italiana < <0.000 Stato Civile Coniugato Da solo Professione Lavoratore Non lavoratore Titolo di studio Elementari/medie/nessuno Superiori/Laurea < < < Dalla tabella si osserva che per quanto riguarda i consumatori di droghe esiste un associazione statisticamente significativa tra tutte le variabili e l utilizzo delle droghe. In modo analogo risulta anche per l uso di alcol ad eccezione della professione lavorativa e del titolo di studio. La tabella 5 riporta invece, i risultati per i giocatori d azzardo e i tabagisti. 33

35 Sesso F M Tabella 5.OR grezzi e 95% CI delle caratteristiche sociodemografiche per i giocatori d azzardo e i tabagisti G.A.P Tabacco OR 95% CI p OR 95% CI p <0.000 Età < <0.000 Nazionalità Straniera Italiana Stato Civile Coniugato Da solo Professione Lavoratore Non lavoratore Titolo di studio Elementari/medie/nessuno Superiori/Laurea < <0.000 Per quanto riguarda i giocatori d azzardo patologici si osserva un associazione statisticamente significativa con la maggior parte delle variabili in studio ad eccezione della nazionalità e del titolo di studio. Per i tabagisti invece non si osservano differenze per la nazionalità e la professione mentre si riscontrano per le altre variabili. 34

36 Fattori di rischio Attraverso un analisi multivariata è stato possibile studiare i fattori di rischio per sviluppare una sindrome da utilizzo di sostanze (droghe, alcol, tabacco) e/o gioco di azzardo utilizzando come variabili indipendenti le caratteristiche socio-demografiche. La Tabella 6 riporta i risultati del modello logistico utilizzato nel quale la variabile di risposta è stata l utilizzo di sostanze e/o gioco d azzardo mentre le variabili indipendenti sono quelle risultate significative all analisi univariata. Tabella 6. Modello di regressione logistica per tipologia di sostanza Droghe Alcol G.A.P Tabacco OR 95% IC OR 95% IC OR 95% IC OR 95% IC Sesso F M Stato Civile Da solo Coniugato Nazionalità Stranieri - - Italiani Titolo di studio Elementari/medie/nessuno - - Superiori/Laurea Professione Non lavoratore - - Lavoratore Dal modello implementato si evince che: per il consumatore di droghe l essere maschio e italiano risultano essere fattori di rischio. Mentre l essere coniugato, avere un occupazione lavorativa e un titolo di studio pari alla laurea o ad un diploma di scuola superiore risultano essere fattori protettivi; per il consumatore di alcol l essere coniugato rappresenta un fattore di rischio, mentre l essere maschio e italiano risultano essere fattori protettivi; per il giocatore d azzardo patologico essere coniugato e avere un occupazione lavorativa risultano essere fattori di rischio, mentre l essere maschio rappresenta un fattore protettivo; 35

37 per il tabagista avere un titolo di studio pari alla laurea o ad un diploma di scuola superiore risulta essere un fattore di rischio, risultano invece fattori protettivi l essere maschio e coniugato. 36

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato

Tipologia utenti presi in carico dal Ser.T. di Prato Dipendenze Le relazioni periodiche dell Osservatorio Provinciale sulle Dipendenze consentono di seguire l evoluzione del fenomeno droga 1 nel contesto pratese, relativamente all andamento delle rilevazioni,

Dettagli

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE

3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3. DISTURBI DA USO DI SOSTANZE 3.1 Stime di prevalenza e incidenza 3.2 Profilo dei clienti in trattamento 3.2.1 Profilo dei clienti in trattamento in relazione alla sostanza 3.2.2 Altre caratteristiche

Dettagli

DIPARTI T ME M NT N O

DIPARTI T ME M NT N O Direzione Sociale DIPARTIMENTO DIPENDENZE Report dell Osservatorio DIPARTIMENTO DIPENDENZE Sintesi. Anno 2013 INDICE 1. ANALISI DEI TREND 2011-2013 2. ANALISI SUDDIVISA PER TIPOLOGIA DI UTENZA (Tossicodipendenti;

Dettagli

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI PARTE 9 RISPOSTE ALLE IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 9.1 Reinserimento sociale 9.1.1 Casa 9.1.2 Istruzione e formazione 9.1.3 Occupazione 9.1.4 Assistenza sociale di base 9.2 Modalità di esecuzione

Dettagli

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013

Tavolo Tecnico del Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 RAPPORTO REGIONALE GLI UTENTI DEI SER.T. IN BASILICATA NEL 2013 1 Tavolo Tecnico Sistema Informativo Regionale sulle Dipendenze Gruppo di lavoro per la stesura del Rapporto Regione Basilicata Rocco Libutti

Dettagli

Uso di droga nella popolazione

Uso di droga nella popolazione USO DI DROGA NELLA POPOLAZIONE Uso di droga nella popolazione generale L obiettivo dell indagine campionaria IPSAD Italia2003 (Italian Population Survey on Alcool and Drugs), è quello di rilevare l utilizzo

Dettagli

Sintesi relazione conclusiva del progetto

Sintesi relazione conclusiva del progetto Sintesi relazione conclusiva del progetto Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze della ASL della Provincia di Milano 1 Lo svolgimento del progetto di ricerca Valutazione

Dettagli

2.1.3. DIPENDENZE. La rete dei Servizi per le tossicodipendenze

2.1.3. DIPENDENZE. La rete dei Servizi per le tossicodipendenze 2.1.3. DIPENDENZE La rete dei Servizi per le tossicodipendenze L assistenza ai tossicodipendenti nella inizia a strutturarsi nel 1985 per effetto dalla L.R. 70/84, a seguito dei Decreti Ministeriali del

Dettagli

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA

CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA CONSUMI DI SOSTANZE PSICOATTIVE E ALTRI COMPORTAMENTI A RISCHIO NELLA POPOLAZIONE STUDENTESCA I dati relativi alle prevalenze dei consumi di sostanze psicoattive, legali ed illegali, nella popolazione

Dettagli

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.

Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio. 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1. SEZIONE 1: DATI ANAGRAFICI E INFORMAZIONI PRELIMINARI Da compilare SUBITO per tutti i soggetti a cui viene proposto lo studio 1.1 Data di primo accesso al SerT: giorno mese anno 1.2 Tipologia utente Utente

Dettagli

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara 13 marzo 2007 Cristina Sorio Responsabile Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Azienda USL di Ferrara LIVELLO

Dettagli

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice

Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice Carta dei Servizi del Ser.T. di Rho Indice 1. Definizione 2. Status giuridico 3. Principi 4. Diritti dei cittadini e doveri degli operatori 5. Stili di lavoro 6. Possesso dei requisiti: standard gestionali,

Dettagli

8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze

8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze 8.11.1. Profilo di salute Settore Dipendenze Dipendenze - dati 2004 Nome Indicatore Zancan Indicatori SDS Valore Note Persone 14 anni che consumano oltre 1/2 litro di vino al giorno per 1000 persone Utenti

Dettagli

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 -

OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL. - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO TERRITORIALE AREA DIPENDENZA DA ALCOL - Monitoraggio epidemiologico 2004-2012 - A cura dell Osservatorio Epidemiologico Territoriale delle Dipendenze, ASL di Brescia OSSERVATORIO

Dettagli

CAPITOLO I.1. CONSUMO DI DROGA

CAPITOLO I.1. CONSUMO DI DROGA CAPITOLO I.1. CONSUMO DI DROGA I.1.1. Survey 2012 GPS popolazione generale 18-64 anni I.1.1.1. Sintesi sui consumi nella popolazione generale I.1.1.2. Policonsumo di sostanze psicotrope nella fascia d

Dettagli

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 -

OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 2013 - 1 - OSSERVATORIO TERRITORIALE DEL DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE RELAZIONE SULL USO/ABUSO DI SOSTANZE PSICOTROPE ANNO 213-1 - Dipendenza da sostanze illegali: monitoraggio epidemiologico 23-213 pag. 3 Dipendenza

Dettagli

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI

COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI COCAINA: L ANDAMENTO DEL FENOMENO DAI RAPPORTI UFFICIALI S. Rossi, C. Mortali, R. Spoletini, D. Mattioli, P. Zuccaro Dipartimento del Farmaco - ISS Dal rapporto annuale sulla droga dell ONU (2005), risulta

Dettagli

L epidemiologia delle dipendenze in Italia

L epidemiologia delle dipendenze in Italia L epidemiologia delle dipendenze in Italia LE DIMENSIONI DEL FENOMENO Generazione In- Dipendente L epidemiologia delle dipendenze in Italia Tutti i dati statistico-epidemiologici sullo stato delle tossicodipendenze

Dettagli

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna

Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Rapporto 2014 sulle dipendenze nell area metropolitana di Bologna Quadro epidemiologico Caratteristiche tossicodipendenti, alcolisti e giocatori d azzardo patologici Attività dei servizi A cura di Raimondo

Dettagli

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili

PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili PROVINCIA DI ROVIGO Assessorato alle Politiche Giovanili OSSERVATORIO SUL DISAGIO GIOVANILE Ser.T. e Associazioni Aggiornamento dei dati - Anno 2007 Si ringraziano per i dati forniti e la cortese collaborazione:

Dettagli

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata L obiettivo della presente analisi è quello di offrire un panorama sullo stato dell arte dei servizi erogati per conto dell Agenzia Capitolina sulle Tossicodipendenze nel corso dell anno 2010. È stata

Dettagli

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute

Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute Incidenti domestici in Lombardia: quadro di contesto Anno 2013 Unità Organizzativa Governo della Prevenzione e Tutela Sanitaria Direzione Generale Salute La Prevenzione degli infortuni domestici in Regione

Dettagli

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007

Rapporto Annuale Ser.T. - 2007 U.O. Ser.T. - Servizio Tossicodipendenze U.O.S. Osservatorio Socio- Epidemiologico Dipendenze Sistema Informativo Vico Gramsci n.1-75100 MATERA Tel. 0835 / 253704 253718 Fax 0835 / 253704 e-mail: asl4.sert@rete.basilicata.it

Dettagli

L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE. Dati per Ambito Territoriali

L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE. Dati per Ambito Territoriali 2 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERVIZI AMBULATORIALI PER LE DIPENDENZE Dati per Ambito Territoriali Anno 2014 N. 05/2015 1 Indice Premessa 4 PARTE 1 - ANALISI DELL UTENZA COMPLESSIVA 1 L

Dettagli

Rapporto sullo stato delle dipendenze patologiche. Il quadro epidemiologico

Rapporto sullo stato delle dipendenze patologiche. Il quadro epidemiologico Azienda USL di Ferrara Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Rapporto sullo stato delle dipendenze patologiche. Il quadro epidemiologico Gabriella Antolini Biostatistica Ferrara, 13 Marzo

Dettagli

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI

INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Indagine sui comportamenti a rischio degli adolescenti INDAGINE SUI COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI di Luigi Minerba, Paolo Contu, Carlo Pintor In questo articolo vengono presentati alcuni risultati

Dettagli

Progetto OUTCOME 2010 Risultati. Giovanni Serpelloni, Monica Zermiani, Nadia Balestra, Bruno Genetti

Progetto OUTCOME 2010 Risultati. Giovanni Serpelloni, Monica Zermiani, Nadia Balestra, Bruno Genetti Progetto OUTCOME 2010 Risultati Giovanni Serpelloni, Monica Zermiani, Nadia Balestra, Bruno Genetti Roma 27 Marzo 2012 Unità operative coinvolte Numero unità operative coinvolte: 65 Regioni coinvolte:

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

Corrispondenza tra campi di INPUT gestiti da mfp e reports di OUTPUT

Corrispondenza tra campi di INPUT gestiti da mfp e reports di OUTPUT Corrispondenza tra campi di INPUT gestiti da mfp e reports di OUTPUT SCHEDE MINISTERIALI 1) SER.01 Dati anagrafici dei servizi pubblici per le tossicodipendenze Sezione C. Numero strutture carcerarie e

Dettagli

Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT

Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT All A. Linee di indirizzo per la presa in carico di soggetti con problemi di dipendenza che afferiscono ai SERT Le presenti Linee di indirizzo intendono semplificare la presa in carico delle persone con

Dettagli

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014

Incontro di orientamento professionale. Bergamo 14 aprile 2014 Incontro di orientamento professionale Bergamo 14 aprile 2014 Chi è l infermiere Profilo professionale dell'infermiere D.M. 14 settembre 1994, n. 739 Art. 1 1 - E' individuata la figura professionale dell'infermiere

Dettagli

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna

Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna Rapporto Regionale sullo stato delle dipendenze patologiche in Sardegna 2008 Regione Autonoma della Sardegna Realizzazione a cura dell Assessorato dell Igiene, Sanità e dell Assistenza Sociale via Roma

Dettagli

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi

Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche. Silvia Gallozzi Presentazione del programma e degli obiettivi del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze Patologiche Silvia Gallozzi Indicazioni operative specificate nella Determina Regionale B 02807/2013

Dettagli

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa Ser.T. Osservatorio Epidemiologico

Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa Ser.T. Osservatorio Epidemiologico Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Unità Operativa Ser.T. Osservatorio Epidemiologico Verifica coerenza ICD 10 vs Dipendenza Patologica 12011 a cura di Guya Barducci Alessandro Mariani

Dettagli

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute

Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute Regione Puglia Assessorato alle Politiche della Salute SINTESI RELAZIONE SULLO STATO DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PUGLIESE Bari, 20 luglio 2007 La Legge Regionale 25/2006, disegnando in un quadro organico

Dettagli

SCHEMA PER LA STESURA DI UN PROGETTO. Fondo Regionale di Intervento per la Lotta alla Droga Piano Triennale di Intervento Area Dipendenze 2006/2008

SCHEMA PER LA STESURA DI UN PROGETTO. Fondo Regionale di Intervento per la Lotta alla Droga Piano Triennale di Intervento Area Dipendenze 2006/2008 SCHEMA PER LA STESURA DI UN PROGETTO Fondo Regionale di Intervento per la Lotta alla Droga Piano Triennale di Intervento Area Dipendenze 2006/2008 1. TITOLO PROGETTO PIT STOP 2. AREA DI INTERVENTO DEL

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERT DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. Anno 2014

DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERT DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. Anno 2014 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE L UTENZA DEI SERT DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Anno 2014 N. 04/2015 2 Indice Premessa 1 L utenza afferita ai SerT della provincia di Bergamo: Analisi per sostanza primaria o

Dettagli

Alcol e giovani I rischi e le tendenze

Alcol e giovani I rischi e le tendenze Alcol e giovani I rischi e le tendenze Emanuele Scafato, ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Direttore Centro OMS Ricerca e promozione salute alcol e problemi alcol correlati Direttore Osservatorio Nazionale

Dettagli

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi

Consumo di alcol. Gli indicatori Passi Consumo di alcol Nell ambito della promozione di stili di vita sani, il consumo di alcol ha assunto un importanza sempre maggiore, perché l alcol è associato a numerose malattie: cirrosi del fegato, malattie

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO

Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO DIPARTIMENTO DIPENDENZE Prevo.Lab RICERCA - STUDIO PREVISIONE DELL EVOLUZIONE DEI FENOMENI DI ABUSO Report Area Interviste Testimoni Privilegiati PREVO.METER Maggio 2009 Responsabile Ricerca-Studio: Gruppo

Dettagli

Inserimento professionale dei diplomati universitari

Inserimento professionale dei diplomati universitari 22 luglio 2003 Inserimento professionale dei diplomati universitari Indagine 2002 Nel corso degli ultimi anni l Istat ha rivisitato e notevolmente ampliato il patrimonio informativo sull istruzione e la

Dettagli

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi

Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici. Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi COMUNICATO STAMPA ROMA, APRILE 2013 Toscana: la Regione che ha la spesa più alta di farmaci generici Ma resta la Regione che consuma più antidepressivi La Toscana è la Regione che ha la spesa più elevata

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

Sistema di Sorveglianza PASSI

Sistema di Sorveglianza PASSI ASSESSORATO DELL IGIENE E SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale della Sanità Osservatorio Epidemiologico Regionale Sistema di Sorveglianza PASSI Schede Tematiche e 2008-2011 Alcol Consumo

Dettagli

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro

Allegato A) al capitolato speciale d appalto. Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro Allegato A) al capitolato speciale d appalto Standard dei servizi di orientamento e accompagnamento al lavoro SERVIZIO/AZIONE OBIETTIVI ATTIVITÀ Informazione orientativa (Macro intervento 1) Raccogliere

Dettagli

Comitato Alcol e Territorio Saronno

Comitato Alcol e Territorio Saronno Dipartimento delle Dipendenze (Direttore Dr. Vincenzo Marino) U.O. Territoriale Dipendenze Provincia Sud Sede Ser.T. di Saronno Comitato Alcol e Territorio Saronno N 15 INFORMAZIONE E PREVENZIONE ALCOLOGICA

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA

IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA IL GIOCO D AZZARDO IN LOMBARDIA ATTIVITÀ DELL OSSERVATORIO REGIONALE SULLE DIPENDENZE (ORED) - 15 Guido Gay Milano, 15 ottobre 15 Struttura della presentazione Opinioni sul gioco d azzardo nei social media

Dettagli

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo

Alcuni dati sul fenomeno del Gioco d Azzardo in Italia e in provincia di Bergamo DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Direttore dott. Marco Riglietta via Borgo Palazzo, 130-24125 Bergamo Italy Tel +390352270382 - Fax +390352270393 www.asl.bergamo.it/dipartimentodipendenze (PEC): protocollo@pec.asl.bergamo.it

Dettagli

Alcuni dati sull attività svolta dal. Dipartimento delle Dipendenze. nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino. Anno 2013

Alcuni dati sull attività svolta dal. Dipartimento delle Dipendenze. nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino. Anno 2013 DIPARTIMENTO DELLE DIPENDENZE Alcuni dati sull attività svolta dal Dipartimento delle Dipendenze nell Ambito Territoriale dell Alto Sebino Anno 2013 Anno 2014 Alcuni dati sull attività svolta dal Dipartimento

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli

Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli Fumo e alcol : aspetti epidemiologici in adolescenza Dott.ssa Felicetta Camilli IL PROFILO DEL FUMATORE REATINO Dati Progetto PASSI - Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Nella

Dettagli

Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio

Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio D EP Lazio Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale - Regione Lazio Relazione 2013 sul fenomeno della tossicodipendenza nel Lazio SISTEMA SANITARIO REGIONALE ASL ROMA E Relazione

Dettagli

RAPPORTO 2006-2007. Consumi e dipendenza da sostanze nella provincia di Ferrara. Ferrara 17 giugno 2008

RAPPORTO 2006-2007. Consumi e dipendenza da sostanze nella provincia di Ferrara. Ferrara 17 giugno 2008 GIORNATA MONDIALE CONTRO LA DROGA RAPPORTO 2006-2007 2007 Consumi e dipendenza da sostanze nella provincia di Ferrara Cristina Sorio Responsabile Osservatorio Dipendenze Patologiche Ferrara 17 giugno 2008

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI 1 Premessa Il determinismo degli incidenti stradali risulta in una particolare

Dettagli

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti

17. Criminalità: le sostanze stupefacenti 17. Criminalità: le sostanze stupefacenti Nel 2004 Roma è risultata tra le prime città italiane per sequestri di droghe tradizionali, soprattutto di cocaina (487,4 Kg, pari al 15,2% dei sequestri complessivi

Dettagli

Dottor Intaschi Guido Responsabile U.F. SERT ASL 12 di Viareggio Auditorium Ospedale Versilia 27 ottobre 2009

Dottor Intaschi Guido Responsabile U.F. SERT ASL 12 di Viareggio Auditorium Ospedale Versilia 27 ottobre 2009 REGIONE TOSCANA-SST - RLS in Toscana SEMINARIO FORMATIVO su USO di ALCOOL e di SOSTANZE STUPEFACENTI nei luoghi di lavoro.il ruolo del RLS. Effetti di alcool e sostanze stupefacenti sulle funzioni cognitive

Dettagli

CAPITOLO III.2. TRATTAMENTI SOCIO SANITARI

CAPITOLO III.2. TRATTAMENTI SOCIO SANITARI CAPITOLO III.2. TRATTAMENTI SOCIO SANITARI III.2.1. Programmi e qualità dei trattamenti attivati dalle Regioni III.2.2. Trattamenti erogati dai Servizi per le Tossicodipendenze III.2.3. Soggetti tossicodipendenti

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO

EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO EPIDEMIOLOGIA DEL GIOCO D AZZARDO Fabio Voller Alice Berti Settore Sociale Osservatorio di Epidemiologia Presentazione del volume GAP - Il gioco d azzardo patologico Orientamenti per la prevenzione e la

Dettagli

Servizio Regionale di Accoglienza Telefonica LINEAVERDEDROGA

Servizio Regionale di Accoglienza Telefonica LINEAVERDEDROGA Servizio Regionale di Accoglienza Telefonica LINEAVERDEDROGA Grande B. S., Bevacqua T., Sorrentino C. LineaVerdeDroga (Ser.T. di Catanzaro) Introduzione LineaVerdeDroga (LVD) è il Servizio di Accoglienza

Dettagli

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI

8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8. IMPLICAZIONI E CONSEGUENZE SOCIALI 8.1 Reati droga-correlati produzione, traffico e vendita di sostanze illegali e di associazione finalizzata alla produzione e al traffico (art. 73 e art. 74) 8.2 Reati

Dettagli

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE

IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE IL FATTORE DI RISCHIO ALCOL NEGLI STILI DI VITA DEI LAVORATORI : I RISUL- TATI DI UN INDAGINE Claudio Annovi (1), Roberta Biolcati (1), Renato Di Rico (2), Gianfranco De Girolamo (3), Clara Fogliani (2),

Dettagli

Sicurezza stradale SICUREZZA

Sicurezza stradale SICUREZZA PROFILO SOCIODEMOGRAFIXCO SICUREZZA Nel 211, in Italia, si sono registrati 25.638 incidenti stradali con lesioni a persone, di cui 386 mortali. Con questi dati, l Italia conferma una costante tendenza

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure

Allegati. Tabella dei dati relativi alle Figure Allegati Tabella dei dati relativi alle Figure Indice delle Tabelle PARTE PRIMA: DIMENSIONE DEL FENOMENO I.1. CONSUMO DI DROGA Tabella I.1.1:Consumo di eroina nella popolazione generale 15-64 anni. Anni

Dettagli

Indagine sulla prevalenza di alcune condizioni patologiche a rilevante impatto sociale

Indagine sulla prevalenza di alcune condizioni patologiche a rilevante impatto sociale sdfs AGENZIA REGIONALE SANITARIA R E G I O N E M A R C H E Indagine sulla prevalenza di alcune condizioni patologiche a rilevante impatto sociale Susanna Cimica Osservatorio Epidemiologico Agenzia Sanitaria,

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL

PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL PROTOCOLLO D'INTESA SULL ADOZIONE DEL CODICE ETICO PER LA PREVENZIONE ALL ABUSO DI ALCOOL Tra Risorsa Sociale Gera d Adda in rappresentanza dei 18 Comuni dell Ambito di Treviglio ASL della provincia di

Dettagli

8 Obiettivi specifici di particolare rilevanza istituzionale: dipendenze patologiche in provincia di Piacenza, dati, tendenze, riflessioni

8 Obiettivi specifici di particolare rilevanza istituzionale: dipendenze patologiche in provincia di Piacenza, dati, tendenze, riflessioni 8 Obiettivi specifici di particolare rilevanza istituzionale: dipendenze patologiche in provincia di Piacenza, dati, tendenze, riflessioni 8.1 Premessa Si è appena concluso il quadriennio che ha visto

Dettagli

Alcol, droghe e comportamenti a rischio

Alcol, droghe e comportamenti a rischio 26 marzo 2014 h. 09.10-11.00: LEZIONE DI LEGALITA Alcol, droghe e comportamenti a rischio prof.ssa Alessandra Busulini Mosaico - classi 1 e : prevenzione all uso di alcol Mosaico - classi 2 e : prevenzione

Dettagli

Progetto ORIENTA. www.calabriaorienta.it. Comitato Tecnico di monitoraggio. 20 luglio 2012

Progetto ORIENTA. www.calabriaorienta.it. Comitato Tecnico di monitoraggio. 20 luglio 2012 Progetto ORIENTA www.calabriaorienta.it Comitato Tecnico di monitoraggio 20 luglio 2012 progetto Orienta, Comitato Tecnico di monitoraggio, sda al 20.07.12 - pag. 1/5 IL CONTESTO PROGETTUALE "L orientamento

Dettagli

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA

CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA CAP. VI STORIA DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE IN ITALIA VETTORATO G. PSICOSOCIOLOGIA DELLA TOSSICODIPENDENZA ANNI 50 60: GLI INIZI DELLA DIFFUSIONE DELLE DROGHE Anni 50 non diffuse Elite Anni 60 diffusione

Dettagli

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE

SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE TOSSICODIPENDENZE SER.T SERVIZIO PUBBLICO PER LE T.U. 309/90 e L.n.49/06 Prov.to30/10/07 (Conferenza stato/regioni) D.M.S. 444/90 e LR n.22/02 con relativi decreti Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli

Dettagli

DEPRESSIONE POST PARTUM Chi è a rischio?

DEPRESSIONE POST PARTUM Chi è a rischio? DEPRESSIONE POST PARTUM Chi è a rischio? Maria Elena Gattoni, Laura Andreoni e Antonio Giampiero Russo Osservatorio Epidemiologico e Registri Specializzati DIPARTIMENTO GOVERNANCE ASL Milano 1 Definizione

Dettagli

CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza

CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza CAPIRE E CAPIRSI I familiari di fronte al problema della dipendenza Storia del progetto Il SerT dell ASL 9 ha consuetudine alla collaborazione con i familiari, attraverso accoglienza diretta della domanda

Dettagli

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria

Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria Una panoramica del fenomeno delle dipendenze in Liguria UNA PANORAMICA DEL FENOMENO DELLE DIPENDENZE IN LIGURIA Quali sono le ragioni dell esistenza di un Osservatorio Epidemiologico Regionale delle Tossicodipendenze

Dettagli

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale

La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale La Promozione della Salute come strategia di intervento territoriale Assistente Sanitaria Giuliana Faccini Referente Regionale Antifumo SPISAL Dipartimento di Prevenzione Az ULSS 21 Di cosa parleremo Premessa

Dettagli

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti

Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti Registro emodialisi Regione Marche: caratteristiche dei pazienti e trattamenti L insufficienza renale cronica (IRC), raggiungendo lo stadio di uremia terminale, determina la necessità di ricorrere al trattamento

Dettagli

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE

REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REPORT ATTIVITA DI PREVENZIONE SUI NUOVI COMPORTAMENTI D ABUSO RELATIVA AL TERRITORIO DELLA ASL 4 CHIAVARESE REFERENTI DOTT. REBOLINI, DOTT. LORENZOTTI, DOTT.SSA CELLE Durante l attività di Prevenzione

Dettagli

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni

Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni Dipartimento Dipendenze Uso di sostanze e comportamenti a rischio tra gli studenti 15-19enni I dati dello Studio Espad Italia 212 con sovracampionamento per la Provincia di Lecco A cura dell Osservatorio

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Ridurre la vulnerabilità alle malattie sessualmente trasmesse, con

Dettagli

APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi

APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi PARTE 11 APPROFONDIMENTO: gli altri consumi psicoattivi 11.1 Opinione pubblica sull uso di sostanze psicoattive legali e sul gioco d azzardo 11.1.1 Disapprovazione dell uso di altre sostanze psicoattive

Dettagli

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA Nazionali (ISTAT: sociodemografici, mortalità) Locali (Regioni, Asl, altro: ricoveri, farmaci, esenzione ticket, anagrafe, registri di patologia) Informatizzazione e possibilità

Dettagli

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale

Osservatorio Settoriale sulle RSA 7 Convegno Annuale «Da RSA a centro di servizi: una sfida da vincere» OSSERVATORIO SETTORIALE SULLE RSA 7 CONVEGNO ANNUALE RSA aperte al territorio nella prospettiva di Regione Lombardia Direzione Generale Famiglia, Solidarietà

Dettagli

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti

Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti 16 Aprile 2014 Carnate Auditorium Scuola di v. Magni Per un bicchiere di troppo Le pratiche rischiose di giovani e adulti M. Raffaella Rossin, psicologa-psicoterapeuta - SIA Lombardia L obiettivo di questo

Dettagli

Sistema di sorveglianza Passi

Sistema di sorveglianza Passi Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia Sistema di sorveglianza Passi Salute mentale Sardegna Quadriennio 2009-2012 1 Redazione a cura dell Osservatorio Epidemiologico Regionale Dr. Francesco

Dettagli

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO

PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE. Prof. Federico VILARDO PIANO DI LAVORO della FUNZIONE STRUMENTALE AREA 6: INCLUSIONE, INTEGRAZIONE, DISAGIO GIOVANILE Prof. Federico VILARDO La Funzione Strumentale Area 6 si pone come OBIETTIVO GENERALE quello di migliorare

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI

CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI CAPITOLO IV.6. IL CONSUMO DI ALCOL NEI GIOVANI E NEGLI ADULTI IV.6.1. I consumatori di bevande alcoliche IV.6.2. Le modalità di consumo IV.6.3. I consumatori a rischio (criterio ISS) IV.6.4. Modelli di

Dettagli

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale

Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale L REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N.69/20 DEL 10.12.2008 PIANI PERSONALIZZATI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITÀ Il monitoraggio dell attuazione del programma regionale 1. ORIENTAMENTI

Dettagli

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo

Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Dott. Marcello Mazzo Direttore SOC Tossicodipendenze Azienda U.L.S.S. 18 Rovigo Piano di Zona 2011/2015- Area Dipendenze Priorità Politica Azione Difficoltà delle persone con problematiche di gioco d azzardo

Dettagli

Progetto GPS DPA 2014

Progetto GPS DPA 2014 Progetto GPS DPA 2014 Indagine sul consumo di sostanze psicotrope nella popolazione generale 18-64 anni e gioco d azzardo nella popolazione 18-79 anni Centro Collaborativo DPA In collaborazione con Dipartimento

Dettagli

I fattori di rischio degli incidenti stradali nei giovani toscani in base ai dati EDIT 2015

I fattori di rischio degli incidenti stradali nei giovani toscani in base ai dati EDIT 2015 I fattori di rischio degli incidenti stradali nei giovani toscani in base ai dati EDIT 2015 Francesco Innocenti Osservatorio di Epidemiologia francesco.innocenti@ars.toscana.it Agenzia regionale di sanità

Dettagli

La laurea giusta per trovare

La laurea giusta per trovare La laurea giusta per trovare un lavoro stabile e soddisfacente Diplomati e laureati: quanti trovano lavoro Con un titolo di studio elevato si riesce a trovare lavoro più facilmente. Lo confermano i risultati

Dettagli

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA

SORVEGLIANZA E PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI STRADALI IN REGIONE LOMBARDIA Iniziative D.G. Sanità U.O. Prevenzione Regione Lombardia Con il Piano Socio Sanitario della Regione Lombardia, all'interno delle "Linee Prioritarie d'intervento", ed in particolare all'interno dell'area

Dettagli

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio

Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio Nuove droghe, nuovi problemi. Sostanze ricreazionali e ricerca di territorio. Sintesi dello studio I luoghi di consumo La discoteca non è l unico luogo in cui si assumono droghe ricreazionali. Le percentuali

Dettagli

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO

GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO GLI ESITI OCCUPAZIONALI DELLA FORMAZIONE AL LAVORO L indagine sugli esiti occupazionali dei corsi di formazione ha preso in considerazione i corsi Nof del biennio 2002/2003 e i post-diploma del 2003, analizzando

Dettagli

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si

La Bussola. 1. Titolo del progetto. 2. Nuovo progetto - No. 3. Progetto già avviato - Si 1. Titolo del progetto La Bussola 2. Nuovo progetto - No 3. Progetto già avviato - Si 4. Se il progetto dà continuità a servizi/strutture già attivati, indicare se amplia l ambito territoriale e/o l utenza

Dettagli

USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE

USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE DIREZIONE SOCIALE Dipartimento Dipendenze USO/ABUSO/DIPENDENZA DA SOSTANZE Per poter effettuare un analisi delle caratteristiche che assume, nel tempo, il fenomeno dell uso di sostanze, non ci si può limitare

Dettagli

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010

Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Il Collocamento Obbligatorio nella Provincia di Padova: Lavoratori disabili e Categorie Protette al 30 giugno 2010 Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia di Padova 1 In sintesi: Prosegue la

Dettagli