Rimanenze, lavori in corso e lavori su commessa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rimanenze, lavori in corso e lavori su commessa"

Transcript

1 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RIMANENZE E LAVORI IN CORSO 285 CAPITOLO 6 Rimanenze, lavori in corso e lavori su commessa SOMMARIO SEZIONE I Definizioni e regole generali I. Principi applicabili 2200 II. Nozioni di rimanenze 2210 A. Definzioni 2210 B. Casi particolari 2220 III. Regole generali 2250 IV. Casi particolari 2280 SEZIONE II Criteri di valutazione secondo gli IFRS 2300 I. Regole generali di valutazione 2400 A. Rimanenze 2410 B. Lavori su commessa 2450 II. Criteri di valutazione per specifiche voci 2500 A. Rimanenze 2500 B. Lavori su commessa 2530 C. Storno di attività 2540 III. Perdite di valore e ripristini di valore 2550 A. Rimanenze 2550 SEZIONE III B. Lavori su commessa 2560 Contabilizzazione e rappresentazione in bilancio I. Contabilizzazione delle operazioni 2600 II. Rappresentazione in bilancio 2610 III. Note al bilancio 2620 SEZIONE IV Transizione agli IFRS 2650 I. Identificazione delle differenze rispetto ai principi italiani 2660 SEZIONE V II. Applicare gli ifrs alle voci 2680 Schemi e note al bilancio I. Casi ed esempi 2700

2 286 RIMANENZE E LAVORI IN CORSO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre SEZIONE I Definizioni e regole generali I. Principi applicabili 2200 Principi contabili internazionali applicabili I principi contabili internazionali riferibili all area delle rimanenze e dei lavori in corso su commessa sono essenzialmente due, anche se taluni aspetti sono trattati in altri documenti. Per le voci rimanenze e lavori su commessa si farà quindi riferimento ai seguenti specifici documenti pubblicati: IAS/IFRS Titolo In vigore da IAS 2 revised 1993 Rimanenze 01/01/1995 (*) IAS 2 revised 2003 Rimanenze 01/01/2005 IAS 11 revised 1993 Lavori su commessa 01/01/1995 SIC 1 Coerenza nell applicazione dei principi contabili - Utilizzo di diversi metodi di valutazione delle rimanenze. inclusa nello IAS 2 revised 2003 (*) applicabile fino al 31 dicembre 2004: lo IASB incoraggia l applicazione anticipata della versione «revised 2003» Lo IAS 2 revised 2003 ha incorporato la SIC-1: Coerenza nell applicazione dei principi contabili - Utilizzo di diversi metodi di valutazione delle rimanenze. Ambito di applicazione - rimanenze Il trattamento contabile delle rimanenze quando la loro destinazione è quella di essere possedute per la vendita o impiegate nei processi produttivi è disciplinato dallo IAS 2 revised Nella valorizzazione del costo di iscrizione delle rimanenze si deve tenere conto di alcuni costi e di alcuni aspetti particolari che sono trattati in modo specifico da altri principi contabili. È il caso di: (a) oneri finanziari (trattati dallo IAS 23); (b) contributi pubblici (trattati dallo IAS 20); (c) accantonamenti per costi prevedibili (trattati dallo IAS 37). Nell ambito di applicazione dei principi contabili internazionali per l area delle rimanenze, lo IAS 2 non si applica a: (a) attività biologiche connesse all attività agricola (si applica lo IAS 41, Agricoltura); e (b) strumenti finanziari (si applica lo IAS 39); inoltre lo IAS 2 non si applica alla valutazione delle rimanenze presso: (a) produttori di prodotti agricoli e forestali, prodotti agricoli dopo il raccolto, e minerali e prodotti minerari, nella misura in cui siano valutati al valore di netto realizzo secondo quanto previsto da prassi già consolidate in questi settori. Quando tali rimanenze sono valutate al valore netto di realizzo, le variazioni di tale valore sono contabilizzate a conto economico nel periodo della variazione; (b) intermediari (broker) e commercianti all ingrosso (trader) in commodity che valutano le loro rimanenze al fair value (valore equo) al netto dei costi di vendita. Quando tali rima-

3 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RIMANENZE E LAVORI IN CORSO 287 nenze sono valutate al fair value al netto dei costi di vendita, le variazioni nel fair value al netto dei costi di vendita sono contabilizzate a conto economico nel periodo della variazione. In alcuni casi invece, l acquisizione delle rimanenze avviene tramite operazioni che sono già trattate da altri principi: in quel caso non si applicano lo IAS2 o lo IAS 11, ad esempio, l IFRS 3, Aggregazioni di imprese, richiede che rimanenze acquisite a seguito di un aggregazione di imprese vengano inizialmente valutate al fair value (valore equo), anche quando esso è superiore al costo. In tali casi, comunque, tutti gli altri aspetti del trattamento contabile di questi beni, sono regolati dalle disposizioni dello IAS 2 oppure dello IAS 11. Lo IASB sta lavorando su un progetto che riguarda, tra l altro, l iscrizione, la valutazione e l informativa sulle rimanenze per l industria estrattiva. I criteri di contabilizzazione delle rimanenze di minerali e prodotti minerari da parte dei produttori è ricompresa nell ambito di tale progetto. Ambito di applicazione - lavori su commessa Il trattamento contabile dei lavori su commessa nei bilanci degli appaltatori (costruttori di opere) e dei produttori di beni su ordinazione è disciplinato dallo IAS 11 revised Un «lavoro su commessa» è un contratto stipulato in modo specifico per la realizzazione di un bene; normalmente una commessa è completata in un esercizio diverso da quello nel quale l attività prevista dal contratto è iniziata, conseguentemente il principale problema contabile è quello dell attribuzione dei costi e dei ricavi agli esercizi contabili in cui è svolto il lavoro sulla commessa. Il trattamento contabile previsto per i lavori su commessa si applica anche ai contratti per la prestazione di servizi direttamente connessi alla costruzione di un bene (come quelli per i servizi di capoprogetto e di architetti), alle commesse per la distruzione o il rifacimento di beni e la bonifica ambientale successiva alla demolizione di impianti/siti produttivi. Prestazioni di servizi Lo IAS 18 - Ricavi, ai par , per quanto concerne le prestazioni di servizi erogabili in più esercizi rimanda sostanzialmente alle previsioni contenute nello IAS 11, quindi al trattamento previsto per i lavori in corso su commessa. I contratti relativi a prestazioni di servizi possono riguardare la fornitura di un solo tipo di servizio o possono essere contratti a «elementi multipli», che prevedono la prestazione di più servizi o la fornitura di beni e servizi II. Nozioni di rimanenze A. Definzioni Nozione di rimanenze (Inventories) Le rimanenze sono beni posseduti per la vendita nel normale svolgimento dell attività, impiegati nei processi produttivi per la vendita o sotto forma di materiali o forniture di beni da impiegarsi nel processo di produzione o nella prestazione di servizi. Le rimanenze comprendono: (a) merci acquistate e possedute per una successiva rivendita, senza o con limitati costi di trasformazione (ad esempio merce acquistata da un dettagliante e posseduta per la rivendita); (b) gli approvvigionamenti: materie prime e materie sussidiarie, intese come le materie e le sostanze che sono destinate a entrare nella composizione dei prodotti trattati o fabbricati dall impresa. altre materie, quali per esempio i materiali di consumo, che non entrano direttamente nella composizione del prodotto fabbricato dall impresa ma rappresentano materiali che vengono appunto «consumati» e che pertanto entrano nel processo produttivo solo in via indiretta; 2210

4 288 RIMANENZE E LAVORI IN CORSO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre 2211 (c) terreni ed altri beni immobili posseduti per la rivendita; e (d) prodotti finiti o semilavorati realizzati dall impresa: semilavorati, cioè prodotti in corso di lavorazione che si trovano in uno stadio intermedio del processo produttivo, ma sono destinati ad entrare in una fase successiva, relativamente alla loro trasformazione o completamento; prodotti finiti, cioè prodotti che sono stati completati e che hanno concluso il circuito produttivo, pronti per essere venduti sul mercato; prodotti residuali, (o materiali di recupero), cioè prodotti costituiti dagli scarti di lavorazione, dal cascame (per esempio cascame di lana, di seta, di prodotti sintetici, proveniente da produzioni tessili) o dai residui delle lavorazioni. rimanenze provenienti dalle immobilizzazioni (es. materiale tecnico); beni in viaggio Nel caso di prestatori di servizi le rimanenze includono i costi del servizio per i quali l impresa non ha ancoro contabilizzato il rispettivo ricavo. Nozione di «lavori su commessa» In base allo IAS 11 una commessa (contratto di costruzione) è un contratto stipulato specificamente per la costruzione di un singolo bene (come un ponte, un edificio, una diga, una conduttura, una strada, una nave o una galleria) o di un insieme di beni strettamente connessi o tra loro interdipendenti in termini di progettazione, tecnologia e funzione o della loro destinazione o utilizzazione finale (come commesse stipulate per la realizzazione di impianti industriali o raffinerie, parti complesse di impianti e macchinari). Nella prassi, il termine «lavori in corso» assume diversi significati: esso comprende tutti i beni e servizi, prodotti ed erogati dall azienda, non conclusi alla data di rilevazione delle risultanze contabili periodiche. Non necessariamente costituiscono l oggetto principale dell impresa. In generale dunque i lavori in corso possono rappresentare: opere in corso di esecuzione, su ordinazione di un cliente; prodotti in corso di lavorazione, da destinare al magazzino per la successiva vendita; beni costruiti internamente, per lo svolgimento dell attività dell impresa (es. impianti, immobili, ecc., costruiti in economia). L elemento accomunante le diverse ipotesi sopra riportate va individuato nella problematica relativa al calcolo dei singoli costi che formano il valore complessivo oggetto di valutazione. Una commessa a prezzo predeterminato (o a «prezzo fisso») è un contratto per un lavoro su commessa con il quale un impresa si impegna a portare a termine l intero lavoro previsto dal contratto, sulla base di un prezzo contrattuale fisso o di prezzi determinati per le singole componenti dell opera; in alcuni casi possono essere previste clausole di revisione dei prezzi. Una commessa a margine garantito (o a «costi maggiorati»), è un contratto per una commessa nel quale all appaltatore o produttore vengono rimborsati i costi concordati, con l aggiunta di una percentuale sui costi o di un compenso predeterminato. Alcuni lavori su commessa possono presentare caratteristiche sia della commessa a prezzo predeterminato sia di quella a margine garantito, ad esempio un contratto a margine garantito con un prezzo massimo concordato, in tali casi l impresa appaltatrice o costruttrice per determinare la rilevazione dei costi e dei ricavi deve esaminare tutte le condizioni previste ai n Esempio Un impresa ha stipulato un contratto biennale con una catena di grandi magazzini di mobili per la fornitura di divani con caratteristiche determinate dal committente. In questo caso non siamo in presenza di una commessa, ma semplicemente di un contratto tra un fornitore ed un acquirente per la produzione di beni. Il contratto prevede la realizzazione di una serie di beni che non sono strettamente connessi o interdipendenti tra loro; infatti non vi è alcun rapporto di correlazione o dipendenza tra un singolo divano e un altro divano. I divani saranno consegnati alla catena di grandi magazzini non appena prodotti durante il periodo di due anni; non si tratta di una tipica attività di realizzazione di una commessa, l inizio e la completa realizzazione dei singoli divani ricadono all interno di un singolo esercizio contabile Lavori in corso per conto di terzi I lavori in corso «per conto di terzi» rappresentano le opere su commessa e riguardano la costruzione di beni e la fornitura di servizi pattuiti

5 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RIMANENZE E LAVORI IN CORSO 289 come oggetto unitario su specifica ordinazione di un cliente. Caratteristica delle «commesse» è quello di avere per oggetto beni eseguiti appositamente per il committente, secondo le esigenze e le qualità tecniche richieste. La dizione «su ordinazione» ovvero «per conto di terzi» significa che la fattispecie riguarda esclusivamente le opere, le forniture ed i servizi derivanti da contratti. L esistenza di un contratto, spesso complesso e dettagliato che regola analiticamente lo svolgimento del lavoro, è la caratteristica comune alle diverse tipologie di lavori in corso su ordinazione. Le aziende che operano su commessa producono e/o assemblano beni e prestano servizi per soddisfare specifiche necessità dei clienti. Le produzioni e le prestazioni sono definite nei contratti, dove sono specificate le caratteristiche tecnico-qualitative, i volumi e le condizioni economiche e finanziarie. Ogni opera presenta caratteristiche e peculiarità che la differenziano dalle altre, cosicché ognuna ha una propria storia, presenta rischi propri e va quindi considerata separatamente dalle altre. I processi produttivi e le prestazioni «su commessa» sono caratteristici delle imprese operanti nei settori dell edilizia (civile, industriale, opere pubbliche), della impiantistica, delle costruzioni stradali e ferroviarie, dei cantieri navali ed aeronautici, della carpenteria, della prestazione di servizi (engineering, pubblicità, trasporti, ricerca applicata, software, ecc.). Durata dei lavori in corso Un elemento distintivo dei lavori su commessa è la durata: durata annuale o «breve durata» (tempo di esecuzione inferiore ai 12 mesi); durata ultrannuale (tempo di esecuzione superiore ai 12 mesi). La durata dell operazione è da considerarsi esclusivamente un elemento distintivo dei processi produttivi, ma non è elemento discriminante ai fini della valutazione dei lavori che alla fine di un periodo amministrativo risultano non conclusi: non è la durata dell operazione a determinare la scelta del criterio di valutazione e rappresentazione dei lavori in corso su ordinazione, bensì altre condizioni. Lo IAS 11 si applica in modo coerente sia ai lavori in corso di breve durata, sia ai lavori in corso di lunga durata. Il fatto che una lavorazione sia inferiore all esercizio amministrativo non deve assolutamente creare una distinzione nei criteri di valutazione. Precisazione: Nei principi italiani invece la durata delle opere su commessa consente di valutare le rimanenze alla fine dell esercizio in base a criteri diversi: se la durata di una commessa è inferiore a dodici mesi è possibile valutare lo stato avanzamento lavori in base al criterio della «commessa completata», cioè in base al metodo della «sospensione dei costi» senza rilevare il risultato maturato. Questo metodo è vietato dallo IAS 11. Ritenute a garanzia Le ritenute a garanzia rappresentano le somme trattenute dal committente al momento del pagamento delle fatture afferenti la commessa, che non vengono corrisposte fino a quando le condizioni specificate nel contratto per il pagamento di tali ammontari non siano rispettate o che eventuali difetti non siano stati corretti. Le fatturazioni ad avanzamento lavori sono ammontari fatturati per lavori svolti su commessa, indipendentemente dal fatto che siano stati liquidati o meno dal committente. Gli anticipi sono importi percepiti dall appaltatore o costruttore dei beni prima dello svolgimento del relativo lavoro. Valore netto di realizzo Il valore netto di realizzo è il prezzo di vendita stimato nel normale svolgimento dell attività al netto dei costi stimati di completamento nonché di quelli stimati necessari per realizzare la vendita. Fair value (valore equo) Il fair value (valore equo) è il corrispettivo al quale un attività può essere scambiata, o una passività estinta, in una libera transazione fra parti consapevoli e disponibili. Il fair value riflette il corrispettivo in base al quale la medesima rimanenza potrebbe essere scambiata tra un venditore ed un compratore consapevoli e disponibili in un mercato organizzato. Mentre il valore netto di realizzo è un valore specifico dell impresa, il fair value non lo è; conseguentemente il valore netto di realizzo può risultare diverso dal fair value diminuito dei costi di vendita

6 290 RIMANENZE E LAVORI IN CORSO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre B. Casi particolari Prodotti agricoli e forestali, minerali e prodotti minerari presso i rispettivi produttori Le rimanenze di prodotti agricoli e forestali, di minerali e prodotti minerari presso i rispettivi produttori sono valutate al valore netto di realizzo a determinati stadi della produzione; ad esempio quando i prodotti agricoli sono stati raccolti o quando i minerali sono stati estratti e la vendita è assicurata da un contratto a termine o da un impegno di un ente governativo, o quando esiste un mercato omogeneo e il rischio di non riuscire a vendere il prodotto è trascurabile. Tali rimanenze sono escluse dall ambito di applicazione dello IAS 2 unicamente per i criteri di valutazione. Rimanenze presso broker-traders in commodity Gli intermediari (brokers) e i commercianti all ingrosso (traders) sono rispettivamente coloro che acquistano o vendono commodities per conto terzi o per proprio conto. In queste fattispecie le rimanenze sono acquistate principalmente con lo scopo di rivenderle in un lasso temporale breve e generare un profitto derivante da fluttuazioni nei prezzi o dal margine dell intermediario o grossista. Quando queste rimanenze sono valutate al fair value al netto dei costi di vendita, le stesse sono escluse dall ambito di applicazione dello IAS 2 unicamente per i criteri di valutazione. Rimanenze presso un prestatore di servizi I costi dei servizi resi da un prestatore di servizi possono in rari casi essere contabilizzati come rimanenze, quando il prestatore non ha contabilizzato i relativi ricavi. Gli ammontari dovrebbero comunque essere limitati vista la prescrizione degli IFRS di contabilizzare i ricavi per servizi sulla base della percentuale di completamento. Rimanenze costituite da immobili Gli immobili possono essere contabilizzati come rimanenze nelle seguenti circostanze: (a) immobili acquistati con lo specifico scopo di rivendita; (b) immobili costruiti con lo specifico scopo di vendita; e (c) immobili trasferiti dagli investimenti immobiliari alle rimanenze. In questo caso il costo dell immobile per la contabilizzazione come rimanenza deve essere pari al valore contabile alla data del cambio di destinazione d uso. Gli immobili detenuti per essere utilizzati nei processi produttivi, per affittarli ad altri o per fini amministrativi non possono essere iscritti tra le rimanenze, ma devono essere iscritti tra le immobilizzazioni materiali. Combinazioni e suddivisioni di lavori su commessa Le disposizioni previste dallo IAS 11 sono normalmente applicate distintamente per singoli lavori su commessa. Tuttavia in determinate situazioni è necessario applicare le suddette disposizioni agli elementi di una singola commessa separatamente identificabili o ad un gruppo di commesse, allo scopo di riflettere la sostanza di una commessa o di un gruppo di commesse. Lo IAS 11 fornisce i criteri in base ai quali si deve operare una combinazione o una suddivisione di lavori su commessa, quando tali criteri sono presenti è un obbligo e non una facoltà procedere alla combinazione o suddivisione delle commesse. Suddivisioni di lavori su commessa Una singola commessa può riguardare la costruzione di più beni strettamente connessi e interdipendenti, occorre valutare se tali beni debbano essere contabilizzati come un unico bene o come beni separati. Se una commessa si riferisce a vari beni, la costruzione di ogni bene deve essere trattata come una distinta commessa quando: (a) sono state presentate offerte distinte per ciascun bene, (b) ciascun bene è stato oggetto di negoziazione distinta e il costruttore-produttore e il

7 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RIMANENZE E LAVORI IN CORSO 291 committente erano in grado di accettare o rifiutare la parte della commessa relativa a ciascun bene, e (c) si possono identificare i costi e i ricavi di ciascun bene. Esempio Un impresa sviluppa e commercializza pacchetti software. La commercializzazione avviene sotto forma di concessione di una licenza d uso del software per un determinato periodo di tempo, che include l assistenza postvendita per il periodo di durata della licenza. I ricavi includono una componente significativa di personalizzazione del pacchetto software standard per venir incontro alle esigenze dei clienti. L impresa fattura ai propri clienti una serie di compensi durante il periodo di personalizzazione del software, un compenso addizionale è fatturato all inizio del periodo di licenza una volta completata la personalizzazione e che il cliente ha accettato il pacchetto software. Nessun ammontare aggiuntivo deve essere pagato durante la durata della licenza, sia per l utilizzo del software sia per la manutenzione dello stesso. In questo contesto l impresa deve contabilizzare separatamente la personalizzazione del software, i proventi derivanti dalla licenza d uso dello stesso e l attività di manutenzione/assistenza. La personalizzazione del software deve essere contabilizzata come una commessa a lungo termine in base allo IAS 11, mentre i compensi per l uso del software e la manutenzione dello stesso devono essere riconosciuti in quote costanti lungo il periodo di durata della licenza come previsto dallo IAS 18. La suddivisione del ricavo totale contrattuale tra l attività di personalizzazione, la licenza d uso e il servizio di manutenzione deve essere effettuata facendo riferimento al fair value (valore equo) delle tre attività, tale suddivisione può non coincidere con la suddivisione basata sugli ammontari fatturati al cliente. Combinazioni di lavori su commessa Un gruppo di lavori su commessa deve essere trattato come una singola commessa, anche se il committente è più di uno, quando: (a) il gruppo di commesse è negoziato come un unico pacchetto, (b) le commesse sono così strettamente connesse che fanno parte di fatto di un progetto singolo con un margine di profitto globale, e (c) le commesse sono realizzate simultaneamente o in sequenza continua. La mancata combinazione dei lavori su commessa quando appropriata potrebbe comportare la rilevazione in differenti esercizi di differenti margini di profitto determinati sulla base della forma legale del contratto, invece che sulla profittabilità globale dell opera derivante dalla combinazione delle commesse. La previsione che le commesse siano realizzate simultaneamente o in sequenza continua ha lo scopo di assicurare che la performance di ciascuna commessa sia valutata nel medesimo contesto economico Esempio Un appaltatore sta trattando due contratti con un unico cliente, quest ultimo deve o accettare entrambi i contratti o rifiutarli entrambi. Il primo contratto riguarda la progettazione di un impianto chimico e il secondo la costruzione dell impianto. Il margine di profitto atteso sulla progettazione dell impianto è pari al 20%, mentre quello sulla realizzazione dell impianto è pari al 10%. Qualora l appaltatore si aggiudichi i due contratti li dovrà trattare come un unico contratto, in quanto i contratti sono stati negoziati congiuntamente e il cliente doveva accettarli o respingerli insieme, inoltre sono strettamente connessi tra loro e realizzabili in sequenza continua. Si dovrà registrare un unico margine globale sul lavoro realizzato per entrambi i contratti. Costruzione di un bene ulteriore Una commessa può prevedere la costruzione di un bene ulteriore a discrezione del committente o può essere apportata una variante al contratto originario per includere la costruzione di un bene ulteriore. La costruzione del bene ulteriore deve essere trattata come una commessa a se stante quando: (a) il bene differisce in modo significativo nella progettazione, nella tecnologia o nella funzione dal bene o dai beni previsti nella commessa originaria, o (b) il prezzo del bene è stabilito senza prendere in considerazione il prezzo della commessa originaria. Contratti d opera o di prestazioni di servizi Il ricavo si considera conseguito al momento in cui la prestazione è ultimata. Se il contratto prevede prestazioni divisibili in fasi, o in parti, i ricavi possono considerarsi

8 292 RIMANENZE E LAVORI IN CORSO Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre conseguiti al completamento di ogni singola fase. Ciò è possibile se il contratto stabilisce i corrispettivi di ogni singola fase. Se i servizi non sono ultimati alla data di chiusura del bilancio, la valutazione per competenza di tali servizi deve essere effettuata sulla base di uno dei metodi descritti per la valutazione dei lavori in corso. Le prestazioni di servizi, che non sono ancora ultimate alla data di riferimento del bilancio, costituiscono pertanto dei «lavori in corso su ordinazione» da classificare tra le rimanenze Contratti di somministrazione Tali contratti prevedono generalmente la prestazione continuativa di servizi. I ricavi si considerano conseguiti al momento del completamento di ogni singola prestazione. Nel caso di somministrazione di singole prestazioni continuative (es., somministrazione di pasti), il ricavo si considera conseguito al momento in cui la singola prestazione è ultimata; ciò significa che l impresa che ha ottenuto il contratto di somministrazione consegue il ricavo ad ogni prestazione ultimata, e vanta quindi immediatamente il credito nei confronti del cliente. Normalmente i contratti di somministrazione non prevedono processi produttivi complessi che richiedano la rilevazione di lavori in corso alla fine dell esercizio. III. Regole generali Momento della rilevazione contabile Un impresa deve rilevare le rimanenze quando ha il controllo della rimanenza, si attende che la stessa generi benefici economici futuri e il costo delle rimanenze può essere misurato attendibilmente. Le imprese contabilizzano le rimanenze quando si attendono di ottenere benefici dal loro uso o dall eventuale vendita a clienti. Momento della rilevazione contabile - lavori su commessa I lavori in corso su commessa devono essere rilevati dal momento in cui diventa probabile che il contratto sarà ottenuto e quindi che i benefici economici affluiranno all impresa. Conseguentemente i costi relativi al contratto sostenuti successivamente alla data in oggetto devono essere inclusi nei lavori in corso. IV. Casi particolari 2280 Scambio o baratto Secondo lo IAS 18 (par. 12) occorre distinguere tra scambio o baratto di merci o servizi contro merci o servizi che hanno natura e valore simili, e lo scambio o baratto di merci o servizio in cambio di merci o servizi di diversa natura. Nel primo caso lo scambio non è considerato come un operazione che produce ricavi. Tipicamente è il caso di beni di prima necessità, come petrolio o latte, allorquando i fornitori scambiano o barattano rimanenze diversamente localizzate per far fronte tempestivamente alla domanda in un particolare luogo. Nel secondo caso lo scambio è considerato un operazione che produce ricavi. Il ricavo è determinato dal fair value (valore equo) delle merci o dei servizi ricevuti, rettificato dall importo di eventuali pagamenti in contanti o equivalenti. Il fair value (valore equo) dell attività ricevuta può tuttavia rendere evidente una riduzione durevole di valore dell attività ceduta. In questi casi l attività ceduta deve essere svalutata, e il valore svalutato deve essere assegnato al nuovo bene. Quando il fair value (valore equo) delle merci o dei servizi ricevuti non può essere determinato attendibilmente, il ricavo è calcolato sulla base del fair value (valore equo) delle

9 Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre RIMANENZE E LAVORI IN CORSO 293 merci o dei servizi forniti, rettificato dell importo di eventuali pagamenti in contanti o equivalenti. Rimanenze di materiale pubblicitario In base ai principi contabili internazionali i materiali pubblicitari non possiedono le caratteristiche per essere considerati delle attività, conseguentemente gli acquisti di materiale pubblicitario non sono iscrivibili fra le rimanenze di magazzino. A nostro avviso i costi di acquisto di materiale pubblicitario sostenuti in un esercizio, ma relativi a campagne pubblicitarie che avranno luogo nell esercizio successivo possono comunque essere riscontati e in tal modo rinviati all esercizio successivo SEZIONE II Criteri di valutazione secondo gli IFRS Costo di iscrizione delle rimanenze Le regole generali contenute nel Framework dispongono che per l iscrizione di una attività nello stato patrimoniale sia necessario dimostrare: la probabilità che all attività si colleghi l afflusso di un beneficio economico per l impresa, e che sia possibile misurare attendibilmente il suo costo. La valutazione iniziale delle rimanenze è al costo; successivamente alla contabilizzazione iniziale l impresa deve valutare le rimanenze al minore tra il costo e il valore netto di realizzo. Il costo delle rimanenze include il costo di tutti i materiali che entrano direttamente nella produzione e i costi di trasformazione di questi materiali in prodotti finiti. I costi dei materiali diretti includono, in aggiunta al prezzo di acquisto, tutti gli altri costi necessari per portarli nel luogo e nelle condizioni effettive in cui si trovano Costi di acquisto Il costo di acquisto di materie prime e di consumo, e delle merci acquistate per la successiva rivendita (inclusi terreni e fabbricati) include i dazi di importazione e altre tasse (escluse quelle che l impresa può successivamente recuperare dalle autorità fiscali), i costi assicurativi, i costi di trasporto, movimentazione e magazzinaggio, e gli altri costi direttamente attribuibili all acquisto. Sconti commerciali, resi e altre voci simili devono essere dedotti nella determinazione del costo di acquisto I costi di acquisto non possono includere in nessun caso differenze cambio che emergono in relazione ad acquisti di rimanenze fatturate in valuta estera, anche quando tali differenze cambio sono conseguenti a drastiche svalutazioni o deprezzamenti di una valuta per la quale non esistono metodi pratici di copertura e che riguardano passività che non possono essere saldate immediatamente e che sorgono dal recente acquisto delle rimanenze. Precisazione. I dazi di importazione stimati non possono essere inclusi nella determinazione del costo dei beni detenuti in zone franche. Infatti i dazi di importazione non sorgono dal trasporto dei beni nelle zone franche, quindi non possono essere inclusi nella valutazione delle rimanenze a quello stadio. I dazi di importazione vengono inclusi nel costo delle rimanenze quando i beni lasciano la zona franca. Attendibilità della misurazione del costo Il costo è misurato attendibilmente quando vi è certezza della sua quantificazione: nei casi di acquisto di merci o prodotti il costo del bene è identificabile nel prezzo pattuito nel contratto o ordine di acquisto

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories)

IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) IAS 2 Rimanenze di magazzino (Inventories) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA VALUTAZIONE

Dettagli

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/178 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 i requisiti di contabilizzazione e valutazione per i rimborsi nei paragrafi 104A, 128 e 129 e le relative informazioni integrative nei paragrafi

Dettagli

SCHEMA DI SVOLGIMENTO

SCHEMA DI SVOLGIMENTO TEMA N. 2 Il candidato, con riferimento ai lavori in corso su ordinazione, ma non ancora ultimati alla fine dell esercizio, illustri i principi generali di valutazione e rappresentazione contabile (TRACCIA

Dettagli

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia

08/11/2010. Condizioni di iscrizione ( 7) Il bene per poter essere iscritto tra le immobilizzazioni deve: Dott.ssa Francesca Picciaia Immobili, impianti e macchinari IAS 16 Finalità ( ( 1) Definire il trattamento contabile di immobili, impianti e macchinari Dare informazioni su tali poste agli utilizzatori del bilancio Definire le problematiche

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO

IL COMMERCIALISTA VENETO IL COMMERCIALISTA VENETO n. 177 - MAGGIO / GIUGNO 2007 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE INSERTO Le norme IAS-IFRS Breve sintesi dei nuovi Principi Contabili Internazionali ADRIANO

Dettagli

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/184 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE (RIVISTO NELLA SOSTANZA NEL 1993) Effetti delle variazioni dei cambi delle valute estere Il presente Principio

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/361 DATA DI ENTRATA IN VIGORE 122. Il presente Principio contabile internazionale entra in vigore a partire dai bilanci con inizio dal 1 o luglio

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IAS 18 Ricavi ( Revenues)

IAS 18 Ricavi ( Revenues) IAS 18 Ricavi ( Revenues) 1 INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD MISURAZIONE DEI RICAVI

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti

Approfondimenti. Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40. di Paolo Moretti Gli investimenti immobiliari secondo lo IAS 40 di Paolo Moretti L «International Accounting Standards Board» (IASB), nell ambito del progetto di revisione («Improvement») dei princìpi contabili internazionali,

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari

Le immobilizzazioni materiali. internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari Documento OIC n. 16 Principi Contabili internazionali: 16: Immobili, impianti e macchinari 17: Leasing 36: Perdite di valore 40: Investimenti immobiliari 1 Sono beni destinati a permanere durevolmente

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/137 32. Quando sono maturati dietimi prima dell acquisto di un investimento fruttifero, gli introiti successivi di interessi devono essere ripartiti

Dettagli

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari

IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari IAS 40 - OIC 16: Investimenti immobiliari Roma, marzo/maggio 2015 Finalità e ambito di applicazione Un investimento immobiliare è una proprietà immobiliare posseduta per: Percepire canoni d affitto Ottenere

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani

IAS 17 : LEASING. Schemi di analisi. Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani IAS 17 : LEASING Schemi di analisi Roma, 20 maggio 2011 Prof. Dott. Ubaldo Cacciamani INDICE SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE CLASSIFICAZIONE CONTABILIZZAZIONE VENDITA E RETROLOCAZIONE PRINCIPI CONTABILI

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 18 Ricavi IAS 18 Ricavi SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SOMMARIO ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA' R I C A V I DEFINIZIONE MISURAZIONE VENDITA DI MERCI PRESTAZIONI DI SERVIZI INTERESSI, ROYALTIES

Dettagli

Leasing secondo lo IAS 17

Leasing secondo lo IAS 17 Leasing secondo lo IAS 17 Leasing: Ias 17 Lo Ias 17 prevede modalità diverse di rappresentazione contabile a seconda si tratti di leasing finanziario o di leasing operativo. Il leasing è un contratto per

Dettagli

Construction Contracts IAS 11. UNIVERSITA BERGAMO 2012 1 International Financial Reporting

Construction Contracts IAS 11. UNIVERSITA BERGAMO 2012 1 International Financial Reporting Construction Contracts IAS 11 1 International Financial Reporting Introduzione Obiettivi ü Identificare le parti coinvolte nel progetto ü Elencare e descrivere le tipologie di contraenti coinvolte ü Definire

Dettagli

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006

Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Pavimental S.p.A. Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade S.p.A. Situazione patrimoniale ed economica al 31 dicembre 2006 Elaborata sulla base degli adottati nel Gruppo

Dettagli

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni

Camozzi & Bonissoni. L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili. Francesco Assegnati. Camozzi & Bonissoni L applicazione dei principi contabili internazionali agli immobili Francesco Assegnati Camozzi & Bonissoni Studio Legale e Tributario Galleria San Carlo 6 20122 Milano www.camozzibonissoni.it Iter normativo

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali IAS 16 Immobili, impianti e macchinari IAS 40 Investimenti immobiliari IAS 38 Attività immateriali 1 1 Le immobilizzazioni materiali Le immobilizzazioni materiali sono disciplinate da due IAS di riferimento

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 40 Investimenti immobiliari SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ILLUSTRAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE FINALITA TRATTAMENTO CONTABILE DEGLI INVESTIMENTI IMMOBILIARI VALUTAZIONE INIZIALE

Dettagli

Le commesse a lungo termine (IAS 11 OIC 23)

Le commesse a lungo termine (IAS 11 OIC 23) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Facoltà di Economia Corso di Bilanci secondo i principi contabili internazionali 90001 91070 Le commesse a lungo termine (IAS 11 OIC 23) Prof. Daniele Gervasio daniele.gervasio@unibg.it

Dettagli

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs)

Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) Indicazioni generali sulla struttura e sul contenuto degli schemi di Bilancio secondo i p.c. internazionali (Ias/Ifrs) 1 Contenuto Stato Patrimoniale Ias/Ifrs Contenuto minimo obbligatorio (Ias 1, 68 e

Dettagli

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore

Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore Svalutazione delle immobilizzazioni materiali per perdite di valore di Paolo Moretti Le perdite di valore per le immobilizzazioni materiali, disciplinate dallo IAS 16 «Immobili, impianti e macchinari»,

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS)

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IFRS) (DOCUMENTO SOGGETTO A VERIFICA, IN CORSO, DA PARTE DELLA SOCIETA DI REVISIONE) Nel 2002 l Unione europea ha adottato il regolamento n. 1606 in base

Dettagli

IAS 18: Ricavi. Determinazione dei ricavi

IAS 18: Ricavi. Determinazione dei ricavi IAS 18 Ricavi Determinazione dei ricavi Il ricavo deve essere determinato in base al fair value del corrispettivo ricevuto o spettante, al netto di eventuali sconti commerciali e riduzioni legate alla

Dettagli

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D.

Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Il fascicolo di bilancio secondo i principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) (con richiamo del fascicolo di bilancio ex D. Lgs 127/91) Il fascicolo di Bilancio ex D. Lgs 127/91 Relazione sulla gestione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili

La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo: Profili contabili Dott. Alex Casasola 1 La valutazione degli elementi dell attivo e del passivo Attendibilità della valutazione Di conseguenza.

Dettagli

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS

Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS Approfondimenti Bilancio Stato patrimoniale e conto economico secondo i principi IAS di Paolo Moretti Le differenze presenti tra i principi contabili internazionali IAS/IFRS e la prassi contabile nazionale

Dettagli

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo

Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo Bilancio dei gruppi e delle operazioni straordinarie 1 modulo 4. Elaborazioni tecniche di consolidamento Ugo Sòstero Le elaborazioni tecniche di consolidamento ASSESTAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI Metodi

Dettagli

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE..

PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. INDICE PREMESSA. 1 CAPITOLO 1 IFRS 2 PAGAMENTI BASATI SU AZIONI... 1. AMBITO DI APPLICAZIONE... 2. DEFINIZIONI. 3. RILEVAZIONE.. 4. VALUTAZIONE. 5. ALTRI ASPETTI. 6. OPERAZIONI CON AZIONI PROPRIE ALL INTERNO

Dettagli

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma

Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO. I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri. Università degli Studi di Parma Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I crediti, i debiti e i fondi per rischi e oneri Università degli Studi di Parma I crediti 1 I crediti Definizione e riferimenti Definizione:

Dettagli

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS

37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS 37. Transizione ai principi contabili internazionali IFRS Premessa Come indicato in Nota 1, La Società, nell ambito del progetto intrapreso nel 2008 afferente la transizione ai principi contabili internazionali

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 17 (rivisto nella sostanza nei 1997) Leasing

Principio contabile internazionale n. 17 (rivisto nella sostanza nei 1997) Leasing Principio contabile internazionale n. 17 (rivisto nella sostanza nei 1997) Leasing Il presente Principio contabile internazionale rivisto nella sostanza sostituisce lo IAS 17, Contabilizzazione del leasing,

Dettagli

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7

Le partecipazioni. 1. L acquisizione di partecipazioni 1/7 focus modulo 3 lezione 40 Il mercato dei capitali e la Borsa valori La negoziazione dei titoli azionari Le partecipazioni Gli investimenti di un impresa in azioni o quote di Capitale sociale di altre società

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione

Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione IAS 39 Principio contabile internazionale n. 39 Strumenti finanziari: Rilevazione e valutazione Finalità 1 La finalità del presente Principio è stabilire i principi per rilevare e valutare le attività

Dettagli

Le principali novità dei principi contabili OIC

Le principali novità dei principi contabili OIC Le principali novità dei principi contabili OIC. OIC 23 Lavori in corso su ordinazione OIC 23 Lavori in corso su ordinazione Classificazione Rilevazione dei corrispettivi fatturati a titolo definitivo

Dettagli

Il bilancio di esercizio

Il bilancio di esercizio Il bilancio di esercizio Test di autovalutazione delle conoscenze rivolto alle matricole delle lauree magistrali Università di Bologna, Facoltà di Economia - Sede di Forlì A.A. 2009/2010 Dispensa a cura

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Rimanenze (OIC 13) APPROFONDIMENTI E PROCEDURE. A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino

Rimanenze (OIC 13) APPROFONDIMENTI E PROCEDURE. A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino MAP Rimanenze (OIC 13) A cura di Umberto Terzuolo Dottore Commercialista in Torino L articolo approfondisce nella sua completezza il contenuto dell OIC 13, nuovo Principio Contabile sulle rimanenze di

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO

CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING SECONDO IL METODO FINANZIARIO SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI CLASSIFICAZIONE DELLE OPERAZIO- NI TRATTAMENTO DEL LEASING FI- NANZIARIO SECONDO I PRINCIPI INTERNAZIONALI TRATTAMENTO

Dettagli

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali

Ragioneria Generale e Applicata a.a. 2010-2011. Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali a.a. 2010-2011 Esercitazione: La valutazione delle immobilizzazioni materiali 1 IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI Art. 2426, comma 1: Le immobilizzazioni sono iscritte al costo

Dettagli

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE

CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE CONTABILITA E BILANCIO: IL BILANCIO PUBBLICO PRINCIPI ECONOMICI, DISCIPLINA GIURIDICA E NORMATIVA FISCALE Prof. Giovanni Frattini Dal cap. 5 Il bilancio pubblico - L introduzione dei principi contabili

Dettagli

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari (Property, Plant and Equipment)

IAS 16 Immobili, impianti e macchinari (Property, Plant and Equipment) IAS 16 Immobili, impianti e macchinari (Property, Plant and Equipment) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD IL RAPPORTO CON GLI ALTRI STANDARD OGGETTO E FINALITÀ DELLO STANDARD AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS

Provvedimenti 2008 di avvicinamento IAS Immobilizzazioni materiali Codice civile e PC nazionali Art. 2426 C.C. Immobilizzazioni Immateriali Materiali Finanziarie Circolante Scorte Crediti Attività finanziarie Liquidità valutazione Costo storico

Dettagli

Acconti e debiti verso fornitori

Acconti e debiti verso fornitori Le voci di bilancio sotto la lente di ingrandimento di Sergio Pellegrino e Federica Furlani * Acconti e debiti verso fornitori Il presente articolo fornisce un analisi del contenuto delle voci D.6 e D.7

Dettagli

TRACCIA A ESERCIZIO 1

TRACCIA A ESERCIZIO 1 TRACCIA A ESERCIZIO 1 Nel corso del 2009 la ditta individuale Verdi ha effettuato, tra le altre, le operazioni di gestione di seguito riportate. Presentare le scritture a libro giornale (gestione e assestamenti;

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 2 IAS 18: RICAVI Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 16 aprile 2012 Il PERCORSO TEMI

Dettagli

INDICE SEZIONE 1 LE PROCEDURE DEL CICLO CONTABILE SEZIONE 2 IL PIANO DEI CONTI

INDICE SEZIONE 1 LE PROCEDURE DEL CICLO CONTABILE SEZIONE 2 IL PIANO DEI CONTI MANUALE DI CONTABILITA (Art.8 del Regolamento di Contabilità) Roma, Gennaio 2002 INDICE SEZIONE 1 LE PROCEDURE DEL CICLO CONTABILE 1. PREMESSA...5 2. GLI ASPETTI ORGANIZZATIVI...6 3. PROCESSI DEL CICLO

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario

CORSO IFRS International Financial Reporting Standards. IAS 7 Rendiconto finanziario CORSO IFRS International Financial Reporting Standards IAS 7 Rendiconto finanziario SCHEMA DI SINTESI DEL PRINCIPIO CONTABILE SINTESI ANALISI DETTAGLIATA ESEMPIO DI PREDISPOSIZIONE DEL RENDICONTO IAS 7

Dettagli

Definizione strumenti finanziari

Definizione strumenti finanziari I criteri di valutazione secondo gli IAS 39 Definizione strumenti finanziari Lo IAS 39 definisce lo strumento finanziario come un qualsiasi contratto che dà origine ad una attività finanziaria per un impresa

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate

PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28. Partecipazioni in società collegate PRINCIPIO CONTABILE INTERNAZIONALE N. 28 Partecipazioni in società collegate SOMMARIO Paragrafi Ambito di applicazione 1 Definizioni 2-12 Influenza notevole 6-10 Metodo del patrimonio netto 11-12 Applicazione

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione

Principio contabile internazionale n. 30 Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Ambito di applicazione Principio contabile internazionale n. 30 (rivisto nella sostanza nei 1994) Informazioni richieste nel bilancio delle banche e degli istituti finanziari Il presente Principio contabile internazionale così

Dettagli

Imputazione temporale dei ricavi e dei dividendi a seguito del regolamento fiscale IAS-IFRS

Imputazione temporale dei ricavi e dei dividendi a seguito del regolamento fiscale IAS-IFRS Imputazione temporale dei ricavi e dei dividendi a seguito del regolamento fiscale IAS-IFRS di Paola Zambon e Walter Rotondaro Dottori commercialisti in Torino e Genova in breve Argomento Continuando lo

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 3 IAS 37: Accantonamenti, passività e attività potenziali Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO Università degli Studi di Parma CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli, le partecipazioni e gli altri strumenti finanziari I titoli e le partecipazioni

Dettagli

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17

IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE DEL LEASING NELLO IAS 17 Il leasing è un contratto per mezzo del quale il locatore (lessor) trasferisce al locatario (lessee), in cambio di un pagamento o di una serie

Dettagli

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A.

TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006. Marcolin S.p.A. TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI 30 giugno 2006 Marcolin S.p.A. Transizione ai Principi Contabili Internazionali (IAS/IFRS) Premessa In ottemperanza al Regolamento Europeo n. 1606 del 19

Dettagli

azienda di prova srl

azienda di prova srl azienda di prova srl Sede in sede in Codice Fiscale - Numero Rea RM Capitale Sociale Euro 100.000 Società in liquidazione: no Società con socio unico: no Società sottoposta ad altrui attività di direzione

Dettagli

Ricavi. Ias n. 18. di Alfonso Lucarelli

Ricavi. Ias n. 18. di Alfonso Lucarelli Ricavi Ias n. 18 di Alfonso Lucarelli DI COSA PARLIAMO? LE REGOLE DI RILEVAZIONE VENDITE SERVIZI INTERESSI, ROYALTIES, DIVIDENDI DIFFERENZE CON I PCN Dei proventi prodotti dall azienda nel corso della

Dettagli

IL CONTROLLO NELLE SOCIETA E NEGLI ENTI Giuffrè Editore Rubrica IASB Principi contabili internazionali IAS/IFRS a cura di Ambrogio Picolli

IL CONTROLLO NELLE SOCIETA E NEGLI ENTI Giuffrè Editore Rubrica IASB Principi contabili internazionali IAS/IFRS a cura di Ambrogio Picolli IL CONTROLLO NELLE SOCIETA E NEGLI ENTI Giuffrè Editore Rubrica IASB Principi contabili internazionali IAS/IFRS a cura di Ambrogio Picolli IAS 40 Investimenti immobiliari (Investment Property) Premessa

Dettagli

3. CONTABILITA GENERALE

3. CONTABILITA GENERALE 3. CONTABILITA GENERALE II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 1 Scritture di gestione Si distinguono le seguenti rilevazioni contabili: A. scritture relative agli acquisti; B. regolamento

Dettagli

Il capitale circolante

Il capitale circolante j l k l d o ^ c f b C o n t a b i l i t à e b i l a n c i o Renzo Pravisano Il capitale circolante RIMANENZE, CREDITI E DEBITI, DISPONIBILITÀ LIQUIDE Valutazione Analisi finanziaria per indici e flussi

Dettagli

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche.

OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Roma, 22 gennaio 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenze giuridiche Quesito in materia di contributi regionali erogati ad aziende agrituristiche. Quesito Nell ambito dei Piani di Sviluppo

Dettagli

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI

PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI PRIMA APPLICAZIONE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI Prima adozione degli Note tecniche di commento all applicazione dei principi contabili internazionali in sede di prima applicazione Transizione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

3. Principi contabili

3. Principi contabili gli utili emergenti da vendite effettuate da società controllate a joint-venture o società collegate sono eliminati limitatamente alla quota di possesso nella società acquirente; gli utili emergenti da

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA

BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA BILANCIO E COMUNICAZIONE FINANZIARIA Lezione 4 IAS 17: Leasing Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2012 2013 11 marzo 2013 Il PERCORSO BILANCIO

Dettagli

OIC 23 Lavori in corso su ordinazione Sintesi dei principali interventi

OIC 23 Lavori in corso su ordinazione Sintesi dei principali interventi OIC 23 Lavori in corso su ordinazione Sintesi dei principali interventi Dal principio sono stralciati i paragrafi riguardanti le commesse in valuta estera in attesa dell approvazione dell OIC 26 Si definiscono

Dettagli

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti

Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Le basi della contabilità economico patrimoniale: gli obiettivi e gli strumenti Tommaso Agasisti, Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale tommaso.agasisti@polimi.it Agenda 1.Il bilancio

Dettagli

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008

CIRCOLARE N. 60/E. Roma, 28 ottobre 2008 CIRCOLARE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 ottobre 2008 OGGETTO: Le nuove modalità di determinazione della base imponibile dell imposta regionale sulle attività produttive per

Dettagli

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1]

IAS n. 7 - IASB Rendiconto finanziario [1] [1] Rendiconto finanziario [1] [1] FINALITA' Ambito di applicazione Benefici apportati dalle informazioni sui flussi finanziari Definizioni Disponibilità liquide e mezzi equivalenti Presentazione del rendiconto

Dettagli

PRINCIPIO CONTABILE PER GLI ENTI NON PROFIT

PRINCIPIO CONTABILE PER GLI ENTI NON PROFIT PRINCIPIO CONTABILE PER GLI ENTI NON PROFIT PRINCIPIO N.2 L ISCRIZIONE E LA VALUTAZIONE DELLE LIBERALITÀ NEL BILANCIO D ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT BOZZA PER CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali

Dettagli

GUIDE OPERATIVE. Guida operativa Aspetti applicativi dei principi IAS/IFRS. Guida 3

GUIDE OPERATIVE. Guida operativa Aspetti applicativi dei principi IAS/IFRS. Guida 3 OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ GUIDE OPERATIVE Guida operativa Aspetti applicativi dei principi IAS/IFRS Guida 3 BOZZA PER COMMENTI APPROVATA DAL COMITATO ESECUTIVO IL 28 NOVEMBRE 2007 La guida

Dettagli

Relazione finanziaria annuale d esercizio. Prospetti contabili civilistici 4. Note esplicative ai prospetti. contabili civilistici 12

Relazione finanziaria annuale d esercizio. Prospetti contabili civilistici 4. Note esplicative ai prospetti. contabili civilistici 12 bilancio civilistico Relazione finanziaria annuale d esercizio Prospetti contabili civilistici 4 Note esplicative ai prospetti contabili civilistici 12 Allegati al bilancio civilistico 78 Attestazione

Dettagli

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC

LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO IL PRINCIPIO OIC 10 SUL RENDICONTO FINANZIARIO LE PRINCIPALI INNOVAZIONI DEL DOCUMENTO OIC IDA D ALESSIO 24 APRILE 2015 Rispetto al precedente OIC 12: Cambiamenti

Dettagli

I CREDITI: APPROFONDIMENTI

I CREDITI: APPROFONDIMENTI I CREDITI: APPROFONDIMENTI 1 2 1. I crediti: l esposizione in bilancio Per quanto riguarda i CREDITI, li ritroviamo in tutte e quattro le macroclassi dell Attivo Circolante. A) Crediti verso soci per versamenti

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità)

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea. (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) 13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/1 I (Atti per i quali la pubblicazione è una condizione di applicabilità) REGOLAMENTO (CE) N. 1725/2003 DELLA COMMISSIONE del 29 settembre 2003

Dettagli

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A.

LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. Appendice FTA LA TRANSIZIONE AI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI IAS/IFRS NEL BILANCIO INDIVIDUALE DELLA FIME S.P.A. INDICE A. Premessa B. Principi contabili e criteri di valutazione C. Riconciliazione

Dettagli

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE

CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE SOMMARIO TRATTAMENTO FISCALE E CONTA- BILE Art. 88 D.P.R. 22.12.1986, n. 917 - Principio contabile n. 16 - R.M. 29.03.2002, n. 100/E Costituiscono sopravvenienze attive i proventi

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 6 dicembre 2007 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005

Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS. 8 settembre 2005 1 Gruppo Benetton TRANSIZIONE AGLI IFRS 8 settembre 2005 Indice 2 N Slide Introduzione 3 Totale impatti 4 IFRS con influenza sul Gruppo 5 CE: riconciliazione Anno 2004-1 6 Descrizione dei principali IFRS

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING

ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING Temi in preparazione alla maturità ACQUISIZIONE DI BENI STRUMENTALI, FINANZIAMENTI, FULL COSTING di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Materie: Economia aziendale (Classe 5 a Istituto Tecnico e Istituto

Dettagli

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della

delle operazioni di gestione e di a stati comparati, prospetti della Temi in preparazione alla maturità Ammortamento, contabilizzazione delle operazioni di gestione e di assestamento, bilancio sintetico a stati comparati, prospetti della Nota integrativa, calcolo delle

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 32 (rivisto nella sostanza nei 1998) Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative

Principio contabile internazionale n. 32 (rivisto nella sostanza nei 1998) Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative Principio contabile internazionale n. 32 (rivisto nella sostanza nei 1998) Strumenti finanziari: Esposizione nel bilancio e informazioni integrative Nel marzo 1995 il Board dello IASC ha approvato lo IAS

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 3 II) SCRITTURE DI GESTIONE A) SCRITTURE RELATIVE AGLI ACQUISTI 11 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 II) Scritture di gestione

Dettagli

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100

10/09 Cliente X a Diversi 600 Merci c/vendite 500 Iva c/vendite 100 Nel normale svolgimento della propria attività, l impresa si trova talvolta, per scelta o per il verificarsi di determinate circostanze, a dover gestire particolari adempimenti contabili relativi alla

Dettagli

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo)

Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Università degli Studi di Pavia Facoltà di Economia Anno Accademico 2012-2013 Esercitazioni di economia aziendale (II modulo) Dario Capittini Economia aziendale - Esercitazioni 1 Il processo di rilevazione

Dettagli

IFRS 3: AGGREGAZIONI AZIENDALI

IFRS 3: AGGREGAZIONI AZIENDALI : AGGREGAZIONI AZIENDALI L Ifrs 3 disciplina le «business combination» ossia le aggregazioni aziendali: definizione, ambito di applicazione, criteri di contabilizzazione ed altri aspetti peculiari di queste

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO

Schema di stato patrimoniale. Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale. Stato patrimoniale - ATTIVO. Stato patrimoniale - ATTIVO Analisi dei contenuti dello stato patrimoniale analisi bilancio 1 Schema di stato patrimoniale ATTIVO PASSIVO A) Crediti verso soci A) Patrimonio netto B) Immobilizzazioni B) Fondi per rischi e oneri C)

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli