Le caseine caprine, peptidi bioattivi e allergenicità. Anna Maria Caroli Università degli Studi di Brescia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le caseine caprine, peptidi bioattivi e allergenicità. Anna Maria Caroli Università degli Studi di Brescia"

Transcript

1 Le caseine caprine, peptidi bioattivi e allergenicità Anna Maria Caroli Università degli Studi di Brescia 1

2 Composizione chimica del latte Bovino Capra Pecora Acqua % Residuo % Donna 88,3 11,7 Grasso % Lattosio % Proteina % ,5 7 0,9 2

3 Le proteine del latte La frazione proteica comprende: Caseina 80 % Sieroproteine 20 % α s1 -caseina β-caseina α s2 -caseina k-caseina β-lattoglobulina α-lattoalbumina altre proteine 3

4 Le proteine del latte g/l Latte umano Latte vaccino Latte caprino Caseine 3,0-5,7 25,2-29,5 23,7-25,8 α s -caseina Non presente 12,2-15 7,5-8,8 -caseina 3, ,8 10,3-14,5 -caseina 1-3 3,2-3,5 1,8 Altre - 0,8-0,9 4,9 Siero ,2 -lattoalbumina 2-3,6 0,8-1,2 2,2 -lattoglobulina Non presente 2-3 4,9 Lattoferrina 1-3 tracce n.d. Siero-albumina 0,3-0,4 0,4 1,2 Immunoglobuline 0,5-1,25 0,7-0,9 n.d. 4

5 Polimorfismi lattoproteici Le proteine sintetizzate dalla mammella sono spesso caratterizzate da polimorfismo genetico. Le varianti genetiche della stessa proteine possono influenzare: la produzione di latte la composizione del latte le caratteristiche tecnologiche gli aspetti nutrizionali 5

6 Varianti delle caseine caprine: tipizzazione del latte mediante IEF Alfas1 caseina

7 Varianti delle caseine caprine: tipizzazione a livello di DNA PCR allele specifica 7

8 Varianti delle caseine caprine: effetti quantitativi S1 -caseina contenuto (g/l) S2 -caseina contenuto (g/l) A, B, C 3,5 A, B, C, E, F 2,5 E 1,5 D 1,3 F, G 0,5 Nullo 0 Nullo 0 β-caseina contenuto (g/l) A, C 5,0 Nullo 0 8

9 Alfas1-CN B 199 aa R-P-K-H-P-I-N-H-R-G-L-S-P-E-V-P-N-E-N-L- L-R-F-V-V-A-P-F-P-E-V-F-R-K-E-N-I-N-E-L- S-K-D-I-G-S-E-S-T-E-D-Q-A-M-E-D-A-K-Q-M- K-A-G-S-S-S-S-S-E-E-I-V-P-N-S-A-E-Q-K-Y- I-Q-K-E-D-V-P-S-E-R-Y-L-G-Y-L-E-Q-L-L-R- L-K-K-Y-N-V-P-Q-L-E-I-V-P-K-S-A-E-E-Q-L- H-S-M-K-E-G-N-P-A-H-Q-K-Q-P-M-I-A-V-N-Q- E-L-A-Y-F-Y-P-Q-L-F-R-Q-F-Y-Q-L-D-A-Y-P- S-G-A-W-Y-Y-L-P-L-G-T-Q-Y-T-D-A-P-S-F-S- D-I-P-N-P-I-G-S-E-N-S-G-K-T-T-M-P-L-W 9

10 10

11 Alfas1-CN B 199 aa R-P-K-H-P-I-N-H-R-G-L-S-P-E-V-P-N-E-N-L- L-R-F-V-V-A-P-F-P-E-V-F-R-K-E-N-I-N-E-L- S-K-D-I-G-S-E-S-T-E-D-Q-A-M-E-D-A-K-Q-M- K-A-G-S-S-S-S-S-E-E-I-V-P-N-S-A-E-Q-K-Y- I-Q-K-E-D-V-P-S-E-R-Y-L-G-Y-L-E-Q-L-L-R- L-K-K-Y-N-V-P-Q-L-E-I-V-P-K-S-A-E-E-Q-L- H-S-M-K-E-G-N-P-A-H-Q-K-Q-P-M-I-A-V-N-Q- E-L-A-Y-F-Y-P-Q-L-F-R-Q-F-Y-Q-L-D-A-Y-P- S-G-A-W-Y-Y-L-P-L-G-T-Q-Y-T-D-A-P-S-F-S- D-I-P-N-P-I-G-S-E-N-S-G-K-T-T-M-P-L-W 11

12 Alfas1-CN B 199 aa L R-P-K-H-P-I-N-H-R-G-L-S-P-E-V-P-N-E-N-L- L-R-F-V-V-A-P-F-P-E-V-F-R-K-E-N-I-N-E-L- S-K-D-I-G-S-E-S-T-E-D-Q-A-M-E-D-A-K-Q-M- Q K-A-G-S-S-S-S-S-E-E-I-V-P-N-S-A-E-Q-K-Y- I-Q-K-E-D-V-P-S-E-R-Y-L-G-Y-L-E-Q-L-L-R- L-K-K-Y-N-V-P-Q-L-E-I-V-P-K-S-A-E-E-Q-L- H-S-M-K-E-G-N-P-A-H-Q-K-Q-P-M-I-A-V-N-Q- E-L-A-Y-F-Y-P-Q-L-F-R-Q-F-Y-Q-L-D-A-Y-P- S-G-A-W-Y-Y-L-P-L-G-T-Q-Y-T-D-A-P-S-F-S- D-I-P-N-P-I-G-S-E-N-S-G-K-T-T-M-P-L-W 12

13 Alfa s1 -CN A 199 aa R-P-K-H-P-I-N-H-R-G-L-S-P-E-V-L-N-E-N-L- L-R-F-V-V-A-P-F-P-E-V-F-R-K-E-N-I-N-E-L- S-K-D-I-G-S-E-S-T-E-D-Q-A-M-E-D-A-K-Q-M- K-A-G-S-S-S-S-S-E-E-I-V-P-N-S-A-Q-Q-K-Y- I-Q-K-E-D-V-P-S-E-R-Y-L-G-Y-L-E-Q-L-L-R- L-K-K-Y-N-V-P-Q-L-E-I-V-P-K-S-A-E-E-Q-L- H-S-M-K-E-G-N-P-A-H-Q-K-Q-P-M-I-A-V-N-Q- E-L-A-Y-F-Y-P-Q-L-F-R-Q-F-Y-Q-L-D-A-Y-P- S-G-A-W-Y-Y-L-P-L-G-T-Q-Y-T-D-A-P-S-F-S- D-I-P-N-P-I-G-S-E-N-S-G-K-T-T-M-P-L-W 13

14 Alfa s1 -CN 0 0 aa R-P-K-H-P-I-N-H-R-G-L-S-P-E-V-L-N-E-N-L- L-R-F-V-V-A-P-F-P-E-V-F-R-K-E-N-I-N-E-L- S-K-D-I-G-S-E-S-T-E-D-Q-A-M-E-D-A-K-Q-M- K-A-G-S-S-S-S-S-E-E-I-V-P-N-S-A-Q-Q-K-Y- I-Q-K-E-D-V-P-S-E-R-Y-L-G-Y-L-E-Q-L-L-R- L-K-K-Y-N-V-P-Q-L-E-I-V-P-K-S-A-E-E-Q-L- H-S-M-K-E-G-N-P-A-H-Q-K-Q-P-M-I-A-V-N-Q- E-L-A-Y-F-Y-P-Q-L-F-R-Q-F-Y-Q-L-D-A-Y-P- S-G-A-W-Y-Y-L-P-L-G-T-Q-Y-T-D-A-P-S-F-S- D-I-P-N-P-I-G-S-E-N-S-G-K-T-T-M-P-L-W 14

15 Alfas1-CN B 199 aa R-P-K-H-P-I-N-H-R-G-L-S-P-E-V-P-N-E-N-L- L-R-F-V-V-A-P-F-P-E-V-F-R-K-E-N-I-N-E-L- S-K-D-I-G-S-E-S-T-E-D-Q-A-M-E-D-A-K-Q-M- K-A-G-S-S-S-S-S-E-E-I-V-P-N-S-A-E-Q-K-Y- I-Q-K-E-D-V-P-S-E-R-Y-L-G-Y-L-E-Q-L-L-R- L-K-K-Y-N-V-P-Q-L-E-I-V-P-K-S-A-E-E-Q-L- H-S-M-K-E-G-N-P-A-H-Q-K-Q-P-M-I-A-V-N-Q- E-L-A-Y-F-Y-P-Q-L-F-R-Q-F-Y-Q-L-D-A-Y-P- S-G-A-W-Y-Y-L-P-L-G-T-Q-Y-T-D-A-P-S-F-S- D-I-P-N-P-I-G-S-E-N-S-G-K-T-T-M-P-L-W 15

16 Alfa s1 -CN F 162 aa R-P-K-H-P-I-N-H-R-G-L-S-P-E-V-P-N-E-N-L- L-R-F-V-V-A-P-F-P-E-V-F-R-K-E-N-I-N-E-L- S-K-D-I-G-S-E-S-T-E-D-Q-A-M-E-D-A-K-Q-M- K-A-G-S-S-S-S-S-E-E-I-V-P-N-S-A-E-Q-K-Y- I-Q-K-E-D-V-P-S-E-R-Y-L-G-Y-L-E-Q-L-L-R- L-K-K-Y-N-V-P-Q-L-E-I-V-P-K-S-A-E-E-Q-L- H-S-M-K-E-G-N-P-A-H-Q-K-Q-P-M-I-A-V-N-Q- E-L-A-Y-F-Y-P-Q-L-F-R-Q-F-Y-Q-L-D-A-Y-P- S-G-A-W-Y-Y-L-P-L-G-T-Q-Y-T-D-A-P-S-F-S- D-I-P-N-P-I-G-S-E-N-S-G-K-T-T-M-P-L-W 16

17 Alfa S1 -caseina: variazioni genetiche in razze caprine italiane S1 -CN g/l Maltese* Garganica* Jonica* Vallesana^ A, B, C E F Null *razze del sud Italia ^ razza del Piemonte 17

18 Alfa S1 -caseina: effetti su caratteri produttivi Effetti delle varianti forti di S1 -CN: produzione di latte invariata maggior contenuto in grasso maggior quantità di formaggio Se il latte è destinato alla produzione di formaggio conviene selezionare per le varianti forti o contro le varianti nulle. 18

19 Peptidi bioattivi Fra tutti le componenti del latte, le proteine rivestono particolare interesse dal punto di vista dell alimentazione umana. Infatti contengono nella propria sequenza numerosi peptidi che, liberati a livello gastroenterico mediante l azione di proteasi, svolgono funzioni biologiche oltre al semplice compito nutrizionale. Le lattoproteine sono, quindi, precursori di numerosi peptidi bioattivi, classificabili in funzione della loro attività biologica in diverse categorie. 19

20 Peptidi bioattivi immunomodulatori antimicrobici antiipertensivi ad azione oppioide trasportatori di minerali antitrombotici multifunzionali 20

21 Funzione biologica Oppioide (9) Trasporto Minerali (5) Antiipertensiva (23) Antitrombotica (3) Immunomodulatrice (6) Caseina Peptidi bioattivi (noti nel Bovino) S1 RYLGYL 1, RYLGYLE 2, YLGYLE YIPIQYVLSR 3, SRYPSY, YPSY, YPSYGLN 4 LPYPYY YPYY S1 DIGSESTEDQ, GSESTEDQAME, SSSEEIVPN KIEKFQSEEQQQT S2 EQLSTSEENS S1 Differenze (variante) (caprino) LPYPYC (k caseina J) YPYC (k caseina J) VAP, PFPE, LAYFYP, YP, DAYPSGAW, PLW TTMPLW 5 TAMPLW ( alfa s1 caseina C, E) VYP, YP, TPVVVPPFLQP, VPP, EMPFPK, FP KVLPVPQ, KVLPVP, YQEPVL, YQEPVLGPVR 6 AVP VVP (beta caseina C) S2 AMKPW AMKRW(alfa s2 caseina E) YIPIQYVLSR 3, YPSYGLN 4, YP, IPP LSFMAIPPK, MAIPPK, QDK S1 RYLGYL 1, RYLGYLE 2 TTMPLW 5 TAMPLW (alfa s1 caseina C, E) LLY, YQEPVLGPVR 6 YG 21

22 Allergie al latte Le proteine del latte possono essere responsabili di allergie. Di fondamentale importanza è l analisi degli epitopi: sequenze di amminoacidi a cui si lega un anticorpo. Sono stati identificati 6 epitopi maggiori e 3 minori che legano le IgE, a livello di α s1 -caseina bovina. 6 epitopo maggiore e il 2 minore: responsabili di allergie persistenti al latte vaccino 22

23 Epitopi (α S1 caseina B bovina ) 1 Maggiore 2 Maggiore 3 Maggiore 4 Maggiore 5 Maggiore 6 Maggiore Sequenza bovina Sequenza caprina NENLLRFFVAPFPEVFGKEK *******V********R**N KEDVPSERYLGYLEQLLRLK *****************K** ****K** LEIVPNSAEERL *****K****Q* NQELAYFYPELFRQF *********Q***** YPSGAWYYVPLGTQY ********L****** YTDAPSFSDIPNPIGSENSEKT *******************G** Variante genetica caprina A, B, C, E, F, G A, B, E, G C F A, B, C, E, F, G A, B, C, E, F, G A, B, C, E, F, G A, B, C, E, F, G 1 Minore ELSKDIGSES A, B, C, E, F, G 2 Minore 3 Minore EEIVPNSVEQ *******A** *******AQ* -******A** MKEGIHAQQK ****NP*H** B, C, E A G F A, B, C, E, F, G 23

24 Allergie al latte L allergia alle proteine del latte è una delle cause più frequenti di allergia nel primo anno di vita. Il latte di altri mammiferi è stato suggerito come sostituto ma spesso studi clinici hanno dimostrato l alto rischio di reattività crociata con il latte vaccino. 24

25 Allergie al latte Latte caprino: risultati discordanti Reattività crociata con le proteine del latte bovino Esistono differenze in base al tipo genetico di latte? 25

26 Allergie al latte 26

27 Allergie al latte Analizzati 25 campioni di latte individuale prelevati da capre con differente genotipo di S1 -CN 27

28 Campioni di latte caprino 28

29 SDS-PAGE F FF BB BE EE BE EE LATTE VACCINO 29

30 Bambini allergici 30

31 Immunoblotting 31

32 Skin Prick Test 32

33 Conclusioni Reazione allergica minore per 2 campioni di latte ( s1 CN 00 and 0F) da razze locali Risultati confermati da skin prick test su sei bambini allergici Il rischio di reazione crociata tra lattoproteine bovine e caprine suggerisce prudenza Tuttavia si può ipotizzarne l uso per gruppi selezionati di pazienti allergici 33

34 Certo che le proteine dan sorprese senza fine: polimorfiche e vivaci, di nutrirci son capaci con effetti assai speciali. E non tutte sono eguali. Conclusioni Le troviamo dentro il latte di caprette soddisfatte, perché il loro genotipo ha davvero conferito a ciascuna il proprio effetto, salutare e benedetto! Grazie 34

35 Conclusioni Se l epitopo è più bello, meglio usare sempre quello. Se il peptide è ancor più buono, vien dal latte un altro dono Per chi alleva è divertente tener sempre nella mente che cotal diversità dà la possibilità di variare anche il prodotto: così il lupo. sarà cotto! Grazie 35

La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte

La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte Il latte di asina nell alimentazione umana: ruolo della frazione proteica La Sicilia è la prima regione in Italia per allevamenti di asine specializzati nella produzione di latte Grigio Siciliano (100)

Dettagli

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini.

IL LATTE. Le femmine dei mammiferi cominciano a produrre latte al termine della gravidanza in seguito a stimoli neuroendocrini. IL LATTE DEFINIZIONE GENERALE Per latte alimentare si intende il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e di nutrizione. Le femmine dei

Dettagli

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA

QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA LA FILIERA LATTE DELL ASINO AMIATINO: VALORIZZAZIONE, INNOVAZIONE TECNOLOGICA SOSTENIBILE E CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITA QUALITA NUTRIZIONALE DEL LATTE D ASINA AMIATINA Prof.ssa Mina Martini Rispescia

Dettagli

La mammella e il latte

La mammella e il latte La mammella e il latte Cenni di anatomia della ghiandola mammaria e suo sviluppo L escrezione e la secrezione dei componenti del latte L eiezione e la modalità di mungitura e i riflessi sulla qualità del

Dettagli

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo?

Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è di nuovo? Convegno: Le nuove frontiere della trasformazione del siero del latte: da costo a valore aggiunto Milano, 2 dicembre 2012 Caratteristiche compositive e nutrizionali del siero di latte vaccino: cosa c'è

Dettagli

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela

Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Dr.ssa Paola Modesto Dr.ssa Serena Meistro Carne, latte e formaggi sulla nostra tavola: il laboratorio svela e tutela Prodotti

Dettagli

Applicazioni della spettroscopia al medio infrarosso (MIRS) per la predizione di nuovi fenotipi del latte

Applicazioni della spettroscopia al medio infrarosso (MIRS) per la predizione di nuovi fenotipi del latte Applicazioni della spettroscopia al medio infrarosso (MIRS) per la predizione di nuovi fenotipi del latte M. De Marchi, M. Penasa, M. Cassandro Dipartimento di Agronomia Animali Alimenti Risorse naturali

Dettagli

Campi di applicazione degli animali transgenici. Miglioramento delle caratteristiche produttive delle specie da allevamento

Campi di applicazione degli animali transgenici. Miglioramento delle caratteristiche produttive delle specie da allevamento Campi di applicazione degli animali transgenici Miglioramento delle caratteristiche produttive delle specie da allevamento Bioreattori per la produzione di proteine di interesse biotecnologico e farmaceutico

Dettagli

Qualità del latte: peptidi bioattivi ed altri aspetti nutrizionali e nutraceutici

Qualità del latte: peptidi bioattivi ed altri aspetti nutrizionali e nutraceutici Qualità del latte: peptidi bioattivi ed altri aspetti nutrizionali e nutraceutici S. Chessa Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria Composizione del latte Sostanza chimicamente e fisicamente eterogenea

Dettagli

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Le applicazioni attuali delle biotecnologie NON OGM nel settore alimentare diego.mora@unimi.it www.distam.unimi.it I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Quanti microrganismi ingeriamo con gli alimenti? Si ingeriscono

Dettagli

Tabelle di composizione degli alimenti: guida all uso

Tabelle di composizione degli alimenti: guida all uso La nutrizione del paziente con IRC GIORNATA DI STUDIO EDTNA/ERCA - ANDID Tabelle di composizione degli alimenti: guida all uso Maria Pia Chiuchiù Laboratorio di Nutrizione -DIMI Università degli Studi

Dettagli

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE

IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE IL MERCATO DEL LATTE ALTERNATIVO: INNOVAZIONE, QUALITÀ E PROSPETTIVE Roberto Giangiacomo CRA Istituto Sperimentale Lattiero Caseario, Lodi Convegni Qualyfood - CremonaFiere Spa - 27 ottobre 2005 - Dairy.it:

Dettagli

Two Cups of Milk May Be Best for Preschoolers

Two Cups of Milk May Be Best for Preschoolers Two Cups of Milk May Be Best for Preschoolers Questo è il titolo di un recente commento della redazione di Medscape Pediatrics in relazione ad un articolo apparso alla fine del 2014 su Archives of Disease

Dettagli

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di

LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI PROTEINE. sono ACIDI NUCLEICI. molecole complesse = POLIMERI. formate dall'unione di LE BIOMOLECOLE LE BIOMOLECOLE DETTE ANCHE MOLECOLE ORGANICHE; CARBOIDRATI LE BIOMOLECOLE sono LIPIDI PROTEINE ACIDI NUCLEICI molecole complesse = POLIMERI formate dall'unione di molecole semplici = MONOMERI

Dettagli

PROTEINE. sono COMPOSTI ORGANICI QUATERNARI

PROTEINE. sono COMPOSTI ORGANICI QUATERNARI PROTEINE sono COMPOSTI ORGANICI QUATERNARI Unione di elementi chimici diversi Il composto chimico principale è il C (carbonio) Sono quattro gli elementi chimici principali che formano le proteine : C (carbonio),

Dettagli

La tabella nutrizionale del Pecorino Romano: approfondimenti su grasso e lattosio

La tabella nutrizionale del Pecorino Romano: approfondimenti su grasso e lattosio 9 Mostra Nazionale Ovini Razza Sarda 6 Mostra Regionale Agroalimentare Macomer, 24 26 Aprile 2015 Store.broders.com La tabella nutrizionale del : approfondimenti su grasso e lattosio M. Addis, M. Caredda,

Dettagli

A N A L I S I G E N O M I C A Loci marcatori per le produzioni lattiero casearie Economic Traits Loci ETLs

A N A L I S I G E N O M I C A Loci marcatori per le produzioni lattiero casearie Economic Traits Loci ETLs A N A L I S I G E N O M I C A A N A L I S I G E N O M I C A Loci marcatori per le produzioni lattiero casearie Economic Traits Loci ETLs A N A L I S I G E N O M I C A Loci marcatori per le produzioni lattiero

Dettagli

MARIA LINA SANDIONIGI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI

MARIA LINA SANDIONIGI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI 6 SEMINARIO S.A.T.A. CAPRINI E OVINI IN COLLABORAZIONE CON PROGETTO INTERREG NERA DI VERZASCA ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELLA LOMBARDIA APPROCCIO GESTIONALE NELL ALLEVAMENTO DELLA CAPRA DA LATTE

Dettagli

La qualità del latte passa dalle proteine

La qualità del latte passa dalle proteine La qualità del latte passa dalle proteine Il prezzo pagato agli allevatori in Italia si basa su formule per calcolare un eventuale premio, rispetto a una qualità stabilita. La gestione dell alimentazione,

Dettagli

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani

LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani LA QUALITA : una via obbligata per i prodotti agro-alimentari italiani Fattori: Impossibile competere sul prezzo Diversa scelta del target dei consumatori Conosciamo gli alimenti che consumiamo? Vincenzo

Dettagli

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva

a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Progetto AGRICONFRONTI EUROPEI a cura del Settore Economia, Mercati e Competitiva Il progetto intende mettere a confronto la situazione dell agricoltura veneta con quella di altri paesi dell Unione Europea

Dettagli

http://www.agriok.it/magazine

http://www.agriok.it/magazine Hai scaricato questo articolo dal portale di Filiera AQ LEGGI GRATUITAMENTE ALTRE NOTIZIE SU: http://www.agriok.it/magazine www.agriok.it/notizie ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER www.agriok.it/newsletter

Dettagli

Università degli Studi di Verona Dipartimento di Biotecnologie

Università degli Studi di Verona Dipartimento di Biotecnologie RELAZIONE SCIENTIFICA FINALE Assegno di Ricerca (AdR1612/11) Nome e Cognome del Beneficiario Titolo del Programma di Ricerca Tiziana Passuello Determinazione della persistenza di residui di coadiuvanti

Dettagli

Il latte di capra fra mitologia e storia

Il latte di capra fra mitologia e storia Il latte di capra:specificità e qualità nutritive prof. Giuseppe D'Urso Istituto di Scienze e Tecnologie delle Produzioni Animali Università degli studi di Catania Anno 2000 Il latte di capra fra mitologia

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti.

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti. La parte dell Ig che non lega l antigene (la parte Fc, viola chiaro nel disegno) è responsabile delle funzioni effettrici dell Ig e quindi ne determina l attività biologica. Quando un Ig ha legato un antigene,

Dettagli

Mario Rossi 25/04/2019. www.trapiantocapelli.info

Mario Rossi 25/04/2019. www.trapiantocapelli.info Mario Rossi 25/04/2019 www.trapiantocapelli.info L alopecia androgenetica è la principale causa di calvizie che colpisce circa l 70% degli uomini e il 35% delle donne giovani (percentuale che sale al 50%

Dettagli

SCOPO DELLA TESI Avendo svolto un esperienza di tirocinio in laboratorio di analisi della qualità del latte nei mesi autunnali appena passati, presso

SCOPO DELLA TESI Avendo svolto un esperienza di tirocinio in laboratorio di analisi della qualità del latte nei mesi autunnali appena passati, presso SCOPO DELLA TESI Avendo svolto un esperienza di tirocinio in laboratorio di analisi della qualità del latte nei mesi autunnali appena passati, presso il quale mi sono occupato personalmente, dopo opportuno

Dettagli

Viaggi di gusto IRASE UIL. Il latte vegetale. di Daniela Leone

Viaggi di gusto IRASE UIL. Il latte vegetale. di Daniela Leone Viaggi di gusto IRASE UIL Il latte vegetale di Daniela Leone Questo articolo prende in rassegna le caratteristiche dei diversi tipi di latte vegetale: da quelli più utilizzati, come quello di soia o di

Dettagli

THE NATURE OF A PROMISE AGRO INDUSTRIAL

THE NATURE OF A PROMISE AGRO INDUSTRIAL THE NATURE OF A PROMISE AGRO INDUSTRIAL THE NATURE OF A PROMISE Il gruppo Elcomex attualmente rappresenta uno dei player più significativi nel comparto energetico Rumeno (soprattutto energia proveniente

Dettagli

Gli equini non sono tradizionalmente considerati produttori CHIMICA & PROTEOMICA DEL LATTE EQUINO SPETTROMETRIA DI MASSA

Gli equini non sono tradizionalmente considerati produttori CHIMICA & PROTEOMICA DEL LATTE EQUINO SPETTROMETRIA DI MASSA Vincenzo Cunsolo, Salvatore Foti, Vera Muccilli, Rosaria Saletti Dipartimento di Scienze Chimiche Università di Catania sfoti@unict.it PROTEOMICA DEL LATTE EQUINO Un indagine sistematica del latte di asina,

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene

I marcatori molecolari. Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene I marcatori molecolari Dipartimento di Scienze Agronomiche e Genetica Vegetale Agraria Corso di Genetica Agraria Giovanna Attene Marcatori molecolari del DNA I marcatori molecolari sono sequenze di DNA

Dettagli

LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI. Pasta con zucca. Pasta con lenticchie Prosciutto cotto privo di proteine del latte

LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI. Pasta con zucca. Pasta con lenticchie Prosciutto cotto privo di proteine del latte SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA E SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MENU INVERNALE N.B. : * non aggiungere parmigiano alle pietanze e utilizzare prodotti privi di Pasta con zucca Spezzatino di tacchino

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte

Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Valutazione individuale dell attitudine casearia del latte Alessio Cecchinato Dipartimento di Agronomia, Animali, Alimenti Risorse Naturali e Ambiente - DAFNAE Università di Padova Bufala Mediterranea

Dettagli

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino

Scopo del lavoro è. Studio dell Istituto zooprofilattico di Brescia Rapporto tra acidi grassi saturi e insaturi nel latte bovino Un valore che influenza la qualità nutrizionale, tecnologica e soprattutto organolettica dei prodotti finiti di Giuseppe Delle Donne, Antonio Marcolini, Giorgio Zanardi, Giuseppe Bolzoni Studio dell Istituto

Dettagli

LATTE D'ASINA: PERCHÉ?

LATTE D'ASINA: PERCHÉ? LATTE D'ASINA: PERCHÉ? Da 7000 anni l asino lavora al fianco dell uomo svolgendo i lavori più faticosi: tirando l aratro e l erpice, facendo girare la macina del grano e il frantoio per le olive. Trainando

Dettagli

La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali.

La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali. La diagnosi molecolare nelle allergie da alimenti vegetali. Renato Rossi Rete di Allergologia Regione Piemonte Rivarossa Team Alba (CN) Negli ultimi anni l impiego di tecniche di biologia molecolare ha

Dettagli

Composizione della sostanza azotata del latte vaccino (% rel)

Composizione della sostanza azotata del latte vaccino (% rel) Composizione della sostanza azotata del latte vaccino (% rel) s1 29-35 Caseine s2 8-10 35-40 78 10-15 Materia Azotata Proteica ( ) lattoglobulina 4-8 8-9 94-95 Materia Azotata Totale (N*6,38) Proteine

Dettagli

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano

LATTE E DERIVATI E TUMORE. Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano LATTE E DERIVATI E TUMORE Sabina Sieri Unità di Epidemiologia e Prevenzione Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori Milano MEDIE (g/die) DI CONSUMO DI LATTICINI IN ITALIA: INDAGINE INRAN-SCAI 2005

Dettagli

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof.

ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile marker diagnostico e un innovativo target per il trattamento. Relatore Prof. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Neuropsichiatria Infantile Direttore Prof. Paolo Curatolo ADHD, DAT ed autoimmunità: un possibile

Dettagli

Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati

Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati L'alimentazione è uno dei fattori che maggiormente

Dettagli

PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE DI PECORA: VARIAZIONI STAGIONALI E RELAZIONI CON LA COMPOSIZIONE CHIMICA

PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE DI PECORA: VARIAZIONI STAGIONALI E RELAZIONI CON LA COMPOSIZIONE CHIMICA ITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLE REGIONI LAZIO E TOSCANA NTRO NAZIONALE DI REFERENZA PER LA QUALITA DEL LATTE E DEI PRODOTTI RIVATI DEGLI OVINI E DEI CAPRINI (CRELDOC) PUNTO CRIOSCOPICO DEL LATTE

Dettagli

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1

IL LATTE. Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Lo conosciamo davvero bene? 19/06/12 1 IL LATTE Il latte costituisce l alimento primordiale per tutti i mammiferi. È composto da sostanze provenienti dal sangue per filtrazione diretta e da componenti

Dettagli

INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA

INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA INTOLLERANZA AL LATTOSIO: ESEMPIO DI BIODIVERSITA GENETICA I.P.S.I.A. Bettino Padovano Senigallia INDIRIZZO CHIMICO BIOLOGICO 2009/10 ALUNNO:MATTEO BARBARINI CLASSE: 5 TECNICO CHIMICO-BIOLOGICO DOCENTE:PROF.SSA

Dettagli

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136)

ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) ATASSIA SPINOCEREBELLARE 17 (SCA17) (OMIM #607136) Il gene implicato nella SCA17 è il gene TATA box-binding protein (TBP) che fa parte del complesso della RNA polimerasi II ed è essenziale per dare inizio

Dettagli

LE ASSUNZIONI DELL'ANOVA

LE ASSUNZIONI DELL'ANOVA LE ASSUNZIONI DELL'ANOVA Sono le assunzioni del test t, ma estese a tutti i gruppi: o La variabile deve avere una distribuzione normale in tutte le popolazioni corrispondenti ai gruppi campionati o Le

Dettagli

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010

PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI. VETTORI λ 17-06-2010 PLASMIDI puc ALTRI TIPI DI VETTORI VETTORI λ (15-20 Kb) = vettori ottenuti apportando delle modifiche al genoma del batteriofago λ. COSMIDI (40-45 Kb) = plasmidi che contengono i siti cos di λ utili per

Dettagli

Sito Web del Programma Latte nelle scuole Quiz Interattivo. Livello 1. (Per i bambini dai 5 agli 8 anni)

Sito Web del Programma Latte nelle scuole Quiz Interattivo. Livello 1. (Per i bambini dai 5 agli 8 anni) Sito Web del Programma Latte nelle scuole Quiz Interattivo Livello 1 (Per i bambini dai 5 agli 8 anni) (1) Perché bisogna bere il latte? Perché fa bene alla salute Perché fa bene ai denti Perché fa bene

Dettagli

Trasformazione del latte di capra in Sardegna tra tradizione e innovazione

Trasformazione del latte di capra in Sardegna tra tradizione e innovazione L ALLEVAMENTO DELLA CAPRA IN SARDEGNA: TENDENZA E RICERCA Bonassai, 11 dicembre 2015 Trasformazione del latte di capra in Sardegna tra tradizione e innovazione M. Addis, M. Pes, R. Comunian, R. Di Salvo,

Dettagli

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE

LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE LE DIETE NELLE DIVERSE ETA DIETA DEL LATTANTE È considerato lattante un individuo fra 0 e 1 anno di età. Le esigenze e quindi gli apporti nutrizionali in questa fase della crescita sono correlati a caratteristiche

Dettagli

Le attività del Dipartimento di Scienze Zootecniche nel settore della qualità nutraceutica dei prodotti zootecnici in ambiente mediterraneo

Le attività del Dipartimento di Scienze Zootecniche nel settore della qualità nutraceutica dei prodotti zootecnici in ambiente mediterraneo Le attività del Dipartimento di Scienze Zootecniche nel settore della qualità nutraceutica dei prodotti zootecnici in ambiente mediterraneo Anna Nudda Dipartimento di Scienze Zootecniche Università degli

Dettagli

Caratteristiche chimico-biologiche del latte d'asina Dr. Laura Cavallarin

Caratteristiche chimico-biologiche del latte d'asina Dr. Laura Cavallarin Caratteristiche chimico-biologiche del latte d'asina Dr. Laura Cavallarin Summer School Take Care of Children Alba, 16-18 Settembre 2016 19 th century: Hospital des Enfants Assistès spread the practice

Dettagli

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo

La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo La vitella dalla nascita al sesto mese: ottimizzare la crescita e lo sviluppo Centro Veterinario S. Martino Dr. Marmiroli Mauro Obiettivi per un buon sistema di gestione della vitella Costruire il Sistema

Dettagli

IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014

IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014 IL CICLO DI LAVORAZIONE DEL LATTE 26 marzo 2014 La composizione del latte Definizione: il latte è il prodotto della mungitura regolare, completa ed ininterrotta di animali in buono stato di salute, di

Dettagli

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche del formaggio - Divertiti imparando - 1 - Divertiti imparando - 2

INDICE. SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche del formaggio - Divertiti imparando - 1 - Divertiti imparando - 2 INDICE 1. Che cos'è il formaggio? 2. Come si produce? 3. Che usi si possono fare del formaggio? 4. Che importanza riveste il formaggio per l'organismo? SCHEDE RIEPILOGATIVE ED ESERCIZI: - Caratteristiche

Dettagli

Intolleranze alimentari? È ora di agire!

Intolleranze alimentari? È ora di agire! Intolleranze alimentari? È ora di agire! In Svizzera, ben oltre 1 milione di persone soffre di un intolleranza alimentare. L intolleranza al lattosio (zucchero del latte) e al glutine (proteine dei cereali)

Dettagli

HPV-test: quale test e quando

HPV-test: quale test e quando Lugano 10 Settembre 2015 PAP-test, HPV e vaccino: cosa sta cambiando HPV-test: quale test e quando Francesca Molinari Istituto Cantonale di Patologia, Locarno Temi della presentazione Introduzione: virus

Dettagli

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 BANCA DEL LATTE UMANO DONATO di Cesena presso la Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dell Ospedale M. Bufalini. Per maggiori informazioni contattare il numero: 0547/394362

Dettagli

IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009

IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009 IL PROGRAMMA DI RICERCA PER L ANNO 2009 Dipartimento per la Ricerca nelle Produzioni Animali Giovanni Piredda Santa Cristina Paulilatino (OR) 20 maggio 2009 www.sardegnaagricoltura.it/innovazionericerca

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

Parto e prime cure al vitello

Parto e prime cure al vitello Parto e prime cure al vitello VARIAZIONI ORMONALI IN PROSSIMITÀ DEL PARTO PROGESTERONE PLACENTA ESTROGENI + stimoli da pressione nella cervice e vagina IPOFISI MATERNA OSSITOCINA MIOMETRIO UTERINO + PLACENTOMI

Dettagli

Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi

Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi Biosintesi non ribosomiale di metaboliti peptidici bioattivi Principali bersagli degli antibiotici Gli antibiotici derivano per la maggior parte da composti naturali Strutture di alcuni peptidi bioattivi

Dettagli

UNA ANALISI CRITICA DELLA PRODUZIONE E DEL POTENZIALE DI UTILIZZAZIONE DEL SIERO IN ITALIA. Pier Luigi Vecchia, Tecnologo Alimentare

UNA ANALISI CRITICA DELLA PRODUZIONE E DEL POTENZIALE DI UTILIZZAZIONE DEL SIERO IN ITALIA. Pier Luigi Vecchia, Tecnologo Alimentare UNA ANALISI CRITICA DELLA PRODUZIONE E DEL POTENZIALE DI UTILIZZAZIONE DEL SIERO IN ITALIA Pier Luigi Vecchia, Tecnologo Alimentare Convegno DAIRYTECH - Milano, 2 dicembre 2014 STIMA DELLA SITUAZIONE PRODUTTIVA

Dettagli

I pregiudizi su glutine, latte e lattosio

I pregiudizi su glutine, latte e lattosio I pregiudizi su glutine, latte e lattosio Viviamo in un mondo dove se ne sentono di tutti i colori. Ci sono scienziati in ogni angolo di strada, numerosi come gli allenatori di calcio. Internet è un oceano

Dettagli

Manuale di Autocontrollo

Manuale di Autocontrollo Az. Agr. Cagnassi Giovanni Fraz. San Vittore n. 87 12045 Fossano (CN) VENDITA DI LATTE CRUDO MEDIANTE DISTRIBUTORE AUTOMATICO Manuale di Autocontrollo Manuale di autocontrollo 1 Indice Introduzione pag.

Dettagli

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte.

Farine animali. Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Farine animali Comprendono tutti i sottoprodotti derivanti dalla lavorazione di carne, pesce e latte. Vengono impiegate in virtù per il loro elevato livello di aminoacidi e minerali ma sono anche ricche

Dettagli

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici

I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici I composti organici della vita: carboidrati, lipidi, proteine e acidi nucleici La seta della tela di ragno è un insieme di macromolecole, dette proteine. Sono le caratteristiche fisico-chimiche di queste

Dettagli

L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare

L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare L utilizzo dei derivati del siero nell industria alimentare Nicolas Depuydt Sardegna, Venerdi 28 Novembre 2008 1 Parametri chimico-fisici del siero SIERO DI GRANA LATTE VACCINO SIERO DI PECORINO LATTE

Dettagli

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA

ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA ALLERGIE ED INTOLLERANZE ALIMENTARI: POTENZIALITÀ ANALITICHE ED EVOLUZIONE NORMATIVA Ermanno Errani Responsabile Area Analitica Alimenti ARPA Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna REAZIONI AVVERSE

Dettagli

Edizioni L Informatore Agrario

Edizioni L Informatore Agrario www.informatoreagrario.it Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi

Dettagli

Allegato F alla determinazione del Direttore Generale n. 156/15 del 29.05.2015. DENOMINAZIONE GRUPPO DI LAVORO

Allegato F alla determinazione del Direttore Generale n. 156/15 del 29.05.2015. DENOMINAZIONE GRUPPO DI LAVORO DENOMINAZIONE GRUPPO DI LAVORO Valorizzazione degli archivi di ricerca e trasferimento: messa a punto di un processo per la fruibilità on line delle informazioni relative al corretto uso delle risorse

Dettagli

RISULTATO DEL TEST GENETICO GENO NIGEF 1. Rapporto n. DATA DI NASCITA: RICHIEDENTE: Dott. DATA CAMPIONAMENTO: 20.02.2013

RISULTATO DEL TEST GENETICO GENO NIGEF 1. Rapporto n. DATA DI NASCITA: RICHIEDENTE: Dott. DATA CAMPIONAMENTO: 20.02.2013 RISULTATO DEL TEST GENETICO GENO NIGEF 1 Rapporto n. NOME: DATA DI NASCITA: RICHIEDENTE: Dott. DATA CAMPIONAMENTO: 20.02.2013 CODICE CAMPIONE: RICEVUTO DAL LABORATORIO IL: TIPO DI ANALISI: Discriminazione

Dettagli

Le mastiti costano molto all allevatore

Le mastiti costano molto all allevatore INDAGINE IN 6 SALLE DI VACCHE DA LAE Le mastiti costano molto all allevatore A seconda della frequenza e della gravità le mastiti possono comportare perdite di reddito fino a oltre 2. euro in un allevamento

Dettagli

I.I.S. A. VOLTA FROSINONE. Seconda prova scritta - Simulazione CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE

I.I.S. A. VOLTA FROSINONE. Seconda prova scritta - Simulazione CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE Progetto Formazione personale docente per gli Esami di Stato (Interventi formativi di cui al D.M. n. 23/2013 e al D.M. n. 351/2014 USR Lazio) A.S. 2014/2015 Seconda prova scritta - Simulazione Codice e

Dettagli

Maria Antonietta Lepore LIPIDI E LIPOPROTEINE

Maria Antonietta Lepore LIPIDI E LIPOPROTEINE A06 108 Maria Antonietta Lepore LIPIDI E LIPOPROTEINE Correlazione con patologie cardiovascolari Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti

Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti Caratteristiche chimiche e nutrizionali dei pascoli toscani e aspetti della loro digestione nei ruminanti M. Antongiovanni Dipartimento di Scienze Zootecniche 1 Indice degli argomenti La dieta dei ruminanti

Dettagli

PROJECT SRL DISTRIBUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E TEST RAPIDI IN VITRO

PROJECT SRL DISTRIBUZIONE DI DISPOSITIVI MEDICI E TEST RAPIDI IN VITRO FAQ lattosio SPECIALISTA 1) In cosa consiste il Breath Test? Il Breath Test all'idrogeno consiste nella misurazione dei livelli di idrogeno nel respiro del paziente. Questo idrogeno deriva dalla fermentazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p)

DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) DETERMINAZIONE DEL TENORE DI MATERIA SECCA (% p/p) Il contenuto della materia secca varia in base al tipo di latte; quello vaccino é compreso tra 11 e 13 % p/p. Apparecchiature: Bilancia analitica (0,1

Dettagli

agro-alimentari EMAA 08/09 X / 1

agro-alimentari EMAA 08/09 X / 1 La qualità nei mercati agro-alimentari cos è la qualità? la qualità conviene (sempre)? qualità dei prodotti, asimmetria informativa e ruolo delle regolamentazioni i I esempio: la politica della qualità

Dettagli

Mappatura genetica. alberi genealogici (pedigree) stima del rischio genetico (counseling) analisi di linkage (lod score) Paolo Edomi - Genetica

Mappatura genetica. alberi genealogici (pedigree) stima del rischio genetico (counseling) analisi di linkage (lod score) Paolo Edomi - Genetica Mappatura genetica alberi genealogici (pedigree) stima del rischio genetico (counseling) analisi di linkage (lod score) Alberi genealogici Simbologia negli alberi genealogici Eredità autosomica recessiva

Dettagli

Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario

Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario Un codice genetico per i mangimi, a tutela della qualità e della sicurezza nella produzione di latte, formaggi e carni Diego Breviario Istituto di Biologia e Biotecnologia Agraria (IBBA) Tuesday, October

Dettagli

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico

Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Il progetto: descrizione delle attività sperimentali e approccio metodologico Elena Bortolazzo, CRPA Incontro tecnico: Vitamina B12 nei sottoprodotti della lavorazione del Parmigiano Reggiano: siero e

Dettagli

Traduzione dell informazione genetica (1)

Traduzione dell informazione genetica (1) Traduzione dell informazione genetica (1) 1 Traduzione dell informazione genetica (2) Il processo negli eucarioti richiede: 70 diverse proteine ribosomiali >20 enzimi che attivano i precursori degli amminoacidi

Dettagli

Associazione Italiana Allevatori Laboratorio Standard Latte GRASSO, PROTEINE, CASEINE, LATTOSIO, UREA LATTE VACCINO. FT 001 (set da 10 campioni)

Associazione Italiana Allevatori Laboratorio Standard Latte GRASSO, PROTEINE, CASEINE, LATTOSIO, UREA LATTE VACCINO. FT 001 (set da 10 campioni) GRASSO, PROTEINE, CASEINE, LATTOSIO, UREA LATTE VACCINO FT 001 (set da 10 campioni) Descrizione del campione: campione da 80 ml di latte crudo, contenuto in provette di plastica con tappo a vite di colore

Dettagli

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato.

Formati disponibili: Sacco da 15 kg COMPOSIZIONE * Fiocchi di granoturco, fiocchi d orzo integrale, fave laminate, pisello proteico fioccato. Fiocco Nostrale Fiocco Nostrale della linea Nostrale Misti e Granaglie di Raggio di Sole è il complemento alimentare ideale per tutte le specie animali (conigli, cavalli e ruminanti) da somministrare in

Dettagli

INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA

INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA INNOVHUB STAZIONI SPERIMENTALI PER L INDUSTRIA Divisione SSOG Attività Laboratorio Oli e Grassi 3 Relatore Liliana Folegatti E-mail: liliana.folegatti@ssog.it Milano, 10 Febbraio 2012 LABORATORIO OLI GRASSI

Dettagli

Latte e tubo digerente Lucio Capurso

Latte e tubo digerente Lucio Capurso Latte e tubo digerente Lucio Capurso 57 Latte e tubo digerente Lucio Capurso, Primario Emerito di Gastroenterologia nell Azienda Ospedaliera San Filippo Neri di Roma, è uno dei grandi luminari dell apparato

Dettagli

BOVINO GRIGIO AUTOCTONO ITALIANO ( BovGRAI ) (GIÀ PODOLICA): POLIMORFISMO PROTEICO DEL LATTE

BOVINO GRIGIO AUTOCTONO ITALIANO ( BovGRAI ) (GIÀ PODOLICA): POLIMORFISMO PROTEICO DEL LATTE BOVINO GRIGIO AUTOCTONO ITALIANO ( BovGRAI ) (GIÀ PODOLICA): POLIMORFISMO PROTEICO DEL LATTE Donato MATASSINO 1*, Carmela BARONE 2, Nadia CASTELLANO 1, Caterina INCORONATO 1, Mariaconsiglia OCCIDENTE 1,

Dettagli

La radioattività negli alimenti

La radioattività negli alimenti La radioattività negli alimenti Gli alimenti Per ottemperare alle regolamentazioni nazionali ed europee viene monitorata la radioattività presente nei principali alimenti distribuiti in Lombardia. Ogni

Dettagli

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica

Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica Agricoltura Biologica e Biodiversità Veneto Agricoltura, Corte Benedettina 20 febbraio 2013 Esperienze e sperimentazione in zootecnia biologica ricerca e sperimentazione in zootecnia biologica attività

Dettagli

Miglioramento genetico: il capitale del futuro. Antonello Carta, Sara Casu, Sotero Salaris AGRIS Sardegna

Miglioramento genetico: il capitale del futuro. Antonello Carta, Sara Casu, Sotero Salaris AGRIS Sardegna Miglioramento genetico: il capitale del futuro Antonello Carta, Sara Casu, Sotero Salaris AGRIS Sardegna Obiettivi del miglioramento genetico negli ovini da latte Consumatori: tendenza al consumo di prodotti

Dettagli

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO

GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO GLOSSARIO SINTETICO COLLETTIVO Giugno 2014 1 2 3 SINTETICO COLLETTIVO DI SPECIE E RAZZA Il sintetico collettivo è una elaborazione dei dati provenienti dalle singole produttrici di una medesima specie/razza.

Dettagli

ANALISI del LATTE. Comunque, come tutti i prodotti

ANALISI del LATTE. Comunque, come tutti i prodotti ANALISI del LATTE Le centrali del latte e gli stabilimenti di trattamento sono dotati di laboratorio in cui viene analizzato il latte in entrata ed il latte in uscita. Le analisi devono: Comunque, come

Dettagli

Valorizzazione della filiera lattiero casearia ovi caprina: il controllo della qualità del latte

Valorizzazione della filiera lattiero casearia ovi caprina: il controllo della qualità del latte Programma di Sviluppo Rurale 2007 2013 - Misura 111 Valorizzazione della filiera lattiero casearia ovi caprina: il controllo della qualità del latte 25 settembre 2015 Località Nuraghe Losa -Abbasanta (Or)

Dettagli

Generalità e definizione

Generalità e definizione Generalità e definizione Latte alimentare è il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare ininterrotta e completa di animali in buono stato di salute e nutrizione (R.D. 9/5/29 n. 994 e successive modifiche).

Dettagli

16 FEBBRAIO 2009 INTERVISTA A VANZETTA RUGGERO TITOLARE DELL AGRITURISMO VALAVERTA

16 FEBBRAIO 2009 INTERVISTA A VANZETTA RUGGERO TITOLARE DELL AGRITURISMO VALAVERTA 16 FEBBRAIO 2009 INTERVISTA A VANZETTA RUGGERO TITOLARE DELL AGRITURISMO VALAVERTA Vi racconto un po la mia storia, di come mai sono arrivato a fare l allevatore di capre, poi l agriturismo e poi il caseificio.

Dettagli

Il latte, un alimento poli-funzionale

Il latte, un alimento poli-funzionale Il latte, un alimento poli-funzionale Intervento scientifico Il latte, un alimento poli-funzionale non presentato dal Professor Cannella bensì dal Dottor Alessandro Pinto, ricercatore presso il Dipartimento

Dettagli