EFFETTI DELL ASSUNZIONE MATERNA DI CIOCCOLATA SULLA FREQUENZA CARDIACA FETALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EFFETTI DELL ASSUNZIONE MATERNA DI CIOCCOLATA SULLA FREQUENZA CARDIACA FETALE"

Transcript

1 UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Dottorato di Ricerca XI Ciclo Curriculum Medicina e Prevenzione Tesi di Dottorato EFFETTI DELL ASSUNZIONE MATERNA DI CIOCCOLATA SULLA FREQUENZA CARDIACA FETALE Dottoranda Giorgia Buscicchio Relatore Prof. Andrea Luigi Tranquilli ANNO ACCADEMICO /2012

2 2 A mio padre

3 INDICE CAPITOLO PRIMO: CARDIOTOCOGRAFIA COMPUTERIZZATA 1.1 Riferimenti storici 1.2 La fisica degli ultrasuoni 1.3 Il principio su cui si basa la cardiotocografia 1.4 Il sistema per la cardiotocografia computerizzata 1.5 Rilevazione dei parametri cardiotocografici 1.6 Parametri rilevati dalla cardiotocografia computerizzata 1.7 I sistemi computerizzati oggi in commercio CAPITOLO SECONDO: 2.1 CIOCCOLATO 2.2 CAFFE 2.3 Meccanismo d azione 2.4 Effetti cardiovascolari delle metilxantine nell uomo 2.5 Principali effetti delle metilxantine sul feto 3

4 SESSIONE SPERIMENTALE: 3.1 OBIETTIVO 3.2 I STUDIO SPERIMENTALE: EFFETTI DEL CIOCCOLATO VERSUS CAFFEINA SULLA FREQUENZA CARDIACA FETALE 3.3 II STUDIO SPERIMENTALE: EFFETTI DEL CIOCCOLATO A DIVERSE CONCENTRAZIONI (30% E 80%) SULLA FREQUENZA CARDIACA FETALE 3.4 III STUDIO SPERIMENTALE: EFFETTI DEL CIOCCOLATO SULLA FREQUENZA CARDIACA DEL FETO MASCHIO E DEL FETO FEMMINA 3.5 CONCLUSIONI CAPITOLO PRIMO CARDIOTOCOGRAFIA COMPUTERIZZATA (cctg) 1.1 Riferimenti storici La cardiotocografia è l applicazione tecnologica moderna dell antica osservazione di esiti neonatali sfavorevoli quando il battito cardiaco fetale (BCF) presentava dei cali. E una 4

5 metodica altamente affidabile nella descrizione di eventi ipossici (in particolare acuti) fetali. Consiste nella registrazione simultanea del battito cardiaco fetale e dell'attività contrattile uterina ed è attualmente il metodo più diffuso di monitoraggio antepartum e intrapartum per la conferma del benessere fetale [1-2]. Il BCF fu individuato e descritto sin dal 1600 ed ebbe numerosi studiosi nel In questi anni l auscultazione del cuore fetale fu una grande innovazione: il feto non veniva più visto come essere indiscindibile dalla madre bensì come entità singola, come presenza percepibile. Il suono del cuore fetale è stato rilevato per la prima volta da Marsac di Francia nel 1600 ed è stato poi descritto da un suo collega, Philippe Le Gaust. Questa scoperta è passata inosservata fino al 1818, quando Mayor descrisse il suono del cuore fetale appoggiando un orecchio sull addome materno. Un medico francese, Jeacques-Alexandre Le Jumeau, Visconte di Kergaradec (Fig.1), pubblicò il 26 Dicembre 1821 il primo lavoro su l ascultazione del cuore fetale. Kergaradec suggerì che l'auscultazione del cuore fetale poteva risultare utile nella rilevazione della vitalità fetale. Le sue osservazioni furono una specie di rivoluzione in quanto si passò da una situazione di feto oggetto a feto soggetto [3]. 5

6 Fig.1: Jacques Alexandre Le Jumeau, Vicomte de Kergaradec ( ). Nel 1893, Von Winckel descrisse i criteri valutativi della sofferenza fetale che sono rimasti pressochè gli stessi sino all'introduzione del monitoraggio elettronico fetale (EFM). Nel 1906 Cremer descrisse l'uso dell'elettrocardiogramma fetale utilizzando dei conduttori elettrici transvaginali. Nel 1958, Edward Hon (il "padre dell'efm" negli Stati Uniti d'america) mostrò, per mezzo di una registrazione istantanea, un ECG fetale da un addome materno. Lui e i suoi colleghi misurarono gli intervalli R-R da un tracciato ECG continuo e li convertirono matematicamente in frequenza (in battiti per minuto, bpm), e quindi riscrissero ciascun intervallo su carta da tracciato. Da questi sforzi Hon, Caldeyro-Barcia in Uruguay e Hammacher in Germania incominciarono a descrivere la variabilità dei patterns della frequenza cardiaca fetale (FHR) associata a differenti gradi di sofferenza fetale [2]. L introduzione del primo cardiotocografo commerciale nella pratica clinica che si deve proprio ad Hammacher nel In questi anni la perdita del benessere fetale durante il parto (la cosiddetta sofferenza fetale ) era definita come la diminuzione della frequenza cardiaca fetale e, nella presentazione di vertice, la fuoriuscita di meconio durante il parto. Da allora molto impegno scientifico e molto entusiasmo sono stati profusi dagli ostetrici nei confronti di una metodica che sembrava poter dare la possibilità concreta di capire quando e perché si verificasse un deterioramento della salute del feto, e quindi, di intervenire più efficacemente [4]. Nonostante però gli iniziali entusiasmi, diversi studi randomizzati hanno dimostrato che, a fronte di una buona seppure non ottimale capacità predittiva di un tracciato cardiotocografico (CTG) normale, un tracciato anormale non è necessariamente indice di una sottostante patologia fetale. Diversi sono i fattori sia fisiopatologici che tecnici che, se non correttamente tenuti in considerazione nella valutazione del tracciato CTG, comportano incongruenze tra il risultato del test e l outcome neonatale, con conseguente scorretta gestione del paziente. 6

7 Tra questi vi sono innanzitutto una elevata variabilità interosservatore nella valutazione del tracciato CTG anche in operatori esperti, e la difficoltà o impossibilità, da parte dell occhio umano di trarre tutte le informazioni necessarie dal segnale della frequenza cardiaca fetale (FCF). La cardiotocografia è stata dunque introdotta nella pratica clinica al fine di proteggere la vita fetale e di sorvegliarne il benessere. Claude Sureau nel 1994 definì questo strumento importante per la sorveglianza fetale capace di identificare il distress fetale e le sue conseguenze. L esecuzione della cardiotocografia dopo la 26^ settimana di gestazione permette il controllo irrinunciabile per il monitoraggio del feto a rischio, per la valutazione del suo stato di salute e infine per la prognosi perinatale. Attualmente nel mondo la maggior parte delle decisioni ostetriche nell assistenza al parto di feti con taglio cesareo, forcipe o vacuum extractor, a causa di distress fetale, è legata alle informazioni raccolte attraverso l utilizzo della cardiotocografia. La CTG all inizio è stata introdotta su basi empiriche in quanto era solo in parte conosciuta la fisiopatologia alla base della frequenza cardiaca fetale ed erano poco conosciuti i fattori che la influenzavano. Non si conoscevano le implicazioni cliniche dei patterns cardiotocografici anormali. L introduzione simultanea di linee guida per classificare ed interpretare i patterns cardiotocografici in differenti continenti hanno contribuito a determinare una confusione nella nomenclatura e definizioni. Il futuro della cardiotocografia è nel miglioramento della qualità di strumentazione che si basa sulla conoscenza più approfondita del significato dei patterns cardiotocografici e nel riconoscimento della giusta collocazione del cardiotocografo nella sorveglianza tecnica del feto [5]. 1.2 La fisica degli ultrasuoni Gli ultrasuoni sono onde meccaniche di elevata frequenza, superiore a quella dell udibile (> Hertz ovvero 16 khz). Quando un fascio ultrasonico, emesso da un trasduttore (T) incontra l interfaccia (I) fra due tessuti che hanno impedenza caratteristica diversa, 7

8 esso viene in parte riflesso ed in parte rifratto (Fig. 1). Se l interfaccia è ferma, il fascio ultrasonico viene riflesso con la stessa frequenza con cui è stato emesso. Se l interfaccia è in movimento, la frequenza del fascio di ritorno è diversa: maggiore di quella di emissione se I è in avvicinamento rispetto a T, minore se è in allontanamento (Fig 2). Questo fenomeno si chiama effetto Doppler e la differenza di frequenza fra fascio emesso e fascio riflesso si chiama shift Doppler o frequenza Doppler (fd). La fd è direttamente proporzionale alla velocità con cui I si muove, sia il movimento in avvicinamento od in allontanamento. Nella diagnostica ostetrica le frequenze di emissione utilizzate variano dai 2 milioni ai 5 milioni di Hertz (2 5 mega Hertz, MHz). La fd è invece nell ordine dei khz, ed è al disotto della soglia dei 16 khz; pertanto è nel range dell udibile. L effetto Doppler può essere sfruttato per rilevare la frequenza cardiaca fetale, oppure per valutare la direzione e velocità di flusso nel circolo fetale. Quando il fascio ultrasonico è diretto verso il cuore del feto, il movimento delle valvole cardiache (la mitrale o la tricuspide) determina l effetto Doppler. Su questo principio funzionano i rilevatori ad ultrasuoni del battito cardiaco fetale (bcf) comunemente utilizzati negli ambulatori e sale parto. Possiamo udire il suono ad ogni apertura o chiusura della valvola cardiaca; contando il numero di suoni, e quindi di aperture o chiusure, in un minuto possiamo definire la frequenza cardiaca fetale. Il cardiografo altro non fa che effettuare in modo automatico questa operazione e registrarla su carta. Nella figura sottostante (a sinistra) sono riportate le durate degli intervalli fra un ciclo cardiaco ed il successivo in ordinate (msec) in funzione del tempo in ascisse. Ciascun intervallo viene trasformato in frequenza (FCF) e registrato in funzione del tempo (figura sottostante a destra). 8

9 Ricordiamo che il rapporto fra intervallo (periodo P) e Frequenza (F) è: F = t/p ove t è l unità di tempo (1 minuto, ovvero 60 secondi, ovvero msec). Se, ad esempio, l intervallo fra un suono ed il successivo è di 500 msec, F è pari a 120 battiti per minuto (bpm); se il successivo intervallo è pari a 450 msec, F è 133 bpm. Poiché, in un feto normale, gli intervalli si modificano in continuazione, anche le frequenze si modificano di conseguenza. In realtà, nel tracciato cardiografico, ogni punto che contribuisce a creare la traccia risulta dalla media di 3 5 battiti cardiaci: pertanto il primo punto è la media delle frequenze rilevate dal primo al quinto battito; il secondo è la media delle frequenze rilevate dal secondo al sesto; la terza dal terzo al settimo e così via. Il risultato è una traccia continua, in cui le frequenze sono riportate in funzione del tempo. La traccia può apparire diversa a seconda che la carta venga fatta scorrere più o meno velocemente (in genere si usano velocità di scorrimento di 1 o 2 cm/min). La tocografia valuta e registra l attività contrattile dell utero. Oggi si utilizzano metodi esterni di rilevazione. Il dato tocografico esterno è una grandezza complessa risultante dalle variazioni nella consistenza della parete uterina, nonché dalla deformazione e dallo spostamento dell utero. 9

10 E rilevato mediante un trasduttore posto sull addome materno e fornito, nella parte rivolta verso la parete addominale, di un pistoncino che, durante la contrazione o i movimenti attivi del feto, viene spostato dalla sua posizione di riposo. All interno del trasduttore tali variazioni meccaniche sono convertite, secondo il principio dello strain-gauge, in valori di tensione elettrica ad esse proporzionali. I segnali elettrici pilotano poi la registrazione grafica attraverso le escursioni di una penna galvanometrica. La tocografia esterna consente di valutare la frequenza delle contrazioni uterine; circa le altre variabili dell attività contrattile (ampiezza e durata delle contrazioni, tono di base) fornisce solo indicazioni relative. Per quanto riguarda, in particolare, l ampiezza della contrazione, il tocogramma esterno, se le condizioni di esercizio sono mantenute costanti nel corso della registrazione, esprime l aumento o la diminuzione di tale grandezza al procedere del travaglio, ma non può essere letto in termini di mmhg. La tocografia permette inoltre di rilevare i movimenti attivi fetali. La modalità di esecuzione prevede che la paziente venga posta in decubito supino. Il trasduttore deve essere collocato in corrispondenza del terzo superiore del corpo dell utero poiché a questo livello le variazioni di forma e tensione dell addome materno sono più spiccate. E opportuno fissare la cintura elastica del trasduttore con tensione il più possibile costante da registrazione a registrazione (fig. 6). 10

11 Fig. 6 La calibratura deve essere effettuata quando, palpatoriamente, l utero è in condizioni di riposo: si agisce allora sull apposito potenziometro fino a portare il pennino scrivente su un livello prefissato della scala, livello che sarà poi mantenuto costante da registrazione a registrazione. Si consiglia di valutare palpatoriamente l intensità delle prime due o tre contrazioni registrate e, quindi, di regolare la tensione della cintura di fissaggio in modo che contrazioni valutate manualmente di media intensità non superino in ampiezza la metà inferiore della scala. Per ottenere una registrazione accurata occorre: - riposizionare il trasduttore in rapporto alla discesa della parte presentata e alla conseguente riduzione del diametro longitudinale dell utero; - ricontrollare la tensione della cintura di fissaggio nel corso della registrazione: i movimenti della gravida, in particolare la flessione delle cosce sull addome, possono, infatti, modificarla [6]. 1.3 Il principio su cui si basa la cardiotocografia 11

12 Lo spazio intervilloso è irrorato da arteriole e venule che originano dalla circolazione uterina delle arteriole spirali. Le arteriole che portano sangue allo spazio intervilloso hanno una pressione di circa mmhg, mentre le venule che drenano lo spazio hanno una pressione di circa mmhg. Entrambi questi sistemi di vasi provengono dal sistema delle arterie uterine radiali che perforano la muscolatura del viscere e che sono quindi strette in una morsa, nella contrazione miometriale. In condizioni basali, il tono uterino è di 20 mmhg. Quando inizia una contrazione, il tessuto muscolare stringe i vasi che portano sangue verso lo spazio intervilloso. Quando la pressione della contrazione equipara quella delle venule (circa 40mmHg) queste si occludono. Le arteriole continuano ad essere pervie, cosicché nello spazio intervilloso si assiste ad un blocco del deflusso con un conseguente aumento del sangue arteriolare più ossigenato. Lo spazio viene iperossigenato. Con il crescere della contrazione, si riduce progressivamente l afflusso arteriolare che, all acme della contrazione, viene del tutto ad essere bloccato. All apice della contrazione (80-100mmHg) e finché non inizia sufficiente rilasciamento (circa ), non vi è afflusso né deflusso nello spazio intervilloso. Quando l utero comincia a rilasciarsi (60-40mmHg), si dischiudono le arteriole e progressivamente riprende il flusso arterioso: lo spazio intervilloso si riossigena, mentre le venule sono ancora occluse. Quando la contrazione scompare (20mmHg) riprende anche il deflusso venoso. Questo meccanismo è fisiologico, inclusa la breve apnea che si realizza all apice della contrazione. E abbastanza chiaro che un feto normalmente ossigenato è tranquillamente in grado di sostenere questo percorso, avendo a disposizione l iperossigenazione determinata dall iperafflusso nella prima parte della contrazione ed avendo comunque una propria riserva ossigenativa. Un feto che abbia esaurito le proprie riserve (ad esempio in condizioni di iposviluppo o IUGR), invece, non ha una propria autonomia e sopravvive solo del costante afflusso ossigenativo delle condizioni basali. In questo caso, accade che, arrivata l acme della contrazione e mancando afflusso allo spazio intervilloso per alcune decine di secondi, il feto consuma in quel tempo tutto l ossigeno, terminato il quale non ha più risorse. I chemocettori del feto percepiscono l esaurimento dell ossigeno e inducono una pronta risposta vagale. L attività cardioregolatoria, infatti, è una di quelle che più impegna il metabolismo fetale. Con poco ossigeno a disposizione, il metabolismo cambia in 12

13 anaerobio, e le attività si devono adattare: la risposta vagale induce una bradicardia, che ha la finalità di ridurre il consumo energetico: questa è la decelerazione della FCF. Poiché la decelerazione interviene dopo l acme della contrazione, anche dalla sua rappresentazione grafica viene in gergo definita tardiva. Tornando l utero a rilasciarsi e riprendendo l afflusso il feto torna successivamente alla FCF di base. La decelerazione tardiva della FCF è il segno dell esaurimento del feto, il segno dell ipossia acuta, i cali da cui è iniziata la storia della cardiotocografia. Se questo schema di base è relativamente lineare, esistono però altre condizioni di cardiodecelerazione, e soprattutto condizioni nelle quali manca tale stress ipossico fisiologico che è la contrazione uterina,e dalle quali trarre informazioni altrettanto lineari e correlate alla clinica, può non essere facile: è questa la condizione della CTG in gravidanza. Un altro punto da chiarire, infine, quando ci si avvicina alla cardiotocografia, è che questa metodica va valutata in un più ampio contesto clinico, dal quale non può essere staccata. Lettura ed interpretazione risentono della fase della gravidanza o travaglio in cui questa si applica, delle condizioni materne, dell età gestazionale, dell influenza di altri fattori, quali i farmaci, tutti elementi da considerare ai fini della interpretazione. Ne consegue, a maggior ragione, che le azioni che da quella interpretazione possono derivare sono da inserirsi nel contesto clinico (età gestazionale, reperto della visita, stadio del travaglio, organizzazione strutturale), cosicché azioni derivati dallo stesso tracciato possono essere diverse a seconda del contesto in cui sono realizzate. Questo spiega la difformità di interpretazione e di azioni suggerite che talvolta si trovano in letteratura. 1.4 Il sistema per la cardiotocografia computerizzata Un sistema per l analisi computerizzata della FCF è costituito da due componenti, schematicamente anche se non necessariamente separati: un cardiotocografo, ovvero un apparecchiatura che tramite Doppler o ECG, rileva il segnale della FCF, dell attività contrattile uterina e dell attività motoria fetale un software per l analisi delle informazioni rilevate dal cardiotocografo, funzionante in genere su un personal computer. 13

14 Il segnale proveniente dal cardiotocografo, per essere acquisito dal PC, deve necessariamente essere convertito in forma digitale, tramite una scheda di acquisizione e conversione analogico / digitale, che solitamente è implementata nel cardiotocografo stesso. Ne PC è presente un software in grado di acquisire il segnale digitale operandone le opportune modifiche (eliminazione del rumore o artefatti, amplificazione del segnale, etc.) e memorizzandone i dati su un supporto magnetico, in genere un database contenente anche informazioni anagrafiche e cliniche relative alla paziente in esame. Inoltre i software di recente sviluppo consentono la visualizzazione del tracciato cardiotocografico e dei risultati dell analisi computerizzata direttamente su schermo, aggiornando i calcoli mentre è in corso la registrazione CTG (modalità on-line ) e permettendo, al termine della registrazione, la rianalisi del tracciato o l analisi di porzioni dello stesso, scelte dall utente (modalità off-line ) [7]. 1.5 rilevazione dei parametri cardiotocografici Il segnale relativo alla FCF viene ricavato dal PC mediante un campionamento verso la scheda di conversione analogico / digitale ad intervalli regolari. La frequenza di campionamento del segnale della FCF (canale US e EGC ) è diversa da sistema a sistema e varia da 10 Hz a 0.2 Hz circa. I sistemi computerizzati commercialmente disponibili, specie se utilizzati con cardiotocografi a rilevazione Doppler, utilizzano solitamente frequenze di campionamento relativamente basse, come il System che utilizza un campionamento ogni 3.75 secondi. Il campionamento del segnale relativo al tono uterino (canale toco ) viene generalmente effettuato a basse frequenze (maggiori di 1 Hz ) data la minore variabilità nel tempo di questo parametro. Alcuni sistemi, inoltre, effettuano la rilevazione dell attività della funzione di autocorrelazione. Questa funzione, presente ormai su tutti i cardiotocografi commercialmente disponibili, è stata introdotta allo scopo di ridurre od eliminare gli artefatti tipo jitter, dovuti all ampio spettro di segnali Doppler provocati dalle differenti 14

15 strutture in movimento del cuore fetale, identificando un singolo picco all interno del segnale Doppler di un battito cardiaco ed utilizzando il picco avente analoga posizione nel segnale Doppler relativo ai battiti successivi. Un parametro altrettanto importante è la qualità della registrazione, espressa numericamente come percentuale di battiti persi, ovvero non registrati, sull intero tracciato. È noto che la qualità della registrazione CTG mediante Doppler è in correlazione inversa con l epoca gestazionale: nei feti di epoca gestazionale inferiore a 30 settimane, ovvero quelli che in caso di ritardo di accrescimento od altre patologie andranno maggiormente incontro ad esiti perinatali, la percentuale di perdita di segnale può arrivare al 20% del totale, inficiando quindi l attendibilità della metodica. Infine, è possibile rilevare l attività motoria fetale, visualizzando i movimenti fetali sul tracciato CTG e permettendo la correlazione visiva e automatizzata con gli eventi della FCF (accelerazione, decelerazioni, variabilità). L attività motoria può essere registrata con un metodo di rilevazione soggettivo, facendo azionare alla madre un pulsante ogni volta che sente muovere il feto, o automaticamente dal cardiotocografo mediante una rilevazione ultrasonografica e utilizzo di differenti algoritmi matematici per l estrazione dell effettivo movimento fetale. Tutti i sistemi computerizzati utilizzati nella pratica clinica consentono la registrazione continua dei parametri appena descritti, con visualizzazione online su schermo dal tracciato CTG. I risultato dell analisi computerizzata vengono in genere visualizzati in contemporanea al tracciato CTG stesso [8]. 1.6 parametri derivati dall analisi computerizzata Linea di base della FCF Il principale parametro derivato dall analisi computerizzata della FCF è la cosiddetta FCF di base, la cui accurata determinazione è indispensabili ai fini della identificazione di accelerazioni e decelerazioni e della stima della variabilità della FCF. Le tecniche utilizzate in cardiotocografia computerizzata per la stima della FCF basale si possono ricondurre essenzialmente a quattro categorie, non mutualmente esclusive: 15

16 media dei dati della FCF in una finestra mobile, per rimuovere gli effetti delle fluttuazioni casuali; scelta del valore modale o del picco di frequenza più vicino al limite inferiore della distribuzione di frequenza dei valori della FCF; applicazione di un filtro digitale per la rimozione delle componenti di FCF ad elevata e bassa frequenza; disegno, da parte dell operatore, di una linea di base valutata mediante analisi visiva sulla quale il software procederà all analisi degli altri componenti del tracciato [9]. Accelerazioni e decelerazioni Le accelerazioni sono definite come periodi del tracciato CTG durante i quali la FCF si mantiene persistentemente al di sopra del valore della linea di base di un numero di battiti per minuto e per un periodo di tempo minimo variabili a seconda del sistema utilizzato; in alcuni sistemi le accelerazioni vengono definite come piccole e grandi, a seconda di quanto si allontani lo zenit della FCF rispetto alla linea di base. L identificazione delle decelerazioni viene effettuata in maniera analoga alle accelerazioni. Oltre al numero delle accelerazioni o decelerazioni in numero assoluto e standardizzato a 50 minuti di tracciato, i parametri forniti dai vari sistemi per ogni evento sono: la durata la distanza massima dalla linea di base l area dell accelerazione o della decelerazione espressa in battiti per minuto la distanza del nadir rispetto al picco della contrazione precedente (per quanto riguarda le decelerazioni) È importante che il sistema computerizzato, prima di segnalare come reale un accelerazione o una decelerazione, effettui un controllo della qualità della registrazione. Alcuni sistemi a tal proposito considerano come erronee decelerazioni caratterizzate dalla diminuzione della FCF maggiore di 35 battiti per minuto seguita nei successivi 10 minuti da un analoga risalita della FCF, attribuendo tale evento alla temporanea registrazione della frequenza cardiaca materna. Con tale espediente l incidenza dei tracciati cosiddetti decelerativi viene ridotta del 40% [10]. 16

17 Variabilità Mentre per i parametri appena discussi l analisi computerizzata della FCF, pur costituendo un metodo obiettivo, non fornisce informazioni aggiuntive sostanziali rispetto alla valutazione visiva, è nella misurazione della variabilità della FCF basale che tale tecnica guadagna un consistente vantaggio rispetto all analisi visiva. Infatti, la complessa analisi della variabilità a breve termine e a lungo termine, espresse sia in battiti per minuto che in millisecondi, trova particolare giovamento dall analisi computerizzata [11]. La variabilità della FCF, ovvero l ampiezza della fisiologica oscillazione della FCF in condizioni di base attorno ad un valore medio, è conseguente, nel feto in buona salute, a differenti fattori di cui uno dei più importanti è l interazione tra l attività del sistema nervoso simpatico e parasimpatico sul nodo del seno. Il sistema parasimpatico, tramite il nervo vago, esercita un effetto cronotropo negativo, mentre il sistema simpatico ha un azione opposta; inoltre, a causa di un alto turnover dell acetilcolina, la risposta del nodo del seno alla stimolazione vagale è più rapida, con conseguente oscillazione dell intervallo battito-battito [12]. La velocità di variazione della frequenza cardiaca ha quindi grande importanza clinica in quanto permette un riferimento alla capacità di adattamento del cuore fetale. Diversi fattori fisiologici esercitano un influenza sulla variabilità della FCF. Innanzitutto, i movimenti respiratori, modificano la pressione arteriosa, stimolano o inibiscono i barocettori causando il riflesso nervoso di Bainbridge e quindi incrementano la variabilità [13]. L ampiezza della variabilità è quindi condizionata dall interazione tra le influenze di tipo respiratorio (mediate dall azione del vago) ed influenze di tipo comportamentale, motorio (mediate dal sistema simpatico). In corso di movimenti respiratori, si verifica un aumento della variabilità battito-battito e della linea di base della FCF; mentre in caso di movimenti generalizzati corporei si verifica un incremento del valore della linea di base della FCF, ma una riduzione della variabilità [14]. La variabilità altresì aumenta con l aumentare dell epoca gestazionale, così come la durata delle fasi di elevata variabilità ed il numero di accelerazioni. Tale aumento si verifica primariamente durante le fasi di attività fetale [15]. 17

18 Dal punto di vista clinico vengono distinti in genere tre tipi di variabilità, definiti a breve, medio e a lungo termine, a seconda della distanza in termini di tempo tra il primo e l ultimo valore di FCF a cui l indice utilizzato per il calcolo dell ampiezza della variazione di FCF fa riferimento [16]. La variabilità a breve termine è di solito calcolata sulla base delle differenze tra i successivi valori di FCF campionati dal sistema: l intervallo di tempo tra i successivi valori della FCF implicati nel calcolo di tale tipo di variabilità varia di conseguenza a seconda della frequenza di campionamento del sistema computerizzato che si sta utilizzando. Il significato clinico di tale parametro, che si esprime matematicamente in battiti al minuto, in millisecondi o utilizzando indici adimensionali, è la stima dell attività reciproca dei sistemi nervosi simpatico e parasimpatico nella loro influenza sul nodo del seno, e quindi, indirettamente, la stima del sistema nervoso autonomo centrale [17]. La variabilità a medio termine viene di solito calcolata su un minuto di registrazione, utilizzando differenti algoritmi, e viene espressa znch essa in battiti per minuto, millisecondi o con indici adimensionali. Tale tipo di variabilità viene di solito considerato maggiormente importante ai fini clinici in quanto contiene maggiori informazioni rispetto alla variabilità a breve termine, comprendendo anche le variazioni delle FCF associate ai movimenti fetali. Inoltre, in termini strettamente aritmetici la variabilità a medio termine assume valori cinque volte superiori a quelli della variabilità a breve termine, e quindi tende a variare in misura maggiore ed in modo più facilmente riconoscibile in condizioni patologiche. La differenza, nell utilizzo clinico, dei due tipi di variabilità appena descritti è incerta ma comunque difficilmente rilevante, dato che fra i due valori di variabilità esiste una forte associazione. È comunque opportuno, nella valutazione clinica del tracciato cardiotocografico, tenere conto di entrambi i tipi di variabilità, a breve e medio termine, in quanto alcuni tipi di tracciato, in particolare quello sinusoidale, si presentano con variabilità a medio termine entro i limiti della norma, ma con variabilità a breve termine al di sotto del limite di normalità [18]. La variabilità a lungo termine viene calcolata su periodi di tempo superiori al minuto di registrazione, in genere sull intero tracciato. La mancanza di un accordo 18

19 generale circa i criteri di tempo con i quali definire tale parametro, oltre al fatto che da studi preliminari tale tipo di variabilità non sembra essere in grado di discriminare feti normali e feti con ipossia o acidosi, ne ha impedito l applicazione nella pratica clinica, tanto che a tutt oggi per variabilità a lungo termine si intende la variabilità precedentemente definita come a medio termine [19]. 1.7 I sistemi computerizzati oggi in commercio Sistema 2CTG Tale sistema è composto da un cardiotocografo Hewlett-Packard M135x con trasduttore ultrasonico, da un PC Hewlett-Packard Laser Jet IIIP, e da una interfaccia digitale 590 per l acquisizione attraverso la porta seriale RS232 del cardiotocografo, in tempo reale dei seguenti dati: intervallo di tempo tra una contrazione cardiaca e la successiva stato di attivazione della funzione di autocorrelazione valori della tocodinamometria, interna od esterna attività motoria fetale, rilevata automaticamente dal cardiotocografo o manualmente attraverso un pulsante Il software del 2CTG permette l acquisizione di dati ad intervalli minimi di 250 msec in un tempo inferiore ai 5 msec e dialoga con l utente attraverso l interfaccia windows 95/98 permettendo così una notevole facilità di utilizzo [20]. System Il sistema computerizzato per l analisi della FCF più diffuso è senz altro il System 8000, messo in commercio dalla Sonicaid (Oxford - UK), che si basa su algoritmi messi appunto da Dawes e Redman. Il System 8000 è costituito da un cardiotocografo provvisto di interfaccia RS232 e sistema di auto correlazione. Il software ad intervalli minimi di 100 msec acquisisce dal cardiotocografo: l intervallo tra i battiti fetali con un precisione di 1 msec la funzione di autocorrelazione 19

20 il valore della tocodinamometria ed infine l attività motoria fetale rilevata automaticamente o tramite un pulsante dalla madre La misura dell intervallo tra i battiti cardiaci viene inizialmente testata tramite un semplice algoritmo che esclude gli errori di lettura; gli intervalli validi sono mediati su un periodo di 3.75 sec e la media viene registrata. È possibile avere un idea della qualità della registrazione valutando la percentuale di medie per le quali non c è una valida misura della FCF; se tale percentuale supera il 30% delle misurazioni negli ultimi 5 minuti, il sistema segnala all utente la scarsa qualità della registrazione. Decelerazioni ed accelerazioni nelle quali la perdita di segnale sia maggiore del 50% sono definite non valide ed ignorate [21]. Improvvisi cambiamenti della FCF maggiori di 35 bpm, con altrettanto improvvisi ritorni alla FCF di base, sono segnalati come errori e non valutati, in quanto spesso sono dovuti alla momentanea percezione del battito materno. Dawnes notò che l incidenza di tali errori è dell 8.4 % su mille registrazioni effettuate con il cardiotocografo Hewlett-Packard 8040 A e del 6.2 % su 500 registrazioni fatte con il Sonicaid FM7, il quale usa un differente algoritmo per l autocorrelazione [22]. Le contrazioni sono definite anche come minime deviazioni dalla linea di base che durino più di 30 secondi. Il calcolo della FCF è effettuato valutando la distribuzione di frequenza di 64 medie degli intervalli tra i segnali R-R, valutate su periodi di 3.75 sec; da questa distribuzione, comprendente quindi un periodo di registrazione di 4 minuti, è ricavato il valore modale: esso è usato per costruire una linea di base per tutta la serie di medie degli intervalli tra i segnali, limitandone le oscillazioni tramite un filtro digitale centrato attorno a 0.1 min [23]. La funzione del filtro si svolge limitando i valori da includere successivamente nella linea di base a quelli non eccedenti il limite di -40/+60 msec di differenza con l intervallo scelto come riferimento. Per evitare le valutazioni subottimali in presenza di tracciati saltatori, o comunque con picco modale della distribuzione di frequenza situato all estremità alta della distribuzione stessa, il sistema considera come valore di riferimento il valore modale del picco più basso nella distribuzione di frequenza della FCF, a patto che questo valore sia superiore ai 5 valori successivi. Quindi anche in presenza di una distribuzione di frequenza piatta, viene preso come valore di riferimento 20

su registrazione frequenza cardiaca fetale registrazione contrazioni uterine Verifica dell effetto delle c.u. o dei MAF sulla FCF

su registrazione frequenza cardiaca fetale registrazione contrazioni uterine Verifica dell effetto delle c.u. o dei MAF sulla FCF Nata x la diagnostica in travaglio di parto Sibasasu: su registrazione frequenza cardiaca fetale registrazione contrazioni uterine Verifica dell effetto delle c.u. o dei MAF sulla FCF Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

GC = F x Gs. Gli aumenti di GC sono possibili grazie ad aumenti della frequenza cardiaca e della gittata sistolica.

GC = F x Gs. Gli aumenti di GC sono possibili grazie ad aumenti della frequenza cardiaca e della gittata sistolica. Volume di sangue espulso dal cuore in un minuto. Dipende dalle esigenze metaboliche dell organismo e quindi dal consumo di O 2 Consumo O 2 medio in condizioni basali 250 ml/min GC = 5 l/min Consumo O 2

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

STAN -sorveglianza fetale

STAN -sorveglianza fetale STAN -sorveglianza fetale info@it.neoventa.com www.it.neoventa.com Prefazione Il materiale didattico e di formazione Sorveglianza fetale è stato sviluppato per consentire al personale ostetrico il facile

Dettagli

VALVOLE unidirezionalita del flusso TONI CARDIACI:

VALVOLE unidirezionalita del flusso TONI CARDIACI: IL CICLO CARDIACO LO SCHEMA ILLUSTRA L ANDAMENTO TEMPORALE DI PRESSIONE, FLUSSO E VOLUME VENTRICOLARE, I PRINCIPALI PARAMETRI EMODINAMICI, DURANTE IL CICLO CARDIACO. TRA LA CHIUSURA DELLA VALVOLA MITRALE

Dettagli

Sonicaid. Lactate Pro TM

Sonicaid. Lactate Pro TM Sonicaid Lactate Pro TM 1.IL PRODOTTO IN BREVE 1.I Descrizione Il Lactate Pro è un dispositivo che rileva la concentrazione di lattato nel sangue, per la sua precisione, praticità ed economia di esercizio

Dettagli

VALVOLE unidirezionalita del flusso TONI CARDIACI:

VALVOLE unidirezionalita del flusso TONI CARDIACI: IL CICLO CARDIACO LO SCHEMA ILLUSTRA L ANDAMENTO TEMPORALE DI PRESSIONE, FLUSSO E VOLUME VENTRICOLARE, I PRINCIPALI PARAMETRI EMODINAMICI, DURANTE IL CICLO CARDIACO. TRA LA CHIUSURA DELLA VALVOLA MITRALE

Dettagli

DIAGNOSI di GRAVIDANZA

DIAGNOSI di GRAVIDANZA DIAGNOSI di GRAVIDANZA Anamnesi ed Esame Obiettivo Generale Segni di Gravidanza ed danamnesi Ostetrica t Esame Ostetrico Esami di laboratorio Ecografia Segni di Gravidanza SEGNI DI PROBABILITÀ amenorrea

Dettagli

Sezione Ticino. Gravidanza

Sezione Ticino. Gravidanza Sezione Ticino Gravidanza Una gravidanza normale dura circa 40 settimane ovvero 280 giorni dal primo giorno dell ultima mestruazione. Si considera a termine un bambino nato tra 37+0 e 41+6 e viene considerato

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo FITWALKING: 10000 PASSI PER LA SALUTE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - WALKING E FITWALKING - 10000 passi al giorno e risposta dell'apparato cardiocircolatorio e respiratorio - 10000 passi al giorno

Dettagli

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione

GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA. Le risposte fisiologiche dell immersione GLI EFFETTI DELL ESERCIZIO IN ACQUA Le risposte fisiologiche dell immersione L acqua È importante che chi si occupa dell attività in acqua sappia che cosa essa provoca nell organismo EFFETTI DELL IMMERSIONE

Dettagli

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare

Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare Il cuore è un organo muscolare situato nella cavità toracica, sotto lo sterno e spostato leggermente a sinistra; esso ha la funzione di far circolare il sangue nell organismo per apportare ossigeno e nutrimento

Dettagli

Esecuzione corretta della CTG: errori da non commettere da casi clinici

Esecuzione corretta della CTG: errori da non commettere da casi clinici Corso pre congressuale Valutazione del benessere fetale in travaglio Esecuzione corretta della CTG: errori da non commettere da casi clinici Nicoletta Telleri ASPETTI TECNICI: L esecuzione del tracciato

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo

LE BEVANDE NERVINE. Savorè Giulia & Alberto Peraudo LE BEVANDE NERVINE Savorè Giulia & Alberto Peraudo Indice Aspetti generali Caffè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà La pianta Ciclo produttivo Tè Proprietà Caratteristiche nutrizionali Varietà

Dettagli

Azioni neuroendocrine Apparato riproduttivo Sistema nervoso centrale

Azioni neuroendocrine Apparato riproduttivo Sistema nervoso centrale 1 I progestinici sono composti con attività simile a quella del progesterone e includono il progesterone e agenti simili come il medrossiprogesterone acetato (pregnani), agenti simili al 19-nortestosterone

Dettagli

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi?

I CRAMPI NEL RUNNER. Come faccio a prevenire i crampi? oppure perché vengono i crampi? I CRAMPI NEL RUNNER Ai bicipiti femorali o ai polpacci, i crampi, contrazioni muscolari involontarie, sono sempre molto fastidiosi e a volte dolorosi. La decisione di trattare questo argomento è nata dalle

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE COME AGISCE IL CRO SYSTEM? Ottimizza la performance muscolare potenziando marcatamente la sensibilità propriocettiva, ovvero la raccolta di informazioni da muscoli, articolazioni ed ossa, su cui si basa

Dettagli

Onde armoniche o sinusoidali

Onde armoniche o sinusoidali Onde armoniche o sinusoidali v = ν = T 1 A T ν = v y x 2π y = Asen ± ( x vt ) 2π = Asen x ± 2πνt Il suono Il suono è un onda longitudinale di compressione e rarefazione del mezzo in cui l onda si propaga.

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

Ansia tra normalità e patologia

Ansia tra normalità e patologia Ansia tra normalità e patologia Introduzione: lo stress Il termine stress indica la reazione fisiologica causata dalla percezione di situazioni avverse o minacciose. E un termine mutuato dall ingegneria,

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria

Scienze. Classe 2^ Scuola Secondaria Classe 2^ Scuola Secondaria Scienze COMPETENZA DI RIFERIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO CONOSCENZE Osservare, analizzare e descrivere fenomeni appartenenti alla realtà naturale e agli aspetti della vita

Dettagli

passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici)

passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici) sistema linfatico passaggio unidirezionale del liquido interstiziale dai tessuti alla circolazione sistemica estremità a fondo cieco (capillari linfatici) 51 pareti formate da un singolo strato di endotelio

Dettagli

Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva

Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva benefici Rimodellamento della postura scheletrica Rilassamento psico-fisico Rilassamento muscolare Potenziamento muscolare Abbattimento dello stress Accrescimento

Dettagli

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad

Ritorno venoso. Ingresso nel letto arterioso CUORE. P ad Ritorno venoso GC Ingresso nel letto arterioso Eiezione Riempimento CUORE P ad Ra RV Ingresso cuore Rv Mediamente, il volume di sangue che torna al cuore (RV), è uguale a quello che viene immesso nel letto

Dettagli

Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva

Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva Struttura ergonomica a risonanza propriocettiva Keope MFV il modo più naturale per stare bene Keope MFV è una struttura ergonomica essenziale, che attraverso la vibrazione meccanica, con il corpo in completo

Dettagli

Training autogeno. G. Larghi 2

Training autogeno. G. Larghi 2 TRAINING AUTOGENO Una piacevole tecnica di autorilassamento per recuperare in modo immediato uno stato di completo benessere fisico e mentale. G. Larghi 1 Training autogeno È un metodo di autodistensione

Dettagli

PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA: I TEST DIAGNOSTICI

PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA: I TEST DIAGNOSTICI Università degli Studi di Padova CICLO DI LEZIONI SCIENZE DI BASE PER I DOTTORATI DI RICERCA DELL AREA MEDICA Anno accademico 2005-06 Temi di Statistica ed Epidemiologia PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA:

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

COLESTEROLO. l insidioso killer del cuore. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate COLESTEROLO l insidioso killer del cuore A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è il COLESTEROLO Il Colesterolo è una sostanza che appartiene

Dettagli

Capitolo 1. Dimagrimento e calo ponderale

Capitolo 1. Dimagrimento e calo ponderale Introduzione Numerosi anni di esperienza nel settore Fitness come Personal Trainer mi hanno consentito di assistere ai meravigliosi e strabilianti mutamenti fisici di centinaia di persone; le loro manifestazioni

Dettagli

Il caffè si ottiene dalla macinazione dei chicchi di una pianta del genere COFFEA. Le più utilizzate sono:

Il caffè si ottiene dalla macinazione dei chicchi di una pianta del genere COFFEA. Le più utilizzate sono: IL CAFFE Il caffè si ottiene dalla macinazione dei chicchi di una pianta del genere COFFEA. Le più utilizzate sono: COFFEA ARABICA (più pregiata) : da origine a caffè meno amaro di quello ottenuto dalla

Dettagli

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa

Promensil. Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita. Contro i disturbi della menopausa Quando la vita ti cambia... Promensil ti cambia la vita Promensil Contro i disturbi della menopausa Isoflavoni del Trifoglio rosso Scientificamente testato Riduce i disagi Integra le carenze Protegge dall

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE

GRAVIDANZA GEMELLARE DOTT. DOMENICO MOSSOTTO SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA GRAVIDANZA GEMELLARE La gravidanza gemellare è un evento che avviene per ovulazione multipla (vedi caso A, illustrato successivamente), o

Dettagli

Il ciclo nutrizione / digiuno

Il ciclo nutrizione / digiuno Il ciclo nutrizione / digiuno Aspetti generali La fase di assorbimento è il periodo che va dalle 2 alle 4 ore successive all assunzione di un pasto. Durante questo intervallo si verifica un transitorio

Dettagli

L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO

L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO L' APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO è un sistema complesso costituito dal cuore e da una serie di condotti, i vasi sanguigni dentro i quali scorre il sangue. Il modo più semplice

Dettagli

Volume liquidi corporei. Rene

Volume liquidi corporei. Rene A breve termine Riflesso barocettivo A lungo termine Controllo volume ematico Quota introduzione liquidi RPT GC Pa Volume liquidi corporei Rene Diuresi Un modo per regolare la Pa è quello di aggiungere

Dettagli

DIABETE GESTAZIONALE

DIABETE GESTAZIONALE DIABETE GESTAZIONALE SOMMARIO DEFINIZIONE 03 PERCHÈ VIENE IL DIABETE GESTAZIONALE E COME GESTIRLO 04 COME CONTROLLARE IL DIABETE 06 UN CORRETTO STILE DI VITA 08 DALLA NASCITA DEL BAMBINO IN POI 10 DEFINIZIONE

Dettagli

ETANOLO. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente diverse funzioni fisiologiche.

ETANOLO. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente diverse funzioni fisiologiche. L etanolo, nonostante l elevato valore energetico, non può essere considerato un nutriente poiché: non svolge una funzione plastica non è essenziale. Tuttavia influenza sia positivamente che negativamente

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori

Prevenzione delle malattie cardiovascolari. Percorso per le classi quinte superiori Prevenzione delle malattie cardiovascolari Percorso per le classi quinte superiori Per cominciare qualche cenno di anatomia Il cuore Il cuore è un organo di tessuto muscolare striato, detto miocardio,

Dettagli

CAPITOLO 3 La regolazione della frequenza cardiaca fetale

CAPITOLO 3 La regolazione della frequenza cardiaca fetale Indice CAPITOLO 1 Tecnica ed apparecchiature I segnali dell attività cardiaca Tecniche di rilievo dei segnali Analisi dell ultrasonogramma Doppler ECG fetale Cenni storici dell ECG fetale Elettrofisiologia

Dettagli

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene.

I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

Il respiro è la capacità d immettere ed espellere aria dai polmoni, la capacità respiratoria viene misurata come

Il respiro è la capacità d immettere ed espellere aria dai polmoni, la capacità respiratoria viene misurata come PARAMETRI VITALI Definizione : I parametri vitali esprimono le condizioni generali della persona. Principali parametri vitali 1- Respiro 2- Polso 3- Pressione arteriosa 4- Temperatura corporea RESPIRO

Dettagli

Teofillina: meccanismo d azione 1

Teofillina: meccanismo d azione 1 Teofillinici Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo 1 Teofillina 3 HC N

Dettagli

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato).

SISTEMI ENERGETICI. L ATP privato di uno dei suoi 3 radicali fosforici diventa ADP (adenosindifosfato). SISTEMI ENERGETICI LE FONTI ENERGETICHE MUSCOLARI I movimenti sono resi possibili, dal punto di vista energetico, grazie alla trasformazione, da parte dei muscoli, dell energia chimica ( trasformazione

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D

AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA U.O. Ambulatori Cardiologici Specialistici di Screening e Pre-ospedalizzazione LE TECNOLOGIE PIU AVANZATE: TDI PULSATO E COLORE 2D SPECKLE TRACKING 3D Federica Sambugaro DOPPLER

Dettagli

E ARRIVATO IL «SUCCO DELLA VITA» SUCCO al 100%, non da concentrato, Senza additivi, coloranti e aromi, né acqua o zuccheri aggiunti

E ARRIVATO IL «SUCCO DELLA VITA» SUCCO al 100%, non da concentrato, Senza additivi, coloranti e aromi, né acqua o zuccheri aggiunti E ARRIVATO IL «SUCCO DELLA VITA» SUCCO al 100%, non da concentrato, Senza additivi, coloranti e aromi, né acqua o zuccheri aggiunti Nuova Linea di Succhi dalle spiccate proprietà benefiche: per rinforzare

Dettagli

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI

ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI ASPETTI TERMODINAMICI DEI SISTEMI BIOLOGICI Sistemi biologici: soggetti a complessi processi di trasformazione e scambio di energia; I sistemi biologici sono costituiti perlopiù da quattro elementi: H,

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Misure in Campo Biomedico. Modulo Biosensori. Daniele Mazzei www.danielemazzei.it - mazzei@di.unipi.it

Misure in Campo Biomedico. Modulo Biosensori. Daniele Mazzei www.danielemazzei.it - mazzei@di.unipi.it Misure in Campo Biomedico Modulo Biosensori Daniele Mazzei www.danielemazzei.it - mazzei@di.unipi.it Dettagli sul corso Page 2 Programma di massima Misure in campo biomedico Aspetti carattere generale

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 6 GHIANDOLE SURRENALI ZONE Struttura La porzione più esterna della corticale, la zona glomerulare, è costituita da piccole cellule mentre la porzione centrale,

Dettagli

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti.

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti. Il principali compiti derivanti dall assunzione periodica di cibo sono: -assicurare il giusto fabbisogno energetico necessario alla vita ed all attività muscolare (tenendo conto che entrate ed uscite devono

Dettagli

CORSO TEORICO-PRATICO DI ELETTROCARDIOGRAFIA PER INFERMIERI

CORSO TEORICO-PRATICO DI ELETTROCARDIOGRAFIA PER INFERMIERI Novi Ligure, 10-11 Dicembre 2007 CORSO TEORICO-PRATICO DI ELETTROCARDIOGRAFIA PER INFERMIERI Gabriele Zaccone Laura Giorcelli L ELETTROCARDIOGRAMMA Laura GIORCELLI L ECG Significato Esecuzione Interpretazione

Dettagli

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE

PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Lega Friulana per il Cuore PERCHE L ATTIVITA FISICA E SALVACUORE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico della

Dettagli

APPARATO CIRCOLATORIO

APPARATO CIRCOLATORIO APPARATO CIRCOLATORIO 1 FUNZIONI F. respiratoria e nutritiva F. depuratrice F. di difesa (trasporto di O 2, principi alimentari...) (trasporto di CO 2 e altre sostanze di scarto) (nei confronti dei batteri

Dettagli

La contrazione deve essere coordinata e simultanea in tutte le cellule che costituiscono gli atri e i ventricoli.

La contrazione deve essere coordinata e simultanea in tutte le cellule che costituiscono gli atri e i ventricoli. 1 La contrazione deve essere coordinata e simultanea in tutte le cellule che costituiscono gli atri e i ventricoli. La contrazione è innescata dal potenziale d azione che nel cuore insorge spontaneamente

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

Regolazione della circolazione

Regolazione della circolazione Regolazione della circolazione Le funzioni circolatorie vengono regolate da meccanismi che ne assicurano il normale svolgimento in condizioni di riposo e in condizioni di aumentate esigenze. La regolazione

Dettagli

Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre)

Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre) Lezione di oggi (Lunedì 19 Novembre) ADATTAMENTI METABOLICI INDOTTI DALL ALLENAMENTO Obiettivi della lezione Scoprire come l allenamento possa ottimizzare il rendimento dei sistemi energetici e sviluppare

Dettagli

Dr. Mentasti Riccardo

Dr. Mentasti Riccardo APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Anatomia, fisiologia e principali patologie Dr. Mentasti Riccardo Apparato cardiocircolatorio Apparato costituito da cuore e vasi della circolazione sistemica e polmonare avente

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

DECISION MAKING. E un termine generale che si applica ad azioni che le persone svolgono quotidianamente:

DECISION MAKING. E un termine generale che si applica ad azioni che le persone svolgono quotidianamente: DECISION MAKING E un termine generale che si applica ad azioni che le persone svolgono quotidianamente: Cosa indosserò questa mattina? Dove e cosa mangerò a pranzo? Dove parcheggerò l auto? Decisioni assunte

Dettagli

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino.

ll consumo di bevande alcoliche durante la gravidanza e l allattamento può avere effetti dannosi sulla salute del bambino. NON BERE BEVANDE ALCOLICHE IN GRAVIDANZA ED IN ALLATTAMENTO U.O. Consultorio Familiare Distretto n 1 e n 2 Ostetrica t CRISTINA FILIPPI Ostetrica BIANCA PIVA 1 Non bere bevande alcoliche in gravidanza

Dettagli

Ischemia, lesione e infarto

Ischemia, lesione e infarto 12 Ischemia, lesione e infarto 192 Rapida e accurata interpretazione dell ECG Il muscolo cardiaco deve ricevere un apporto ematico sufficiente tramite la propria rete di vasi arteriosi, denominati arterie

Dettagli

Modello mono-compartimentale

Modello mono-compartimentale Modello mono-compartimentale Cinetica di invasione (cinetica di I ordine): [1] C ( t) D V D (1 e C (t) = concentrazione plasmatica al tempo t D=dose assorbibile K V D =volume di distribuzione all equilibrio

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

MISURAZIONI E MISURE

MISURAZIONI E MISURE MISURAZIONI E MISURE Nel momento in cui studiamo una proprietà di un corpo materiale, vediamo se questa risponde in modo positivo o negativo alla nostra considerazione. Possiamo includerlo o escluderlo

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

La regolazione della circolazione è caratterizzata da:

La regolazione della circolazione è caratterizzata da: Per regolazione della circolazione si intendono tutti i meccanismi di controllo che assicurano il normale svolgimento delle funzioni circolatorie in condizioni di riposo e in condizioni di aumentate esigenze.

Dettagli

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi

Sensori e trasduttori. Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Sensori e trasduttori Dispense del corso ELETTRONICA L Luca De Marchi Gli Obiettivi Struttura generale di sistemi di controllo e misura Sensori, trasduttori, attuatori Prima classificazione dei sistemi-sensori

Dettagli

29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. x B. i nervi. D. le vene.

29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. x B. i nervi. D. le vene. Tema 2. Corpo umano 29 I segnali sensoriali (vista, udito, gusto, odorato, tatto) arrivano al cervello attraverso A. i muscoli. C. le arterie. B. i nervi. D. le vene. 30 Quale delle seguenti NON è una

Dettagli

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1 PROVE DI CARICO 1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1.1.1 L attrezzatura Le prove di carico sono eseguite utilizzando l apparecchiatura denominata Collaudatore GS progettata

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI.

Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Valutazione dell IG di Frollini tradizionali e preparati con farina con l aggiunta del % di Freno SIGI. Premessa L'indice glicemico (IG) di un alimento, definito come l'area sotto la curva (AUC) della

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

La variabilità della frequenza cardiaca

La variabilità della frequenza cardiaca Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia C Corso integrato di metodologia medico-scientifica e scienze umane II Fisica ed epistemologia La variabilità della frequenza cardiaca Prof. C. Cammarota Dipartimento

Dettagli

MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE

MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 2 FISIOPATOLOGIA DELL APPARATO CARDIOVASCOLARE ANATOMIA DEL CUORE Il cuore è un organo cavitario dell app. cardiovascolare situato nella cavità toracica tra i due polmoni e

Dettagli

http://sds.coniliguria.it 1

http://sds.coniliguria.it 1 Aspetti metabolici dell esercizio fisico Genova 22 gennaio 2011 A cura di Attilio TRAVERSO http://sds.coniliguria.it 1 L allenamento produce modificazioni fisiologiche (adattamenti) in quasi tutti i sistemi

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Corso per soccorritori volontari L APPARATO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA. Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA

Corso per soccorritori volontari L APPARATO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA. Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA Corso per soccorritori volontari L APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO -CENNI DI ANATOMIA E DI FISIOLOGIA Antonio Murolo CRI Fermignano Istruttore TSSA DEFINIZIONE: INSIEME DI ORGANI CHE CONCORRONO ALLA MEDESIMA

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

S.I.T. srl 4 febbraio 2008. Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici

S.I.T. srl 4 febbraio 2008. Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici Dispositivo indossabile per la misura di parametri biometrici Indice degli argomenti Indice delle figure...2 Introduzione...3. Parametri misurati dal sistema Hornet...4 2. Caratteristiche hardware del

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

TESSUTO DEL MIOCARDIO. 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte.

TESSUTO DEL MIOCARDIO. 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte. TESSUTO DEL MIOCARDIO 1. Masse atriali e ventricolari, costituite da tessuto muscolare contrattile con proprietà elettriche distinte. 2. Tessuto di conduzione, costituito da tessuto muscolare specializzato

Dettagli

Baby Sound. Doppler Fetale

Baby Sound. Doppler Fetale Baby Sound Doppler Fetale Attenzione Il presente manuale di istruzioni include informazioni che sono protette dalla legge sul copyright. Tutti i diritti sono riservati. Senza la nostra autorizzazione scritta,

Dettagli

La Velocità. Terzo incontro P.O.M.S. Relatore Averoldi Michele. Venerdi 24 Ottobre 2014

La Velocità. Terzo incontro P.O.M.S. Relatore Averoldi Michele. Venerdi 24 Ottobre 2014 La Velocità Terzo incontro P.O.M.S. Relatore Averoldi Michele La velocità Definizione e funzionamento Velocità (1) La velocità è la capacità di compiere movimenti di una certa ampiezza in un tempo limitato.

Dettagli

Sorveglianza fetale. Anna-Karin Sundström David Rosén K G Rosén

Sorveglianza fetale. Anna-Karin Sundström David Rosén K G Rosén Sorveglianza fetale Anna-Karin Sundström David Rosén K G Rosén info@neoventa.com www.neoventa.com Prefazione Il materiale didattico intitolato Sorveglianza fetale è stato sviluppato per fornire ad ostetrici

Dettagli

LA CORSA Test e mezzi di allenamento

LA CORSA Test e mezzi di allenamento LA CORSA Test e mezzi di allenamento Tecnico FITri Raimondo Mantese 1 Introduzione Intraprendere uno sport multiforme quale il triathlon comporta la necessaria conoscenza delle proprie capacità fisiche.

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb)

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb) LE FIBRE MUSCOLARI La fibra muscolare è considerata l' unità funzionale del muscolo scheletrico o, più semplicemente, una delle tante cellule che lo compongono. Ogni muscolo è infatti formato da un certo

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI

CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI Fondamenti di sicurezza elettrica PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA STUDIO DI INGEGENERIA MAGRINI POLLONI MARCO VIA SAN CARLO 5 27100 PAVIA TEL. 0382-21902 Impianti elettrici

Dettagli