i manuali Il farmacista e l oncologia oggi Aspetti metodologici e organizzativi di un team multidisciplinare Volume 2 Stefano Federici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "i manuali Il farmacista e l oncologia oggi Aspetti metodologici e organizzativi di un team multidisciplinare Volume 2 Stefano Federici"

Transcript

1 i manuali i manuali Il farmacista e l oncologia oggi Aspetti metodologici e organizzativi di un team multidisciplinare Volume 2 Stefano Federici con il contributo di Massimo Farina e Rodolfo Mattioli e Ed Di Iz Zi I oo nn i I

2 i manuali 01 Il farmacista e l oncologia oggi Aspetti metodologici e organizzativi di un team multidisciplinare Volume 2 Stefano Federici con il contributo di Massimo Farina e Rodolfo Mattioli e d i z i o n i 1

3 2

4 Dedico questo lavoro a mio padre Paris e a mia madre Mariannina, tuttora vivente, che con il loro costante esempio mi hanno inculcato il senso del dovere e della responsabilità sia come uomo che come padre. (L Autore)

5 Progetto grafico e impaginazione: PAST (VR) Via Scuderlando, Verona Coordinamento editoriale: Nunzia Giglio Revisione: Paola Arosio Fotografie: Adriano Carafoli 4

6 sommario Prefazione pag. 7 CAPITOLO 1 Applicazione di modelli organizzativi innovativi pag Applicazione della Lean production in galenica clinica pag Il progetto Mago pag Terapia orale in oncologia: un ambulatorio sperimentale pag Il progetto Picc in oncologia: farmacista e dispositivi medici pag La robotizzazione: nuovo modo di riorganizzare l Uto pag. 74 capitolo 2 La formazione in farmacia oncologica pag Specializzazione in Farmacia e farmacologia oncologica pag. 84 capitolo 3 M. Farina R. Mattioli La gestione del rischio in oncologia medica pag Clinical governance e Clinical risk management pag Il processo di gestione del rischio e suoi principali strumenti pag Survey del Cipomo: le priorità applicative degli strumenti del rischio clinico pag

7 È con piacere che presentiamo il secondo volume de Il farmacista e l oncologia oggi. Aspetti metodologici e organizzativi di un team multidisciplinare, ospitato all interno della collana i manuali. Sotteso a tutta l opera, che ha richiesto vari mesi di lavoro, il rapporto, complesso e interrelato, tra farmacia ospedaliera e oncologia. La moderna oncologia sta affrontando nuovi traguardi, nuove sfide, con l obiettivo di offrire al paziente soluzioni terapeutiche innovative. In questo contesto, in continuo e rapido mutamento, si sta sempre più affermando il ruolo del farmacista oncologo, un manager che, in collaborazione con le altre figure professionali, conosce le risorse utilizzabili e le rende disponibili nel migliore dei modi a vantaggio del paziente. È opportuno ribadire come, in generale, i rapporti tra medici oncologi e farmacisti ospedalieri siano buoni, anche in conseguenza del tavolo permanente attivato da Aiom e Sifo. La collaborazione tra le due società scientifiche ribadisce ancora una volta, pur nel rispetto dei ruoli, l importanza della sinergia tra le due figure professionali, unite con l obiettivo di metprefazione 6

8 tere al centro degli sforzi e dei progressi il malato, con i suoi bisogni, le sue fragilità, le sue speranze di cura. Questo volume apre con un capitolo dedicato all applicazione dei modelli organizzativi innovativi, che includono anche i dispositivi medici. Segue un ampia parte dedicata ai percorsi formativi che consentono di diventare farmacisti oncologi: corsi di perfezionamento, master, tirocini danno l opportunità di acquisire una formazione specifica e di alto livello, da spendere poi sul campo. Infine, l ultimo capitolo tratta la gestione del rischio clinico in oncologia medica, delineando approcci, strumenti, priorità. Nella speranza di avere contribuito, con questo volume, ad accrescere la conoscenza su un argomento per alcuni versi ancora di frontiera, auguriamo a tutti una buona lettura. Stefano Federici 7

9 8

10 capitolo uno capitolo uno01 9

11 Applicazione di modelli organizzativi innovativi Stefano Federici Dirigente Farmacista Struttura complessa di Farmacia Ospedaliera Aziendale Azienda ospedaliera di Melegnano 10

12 01 Applicazione di modelli organizzativi innovativi Introduzione La gestione centralizzata dei farmaci oncologici risponde a specifiche disposizioni di legge. Le linee guida ministeriali pubblicate sulla Gazzetta ufficiale n. 236 del prevedono, al fine di contenere il rischio degli operatori professionalmente esposti, il controllo di tutte le fasi della gestione del farmaco, ovvero manipolazione, somministrazione e smaltimento, attraverso l attivazione di un Unità farmaci antitumorali (Ufa). La dodicesima edizione della Farmacopea ufficiale assimila l attività di manipolazione di farmaci antiblastici all attività di galenica magistrale, prevedendo, quindi, specifici requisiti di sicurezza e qualità, che possono essere assicurati dall attuazione di un processo controllato e validato, garantito dalle Ufa. Infine, la Raccomandazione per la prevenzione di morte, coma o grave danno derivante da errore nella terapia farmacologica (n.7), pubblicata, nel settembre del 2007, dal Dipartimento della Qualità della Direzione generale della Programmazione sanitaria dei livelli di assistenza e dei principi etici di sistema del Ministero della Salute, elaborata al fine di ridurre il rischio di errore nella terapia farmacologica, dà nuovo rilievo al rischio collegato all utilizzo di farmaci antiblastici. Infatti, il basso indice terapeutico di questi farmaci, la necessità di contrastare la loro tossicità attraverso dosaggi personalizzati con somministrazione secondo sequenze predefinite e la contemporanea assunzione di altri medicinali finalizzati al controllo e alla riduzione della 11

13 Applicazione di modelli organizzativi innovativi tossicità sono elementi che generano serie probabilità di errore che, congiuntamente agli obblighi previsti dalle procedure tecnico-farmaceutiche di allestimento, richiedono l adozione di specifiche misure per garantire il contenimento del rischio. A tal fine, il ministero suggerisce la necessità di centralizzare e controllare, attraverso un modello integrato, la gestione dei farmaci antiblastici. Attraverso la centralizzazione delle terapie oncologiche e soprattutto attraverso il valore aggiunto dato dalla professionalità del farmacista, viene certificata la qualità delle terapie offerte al paziente. Gli obiettivi strategici che devono essere perseguiti attraverso l attivazione di una Unità di terapia oncologica (Uto) sono (tabella 1): Tab. 1 gestione del rischio clinico e riduzione del rischio di errore sicurezza per i lavoratori professionalmente esposti correttezza gestionale ottimizzazione dell uso delle risorse e risparmio appropriatezza e aderenza alle indicazioni ministeriali governo clinico La sicurezza del paziente sottoposto a terapia è correlata al controllo della formulazione della realizzazione dei preparati, particolarmente critici in funzione sia della loro tossicità e tecnica di preparazione, sia della necessità di garantirne l asetticità di allestimento. Di ciò si occupano i dirigenti farmacisti; il farmacista garantisce un «efficiente sistema integrato di controllo che risponde all esigenza fondamentale di salvaguardare la salute del paziente». (NBP F.U. XI Ed. 1.) La sicurezza per gli operatori implica particolari cautele di manipolazione e confezionamento di materiali, sostanze e principi attivi comunque pericolosi, che solo locali e personale dedicati possono garantire. Viene assicurata dal monitoraggio delle prestazioni erogate e della spesa farmaceutica, così come previsto dal Piano sanitario nazionale Il risparmio si ottiene grazie a riduzione degli sprechi, annullamento delle scorte di reparto, riutilizzo dei residui, attuabili con la razionalizzazione nella gestione delle terapie. Attraverso la dose unitaria, cioè con la preparazione di antiblastici monodose per ogni paziente, si realizza l appropriatezza prescrittiva. Viene quindi garantita la massima aderenza alle indicazioni ministeriali. La gestione centralizzata delle terapie oncologiche presuppone la creazione di un team multidiscliplinare e predispone quindi alla condivisione delle tematiche e delle criticità e all attuazione delle migliori condizioni di espletamento delle cure. Queste azioni di governo clinico rafforzano ulteriormente le sinergie tra i professionisti coinvolti nel processo terapeutico, in particolare tra il medico oncologo e i farmacisti. 12

14 capitolo uno Quindi, attraverso la creazione di un Ufa, meglio Uto, il farmacista ha l opportunità di riappropriarsi di quel sapere pratico che storicamente costituisce l arte del farmacista ospedaliero. Questo concetto è efficacemente sintetizzato nell affermazione di J. Bonal: «Il farmacista oggi ha trovato la sua anima, cioè la sua sostanzialità, la sua valenza nell approfondire le proprie esperienze personali come quelle collettive per giungere a un nuovo obiettivo: dare ai pazienti la cura che essi domandano e di cui hanno bisogno». Per attivare ogni nuova attività è fondamentale seguire le indicazioni dei sistemi di qualità; ciò consente, a chi ne utilizza le metodiche, di dimostrare che opera secondo regole condivise di comportamento e di pratica, che minimizzano i rischi in una struttura di rilevanti dimensioni e complessità, come quella di un ospedale. Tale sistema di qualità permette di misurare gli esiti documentati e quindi di verificare, correggere e migliorare il modello operativo; presuppone la realizzazione del cosiddetto ciclo della qualità che si articola in quattro momenti fondamentali (tabella 2). 01 Tab. 2 PLAN DO CHECK ACT Pianificazione attraverso analisi dell esistente, definizione degli obiettivi e tipologia degli interventi da attuare; identificazione di precise responsabilità, ruoli e competenze ed elaborazione di documenti, come procedure e istruzioni operative. Realizzazione del progetto e applicazione delle istruzioni operative e dei protocolli stabiliti. Verifica del modello applicato. Ottenimento di risultati e azioni di miglioramento. 13

15 Applicazione di modelli organizzativi innovativi PLAN ACT DO CHECK A) PLAN pianificazione La realizzazione di un settore di galenica clinica oncologica presuppone un analisi approfondita: del tipo di servizio richiesto. del livello di servizio richiesto. delle articolate problematiche legate all organizzazione operativa, alla fase di allestimento, alla formazione e al controllo dell intero processo produttivo. Tale analisi deve essere integrata con uno studio attento della situazione di partenza e delle necessità degli attori coinvolti nell intero processo attraverso: specifici incontri preliminari e poi operativi. attivazione di gruppi di lavoro multidisciplinari in cui i diversi professionisti, ciascuno per la propria competenza, lavorano alla costruzione della struttura del modello operativo, mediante azioni riguardanti le diverse aree e la definizione di regole per misurare il raggiungimento degli obiettivi. 14

16 Tale team multidisciplinare deve essere costituito da: capitolo uno 01 Farmacisti Oncologi medici TEAM Clinici infermieri Servizio Prevenzione e protezione Ufficio tecnico Direzione sanitaria Qualità/Risk manager Medicina del Lavoro Per rendere operativo il progetto è necessaria una pianificazione del servizio richiesto e, sulla base di questo, l elaborazione di un modello di fattibilità che aderisca al meglio alla realtà. In particolare dovranno essere valutati: le risorse già esistenti o la richiesta di un loro potenziamento il carico di lavoro i flussi di lavoro le tempistiche le modalità operative riguardanti l intero percorso del farmaco la dotazione di aree (valutazione qualiquantitativa) il personale necessario i materiali, le attrezzature e gli arredi necessari Il punto di partenza deve essere dunque l analisi del bisogno, ottenibile fotografando la situazione esistente. Questo presuppone: n Censimento dei reparti che utilizzano farmaci oncologici; questa valutazione dovrà essere estesa anche ai reparti che utilizzano saltuariamente medicinali antitumorali (per esempio, reparti di Ginecologia che utilizzano metotressate per il trattamento della gravidanza extrauterina, reparti di Neurologia che utilizzano ciclofosfamide per il trattamento della sclerosi multipla o reparti di Reumatologia che utilizzano ciclofosfamide e metotrexate per il trattamento dell artrite reumatoide). In questa fase è raccomandabile considerare anche farmaci non antitumorali il cui allestimento richieda specifiche misure di protezione assimilabili a quelle necessarie per gli antibla- 15

17 Applicazione di modelli organizzativi innovativi stici, come ad esempio ganciclovir, che ha potere cancerogeno. n Valutazione dei carichi di lavoro: questo dato può essere ottenuto a partire dall analisi quali-quantitativa dei consumi dei reparti e dall analisi delle schede di dimissione e dell attività ambulatoriale. n Analisi dei flussi: per approfondire le modalità operative (carichi di lavoro, organizzazione, tempistiche) dei singoli reparti può essere utile raccogliere le informazioni attraverso interviste ai diretti interessati; è comunque opportuno integrare tali informazioni con i dati raccolti mediante specifici questionari opportunamente redatti. n Riunioni con i sanitari dei reparti coinvolti, per costruire un modello che si possa integrare con le modalità operative dei reparti stessi. n Servizio di consegna: è necessario pianificare un servizio di consegna efficiente (tempistica e modalità adeguate), concordando una specifica procedura. n Dotazione di locali e laboratori: è necessario effettuare una valutazione degli arredi e delle dotazioni necessarie nel rispetto di quanto previsto dalla dodicesima edizione della Farmacopea ufficiale e dalle linee guida ministeriali pubblicate sulla Gazzetta ufficiale n. 236 del Quest attività sarà condotta in collaborazione con Ufficio tecnico, Servizio Prevenzione e protezione, Medicina del lavoro e Direzione sanitaria. n Valutazione e individuazione del software gestionale in grado di soddisfare i requisiti di qualità, rintracciabilità, monitoraggio e gestione del rischio, tutti fattori correlati alla manipolazione e somministrazione dei farmaci antiblastici; questa attività verrà condotta in collaborazione con i Servizi informatici aziendali, anche al fine di valutare la possibilità di integrazione con il sistema informatico dell azienda. La centralizzazione dell allestimento dei farmaci antiblastici presuppone la creazione dell anagrafica dei prodotti utiliz- 16

18 capitolo uno zati e la proceduralizzazione dei comportamenti, delle regole di trasmissione dell informazione e, in particolare, della prescrizione. La dotazione di un software idoneo è importante perché contribuisce a creare un sistema di controllo che blocca l errore di prescrizione o di preparazione prima che si realizzi. 01 Quindi è imprescindibile dotarsi di un programma informatico gestionale dedicato, che deve consentire il monitoraggio completo delle richieste dei reparti, dei protocolli terapeutici, delle terapie preparate, dei farmaci utilizzati e dei pazienti. Il programma individuato per l attivazione dell allestimento centralizzato delle terapie oncologiche dovrà consentire di: n creare l anagrafica dei prodotti utilizzati; n creare il prontuario informatizzato dei protocolli terapeutici; n gestire informaticamente la prescrizione; n gestire informaticamente il magazzino (foglio di prelievo, scarico automatizzato con lotti); n gestire informaticamente la documentazione a supporto della preparazione: foglio di preparazione, etichette con numerazione progressiva e codice a barre; n creare registro elettronico delle preparazioni, in cui vengono registrati, per ogni allestimento, il farmaco utilizzato, la dose, il diluente, il nome del paziente, il nome del medico richiedente, il reparto e la data; n creare registro elettronico degli esposti in cui vengono riportati, per ogni operatore, i tempi di esposizione e i farmaci; n creare l anagrafica dei pazienti e tenere la registrazione della storia clinica del malato, al fine di garantire la totale tracciabilità di tutti i trattamenti somministrati; n gestire informaticamente la somministrazione, per avere la com- 17

19 Applicazione di modelli organizzativi innovativi pleta tracciabilità non solo delle terapie somministrate, ma anche della modalità di somministrazione: sequenza, orario e durata. È importante disporre della documentazione a supporto della somministrazione (foglio della somministrazione per il reparto che indica la sequenza, i tempi e le specifiche modalità di somministrazione dei farmaci del protocollo chemioterapico). B) DO attuazione Implementazione del software Creazione di una banca dati di: n principi attivi, in cui siano contenute informazioni relative alle caratteristiche chimico-fisiche e a stabilità, modalità di preparazione, prodotti commerciali; n dispositivi, in cui siano contenute informazioni relative a caratteristiche, modalità di impiego, compatibilità dei materiali; n protocolli terapeutici precedentemente condivisi e standardizzati, con le informazioni relative a: nome e posologia di ogni farmaco, via di somministrazione, soluzione diluente, range di concentrazione della preparazione finale, velocità di infusione, dispositivi da utilizzare per allestimento e somministrazione, tempo di validità della preparazione e condizioni di conservazione, eventuali dettagli sulla terapia di supporto. Formazione degli utilizzatori Gli utilizzatori dovranno essere adeguatamente istruiti sull uso del programma. Al riguardo è utile organizzare specifici corsi di formazione con simulazione, prevedendo, eventualmente, un affiancamento nelle fasi iniziali dell attivazione dell Unità farmaci antiblastici. Condivisione e standardizzazione dei protocolli chemioterapici È questo uno dei momenti più importanti dell attivazione di un Unità farmaci antiblastici, perché presuppone la creazione di gruppi di lavoro 18

20 capitolo uno multidisciplinari, al fine di condividere e standardizzare i protocolli terapeutici, con l obiettivo di ottimizzare le terapie e attuare un governo dell appropriatezza; questa attività permette di creare i fondamenti su cui si basa la redazione del prontuario dei protocolli chemioterapici. In particolare sarà necessario: n valutare per ogni singolo farmaco le procedure atte a garantire una formulazione idonea alle necessità terapeutiche del paziente, in termini di ricostituzione, concentrazione, via di somministrazione, soluzione infusionale e scelta del contenitore finale; n effettuare valutazioni sulle interazioni dei farmaci utilizzati nei protocolli; n effettuare valutazioni per verificare il rispetto delle indicazioni autorizzate in scheda tecnica e da specifici provvedimenti ministeriali. 01 Gestione e organizzazione del magazzino attraverso un elenco del materiale (farmaci, dispositivi di protezione individuale, dispositivi medici) valutato qualitativamente e quantitativamente come necessario e idoneo: n sono necessarie procedure operative che permettano organizzazione dei riordini, individuazione della scorta minima, controllo delle scorte, carico di farmaci e materiali e scarico dei preparati ai reparti, gestione dei lotti. Elaborazione e stesura di procedure e istruzioni operative relative a ogni aspetto dell attività: n allestimento e controlli; n confezionamento; n consegna e ricevimento; n modalità di richiesta della preparazione dal reparto; n approvvigionamento di materiali e farmaci al magazzino dell Unità farmaci antiblastici; n stoccaggio materiali; 19

21 Applicazione di modelli organizzativi innovativi n gestione spandimenti e contaminazione accidentale; n smaltimento dei rifiuti contaminati nelle unità operative e nell Unità farmaci antiblastici; n somministrazione; n gestione protocolli e farmaci sperimentali; n gestione degli eventi avversi; n redazione di schede di stabilità, con specifica indicazione della stabilità degli intermedi di lavorazione e del prodotto finito; n modalità di conservazione delle specialità medicinali integre, degli intermedi di preparazione e delle preparazioni finite; n protocollo di pulizia degli ambienti (modalità e tempistica); n protocollo di pulizia delle cappe (modalità e tempistica). Identificazione dei requisiti di qualità e sterilità del processo di allestimento: per raggiungere questo obiettivo occorre attivare una rete di controlli e procedure di monitoraggio ad hoc, in accordo con gli obblighi di legge e con le linee guida di riferimento nazionali e internazionali. A tal fine sarà necessario redarre specifiche istruzioni operative per la realizzazione dei controlli previsti dalla Farmacopea ufficiale, dalle Good manufacturing practice e dalle linee guida ministeriali (Gazzetta ufficiale n. 236 del ): in particolare, controlli microbiologici sul prodotto finito e sull ambiente, controllo del particolato, controllo della contaminazione ambientale. n Addestramento del personale: il personale dedicato deve essere adeguatamente formato; è quindi necessario attivare uno specifico percorso, che preveda un programma di addestramento documentato, riguardante le tecniche di allestimento in asepsi, l utilizzo di apparecchiature e device, l uso dei supporti informatici. È inoltre indispensabile condividere le procedure e le istruzioni operative redatte, verificandone la completa acquisizione. L addestramento dovrà essere modulato a seconda dei diversi ruoli previsti. n Programma di sorveglianza sanitaria. Deve essere previsto 20

22 capitolo uno un piano di sorveglianza sanitaria che stabilisca la frequenza delle visite a cui tutto il personale deve essere sottoposto in funzione dell entità di esposizione e quindi in base alla valutazione del rischio; secondo le linee guida ministeriali pubblicate sulla Gazzetta ufficiale n. 236 del tale frequenza non deve mai superare l anno. n Controllo dell esposizione. Dovrà essere giornalmente identificato il personale professionalmente esposto, valutando il carico di lavoro giornaliero per ciascun operatore attraverso l istituzione di un registro degli esposti. Le tabelle presentate di seguito (tabelle 3-6) riassumono vantaggi e criticità nei vari modelli di gestione delle terapie oncologiche. 01 Tab. 3 Vantaggi e Criticità di una unità centralizzata per l allestimento di terapie oncologiche sotto la responsabilità del Farmacista VANTAGGI SVANTAGGI E CRITICITÀ Assicurazione di elevati livelli di sterilità Assicurazione di elevati livelli di stabilità Riduzione dello spreco di farmaci (tanto maggiore quanto maggiore è il carico di lavoro) Pianificazione del lavoro Presenza di personale altamente specializzato Elevati livelli di qualità e sicurezza del prodotto (controllo del rischio clinico) Elevati livelli di sicurezza per il personale professionalmente esposto Standardizzazione delle metodiche di preparazione e confezionamento Standardizzazione della somministrazione e garanzia di metodiche e tempistiche appropriate Implementazione dell appropriatezza (rispetto delle indicazioni ministeriali e migliore adesione al prontuario terapeutico) Esauriente e dettagliata documentazione dell attività e della spesa Investimenti di capitale Flussi di comunicazione Logistica della consegna in relazione alla geografia del sito Copertura del servizio oltre l orario di lavoro Aumento dei tempi di preparazione dovuti ai check point che il sistema prevede Potenziali rischi di esposizione a lungo termine del personale coinvolto Elevato impegno e coinvolgimento da parte del farmacista Perdita di esperienza nella gestione di antiblastici da parte del personale dei reparti 21

23 Applicazione di modelli organizzativi innovativi Tab. 4 Vantaggi e Criticità di un unità satellite per l allestimento di terapie oncologiche sotto la responsabilità del Farmacista VANTAGGI Centralizzazione del carico di lavoro in specifiche aree ospedaliere dedicate Flussi di comunicazione facilitati e aumento dei contatti interprofessionali Riduzione della criticità della consegna Maggiore rapidità nel rispondere alle richieste Assicurazione di elevati livelli di sterilità Assicurazione di elevati livelli di stabilità Riduzione dello spreco di farmaci (tanto maggiore quanto maggiore è il carico di lavoro) Maggiore facilità nel garantire una estesa copertura oraria anche attraverso la possibilità di accesso, al di fuori dell orario di servizio, da parte del personale dei reparti Elevati livelli di qualità e sicurezza del prodotto (controllo del rischio clinico) Elevati livelli di sicurezza per il personale professionalmente esposto SVANTAGGI E CRITICITÀ Allontanamento del personale della farmacia dalla sede centrale Incremento delle scorte Rischio potenziale di aumento degli sprechi Frammentazione del servizio di farmacia Negoziazione degli spazi con altri dipartimenti Potenziali rischi di esposizione a lungo termine del personale coinvolto Tab. 5 Vantaggi e Criticità della preparazione estemporanea in reparto (non controllata) VANTAGGI Mantenimento dello status quo SVANTAGGI E CRITICITÀ Sicurezza degli operatori Formazione del personale Sicurezza del prodotto e del paziente Alti livelli di sprechi Gestione delle scorte Ridotto controllo da parte della farmacia Assenza di documentazione dell attività e della spesa 22

24 capitolo uno Tab. 6 Vantaggi e Criticità della preparazione estemporanea in reparto (controllata) VANTAGGI SVANTAGGI E CRITICITÀ 01 Ridotto impegno di capitale Risposta rapida (servizio aperto 24 ore su 24) Flussi di comunicazione facilitati Assenza di problemi legati alla consegna Elevato turn over del personale coinvolto che richiede un maggiore impegno nella formazione Minore tempo da dedicare al paziente Minore sicurezza del prodotto Minore sicurezza degli operatori Difficoltà a mantenere elevati standard di qualità Attività proprie del farmacista svolte da personale non qualificato Individuazione delle responsabilità e livelli di controllo scarsamente definiti Alti livelli di sprechi Difficoltà della gestione delle scorte Ridotto controllo da parte della farmacia Assenza di documentazione dell attività e della spesa C) CHECK verifica Un sistema di qualità deve misurare gli esiti, che devono essere documentati proprio per attuare le verifiche e mettere in atto azioni di correzione e miglioramento; non è sufficiente elaborare e applicare procedure e istruzioni operative, ma sono necessarie verifiche costanti del grado di aderenza e della effettiva capacità del sistema di raggiungere efficacemente l obiettivo. Questa filosofia è chiaramente indicata nelle Norme di buona preparazione della dodicesima edizione della Farmacopea ufficiale, che invitano a «riesaminare periodicamente il sistema per assicurare che gli obiettivi siano definiti in modo adeguato e siano raggiunti in modo efficiente». Queste regole condivise di comportamento e di pratica applicate alla realtà di una Unità di terapia oncologica implicano: 23

25 Applicazione di modelli organizzativi innovativi n continuo monitoraggio delle attività; n calendarizzazione dei controlli; n raccolta e analisi dei dati; n applicazione di indicatori di qualità con cui valutare e correggere le procedure operative e di gestione. Oltre alle verifiche interne, finalizzate a garantire la sicurezza e la produzione di un risultato conforme alle specifiche predeterminate, può essere utile prevedere una verifica che potrebbe essere definita esterna, cioè finalizzata a misurare il livello di performance dell Unità di terapia oncologica percepito dai clienti esterni, cioè dai reparti. Tale verifica può essere realizzata attraverso l elaborazione di un questionario da somministrare ai sanitari dei reparti. Le domande dovranno essere elaborate in modo da indagare i vari aspetti dell attività dell Unità farmaci antiblastici, individuando le criticità e le aree di miglioramento, come ad esempio: n utilizzo del software e modalità di richiesta delle terapie; n modalità di consegna; n impatto organizzativo. D) ACT azioni di miglioramento Questa fase prevede l attuazione di misure correttive sulla base di quanto emerge dalle verifiche effettuate; un sistema di qualità presuppone un miglioramento continuo, ponendo le basi per contenere il rischio di errore e consentendo, a chi ne applica le metodiche, di dimostrare che opera secondo regole condivise di comportamento e di pratica che possono minimizzare i rischi. 24

26 capitolo uno 1.1 Applicazione della Lean production in galenica clinica 01 Alcuni centri di galenica clinica, nella logica di ottimizzazione delle risorse, stanno applicando principi legati alla lotta agli sprechi : una filosofia, questa, adottata già negli anni Cinquanta dal Giappone, al fine di migliorare la produzione e di organizzare i processi in modo snello (lean process) e in breve tempo (just in time). Il termine produzione snella nasce per evidenziare un nuovo processo aziendale caratterizzato da una riduzione di tempo, denaro, spazio, sforzi e criticità, a vantaggio di una maggiore efficienza e qualità produttiva. Nella produzione snella il personale diventa artefice, creatore del prodotto, assume più responsabilità ed è presente una maggiore integrazione tra il sistema e le risorse umane, che deve essere diffusa a tutti i livelli. Si sono sviluppate tecniche specifiche quali Fmea, Value stream mapping, Dmaic, Variety reduction program, alla base delle quali risiede il concetto cardine di produrre quello che il cliente (professionista della sanità o paziente) vuole, nel momento in cui lo vuole e nella quantità richiesta. Tutti metodi che hanno consentito di mettere a fuoco gli obiettivi, identificare i problemi, raccogliere dati significativi per effettuare una standardizzazione dei processi, modificando il vecchio assetto organizzativo. Lean Six Sigma è una metodologia di improvement aziendale che ha come principale obiettivo il raggiungimento del più alto tasso di miglioramento nella customer satisfaction, nella qualità, nei costi, nella velocità di processo e nel capitale investito. Lean e Six Sigma inizialmente erano due filosofie separate e autonome, con caratteristiche distinte. Lean thinking (pensare snello) si concentra nel creare valore eliminando gli sprechi: lean in particolare esprime la volontà di ridurre al mini- 25

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera

I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera I Principi Europei della Farmacia Ospedaliera Le pagine seguenti riportano i Principi Europei della Farmacia Ospedaliera. Tali principi descrivono gli impegni comuni che ciascun sistema sanitario europeo

Dettagli

Il problema dei farmaci

Il problema dei farmaci Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e Sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 Il problema dei farmaci Susanna Ciampalini

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE REGGIO EMILIA DISTRIBUZIONE DI FARMACI IN DOSE UNITARIA : UNA REALTA POSSIBILE

REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE REGGIO EMILIA DISTRIBUZIONE DI FARMACI IN DOSE UNITARIA : UNA REALTA POSSIBILE REGIONANDO 2000 REGIONE EMILIA ROMAGNA AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE REGGIO EMILIA DISTRIBUZIONE DI FARMACI IN DOSE UNITARIA : UNA REALTA POSSIBILE La metodica di distribuzione di farmaci in dose unitaria

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6

Rev. 03 del 28/11/2010. Company profile. Pag. 1 di 6 Pag. 1 di 6 L Informedica è una giovane società fondata nel 2004 che opera nel settore dell'information Technology per il settore medicale. Negli ultimi anni attraverso il continuo monitoraggio delle tecnologie

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

PROCEDURA STE STE 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

PROCEDURA STE STE 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 15 Documento Codice documento STE 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 15 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria.

Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria. Workshop I costi e i benefici dell innovazione nella logistica sanitaria. Stefano Villa Responsabile Area Gestione delle Operations e Logistica CERGAS (Centro di Ricerche Sulla Gestione dell Assistenza

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

Le novità degli ultimi 12 mesi

Le novità degli ultimi 12 mesi Farmacovigilanza Le novità degli ultimi 12 mesi Maria Nicotra Il sistema di Farmacovigilanza sta attraversando da qualche tempo in Italia una fase di progressivo sviluppo dovuto probabilmente al cambiamento

Dettagli

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica

Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Procedura operativa per la gestione della terapia farmacologica Prescrizione: La responsabilità della corretta prescrizione è attribuita a: Medici di Medicina Generale che svolgono le visite domiciliari

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Ing. Simone Mosconi. Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Ing. Simone Mosconi Applicazione della F.M.E.A. alla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro 1 Obblighi del Datore di Lavoro D.Lgs. n 81 del 9 aprile 2008 e s.m.i.: Articolo 17 Obblighi del Datore di Lavoro non

Dettagli

Gestione della terapia orale, diario delle terapie e coinvolgimento del paziente. (Racc. RER n.3: sez.4.7 4.9)

Gestione della terapia orale, diario delle terapie e coinvolgimento del paziente. (Racc. RER n.3: sez.4.7 4.9) Giunta Regionale Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Politica del Farmaco Agenzia sanitaria e sociale regionale Raccomandazione Regionale per la sicurezza nella terapia farmacologica

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

LA GESTIONE DELLE SCORTE: Ruoli e Responsabilità

LA GESTIONE DELLE SCORTE: Ruoli e Responsabilità LA GESTIONE DELLE SCORTE: Ruoli e Responsabilità Il punto di vista dell Infermiere di Camera Operatoria Dott. R. Povoli PREMESSA La sala operatoria è il fulcro delle complesse vicende che si legano ad

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

I costi e benefici dell innovazione nella logistica del farmaco: i risultati di uno studio. Isabella Giusepi

I costi e benefici dell innovazione nella logistica del farmaco: i risultati di uno studio. Isabella Giusepi I costi e benefici dell innovazione nella logistica del farmaco: i risultati di uno studio Isabella Giusepi Obiettivo Comprendere l impatto di un innovazione del sistema logistico sull organizzazione Indagare

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori

La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE La gestione dei gas medicinali e la formazione degli operatori 11 giugno 2007 Annamaria Nicchia - U.O.S.C. di

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

AUTOMAZIONI NELLA LOGISTICA OSPEDALIERA Soluzioni e tendenze nello scenario Internazionale

AUTOMAZIONI NELLA LOGISTICA OSPEDALIERA Soluzioni e tendenze nello scenario Internazionale AUTOMAZIONI NELLA LOGISTICA OSPEDALIERA Soluzioni e tendenze nello scenario Internazionale Cesena, 22 Marzo 2013 Dott. Alessandro Pacelli Presidente Commissione Sanità Assologistica Partner Opta AUTOMAZIONI

Dettagli

L Armadio Informatizzato per la Gestione della Terapia Marialuisa D Orsi Referente di Progetto DUF ASL Alessandria

L Armadio Informatizzato per la Gestione della Terapia Marialuisa D Orsi Referente di Progetto DUF ASL Alessandria L Armadio Informatizzato per la Gestione della Terapia Marialuisa D Orsi Referente di Progetto DUF ASL Alessandria ASL DI ALESSANDRIA IL CONTESTO POPOLAZIONE n. 445.094 COMUNI n. 195 FARMACIE DI COMUNITA

Dettagli

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it

IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO. Logistica del Farmaco. CONTATTO commerciale@gpi.it LF Logistica del Farmaco IL SISTEMA BUSTER GESTIONE CLINICA E LOGISTICA DEL FARMACO Il Sistema BUSTER, è una soluzione completa per la gestione del farmaco nelle strutture sanitarie che utilizza sia componenti

Dettagli

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini)

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione significa determinare il miglior sistema di gestione delle fasi che compongono tale processo, vale a dire trovare il giusto

Dettagli

INDICARE VOLUME ANNUO DELLA STRUTTURA Tra parentesi è riportato il volume annuo minimo *

INDICARE VOLUME ANNUO DELLA STRUTTURA Tra parentesi è riportato il volume annuo minimo * ALLEGATO A UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO QUESTIONARIO DI RILEVAZIONE DEI REQUISITI ASSISTENZIALI DELLA RETE FORMATIVA DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN FARMACIA OSPEDALIERA Ente: ASL Como Struttura

Dettagli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli

L attività dell Internal Audit. G.M. Mirabelli L attività dell Internal Audit G.M. Mirabelli Milano 13 ottobre 2006 Obiettivi della presentazione Evidenziare i compiti che nel nuovo Codice di autodisciplina sono assegnati all Internal Auditing, se

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

ATI SPEED AUTOMAZIONE

ATI SPEED AUTOMAZIONE DG Industria, Artigianato, Edilizia e Cooperazione SCHEDE TECNICHE INTERVENTI CONCLUSI ATI SPEED AUTOMAZIONE - SPEED AUTOMAZIONE Srl Milano - SALMOIRAGHI Spa Monza (MB) - SPEED R&D Srl (ex IICS Srl) Milano

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole

La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole La certificazione ISO 9001:2000 nelle scuole www.certificazione.info autore: Dr. Matteo Rapparini La certificazione di qualità nelle scuole La certificazione di qualità ISO 9001:2000 ha avuto recentemente

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI

PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI PRIMO CICLO IN DIMISSIONE E DISTRIBUZIONE DEI FARMACI OSPEDALIERI Erica Magnani FARMACEUTICA OSPEDALIERA INIZIATIVE ORGANIZZATIVE / GESTIONALI 1. L organizzazione interna 2. La distribuzione farmaci per

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona

Governo del Farmaco. Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie: Esperienze a confronto Venezia 23 Febbraio 2009 Giovanna Scroccaro Azienda Ospedaliera di Verona Governo del Farmaco Elementi organizzativi e tecnologie:

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione. FarmaSafe@

OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione. FarmaSafe@ OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO AZIENDA OSPEDALIERA di rilievo nazionale e di alta specializzazione FarmaSafe@ Esperienza degli Ospedali Riuniti di Bergamo sulla farmacoterapia informatizzata Forum PA Roma,

Dettagli

Presentazione del servizio Fabry@Home. Aprile 2011

Presentazione del servizio Fabry@Home. Aprile 2011 Presentazione del servizio Fabry@Home Aprile 2011 Agenda incontro Servizio Fabry@Home: caratteristiche e vantaggi Presentazione del provider: Caregiving Italia Modalità di attivazione del Servizio Fabry@Home

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

IL RUOLO DEL DATA MANAGER

IL RUOLO DEL DATA MANAGER Bergamo, 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche. Nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca IL RUOLO DEL DATA MANAGER Dr Maria Luisa Ferrari Ematologia

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK- ALIKE/ SOUND-ALIKE (FARMACI LASA)

PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK- ALIKE/ SOUND-ALIKE (FARMACI LASA) REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Funzione di Staff Risk Management Responsabile Dr.ssa Manuela Serva PROCEDURA AZIENDALE N. 4 / 2014 PREVENZIONE DEGLI ERRORI IN TERAPIA CON FARMACI LOOK-

Dettagli

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE

LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE S.I.M.G. LA GESTIONE DEL RISCHIO PROFESSIONALE IN MEDICINA GENERALE Strumenti e metodi di identificazione ed analisi di eventi avversi. L approccio reattivo e proattivo Damiano Parretti Arezzo 26 febbraio

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia

Le verifiche di qualità. Antonino Salvia Le verifiche di qualità 1) Obiettivi della qualità 2) Dimensioni correlate alla qualità 3) Concetto di quality assurance 4) Metodologie di approccio alla qualità 5) Audit clinico nel percorso stroke 6)

Dettagli

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO.

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. dott. Antonio Compostella Direttore ARSS del Veneto Verona, 15.12.2008 Contesto

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.04 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1

REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1 REGIONE PIEMONTE A.S.L. CN-1 PRONTUARIO TERAPEUTICO AZIENDALE A CURA DELLA COMMISSIONE TERAPEUTICA AZIENDALE (C.T.A.) Edizione Anno 2007/2008 i CONTENUTO PREMESSA CARATTERISTICHE GENERALI DEL P.T.A. CRITERI

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

L innovazione nella logistica ospedaliera

L innovazione nella logistica ospedaliera L innovazione nella logistica ospedaliera Trasporto paziente Movimentazione interna Milano, 28 settembre 2009 Maurizio Da Bove La logistica in sanità Il concetto di logistica in sanità riguarda due tipi

Dettagli

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA

EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA http://www.sinedi.com ARTICOLO 3 LUGLIO 2006 EVOLUZIONE DELLE INIZIATIVE PER LA QUALITA : L APPROCCIO SIX SIGMA A partire dal 1980 sono state sviluppate diverse metodologie per la gestione della qualità

Dettagli

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009

La Nuova Immagine snc Partita IVA 04297941009 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE

CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE CASO APPLICATIVO: PROGRAMMA DI SVILUPPO RISORSE UMANE IL PROJECT MANAGEMENT NEL SERVIZIO SANITARIO L esperienza dell APSS di Trento Bolzano, 8 maggio 2008 Auditorio del Palazzo Provinciale 12 Autore: Ettore

Dettagli

Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Processi direzionali: sistema di pianificazione, controllo e misurazione delle performance

Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Processi direzionali: sistema di pianificazione, controllo e misurazione delle performance Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Processi direzionali: sistema di pianificazione, controllo e misurazione delle performance Paolo Biacoli Direttore Amministrativo Azienda Ospedaliera di Udine

Dettagli

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007

SVILUPPO, CERTIFICAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA SICUREZZA SECONDO LA NORMA BS OHSAS 18001:2007 Progettazione ed erogazione di servizi di consulenza e formazione M&IT Consulting s.r.l. Via Longhi 14/a 40128 Bologna tel. 051 6313773 - fax. 051 4154298 www.mitconsulting.it info@mitconsulting.it SVILUPPO,

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015

PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO AUTONOMIE LOCALI E DECENTRAMENTO AMMINISTRATIVO PROGRAMMA FORMATIVO POLIZIA LOCALE 2015 COMITATO TECNICO CONSULTIVO PER LA POLIZIA LOCALE REGIONE BASILICATA

Dettagli

La gestione dei beni sanitari in Area Vasta Romagna. Dr. Silvia Galassi

La gestione dei beni sanitari in Area Vasta Romagna. Dr. Silvia Galassi La gestione dei beni sanitari in Area Vasta Romagna Dr. Silvia Galassi Cesena, 22 marzo 2013 I BENI SANITARI Il progetto di centralizzazione delle scorte di beni sanitari in Area Vasta Romagna si sta realizzando

Dettagli

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA PRESCRIZIONE

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA PRESCRIZIONE Pagina 1 di 8 PRESCRIZIONE Nome/Funzione Data Firma Dott.ssa Giuseppa Cinzia Di Redazione Martino Responsabile UFA Dott. Carlo Santangelo Dirigente Medico U.O.C. Oncologia Dott. Giuseppe Scollo Farmacista

Dettagli

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1!

!!!!!!!!!!!!!! !!!!!! SISTEMI GESTIONALI !!!!!!!!!!!!! CATALOGO CORSI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! ! 1! 1 SISTEMI GESTIONALI CATALOGO CORSI CORSO:FORMAZIONEAUDIT Oredicorso: 24 Finalitàdell azione: Formazione interna Tematicheformative: Gestione aziendale Obiettividell azione: Risultatiattesi: Il corso è

Dettagli

La qualità delle cure. Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo

La qualità delle cure. Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo La qualità delle cure Cinzia Ortega Dipartimento di Oncologia Medica Fondazione del Piemonte per l Oncologia I.R.C.C.S. Candiolo Premessa Offerta crescente di procedure diagnostiche ed interventi terapeutici,

Dettagli

Lo scenario internazionale

Lo scenario internazionale Lo scenario internazionale Le soluzioni/temi guida del cambiamento: 1) Sistema, 2) Finanza, 3) Persone, 4) Processi, 5) Tecnologia. 1) Sistema: Le Organizzazioni devono concentrarsi nel migliorare la loro

Dettagli

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali

Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali Gli errori di terapia: approccio alla problematica e studi internazionali SICUREZZA DEL PAZIENTE E GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Ancona 15.03.2010 I.N.R.C.A. Ancona Dr.Moretti Vincenzo Progetto Ministeriale

Dettagli

PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Azienda

Dettagli

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali Docente Dott. Maurizio Crippa Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali PARTE QUINTA SOLUZIONI PER LA GESTIONE OPERATIVA DEI GAS MEDICINALI IL RUOLO DEL FARMACISTA

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

la soluzione software per la gestione completa della sicurezza sul lavoro

la soluzione software per la gestione completa della sicurezza sul lavoro Safe on the Work la soluzione software per la gestione completa della sicurezza sul lavoro Safe on the work E rivolto ai responsabili dei Servizi di Prevenzione e Protezione o ai datori di lavoro Consente

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Modulo 1 Concetti di base della Qualità

Modulo 1 Concetti di base della Qualità Syllabus rev. 1.03 Modulo 1 Concetti di base della Qualità Il seguente Syllabus è relativo al Modulo 1, Concetti e approcci di base per la gestione della qualità in una organizzazione, e fornisce i fondamenti

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

Modalità di acquisizione delle grandi apparecchiature elettromedicali in ambito sanitario Padova, 21.4.2010

Modalità di acquisizione delle grandi apparecchiature elettromedicali in ambito sanitario Padova, 21.4.2010 Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Modalità di acquisizione delle grandi apparecchiature elettromedicali in ambito sanitario Padova, 21.4.2010 Il ruolo della Regione e dell ARSS sul tema degli

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4

CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA. 1.1 Politica della Qualità 3. 1.2 Responsabilità della Direzione 4 CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE pag 1. LIVELLO STRATEGICO 3 1.1 Politica della Qualità 3 1.2 Responsabilità della Direzione 4 1.3 Organizzazione orientata al Cliente 4 1.4 Coinvolgimento

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Lean Value Stream Analysis

Lean Value Stream Analysis Articolo a firma di: Valentina Palazzo Inspearit Consultant Lean Value Stream Analysis Complessità, rilavorazioni, variabilità delle attività, sovrallocazioni, colli di bottiglia e debito tecnico rappresentano

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

HEALTHCARE SOLUTIONS TRANSCAR SISTEMA DI TRASPORTO A GUIDA AUTOMATICA

HEALTHCARE SOLUTIONS TRANSCAR SISTEMA DI TRASPORTO A GUIDA AUTOMATICA HEALTHCARE SOLUTIONS TRANSCAR SISTEMA DI TRASPORTO A GUIDA AUTOMATICA 2 TransCar GENERATION 3 SWISSLOG È AZIENDA LEADER NELLA FORNITURA DI SOLUZIONI INNOVATIVE E INTEGRATE PER LA LOGISTICA OSPEDALIERA

Dettagli