PLM, IL PRODOTTO SOTTO CONTROLLO. I software per la gestione del ciclo di vita dei prodotti al servizio delle imprese...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PLM, IL PRODOTTO SOTTO CONTROLLO. I software per la gestione del ciclo di vita dei prodotti al servizio delle imprese..."

Transcript

1 PLM, IL PRODOTTO SOTTO CONTROLLO I software per la gestione del ciclo di vita dei prodotti al servizio delle imprese... non solo grandi a cura della redazione di Computerworld Italia Organizzazione della produzione>> Produzione e logistica

2 Sommario Storia di una rivoluzione digitale... 4 Il PLM arriva nella media impresa italiana... 7 Integrare PLM ed ERP... 9 Glossario Pagina 2 di 12

3 Introduzione Nell'articolo di apertura di questo dossier il PLM (Product Lifecycle Management) viene definito un approccio strategico che applica un insieme consistente di soluzioni a supporto della creazione, gestione, disseminazione e utilizzo collaborativo delle informazioni di definizione del prodotto attraverso l impresa estesa, dalla sua concezione alla fine della vita, integrando persone, processi, sistemi e informazioni. Questo tipo di soluzioni vanno in sostanza a raccogliere le informazioni che si vanno a generare attraverso l'uso dei sistemi deputati alla descrizione di un prodotto nelle sue varie fasi di vita, mettendole al servizio della strategia dell'impresa. Questo mese vi presentiamo una serie di articoli scritti da alcuni esperti del settore, partendo dalla storia di questo tipo di soluzioni, tra passato presente e futuro, la loro utilità e applicazione, le funzionalità che esse offrono e alcuni casi di aziende italiane che le hanno adottate. Continuando, si andrà maggiormente nel dettaglio del mondo delle Piccole e Medie Imprese, oggi anch'esse diventate target delle soluzioni PLM, con la possibilità di applicarle per migliorare le proprie aree di innovazione e i processi di sviluppo dei rispettivi prodotti. L'articolo presenta quindi alcuni casi di successo di tre realtà italiane del mondo manifatturiero che hanno sperimentato risparmi e miglioramenti. Il dossier si chiude infine con un approfondimento su uno scenario che vede le applicazioni di PLM accoppiate e integrate con i sistemi ERP (Enterpise Resource Planning) e gestionali, per risolvere quelle discontinuità che possono esistere fra definizione e realizzazione del prodotto. Tra benefici ottenibili e approcci realizzativi. Pagina 3 di 12

4 STORIA DI UNA RIVOLUZIONE DIGITALE Passato, presente e futuro delle soluzioni applicative che gestiscono il 'ciclo di vita dei prodotti' di Alberto Codrino* La definizione Secondo una diffusa definizione, il PLM è un approccio strategico che applica un insieme consistente di soluzioni a supporto della creazione, gestione, disseminazione e utilizzo collaborativo delle informazioni di definizione del prodotto attraverso l impresa estesa, dalla sua concezione alla fine della vita, integrando persone, processi, sistemi e informazioni. Storicamente i sistemi di Product Lifecycle Management (PLM) nascono dall esigenza delle aziende manifatturiere di gestire dati e documenti generati durante lo sviluppo di un prodotto industriale. L obiettivo è raccogliere e rendere facilmente disponibili tutte le informazioni di descrizione del prodotto (e del suo processo produttivo), generate da diversi enti interni ed esterni, e controllare questo capitale intellettuale dalla nascita dell idea del prodotto fino alla sua dismissione, operando su tutta la catena del valore. Il PLM però non è solo un applicativo: è un approccio strategico. La tecnologia dev essere il fattore abilitante per migliorare organizzazione e processi. Inoltre è una digital revolution, perché consente di simulare con ottima approssimazione i comportamenti di un oggetto prima che il primo esemplare sia realizzato. L attività di prototipazione fisica si riduce, e si può rimandare fino all ultimo la produzione, anticipando molte modifiche e rendendole così più rapide e meno costose. A che cosa serve Oggi la competitività delle aziende dipende dalla capacità di innovare e di adattarsi a un mercato globale. Il PLM facilita l innovazione perché con i prototipi virtuali si possono esplorare molte più alternative rispetto al tradizionale iter design build test. La globalizzazione poi impone di integrarsi con clienti, fornitori e partner in varie parti del mondo. Il PLM migliora l interoperabilità tra formati CAD e di visualizzazione, automatizza lo scambio di informazioni di configurazione dei prodotti, consente l integrazione dell area produttivo-logistica tra soggetti con piattaforme e applicativi diversi. Secondo una recente indagine IBM, oltre due terzi dei componenti di prodotti complessi oggi sono realizzati fuori dall azienda, e oltre il 50% dell innovazione proviene dai partner. Innovazione e globalizzazione sono quindi possibili solo se si opera in ambienti che agevolino la collaborazione. Il PLM infine rende facilmente accessibili competenze e conoscenze aziendali e riduce il rischio di fare attività già svolte o non necessarie. Quando serve In passato l uso di soluzioni PLM era ristretto a grandi aziende nei settori aerospazio/difesa, automotive, elettronica e tlc. L evoluzione delle funzionalità e dei servizi di consulenza ha però ampliato i settori target e ridotto la soglia d ingresso: anche aziende medio-piccole possono ottenere buoni ritorni da progetti PLM. Un sistema PLM è utile quando un azienda deve gestire la complessità. Può essere complesso il prodotto, per l alto numero di componenti o le tecnologie costruttive (aerospace, automotive). O la gestione della sua continua evoluzione (elettronica di consumo), o della conformità a norme interne, contrattuali, internazionali (Vision2000, End of Life Vehicles Directive, per l automotive, CFR Part 11 per farmaceutico e medicale, WEEE e RoHS per l elettronica, ecc.). Ma la complessità può essere anche nella gestione della supply chain, nella dislocazione dei siti produttivi, o nell architettura IT eterogenea. Il mercato Il mercato PLM ha due componenti principali: i Tool, cioè gli strumenti con cui generare i documenti di prodotto (CAD, CAE, CAM, ecc.) e i sistemi PDM (Product Data Management) con Pagina 4 di 12

5 cui gestire la struttura di prodotto e la documentazione prodotta dai tool. Cimdata, nota società di analisi del settore, stima il mercato mondiale 2006 in 18,1 miliardi di dollari (+8,7% rispetto al 2005), con il PDM a quota 6,1 miliardi (+14,7%) e i Tool a 12 miliardi (+6,1%). Europa e Americhe rappresentano ciascuna il 36% del totale, l area asiatica il 28% ma è in forte crescita. Da notare che il tasso di crescita previsto nei prossimi cinque anni è decisamente superiore rispetto alla media del settore IT (8,5% per il PLM, 13,6% per il solo comparto PDM). Quanto al mercato italiano, secondo i dati PLM Systems nel 2006 si è attestato su circa 130 milioni di euro (25% licenze software, 15% manutenzioni, 60% servizi di consulenza). Cosa fa Alcuni casi italiani Il PLM ha raggiunto una buona diffusione in Italia (circa 100mila postazioni installate a fine 2006). E usato in tutte le grandi aziende industriali, e anche in molte realtà medie o medio piccole con forti esigenze innovative. Negli ultimi anni si è diffuso in nuovi settori: farmaceutico, beni di consumo, pubblico, utility, fashion, servizi finanziari. Le grandi industrie sono alla seconda o terza generazione di PLM: Fiat Auto ha riconosciuto i meriti dell adozione estensiva del PLM nella riduzione del time to market della Nuova Bravo a 18 mesi. Sempre nell automotive, Iveco ha un sistema PLM integrato con l ERP ed esteso a oltre utenti (120 concorrenti). Avio ha invece usato il PLM per riposizionarsi da fornitore di componenti a system integrator nell Aerospace. Nel settore difesa, OtoBreda controlla la configurazione dei mezzi corazzati forniti agli eserciti di tutto il mondo tramite un sistema PLM, mentre Alcatel Alenia Space (ASS) gestisce la configurazione e documentazione dei prodotti nei principali programmi aerospaziali mondiali (oltre 40mila elaborati per ogni commessa). Grazie al PLM, AAS ha ridotto del 40% i tempi e del 14% i costi medi per le modifiche tecniche. Bticino usa il PLM non solo per gestire i dati di prodotto (30mila prodotti finiti, 120mila documenti) ma anche le informazioni di supply chain (circa 80 fornitori integrati con 15mila parti e 45mila documenti). Anche in altri settori ci sono notevoli casi PLM, tra cui Artemide, Alessi, Barilla, B&Italia, Luxottica, Italgas. Nell impiantistica sono da citare Italferr (società delle Ferrovie dello Stato che gestisce con il PLM i progetti di tratte ferroviarie, gallerie e stazioni) e Fincantieri o Azimut nella cantieristica navale. Centinaia di aziende medie o medio piccole, inoltre, usano con profitto soluzioni PLM pensate per un parco di qualche decina di utenti. Un sistema PLM supporta tutte le attività per progettare, realizzare, mantenere e dismettere un prodotto. Aiuta a definire un portafoglio prodotti ottimale, a formalizzare i requisiti per ogni prodotto, a gestire la definizione e classificazione dei componenti. Questi sono organizzati in strutture ad albero (distinte base) consultabili secondo diverse viste (di progetto, produttiva, ecc.) e livelli, dalle specifiche di prestazione dei sistemi complessi ai modelli delle parti più semplici. I tool aiutano invece a realizzare la documentazione tecnica (disegni di stile, modelli di simulazione, manualistica). La struttura del prodotto, il processo per produrlo e la documentazione che lo descrive sono in continua evoluzione, e ciò va gestito con un processo di controllo e allineamento delle modifiche, che mostri a tutti la configurazione più aggiornata di prodotto e processo. Lungo la vita del prodotto poi il PLM abilita la collaborazione nella supply chain grazie a sistemi di workflow e notifica, scambio dati, condivisione di applicazioni, gestione di team progettuali. Il suo futuro Il mercato PLM sta raggiungendo la maturità; dopo una serie di acquisizioni (la più clamorosa è l ingresso di UGS nel gruppo Siemens per oltre 3,5 miliardi di dollari) i leader sono ormai tre: Siemens-UGS, Dassault Systèmes e PTC. A questi si aggiungono altri con presenza significativa solo nel PDM (SAP) o nei Tool (Autodesk, Cadence, Mentor Graphics). E probabile che il consolidamento prosegua: i leader continueranno a estendere la copertura funzionale e geografica acquisendo concorrenti. Quanto all evoluzione tecnologica, sale l interesse per le Service Oriented Architecture: il software diventa un fornitore di servizi (una libreria di funzionalità) e aziende e system integrator possono combinare componenti di fornitori concorrenti o di applicativi diversi (ERP, PLM, ). Altro aspetto primario è l integrazione con Windows Vista, per aprire a molti più utenti in azienda il processo di sviluppo e le informazioni di prodotto. Continuano poi a svilupparsi le soluzioni verticali, con modelli dati e funzioni per specifiche tematiche applicative (document management, compliance ) o settori di mercato. Altra evoluzione è il PLM on Demand, fornito a fronte di un canone di noleggio mensile comprendente hardware, licenze e manutenzione. Resta da vedere se le aziende italiane accetteranno che la loro proprietà intellettuale risieda Pagina 5 di 12

6 fuori all esterno, anche se gestita da esperti in ambienti molto presidiati, e se le reti riusciranno a supportare il trasferimento di grandi file dal sito del gestore ai client aziendali. * L'autore è amministratore delegato di PLM Systems Pagina 6 di 12

7 IL PLM ARRIVA NELLA MEDIA IMPRESA ITALIANA Dopo le grandi realtà, anche le PMI possono trovare vantaggi competitivi in questo tipo di soluzioni di Alberto Codrino* Il mercato dei sistemi PLM è tra quelli con il maggior tasso di crescita annua nel comparto dell'ict: circa il 9% per i cosiddetti 'tool', cioè gli strumenti con cui generare la documentazione di prodotto (i sistemi CAS, CAD meccanico ed elettrico, CAE, CAM, CASE ecc.) e il 15% per i sistemi PDM, con cui gestire la struttura di prodotto e la documentazione generata dai tool. Ciononostante una recente indagine della School of Management del Politecnico di Milano presso le PMI italiane evidenzia che mentre il CAD bidimensionale è ormai quasi uno standard, utilizzato da oltre il 90% del campione, e il CAD tridimensionale inizia a diffondersi (25%), solo un esiguo numero di aziende ha adottato soluzioni PDM per la gestione del proprio patrimonio intellettuale. In altri Paesi invece anche le aziende piccole e medie stanno investendo in questa direzione: un'indagine di AMR Research riporta che l'8% ha già adottato tali soluzioni, il 42% ha pianificato un'implementazione entro 12 mesi, il 40% intende valutarne l'opportunità e solo il 10% si è dichiarato non interessato. Questo diverso 'passo' è spiegabile in quanto il tessuto industriale delle PMI italiane è costituito da moltissime microimprese (sotto i due milioni di euro di fatturato), molte piccole imprese (sotto i 10 milioni di ricavi) e un numero più limitato di medie imprese (fino a 50 milioni di fatturato); in tale contesto un progetto PLM risulta spesso non alla portata, sia in termini di investimento che di capacità di gestione. Molti dei problemi che devono affrontare le PMI nello sviluppo dei prodotti sono però comuni a quelli delle aziende multinazionali: immettere sul mercato nel minor tempo possibile prodotti innovativi per mantenere adeguati margini, ridurre i costi per combattere la concorrenza di Paesi dove il costo del lavoro è più basso, reagire tempestivamente alle nuove esigenze dei clienti, garantire gli standard di qualità richiesti dalle normative o dalle aziende acquirenti, gestire prodotti che diventano sempre più complessi per poter soddisfare mercati sempre più esigenti e differenziati e, infine, per il largo impiego dell'elettronica anche in oggetti di basso costo. PLM per le PMI: si può fare Anche se i bisogni delle PMI sono per molti versi simili a quelli delle aziende più grandi, la realizzazione di un progetto PLM presenta maggiori gradi di difficoltà, al di là dei costi del software: la disponibilità di tempo da parte del personale interno per gestire il progetto e successivamente per i programmi di formazione, il costo dei servizi di consulenza, la necessità di intervenire sui processi aziendali, la carenza di competenze (per la revisione dei processi, per lo sviluppo e per la gestione corrente del sistema). Le recenti evoluzioni dell'offerta di software e servizi consentono però ora anche alle PMI di trarre vantaggi competitivi dal PLM. Sono state infatti realizzate soluzioni specifiche, i cosiddetti 'vertical', che indirizzano particolari settori di mercato (aziende meccaniche, impiantistiche, farmaceutiche, della moda ecc.) oppure problematiche specifiche (gestione della configurazione, gestione documentale, gestione degli asset) e che già incorporano processi operativi, modelli dati, terminologie, funzionalità proprie del settore, le cosiddette 'best practice'. Ciò evita alla piccola azienda di avviare un progetto di analisi e revisione dei processi organizzativi che costituirebbe un'ulteriore e significativa voce di costo del progetto se delegato a società esterne. Infine una politica di licenze 'ad hoc' per le PMI e una riduzione delle tariffe di consulenza, grazie alla maggior diffusione delle competenze sul PLM, consentono di ridurre i costi iniziali del progetto. Non solo è stata abbassata la soglia di costo e di rischio dell'iniziativa: le mutate condizioni competitive hanno anche incrementato l'esigenza di introdurre un sistema di PLM. Anche le piccole aziende ormai iniziano a produrre, e in diversi casi a progettare, ricorrendo a fornitori esteri; inoltre si vedono sempre più spesso inserite in catene di fornitura complesse, ove il cliente stesso impone modalità rigorose per la gestione e lo scambio delle informazioni di prodotto. Pagina 7 di 12

8 Alcuni casi di successo Anche se la diffusione del PLM presso le PMI è ancora, almeno in Italia, in fase iniziale, non mancano esperienze incoraggianti. Di seguito alcuni casi significativi. Gruppo Maschio, produttore veneto di macchine agricole con 170 dipendenti, a seguito dell'introduzione del nuovo sistema PLM (CAD e gestione dei dati tecnici) ha ottenuto benefici considerevoli: la riduzione dei tempi di sviluppo del prodotto da 18 a 8 mesi, un incremento di produttività del 50% nel processo di progettazione, un risparmio annuale di euro grazie alla validazione preliminare delle parti stampate. IMA di Bologna, fornitore di macchine e impianti per l'industria farmaceutica, cosmetica e alimentare con circa dipendenti e un fatturato di 425 milioni di euro, ha invece affrontato con il PLM la problematica della riduzione del numero delle parti utilizzate - con un risparmio annuale stimato di euro grazie al riutilizzo di codici già progettati in azienda e di euro per gli articoli commerciali - e ha ridotto il tempo dedicato a ricerche e reperimento di informazioni tecniche su cataloghi valorizzato in euro all'anno. SIAT, azienda milanese fornitrice di macchine per imballaggio con 400 dipendenti, oltre al miglioramento del time to market e alla riduzione delle modifiche tecniche attribuibili a 'errori', ha riscontrato una riduzione del 50% dei componenti grazie a un maggiore riutilizzo dei codici progettati che alla riduzione della varietà dei componenti commerciali acquistati. In conclusione Una recente ricerca di Aberdeen Group ha rilevato che le PMI che attuano iniziative di miglioramento nelle aree dell'innovazione e dei processi di sviluppo del prodotto (per cui il PLM è la tecnologia abilitante) ottengono benefici significativi, tra cui l'incremento del fatturato (19%), la riduzione del costo del prodotto (17%) e dei costi per il suo sviluppo (16%). Mentre nel passato un progetto PLM era inarrivabile per la maggioranza delle piccole e medie imprese, oggi le recenti evoluzioni dell'offerta di software e servizi consentono ora anche a queste aziende di trarre notevoli vantaggi competitivi; inoltre la tendenza dei grossi gruppi industriali a delegare sempre più non solo la produzione ma anche la progettazione di sistemi e sottosistemi renderà progressivamente necessario l'utilizzo di sistemi PLM da parte di tutte le aziende che partecipano a 'supply chain' estese e aperte con partner e fornitori. Nell'intraprendere un progetto PLM, una PMI dovrebbe valutare con attenzione quei fornitori che propongono soluzioni verticali i cui processi, modelli dati e funzionalità sono più vicini alle proprie esigenze, rimanendo però cosciente del fatto che qualche adattamento al modo attuale di lavorare sarà comunque indispensabile; altrettanto importante sarà la valutazione del livello di integrazione con altri ambienti che costituiscono 'l'ecosistema' dello sviluppo prodotto esistente, e in particolare i sistemi CAD ed ERP. Infine sarà utile definire fin dalle prime fasi del progetto se le competenze e la disponibilità di risorse consentano di affidare la gestione operativa dell'applicazione a personale interno oppure sia meglio adottare soluzioni in 'hosting' (ovvero on demand). Il team di progetto dovrebbe essere composto sia da risorse interne, che conoscono i processi e il modo di lavorare degli utenti chiave (che rappresentano l'asset principale dell'azienda), sia da consulenti che portino un contributo di esperienze (a differenza delle grandi imprese che sono alla seconda o terza generazione del sistema PLM, nelle PMI le risorse sono alla prima esperienza), soprattutto per quanto riguarda le fasi di selezione del package, di definizione delle modalità di integrazione con i sistemi esistenti e di pianificazione del 'change management' e della formazione. * L'autore è amministratore delegato di PLM Systems Pagina 8 di 12

9 INTEGRARE PLM ED ERP L'Osservatorio del Politecnico di Milano sulle PMI evidenzia l'evoluzione delle infrastrutture e l'integrazione delle applicazioni di Enrico Reggiani Integrare PLM (Product Lifecycle Management) ed ERP (Enterprise Resource Planning) può dare grossi vantaggi di produttività, riduzione dei costi, miglioramento dei tempi di esecuzione e della qualità percepita dal cliente. L integrazione va però realizzata partendo dalla specificità di ciascuna situazione, poiché si interviene nel punto più critico di una azienda manifatturiera, là dove l idea diventa un oggetto concreto. L evoluzione nei sistemi di gestione dei dati di prodotto degli ultimi anni ci ha portato dal concetto di PDM a quello di PLM, e ha provocato la comparsa di un area di intersezione fra il PLM e l ERP, in cui le informazioni relative ai vari processi possono fluire in modi diversi a seconda degli obiettivi preminenti dell azienda. In realtà, pur essendo in teoria realizzabile un integrazione a livello di sistema, esiste molto spesso nelle aziende una discontinuità fra la definizione del prodotto e la sua realizzazione, che comincia nei processi e continua nell organizzazione. Benefici dell integrazione Integrare processi e sistemi fra PLM ed ERP produce molteplici benefici: informazioni sul prodotto e sul processo produttivo consistenti e condivise; riduzione del time-to-market e dei costi di sviluppo; miglioramento della qualità e della tracciabilità, propagazione del design intent relativo a una modifica fino alla produzione; miglior comunicazione fra le funzioni; possibilità di applicare metodologie di Design for Manufacturing (D4M). Uno studio di CIMdata quantifica i risultati ottenibili: 75% di riduzione di tempi, costi ed errori del data-entry da un sistema all altro; 75% di riduzione dei costi connessi ad errori nella gestione delle BOM (Bill-of-Material), dato che queste sono create una volta per tutte e poi gestite in modo coerente nei due sistemi; 15% di riduzione dei costi di magazzino, in quanto circolano meglio le informazioni sulle parti effettivamente disponibili (riutilizzo dei componenti); 8% di riduzione nello scarto di materiali non utilizzabili in produzione a causa di modifiche dopo il primo rilascio. Aziende diverse, requisiti diversi E importante ricordare che diverse realtà aziendali presentano diverse esigenze di integrazione. In un contesto aeronautico hanno particolare importanza il controllo della configurazione, la possibilità di tracciare in modo puntuale quanto occorso alla singola unità durante la produzione, una rigorosa disciplina del processo di modifica. In un contesto di produzione per commessa di esemplari unici (per esempio macchinari), è invece fondamentale la possibilità di anticipare il rilascio verso la produzione di alcuni sottosistemi per ovviare al lungo lead time di acquisizione di alcuni componenti. Ogni azienda deve essere studiata singolarmente: l integrazione PLM-ERP non può essere un prodotto off-the-shelf. Prima i processi, poi i sistemi Un progetto di integrazione fra PLM ed ERP comincia rilevando i processi aziendali che utilizzano i due sistemi. Quindi occorre determinare quali sono gli oggetti condivisi in questi processi e verificare se hanno lo stesso significato per ogni attore in azienda: un articolo, per esempio, in fase di progettazione viene definito con un certo set di attributi, in produzione con altre informazioni. È quindi necessario stabilire le regole di ownership sulla generazione, modifica e accesso a ciascun dato, e in caso di ridondanza dei dati sui diversi sistemi qual è il sistema master in ogni fase del processo. Il processo aziendale ci dirà infine se occorre un integrazione in cui le informazioni fluiscono nei due sensi, o se ne basta una downstream, in cui il PLM fornisce i dati all ERP ma non ne riceve. Particolare attenzione va anche prestata alla compatibilità dei formati dei dati tra i due sistemi, e soprattutto alla struttura di prodotto ed al processo di modifica. Pagina 9 di 12

10 Usiamo l espressione struttura di prodotto anziché BOM poiché in molte realtà si trovano diverse BOM (a seconda dell utilizzo e dai dati che contengono): idealmente la struttura di prodotto è univoca mentre le BOM rappresentano diverse viste sulla stessa struttura. Le più utilizzate sono: EBOM, Engineering BOM, o anche BOM As-Designed; contiene l informazione di struttura come deliberata dai progettisti. A volte coesistono diverse EBOM (per gruppo funzionale, per zone, per discipline); PBOM, Production BOM, o anche MBOM (Manufacturing BOM) o BOM As-Planned; oltre a essere strutturata secondo l ordine di montaggio, contiene anche informazioni ad uso del processo di produzione, quali cicli di realizzazione, attrezzature, materiali di consumo; BOM As-Built, strutturata come la PBOM, spiega come un determinato serial number è stato prodotto, compresi i riferimenti ai documenti che autorizzano variazioni rispetto alla BOM As- Planned; BOM As-Mantained; contiene le informazioni su come un determinato serial number evolve per interventi di manutenzione o re-fitting nel corso della sua vita. BOM As-Shipped; usata nei contesti di commessa contiene le informazioni sul manufatto così come è stato spedito per il montaggio finale: può infatti essere utile una distinta per ottimizzare le spedizioni, che traccia la posizione dei componenti all interno di imballi, pallet, ecc. Non in tutti i contesti queste viste hanno senso: chi costruisce automobili non traccia così puntualmente ogni unità in esercizio come chi costruisce aerei, mentre per chi lavora a commessa e costruisce singoli esemplari EBOM, PBOM e MBOM possono coincidere. Una corretta integrazione deve prevedere responsabilità, strumenti e regole di congruenza per passare da una BOM all altra. Passando al processo di gestione delle modifiche, può essere più o meno rigoroso e strutturato a seconda di esigenze e vincoli normativi dei diversi mercati. Quando è presente va però incorporato nell integrazione, in modo tale che, pur in differenti contesti, sia possibile tracciare attraverso i sistemi la progettazione e realizzazione del cambiamento attraverso lo stesso oggetto, l ECO (Engineering Change Order). Approcci realizzativi Una volta stabilito come integrare i processi, abbiamo diverse opzioni per la realizzazione pratica, a meno di utilizzare una suite nativamente integrata. Una possibilità è l integrazione punto a punto, che però, pur essere ritagliabile esattamente sui bisogni individuati, presenta svantaggi ben noti: necessità di aggiornare l applicazione ad ogni cambio di release dell ERP o del PLM; necessità di modificare il codice in caso di variazione dei processi (in quanto la logica è cablata nell applicativo); difficoltà nel reperire le competenze per lo sviluppo e la manutenzione, e così via. La seconda alternativa è usare un modulo di integrazione fornito dal fornitore PLM: molti di loro propongono integrazioni off-the-shelf generiche o indirizzate verso gli ERP più diffusi, che però vanno valutate con attenzione, perché in genere sono industrializzazioni di un integrazione effettuata per uno specifico cliente. Il risultato dipende da quanto la logica e processi aziendali di quest ultimo sono vicini ai nostri. Il rischio principale è che, dato che non si ha in genere accesso al codice sorgente, sia molto oneroso variare alcune delle logiche implementate. Inoltre il supporto a livello locale non è in genere ottimale. Una terza opzione è l utilizzo di un middleware di integrazione. A fronte di un investimento piuttosto alto, è garantita una serie di vantaggi, tra cui indipendenza dagli applicativi; disponibilità di connettori standard verso il middleware stesso (prodotti e mantenuti dal fornitore); logica programmata e documentata nel middleware (che consente di sostituire eventualmente uno o l altro dei componenti senza variarla); riutilizzo della stessa logica per consentire ad altri applicativi di accedere a dati e processi. Pagina 10 di 12

11 GLOSSARIO COMPUTER AIDED DESIGN (CAD) Strumenti software indirizzati alla progettazione tramite computer, utilizzati in vari settori, come architettura e meccanica. Altri prodotti di 'aiuto' sono i CAE (Computer Aided Engineering), CAM (Computer Aided Manufacturing), CASE (Computer Aided Software Engineering). ENTERPRISE RESOURCE PLANNING (ERP) Un insieme di moduli software, completo di funzionalità specifiche, che consente all'azienda di integrare in tempo reale i dati e di gestire funzioni e processi operativi PRODUCT DATA MANAGEMENT (PDM)/PRODUCT LIFECYCLE MANAGEMENT (PLM) Sistema per la gestione delle informazioni di prodotto dall'ideazione alla sua realizzazione fino alla sua dismissione. Il PLM è un'evoluzione del PDM SERVICE ORIENTED ARCHITECTURE (SOA) Approccio software che permette l'utilizzo di componenti applicativi riutilizzabili, componibili e integrabili, programmati anche per svolgere solo una particolare funzionalità. Tra questi ci sono anche i cosiddetti web services. Pagina 11 di 12

12 . Documento reperibile, assieme ad altre monografie, nella sezione Dossier del sito Documento pubblicato su licenza Periodici Italia Pagina 12 di 12

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

agility made possible

agility made possible SOLUTION BRIEF CA IT Asset Manager Come gestire il ciclo di vita degli asset, massimizzare il valore degli investimenti IT e ottenere una vista a portfolio di tutti gli asset? agility made possible contribuisce

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results.

MES & EMI DI WONDERWARE. Real Collaboration. Real-Time Results. MES & EMI DI WONDERWARE Real Collaboration. Real-Time Results. Wonderware ci ha dato la possibilita` di implementare una soluzione per la gestione di produzione e performance estesa a tutti i nostri diversi

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Integrazione tra sistemi MES e ERP

Integrazione tra sistemi MES e ERP ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEDE DI CESENA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Informatiche Integrazione tra sistemi MES e ERP Relazione

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0

Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Enterprise Services Infrastructure ESI 2.0 Caratteristiche e Posizionamento ver. 2.1 del 21/01/2013 Cos è ESI - Enterprise Service Infrastructure? Cos è ESI? ESI (Enteprise Service Infrastructure) è una

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS Integrazione Ecad Mcad Ecad - MENTOR GRAPHICS MENTOR GRAPHICS - PADS La crescente complessità del mercato della progettazione elettronica impone l esigenza di realizzare prodotti di dimensioni sempre più

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IBM UrbanCode Deploy Live Demo

IBM UrbanCode Deploy Live Demo Dal 1986, ogni giorno qualcosa di nuovo Marco Casu IBM UrbanCode Deploy Live Demo La soluzione IBM Rational per il Deployment Automatizzato del software 2014 www.gruppoconsoft.com Azienda Nata a Torino

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Il ciclo di vita del software

Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Il ciclo di vita del software Definisce un modello per il software, dalla sua concezione iniziale fino al suo sviluppo completo, al suo rilascio, alla sua successiva evoluzione,

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu

2.0 DAL WEB. social. tecnologico, 2006. Reply www.reply.eu ALL INTERNO DEL FIREWALL: ENI 2.0 Il modo di lavorare è soggetto a rapidi cambiamenti; pertanto le aziende che adottano nuovi tool che consentono uno scambio di informazioni contestuale, rapido e semplificato

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Le Dashboard di cui non si può fare a meno

Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le Dashboard di cui non si può fare a meno Le aziende più sensibili ai cambiamenti stanno facendo di tutto per cogliere qualsiasi opportunità che consenta loro di incrementare il business e di battere

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services

Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo. Aggreko Process Services Un catalizzatore per una maggiore produttività nelle industrie di processo Aggreko Process Services Soluzioni rapide per il miglioramento dei processi Aggreko può consentire rapidi miglioramenti dei processi

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli