I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI"

Transcript

1 I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione degli Uffici Finanziari delle singole amministrazioni provinciali, i dati risultanti dai conti consuntivi annuali e li analizza al fine di monitorare il processo di decentramento delle funzioni amministrative regionali in termini di rilevanza ed entità dei nuovi compiti attribuiti alle Province, con riferimento alla dimensione delle risorse finanziarie trasferite dalla Regione per il loro svolgimento. Le tabelle allegate indicano l entità dei diversi tipi di trasferimenti sia complessivamente per le otto Province che per ciascuna di esse, anche in relazione alle entrate complessive (tabelle 1, 1 bis e grafici 1 e 2), le variazioni intervenute rispetto all anno precedente (tab. 2), l ammontare dei trasferimenti per le diverse materie alle quali essi sono destinati (tab. 3 e grafico 3), la variazione dei trasferimenti per materia (tab. 4). Quanto emerge dai dati relativi all anno 2009 è evidenziato nella presente nota che si riferisce non solo ai dati finanziari e contabili di competenza, che riflettono gli impegni assunti dalla Regione con atti formali per il trasferimento di risorse, ma anche a quelli di cassa, relativi cioè alle somme effettivamente erogate nell anno, indicate per il complesso delle otto Province e per ciascuna di esse nell anno 2009 (tab. 5) e nell andamento degli ultimi sette anni, dal 2003, per il complesso delle otto Province (grafici 4 e 5). In sintesi nel 2009, rispetto al 2008: le risorse destinate agli investimenti sono diminuite di circa 15 milioni e mezzo di euro le risorse destinate alle spese correnti sono aumentate, in termini di competenza, di oltre 37 milioni e mezzo di euro (di essi circa 22 milioni riguardano i nuovi compiti esercitati dalle Province dal 2009 in materia di diritto allo studio) il peso complessivo dei trasferimenti regionali sul totale delle entrate provinciali è aumentato di oltre tre punti percentuali, raggiungendo il 47,6 % del totale, il 49,4 % per la sola parte relativa alle spese correnti in tutti i principali settori di attività svolti dalle Province a seguito del decentramento regionale si riscontrano aumenti di lieve entità nelle risorse messe a disposizione, in particolare per la viabilità (che si riprende in parte da una grossa contrazione riscontrata nell anno precedente), e per l istruzione (in quest ultimo caso per la motivazione sopra indicata) si riducono ulteriormente le risorse trasferite per il funzionamento della macchina provinciale impiegata nell esercizio delle funzioni decentrate, pari al 4,74% del totale all incremento delle somme di parte corrente che la Regione si è impegnata a trasferire corrisponde una diminuzione di quelle effettivamente erogate, per cui il debito regionale nei confronti delle otto Province, per le spese sostenute negli anni 2009 e precedenti, ammonta a 659 milioni e mezzo di euro 1

2 1. La dimensione complessiva dei trasferimenti regionali alle Province piemontesi (tabelle n 1 e 1 bis, grafico n 1) Dall analisi dei dati relativi all anno 2009 emerge che l ammontare complessivo di risorse finanziarie che la Regione ha destinato alle otto Province piemontesi è pari a circa 531 milioni di euro, cioè circa 22 milioni di euro in più rispetto al 2008 (+ 4,3 %). Occorre tuttavia tenere presente che dall anno 2009 le Province esercitano nuovi compiti decentrati dalla Regione in materia di diritto allo studio (l.r. 28 del 2007) per i quali sono trasferite ai bilanci provinciali le relative risorse (circa 22 milioni di euro di risorse correnti); per cui, confrontando i compiti svolti con le risorse assegnate, i mezzi messi a disposizione dalla Regione sono i medesimi dell anno precedente, in termini nominali. Il peso dei trasferimenti regionali complessivi (d investimento e correnti) sul totale delle entrate provinciali risulta nel 2009 pari al 47,6 %, cioè quasi tre punti percentuali e mezzo in più rispetto all anno precedente. Occorre tuttavia considerare che tale dato complessivo è il risultato di un differente andamento dei trasferimenti che riguardano gli interventi di investimento (pari al 9,4%) da una parte, e quelli correnti (pari al 90,6%), dall altra Le risorse per gli investimenti Le risorse regionali destinate agli investimenti provinciali sono ammontate a circa 50 milioni di euro, con una diminuzione, rispetto all anno precedente, di circa 15 milioni e mezzo di euro, cioè del 23,8%; tale riduzione é determinata sostanzialmente da un rilevante calo dei finanziamenti regionali alle Province per il piano della viabilità (circa 6 milioni in meno rispetto all anno 2008) e per quello di edilizia scolastica (circa 10 milioni in meno), non compensato da un lieve aumento di quelle destinate ai trasporti (circa 2 milioni e mezzo in più rispetto al 2008). Gli investimenti provinciali finanziati con risorse regionali hanno avuto negli ultimi sette anni il seguente andamento, sensibilmente variabile nei singoli anni in funzione dei programmi regionali. anno ammontare delle risorse regionali trasferite per investimenti % sul totale degli investimenti provinciali ,5 milioni 35,02 % ,8 53,9 % ,2 13,29 % ,4 22,4 % ,0 40,2 % ,5 32,9% ,9 35,5 % 2

3 1.2. Le risorse correnti Per quanto riguarda le risorse correnti trasferite alle Province, si registra il loro aumento rispetto all anno 2008; l ammontare complessivo è di 481, 2 milioni di euro, con un aumento, rispetto all anno precedente, di 37,7 milioni di euro, cioè del 8,5 %. Tenendo tuttavia conto che una parte consistente di tale incremento (circa 22 milioni di euro) è determinato dai finanziamenti necessari alla gestione degli interventi compresi nei programmi relativi al diritto allo studio, per i quali le Province, in attuazione della l.r. n. 28 del 2007, sono subentrate alla Regione, che fino al 2008 provvedeva direttamente, l incremento effettivo di risorse correnti trasferite dalla Regione alle otto Province ammonta a circa 15 milioni e mezzo di euro, cioè l aumento è stato del 3,5 % rispetto all anno 2008, nel quale si registrò invece un incremento, rispetto all anno precedente, del 15,2 %. L analisi dei dati degli ultimi sette anni fa emergere che nel 2009 le somme per spese correnti che la Regione ha formalmente destinato complessivamente alle otto Province sono per il secondo anno consecutivo aumentate (sia pure in misura inferiore ed in concomitanza con compiti nuovi in materia di istruzione). Di conseguenza la percentuale delle risorse correnti provenienti dalla Regione sul totale di quelle a disposizione delle Province risulta anch essa aumentata per portarsi al 49,4 %, cioè circa 3 punti percentuali in più rispetto all anno precedente: anno ammontare di risorse regionali trasferite per spese correnti % su totale delle entrate correnti provinciali ,0 milioni 43,84 % ,3 45,18 % ,0 43,64 % ,3 43,86 % ,8 43,07 % ,4 46,3 % ,2 49,4% 3

4 2. I trasferimenti regionali alle singole Province (tabelle n 1 e 2) A fronte dell andamento complessivo dei trasferimenti regionali accertati nel 2009, che segnala un aumento del peso delle risorse regionali nei bilanci provinciali, l andamento delle risorse trasferite si presenta in termini articolati nelle diverse Province. In particolare risulta che: con riferimento al complesso delle risorse (di investimento e correnti) in cinque Province (Alessandria, Asti, Cuneo, Torino e Verbano-Cusio-Ossola) si riscontra un incremento dei trasferimenti regionali; mentre nelle tre altre Province: a Biella, la diminuzione complessiva è determinata esclusivamente da un calo delle somme per investimenti, a Vercelli il calo è solamente sul versante delle entrate correnti, a Novara la diminuzione riguarda sia le spese correnti che quelle di investimento ; i dati che riguardano specificamente le risorse per investimenti indicano che due sole sono le Province che hanno fruito di maggiori somme rispetto all anno precedente, e cioè Verbano-Cusio-Ossola (+ 9 milioni) e Vercelli (+ 2 milioni) ; particolarmente rilevante il calo a Novara (- 11 milioni e mezzo); dall esame dei soli trasferimenti regionali per spese correnti risulta una diminuzione per le sole Province di Novara (-6,5 milioni) e Vercelli (- 4,1 ), mentre per le altre Province l incremento rispetto allo scorso anno si presenta in termini percentuali più significativi per il Verbano-Cusio-Ossola (+ 41,7 %) e Alessandria (+ 26%). Per quanto riguarda invece la distribuzione dei trasferimenti regionali sui diversi territori provinciali, sono significativi i dati relativi alla media per abitante delle sole risorse correnti regionali trasferite 1. In proposito si rileva per l anno 2009 che, a fronte di un valore medio su tutto il territorio regionale di 112,1 euro per abitante, i diversi valori provinciali sono compresi tra i 87,94 euro per Novara ed i 204,23 euro per il VCO. Nell anno precedente tali valori segnavano una media regionale di 103,31 euro e una differenziazione per Province tra 99,73 euro per Torino e 140,08 euro per il VCO. 1 L analisi della distribuzione territoriale delle risorse di investimento risponde necessariamente a differenti criteri, maggiormente legati a scelte di realizzazione di singole opere. 4

5 3. Le materie alle quali le risorse sono destinate (tabelle n 3 e 4, grafico n 3) 3.1. Le materie più rilevanti Considerando le sole materie per le quali l ammontare dei trasferimenti regionali alle Province assume una dimensione significativa (oltre i 5 milioni di euro annui per il complesso delle otto Province), si rileva che la destinazione delle risorse regionali trasferite riguarda in modo prevalente funzioni relative alla qualificazione delle risorse umane (formazione professionale ed istruzione) ed al loro inserimento lavorativo, nonché quelle per i servizi locali di trasporto, rispetto a quelle destinate ad altre infrastrutture e servizi. In particolare: la parte più rilevante dei trasferimenti regionali continua ad essere quella per la formazione professionale; le risorse destinate a tale settore di attività risulterebbero diminuite nel 2009, ammontando a 192 milioni e mezzo di euro (206 milioni nell anno precedente) e fermandosi al 36,2 % del totale delle risorse trasferite dalla Regione (nel 2008 erano oltre il 40 %); tuttavia, su tale diminuzione, si veda la precisazione riferita, sotto, al lavoro; oltre il 20 % del totale delle risorse trasferite dalla Regione (confermando il dato dello scorso anno) è destinato alle funzioni relative al trasporto locale, con un lieve incremento rispetto all anno 2008, con risorse che passano da quasi 106 milioni di euro a oltre 107; i restanti trasferimenti regionali riguardano principalmente sei altre materie gestite dalle Province per effetto del decentramento, tra le quali hanno maggiore rilevanza, in ordine di entità di risorse destinate: o al lavoro, le cui risorse risulterebbero incrementate, giungendo ad un ammontare complessivo per le otto Province pari a quasi 52 milioni di euro, contro i circa 36 milioni di euro dello scorso anno, passando al 9,76 % del totale (nel 2007 erano il 5, 95 % ed il 7,07 % nel 2008). (Nella valutazione di tale aumento occorre peraltro considerare che parte dei fondi regionali destinati al lavoro è stata utilizzata nel 2009 per iniziative di formazione professionale); o alla viabilità, per la quale si è registrata nel 2009 una lieve ripresa, tutta di risorse correnti (+ 17,5 milioni di euro) e con un calo di quelle di investimento (- 6,2 milioni di euro), con un trasferimento complessivo di poco meno di 40 milioni di euro (il 7,52 del totale dei trasferimenti regionali), contro i circa 28,7 milioni dello scorso anno (5,64 % del totale); l incremento di risorse correnti è collegato ai maggiori servizi resisi necessari in alcune Province (Cuneo, Torino e VCO) a causa di eccezionali andamenti delle condizioni atmosferiche (in particolare nevicate); o all istruzione, per la quale si è riscontrato un incremento rilevante delle risorse destinate alle spese correnti, in relazione al nuovo compito concernente l erogazione delle somme per il piano degli interventi per il diritto allo studio (l.r. 28/2007), passate da poco più di un milione a 22,8 milioni, ma anche una sensibile diminuzione delle risorse di investimento, diminuite di circa 10 milioni di euro; complessivamente pertanto le risorse che le otto Province ricevono dalla Regione per 5

6 l istruzione ammontano a 36,2 milioni (6, 83 % del totale) contro i circa 24, 5 milioni del 2008 (4,82 % del totale); o all agricoltura, le cui risorse trasferite sono lievemente aumentate, passando da circa 30 milioni di euro dello scorso anno (5,93 % del totale) ad oltre 31,6 milioni di euro (5,97 % del totale); occorre peraltro considerare che per tale materia le Province gestiscono moltissimi procedimenti per l erogazione di rilevanti risorse (dell ordine di milioni di euro all anno) liquidate tramite un apposito organismo (AGEA) e che quindi non transitano nei bilanci provinciali; o ai servizi sociali, le cui risorse sono lievemente incrementate nel 2009, rispetto all anno precedente, passando da circa 24 milioni a circa 25,5 milioni nel 2009 (dal 4,71 % al 4,82% del totale); o all ambiente, le cui risorse sono lievemente diminuite nel 2009, rispetto all anno precedente, passando da 7,6 milioni a circa 6 milioni (dall 1,5 all 1,1, del totale dei trasferimenti regionali); subiscono una netta riduzione i trasferimenti regionali che riguardano le attività produttive, le cui risorse passano da 6,2 nel 2008 a 0,4 milioni nel 2009, e quelli per la cultura, che passano da circa 6 milioni nel 2008 a circa 2,5 milioni nel 2009; l andamento dei trasferimenti in tali settori risente notevolmente della difficoltà a costruire in capo alle Province un ruolo organico, su compiti definiti Le altre materie Oltre alle due da ultimo richiamate, per altre sei materie i trasferimenti regionali raggiungono, per il complesso delle otto Province, importi di dimensione inferiore ai 5 milioni di euro. Occorre tuttavia segnalare che per una di esse, la tutela della fauna, si riscontra un ulteriore incremento dei trasferimenti correnti ( da 4,2 milioni nel 2008 a quasi 5 milioni nel 2009 (da 0,84 a 0,92 del totale dei trasferimenti regionali). Aumentano anche in modo rilevante (passando da 1,4 milioni nel 2008 a 4,5 milioni) le risorse trasferite per iniziative di politica giovanile. Risultano invece di entità sostanzialmente analoga a quella del precedente anno 2008, gli altri trasferimenti di minor rilevanza, concernenti il turismo, la protezione civile, lo sport e la commissione espropri. 6

7 4. I diversi canali per il trasferimento di risorse regionali alle Province (tabella n 1) Le analisi condotte hanno considerato, come già negli anni precedenti, i diversi stanziamenti tramite i quali la regione provvede all erogazione di risorse alle Province 2. Per quanto riguarda in particolare la parte dei trasferimenti contenuta nel fondo per il decentramento relativo alle spese di funzionamento connesse all esercizio delle nuove funzioni (escluse quindi le somme destinate alle spese rivolte all esterno dell ente per le specifiche funzioni decentrate), si evidenzia che l ammontare di tali risorse ha assunto, negli ultimi tre anni, una dimensione sempre più limitata. anno somme destinate alle spese di funzionamento % sul totale delle somme trasferite per l esercizio delle funzioni ,32 milioni 5,22 % ,42 4,54 % ,70 6,69 % ,03 6,10 % ,76 5,92 % ,00 5,30 % ,2 4,74 % 2 Tali stanziamenti sono considerati in tre differenti articolazioni: i fondi regionali per il decentramento, con i quali la Regione con riferimento a quanto previsto nell art.10 della l.r. n. 34 del 1998 ( Riordino delle funzioni e dei compiti amministrativi della Regione e degli Enti locali ) assicura annualmente alle Province ed agli altri enti locali destinatari di funzioni conferite con le leggi n. 17/1999, n. 44/2000 e 5/2001, una somma complessiva per il decentramento delle funzioni; essa è articolata in due parti: una destinata, senza vincoli quantitativi per le singole materie, alle spese di funzionamento connesse all esercizio delle nuove funzioni 2 ; l altra, per l esercizio delle nuove funzioni (cosiddette spese di intervento) quantificata e destinata specificamente con riferimento ad alcune materie, tra le molte conferite con le leggi regionali 44/00 e 5/01, quali politiche sociali, cultura, piccoli interventi di edilizia scolastica; i trasferimenti di settore, previsti da tutta una serie di altre singole leggi ovvero da deliberazioni regionali, che le Province devono destinare allo svolgimento di specifiche attività comprese in materie conferite, secondo vincoli definiti in varia misura dalla Regione stessa, anche con riferimento a puntuali modalità di impiego 2 ; una quota rilevante di tali trasferimenti di settore è alimentata da risorse dell Unione europea, in particolare in attuazione dei programmi dei fondi strutturali che investono materie conferite alla Provincia; singoli trasferimenti per contributi a specifiche iniziative e attività, riferite a funzioni e compiti di cui la Regione è rimasta titolare, che riguardano specifici progetti per la cui attuazione la Regione coinvolge le Province (quasi in una sorta di avvalimento ), secondo modalità che prevedono l assegnazione ad esse di risorse finanziarie. 7

8 L inadeguatezza della dimensione percentuale di tali somme (rispetto agli ordinari valori propri di qualsiasi amministrazione, pubblica o privata) destinate a sostenere costi generali per poter svolgere le nuove funzioni attribuite, nonché l incertezza sul loro ammontare, che invece dovrebbe essere quantificato in modo stabile per consentire il loro corretto impiego in fattori produttivi che comportano spese fisse (ad esempio utilizzo di risorse di personale), confermano le richieste delle Province per una revisione delle modalità per la definizione e l attribuzione di tale tipo di risorse. 5. Le risorse impegnate dalla Regione e quelle effettivamente erogate (tabelle n 5 e 6, grafici n 4 e 5) Le analisi e le indicazioni finora illustrate si riferiscono esclusivamente ai dati relativi alla parte di competenza dei consuntivi delle otto Province; esse riflettono cioè le somme che tali enti hanno accertato come crediti in relazione a quanto la Regione si è impegnata con atti formali ad erogare alle Province per l esercizio delle funzioni decentrate e per altre iniziative. E tuttavia assai significativo considerare, accanto a tali dati, anche quelli che riguardano le somme, in particolare quelle destinate a spese correnti, che sono state effettivamente erogate, dalla Regione alle otto Province, nell anno 2009 ed in quelli precedenti 3. Dai dati dei conti consuntivi delle otto Province relativi agli ultimi anni emerge che l effettivo flusso delle risorse con le quali la Regione finanzia tali Enti per svolgere i nuovi compiti attribuiti, è caratterizzato da una differenza assai rilevante rispetto agli importi accertati. La situazione concernente la differenza tra le somme accertate e quelle riscosse, relativamente ai soli trasferimenti regionali, è illustrata, per ciascuna Provincia e complessivamente, nella tabella n 5 per le risorse di parte corrente e nella tabella n 6 per quelle in conto capitale. Le riscossioni effettuate dalle Province in conto capitale ammontano nel 2009 ( tra residui e competenza) a quasi 118,7 milioni di euro su di un accertamento complessivo di 298 milioni, cioè il 29, 65 %, oscillante tra il 63,98 % di Alessandria e il 14,54 % di Vercelli. Per la parte corrente invece le Province hanno accertato entrate regionali (tra residui e competenza) per quasi milioni di euro, ma hanno riscosso solo poco più di 353 milioni di euro; l ammontare di quanto riscosso rappresenta cioè solo il 34,88 % delle somme accertate, oscillante tra il 54,86 % di Asti ed il 23,61 di Torino. 3 Occorre in proposito tenere conto che normalmente le somme di competenza, cioè quelle che risultano accertate nei consuntivi provinciali, in quanto per esse la Regione si è impegnata all erogazione, non coincidono, nel loro ammontare, a quelle effettivamente trasferite nei bilanci provinciali. Infatti i tempi necessari a realizzare nel corso dell anno i servizi che corrispondono alle funzioni trasferite comportano ordinariamente la formazione di residui attivi, cioè di crediti delle Province per le somme dovute dalla Regione in relazione ai servizi decentrati svolti nel precedente esercizio e pagati in quello immediatamente successivo; ciò può verificarsi in particolare per le somme, assai rilevanti, provenienti dai fondi dell UE, che, come é noto, sono soggette a complessi meccanismi di rendicontazione. Tali residui non creano particolari problemi quando gli effettivi trasferimenti di risorse avvengono nei primi mesi dell esercizio successivo a quello in cui i servizi sono stati svolti; e ciò in quanto in tali casi è possibile riscontare, nei dati a consuntivo dei singoli esercizi finanziari una sostanziale corrispondenza tra l ammontare degli accertamenti e delle riscossioni, salvaguardando nella sostanza gli equilibri di bilancio conseguenti al fatto che i servizi attivati ed i loro costi sono effettivamente sostenuti dalle Province con i mezzi incassati dalla Regione. Diversa si presenta la situazione illustrata in questa nota. Fonte: UPP 8

9 Per la parte corrente è significativo esaminare anche l andamento, nel tempo, del fenomeno considerato. Le analisi condotte dagli Uffici Finanziari delle otto Province piemontesi sugli accertamenti e sulle riscossioni di somme per il periodo dal 2003 al 2009 hanno messo in evidenza che, a fronte di un lieve incremento, di anno in anno, degli importi accertati come dovuti dalla Regione per ciascun esercizio in relazione ai compiti trasferiti alle Province, le relative riscossioni rese possibili di anno in anno, in conto residui e competenza, sono sempre state inferiori agli importi accertati. la percentuale del riscosso rispetto all accertato si è attestata su valori sempre più bassi, di anno in anno (eccetto che nell anno 2007), incrementando in tal modo nel tempo i residui attivi delle Province ed il corrispondente ammontare dei debiti della Regione. Dai dati riportati nei grafici n 4 e 5 emerge che l entità dei residui attivi provinciali, per la sola parte corrente, è venuta assumendo nel tempo una dimensione preoccupante; infatti il debito regionale, nei confronti delle otto Province, di entità pari a 283,6 milioni di euro nell anno 2003, è passato tre anni dopo, nel 2006, a 524,2 milioni di euro, ridiscendendo nell anno 2007 a seguito della prima denuncia del fenomeno da parte dell Unione delle Province piemontesi a 484 milioni. Dall anno 2008 la dimensione dei residui attivi delle Province nei confronti della Regione è nuovamente risalita e nel 2009 essa si attesta su di una dimensione di 659, 6 milioni di euro. Si tratta di una somma - che tra l altro corrisponde al 67,7 % delle entrate annuali di parte corrente delle otto Province piemontesi che desta preoccupazioni per il regolare funzionamento delle loro finanze e conseguentemente per l erogazione dei servizi ai cittadini e alle imprese. Per una parte tale somma si riferisce (specie per alcune e limitate attività di formazione professionale) a progetti pluriennali, ancora in corso e per le quali il debito provinciale nei confronti dei prestatori di servizi esterni non si è ancora perfezionato (ma comunque si perfezionerà entro breve tempo); così come è possibile che alcuni dei residui segnalati dalle Province cada in perenzione; tuttavia la maggior parte delle somme che le Province non riescono a riscuotere dalla Regione sono destinate a fare fronte a debiti provinciali già maturati nei confronti di terzi per prestazioni che riguardano attività decentrate alle quali sono destinati parte degli stanziamenti regionali non erogati. La criticità segnalata - oltre a determinare gravi difficoltà sia per soggetti ed imprese che vantano crediti per prestazioni svolte nei loro confronti, sia per l ordinario funzionamento delle amministrazioni provinciali, eventualmente costrette a costose anticipazioni - rischia di assumere anche un peso negli effetti del processo di decentramento amministrativo delle funzioni; vi è infatti il rischio di annullare i potenziali aspetti positivi del decentramento, configurando, in ultima analisi, tale processo esclusivamente in termini di trasferimento sull ente destinatario delle difficoltà finanziarie di altre amministrazioni, comprimendo necessariamente quegli spazi di manovra, a favore degli utenti dei servizi e della qualità delle prestazioni, che la maggiore prossimità della gestione dovrebbe comportare. Torino, 22 giugno

10 GRAFICI N 1 E 2 I TRASFERIMENTI REGIONALI DI RISORSE CORRENTI ALLE PROVINCE PIEMONTESI NEGLI ANNI milioni di euro ,2 429,3 443, ,3 384, anni IL TOTALE DELLE ENTRATE CORRENTI DELLE PROVINCE PIEMONTESI NEGLI ANNI milioni di euro , ,7 894,3 893, , anni

11 GRAFICO N 3 LE PRINCIPALI FUNZIONI ALLE QUALI SONO DESTINATE LE RISORSE TRASFERITE DALLA REGIONE ALLE PROVINCE PIEMONTESI NEGLI ANNI milioni di euro formazione professionale trasporti lavoro agricoltura viabilità istruzione servizi sociali

12 GRAFICI N 4 E 5 milioni di euro ACCERTAMENTI E RISCOSSIONI (COMP.+RESIDUI) DI RISORSE CORRENTI REGIONALI TRASFERITI ALLE PROVINCE PIEMONTESI NEGLI ANNI ,1 336,7 713,5 321, ,6 802, ,9 381,3 353, ,9 accerta menti riscoss ioni PERCENTUALE DELLE SOMME RISCOSSE DALLE PROVINCE PIEMONTESI SU QUELLE ACCERTATE A CARICO DELLA REGIONE NEGLI ANNI ,9% 47,2% 42,5% 34,7% 42,8% 41,1% 34,8%

Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili

Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili Come si leggono i risultati differenziali del Consuntivo 2012 I nuovi criteri contabili Per una corretta lettura dei dati di consuntivo 2012 occorre innanzitutto ricordare che esso è stato redatto in base

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL

RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL Comune di Nembro Provincia di Bergamo RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO 2004 LA GIUNTA COMUNALE NEMBRO, APRILE 2005 PREMESSA Anche quest anno la Giunta Comunale, nel

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

LE RISORSE DESTINATE DALLO STATO ALLE INFRASTRUTTURE

LE RISORSE DESTINATE DALLO STATO ALLE INFRASTRUTTURE Direzione Affari Economici e Centro Studi LE RISORSE DESTINATE DALLO STATO ALLE INFRASTRUTTURE Analisi delle risorse iscritte nel bilancio dello Stato 2011 Riduzione degli stanziamenti e dinamiche di accentramento

Dettagli

a cura del Centro Studi primo semestre 2013

a cura del Centro Studi primo semestre 2013 a cura del Centro Studi primo semestre 2013 INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA INDAGINE CONGIUNTURALE TRA LE IMPRESE EDILI DEL PIEMONTE E DELLA VALLE D AOSTA

Dettagli

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 Febbraio 2015 IL CAMPIONE DI COMUNI Il presente rapporto è stato redatto prendendo a riferimento i bilanci consuntivi

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

L aggiornamento al 24.06.2010 dei trasferimenti erariali spettanti per l anno 2010 alle amministrazioni provinciali:

L aggiornamento al 24.06.2010 dei trasferimenti erariali spettanti per l anno 2010 alle amministrazioni provinciali: Il Settore Risorse Economiche e Finanziarie ha effettuato una attenta verifica sull andamento d incasso sia nel 1^ semestre che una proiezione prudente circa la riscossione, nel secondo semestre 2010,

Dettagli

Aggiornamento luglio 2009

Aggiornamento luglio 2009 - Ufficio Studi - Aggiornamento luglio 2009 Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE ANALISI DELLE FASI DI ACCERTAMENTO ED ENTRATA GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE

PROGRAMMA ANNUALE ANALISI DELLE FASI DI ACCERTAMENTO ED ENTRATA GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE PROGRAMMA ANNUALE ANALISI DELLE FASI DI ACCERTAMENTO ED ENTRATA GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE IL PROGRAMMA ANNUALE, COME OGNI ALTRO DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA, SI DIVIDE STRUTTURALMENTE

Dettagli

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Verbale n. 2/2014 VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Il giorno 18 del mese di aprile dell anno 2014 alle ore 10,15 il sottoscritto Dott. Damiano

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011

Provincia di Foggia. Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Provincia di Foggia Relazione dell Assessore al Bilancio al Rendiconto di Gestione 2011 Il documento contabile che si sottopone alla discussione ed all approvazione del Consiglio Provinciale concernente

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO 2009 NOTE ILLUSTRATIVE

PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO 2009 NOTE ILLUSTRATIVE Bilancio di Previsione 2009 Note illustrative PROGETTO DI BILANCIO PER L ESERCIZIO 2009 NOTE ILLUSTRATIVE La manovra di Bilancio per il prossimo esercizio evidenzia ampie difficoltà provocate da diversi

Dettagli

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1

I.Ri.Fo.R. - ONLUS. Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 I.Ri.Fo.R. - ONLUS Regolamento per la Gestione Finanziaria vers. 1 CAPO I - BILANCIO DI PREVISIONE Articolo 1 - Principi generali 1. La gestione finanziaria della struttura nazionale e delle strutture

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO GENERALE PER L ANNO 2010

RELAZIONE AL RENDICONTO GENERALE PER L ANNO 2010 Consorzio Interuniversitario per L Alta Formazione in Matematica Polo Scientifico - CNR Edificio F Via Madonna del Piano 50019 Sesto Fiorentino (FI) email: ciafm@fi.iac.cnr.it Codice Fiscale: 94114230488

Dettagli

I conti della Regione

I conti della Regione I conti della Regione Il fallimento di questi 4 anni lascia una pesante eredità al futuro Il «buon governo» del centro destra Il presidente Cota esordì con promesse di buon Governo e riordino dei conti.

Dettagli

APPENDICI APPENDICI 67

APPENDICI APPENDICI 67 APPENDICI APPENDICI 67 RELAZIONE SUL CONTO CONSOLIDATO DI CASSA DELLE AA.PP. AL 30 GIUGNO 2015 68 APPENDICI Appendice A IL BILANCIO DELLO STATO CONSISTENZA, STRUTTURA E SMALTIMENTO DEI RESIDUI A.1 Situazione

Dettagli

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012

UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 UNIONE DI COMUNI TERRE DI CASTELLI Verbale n. 04 Sig. Presidente, Sigg. Consiglieri, RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL RENDICONTO PER L ESERCIZIO 2012 Il Revisore ha esaminato nel giorno 02 aprile 2013,

Dettagli

PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE. Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali

PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE. Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali PRIME VALUTAZIONI SULLA DUE DILIGENCE DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE Roma 5 agosto 2014 Conferenza Stato Città Autonomie Locali LA RILEVAZIONE DEI DATI L indagine sulla situazione finanziaria

Dettagli

RICERCA DI PERSONALE IN PIEMONTE: IN ASCESA TELECOMUNICAZIONI, CALA CONSULENZA DI SISTEMI INFORMATIVI

RICERCA DI PERSONALE IN PIEMONTE: IN ASCESA TELECOMUNICAZIONI, CALA CONSULENZA DI SISTEMI INFORMATIVI RICERCA DI PERSONALE IN PIEMONTE: IN ASCESA TELECOMUNICAZIONI, CALA CONSULENZA DI SISTEMI INFORMATIVI In occasione del convegno Risorse umane e non umane, organizzato da ESTE l 11 ottobre a Torino, Vittorio

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

Bando: A Scuola di Piemonte!.

Bando: A Scuola di Piemonte!. Bando: A Scuola di Piemonte!. PREMESSA La Regione Piemonte con il presente bando intende sostenere, attraverso un contributo finanziario a carattere integrativo, iniziative e progetti di ampliamento dei

Dettagli

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013

COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013 COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA BILANCIO DI PREVISIONE 2011/2013 Assessore Sergio Parolini Dirigente Dott.ssa MariaGrazia Margonari Responsabile Dott.ssa Tiziana Rossi 1 Nella stesura del bilancio di previsione

Dettagli

I principali risultati

I principali risultati FINANZA LOCALE: ENTRATE E SPESE DEI BILANCI CONSUNTIVI (COMUNI, PROVINCE E REGIONI). ANNO 2012 1 I principali risultati 1 Comuni Nel prospetto 1 sono riportati i principali risultati finanziari di competenza

Dettagli

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario

COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari. Il Servizio Finanziario COMUNE DI DOLIANOVA Provincia di Cagliari Il Servizio Finanziario ESERCIZIO 2011 Relazione tecnica predisposta dal Responsabile del Servizio Finanziario. Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi

Dettagli

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice

Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche. Indice INSEGNAMENTO DI ECONOMIA DELLE AZIENDE E DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE LEZIONE VI I RISULTATI DELLA GESTIONE: IL RENDICONTO PROF. GAVINO NUZZO Indice 1 I risultati della gestione: il rendiconto -----------------------------------------------------------------

Dettagli

Allievi di cittadinanza non italiana nelle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2005-2006

Allievi di cittadinanza non italiana nelle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2005-2006 Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Allievi di cittadinanza non italiana nelle scuole di ogni ordine e grado nell'anno scolastico 2005-2006 a cura di Silvana Mosca, Lorenzo Capisani, Antonio D

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ INDICE TITOLO I -PRINCIPI... 4 Art. 1 Principi generali... 4 Art. 2 Finalità del regolamento di Ateneo per la finanza e la contabilità, richiamo alle

Dettagli

Considerazioni preliminari di sintesi.

Considerazioni preliminari di sintesi. Considerazioni preliminari di sintesi. La formazione del bilancio di previsione 2010 avviene al termine dell anno in cui si ritiene si sia registrato il picco della recente recessione economica, con tutte

Dettagli

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro

Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Assessorato al Lavoro e alle Attività di Orientamento per il mercato del lavoro Obiettivo della esposizione Fornire (attingendo alle diverse fonti) le principali informazioni sulle dinamiche occupazionali

Dettagli

PRESENTAZIONE ALLA STAMPA

PRESENTAZIONE ALLA STAMPA Torino, 17/7/2015 ore 10,30 Sala E. Vaglio Via Pietro Micca 17 FISAC/CGIL Torino e Piemonte PRESENTAZIONE ALLA STAMPA ANALISI CONGIUNTURALE DEL SISTEMA DEL CREDITO LOCALE IN PIEMONTE A cura di Francesco

Dettagli

IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI

IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA PAOLA MARIANI UDINE 26 marzo 2011 IL FONDO CREDITI DI DUBBIA ESIGIBILITA Lo strumento individuato, dalla disciplina della sperimentazione, per impedire l accertamento

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI - PROVINCIA DI VICENZA Provincia di Vicenza - ESERCIZIO PARTE I - ENTRATA Pag.1 Titolo, Tipologia Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

CONTRATTAZIONE DECENTRATA REGIONALE Formazione personale docente, educativo, ata

CONTRATTAZIONE DECENTRATA REGIONALE Formazione personale docente, educativo, ata CONTRATTAZIONE DECENTRATA REGIONALE Formazione personale docente, educativo, ata VISTO il Decreto Legislativo 30.03.2001 n. 165 Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni

Dettagli

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali

Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali Osservatorio sui Bilanci delle Autonomie Locali GUIDA ALLA LETTURA DEI BILANCI COMUNALI L esame dei bilanci dei Comuni può costituire un utile strumento di analisi e di supporto all elaborazione di linee

Dettagli

La modifica è conseguenza delle mutate condizioni dei mercati finanziari rispetto all epoca della formazione del bilancio 2009.

La modifica è conseguenza delle mutate condizioni dei mercati finanziari rispetto all epoca della formazione del bilancio 2009. D.L. N.457 Modifiche e integrazioni alla L.R. 24.12.2008 n. 43 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale della Regione Liguria (Legge finanziaria 2009). Articolo 1 L articolo stabilisce

Dettagli

Risultati differenziati applicati al bilancio regionale ed equilibrio di bilancio dal 2006 al 2009

Risultati differenziati applicati al bilancio regionale ed equilibrio di bilancio dal 2006 al 2009 Risultati differenziati applicati al bilancio regionale ed equilibrio di bilancio dal 2006 al 2009 Servizio Analisi Economica, Statistica e Monitoraggio INDICE Classificazione del bilancio pag. 4 Equilibrio

Dettagli

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata

29/04/2015 di competenza finanziaria potenziata SLIDE 1 Il fondo pluriennale vincolato nasce dall esigenza di mantenere gli equilibri di bilancio stante l adozione del nuovo concetto di competenza finanziaria potenziata: l imputazione della spesa secondo

Dettagli

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2007 (segue): NOTA INTEGRATIVA

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2007 (segue): NOTA INTEGRATIVA FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS Decr. G. R. Lombardia n. 49873 del 19 maggio 2000 Como - via Raimondi n. 1 Codice fiscale n. 95062550132 BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2007 (segue): NOTA

Dettagli

LA GESTIONE DEI RESIDUI

LA GESTIONE DEI RESIDUI LA GESTIONE DEI RESIDUI I residui passivi sono somme impegnate ma non ancora pagate entro il termine dell esercizio: costituiscono un debito del Dipartimento. I residui attivi sono somme accertate ma non

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA'

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 17.12.2001 1 CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO

RELAZIONE DI INIZIO MANDATO C o m u n e d i C i v i d a l e d e l F r i u l i RELAZIONE DI INIZIO MANDATO Sindaco Stefano Balloch Proclamazione 01/06/2015 L art. 4 bis del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 149, prevede l obbligo

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI di concerto con la

Dettagli

Signor Presidente, Ministro dell Economia, Signori del Governo, Cari Colleghi, siamo chiamati ad esprimere il parere dell assemblea su due atti

Signor Presidente, Ministro dell Economia, Signori del Governo, Cari Colleghi, siamo chiamati ad esprimere il parere dell assemblea su due atti Signor Presidente, Ministro dell Economia, Signori del Governo, Cari Colleghi, siamo chiamati ad esprimere il parere dell assemblea su due atti fondamentali per comprendere lo stato dell economia del paese:

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ

REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ Emanato con D.R. n. 159 del 22 febbraio 2016 INDICE TITOLO I NORME GENERALI... 4 Art. 1 Principi e finalità del regolamento... 4 Art. 2 Principi e

Dettagli

Il Fondo crediti di dubbia esigibilità. Michele Petrelli

Il Fondo crediti di dubbia esigibilità. Michele Petrelli Il Fondo crediti di dubbia esigibilità Michele Petrelli Indice - Il Fondo crediti di dubbia esigibilità: principi - Il Fondo crediti di dubbia esigibilità nel bilancio di previsione - Il Fondo crediti

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott. Gian Paolo Oneto Direttore Centrale della contabilità nazionale

Audizione dell Istituto nazionale di statistica Dott. Gian Paolo Oneto Direttore Centrale della contabilità nazionale Proposta di legge C. 1899 in materia di riconoscimento della detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici mediante attribuzione

Dettagli

Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015

Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015 Riaccertamento straordinario dei residui al 01/01/2015 DETERMINAZIONE FONDO CREDITI DI DUBBIA E DIFFICILE ESAZIONE AL 31/12/2014 1 Il Fondo Crediti di dubbia esigibilità Il Principio contabile applicato

Dettagli

C O M U N E D I B E D U L I T A

C O M U N E D I B E D U L I T A NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015-2017 La nota integrativa al bilancio costituisce allegato obbligatorio al documento di programmazione e viene redatta in conformità alle prescrizioni del

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Allegato PR PROVINCIA DI SAVONA BILANCIO DI PREVISIONE 2014 PARERE CONTABILE DEL RESPONSABILE DI RAGIONERIA Dott.ssa Patrizia Gozzi A cura del Servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Il Dirigente

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA

Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA Allegato F) Delib. G.C. n. 38/2015 CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO NOTA TECNICA ANNO 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 NOTA TECNICA Premessa Il D.Lgs. 118/2011 come modificato ed integrato

Dettagli

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2008 (segue): NOTA INTEGRATIVA

FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS. BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2008 (segue): NOTA INTEGRATIVA FONDAZIONE PROVINCIALE DELLA COMUNITA COMASCA - ONLUS Decr. G. R. Lombardia n. 49873 del 19 maggio 2000 Como - via Raimondi n. 1 Codice fiscale n. 95062550132 BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2008 (segue): NOTA

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018

BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 COMUNE DI MOZZANICA Provincia di Bergamo BILANCIO DI PREVISIONE 2016-2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011)

Dettagli

LA GESTIONE DEL BILANCIO

LA GESTIONE DEL BILANCIO LA GESTIONE DEL BILANCIO L equilibrio finanziario La gestione finanziaria Le fasi dell entrata Le fasi della spesa La Tesoreria (cenni) I residui I debiti fuori bilancio dott. Paolo Longoni L EQUILIBRIO

Dettagli

O s s e r v a t o r i o

O s s e r v a t o r i o 12 Con il Rapporto 2012 prosegue la serie dei Rapporti annuali dell Osservatorio Istruzione del Piemonte, realizzato congiuntamente dall Ires e dalla Regione Piemonte, dedicando un attenzione comparabile

Dettagli

IN 10 PUNTI GIUGNO 2015

IN 10 PUNTI GIUGNO 2015 IN 10 PUNTI Per semplificare la lettura del Decreto legge 19 giugno 2015, n 78, Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali, abbiamo ritenuto opportuno fornire agli amministratori e operatori

Dettagli

Sezioni riunite per il Trentino-Alto Adige

Sezioni riunite per il Trentino-Alto Adige Sezioni riunite per il Trentino-Alto Adige Giudizio di parificazione del rendiconto generale della Provincia autonoma di Trento per l esercizio 2014 (Trento, 25 giugno 2015) Il rendiconto generale della

Dettagli

Capitolo Secondo I bilanci delle Camere di commercio

Capitolo Secondo I bilanci delle Camere di commercio Capitolo Secondo I bilanci delle Camere di commercio Sommario: 1. Principi generali. - 2. Programmazione e preventivo economico. - 3. La gestione del bilancio. - 4. Il bilancio di esercizio. 1. Principi

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale

L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale L ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI Corso di formazione istituzionale Modulo n. 4 L APPLICAZIONE DEL PRINCIPIO CONTABILE GENERALE DELLA COMPETENZA POTENZIATA (ottobre 2014) PRESENTAZIONE:

Dettagli

INDICE VOLUME 1: QUADRO SINTETICO VOLUME 2: IL PUNTO SUI PROGRAMMI VOLUME 3: IL PUNTO SUI LAVORI PUBBLICI PREMESSA. Pag. 1. Pag. 1

INDICE VOLUME 1: QUADRO SINTETICO VOLUME 2: IL PUNTO SUI PROGRAMMI VOLUME 3: IL PUNTO SUI LAVORI PUBBLICI PREMESSA. Pag. 1. Pag. 1 GALLERIA DELLE ESPERIENZE Controllo di Gestione: Best Practices INDICE VOLUME 1: QUADRO SINTETICO PREMESSA CAPITOLO 1. Indicatori gestionali di bilancio Il bilancio dell'ente al 30/6/99: quadro di riepilogo

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli

Lombardia/406/2010/PRSE

Lombardia/406/2010/PRSE Lombardia/406/2010/PRSE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Presidente Dott. Antonio Caruso Dott. Giuliano

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011) prevede, per gli enti che adottano

Dettagli

CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO ALMALAUREA Relazione contabile al Rendiconto Finanziario Conto Consuntivo 2014

CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO ALMALAUREA Relazione contabile al Rendiconto Finanziario Conto Consuntivo 2014 CONSORZIO INTERUNIVERSITARIO ALMALAUREA Relazione contabile al Rendiconto Finanziario Conto Consuntivo 2014 I saldi per titoli del Conto Consuntivo 2014, risultano essere i seguenti. ENTRATE Descrizione

Dettagli

DOCUMENTO SU DISEGNO DI LEGGE AC 5310 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE FINANZIARIA 2005)

DOCUMENTO SU DISEGNO DI LEGGE AC 5310 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE FINANZIARIA 2005) DOCUMENTO SU DISEGNO DI LEGGE AC 5310 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE FINANZIARIA 2005) Roma, 8 ottobre 2004 PREMESSA Le Province esprimono una profonda

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

Riforma della Pubblica Amministrazione

Riforma della Pubblica Amministrazione Segnalazioni Direzione Ambiente, Governo e Tutela del Territorio agosto 2015 Riforma della Pubblica Amministrazione I processi di cambiamento, avvenuti sul piano economico e sociale, hanno modificato lo

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report I DATI DELLA BANCA D ITALIA CONFERMANO LA SITUAZIONE DI CRITICITA PER IL COMPARTO DELLE COSTRUZIONI. ANCE SALERNO: EDILIZIA, CREDITO SEMPRE DIFFICILE Le sofferenze sui crediti totali

Dettagli

L anno duemilaquattordici, il giorno otto del mese di aprile nella sede comunale, IL RESPONSABILE DEL II SETTORE RISORSE STRATEGICHE

L anno duemilaquattordici, il giorno otto del mese di aprile nella sede comunale, IL RESPONSABILE DEL II SETTORE RISORSE STRATEGICHE Albo Pretorio online n. 621 Registro Pubblicazione Pubblicato il 09/04/2014 SETTORE II RISORSE STRATEGICHE Servizio Economico Finanziario UFFICIO SEGRETERIA GENERALE DETERMINAZIONE n. 20 DEL 08/04/2014

Dettagli

RELAZIONE. Al bilancio consuntivo 2014 dell Associazione sulla strada Onlus

RELAZIONE. Al bilancio consuntivo 2014 dell Associazione sulla strada Onlus RELAZIONE Al bilancio consuntivo 2014 dell Associazione sulla strada Onlus Il sottoscritto Dott. Mario Guida dirigente del Ministero dell Economia e delle finanze, Revisore contabile iscritto nell apposito

Dettagli

RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DI GESTIONE

RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DI GESTIONE COMUNE DI VIGNOLA FALESINA (Provincia di Trento) Fraz. Vignola 12 38050 VIGNOLA FALESINA Tel. 0461/533445 Fax 0461/510518 RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DI GESTIONE 2012 Allegata alla delibera

Dettagli

Dati significativi di gestione

Dati significativi di gestione 36 37 38 Dati significativi di gestione In questa sezione relativa al Rendiconto economico sono evidenziati ed analizzati i risultati economici raggiunti da ISA nel corso dell esercizio. L analisi si focalizza

Dettagli

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI

RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI RAPPORTO SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI RIMINI ANNO 2012 Giugno 2013 1 INDICE 1 Il mercato del lavoro provinciale secondo l Istat p. 3 1.1 Premessa 3 1.2 La partecipazione al mercato del lavoro

Dettagli

VERIFICA DEL PROGRAMMA ANNUALE ATTO GESTIONALE DA COMPIERE ENTRO IL 30 GIUGNO DI OGNI ANNO.

VERIFICA DEL PROGRAMMA ANNUALE ATTO GESTIONALE DA COMPIERE ENTRO IL 30 GIUGNO DI OGNI ANNO. VERIFICA DEL PROGRAMMA ANNUALE ATTO GESTIONALE DA COMPIERE ENTRO IL 30 GIUGNO DI OGNI ANNO. IL REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ DI CUI AL D.I. 44/2001 HA INTRODOTTO UNA GESTIONE FLESSIBILE DEL PROGRAMMA ANNUALE

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres.

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. Regolamento per la determinazione dei criteri e delle modalità per il concorso delle

Dettagli

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili

QUADERNO. n.2 2015 I QUADERNI. dell edilizia FUORI DAL TUNNEL. n.3 2015. primo identikit delle imprese edili QUADERNO tecnico n.2 2015 dell edilizia n.3 2015 FUORI DAL TUNNEL primo identikit delle imprese edili sommario Introduzione p. 3 Le cartine di tornasole dell edilizia p. 4 I segnali positivi p. 5 Identikit

Dettagli

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino FONDAZIONE BRUNO KESSLER IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE Garanzia Giovani in Trentino Rapporto di monitoraggio 2015 1 Aprile 2014 - Giugno 2015 FBK-IRVAPP in collaborazione

Dettagli

Ires. Nota congiunturale sul mercato del credito bancario in Piemonte SINTESI. Coordinamento: Francesco Montemurro, Davide Riccardi

Ires. Nota congiunturale sul mercato del credito bancario in Piemonte SINTESI. Coordinamento: Francesco Montemurro, Davide Riccardi Associazione Ires Lucia Morosini Nota congiunturale sul mercato del credito bancario in Piemonte Settembre 2014 SINTESI Coordinamento: Francesco Montemurro, Davide Riccardi A cura di Francesco Montemurro

Dettagli

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO

REGIONE LAZIO GIUNTA REGIONALE STRUTTURA PROPONENTE. OGGETTO: Schema di deliberazione concernente: ASSESSORATO PROPONENTE DI CONCERTO REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 646 23/11/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 18299 DEL 23/11/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: Area: BILANCIO PROGRAM. ECONOMICA, BILANCIO, DEMANIO E PATRIMONIO

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONE DEL TESORIERE AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 Dalle risultanze del Rendiconto

Dettagli

Regolamento di Contabilità

Regolamento di Contabilità Regolamento di Contabilità Approvato con decreto del Commissario straordinario n. 10 del 24.09.2008 Modificato con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 45 del 13/12/2012 Modificato con delibera

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA al Bilancio chiuso al 31/12/2013

NOTA INTEGRATIVA al Bilancio chiuso al 31/12/2013 CITTADINANZATTIVA Onlus Via Cereate, 6-00183 - Roma C.F.: 80436250585 P.I. : 02142701008 NOTA INTEGRATIVA al Bilancio chiuso al 31/12/2013 L Associazione Cittadinanzattiva Onlus predispone un bilancio

Dettagli

Alla Conferenza Stampa erano presenti:

Alla Conferenza Stampa erano presenti: Alla Conferenza Stampa erano presenti: Edilizia e Territorio (Il Sole 24 ore) Agi Omniroma Uilweb.tv Sat 2000 (canale 801 del satellite) Tecnostrutture Il Diario del Lavoro (La notizia dovrebbe essere

Dettagli

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015.

TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. TrendRA RAPPORTO CONGIUNTURALE ED ECONOMICO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Anno 2014 e prime tendenze 2015. Questa mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato il direttore, Massimo

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2006 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO AL 31/12/2006 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO AL 31/12/2006 NOTA INTEGRATIVA La presente Nota Integrativa costituisce parte integrante del bilancio di esercizio al 31 dicembre 2006; è da considerarsi, pertanto, insieme allo schema di Stato

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI RITARDATI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 2013 Sommario SINTESI...

Dettagli

AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016

AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016 435 AUDIZIONE ANCE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2014-2016 30 Ottobre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente Forza Italia EXECUTIVE SUMMARY

Dettagli

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 Nota integrativa del bilancio al 31 dicembre 2011 ** ** ** I. STRUTTURA

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli