Dati principali. IL FATTORE UMANO NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI. TECNICHE PER L'ANALISI DELL'AFFIDABILITA' UMANA "The Human Factor"

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dati principali. IL FATTORE UMANO NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI. TECNICHE PER L'ANALISI DELL'AFFIDABILITA' UMANA "The Human Factor""

Transcript

1 CORSO A CATALOGO 2012 Corso ID: IL FATTORE UMANO NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI. TECNICHE PER L'ANALISI DELL'AFFIDABILITA' UMANA "The Human Factor" Dati principali ID Odf: 8366 Nome organismo: Tipo organismo: ID Corso: SIPAR S.R.L. Odf accreditato o Agenzie abilitate Titolo corso: Tipologia corso: Link web dettaglio Master: Master di 1 livello o 2 livello: Indirizzo del Master: Area settoriale Area Tematica: Obiettivi formativi: Risultati attesi: Fabbisogni formativi: Spendibilità in termini di occupabilità: IL FATTORE UMANO NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI. TECNICHE PER L'ANALISI DELL'AFFIDABILITA' UMANA "The Human Factor" Corsi di specializzazione ATTIVITÀ MANIFATTURIERE curezza (livello avanzato) Formare esperti nell'applicazione di metodi di valutazione dei rischi che tengano conto dell'affidabilità umana e sappiano sviluppare il processo di valutazione sulla base di un'analisi integrata sia dei fattori ambientali che di quelli umani. Il corso si prefigge inoltre di formare gli esperti all'applicazione di metodi avanzati di analisi dei rischi e di principi ergonomici nei luoghi di lavoro, anche attraverso l'utilizzo di software di analisi applicativi. A conclusione del corso e delle prove valutative, i partecipanti avranno acquisito buona padronanza dei principi base dei comportamenti di sicurezza, delle tecniche per la valutazione, l assessment e il reporting dei comportamenti di sicurezza, delle cause d incidente in chiave comportamentale e delle tecniche per lo sviluppo di valori, cultura e abitudini di comportamento sicure e stabili nel tempo. Saranno in grado di individuare le tecniche migliori per l'analisi dei rischi derivanti dall'affidabilità umana nell'esecuzione di un compito lavorativo, sapendone utilizzare correttamente gli strumenti applicativi. Padroneggeranno gli strumenti e il materiale necessario alla realizzazione del processo di sicurezza, immediatamente utilizzabili nella pratica. Nello svolgimento delle attività in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro nel comparto manifatturiero di riferimento (ma non solo), si è riscontrato che il comportamento del personale è la causa principale di infortuni e mancati infortuni e che è quindi necessario impostare e diffondere all'interno dell'azienda e del personale, una corretta informazione sui comportamenti utili a ridurre i rischi derivati da fattori umani. Per una corretta applicazione del sistema di gestione della sicurezza è però necessaria la presenza di figure professionali che conoscano e sappiano applicare questi protocolli di prevenzione. Attualmente in Italia sono ancora pochi gli esperti di sicurezza competenti in tale materia e ancora meno le imprese che hanno inserito nel proprio organico questi esperti e nelle procedure di prevenzione tali fattori. Per colmare questa lacuna, la formazione degli esperti di sicurezza deve comprendere la conoscenza delle varie metodologie di analisi dei fattori umani ai fini della sicurezza e degli strumenti e delle tecniche per poterli applicare negli ambiti produttivi. Gli esperti potranno trovare inserimento occupazionale in azienda all'interno dei servizi di prevenzione aziendali o all'interno di aziende di servizi che si occupano della sicurezza nei luoghi di lavoro. Oltre al settore manifatturiero, le competenze sull'analisi dei rischi derivanti da fattori umani potranno trovare utilmente impiego anche in altri settori produttivi, come ad es. attività professionali, costruzioni, fornitura di energia, gestione di rifiuti, ecc... Innovatività: Le attività comportamentali influiscono positivamente sulla sicurezza dei lavoratori, sulla produttività aziendale e sul benessere complessivo dei lavoratori, quindi la sicurezza basata sui comportamenti determina di conseguenza una riduzione dei costi della sicurezza e una stabilità della produzione. Gli infortuni, malattie professionali e incidenti nei luoghi di lavoro sono causati nel 6080% dei casi da comportamenti pericolosi (dati InailISPESL). Da recenti dati INAIL risulta che la "nonsicurezza" presenta costi elevatissimi. Basti pensare che il costo totale dei soli infortuni sul lavoro è, in Italia, di 45 miliardi di euro, pari al 3% del PIL. Di questo costo complessivo il 60% grava sulle imprese. Data ultima modifica Vanno poi aggiunti i costi indiretti, come quelli derivanti dalla perdita di produzione. 26/07/ :44:58 Pagina 1 di 12

2 Follow up: Innovatività metodologie formative: Modalità di valutazione competenze in uscita: Settori: Coordinamento interno progetto: Titolo di studio minimo in ingresso: Gruppo corsi laurea: 45 miliardi di euro, pari al 3% del PIL. Di questo costo complessivo il 60% grava sulle imprese. Vanno poi aggiunti i costi indiretti, come quelli derivanti dalla perdita di produzione. Sono previsti degli incontri successivi alla formazione con i partecipanti per discutere ed analizzare le loro esperienze lavorative e gli eventuali risultati raggiunti. E' a disposizione dei partecipanti un servizio di newsletter ed una assistenza on line "l'esperto risponde" con i nostri esperti tramite il sito L'impiego di metodi di analisi dei rischi che tengano conto del fattore/errore umano e dei comportamenti dei lavoratori sono poco comuni. Le metodologie presentate nel corso tengono conto dell'esperienza maturata in circa 60 anni in particolar modo nei processi industriali di siti ad alto rischio. Per la formazione degli esperti, oltre all'attività di aula per l'apprendimento diretto dei principali contenuti teorici e metodologici, saranno adottate metodologie volte alla sperimentazione di strumenti, documenti e software. La trattazione degli argomenti sarà accompagnata dall'esposizione di casi ed esercitazioni, simulazioni di contesto. Particolare importanza e novità è rappresentata dalla presentazione, illustrazione e addestramento all'uso di software per l analisi dei rischi. Le visite tecniche presso aziende, cantieri, consentiranno di verificare l applicazione di tali metodi di valutazione dei rischi. La valutazione finale sarà effettuata tramite test per la verifica dell'apprendimento con problem solving. Verrà sottoposto ai corsisti un caso di studio in relazione al quale dovranno identificare i principali pericoli presenti per i lavoratori, stimare i rischi legati sia ai fattori ambientali che umani applicando uno dei metodi oggetto del corso, individuare le misure di prevenzione e protezione da attuare, le procedure di sicurezza utili alla gestione del rischio, il livello di formazione di cui necessitano i lavoratori, le modalità di verifica dell'efficacia di tale formazione. Attività manifatturiere Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata Attività professionali, scientifiche e tecniche > Altre attività professionali, scientifiche e tecniche > Altre attività professionali, scientifiche e tecniche NCA Attività professionali, scientifiche e tecniche > Attività degli studi di architettura e d'ingegneria; collaudi ed analisi tecniche > Attività degli studi di architettura, ingegneria ed altri studi tecnici Fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento > Attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti; recupero dei materiali Trasporto e magazzinaggio > Trasporto terrestre e trasporto mediante condotte Trasporto e magazzinaggio > Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti Costruzioni > Ingegneria civile Costruzioni > lavori di costruzione specializzati Costruzioni > Costruzione di edifici > Costruzione di edifici residenziali e non residenziali Nome Cognome Ruolo Dettaglio attività Telefono CARMINE PARAGALLO Coordinatore Progettazione e coordinamento del corso GIOVANNI MARRA Tutor Servizi di erogazione del corso e tutoraggio dei corsisti LAURA LUCHETTI Segreteria organizzativa DANIELA D'AGOSTINI Segreteria organizzativa Attività di segreteria organizzativa Attività di segreteria organizzativa FRANCESCO STACCONE Tutor Servizi di erogazione del corso e tutoraggio dei corsisti Informazioni titolo di studio Diploma di maturità e scuola superiore 0775/ carmine. siparsrl.com 0775/ siparsrl.com 0775/ siparsrl.com 0775/ / francesco. siparsrl.com Altri requisiti di accesso: Essere in possesso di almeno una formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, quali corsi per RSPP, ASPP, CSP, CSE o RLS, e/o aver maturato almeno un anno di esperienza professionale Pagina 2 di 12 nei servizi di prevenzione aziendali o in società di consulenza nel settore della sicurezza nei luoghi di lavoro.

3 Altri requisiti di accesso: Tipologia destinatari: Costo di iscrizione per partecipante (euro): 6.000,00 Costo orario (euro): 24,19 Durata in: Durata totale corso (in ore): Ore attività formazione in aula: Essere in possesso di almeno una formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, quali corsi per RSPP, ASPP, CSP, CSE o RLS, e/o aver maturato almeno un anno di esperienza professionale nei servizi di prevenzione aziendali o in società di consulenza nel settore della sicurezza nei luoghi di lavoro. Ore Altre informazioni 248 Monte ore per calcolo % ammissibili: 248, Attività in aula (%): 72,58 Ore attività FAD: Attività FAD (%): 0,00 Ore attività Outdoor: Attività Outdoor (%): 0,00 Ore attività stage/project work: 50 Attività stage/project work(%): Ore attività visite guidate: 18 Ore attività visite guidate (%): Ore attività studio individuale: Contenuti FAD: Specifiche tecniche attività FAD: Presenza Tutor per l attività di FAD: Note sulle attività previste: Numero docenti junior: 2 Numero docenti middle: Numero docenti/testimoni senior: Attestazione al termine del corso: Note attestazione: Verifica delle competenze in ingresso: Prove selettive ulteriori: Ore attività studio individuale (%): 20,16 Le visite guidate permetteranno di visionare modalità di lavoro, rischi derivanti dai processi, dai comportamenti, dalla presenza di apparecchiature, ecc..., di interloquire con i responsabili e addetti ai servizi di prevenzione per discutere delle principali problematiche in materia di sicurezza. Le attività di stage permetteranno l'applicazione dei metodi di analisi di rischio studiate durante il corso e l'elaborazione di proposte di miglioramento da attuare. 0 7 Attestato di frequenza Attestato di frequenza Corso di "IL FATTORE UMANO NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI. TECNICHE PER L'ANALISI DELL'AFFIDABILITA' UMANA (The Human Factor)" No Disoccupati laureati Occupati diplomati Occupati laureati Soggetti in CIG diplomati Soggetti in CIG laureati Soggetti in mobilità diplomati Soggetti in mobilità laureati 7,26 0,00 Pagina 3 di 12

4 Parte dell attività svolta all'estero o altra regione: Tipologia attività svolta all'estero o altra regione: Durata dell attività svolta all'estero o altra regione (in ore): 12 Di cui ore di formazione in aula: Motivazione dell'attività svolta all'estero o altra regione: Sede/i dell'attività svolta all'estero o altra regione: Visite guidate presso le aziende partner situate in Toscana e Puglia per visionare modalità di lavoro, rischi derivanti dai processi, dai comportamenti, dalla presenza di apparecchiature, ecc... interviste con i responsabili e addetti ai servizi di prevenzione per discutere delle principali problematiche in materia di sicurezza. Durata: Ore 40 Durata: Ore 6 Testimone aziendale : Analizzare le modalità di lavoro e il livello di sicurezza presente in tessuti economico e sociali di altre Regioni Piombino Località Fiorentina presso azienda partner PMI PIOMBINO S.R.L. e Taranto Via Umbria 163/B presso azienda partner Metal Tirrena S.r.l. Moduli didattici Num. moduli: 9 Modulo 1 IL FATTORE UMANO NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La sicurezza e l human factor. Codifica tipologia errori umani e correlazione con gli Human Factors, (es. Slips, Lapses, Mistakes). Principali tecniche di analisi dei rischi basate sull'affidabilità umana quali:therp,teseo,oats,hcr,cream,ecc... Concetti di base per la comprensione e lo sviluppo dei comportamenti di sicurezza.il modello di Reason. I limiti delle tecnologie di analisi degli errori umani. FORMAZIONE IN AULA Lezioni frontali, analisi casi di studio, esercitazioni. MARIA BONADIES Junior (3 anni di esperienza) FRANCESCO GERI Senior (10 anni di esperienza) LUCINA MERCADANTE Senior (10 anni di esperienza) ALDO PORRY PASTOREL Senior (10 anni di esperienza) ANTONIO TERRACINA Senior (10 anni di esperienza) Modulo 2 OSSERVAZIONE FATTORI RISCHIO COMPORTAMENTALI IN AMBIENTI DI LAVORO Analisi delle cause degli incidenti legati al fattore umano VISITE GUIDATE Data ultima modifica 26/07/2012 Shaping 18:44:58 e Modeling). Analisi report sugli incidenti e mancati incidenti legati a fattori umani nel settore di riferimento e azioni correttive intraprese. CARMINE PARAGALLO Senior (10 anni di esperienza) FRANCESCO GERI Senior (10 anni di esperienza) MAURIZIO SANTUCCI Senior (10 anni di esperienza) MONICA TESTANI Senior (10 anni di esperienza) Modulo 3 INTEGRAZIONE DEI METODI DI ANALISI DEI RISCHI BASATI SULL'HUMAN FACTOR CON I SISTEMI DI GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA La cultura e i valori della prevenzione. L integrazione dei modelli basati sull'human Factor con i stemi di Gestione della Salute e curezza sul Lavoro (SGSL). La formazione rivolta agli osservatori ed ai safety leaders. Tecniche e strategie per la formazione (Istruzione programmata, Pagina 4 di 12 Il seminario per gli osservatori: dare e ricevere feedback durante e dopo l osservazione. Il seminario per i safety leader: tecnica di conduzione della riunione periodica di sicurezza, elementi di leadership, comunicazione persuasiva, ascolto attivo, riformulazione, consapevolezza situazionale, strumenti e metodi (brainstorming, pareto, diagramma di Ishikawa)

5 Durata: Ore 40 Durata: Ore 40 Durata: Ore 28 osservatori ed ai safety leaders. Tecniche e strategie per la formazione (Istruzione programmata, Shaping e Modeling). Il seminario per gli osservatori: dare e ricevere feedback durante e dopo l osservazione. Il seminario per i safety leader: tecnica di conduzione della riunione periodica di sicurezza, elementi di leadership, comunicazione persuasiva, ascolto attivo, riformulazione, consapevolezza situazionale, strumenti e metodi (brainstorming, pareto, diagramma di Ishikawa) FORMAZIONE IN AULA Lezioni frontali, analisi casi di studio, esercitazioni sull elaborazione e l utilizzo delle checklist e rôle playing per l acquisizione di specifiche abilità (ad esempio la conduzione delle riunioni di sicurezza). ANTONIO TERRACINA Senior (10 anni di esperienza) MARIA BONADIES Junior (3 anni di esperienza) LUCINA MERCADANTE Senior (10 anni di esperienza) FRANCESCO GERI Senior (10 anni di esperienza) ALDO PORRY PASTOREL Senior (10 anni di esperienza) Modulo 4 ASSESSMENT, INDIVIDUAZIONE DEI COMPORTAMENTI PER EVITARE GLI INFORTUNI, USO DELLE CHECKLIST, MISURA DELLE CAUSE, COMPORTAMENTI, CONSEGUENZE Assessment: l analisi documentale, le interviste guidate e l osservazione diretta. Pinpointing: l individuazione di comportamenti di sicurezza cruciali per evitare l infortunio (costruzione delle checklist). Misurazione: misure parametriche del comportamento. Analisi funzionale: strategie per l individuazione delle cause dei comportamenti in termini di stimoli antecedenti e conseguenti. Conseguenze: definizione delle conseguenze che aumentano i comportamenti di sicurezza. Il processo di osservazione. Performance. Feedback. Elementi di Performance Management. FORMAZIONE IN AULA Lezioni frontali, analisi casi di studio, esercitazioni sull elaborazione e l utilizzo delle checklist e rôle playing per l acquisizione di specifiche abilità. Tutti i partecipanti riceveranno schemi operativi e checklist di esempio. ALDO PORRY PASTOREL Senior (10 anni di esperienza) LUCINA MERCADANTE Senior (10 anni di esperienza) LEONARDO VITA Junior (3 anni di esperienza) FRANCESCO GERI Senior (10 anni di esperienza) ANTONIO TERRACINA Senior (10 anni di esperienza) Modulo 5 METODI E STRUMENTI AVANZATI DI ANALISI DEI RISCHI Identificazione e valutazione dei rischi. Tecniche di analisi induttiva. Applicazione del metodo FMEA. Applicazione del metodo Hazop e altre metodologie. Interpretazione statistica di eventi negativi. Tecniche di analisi reattiva. Tecniche di analisi degli incidenti, quasi incidenti, anomalie e non conformità. Applicazione della Root Cause Analyisis con integrazione dell analisi degli human factor. FORMAZIONE IN AULA Lezioni frontali, analisi di casi di studio, esercitazioni, utilizzo di software applicativi per l'analisi dei rischi. ANTONIO TERRACINA Senior (10 anni di esperienza) LUCINA MERCADANTE Senior (10 anni di esperienza) FRANCESCO GERI Senior (10 anni di esperienza) ALDO PORRY PASTOREL Senior (10 anni di esperienza) LEONARDO VITA Junior (3 anni di esperienza) Pagina 5 di 12

6 Durata: Ore 12 Testimone aziendale : Durata: Ore 28 Testimone aziendale : Durata: Ore 50 Testimone aziendale : Modulo 6 OSSERVAZIONE,STUDIO DEI COMPORTAMENTI, ANALISI DEI RISCHI Osservazione dei processi lavorativi, metodi di lavoro, tecniche di analisi dei rischi utilizzate,procedure di sicurezza attuate. VISITE GUIDATE Durata: Ore Esame della documentazione (DVR),dell'organigramma, del piano delle attività formative, interviste con i responsabili del servizio di prevenzione e i lavoratori,utilizzo di checklist per riscontro degli apprestamenti di sicurezza. CARMINE PARAGALLO Senior (10 anni di esperienza) FRANCESCO GERI Senior (10 anni di esperienza) DOMENICO GRECO Senior (10 anni di esperienza) PABLO CINCI Senior (10 anni di esperienza) Modulo 7 ERGONOMIA E SICUREZZA: AMBITI DI APPLICAZIONE IN DIVERSI CONTESTI DI LAVORO, USO DI SOFTWARE APPLICATIVI PER ANALISI DEI RISCHI Ergonomia e curezza sul Lavoro. Definizione di ergonomia. Principi Ergonomici. Rapporto uomomacchinaambiente. Attività a maggior rischio. Fattori individuali. Disturbi muscolo scheletrici. Movimentazione manuale dei carichi. Movimenti ripetitivi. Lavorare al videoterminale. Metodi di analisi dei rischi quali Niosh, Ocra, Snoock & Ciriello. Software applicativi. FORMAZIONE IN AULA Lezioni frontali, analisi di casi di studio, esercitazioni, utilizzo di software applicativi per l'analisi dei rischi. CARMINE PARAGALLO Senior (10 anni di esperienza) ANTONIO TERRACINA Senior (10 anni di esperienza) LUCINA MERCADANTE Senior (10 anni di esperienza) FRANCESCO GERI Senior (10 anni di esperienza) LEONARDO VITA Junior (3 anni di esperienza) MONICA TESTANI Senior (10 anni di esperienza) MAURIZIO SANTUCCI Senior (10 anni di esperienza) Modulo 8 ESPERIENZA IN AZIENDA PER L'APPLICAZIONE DI METODOLOGIE INTEGRATE DI VALUTAZIONE DEI RISCHI Applicazione al contesto reale delle metodologie di valutazione dei rischi oggetto del corso, in collaborazione con il servizio di prevenzione e protezione aziendale. STAGE/PROJECT WORK Esame dei processi, analisi e studio dei metodi di lavoro e dei comportamenti, analisi del documento di valutazione dei rischi e delle specifiche procedure di sicurezza, utilizzo di software applicativi,elaborazione di un piano di miglioramento e dei percorsi formativi cui sottoporre il personale aziendale. CARMINE PARAGALLO Senior (10 anni di esperienza) MONICA TESTANI Senior (10 anni di esperienza) MAURIZIO SANTUCCI Senior (10 anni di esperienza) Modulo 9 APPROFONDIMENTI FINALI E ANALISI DELLE ESPERIENZE DI STAGE Approfondimenti finali, discussioni e analisi delle esperienze di stage, programma di Follow up Pagina 6 di 12

7 Durata: Ore 4 Testimone aziendale : FORMAZIONE IN AULA Discussione, relazione dei gruppi di stage, interventi e domande FRANCESCO GERI Senior (10 anni di esperienza) MAURIZIO SANTUCCI Senior (10 anni di esperienza) MONICA TESTANI Senior (10 anni di esperienza) Area tematica curezza (livello avanzato) Aree di lavoro, gruppi di competenze e competenze Area di lavoro Politiche aziendali per la sicurezza e la salute Gruppo di competenze Capacità trasversali Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Conoscere le tecniche di problem solving e le metodologie per la gestione dei processi decisionali 3 Test con domande a risposta multipla Mappata con richiesta di specifico livello in ingresso 6 curezza (livello avanzato) Politiche aziendali per la sicurezza e la salute Criteri di valutazione Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Conoscere le metodologie e i criteri per la valutazione dei rischi 3 Test con domande a risposta multipla e colloquio per la rilevazione della formazione o esperienza professionale sul tema Mappata con richiesta di specifico livello in ingresso 7 Conoscere le metodologie e i criteri per la valutazione degli infortuni, delle emergenze, degli incidenti e delle altre situazioni organizzative che pregiudicano la sicurezza e la salute sul luogo di lavoro 3 Test con domande a risposta multipla e colloquio per la rilevazione della formazione o esperienza professionale sul tema Mappata con richiesta di specifico livello in ingresso 7 curezza (livello avanzato) Interventi di sensibilizzazione sul personale e di relazioni esterne Formazione e addestramento per la prevenzione Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Saper strutturare un piano per la formazione sulla prevenzione che identifichi contenuti, destinatari, modalità di erogazione, tempistica, risorse 3 Test con domande a risposta multipla e colloquio per la rilevazione della formazione o esperienza professionale sul tema Mappata con richiesta di specifico livello in ingresso 6 Saper rilevare periodicamente i fabbisogni interni di formazione per la prevenzione 3 Test con domande a risposta multipla e colloquio per la rilevazione della formazione o esperienza professionale sul tema Mappata con richiesta di specifico livello in ingresso 6 curezza (livello avanzato) Interventi di sensibilizzazione sul personale e di relazioni esterne Comunicazione interna e coinvolgimento Competenza Liv. comp. ingr. Modalità verifica Tipo Classificazione Val. somm. Pagina 7 di 12

8 Saper coinvolgere e sensibilizzare il personale sulle problematiche di sicurezza e salute attraverso mirate azioni di comunicazione interna e di cambiamento della cultura d impresa 3 Test con domande a risposta multipla e colloquio per la rilevazione della formazione o esperienza professionale sul tema Mappata con richiesta di specifico livello in ingresso 6 Partenariato Nome azienda: Descrizione soggetto: Forma giuridica: Natura giuridica: Sede: Legale rappresentante: Società a responsabilità limitata Privata Codice fiscale: Partita IVA: Settore: Dimensione: Numero addetti: Codice fiscale legale rappresentante: IRON 2000 SRL ATTIVITA' DI CARPENTERIA METALLICA IN GENERE, DI MONTAGGIO E COSTRUZIONI MECCANICHE, MONTAGGIO E COSTRUZIONI METALLICHE, COSTRUZIONI CALDARERIA MEDIA E APPARECCHIATURE INOX, COSTRUZIONI E MONTAGGIO TUBAZIONI. TRASFORMAZIONE E ALLESTIMENTO VEICOLI INDUSTRIALI. VIA MADONNA DI TUFANO, ANAGNI (FR) Attività manifatturiere Piccola Impresa Da 16 a 49 addetti LUCIANA MAGLIOCCHETTI MGLLCN60H42A269A to web: Riferimenti per contatto: MONICA TESTANI Tel.: 0775/ Ruolo del partner: Progettazione: Dettaglio progettazione: Testimoni rappresentativi: Stage: Numero previsto di voucheristi in stage: 10 Dettaglio attività Specifiche su sedi Nome: Cognome: Raccolta dati statici infortunistici dello specifico comparto lavorativo. Elaborazione casi di studio ed esercitazioni da effettuare in aula, programma dello stage. TESTANI MONICA Responsabile del servizio di prevenzione e protezione aziendale Applicazione al contesto reale delle metodologie di valutazione dei rischi oggetto del corso, in collaborazione con il servizio di prevenzione e protezione aziendale. ANAGNI LOCALITA' PADUNI MONICA TESTANI Telefono: 0775/ Pagina 8 di 12

9 Nome azienda: Descrizione soggetto: Forma giuridica: Natura giuridica: Sede: Legale rappresentante: Società a responsabilità limitata Privata Codice fiscale: Partita IVA: Settore: Dimensione: Numero addetti: Codice fiscale legale rappresentante: METAL TIRRENA S.R.L. COSTRUZIONE,INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI INDUSTRIALI ED IN PARTICOLARE LAVORI DI CARPENTERIA,TUBISTERIA, MECCANICA VIA UMBRIA 163/B, TARANTO (TA) Attività manifatturiere Piccola Impresa Da 50 a 249 addetti ALESSANDRO DI NATALE DNTLSN80M01F839Z to web: Riferimenti per contatto: CARMINE DI NATALE Tel.: 329/ Ruolo del partner: Progettazione: Dettaglio progettazione: Testimoni rappresentativi: Raccolta dati statici infortunistici dello specifico comparto lavorativo. Elaborazione casi di studio ed esercitazioni da effettuare in aula. Stage: Numero previsto di voucheristi in stage: Dettaglio attività Specifiche su sedi Nome: Cognome: Telefono: GRECO DOMENICO No Responsabile del servizio di prevenzione e protezione aziendale Nome azienda: Descrizione soggetto: Forma giuridica: Natura giuridica: Sede: PMI PIOMBINO S.r.l Società a responsabilità limitata Privata Data ultima modifica 26/07/ :44:58 COSTRUZIONE,INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI INDUSTRIALI ED IN PARTICOLARE LAVORI DI CARPENTERIA,TUBISTERIA, MECCANICA LOCALITA' FIORENTINA 5, PIOMBINO (LI) Pagina 9 di 12

10 Codice fiscale: Partita IVA: Settore: Dimensione: Numero addetti: Legale rappresentante: Codice fiscale legale rappresentante: Attività manifatturiere Piccola Impresa Da 50 a 249 addetti FRANCESCO PAOLO PIRRO PRRFNC73A08C129Q to web: Riferimenti per contatto: FRANCESCO PAOLO PIRRO Tel.: 338/ Ruolo del partner: Progettazione: Dettaglio progettazione: Testimoni rappresentativi: Raccolta dati statici infortunistici dello specifico comparto lavorativo. Elaborazione casi di studio ed esercitazioni da effettuare in aula. Stage: Numero previsto di voucheristi in stage: Dettaglio attività Specifiche su sedi Nome: Cognome: Telefono: CINCI PABLO No Responsabile del servizio di prevenzione e protezione aziendale Nome azienda: Descrizione soggetto: Forma giuridica: Natura giuridica: Sede: Legale rappresentante: Società a responsabilità limitata Privata Codice fiscale: Partita IVA: Settore: Dimensione: Numero addetti: VETUS MONTAGGI SRL COSTRUZIONE,INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI INDUSTRIALI ED IN PARTICOLARE LAVORI DI CARPENTERIA,TUBISTERIA, MECCANICA VIA LE PASTINE 87, SERMONETA SERMONETA (LT) Attività manifatturiere Piccola Impresa Da 16 a 49 addetti MAURIZIO SANTUCCI Codice fiscale legale SNTMRZ60C01C413T rappresentante: Pagina 10 di 12

11 Codice fiscale legale rappresentante: to web: Riferimenti per contatto: MAURIZIO SANTUCCI Tel.: 0775/ Ruolo del partner: Progettazione: Dettaglio progettazione: Testimoni rappresentativi: Elaborazione casi di studio ed esercitazioni da effettuare in aula, programma dello stage. Stage: Numero previsto di voucheristi in stage: 10 Dettaglio attività Specifiche su sedi Nome: Cognome: SANTUCCI MAURIZIO Datore di lavoro e responsabile tecnico Applicazione al contesto reale delle metodologie di valutazione dei rischi oggetto del corso, in collaborazione con il servizio di prevenzione e protezione aziendale. PATRICA VIA FERRUCCIA 40 MAURIZIO SANTUCCI Telefono: 348/ N totale partner: N partner in progettazione: N partner con testimoni aziendali: N partner per stage : N partner per stage localizzati in regioni/stati differenti: Edizioni Num. edizioni: 1 Dati principali edizione ID edizione: ID sede: 7404 Denominazione sede: SIPAR S.R.L. Provincia: FROSINONE Comune: FERENTINO Indirizzo: VIA CASILINA SUD 132/C Località: FERENTINO CAP: Telefono: 0775/ Fax: 0775/ Pagina 11 di 12

12 Riferimento accreditamento: Data scadenza iscrizione: 31/01/2013 Data avvio: 12/03/2013 Data fine prevista: 19/12/2013 Num. minimo Voucher: 8 Num. partecipanti max.: 20 Modalità svolgimento corso: Il corso si svolgerà con una cadenza di due sessioni di 4 ore ciascuna alla settimana dalle ore alle 19.00, nei giorni martedì e giovedì Specifiche su prove selettive: I corsisti saranno convocati il giorno 18 febbraio 2013 dalle 10 alle 12 per il test a risposta multipla e il giorno 20 febbraio 2013 dalle ore 09 alle ore 16 secondo un ordine alfabetico per un colloquio di verifica delle competenze. Accessibilità ID edizione: Accessibilità persone disabili: Specifiche accessibilità: Rampa di accesso, montascale a cingoli, servizi igienici per disabili Referente ID edizione: Nome: Cognome: CARMINE PARAGALLO Telefono: 0775/ Docenti e Testimoni rappresentativi ID edizione: Testimoni Docenti Nominativo Ore docenza PABLO CINCI 6 MONICA TESTANI 22 MAURIZIO SANTUCCI 22 DOMENICO GRECO 6 Nominativo Ore docenza MARIA BONADIES 8 LUCINA MERCADANTE 40 LEONARDO VITA 12 FRANCESCO GERI 64 CARMINE PARAGALLO 10 ANTONIO TERRACINA 16 ALDO PORRY PASTOREL 30 Pagina 12 di 12

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B

Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Guida alla compilazione del formulario Operazione Scadenza del 21/03/2012 azioni 2.A e 2.B Nota introduttiva I percorsi formativi che prevedono in esito il rilascio di un certificato di qualifica professionale

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO NELL'UNIONE EUROPEA Da dove nasce l'esigenza, per l'unione, di occuparsi di sicurezza sul lavoro? La sicurezza e la salute sul lavoro è uno degli aspetti più importanti

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof )

Corso ECM di formazione per gli operatori addetti alla gestione del Sistema Informativo sulle Malattie Professionali (Malprof ) Centro nazionale per r la Prevenzione e il Controllo delle Malattie Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro Dipartimento

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA

AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA AGGIORNAMENTO ON LINE LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI ALLA PERSONA 24 ottobre 2013 WEB CONFERENCE LEZIONE LIVE IN VIDEOCONFERENZA PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per l aggiornamento professionale

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro.

Behavior-Based BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro. Behavior-Based Based Safety (B-BS) BS) Riduzione degli incidenti e sviluppo della cultura della sicurezza agendo sui comportamenti nei luoghi di lavoro Italo Viganò Cosa causa gli incidenti Behavior &

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus

RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere Onlus ABC L alfabeto della solidarietà per educare alla pace e allo sviluppo nella nuova Europa Unita ONG-ED/2003/065-352/IT RAPPORTO FINALE Azione N. 2 - Corso on line divers@mente realizzato da: Voglio Vivere

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I

CORSO FORMAZIONE FOR O MA M TOR O I CORSO FORMAZIONE FORMATORI Una metafora per iniziare. Quando fai piani per un anno, semina grano. Se fai piani per un decennio, pianta alberi. Se fai piani per la vita, forma ed educa le persone. Proverbio

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane)

Alberta Riccio (Responsabile Qualità, Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane) ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Sistema di Gestione per la Sicurezza TITOLO DELLA SOLUZIONE Pianificazione della Manutenzione, Utilizzo di Software dedicato e Formazione per Addetti Manutenzione AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE

FORMAZIONE PROFESSIONALE FORMAZIONE PROFESSIONALE Le coperture a tutela dell impresa EDIZIONE 21 maggio 2014 DOCENZA IN WEBCONFERENCE PROGRAMMA La partecipazione è valevole ai fini IVASS per il conseguimento della formazione professionale

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011

ECOPED 2011. Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica. PISTOIA 27-30 Giugno 2011 Gruppo di Studio di Ecografia Pediatrica Società Italiana di Pediatria Corso di Perfezionamento in Ecografia Pediatrica ECOPED 2011 PISTOIA 27-30 Giugno 2011 PROGRAMMA DOCENTI E TUTORS Giuseppe Atti Carlo

Dettagli

LA GESTIONE EFFICACE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE

LA GESTIONE EFFICACE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LA GESTIONE EFFICACE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (Stampato nel 2000) INDICE Prefazione Introduzione Il contesto La riunione periodica Gli attori della riunione... I contenuti..

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO

APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO APPRENDISTATO PROFESSIONALIZZANTE NEL CCNL TERZIARIO L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani. Possono essere assunti in

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale

Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica. Evento Formativo Residenziale Dipartimento Cure primarie ed attività distrettuali S.C. Medicina di base e specialistica Evento Formativo Residenziale PREVENZIONE ONCOLOGICA IN MEDICINA GENERALE Savona Aulla Magna,, Pallazziina Viigiiolla,,

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO -

AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO - AUTOCERTIFICAZIONE DELL AGGIORNAMENTO INFORMALE - ATTIVITA PROFESSIONALE DI CUI ALL ALLEGATO A DEL REGOLAMENTO - (Art.5 c.1 e All.A del "Regolamento per l aggiornamento della competenza professionale"

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli