Nutrizione E Differenze Di Genere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nutrizione E Differenze Di Genere"

Transcript

1 Dr.ssa Alessia Pennisi DIETISTA Nutrizione E Differenze Di Genere Catania, 22 Settembre 2011 Alimentazione e Salute Studi scientifici dimostrano che alimentazione e salute sono strettamente legate. Una buona salute richiede una sana e corretta alimentazione e questa, a sua volta, è legata a tre fattori:

2 La Dieta Equilibrata Per DIETA EQUILIBRATA si intende un regime alimentare in grado di soddisfare i fabbisogni dell organismo, sia dal punto di vista quantitativo (apporto di calorie), che qualitativo (apporto di nutrienti), basato su: Moderazione: Non eccedere mai con il cibo. Varietà e appetibilità: Evitare l alimentazione monotona. Equilibrio: Mantenere la giusta proporzione tra le diverse fonti alimentari. Il comportamento alimentare è influenzato dal genere Gli uomini optano per una dieta ad alto contenuto di grassi, uova, alcool, cibi ad elevato contenuto di zucchero e amido. Le donne optano per cibi sani e ipocalorici come frutta, ortaggi, cereali, latte e yogurt.

3 Ma perché le donne utilizzano prodotti ipocalorici e mangiano più frutta e verdura? Peso corporeo soddisfacente Peso corporeo ideale più basso rispetto agli uomini Identità femminile Forza e virilità Spuntini Dolci Frutta Panini Salumi Le donne considerano i dolci meno sani ma più gustosi rispetto agli uomini

4 Mangiano di più in situazioni stressanti e sono affette da disturbi dell alimentazione Desiderio durante l inverno l e durante la seconda metà del ciclo mestruale di cibi ricchi di grasso e carboidrati come dolci e cioccolato Il desiderio di cibi dolci regredisce con il crescere dell et età Tramezzini con carni affettate e salumi Craving: forte desiderio e perdita di controllo per alcuni cibi Carboidrati Alterazione del tono dell umore, depressione, ansia, esasperazione, stanchezza Peso Corporeo Uomini: distribuzione grassa androide Perdono peso e seguono diete per motivi di salute Percezione: soddisfazione per il proprio corpo Nessuna ricerca di perfezione Donne: distribuzione grassa ginoide Perdono peso e seguono diete per aspirare ad un ideale di bellezza Percezione: atteggiamento negativo e di pesantezza verso il proprio corpo Desiderio di magrezza

5 Perché si ingrassa? da una parte c è sempre la maggiore disponibilità di alimenti(>consumo) dall altra c è uno stile di vita sempre più sedentario (<dispendio) Ogni giorno siamo bombardati dai messaggi pubblicitari che inducono al consumo, di cui la maggior parte riguarda prodotti alimentari invoglianti e ipercalorici o cibo spazzatura. NB: alimentazione corretta e movimento sono i due fattori dai quali dipende il nostro bilancio energetico Problemi legati all alimentazione alimentazione attuale (si riflette maggiormente negli adolescenti e bambini)

6 La Dieta Mediterranea La parola dieta deriva dal LATINO DIAITA, GRECO DÌAITA, e significa stile di vita. Una dieta è quindi espressione del legame tra l'uomo ed il suo territorio. Dal punto di vista alimentare, nei Paesi che si affacciano sul bacino del mar Mediterraneo, esiste una tradizione comune, composta dagli stessi alimenti prodotti in questi luoghi. Prende il nome di - Dieta Mediterranea - la tradizione alimentare che caratterizza questi Paesi. L'OLIO DI OLIVA, LA PASTA, IL PANE, IL VINO, I LEGUMI, GLI ORTAGGI E LA FRUTTA, SONO I VERI PROTAGONISTI. Questi elementi, sapientemente combinati tra di loro, con l'integrazione di piccole quantità di prodotti di origine animale come il formaggio, il latte, le uova, il pesce e la carne, forniscono un modello alimentare che assicura una nutrizione valida, equilibrata, adatta a qualsiasi età,, in grado di prevenire molte malattie.

7 INDUSTRIA DELLA DIETA In Italia non abbiamo stime sulle entrate annuali di questa attività commerciale. In Usa, secondo alcune stime, le entrate annuali nella promozione delle diete e dei prodotti dietetici si aggira su 30 milioni di dollari. Programmi e centri dietetici, programmi di perdita di peso individuali e di gruppo, cibi preparati, farmaci, libri per la perdita di peso, Club commerciali e residenziali specializzati nel dimagrimento Prodotti dietetici e light STRATEGIE DELL INDUSTRIA DELLA DIETA: Numerose strategie commerciali per promuovere i prodotti - Enfatizza che il programma di perdita di peso è facile da seguire e comporterà enormi benefici a livello fisico, psicologico ed interpersonale. - Fa pubblicità che garantisce la perdita di peso facile, senza sforzi e permanente. - Afferma che la perdita di peso è ottenuta senza fare una dieta restrittiva ed esercizio fisico. - Utilizza termini come: miracoloso, esclusivo, segreto, unico, recente, scoperta. -Considera la perdita di peso e la magrezza mezzi per raggiungere virtù, salute e successo -Riporta fotografie relative a "prima" e "dopo". -Porta testimonianze di "clienti soddisfatti", che sono spesso pagati. - Riferisce studi senza le referenze complete di riviste scientifiche accreditate.

8 7 CHILI IN 7 GIORNI? un film già visto Meccanismi di azione delle erbe dimagranti Fondamentalmente i meccanismi delle erbe utili per dimagrire sono tre: 1) Riduzione dell'assorbimento 2) Attivazione del metabolismo 3) Drenaggio - Diuresi

9 La pubblicità di molti tra questi prodotti è palesemente ingannevole, ma continua a illudere e ad essere diffusa. Le donne, per motivi socioculturali, sono più sensibili alle sollecitazioni esterne riguardo rapide perdite di peso. I regimi seguiti a tale scopo sono frequentemente nocivi, non solo nell immediato, ma anche a distanza di tempo, tanto che il soggetto riesce difficilmente a fare il collegamento tra la dieta squilibrata precedentemente seguita e la successiva patologia: ci riferiamo in particolare alle anemie, all'osteoporosi, alla calcolosi della colecisti e renale, alle gastroduodeniti, alle malattie della tiroide e delle altre ghiandole. I vantaggi di questi momentanei regimi dietetici (il dimagrimento) sono, purtroppo, visibili nell immediato; tuttavia il peso viene spesso ripreso rapidamente e con gli interessi, cioè non solo si riacquistano i chili persi, ma ad essi se ne aggiungono altri. Il corpo in cui viviamo non è mai completamente nostro, noi siamo penetrati dalla società che ci attraversa da parte a parte. Questo corpo non è il mio corpo è un immagine sociale [M.A Descamps]

10 Gli standard imposti dalla nostra società incoraggiano ad un accentuazione dell interesse e della visibilità del corpo. Il corpo trionfa nella comunicazione mediatica, il corpo è portatore di energia con cui entra in contatto con il mondo, il corpo è comunicante, è connotato sessualmente: esso diventa la radice dell identit identità personale.

11 Impostare la TERAPIA Alimentazione Movimento Piramide Alimentare" elaborata e proposta nel 1992 dal Dipartimento dell Agricoltura Statunitense. La piramide rappresenta la distribuzione in frequenza e quantità di tutti gli alimenti nell arco della giornata alla base, quelli che si possono utilizzare quotidianamente e al vertice quelli che è meglio limitare.

12 La "nuova" Piramide Alimentare I SETTE PRINCIPI NUTRITIVI La dieta mediterranea Gli alimenti sono stati suddivisi in 7 gruppi nutrizionali ognuno dei quali apporta specifici nutrienti. Gruppo I - il latte e i suoi derivati Gruppo II - pesce, carne, uova Gruppo III - cereali e derivati Gruppo IV - legumi Gruppo V - olio e grassi Gruppo VI - frutta e ortaggi Gruppo VII - agrumi e pomodori Gruppo I - Proteine nobili, Calcio, Fosforo, alcune Vitamine del gruppo B, Lipidi Gruppo II - Proteine nobili, Ferro, alcune Vitamine del gruppo B, Lipidi Gruppo III - Carboidrati, Proteine di Medio valore biologico, alcune Vitamine del gruppo B Gruppo IV - Proteine di medio valore biologico, Ferro, alcune Vitamine del gruppo B, Carboidrati, Fibra Gruppo V - Lipidi, Acidi grassi essenziali, Vitamine Liposolubili Gruppo VI - Vitamina A ed altre Vitamine, Minerali, Fibra, Acqua, Zucchero Gruppo VII - Vitamina C ed altre Vitamine, Minerali, Fibra, Acqua e Zucchero

13 È importante ricordare che almeno un alimento di ciascun gruppo sia presente nella nostra dieta quotidiana. nessun alimento, preso singolarmente, è in grado di soddisfare tutte le esigenze del nostro organismo. Dieta Il termine dieta indica l insieme dei cibi e delle bevande che per qualità e quantità devono essere assunti giornalmente, in modo equilibrato per soddisfare il fabbisogno energetico, plastico e regolatore dell organismo.

14 La distribuzione dei principi nutritivi nella giornata La ripartizione ottimale dei principi nutritivi è la seguente: Il fabbisogno energetico Il fabbisogno energetico giornaliero, che si misura in chilocalorie ( kcal ), varia secondo il sesso, l ' età e l ' attività svolta ed è di circa kcal per ogni chilogrammo di peso; queste chilocalorie ci vengono fornite in quantità diverse, da protidi, lipidi e glucidi. In nutrizione la grande caloria o caloria alimentare viene indicata con Cal (C maiuscola) o kcal, ed equivale a 1000 piccole calorie,, ed è utilizzata per indicare l'apporto energetico medio di un qualsiasi asi alimento per unità di massa (per 1 grammo, o per 100 grammi di alimento).

15 fattori che determinano il fabbisogno calorico sesso età clima tipo di lavoro attività svolte stato di salute altezza Il Fabbisogno energetico

16 Calorie fornite dagli alimenti La suddivisione dei pasti nella giornata La prima colazione deve apportare il 20% delle calorie totali. Può comprendere latte e cereali, caffè, tè e prodotti da forno: è importante consumarla a tavola e con tranquillità; Tra la colazione e pranzo si consiglia di consumare un piccolo spuntino, che apporti circa il 5% delle calorie totali; Il pranzo, consumato con calma, deve fornire il 35-40% delle calorie totali; La merenda a base di frutta, yogurt, latte è consigliata sia nei bambini ed adolescenti che negli adulti e deve apportare il 5% delle calorie totali; La cena andrebbe consumata in tranquillità e con il nucleo familiare al completo. Non deve essere troppo abbondante e deve apportare il 30-35% delle calorie complessive.

17 I comportamenti alimentari corretti Controlla il peso e mantieniti sempre attivo Sovrappeso e obesità sono un rischio per la salute perché correlate a molte malattie del benessere : ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari, diabete, alcuni tipi di tumori, ecc.. Altrettanto grave è la magrezza: la riduzione eccessiva del proprio peso corporeo può compromettere gravemente la salute. Come comportarsi? Pesarsi e controllare che il peso sia entro i limiti della normalità; Riportare il peso gradualmente entro i limiti in caso di sovrappeso, consumando alimenti a basso valore energetico come frutta e verdura; Evitare le diete squilibrate o molto drastiche, del tipo fai da te dannose per la salute; Aumentare l attività fisica. Attenzione alla circonferenza vita!! E un indice importante per l insorgenza di possibili complicanze del sovrappeso. Va misurata in posizione eretta e senza trattenere il respiro. I valori da non superare: 88 cm nella donna; 102 cm nell uomo. Valori della circonferenza vita pari o superiori a quelli indicati sono associati ad un aumento del rischio di malattie e complicanze dell obesità. Più cereali, legumi, ortaggi e frutta In particolare, viene raccomandato di: Consumare quotidianamente più porzioni di ortaggi e frutta fresca, aumentare il consumo di legumi sia freschi che secchi, limitando l aggiunta di grassi da condimento; Consumare regolarmente pasta, pane e cereali in genere, meglio se integrali, limitando i condimenti; Scegliere se possibile prodotti ottenuti da farine integrali e non con la semplice aggiunta di crusca o altre fibre. Il Sale? Meglio poco Alcuni consigli: Moderare il sale a tavola e nelle preparazioni; Usare sale iodato; Insaporire i cibi con erbe aromatiche e spezie; Limitare l uso di condimenti alternativi: dadi da brodo, ketchup, salsa di soia, senape ecc.; Consumare solo saltuariamente snack salati, patatine, insaccati, salatini, olive, ecc..

18 Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti E opportuno: Moderare il consumo di alimenti e bevande dolci; Limitare il consumo di alimenti dolci spalmabili; Preferire prodotti da forno della tradizione italiana (biscotti e torte non farcite fatte in casa); Leggere attentamente le etichette e le avvertenze se si consumano no alimenti e bevande con edulcoranti artificiali. Bevande alcoliche: se sì, s, solo in quantità controllata Attenzione a: Preferire le bevande a bassa gradazione alcolica, come vino e birra; Bere sempre con moderazione e durante i pasti, secondo la tradizione italiana; Non bere mai a stomaco vuoto; Evitare le bevande alcoliche durante l etl età evolutiva, la gestazione e l allattamento; l Evitare le bevande alcoliche se si guida l automobile l o si fa uso di macchinari pericolosi; Evitare o ridurre gli alcolici se si assumono medicinali. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Ricordarsi di: Assecondare sempre il senso di sete bevendo in media 1,5-2 litri di acqua al giorno; Bere frequentemente e in piccole quantità, soprattutto se l acqua è fredda; Mantenere l equilibrio idrico bevendo essenzialmente acqua sia del rubinetto che imbottigliata; Limitare il consumo delle altre bevande che apportano anche sostanze caloriche. Varia spesso le proprio scelte a tavola Come? Scegliendo quantità adeguate di alimenti appartenenti a tutti i gruppi alimentari, da alternare nei vari pasti della giornata; Non escludendo alcun alimento dalla dieta: no alla dieta monotona e ripetitiva!

19 Grassi: scegli la qualità e limita la quantità Tutti i grassi sono uguali sul piano dell apporto di energia, ma sul piano della qualità possono essere molto diversi: questa differenza ha importanti effetti sullo stato di nutrizione e sulla salute dell uomo. Gli acidi grassi saturi e il colesterolo presenti in carni, formaggi, uova, se assunti in eccesso aumentano il rischio di malattie cardiocircolatorie e di arterosclerosi, in quanto tendono ad elevare il tasso ematico delle LDL ( colesterolo cattivo ). Gli acidi grassi insaturi presenti in oli di semi e di oliva, pesce, noci, nocciole rimuovono il colesterolo dal sangue, poiché aumentano invece il livello delle HDL ( colesterolo buono ). E IMPORTANTE: Moderare il consumo di grassi da condimento di origine animale, come lardo, burro, strutto, panna ; Preferire i condimenti di origine vegetale, soprattutto l olio extravergine di oliva; Utilizzare i grassi da condimento preferibilmente a crudo; Moderare il consumo di carni in generale, preferendo quelle magre; Consumare più frequentemente il pesce, sia fresco che surgelato; Scegliere formaggi e latticini a basso contenuto in grassi, oppure ridurre le porzioni.

20 Alimentazione Mangiamo troppo Mangiamo male Mangiamo in fretta mangiamo troppo mangiamo più del necessario mentre si guarda la TV si legge un giornalino si gioca alla play-station si chiacchiera con gli amici a scuola, a casa

21 mangiamo molti grassi, molti zuccheri merendine, gelati panini, salsicce mangiamo poca frutta, verdura, insalata Buttiamo giù il cibo senza guardare senza annusare senza assaporare FAST FOOD!

22 che fare? Abituiamoci subito ad una corretta alimentazione 5 pasti al giorno 7,00 Colazione 10,00 Spuntino 13,00 Pranzo 16,00 Merenda 20,00 Cena Mangiare POCO ogni 3 ore Colazione Latte, Thè, yogurt Biscotti Pane e marmellata Cereali sedetevi rilassatevi

23 Spuntino - 1 frutto - 1 yogurt - crackers - Biscotti secchi -Succhi di Frutta s.z -Barrette di Cereali fatelo sempre a pranzo sarete meno affamati!!! Pranzo - Un Piatto di pasta con sugo fresco, verdu - Secondo preferibilmente carne bianca e p contorno di verdure - 1 frutto Oppure piatti unici: -Pasta e legumi evitate panini poco condimento poco sale pasta al dente

24 Merenda -pane e marmellata ( bambini) - biscotti secchi - torta fatta in casa (no merendine) - macedonia - yogurt con frutta, miele - gelato alla frutta Fatela in compagnia Anche l occhio è importante Cena Masticate lentamente -Carne rossa o bianca - Pesce -Verdura o Insalata -Pane -Frutta - Poco condimento - Non fritti - Cotti al forno o vapore

25 Non dimenticate!!! Le verdure!!! L insalata!!! Crude o cotte non dimenticate!!! La frutta!!! - banane, ciliegie, uva - pesche, albicocche, arance - mandarini, anguria, mele - pere, kiwi, cocomero Cruda o cotta Sorbetti estivi

26 mangiamo piano Ci vuole tempo - ogni boccone conta fino a 20 Pensa - èbello? - è profumato? - sarà saporito? Ricorda! Mangia poco Mangia cose buone Mangia lentamente 5 volte al giorno impara a volerti bene!!!

27 Attività fisica Chi la deve fare? Quanta ne deve fare? Quando? Perché? attività fisica chi? TUTTI Uomini, Donne Bambini, ragazzi, adulti e anziani Attività fisica non vuol dire fare sport Attività fisica vuol dire movimento passeggiare, camminare, correre, andare in bicicletta, ballare, nuotare

28 attività fisica quanta? Se faccio sport allenamenti 2-3 volte/settimana partite Se non faccio sport una passeggiata un po di movimento ginnastica in casa. tutti i giorni Attività fisica quando? In estate mattino presto tardo pomeriggio In inverno tarda mattinata primo pomeriggio ore più calde coprirsi in maniera non eccessiva

29 Attività fisica perché? Più sani Fa bene al corpo previene malattie cuore previene tumori previene obesità migliora circolazione sangue Più belli Fa bene alla mente ci rende più felici più spensierati ci mette di buon umore dobbiamo concentrarci Ricorda! Pratica uno sport Fai attività fisica tutti i giorni impara a volerti bene!!!

30 1. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza 2. A tavola varia le tue scelte 3. Fai sempre una sana prima colazione ed evita di saltare i pasti 4. Consuma almeno 2 porzioni di frutta e 2 porzioni di verdura ogni giorno 5. In una dieta equilibrata i cereali (pane, pasta, riso etc.) devono essere consumati quotidianamente 6. Mangia pesce almeno 2 volte alla settimana (fresco o surgelato) 7. Ricordati che i legumi forniscono proteine di buona qualità e fibre 8. Limita il consumo di grassi, soprattutto quelli di origine animale, privilegiando l olio extravergine di oliva 9. Non eccedere nel consumo di sale I DIECI CONSIGLI 10. Limita il consumo di dolci e di bevande calori che nel corso della giornata E soprattutto... Evita le diete fai da te e rivolgiti al personale esperto del settore. alimentazione Imparate a volervi bene! attività fisica stile di vita prevenzione Salute = Benessere Psico-fisico Salute

31

Come scegliere gli alimenti per una alimentazione sana ed equilibrata?

Come scegliere gli alimenti per una alimentazione sana ed equilibrata? Come scegliere gli alimenti per una alimentazione sana ed equilibrata? Gli alimenti di cui disponiamo sono tantissimi e molti sono anche i modi per realizzare una dieta salutare. Ognuno di noi ha quindi

Dettagli

Alimentazione Equilibrata

Alimentazione Equilibrata Gli standard nutrizionali Alimentazione Equilibrata Per soddisfare in modo ottimale il fabbisogno dietetico dei propri cittadini, molti paesi del mondo hanno elaborato e messo a disposizione delle collettività

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO )

SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. - ASL NO ) OBIETTIVI del SIAN: sicurezza alimentare prevenzione delle malattie correlate all alimentazione promuovere comportamenti utili per la

Dettagli

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete

Imparare a leggere e interpretare etichette nutrizionali preparare lista precisa e acquistare solo alimenti lista fare acquisti quando non siete Come costruire una sana alimentazione in famiglia Quando si fa la spesa durante i pasti alcolici consigli ai genitori come ridurre il contenuto in grassi (Società Italiana Nutrizione Umana) 1 Quando si

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea

Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea Mangiar sano secondo la nuova Piramide Mediterranea La nuova piramide della dieta mediterranea moderna proposta dall INRAN (Istituto Nazionale per la Ricerca degli Alimenti e della Nutrizione) presenta

Dettagli

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.

FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO. Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv. FONDAZIONE I.R.C.C.S. POLICLINICO SAN MATTEO Servizio di Dietetica e Nutrizione Clinica Viale Golgi n.19, 27100 Pavia 0382 501615 - Fax 0382 502801 servizio.dietetica@smatteo.pv.it Progetto pilota Linee

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

Così nasce il questionario che stai per compilare.

Così nasce il questionario che stai per compilare. Premessa Una sana alimentazione e l attività fisica sono fondamentali per mantenere a lungo uno stato di benessere. Spesso però mancano informazioni precise e chi sa cosa dovrebbe fare non sempre applica,

Dettagli

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.»

Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta per una gestione condivisa.» AZIENDA UNITÁ LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 13 Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Corso: «Diabete mellito tra medico di medicina generale e diabetologo. Proposta

Dettagli

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e

S a n a. Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Regole per 10 una S a n a Gioca con noi! A l i m e n t a z i o n e Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio. Una volta che l

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA LIBERI DI SCEGLIERE. dott.ssa Alessandra Fabbri

DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA LIBERI DI SCEGLIERE. dott.ssa Alessandra Fabbri DIPARTIMENTO DI SANITÀ PUBBLICA LIBERI DI SCEGLIERE dott.ssa Alessandra Fabbri La nostra salute è come un puzzle tanti sono i FATTORIche influiscono sulla SALUTE : Fattori genetici e costituzionali Ambiente

Dettagli

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI

ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI ALIMENTAZIONE DA 12 A 36 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Maria Teresa Gussoni Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 1 L eccesso di peso rappresenta un fattore di rischio rilevante per le principali

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

Guida alla nutrizione

Guida alla nutrizione CentroCalcioRossoNero Guida alla nutrizione Bilancio energetico e nutrienti Il mantenimento del bilancio energetico-nutrizionale negli atleti rappresenta un importante obiettivo biofisiologico. Diversi

Dettagli

CUORE & ALIMENTAZIONE

CUORE & ALIMENTAZIONE 5 Convegno Socio-Scientifico ASPEC Teatro «Antonio Ghirelli» - Salerno, 27 Giugno 2015 CUORE & ALIMENTAZIONE Annapaola Campana Unità Operativa di Oncoematologia Presidio Ospedaliero Pagani (SA) CAUSE DI

Dettagli

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE

DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE DIFFICOLTA DI ALIMENTAZIONE Corso di tecniche di assistenza di base per caregivers Maggio Dicembre 2012 FABBISOGNO ENERGETICO Il fabbisogno energetico è individuale e dipende da: Sesso Peso Altezza Età

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea

I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Corso di Formazione Mangia Giusto Muoviti con Gusto A.S. 2008-2009 I corretti principi di una alimentazione equilibrata: la dieta mediterranea Dietista Dott.ssa Barbara Corradini Dipartimento di Sanità

Dettagli

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA

CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA CONSIGLI GENERALI PER UN ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA Un alimentazione equilibrata prevede l assunzione di tre pasti durante la giornata: colazione, pranzo e cena ed, eventualmente, due spuntini a metà mattina

Dettagli

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti

LO SPORT E SERVITO. CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti LO SPORT E SERVITO CINISELLO BALSAMO 25 MAGGIO 2012 Dott.ssa Raffaella Elena Monti ALIMENTO - DEFINIZIONE Per alimento si intende qualsiasi sostanza utilizzabile dal nostro organismo ai fini dell accrescimento,

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 1 Argomento ALIMENTAZIONE CORRETTA Ecco il primo degli appuntamenti in cui si parla dei vantaggi di una dieta diversificata

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI

PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI PRONTUARIO DIETETICO ED IDENTIFICAZIONE NUTRIZIONALE DEGLI OSPITI CORSO REGIONALE DI FORMAZIONE 1 Dicembre 2006 Dietista Silvia Scremin Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione U.L.SS. n.6 Vicenza MENÙ DOCUMENTO

Dettagli

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.)

ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE. ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) ATTIVITA FISICA E ALIMENTAZIONE UN BINOMIO INSCINDIBILE ASL di Lecco Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (S.I.A.N.) L attività fisica e l alimentazione sono entrambi comportamenti specifici e reciprocamente

Dettagli

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI!

MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! MANGIAR SANO UN GIOCO DA BAMBINI! Paese, 13 marzo 2013 dott.ssa Laura Martinelli dietista sportiva www.alimentazionesportivamartinelli.com ARGOMENTI L alimentazione dei bambini in Italia Elementi di dietetica

Dettagli

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE

ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE ALIMENTAZIONE SANA PER CRESCERE BENE In qualità di Presidente del mi sento in dovere di portarvi a conoscenza di alcune interessanti e basilari concetti per una corretta alimentazione dei nostri figli.

Dettagli

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA

GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA PROGETTO SCUOLA MELAROSSA GIOCHI IL PRANZO È SANO CON MELAROSSA con la supervisione del professor Pietro A. Migliaccio Presidente di SISA, Società Italiana di Scienza dell Alimentazione e la collaborazione

Dettagli

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org

www.coolfoodplanet.org www.efad.org coolf et.org www.eufic.org g olf or w. coo n lf o o d p l a et. g or co w w et. ww w.efa d.o.eufic.org w ww rg Ti ricordi quando hai imparato ad andare in bicicletta? La parte più importante è stata cercare il giusto equilibrio.

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata.

DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA. Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. DIETA MEDITERRANEA IN MENOPAUSA Dott. Lorenzo Grandini, biologo nutrizionista, farmacista e naturopata. Una corretta alimentazione e una costante attività fisica sono la base per una vita sana Perché si

Dettagli

Dott.ssa Marcella Camellini

Dott.ssa Marcella Camellini Dott.ssa Marcella Camellini ALIMENTAZIONE Aumentare il consumo di frutta fresca, verdure e ortaggi di tutti i tipi, privi di grassi e ricchi di vitamine, minerali e fibre. Privilegiare gli oli vegetali,

Dettagli

STILI DI VITA & PREVENZIONE

STILI DI VITA & PREVENZIONE Dr. Lucia Mangone Registro Tumori, U.O. Epidemiologia Dipartimento Sanità Pubblica, Azienda USL Reggio Emilia STILI DI VITA & PREVENZIONE Scuola Media Da Vinci-Einstein Reggio Emilia, 200 di cosa parliamo?

Dettagli

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano

10/02/2015. Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione. SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Dott. Luca Belli Biologo Nutrizionista Specialista in Scienza dell Alimentazione SIAN ASUR Marche AV2 Fabriano Consigliere Nazionale SINSeB Docente Università di Camerino Stato nutrizionale Bilancio energetico

Dettagli

Alimentazione nel bambino in età scolare

Alimentazione nel bambino in età scolare Martellago 05 marzo 2015 Alimentazione nel bambino in età scolare Dr.ssa Maria Tumino Servizio Igiene degli alimenti e della Nutrizione Veneto Sovrappeso Obesità Obesità severa 17,45% 5,5% 1,5% latte

Dettagli

Introduzione Pag. 3. Il decalogo dei consigli Pag 4. Ripartizione giornaliera degli alimenti Pag. 5. Esempi di dieta Pag. 6

Introduzione Pag. 3. Il decalogo dei consigli Pag 4. Ripartizione giornaliera degli alimenti Pag. 5. Esempi di dieta Pag. 6 Introduzione Pag. 3 Il decalogo dei consigli Pag 4 Ripartizione giornaliera degli alimenti Pag. 5 Esempi di dieta Pag. 6 Frequenze settimanali Pag. 7 Attività fisica Pag. 8 La piramide della salute Pag.

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

ALIMENTAZIONE e NUOTO

ALIMENTAZIONE e NUOTO MICROELEMENTI ALIMENTAZIONE e NUOTO ZUCCHERI: costituiscono la fonte energetica, che permette all uomo di muoversi. Sono di due tipi : a. SEMPLICI, si trovano nella zuccheriera, nella, nel miele e sono

Dettagli

IL Piccolo Cronista Sportivo

IL Piccolo Cronista Sportivo IL Piccolo Cronista Sportivo Stagione Sportiva 2014-2015 Asp.Scuola calcio Qualificata EDIZIONE SPECIALE SULL INCONTRO DEL 10.11.2014 SUL TEMA: L Educazione alimentare per la salute e lo sport Piccoli

Dettagli

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo!

Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Corretta alimentazione prima della campestre e anche dopo! Prof. Augusto Santi Alimentazione e giovani sportivi IERI E OGGI Cent anni fa: giochi di movimento, pane e acqua Oggi: giochi al computer e merendine

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE

LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE LA BUONA ALIMENTAZIONE PER GUADAGNARE SALUTE Studio Dietistico dott.ssa Francesca Pavan - Via G. Falcone 16-30024 Musile di Piave (Ve) Tel. 0421331981 Fax. 0421456889 www.studiodietisticopavan.it Esistono

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi.

Perché mangiamo. L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. Perché mangiamo L uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: l energia e i principi nutritivi. L energia è necessaria per ogni attività del nostro corpo:

Dettagli

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top

E-Book Gratuito I principi base del Professionista Top Questo E-book è di proprietà di Ivan Ianniello. Questo E-book non può essere copiato, venduto o usato come contenuto proprio in nessun caso, salvo previa concessione dell'autore. L'Autore non si assume

Dettagli

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti

Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie. Guida per gli insegnanti Nuovi stili di vita attivi per bambini e famiglie Guida per gli insegnanti insegnanti-interno Marco 18-10-2006 17:30 Pagina 3 Cari insegnanti, Cosa intendiamo per stile di vita sano? come certamente sapete

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA

DIETA. Ovvero MANGIARE PER LA VITA Regione PIEMONTE- ASL2-Torino Ambulatorio di Cardiologia OSPEDALE S. Giovanni Bosco Tel.011-2402310 Progetto GIOTTO Responsabile Drssa Bianca BIANCHINI DIETA Ovvero MANGIARE PER LA VITA Questo piccolo

Dettagli

La dieta della Manager Assistant

La dieta della Manager Assistant La dieta della Manager Assistant TUTTI I GIORNI COLAZIONE - 1 vasetto di yogurt oppure 1 tazza di latte parzialmente scremato oppure 1 cappuccino - 3 biscotti secchi oppure 4 fette biscottate oppure 1

Dettagli

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI

L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI L alimentazione dei bambini A TAVOLA CON NOI La prima colazione A tavola: La prima colazione permette di migliorare l attenzione e la concentrazione, quindi il rendimento scolastico. Inizia la tua giornata

Dettagli

Prova Costume? Niente Paura!

Prova Costume? Niente Paura! Prova Costume? Niente Paura! Che Cos è la Nutraceutica? SIAMO QUELLO CHE MANGIAMO L alimentazione occupa un ruolo decisivo per il nostro benessere. Spesso però non conosciamo quello che mangiamo e la qualità

Dettagli

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute

ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute ULSS 2 INCONTRA I mercoledì della Salute Titolo: Diabete e alimentazione Relatore: Giovanna Foschini Data 19 marzo 2014 Sede Sala Piccolotto UN PO DI STORIA Un po' di storia... Papiro di Ebers (1550 a.c.)

Dettagli

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano

ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE. Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ALIMENTAZIONE IN ETA PRESCOLARE E SCOLARE Silvia Scaglioni Clinica Pediatrica Ospedale S.Paolo Università di Milano ABITUDINI NUTRIZIONALI IN ITALIA ETÀ PRESCOLARE E SCOLARE ABITUDINI NUTRIZIONALI 3-53

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA: Come alimentarsi per star bene? http://www.inran.it/inran_lineeguida.pdf La scelta degli alimenti e basata su molteplici fattori : storia, cultura, ambiente

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI VITA a cura di INFORMARSI È SEMPLICE, RECLAMARE È FACILE CONOSCERE I PROPRI DIRITTI È IL PRIMO PASSO PER FARLI VALERE Iniziativa organizzata con il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico QUESTIONARIO SUGLI

Dettagli

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ

alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ alimentazione WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ NUTRIENTI (O PRINCIPI NUTRITIVI): PROTEINE LIPIDI CARBOIDRATI VITAMINE ACQUA MINERALI CON FUNZIONE: PLASTICA ENERGETICA BIOREGOLATRICE PROTEINE LUNGHE CATENE DI

Dettagli

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro,

I gruppi alimentari GRUPPO N GRUPPO N. CARNI, PESCI, UOVA Forniscono: proteine ad alto valore biologico; minerali quali ferro, I nutrienti I gruppi alimentari NEL NOSTRO VIVER COMUNE, NON RAGIONIAMO CON NUTRIENTI MA CON ALIMENTI: SONO PERTANTO STATI RAGGRUPPATI GLI ALIMENTI SECONDO CARATTERISTICHE NUTRITIVE IN COMUNE. GRUPPO N

Dettagli

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI

Quindi è chiaro che. l uomo deve mangiare perché il cibo assicura al nostro organismo ciò che gli serve per vivere: L ENERGIA E I PRINCIPI NUTRITIVI Le esigenze della incessante attività del corpo umano fanno si che le numerose sostanze che lo formano (le quali sono soggette ad usura e a perdite e vanno quindi via via ricostituite e/o sostituite) e

Dettagli

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione

Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Quanto mangiare e in quanto tempo. Cos' è una porzione Il cibo può essere "usato" talvolta per allietare i momenti conviviali o per soddisfare il palato. Ma al di fuori di queste occasioni, è importante

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti?

A cosa serve l energia che prendiamo dagli alimenti? UNA DIETA EQUILIBRATA MIGLIORA LA VITA CONSIGLI PER UN ALIMENTAZIONE CONSAPEVOLE ALOMAR (Associazione Lombarda Malati Reumatici) Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti SS Igiene Nutrizione Milano,

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO

OPUSCOLO INFORMATIVO OPUSCOLO INFORMATIVO Mangiare sano...a scuola e a casa Anno scolastico 2012-2013 Comune di Rovello Porro C are Mamme, Papà e giovani rovellesi, questo opuscolo vuole essere un aiuto alle famiglie, non

Dettagli

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa

Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Alimentazione Salute Ambiente: la composizione degli alimenti e le scelte del consumatore. La ristorazione a scuola ed a casa Relatore: Prof. Vincenzo Gerbi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO Di.S.A.F.A.

Dettagli

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE

IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE IL RISCHIO CARDIOVASCOLARE Perché rivolgersi al Medico di Famiglia? COME LO MISURIAMO? Con mezzi molto semplici, in ambulatorio 1 COME LO MISURIAMO? Uno sfingomanometro per misurare la pressione COME LO

Dettagli

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto

Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto Dieta sana = dieta costosa? No Consigli utili per mangiare sano senza spendere tanto A CURA DEL MINISTERO DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA COMUNICAZIONE E DEI RAPPORTI EUROPEI E INTERNAZIONALI, UFFICIO

Dettagli

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE NELL ANEMIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI

SCHEDE: ALIMENTAZIONE e PATOLOGIE ALIMENTAZIONE NELL ANEMIA DI BAMBINI E ADOLESCENTI L anemia: cos è? Il termine anemia indica la diminuzione del numero dei globuli rossi o dell emoglobina, dovuta a perdita o insufficiente produzione di sangue. Questo termine viene usato impropriamente

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

Progetto Expo 2015. Questionario on-line

Progetto Expo 2015. Questionario on-line a.s. 2014.15 Progetto Expo 2015 Questionario on-line Questionario di indagine sul livello di informazione e consapevolezza in merito all alimentazione Indice Introduzione Prima sezione: Conosci le tue

Dettagli

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche,

IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, IL MODELLO ALIMENTARE DELLA DIETA MEDITERRANEA Il termine Dieta deriva dal greco diaita ovvero stile di vita inteso come l insieme delle pratiche, delle conoscenze, delle abilità, dei saperi e delle tradizioni

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE

L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE L ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO IN ETA SCOLARE A cura della dott.ssa Teresa Canali In età scolare si impostano e consolidano le abitudini alimentari del bambino, pertanto è in questa fase della vita che la

Dettagli

COMITATO SCIENTIFICO PER LA SALUTE

COMITATO SCIENTIFICO PER LA SALUTE COMITATO SCIENTIFICO PER LA SALUTE in collaborazione con: - C. N. R. di Avellino Istituto di Scienze dell alimentazione - Prof. Augusto Parente-Facoltà di scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, Seconda

Dettagli

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015

E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio 2015 SERVIZIO DI IGIENE DEGLI ALIMENTI E NUTRIZIONE (S.I.A.N. S.I.A.N.) ) ASL NO SOROPTIMIS INTERNATIONAL D ITALIA CLUB DI NOVARA ISTITUTO PARITARIO SACRO CUORE NOVARA E BUONO, E FA BENE! Novara, 28 Maggio

Dettagli

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo

Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Cagliari, mercoledì 30 novembre 2011 METTI IL FORMAGGIO SARDO NELLA TUA DIETA Il formaggio sardo nella Sana Alimentazione Bambino, adulto, anziano, sportivo Giovanna Maria Ghiani Specialista in Scienza

Dettagli

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA

Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Corso P1 - Operatore della Ristorazione N. RIF. 2010-358/RA Docente: Dr. Luca La Fauci Biologo Nutrizionista & Tecnologo Alimentare Lezione 2 Principi nutritivi, tabelle nutrizionali e corretto regime

Dettagli

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE

LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE LE CINQUE REGOLE PER IL BENESSERE Per sentirsi bene e in salute è necessario non solo raggiungere un peso salutare ma è necessario fare anche dei cambiamenti nel proprio stile di vita e nel proprio modo

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

L alimentazione equilibrata

L alimentazione equilibrata L alimentazione equilibrata ( R. Pellati, 2005) Macronutrienti Percentuale % Quantità Calorie Proteine 12-15 80-90 g/die Grassi 25-30 75-85 g/die Carboidrati Fibra 55-60 --- 360-390 g/die 20-30 g/die 1

Dettagli

DIETA E KARATE PREMESSA

DIETA E KARATE PREMESSA DIETA E KARATE PREMESSA La dieta dello sportivo è spesso mirata a bruciare le prestazioni di pochi gruppi muscolari nell arco di pochi anni. Questo purtroppo può comportare un invecchiamento precoce e

Dettagli

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung pag. 1 / 5 Società Svizzera di Nutrizione SSN, Ufficio federale della sanità pubblica UFSP / 2o11 Dolci, snack salati e alcolici In piccole quantità. Oli,

Dettagli

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE DEL PODISTA PRE e POST ALLENAMENTO PRE e POST GARA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L uomo è ciò che mangia Ippocrate 400 a.c. Una sana e adeguata alimentazione

Dettagli

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura

Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Progetto Pilota Oikos e Téchne 2011/2012 Cibo,Corpo,Luogo, tra natura e cultura Considerazioni sui risultati del sondaggio Abitudini alimentari e convivialità (campione di 662 studenti tra 14 e 19 anni)

Dettagli

UNITà 8 la dieta equilibrata

UNITà 8 la dieta equilibrata unità La dieta equilibrata I termini e i concetti fondamentali 1 dieta equilibrata e peso corporeo Una dieta equilibrata è data da comportamenti alimentari e da uno stile di vita tali da mantenere un buono

Dettagli

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID

CONVEGNO REGIONALE AMD-SID CONVEGNO REGIONALE AMD-SID NEFROPATIA DIABETICA, IPERTENSIONE E MALATTIA CARDIOVASCOLARE SESSIONE PARALLELA PER DIETISTI E INFERMIERI RUOLO DELL INFERMIERE NELLA GESTIONE ASSISTENZIALE DELLA PERSONA CON

Dettagli

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione

Piramide alimentare svizzera. sge Schweizerische Gesellschaft für Ernährung ssn Société Suisse de Nutrition ssn Società Svizzera di Nutrizione pag. 1 / 5 Società Svizzera di Nutrizione SSN, Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria USAV / 2o11 Dolci, snack salati e alcolici In piccole quantità. Oli, grassi e frutta oleaginosa

Dettagli

MANGIO MEGLIO..e..VIVO MEGLIO!

MANGIO MEGLIO..e..VIVO MEGLIO! MANGIO MEGLIO..e..VIVO MEGLIO! perché: - sono consapevole delle mie scelte alimentari - mangio in modo equilibrato - ho uno stile di vita attivo Perché il Gigante ha migliorato le etichette nutrizionali

Dettagli

La nutrizione, tra gusto e salute, nei menu scolastici

La nutrizione, tra gusto e salute, nei menu scolastici Milano, 29 marzo 2012 La nutrizione, tra gusto e salute, nei menu scolastici Andrea Ghiselli INRAN La corretta alimentazione del bambino Alimento 3-10 anni Porzioni Linee Guida Frutta+succhi 216 1.4 3

Dettagli

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia

U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Dip. di Prevenzione Medico -ASL di Pavia Nell elaborazione del piano dietetico proposto alle scuole della Provincia di Pavia, l U.O.C. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell A.S.L. tiene conto delle indicazioni riportate da: L.A.R.N. (1996)

Dettagli

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD

L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD ASL LECCO - GRUPPI DI CAMMINO 2008 L ALIMENTAZIONE EQUILIBRATA FREQUENZE SETTIMANALI DI CONSUMO E PORZIONI STANDARD Estratto dalle LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA predisposte dall Istituto

Dettagli

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni)

Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO - Servizio Igiene della Nutrizione Consigli alimentari per la prima infanzia (1/3 anni) Per una crescita armoniosa è importante che il bambino assuma i pasti in modo

Dettagli

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri

SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT acquatici e ALIMENTAZIONE Prof.ssa Lucia Scuteri SPORT ACQUATICI (nuoto,tuffi,pallanuoto,immersione,, surf, windsurf,sci d acqua o VELA) Necessitano una DIETA EQUILIBRATA Ogni SPORT ha CARATTERISTICHE

Dettagli