Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica"

Transcript

1 Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. 05_08.doc 1 R.I. 08/05 Aprile 2005

2 Foto di copertina: Cantiere edile, Copyright Agenzia Liguria Lavoro, Genova. 05_08.doc 2

3 Gli infortuni sul lavoro a Piacenza. P.Lega R.I. n 08/05 Aprile Premessa. Il fenomeno degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali è notoriamente un drammatico problema sociale ed economico a livello mondiale. Secondo le stime dell ILO (International Labour Organization, un agenzia specialistica delle Nazioni Unite), gli incidenti sul lavoro nel mondo sono ogni anno complessivamente 270 milioni, di cui mortali, e solo nel settore agricolo; ogni anno circa 2 milioni di persone muoiono per infortuni sul lavoro e malattie professionali, tra cui almeno bambini. I casi di malattie professionali sono 160 milioni ogni anno; in particolare, lavoratori muoiono a causa di sostanze tossiche, oltre ancora a causa dell amianto. Ogni anno il costo degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali è pari al 4% del PIL mondiale ( milioni di dollari). La perdita di PIL imputabile a decessi e malattie professionali è 20 volte superiore al totale dell aiuto dei paesi industrializzati ai paesi in via di sviluppo. Per numero di infortuni sul lavoro, l Italia si pone nella media europea. In Italia il numero totale degli infortuni sul lavoro negli anni tra il 2001 e il 2003 è complessivamente diminuito: secondo le statistiche dell Inail gli infortuni sono passati dai circa del 2002 ai circa del 2003, confermando la tendenza iniziata nel 2001: tuttavia occorre considerare che le denuncie Inail di infortunio sottostimano fortemente la situazione reale, a causa del rilevante peso che assume il lavoro nero particolarmente in Italia. Anche i casi mortali sono in diminuzione negli ultimi due anni: sempre secondo l Inail, siamo passati dai 1372 morti totali del 2001 ai 1290 morti del 2002, ai 1263 del In generale le attività a più alto rischio di infortunio sono quelle della metallurgia, della trasformazione, del legno e delle costruzioni. Le attività meno rischiose risultano, invece, essere quelle dell intermediazione finanziaria e dell istruzione. Il costo complessivo dei danni da infortunio professionale in Italia risulta prossimo ai 28 miliardi di euro. Le statistiche degli infortuni professionali sono state inserite come indicatore chiave tra gli indicatori di performance sociale del GRI, Global Reporting Inititative (1). 2 Materiali e metodi. Dal metadatabase dell OPS è possibile risalire alle banche dati Inail e Unioncamere che riportano dati sugli infortuni sul lavoro a livello provinciale; non è stato possibile trovare dati a livello comunale. La banca dati Inail riporta informazioni relative al periodo , mentre i fogli elettronici Unioncamere riportano i dati dal 1988 al 1999; a causa di alcune incongruenze tra le fonti, si è preferito far riferimento ai soli dati Inail relativi agli eventi denunciati nell ultimo quinquennio (2). 2.1 Infortuni a Piacenza. Il numero annuo di infortuni, per tutti i lavoratori e per i lavoratori maschi e femmine, per la provincia di Piacenza e le altre province dell Emilia Romagna, è riportato nelle 3 tabelle seguenti; i soli dati relativi alla provincia di Piacenza sono poi raffigurati in fig. 1. Dalle tabelle si può osservare che Piacenza presenta una media di circa 7000 infortuni lavorativi all anno, attualmente (2003) il valore più basso tra le province emiliane; l andamento del fenomeno nel quinquennio ha visto una crescita iniziale degli infortuni fino al 2001, una diminuzione nel 2002 ed un nuovo aumento nel 2003: il valore raggiunto nel 2003 è in ogni caso superiore al valore iniziale del 1999 del 5.3%, aumento che si verifica in misura diversa anche per Ferrara (+6.2%) e Rimini (+11.8%), 05_08.doc 3

4 mentre altre province fanno registrare una diminuzione degli infortuni agli estremi del quinquennio, con decrementi compresi tra zero e 5%. Prov./Anno: BOLOGNA FERRARA FORLI MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI EMILIA ROMAGNA Tab. 1 Emilia Romagna. Infortuni in tutti i settori, maschi e femmine, per provincia. (Fonte: Inail) Prov./Anno: BOLOGNA FERRARA FORLI MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI EMILIA ROMAGNA Tab. 2 Emilia Romagna. Infortuni in tutti i settori, solo maschi, per provincia. (Fonte: Inail) Prov./Anno: BOLOGNA FERRARA FORLI MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI EMILIA ROMAGNA Tab. 3 Emilia Romagna. Infortuni in tutti i settori, solo femmine, per provincia. (Fonte: Inail) 05_08.doc 4

5 8000 Provincia di Piacenza Infortuni sul lavoro f emmine maschi Fig. 1 Provincia di Piacenza. Infortuni in tutti i settori, maschi e femmine. (Fonte: Inail) L incremento del 5.3% degli infortuni a Piacenza agli estremi del quinquennio è comunque sensibilmente al di sopra dell incremento medio regionale (+1.3%). Va poi rilevato l incremento preoccupante degli infortuni nel corso dell ultimo anno a Piacenza (+2%), riscontrabile in misura diversa anche a Bologna (+12.7%) e a Rimini (+0.8%), mentre nelle altre province si riscontrano diminuzioni degli infortuni generalmente comprese tra 1 e 5%; anche a questo proposito l incremento di Piacenza (+2%) è sensibilmente superiore alla variazione media regionale (-0.1%). Dalla banca dati Inail si ricavano altresì le informazioni relative alle differenti gestioni infortunistiche: nella gestione Industria e Servizi sono compresi i casi di infortunio occorsi ai lavoratori per la cui tutela assicurativa il datore di lavoro paga un premio, calcolato sulla base delle retribuzioni erogate ai dipendenti e del tasso medio di tariffa corrispondente alla lavorazione esercitata; in questa gestione rientrano anche altre categorie di lavoratori (artigiani, apprendisti, soci di cooperative di facchini, insegnanti e studenti di scuole private...) il cui premio non è collegato alla retribuzione, ma è unitario, ed anche i lavoratori di aziende agricole di tipo industriale. La gestione Agricoltura comprende gli infortuni occorsi a lavoratori di imprese a carattere esclusivamente agricolo e non industriale. La gestione Conto Stato riguarda gli infortuni la cui tutela assicurativa non compete all INAIL che, comunque, tratta le relative pratiche per conto delle rispettive amministrazioni di appartenenza: rientrano in questa gestione i dipendenti delle amministrazioni centrali dello Stato e gli studenti delle scuole pubbliche. La ripartizione degli infortuni per categoria di gestione è riportata in tab. 4. Anno: Gestioni: n % n % n % n % n % Industria-Servizi % % % % % Agricoltura % % % % % Conto Stato % % % % % Totale % % % % % Tab. 4 Provincia di Piacenza. Ripartizione degli infortuni tra i settori di gestione Inail. (Fonte: Inail) La stragrande maggioranza degli infortuni riguarda la gestione Industria Commercio e Servizi, con una quota che era di quasi 86% nel 1999 e che si è approssimata all 89% nel 2003; in questa gestione il numero degli infortuni è aumentato dell 8.7% tra il 1999 e il 2003, e del 2.2% tra il 2002 e il Gli infortuni nella gestione Agricoltura sono invece progressivamente diminuiti, passando dal 12.8% del totale nel 1999 al 9.5% nel 2003; il numero degli infortuni dell Agricoltura è diminuito di 21.7% agli estremi del quinquennio e di 1.2% tra il 2002 e il 2003: la diminuzione va rapportata direttamente alla drastica riduzione degli addetti in agricoltura negli ultimi anni. Infine 05_08.doc 5

6 gli infortuni nella gestione Conto Stato rappresentano una quota marginale del totale (tra l 1.5 e il 2%), tuttavia preoccupantemente in forte aumento relativo: il numero di questi infortuni è salito da 97 a 137 agli estremi del quinquennio, con un incremento di 41.2%, e con un incremento di 12.3% tra il 2002 e il Anche all interno della gestione Industria Commercio e Servizi si osservano comunque differenze preoccupanti: mentre infatti nel settore delle imprese manifatturiere a Piacenza si assiste nel quinquennio ad una progressiva diminuzione del numero degli infortuni, passato dai 1660 del 1999 ai 1493 del 2003 con una riduzione del 10%, nel settore delle costruzioni si assiste invece ad un forte e progressivo aumento del numero, che passa dai 609 del 1999 ai 713 del 2003, con un incremento totale del 17% e con un incremento del 4% circa tra il 2002 e il 2003 (cfr. fig. 2). Provincia di Piacenza N di infortuni in alcuni settori Costruzioni Impr. Manifatt. Costruzioni Impr. Manifatt. Fig. 2 Provincia di Piacenza. Infortuni in alcuni settori (Costruzioni, Impr. manifatt.), totale maschi e femmine. (Fonte: Inail) Gli incrementi assoluti del numero di infortuni costituiscono in ogni caso un fattore di insostenibilità del sistema del lavoro; tuttavia per comprendere meglio il fenomeno, il numero di infortuni va rapportato alla dinamica dell occupazione, che presenta andamenti spesso molto diversi da provincia a provincia e da settore a settore. 2.2 Tasso di infortuni per occupati. I dati sull occupazione reperibili nelle banche dati statistiche di Unioncamere e della Regione Emilia Romagna sono approssimati alle migliaia: di conseguenza risulterà approssimato anche il rapporto tra numero di infortuni ed occupati. Nei corso dei cinque anni in esame, il numero degli occupati totali a livello regionale ha subito un progressivo incremento, passando da nel 1999 a nel 2003, con un aumento quindi del 6.1%; nelle singole province il fenomeno ha avuto invece andamenti diversificati, in funzione degli andamenti congiunturali dei settori produttivi localmente prevalenti. A Piacenza il numero degli occupati totali è passato da a tra il 1999 e il 2003, con un incremento quindi del 4.5%, ma con una fase di riduzione nel 2000; questa dinamica generale è stata dominata dalla significativa crescita delle donne occupate (4.000 unità in più nei 5 anni, seppure con oscillazioni), mentre gli uomini occupati sono rimasti pressoché costanti (variazioni entro le unità). L andamento del fenomeno è raffigurato nella successiva fig. 3. Il rapporto tra infortuni e occupati permette di comprendere meglio la dinamica del fenomeno; nella Regione Emilia Romagna il tasso totale di infortuni passa progressivamente da 81.2 infortuni/1000 occup. nel 1999 a 75.9 nel 2003, con una riduzione del 6.5%; la riduzione, che nella media regionale è continua e progressiva, risulta tuttavia differenziata in ogni provincia. Nelle province di Reggio e Ravenna l andamento è analogo a quello regionale; nelle province di Rimini e Bologna si 05_08.doc 6

7 assiste invece ad un incremento del tasso durante l ultimo anno (2003); nelle altre province si verificano oscillazioni di segno diverso. A Piacenza il tasso totale di infortuni è significativamente aumentato tra il 1999 e il 2000, passando da 61 a 65.3 infortuni/1000 occupati, per poi diminuire gradualmente fino al valore di 61.5 nel Provincia di Piacenza - Occupati in tutti i settori Femmine Maschi Fig. 3 Provincia di Piacenza. Occupati in tutti i settori, maschi e femmine. (Fonte: Unioncamere) Regione Emilia Romagna N di infortuni /1000 occup. - Maschi e Femmine BOLOGNA FERRARA FORLI MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI EMILIA ROMAGNA Fig. 4 Provincia di Piacenza. N di infortuni/1000 occupati, maschi e femmine. (Fonte: Unioncamere) Agli estremi del quinquennio si assiste a Piacenza ad un leggero incremento del tasso di infortuni (1%), al contrario dell andamento medio regionale; tuttavia la progressiva lenta riduzione del tasso nel corso degli ultimi 3 anni fa supporre la presenza di una dinamica positiva di effettiva attenzione al problema della sicurezza sul lavoro. Il calcolo del tasso di infortuni per occupati suddiviso per settore economico conferma invece e aggrava le preoccupazioni esposte in precedenza; per questo calcolo sono stati suddivisi gli infortuni in settori classificati come non determinati (a causa del cambio di codifica Istat negli ultimi anni) in eguale misura nell industria, nel commercio e nei servizi. Il risultato è illustrato in fig. 5. Come si può notare, gli infortuni in agricoltura che sembravano in termini assoluti in continua diminuzione nel periodo considerato, rapportati agli occupati del settore nell ultimo anno risultano invece in crescita relativa (anche se l arrotondamento alle migliaia del numero di occupati può esasperare le differenze, soprattutto nell agricoltura dove il numero di occupati è molto basso); inoltre il tasso di infortuni per occupati nell agricoltura risulta nettamente il più alto di tutti, attestandosi nel 2003 ad oltre 170 infortuni/1000 occupati, rispetto a valori tra i 40 e gli 80 infortuni/1000 occupati negli altri settori. Da rilevare inoltre la tendenza all aumento del tasso negli ultimi 3 anni nel settore delle costruzioni, per il quale si è già visto un incremento rilevante del 05_08.doc 7

8 numero assoluto di infortuni, ed un incremento del tasso nell ultimo anno anche nel settore del commercio, concomitante in questo caso ad una forte riduzione del numero di addetti (da a in un anno) Provincia di Piacenza N di infortuni/1000 occupati - Maschi e femmine Agricoltura Industria Costruzioni Commercio Servizi totale Fig. 5 Provincia di Piacenza. N di infortuni/1000 occupati per settore economico, maschi e femmine. (Fonte: nostra elaborazione da dati Inail e Unioncamere) Regione Emilia Romagna N di infortuni /1000 occup. - Femmine BOLOGNA FERRARA FORLI MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI EMILIA ROMAGNA Fig. 6 Provincia di Piacenza. N di infortuni/1000 occupati, femmine. (Fonte: nostra elaborazione da dati Inail e Unioncamere) Regione Emilia Romagna N di infortuni /1000 occup. - Maschi BOLOGNA FERRARA FORLI MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI EMILIA ROMAGNA Fig. 7 Provincia di Piacenza. N di infortuni/1000 occupati, maschi. (Fonte: nostra elaborazione da dati Inail e Unioncamere) E interessante inoltre considerare i tassi di infortuni per occupati suddivisi per sesso (fig. 6 e 7); l andamento del tasso per le donne mostra a Piacenza un drammatico incremento ad inizio periodo (2000), ma poi una modesta lenta diminuzione, passando dai 38.5 infortuni/1000 occupate del _08.doc 8

9 ai 36.8 del Il tasso maschile invece, oltre che rappresentare più del doppio di quello femminile, manifesta un leggero incremento durante l ultimo anno (da 78.3 a 79.1), evidenziando così un ulteriore segnale di allarme. Nel confronto con le altre province dell Emilia Romagna, Piacenza presenta il tasso in assoluto più basso per le donne, mentre per i maschi i tassi piacentini risultano superiori a quelli delle province di Ferrara e di Rimini, ed in aumento nell ultimo anno solo come nella provincia di Rimini. 2.3 Mortalità professionale. E utile infine stimare il grado di gravità degli incidenti sul lavoro nella nostra provincia, utilizzando la statistica degli incidenti mortali che l Inail rende disponibile per il settore dell Industria, Commercio e Servizi. Anno Infortuni mortali Tab. 5 Provincia di Piacenza. N totale di infortuni mortali. (Fonte: Inail) A causa dei piccoli numeri del fenomeno, le oscillazioni nel corso degli anni risultano molto rilevanti, tuttavia risulta drammaticamente evidente il quasi raddoppio degli infortuni mortali nel 2003 rispetto all anno precedente, mentre nel complesso dei 5 anni non si intravede un trend di diminuzione, seppure tra il 2001 e il 2002 il fenomeno si presentasse invertito. Anche in questo caso comunque è utile calcolare il tasso di infortuni mortali sul totale, espresso come n di infortuni mortali per 1000 infortuni, per tenere conto giustamente della dinamica del fenomeno nel suo complesso: i valori sono riportati nella tabella 6 seguente. Provincia/Anno: BOLOGNA FERRARA FORLI MODENA PARMA PIACENZA RAVENNA REGGIO EMILIA RIMINI EMILIA ROMAGNA Tab. 6 Provincia di Piacenza. N di infortuni mortali per 1000 infortuni. (Fonte: nostre elaborazioni su dati Inail) I dati evidenziano una situazione per diversi aspetti preoccupante: il tasso piacentino è quasi costantemente superiore al tasso medio regionale, anzi in alcuni anni è stato pari a più del doppio di quello regionale o comunque superiore a quello di tutte le altre province; inoltre mentre nella media regionale il tasso è rimasto stazionario per 3 anni ed è infine leggermente diminuito nel 2003, a Piacenza il tasso è quasi raddoppiato nel 2003 (2.1 infortuni mortali/1000) rispetto al 2002 (1.1 infortuni mortali/1000), restando comunque inferiore al livello di partenza del periodo (2.3), ma evidenziando una dinamica indubbiamente allarmante. 3 Conclusioni. Gli infortuni sul lavoro in provincia di Piacenza costituiscono un fenomeno sotto alcuni aspetti preoccupante ed insostenibile. Con riferimento al periodo dal 1999 al 2003, il numero assoluto di infortuni è aumentato sia agli estremi del periodo che durante l ultimo anno rispetto all anno precedente, sia rispetto al totale dei lavoratori che all insieme suddiviso per sesso. A ciò va aggiunto che nel corso dell ultimo anno è aumentato sia il numero assoluto di infortuni mortali (quasi raddoppiato rispetto al 2002), che la sua percentuale rispetto al totale degli infortuni, che 05_08.doc 9

10 assume così a Piacenza nuovamente il valore più alto delle province emiliane, mentre nel corso del 2002 questo tasso risultava lievemente inferiore alla media regionale. L indicatore più opportuno in merito per eseguire confronti omogenei, è tuttavia il tasso di infortuni rapportato al totale degli occupati. Considerando il fenomeno nel suo complesso, si assiste a Piacenza ad un leggero incremento del tasso di infortuni (+1%) agli estremi del quinquennio, al contrario dell andamento medio regionale; tuttavia la progressiva lenta riduzione del tasso nel corso degli ultimi 3 anni fa supporre la presenza di una dinamica positiva di ridimensionamento del fenomeno. Analizzando i tassi per settore economico, si può osservare un aumento del tasso di infortuni per occupati negli ultimi 3 anni nel settore delle costruzioni, nel quale si nota un incremento rilevante del numero assoluto di infortuni, ed un incremento del tasso nell ultimo anno anche nel settore del commercio e nell agricoltura. Anche il calcolo del tasso di infortuni per occupati suddiviso per genere mostra aspetti preoccupanti: mentre per le donne la dinamica del tasso nel tempo vede una diminuzione progressiva negli ultimi 3 anni, per i maschi si registra un lieve incremento durante l ultimo anno. 4 Bibliografia. (1) GRI, Sustainability Reporting Guidelines, Global Reporting Initiative 2002, scaricabile dal sito (2) INAIL, Infortuni sul lavoro e malattie professionali denunciate, Banca Dati Statistica, (3) Mr. Almunia, Sustainable Development Indicators to monitor the implementation of the EU Sustainable Development Strategy, Eurostat, Bruxelles 2005, STDEVIND_03/TAB /SEC(2005)161%20SDI%20COMMUNICATION%20EN.P DF 05_08.doc 10

La ricchezza prodotta a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale

La ricchezza prodotta a Piacenza. Rapporti Interni. Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale La ricchezza prodotta a Piacenza. 08_19.odt 1 R.I. 19/08 Novembre 2008 Questo report è stato redatto

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005

Alcuni spunti di interesse. sul fenomeno infortunistico 2004. Aggiornamento al 15.03.2005 Alcuni spunti di interesse sul fenomeno infortunistico 2004 Aggiornamento al 15.03.2005 Roma, 28 aprile 2005 A) Infortuni sul lavoro: le tendenze in atto Circa 940.000 infortuni denunciati nel 2004: i

Dettagli

La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni

La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. Rapporti Interni Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale 05_16.doc 1 La mortalità per causa e genere in provincia di Piacenza. R.I. 16/05 Settembre 2005

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

Le imprese a Bologna nel 2013

Le imprese a Bologna nel 2013 Le imprese a Bologna nel 2013 Aprile 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Stefano Venuti e Paola Ventura Le elaborazioni sono

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: Siamo sicuri che si può lavorare sicuri Identificativo della linea o delle linee di intervento generale/i: Prevenzione degli eventi infortunistici

Dettagli

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015

LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 2015 LA DINAMICA DELLE IMPRESE GIOVANILI, FEMMINILI E STRANIERE NEL 3 TRIMESTRE 215 Saldi positivi ma in leggera flessione Nel terzo trimestre 215 i saldi tra iscrizioni e cessazioni di imprese liguri giovanili,

Dettagli

L'associazionismo in provincia di Piacenza. Anno 2009. Rapporti Interni

L'associazionismo in provincia di Piacenza. Anno 2009. Rapporti Interni Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale L'associazionismo in provincia di Piacenza. Anno 2009. R.I. 03/09 Febbraio 2009 09_03.odt 1 Amministrazione

Dettagli

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI ANNO 2012 Giugno 2013 1 INDICE 1 Il mercato del lavoro provinciale secondo l Istat p. 3 1.1 Premessa 3 1.2 La partecipazione al mercato del lavoro

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community.

MUSEK WP N. 2. ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUSEK WP N. 2 ENERGY BASELINE ASSESSMENT AND TARGET-SETTING Sec status for local community. MUNICIPALITY OF RAVENNA Maggio 2007 Sommario Il Comune di RAVENNA...Errore. Il segnalibro non è definito. 1 L

Dettagli

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA

a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA Presentazione dei dati del 4 Studio sullo stato dell occupazione nella provincia di Messina a cura della CGIL e dell IRES CGIL di MESSINA 1 Nell ormai consueto

Dettagli

L intensità energetica della provincia di Piacenza.

L intensità energetica della provincia di Piacenza. Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Programmazione Territoriale e Urbanistica L intensità energetica della provincia di Piacenza. 04_18.doc 1 R.I. 18/04 Ottobre 2004 Foto

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini

Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Il fenomeno infortunistico in provincia di Rimini Aggiornamento 2011 Indice 1 - Le dinamiche generali e la crisi economica pag. 2 2 - Una prospettiva settoriale pag. 5 3 - I lavoratori stranieri pag. 7

Dettagli

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop Note e commenti n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop 1 L analisi sullo stock fa riferimento al totale delle imprese (coopera ve e non) a ve al 31 Dicembre

Dettagli

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche

Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Servizio Studi e Gestione Dati Divisione Studi e Statistiche Premi lordi contabilizzati a tutto il quarto trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO

LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FASI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Gennaio 2010 LE TENDENZE DEI PREZZI NELLE DIVERSE FA- SI DELLA FILIERA DEL FRUMENTO DURO Indice 1. LA DINAMICA DEI PREZZI NELLA

Dettagli

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano

La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano La comunità egiziana nel mercato del lavoro italiano Roma, 8 maggio 2014 www.lavoro.gov.it www.integrazionemigranti.gov.it www.italialavoro.it Indice: 1. Presenza e caratteristiche socio-demografiche della

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche

La congiuntura del credito in Emilia-Romagna. Direzione Centrale Studi e Ricerche La congiuntura del credito in Emilia-Romagna Direzione Centrale Studi e Ricerche 1 marzo 2015 Credito in lenta uscita dal ciclo negativo Il minimo del ciclo negativo dei prestiti è chiaramente alle spalle,

Dettagli

Aggiornamento luglio 2009

Aggiornamento luglio 2009 - Ufficio Studi - Aggiornamento luglio 2009 Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

Infortuni sul lavoro ANDAMENTI E STATISTICHE. 1. Il bilancio infortunistico 2011

Infortuni sul lavoro ANDAMENTI E STATISTICHE. 1. Il bilancio infortunistico 2011 ANDAMENTI E STATISTICHE Infortuni sul lavoro 1. Il bilancio infortunistico 2011 Nel 2011 prosegue e si conferma ulteriormente l andamento decrescente degli infortuni sul lavoro che è in atto nel nostro

Dettagli

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento al 30 giugno 2011 10 maggio 2012 Sistema informativosmail Emilia-Romagna Aggiornamento

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

P r o v i n c i a d i P i s t o i a

P r o v i n c i a d i P i s t o i a P r o v i n c i a d i P i s t o i a COMUNICATO STAMPA SI PRESENTA IL RAPPORTO ANNUALE DELL OSSERVATORIO SICUREZZA LAVORO: DATI 2008 DIMINUISCE IL NUMERO DEGLI INFORTUNI INDENNIZZATI Viene presentato oggi,

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI

IL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI Provincia di Rimini IL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI Per quanto riguarda l analisi del mercato del lavoro in provincia di Rimini, da diversi anni l Ufficio Studi della Camera di Commercio predispone

Dettagli

POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA

POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA POVERO LAVORATORE: L INFLAZIONE HA PROSCIUGATO I SALARI I SALARI ITALIANI FRA I PIÙ BASSI D EUROPA Roma, marzo 2007 1 Lontani ormai anni luce gli anni nei quali Bettino Craxi annunciava trionfalmente che

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i

D. Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata i D. i La Tabella 1 illustra le previsioni concernenti, il quadro economico e del mercato del lavoro con riferimento al settore. Il valore aggiunto totale aumenterà dell 8,5% dal 2014 al 2018, passando da

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Premi lordi contabilizzati al 1 trimestre 2013 dalle Imprese di assicurazione nazionali e dalle Rappresentanze per l Italia delle imprese

Dettagli

PRODUTTORI CONTRIBUENTI CONSUMATORI L INCIDENZA FISCALE DEGLI STRANIERI IN EMILIA-ROMAGNA NEL CORSO DEL 2007

PRODUTTORI CONTRIBUENTI CONSUMATORI L INCIDENZA FISCALE DEGLI STRANIERI IN EMILIA-ROMAGNA NEL CORSO DEL 2007 PRODUTTORI CONTRIBUENTI CONSUMATORI L INCIDENZA FISCALE DEGLI STRANIERI IN EMILIA-ROMAGNA NEL CORSO DEL 2007 a cura dell Osservatorio regionale sul fenomeno migratorio (ottobre 2009) Premessa L apporto

Dettagli

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono

superiore verso gli esercizi complementari, le cui quote di mercato risultano comunque largamente inferiori a quelle degli alberghi, che raccolgono 13. Turismo Il turismo nel comune di Roma si conferma uno dei principali assi di sviluppo del territorio, costituendo, all interno del sistema economico e sociale, un elemento centrale di crescita, che

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

MERCATO DEL LAVORO. Premessa

MERCATO DEL LAVORO. Premessa MERCATO DEL LAVORO L Ufficio Studi della Camera di Commercio di Rimini predispone da diversi anni una serie di approfondimenti (al 31 dicembre di ogni anno) sulle principali caratteristiche mercato del

Dettagli

Rapporto Annuale 2011. Parte quarta/statistiche Infortuni e malattie professionali

Rapporto Annuale 2011. Parte quarta/statistiche Infortuni e malattie professionali Rapporto Annuale 2011 Parte quarta/statistiche Infortuni e malattie professionali Roma, luglio 2012 INAIL Rapporto Annuale 2011 Andamenti e statistiche. Infortuni e malattie professionali Dati ed elaborazioni

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Il Mezzogiorno usufruisce solo del restante 16,2%

Il Mezzogiorno usufruisce solo del restante 16,2% Il rapporto elaborato dall Ufficio Studi Confartigianato relativamente all andamento del credito nel nostro Paese evidenzia una serie di criticità particolarmente accentuate per ciò che concerne la capacità

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili QUADERNO tecnico n.2 2015 dell edilizia n.3 2015 FUORI DAL TUNNEL primo identikit delle imprese edili sommario Introduzione p. 3 Le cartine di tornasole dell edilizia p. 4 I segnali positivi p. 5 Identikit

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016

L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE. Edizione 2016 L ASSICURAZIONE ITALIANA IN CIFRE Edizione 2016 L industria assicurativa italiana fornisce un contributo significativo all economia e alla società, mettendo a disposizione una vasta gamma di servizi per

Dettagli

In copertina: trasloco. Copyright:http://blog.donnamoderna.com/mommypride/files/2009/06/trasloco.jpg. 09_21.odt 2

In copertina: trasloco. Copyright:http://blog.donnamoderna.com/mommypride/files/2009/06/trasloco.jpg. 09_21.odt 2 Rapporti Interni Amministrazione Provinciale di Piacenza Servizio Pianificazione Territoriale e Ambientale La popolazione sotto il livello di povertà. 09_21.odt 1 R.I. 21/09 Dicembre 2009 Questo rapporto

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO

ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO ENTE BILATERALE TURISMO Della Regione Lazio OSSERVATORIO DEL MERCATO DEL LAVORO NEL SETTORE TURISTICO 1 Rapporto 2007 sulla occupazione nelle imprese ricettive, di viaggi e di ristorazione della Provincia

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

ANALISI CRITICA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI QUILIANO E VADO LIGURE

ANALISI CRITICA DELLA DOCUMENTAZIONE TECNICA RELATIVA ALLA CENTRALE TERMOELETTRICA DI QUILIANO E VADO LIGURE 6.1 Salute umana Dall analisi della documentazione di progetto sottoposta ad autorizzazione emerge come la tematica della Salute Umana sia stata affrontata in modo inadeguato, ovvero con estrema superficialità

Dettagli

Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna

Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna Report sugli infortuni professionali in provincia di Ravenna a cura del Dipartimento di Sanità Pubblica: Staff di Epidemiologia e Comunicazione Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro.

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE

PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE PARTE I IL FENOMENO DELL INVECCHIAMENTO NELLA CONDUZIONE AZIENDALE Il fenomeno dell invecchiamento nella conduzione aziendale 1. I CONDUTTORI AGRICOLI NELL UNIONE EUROPEA Secondo i più recenti dati disponibili

Dettagli

K. Attività finanziarie e assicurative i

K. Attività finanziarie e assicurative i K. i La Tabella 1 illustra le previsioni concernenti, il quadro economico e del mercato del lavoro con riferimento al settore. Il valore aggiunto totale aumenterà del 6,0% dal 2014 al 2018, passando da

Dettagli

VARIABILI MACROECONOMICHE Graf. 2.1 La provincia di Modena è notoriamente caratterizzata da una buona economia. Ciò è confermato anche dall andamento del reddito procapite elaborato dall Istituto Tagliacarne

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento

IL SETTORE. COSTRUZIONI in provincia di Trento 26 marzo 2013 IL SETTORE DELLE COSTRUZIONI in provincia di Trento il contesto economico Nel 2012 l area dell euro è nuovamente in recessione, con una riduzione del Pil pari allo 0,6%; si stima che permanga

Dettagli

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.

Torino I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 872.367 2.247.780. Superficie (km 2 ) 130,2 6.830,3 Densità (ab. per km 2 ) 6. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 872.367 2.247.78 Superficie (km 2 ) 13,2 6.83,3 Densità (ab. per km 2 ) 6.71,8 329,1 a cura del Servizio Statistica e Toponomastica Città

Dettagli

Rapporto Economia Provinciale 2011. Edilizia

Rapporto Economia Provinciale 2011. Edilizia Rapporto Economia Provinciale 2011 129 Edilizia Edilizia 131 Dati di stock Al 31 dicembre 2011 le imprese attive iscritte al Registro Imprese alla Sezione Ateco 2007 F- Costruzioni sono 3.498, con un

Dettagli

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese

1 Università di Trento ed Euricse 2 Università dell Insubria, Varese Nel corso degli ultimi anni diversi studiosi e responsabili di importanti istituzioni hanno sostenuto che le cooperative hanno reagito alla crisi in corso meglio delle altre forme di impresa. La maggior

Dettagli

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015

CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 CONGIUNTURA FRIULI VENEZIA GIULIA Consuntivo 3 trimestre 2015 e previsioni 4 trimestre 2015 Udine, 20 novembre 2015 Corso Vittorio Emanuele II, 47-33170 Pordenone - Tel. +39 0434 381211 - fax +39 0434

Dettagli

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI

L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI L ISTRUZIONE UNIVERSITARIA NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1) GLI STUDENTI UNIVERSITARI RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI RIMINI 1 Nell anno accademico 2003/2004 i riminesi iscritti a Corsi di Laurea (vecchio e nuovo

Dettagli

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni.

Tasso di occupazione per fasce di età. Provincia di Piacenza, 2009 90,3 83,1 77,7 27,6 16,4. 15-24 anni. 25-34 anni. 45-54 anni. La situazione occupazionale dei giovani in provincia di Piacenza Premessa Una categoria di soggetti particolarmente debole nel mercato del lavoro è rappresentata, di norma, dai lavoratori di età più giovane

Dettagli

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna

Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Benchmarking della società dell informazione in Emilia-Romagna Diffusione e modalità di utilizzo dello Sportello Unico per le Attività Produttive online (SUAP) Settembre 2015 Il presente documento è stato

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO

MORTALITA dal 1971 al 2006 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO MORTALITA dal 1971 al 26 NEL COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Fonte dei dati: Registro di Mortalità Regionale toscano [dati presentati il 27 maggio,28] 1 Mortalità generale Andamento temporale 1971-26 I

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012

I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Lombardia Statistiche Report N 2 / 14 aprile 2014 I consumi delle famiglie in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2012 Sintesi La spesa media per consumi delle famiglie lombarde nel 2012 è di

Dettagli

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013

L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 2013 CAMERA DI COMMERCIO DI FIRENZE L INTERMEDIAZIONE FINANZIARIA Il credito in provincia di Firenze al terzo trimestre 213 U.O. Statistica e studi III 213 Da questo trimestre inizia la pubblicazione di un

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Luglio 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993

Dettagli

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE

DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE DOSSIER STATISTICO IMMIGRAZIONE 2011 - SCHEDA SU LOMBARDIA E AREA MILANESE Le presenze straniere in regione I residenti Secondo i dati Istat, a fine 2010 i residenti stranieri in Lombardia sono 1.064.447,

Dettagli

13 Rapporto sulle Retribuzioni in Italia

13 Rapporto sulle Retribuzioni in Italia Febbraio 2012 13 Rapporto sulle Retribuzioni in Italia Il 13 Rapporto sulle retribuzioni in Italia 2012 fornisce nel dettaglio le informazioni sul mercato delle professioni ed offre una rappresentazione

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio PRIMO TRIMESTRE/ 211 Lavoro occasionale di tipo accessorio I trim 211 gennaio 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell

Dettagli

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO Ottobre 2012 Indice Notiziario Corriere della Sera Quando il lavoro aiuta gli studi La Repubblica Precari under 35 raddoppiati in 8 anni e la laurea vale come un diploma tecnico

Dettagli

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 2.617.175 3.997.465 Superficie (km 2 ) 1.37,7 5.381, Densità (ab. per km 2 ) 2.1,3 742,9 a cura dell Ufficio di Statistica e Censimento Marketing

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro

Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Centro Studi Unindustria & CSC Indagine Confindustria sul Mercato del Lavoro Novembre 2013 SOMMARIO L Indagine Occupazione Assenze Retribuzioni 1 L Indagine Imprese associate al Sistema Confindustria Struttura

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna

TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna TrendRa, l'indagine di CNA sull andamento economico e occupazionale dell artigianato a Ravenna Venerdì 9 Ottobre 2015 Si intravede qualche segnale di ripresa, ma i principali indicatori economici rimangono

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

economico congiunturale

economico congiunturale indicatori Economica Numero 6 novembre-dicembre 55 Osservatorio economico congiunturale indicatori ll punto sull economia della provincia di 56 Economica Numero 6 novembre-dicembre I RISULTATI DI BILANCIO

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE

1. Il sistema imprenditoriale IL SISTEMA IMPRENDITORIALE IL SISTEMA IMPRENDITORIALE 1 1.1 Le imprese attive per settore e forma giuridica Nei primi tre mesi del 2015 risultano iscritte nel Registro Imprese della Camera di Commercio di Lodi 21.784 posizioni,

Dettagli

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica

Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Servizio Rapporti Internazionali e Studi Sezione Studi e Statistica Statistiche relative alla gestione dei rami: 1. Infortuni; 2. Malattia; 8. Incendio ed elementi naturali; 13. Responsabilità civile generale

Dettagli

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico

BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico BOX 2.1. La diffusione territoriale del lavoro atipico La diffusione delle forme di occupazione atipica e le loro caratteristiche sono piuttosto diversificate a livello territoriale, riflettendo il divario

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA

IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA Aggiornamento al 31 dicembre 2011 30 ottobre 2012 Sistema informativo SMAIL Emilia Romagna

Dettagli

BILANCIO Incidenza produzione/consumi

BILANCIO Incidenza produzione/consumi CAPITOLO 4 QUADRO ENERGETICO DEL COMUNE DI CESENA 4.1 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE 4.1.1 Bilancio energetico complessivo Tabella 4.1 : bilancio energetico comunale [tep] 2008 [tep] 1 Consumo energia elettrica

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

Per i giornalisti / Dossier e speciali / Donne, lavorare in sicurezza

Per i giornalisti / Dossier e speciali / Donne, lavorare in sicurezza TAVOLA 1-2012: DONNE E LAVORO Dati Istat/Inail Maschi Femmine Totale % Femmine sul Totale Popolazione Popolazione di 15 anni e oltre 25.019.458 26.975.331 51.994.789 51,9 Occupati (Media 2012) 13.440.545

Dettagli