Medical Oncology Prorgress & Perspectives

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Medical Oncology Prorgress & Perspectives"

Transcript

1 M O P P Medical Oncology Prorgress & Perspectives a cura di GISCAD Pubblicazione di informazione scientifica oncologica Update 39 Luglio 2011

2 EDIZIONI TECNOGRAF S.r.l. Via Piave, Canegrate (MI) Tel. (+39) Fax (+39) Tutti i diritti riservati. È vietato riprodurre, archiviare in un sistema di riproduzione o trasmettere sotto qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo, elettronico, meccanico, per fotocopia, registrazione o altro, qualsiasi parte di questa pubblicazione senza autorizzazione scritta dell Editore. L Editore non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi lesione e/o danno a persona o beni in quanto responsabilità di prodotto, negligenza o altrimenti, oppure a operazione di qualsiasi metodo, prodotto, istruzione o idea contenuti nel materiale di cui trattasi. A causa del rapido progresso nella scienza medica, l Editore raccomanda la verifica indipendente delle diagnosi e del dosaggio dei medicinali. Progetto grafico: Tecnograf s.r.l. Stampato in Italia da Tecnograf s.r.l. Edizione speciale fuori commercio riservata ai Sigg. Medici In copertina Henri Matisse - La Tristesse du roi 1952

3 Pubblicazione di informazione scientifica oncologica Update 39 M O P P Medical Oncology Progress & Perspectives a cura del GISCAD

4

5 Medical Oncology Progress & Perspectives Update 39 Un anno dopo il nostro grido di dolore: a che punto è la ricerca clinica indipendente in Italia Roberto Labianca 5 ASCO 2011: sessione plenaria Chiara Abeni, Alberto Zaniboni 9 LA PAROLA AGLI ESPERTI Appunti da ASCO 2011: quanto è stato confermato, quanto mi ha sorpreso, quanto mi ha deluso, quanto mi aspettavo e non è successo. Neoplasie del colon e del retto Alberto Sobrero 13 Neoplasie gastro-biliopancreatiche Stefano Cascinu 15 Neoplasie della mammella Karen Borgonovo, Fausto Petrelli, Sandro Barni 19 Neoplasie del polmone Francesco Grossi 24 SPAZIO GISCAD

6

7 EDITORIALE: UN ANNO DOPO IL NOSTRO GRIDO DI DOLORE: A CHE PUNTO E LA RICERCA CLINICA INDIPENDENTE IN ITALIA? Eccoci di nuovo, a 12 mesi di distanza e dopo l ASCO di Chicago (e dopo ESMO 2010, AIOM 2010, ASCO GI, Barcellona ) ad esporvi le nostre riflessioni sullo stato della ricerca clinica in questo Paese, naturalmente con particolare riferimento all oncologia gastroenterica. Che dire? Una mia cara amica che ama molto andare in barca a vela commenterebbe: questa è calma piatta, ma quella calma che precede la tempesta. Chi preferisce la montagna potrebbe aggiungere: attenti che se ci fermiamo sulla salita rischiamo di scivolare all indietro Non voglio certo fare la Cassandra: non è questo lo stile di chi da oltre 20 anni si danna l anima per disegnare, realizzare e pubblicare studi clinici (e anche, sempre più spesso, traslazionali) che ci aiutino a migliorare la nostra pratica terapeutica quotidiana. Intendo però ribadire che è bene darsi una mossa, pena l estinzione dei nostri pur gloriosi gruppi di ricerca. Vi racconto alcune scene recenti di vita vissuta: all ASCO c era una sessione poster sugli studi in corso (utile per far sapere a tutti cosa bolle in pentola a livello di ricerca internazionale). Ebbene: tra i circa 200 progetti presentati solo 4 (quattro!) erano italiani. Pur ammettendo un evidente submission bias (alzi la mano chi tra di noi si era accorto di questa sessione: ma anche questo è un problema) la nostra posizione è ai livelli dell Uganda o della Nuova Guinea. Che idea si saranno fatti di noi i colleghi stranieri? 5

8 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 39 a Barcellona: sessione a inviti sulla cooperazione internazionale nelle sperimentazioni sulle neoplasie gastroenteriche. Domanda di Eric Van Cutsem al sottoscritto: why so many cooperative groups in Italy?. Certo, gli ho risposto che questa è la nostra storia, nel bene e nel male, e che comunque collaboriamo strettamente nei grandi trials intergruppo (il nostro TOSCA, ITACAS 1 e 2 ) ma resta il dubbio che forse abbiamo più gruppi che studi (almeno quelli di un certo spessore e dimensione) ASCO Report sulla ristrutturazione dei gruppi cooperativi negli Stati Uniti (6 luglio): con un network di Istituzioni, ricercatori e pazienti inclusi ogni anno in progetti di ricerca clinica si è sentito il bisogno di riorganizzare e razionalizzare la materia, nel segno di un ricompattamento dei gruppi medesimi. Noi, invece, continuiamo a moltiplicare gruppi, consorzi e reti, quasi ad personam qualche spiraglio di luce: nell assordante silenzio di AIFA (non parliamo di CNR, Ministero Salute ed altri) su nuovi bandi, qualcosa si è mosso a livello regionale. In Lombardia, ad esempio, attraverso la struttura di Nerviano recentemente acquisita dalla Regione si sono attivati in pochi mesi ben 3 bandi di ricerca clinica o preclinica, ai quali anche GISCAD è in parte riuscito ad accedere. Però non basta Di fronte a questo bel quadro, cosa stiamo facendo noi oncologi medici? Un po poco, mi pare e mi permetto di dare qualche bacchettata anche a dei cari amici, oltre che a me stesso: l AIOM ha un working group sulla ricerca (ne faccio parte): sarebbe bene facesse sentire la sua voce, forte e chiara sempre AIOM ha ritenuto di non sottoscrivere (a differenza di CIPOMO, GISCAD, ITMO ed altri gruppi) 6

9 EDITORIALE un incisivo documento del FADOI (internisti ospedalieri) sulla ricerca clinica indipendente. Immagino che ciò significhi che l Associazione uscirà a breve con un suo documento concernente specificamente la situazione in oncologia: forza, allora! la Fondazione AIOM è oggettivamente ferma, dopo i tentativi, generosi anche se piuttosto velleitari, della Presidenza mia e di quella di Emilio Bajetta: che ne facciamo? decisamente meglio CIPOMO (grazie principalmente a Sergio Crispino) che non solo ha firmato il documento FADOI ma ha un progetto di vision decennale sull oncologia nel quale la ricerca ha uno spazio di grande rilievo. E stiamo parlando degli ospedali generali, quelli grandi (i cosiddetti hub ) ma anche quelli di campagna e gli Istituti di Ricerca che dicono? Esiste ancora Alleanza Contro il Cancro? e gli Universitari (COMU)? e i nostri giovani colleghi, sempre entusiasti di ogni nuova scoperta biomolecolare ma ultimamente alquanto silenziosi sulle prospettive future delle sperimentazioni che pure li riguardano assai da vicino, che ne pensano? Qualche modesta proposta: AIOM, CIPOMO, COMU, IRCCS (che si erano ben integrati e coordinati nel progetto MAISON) convochino gli Stati Generali della ricerca indipendente nel nostro Paese si produca un documento di indirizzo specifico per l oncologia, ma in armonia con quello del FADOI che ha avuto il merito di aprire il fronte di discussione e di lotta sull argomento si definisca una volta per tutte lo stato giuridico dei Gruppi Cooperativi e il loro rapporto con le istituzioni Sanitarie e con AIOM, CIPOMO e quant altri si favorisca la aggregazione dei gruppi, istituendo dei criteri rigorosi e selettivi per il loro accreditamento si eserciti una costante pressione su AIFA e Ministero, al di là di interessi personali e di parte 7

10 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 39 in definitiva: si tenga sempre ben aperta l agenda del mondo oncologico italiano sul tema della ricerca, senza la quale la pratica clinica quotidiana rischia di atrofizzarsi e di annegare nella burocrazia che qualcuno vorrebbe imporci Sono convinto che tutti insieme possiamo farcela: forza e coraggio allora, come nei momenti migliori del nostro cammino (ricordiamoci che LA STORIA SIAMO NOI )! Roberto Labianca Presidente GISCAD 8

11 ASCO 2011: SESSIONE PLENARIA ASCO 2011: sessione plenaria. Chiara Abeni, Alberto Zaniboni Fondazione Poliambulanza - Brescia L iniziale parziale delusione per una Plenary Session non comprendente contributi relativi ai tradizionali big killers (polmone, mammella, colon-retto) è stata rapidamente superata dalla consapevolezza di assistere alla presentazione di dati realmente practice-changing non solo nell ambito dell Oncologia Pediatrica (Neuroblastoma e ALL ad alto rischio, contributi che non analizzeremo in questa sede) ma anche relativi ad un setting importante quale il trattamento adiuvante dei GIST e forse ancor di più per quanto riguarda il nuovo scenario del trattamento del melanoma disseminato. Joensuu ha presentato i dati relativi al trattamento adiuvante dei GIST ad alto rischio di recidiva in uno studio che ha confrontato 12 mesi di imatinib vs 36 mesi. Rimandiamo, per quanto attiene ai risultati numerici dello studio all abstract di seguito riportato ed ai numerosi reports già apparsi on-line (Virtual meeting, etc) per questo come per i due studi commentati di seguito riguardanti il melanoma. Quello che vorremmo di seguito condividere è il take-home message che potremmo così riassumere: 36 mesi di terapia adiuvante costituiscono il nuovo standard di trattamento adiuvante dei GIST ad alto rischio resecati. Per la prima volta appare un beneficio nell OS e non solo nel RFS. Questo dato fuga i dubbi residui che un trattamento instaurato alla recidiva in assenza di pregressa terapia adiuvante possa condurre alla medesima OS rispetto ad un adiuvante di un anno, impattante sulla sola RFS (Studio ACOSOG Z9001). Restano dubbi sulla durata ottimale del trattamento che potrebbe in futuro essere ulteriormente stratificato in base al rischio di recidiva e contemplare l opzione, per alcuni pazienti, di un trattamento a vita, stante la nozione di sostanziale incurabilità della malattia avanzata nonostante la squisita sensibilità all imatinib nella maggior parte dei casi. Nonostante il vantaggio in OS, dopo l interruzione del trattamento a 36 mesi ricominciano le recidive Il 36% dei pazienti non completa il trattamento di 36 mesi, imponendo un attento monitoraggio di tossicità e compliance. Studi indaganti 3 vs 5 vs 10 anni di trattamento vs terapia a vita appaiono poco fattibili al momento. Dobbiamo indagare quali sottogruppi di pazienti beneficiano e quali no del trattamento. La parola ultima è come sempre più spesso accade in oncologia demandata agli studi traslazionali. Passiamo ora a commentare i due studi relativi al trattamento del melanoma avanzato che senza dubbio aprono una nuova era nel trattamento della malattia. Entrambi i farmaci in questione, ipilimumab e vemurafenib avevano già ingenerato notevoli attese lo scorso anno. Dopo l ASCO 2011 sappiamo che: La chemioterapia (dacarbazina o schemi di combinazione non migliorativi rispetto alla 9

12 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 39 monochemioterapia) non è più un opzione cui rivolgersi per il trattamento palliativo di prima linea di questa malattia. Il vemurafenib diventa l opzione di scelta per i tumori con mutazione BRAF (circa il 50% dei casi), in particolare dove sia desiderabile un rapido sollievo sintomatico attraverso un notevole srinkage neoplastico. Il farmaco ha un profilo di tollerabilità discreto. La durata delle risposte non è strepitosa. L ipilimumab può beneficiare a lungo termine una quota rilevante di pazienti, al momento in assenza di fattori predittivi di risposta. Può essere il farmaco di scelta per pazienti relativamente asintomatici o con carico tumorale non elevato. La tossicità peculiare del farmaco (immuno-mediata) presuppone attenta sorveglianza del paziente e curva di apprendimento da parte dell equipe medico-infermieristica coinvolta nella gestione del medesimo. Il dosaggio ideale e la durata del trattamento sono oggetto di ulteriori valutazioni cliniche. L associazione con dacarbazina aumenta la tossicità epatica senza migliorare i risultati. La disponibilità di un elegante ed attiva forma di immunoterapia (ipilimumab) e di una terapia a bersaglio molecolare particolarmente attiva (vemurafenib) apre la strada a studi di associazione o di trattamento sequenziale (citoriduzione con vemurafenib seguita da mantenimento su massa tumorale più contenuta con ipilimumab) nonché all uso in adiuvante dei due composti. A testimoniare come questo sia ormai definito da tutti L ASCO del melanoma, già si intravedono ulteriori margini di miglioramento, ad esempio con associazione di MEK inibitore e GSK , un altra molecola che inibisce BRAF (abstr CRA8503) o di ipilimumab e bevacizumab (abstr 8511). Aspettiamoci di avere a che fare presto con algoritmi di trattamento per questa patologia fino a ieri veramente orfana di opzioni terapeutiche realmente impattanti su qualità e quantità di vita della quasi totalità dei nostri pazienti del passato più che prossimo. Personalmente, il nostro pensiero in questo momento di giustificata euforia, va a loro e ai loro familiari cui non siamo riusciti fino ad oggi a dare una realistica speranza di cronicizzazione della loro letale condizione. 10

13 ASCO 2011: SESSIONE PLENARIA 12 versus 36 mesi di imatinib (IM) adiuvante come trattamento di GIST resecabile con alto rischio di recidiva: Risultati finali del trial randomizzato (SSGXVIII/AIO). H. Joensuu, M. Eriksson, J. Hatrmann et al. Helsinki University (abstr LBA 1) Premessa: IM adiuvante somministrato per 12 mesi dopo la chirurgia migliora la sopravvivenza libera da recidiva (RFS) di pazienti con diagnosi di GIST resecabile. Sono stati messi a confronto 12 vs 36 mesi di IM adiuvante come trattamento di pazienti ad alto rischio di recidiva dopo la chirurgia. Metodi: sono stati arruolati in questo studio di fase III prospettico, open-label, multicentrico, randomizzato (NCT ) pazienti con diagnosi istologica di GIST KIT-positivo. Il rischio di recidiva è stato stimato in accordo con i Criteri di Consenso modificati. L obiettivo primario era RSF. Gli obiettivi secondari includono la sopravvivenza generale (OS) e la tollerabilità. I criteri di esclusione sono stati ECOG PS > 2, GIST metastatico o non operabile e > 12 settimane dall intervento chirurgico all entrata in studio. IM è stato somministrato oralmente a 400 mg/d. La dimensione del campione (n=200 in ciascun gruppo) è stata stimata mediante la simulazione di log-rank tests nell ipotesi di un rapporto globale di rischio (HZ) di 0.44, un tasso del 20% di abbandono dallo studio, un tasso di errore type I del 0.05 su entrambi i bracci e un efficacia dello L analisi si è basata sull intention-to-treat della popolazione (ITT). L istologia del tumore è stata rivista centralmente. Risultati: 400 pazienti sono stati arruolati nello studio da febbraio 2004 a settembre Tre pazienti sono stati esclusi per mancanza del consenso da parte della ITT, che comprende 15 pazienti che non avevano GIST ad una revisione centrale. La mediana FU time è stata di 54 mesi. RFS è stato maggiore nel gruppo di 36 mesi rispetto al gruppo di 12 mesi (HR 0.46, 95% CI ; p>.0001; 5-y RFS 65.6% vs 47.9% rispettivamente). I pazienti trattati per 36 mesi con IM hanno avuto una maggiore OS (HR 0.45, ; p=.019; 5-y OS 92.0% vs 81.7%). IM è stato generalmente ben tollerato. La percentuale di pazienti che ha interrotto la somministrazione di IM durante lo studio per ragioni diverse dalla recidiva di GIST è stata di 25.8% nel gruppo 36 mesi e di 12.6% nel gruppo 12 mesi. L efficacia dell analisi per sottogruppi che include i dati analizzati delle mutazioni di KIT e PDGFRA di 366 tumori verrà presentata. Conclusioni: IM somministrato per 36 mesi migliora RFS e OS rispetto ai 12 mesi di somministrazione come trattamento adiuvante dei GIST nei pazienti che hanno un alto rischio di recidiva dopo la chirurgia. Studio di fase III randomizzato, open-label, multicentrico (BRIM3) che confronta inibitore di BRAF vemurafenib con dacarbazina (DTIC) in pazienti con melanoma V6000E BRAF-mutato. P. B. Chapman, A. Hauschild, C. Robert, et al. Memorial Sloan-Kattering Cancer Center, NY (abstr LBA 4) Premessa: circa il 50% dei melanomi hanno un attivazione della mutazione di V6000E BRAF che ha portato all ipotesi che l inibizione della chinasi dei BRAF mutati potrebbe dare un vantaggio clinico. Gli studi di fase I e II con vemurafenib (precedentemente PLX4032/RO ) un inibitore della chinasi dell oncogene BRAF oralmente disponibile, ha mostrato un tasso di risposta (RR; CR+PR) > 50% nei pazienti con V6000E BRAF-mutato. E stato condotto uno studio di fase III per determinare se vemurafenib ha migliorato la sopravvivenza globale (OS) e la sopravvivenza libera da progressione (PFS) nei pazienti con melanoma V6000E BRAF-mutato. Metodi: i pazienti con melanoma non trattati in precedenza, con malattia non resecabile stadio III C o stadio IV che sono risultati positivi per la mutazione di V6000E BRAF tramite il cobas 4800 BRAF V600 Mutation Test sono stati randomizzati (1:1) con vemurafenib (960 mg po bid) o DTIC (1,000 mg/ m 2, IV, q3w). La randomizzazione è stata stratificata per PS, stadio, LDH, regione geografica. I pazienti sono stati valutati per la risposta sul tumore dopo 6 settimane, 12 e poi ogni 9 settimane. 11

14 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 39 Gli endpoints co primari sono stati OS e PFS sul intent-to-treat population (ITT); gli endpoints secondari includevano RR, la durata della risposta, e la tollerabilità. L analisi finale aveva previsto 196 decessi. Risultati: 675 pazienti sono stati arruolati in 103 centri in tutto il mondo tra gennaio e dicembre Il trattamento di coorte è stato ben bilanciato. All analisi provvisoria pre-pianificata (sono stati necessari il 50% dei decessi per l analisi finale), l hazard ratios per OS e PFS sono stati di 0.37 (95% CI ; p<0.0001) e di 0.26 (95% CI ; p<0.0001) rispettivamente, entrambi a favore di vemurafenib. La conferma RR è stata 48.4% e 5.5% per vemurafenib e DTIC rispettivamente, tra il 65% dei pazienti valutabili per RR ad oggi. Il miglioramento di OS, PFS e RR è stato osservato in tutti i sottogruppi esaminati. A causa di questi dati alla coorte trattata con DTIC è stato permesso di passare al trattamento con vemurafenib. Al momento dell analisi dei dati 66% di pazienti con vemurafenib e 25% di pazienti con DTIC erano ancora in trattamento. Le tossicità più comuni di vemurafenib sono state: diarrea, rash, alopecia, fotosensibilità, fatigue, artralgia, cheratoacantoma/carcinoma squamo cellulare della pelle. Conclusioni: Vemurafenib ha dimostrato un significativo miglioramento di OS e PFS rispetto a DTIC nei pazienti con melanoma metastatico V6000E BRAF-mutato, non trattato in precedenza. Studio di fase III randomizzato che confronta ipilimumab (IPI) più dacarbazina (DTIC) versus DTIC da sola come trattamento di prima linea in pazienti con melanoma non resecabile stadio III o IV. J. D. Wolchok, L. Thomas, I. N. Bondarenko et al. Memorial Sloan-Kattering Canc. Cen, NY (abstr LBA 5) Premessa: la monoterapia con IPI (3 mg/kg) ha migliorato la sopravvivenza globale (OS) in uno studio di fase III in pazienti con melanoma metastatico non resecabile precedentemente trattato. Lo studio attuale valuta la combinazione di DTIC (trattamento standard) più IPI in prima linea nel melanoma metastatico. Metodi: in questo studio di fase 3, doppio cieco sono stati randomizzati pazienti con melanoma metastatico, ECOG PS 0/1 e nessun trattamento di prima linea per la malattia avanzata 1:1 con IPI (10 mg/kg) + DTIC (850 mg/ m 2 ) o placebo + DTIC (850 mg/m 2 ) a 1,4, 7, 10 settimane seguite da DTIC q3 settimane per 22 settimane (induzione). I pazienti eleggibili hanno ricevuto IPI o placebo q12 settimane come mantenimento. L endpoint primario è stata OS; log-rank test è stato eseguito, stratificato sulla base dello stadio e del PS ECOG. Risultati: di 502 pazienti il 56% ha avuto malattia M1c, il 40% un elevato LDH e il 26% terapia adiuvante. Il 37% dei pazienti trattati con IPI + DTIC e il 65% con DTIC da solo hanno ricevuto 4 dosi di induzione. Un significativo miglioramento in OS (HR=0.72; P=0.0009) e stime ancora più elevate del grado di sopravvivenza a 1, 2, 3 anni sono state osservate con IPI + DTIC (tabella). Il 56% dei pazienti trattati con IPI + DTIC (n=247) e il 27% nel braccio con DTIC da solo (n=251) hanno manifestato eventi avversi di grado 3/4 che icludono: elevati valori di ALT (22% vs 1%); diarrea (4% vs 0%); rash (1% vs 0%). Non sono state rilevate perforazioni intestinali o ipofisite. Non sono stati osservati decessi legati ai farmaci somministrati nel trattamento IPI + DTIC. E stato osservato un decesso nel braccio DTIC da solo (emorragia gastrointestinale). Conclusioni: L ipilimumab è il primo agente che migliora la sopravvivenza generale media e a lungo termine in uno studio di fase III in pazienti con melanoma avanzato precedentemente trattati. L aggiunta del gp100 non migliora il risultato. 12

15 ASCO 2011: LE NEOPLASIE DEL COLON E DEL RETTO ASCO 2011: le neoplasie del colon e del retto. Alberto Sobrero Oncologia Medica, Ospedale San Martino - Genova QUANTO E STATO CONFERMATO La terapia adiuvante dello stadio II nel carcinoma del colon è oggetto di continuo dibattito. Soprattutto la definizione di alto e basso rischio non è cosi precisa nella letteratura. Inoltre il contributo dell oxaliplatino in queste condizioni rimane poco definito. La combined analysis presentata da Yothers dell NSABP chiarisce bene il contributo dell oxaliplatino in condizioni di stadio II con rischio basso (10-15% di rischio di recidiva). Il contributo di questo farmaco rispetto al solo FU è di circa 3-4%. Questo beneficio sembra troppo limitato per raccomandarne la prescrizione. Contemporaneamente però la metaanalisi di Yothers ha contribuito a definire in termini relativi il beneficio dell oxaliplatino negli stadi II e negli stadi III. Che è risultato lo stesso. Da qui discende che negli stadi II alto rischio, il beneficio assoluto dell oxaliplatino si attesta intorno al 5% on top del vantaggio dato dal FU (che dà già da solo il 4-5%). Da qui consegue che ha molto senso la strategia del tutto o nulla nei casi di stadio II quando il rischio è sopra il 20-25%: o nulla o la doppietta. Personalmente ho preso questi dati come una conferma di una pratica già in atto da almeno 5 anni. QUANTO MI ASPETTAVO E NON E SUCCESSO Da tempo l attenzione degli addetti ai lavori è puntata sui trials di maintenance dopo un periodo di induzione nelle neoplasie del colon retto in fase avanzata. Ci sono almeno 6 trials ongoing e la speranza era che qualcuno di questi studi riportasse i primi risultati di efficacia del mantenimento con beva da solo, capecitabina da sola, beva più capecitabina od altre combinazioni meno tossiche della doppietta di induzione. Purtroppo nessuno di questi studi aveva risultati maturi abbastanza da essere riportato all ASCO. Attesa rinviata di 6 mesi all ASCO GI od all ESMO. QUANTO MI HA SORPRESO Non ha molto senso che la percentuale di risposta completa dopo CT ed RT neoadiuvante non correli con la sopravvivenza o con qualunque altro parametro di efficacia. E un riscontro comune in tutte le neoplasie solide, come pure in quelle ematologiche che la RC correli. Quindi mi ha molto stupito che il lavoro di Bonnetain (metaanalisi che ha indagato questa correlazione) sia giunto a conclusioni diametralmente opposte: assenza di correlazione. Mi ha stupito ancora di più che un lavoro con così profonde implicazioni cliniche nei trial design e nella pratica clinica, fondato su una metaanalisi che notoriamente ha una serie di limitazioni fortissime relativamente alla generalità dei dati ottenuti, sia stato presentato senza una discussione critica. Mi auguro che al momento della revisione critica del lavoro per la pubblicazione, questa lacuna sia colmata e che gli eventuali errori o limiti della metodologia siano bene messi in luce. Mi ha anche sorpreso il fatto che l oxaliplatino non aumenti in modo deciso le risposte complete quando è usato insieme con capecitabina o FU e RT nel setting adiuvante delle neoplasie rettali. Mi sarei francamente aspettato un forte incremento della tossicità, ma questo sarebbe stato accompagnato da un maggior "tumor shrinkage. Questo avrebbe beneficiato soprattutto quei pazienti con T4. Nulla di tutto questo. Contrariamente alla logica l oxaliplatino ha dato si un aumento della tossicità in tutti e 5 i trials randomizzati (con o senza oxali), ma i report 13

16 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 39 sull aumento delle RC sono contrastanti ed i due studi che riportano tale aumento non indicano incrementi sostanziali. Infine, finora nessuno studio aveva dimostrato che nei pazienti K-RAS mutati l uso di anti-egfr fosse detrimentale quando combinati al FOLFIRI. Lo studio PICCOLO di Matt Saymour ha indicato questo fenomeno per il panitumumab in combinazione con questa doppietta. Questo dato rafforza ulteriormente il concetto che non si deve prescrivere anti-egfr senza il dato di K-RAS. QUANTO MI HA DELUSO Senza dubbio i dati sui farmaci nuovi. E dal 2005 che non compaiono nuovi farmaci sullo scenario del trattamento del carcinoma del colon retto. Questo può non sembrare un evento inatteso (siamo stati 30 anni in attesa di nuovi farmaci all epoca del solo FU). Ma negli anni recenti la pletora di farmaci biologici arrivati alla fase III è stata tale da far supporre un successo crescente esponenzialmente. Invece nulla. I nuovi anti IGF1R, gli hedge-hog inibitors, i TKI sporchi quali cediranib, vatalanib ed axitinib hanno concluso la loro parabola con chiari segnali di inefficacia in questa malattia. 14

17 Fondazione

18

19

20

21

22

23

24

25 ASCO 2011: LE NEOPLASIE GASTRO-BILIOPANCREATICHE ASCO 2011: le neoplasie gastro-biliopancreatiche. Stefano Cascinu Clinica di Oncologia Medica; Università Politecnica delle Marche - Ancona L ASCO come sempre è la vetrina in cui si presentano i risultati dei lavori che maggiormente possono modificare la pratica clinica. Anche quest anno vi sono stati alcuni studi rilevanti, anche se bisogna notare come la loro qualità non sia stata eccelsa, configurando il 2011 più un anno di transizione che di novità folgoranti. Per cercare di dare un ordine a questo commento dei lavori presentati nella sessione neoplasie gastrointestinali non colon-retto, ho pensato di analizzare i lavori suddividendoli in 4 capitoli riconducibili alle sedi più importanti: a. carcinoma gastrico; b. carcinoma pancreatico; c. epatocarcinoma; d. carcinomi delle vie biliari. Non affronterò invece i tumori neuroendocrini perché gli abstract presentati sono solo aggiornamenti dei lavori pubblicati recentemente. Carcinoma gastrico Come dicevo in generale, anche per il carcinoma gastrico non è stato un anno di grandi novità. Si tratta per lo più di conferme anche se alcune sicuramente di rilievo. Lo schema XELOX, facile da somministrare anche a pazienti fragili come quelli con carcinoma dello stomaco, ha confermato l utilità della terapia adiuvante. Una cautela rispetto ai risultati dello studio può essere dovuta al fatto che la popolazione indagata è orientale e spesso i risultati provenienti dagli studi condotti in estremo oriente non sono stati riprodotti in occidente. Questo studio (1) è comunque rilevante perché permette di usare uno schema fattibile nella grande maggioranza dei pazienti nel setting adiuvante. Molti pazienti potranno quindi ricevere con un ben definito razionale una terapia adiuvante a due farmaci e soprattutto si potrà evitare il cisplatino. Un altro dato rilevante sempre nel setting adiuvante è il fallimento dello studio che cercava di migliorare i risultati dello studio MacDonald usando invece del 5FU lo schema ECF in combinazione con la radioterapia. Sono stati arruolati 506 pazienti con nessun evidente beneficio per la chemioterapia di combinazione. La sopravvivenza libera da malattia a 3 anni è stata rispettivamente del 46 e 47%. Il 3% di morti tossiche e un alta incidenza di tossicità di grado 3-4 rendono poco proponibile l incremento di aggressività di un regime postoperatorio. Ancora una volta appare inoltre dubbio il ruolo della radioterapia (2). Un dato particolarmente interessante che potrebbe avere un valore pratico è la mancanza di efficacia della terapia perioperatoria nei tumori con cellule ad anello con castone. Spesso proprio questa caratteristica, prognosticamente sfavorevole, ci induce a trattare i pazienti. Il gruppo francese analizzando retrospettivamente 1054 pazienti, di cui 171 con questa caratteristica patologica ha mostrato come la terapia non determini alcun beneficio in questo sottogruppo. E difficile dire quanto questo dato ottenuto da un analisi retrospettiva possa essere usato nella routine clinica. Certamente, se esistono dubbi in un paziente circa l opportunità di una terapia perioperatoria (età o patologia concomitante) la presenza di cellule ad anello con castone potrebbe portare alla decisione della sola chirurgia (3). Infine uno studio molto rilevante perché chiarisce il ruolo della seconda linea nel carcinoma gastrico. Molti pazienti la ricevono ma le evidenze di un vantaggio non sono molto chiare. 202 pazienti sono stati randomizzati (2:1) a ricevere o terapia di supporto o una chemioterapia a base di irinotecan o taxotere. Un vantaggio significativo in 15

26 MOPP Medical Oncology Progress & Perspectives - Update 39 sopravvivenza di 5.1 vs 3.8 mesi è stato visto a vantaggio della chemioterapia. Questo approccio trova quindi ragione e dovrebbe essere proposto soprattutto a pazienti con buon PS e/o che abbiano risposto ad un trattamento di prima linea (4). Carcinoma pancreatico Il carcinoma del pancreas è sicuramente stato quello più deludente. Non ci sono dati nuovi né sulla terapia adiuvante né su quella neoadiuvante. Neppure nella fase avanzata si sono avute novità di rilievo. Vi sono alcuni studi che valutano il ruolo di S-1 da sola o in combinazione con gemcitabina. Il più importante è uno studio di fase III a tre bracci che valuta S-1 in confronto a gemcitabina o ad una loro combinazione. I risultati non sembrano essere particolarmente eccitanti. Sono stati arruolati 830 pazienti. La sopravvivenza mediana è stata infatti di 10.1 (combinazione) vs 9.7 (S-1) vs 8.8 (gemcitabina). Questo trial mostra solo che S-1 non è inferiore a gemcitabina. E un po poco per uno studio di simili dimensioni e si pone sicuramente un problema etico. Oltretutto come in altre neoplasie il problema della popolazione studiata per S-1 è rilevante. Il trial infatti è stato condotto in oriente (Giappone e Taiwan) e come si è visto nel carcinoma gastrico S-1 ha un profilo di tossicità differente nelle popolazioni occidentali che può limitarne l impiego (5). Anche i nuovi farmaci, inibitori di IGF-1R o la combinazione di agenti biologici quali erlotinib, panitumumab non sembrano fornire elementi nuovi. Infatti a parte la mancanza di un ragionevole razionale, anche le dimensioni degli studi non permettono di vedere le auspicate differenze (6) (7). Forse l unico elemento positivo che emerge quest anno è che finalmente si è compreso come i nuovi agenti biologici debbano essere testati in studi di fase II randomizzata. Alla luce di ciò appare incomprensibile, se non come atto di furbizia metodologica, il camuffamento di uno studio di fase II randomizzato in uno studio di fase III. Autori francesi infatti hanno confrontato il sorafenib alla gemcitabina (8). Nello studio sono stati arruolati 104 pazienti. Il primo dato sorprendente è il doppio cieco. Chiunque abbia dimestichezza con il sorafenib sa che alcune tossicità sono così chiaramente attribuibili al farmaco da rendere impossibile il mantenimento del cieco. Tuttavia l aspetto sorprendente è la sua accettazione nella sessione poster discussion. Infatti si tratta di uno studio di fase III, con 104 pazienti e con obiettivo di un incremento del PFS da 3 a 6 mesi (100% di vantaggio). Forse i revisori erano distratti o non si sono resi conto del disegno. Epatocarcinoma Per l epatocarcinoma è stata invece una sessione importante. Si è dimostrato infatti che il sutinib non ottiene gli stessi risultati del sorafenib. Uno studio di fase III che ha arruolato 1073 pazienti ha mostrato infatti una sopravvivenza lievemente minore per sunitinib rispetto al sorafenib (8 vs 10 mesi) anche se PFS e TTP sono stati similari. Ma è soprattutto il profilo di tossicità che ha giocato a favore del sorafenib (9). Questo farmaco continua ad essere quindi il riferimento terapeutico nel trattamento dell epatocarcinoma. Un altro dato rilevante è che il sorafenib può essere dato con sicurezza anche nei pazienti con Child B. Anche gli effetti terapeutici sembrano simili a quelli che si ottengono nello stadio Child A. Ovviamente i pazienti con Child B hanno una prognosi peggiore per i maggiori effetti della malattia (10). Vie biliari Un lavoro importante è lo studio randomizzato di fase III (ESPAC 3) che ha valutato il ruolo di una terapia adiuvante in una patologia rara come quella rappresentata dai carcinomi ampollari. Queste 16

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO

NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE CONSIDERATO ETICO COME E QUANDO GLI ASPETTI TECNICI DEI PROTOCOLLI POSSONO-DEVONO ESSERE OGGETTO-ARGOMENTO DI DECISIONI ETICHE? Fausto Roila Oncologia Medica, Terni NESSUNO STUDIO METODOLOGICAMENTE SCORRETTO PUO ESSERE

Dettagli

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO

SINOSSI DELLO STUDIO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SINOSSI DELLO STUDIO TITOLO EUDRACT N. 2012-001028-36 COORDINAMENTO E RESPONSABILE DELLO STUDIO SPONSOR Sequenza ottimale di ormonoterapia in pazienti con carcinoma mammario metastatico ricadute dopo terapia

Dettagli

Years since Randomization No. at Risk 513 489

Years since Randomization No. at Risk 513 489 HER2Club in gastric cancer Obiettivi della terapia nel carcinoma gastrico metastatico e standard terapeutici. Carcinoma gastrico metastatico HER2-positivo: il ruolo di trastuzumab. Mario Scartozzi L ampliamento

Dettagli

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I

LINEE GUIDA ROL - COLON. Stadio I Adenoma con displasia alto grado o severa Escissione locale LINEE GUIDA ROL - COLON segmentaria per lesioni non suscettibili di escissione locale Sostituisce carcinoma in situ o adenoma intramucoso. Stadio

Dettagli

Dr.ssa Enola Maria Vezzani

Dr.ssa Enola Maria Vezzani III ZOOM Journal Club 2013 NH Hotel Bologna 21 Febbraio 2014 Radioterapia loco-regionale nelle pazienti sottoposte a chemioterapia neoadiuvante Dr.ssa Enola Maria Vezzani U.O Radioterapia Oncologica di

Dettagli

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF) Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta SCHEDA FARMACO (a cura di UOS Farmacoeconomia e HTA, Area Centro) Nintedanib (VARGATEF)

Dettagli

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi

Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi HER2Club in gastric cancer Novità dall American Society Of Clinical Oncology Annual Meeting 2014. Mario Scartozzi Anche quest anno il consueto appuntamento di aggiornamento per gli oncologi di tutto il

Dettagli

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei

Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Breast Units / Centri di Senologia: verso gli standard europei Approccio multidisciplinare e medicina personalizzata Roberto Labianca Direttore Cancer Center AO Papa Giovanni XXIII Direttore DIPO Bergamo

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

Terapia in fase Avanzata

Terapia in fase Avanzata IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO 14 OTTOBRE 2011, ROMA Terapia in fase Avanzata Maria Sofia Rosati Oncologia A Policlinico Umberto I Roma Numeri.. e persone!! ***Solo il 56% *50% dei pz con CRC è over 70 degli

Dettagli

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC

CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC CASO CLINICO carcinoma mammario ErbB2+ con M+ SNC METASTASI CEREBRALI DA CA MAMMELLA 10-30% delle pazienti con tumore mammario in fase avanzata Insorgono tardivamente nella storia naturale della malattia

Dettagli

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC

CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC LA CHEMIOTERAPIA NEL TUMORE POLMONARE Dr. Antonio Ardizzoia, Dr.ssa Ilaria Colombo, Dr. Paolo Bidoli UO DI ONCOLOGIA MEDICA - AO SAN GERARDO DI MONZA CHEMIOTERAPIA NEL NSCLC Il ruolo della terapia medica

Dettagli

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights

16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights 16th World Conference on Lung Cancer (WCLC): highlights RISULTATI PRELIMINARI STUDIO ITACA Lo studio Itaca è uno studio multicentrico italiano di Fase III che confronta un trattamento chemioterapico tailored

Dettagli

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara)

La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità. a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati (Ferrara) Protocollo diagnostico-terapeutico per le Pazienti con carcinoma mammario La terapia medica primaria e adiuvante e il follow-up: le principali novità a cura di Claudio Zamagni (Bologna) e Antonio Frassoldati

Dettagli

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta

SCHEDA FARMACO. Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Indicazione terapeutica Classificazione: Spesa per paziente trattato (euro, posologia/durata)

Dettagli

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione

SINOSSI. Studio di Fase II: Obiettivo primario Determinare l attività antitumorale della combinazione in termini di tempo alla progressione SINOSSI TITOLO Studio di fase I-II con Lapatinib in combinazione con capecitabina e vinorelbina come seconda linea di trattamento in pazienti con carcinoma mammario con iperespressione di ErbB2 localmente

Dettagli

Neoplasie della mammella - 2

Neoplasie della mammella - 2 Neoplasie della mammella - 2 Fattori prognostici Numero di N+ : >3 Età e stato menopausale Diametro di T Invasione linfatica e vascolare Tipo istologico Grading Recettore per Estrogeni/Progesterone Amplificazione

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

Stefania Corso 17 ANNI. Una lotta durata una vita

Stefania Corso 17 ANNI. Una lotta durata una vita Stefania Corso 17 ANNI Una lotta durata una vita Stefania Corso, 17 anni Copyright 2015 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte B: Cetuximab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni

IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO. Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL RAZIONAMENTO DELLE RISORSE: COME AFFRONTARLO Fausto Roila Oncologia Medica, Terni IL PROBLEMA - CRISI ECONOMICA DEI PAESI INDUSTRIALIZZATI - COSTI SEMPRE PIU ELEVATI DELLA INNOVAZIONE (nuove tecnologie,

Dettagli

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante

Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante RETTO TRATTAMENTO MEDICO 01 Terapia medica oncologica e radioterapia adiuvante DESCRIZIONE: Stima la proporzione di pazienti che effettuano una terapia medica oncologica e radioterapia post-intervento

Dettagli

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica:

Specialità: Herceptin (Roche spa) Forma farmaceutica: TRASTUZUMAB per l'indicazione: in associazione ad un inibitore dell aromatasi nel trattamento di pazienti in postmenopausa affetti da carcinoma mammario metastatico positivo per i recettori ormonali, non

Dettagli

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani

Trial clinici in oncologia. Corrado Magnani Trial clinici in oncologia Corrado Magnani Check-list Protocollo Definizione degli obiettivi Chiarezza Aggiornamento rispetto alle conoscenze scientifiche Non replicazione / giustificazione Formulazione

Dettagli

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC)

TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) TERAPIA DEL CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE (NSCLC) Negli ultimi anni vi è stata una evoluzione delle strategie terapeutiche nel NSCLC e l introduzione nella pratica clinica di nuovi farmaci

Dettagli

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006

Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing. Data di inizio 24/07/2006 ALLEGATO A Principi attivi e indicazioni terapeutiche autorizzate sottoposte a payment by results, cost sharing e risk sharing Principio attivo ERLOTINIB (Tarceva ) SUNITINIB (Sutent ) SORAFENIB (Nexavar

Dettagli

Allegato n 5. Studi clinici controllati condotti dalla Struttura Complessa di Oncologia Medica ed Ematologia nel quinquennio 2003-2007

Allegato n 5. Studi clinici controllati condotti dalla Struttura Complessa di Oncologia Medica ed Ematologia nel quinquennio 2003-2007 Allegato n 5 Studi clinici controllati condotti dalla Struttura Complessa di Oncologia Medica ed Ematologia nel quinquennio 2003-2007 Anno 2003 1. XRP6976/F/2501 Studio randomizzato di fase II che valuta

Dettagli

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON

LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON LINEE GUIDA TERAPEUTICHE TUMORI DEL COLON DATA DI AGGIORNAMENTO: MARZO 2012 Adenoma con displasia alto grado o severa (1) Escissione locale completa endoscopica in unica escissione (non piecemeal) Resezione

Dettagli

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE:

CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: CARCINOMA RETTALE CON METASTASI EPATICHE SINCRONE: QUALE STRATEGIA CLINICA? II Congresso Interregionale AIRO Piemonte-Liguria-Valle d Aosta Grinzane Cavour, 8 ottobre 201 1 Dimensioni del problema Dal

Dettagli

Documento PTR n. 134 relativo a:

Documento PTR n. 134 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 134 relativo a: PACLITAXEL ALBUMINA Agg. Marzo 2013 Luglio 2011

Dettagli

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma

SEBASTIANO FILETTI. Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche. Università di Roma Sapienza, Roma SEBASTIANO FILETTI Dipartimento di Medicina Interna e Specialità Mediche Università di Roma Sapienza, Roma La malattia tiroidea è in aumento negli ultimi anni. Quali le ragioni? Dati epidemiologici provenienti

Dettagli

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese

I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese I markers biologici come fattori predittivi di efficacia terapeutica nei tumori solidi: l esperienza di Varese Daniela Furlan U.O. Anatomia Patologica, Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi, Varese Il

Dettagli

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia)

Panitumumab. Raccomandazioni evidence-based. Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) Raccomandazioni evidence-based Panitumumab Carcinoma colon-rettale metastatico (I linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n. 36 Ottobre 2014 Direzione

Dettagli

Il punto di vista del clinico

Il punto di vista del clinico Il punto di vista del clinico Giulio Metro S.C. Oncologia Medica Ospedale Santa Maria della Misericordia, Azienda Ospedaliera di Perugia Registri di monitoraggio AIFA: stato dell arte ed esperienze a confronto

Dettagli

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5

UO Qualità, Ricerca Organizzativa e Innovazione Pagina 1 di 5 Contenuto ER MITO Epidemiologia e diagnosi biomolecolare le malattie mitocondriali in Emilia PUMANER1301 Studio comparativo tra neratinib più capecitabina in pazienti con carcinoma mammario metastatico

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE

AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANGILERI MARIA GRAZIA Data di nascita 17/05/1979 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERA S. ANTONIO ABATE

Dettagli

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena

Eudract 2007-004326-25. Ricercatore Responsabile dello studio: Prof. PierFranco Conte Dip di Onoclogia ed Ematologia- Università di Modena ShortHER: TRATTAMENTO ADIUVANTE CON HERCEPTIN PER 3 MESI VERSO 12 MESI, IN ASSOCIAZIONE CON 2 DIFFERENTI REGIMI DI CHEMIOTERAPIA, NELLE PAZIENTI CON CARCINOMA MAMMARIO HER2 POSITIVE Eudract 2007-004326-25

Dettagli

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel.

BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma mammario metastatico in combinazione con paclitaxel. (09-09-2008) Specialità: Avastin(Roche spa) Forma farmaceutica:

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO

PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO 1 PERCORSO DIAGNOSTICO-TERAPEUTICO DEL CARCINOMA MAMMARIO AVANZATO RECIDIVA LOCO-REGIONALE Dopo mastectomia, si definisce locale la ripresa della malattia a livello della cicatrice chirurgica o a livello

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

Tumore del colon-retto metastatico

Tumore del colon-retto metastatico Raccomandazioni d'uso Tumore del colon-retto metastatico Parte A: Bevacizumab A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni evidence based Direzione Generale

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto

Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto La Radioterapia post-mastectomia nel carcinoma della mammella Giovanni Silvano S.C. Radioterapia Oncologica Taranto LA RADIOTERAPIA POST-MASTECTOMIA I QUESITI perchè in quali pazienti sempre dopo chemioterapia

Dettagli

Documento PTR n.212 relativo a:

Documento PTR n.212 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.212 relativo a: PAZOPANIB Aprile 2014 Pazopanib Indicazioni registrate

Dettagli

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi

BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients. Sinossi BE-Positive: Beyond progression after tki in Egfr-Positive NSCLC patients Sinossi Principal Investigator e centro promotore dello studio: Dr.ssa Silvia Novello (Divisione di Oncologia Toracica, Università

Dettagli

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo

Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto. Carmelo Lupo Aggiornamenti su RAS: mutazioni di KRAS ed NRAS nel carcinoma del colon retto Carmelo Lupo RAS-RAF signaling Activation of the RAS-RAF signaling cascade occurs via the following sequential steps 1 : Activation

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA

TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA TRATTAMENTO ED ASSISTENZA ALLA DONNA CON NEOPLASIA MAMMARIA NELLA SUA GLOBALITA Luigi Salvagno U.O. di Oncologia ANATOMIA DELLA GHIANDOLA MAMMARIA PROGRESSIONE TUMORALE La progressione neoplastica richiede

Dettagli

La radioterapia nelle metastasi cerebrali

La radioterapia nelle metastasi cerebrali La radioterapia nelle metastasi cerebrali G. Rubino, L. Pirtoli S.C. Radioterapia, Dipartimento ad Attività Integrata dell Immagine, Azienda O. U. Senese ed Università di Siena Il tumore polmonare è la

Dettagli

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO

LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO LA RESEZIONE DELLE METASTASI EPATICHE NEL TUMORE METASTATICO DEL COLON RETTO Cetuximab può ridurre la massa tumorale per permettere la resezione delle metastasi, anche, in pazienti inizialmente non resecabili,

Dettagli

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici Percorsi e processi organizzativi nei trattamenti integrati dei tumori gastrointestinali Associazione Dossetti Roma, 25-26 ottobre 2011 Stato dell arte e prospettive della Target Therapy nei Tumori gastroenterici

Dettagli

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA

CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA CHEMIOTERAPIA ADIUVANTE NEL NSCLC IN FASE INIZIALE: SÌ, MA SENZA TRASCURARE LA QUALITÀ DI VITA In pazienti con carcinoma polmonare NSCLC in fase iniziale operabile, la chemioterapia adiuvante, aggiunta

Dettagli

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO

MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO 1/7 MINI SCHEDA HTA EVEROLIMUS (AFINITOR ) INDICAZIONE CARCINOMA MAMMARIO Nome Commerciale AFINITOR Principio Attivo everolimus Ditta Produttrice Novartis Farma spa ATC L01XE10 Formulazione Compresse Dosaggio

Dettagli

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5

Sinossi di studio clinico Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Codice: GECP06/01 Pag. 1 di 5 Studio aperto randomizzato multicentrico di fase III di confronto tra il trattamento con Erlotinib (Tarceva ) e la chemioterapia nei pazienti affetti da carcinoma non a piccole

Dettagli

I TUMORI STROMALI GASTROINTESTINALI (GIST) Dr Agostino Ponzetti S.C. Oncologia Medica 1 Città della Salute e della Scienza

I TUMORI STROMALI GASTROINTESTINALI (GIST) Dr Agostino Ponzetti S.C. Oncologia Medica 1 Città della Salute e della Scienza I TUMORI STROMALI GASTROINTESTINALI (GIST) Dr Agostino Ponzetti S.C. Oncologia Medica 1 Città della Salute e della Scienza SOMMARIO TRATTAMENTO ADIUVANTE DOPO RESEZIONE NUOVI FARMACI NELLA MALATTIA METASTICA

Dettagli

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole

Tossicita da chemioterapia e differenze di genere. Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tossicita da chemioterapia e differenze di genere Ilaria Pazzagli U.O.Oncologia medica P.O.Pescia Azienda USL3 Pistoia e Valdinievole Tumori e genere:quali dati? Pochi dati prospettici e da trials clinici

Dettagli

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO

ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO ONCOLOGIA MEDICA 1 A.O.U. San Giovanni Battista,TORINO Il rapporto tra ormoni e carcinomi della mammella ormonodipendenti venne dimostrato per la prima volta nel 1896 da Beatson. L ovariectomia determinava

Dettagli

Sponsor. III Obiettivi Primari

Sponsor. III Obiettivi Primari Titolo Sponsor ITACA-S 2 (Intergruppo Nazionale Adiuvante Gastrico 2): Confronto tra l efficacia di un trattamento chemioterapico peri-operatorio e un trattamento chemioterapico post-operatorio in pazienti

Dettagli

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA

Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA SEZIONE LOMBARDA Aggiornamenti 2011 Corso di aggiornamento per Tecnici di Laboratorio Gallarate 11 giugno 2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI di ISTOLOGIA e CITOLOGIA Azienda Ospedaliera S. Antonio Abate

Dettagli

Evento Formativo accreditato ECM

Evento Formativo accreditato ECM Evento Formativo accreditato ECM INCONTRI CON L ESPERTO 2015 Aula Polo Oncologico, 6 ottobre, 10 novembre, 24 novembre 2015 ID ECM 1252-132524 ED. 1 Responsabili Scientifici: Dott. A. Fontana, Dott. A.

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE REGIONE SICILIANA ASSESSORATO SANITA AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALI RIUNITI PAPARDO- PIEMONTE MESSINA UFFICIO STAMPA tel 090-3992859 Oncologia Medica AOOR Papardo-Piemonte. Il COEP, Centro Oncologico di

Dettagli

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona

Dott.ssa Chiara Dell Agnola. MdA Oncologia,AOUI Verona Dott.ssa Chiara Dell Agnola MdA Oncologia,AOUI Verona Malattia metastatica La neoplasia del testa-collo si presenta in oltre la metà dei pazienti in stadio avanzato (Stadio III e IV) 40-80% recidiva loco-regionale

Dettagli

Trastuzumab emtansine (TDM-1)

Trastuzumab emtansine (TDM-1) Raccomandazioni evidence-based Trastuzumab emtansine (TDM-1) nel carcinoma della mammella avanzato A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n.33 (Pubblicato a ) Aggiornato

Dettagli

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial

TAILOR AIFA TArceva Italian Lung Optimization trial H TAILR AIFA TArceva Italian Lung ptimization trial ttimizzazione dell erlotinib per il trattamento di pazienti con tumore del polmone avanzato non a piccole cellule: uno studio italiano randomizzato SISSI

Dettagli

STUDIO CLINICO di Fase II MYETT MYocet Endoxan Taxotere Trastuzumab. Sinossi del protocollo

STUDIO CLINICO di Fase II MYETT MYocet Endoxan Taxotere Trastuzumab. Sinossi del protocollo 1 STUDIO CLINICO di Fase II MYETT MYocet Endoxan Taxotere Trastuzumab Sinossi del protocollo Titolo Protocollo: Studio di fase II con doxorubicina liposomiale più ciclofosfamide in associazione a trastuzumab,

Dettagli

www.medscape.org/viewarticle/805542

www.medscape.org/viewarticle/805542 Lucio Crinò, MD: Salve e benvenuti a questo programma. Sono Lucio Crinò, un oncologo medico di Perugia (Italia). Oggi parleremo degli attuali paradigmi per il trattamento del carcinoma del polmone non

Dettagli

Tumore gastrico Metastatico o non operabile. trastuzumab I linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n.132

Tumore gastrico Metastatico o non operabile. trastuzumab I linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n.132 Documento PTR n.132 Raccomandazioni d'uso Tumore gastrico Metastatico o non operabile trastuzumab I linea di terapia A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) per l'elaborazione di raccomandazioni

Dettagli

SINOSSI DEL PROTOCOLLO

SINOSSI DEL PROTOCOLLO SINOSSI DEL PROTOCOLLO TITOLO DELLO STUDIO: CODICE DEL PROTOCOLLO: SPONSOR: FASE DELLO STUDIO: CENTRI PARTECIPANTI ALLO STUDIO: PERIODO DI STUDIO PIANIFICATO (PRIMO ARRUOLAMENTO ULTIMO PAZIENTE USCITO

Dettagli

Progetto grafico: Tecnograf s.r.l. Stampato in Italia da Tecnograf s.r.l. Direttore Responsabile: Giancarlo Martignoni

Progetto grafico: Tecnograf s.r.l. Stampato in Italia da Tecnograf s.r.l. Direttore Responsabile: Giancarlo Martignoni New Era Opened Medical Oncology Progress & Perspectives Pubblicazione di informazione scientifica oncologica a cura di N 3 Dicembre 2013 L Editore non si assume alcuna responsabilità per qualsiasi lesione

Dettagli

La Sperimentazione in Chirurgia. Paolo Bruzzi Epidemiologia Clinica IST - Genova

La Sperimentazione in Chirurgia. Paolo Bruzzi Epidemiologia Clinica IST - Genova La Sperimentazione in Chirurgia Paolo Bruzzi Epidemiologia Clinica IST - Genova Difficolta metodologiche Le innovazioni in chirurgia mal si prestano alla valutazione attraverso studi randomizzati per:

Dettagli

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI )

MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) 1/7 MINI SCHEDA HTA CRIZOTINIB (XALKORI ) Nome Commerciale XALKORI Principio Attivo Crizotinib Ditta Produttrice Pfizer Italia Srl ATC L01XE16 Formulazione Capsule rigide Dosaggio 200 mg 250 mg Altri antineoplastici

Dettagli

Specialità: Avastin(Roche spa)

Specialità: Avastin(Roche spa) BEVACIZUMAB per l'indicazione: trattamento in prima linea di pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule, non resecabile, avanzato, metastatico o in ricaduta in aggiunta a chemioterapia a base

Dettagli

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico

Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico Il ruolo di CA15-3 nel monitoraggio della terapia nel carcinoma mammario metastatico: un caso clinico C. Cocco 1, B. Caruso 1, E. Fiorio 2 1 Laboratorio Analisi (sede di BT) 2 Oncologia (sede di BT), AOUI,

Dettagli

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1

Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici. 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Disegno, misure di efficacia ed analisi dei trials clinici 30-3-2005 Medicina e chirurgia, V anno, mod.ebm 1 Check-list per la lettura di un protocollo di trial clinico Protocollo Definizione degli obiettivi

Dettagli

Tumore mammario metastatico (I linea di terapia)

Tumore mammario metastatico (I linea di terapia) Documento PTR n.99 Raccomandazioni d'uso Tumore mammario metastatico (I linea di terapia) Bevacizumab Direzione Generale alla Sanità e alle Politiche Sociali Raccomandazioni d uso n. 5/2010 Rev. luglio

Dettagli

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n.

Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile. Erlotinib II linea di terapia. Raccomandazioni d'uso. Documento PTR n. Documento PTR n.131 Raccomandazioni d'uso Tumore del polmone (Non Small Cell Lung Cancer) Metastatico o non operabile Erlotinib II linea di terapia A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti

Dir. Resp.: Alessandro Sallusti Tiratura 04/2015: 148.106 Diffusione 04/2015: 83.049 Lettori I 2015: 484.000 Dir. Resp.: Alessandro Sallusti da pag. 37 13-06-2015 Lettori 38.890 http://www.corriere.it/salute/ CONGRESSO AMERICANO DI ONCOLOGIA

Dettagli

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI ROBERTO FRANCESCO LABIANCA ESPERIENZA LAVORATIVA E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O INFORMAZIONI PERSONALI ROBERTO FRANCESCO LABIANCA ESPERIENZA LAVORATIVA E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ROBERTO FRANCESCO LABIANCA Telefono +39 035/2673691 +39 035/2673684 Fax +39 035/2674968 E-mail

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA

LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA LA CHEMIOTERAPIA ORALE IN ASSOCIAZIONE ALLA RADIOTERAPIA G.Lazzari, G. Silvano S. C. Radioterapia Oncologica ASL TA/ 1 - Taranto Taranto, 21 gennaio 2005 BACKGROUND Le formulazioni orali di chemioterapia

Dettagli

nel carcinoma a cellule chiare del rene avanzato (I e II linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO)

nel carcinoma a cellule chiare del rene avanzato (I e II linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazioni evidence-based Pazopanib nel carcinoma a cellule chiare del rene avanzato (I e II linea di terapia) A cura del Gruppo Regionale Farmaci Oncologici (GReFO) Raccomandazione d uso n.32 Direzione

Dettagli

EXEMESTANE. Dalla malattia metastatica al trattamento adiuvante del carcinoma mammario. Simona. Maria. Anna

EXEMESTANE. Dalla malattia metastatica al trattamento adiuvante del carcinoma mammario. Simona. Maria. Anna S l i d e K i t EXEMESTANE Dalla malattia metastatica al trattamento adiuvante del carcinoma mammario Anna Maria Simona S l i d e K i t EXEMESTANE Dalla malattia metastatica al trattamento adiuvante del

Dettagli

Sezione di Oncologia. [Workshop] Tumori del tratto gastrointestinale: tra scienza e pratica III Workshop nazionale

Sezione di Oncologia. [Workshop] Tumori del tratto gastrointestinale: tra scienza e pratica III Workshop nazionale [Workshop] Tumori del tratto gastrointestinale: tra scienza e pratica III Workshop nazionale, 13-14 Novembre 2014 [ Programma preliminare] Giovedì, 13 novembre 10.45 Introduzione e presentazione del corso

Dettagli

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E.

RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. RIASSUNTO DEL PROTOCOLLO DI SPERIMENTAZIONE CLINICA P.R.O.S.E. pag 1 di 4 Randomized Proteomic Stratified Phase III Study of Second Line Erlotinib versus Chemotherapy in Patients with Inoperable Non Small

Dettagli

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS. LA TERAPIA NEOADIUVANTE: il ruolo dell associazione chemioradioterapica

GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS. LA TERAPIA NEOADIUVANTE: il ruolo dell associazione chemioradioterapica GRUPPO DI STUDIO TUMORI DEL PANCREAS LA TERAPIA NEOADIUVANTE: il ruolo dell associazione chemioradioterapica Documento redatto da: Dr.ssa J. Fiore Dr.ssa A. Novarino Prof.U. Ricardi Oncologia Medica I.

Dettagli

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57

Scritto da RyderItalia Mercoledì 12 Maggio 2010 11:19 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 03 Novembre 2010 15:57 LA TERAPIA METRONOMICA Per oltre mezzo secolo, la terapia sistemica per i tumori è stata caratterizzata dalla somministrazione dei farmaci chemioterapici. La maggior parte di questi farmaci ha lo scopo

Dettagli

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia

Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia Dr. Vittorio Ferrari U.O. Oncologia Medica A. Spedali Civili, Brescia La crescita tumorale Classification Evoluzione dei trattamenti RR OS Sites of therapy STAGE II In colon cancer patients

Dettagli

Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani

Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani Cosa fare quando è presente una predisposizione genetica? Olivia Pagani Probabilità nella Popolazione Generale Carcinoma mammario 11% Carcinoma dell ovaio 0.7% PERCHE UNA CONSULENZA GENETICA ONCOLOGICA?

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327

C U R R I C U L U M. Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel. Ospedale S. Barbara 0781 3922327 C U R R I C U L U M D O T T. S S A E L I S A G R O S S O NATA A CARLOFORTE IL 20/SETTEMBRE/1963 Residente a Quartu Sanr Elena, Viale Colombo, 226 09045 Tel. abitazione 070-825802 - Mobile 347 2644206 Tel.

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome E-mail Lucia Stocchi Cittadinanza Italiana Data di nascita 05-03-1978 Il/La sottoscritta, consapevole delle sanzioni penali e leggi speciali

Dettagli

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia

La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia La gestione clinica integrata dei tumori neuroendocrini: La chemioterapia Dr. Raffaele Addeo U.O.C. Oncologia Frattamaggiore (NA) Benevento, 5 ottobre 2012 Introduzione La chemioterapia sistemica, divenuta

Dettagli

Introduzione. Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica Ospedale Oncologico Businco - Cagliari Coordinatore AIOM Sardegna

Introduzione. Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica Ospedale Oncologico Businco - Cagliari Coordinatore AIOM Sardegna Introduzione Dr Daniele Farci S.C. Oncologia Medica Ospedale Oncologico Businco - Cagliari Coordinatore AIOM Sardegna Il Trastuzumab ha cambiato la storia naturale del carcinoma mammario metastatizzato

Dettagli

Le terapie neoadiuvanti

Le terapie neoadiuvanti Le terapie neoadiuvanti Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia TERAPIA NEOADIUVANTE definizione SINONIMI: TERAPIA PRIMARIA TERAPIA PREOPERATORIA DEFINIZIONE: trattamento medico somministrato prima

Dettagli

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO

RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO RACCOMANDAZIONE PER UN USO APPROPRIATO DEI FARMACI ONCOLOGICI AD ALTO COSTO Raccomandazione n. 2 - Marzo 2011 INTRODUZIONE La presente Raccomandazione si pone come strumento metodologico di supporto a

Dettagli

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO

MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO 1/7 MINI SCHEDA HTA BEVACIZUMAB (AVASTIN ) INDICAZIONE CARCINOMA OVARICO Nome Commerciale Avastin Principio Attivo Bevacizumab Ditta Produttrice Roche ATC L01XC07 Formulazione Concentrato per soluzione

Dettagli

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione

Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Il tumore al colon è temuto ma è necessario continuare nell'attività di Prevenzione Milano - Nonostante la sua aggressività è definito il tumore silenzioso. Data la sua scarsa pubblicizzazione, infatti,

Dettagli

IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO

IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO Aggiornamenti dall ESMO 2006 Istanbul, 29 settembre - 3 ottobre IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO METASTATICO primo incontro Andrea Bonetti, Stefano Cascinu, Alfredo Falcone, Evaristo Maiello, Alberto Zaniboni

Dettagli

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo

T.E.V. E CHEMIOTERAPIA. Dott. Pietro Masullo T.E.V. E CHEMIOTERAPIA Dott. Pietro Masullo I MECCANISMI SONO MOLTEPLICI, SPESSO PRESENTI CONTEMPORANEAMENTE E NON ANCORA DEL TUTTO CHIARI LA CHEMIOTERAPIA PU0 AUMENTARE IL RISCHIO TEV ATTRAVERSO

Dettagli

CAPECITABINA (29-10-2008)

CAPECITABINA (29-10-2008) CAPECITABINA (29-10-2008) Specialità: Xeloda(Roche spa) Forma farmaceutica: 60 CPR 150 mg - Prezzo: euro 84.57 120 CPR 500mg - Prezzo: euro 561 ATC: L01BC06 Categoria terapeutica: Antineoplastici, antimetaboliti-analoghi

Dettagli