I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI"

Transcript

1 I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione degli Uffici Finanziari delle singole amministrazioni provinciali, i dati risultanti dai conti consuntivi annuali e li analizza al fine di monitorare il processo di decentramento delle funzioni amministrative regionali in termini di rilevanza ed entità dei nuovi compiti attribuiti alle Province, con riferimento alla dimensione delle risorse finanziarie trasferite dalla Regione per il loro svolgimento. Le tabelle allegate indicano l entità dei diversi tipi di trasferimenti sia complessivamente per le otto Province che per ciascuna di esse, anche in relazione alle entrate complessive (tabelle 1, 1 bis e grafici 1 e 2), le variazioni intervenute rispetto all anno precedente (tab. 2), l ammontare dei trasferimenti per le diverse materie alle quali essi sono destinati (tab. 3 e grafico 3), la variazione dei trasferimenti per materia (tab. 4). Quanto emerge dai dati relativi all anno 2009 è evidenziato nella presente nota che si riferisce non solo ai dati finanziari e contabili di competenza, che riflettono gli impegni assunti dalla Regione con atti formali per il trasferimento di risorse, ma anche a quelli di cassa, relativi cioè alle somme effettivamente erogate nell anno, indicate per il complesso delle otto Province e per ciascuna di esse nell anno 2009 (tab. 5) e nell andamento degli ultimi sette anni, dal 2003, per il complesso delle otto Province (grafici 4 e 5). In sintesi nel 2009, rispetto al 2008: le risorse destinate agli investimenti sono diminuite di circa 15 milioni e mezzo di euro le risorse destinate alle spese correnti sono aumentate, in termini di competenza, di oltre 37 milioni e mezzo di euro (di essi circa 22 milioni riguardano i nuovi compiti esercitati dalle Province dal 2009 in materia di diritto allo studio) il peso complessivo dei trasferimenti regionali sul totale delle entrate provinciali è aumentato di oltre tre punti percentuali, raggiungendo il 47,6 % del totale, il 49,4 % per la sola parte relativa alle spese correnti in tutti i principali settori di attività svolti dalle Province a seguito del decentramento regionale si riscontrano aumenti di lieve entità nelle risorse messe a disposizione, in particolare per la viabilità (che si riprende in parte da una grossa contrazione riscontrata nell anno precedente), e per l istruzione (in quest ultimo caso per la motivazione sopra indicata) si riducono ulteriormente le risorse trasferite per il funzionamento della macchina provinciale impiegata nell esercizio delle funzioni decentrate, pari al 4,74% del totale all incremento delle somme di parte corrente che la Regione si è impegnata a trasferire corrisponde una diminuzione di quelle effettivamente erogate, per cui il debito regionale nei confronti delle otto Province, per le spese sostenute negli anni 2009 e precedenti, ammonta a 659 milioni e mezzo di euro 1

2 1. La dimensione complessiva dei trasferimenti regionali alle Province piemontesi (tabelle n 1 e 1 bis, grafico n 1) Dall analisi dei dati relativi all anno 2009 emerge che l ammontare complessivo di risorse finanziarie che la Regione ha destinato alle otto Province piemontesi è pari a circa 531 milioni di euro, cioè circa 22 milioni di euro in più rispetto al 2008 (+ 4,3 %). Occorre tuttavia tenere presente che dall anno 2009 le Province esercitano nuovi compiti decentrati dalla Regione in materia di diritto allo studio (l.r. 28 del 2007) per i quali sono trasferite ai bilanci provinciali le relative risorse (circa 22 milioni di euro di risorse correnti); per cui, confrontando i compiti svolti con le risorse assegnate, i mezzi messi a disposizione dalla Regione sono i medesimi dell anno precedente, in termini nominali. Il peso dei trasferimenti regionali complessivi (d investimento e correnti) sul totale delle entrate provinciali risulta nel 2009 pari al 47,6 %, cioè quasi tre punti percentuali e mezzo in più rispetto all anno precedente. Occorre tuttavia considerare che tale dato complessivo è il risultato di un differente andamento dei trasferimenti che riguardano gli interventi di investimento (pari al 9,4%) da una parte, e quelli correnti (pari al 90,6%), dall altra Le risorse per gli investimenti Le risorse regionali destinate agli investimenti provinciali sono ammontate a circa 50 milioni di euro, con una diminuzione, rispetto all anno precedente, di circa 15 milioni e mezzo di euro, cioè del 23,8%; tale riduzione é determinata sostanzialmente da un rilevante calo dei finanziamenti regionali alle Province per il piano della viabilità (circa 6 milioni in meno rispetto all anno 2008) e per quello di edilizia scolastica (circa 10 milioni in meno), non compensato da un lieve aumento di quelle destinate ai trasporti (circa 2 milioni e mezzo in più rispetto al 2008). Gli investimenti provinciali finanziati con risorse regionali hanno avuto negli ultimi sette anni il seguente andamento, sensibilmente variabile nei singoli anni in funzione dei programmi regionali. anno ammontare delle risorse regionali trasferite per investimenti % sul totale degli investimenti provinciali ,5 milioni 35,02 % ,8 53,9 % ,2 13,29 % ,4 22,4 % ,0 40,2 % ,5 32,9% ,9 35,5 % 2

3 1.2. Le risorse correnti Per quanto riguarda le risorse correnti trasferite alle Province, si registra il loro aumento rispetto all anno 2008; l ammontare complessivo è di 481, 2 milioni di euro, con un aumento, rispetto all anno precedente, di 37,7 milioni di euro, cioè del 8,5 %. Tenendo tuttavia conto che una parte consistente di tale incremento (circa 22 milioni di euro) è determinato dai finanziamenti necessari alla gestione degli interventi compresi nei programmi relativi al diritto allo studio, per i quali le Province, in attuazione della l.r. n. 28 del 2007, sono subentrate alla Regione, che fino al 2008 provvedeva direttamente, l incremento effettivo di risorse correnti trasferite dalla Regione alle otto Province ammonta a circa 15 milioni e mezzo di euro, cioè l aumento è stato del 3,5 % rispetto all anno 2008, nel quale si registrò invece un incremento, rispetto all anno precedente, del 15,2 %. L analisi dei dati degli ultimi sette anni fa emergere che nel 2009 le somme per spese correnti che la Regione ha formalmente destinato complessivamente alle otto Province sono per il secondo anno consecutivo aumentate (sia pure in misura inferiore ed in concomitanza con compiti nuovi in materia di istruzione). Di conseguenza la percentuale delle risorse correnti provenienti dalla Regione sul totale di quelle a disposizione delle Province risulta anch essa aumentata per portarsi al 49,4 %, cioè circa 3 punti percentuali in più rispetto all anno precedente: anno ammontare di risorse regionali trasferite per spese correnti % su totale delle entrate correnti provinciali ,0 milioni 43,84 % ,3 45,18 % ,0 43,64 % ,3 43,86 % ,8 43,07 % ,4 46,3 % ,2 49,4% 3

4 2. I trasferimenti regionali alle singole Province (tabelle n 1 e 2) A fronte dell andamento complessivo dei trasferimenti regionali accertati nel 2009, che segnala un aumento del peso delle risorse regionali nei bilanci provinciali, l andamento delle risorse trasferite si presenta in termini articolati nelle diverse Province. In particolare risulta che: con riferimento al complesso delle risorse (di investimento e correnti) in cinque Province (Alessandria, Asti, Cuneo, Torino e Verbano-Cusio-Ossola) si riscontra un incremento dei trasferimenti regionali; mentre nelle tre altre Province: a Biella, la diminuzione complessiva è determinata esclusivamente da un calo delle somme per investimenti, a Vercelli il calo è solamente sul versante delle entrate correnti, a Novara la diminuzione riguarda sia le spese correnti che quelle di investimento ; i dati che riguardano specificamente le risorse per investimenti indicano che due sole sono le Province che hanno fruito di maggiori somme rispetto all anno precedente, e cioè Verbano-Cusio-Ossola (+ 9 milioni) e Vercelli (+ 2 milioni) ; particolarmente rilevante il calo a Novara (- 11 milioni e mezzo); dall esame dei soli trasferimenti regionali per spese correnti risulta una diminuzione per le sole Province di Novara (-6,5 milioni) e Vercelli (- 4,1 ), mentre per le altre Province l incremento rispetto allo scorso anno si presenta in termini percentuali più significativi per il Verbano-Cusio-Ossola (+ 41,7 %) e Alessandria (+ 26%). Per quanto riguarda invece la distribuzione dei trasferimenti regionali sui diversi territori provinciali, sono significativi i dati relativi alla media per abitante delle sole risorse correnti regionali trasferite 1. In proposito si rileva per l anno 2009 che, a fronte di un valore medio su tutto il territorio regionale di 112,1 euro per abitante, i diversi valori provinciali sono compresi tra i 87,94 euro per Novara ed i 204,23 euro per il VCO. Nell anno precedente tali valori segnavano una media regionale di 103,31 euro e una differenziazione per Province tra 99,73 euro per Torino e 140,08 euro per il VCO. 1 L analisi della distribuzione territoriale delle risorse di investimento risponde necessariamente a differenti criteri, maggiormente legati a scelte di realizzazione di singole opere. 4

5 3. Le materie alle quali le risorse sono destinate (tabelle n 3 e 4, grafico n 3) 3.1. Le materie più rilevanti Considerando le sole materie per le quali l ammontare dei trasferimenti regionali alle Province assume una dimensione significativa (oltre i 5 milioni di euro annui per il complesso delle otto Province), si rileva che la destinazione delle risorse regionali trasferite riguarda in modo prevalente funzioni relative alla qualificazione delle risorse umane (formazione professionale ed istruzione) ed al loro inserimento lavorativo, nonché quelle per i servizi locali di trasporto, rispetto a quelle destinate ad altre infrastrutture e servizi. In particolare: la parte più rilevante dei trasferimenti regionali continua ad essere quella per la formazione professionale; le risorse destinate a tale settore di attività risulterebbero diminuite nel 2009, ammontando a 192 milioni e mezzo di euro (206 milioni nell anno precedente) e fermandosi al 36,2 % del totale delle risorse trasferite dalla Regione (nel 2008 erano oltre il 40 %); tuttavia, su tale diminuzione, si veda la precisazione riferita, sotto, al lavoro; oltre il 20 % del totale delle risorse trasferite dalla Regione (confermando il dato dello scorso anno) è destinato alle funzioni relative al trasporto locale, con un lieve incremento rispetto all anno 2008, con risorse che passano da quasi 106 milioni di euro a oltre 107; i restanti trasferimenti regionali riguardano principalmente sei altre materie gestite dalle Province per effetto del decentramento, tra le quali hanno maggiore rilevanza, in ordine di entità di risorse destinate: o al lavoro, le cui risorse risulterebbero incrementate, giungendo ad un ammontare complessivo per le otto Province pari a quasi 52 milioni di euro, contro i circa 36 milioni di euro dello scorso anno, passando al 9,76 % del totale (nel 2007 erano il 5, 95 % ed il 7,07 % nel 2008). (Nella valutazione di tale aumento occorre peraltro considerare che parte dei fondi regionali destinati al lavoro è stata utilizzata nel 2009 per iniziative di formazione professionale); o alla viabilità, per la quale si è registrata nel 2009 una lieve ripresa, tutta di risorse correnti (+ 17,5 milioni di euro) e con un calo di quelle di investimento (- 6,2 milioni di euro), con un trasferimento complessivo di poco meno di 40 milioni di euro (il 7,52 del totale dei trasferimenti regionali), contro i circa 28,7 milioni dello scorso anno (5,64 % del totale); l incremento di risorse correnti è collegato ai maggiori servizi resisi necessari in alcune Province (Cuneo, Torino e VCO) a causa di eccezionali andamenti delle condizioni atmosferiche (in particolare nevicate); o all istruzione, per la quale si è riscontrato un incremento rilevante delle risorse destinate alle spese correnti, in relazione al nuovo compito concernente l erogazione delle somme per il piano degli interventi per il diritto allo studio (l.r. 28/2007), passate da poco più di un milione a 22,8 milioni, ma anche una sensibile diminuzione delle risorse di investimento, diminuite di circa 10 milioni di euro; complessivamente pertanto le risorse che le otto Province ricevono dalla Regione per 5

6 l istruzione ammontano a 36,2 milioni (6, 83 % del totale) contro i circa 24, 5 milioni del 2008 (4,82 % del totale); o all agricoltura, le cui risorse trasferite sono lievemente aumentate, passando da circa 30 milioni di euro dello scorso anno (5,93 % del totale) ad oltre 31,6 milioni di euro (5,97 % del totale); occorre peraltro considerare che per tale materia le Province gestiscono moltissimi procedimenti per l erogazione di rilevanti risorse (dell ordine di milioni di euro all anno) liquidate tramite un apposito organismo (AGEA) e che quindi non transitano nei bilanci provinciali; o ai servizi sociali, le cui risorse sono lievemente incrementate nel 2009, rispetto all anno precedente, passando da circa 24 milioni a circa 25,5 milioni nel 2009 (dal 4,71 % al 4,82% del totale); o all ambiente, le cui risorse sono lievemente diminuite nel 2009, rispetto all anno precedente, passando da 7,6 milioni a circa 6 milioni (dall 1,5 all 1,1, del totale dei trasferimenti regionali); subiscono una netta riduzione i trasferimenti regionali che riguardano le attività produttive, le cui risorse passano da 6,2 nel 2008 a 0,4 milioni nel 2009, e quelli per la cultura, che passano da circa 6 milioni nel 2008 a circa 2,5 milioni nel 2009; l andamento dei trasferimenti in tali settori risente notevolmente della difficoltà a costruire in capo alle Province un ruolo organico, su compiti definiti Le altre materie Oltre alle due da ultimo richiamate, per altre sei materie i trasferimenti regionali raggiungono, per il complesso delle otto Province, importi di dimensione inferiore ai 5 milioni di euro. Occorre tuttavia segnalare che per una di esse, la tutela della fauna, si riscontra un ulteriore incremento dei trasferimenti correnti ( da 4,2 milioni nel 2008 a quasi 5 milioni nel 2009 (da 0,84 a 0,92 del totale dei trasferimenti regionali). Aumentano anche in modo rilevante (passando da 1,4 milioni nel 2008 a 4,5 milioni) le risorse trasferite per iniziative di politica giovanile. Risultano invece di entità sostanzialmente analoga a quella del precedente anno 2008, gli altri trasferimenti di minor rilevanza, concernenti il turismo, la protezione civile, lo sport e la commissione espropri. 6

7 4. I diversi canali per il trasferimento di risorse regionali alle Province (tabella n 1) Le analisi condotte hanno considerato, come già negli anni precedenti, i diversi stanziamenti tramite i quali la regione provvede all erogazione di risorse alle Province 2. Per quanto riguarda in particolare la parte dei trasferimenti contenuta nel fondo per il decentramento relativo alle spese di funzionamento connesse all esercizio delle nuove funzioni (escluse quindi le somme destinate alle spese rivolte all esterno dell ente per le specifiche funzioni decentrate), si evidenzia che l ammontare di tali risorse ha assunto, negli ultimi tre anni, una dimensione sempre più limitata. anno somme destinate alle spese di funzionamento % sul totale delle somme trasferite per l esercizio delle funzioni ,32 milioni 5,22 % ,42 4,54 % ,70 6,69 % ,03 6,10 % ,76 5,92 % ,00 5,30 % ,2 4,74 % 2 Tali stanziamenti sono considerati in tre differenti articolazioni: i fondi regionali per il decentramento, con i quali la Regione con riferimento a quanto previsto nell art.10 della l.r. n. 34 del 1998 ( Riordino delle funzioni e dei compiti amministrativi della Regione e degli Enti locali ) assicura annualmente alle Province ed agli altri enti locali destinatari di funzioni conferite con le leggi n. 17/1999, n. 44/2000 e 5/2001, una somma complessiva per il decentramento delle funzioni; essa è articolata in due parti: una destinata, senza vincoli quantitativi per le singole materie, alle spese di funzionamento connesse all esercizio delle nuove funzioni 2 ; l altra, per l esercizio delle nuove funzioni (cosiddette spese di intervento) quantificata e destinata specificamente con riferimento ad alcune materie, tra le molte conferite con le leggi regionali 44/00 e 5/01, quali politiche sociali, cultura, piccoli interventi di edilizia scolastica; i trasferimenti di settore, previsti da tutta una serie di altre singole leggi ovvero da deliberazioni regionali, che le Province devono destinare allo svolgimento di specifiche attività comprese in materie conferite, secondo vincoli definiti in varia misura dalla Regione stessa, anche con riferimento a puntuali modalità di impiego 2 ; una quota rilevante di tali trasferimenti di settore è alimentata da risorse dell Unione europea, in particolare in attuazione dei programmi dei fondi strutturali che investono materie conferite alla Provincia; singoli trasferimenti per contributi a specifiche iniziative e attività, riferite a funzioni e compiti di cui la Regione è rimasta titolare, che riguardano specifici progetti per la cui attuazione la Regione coinvolge le Province (quasi in una sorta di avvalimento ), secondo modalità che prevedono l assegnazione ad esse di risorse finanziarie. 7

8 L inadeguatezza della dimensione percentuale di tali somme (rispetto agli ordinari valori propri di qualsiasi amministrazione, pubblica o privata) destinate a sostenere costi generali per poter svolgere le nuove funzioni attribuite, nonché l incertezza sul loro ammontare, che invece dovrebbe essere quantificato in modo stabile per consentire il loro corretto impiego in fattori produttivi che comportano spese fisse (ad esempio utilizzo di risorse di personale), confermano le richieste delle Province per una revisione delle modalità per la definizione e l attribuzione di tale tipo di risorse. 5. Le risorse impegnate dalla Regione e quelle effettivamente erogate (tabelle n 5 e 6, grafici n 4 e 5) Le analisi e le indicazioni finora illustrate si riferiscono esclusivamente ai dati relativi alla parte di competenza dei consuntivi delle otto Province; esse riflettono cioè le somme che tali enti hanno accertato come crediti in relazione a quanto la Regione si è impegnata con atti formali ad erogare alle Province per l esercizio delle funzioni decentrate e per altre iniziative. E tuttavia assai significativo considerare, accanto a tali dati, anche quelli che riguardano le somme, in particolare quelle destinate a spese correnti, che sono state effettivamente erogate, dalla Regione alle otto Province, nell anno 2009 ed in quelli precedenti 3. Dai dati dei conti consuntivi delle otto Province relativi agli ultimi anni emerge che l effettivo flusso delle risorse con le quali la Regione finanzia tali Enti per svolgere i nuovi compiti attribuiti, è caratterizzato da una differenza assai rilevante rispetto agli importi accertati. La situazione concernente la differenza tra le somme accertate e quelle riscosse, relativamente ai soli trasferimenti regionali, è illustrata, per ciascuna Provincia e complessivamente, nella tabella n 5 per le risorse di parte corrente e nella tabella n 6 per quelle in conto capitale. Le riscossioni effettuate dalle Province in conto capitale ammontano nel 2009 ( tra residui e competenza) a quasi 118,7 milioni di euro su di un accertamento complessivo di 298 milioni, cioè il 29, 65 %, oscillante tra il 63,98 % di Alessandria e il 14,54 % di Vercelli. Per la parte corrente invece le Province hanno accertato entrate regionali (tra residui e competenza) per quasi milioni di euro, ma hanno riscosso solo poco più di 353 milioni di euro; l ammontare di quanto riscosso rappresenta cioè solo il 34,88 % delle somme accertate, oscillante tra il 54,86 % di Asti ed il 23,61 di Torino. 3 Occorre in proposito tenere conto che normalmente le somme di competenza, cioè quelle che risultano accertate nei consuntivi provinciali, in quanto per esse la Regione si è impegnata all erogazione, non coincidono, nel loro ammontare, a quelle effettivamente trasferite nei bilanci provinciali. Infatti i tempi necessari a realizzare nel corso dell anno i servizi che corrispondono alle funzioni trasferite comportano ordinariamente la formazione di residui attivi, cioè di crediti delle Province per le somme dovute dalla Regione in relazione ai servizi decentrati svolti nel precedente esercizio e pagati in quello immediatamente successivo; ciò può verificarsi in particolare per le somme, assai rilevanti, provenienti dai fondi dell UE, che, come é noto, sono soggette a complessi meccanismi di rendicontazione. Tali residui non creano particolari problemi quando gli effettivi trasferimenti di risorse avvengono nei primi mesi dell esercizio successivo a quello in cui i servizi sono stati svolti; e ciò in quanto in tali casi è possibile riscontare, nei dati a consuntivo dei singoli esercizi finanziari una sostanziale corrispondenza tra l ammontare degli accertamenti e delle riscossioni, salvaguardando nella sostanza gli equilibri di bilancio conseguenti al fatto che i servizi attivati ed i loro costi sono effettivamente sostenuti dalle Province con i mezzi incassati dalla Regione. Diversa si presenta la situazione illustrata in questa nota. Fonte: UPP 8

9 Per la parte corrente è significativo esaminare anche l andamento, nel tempo, del fenomeno considerato. Le analisi condotte dagli Uffici Finanziari delle otto Province piemontesi sugli accertamenti e sulle riscossioni di somme per il periodo dal 2003 al 2009 hanno messo in evidenza che, a fronte di un lieve incremento, di anno in anno, degli importi accertati come dovuti dalla Regione per ciascun esercizio in relazione ai compiti trasferiti alle Province, le relative riscossioni rese possibili di anno in anno, in conto residui e competenza, sono sempre state inferiori agli importi accertati. la percentuale del riscosso rispetto all accertato si è attestata su valori sempre più bassi, di anno in anno (eccetto che nell anno 2007), incrementando in tal modo nel tempo i residui attivi delle Province ed il corrispondente ammontare dei debiti della Regione. Dai dati riportati nei grafici n 4 e 5 emerge che l entità dei residui attivi provinciali, per la sola parte corrente, è venuta assumendo nel tempo una dimensione preoccupante; infatti il debito regionale, nei confronti delle otto Province, di entità pari a 283,6 milioni di euro nell anno 2003, è passato tre anni dopo, nel 2006, a 524,2 milioni di euro, ridiscendendo nell anno 2007 a seguito della prima denuncia del fenomeno da parte dell Unione delle Province piemontesi a 484 milioni. Dall anno 2008 la dimensione dei residui attivi delle Province nei confronti della Regione è nuovamente risalita e nel 2009 essa si attesta su di una dimensione di 659, 6 milioni di euro. Si tratta di una somma - che tra l altro corrisponde al 67,7 % delle entrate annuali di parte corrente delle otto Province piemontesi che desta preoccupazioni per il regolare funzionamento delle loro finanze e conseguentemente per l erogazione dei servizi ai cittadini e alle imprese. Per una parte tale somma si riferisce (specie per alcune e limitate attività di formazione professionale) a progetti pluriennali, ancora in corso e per le quali il debito provinciale nei confronti dei prestatori di servizi esterni non si è ancora perfezionato (ma comunque si perfezionerà entro breve tempo); così come è possibile che alcuni dei residui segnalati dalle Province cada in perenzione; tuttavia la maggior parte delle somme che le Province non riescono a riscuotere dalla Regione sono destinate a fare fronte a debiti provinciali già maturati nei confronti di terzi per prestazioni che riguardano attività decentrate alle quali sono destinati parte degli stanziamenti regionali non erogati. La criticità segnalata - oltre a determinare gravi difficoltà sia per soggetti ed imprese che vantano crediti per prestazioni svolte nei loro confronti, sia per l ordinario funzionamento delle amministrazioni provinciali, eventualmente costrette a costose anticipazioni - rischia di assumere anche un peso negli effetti del processo di decentramento amministrativo delle funzioni; vi è infatti il rischio di annullare i potenziali aspetti positivi del decentramento, configurando, in ultima analisi, tale processo esclusivamente in termini di trasferimento sull ente destinatario delle difficoltà finanziarie di altre amministrazioni, comprimendo necessariamente quegli spazi di manovra, a favore degli utenti dei servizi e della qualità delle prestazioni, che la maggiore prossimità della gestione dovrebbe comportare. Torino, 22 giugno

10 GRAFICI N 1 E 2 I TRASFERIMENTI REGIONALI DI RISORSE CORRENTI ALLE PROVINCE PIEMONTESI NEGLI ANNI milioni di euro ,2 429,3 443, ,3 384, anni IL TOTALE DELLE ENTRATE CORRENTI DELLE PROVINCE PIEMONTESI NEGLI ANNI milioni di euro , ,7 894,3 893, , anni

11 GRAFICO N 3 LE PRINCIPALI FUNZIONI ALLE QUALI SONO DESTINATE LE RISORSE TRASFERITE DALLA REGIONE ALLE PROVINCE PIEMONTESI NEGLI ANNI milioni di euro formazione professionale trasporti lavoro agricoltura viabilità istruzione servizi sociali

12 GRAFICI N 4 E 5 milioni di euro ACCERTAMENTI E RISCOSSIONI (COMP.+RESIDUI) DI RISORSE CORRENTI REGIONALI TRASFERITI ALLE PROVINCE PIEMONTESI NEGLI ANNI ,1 336,7 713,5 321, ,6 802, ,9 381,3 353, ,9 accerta menti riscoss ioni PERCENTUALE DELLE SOMME RISCOSSE DALLE PROVINCE PIEMONTESI SU QUELLE ACCERTATE A CARICO DELLA REGIONE NEGLI ANNI ,9% 47,2% 42,5% 34,7% 42,8% 41,1% 34,8%

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte

GLI INFORTUNI NELLE SCUOLE. Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Maria GULLO e Marilù TOMACIELLO INAIL Piemonte Perché questa particolare attenzione sugli infortuni? L'analisi degli incidenti/infortuni costituisce un momento di Art. 29 comma 3 Dlgs 81/08 fondamentale

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Provincia di Venezia

Provincia di Venezia Provincia di Venezia POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO Determinazione N. 1145 / 2014 Responsabile del procedimento: GRANDESSO NICOLETTA Oggetto: DEFINIZIONE DEL CRONO PROGRAMMA PER IL 2014/2016 RELATIVO AI

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10

ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 ENTI LOCALI LEGGE REGIONALE 29 OTTOBRE 2014, N. 10 Disposizioni in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte della Regione e degli enti a ordinamento regionale, nonché modifiche

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Statuti CAS Sezione Bregaglia

Statuti CAS Sezione Bregaglia Statuti CAS Sezione Bregaglia Art. 1 Costituzione Sotto il nome Club Alpino Svizzero (detto in seguito CAS) Sezione Bregaglia è costituita un associazione retta dal presente statuto e dagli art. 60 e seguenti

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO

ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO Docente: Dott. Martino Loddo mloddo@uniss.it Durata: : 8 ore Orario delle lezioni: 2626 febbraio h. 15,00-17,00 17,00 Aula F Scipol 44 marzo h.

Dettagli

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI. a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL'INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Luglio 2014 L Osservatorio congiunturale sull industria delle costruzioni è curato dalla

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

IL D I R I G E N T E

IL D I R I G E N T E IL D I R I G E N T E PREMESSO CHE: Con la Deliberazione n. 38-11131 del 30/03/2009 la Giunta regionale ha approvato le Misure e le linee di intervento per la valorizzazione del commercio urbano e per il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

CITTA DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine SETTORE TECNICO E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici e Manutenzioni

CITTA DI CERVIGNANO DEL FRIULI Provincia di Udine SETTORE TECNICO E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Lavori Pubblici e Manutenzioni LAVORO N. 01 CODICE C.U.P. F46D14000080002 OGGETTO INTERVENTO LAVORI DI COMPLETAMENTO EX SCUOLA ELEMENTARE DI VIA ROMA AD USO EDIFICIO PER SERVIZI SOCIO-SANITARI TIPOLOGIA INTERVENTO 07 Manutenzione Straordinaria

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE DEL MONDO RURALE E DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA COMPETITIVITÀ PER LO SVILUPPO RURALE Prot. 7399

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo ed ATA per il 2011/2012 Di cosa si tratta Si tratta della possibilità che ha il personale della scuola di poter partecipare alla "mobilità annuale", e cioè di poter prestare servizio, per un anno, in una scuola diversa da quella

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DEL DISTACCAMENTO COMUNALE DEI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 dell 8.04.2013 INDICE ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO...

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI 2015-2017

BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI 2015-2017 Allegato B Assessorato Bilancio e Finanze Direzione Risorse finanziarie Settore Bilancio BILANCIO PLURIENNALE PER GLI ANNI FINANZIARI - Ripartizione in Unità Previsionali di Base STATO DI PREVISIONE DELL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli