Medical Oncology Prorgress & Perspectives

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Medical Oncology Prorgress & Perspectives"

Transcript

1 M O P P Medical Oncology Prorgress & Perspectives a cura di GISCAD Pubblicazione di informazione scientifica oncologica Update 39 Luglio 2011

2 EDIZIONI TECNOGRAF S.r.l. Via Piave, Canegrate (MI) Tel. (+39) Fax (+39) Tutti i diritti riservati. È vietato riprodurre, archiviare in un sistema di riproduzione o trasmettere sotto qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per fotocopia, registrazione o altro, qualsiasi parte di questa pubblicazione senza autorizzazione scritta dell Editore. L Editore non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi lesione e/o danno a persona o beni in quanto responsabilità di prodotto, negligenza o altrimenti, oppure a operazione di qualsiasi metodo, prodotto, istruzione o idea contenuti nel materiale di cui trattasi. A causa del rapido progresso nella scienza medica, l Editore raccomanda la verifica indipendente delle diagnosi e del dosaggio dei medicinali. Progetto grafico: Tecnograf s.r.l. Stampato in Italia da Tecnograf s.r.l. Edizione speciale fuori commercio riservata ai Sigg. Medici In copertina Henri Matisse - La Tristesse du roi 1952

3 Pubblicazione di informazione scientifica oncologica Update 39 M O P P Medical Oncology Progress & Perspectives a cura del GISCAD

4

5 Medical Oncology Progress & Perspectives Update 39 Un anno dopo il nostro grido di dolore: a che punto è la ricerca clinica indipendente in Italia Roberto Labianca 5 ASCO 2011: sessione plenaria Chiara Abeni, Alberto Zaniboni 9 LA PAROLA AGLI ESPERTI Appunti da ASCO 2011: quanto è stato confermato, quanto mi ha sorpreso, quanto mi ha deluso, quanto mi aspettavo e non è successo. Neoplasie del colon e del retto Alberto Sobrero 13 Neoplasie gastro-biliopancreatiche Stefano Cascinu 15 Neoplasie della mammella Karen Borgonovo, Fausto Petrelli, Sandro Barni 19 Neoplasie del polmone Francesco Grossi 24 SPAZIO GISCAD

6

7 EDITORIALE: UN ANNO DOPO IL NOSTRO GRIDO DI DOLORE: A CHE PUNTO E LA RICERCA CLINICA INDIPENDENTE IN ITALIA? Eccoci di nuovo, a 12 mesi di distanza e dopo l ASCO di Chicago (e dopo ESMO 2010, AIOM 2010, ASCO GI, Barcellona ) ad esporvi le nostre riflessioni sullo stato della ricerca clinica in questo Paese, naturalmente con particolare riferimento all oncologia gastroenterica. Che dire? Una mia cara amica che ama molto andare in barca a vela commenterebbe: questa è calma piatta, ma quella calma che precede la tempesta. Chi preferisce la montagna potrebbe aggiungere: attenti che se ci fermiamo sulla salita rischiamo di scivolare all indietro Non voglio certo fare la Cassandra: non è questo lo stile di chi da oltre 20 anni si danna l anima per disegnare, realizzare e pubblicare studi clinici (e anche, sempre più spesso, traslazionali) che ci aiutino a migliorare la nostra pratica terapeutica quotidiana. Intendo però ribadire che è bene darsi una mossa, pena l estinzione dei nostri pur gloriosi gruppi di ricerca. Vi racconto alcune scene recenti di vita vissuta: all ASCO c era una sessione poster sugli studi in corso (utile per far sapere a tutti cosa bolle in pentola a livello di ricerca internazionale). Ebbene: tra i circa 200 progetti presentati solo 4 (quattro!) erano italiani. Pur ammettendo un evidente submission bias (alzi la mano chi tra di noi si era accorto di questa sessione: ma anche questo è un problema) la nostra posizione è ai livelli dell Uganda o della Nuova Guinea. Che idea si saranno fatti di noi i colleghi stranieri? 5

8 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 39 a Barcellona: sessione a inviti sulla cooperazione internazionale nelle sperimentazioni sulle neoplasie gastroenteriche. Domanda di Eric Van Cutsem al sottoscritto: why so many cooperative groups in Italy?. Certo, gli ho risposto che questa è la nostra storia, nel bene e nel male, e che comunque collaboriamo strettamente nei grandi trials intergruppo (il nostro TOSCA, ITACAS 1 e 2 ) ma resta il dubbio che forse abbiamo più gruppi che studi (almeno quelli di un certo spessore e dimensione) ASCO Report sulla ristrutturazione dei gruppi cooperativi negli Stati Uniti (6 luglio): con un network di Istituzioni, ricercatori e pazienti inclusi ogni anno in progetti di ricerca clinica si è sentito il bisogno di riorganizzare e razionalizzare la materia, nel segno di un ricompattamento dei gruppi medesimi. Noi, invece, continuiamo a moltiplicare gruppi, consorzi e reti, quasi ad personam qualche spiraglio di luce: nell assordante silenzio di AIFA (non parliamo di CNR, Ministero Salute ed altri) su nuovi bandi, qualcosa si è mosso a livello regionale. In Lombardia, ad esempio, attraverso la struttura di Nerviano recentemente acquisita dalla Regione si sono attivati in pochi mesi ben 3 bandi di ricerca clinica o preclinica, ai quali anche GISCAD è in parte riuscito ad accedere. Però non basta Di fronte a questo bel quadro, cosa stiamo facendo noi oncologi medici? Un po poco, mi pare e mi permetto di dare qualche bacchettata anche a dei cari amici, oltre che a me stesso: l AIOM ha un working group sulla ricerca (ne faccio parte): sarebbe bene facesse sentire la sua voce, forte e chiara sempre AIOM ha ritenuto di non sottoscrivere (a differenza di CIPOMO, GISCAD, ITMO ed altri gruppi) 6

9 EDITORIALE un incisivo documento del FADOI (internisti ospedalieri) sulla ricerca clinica indipendente. Immagino che ciò significhi che l Associazione uscirà a breve con un suo documento concernente specificamente la situazione in oncologia: forza, allora! la Fondazione AIOM è oggettivamente ferma, dopo i tentativi, generosi anche se piuttosto velleitari, della Presidenza mia e di quella di Emilio Bajetta: che ne facciamo? decisamente meglio CIPOMO (grazie principalmente a Sergio Crispino) che non solo ha firmato il documento FADOI ma ha un progetto di vision decennale sull oncologia nel quale la ricerca ha uno spazio di grande rilievo. E stiamo parlando degli ospedali generali, quelli grandi (i cosiddetti hub ) ma anche quelli di campagna e gli Istituti di Ricerca che dicono? Esiste ancora Alleanza Contro il Cancro? e gli Universitari (COMU)? e i nostri giovani colleghi, sempre entusiasti di ogni nuova scoperta biomolecolare ma ultimamente alquanto silenziosi sulle prospettive future delle sperimentazioni che pure li riguardano assai da vicino, che ne pensano? Qualche modesta proposta: AIOM, CIPOMO, COMU, IRCCS (che si erano ben integrati e coordinati nel progetto MAISON) convochino gli Stati Generali della ricerca indipendente nel nostro Paese si produca un documento di indirizzo specifico per l oncologia, ma in armonia con quello del FADOI che ha avuto il merito di aprire il fronte di discussione e di lotta sull argomento si definisca una volta per tutte lo stato giuridico dei Gruppi Cooperativi e il loro rapporto con le istituzioni Sanitarie e con AIOM, CIPOMO e quant altri si favorisca la aggregazione dei gruppi, istituendo dei criteri rigorosi e selettivi per il loro accreditamento si eserciti una costante pressione su AIFA e Ministero, al di là di interessi personali e di parte 7

10 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 39 in definitiva: si tenga sempre ben aperta l agenda del mondo oncologico italiano sul tema della ricerca, senza la quale la pratica clinica quotidiana rischia di atrofizzarsi e di annegare nella burocrazia che qualcuno vorrebbe imporci Sono convinto che tutti insieme possiamo farcela: forza e coraggio allora, come nei momenti migliori del nostro cammino (ricordiamoci che LA STORIA SIAMO NOI )! Roberto Labianca Presidente GISCAD 8

11 ASCO 2011: SESSIONE PLENARIA ASCO 2011: sessione plenaria. Chiara Abeni, Alberto Zaniboni Fondazione Poliambulanza - Brescia L iniziale parziale delusione per una Plenary Session non comprendente contributi relativi ai tradizionali big killers (polmone, mammella, colon-retto) è stata rapidamente superata dalla consapevolezza di assistere alla presentazione di dati realmente practice-changing non solo nell ambito dell Oncologia Pediatrica (Neuroblastoma e ALL ad alto rischio, contributi che non analizzeremo in questa sede) ma anche relativi ad un setting importante quale il trattamento adiuvante dei GIST e forse ancor di più per quanto riguarda il nuovo scenario del trattamento del melanoma disseminato. Joensuu ha presentato i dati relativi al trattamento adiuvante dei GIST ad alto rischio di recidiva in uno studio che ha confrontato 12 mesi di imatinib vs 36 mesi. Rimandiamo, per quanto attiene ai risultati numerici dello studio all abstract di seguito riportato ed ai numerosi reports già apparsi on-line (Virtual meeting, etc) per questo come per i due studi commentati di seguito riguardanti il melanoma. Quello che vorremmo di seguito condividere è il take-home message che potremmo così riassumere: 36 mesi di terapia adiuvante costituiscono il nuovo standard di trattamento adiuvante dei GIST ad alto rischio resecati. Per la prima volta appare un beneficio nell OS e non solo nel RFS. Questo dato fuga i dubbi residui che un trattamento instaurato alla recidiva in assenza di pregressa terapia adiuvante possa condurre alla medesima OS rispetto ad un adiuvante di un anno, impattante sulla sola RFS (Studio ACOSOG Z9001). Restano dubbi sulla durata ottimale del trattamento che potrebbe in futuro essere ulteriormente stratificato in base al rischio di recidiva e contemplare l opzione, per alcuni pazienti, di un trattamento a vita, stante la nozione di sostanziale incurabilità della malattia avanzata nonostante la squisita sensibilità all imatinib nella maggior parte dei casi. Nonostante il vantaggio in OS, dopo l interruzione del trattamento a 36 mesi ricominciano le recidive Il 36% dei pazienti non completa il trattamento di 36 mesi, imponendo un attento monitoraggio di tossicità e compliance. Studi indaganti 3 vs 5 vs 10 anni di trattamento vs terapia a vita appaiono poco fattibili al momento. Dobbiamo indagare quali sottogruppi di pazienti beneficiano e quali no del trattamento. La parola ultima è come sempre più spesso accade in oncologia demandata agli studi traslazionali. Passiamo ora a commentare i due studi relativi al trattamento del melanoma avanzato che senza dubbio aprono una nuova era nel trattamento della malattia. Entrambi i farmaci in questione, ipilimumab e vemurafenib avevano già ingenerato notevoli attese lo scorso anno. Dopo l ASCO 2011 sappiamo che: La chemioterapia (dacarbazina o schemi di combinazione non migliorativi rispetto alla 9

12 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 39 monochemioterapia) non è più un opzione cui rivolgersi per il trattamento palliativo di prima linea di questa malattia. Il vemurafenib diventa l opzione di scelta per i tumori con mutazione BRAF (circa il 50% dei casi), in particolare dove sia desiderabile un rapido sollievo sintomatico attraverso un notevole srinkage neoplastico. Il farmaco ha un profilo di tollerabilità discreto. La durata delle risposte non è strepitosa. L ipilimumab può beneficiare a lungo termine una quota rilevante di pazienti, al momento in assenza di fattori predittivi di risposta. Può essere il farmaco di scelta per pazienti relativamente asintomatici o con carico tumorale non elevato. La tossicità peculiare del farmaco (immuno-mediata) presuppone attenta sorveglianza del paziente e curva di apprendimento da parte dell equipe medico-infermieristica coinvolta nella gestione del medesimo. Il dosaggio ideale e la durata del trattamento sono oggetto di ulteriori valutazioni cliniche. L associazione con dacarbazina aumenta la tossicità epatica senza migliorare i risultati. La disponibilità di un elegante ed attiva forma di immunoterapia (ipilimumab) e di una terapia a bersaglio molecolare particolarmente attiva (vemurafenib) apre la strada a studi di associazione o di trattamento sequenziale (citoriduzione con vemurafenib seguita da mantenimento su massa tumorale più contenuta con ipilimumab) nonché all uso in adiuvante dei due composti. A testimoniare come questo sia ormai definito da tutti L ASCO del melanoma, già si intravedono ulteriori margini di miglioramento, ad esempio con associazione di MEK inibitore e GSK , un altra molecola che inibisce BRAF (abstr CRA8503) o di ipilimumab e bevacizumab (abstr 8511). Aspettiamoci di avere a che fare presto con algoritmi di trattamento per questa patologia fino a ieri veramente orfana di opzioni terapeutiche realmente impattanti su qualità e quantità di vita della quasi totalità dei nostri pazienti del passato più che prossimo. Personalmente, il nostro pensiero in questo momento di giustificata euforia, va a loro e ai loro familiari cui non siamo riusciti fino ad oggi a dare una realistica speranza di cronicizzazione della loro letale condizione. 10

13 ASCO 2011: SESSIONE PLENARIA 12 versus 36 mesi di imatinib (IM) adiuvante come trattamento di GIST resecabile con alto rischio di recidiva: Risultati finali del trial randomizzato (SSGXVIII/AIO). H. Joensuu, M. Eriksson, J. Hatrmann et al. Helsinki University (abstr LBA 1) Premessa: IM adiuvante somministrato per 12 mesi dopo la chirurgia migliora la sopravvivenza libera da recidiva (RFS) di pazienti con diagnosi di GIST resecabile. Sono stati messi a confronto 12 vs 36 mesi di IM adiuvante come trattamento di pazienti ad alto rischio di recidiva dopo la chirurgia. Metodi: sono stati arruolati in questo studio di fase III prospettico, open-label, multicentrico, randomizzato (NCT ) pazienti con diagnosi istologica di GIST KIT-positivo. Il rischio di recidiva è stato stimato in accordo con i Criteri di Consenso modificati. L obiettivo primario era RSF. Gli obiettivi secondari includono la sopravvivenza generale (OS) e la tollerabilità. I criteri di esclusione sono stati ECOG PS > 2, GIST metastatico o non operabile e > 12 settimane dall intervento chirurgico all entrata in studio. IM è stato somministrato oralmente a 400 mg/d. La dimensione del campione (n=200 in ciascun gruppo) è stata stimata mediante la simulazione di log-rank tests nell ipotesi di un rapporto globale di rischio (HZ) di 0.44, un tasso del 20% di abbandono dallo studio, un tasso di errore type I del 0.05 su entrambi i bracci e un efficacia dello L analisi si è basata sull intention-to-treat della popolazione (ITT). L istologia del tumore è stata rivista centralmente. Risultati: 400 pazienti sono stati arruolati nello studio da febbraio 2004 a settembre Tre pazienti sono stati esclusi per mancanza del consenso da parte della ITT, che comprende 15 pazienti che non avevano GIST ad una revisione centrale. La mediana FU time è stata di 54 mesi. RFS è stato maggiore nel gruppo di 36 mesi rispetto al gruppo di 12 mesi (HR 0.46, 95% CI ; p>.0001; 5-y RFS 65.6% vs 47.9% rispettivamente). I pazienti trattati per 36 mesi con IM hanno avuto una maggiore OS (HR 0.45, ; p=.019; 5-y OS 92.0% vs 81.7%). IM è stato generalmente ben tollerato. La percentuale di pazienti che ha interrotto la somministrazione di IM durante lo studio per ragioni diverse dalla recidiva di GIST è stata di 25.8% nel gruppo 36 mesi e di 12.6% nel gruppo 12 mesi. L efficacia dell analisi per sottogruppi che include i dati analizzati delle mutazioni di KIT e PDGFRA di 366 tumori verrà presentata. Conclusioni: IM somministrato per 36 mesi migliora RFS e OS rispetto ai 12 mesi di somministrazione come trattamento adiuvante dei GIST nei pazienti che hanno un alto rischio di recidiva dopo la chirurgia. Studio di fase III randomizzato, open-label, multicentrico (BRIM3) che confronta inibitore di BRAF vemurafenib con dacarbazina (DTIC) in pazienti con melanoma V6000E BRAF-mutato. P. B. Chapman, A. Hauschild, C. Robert, et al. Memorial Sloan-Kattering Cancer Center, NY (abstr LBA 4) Premessa: circa il 50% dei melanomi hanno un attivazione della mutazione di V6000E BRAF che ha portato all ipotesi che l inibizione della chinasi dei BRAF mutati potrebbe dare un vantaggio clinico. Gli studi di fase I e II con vemurafenib (precedentemente PLX4032/RO ) un inibitore della chinasi dell oncogene BRAF oralmente disponibile, ha mostrato un tasso di risposta (RR; CR+PR) > 50% nei pazienti con V6000E BRAF-mutato. E stato condotto uno studio di fase III per determinare se vemurafenib ha migliorato la sopravvivenza globale (OS) e la sopravvivenza libera da progressione (PFS) nei pazienti con melanoma V6000E BRAF-mutato. Metodi: i pazienti con melanoma non trattati in precedenza, con malattia non resecabile stadio III C o stadio IV che sono risultati positivi per la mutazione di V6000E BRAF tramite il cobas 4800 BRAF V600 Mutation Test sono stati randomizzati (1:1) con vemurafenib (960 mg po bid) o DTIC (1,000 mg/ m 2, IV, q3w). La randomizzazione è stata stratificata per PS, stadio, LDH, regione geografica. I pazienti sono stati valutati per la risposta sul tumore dopo 6 settimane, 12 e poi ogni 9 settimane. 11

14 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 39 Gli endpoints co primari sono stati OS e PFS sul intent-to-treat population (ITT); gli endpoints secondari includevano RR, la durata della risposta, e la tollerabilità. L analisi finale aveva previsto 196 decessi. Risultati: 675 pazienti sono stati arruolati in 103 centri in tutto il mondo tra gennaio e dicembre Il trattamento di coorte è stato ben bilanciato. All analisi provvisoria pre-pianificata (sono stati necessari il 50% dei decessi per l analisi finale), l hazard ratios per OS e PFS sono stati di 0.37 (95% CI ; p<0.0001) e di 0.26 (95% CI ; p<0.0001) rispettivamente, entrambi a favore di vemurafenib. La conferma RR è stata 48.4% e 5.5% per vemurafenib e DTIC rispettivamente, tra il 65% dei pazienti valutabili per RR ad oggi. Il miglioramento di OS, PFS e RR è stato osservato in tutti i sottogruppi esaminati. A causa di questi dati alla coorte trattata con DTIC è stato permesso di passare al trattamento con vemurafenib. Al momento dell analisi dei dati 66% di pazienti con vemurafenib e 25% di pazienti con DTIC erano ancora in trattamento. Le tossicità più comuni di vemurafenib sono state: diarrea, rash, alopecia, fotosensibilità, fatigue, artralgia, cheratoacantoma/carcinoma squamo cellulare della pelle. Conclusioni: Vemurafenib ha dimostrato un significativo miglioramento di OS e PFS rispetto a DTIC nei pazienti con melanoma metastatico V6000E BRAF-mutato, non trattato in precedenza. Studio di fase III randomizzato che confronta ipilimumab (IPI) più dacarbazina (DTIC) versus DTIC da sola come trattamento di prima linea in pazienti con melanoma non resecabile stadio III o IV. J. D. Wolchok, L. Thomas, I. N. Bondarenko et al. Memorial Sloan-Kattering Canc. Cen, NY (abstr LBA 5) Premessa: la monoterapia con IPI (3 mg/kg) ha migliorato la sopravvivenza globale (OS) in uno studio di fase III in pazienti con melanoma metastatico non resecabile precedentemente trattato. Lo studio attuale valuta la combinazione di DTIC (trattamento standard) più IPI in prima linea nel melanoma metastatico. Metodi: in questo studio di fase 3, doppio cieco sono stati randomizzati pazienti con melanoma metastatico, ECOG PS 0/1 e nessun trattamento di prima linea per la malattia avanzata 1:1 con IPI (10 mg/kg) + DTIC (850 mg/ m 2 ) o placebo + DTIC (850 mg/m 2 ) a 1,4, 7, 10 settimane seguite da DTIC q3 settimane per 22 settimane (induzione). I pazienti eleggibili hanno ricevuto IPI o placebo q12 settimane come mantenimento. L endpoint primario è stata OS; log-rank test è stato eseguito, stratificato sulla base dello stadio e del PS ECOG. Risultati: di 502 pazienti il 56% ha avuto malattia M1c, il 40% un elevato LDH e il 26% terapia adiuvante. Il 37% dei pazienti trattati con IPI + DTIC e il 65% con DTIC da solo hanno ricevuto 4 dosi di induzione. Un significativo miglioramento in OS (HR=0.72; P=0.0009) e stime ancora più elevate del grado di sopravvivenza a 1, 2, 3 anni sono state osservate con IPI + DTIC (tabella). Il 56% dei pazienti trattati con IPI + DTIC (n=247) e il 27% nel braccio con DTIC da solo (n=251) hanno manifestato eventi avversi di grado 3/4 che icludono: elevati valori di ALT (22% vs 1%); diarrea (4% vs 0%); rash (1% vs 0%). Non sono state rilevate perforazioni intestinali o ipofisite. Non sono stati osservati decessi legati ai farmaci somministrati nel trattamento IPI + DTIC. E stato osservato un decesso nel braccio DTIC da solo (emorragia gastrointestinale). Conclusioni: L ipilimumab è il primo agente che migliora la sopravvivenza generale media e a lungo termine in uno studio di fase III in pazienti con melanoma avanzato precedentemente trattati. L aggiunta del gp100 non migliora il risultato. 12

15 ASCO 2011: LE NEOPLASIE DEL COLON E DEL RETTO ASCO 2011: le neoplasie del colon e del retto. Alberto Sobrero Oncologia Medica, Ospedale San Martino - Genova QUANTO E STATO CONFERMATO La terapia adiuvante dello stadio II nel carcinoma del colon è oggetto di continuo dibattito. Soprattutto la definizione di alto e basso rischio non è cosi precisa nella letteratura. Inoltre il contributo dell oxaliplatino in queste condizioni rimane poco definito. La combined analysis presentata da Yothers dell NSABP chiarisce bene il contributo dell oxaliplatino in condizioni di stadio II con rischio basso (10-15% di rischio di recidiva). Il contributo di questo farmaco rispetto al solo FU è di circa 3-4%. Questo beneficio sembra troppo limitato per raccomandarne la prescrizione. Contemporaneamente però la metaanalisi di Yothers ha contribuito a definire in termini relativi il beneficio dell oxaliplatino negli stadi II e negli stadi III. Che è risultato lo stesso. Da qui discende che negli stadi II alto rischio, il beneficio assoluto dell oxaliplatino si attesta intorno al 5% on top del vantaggio dato dal FU (che dà già da solo il 4-5%). Da qui consegue che ha molto senso la strategia del tutto o nulla nei casi di stadio II quando il rischio è sopra il 20-25%: o nulla o la doppietta. Personalmente ho preso questi dati come una conferma di una pratica già in atto da almeno 5 anni. QUANTO MI ASPETTAVO E NON E SUCCESSO Da tempo l attenzione degli addetti ai lavori è puntata sui trials di maintenance dopo un periodo di induzione nelle neoplasie del colon retto in fase avanzata. Ci sono almeno 6 trials ongoing e la speranza era che qualcuno di questi studi riportasse i primi risultati di efficacia del mantenimento con beva da solo, capecitabina da sola, beva più capecitabina od altre combinazioni meno tossiche della doppietta di induzione. Purtroppo nessuno di questi studi aveva risultati maturi abbastanza da essere riportato all ASCO. Attesa rinviata di 6 mesi all ASCO GI od all ESMO. QUANTO MI HA SORPRESO Non ha molto senso che la percentuale di risposta completa dopo CT ed RT neoadiuvante non correli con la sopravvivenza o con qualunque altro parametro di efficacia. E un riscontro comune in tutte le neoplasie solide, come pure in quelle ematologiche che la RC correli. Quindi mi ha molto stupito che il lavoro di Bonnetain (metaanalisi che ha indagato questa correlazione) sia giunto a conclusioni diametralmente opposte: assenza di correlazione. Mi ha stupito ancora di più che un lavoro con così profonde implicazioni cliniche nei trial design e nella pratica clinica, fondato su una metaanalisi che notoriamente ha una serie di limitazioni fortissime relativamente alla generalità dei dati ottenuti, sia stato presentato senza una discussione critica. Mi auguro che al momento della revisione critica del lavoro per la pubblicazione, questa lacuna sia colmata e che gli eventuali errori o limiti della metodologia siano bene messi in luce. Mi ha anche sorpreso il fatto che l oxaliplatino non aumenti in modo deciso le risposte complete quando è usato insieme con capecitabina o FU e RT nel setting adiuvante delle neoplasie rettali. Mi sarei francamente aspettato un forte incremento della tossicità, ma questo sarebbe stato accompagnato da un maggior "tumor shrinkage. Questo avrebbe beneficiato soprattutto quei pazienti con T4. Nulla di tutto questo. Contrariamente alla logica l oxaliplatino ha dato si un aumento della tossicità in tutti e 5 i trials randomizzati (con o senza oxali), ma i report 13

16 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 39 sull aumento delle RC sono contrastanti ed i due studi che riportano tale aumento non indicano incrementi sostanziali. Infine, finora nessuno studio aveva dimostrato che nei pazienti K-RAS mutati l uso di anti-egfr fosse detrimentale quando combinati al FOLFIRI. Lo studio PICCOLO di Matt Saymour ha indicato questo fenomeno per il panitumumab in combinazione con questa doppietta. Questo dato rafforza ulteriormente il concetto che non si deve prescrivere anti-egfr senza il dato di K-RAS. QUANTO MI HA DELUSO Senza dubbio i dati sui farmaci nuovi. E dal 2005 che non compaiono nuovi farmaci sullo scenario del trattamento del carcinoma del colon retto. Questo può non sembrare un evento inatteso (siamo stati 30 anni in attesa di nuovi farmaci all epoca del solo FU). Ma negli anni recenti la pletora di farmaci biologici arrivati alla fase III è stata tale da far supporre un successo crescente esponenzialmente. Invece nulla. I nuovi anti IGF1R, gli hedge-hog inibitors, i TKI sporchi quali cediranib, vatalanib ed axitinib hanno concluso la loro parabola con chiari segnali di inefficacia in questa malattia. 14

17 Fondazione

18

19

20

21

22

23

24

25 ASCO 2011: LE NEOPLASIE GASTRO-BILIOPANCREATICHE ASCO 2011: le neoplasie gastro-biliopancreatiche. Stefano Cascinu Clinica di Oncologia Medica; Università Politecnica delle Marche - Ancona L ASCO come sempre è la vetrina in cui si presentano i risultati dei lavori che maggiormente possono modificare la pratica clinica. Anche quest anno vi sono stati alcuni studi rilevanti, anche se bisogna notare come la loro qualità non sia stata eccelsa, configurando il 2011 più un anno di transizione che di novità folgoranti. Per cercare di dare un ordine a questo commento dei lavori presentati nella sessione neoplasie gastrointestinali non colon-retto, ho pensato di analizzare i lavori suddividendoli in 4 capitoli riconducibili alle sedi più importanti: a. carcinoma gastrico; b. carcinoma pancreatico; c. epatocarcinoma; d. carcinomi delle vie biliari. Non affronterò invece i tumori neuroendocrini perché gli abstract presentati sono solo aggiornamenti dei lavori pubblicati recentemente. Carcinoma gastrico Come dicevo in generale, anche per il carcinoma gastrico non è stato un anno di grandi novità. Si tratta per lo più di conferme anche se alcune sicuramente di rilievo. Lo schema XELOX, facile da somministrare anche a pazienti fragili come quelli con carcinoma dello stomaco, ha confermato l utilità della terapia adiuvante. Una cautela rispetto ai risultati dello studio può essere dovuta al fatto che la popolazione indagata è orientale e spesso i risultati provenienti dagli studi condotti in estremo oriente non sono stati riprodotti in occidente. Questo studio (1) è comunque rilevante perché permette di usare uno schema fattibile nella grande maggioranza dei pazienti nel setting adiuvante. Molti pazienti potranno quindi ricevere con un ben definito razionale una terapia adiuvante a due farmaci e soprattutto si potrà evitare il cisplatino. Un altro dato rilevante sempre nel setting adiuvante è il fallimento dello studio che cercava di migliorare i risultati dello studio MacDonald usando invece del 5FU lo schema ECF in combinazione con la radioterapia. Sono stati arruolati 506 pazienti con nessun evidente beneficio per la chemioterapia di combinazione. La sopravvivenza libera da malattia a 3 anni è stata rispettivamente del 46 e 47%. Il 3% di morti tossiche e un alta incidenza di tossicità di grado 3-4 rendono poco proponibile l incremento di aggressività di un regime postoperatorio. Ancora una volta appare inoltre dubbio il ruolo della radioterapia (2). Un dato particolarmente interessante che potrebbe avere un valore pratico è la mancanza di efficacia della terapia perioperatoria nei tumori con cellule ad anello con castone. Spesso proprio questa caratteristica, prognosticamente sfavorevole, ci induce a trattare i pazienti. Il gruppo francese analizzando retrospettivamente 1054 pazienti, di cui 171 con questa caratteristica patologica ha mostrato come la terapia non determini alcun beneficio in questo sottogruppo. E difficile dire quanto questo dato ottenuto da un analisi retrospettiva possa essere usato nella routine clinica. Certamente, se esistono dubbi in un paziente circa l opportunità di una terapia perioperatoria (età o patologia concomitante) la presenza di cellule ad anello con castone potrebbe portare alla decisione della sola chirurgia (3). Infine uno studio molto rilevante perché chiarisce il ruolo della seconda linea nel carcinoma gastrico. Molti pazienti la ricevono ma le evidenze di un vantaggio non sono molto chiare. 202 pazienti sono stati randomizzati (2:1) a ricevere o terapia di supporto o una chemioterapia a base di irinotecan o taxotere. Un vantaggio significativo in 15

26 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 39 sopravvivenza di 5.1 vs 3.8 mesi è stato visto a vantaggio della chemioterapia. Questo approccio trova quindi ragione e dovrebbe essere proposto soprattutto a pazienti con buon PS e/o che abbiano risposto ad un trattamento di prima linea (4). Carcinoma pancreatico Il carcinoma del pancreas è sicuramente stato quello più deludente. Non ci sono dati nuovi né sulla terapia adiuvante né su quella neoadiuvante. Neppure nella fase avanzata si sono avute novità di rilievo. Vi sono alcuni studi che valutano il ruolo di S-1 da sola o in combinazione con gemcitabina. Il più importante è uno studio di fase III a tre bracci che valuta S-1 in confronto a gemcitabina o ad una loro combinazione. I risultati non sembrano essere particolarmente eccitanti. Sono stati arruolati 830 pazienti. La sopravvivenza mediana è stata infatti di 10.1 (combinazione) vs 9.7 (S-1) vs 8.8 (gemcitabina). Questo trial mostra solo che S-1 non è inferiore a gemcitabina. E un po poco per uno studio di simili dimensioni e si pone sicuramente un problema etico. Oltretutto come in altre neoplasie il problema della popolazione studiata per S-1 è rilevante. Il trial infatti è stato condotto in oriente (Giappone e Taiwan) e come si è visto nel carcinoma gastrico S-1 ha un profilo di tossicità differente nelle popolazioni occidentali che può limitarne l impiego (5). Anche i nuovi farmaci, inibitori di IGF-1R o la combinazione di agenti biologici quali erlotinib, panitumumab non sembrano fornire elementi nuovi. Infatti a parte la mancanza di un ragionevole razionale, anche le dimensioni degli studi non permettono di vedere le auspicate differenze (6) (7). Forse l unico elemento positivo che emerge quest anno è che finalmente si è compreso come i nuovi agenti biologici debbano essere testati in studi di fase II randomizzata. Alla luce di ciò appare incomprensibile, se non come atto di furbizia metodologica, il camuffamento di uno studio di fase II randomizzato in uno studio di fase III. Autori francesi infatti hanno confrontato il sorafenib alla gemcitabina (8). Nello studio sono stati arruolati 104 pazienti. Il primo dato sorprendente è il doppio cieco. Chiunque abbia dimestichezza con il sorafenib sa che alcune tossicità sono così chiaramente attribuibili al farmaco da rendere impossibile il mantenimento del cieco. Tuttavia l aspetto sorprendente è la sua accettazione nella sessione poster discussion. Infatti si tratta di uno studio di fase III, con 104 pazienti e con obiettivo di un incremento del PFS da 3 a 6 mesi (100% di vantaggio). Forse i revisori erano distratti o non si sono resi conto del disegno. Epatocarcinoma Per l epatocarcinoma è stata invece una sessione importante. Si è dimostrato infatti che il sutinib non ottiene gli stessi risultati del sorafenib. Uno studio di fase III che ha arruolato 1073 pazienti ha mostrato infatti una sopravvivenza lievemente minore per sunitinib rispetto al sorafenib (8 vs 10 mesi) anche se PFS e TTP sono stati similari. Ma è soprattutto il profilo di tossicità che ha giocato a favore del sorafenib (9). Questo farmaco continua ad essere quindi il riferimento terapeutico nel trattamento dell epatocarcinoma. Un altro dato rilevante è che il sorafenib può essere dato con sicurezza anche nei pazienti con Child B. Anche gli effetti terapeutici sembrano simili a quelli che si ottengono nello stadio Child A. Ovviamente i pazienti con Child B hanno una prognosi peggiore per i maggiori effetti della malattia (10). Vie biliari Un lavoro importante è lo studio randomizzato di fase III (ESPAC 3) che ha valutato il ruolo di una terapia adiuvante in una patologia rara come quella rappresentata dai carcinomi ampollari. Queste 16

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI

FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA COMPLESSA ASSISTENZA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI A CURA DELLA STRUTTURA COMPLESSA ASSISTENZA FARMACEUTICA A.S.S. N.1 TRIESTINA RIESTINA RESPONSABILE FF DOTT.. ABAA BA PETTINELLIETTINELLI NUMEROUMERO 25 OTTOBRE 2012 All interno: pag.2-5 Bevacizumab 1

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova

nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto per una terapia personalizzata nuovi paradigmi 31 gennaio 2014 Genova Genova 31 gennaio 2014 CORSO RESIDENZIALE nuovi paradigmi per una terapia personalizzata nelle prime linee di trattamento del carcinoma del colon-retto CON IL PATROCINIO DI Obiettivi Il trattamento del

Dettagli

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII

PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII PERUGIA INTERNATIONAL CANCER CONFERENCE VII MULTINATIONAL ASSOCIATION OF SUPPORTIVE CARE IN CANCER CONSENSUS CONFERENCE SULLA TERAPIA ANTIEMETICA PERUGIA, 29-31 marzo, 2004 Ultimo aggiornamento: 1 settembre

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

della cervice: dalla ricerca di base alla clinica Riv. It. Ost. Gin. 200 Vol. 15 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice... R. Angioli et al. pag. 0 Chemioterapia neoadiuvante nel carcinoma della cervice: dalla ricerca di base alla clinica

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro

Come affrontare il tumore. insieme. contro il cancro Come affrontare il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il tumore del pancreas colpisce ogni anno in Italia circa 12.200 persone. Purtroppo si tratta di una malattia complessa, aggressiva, diagnosticata

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica

I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I fattori predittivi e prognostici: il nuovo orizzonte della diagnostica anatomo patologica I Edizione 28 Settembre 2012 II Edizione 23 Novembre 2012 Martinengo - Sala Congressi Diapath L evento è stato

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

TUMORI DELLA MAMMELLA

TUMORI DELLA MAMMELLA TUMORI DELLA MAMMELLA INFORMAZIONI GENERALI La mammella Struttura e funzione della mammella La mammella è costituita da grasso (tessuto adiposo), tessuto connettivo e tessuto ghiandolare. Quest'ultimo

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti

Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o. Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti Terapia oncologica nell ambito di uno studio c l i n i c o Opuscolo informativo per pazienti oncologici e loro parenti A Si ringraziano la dottoressa in Scienze Naturali Stephanie Züllig, il dottore in

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Come scrivere una Review

Come scrivere una Review Come scrivere una Review Federico Caobelli per AIMN Giovani Fondazione Poliambulanza - Brescia federico.caobelli@gmail.com SOMMARIO Nel precedente articolo, scritto da Laura Evangelista per AIMN Giovani,

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- CLINICAL RESEARCH

La radio-chemioterapia neoadiuvante (CRT) è un trattamento largamente diffuso e applicato nel tratta- CLINICAL RESEARCH CLINICAL RESEARCH Osp Ital Chir CD-ROM 3-2005 La terapia del cancro del retto: analisi dei risultati e dei fattori prognostici di un protocollo neoadiuvante radio-chemioterapico associato alla chirurgia

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva

Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Studio per la valutazione dell efficacia dell L-Carnitina su soggetti con disturbi da deficit di attenzione/iperattività in età evolutiva Scopo della ricerca Lo scopo della ricerca è di valutare l efficacia

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori,

dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30 e i 60 anni, con una leggera prevalenza nelle donne, dove è spesso localizzato agli arti inferiori, melanoma Il melanoma è il tumore che nasce dai melanociti, cellule responsabili della colorazione della pelle e che si trovano nello strato più profondo 2 dell epidermide. Compare soprattutto tra i 30

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2013 A cura di: Intermedia editore Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto

La Chirurgia Senologica. Istituto Oncologico Veneto. Unità Operativa di Chirurgia Senologica. Regione del Veneto I.O.V. ISTITUTO ONCOLOGICO VENETO I.R.C.C.S. Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico La Chirurgia Senologica Unità Operativa di Chirurgia Senologica

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche. Come scrivere un articolo scientifico

Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche. Come scrivere un articolo scientifico Corso di Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche Come scrivere un articolo scientifico Giancarlo Cicolini g.cicolini@unich.it Elisabetta Palma e.palma@unich.it La ricerca della verità

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia

5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia 5. Utilizzo e applicazioni attuali della genomica in Italia Attualmente in Italia la genomica per malattie complesse ha trovato un applicazione pratica in un numero molto ristretto di situazioni. I test

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione

Lo screening mammografico. La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Lo screening mammografico La diagnosi precoce del cancro del seno aumenta le possibilità di guarigione Indice 03 Gli esperti raccomandano la mammografia nell ambito di un programma di screening 04 Che

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli