Il monitoraggio dell esperienza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il monitoraggio dell esperienza"

Transcript

1 UX Monitoring Il monitoraggio dell esperienza Francesca Di Mari Michela Perotti evolving experience sketchin.ch

2 La sapienza è figliola dell esperienza - Leonardo Da Vinci, Codices Forster Introduzione Nell era del consumatore sempre più spesso le persone adottano e restano fedeli a prodotti e servizi che fanno vivere loro delle buone esperienze e, di conseguenza, garantiscono il successo di quelle organizzazioni che sono capaci di offrirne. È quindi necessario individuare strumenti di valutazione rigorosi e concreti per poter stimare la qualità dell esperienza offerta e per poter in questo modo tracciare chiaramente una via verso il miglioramento delle proprie performance di business. Il Monitoraggio UX è un protocollo ideato da Sketchin per valutare la qualità dell esperienza d uso e consumo, per individuarne gli ostacoli e le opportunità e per restituire sia al design che al product management una serie di suggerimenti pratici per la sua evoluzione e il suo miglioramento. Misurare costantemente consente quindi di verificare l efficacia delle proprie scelte per poter offrire ai propri clienti prodotti e servizi di qualità e contraddistinti da un durevole successo. 2

3 1. L esperienza d uso e di consumo 1.1 Che cos è l esperienza Tutto è esperienza, l esperienza si genera ogni volta che le persone interagiscono con il mondo. Con il termine si designa una dimensione personale, soggettiva, necessariamente plurale e per questo dai contorni estremamente sfumati. Tuttavia la qualità dell esperienza fatta da ciascuno di noi definisce il nostro rapporto con le altre persone, con le cose e con le situazioni, influenza le nostre scelte e le condiziona. Il nostro giudizio deriva dall interazione fra le informazioni che ricaviamo dalle esperienze che facciamo e la proiezione dei ricordi su quello che stiamo vivendo, come in un circuito 1. Quando ciascuno di noi pensa al futuro, si crea delle aspettative sui fatti che stanno per accadere, sulle esperienze che si accinge a fare, si crea delle prefigurazioni o meglio costruisce memorie anticipate sulla base delle vicende che ha già vissuto 2. Le cose e i fatti di cui possiamo fare esperienza sono tantissimi: esperienze interiori, esperienze affettive, esperienze di apprendimento... la filosofia ci si è applicata con passione, fin da quando ci è dato sapere. In questo articolo ci concentreremo sul cuore del nostro lavoro a Sketchin, ossia sulle esperienze che gli utenti possono fare con prodotti e servizi digitali, o con prodotti e servizi mediati dalla tecnologia digitale. Molte delle considerazioni che seguono, tuttavia, si applicano altrettanto bene a contesti non tecnologici, considerano l esperienza come fenomeno e non solo in relazione ai contesti in cui si origina. Per noi, l esperienza d uso (UX) e di consumo (CX) è quello che una persona prova quando interagisce con un prodotto, un sistema, un servizio o un brand, prima - l aspettativa-, durante -l esperienza- e dopo -il ricordo- l acquisto e l uso. UX CX prodotto / sistema / servizio Aspettativa Esperienza d uso Ricordo Fig.1 - L esperienza d uso e di consumo: è quello che una persona prova quando interagisce con un prodotto, un sistema, un servizio o un brand. 1. Bergson H.; Matière et mémoire (1896), tr. Adriano Pessina, Materia e memoria, Laterza, Bari-Rona, Il Nobel per l economia Daniel Kahneman in un celebre discorso al TED ha affermato che il nostro sé si compone di esperienze: c è una parte di noi che vive delle esperienze, che vive nel presente e poi c è il sé che si ricorda e che come un cantastorie ci racconta la nostra vita. 3

4 Data la complessità dell ambito, è facilmente comprensibile come l esperienza d uso vada ben oltre gli aspetti meramente funzionali e abbia una pluralità di dimensioni più qualitative come componenti emotive, sociali e culturali, tutte determinanti nel definirne la qualità complessiva. 1.2 Perché l esperienza è importante I sistemi digitali ricoprono un importanza crescente nella nostra vita quotidiana: non solo interagiamo quasi costantemente con prodotti e servizi di questo genere, ma sempre più prodotti analogici hanno componenti immateriali, dalle automobili alle cucine, dalle lavagne fino ai portavasi intelligenti per le piante... Proprio la pervasività della tecnologia digitale richiede che quest ultima risponda in maniera dotata di senso quando le persone hanno a che fare con essa, ed è proprio qui che la capacità di fare vivere alle persone una buona esperienza d uso e di consumo diventa fondamentale, così come la capacità di progettare artefatti che la influenzano. La transizione verso un economia dell esperinza è iniziata quando alcune imprese lungimiranti hanno cominciato a offrire ai propri clienti esperienze memorabili come parte del loro business. L attenzione alla qualità dell esperienza, anche in ambito economico, ha assunto una crescente importanza dagli anni 70 in poi, fino ad arrivare a oggi, quando il termine è diventato di gran moda 3. La transizione verso un economia dell esperienza è iniziata quando alcune imprese lungimiranti hanno cominciato a offrire ai propri clienti esperienze memorabili come parte del loro business. Il dischiudersi di questo nuovo orizzonte economico ha portato con sé la consapevolezza che le esperienze che i clienti e gli utenti vivono rappresentano la chiave di volta del successo di un organizzazione. Nell era del consumatore 4 sempre più spesso le persone adottano e restano fedeli a prodotti e servizi che fanno vivere loro delle buone esperienze e, di conseguenza, garantiscono il successo di quelle organizzazioni che sono capaci di offrirne. 3. Pine II B. J., Gilmore J. H.; L economia delle esperienze. Oltre il servizio; Milano, Etas, Bodine K., Dorsey M., Why Customer Experience? Why Now?, Forrester, 2011Cfr. 4

5 Ne sono la prova gli straordinari risultati di business di Starbucks, Apple, McDonald s, Tesco solo per citarne alcuni. Una buona esperienza, in un futuro non troppo lontano, rappresenterà il discrimine tra il successo e il fallimento di prodotti e servizi digitali. Ciascuna di queste realtà ha progettato gli artefatti e i servizi che generano le esperienze che i suoi clienti vivono, rendendole uniche, seducenti, dotate di senso e di un valore per cui le persone sono disposte a pagare, insomma fino a farle diventare una parte costitutiva dell identità personale 5. Un esempio su tutti è Nespresso: un brand che ha puntato tutto sull esperienza d uso e di consumo come parte del sé dei suoi clienti. 5. Il sociologo ed economista James Rifkin ha teorizzato questo stesso concetto quando ha parlato dell era dell accesso. Secondo Rifkin la forma più piena di cittadinanza globale, che segna la differenza tra esclusione ed inclusione nella società contemporanea, non è legata alla proprietà di beni materiali, ma alla possibilità di essere partecipi di esperienze ottimali. 5

6 1.3 Le dimensioni dell esperienza Numerose ricerche hanno dimostrato che prodotti e servizi in grado di offrire esperienze d uso superiori in termini di utilità, semplicità, piacevolezza 6 sono più utilizzati, apprezzati e divulgati, quindi di maggior successo. Questo non è vero solo nei tempi moderni, ma tali dimensioni si rifanno quasi direttamente ai canoni dell architettura vitruviana 7 di firmitas, utilitas e venustas. Un edificio ben fatto, secondo il grande Vitruvio, deve essere solido, soddisfare le esigenze dei suoi abitanti e, allo stesso tempo, essere piacevole e suscitare emozioni positive nelle persone. Possiamo accostare queste dimensioni alle componenti di una storia ben riuscita: la trama, l intreccio, lo stile 8. Utilità: è la trama dell esperienza. La trama è la successione degli eventi necessari allo svolgimento della storia, rappresenta la successione logica e cronologica degli avvenimenti di una narrazione. Allo stesso modo, l utilità ha a che fare con la capacità di soddisfare le esigenze delle persone e rendere loro possibile conseguire gli obiettivi che si erano prefissati. È la successione dei passi ritenuti dall utente necessari e sufficienti per assolvere un compito. Prendiamo come esempio il modulo di ricerca di Google: la sua utilità è evidente perché assolve un unica funzione - la ricerca - consentendo alla persona di cercare informazioni in modo efficace, senza farlo incappare in errori o fraintendimenti. Semplicità: è l intreccio dell esperienza. Così come l intreccio è la successione con cui gli eventi vengono presentati, l equilibrio tra le vicende, la capacità di gestire la suspense e i rivolgimenti della storia, allo stesso modo la semplicità ha a che fare con l ordine nella complessità delle informazioni, con la chiarezza sia del contenuto che dell aspetto. Per semplicità si intende la capacità di far vivere alle persone esperienze memorabili e chiare, senza gravarle di un carico cognitivo eccessivo, senza farle smarrire in informazioni ridondanti, confuse, involute. Servizi semplici, funzioni semplici e focalizzate sull obiettivo che il prodotto o il servizio intende raggiungere. La ricerca di Google, nuovamente, è un ottimo esempio di semplicità: un unico campo chiaro, impossibile da non vedere, non ambiguo, che nasconde dietro le quinte l enorme complessità su cui si fonda: sfidiamo chiunque a fare confusione! 6. Sanders E.B.N, Converging Perspectives: product development research for the 1999s, Design Management Journal, Vol. 3, N.4, Riddle R., The 3 Elements of Good Design: Usability, Utility and Desirability, ZurBlog, Marco Vitruvio Pollione, De Architectura, Einaudi, Torino, Aristotele, Poetica, a cura di Pierluigi Donini, Einaudi, Torino

7 Piacevolezza: è l analogo dello stile. Ossia il modo in cui gli eventi vengono raccontati, il tono, il registro, la scelta dei termini. La piacevolezza ha a che fare con il piacere che deriva dall interazione - sia che derivi dall uso che dal possesso - con quel particolare prodotto o servizio. Google è un perfetto esempio di piacevolezza: la ricerca solletica la nostra curiosità e di tanto in tanto compare un doodle per divertirci e farci scoprire fatti o personaggi importanti. Per essere davvero buona, un esperienza deve essere naturale, intuitiva, trasparente, autoesplicativa e deve far sentire le persone a proprio agio con i prodotti che stanno usando o con i servizi di cui usufruiscono. Continuando con la metafora del racconto, deve accadere un po come quando si legge un bel libro e ci si immerge totalmente nella storia, dimenticandosi sia del narratore che dell autore che ha pensato quella vicenda per noi 9. In una storia che si rispetti non bisogna mai trascurare la fine: ci ricordiamo dei finali che ci hanno sorpreso, coinvolto ed emozionato; inoltre ci affezioniamo soprattutto a quei libri che hanno un finale appassionante, invece non ci piacciono le conclusioni inconsistenti, contraddittorie, banali o sciatte - per tacer delle brutte 10. Allo stesso modo, una buona esperienza d uso deve essere contraddistinta da un finale memorabile e appagante, così che gli utenti traggano la massima soddisfazione da quello che hanno appena vissuto e intendano ripetere l esperienza, magari suggerendola ad altri. Le buone esperienze sono quindi quelle che superano le aspettative delle persone, offrendo loro un valore superiore a quello che si aspettavano di ricevere e uscendo così dall area della mediocrità 11 per entrare in quella del successo. 9. Norman, A.D.; Il computer invisibile. La tecnologia migliore è quella che non si vede; Apogeo; Milano; Hormess M., Lawrence A.; Boom! Wow. Wow! WOW! BOOOOM!!!; Touchpoint Vol.4, N.2; Service Design Netowork, Coulogne, Zeithaml V., Parasuraman A., Berry L.L.; Delivering Quality Service: Balancing Customer Perception and Expectations; Free Press; New York;

8 2. L importanza della misurazione 2.1 Perché valutare l esperienza L esperienza è complessa, personale, soggettiva e una sua valutazione è un compito arduo, ma, d altra parte, si moltiplicano le ricerche che attestano come sia proprio la qualità di questa a fare da spartiacque tra il successo e il fallimento di prodotti o servizi digitali 12. Basta un esempio per dare la misura del rischio che corrono i prodotti e i servizi che offrono un esperienza mediocre: tutti usano Google come come parte della propria vita quotidiana - senza urla di giubilo o particolari entusiasmi - e nessuno si ricorda dei tanti motori di ricerca che lo hanno preceduto e che sono scomparsi scivolando nell oblio. Fino ad ora abbiamo nominato le buone esperienze, ma il termine buono implica un giudizio o una valutazione comparativa. Buono o cattivo rispetto a cosa? Ciascuno di noi è in grado di valutare la qualità delle esperienze che vive, spesso in modo istintivo e squisitamente qualitativo, tuttavia, se la qualità della esperienza d uso e di consumo è così importante per la sopravvivenza, prima ancora che per il successo, di un prodotto o un servizio, occorre prevedere strumenti di valutazione più rigorosi e concreti. 2.2 Vantaggi per il design e per chi gestisce il progetto In Sketchin ci occupiamo di comprendere e progettare esperienze per gli utenti. Ogni giorno analizziamo, osserviamo, esploriamo, progettiamo per le persone e con le persone. Lo sviluppo dei progetti inizia con la mappatura della situazione attuale per poter individuare le opportunità verso cui evolvere. Ed è proprio in questa fase che serviva uno strumento adatto per poter misurare l esperienza. Era necessario trovare un metodo che consentisse di conciliare da un lato l analisi del comportamento delle persone per individuare i problemi e le opportunità e dall altro fornire al product management uno strumento per governare le principali scelte strategiche. Una conciliazione ambiziosa considerando che nella maggior parte dei casi la progettazione centrata sull utente e gli obiettivi di business non sono considerati come le due facce di una stessa medaglia, ma anzi vengono trattati come aree rigorosamente separate. 12. Eckert P.; 2016: The User Interface Revolution Underway; article n.624; UXmagazine,

9 Una valutazione sistematica e di lungo periodo, quindi non estemporanea, dell esperienza d uso e di consumo presenta indubbi vantaggi sia per quanti, come i progettisti, la devono concepire e panificare, sia per chi desidera fondare su di essa un business profittevole. Per i designer, avere una valutazione sintetica della qualità dell esperienza che le persone vivono attraverso i prodotti e i servizi progettati rappresenta un indicatore dell efficacia del loro lavoro. Una valutazione dell esperienza diventa fondamentale nel caso in cui si affrontino progetti vasti e complessi adottando approcci basati sul design evolutivo, Lean o Agile: nel momento in cui si rilascia una prima versione del prodotto o del servizio, la capacità di recepire feedback e individuare i punti forti o le criticità dell esperienza vissuta dagli utenti si rivelano essere una guida fondamentale per una solida futura evoluzione dell offerta 13. Inoltre l esperienza d uso e di consumo di un utente varia nel tempo, al mutare delle condizioni, del contesto e anche in funzione dell abitudine, per questo è importante valutarne la qualità in un lasso di tempo sufficientemente lungo da ammettere trasformazioni e mutamenti, magari ripetendo a cadenza regolare gli interventi di misurazione. Infine, avere un informazione sintetica sulla qualità dell esperienza d uso fornisce anche indicazioni sulla coerenza con gli obiettivi di business del cliente che ha commissionato il progetto. Come per i designer, anche il product management e i clienti traggono un vantaggio strategico dalla valutazione dell esperienza. In primo luogo, stimare la qualità dell esperienza che gli utenti finali vivono fornisce precise indicazioni sui punti di forza e di debolezza della propria offerta, può inoltre definire le priorità degli interventi per poter raggiungere gli obiettivi di business che ci si era posti sulla base delle indicazioni oggettive acquisite attraverso una rilevazione costante e sistematica, ricavando insight fondamentali 14 per governare nel tempo il cambiamento. Una valutazione dell esperienza d uso che si offre ai propri utenti traccia quindi una via verso il miglioramento delle proprie performance, avendo come risultato il successo duraturo della propria iniziativa di business. 13. Mascaro Luca, Evolutive Experience Design, Sketchin, Lugano, Klein L.; UX for Lean Startup. Faster, smarter User Experience, Research and Design; O Reilly, Sebastopol CA; Polaine A., Løvlie L., Reason B.; Service design. From Insight to implementation; Rosenfeld Media, Brooklyn, NY,

10 2.3 Misurare l esperienza: bisogno e criticità Misurare l esperienza d uso e di consumo non è semplice soprattutto a causa della natura astratta e multiforme dell oggetto indagato. Rinunciare a farlo di fronte all indubbia difficoltà dell impresa, tuttavia, ci lascerebbe ciechi di fronte alla necessità di prendere delle decisioni circostanziate ed efficaci. La difficoltà è anche la base di una delle grandi obiezioni poste di fronte a un approccio analitico all esperienza: se già è complicato definire che cosa si intende per esperienza, tentarne una stima è pura fantasia. Noi siamo di diverso avviso: trovare una misura oggettiva per l esperienza d uso e di consumo è ovviamente impossibile, non c è scala, metro, bilancia che tenga. Tuttavia è possibile pensare a indicatori in grado di fare una stima della sua qualità. Un costrutto complesso può essere scomposto in concetti più specifici, i quali, a loro volta possono essere scomposti in altri ancora più semplici ed osservabili e così via, fino a costruire una matrice di indicatori che, tutti insieme, concorrono a definire il costrutto originario 15. Se non è possibile un approccio totalmente quantitativo alla misurazione dell esperienza, quello opposto, totalmente qualitativo, sarebbe altrettanto fallace: sarebbe basato solo sulle impressioni personali, effimere e troppo soggettive e ci lascerebbe in balia del mare dell approssimazione. Come è possibile allora affrontare la questione? Come misurare l esperienza in modo sistematico ed efficace? 15. Lazarsfeld P.F.; Dai concetti agli indici empirici in Cardano M., Miceli R. (a cura di) Rosemberg & Sellier. Torino,

11 3. Il monitoraggio UX Abbiamo risposto a questa domanda sviluppando il Monitoraggio UX: uno strumento introdotto per misurare l esperienza e poterla evolvere. Il protocollo si è trasformato grazie ai risultati ottenuti e nel tempo si è affinato così da poter essere esteso a qualsiasi tipo di progetto. Per sviluppare il monitoraggio UX è stata vagliata la letteratura alla ricerca di informazioni che ci potessero sostenere in questa sfida. Sono state raccolte le nozioni e i dati riguardanti i vari elementi costitutivi dell esperienza, identificando le principali scale di misurazione sviluppate nel corso degli anni. Durante questa prima fase è stato evidente come ogni esperto, o team di esperti, aveva dato la sua interpretazione in base alla sua esperienza professionale. Ciascuno dei moltissimi modelli presenti in letteratura presentava pregi e difetti, ma nessuno era adeguato alle nostre necessità. È stata quindi costruita la nostra matrice di valutazione prendendo come riferimento le teorie sviluppate dallo psicologo Daniel Kahneman, premio Nobel per l economia nel I suoi studi sono stati focalizzati sulla comprensione delle scelte degli esseri umani e sui loro effetti, un approccio che si divide tra l aspetto umanistico e quello economico. Il nostro protocollo si basa sulle sue curve di esperienza 16 perché permettono di analizzare il flusso esperienziale delle persone 17, mettendo in risalto gli ostacoli che queste incontrano e le opportunità di sviluppo. Questi concetti sono stati quindi collegati alle tre principali dimensioni dell esperienza: l utilità, la semplicità e la piacevolezza. L insieme di queste tre metriche è determinante per assicurare alle persone una buona esperienza di utilizzo 18. Per ciascuna di queste sono state individuate una serie di sotto-metriche 19, come ad esempio la leggibilità, la comprensibilità, la coerenza e l affordance, per un totale di 41 parametri di valutazione. L insieme delle sotto-metriche rappresenta una guida di valutazione dalla quale si possono ricavare le curve di esperienza. 16. Kahneman D.; The riddle of experience vs memory; TED Kahneman, D., Tversky, A.; Prospect theory: An analysis of decisions under risk; Econometrica 47, Cfr. pp Sono state prese in considerazione le metriche sviluppate da Norman, le euristiche di Nielsen, i principi di Fogg, la matrice di Morville, le linee guida sviluppate da Shneiderman e alcuni parametri presi dalle scale standard per la misurazione dell usabilità SUS, QUIS, SUMI 11

12 FOCUS Che cos è una curva di esperienza Una curva di esperienza (o curva UX) è un grafico che visualizza l andamento della qualità dell esperienza vissuta dalle persone e ne evidenzia gli ostacoli e le opportunità di sviluppo. Mappa quante azioni deve compiere una persona per concludere un attività e raggiungere il suo obiettivo e permette di visualizzare l intera esperienza e differenziare diverse dimensioni: le fasi di promessa, esecuzione e conclusione; la composizione in termini di utilità, semplicità e piacevolezza e l identificazione dei pain point e win point. I pain point segnalano la presenza di problematiche, si distinguono perché si trovano sotto la media della curva, e per questo hanno la priorità di attenzione: devono infatti essere risolti per garantire alle persone una buona esperienza d uso. I picchi alti segnalano invece la presenza di un insieme di fattori positivi (win point) e rappresentano delle opportunità di ulteriore miglioramento dell esperienza, fino ad essere evoluti in momenti Wow 20. Le curve di esperienza sono state utilizzate da Daniel Kahneman e Amos Tversy nell elaborazione della Teoria del Prospetto per descrivere il comportamento degli investitori e degli agenti economici in situazioni di incertezza 21. Premessa Esecuzione Conclusione Aspettativa Inizio del ricordo media dell esperienza Passo 01 Passo 02 Passo 03 Passo 04 Passo 05 Passo 06 Passo 07 Passo 08 Passo 10 Fig.2 - La curva di esperienza (o curva UX). Il grafico della curva UX visualizza l esperinza mappando le azioni che una persona deve compiere per concludere un attività e per raggiungere un obiettivo. 20. Si definiscono Wow quei momenti che superano l aspettativa che la persona ha in un determinato momento e contesto. Cfr. Hormess M., Lawrence A.; Boom! Wow. Wow! WOW! BOOOOM!!!; Touchpoint Vol.4, N.2; Service Design Netowork, Coulogne, Kahneman, D., Tversky, A.; Prospect theory: An analysis of decisions under risk; Econometrica 47,

13 3.1 Le caratteristiche di una buona curva di esperienza Ogni esperienza è per natura soggettiva, variabile in base al contesto e condizionata da molti fattori. Per questo sono state identificate alcune caratteristiche che distinguono una buona curva di esperienza e i fattori da tenere in considerazione per leggerla correttamente. Innanzitutto una curva UX si divide in tre momenti importanti: la premessa, l esecuzione e la conclusione. Nella prima fase la persona costruisce l aspettativa, nella seconda svolge l esperienza e nell ultima conclude gli ultimi passaggi. Ogni fase ha le proprie peculiarità, perché rappresenta un momento specifico dell esperienza. Tutte le fasi sono importanti perché assieme rappresentano l andamento medio dell esperienza, tuttavia si deve porre particolare attenzione alle fasi di premessa e conclusione della curva e verificare la presenza di momenti Wow 22. Premessa Esecuzione Conclusione media dell esperienza Piacevolezza Semplicità Utilità Passo 01 Passo 02 Passo 03 Passo 04 Passo 05 Passo 06 Passo 07 Passo 08 Passo 10 Fig.3 - La metriche. La curva visualizza la sua composizione in termini di utilità, semplicità e piacevolezza. Nella prima fase la persona costruisce l aspettativa che è fortemente soggettiva e frutto della personale esperienza pregressa; comincia nel momento in cui la persona viene a conoscenza di un servizio o prodotto, ed è formulata dall insieme delle informazioni raccolte in merito. Una persona deve essere invogliata a utilizzare un servizio o acquistare un prodotto. Le informazioni che riceve gli devono indicare i vantaggi e i benefici che otterrà: quali sono i bisogni che riuscirà a soddisfare e gli obiettivi che potrà raggiungere. 22. Why user experience cannot be designed, Smashing Magazine, March

14 Una buona curva di esperienza si distingue per avere in questa fase un picco in alto, sinonimo della creazione di un aspettativa elevata. I momenti iniziali dell esperienza sono molto importanti perché, nella maggior parte dei casi, discriminano il successo o meno di un servizio/prodotto. È in questi momenti che la persona decide se addentrarsi nell esperienza vera e propria. Nei momenti successivi alla premessa, inizia l esecuzione: la persona utilizza il servizio o il prodotto. Essa è costituita dall insieme di azioni che la persona svolge per raggiungere il suo obiettivo. L esecuzione è la parte principale dell esperienza perché la persona utilizza effettivamente il servizio o il prodotto, formulando un opinione e soprattutto un ricordo. Una buona curva di esperienza può rimanere nella media ma deve avere qualche picco positivo. La fase conclusiva è la più importante perché è quella che le persone ricordano con maggiore facilità e che influenza in modo significativo il ricordo dell intera esperienza. La fase conclusiva è costituita dagli attimi antecedenti il raggiungimento dell obiettivo, e proprio per questo motivo essi devono essere particolarmente curati e piacevoli. Una buona esperienza (Fig.3) avviene nel momento in cui la parte conclusiva supera le aspettative iniziali, secondo quanto enunciato dalla teoria della peak-end rule 23. Promessa Esecuzione Conclusione WIN POINT PEAK-END RULE media dell esperienza PAIN POINT Passo 01 Passo 02 Passo 03 Passo 04 Passo 05 Passo 06 Passo 07 Passo 08 Passo 10 Fig.4 - La conformazione della curva. Ciascuna fase dell esperienza definisce l andamento della curva. Particolare attenzione meritano win point e pain point, nonché il momento conclusivo. 23. L utilità ricordata è la media che si stabilisce tra l utilità istantanea misurata all inizio e alla fine di un esperienza. Kahneman D., Objective Happiness, in Kahneman D., Diener E., Schwarz N., Well-Being: The Foundations of Hedonic Psychology, Russel Sage Foundation, New York,

15 La curva visualizza inoltre la sua composizione in termini di utilità, semplicità e piacevolezza. Tutte le azioni delle persone durante l esperienza dovrebbero essere utili, semplici e piacevoli, ma sappiamo che (purtroppo) non è così. Ci possono essere delle azioni che sono utili, ma poco piacevoli (es. fare la fila alle casse, trovare parcheggio, pratiche nei software gestionale) così come ci sono delle azioni semplici, ma inutili (es. stampare un documento quando serve solo un codice). La sua composizione permette di capire a colpo d occhio qual è la metrica (o le metriche) che influiscono in modo negativo sulla qualità dell esperienza complessiva in modo da definire l elenco di interventi mirati. Le curve visualizzano l andamento dell esperienza, durante le tre fasi: dalla premessa, all esecuzione e conclusione. Lo studio della conformazione della curva e della sua struttura permettono di individuare quali sono gli ostacoli, dove si trovano e su quale metrica incidono maggiormente. Grazie al Monitorggio UX si ottiene un elenco di insight inerenti alle curve di esperienza e una serie di suggerimenti pratici per evolvere l esperienza offerta ai propri clienti. 15

16 3.2 Come si svolge un Monitoraggio UX Per eseguire uno Monitoraggio UX è importante individuare e definire quali sono i principali flussi e punti di contatto con i propri clienti. Essi coinvolgono principalmente touchpoint digitali, ma possono essere integrati con quelli fisici. Il punto di partenza è il medesimo: individuare quali sono i processi che maggiormente impattano sugli obiettivi di business. Successivamente ciascun flusso viene scomposto in singole azioni che la persona deve compiere per raggiungere il proprio obiettivo (es. apertura di un conto, acquisto di un biglietto, prenotazione di un hotel ). Per ogni azione individuata si raccolgono i reali dati di utilizzo/adozione e si analizzano le 41 metriche dell esperienza; a ciascuna viene attribuito un punteggio che indica, all interno di ogni singola azione, se la metrica è totalmente soddisfatta (2), se è necessario un miglioramento (1) oppure se è assente (0). I punteggi raccolti sono fattorizzati e trasformati in indici a base decimale per essere più facilmente comparabili. L analisi esperta è svolta da un valutatore che analizza criticamente il flusso eseguito dalle persone con l obiettivo di individuare le criticità e le opportunità di sviluppo. L esperto analizza le curve UX, descrivendo le caratteristiche della conformazione e identificando una serie di insight e suggerimenti per migliorare l esperienza offerta. L analisi esperta, tiene in considerazione una serie di fattori complessi e non prevedibili: l unico modo per vedere il risultato delle scelte fatte è quello di ripetere la misurazione nel tempo. Promessa Esecuzione Conclusione t3 t2 t1 Fig.5 - Comparazione di curve di esperienza. La comparazione delle curve di esperienza mette a confronto i flussi rispetto ad un arco di tempo coerente con gli obiettivi del prodotto o servizio analizzato. 16

17 Per questa ragione, il Monitoraggio UX è uno strumento iterativo, che si applica ciclicamente in un arco di tempo coerente con gli obiettivi del progetto o del servizio a cui si applica. In questo modo è possibile valutare l impatto delle modifiche suggerite e apportate. Nei Monitoraggi successivi al primo si esegue l analisi sugli stessi flussi individuati inizialmente, ma comparando i dati ottenuti dalle misurazioni precedenti. Si misura quindi la differenza esistente tra la prima analisi e la successiva, in termini di esperienza e utilizzo da parte degli utenti. L esperto ha il compito di integrare l analisi con le considerazione relative alle variazioni emerse e all evoluzione della curva. Il Monitoraggio UX è uno strumento iterativo, che si applica ciclicamente in un arco di tempo coerente con gli obiettivi del progetto o del servizio. 3.3 Limiti e vantaggi del Monitoraggio UX Ogni persona ha un proprio bagaglio personale che ha sviluppato individualmente, per questo l esperienza è vissuta da ciascuno in modo differente. Tuttavia, è possibile identificare una tendenza comune di comportamento e così da individuare gli aspetti che maggiormente inducono le persone a utilizzare un servizio rispetto a un altro. Il monitoraggio UX si distingue dalle altre procedure di quantificazione a analisi perché permette allo stesso tempo la misurazione dell esperienza, la visualizzazione delle curve UX e un elenco di indicazioni pratiche per evolvere l esperienza. Dal monitoraggio UX si ricava un analisi esperta e quindi soggettiva, che abbiamo normalizzato con l introduzione nel protocollo degli indici reali di utilizzo. Essi tracciano l adozione da parte delle persone e i relativi cambiamenti. Questo significa che abbiamo integrato all interno di uno stesso strumento sia una valutazione qualitativa che una quantitativa. La valutazione dell esperienza sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo è una caratteristica distintiva del Monitoraggio UX. Entrambi gli approcci, se presi singolarmente, presentano dei limiti 24 : da un lato i dati qualitativi, per loro natura, sono fonte di interpretazione soggettiva, mentre d altro canto l oggettività dei numeri è limitante se non c è la possibilità di approfondire la situazione entrando nel merito. 24. Creswell J.W., Research Design: Qualitative, Quantitative, and Mixed Methods Approaches; Sage Publications, Thousand Oaks,

18 La presenza di entrambe le tipologie ci ha permesso di superare i limiti, ed esaltare i vantaggi di entrambe. Il monitoraggio UX consente di analizzare il comportamento reale degli utenti specificando per ogni singola azione quali sono le problematiche che essi incontrano e quali sono le opportunità di sviluppo. L analisi esperta è focalizzata sia sulla situazione attuale che sulle successive evoluzioni, ed evidenzia le differenze in termini di adozione durante tutto il periodo di monitoraggio. Misurare l esperienza costantemente consente di verificare l efficacia delle proprie scelte. Evolvere significa modificare l esperienza per adeguarla alle abitudini degli utilizzatori. Misurare l esperienza costantemente consente di verificare l efficacia delle proprie scelte. Evolvere significa migliorare l esperienza. 18

19 Conclusioni Il Monitoraggio UX è il primo strumento che aiuta a governare il cambiamento basandosi su una valutazione rigorosa della qualità dell esperienza offerta. L analisi offre sia al team di design che al product management una serie di insight sui punti di forza e di debolezza della propria offerta, insieme a numerose indicazioni pratiche per rimuovere gli ostacoli che influenzano negativamente l esperienza; allo stesso tempo individua le potenzialità esistenti, ma non ancora sviluppate. Il Monitoraggio UX si rivela così una risorsa utilissima per governare le scelte di progetto a a disposizione del team di design tanto quanto del product management. Negli ultimi due anni abbiamo applicato il Monitoraggio UX a progetti di media e grande dimensione nei campi dell Healthcare, dell e-commerce e della corporate communication, gestiti sia attraverso EVO sia con metodi Agili e Scrum. Il protocollo si è rivelato uno strumento fondamentale per guidare sia le scelte di design che quelle strategiche, limitando le rilavorazioni, gli sprechi e fornendo indicazioni utili per indirizzare tutti gli sforzi verso il miglioramento dell esperienza in modo coerente agli obiettivi di business. 19

20 evo è un approccio progettuale all esperienza d uso finalizzato a generare valore nel tempo. evo è un marchio registrato di proprietà di Sketchin. Siamo uno studio di progettazione dell esperienza d uso su prodotti e servizi digitali. Lavoriamo con la vostra azienda per scoprire, progettare ed evolvere prodotti e servizi digitali di successo grazie al coinvolgimento delle persone che li utilizzeranno. Siamo specializzati nell evolvere, migliorandola, l esperienza d uso dei vostri prodotti e servizi digitali nel tempo

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Contribuite anche voi al nostro successo.

Contribuite anche voi al nostro successo. Entusiasmo da condividere. Contribuite anche voi al nostro successo. 1 Premi Nel 2009 e nel 2012, PostFinance è stata insignita del marchio «Friendly Work Space» per la sua sistematica gestione della salute.

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA

DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA DISABILITY MANAGEMENT: INTEGRARE LE DIFFERENZE PER FARE LA DIFFERENZA Simone Scerri INTRODUZIONE Questa proposta è rivolta alle aziende con un numero pendenti superiore a 15, le quali sono tenute ad assumere

Dettagli

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro)

Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Come realizzare una buona presentazione (traduzione libera a cura della redazione di EpiCentro) Quando si realizzano dei documenti visivi per illustrare dati e informazioni chiave, bisogna sforzarsi di

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

A CIASCUNO IL SUO. Cinque modi di intendere la valutazione in ambito pubblico *

A CIASCUNO IL SUO. Cinque modi di intendere la valutazione in ambito pubblico * A CIASCUNO IL SUO Cinque modi di intendere la valutazione in ambito pubblico * di Alberto Martini e Marco Sisti Da qualche anno a questa parte è sempre più frequente leggere articoli di giornale nei quali

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni

Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e delle Prestazioni HUMANWARE S.A.S. Via Tino Buazzelli, 51 00137 - Roma Tel.: +39 06 823861 Fax.:+39 06 233214866 Web: www.humanware.it Email: humanware@humanware.it Metodologie di Analisi e Valutazione delle Posizioni e

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

BUON POMERIGGIO A TUTTI, E BENVENUTI A QUESTO WORKSHOP, SPONSORIZZATO DA ZD.

BUON POMERIGGIO A TUTTI, E BENVENUTI A QUESTO WORKSHOP, SPONSORIZZATO DA ZD. BUON POMERIGGIO A TUTTI, E BENVENUTI A QUESTO WORKSHOP, SPONSORIZZATO DA ZD. SONO DAVIDE ANGOTTA, CON ME C E ANDREA CITTA DI ZENDESK CHE PARLERA PIU AVANTI ENTRAMBI VI RINGRAZIAMO PER AVER SCELTO DI ESSERE

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione

Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Alberto Bartoli Presidente Corso di Studi Ingegneria Informatica Coordinatore Dottorato di Ricerca Ingegneria dell Informazione Dipartimento di Elettrotecnica, Elettronica, Informatica Università di Trieste

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli