Multi-purpose Local Manager Interface Control Document MLM ICD

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Multi-purpose Local Manager Interface Control Document MLM ICD"

Transcript

1 Multi-purpose Local Manager Interface Control Document MLM ICD

2 INDICE DEGLI ARGOMENTI 1 SCOPO IDENTIFICAZIONE INTRODUZIONE DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO LISTA DEGLI ACRONIMI DEFINIZIONE DELLE INTERFACCE INIZIALIZZAZIONE DATA BASE INTERFACCIAMENTO TRAMITE DATA BASE CONDIVISO UpdateStatus UpdateTime ReadOrder UpdateOrder GetNumberOfSupervisorStatus INTERFACCIAMENTO TRAMITE PROTOCOLLO SNMP Requisiti di interfacciamento... 21

3 1 SCOPO 1.1 IDENTIFICAZIONE Questo documento definisce la progettazione di dettaglio riguardante la realizzazione delle interfacce del CSCI MLM relativo al Software Applicativo del Sottosistema STN Proxy, sviluppato nell ambito del Sistema di Telegestione Nazionale (STN). 1.2 INTRODUZIONE Il Sistema di Telegestione Nazionale (in seguito STN), nel cui ambito rientra la realizzazione del CSCI Multi-purpose Local Manager (MLM), consiste in un sistema gerarchico per il controllo remoto, attivo e passivo degli Apparati di assistenza al volo. Scopo di STN è in primo luogo quello di ridurre i costi di conduzione tecnica, di aumentare l affidabilità e la disponibilità del servizio erogato, di omogeneizzare i sistemi di telegestione attualmente in uso, armonizzare le interfacce uomomacchina in un unico applicativo da cui gli operatori, debitamente addestrati, possano eseguire le procedure di conduzione ordinaria e le procedure d emergenza a fronte di problemi di malfunzionamento rilevati dal sistema. In secondo luogo, l infrastruttura creata da STN mette a disposizione a livello centrale una base dati storica delle prestazioni dei servizi erogati dai vari sistemi/apparati, nonché uno strumento di monitoraggio in tempo reale dei trend prestazionali. Attraverso STN sarà quindi possibile ottimizzare i servizi di manutenzione e di logistica. STN realizza quanto detto interfacciandosi direttamente ai sistemi presenti in sito, estendendo le capacità di monitoraggio e di controllo (almeno per le funzioni primarie di conduzione tecnica dei sistemi) presso i centri di controllo territoriali, secondo una architettura piramidale al cui vertice è presente il Centro Nazionale di Supervisione e Controllo presso la sede Centrale dell Enav S.p.A presente in Roma. In questo sito convergono tutte le informazioni provenienti dai vari Centri di Supervisione e Controllo presenti sul territorio nazionale. Ogni Centro di Supervisione e Controllo si occupa del monitoraggio dei siti ENAV di sua competenza. In ciascun sito dell ENAV sarà presente per ciascun apparato gestito, o per un insieme di essi, un sottosistema definito nodo Proxy, che ha il compito di interfacciarsi alle apparecchiature e ai sistemi presenti nel sito e di monitorarne il funzionamento.

4 Ciascun Proxy comunica le informazioni raccolte, opportunamente rielaborate, al Server del Centro di Supervisione e Controllo di competenza. Figure 1 - Architettura STN Per tale comunicazione, Techno Sky ha sviluppato un CSCI denominato Multi-purpose Local Manager (MLM), che espleta la funzione di proxy tra i sistemi di telegestione locale (STL) ed il sistema di monitoraggio. Il CSCI MLM residente sul nodo Proxy si interfaccia quindi con: i sistemi da monitorare e controllare (rappresentati in Figura:1 dai sottosistemi all ultimo livello) il sistema di monitoraggio per garantire l interfacciabilità ed interoperabilità con la rete STN. Il CSCI MLM ha il compito di inviare al sistema di monitoraggio i dati riguardanti lo stato e la diagnostica generati dal gestore locale oggetto del monitoraggio, inoltre invia gli ordini provenienti dalle workstation STN e ne riceve le relative risposte.

5 1.3 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO Questo documento definisce i requisiti di interfaccia per il CSCI MLM, sviluppato nell ambito del Sistema di Telegestione Nazionale (STN). La struttura del presente documento è la seguente: Capitolo 1: Scopo E il capitolo in corso ed identifica lo scopo ed il contenuto del documento. Capitolo 2: Definizione delle Interfacce Descrive le modalità di interfacciamento supportate dal CSCI MLM verso i Sistemi di Telegestione Locale. Il contenuto di questo documento potrà essere rivisitato ad intervalli regolari al verificarsi di uno dei seguenti eventi: Variazione dei requisiti di progetto. Modifiche dovute alle fasi di integrazione e test.

6 1.4 LISTA DEGLI ACRONIMI Sigla ANSP ATC ATM BIOS CI CM CSCI ENAV FAT FDP FTS GUI HR HW ICAO ICD IEEE ISO LAN MIB MLM NTP OS PMP PRX SAT SCM SDD SIMEC SNMP SoW SRS SSDD SSS STL Descrizione Air Navigation Service Provider Air Traffic Control Air Traffic Management Basic Input-Output System Configuration Item Configuration Management Computer Software Configuration Item Ente Nazionale Assistenza al Volo Factory Acceptance Test Flight Data Processing Functional and Technical Specification Graphical User Interface Hardware Requirements Hardware International Civil Aviation Organization Interface Control Document Institute of Electrical and Electronics Engineers International Standard Organization Local Area Network Management Information Base Multi-purpose Local Manager Network Time Protocol Operating System Project Management Plan Proxy Site Acceptance Test Software Configuration Management Software Design Description Sistema Monitoraggio e Controllo Simple Network Management Protocol Statement of Work Software Requirements Specification System/Segment Design Document System/Segment Specification Sistema di Telegestione Locale

7 STN STP STR SVN SVTD SW TCP/IP TMT UTC WP Sistema di Telegestione Nazionale Software Test Plan Software Test Report Subversion System Validation Test Description Software Transmission Control Protocol / Internet Protocol Test Management Tool Universal Time Constant Work Package

8 2 DEFINIZIONE DELLE INTERFACCE In questo paragrafo sono individuati, classificati e definiti i sistemi con cui il CSCI MLM si interfaccia. Nella seguente figura è illustrato il posizionamento architetturale del CSCI MLM all interno dell architettura STN. interfaccia Figure 2 - Interfacce MLM Dalla Figure 2 è evidente che il CSCI MLM si interfaccia direttamente con le seguenti entità: STL. Sistema di Telegestione Locale. Interfaccia. tale componente permette l invio delle le informazioni di gestione provenienti dal CSCI MLM rendendole disponibili al Server Regionale. Nei seguenti paragrafi sono descritte le diverse modalità di interfacciamento tra il Multi-purpose Local Manager ed il sistema di telegestione locale STL: 1. Via tabella su Data Base MySQL condiviso (v. 2.2) 2. Via protocollo SNMP (v. 2.3)

9 2.1 INIZIALIZZAZIONE DATA BASE Il database dell MLM proxy deve essere inizializzato con il set di dati che viene scambiato con il sistema di supervisione locale. In particolare, devono essere forniti l elenco dei servizi associati agli apparati monitorati e l elenco degli ordini applicabili su tali apparati. Queste informazioni devono essere notificate all amministratore di sistema preliminarmente all esecuzione dell MLM Proxy tramite un file XML che rispetti il seguente schema: <?xml version="1.0"?> <xs:schema xmlns:xs="http://www.w3.org/2001/xmlschema"> <xs:element name="configuration"> <xs:complextype> <xs:sequence> <xs:element name="site" type="xs:string"/> <xs:element name="supervisor_name" type="xs:string"/> <xs:element name="service_list"> <xs:complextype> <xs:sequence> <xs:element name="service" type="servicetype" minoccurs="0"/> </xs:sequence> </xs:complextype> </xs:element> </xs:sequence> </xs:complextype> </xs:element> <xs:complextype name="servicetype"> <xs:sequence> <xs:element name="name" type="xs:string" maxoccurs="1"/> <xs:element name="description" type="xs:string" maxoccurs="1"/> <xs:element name="measure" type="measuretype" maxoccurs="1"/> <xs:element name="extended" type="xs:string" maxoccurs="1"/> <xs:element name="dynamic_label_number" type="xs:integer" maxoccurs="1"/> <xs:element name="service" type="servicetype" minoccurs="0" maxoccurs="unbounded"/> <xs:element name="order" type="ordertype" minoccurs="0" maxoccurs="unbounded"/> </xs:sequence> </xs:complextype> <xs:complextype name="ordertype"> <xs:sequence> <xs:element name="name" type="xs:string" maxoccurs="1"/> <xs:element name="description" type="xs:string" maxoccurs="1"/>

10 <xs:element name="command_type" type="xs:integer" maxoccurs="1"/> <xs:element name="input_parameter_number" type="xs:integer" maxoccurs="1"/> </xs:sequence> </xs:complextype> <xs:simpletype name="measuretype"> <xs:restriction base="xs:string"> <xs:enumeration value="alarm"/> <xs:enumeration value="switch"/> <xs:enumeration value="network"/> <xs:enumeration value="analogic_measure"/> <xs:enumeration value="custom"/> <xs:enumeration value="group"/> </xs:restriction> </xs:simpletype> </xs:schema> Lo schema prevede che ogni sistema di supervisione fornisca le seguenti informazioni: il sito d installazione (tag <site>); il nome del sistema di supervisione (tag <supervisor_name>); la lista dei servizi (tag <service_list>); Per ogni servizio (tag <service>) dovranno essere definite le seguenti informazioni: nome univoco identificativo del servizio (tag <name>); descrizione del servizio (tag <description>); tipo di misura (tag <measure>): ALARM SWITCH NETWORK ANALOGIC_MEASURE CUSTOM GROUP; un informazione aggiuntiva associata alla misura (tag <extended>): o in caso di tipo di misura SWITCH da compilare con i valori: LINEAR INVERTED; o in caso di tipo di misura ANALOGIC_MEASURE da compilare con l unità di misura associata (%, C, V); numero di label dinamiche associate al servizio da visualizzare sulla STN GUI (tag <dynamic_label_number>); elenco dei servizi figli (tag <service>); elenco degli ordini associati al servizio (tag <order>); Per ogni ordine dovranno essere definite le seguenti informazioni: nome univoco identificativo dell ordine (tag <name>); descrizione dell ordine (tag <description>); tipo di ordine (tag < command_type > default 0);

11 numero di parametri di input richiesti per l esecuzione dell ordine (tag <input_parameter_number>). Un esempio di file XML formattato seguendo lo schema precedentemente indicato è illustrato nel paragrafo seguente. <configuration xmlns:xsi="http://www.w3.org/2001/xmlschema-instance" xsi:nonamespaceschemalocation="schema.xsd"> <site>sito_name</site> <supervisor_name>supervisor_name</supervisor_name> <service_list> <service> <name>service1_name</name> <description>service1_description</description> <measure>alarm</measure> <extended/> <dynamic_label_number>1</dynamic_label_number> <service> <name>>service1_child1_name</name> <description> SERVICE1_CHILD1_DESCRIPTION </description> <measure>analogic_measure</measure> <extended>c</extended> <dynamic_label_number>1</dynamic_label_number> </service> <order> <name> SERVICE1_ORDER1_NAME</name> <description> SERVICE1_ORDER1_DESCRIPTION</description> <command_type>0</command_type> <input_parameter_number>0</input_parameter_number> </order> </service> </service_list> </configuration>

12 2.2 INTERFACCIAMENTO TRAMITE DATA BASE CONDIVISO In questo paragrafo è descritta l interfaccia, individuata nel Errore. L'origine riferimento non è stata trovata., tra il CSCI MLM ed il Sistema di Telegestione Locale, realizzata attraverso un DataBase open source condiviso (e.g. MySQL InnoDB), generalmente residente sul nodo Proxy. Il CSCI MLM si interfaccia con il Sistema STL per scambiare le seguenti tipologie di informazioni: Messaggi di stato Allarmi Messaggi diagnostici Notifiche Messaggi di Alive Ordini Al fine di velocizzare e ottimizzare le query di inserimento e update, il database metterà a disposizione delle stored procedures, di seguito specificate: In particolare sono state individuate le seguenti procedures: 1. UpdateStatus per aggiornare la tabella Status (delle Misure) 2. UpdateTime per fornire un messaggio di keepalive 3. ReadOrder per prelevare dalla tabella Orders i comandi in stato IACK 4. UpdateOrder per aggiornare la tabella Orders con gli output dei comandi eseguiti 5. GetNumberOfSupervisorStatus per fornire una vista dei monitorati dal sistema.

13 2.2.1 UpdateStatus La procedura updatestatus permetterà a STL di aggiornare la tabella delle misure Status con gli ultimi valori disponibili, restituendo conferma della regolare esecuzione della procedure. Sintassi La chiamata alla stored procedure prevede la seguente sintassi: CALL UpdateStatus(SERVICE_NAME, SEVERITY, MSG_GRP, MSG_TYPE, TEXT, LABELS) Input La procedura richiede in input i seguenti parametri (descritti in seguito nel dettaglio): SERVICE_NAME Text (MAX LENGHT 200) Identificativo della variabile controllata (Service Name) Il campo contiene l identificativo della variabile controllata ovvero, identifica la misura (servizio) di cui si vogliono aggiornare uno o più valori di riferimento. SEVERITY Text (MAX LENGHT 200) Severity Misura/Messaggio Il campo contiene l indicazione della severità della misura impostata da STL e intesa nella scala attesa da STN (normativa ISO 10164), che prevede i seguenti livelli: NORMAL, WARNING, MINOR, MAJOR, CRITICAL. MSG_GRP Integer (0..1) Identificativo del Message Group Il campo contiene il Message Group della misura impostata da STL, ovvero il gruppo a cui deve appartenere l opcmsg associato. Per gli impianti tecnologici sono previsti due gruppi: Nome_Sito-Alarms-IMP e Nome_Sito-Advices-IMP. A questa seconda tipologia appartengono messaggi contenenti segnalazioni di avviso importanti che, se non gestite tempestivamente, saranno poi causa di un danneggiamento al funzionamento normale di uno degli apparato degli Impianti Tecnologici. Il campo assumerà valore 0 nel primo caso (Alarms) e 1 nel secondo (Advices). MSG_TYPE Integer (0..2) Identificativo del Message Type

14 Output Il campo contiene il tipo di messaggio OPC associato che deve essere inviato (i.e. STATUS_MESSAGE, DIAGNOSTIC_MESSAGE, ALARM_MESSAGE) a STN per la notifica dell aggiornamento di stato della misura in esame. Il campo assumerà i seguenti valori: 0 per messaggi di Stato STATUS_MESSAGE; 1 per messaggi di Diagnostica DIAGNOSTIC_MESSAGE; 2 per messaggi di Allarme ALARM_MESSAGE. TEXT Text (MAX LENGHT 200) Testo dell opcmsg Il campo contiene la stringa che verrà inviata nel relativo opcmsg verso STN per la notifica dell aggiornamento di stato della misura in esame. In assenza di informazioni dettagliate aggiuntive, STL riporterà il solo nome del servizio (i.e. SERVICE_ID). La stringa dovrà essere comprensiva della/e unità di misura relativa/e, ove applicabile. LABELS Text (MAX LENGHT 5000) Label dinamiche Il campo contiene la lista delle label dinamiche associate alla misura (servizio) monitorata che saranno presentate sull interfaccia grafica delle workstation STN. Le diverse label sono separate le une dalle altre dal delimitatore (doppia pipe). Il testo di ciascuna label dinamica dovrà essere comprensivo dell unità di misura associata, ove applicabile. La procedura restituisce in output un valore numerico con il seguente significato: 0 La query è stata eseguita, ma non c è stato l aggiornamento dello stato. 1 La query è stata eseguita, e c è stato aggiornamento dello stato.

15 2.2.2 UpdateTime La funzione UpdateTime ha lo scopo di fornire un equivalente del messaggio keepalive, per permettere al proxy MLM di conoscere lo stato di comunicazione tra di esso e STL. La funzione verrà invocata ad intervalli di tempo configurabili e permetterà di aggiornare l ultimo tempo di accesso. Sintassi La chiamata alla funzione prevede la seguente sintassi: SELECT UpdateTime(SUPERVISOR_NAME) Input La funzione ha come parametro di input il campo: Output SUPERVISOR_NAME Text (MAX LENGHT 45) Identificativo del supervisore locale (Supervisor Name) Il campo contiene l identificativo del supervisore locale condiviso con l MLM Proxy. La funzione restituisce in output un valore numerico con il seguente significato: 0 La query è stata eseguita, ma non c è stato l aggiornamento del tempo. 1 La query è stata eseguita, e c è stato aggiornamento del tempo.

16 2.2.3 ReadOrder Questa procedura permette a STL di prelevare dalla tabella Orders gli ordini in stato IACK (inseriti) che devono ancora essere eseguiti. La procedura verrà eseguita ad intervalli di tempo configurabili, o alternativamente a seguito di un trigger del Proxy MLM, anch esso gestibile tramite stored procedure, da definire. Sintassi La chiamata alla procedura prevede la seguente sintassi: CALL ReadOrder(SUPERVISOR_NAME) Input La procedura ha come parametro di input il campo: Output SUPERVISOR_NAME Text (MAX LENGHT 45) Identificativo del supervisore locale (Supervisor Name) Il campo contiene l identificativo del supervisore locale condiviso con l MLM Proxy. La procedura restituisce una vista della tabella Orders contenente i seguenti campi: id Integer Identificativo record Ordine Questo campo viene impostato automaticamente dal database ad ogni inserimento di un nuovo ordine da eseguire e rappresenta una chiave univoca per identificare ogni ordine da gestire o gestito. L identificativo sarà composto da un prefisso MASSERIA\ seguito dall identificativo dell ordine. input Text Sintassi comando Ordine Il campo contiene la sintassi completa dell ordine da eseguire, formattata secondo le specifiche del gestore STL. parameters Text

17 Elenco parametri dell ordine Il campo contiene la lista dei parametri di input associati agli ordini,ove previsti, separati dal delimitatore (doppia pipe). commandtype Integer Identificativo del tipo di comando Il campo contiene un intero che può essere utilizzato, se previsto dallo specifico STL, per identificare il tipo di comando gestito. Un esempio di vista restituita dalla procedura in esame è illustrata in seguito id input parameters commandtype 3 SITO\\OrderName1 Param1 Param2 1 5 SITO\\OrderName2 1

18 2.2.4 UpdateOrder La procedura UpdateOrder ha lo scopo di permettere al supervisore STL l aggiornamento della tabella Orders alla conclusione dell esecuzione degli ordini presi in carico. Sintassi La chiamata alla procedura prevede la seguente sintassi: CALL UpdateOrder(ID, OUTPUT, ACKN) Input ID Integer Identificativo record Ordine Questo campo, ottenuto come risultato della stored procedure ReadOrder, permette di identificare l ordine gestito. OUTPUT Text (MAX LENGHT 200) Risposta all esecuzione Ordine Il campo contiene quanto restituito dall esecuzione dell ordine, stati, valori numerici (comprensivi dell eventuale unità di misura associata), messaggi diagnostici o di errore. Esempi di messaggi sono riportati di seguito: - CMD_COMPLETED (il comando è stato eseguito correttamente); - BAD_USER (l utente non è abilitato all esecuzione del comando); - CMD_ERROR (il comando è stato rigirato all apparato di competenza ma questo ha restituito un errore nell esecuzione dell operazione); - BAD_PLANT (il comando non è di pertinenza del sistema cui è stato rigirato); - TIMEOUT (timeout nell operazione di esecuzione del comando); - CMD_ALREADY_IN_PROGRESS (lo stesso comando è già in esecuzione a seguito della richiesta di un altro client. La stringa sarà completata con l identificativo del client concorrente WID o ID client STL). ACKN Text (4 CHAR) Acknowledgement

19 Il campo contiene un quadri-letterale avente lo scopo di identificare lo stato di esecuzione dell ordine. Il campo potrà assumere i seguenti valori: ACKN: NACK: ordine eseguito, l eventuale risposta all ordine sarà scritta nel campo OUTPUT; ordine non eseguito, l eventuale messaggio di errore sarà scritto nel campo OUTPUT. Output La procedura restituisce in output un valore numerico con il seguente significato: 0 l esecuzione della query non è andata a buon fine 1 l esecuzione della query è andata a buon fine

20 2.2.5 GetNumberOfSupervisorStatus La procedura GetNumberOfSupervisorStatus restituisce l elenco dei servizi monitorati dal sistema di supervisione locale concordati con l MLM proxy, ovvero i servizi dei quali si ricevono gli aggiornamenti di stato dal gestore il cui identificativo è passato in input alla procedura. Sintassi La chiamata alla procedura prevede la seguente sintassi: CALL GetNumberOfSupervisorStatus(SUPERVISOR_NAME) Input La procedura ha come parametro di input il campo: Output SUPERVISOR_NAME Text (MAX LENGHT 45) Identificativo del supervisore locale (Supervisor Name) Il campo contiene l identificativo del supervisore locale condiviso con l MLM Proxy. La procedura restituisce una vista della tabella status contenente i seguenti campi: service_id Text (MAX LENGHT 200) Il campo contiene l identificativo del servizio gestito dal sistema di supervisione locale condiviso con l MLM Proxy. Un esempio di vista restituita dalla procedura in esame è illustrata in seguito service_id servicename1 (eg:.ups_status) servicename2 (eg:. TemperaturaAmbiente)

21 2.3 INTERFACCIAMENTO TRAMITE PROTOCOLLO SNMP La modalità di interfacciamento di seguito descritto sarà sviluppata nelle prossime versioni del CSCI MLM. Essa prevede l utilizzo del protocollo SNMP (Simple Network Managment Protocol), che permette il monitoraggio (statistiche sullo stato dei sistemi) ed il controllo (modifica delle impostazioni) di dispositivi connessi in rete. SNMP è passato attraverso alcune revisioni fino all'attuale versione 3: SNMPv1: descritto nelle RFC rappresenta la prima versione, utilizza l'invio dei nomi di community (utilizzati come password) in chiaro; SNMPv2: descritto nelle RFC in cui sono state aggiunte nuove funzionalità tra cui la crittografia tramite MD5; SNMPv3: descritto nelle RFC è lo standard finale, ma al momento raramente utilizzato. Sostanzialmente un framework SNMP è composto da una o più Stazioni di Gestione (Management Station) e dagli agenti SNMP (SNMP Agent) in funzione sui device in rete. Le Management Station interrogano gli agent i quali inviano le informazioni richieste sul device. Gli oggetti gestiti dagli agent, sono raccolti, in ogni device, in un database chiamato MIB (Management Information Base) secondo la struttura definita nella SMI (Structure Management Information). Questa architettura permette una separazione fra il protocollo di gestione e la struttura dell'oggetto gestito. Come anticipato, nell'architettura SNMP, per ogni sottosistema è definita una base dati detta MIB (Management Information Base), gestita dal corrispondente agent, la quale rappresenta lo stato del sottosistema gestito, o meglio, una proiezione di tale stato limitata agli aspetti di cui si vuole consentire la gestione. Si tratta di una base dati "causalmente connessa" in quanto ogni modifica alla MIB causa un corrispondente mutamento nello stato del sottosistema rappresentato, e viceversa. Garantire questa proprietà della MIB è la funzione principale dell agent che la gestisce. L'accesso alla MIB (in lettura e scrittura) rappresenta l'interfaccia fornita al manager per gestire il sistema. Ogni MIB, pur variando nei contenuti specifici, ha la medesima struttura generale e i medesimi meccanismi generali di accesso da parte del manager (lettura e scrittura dei dati). Grazie alla connessione causale della MIB, è quindi possibile al manager agire sullo stato del sottosistema in un modo che è largamente indipendente dalle procedure concrete che devono essere messe in atto (dall agent) per estrarre le informazioni di stato rappresentate nella MIB, o attuare le modifiche di stato a seguito di cambiamenti dei contenuti della MIB. Gli oggetti di un MIB vengono definiti utilizzando un sottoinsieme della notazione Abstract Syntax Notation One (ASN.1) chiamato "Structure of Management Information Version 2 (SMIv2)" (RFC 2578). Il software che ne effettua il parsing viene chiamato compilatore MIB. Il database è di tipo gerarchico (ovvero strutturato ad albero) ed ogni entry viene indirizzata attraverso un identificatore di oggetto (object identifier - OID) Requisiti di interfacciamento

22 Come descritto nel paragrafo precedente, al fine di consentire la telegestione tramite protocollo SNMP è necessario che su ogni apparato: 1. sia installato un Agent SNMP; 2. sia definita una struttura MIB che contenga le informazioni rilevanti per il sistema STN. Nel paragrafo Errore. L'origine riferimento non è stata trovata. è riportata la MIB massimale prevista per gli impianti tecnologici, definita nei documenti di riferimento Errore. L'origine riferimento non è stata trovata. e Errore. L'origine riferimento non è stata trovata.. La definizione della MIB dovrà essere specifica per il singolo sito per soddisfare le necessità particolari legate alla configurazione ed alle esigenze operative. L Agent SNMP dovrà provvedere all invio di Trap (personalizzando il campo variable bindings) ad ogni variazione di stato dei parametri inclusi nella MIB. Inoltre le informazioni contenute nella MIB dovranno essere aggiornate ad intervalli regolari (parametro di sistema configurabile), in modo da consentire al CSCI MLM la lettura delle stesse tramite GetRequest, ad esempio in fase di riallineamento (automatico o manuale).

23 FINE DEL DOCUMENTO

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali

Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali SPECIFICHE FUNZIONALI DEI TRACCIATI FAR Flusso informativo delle prestazioni residenziali e semiresidenziali Luglio 2014 Versione 4.0 FAR Specifiche Funzionali_v4.0 Pag. 1 di 53 Indice 1. Introduzione...

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali

TeamPortal. Servizi integrati con ambienti Gestionali TeamPortal Servizi integrati con ambienti Gestionali 12/2013 Modulo di Amministrazione Il modulo include tutte le principali funzioni di amministrazione e consente di gestire aspetti di configurazione

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 30419 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP enduser Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

Ultimo aggiornamento sett13

Ultimo aggiornamento sett13 Ultimo aggiornamento sett13 INDICE 1. Invio singolo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...3 1.1 - Messaggi singoli concatenati...4 2. Invio multiplo SMS tramite richiesta POST/GET HTTP...4 2.1 - Messaggi

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013

Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 i-contact srl via Simonetti 48 32100 Belluno info@i-contact.it tel. 0437 1835 001 fax 0437 1900 125 p.i./c.f. 0101939025 Interfaccia HTTP rivenditori Specifiche tecniche 03.10.2013 1. Introduzione Il seguente

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE

Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE Specifiche tecnico-funzionali per comunicazione e conservazione dati da parte dei Sistemi Controllo Accessi. INDICE 1.1 CARATTERISTICHE DEL SUPPORTO IMMODIFICABILE E SUO FILE-SYSTEM... 2 1.2 SICUREZZA

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux

DNS (Domain Name System) Gruppo Linux DNS (Domain Name System) Gruppo Linux Luca Sozio Matteo Giordano Vincenzo Sgaramella Enrico Palmerini DNS (Domain Name System) Ci sono due modi per identificare un host nella rete: - Attraverso un hostname

Dettagli

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte)

CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) Corso ForTIC C2 LEZIONE n. 10 CONFIGURAZIONE DEI SERVIZI (seconda parte) WEB SERVER PROXY FIREWALL Strumenti di controllo della rete I contenuti di questo documento, salvo diversa indicazione, sono rilasciati

Dettagli

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO 1 Il passato appena trascorso 2006 Studio di fattibilità 2007 Accordo sull Architettura di Alto Livello di Il presente Basi Legali Articolo 78

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata

Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Regole tecniche del servizio di trasmissione di documenti informatici mediante posta elettronica certificata Pagina 1 di 48 INDICE 1 MODIFICHE DOCUMENTO...4 2 RIFERIMENTI...4 3 TERMINI E DEFINIZIONI...4

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014)

CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) CMN4i (Vers. 1.1.0 del 27/02/2014) Il monitoring che permette di avere la segnalazione in tempo reale dei problemi sul vostro sistema IBM System i Sommario Caratterisitche... Errore. Il segnalibro non

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli