MARE E LINEA DI COSTA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MARE E LINEA DI COSTA"

Transcript

1 COMMISSIONE DI LAVORO MARE E LINEA DI COSTA Coordinatore: Luigi Salvati Ottobre

2 MARE E LINEA DI COSTA SCENARIO Il Piano Strategico individua il mare come una tematica di fondamentale importanza e indica come prioritario l obiettivo della riscoperta delle straordinarie e multiformi potenzialità di questa grande risorsa, oggi non pienamente sfruttata, anche attraverso una migliore distribuzione delle diverse attività che si affacciano sul fronte del mare. Il mare come grande risorsa economica, sociale, culturale e territoriale attorno alla quale occorre garantire una virtuosa convivenza fra diverse attività. Il Piano Urbanistico Comunale ha posto l obiettivo di coniugare le diverse vocazioni portuale, industriale e diportistica definendo i corretti limiti entro i quali farle convivere e divenire occasioni di rafforzamento dell economia della città. Lo sforzo del Piano Urbanistico Comunale è stato quello di centrare sul rapporto con il mare le condizioni strutturali della riqualificazione urbana. Innanzitutto con la ridefinizione del waterfront della città centrale, ma anche con l individuazione di nuove aree della costa da riqualificare, altre da valorizzare e utilizzare in modo più razionale e sostenibile. Si intrecciano dunque due diversi livelli strategici: uno di scala territoriale, che tende a risolvere le tradizionali conflittualità tra sviluppo portuale e sviluppo turistico, compensando anche carenze di natura infrastrutturale e logistica; uno di scala locale, che tende a garantire la compatibilità delle nuove espansioni del porto con la vita dei quartieri, prefigurando radicali trasformazioni per restituire, in alcuni casi condizioni di qualità urbana, incremento di potenzialità produttive ed occupazionali anche con la riconversione verso il turismo e l indotto cantieristico della diportistica, e perseguire la ricentralizzazione di aree marginali. E sul mare che oggi La Spezia gioca in gran parte il proprio destino. Nel passato non si sono sfruttate appieno tutte le occasioni di crescita e sviluppo a livello economico, territoriale, paesaggistico, culturale e identitario. Le iniziative imprenditoriali, anche importanti, si sono sviluppate spontaneamente, cogliendo solo alcuni di questi aspetti, senza valorizzarli e integrarli in rapporto alla città. Le contraddizioni e i conflitti di questo processo sono evidenti: un porto che soffoca i quartieri limitrofi, porticcioli turistici di alta qualità senza alcun rapporto che le realtà urbane circostanti o assediati da attività di bassa qualità ambientale, infrastrutturale, edilizia; enclave diportistiche poco sostenibili in termini logistici e di reale vivibilità cittadina; cantieri che soffocano le potenzialità turistiche dei borghi marinari. Negli ultimi due anni, con gli strumenti di pianificazione si sono iniziate a dirimere queste contraddizioni: i confini del porto mercantile, il recupero del primo bacino a scopi turistico-ricettivi, la realizzazione della darsena e del distretto nautico del Levante, i programmi per il riassetto della linea di costa. Per formulare questo programma si è reso necessario un disegno copianificato con l Autorità Portuale, ma anzitutto una corrispondenza di intenti con l intera città e con i suoi operatori marittimi. Riappropriarsi del mare significa anche, infatti, poter garantire la libera fruizione dell acqua anche dove si realizzano strutture private. Far crescere iniziative e sostenere operazioni che sappiano instaurare un più stretto rapporto fisico con la città, una continuità con i suoi tessuti, un riavvicinamento all acqua dei suoi confini. Il citato risanamento ambientale del golfo dovrà consentire, in futuro, la balneazione, elemento che caratterizza molte città di mare. L elemento più importante che si registra su questo tema sarà la valorizzazione del 1 bacino portuale a fini urbani, turistici, culturali. Il nuovo waterfront della città sarà una straordinaria opportunità di recupero del rapporto della città con il suo mare e di sviluppo turistico. La trasformazione riveste un carattere strategico per la riqualificazione urbana e ambientale della città, per il riposizionamento a livello di armatura urbana e di offerta di strutture turistiche. L amministrazione comunale ha promosso un approfondimento progettuale nell ambito dei lavori del Piano Strategico, nei quali la città ha definito di concerto le linee guida nel concorso internazionale di progettazione che verrà bandito da Comune e Autorità Portuale. Il riuso del primo bacino consente di definire concretamente per la città un significativo affaccio a mare, un waterfront urbano, che restituisca alla zona centrale nuove occasioni di riqualificazione e di rilancio prolungando la passeggiata a mare (Morin), restituendo alla città un nuovo spazio aperto e

3 contemporaneamente una nuova potenzialità di riqualificazione dell asse urbano di viale Italia e soprattutto dei tessuti che oggi si affacciano sulle imponenti strutture portuali; rappresenta per la città una preziosa occasione di valorizzazione di un fronte portuale che, diversamente da quanto è accaduto negli altri porti italiani ed europei, non viene dismesso in ragione dell evoluzione tecnologica dei trasporti marittimi, in quanto spazio portuale marginale. Infatti esso, al contrario, costituisce per il porto della Spezia, caratterizzato da una congenita ristrettezza di aree di banchina, un punto di attracco di grande profondità (circa 14 metri di pescaggio) e quindi ancora perfettamente compatibile con i traffici marittimi commerciali. Tale sacrificio pertanto viene valorizzato al massimo sotto il profilo della riqualificazione urbana, dell offerta funzionale e dell apertura fisica della città verso l acqua attraverso un processo di pianificazione e di definizione progettuale pragmatico e flessibile, in grado di definire nel dettaglio le condizioni qualitative che ne supportano la ricucitura con la città, ma anche, contemporaneamente, di incoraggiare il capitale privato: in grado di coniugare le istanze di accessibilità pubblica e visiva, lo sviluppo di attività culturali e collettive agli obiettivi della sostenibilità imprenditoriale della proposta. La riconfigurazione della linea di costa del nostro territorio, resa possibile, come detto, dalla contemporanea elaborazione del PUC e del PRP, ha inoltre determinato altre significative opportunità di recupero, riuso o riqualificazione di altre aree strategiche del golfo. Pensiamo alla baia di Cadimare dove entrambi gli strumenti prevedono una destinazione a finalità turistiche. Il PUC in particolare prevede la dismissione delle attività industriali presenti nell area e la riconversione degli spazi a finalità turistiche con la costruzione di un porticciolo turistico, di strutture ricettive e aree a destinazione pubblica. La riqualificazione integrale del borgo deve prevedere, in una seconda fase, la dismissione dell aeroporto ivi allocato per una sua riconversione a finalità turistiche, così come previsto dai piani urbanistici dei Comuni della Spezia e Portovenere che condividono l area interessata. L obiettivo comune sarà quello di creare nella baia di Cadimare un borgo marinaro con un qualificato insediamento turistico che ruoti attorno al progettato porto turistico, base dei diving per le escursioni subacquee nel golfo. Lo stesso sarà collegato al borgo di Fezzano da una passeggiata pedonale lungo la costa e potranno agire in sinergia per lo sviluppo del turismo nautico. Anche per il borgo delle Grazie è prevista una riconversione del cantiere esistente in un centro nautico che potrà ancor più accentuare e valorizzare la sua già definita vocazione turistica. Nel ponente la riqualificazione della linea di costa, nel tempo, potrà vedere realizzate le aspirazioni turistiche e nautiche dei borghi ivi insediati anche attraverso la progressiva dismissione di aree militari oggi presenti. Si pensi all area di San Vito, al Balipendio e altri spazi lungo la costa e sulle isole che il Ministero Difesa potrà progressivamente liberare. Sulla costa di levante, oltre al definito spazio riservato ai traffici portuali che potrà avere la sua espansione e potenziamento nei limiti stabiliti dal PRP e dalle intese sottoscritte con gli Enti Locali, si sta realizzando un insediamento dei cantieri di produzione della nautica da diporto. Con l arrivo dei cantieri Baglietto e del cantiere Ferretti, ora in corso, si sta configurando la presenza di una cantieristica qualificata diversa dalla tradizionale, quella della nautica da diporto, che andrà progressivamente a identificare e qualificare il golfo come una piccola capitale europea del settore. La scelta di Comune e Enti interessati di costruire una darsena dedicata a questo specifico settore produttivo andrà ancor più a rafforzare le opportunità di sviluppo di questo settore economico che riveste un ruolo centrale nel nuovo modello di sviluppo locale. Il prossimo avvio dei lavori di costruzione della darsena sarà foriero di una progressiva trasformazione di un area in località Fossamastra-Pagliari, oggi particolarmente dequalificata e vedrà l insediamento di attività produttive dedicate al settore nautico che andranno complessivamente a rafforzare questa nuova e moderna vocazione produttiva e a dar corpo a quel distretto della nautica e della meccanica recentemente costituito. La trasformazione del sito vedrà il suo completamento a mare con la costruzione della Marina del Levante nello spazio compreso fra il Molo Enel e il cantiere S.Marco. Grazie alla disponibilità della M.M. di cedere il Molo Pagliari e dell Enel di dismettere parte del suo Molo, si potrà realizzare, nel sito, una nuova marina nautica in grado di ospitare gli insediamenti del Canaletto e di Fossamastra comprese le attività dei mitilicoltori. Sono progetti ormai definiti e condivisi, in parte già finanziati, che vedranno, nei prossimi anni, la loro progressiva realizzazione. Ad essi si accompagna l ampliamento di porto Lotti, uno dei centri nautici più qualificati del Mediterraneo, con l insediamento anche di strutture ricettive di alto livello. Si completeranno anche i lavori per la costruzione del porticciolo Mirabello, che stanno attendendo l approvazione degli interventi di bonifica a mare, andando così a dotare la città di un insediamento nautico di rilevanti dimensioni, a ridosso del centro urbano, che favorirà lo sviluppo turistico della città e sarà un ulteriore

4 fattore di attrazione di flussi turistici legati alla nautica e alle attività che si insedieranno nella parte a terra. Con i lavori di risanamento del Lagora conseguenti anche alle opere di dragaggio e bonifica dello stesso collegati alla realizzazione del porticciolo Mirabello, si potrà anche prefigurare soluzioni di navigabilità dello stesso fino all entrata dell Arsenale. L attività della cantieristica industriale di vecchio tipo si sta progressivamente concentrando nell area Fincantieri che gode di un continuo e qualificato carico di lavoro, proiettato negli anni futuri, nel settore della cantieristica militare. Occorre auspicare una rapida definizione del futuro dei cantieri San Marco oggi sottoutilizzati e puntare a realizzare insediamenti nautici di nuova generazione proiettati sul diportismo, purtroppo ostacolati dalle strategie dell attuale proprietà. Sempre sul fronte del levante è prevista dagli strumenti di Pianificazione Comunale e portuale la riconversione del cantiere Navalmare già oggi, anche grazie al suo recente ampliamento in area limitrofa, orientato ad attività legata al settore della nautica da diporto che si accompagna alla iniziale vocazione industriale del cantiere. Si stanno poi definendo locali e particolari situazioni di recupero di aree a mare in zone e borghi collocati lungo la costa che rispondono in parte alle antiche aspirazioni delle popolazioni di questi luoghi di recuperare un rapporto diretto con il mare, alla domanda di nautica sociale e all obiettivo complessivo di un progressivo riavvicinamento al mare e di una sua riappropriazione in usi tesi al miglioramento dell ambiente e della qualità della vita nel suo complesso. La riqualificazione della diga foranea, i progetti di un suo utilizzo balneare e di una sua futura apertura per favorire il ricambio delle acque, lo spostamento fuori diga degli impianti di mitilicoltura completato il disegno di un progressivo ridisegno della linea di costa del golfo che vede la sua progressiva riqualificazione, l esplodere di una nuova vocazione nel settore della nautica da diporto, cui si accompagna anche una crescente offerta di strutture nautiche ricettive che, nel giro di qualche anno, triplicheranno l offerta di posti barca nel golfo. Fattibilità Punti di forza - Programmazione urbanistica e di settore definita - Potenzialità offerta dalla configurazione del golfo - Presenza di aree pubbliche dismettibili - Grande interesse da parte di operatori privati ad investire - Strategicità della posizione geografica del golfo e sua accessibilità Punti di debolezza - Tempi di dismissione delle aree pubbliche - Problemi legati alla bonifica a mare - Elevate risorse da mobilitare

5 Scheda Progetto: LA RIQUALIFICAZIONE DEL BORGO DI CADIMARE PREMESSA Nell ambito del processo di riconversione delle funzioni e di ridefinizione strategica delle attività sulla linea di costa si inserisce il progetto di riqualificazione del borgo e dello specchio acqueo di Cadimare. La visione complessiva della linea di costa identifica nel waterfront l elemento cardine di rigenerazione del sistema costiero, integrato da un insieme più articolato di approdi, distribuiti lungo lo sviluppo della fascia costiera, in grado di configurare una molteplicità di affacci a mare di entità differenziata: dagli approdi di quartiere inseriti nel nuovo quadro della mobilità locale su acqua, alla ricollocazione delle marine del Canaletto e Fossamastra, alle vere e proprie nuove polarità turistico-diportistiche, come quella prevista per Cadimare, al più ampio bacino di offerta per la diportistica, il Porticciolo Mirabello, il recupero di Calata Paita. Il quadro complessivo della definizione degli approdi costruito come potenziamento della componente turistica a fronte del previsto sviluppo verso Levante del nuovo porto commerciale si completa con la riqualificazione del sistema costiero del Levante, con la realizzazione della Darsena di Pagliari che rappresenta una notevole opportunità di riconversione e rigenerazione ambientale delle attuali aree retroportuali verso funzioni produttive legate all indotto diportistico. Obiettivi e Azioni Il valore strategico del progetto per Cadimare è sottolineato da alcuni fattori: la presenza di valori paesistici e ambientali notevoli; la collocazione in un punto di cerniera tra la città e il promontorio di Portovenere che ne determina il ruolo di porta di mare extraurbana. Gli obiettivi, codificati nella strumentazione urbanistica generale e operativa, sono il recupero dell affaccio pubblico a mare e la trasformazione e riconversione di aree demaniali a funzioni turistiche ed attrezzature per la nautica. In particolare il Piano Urbanistico Comunale (2003) individua due distretti di trasformazione (ATN 2 e ATN 3). Nel primo, collocato a sud della diga di Cadimare in corrispondenza degli impianti sportivi della marina militare, è prevista la possibilità di realizzare un insediamento turistico attrezzato, su una superficie territoriale complessiva di circa mq., attraverso il riuso delle strutture e degli edifici esistenti, nonché un incremento del 50% delle superfici utili degli edifici esistenti da sottoporre a sostituzione e riuso. Il piano prevede l insediamento di funzioni miste che oltre alle priorità funzioni prettamente turistico-ricettive spaziano dal commercio al terziario diffuso all artigianato di servizio. Nel secondo distretto, localizzato sul lato sud/ovest della darsena Duca degli Abruzzi, in adiacenza alla diga di Cadimare, sono previste attrezzature per la balneazione e strutture per la sosta e per il trasporto marittimo, con la liberazione dell area già occupata da un cantiere navale per la realizzazione di un porticciolo turistico. Per questo distretto è stato predisposto uno schema di Progetto Urbanistico Operativo che è finalizzato al recupero della vocazione marittima storica del borgo di Cadimare, ed alla contestuale valorizzazione delle emergenze architettoniche, paesaggistiche e ambientali locali, a beneficio della residenza e del turismo. Gli interventi previsti riguardano sia opere di riqualificazione fisica il riuso degli spazi pubblici del fronte a mare, la realizzazione di un tratto di spiaggia e di accessi al mare lungo la diga, la realizzazione di una piazzetta nel sito del cantiere navale, la sostituzione degli edifici del cantiere con un edificio che completi il tessuto edilizio storico verso l Arsenale con funzioni ricettive e di servizio per il quartiere sia l inserimento negli spazi recuperati di funzioni più propriamente urbane, come le attività ricettive, le attività ricreative per la balneazione e le attività nautiche diportistiche, attraverso la creazione di un porticciolo turistico attrezzato per circa 250 nuovi posti barca di dimensioni medio-grandi (10-15 metri), e la ricollocazione degli ormeggi esistenti. In particolare la realizzazione del nuovo porticciolo rappresenta la parte centrale dell intervento, alla quale è legata l intera operazione di riassetto del seno di Cadimare. Infatti la realizzazione della marina, che dovrà avvenire ad opera di investitori privati, fornirà le risorse economiche necessarie per attuare una parte consistente degli interventi sia pubblici che privati previsti dal progetto. Il progetto si completa con il recupero ad usi civili di due aree che attualmente ricadono all interno del perimetro dell Arsenale Militare, dove sono previsti rispettivamente la realizzazione di un parcheggio e la

6 localizzazione di strutture di servizio alla pesca professionale e al rimessaggio delle imbarcazioni da diporto. La fattibilità economica dell intervento è già stata dimostrata a seguito della procedura avviata in attuazione del decreto Burlando che ha visto la presentazione di quattro progetti da parte di privati. La procedura non ha avuto buon fine per l incompletezza delle progettazioni presentate e sono attualmente in corso cause giudiziali davanti al TAR Liguria. La riqualificazione del borgo di Cadimare e il suo rilancio anche in campo turistico dovranno completarsi con la totale dismissione dell area dell ex aeroporto di Cadimare particolarmente pregiata sia per la sua dimensione che per la strategicità di posizionamento. Essendo un compendio dotato di caserma, spazi verdi e sportivi, fronte a mare e porticciolo può costituire un interessante struttura da riconvertire a fini turistico-ricettivi valorizzando la vocazione dell intero borgo. Il Comune ne ha già sollecitato la dismissione al Ministero Difesa che, al momento, ha declassato la struttura ad unità di appoggio. L intervento di riconversione del compendio dovrà naturalmente essere a carico di privati che ne dovrebbero acquisire la proprietà tramite asta pubblica. Il bene insiste in parte nel Comune di Portovenere col quale dovranno essere conseguite le opportune intese per il suo utilizzo per i fini sopradescritti. Risultati attesi Soggetti Coinvolti Risorse e strumenti Fasi e tempi La riqualificazione del borgo di Cadimare dovrà inserirsi in un quadro più generale di rafforzamento della componente turistica delle attività sul mare, i cui capisaldi principali sono rappresentati dal progetto di recupero del Primo Bacino Portuale e dal Porticciolo Mirabello. Le ricadute del potenziamento dell offerta turistico-ricettiva connesso al progetto per Cadimare saranno valutabili in termini di valorizzazione economica locale e del relativo indotto occupazionale, unitamente alla riqualificazione del sistema insediativo costiero sotto il profilo ambientale. Comune, Ministero Difesa, Autorità Portuale, privati. Gli strumenti già predisposti dal Comune sono il Piano Urbanistico Comunale e lo schema di Progetto Urbanistico Operativo relativo al distretto ATN 3. dovranno concretizzarsi intese col Comune di Portovenere per la 2^ fase del progetto interessante il riuso per finalità turistiche dell attuale aeroporto In una prima fase il progetto per Cadimare prevede la realizzazione del porticciolo e della piazza urbana nell area del cantiere. Successivamente è previsto l ampliamento del polo nauticoricettivo con il riuso del Campo in Ferro, oggetto di bonifica da parte dell Autorità Militare che ha confermato la propria disponibilità a cederne l uso al Comune della Spezia. Fattibilità Punti di forza Punti di debolezza 1. Previsioni urbanistiche: PUC, PUO, ATN3. 2. Integrazione del progetto nell ambito delle trasformazioni previste nel disegno generale della linea di costa. 3. Elevato valore paesistico ambientale del contesto. 4. opportunità di sviluppo di un indotto legato alla ricettività 5. fattibilità economica già verificata Scheda Progetto: IL NUOVO WATERFRONT URBANO 1. Incertezza relativa ai tempi di realizzazione per il contenzioso in essere. 2. Problemi connessi alla bonifica dello specchio acqueo del campo in ferro. 3. Difficoltà connesse alla possibilità di dismissione dell Aeroporto militare.

7 Premessa Obiettivi e Azioni Nell ambito della Commissione Mare e Linea di Costa e della discussione sulla riqualificazione a fini urbani e turistici dell ambito costiero è stata dedicata un approfondita riflessione alla progettazione del nuovo fronte a mare cittadino, sviluppata in un apposita sottocommissione. La discussione sulle funzioni da inserire nei circa mq di Calata Paita, a seguito dell intesa tra Comune e Autorità Portuale e sulla rivisitazione della passeggiata Morin e del Molo Italia, condotta anche attraverso riunioni congiunte con la Commissione Turismo, ha portato all elaborazione di una proposta di bando per il concorso internazionale di idee. Il bando per il concorso di progettazione architettonica e di destinazione d uso, presentato nel mese di settembre, verrà a breve pubblicato. Obiettivo L obiettivo del progetto è il recupero ad attività urbane di parte del fronte a mare del Comune della Spezia, oggi destinato ad attività portuale, ed il ridisegno complessivo dell area di V.le Italia, che da San Cipriano a Mirabello definisce i confini tra città e mare. Il collocamento di funzioni sia urbane che ricreative e ricettive dovranno riguardare anche gli spazi acquei prospicienti, con la creazione di strutture per diporto, trasporto marittimo e crocieristico. I progettisti saranno inoltre invitati a proporre soluzioni al collegamento pedonale tra centro storico e water front con mitigazione dell impatto della viabilità di V.le Italia. Le funzioni da inserire nell area oggetto della riqualificazione, ampiamente dibattute in sede di sub-commissione, sono state individuate quali riferimenti per la progettazione, lasciando ai progettisti ampia libertà di scelta in un ottica non solo architettonica ma anche di economicità e sostenibilità degli investimenti collegati. Sarà dunque il concorso, il cui svolgimento sarà articolato in una fase di preselezione e due gradi successivi di valutazione, l azione chiave per la costruzione della nuova identità della nostra città. Nella presente scheda si riassumono dunque le caratteristiche prescelte per il bando di concorso che, a seguito dell intesa intervenuta fra A.P. e Comune della Spezia, avrà luogo per riqualificare l area portuale di Calata Paita con finalità turistico - nautiche, culturali e ricettive. Oggetto e fasi del concorso Il concorso avrà per oggetto, nel primo grado, l elaborazione di un progetto a livello planivolumetrico (master plan) relativo all area individuata dal PRP e dal Piano Urbanistico del Comune della Spezia per una maggiore definizione del Piano d area del primo bacino portuale precedentemente elaborato. Il master plan è perciò relativo al recupero di un nuovo waterfront urbano attraverso la dismissione progressiva dell area indicata (in due fasi) e del prospiciente specchio acqueo tra il Molo Italia e via San Cipriano (Calata Paita) per ospitare principalmente funzioni turistiche nautiche - ricettive e di servizio, sia al turismo che alla città. Il tutto dovrà essere inquadrato in un più ampio contesto al fine di relazionare urbanisticamente e morfologicamente i nuovi insediamenti con la città esistente (passeggiata Morin, molo Mirabello, piazza Europa, viale Italia) e allo scopo di integrare le nuove funzioni allo spazio urbano, mitigando e riducendo il difficile rapporto tra la città ed il suo mare che vede un ostacolo fisico nella presenza di viale Italia. La prima fase realizzativa riguarderà un area di mq. (oltre il Molo Italia e la Passeggiata Morin) immediatamente adiacente largo Fiorillo e la Capitaneria di Porto. La seconda fase, essendo previsti due tempi di dismissione delle aree in oggetto, riguarderà gli spazi rimanenti, fino all altezza di via San Cipriano.

8 Il progetto vincitore verrà sottoposto a project financing. Di conseguenza le destinazioni d uso proposte dovranno evidenziare una consistente capacità di autofinanziamento dell intervento proposto. Funzioni previste Come precedentemente detto, le funzioni indicate nel bando di concorso e sotto riportate dovranno costituire una mera indicazione offerta ai concorrenti e non vincoli o parametri per la progettazione: a) l inserimento di strutture ricettive alberghiere con annessi spazi congressuali; b) la progettazione e organizzazione di spazi commerciali tendenzialmente legati alla nautica e al tempo libero; c) la ridefinizione del sistema dei parcheggi nell intera area e della accessibilità veicolare; d) strutture culturali e per il divertimento specie giovanile; e) la ridefinizione qualitativa dell area di viale Italia con l obiettivo di facilitare al massimo la relazione pedonale tra la città e il mare; f) la realizzazione di spazi comuni aperti con studio del verde quale elemento di qualità da crearsi attraverso un prolungamento del sistema pedonale costiero e l integrazione con quello urbano circostante; g) l eventuale inserimento di edilizia residenziale, comunque in una quota minima del 10% della SUL prevista; h) la riqualificazione e/o ricollocazione delle attuali sedi dei circoli velico e nautico; i) la riqualificazione della passeggiata Morin e di Largo Fiorillo e la riconsiderazione delle strutture commerciali ivi collocate; j) la ristrutturazione e rifunzionalizzazione del Molo Italia. Risultati attesi Il nuovo waterfront dovrà costituire una straordinaria opportunità di recupero del tradizionale rapporto tra città e mare. L intervento urbanistico dovrà difatti rappresentare una preziosa occasione per riqualificare, rinnovare ed incidere a fondo sull immagine tradizionale del nostro centro cittadino. Il prolungamento della passeggiata a mare (passeggiata Morin e Molo Italia), in particolare, potrà restituire alla città un nuovo spazio aperto e, contemporaneamente, una nuova potenzialità di qualificazione dell area urbana di viale Italia e dei tessuti che oggi si affacciano sul porto. Il riutilizzo del primo bacino consentirà inoltre di dare slancio allo sviluppo turistico del Comune capoluogo, inserendo nuove funzioni turistiche, quali stazione crocieristica e centro congressi, ed includendo funzioni commerciali, nautiche, culturali e di svago. Le destinazioni d uso proposte dovranno essere tali da costituire elemento di attrazione di turisti e visitatori e di promozione e indotto per l intera città, legandosi alle strutture già presenti e promuovendo una fruizione non stagionale del contesto urbano che si andrà a costituire. Soggetti coinvolti Enti appaltanti: Autorità portuale e Comune della Spezia Membri Giuria: rappresentante nazionale Ordine degli Ingegneri e degli Architetti, rappresentante facoltà di Architettura di Genova, esperto internazionale, rappresentante Autorità Portuale, rappresentante Comune della Spezia e Regione Liguria. Membri Commissione Tecnica designati da Autorità Portuale e Comune della Spezia. Professionisti, singoli o associati, partecipanti al concorso Soggetti imprenditoriali coinvolti sia nella fase delle opere che in quella di

9 Risorse e strumenti Fasi e tempi Fattibilità Evoluzione del progetto animazione dei nuovi spazi. Strumenti urbanistici vigenti: - Piano Urbanistico comunale; - Piano Regolatore Portuale; - PTC Provinciale; - PTC Paesistico; - Piano territoriale e di Coordinamento della Costa. Risorse finanziarie: Per lo svolgimento del concorso verranno messi a disposizione dal Comune della Spezia; da Autorità Portuale della Spezia Per la realizzazione delle opere si ricorrerà allo strumento del project financing cui verrà sottoposto il progetto vincitore. Svolgimento concorso Lo svolgimento del concorso avverrà in due gradi: 1 grado: elaborazione del Planivolumerico da parte di 16 progettisti scelti tra i partecipanti alla prequalificazione sulla base dei curricula professionali; 2 grado: dettaglio progettazione da parte di 5 concorrenti prescelti al termine del 1 grado di selezione ed elaborazione del progetto preliminare delle opere inerenti la prima e la seconda fase di realizzazione Tempi Pre-qualificazione: entro 60 gg. da scadenza presentazione candidature; I grado concorsuale: il termine di consegna degli elaborati di concorso dovranno pervenire entro 120 gg. dalla data invio lettera d invito ; II grado concorsuale: presentazione, nei termini indicati nella lettera d invito rivolta agli autori dei 5 progetti selezionati, degli approfondimenti progettuali richiesti e dell analisi economica-finanziaria degli interventi proposti. Previsione opere Prevedendo che l esito del bando si possa conoscere entro la fine del 2005, le opere potranno avere inizio nel primo semestre 2006, fermo restando il vincolo imposti dall opera di bonifica del Golfo che potrebbero causare il prolungarsi dei ritardi nei lavori di ampliamento del Molo Garibaldi, dove dovrebbero essere trasferite le funzioni portuali di Calata Paita. PUNTI DI FORZA PUNTI DI DEBOLEZZA Previsioni urbanistiche (PUC, PTC Incertezza relativa ai tempi di Provinciale, PTCP e Piano realizzazione; Territoriale di Coordinamento Problemi connessi alla bonifica del della Costa); Golfo; Richiamo internazionale del Individuazione possibili investitori concorso; privati. Coinvolgimento e condivisione a livello locale e regionale; Opportunità di sviluppo per la città potenzialmente collegate al progetto; Fattibilità economica assicurata sin dalla fase di progettazione. La condivisione dei contenuti del bando per il concorso internazionale di progettazione e la prossima pubblicazione dello stesso sono un segnale importante per lo sviluppo della nostra città. Una nuova immagine, che non

10 intacchi la tradizionale identità di città di mare ed anzi ne amplifichi il legame con l elemento marino, potrà essere delineata con il contributo di progettisti di fama internazionale. Le funzioni che troveranno sede nell area di progettazione potranno creare un importante indotto per l intero Golfo e le località che vi si affacciano, come anche sull immediato entroterra, data l innovatività delle funzioni che troveranno spazio nel nuovo fronte a mare.

Porto della Spezia, Italia

Porto della Spezia, Italia 1 Porto della Spezia, Italia 2 3 Lerici, 1933 Fillia Portovenere, 1933 Fillia 4 5 6 ANALISI TERRITORIALE DELLA SPEZIA planimetria Equilibrato rapporto con la città: sviluppo del Porto e riqualificazione

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

Progetto di riqualificazione funzionale ed architettonica area muro paraonde Molo Generale Malta - Banchina Cortese del Porto di Vibo Marina per

Progetto di riqualificazione funzionale ed architettonica area muro paraonde Molo Generale Malta - Banchina Cortese del Porto di Vibo Marina per Progetto di riqualificazione funzionale ed architettonica area muro paraonde Molo Generale Malta - Banchina Cortese del Porto di Vibo Marina per escursionismo, turismo nautico e crocieristico Credere

Dettagli

RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA FASE DI ASCOLTO

RAPPORTO CONCLUSIVO DELLA FASE DI ASCOLTO Autorità Portuale Regionale della Toscana Nuovo PRP_Fase di ascolto Processo partecipativo per l'aggiornamento del Quadro Conoscitivo del Piano Regolatore Portuale del porto di Isola del Giglio Fase di

Dettagli

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015

PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 Piattaforma Tecnologica Nazionale Marittima PROGRAMMA INDUSTRIA 2015 PROPOSTA DI Azioni Connesse sulle Tecnologie Marine {1} 4/09 L Italia e il Mare L Italia ha oltre 8.000 chilometri di coste ed una innata

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA

FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE DELL AREA DISMESSA EX MEDASPAN CON NUOVE FUNZIONI PER LA CITTA ADOTTATO NEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30/07/15 IL PIANO ATTUATIVO DELL AREA AT1 (EX MEDASPAN), ADESSO IL PIANO PASSA ALLA FASE DI ANALISI DELLA REGIONE FINALMENTE DOPO QUASI VENT ANNI LA RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Comune di Vado Ligure Progetto di sviluppo portuale e di riqualificazione della fascia costiera di Vado Ligure

Comune di Vado Ligure Progetto di sviluppo portuale e di riqualificazione della fascia costiera di Vado Ligure Comune di Vado Ligure Progetto di sviluppo portuale e di riqualificazione della fascia costiera di Vado Ligure Illustrazione ai cittadini Prospetto passeggiata a mare da Porto Vado La piattaforma e il

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO D INTESA. L anno 2008, il giorno 1 del mese di marzo presso il Comune di Trebisacce (CS) TRA PREMESSO CHE PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA PROVINCIA DI COSENZA DI LECCE DI MATERA DI TARANTO PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL TAVOLO DI CONSULTAZIONE PERMANENTE TRA LE PROVINCE DEL GOLFO DI TARANTO (COSENZA,

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

SICAMI. SIcilia CinemA MusIca

SICAMI. SIcilia CinemA MusIca SICAMI SIcilia CinemA MusIca COS È SICAMI SICAMI SIcilia CinemA MusIca sarà il principale centro d innovazione d Europa per competenze tecniche e artistiche dell industria cinematografica, audiovisiva,

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................

I seguenti Enti, Istituzioni e Organizzazioni Economiche del territorio piacentino:........................ PROTOCOLLO D INTESA per la promozione, ideazione, progettazione e realizzazione di iniziative del Sistema istituzionale, economico e sociale della provincia di Piacenza in vista della Esposizione Universale

Dettagli

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA

Cassa depositi e prestiti. Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 SpA Residenziale Immobiliare 2004 S.p.A. Ex Uffici delle Dogane Roma, Via dello Scalo di San Lorenzo, 10 Veicolo societario Residenziale Immobiliare 2004 SpA: (75% CDP Immobiliare

Dettagli

STUDI, PIANI E PROGRAMMI INTERESSANTI IL TERRITORIO DI TARANTO CONTRIBUTI ALLA FORMAZIONE DEL DOCUMENTO PRELIMINARE DI INTENTI PER IL PUG

STUDI, PIANI E PROGRAMMI INTERESSANTI IL TERRITORIO DI TARANTO CONTRIBUTI ALLA FORMAZIONE DEL DOCUMENTO PRELIMINARE DI INTENTI PER IL PUG DIREZIONE PIANIFICAZIONE URBANISTICA EDILITA DIRIGENTE Arch. Silvio RUFOLO STUDI, PIANI E PROGRAMMI INTERESSANTI IL TERRITORIO DI TARANTO CONTRIBUTI ALLA FORMAZIONE DEL DOCUMENTO PRELIMINARE DI INTENTI

Dettagli

COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA

COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA COMUNE DI PORTICI DOCUMENTO DI ORIENTAMENTO STRATEGICO PROGRAMMA PIU EUROPA Scheda dii Siintesii Intervento N 11.b SEZIONE I: IDENTIFICAZIONE DELL INTERVENTO TITOLO PROGETTO: LA VALORIZZAZIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive

1.4 DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI. 1.4. Commercio e attività produttive DESCRIZIONI E INTERPRETAZIONI 1.4. Commercio e attività produttive 1.4 ANALISI E DATI Lo spazio attualmente occupato dal commercio e delle attività produttive è l 11% del territorio, pari 1.707.968 mq.

Dettagli

Linee per la definizione del Sistema regionale di portualità turistica

Linee per la definizione del Sistema regionale di portualità turistica Linee per la definizione del Sistema regionale di portualità turistica Sintesi 1 ASSESSORATO AL TURISMO E INDUSTRIA ALBERGHIERA Linee per la definizione del Sistema regionale di portualità turistica Sintesi

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011 Oggetto: Progetto integrato per la tutela attiva dei locali storici del commercio: censimento dei negozi storici in Sardegna. L Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio evidenzia che l'attuale crisi

Dettagli

Criticità/stress. rischio idraulico. accessibilità/mobilità. carenza di servizi /luoghi aggregazione. mancata valorizzazione patrimonio

Criticità/stress. rischio idraulico. accessibilità/mobilità. carenza di servizi /luoghi aggregazione. mancata valorizzazione patrimonio Criticità/stress rischio idraulico accessibilità/mobilità carenza di servizi /luoghi aggregazione mancata valorizzazione patrimonio Attuazione PRG 2008 Rischi consumo/impermeabilizzazione suolo aumento

Dettagli

VARIANTE AL PRG VIGENTE

VARIANTE AL PRG VIGENTE Comune di Milano ACCORDO DI PROGRAMMA IN VARIANTE AL PRG VIGENTE PER LA TRASFORMAZIONE URBANISTICA DELLE AREE FERROVIARIE DISMESSE E IN DISMISSIONE E IL POTENZIAMENTO DEL SISTEMA FERROVIARIO MILANESE.

Dettagli

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA

COMUNE DI GENOVA. Progetto Integrato PRA MARINA COMUNE DI GENOVA Progetto Integrato PRA MARINA 1 Obiettivo Restituire agli abitanti di Prà l accesso alla Fascia di Rispetto. A questo si legano le esigenze di alleviare il peso di un traffico eccessivo

Dettagli

Torre Annunziata, la filiera termale e il Parco Nazionale del Vesuvio. (Laboratorio di integrazione di strumenti)

Torre Annunziata, la filiera termale e il Parco Nazionale del Vesuvio. (Laboratorio di integrazione di strumenti) REGIONE CAMPANIA Torre Annunziata, la filiera termale e il Parco Nazionale del Vesuvio. (Laboratorio di integrazione di strumenti) Arturo Polese ( ), Elvira Sacco (*), ( ) Nucleo di Valutazione e Verifica

Dettagli

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni

PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni PIT Progetto Integrato Territoriale Stazione accessibile. Integrazione delle politiche di riqualificazione del centro urbano di Terni IL PIT Il Progetto Integrato Territoriale ed il POR-FESR 2007-13 Il

Dettagli

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano

La città che cambia. Per ospitare eventi Con un grande parco urbano La città che cambia Per ospitare eventi Con un grande parco urbano Variante al piano strutturale per nuove funzioni pubbliche e strutture di servizio complementari all aeroporto Comune di Pisa Perchè la

Dettagli

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA

I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Casa dell Architettura - Roma 24 gennaio 2013 USO PUBBLICO DELLE CASERME progetti di città nelle aree militari in dismissione I BENI DELL ATAC IL CASO DELL EX RIMESSA VITTORIA Coordinamento Cittadino Progetto

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma

Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Venezia, 10-20 novembre 2004 Catalogo della Mostra Comune di Roma Risorse per Roma Spa Campidoglio due, la città dei cittadini Piano per la rilocalizzazione degli uffici centrali del Comune di Roma Piano

Dettagli

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI

Una piastra logistica verde per l Italia Centrale AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI AZIONI INTEGRATE INNOVATIVE. LA RETE DEI TERRITORI Progetto Territorio Snodo di Jesi Verso una piastra logistica verde per l Italia centrale Daniele Olivi, Assessore Comune di Jesi ANCONA JESI Indice della

Dettagli

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo

contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo città di venaria reale contratto di quartiere II un quartiere ad altezza d uomo obiettivo generale promuovere l integrazione del quartiere con il resto del tessuto urbano attraverso la riqualificazione

Dettagli

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA

CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA (Provincia di Napoli) BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DEI PRIVATI AL FINE DELLA PIANIFICAZIONE PARTECIPATA PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO

DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO Modello 2 DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA DI PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO BARGO AI GIOVANI SOGGETTO PROPONENTE/TITOLARE Associazione di volontariato I GIULLARI EVENTUALI SOGGETTI PARTNER O ATS AREA DI INTERVENTO

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

Provincia di Pordenone - Settore Ecologia Incontro studio sui siti potenzialmente contaminati RECUPERO E RIQUALIFICAZIONE

Provincia di Pordenone - Settore Ecologia Incontro studio sui siti potenzialmente contaminati RECUPERO E RIQUALIFICAZIONE Provincia di Pordenone - Settore Ecologia Incontro studio sui siti potenzialmente contaminati RECUPERO E RIQUALIFICAZIONE Laura Galluzzo Settore Ecologia Provincia di Pordenone 16 ottobre 2013 L attività

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio

Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio Università degli Studi di Firenze - Facoltà di Architettura Dipartimento di Urbanistica e Pianificazione del Territorio UNA RETE DI GREENWAYS PER IL TERRITORIO DEL COMUNE DI PRATO: occasioni di riqualificazione

Dettagli

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti

Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Provincia di Milano Linee guida per un Patto Metropolitano Per una forte e condivisa politica contro gli inquinamenti Giunta Provinciale 11 settembre 2006 Atti n. 187671/11.1/2006/9255 pag. 1 La Giunta

Dettagli

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010

Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Attuazione Asse VI SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE avviso seconda fase Incontri tecnici Catania, 15 marzo 2010 Palermo, 16 marzo 2010 Assessorato Beni Culturali e Identità Siciliana Dipartimento Beni Culturali

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali

Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali Obiettivo generale del POR FESR Abruzzo Promuovere l innovazione del sistema produttivo e l attrattività del territorio per meglio competere sui mercati globali ASSI PRIORITARI DI INTERVENTO: Ґ Ricerca

Dettagli

CITTA MOTORE DELLO SVILUPPO VENEZIA e PADOVA AZIONI PER UN RAFFORZAMENTO DELL ASSE VENEZIA -PADOVA COME FATTORE COMPETITIVO DEL NORD EST

CITTA MOTORE DELLO SVILUPPO VENEZIA e PADOVA AZIONI PER UN RAFFORZAMENTO DELL ASSE VENEZIA -PADOVA COME FATTORE COMPETITIVO DEL NORD EST Città di Venezia Comune di Padova con la collaborazione della Regione Veneto CITTA MOTORE DELLO SVILUPPO VENEZIA e PADOVA AZIONI PER UN RAFFORZAMENTO DELL ASSE VENEZIA -PADOVA COME FATTORE COMPETITIVO

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Prova pratico-grafica (6 ore) 1 Tema Progetto di Villa Urbana

Dettagli

Le potenzialità localizzative

Le potenzialità localizzative Le potenzialità localizzative La ricognizione delle potenzialità localizzative nell'area livornese ha un duplice obiettivo: individuare le aree già pronte che si prestano ad essere promosse nel breve termine

Dettagli

COMPLESSITA TERRITORIALI

COMPLESSITA TERRITORIALI PROGETTO PILOTA COMPLESSITA TERRITORIALI OBIETTIVI E FINALITA DEL PROGETTO PROGETTO PILOTA COMPLESSITA TERRITORIALI IL CONTESTO Il Sistema Territoriale di progetto è parte del sistema metropolitano lombardo,

Dettagli

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015

CONFERENZA STAMPA 12/02/2015 PROTOCOLLO DI INTESA TRA COMUNE DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO CDP INVESTIMENTI SGR S.P.A. PER LA RIQUALIFICAZIONE E RICONVERSIONE FUNZIONALE DELLA SEDE STORICA DEGLI OSPEDALI RIUNITI DI

Dettagli

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti

RESTARTAPP. Missione. Obiettivo. Destinatari. Formula e contenuti RESTARTAPP ReStartApp è il primo campus per le nuove imprese dell Appennino: un progetto dedicato ai giovani in possesso di idee d impresa o start up originali e innovative, che vedono nel territorio appenninico

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

STUDI E AZIONI DI SUPPORTO ALLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA

STUDI E AZIONI DI SUPPORTO ALLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA Convenzione tra Comune Spinea e Università IUAV STUDI E AZIONI DI SUPPORTO ALLE POLITICHE DI SOSTENIBILITA PRIMO RAPPORTO Responsabilità scientifica : Professoressa Maria Rosa Vittadini PREMESSA Il Comune

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI

PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI PROGRAMMA UNIONE EUROPEA OPERATIVO REGIONE LAZIO FONDI EUROPEI COMUNE DI FONDI LETTERA AI CITTADINI Cari concittadini, il presente lavoro è redatto per approfondire la conoscenza degli interventi previsti

Dettagli

Il disegno strategico provinciale da PTC 2000 e. successivi strumenti della pianificazione negoziata

Il disegno strategico provinciale da PTC 2000 e. successivi strumenti della pianificazione negoziata Il disegno strategico provinciale da PTC 2000 e successivi strumenti della pianificazione negoziata LA TAVOLA DELLE STRATEGIE DELLA PROVINCIA DI LUCCA Il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale

Dettagli

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI Oggetto del bando Il bando mira a selezionare 12 persone al fine di costruire un gruppo che possa partecipare con motivazione, interesse

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI

PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI PROTOCOLLO DI ALMERIA ASSOCIAZIONE EUROPEA DEI CENTRI STORICI ORIGINI Dopo l approvazione della proposta della città di Almeria per il recupero del suo centro storico, nel giugno del 2008, nel contesto

Dettagli

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata

1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata 1) PREMESSA Nel corso degli ultimi anni, come noto, la città di Torino non altrimenti da altri centri industriali europei o mondiali è stata interessata da profondi fenomeni di trasformazione dell apparato

Dettagli

ASSE 3 - SVILUPPO URBANO GENOVA

ASSE 3 - SVILUPPO URBANO GENOVA ASSE 3 - SVILUPPO URBANO GENOVA Progetto Integrato SESTRI CHIARAVAGNA INTERVENTI PROGETTO INTEGRATO 1. Realizzazione polo mercatale via Ferro 4 5 1 3 2 7 2. Riqualificazione piazza dei Micone 3. Riqualificazione

Dettagli

RISORSA SUD. Il Mediterraneo del Nord Un opportunità per l Italia

RISORSA SUD. Il Mediterraneo del Nord Un opportunità per l Italia Il Mediterraneo del Nord Un opportunità per l Italia Presentazione 10 settembre 2015, ore 11 SVIMEZ Via di Porta Pinciana, 6 Roma #RisorsaSud Tre aree di intervento Rilancio degli investimenti produttivi

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Venezia alla 3^ EXPO ITALIA REAL ESTATE

Venezia alla 3^ EXPO ITALIA REAL ESTATE Venezia alla 3^ EXPO ITALIA REAL ESTATE Milano 22 25 maggio 2007 Presentazione PROGETTO DI COMUNICAZIONE Premesse Azione di marketing urbano promossa da: -Comune di Venezia -CCIAA di Venezia VENEZIA CITTA

Dettagli

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA

Padova st innovazione. Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA Padova st innovazione Riconversione e Riqualificazione sostenibile della ZIP nord di Padova IMPOSTAZIONE METODOLOGICA INTRODUZIONE La ZIP di Padova, ha rappresentato e certamente ancora rappresenta una

Dettagli

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE VARIANTE DI PIANO REGOLATORE COMPARTO VALERA NORME DI ATTUAZIONE DEL PR (Estratto) Versione per la prima consultazione Studi Associati sa via Zurigo 19 CP 4046 CH-6904 Lugano tel. +41 091 910 17 30 fax

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un Milano, 23 ottobre 2014 Avvio di un percorso di ascolto attivo e di partecipazione della cittadinanza PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI Gentili, Con la presente si comunica, nell intento

Dettagli

Le 6 miglia della nautica nel porto, a Ravenna La Cittadella della nautica e dell innovazione

Le 6 miglia della nautica nel porto, a Ravenna La Cittadella della nautica e dell innovazione AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA Le 6 miglia della nautica nel porto, a Ravenna La Cittadella della nautica e dell innovazione FORUM Port & Shipping Tech, 5 novembre 2009 Trasformazione urbana e promozione

Dettagli

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A.

Cassa depositi e prestiti PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. PENTAGRAMMA PIEMONTE S.P.A. Torino, Palazzo del Lavoro Veicolo societario 100% Pentagramma Piemonte S.p.A. (50% CDP Immobiliare S.r.l. - 50% G.E.F.I.M.) Localizzazione L edificio del Palazzo del Lavoro

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

In questo senso è importante sottolineare la molteplicità dei significati che può essere attribuito al termine formare, che significa al contempo:

In questo senso è importante sottolineare la molteplicità dei significati che può essere attribuito al termine formare, che significa al contempo: Obiettivi del Project Work Il Project work si intitola: La formazione della città del welfare Promuove una sperimentazione progettuale in cui gli studenti dovranno cercare di coniugare il tema della qualità

Dettagli

Comune di Piombino - Studio di fattibilità CITTÀ FUTURA Seconda Fase - Pag. 1

Comune di Piombino - Studio di fattibilità CITTÀ FUTURA Seconda Fase - Pag. 1 Comune di Piombino - Studio di fattibilità CITTÀ FUTURA Seconda Fase - Pag. 1 LO STUDIO DI FATTIBILITÀ Le attività svolte costituiscono gli approfondimenti dello Studio di Fattibilità finalizzato a promuovere

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO

INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO Direzione Commercio e Artigianato Settore Programmazione e Interventi dei Settori Commerciali INDICAZIONI DI PROCEDIMENTO PER IL RICONOSCIMENTO DI ADDENSAMENTI COMMERCIALI EXTRAURBANI (ARTERIALI) A.5.

Dettagli

Studio di pre-fattibilità

Studio di pre-fattibilità Studio di pre-fattibilità Oggetto: Progetto per la realizzazione, in regime di Project Financing, di un parcheggio multipiano in Tricase Piazza Card. Panico. Premessa Il presente studio riguarda la realizzazione,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 092/2009 OGGETTO: Comune di Torino. Intervento di ristrutturazione del Palazzo del Lavoro Italia 61. Indirizzi dell Ente di gestione L anno duemilanove

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA

Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile 1999 n. 9 Ambito di intervento 3 Isola del Bosco - delle Corti RELAZIONE ECONOMICA Programma Integrato di Intervento ai sensi della LR 12 aprile

Dettagli

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015

Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria. 16 novembre 2015 Legge sulla crescita e gli investimenti Growth Act Liguria 16 novembre 2015 1 Vision La nuova maggioranza crede fermamente nello sviluppo sostenibile della propria economia e nella possibilità di portare

Dettagli

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria

PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria PERUGIA SMART CITY IDEE E PROGETTI PER IL FUTURO Martedì 3 marzo - Confindustria Umbria VINCENZO PIRO Dirigente Area Risorse Ambientali, Smart City e Innovazione Comune di Perugia PERUGIA SMART CITY: IDEE

Dettagli

Nulla è bello tranne il vero. Nicolas Boileau

Nulla è bello tranne il vero. Nicolas Boileau Cabina di Regia Palazzo Chigi 20.01.2016 Nulla è bello tranne il vero. Nicolas Boileau 1 I TEMI DELL INCONTRO 1 COMPITI DEL SOGGETTO ATTUATORE 2 ATTIVITÀ IN CORSO 3 ATTIVITA AVVIATE 4 ATTIVITÀ DI SUPPORTO

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI

ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI ASSE 2 CABINA DI REGIA PER GOVERNARE LE TRASFORMAZIONI COMUNE DI NOVARA CODICE15.3.1.5 Cabina di Regia: funzioni di rango urbano e gateway Scheda azioni Immateriali Cabina di Regia: funzioni di rango urbano

Dettagli

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA

PIANO DEL GOVERNO DEL TERRITORIO DI MONZA Territorio Monza è il capoluogo della neo provincia di Monza e Brianza ed ha una popolazione residente al 2004 di 122.263 abitanti (120.104 ab. al censimento 2001). Il territorio comunale è di Kmq 32,9

Dettagli

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare con il sostegno della Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare Spunti di riflessione su società, economia e progetti dell area metropolitana

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE CONSULTAZIONE PUBBLICA Pianificazione Urbanistica Partecipata La Città non è fatta di soli edifici e piazze, ma è fatta di memoria, di segni, di linguaggi, di desideri, che sono a loro volta l espressione

Dettagli

In relazione al Piano delle Regole si formulano le istanze di cui in appresso SI CHIEDE L INTEGRAZIONE DEI COMMI 6 E 7 DELL ART. 1 NEI TERMINI DI SEGUITO INDICATI IN ROSSO: 6. Il Piano delle Regole non

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

Manifesto delle Città Metropolitane italiane

Manifesto delle Città Metropolitane italiane Manifesto delle Città Metropolitane italiane Le aree metropolitane sono il motore delle economie nazionali e hanno un ruolo sempre più rilevante negli scenari economici, sociali e istituzionali globali.

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli