Il monitoraggio dell esperienza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il monitoraggio dell esperienza"

Transcript

1 UX Monitoring Il monitoraggio dell esperienza Francesca Di Mari Michela Perotti evolving experience sketchin.ch

2 La sapienza è figliola dell esperienza - Leonardo Da Vinci, Codices Forster Introduzione Nell era del consumatore sempre più spesso le persone adottano e restano fedeli a prodotti e servizi che fanno vivere loro delle buone esperienze e, di conseguenza, garantiscono il successo di quelle organizzazioni che sono capaci di offrirne. È quindi necessario individuare strumenti di valutazione rigorosi e concreti per poter stimare la qualità dell esperienza offerta e per poter in questo modo tracciare chiaramente una via verso il miglioramento delle proprie performance di business. Il Monitoraggio UX è un protocollo ideato da Sketchin per valutare la qualità dell esperienza d uso e consumo, per individuarne gli ostacoli e le opportunità e per restituire sia al design che al product management una serie di suggerimenti pratici per la sua evoluzione e il suo miglioramento. Misurare costantemente consente quindi di verificare l efficacia delle proprie scelte per poter offrire ai propri clienti prodotti e servizi di qualità e contraddistinti da un durevole successo. 2

3 1. L esperienza d uso e di consumo 1.1 Che cos è l esperienza Tutto è esperienza, l esperienza si genera ogni volta che le persone interagiscono con il mondo. Con il termine si designa una dimensione personale, soggettiva, necessariamente plurale e per questo dai contorni estremamente sfumati. Tuttavia la qualità dell esperienza fatta da ciascuno di noi definisce il nostro rapporto con le altre persone, con le cose e con le situazioni, influenza le nostre scelte e le condiziona. Il nostro giudizio deriva dall interazione fra le informazioni che ricaviamo dalle esperienze che facciamo e la proiezione dei ricordi su quello che stiamo vivendo, come in un circuito 1. Quando ciascuno di noi pensa al futuro, si crea delle aspettative sui fatti che stanno per accadere, sulle esperienze che si accinge a fare, si crea delle prefigurazioni o meglio costruisce memorie anticipate sulla base delle vicende che ha già vissuto 2. Le cose e i fatti di cui possiamo fare esperienza sono tantissimi: esperienze interiori, esperienze affettive, esperienze di apprendimento... la filosofia ci si è applicata con passione, fin da quando ci è dato sapere. In questo articolo ci concentreremo sul cuore del nostro lavoro a Sketchin, ossia sulle esperienze che gli utenti possono fare con prodotti e servizi digitali, o con prodotti e servizi mediati dalla tecnologia digitale. Molte delle considerazioni che seguono, tuttavia, si applicano altrettanto bene a contesti non tecnologici, considerano l esperienza come fenomeno e non solo in relazione ai contesti in cui si origina. Per noi, l esperienza d uso (UX) e di consumo (CX) è quello che una persona prova quando interagisce con un prodotto, un sistema, un servizio o un brand, prima - l aspettativa-, durante -l esperienza- e dopo -il ricordo- l acquisto e l uso. UX CX prodotto / sistema / servizio Aspettativa Esperienza d uso Ricordo Fig.1 - L esperienza d uso e di consumo: è quello che una persona prova quando interagisce con un prodotto, un sistema, un servizio o un brand. 1. Bergson H.; Matière et mémoire (1896), tr. Adriano Pessina, Materia e memoria, Laterza, Bari-Rona, Il Nobel per l economia Daniel Kahneman in un celebre discorso al TED ha affermato che il nostro sé si compone di esperienze: c è una parte di noi che vive delle esperienze, che vive nel presente e poi c è il sé che si ricorda e che come un cantastorie ci racconta la nostra vita. 3

4 Data la complessità dell ambito, è facilmente comprensibile come l esperienza d uso vada ben oltre gli aspetti meramente funzionali e abbia una pluralità di dimensioni più qualitative come componenti emotive, sociali e culturali, tutte determinanti nel definirne la qualità complessiva. 1.2 Perché l esperienza è importante I sistemi digitali ricoprono un importanza crescente nella nostra vita quotidiana: non solo interagiamo quasi costantemente con prodotti e servizi di questo genere, ma sempre più prodotti analogici hanno componenti immateriali, dalle automobili alle cucine, dalle lavagne fino ai portavasi intelligenti per le piante... Proprio la pervasività della tecnologia digitale richiede che quest ultima risponda in maniera dotata di senso quando le persone hanno a che fare con essa, ed è proprio qui che la capacità di fare vivere alle persone una buona esperienza d uso e di consumo diventa fondamentale, così come la capacità di progettare artefatti che la influenzano. La transizione verso un economia dell esperinza è iniziata quando alcune imprese lungimiranti hanno cominciato a offrire ai propri clienti esperienze memorabili come parte del loro business. L attenzione alla qualità dell esperienza, anche in ambito economico, ha assunto una crescente importanza dagli anni 70 in poi, fino ad arrivare a oggi, quando il termine è diventato di gran moda 3. La transizione verso un economia dell esperienza è iniziata quando alcune imprese lungimiranti hanno cominciato a offrire ai propri clienti esperienze memorabili come parte del loro business. Il dischiudersi di questo nuovo orizzonte economico ha portato con sé la consapevolezza che le esperienze che i clienti e gli utenti vivono rappresentano la chiave di volta del successo di un organizzazione. Nell era del consumatore 4 sempre più spesso le persone adottano e restano fedeli a prodotti e servizi che fanno vivere loro delle buone esperienze e, di conseguenza, garantiscono il successo di quelle organizzazioni che sono capaci di offrirne. 3. Pine II B. J., Gilmore J. H.; L economia delle esperienze. Oltre il servizio; Milano, Etas, Bodine K., Dorsey M., Why Customer Experience? Why Now?, Forrester, 2011Cfr. 4

5 Ne sono la prova gli straordinari risultati di business di Starbucks, Apple, McDonald s, Tesco solo per citarne alcuni. Una buona esperienza, in un futuro non troppo lontano, rappresenterà il discrimine tra il successo e il fallimento di prodotti e servizi digitali. Ciascuna di queste realtà ha progettato gli artefatti e i servizi che generano le esperienze che i suoi clienti vivono, rendendole uniche, seducenti, dotate di senso e di un valore per cui le persone sono disposte a pagare, insomma fino a farle diventare una parte costitutiva dell identità personale 5. Un esempio su tutti è Nespresso: un brand che ha puntato tutto sull esperienza d uso e di consumo come parte del sé dei suoi clienti. 5. Il sociologo ed economista James Rifkin ha teorizzato questo stesso concetto quando ha parlato dell era dell accesso. Secondo Rifkin la forma più piena di cittadinanza globale, che segna la differenza tra esclusione ed inclusione nella società contemporanea, non è legata alla proprietà di beni materiali, ma alla possibilità di essere partecipi di esperienze ottimali. 5

6 1.3 Le dimensioni dell esperienza Numerose ricerche hanno dimostrato che prodotti e servizi in grado di offrire esperienze d uso superiori in termini di utilità, semplicità, piacevolezza 6 sono più utilizzati, apprezzati e divulgati, quindi di maggior successo. Questo non è vero solo nei tempi moderni, ma tali dimensioni si rifanno quasi direttamente ai canoni dell architettura vitruviana 7 di firmitas, utilitas e venustas. Un edificio ben fatto, secondo il grande Vitruvio, deve essere solido, soddisfare le esigenze dei suoi abitanti e, allo stesso tempo, essere piacevole e suscitare emozioni positive nelle persone. Possiamo accostare queste dimensioni alle componenti di una storia ben riuscita: la trama, l intreccio, lo stile 8. Utilità: è la trama dell esperienza. La trama è la successione degli eventi necessari allo svolgimento della storia, rappresenta la successione logica e cronologica degli avvenimenti di una narrazione. Allo stesso modo, l utilità ha a che fare con la capacità di soddisfare le esigenze delle persone e rendere loro possibile conseguire gli obiettivi che si erano prefissati. È la successione dei passi ritenuti dall utente necessari e sufficienti per assolvere un compito. Prendiamo come esempio il modulo di ricerca di Google: la sua utilità è evidente perché assolve un unica funzione - la ricerca - consentendo alla persona di cercare informazioni in modo efficace, senza farlo incappare in errori o fraintendimenti. Semplicità: è l intreccio dell esperienza. Così come l intreccio è la successione con cui gli eventi vengono presentati, l equilibrio tra le vicende, la capacità di gestire la suspense e i rivolgimenti della storia, allo stesso modo la semplicità ha a che fare con l ordine nella complessità delle informazioni, con la chiarezza sia del contenuto che dell aspetto. Per semplicità si intende la capacità di far vivere alle persone esperienze memorabili e chiare, senza gravarle di un carico cognitivo eccessivo, senza farle smarrire in informazioni ridondanti, confuse, involute. Servizi semplici, funzioni semplici e focalizzate sull obiettivo che il prodotto o il servizio intende raggiungere. La ricerca di Google, nuovamente, è un ottimo esempio di semplicità: un unico campo chiaro, impossibile da non vedere, non ambiguo, che nasconde dietro le quinte l enorme complessità su cui si fonda: sfidiamo chiunque a fare confusione! 6. Sanders E.B.N, Converging Perspectives: product development research for the 1999s, Design Management Journal, Vol. 3, N.4, Riddle R., The 3 Elements of Good Design: Usability, Utility and Desirability, ZurBlog, Marco Vitruvio Pollione, De Architectura, Einaudi, Torino, Aristotele, Poetica, a cura di Pierluigi Donini, Einaudi, Torino

7 Piacevolezza: è l analogo dello stile. Ossia il modo in cui gli eventi vengono raccontati, il tono, il registro, la scelta dei termini. La piacevolezza ha a che fare con il piacere che deriva dall interazione - sia che derivi dall uso che dal possesso - con quel particolare prodotto o servizio. Google è un perfetto esempio di piacevolezza: la ricerca solletica la nostra curiosità e di tanto in tanto compare un doodle per divertirci e farci scoprire fatti o personaggi importanti. Per essere davvero buona, un esperienza deve essere naturale, intuitiva, trasparente, autoesplicativa e deve far sentire le persone a proprio agio con i prodotti che stanno usando o con i servizi di cui usufruiscono. Continuando con la metafora del racconto, deve accadere un po come quando si legge un bel libro e ci si immerge totalmente nella storia, dimenticandosi sia del narratore che dell autore che ha pensato quella vicenda per noi 9. In una storia che si rispetti non bisogna mai trascurare la fine: ci ricordiamo dei finali che ci hanno sorpreso, coinvolto ed emozionato; inoltre ci affezioniamo soprattutto a quei libri che hanno un finale appassionante, invece non ci piacciono le conclusioni inconsistenti, contraddittorie, banali o sciatte - per tacer delle brutte 10. Allo stesso modo, una buona esperienza d uso deve essere contraddistinta da un finale memorabile e appagante, così che gli utenti traggano la massima soddisfazione da quello che hanno appena vissuto e intendano ripetere l esperienza, magari suggerendola ad altri. Le buone esperienze sono quindi quelle che superano le aspettative delle persone, offrendo loro un valore superiore a quello che si aspettavano di ricevere e uscendo così dall area della mediocrità 11 per entrare in quella del successo. 9. Norman, A.D.; Il computer invisibile. La tecnologia migliore è quella che non si vede; Apogeo; Milano; Hormess M., Lawrence A.; Boom! Wow. Wow! WOW! BOOOOM!!!; Touchpoint Vol.4, N.2; Service Design Netowork, Coulogne, Zeithaml V., Parasuraman A., Berry L.L.; Delivering Quality Service: Balancing Customer Perception and Expectations; Free Press; New York;

8 2. L importanza della misurazione 2.1 Perché valutare l esperienza L esperienza è complessa, personale, soggettiva e una sua valutazione è un compito arduo, ma, d altra parte, si moltiplicano le ricerche che attestano come sia proprio la qualità di questa a fare da spartiacque tra il successo e il fallimento di prodotti o servizi digitali 12. Basta un esempio per dare la misura del rischio che corrono i prodotti e i servizi che offrono un esperienza mediocre: tutti usano Google come come parte della propria vita quotidiana - senza urla di giubilo o particolari entusiasmi - e nessuno si ricorda dei tanti motori di ricerca che lo hanno preceduto e che sono scomparsi scivolando nell oblio. Fino ad ora abbiamo nominato le buone esperienze, ma il termine buono implica un giudizio o una valutazione comparativa. Buono o cattivo rispetto a cosa? Ciascuno di noi è in grado di valutare la qualità delle esperienze che vive, spesso in modo istintivo e squisitamente qualitativo, tuttavia, se la qualità della esperienza d uso e di consumo è così importante per la sopravvivenza, prima ancora che per il successo, di un prodotto o un servizio, occorre prevedere strumenti di valutazione più rigorosi e concreti. 2.2 Vantaggi per il design e per chi gestisce il progetto In Sketchin ci occupiamo di comprendere e progettare esperienze per gli utenti. Ogni giorno analizziamo, osserviamo, esploriamo, progettiamo per le persone e con le persone. Lo sviluppo dei progetti inizia con la mappatura della situazione attuale per poter individuare le opportunità verso cui evolvere. Ed è proprio in questa fase che serviva uno strumento adatto per poter misurare l esperienza. Era necessario trovare un metodo che consentisse di conciliare da un lato l analisi del comportamento delle persone per individuare i problemi e le opportunità e dall altro fornire al product management uno strumento per governare le principali scelte strategiche. Una conciliazione ambiziosa considerando che nella maggior parte dei casi la progettazione centrata sull utente e gli obiettivi di business non sono considerati come le due facce di una stessa medaglia, ma anzi vengono trattati come aree rigorosamente separate. 12. Eckert P.; 2016: The User Interface Revolution Underway; article n.624; UXmagazine,

9 Una valutazione sistematica e di lungo periodo, quindi non estemporanea, dell esperienza d uso e di consumo presenta indubbi vantaggi sia per quanti, come i progettisti, la devono concepire e panificare, sia per chi desidera fondare su di essa un business profittevole. Per i designer, avere una valutazione sintetica della qualità dell esperienza che le persone vivono attraverso i prodotti e i servizi progettati rappresenta un indicatore dell efficacia del loro lavoro. Una valutazione dell esperienza diventa fondamentale nel caso in cui si affrontino progetti vasti e complessi adottando approcci basati sul design evolutivo, Lean o Agile: nel momento in cui si rilascia una prima versione del prodotto o del servizio, la capacità di recepire feedback e individuare i punti forti o le criticità dell esperienza vissuta dagli utenti si rivelano essere una guida fondamentale per una solida futura evoluzione dell offerta 13. Inoltre l esperienza d uso e di consumo di un utente varia nel tempo, al mutare delle condizioni, del contesto e anche in funzione dell abitudine, per questo è importante valutarne la qualità in un lasso di tempo sufficientemente lungo da ammettere trasformazioni e mutamenti, magari ripetendo a cadenza regolare gli interventi di misurazione. Infine, avere un informazione sintetica sulla qualità dell esperienza d uso fornisce anche indicazioni sulla coerenza con gli obiettivi di business del cliente che ha commissionato il progetto. Come per i designer, anche il product management e i clienti traggono un vantaggio strategico dalla valutazione dell esperienza. In primo luogo, stimare la qualità dell esperienza che gli utenti finali vivono fornisce precise indicazioni sui punti di forza e di debolezza della propria offerta, può inoltre definire le priorità degli interventi per poter raggiungere gli obiettivi di business che ci si era posti sulla base delle indicazioni oggettive acquisite attraverso una rilevazione costante e sistematica, ricavando insight fondamentali 14 per governare nel tempo il cambiamento. Una valutazione dell esperienza d uso che si offre ai propri utenti traccia quindi una via verso il miglioramento delle proprie performance, avendo come risultato il successo duraturo della propria iniziativa di business. 13. Mascaro Luca, Evolutive Experience Design, Sketchin, Lugano, Klein L.; UX for Lean Startup. Faster, smarter User Experience, Research and Design; O Reilly, Sebastopol CA; Polaine A., Løvlie L., Reason B.; Service design. From Insight to implementation; Rosenfeld Media, Brooklyn, NY,

10 2.3 Misurare l esperienza: bisogno e criticità Misurare l esperienza d uso e di consumo non è semplice soprattutto a causa della natura astratta e multiforme dell oggetto indagato. Rinunciare a farlo di fronte all indubbia difficoltà dell impresa, tuttavia, ci lascerebbe ciechi di fronte alla necessità di prendere delle decisioni circostanziate ed efficaci. La difficoltà è anche la base di una delle grandi obiezioni poste di fronte a un approccio analitico all esperienza: se già è complicato definire che cosa si intende per esperienza, tentarne una stima è pura fantasia. Noi siamo di diverso avviso: trovare una misura oggettiva per l esperienza d uso e di consumo è ovviamente impossibile, non c è scala, metro, bilancia che tenga. Tuttavia è possibile pensare a indicatori in grado di fare una stima della sua qualità. Un costrutto complesso può essere scomposto in concetti più specifici, i quali, a loro volta possono essere scomposti in altri ancora più semplici ed osservabili e così via, fino a costruire una matrice di indicatori che, tutti insieme, concorrono a definire il costrutto originario 15. Se non è possibile un approccio totalmente quantitativo alla misurazione dell esperienza, quello opposto, totalmente qualitativo, sarebbe altrettanto fallace: sarebbe basato solo sulle impressioni personali, effimere e troppo soggettive e ci lascerebbe in balia del mare dell approssimazione. Come è possibile allora affrontare la questione? Come misurare l esperienza in modo sistematico ed efficace? 15. Lazarsfeld P.F.; Dai concetti agli indici empirici in Cardano M., Miceli R. (a cura di) Rosemberg & Sellier. Torino,

11 3. Il monitoraggio UX Abbiamo risposto a questa domanda sviluppando il Monitoraggio UX: uno strumento introdotto per misurare l esperienza e poterla evolvere. Il protocollo si è trasformato grazie ai risultati ottenuti e nel tempo si è affinato così da poter essere esteso a qualsiasi tipo di progetto. Per sviluppare il monitoraggio UX è stata vagliata la letteratura alla ricerca di informazioni che ci potessero sostenere in questa sfida. Sono state raccolte le nozioni e i dati riguardanti i vari elementi costitutivi dell esperienza, identificando le principali scale di misurazione sviluppate nel corso degli anni. Durante questa prima fase è stato evidente come ogni esperto, o team di esperti, aveva dato la sua interpretazione in base alla sua esperienza professionale. Ciascuno dei moltissimi modelli presenti in letteratura presentava pregi e difetti, ma nessuno era adeguato alle nostre necessità. È stata quindi costruita la nostra matrice di valutazione prendendo come riferimento le teorie sviluppate dallo psicologo Daniel Kahneman, premio Nobel per l economia nel I suoi studi sono stati focalizzati sulla comprensione delle scelte degli esseri umani e sui loro effetti, un approccio che si divide tra l aspetto umanistico e quello economico. Il nostro protocollo si basa sulle sue curve di esperienza 16 perché permettono di analizzare il flusso esperienziale delle persone 17, mettendo in risalto gli ostacoli che queste incontrano e le opportunità di sviluppo. Questi concetti sono stati quindi collegati alle tre principali dimensioni dell esperienza: l utilità, la semplicità e la piacevolezza. L insieme di queste tre metriche è determinante per assicurare alle persone una buona esperienza di utilizzo 18. Per ciascuna di queste sono state individuate una serie di sotto-metriche 19, come ad esempio la leggibilità, la comprensibilità, la coerenza e l affordance, per un totale di 41 parametri di valutazione. L insieme delle sotto-metriche rappresenta una guida di valutazione dalla quale si possono ricavare le curve di esperienza. 16. Kahneman D.; The riddle of experience vs memory; TED Kahneman, D., Tversky, A.; Prospect theory: An analysis of decisions under risk; Econometrica 47, Cfr. pp Sono state prese in considerazione le metriche sviluppate da Norman, le euristiche di Nielsen, i principi di Fogg, la matrice di Morville, le linee guida sviluppate da Shneiderman e alcuni parametri presi dalle scale standard per la misurazione dell usabilità SUS, QUIS, SUMI 11

12 FOCUS Che cos è una curva di esperienza Una curva di esperienza (o curva UX) è un grafico che visualizza l andamento della qualità dell esperienza vissuta dalle persone e ne evidenzia gli ostacoli e le opportunità di sviluppo. Mappa quante azioni deve compiere una persona per concludere un attività e raggiungere il suo obiettivo e permette di visualizzare l intera esperienza e differenziare diverse dimensioni: le fasi di promessa, esecuzione e conclusione; la composizione in termini di utilità, semplicità e piacevolezza e l identificazione dei pain point e win point. I pain point segnalano la presenza di problematiche, si distinguono perché si trovano sotto la media della curva, e per questo hanno la priorità di attenzione: devono infatti essere risolti per garantire alle persone una buona esperienza d uso. I picchi alti segnalano invece la presenza di un insieme di fattori positivi (win point) e rappresentano delle opportunità di ulteriore miglioramento dell esperienza, fino ad essere evoluti in momenti Wow 20. Le curve di esperienza sono state utilizzate da Daniel Kahneman e Amos Tversy nell elaborazione della Teoria del Prospetto per descrivere il comportamento degli investitori e degli agenti economici in situazioni di incertezza 21. Premessa Esecuzione Conclusione Aspettativa Inizio del ricordo media dell esperienza Passo 01 Passo 02 Passo 03 Passo 04 Passo 05 Passo 06 Passo 07 Passo 08 Passo 10 Fig.2 - La curva di esperienza (o curva UX). Il grafico della curva UX visualizza l esperinza mappando le azioni che una persona deve compiere per concludere un attività e per raggiungere un obiettivo. 20. Si definiscono Wow quei momenti che superano l aspettativa che la persona ha in un determinato momento e contesto. Cfr. Hormess M., Lawrence A.; Boom! Wow. Wow! WOW! BOOOOM!!!; Touchpoint Vol.4, N.2; Service Design Netowork, Coulogne, Kahneman, D., Tversky, A.; Prospect theory: An analysis of decisions under risk; Econometrica 47,

13 3.1 Le caratteristiche di una buona curva di esperienza Ogni esperienza è per natura soggettiva, variabile in base al contesto e condizionata da molti fattori. Per questo sono state identificate alcune caratteristiche che distinguono una buona curva di esperienza e i fattori da tenere in considerazione per leggerla correttamente. Innanzitutto una curva UX si divide in tre momenti importanti: la premessa, l esecuzione e la conclusione. Nella prima fase la persona costruisce l aspettativa, nella seconda svolge l esperienza e nell ultima conclude gli ultimi passaggi. Ogni fase ha le proprie peculiarità, perché rappresenta un momento specifico dell esperienza. Tutte le fasi sono importanti perché assieme rappresentano l andamento medio dell esperienza, tuttavia si deve porre particolare attenzione alle fasi di premessa e conclusione della curva e verificare la presenza di momenti Wow 22. Premessa Esecuzione Conclusione media dell esperienza Piacevolezza Semplicità Utilità Passo 01 Passo 02 Passo 03 Passo 04 Passo 05 Passo 06 Passo 07 Passo 08 Passo 10 Fig.3 - La metriche. La curva visualizza la sua composizione in termini di utilità, semplicità e piacevolezza. Nella prima fase la persona costruisce l aspettativa che è fortemente soggettiva e frutto della personale esperienza pregressa; comincia nel momento in cui la persona viene a conoscenza di un servizio o prodotto, ed è formulata dall insieme delle informazioni raccolte in merito. Una persona deve essere invogliata a utilizzare un servizio o acquistare un prodotto. Le informazioni che riceve gli devono indicare i vantaggi e i benefici che otterrà: quali sono i bisogni che riuscirà a soddisfare e gli obiettivi che potrà raggiungere. 22. Why user experience cannot be designed, Smashing Magazine, March

14 Una buona curva di esperienza si distingue per avere in questa fase un picco in alto, sinonimo della creazione di un aspettativa elevata. I momenti iniziali dell esperienza sono molto importanti perché, nella maggior parte dei casi, discriminano il successo o meno di un servizio/prodotto. È in questi momenti che la persona decide se addentrarsi nell esperienza vera e propria. Nei momenti successivi alla premessa, inizia l esecuzione: la persona utilizza il servizio o il prodotto. Essa è costituita dall insieme di azioni che la persona svolge per raggiungere il suo obiettivo. L esecuzione è la parte principale dell esperienza perché la persona utilizza effettivamente il servizio o il prodotto, formulando un opinione e soprattutto un ricordo. Una buona curva di esperienza può rimanere nella media ma deve avere qualche picco positivo. La fase conclusiva è la più importante perché è quella che le persone ricordano con maggiore facilità e che influenza in modo significativo il ricordo dell intera esperienza. La fase conclusiva è costituita dagli attimi antecedenti il raggiungimento dell obiettivo, e proprio per questo motivo essi devono essere particolarmente curati e piacevoli. Una buona esperienza (Fig.3) avviene nel momento in cui la parte conclusiva supera le aspettative iniziali, secondo quanto enunciato dalla teoria della peak-end rule 23. Promessa Esecuzione Conclusione WIN POINT PEAK-END RULE media dell esperienza PAIN POINT Passo 01 Passo 02 Passo 03 Passo 04 Passo 05 Passo 06 Passo 07 Passo 08 Passo 10 Fig.4 - La conformazione della curva. Ciascuna fase dell esperienza definisce l andamento della curva. Particolare attenzione meritano win point e pain point, nonché il momento conclusivo. 23. L utilità ricordata è la media che si stabilisce tra l utilità istantanea misurata all inizio e alla fine di un esperienza. Kahneman D., Objective Happiness, in Kahneman D., Diener E., Schwarz N., Well-Being: The Foundations of Hedonic Psychology, Russel Sage Foundation, New York,

15 La curva visualizza inoltre la sua composizione in termini di utilità, semplicità e piacevolezza. Tutte le azioni delle persone durante l esperienza dovrebbero essere utili, semplici e piacevoli, ma sappiamo che (purtroppo) non è così. Ci possono essere delle azioni che sono utili, ma poco piacevoli (es. fare la fila alle casse, trovare parcheggio, pratiche nei software gestionale) così come ci sono delle azioni semplici, ma inutili (es. stampare un documento quando serve solo un codice). La sua composizione permette di capire a colpo d occhio qual è la metrica (o le metriche) che influiscono in modo negativo sulla qualità dell esperienza complessiva in modo da definire l elenco di interventi mirati. Le curve visualizzano l andamento dell esperienza, durante le tre fasi: dalla premessa, all esecuzione e conclusione. Lo studio della conformazione della curva e della sua struttura permettono di individuare quali sono gli ostacoli, dove si trovano e su quale metrica incidono maggiormente. Grazie al Monitorggio UX si ottiene un elenco di insight inerenti alle curve di esperienza e una serie di suggerimenti pratici per evolvere l esperienza offerta ai propri clienti. 15

16 3.2 Come si svolge un Monitoraggio UX Per eseguire uno Monitoraggio UX è importante individuare e definire quali sono i principali flussi e punti di contatto con i propri clienti. Essi coinvolgono principalmente touchpoint digitali, ma possono essere integrati con quelli fisici. Il punto di partenza è il medesimo: individuare quali sono i processi che maggiormente impattano sugli obiettivi di business. Successivamente ciascun flusso viene scomposto in singole azioni che la persona deve compiere per raggiungere il proprio obiettivo (es. apertura di un conto, acquisto di un biglietto, prenotazione di un hotel ). Per ogni azione individuata si raccolgono i reali dati di utilizzo/adozione e si analizzano le 41 metriche dell esperienza; a ciascuna viene attribuito un punteggio che indica, all interno di ogni singola azione, se la metrica è totalmente soddisfatta (2), se è necessario un miglioramento (1) oppure se è assente (0). I punteggi raccolti sono fattorizzati e trasformati in indici a base decimale per essere più facilmente comparabili. L analisi esperta è svolta da un valutatore che analizza criticamente il flusso eseguito dalle persone con l obiettivo di individuare le criticità e le opportunità di sviluppo. L esperto analizza le curve UX, descrivendo le caratteristiche della conformazione e identificando una serie di insight e suggerimenti per migliorare l esperienza offerta. L analisi esperta, tiene in considerazione una serie di fattori complessi e non prevedibili: l unico modo per vedere il risultato delle scelte fatte è quello di ripetere la misurazione nel tempo. Promessa Esecuzione Conclusione t3 t2 t1 Fig.5 - Comparazione di curve di esperienza. La comparazione delle curve di esperienza mette a confronto i flussi rispetto ad un arco di tempo coerente con gli obiettivi del prodotto o servizio analizzato. 16

17 Per questa ragione, il Monitoraggio UX è uno strumento iterativo, che si applica ciclicamente in un arco di tempo coerente con gli obiettivi del progetto o del servizio a cui si applica. In questo modo è possibile valutare l impatto delle modifiche suggerite e apportate. Nei Monitoraggi successivi al primo si esegue l analisi sugli stessi flussi individuati inizialmente, ma comparando i dati ottenuti dalle misurazioni precedenti. Si misura quindi la differenza esistente tra la prima analisi e la successiva, in termini di esperienza e utilizzo da parte degli utenti. L esperto ha il compito di integrare l analisi con le considerazione relative alle variazioni emerse e all evoluzione della curva. Il Monitoraggio UX è uno strumento iterativo, che si applica ciclicamente in un arco di tempo coerente con gli obiettivi del progetto o del servizio. 3.3 Limiti e vantaggi del Monitoraggio UX Ogni persona ha un proprio bagaglio personale che ha sviluppato individualmente, per questo l esperienza è vissuta da ciascuno in modo differente. Tuttavia, è possibile identificare una tendenza comune di comportamento e così da individuare gli aspetti che maggiormente inducono le persone a utilizzare un servizio rispetto a un altro. Il monitoraggio UX si distingue dalle altre procedure di quantificazione a analisi perché permette allo stesso tempo la misurazione dell esperienza, la visualizzazione delle curve UX e un elenco di indicazioni pratiche per evolvere l esperienza. Dal monitoraggio UX si ricava un analisi esperta e quindi soggettiva, che abbiamo normalizzato con l introduzione nel protocollo degli indici reali di utilizzo. Essi tracciano l adozione da parte delle persone e i relativi cambiamenti. Questo significa che abbiamo integrato all interno di uno stesso strumento sia una valutazione qualitativa che una quantitativa. La valutazione dell esperienza sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo è una caratteristica distintiva del Monitoraggio UX. Entrambi gli approcci, se presi singolarmente, presentano dei limiti 24 : da un lato i dati qualitativi, per loro natura, sono fonte di interpretazione soggettiva, mentre d altro canto l oggettività dei numeri è limitante se non c è la possibilità di approfondire la situazione entrando nel merito. 24. Creswell J.W., Research Design: Qualitative, Quantitative, and Mixed Methods Approaches; Sage Publications, Thousand Oaks,

18 La presenza di entrambe le tipologie ci ha permesso di superare i limiti, ed esaltare i vantaggi di entrambe. Il monitoraggio UX consente di analizzare il comportamento reale degli utenti specificando per ogni singola azione quali sono le problematiche che essi incontrano e quali sono le opportunità di sviluppo. L analisi esperta è focalizzata sia sulla situazione attuale che sulle successive evoluzioni, ed evidenzia le differenze in termini di adozione durante tutto il periodo di monitoraggio. Misurare l esperienza costantemente consente di verificare l efficacia delle proprie scelte. Evolvere significa modificare l esperienza per adeguarla alle abitudini degli utilizzatori. Misurare l esperienza costantemente consente di verificare l efficacia delle proprie scelte. Evolvere significa migliorare l esperienza. 18

19 Conclusioni Il Monitoraggio UX è il primo strumento che aiuta a governare il cambiamento basandosi su una valutazione rigorosa della qualità dell esperienza offerta. L analisi offre sia al team di design che al product management una serie di insight sui punti di forza e di debolezza della propria offerta, insieme a numerose indicazioni pratiche per rimuovere gli ostacoli che influenzano negativamente l esperienza; allo stesso tempo individua le potenzialità esistenti, ma non ancora sviluppate. Il Monitoraggio UX si rivela così una risorsa utilissima per governare le scelte di progetto a a disposizione del team di design tanto quanto del product management. Negli ultimi due anni abbiamo applicato il Monitoraggio UX a progetti di media e grande dimensione nei campi dell Healthcare, dell e-commerce e della corporate communication, gestiti sia attraverso EVO sia con metodi Agili e Scrum. Il protocollo si è rivelato uno strumento fondamentale per guidare sia le scelte di design che quelle strategiche, limitando le rilavorazioni, gli sprechi e fornendo indicazioni utili per indirizzare tutti gli sforzi verso il miglioramento dell esperienza in modo coerente agli obiettivi di business. 19

20 evo è un approccio progettuale all esperienza d uso finalizzato a generare valore nel tempo. evo è un marchio registrato di proprietà di Sketchin. Siamo uno studio di progettazione dell esperienza d uso su prodotti e servizi digitali. Lavoriamo con la vostra azienda per scoprire, progettare ed evolvere prodotti e servizi digitali di successo grazie al coinvolgimento delle persone che li utilizzeranno. Siamo specializzati nell evolvere, migliorandola, l esperienza d uso dei vostri prodotti e servizi digitali nel tempo

Evolutive experience design

Evolutive experience design Evolutive experience design Luca Mascaro evolving experience sketchin.ch πάντα ῥεῖ ὡς ποταμός (Tutto scorre come un fiume) - Eraclito Il filosofo greco ammoniva che Non si può discendere due volte nel

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

I questionari del Protocollo eglu per valutare i servizi web

I questionari del Protocollo eglu per valutare i servizi web Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA I questionari del Protocollo eglu per valutare i servizi web Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000)

La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) CAPITOLO 1 Mario Cislaghi AICQ-CI La relazione cliente/fornitore dal punto di vista normativo: il cliente al centro dell evoluzione dalla norma attuale alla ISO 9001:2000 (VISION 2000) IL CLIENTE AL CENTRO

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito!

La Fantasia è più importante del sapere Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Vuoi migliorare il tuo business, migliora il tuo sito! Migliora il tuo sito e migliorerai il tuo business Ti sei mai domandato se il tuo sito aziendale è professionale? È pronto a fare quello che ti aspetti

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

CRM: solo un inizio per la Customer Experience www.cdirectconsulting.it

CRM: solo un inizio per la Customer Experience www.cdirectconsulting.it CRM: solo un inizio per la Customer Experience www.cdirectconsulting.it Omar Zampollo INDICE CUSTOMER EXPERIENCE: DA SERVIZIO A ESPERIENZA CEM-CRM: il nuovo modo di intendere l organizzazione aziendale

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

GLI ATTRIBUTI DI QUALITA DEL SW 1. funzionalità 2. affidabilità

GLI ATTRIBUTI DI QUALITA DEL SW 1. funzionalità 2. affidabilità Comunicazione interattiva 13. Qualità e Usabilità dei siti Web GLI ATTRIBUTI DI QUALITA DEL SW 1. funzionalità 2. affidabilità 3.usabilità 4. efficienza 5. manutenibilità 6. portabilità (ISO 9126) La efficacia,

Dettagli

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI

I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI I. ORGANIZZARE E GESTIRE PROGETTI: ASPETTI INTRODUTTIVI 1. Lavorare per progetti La parola, oltre ad avere il significato del lessico comune, significa anche approccio manageriale, soprattutto da quando

Dettagli

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline?

Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Cos è secondo voi una strategia? Ci sono strategie che si usano in più contesti? E strategie legate alle singole discipline? Ricordate qualche strategia che vi è stata particolarmente utile nel corso delle

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI

PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI Profilo aziendale PORTFOGLIO PER PROCESSI OTTIMALI Consulenza SAP Sviluppo SAP Soluzioni Add-On SAP add IL NOSTRO PORTFOGLIO Servizi di consulenza SAP La gamma di servizi di consulenza offerta da ParCon

Dettagli

SOFT SKILLS. Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane

SOFT SKILLS. Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane SOFT SKILLS Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane SOFT SKILLS Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori,

Dettagli

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING

NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING gno Inserto di Missione Impresa dedicato allo sviluppo pratico di progetti finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese. NUOVI APPROCCI PER UN MANAGER ALLENATORE : IL PROCESSO DI COACHING COSA

Dettagli

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe

GIANLUIGI BALLARANI. I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe GIANLUIGI BALLARANI I 10 Errori di Chi Non Riesce a Rendere Negli Esami Come Vorrebbe Individuarli e correggerli VOLUME 3 1 GIANLUIGI BALLARANI Autore di Esami No Problem Esami No Problem Tecniche per

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

Facciamo un calendario

Facciamo un calendario ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DOCUMENTAZIONE PERCORSO DI STORIA Scuola dell Infanzia Facciamo un calendario Scuola dell Infanzia Insegnanti: F Aloisio,

Dettagli

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane

I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane I 10 Vantaggi Competitivi di una gestione del lavoro orientata alla sicurezza e allo sviluppo delle Risorse Umane La presente pubblicazione si rivolge ai dirigenti del settore sanitario e ha come obiettivo

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA

Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA MOTIVAZIONE Istituto Comprensivo Gallicano nel Lazio Unità d apprendimento IL TEMPO CORRE E VA La dimensione del tempo, come quella dello spazio, nella società di oggi è stravolta dalla modalità e dalla

Dettagli

Le componenti dell'assertività

Le componenti dell'assertività ASSERTIVITA Il comportamento assertivo è quel comportamento attraverso il quale si affermano i propri punti di vista, senza prevaricare né essere prevaricati. Si esprime attraverso la capacità di utilizzare

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Ideare e gestire una newsletter

Ideare e gestire una newsletter Ideare e gestire una newsletter Se correttamente gestita, una newsletter può diventare uno strumento davvero utile per tenere informati i visitatori di un sito e conquistare la fiducia e la fedeltà, dei

Dettagli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli

Servqual: applicazioni e limiti del modello. Tonino Pencarelli Servqual: applicazioni e limiti del modello Tonino Pencarelli servqual Il Servqual è costituito da due serie di 22 domande predefinite: la prima serie di domande misura le aspettative generiche dei clienti

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Marketing e Strategie. Marketing e Strategie

Marketing e Strategie. Marketing e Strategie Marketing e Strategie Marketing e Strategie INDICE 1. IL METODO DEL CHECK UP Pag. 3. 2. I RISULTATI Pag. 5 3. IL CONFRONTO CON GLI ALTRI Pag. 10 4. AREE DI MIGLIORAMENTO Pag. 12 5. PROSSIMI PASSI Pag.

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

Estratto del capitolo 5 Edizione italiana a cura di Studio Pleiadi

Estratto del capitolo 5 Edizione italiana a cura di Studio Pleiadi Estratto del capitolo 5 Edizione italiana a cura di Studio Pleiadi 1. Come funzionano i motori di ricerca Una panoramica generale sul funzionamento dei motori di ricerca risultati). 2. Come le persone

Dettagli

COMPETENZE TRASVERSALI

COMPETENZE TRASVERSALI GESTIRE IL CAMBIAMENTO STILI DI LEADERSHIP FACILITARE LA COMUNICAZIONE GESTIRE LE SITUAZIONI DI CRISI CREATIVITÀ E PROBLEM SOLVING GESTIONE EFFICACE DEL TEMPO PROJECT MANAGEMENT IN PRATICA FORMARE IL PROPRIO

Dettagli

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta.

COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. COME CATTURARE I MOMENTI CHE CONTANO: raggiungere le persone giuste con il messaggio giusto al momento giusto, ogni volta. Parlare di sessione online è ormai obsoleto: oggi non si va più online, si vive

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

La Gestione della Complessità

La Gestione della Complessità La Gestione della Complessità Only variety can destroy variety (Ross. W. Ashby) Prof. Claudio Saita 1 La struttura del modello cognitivo proposto, conosciuto più comunemente in letteratura come la legge

Dettagli

INTRODUZIONE 13. Introduzione

INTRODUZIONE 13. Introduzione INTRODUZIONE 13 Introduzione In questi ultimi anni alla formazione è stata attribuita un importanza sempre maggiore e tale crescita di interesse ha coinvolto ambiti lavorativi diversi. Si è, infatti, assistito

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se

Dettagli

REPUTATION FORUM ITALIA

REPUTATION FORUM ITALIA Reputation Institute Barilla REPUTATION FORUM ITALIA Parma, 11 settembre 2012 La Reputazione è il #1 Driver di Valore Per quale motivo la Reputazione è il primo driver di valore per un azienda? Quali sono

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo

La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo Le relazioni della Giornata Tecnica ANTIM di Parma La valorizzazione delle risorse umane come vantaggio competitivo di Lorenzo Morandi - L.M.Consulting La motivazione non è una caratteristica intrinseca

Dettagli

CAMPUS. fast fast fast nei Tempi, depth depth depth nella Formazione, solid solid solid nel Futuro.

CAMPUS. fast fast fast nei Tempi, depth depth depth nella Formazione, solid solid solid nel Futuro. ArToo Campus è una Scuola di eccellenza per formare eccellenze, che fa dell innovazione dirompente il suo credo. ARTOO CONTATTI Via 1 Maggio, 156 60131 ANCONA (AN) ITALY Tel +39 071 99 802 68* Fax +39

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

PREVEDERE LE VENDITE PER IL REVENUE MANAGEMENT

PREVEDERE LE VENDITE PER IL REVENUE MANAGEMENT Lezione n. 2 - PREVISIONE 1 PREVEDERE LE VENDITE PER IL REVENUE MANAGEMENT AUTORI Paolo Desinano Centro Italiano di Studi Superiori sul Turismo di Assisi Riccardo Di Prima Proxima Service INTRODUZIONE

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE. Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 COMPETENZA S P I R I T O D I I N I Z I A T I V A E D I I M P R E N D I T O R I A L I T A DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006

Dettagli

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010

voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Grazie per il suo interesse alla nuova tecnologia voce dei cittadini in tempo reale OpinionMeter Chieda la sua prova personalizzata senza impegno entro il 15 ottobre 2010 Cristina Brambilla Telefono 348.9897.337,

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

Valutare la qualità dei siti Web

Valutare la qualità dei siti Web Valutare la qualità dei siti Web CONTENUTI OBIETTIVI DELLA LEZIONE 1. Chiarire cosa si intende per qualità dei siti Web 2. Descrivere alcune tecniche per misurare tali caratteristiche 3. Introdurre l approccio

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

HERMES CONSULTING. Cosa Offriamo. Transformative Learning. Self Empowerment. ConVision. Il nostro Focus. Come Lavoriamo. Chi Siamo.

HERMES CONSULTING. Cosa Offriamo. Transformative Learning. Self Empowerment. ConVision. Il nostro Focus. Come Lavoriamo. Chi Siamo. Cosa Offriamo Top Alignment ConVision Transformative Learning Self Empowerment Il nostro Focus Come Lavoriamo Chi Siamo Cosa Offriamo COSA OFFRIAMO Hermes è la più grande società italiana di consulenza

Dettagli

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente

LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità. I VALORI Etica, qualità e impegno costante. I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente INDICE PAG. 2 LA NOSTRA STORIA Esperienza e professionalità PAG. 4 I VALORI Etica, qualità e impegno costante PAG. 6 I CLIENTI Attenzione alle esigenze del Cliente 1 PAG. 7 GLI OBIETTIVI Stabilità e continuità

Dettagli

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI

METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI All. A METODOLOGIA DELLA VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI ai sensi del vigente Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro 26 SISTEMA DI VALUTAZIONE DEI DIPENDENTI AMBITO DI APPLICAZIONE: dipendenti CISSACA OBIETTIVO

Dettagli

Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse

Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse Presenza ai Raduni Regionali Estivi a Schio ed Asiago Motivazione e Atletica Leggera: la consapevolezza delle proprie risorse Nel corso del raduno estivo 2010 si è idealmente proseguito il lavoro dell

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

Comportamento del cliente

Comportamento del cliente Comportamento del cliente Obiettivi conoscitivi Inquadrare l analisi del comportamento del cliente nelle diverse prospettive disciplinari che hanno affrontato l argomento Comprendere la sequenza delle

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI

OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI OLTRE LA CONSULENZA AGLI INVESTIMENTI Immagine tratta da Freud, la finanza e la follia Economist 22 gennaio 2004 L intuizione umana è una pessima guida quando abbiamo a che fare con il rischio Ruggero

Dettagli

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON

VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON LA VALUTAZIONE RIFERIMENTI TEORICI: M. COMOGLIO C.A. TOMLINSON Attivazione struttura cooperativa ALZATI E CONDIVIDI QUALI SONO I PROBLEMI CHE INCONTRO NELLA VALUTAZIONE? CRITICA ALLA VALUTAZIONE TRADIZIONALE

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Come Fare un Business Plan in 30 Minuti (con Esempio)

Come Fare un Business Plan in 30 Minuti (con Esempio) Come Fare un Business Plan in 30 Minuti (con Esempio) Il business plan è un importante strumento di pianificazione economica e finanziaria fondamentale in fase di start up aziendale ai fini della presentazione

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

Corso di User Experience

Corso di User Experience Corso di User Experience A.A.2010-2011 RELAZIONE FINALE: Studio sull interazione tra bellezza, bontà e usabilità di prodotti interattivi Autori: Battistutta Paola, Franjul Sandi Data: 08/03/2011 INTRODUZIONE

Dettagli

Promuovere e valutare competenze nella scuola

Promuovere e valutare competenze nella scuola Promuovere e valutare competenze nella scuola Intervento di Michele Pellerey Sul concetto di competenza in un contesto scolastico Nei documenti della Commissione Europea sulla competenze chiave della cittadinanza

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE

INTERNAZIONALIZZAZIONE 1) 10 FEBBRAIO 2015 9:00 14:00 INTERNAZIONALIZZAZIONE Come aumentare il fatturato della Tua Azienda attraverso un approccio strategico ai mercati esteri Un metodo solido, strutturato, basato su una visione

Dettagli

COSA NON TI DICONO SULL E-COMMERCE B2B. www.sana-commerce.com

COSA NON TI DICONO SULL E-COMMERCE B2B. www.sana-commerce.com COSA NON TI DICONO SULL E-COMMERCE B2B www.sana-commerce.com INTRODUZIONE Spaesati e con un sacco di dubbi. Ecco come si sentono in molti riguardo all ecommerce B2B. Tutti ne parlano, ma solo pochi sanno

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Perché una technology agency.

Perché una technology agency. Perché una technology agency. Creatività Strategia UX design Seo WEB PROJECT Partner layer CMS abstract Un progetto web moderno è composto da elementi diversi come creatività, strategia e business che

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF

Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le undici competenze chiave del coaching secondo ICF Le seguenti undici competenze chiave del coaching sono state sviluppate per fornire una maggiore comprensione rispetto alle capacità ed agli approcci

Dettagli

Le Dimensioni della LEADERSHIP

Le Dimensioni della LEADERSHIP Le Dimensioni della LEADERSHIP Profilo leadership, dicembre 2007 Pag. 1 di 5 1. STRATEGIA & DIREZIONE Creare una direzione strategica Definire una strategia chiara e strutturata per la propria area di

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

Educare ai videogiochi

Educare ai videogiochi Educare ai videogiochi Damiano Felini Università degli Studi di Parma Insegnare i videogiochi ai ragazzini, che li sanno già usare perfettamente, può sembrare un obiettivo strano: non lo è, se si pensa

Dettagli

Introduzione. Gentile lettore,

Introduzione. Gentile lettore, Le 5 regole del credito 1 Introduzione Gentile lettore, nel ringraziarti per aver deciso di consultare questo e-book vorrei regalarti alcune indicazioni sullo scopo e sulle modalità di lettura di questo

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract Abstract L attuale ricerca di sempre nuove opportunità di comunicazione da parte delle imprese e la crescente richiesta di sponsorizzazione da parte delle organizzazioni sponsee rendono necessarie procedure

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

PREMESSA. I fattori che influenzano la scelta del percorso formativo sono, essenzialmente, tre:

PREMESSA. I fattori che influenzano la scelta del percorso formativo sono, essenzialmente, tre: PREMESSA Il percorso formativo dopo la scuola media rappresenta la prima, importante, vera scelta che può influire sullo sviluppo personale e professionale di un ragazzo o di una ragazza che si proietta

Dettagli