notizie campagna estiva: prime valutazioni apofruit dà ai soci le indicazioni produttive pomodoro da industria: una produzione sempre più strategica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "notizie campagna estiva: prime valutazioni apofruit dà ai soci le indicazioni produttive pomodoro da industria: una produzione sempre più strategica"

Transcript

1 Apofruit notizie 1 Anno XXI n 4 - Luglio/Agosto 2013 notizie Periodico bimestrale - Poste Italiane sped. in a.p. D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/04 nr. 46) art. 1 comma 1 DCB Forlì - Ed. Prima Comunicazione - E0,50 campagna estiva: prime valutazioni apofruit dà ai soci le indicazioni produttive pomodoro da industria: una produzione sempre più strategica

2 SOMMARIO Prime valutazioni sulla campagna estiva e nuove modalità di pagamento degli acconti ai soci Apofruit Italia: indicazioni produttive Pomodoro da industria: una produzione sempre più strategica per Apofruit PAGINE TECNICHE Drosophila suzukii: un nuovo ospite per la nostra frutta DALL EMILIA Prime valutazioni sulla campagna estiva DAL METAPoNTo Pesche e albicocche: il mercato premia il prodotto precoce del Metaponto DALLA sicilia Apofruit amplia la gamma dei prodotti orticoli in Sicilia DAL LAZIo Campagna susine estive e Angeleno: bilanci e previsioni BIMESTRALE DELLA ORGANIZZAZIONE DEI PRODUTTORI APOFRUIT ITALIA Aut. Trib. FO n. 178 del 5/4/88 - Reg. Stampa n. 10/88 Stampa: Arti Grafiche Ramberti, Rimini Tel Direttore Responsabile: Maurizio Magni Editore: Prima Comunicazione - Cesena (in corso di variazione)

3 APofruIT NOTIZIE 3 PRIME valutazioni SULLA CAMPAGNA ESTIvA E NUOvE MODALITà DI PAGAMENTO DEGLI ACCONTI AI SOCI Il Regolamento interno di Apofruit relativo alle liquidazioni ai soci prevede delle tempistiche celeri e frequenti nei pagamenti. I prodotti primaverili vengono liquidati entro il 30 settembre, quelli estivi entro il 20 dicembre, quelli autunnali entro il 28 febbraio e quelli invernali entro il 30 giugno; oltre a queste quattro date di liquidazione, sono previsti anche cinque acconti. Oggi, per andare ulteriormente incontro alle esigenze dei produttori di fronte ad annate non sempre soddisfacenti e a costi di produzione restii a diminuire - le Assemblee di Apofruit, su proposta del Consiglio di Amministrazione, hanno introdotto una modifica al Regolamento interno per quanto riguarda gli acconti, la cui entità è passata dal 50% al 70%. Per i prodotti invernali è stato inoltre introdotto un secondo acconto, pari a circa il 20%, che sarà pagato a fine febbraio in occasione della liquidazione dei prodotti autunnali - dichiara il presidente di Apofruit Italia, Mirco Zanotti - Si tratta di importanti cambiamenti resi possibili dal miglioramento delle tempistiche di pagamento da parte dei clienti e dalla solidità finanziaria della Cooperativa. Queste modifiche sono entrate in vigore a partire dall acconto sui prodotti primaverili, che i nostri soci hanno ricevuto a fine luglio, sottolinea Ilenio Bastoni, direttore commerciale di Apofruit Italia, che prosegue facendo una breve panoramica su quello che è l andamento generale della campagna estiva, che si è aperta a maggio con il prodotto precoce del Metaponto e che si chiuderà a fine settembre con la produzione siciliana. La campagna estiva è iniziata quest anno in Metaponto con qualche giorno di anticipo rispetto al 2012, mentre in Romagna la produzione ha registrato un ritardo di una decina di giorni. Questo ci ha consentito di affrontare positivamente il mercato, senza avere una sovrapposizione dell offerta. Per quanto riguarda le pesche e nettarine - continua Bastoni - quest anno si è registrato un generale calo produttivo, che inizialmente si stimava intorno all 8-10% e che si è subito rivelato superiore, con una contrazione dei volumi che già a inizio campagna si aggirava intorno al -15/20%, seppur con valori diversi fra le varie cultivar. Questo calo produttivo, anche se in misura inferiore, si conferma anche per le varietà medio-tardive, in raccolta a inizio agosto. Dal punto di vista qualitativo fino ad oggi è stata una campagna positiva - aggiunge il direttore commerciale di Apofruit - L andamento climatico è stato abbastanza favorevole e non si sono presentate, ad oggi, problematiche legate alla tenuta del prodotto. I frutti sono di buona pezzatura e presentano caratteristiche organolettiche elevate. Per quanto riguarda l andamento di mercato abbiamo registrato fino a fine luglio prezzi mediamente superiori alla scorsa campagna. Differenziali che, visti i cali produttivi, sarebbero potuti essere superiori; purtroppo la persistente crisi congiunturale a livello europeo ha portato a un generalizzato calo dei consumi. Anche nella campagna delle albicocche si è registrato un generale calo produttivo, per alcune varietà anche superiore al 50% rispetto all annata Questa contrazione dei volumi ha riguardato anche altri Paesi europei. Questa situazione ha portato a una campagna

4 4 Apofruit notizie caratterizzata da una vendita regolare, senza stoccaggio di prodotto, con prezzi sempre interessanti - sottolinea Bastoni - Per le albicocche stiamo sviluppando la commercializzazione a marchio Solarelli, che identifica i prodotti di alta qualità e le nuove varietà di Apofruit e dei suoi partner. Proprio su questa linea stiamo registrando un aumento delle vendite sia nel canale dei mercati generali che nel canale della Gdo. Per quanto riguarda invece il comparto ciliegie, la produzione quest anno è stata in crescita, con volumi superiori del 20-25% rispetto al A fronte di questo aumento di volumi, a campagna già conclusa riteniamo che i risultati ottenuti possano essere considerati positivi, prosegue il direttore commerciale di Apofruit Italia. Buone prospettive anche per il comparto susine, che ad agosto era ancora in piena campagna di vendita. Registriamo delle buone richieste da parte del mercato - conclude Ilenio Bastoni - principalmente sulle tipologie rosse e nere ed in particolar modo in direzione dell export. Attualmente anche per questa specie ci sono tutti i presupposti per pensare che la seconda parte della commercializzazione possa proseguire in modo positivo. APOFRUIT ITALIA: INDICAZIONI PRODUTTIvE a cura di ANDREA GRASSI, Apofruit Italia Come di consueto, a settembre è tempo di programmare i nuovi impianti frutticoli. Apofruit dà ai propri soci una serie di consigli e indicazioni produttive per pianificare la scelta delle varietà da mettere a dimora nel prossimo inverno. Ciliege Anche la stagione 2013 ha confermato un buon interesse del mercato per questa specie, per cui si conferma la possibilità di aumentare le produzioni e si consiglia di effettuare nuovi impianti nelle zone più vocate, utilizzando le nuove cultivar che producono frutti di grosso calibro, buona colorazione e consistenza. Albicocche Il mercato nel 2013 è stato particolarmente interessante per questa specie, grazie anche ai ridotti volumi prodotti a livello europeo. Si conferma in ogni caso l interesse per questo prodotto soprattutto nell allungamento del periodo di commercializzazione. Per il prossimo anno si consiglia di piantare ancora questa specie, prestando attenzione alle indicazioni degli uffici tecnici sulle scelte varietali, per non avere sovrapproduzioni in certi periodi e mettere a dimora le cultivar più adatte ai diversi territori. Bio: Le considerazioni sono le stesse del prodotto convenzionale; particolarmente richiesto l allungamento nel periodo tardivo. Nettarine gialle L andamento commerciale del 2013 è ancora in corso, ma - come per le albicocche - si evidenzia che se le quantità prodotte sono proporzionate alle richieste del mercato, i prezzi per i produttori

5 APofruIT NOTIZIE 5 sono soddisfacenti. Se, al contrario, le quantità aumentano, visto che i consumi si stanno contraendo, il prezzo cala molto rapidamente. Per questi motivi resta sempre più valido il consiglio di rinnovare il più rapidamente possibile il comparto varietale, puntando sulla tipologia a frutto completamente colorato e a gusto dolce. Bio: Spazio solo per varietà a maturazione mediotardiva e tardiva. Uva da tavola Proseguiamo con piantagioni di uva apirene. Come cooperativa abbiamo a disposizione un ampio numero di varietà in grado di coprire tutto il calendario di raccolta (da fine luglio a novembre), con le diverse colorazioni della bacca (bianca, rossa e nera). Bio: Possibilità di sviluppo per tutte le tipologie varietali. Pesche gialle Il mercato per questa tipologia è sempre più limitato, il rinnovamento varietale è ancora più impellente e si consiglia di continuare nella sostituzion e delle vecchie cultivar, piantando solo varietà con buccia colorata e a gusto dolce, senza aumentare le superfici. Bio: Spazio per nuovi impianti solo nel periodo medio tardivo e tardivo. Pesche e nettarine bianche Si conferma che è possibile aumentare le superfici per questa tipologia solo mettendo a dimora varietà che allunghino l attuale periodo di raccolta. So- spendere gli impianti con le varietà maggiormente rappresentative; sono a disposizione nuove cultivar interessanti, si consiglia di rivolgersi agli uffici tecnici per maggiori informazioni. Bio: Non c è spazio per nuovi impianti. Susine Le grosse variazioni dei quantitativi raccolti nei diversi anni non giovano al mercato e anche per questa specie è auspicabile un veloce rinnovamento varietale, eliminando il prima possibile gli impianti meno remunerativi. Continuiamo con la diffusione delle nuove varietà a buccia nera, meglio se a polpa rossa, per avere continuità nelle linee commerciali. Bio: Possibilità di crescita in tutti i periodi e soprattutto in quello tardivo. Pere La produzione di quest anno, a raccolta ancora in corso, sta facendo registrare un incremento dei quantitativi rispetto a uno scarso 2012, anche se non si raggiungeranno i quantitativi medi degli ultimi anni. L interesse per questa specie è ancora buono e si consigliano impianti in tutte le epoche, soprattutto per le cultivar William, Abate, Decana, Kaiser e Conference, almeno per mantenere le attuali superfici. Un discreto interesse si sta osservando per la nuova varietà Falstaff (Abate rossa), per la quale è prevista la realizzazione di nuovi impianti già nel prossimo inverno. Bio: negli ultimi anni sono aumentate molto le superfici in cooperativa, per cui prima di realizzare nuovi impianti si consiglia di confrontarsi con il proprio ufficio tecnico. Mele Continuiamo con il programma di abbattimento delle vecchie varietà, non più remunerative, e con l eliminazione degli impianti vecchi, che producono frutti di scarsa qualità. Consigliamo di procedere con la messa a dimora di nuovi frutteti con le cultivar del gruppo Gala (utilizzando i nuovi cloni più colorati), con Fuji, Modì (fino al completamento del programma) e, limitatamente negli ambienti più idonei, con Granny. Per la Pink Lady si continua con il programma degli investimenti già in programma. Bio: C è ancora interesse per Gala, per il gruppo delle Golden simili e per Modì; limitatamente si possono fare pochi impianti del gruppo Fuji o Fusion.

6 6 APofruIT NOTIZIE Clementine Continuiamo ad avere la necessità di allungare il calendario di raccolta, soprattutto con varietà a maturazione tardiva. Bio: Possibilità di sviluppo solo per varietà a maturazione tardiva. Kaki Per il 2013 si prevede una produzione particolarmente scarica, sia per quanto riguarda il kako Tipo che per la varietà Rosso Brillante. Si può continuare a impiantare questa specie soprattutto per la cultivar Kako Tipo e più limitatamente per il Rosso Billante. Bio: Impianti solo per la cultivar Kako Tipo Kiwi Per il 2013 si prevede un generale calo produttivo. In particolare nel veneto la produzione è stimata in calo di oltre il 20% (il 2012 è stato l anno con il record produttivo per l area), questo a causa delle basse produzioni per ettaro presenti e anche per un calo delle superfici dovuto agli abbattimenti a seguito della PSA. Negli altri areali di produzione si prevedono rese per ettaro inferiori per un minor numero di frutti sulle piante. Ad oggi sembra che la qualità media delle produzioni sia superiore a quella dell anno passato grazie a una migliore impollinazione dei frutti. Per questa specie è auspicabile un incremento delle superfici, sia per quanto riguarda il nuovo Kiwi giallo G3 in corso di piantagione, ma anche per la tradizionale cultivar Hayward, visto che molti impianti sono a fine carriera e spesso danno origine a produzioni di bassa qualità. Bio: Non si prevedono nuovi impianti Considerazioni finali È ancora presto per trarre delle conclusioni sull annata 2013, ma alcune considerazioni di tipo generale si possono già fare. Come accennato precedentemente, le produzioni estive confermano la loro forte volubilità nei prezzi, essendo legate a un consumo molto rapido (scarsa conservazione) e a un mercato tendenzialmente in stagnazione, se non in contrazione (la crisi economica incide molto, ma non è l unico motivo). Per questo è sempre più importante rimanere aggiornati con le nuove varietà e con impianti altamente efficienti, per assecondare le mode e le tendenze dei mercati, altrimenti il rischio di non fare reddito anche nelle annate meno problematiche, come sembra essere il 2013, è sempre più alto. Per quanto concerne le produzioni invernali, in generale valgono le stesse regole generali, ma la possibilità di conservare per periodi più lunghi le produzioni permette di affrontare la campagna commerciale con un po più di tranquillità. Ciò non deve portarci a facili entusiasmi (anche per queste produzioni, se si verificano eccessi di quantità, valgono le stesse regole delle produzioni estive, basti ricordare in proposito la stagione ). Queste sono in parte le motivazioni per cui stiamo assistendo a un aumento delle produzioni invernali a discapito di quelle estive presso i soci della cooperativa: questa tendenza riteniamo che si accentuerà ulteriormente nei prossimi anni anche a causa delle problematiche fitosanitarie a cui stiamo assistendo in diversi territori (Sharka e non solo), per cui diventa ancora più importante la collaborazione fra aziende agricole e uffici tecnici presenti nei diversi territori, per pianificare i prossimi investimenti, affinché si riducano il più possibile errori strategici, che sono deleteri in questo lungo periodo di difficoltà che sta attraversando il mondo ortofrutticolo. Ricordiamo anche le numerose agevolazione messe a disposizione dei soci dal piano operativo (Ocm): agevolazioni che aiutano ad affrontare i costi sempre crescenti nella realizzazione dei nuovi impianti, sempre più specializzati e onerosi, ma necessari per essere competitivi.

7 APofruIT NoTIZIE 7 POMODORO DA INDUSTRIA: UNA PRODUZIONE SEMPRE PIù STRATEGICA PER APOFRUIT La cooperativa, tramite l attività della controllata Apoidustria, nel 2013 ha destinato 350 ettari a questa produzione, con l obiettivo di raggiungere i 250 mila quintali entro fine anno e con il progetto di un ulteriore sviluppo nel 2014 Le colture ortofrutticole destinate alla trasformazione industriale stanno assumendo un ruolo sempre più strategico nei piani di avvicendamento colturale delle aziende agricole associate ad Apofruit. Per questo cinque anni fa la cooperativa ha dato vita ad Apoindustria, società controllata costituitasi per favorire la programmazione e valorizzazione dei prodotti ortofrutticoli destinati a passare direttamente dal campo all industria. Questa società ad oggi conta oltre 100 soci su tutto il territorio nazionale e ha uno statuto e un regolamento proprio, che consente di dare alle aziende associate un servizio efficiente e specializzato per il comparto industriale, al contempo garantendo ai soci, come da regolamento interno, pagamenti rapidi, con liquidazioni immediatamente successive agli incassi - dichiara Gianluca Balzani, vice presidente di Apofruit Italia e presidente di Apoindustria - Entro la fine del 2013 la cooperativa ritirerà dai propri associati circa 250 mila quintali di pomodoro oltre a fagiolini e piselli, tutti destinati all industria di trasformazione. Il pomodoro è la varietà principale della gamma: nel 2013 sono circa 40 i soci di Apoindustria che si sono dedicati a questa produzione, per un totale di 350 ettari di impianti specifici per il prodotto industriale. Le aziende sono quasi tutte dislocate fra l Emilia e la Romagna: si trovano nel modenese a Mirandola e Finale Emilia e nel ferrarese a Bondeno, mentre in Romagna i territori sono quelli di Ravenna e Forlì, con qualche terreno anche nelle campagne di Rimini. Una minima percentuale (5-10%) di pomodoro da industria viene prodotto fra la Lombardia e il veneto. La varietà in produzione - sottolinea Davide Bottecchi, tecnico di Apofruit Italia - è un pomodoro tondo a lotta integrata, che viene destinato alle industrie di trasformazione per diventare polpa, passata e prodotto a cubetti. Quest anno la campagna si sta sviluppando in modo positivo - continua Bottecchi - Le quantità sono superiori rispetto allo scorso anno: nel 2012 abbiamo liquidato ai soci quintali di prodotto, se manterremo l obiettivo di 250 mila quintali entro fine anno saremo in crescita del 40% circa. La produzione fino ad oggi è stata buona e il prodotto è di qualità, in controtendenza rispetto a una produzione nazionale più scarsa a causa dall andamento climatico avverso, che ha penalizzato alcune zone tradizionalmente vocate. Per il 2014 abbiamo intenzione di sviluppare ulteriormente questa produzione - conclude - vista anche la sempre maggiore importanza attribuita dal mercato al pomodoro da industria.

8 8 Apofruit notizie OSPITE PER LA NOSTRA FRUTTA pagine tecnichedrosophila SUZUKII: UN NUOvO di GIANNI ceredi ampio e variegato panorama di insetti fitofagi L che danneggiano le colture frutticole si è arricchito nell ultimo biennio di un ulteriore e particolare ospite: si tratta di Drosophila suzukii. Questa specie del genere Drosophila fu osservata per la prima volta in Giappone su ciliegio, circa un secolo fa. Negli anni Trenta fu riscontrata in altri areali del Sud-est asiatico e la prima descrizione a cui si attribuisce l odierna classificazione risale al D. suzukii appartiene a quel gruppo di insetti conosciuti comunemente come moscerini, un termine spesso sinonimo di innocuità che tuttavia viene contraddetta dalle potenzialità di danneggiamento che questa specie ha già saputo dimostrare. Ogni qualvolta un insetto colonizza nuovi territori, il primo elemento a cui si è posti di fronte è rappresentato dalla conoscenza degli aspetti morfologici, biologici e comportamentali degli individui. Allo stesso tempo diviene importante sapere quali condizioni climatiche e ambientali lo favoriscono e naturalmente, quando il nuovo ospite costituisce un pericolo per le colture agricole, si cerca di impostare una strategia di contenimento e di difesa. L ente europeo (EPPO) che monitora e valuta il rischio dell introduzione e della gestione di nuovi insetti fitofagi o agenti patogeni, definisce D. suzukii una minaccia per l area geografica europea, le attribuisce un elevata probabilità di ulteriore diffusione, sottolineandone la difficoltà nella gestione e l impossibilità di una eradicazione. Normalmente i moscerini sviluppano il loro ciclo su substrati zuccherini fuoriusciti da matrici vegetali deteriorate o danneggiate da altre cause. D. suzukii in tale contesto costituisce una delle poche eccezioni, in quanto le femmine sono dotate di un ovopositore seghettato che permette loro di incidere l epidermide dei frutti sani deponendo le uova al loro interno, dove poi svilupperanno le larve. Gli adulti di questo moscerino per il resto sono molto simili a quelli della specie che ben conosciamo (D. melanogaster), misurano come questa circa 3 mm di lunghezza, ma i maschi a una più attenta osservazione mostrano occhi rossastri e due singole macchie brune sulle ali. Il rischio fitosanitario relativo alla presenza di D. suzukii è dovuto al fatto che oltre a poter danneggiare frutti sani ha un ampia gamma di piante ospiti e un elevato potenziale riproduttivo e di dispersione. I frutti sui quali sono stati segnalati danni con maggiore frequenza e incidenza sono i cosiddetti piccoli frutti come lamponi, more, mirtilli, ma anche fragole e ciliegie. La presenza di D. suzukii è stata tuttavia segnalata anche su albicocche, pesche, nettarine, uva, fichi, kaki, pomodori, mele e pere. L insetto può colonizzare anche bacche spontanee e ornamentali come sambuco e caprifoglio. Le femmine della specie possono deporre complessivamente fino a 400 uova (una-tre per frutto) in un periodo di due-otto settimane. Il ciclo di sviluppo che dall uovo porta all adulto è fortemente condizionato dalle temperature è può richiedere da una a quasi tre settimane, consentendo all insetto di compiere fino a 14 generazioni all anno. L elevato potenziale di dispersione di questo insetto ne conferma la rapida

9 Apofruit notizie 9 diffusione in territori sempre più ampi. Tale dispersione sembra avere carattere tendenzialmente passivo, ovvero attraverso frutti con presenza di uova o larve. La dispersione attiva, tramite spostamento di individui adulti, sembra meno probabile per quanto non vi siano dati specifici su tale capacità di spostamento. La presenza di specie vegetali ospiti non sembra costituire un particolare limite alla diffusione della specie in considerazione dell ampia polifagia. Le condizioni climatiche, invece, possono esaltare la pullulazione di questo moscerino, creando situazioni di difficile contenimento. Considerando le zone di origine si comprende facilmente che la situazione ideale per D. suzukii è riconducibile a quella di temperature miti, con condizioni di elevata umidità relativa. In letteratura viene riportato un picco di attività e sviluppo a C, con mortalità degli adulti sotto lo zero e oltre i 32 C. I maschi sembrano non essere più fertili con temperature oltre i 30 C e si conferma l elevata sensibilità alle condizioni di secco, con mortalità degli adulti in assenza di acqua per 24 ore. Lo svernamento della specie è a carico degli individui adulti, che tuttavia sono particolarmente sensibili, come detto, alle temperature sotto lo zero. Inverni molto rigidi costituiscono una buona premessa per la limitazione della specie, ma l elevato potenziale riproduttivo e di dispersione possono facilmente annullare tale vantaggio. La presenza accertata di questo insetto sul territorio italiano costituisce indubbiamente un ulteriore pericolo per le nostre colture frutticole: un pericolo che, tuttavia, è fortemente subordinato a specifiche condizioni climatiche e alla presenza di determinate coltivazioni. L esperienza maturata in questo ultimo biennio indica chiaramente che, nonostante la spiccata polifagia di questo moscerino, sono soprattutto le produzioni dei piccoli frutti rossi (more, mirtilli, fragole, ciliegie ecc..) a subire i danni maggiori. Danni che riguardano areali temperati e umidi come il Trentino, ma anche quelli di regioni come l Emilia Romagna, limitatamente a condizioni territoriali o microclimatiche predisponenti. Le femmine di D. suzukii sono attratte dai frutti maturi con epidermide più tenera e si orientano per la deposizione su questi, anche perché il ciclo di sviluppo delle uova e delle forme larvali richiede meno tempo rispetto ad altri ditteri del genere Ceratitis o Rhagoletis. La proliferazione di D. suzukii e il rischio per la coltura sono quindi elementi non generalizzabili, ma circoscrivibili a peculiari situazioni di campo, climatiche o microclimatiche. relative a zone di singoli frutteti (vicinanza di fossi, canali, macchie di vegetazione spontanea, zone in ombra o di fondo valle), allo stato di maturazione dei frutti o alla posizione di questi sulla pianta (in genere i frutti situati nella parte interna o bassa delle piante dove vi è minore soleggiamento, maggiore umidità e temperature più moderate sono più predisposti ai danni da D. suzukii). L attività dell insetto viene messa in evidenza sui frutti attraverso le punture di ovo deposizione che si caratterizzano, a un attenta osservazione, per la presenza di un esile tubercolo biancastro attraverso il quale le uova possono respirare. Quando le larve nascono sviluppano nei tessuti della polpa che rammollisce, rendendo più visibile il foro di ovo deposizione dal quale, a una leggera pressione del frutto, fuoriesce del succo. I frutti deperiscono rapidamente divenendo facile substrato per diversi tipi di marciume. Dal punto di vista epidemiologico un aspetto senza dubbio impressionante, constatato diffusamente nel corso del 2012 in diversi ceraseti romagnoli, è la rapidità e l estensione con cui questo esemplari adulti di d. suzukii: a sinistra il maschio di dimensioni leggermente più ridotte e riconoscibile per la macchia bruna nella parte distale delle ali. pagine tecniche

10 10 Apofruit notizie pagine tecniche nelle foto, in senso orario: trappola alimentare artigianale innescata con aceto di mele per il monitoraggio degli adulti; larva di d. suzukii su frutto di ciliegia; fori su frutto di ciliegia che possono indicare la presenza delle larve del moscerino all interno tipo di moscerino colpisce i frutti, portandoli rapidamente alla distruzione. Il Servizio Fitosanitario della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con i coordinamenti provinciali di difesa integrata e con il supporto dell attività sperimentale condotta anche dalla nostra cooperativa, si è attivato prontamente per affrontare questo problema, fornendo in primo luogo da letteratura le informazioni relative al comportamento dell insetto, di cui abbiamo riportato una breve sintesi. Un ulteriore importante attività svolta nel recente triennio ha riguardato il monitoraggio di D. Suzuki negli ambienti di coltivazione della regione. La consapevolezza della reale presenza di questo insetto nei diversi territori attraverso una fitta rete di monitoraggio è estremamente importante quale primo passo verso qualsiasi forma di prevenzione e lotta. Come già accennato in precedenza, D. suzukii è in grado di svolgere diverse generazioni, è fortemente condizionata da fattori microclimatici e ampiamente polifaga: se a ciò si aggiunge il fatto che l esperienza maturata a livello tecnico e fitoiatrico si muove ancora nelle fasi iniziali, si comprende quanto sia importante conoscere la reale situazione nei singoli frutteti. Le prime esperienze di monitoraggio che rimangono tuttora valide, per quanto passibili di miglioramento, sono state effettuate con trappole innescate con attrattivo alimentare costituito da aceto di mele. La trappola può essere costruita artigianalmente, impiegando semplici bottiglie di plastica sulle quali sono praticati tre-quattro fori del diametro di 5 mm, ciò per consentire il passaggio degli adulti di D. suzukii e impedendo, per quanto possibile, quello di insetti di dimensioni maggiori. Tali trappole vanno appese in corrispondenza delle parti più basse e meno esposte al sole delle piante, provvedendo settimanalmente al controllo e alla sostituzione dell innesco. Le varianti prese in considerazione per ottimizzarne la capacità attrattiva hanno riguardato il contenitore (tipo di bottiglia, pannello ecc..) il colore (trasparente,

11 Apofruit notizie 11 rosso, giallo), la dimensione e il numero dei fori, il tipo e la quantità di attrattivo. A consuntivo delle prime esperienze di monitoraggio si è visto che la presenza di D. suzukii è presente su tutto il territorio regionale con le prime catture già nel mese di maggio. La presenza del moscerino è legata all andamento stagionale, con catture estremamente basse durante i periodi più caldi e secchi dell estate, per poi riprendere in corrispondenza delle prime piogge e dell abbassamento delle temperature. L esigenza di apprestare un adeguata profilassi nei confronti di questo nuovo insetto necessita ovviamente di un attento lavoro che si sta svolgendo e che parte dalle conoscenze maturate in altri areali, ma che deve fare i conti con le nostre realtà colturali e con il comportamento che l insetto ha in esse. La stessa fitoiatria deve essere in grado di fornire strumenti chimici adatti, efficaci, praticabili e ovviamente regolarmente registrati su un fitofago che nel panorama delle problematiche agricole non era contemplato. Considerando il forte potenziale attrattivo dei frutti in via di maturazione, un primo doveroso consiglio utile da seguire è quello di ovviare raccolte tardive di ciliegie o altri piccoli frutti, evitando di lasciare anche modeste quantità di frutti pendenti sulle piante. Ciò vale in modo particolare se nei frutteti sono presenti impollinatori a maturazione precoce, i cui frutti vanno debitamente asportati. La difesa chimica contro D. suzukii non appare semplice, richiede sostanza attiva con un buon potenziale abbattente, in quanto indirizzata prevalentemente alle forme adulte, e non può essere attuata con troppo anticipo rispetto alla raccolta dei frutti, in quanto è in corrispondenza della loro maturazione che le femmine si orientano per la ovo deposizione. Sono state apprestate su ciliegio diverse prove di campo in cui, partendo dalla strategia di difesa contro R. cerasi (mosca delle ciliegie), si è cercato di valutare l attività insetticida collaterale su D. suzukii. È stata confrontata l attività di prodotti appartenenti a diverse famiglie chimiche: organo fosforati, spinosine, piretroidi e neonicotinoidi, cercando di ipotizzare possibili strategie di intervento. Allo stato delle conoscenze maturate nell attività sperimentale condotta nell ultimo biennio, l impiego di spinosine naturali e di alcuni formulati a base di piretroidi di sintesi sembrano offrire le migliori garanzie di successo nella difesa attiva. Trarre conclusioni su questo nuovo problema appare fuori luogo; mancano ancora diversi elementi di conoscenza (svernamento dell insetto, resistenza alle basse temperature, capacità di spostamento, relazione tra catture e danno, presenza di ospiti alternativi, sensibilità varietali, suscettibilità dei frutti) e altri necessitano di ulteriori approfondimenti (tecniche di monitoraggio degli adulti, eventuale valutazione di modelli previsionali in uso in altri Paesi). La stessa difesa chimica richiede ulteriori indagini sull efficacia e la persistenza dei diversi prodotti, così come meritano maggiori investigazioni l applicazione di metodi di controllo non chimico (reti anti insetti, impiego di sostanze repellenti, prodotti microbiologici, presenza di specie parassitoidi o predatrici in grado di contrastare la popolazione di D. suzukii). si ringraziano il servizio fitosanitario della regione emilia romagna e i coordinamenti provinciali di difesa integrata per le informazioni e foto gentilmente offerte Grappolo di ciliegie completamente infestato e distrutto da larve di d. suzukii pagine tecniche

12 12 APofruIT NOTIZIE DALL EMILIA PRIME valutazioni SULLA CAMPAGNA ESTIvA di FRANCO girotti Ferragosto si può ritenere quasi conclusa la A campagna dei prodotti estivi conferiti dai soci di Apofruit per il comprensorio emiliano, ma prima di fare un analisi dei singoli prodotti è doveroso ricordare come la trascorsa primavera sia stata una stagione più che anomala, risultando tra le più piovose dell ultimo secolo, stagione che ha fatto registrare temperature, soprattutto nel mese di maggio, al di sotto della norma. Naturalmente questa strana primavera non poteva non influire negativamente sulle produzioni agricole; per fortuna però le previsioni infauste formulate inizialmente riguardo a qualità e quantità non si sono avverate. Le pere estive hanno avuto un inizio di campagna molto promettente, con le prime partite di Morettini e Guyot che sono state apprezzate dal mercato; poi sono sopraggiunte a raccolta le produzioni più consistenti come le varietà Carmen e Santa Maria. Per la prima varietà i quantitativi ritirati hanno superato i preventivi e si sono attestati sui quintali, mentre per Santa Maria si supereranno i quintali di conferimento. In questo momento, comunque, i bassi consumi stanno determinando una lieve flessione del mercato. Dal punto di vista fitosanitario non si sono evidenziate problematiche importanti, anche se qualche partita di Santa Maria è risultata colpita da Psilla. Per le ciliegie la campagna è stata discreta, con un mercato tutto sommato soddisfacente e regolare, e una stagione dove le piogge non hanno creato particolari problemi di craking (crepature dei frutti), mentre alcune varietà importanti come Ferrovia hanno avuto scarse produzioni. Per ciò che concerne il marchio Ciliegia Igp di vignola, dopo questa prima campagna è emersa la necessità di modificare il disciplinare di produzione, in quanto dal disciplinare stesso sono state escluse ben 14 varietà perché coltivate da minor tempo: varietà che, oltre ad essere ritenute valide per le loro qualità organolettiche, lo sono anche sotto l aspetto esteriore e che rappresentano ben il 50% della produzione cerasicola del comprensorio. La cooperativa ha ritirato circa quintali di ciliegie dai soci conferenti. Per ciò che concerne le susine, la produzione per le varietà sino ad ora ritirate è risultata inferiore all annata 2012, conseguentemente ne ha tratto giovamento il calibro, nettamente migliorato rispetto all anno scorso, in particolar modo per la Fortune. Dal punto di vista fitosanitario rileviamo un aumento dei danni da Cydia Funebrana, nonostante l aumento degli interventi eseguiti, comunque sempre nel rispetto dei disciplinari di produzione integrata.

13 terminata a inizio luglio in Metaponto la campagna estiva di Apofruit, che ha chiuso il calenda- È rio produttivo con la nettarina Big Top. I soci hanno conferito negli stabilimenti di Scanzano complessivamente 50 mila quintali di prodotto, di cui 40 mila di pesche e nettarine e 10 mila di albicocche. E stata una campagna positiva esordisce Nicola Serio, consigliere delegato di Apofruit per la zona del Metaponto Questo grazie a due fattori fondamentali: una minore produzione e un buon collocamento sul mercato, che non ha visto sovrapposizioni fra il prodotto del Metaponto e quello della Romagna, grazie anche all anticipo ottenuto con il prodotto sotto serra. La campagna in Metaponto inizia solitamente i primi di maggio e quest anno si è aperta con qualche giorno di anticipo rispetto al Il prodotto, che già di per sé è precoce, ha iniziato ad essere disponibile sul mercato 2-3 giorni prima rispetto al consueto; allo stesso tempo la produzione in Romagna ha subito un ritardo, per cui lo stacco fra le due zone di produzione è stato di circa 15 giorni. A ciò va aggiunto, come nota positiva, il fatto che, nello stesso periodo, la concorrenza sul mercato da parte del prodotto spagnolo è stata inferiore rispetto allo scorso anno. La campagna 2013 è stata caratterizzata da un generale calo produttivo - ribadisce Antonio Rubolino, responsabile d area di Apofruit Italia - Complessivamente abbiamo ritirato circa il 40% in meno di albicocche e il 15% in meno di pesche e nettarine. Questo ci ha consentito di collocare bene il prodotto sul mercato, con prezzi nettamente superiori rispetto a quelli dello scorso anno. Nel caso di alcune varietà di albicocche, si parla di prezzi raddoppiati. Le varietà prodotte in Metaponto sono tutte precoci: nel caso di pesche e nettarine stiamo parlando APofruIT NOTIZIE DAL METAPoNTo 13 PESCHE E ALBICOCCHE: IL MERCATO PREMIA IL PRODOTTO PRECOCE DEL METAPONTO di Nectaprima, Big Bang, Garofa e Big Top. Si tratta di nettarine di particolar pregio, studiate per dare al consumatore - in un periodo di tempo lungo - un prodotto con le stesse, elevate caratteristiche organolettiche, dal gusto dolce e dall intensa colorazione. Per quanto riguarda le albicocche, Margottina e Wonder Cot, varietà dalle ottime caratteristiche organolettiche, sono state le più precoci, seguite da tutte le altre varietà dolci di colorazione rossa della stessa gamma varietale. Si tratta di cultivar molto ricercate dal mercato e apprezzate dal consumatore, che vanno a sostituire le vecchie varietà, ormai non più appetibili conclude Rubolino Gli esiti positivi della campagna 2013 sono dovuti, in ultima battuta, anche all elevata qualità dei frutti, risultato appunto della scelta di investire sul rinnovamento varietale per collocare sul mercato un prodotto più competitivo.

14 14 APofruIT NOTIZIE DALLA sicilia APOFRUIT AMPLIA LA GAMMA DEI PRODOTTI ORTICOLI IN SICILIA tempo di fare programmi per la campagna produttiva 2013/2014 nelle aree orticole ragusane, È un territorio dove Apofruit ha molto investito negli ultimi tempi. Sono aumentate le superfici coltivate dai soci, si è diffuso con risultati molto positivi il progetto serre, si è sviluppato un progetto anche sulla lotta integrata ed è cresciuta negli ultimi anni la base sociale. Oggi, per dare anche un adeguata risposta alle nuove richieste da parte del consumatore, Apofruit ha ampliato la gamma dei prodotti orticoli lavorati nello stabilimento di Donnalucata, inserendo nella prossima campagna anche zucchine (bianche e verdi), peperoni (gialli e rossi) e cetrioli. Si tratta di prodotti sui quali abbiamo riscontrato un notevole interesse da parte del consumatore, in particolare per quanto riguarda i peperoni esordisce Alfonso D Aquila, responsabile d area di Apofruit Italia e che nella prossima campagna, insieme alla già consolidata melanzana, costituiranno il 30% della produzione locale. Il restante 70% sarà costituito dal pomodoro, prevalentemente grappolo e ciliegino, una produzione che in questi ultimi anni è sempre cresciuta e sulla quale abbiamo investito molto. In generale per la campagna è previsto un aumento del 20% delle superfici coltivate dai soci. Andremo in produzione a metà settembre continua D Aquila - e la campagna si concluderà tra maggio e giugno. Oltre all ampliamento della gamma produttiva, è previsto anche un aumento delle superfici destinate al biologico, che porterà una crescita dei volumi prodotti stimato intorno al 30%. Si tratta di un passo avanti molto importante conclude il responsabile d area di Apofruit Italia - lo sviluppo del biologico è stata una scelta portata avanti a fronte di una sempre maggiore richiesta di prodotto da destinare soprattutto ai mercati esteri. Inoltre alcuni soci hanno manifestato l interesse a convertire in biologico le loro aziende. La conversione in bio, dalla richiesta alla certificazione, richiede una tempistica relativamente breve, da due a tre anni in base alla coltura e le produzioni ottenute durante tale periodo saranno comunque ritirate dalla cooperativa.

15 APofruIT NOTIZIE DAL LAZIo 15 CAMPAGNA SUSINE ESTIvE E ANGELENO: BILANCI E PREvISIONI di FABIO MAROCCHI Al termine della raccolta delle susine estive è tempo di fare un primo bilancio della stagione, in attesa dell inizio della campagna di raccolta della varietà Angeleno. La stagione ha permesso in generale una buona allegagione un pò in tutte le varietà, fatta eccezione per l Angeleno, alla quale le piogge nell epoca di fioritura hanno causato qualche problema di allegagione. In particolare le nuove varietà, su cui si sta lavorando per ampliare il calendario di raccolta, hanno avuto una buona risposta sia in termini produttivi che di mercato. Il volume totale dell estivo è stato nelle medie di previsione e di produzione. Analizzando il totale conferito come varietà estive e superficie coltivata siamo a circa 300 quintali per ettaro. Ovviamente le varietà a maturazione media (Tc Sun e Fortune) hanno punte più elevate e le varietà precoci hanno una produttività leggermente inferiore (circa 250 quintali per ettaro). Per quanto riguarda la qualità, sia come calibro che come sapore, è stata molto buona per tutte le varietà estive. In particolare su Tc Sun, Anna e Suplum22 le nuove tecniche di diradamento hanno permesso una crescita rapida dei frutti e l ottenimento di buone pezzature. Il maggior interesse è sempre per frutti che abbiano un buon grado brix e una buona tenuta in cella frigorifera, per poterli destinare a quei mercati in grado di valorizzare al meglio la produzione. Il ruolo fondamentale, soprattutto per le varietà a buccia gialla (Anna e TC Sun), è rivestito dal produttore, che con la sua esperienza e con l applicazione delle tecniche colturali può migliorare il calibro dei frutti, il grado brix e in generale le caratteristiche organolettiche dei frutti. Per quanto riguarda le varietà a buccia scura, l importante è che i frutti non presentino difetti e soprattutto che abbiano una colorazione omogenea. La varietà Angeleno quest anno si presenta in quantità discrete, e questo fa ben sperare per il grado brix finale e per le pezzature. Come sempre ribadiamo l importanza di avere frutti senza difetti di buccia e con una colorazione omogenea. Si prevedono quantità totali leggermente inferiori all anno scorso, per via dell andamento stagionale della primavera. Ovviamente ad oggi non possiamo fare nessuna previsione del mercato di questa varietà, però possiamo dire che, come sempre, la qualità è il primo requisito per poter spuntare il miglior prezzo di mercato. Pertanto il nostro obiettivo finale è quello di continuare a produrre frutti di elevata qualità, adottando tutte le tecniche necessarie a mantenere lo standard qualitativo raggiunto fino ad oggi.

16 Seguici su

Emergenze fitosanitarie: moscerino delle ciliegie(d. suzukii), difesa dalla Rhagoletis e

Emergenze fitosanitarie: moscerino delle ciliegie(d. suzukii), difesa dalla Rhagoletis e Pecetto To Emergenze fitosanitarie: moscerino delle ciliegie(d. suzukii), difesa dalla Rhagoletis e Francesco Gremo Settore Fitosanitario Regionale PECETTO 18 febbraio 2013 Drosophila suzukii Matsumura

Dettagli

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2

$/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 $/&81,'$7,68// 2/,2%,2/2*,&2 / DUHDGLSURGX]LRQHELRORJLFD A fianco l uso dell olio di oliva tradizionale, sono cresciute la produzione ed il consumo dell olio biologico, con il conseguente aumento dell

Dettagli

Il mercato della frutta in Italia. Frutta: Indice dei prezzi all origine (2010=100)

Il mercato della frutta in Italia. Frutta: Indice dei prezzi all origine (2010=100) Il mercato della frutta in Italia Nelle ultime settimane il mercato della frutta è stato contraddistinto dai prodotti tipici del periodo estivo ed in particolare: pesche, nettarine, percoche, albicocche,

Dettagli

IL PUNTO SULLA PRODUZIONE DI PROGETTI APPROFONDIMENTI E PROSPETTIVE

IL PUNTO SULLA PRODUZIONE DI PROGETTI APPROFONDIMENTI E PROSPETTIVE CSO - ALBICOCCHE UE / ALBICOCCHE: trend della produzione A livello generale la produzione di albicocche nella UE è sostanzialmente stabile e si aggira, recentemente, sulle 650.000 tonnellate annue ma è

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

piante da coltivazione

piante da coltivazione piante da coltivazione Zampe di Asparago I Magnifici Blu è un azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di zampe di asparago per il coltivatore professionale. Possediamo campi sperimentali

Dettagli

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE

GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE GLI ORTAGGI DI IV GAMMA NEL RAPPORTO COMPETITIVO CON IL FRESCO TRADIZIONALE Mario Schiano lo Moriello Cesena, 7 ottobre 2011 Report Economico Finanziario Gli obiettivi dell analisi ISMEA IPSOA Il REF è

Dettagli

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria

Bollettino di Difesa Integrata obbligatoria del 24-06-2015 Provincia di BOLOGNA Bollettino di Integrata obbligatoria PREVISIONI DEL TEMPO (24/06/15) Un vasto promontorio anticiclonico, in espansione sull europa occidentale manterrà sulla nostra

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Attività e importanza del monitoraggio della tignola

Attività e importanza del monitoraggio della tignola Attività e importanza del monitoraggio della tignola Appe Coop Assopa Soc. agr. Coop Dr. Sole Paradisi Consorzio della Patata Italiana di Qualità Dr Giacomo Accinelli Distribuzione geografica SEGNALATA

Dettagli

Frutta Fresca e Agrumi

Frutta Fresca e Agrumi Frutta Fresca e Agrumi N. 31 Settimana n. 43 dal 25 al 31 ottobre 2010 Mercato all origine nazionale Prezzi ingrosso Mercato all origine Trend settimanale Prezzi all origine dei principali prodotti frutticoli

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Viale Bornata 11 25123 Brescia tel 3.362285-3677 assistenzatecnica@centrovitivinicoloprovinciale.it Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation. Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare

Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation. Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare Panorama della situazione Italiana Overwiew of the Italian Situation Giulio Benvenuti Responsabile Qualità Legacoop Agroalimentare Nata nel 1957, l'associazione Nazionale delle Cooperative Agroalimentari

Dettagli

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA

MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA MONITORAGGIO DEI FLUSSI TURISTICI IN PROVINCIA DI LUCCA Stagione estiva 2003 settembre 2003 Previsioni ottobre-novembre 2003 MONITORAGGIO PROVINCIALE SULL'ANDAMENTO DEI FLUSSI TURISTICI NELLA STAGIONE

Dettagli

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato

REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato REGIONE LIGURIA Commissione Regionale Artigianato OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL ARTIGIANATO E LA PICCOLA IMPRESA IN LIGURIA L Osservatorio Congiunturale sull Artigianato e la Piccola Impresa in Liguria

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo

Danni insoliti da tripidi sul frutto melo Danni insoliti da tripidi sul frutto melo L osservazione e lo studio di sintomi su piante o frutti fa parte delle attività della Sezione Difesa delle Piante presso il Centro per la Sperimentazione Agraria

Dettagli

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI:

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: Dal 1996 al 2006 il tasso di inflazione ufficiale è stato del 24,9% Ma gli incrementi medi sono stati ad es Gasolio + 42,86 Contributi lavoratori autonomi + 41,18 variazione

Dettagli

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012 produzioni dei principali cereali in Italia Maggio 2012 1 produzioni dei principali cereali in Italia L ISTAT ha divulgato a febbraio 2012 le intenzioni di semina delle principali coltivazioni erbacee.

Dettagli

Il moscerino dei piccoli frutti

Il moscerino dei piccoli frutti Regione Toscana Il moscerino dei piccoli frutti Drosophila suzukii Direzione generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze Sviluppo rurale - Servizio Fitosantario Regionale 2

Dettagli

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013

LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA. Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it. www.entecra.it. Badoere di Morgano 20 settembre 2013 1 www.entecra.it LA SCELTA VARIETALE IN ASPARAGO È STRATEGICA Agostino Falavigna agostino.falavigna@entecra.it Badoere di Morgano 20 settembre 2013 21/09/2013 CRA-Unità di Ricerca per l Orticoltura (Montanaso

Dettagli

LOTTA BIOLOGICA AL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO MEDIANTE L IMPIEGO DEL PARASSITOIDE TORYMUS SINENSIS (LOBIOCIN)

LOTTA BIOLOGICA AL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO MEDIANTE L IMPIEGO DEL PARASSITOIDE TORYMUS SINENSIS (LOBIOCIN) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DI.VA.P.R.A. Via Leonardo da Vinci, 44 10095 Grugliasco (TO) DIPARTIMENTO DI VALORIZZAZIONE E PROTEZIONE DELLE RISORSE AGROFORESTALI Settore Entomologia e Zoologia applicate

Dettagli

,/0(5&$72',&216802,/0(5&$72 '(//(25*$1,==$=,21,,7$/,$12(' (67(52(/(/252&$5$77(5,67,&+(

,/0(5&$72',&216802,/0(5&$72 '(//(25*$1,==$=,21,,7$/,$12(' (67(52(/(/252&$5$77(5,67,&+( ,/0(5&$72',&216802,/0(5&$72 '(//(25*$1,==$=,21,,7$/,$12(' (67(52(/(/252&$5$77(5,67,&+( 6(/(=,21('(,3$(6, Nella precedente ricerca si sono distinti, sulla base di indicatori quali la produzione, il consumo

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

ANGURIA LA GAMMA AD OGNUNO LE PROPRIE. 4 BOLOGNA ZSeeds Italia

ANGURIA LA GAMMA AD OGNUNO LE PROPRIE. 4 BOLOGNA ZSeeds Italia LA GAMMA AD OGNUNO LE PROPRIE 4 BOLOGNA PORTAINNESTI ZETASEEDS Le coltivazioni di ortaggi, sia in serra che in pieno campo, a volte trovano limitazioni al loro sviluppo dalle avverse condizioni dovute

Dettagli

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE

SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE SERRA SUD AFRICA: NOTE DI COLTIVAZIONE La Serra Nuova dedicata ad alcuni ambienti del Sud Africa rappresenta una delle sfide più ardue per chi lavora nell Orto Botanico di Torino. Su una superficie di

Dettagli

Innovare in Filiere Tradizionali. Federchimica 19-05-2014

Innovare in Filiere Tradizionali. Federchimica 19-05-2014 Innovare in Filiere Tradizionali Federchimica 19-05-2014 Icap Leather chem L Azienda, fondata nel 1944, a seguito di espansione e di variazioni nell assetto societario acquisisce la denominazione di Icap

Dettagli

La gestione della difesa in orticoltura biologica

La gestione della difesa in orticoltura biologica Roma, 16 ottobre 2007 La difesa delle colture in agricoltura biologica La gestione della difesa in orticoltura biologica Sergio Gengotti ASTRA - Innovazione e sviluppo CRPV Centro Ricerche Produzioni Vegetali

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

ANALISI ECONOMICA SULLA FILIERA DEL SUSINO DA CONSUMO FRESCO IN EUROPA

ANALISI ECONOMICA SULLA FILIERA DEL SUSINO DA CONSUMO FRESCO IN EUROPA Centro Servizi Ortofrutticoli Dipartimento di Scienze Agrarie ANALISI ECONOMICA SULLA FILIERA DEL SUSINO DA CONSUMO FRESCO IN EUROPA Carlo Pirazzoli Alessandro Palmieri Frutta d estate - Bologna, 10 giugno

Dettagli

Perché è importante la valutazione dei rischi?

Perché è importante la valutazione dei rischi? Intervista al sig. Jukka Takala, direttore dell'agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro Bilbao, 28 aprile 2008 Cosa si intende per valutazione dei rischi? Jukka Takala: La valutazione dei

Dettagli

Risultati della Ricerca

Risultati della Ricerca Titolo Asparago - Costituzione e diffusione dell ibrido maschile Italo Risultati della Ricerca Descrizione estesa del risultato Italo è il primo ibrido interamente maschile (le piante maschili sono notoriamente

Dettagli

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014

Comunicato stampa. Inchiesta congiunturale 2013/2014 Comunicato stampa Inchiesta congiunturale 2013/2014 Sensibile miglioramento nel 2013 per le aziende ticinesi dopo le difficoltà degli ultimi anni. Previsioni sostanzialmente positive anche per il 2014,

Dettagli

Lombardia Low cost. Frutta e verdura

Lombardia Low cost. Frutta e verdura Progetto realizzato nell ambito del Programma generale di intervento 2009 della Regione Lombardia con l utilizzo dei fondi del Ministero dello Sviluppo Economico Alla ricerca della qualità Supermercato

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS

Congressi: il punto di vista dalle associazioni MEETINGCONSULTANTS Congressi: il punto di vista dalle associazioni Le associazioni protagoniste della meeting industry All interno della meeting industry internazionale le associazioni suscitano grande interesse in quanto

Dettagli

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015).

Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). Agricoltura biologica oggi Estratto dalla pubblicazione Scegliere l agricoltura biologica in Calabria, Edagricole (2015). L agricoltura biologica nel mondo ha registrato negli ultimi venti anni un trend

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive

PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive S Studi di Settore PUBBLICI ESERCIZI E STUDI DI SETTORE Evidenze e prospettive L analisi dei risultati derivanti dall applicazione degli studi di settore offre molteplici spunti di riflessione in relazione

Dettagli

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria

Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale di esenzione per categoria European Commission Directorate General for Competition State aid Registry HT 364 B 1049 Brussels Prot. N. BLD/im 474/07 Milano, 1 giugno 2007 Oggetto: Osservazioni sul Progetto di regolamento generale

Dettagli

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario

Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Problematiche di approvvigionamento e commercializzazione delle aziende di prima trasformazione del comparto oleario Novembre 2006

Dettagli

INDICE Attività Aziendali... 3 Utilizzo Sostanze Chimiche... 4 Conclusioni... 8

INDICE Attività Aziendali... 3 Utilizzo Sostanze Chimiche... 4 Conclusioni... 8 RELAZIONE TRIENNALE MONITORAGGI AMBIENTALI Anni 2012-2014 INDICE Attività Aziendali... 3 Utilizzo Sostanze Chimiche... 4 Conclusioni... 8 Pagina 2 di 8 Introduzione Mito Sistema Ambiente srl, nell ottica

Dettagli

L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA

L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA L OFFERTA E LA DOMANDA DI PRODOTTI BIOLOGICI IN ITALIA Fabio Del Bravo ISMEA Bologna, 6 settembre 2014 www.ismea.it www.ismeaservizi.it AGENDA 1. Come cambiano i consumi alimentari e che ruolo ha assunto

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale

Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale A G E A Agenzia per le erogazioni in agricoltura Progetto Miglioramento della Qualità della Produzione dell olio di oliva ed impatto ambientale Associazione Produttori Olivicoli C.N.O. aderente al Finanziato

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY

COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY COMUNICATO STAMPA PUBBLICATI I RESOCONTI INTERMEDI DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 DI SECURFONDO, IMMOBILIUM 2001 ED INVEST REAL SECURITY 21 ottobre 2009 Beni Stabili Gestioni S.p.A. SGR rende noto che

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

I prezzi dei cereali in Italia

I prezzi dei cereali in Italia Workshop Prezzi agricoli ed emergenza alimentare: cause, effetti, implicazioni per le politiche I prezzi dei cereali in Italia Roma, 8 luglio 2008 Angelo Frascarelli Università degli Studi di Perugia angelof@unipg.it

Dettagli

GRUPPO PROPONENTE: BBG -Biological Balcony Garden- ISTITUTO: L IDEA:

GRUPPO PROPONENTE: BBG -Biological Balcony Garden- ISTITUTO: L IDEA: GRUPPO PROPONENTE: BBG -Biological Balcony Garden- ISTITUTO: L IDEA: Quest idea è nata da una del nostro gruppo che ispirandosi alla nuova moda dell orto sul balcone e al bisogno sempre maggiore di verde

Dettagli

Analisi economica del settore agricolo

Analisi economica del settore agricolo LE FILIERE BIOLOGICHE IN LOMBARDIA Analisi economica del settore agricolo Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano

Dettagli

Sono la passione, la ricerca della miglior qualità, la curiosità e l energia creativa a guidare l'innovazione...

Sono la passione, la ricerca della miglior qualità, la curiosità e l energia creativa a guidare l'innovazione... Sono la passione, la ricerca della miglior qualità, la curiosità e l energia creativa a guidare l'innovazione... L azienda La Scatto si propone come una realtà innovativa e dinamica nella commercializzazione

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrero:

A relazione dell'assessore Ferrero: REGIONE PIEMONTE BU29S1 23/07/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 29 giugno 2015, n. 12-1641 Piano verde. Programma regionale per la concessione di contributi negli interessi sui prestiti contratti

Dettagli

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA

OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO REGIONALE DEL MERCATO IMMOBILIARE IN EMILIA ROMAGNA PERIODO DI RIFERIMENTO NOVEMBRE 2007 - MARZO 2008 - 2 - SOMMARIO Premessa L indagine ha l obiettivo di valutare l andamento del mercato

Dettagli

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio

Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio Presentazione dell approfondimento: Contrattazione aziendale e differenziali salariali territoriali di Piero Casadio In un periodo nel quale si è parlato tanto (e spesso a sproposito) di gabbie salariali

Dettagli

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO

Dossier di documentazione IL GOVERNO DEL PERSONALE NEL SETTORE SANITARIO PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano Dossier di documentazione IL

Dettagli

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta

Newsletter n.2. La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Newsletter n.2 La politica di sviluppo rurale e la filiera corta Presentazione In questa seconda newsletter che accompagna il percorso formativo della nostra Comunità montana sulle opportunità offerte

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO OSSERVATORIO TURISTICO DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Nota congiunturale sull area delle Orobie Consuntiva stagione invernale 2007-2008 Redatta in Aprile 2008 Caratteristiche e metodologia di indagine L Osservatorio

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI. Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D.

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI. Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D.lgs 214/2005 Criteri di monitoraggio e di gestione delle infestazioni dell organismo

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006

Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Impianto e cure colturali di Lampone e Rovo Agrital Ricerche Stefano Carrano marzo 2006 Propagazione Introduzione - lampone Questo lavoro è nato da una precedente raccolta di diapositive destinata ad un

Dettagli

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita

Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Economia > News > Italia - lunedì 13 gennaio 2014, 16:00 www.lindro.it Segnali positivi Le banche tra tassi e risparmiatori Famiglie e banche: interessi più bassi e depositi in crescita Antonio Forte La

Dettagli

Le previsioni di produzione di mele per la stagione 2015/2016

Le previsioni di produzione di mele per la stagione 2015/2016 Le previsioni di produzione di mele per la stagione 2015/2016 - Comunicato stampa di Assomela Giovedì 06 agosto 2015 La situazione nell Unione Europea Come ogni anno, i produttori di mele europei si sono

Dettagli

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4

Premessa... 1. Fasi del processo... 3. Zone di rischio... 4 Sommario Premessa... 1 Fasi del processo... 3 Zone di rischio... 4 Premessa Le tecnologie informatiche hanno rivoluzionato da tempo il modo in cui lavorano le aziende e le organizzazioni in genere. Gestire

Dettagli

Outlook finanziario dell agricoltura europea

Outlook finanziario dell agricoltura europea Gian Luca Bagnara Outlook finanziario dell agricoltura europea I prezzi agricoli hanno colpito i titoli dei giornali negli ultimi cinque anni a causa della loro volatilità. Tuttavia, questa volatilità

Dettagli

COOPERATIVA IL GRANONE

COOPERATIVA IL GRANONE COOPERATIVA IL GRANONE Un aggregazione di aziende nella produzione dei cereali 1 COOPERATIVA IL GRANONE L area in cui è situata la cooperativa è quella del comune di San Savino in provincia di Arezzo.

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: E possibile rendere sicure le sostanze pericolose Identificativo della Linea o delle Linee di intervento generale/i : Prevenzione degli eventi

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

I debitori delle aziende del Triveneto. Aggiornamento al I trimestre 2011

I debitori delle aziende del Triveneto. Aggiornamento al I trimestre 2011 Aggiornamento al I trimestre 2011 Maggio 2011 Prefazione L analisi ha l obiettivo di verificare come sia cambiato il profilo delle aziende cattivi pagatori, cioè delle aziende verso le quali è stata effettuata

Dettagli

UN TERMOMETRO PER LA POSA. Serramenti in PVC. Marco Piana

UN TERMOMETRO PER LA POSA. Serramenti in PVC. Marco Piana UN TERMOMETRO PER LA POSA Serramenti in PVC Marco Piana 1 La posa in opera del componente in edilizia è da sempre argomento ampiamente discusso e controverso. Tutti gli operatori fanno riferimento alla

Dettagli

Risultati Sondaggio 1.La maggior parte degli intervistati ha risposto correttamente: le attività che producono CO2 infatti si dividono equamente tra settori produttivi, dei trasporti e abitativi. Per quanto

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE A. ATTIVITA REALIZZATE RELAZIONE FINALE 1. Incontro informativo - LAVORO SICURO IN AGRICOLTURA: UN OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO - La valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza e gli aspetti autorizzativi

Dettagli

I prodotti dell agricoltura biologica

I prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti privi di residui chimici ed assolutamente identici possono essere l uno il

Dettagli

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente

Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente Produrre in sicurezza e nel rispetto dell ambiente ISO 14001 e OHSAS 18001 nuovi traguardi per una raffineria ogni giorno più compatibile, innovativa, responsabile api raffineria di ancona S.p.A. DUE TRAGUARDI

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

OSSERVATORIO PERMANENTE

OSSERVATORIO PERMANENTE DIPARTIMENTO DI SCIENZE STATISTICHE PAOLO FORTUNATI UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM OSSERVATORIO PERMANENTE SUL TRASPORTO CAMIONISTICO IL TRASPORTO CAMIONISTICO DI MERCI IN INTERPORTO BOLOGNA

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Rapporto n. 488 del 29 Ottobre 2010. Osservatorio Economico sulla Patata. Borsa Patate

Rapporto n. 488 del 29 Ottobre 2010. Osservatorio Economico sulla Patata. Borsa Patate Rapporto n. 488 del 29 Ottobre 2010 Osservatorio Economico sulla Patata Borsa Patate 29 Ottobre 2010 b o r s a p a t a t e q u a d r o g e n e r a l e Quotazioni della Patata in crescita per effetto della

Dettagli

GAS GASIA gruppo di lavoro GAST PROGETTO RIO MEOLETTO

GAS GASIA gruppo di lavoro GAST PROGETTO RIO MEOLETTO GAS GASIA gruppo di lavoro GAST PROGETTO RIO MEOLETTO La nostra idea Partendo da un nucleo ridotto di aderenti al Gas, abbiamo pensato di cambiare ruolo: da semplici consumatori solidali a imprenditori

Dettagli

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone Introduzione La politica integrata dei prodotti (IPP), secondo quanto riportato nel Libro Verde della Commissione

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

La terra in cooperativa: esperienza coop. G.a.i.a. Inea 17 settembre 2013 presentazione Patrizia Marcellini

La terra in cooperativa: esperienza coop. G.a.i.a. Inea 17 settembre 2013 presentazione Patrizia Marcellini La terra in cooperativa: esperienza coop. G.a.i.a. Inea 17 settembre 2013 presentazione Patrizia Marcellini 1 LA NASCITA DELLA COOPERATIVA (1) G.a.i.a (Gestione Associata Imprese Agricole) nasce nel 1977

Dettagli

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP a cura di Stefano Petrucci, Arnaldo Peroni La filiera dell olio nel territorio sabino si è evoluta notevolmente dopo l ottenimento, nel 1996,

Dettagli

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità.

K I W I. DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. K I W I DOSSIER 2012 Il punto della situazione sulla produzione mondiale, i consumi, i nuovi mercati, le novità. in sintesi Superficie mondiale di kiwi: 160.000 ettari Produzione mondiale di kiwi: 1,3

Dettagli

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni

Febbraio 2016. market monitor. Analisi del settore edile: performance e previsioni Febbraio 2016 market monitor Analisi del settore edile: performance e previsioni Esonero di responsabilità I contenuti del presente documento sono forniti ad esclusivo scopo informativo. Ogni informazione

Dettagli

CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013

CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013 CONGIUNTURA FLASH - Consumi natalizi 2013 Report documento per ASCOM dell Emilia - Romagna dicembre 2013 1 SOMMARIO 1 LA DESCRIZIONE DEL PANEL... 3 2 L INDAGINE SULLE VENDITE NEL PERIODO NATALIZIO... 6

Dettagli

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI

GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI GESTIONE AVANZATA DEI MATERIALI Divulgazione Implementazione/Modifica Software SW0003784 Creazione 23/01/2014 Revisione del 27/06/2014 Numero 1 Una gestione avanzata dei materiali strategici e delle materie

Dettagli

GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA

GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA GLI INCIDENTI STRADALI CON COINVOLGIMENTO DI FAUNA SELVATICA: UN FENOMENO DA NON SOTTOVALUTARE Il Piemonte è una delle Regioni in cui le popolazioni di fauna selvatica di grossa taglia sono tra le più

Dettagli

RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA

RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA RAPPORTO SULL ANNATA AGRARIA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ANNO 2005 A cura del prof. Roberto Fanfani Rapporto sull annata agraria della provincia di Bologna Anno 2005 INDICE PREFAZIONE Pag 5 CAPITOLO I:

Dettagli