La Strada dell'olio e del vino del Montalbano - Le Colline di Leonardo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Strada dell'olio e del vino del Montalbano - Le Colline di Leonardo"

Transcript

1 La Strada dell'olio e del vino del Montalbano - Le Colline di Leonardo Report Focus Group Maria Gordini IAL Toscana Gli incontri del focus group si sono svolti il 13, 22, 28 marzo 2006 presso alcune delle stesse aziende che hanno partecipato, nello specifico: 13 marzo: azienda La Carraia 22 marzo: azienda Il Poderino 28 marzo: azienda Le Baccane I. LE OPERAZIONI PRELIMINARI L avvio del focus group ha richiesto le seguenti operazioni preliminari: Ricognizione e predisposizione di materiale/documentazione di riferimento (rapporti, normativa, sitografia, profilo professionale dell imprenditore agricolo, etc.) Individuazione dei partecipanti al focus group Traccia per colloquio con il focus group: Stesura dello strumento Analisi SWOT del territorio Il Focus Group Obiettivo. Costituire un gruppo di riferimento al fine di raccogliere informazioni rispetto a: i livelli di qualità di processo e dei prodotti tipici dell area la Strada dell'olio e del vino del Montalbano - Le Colline di Leonardo, il marketing degli stessi prodotti, il management dell azienda agrituristica. La metodologia del focus group apporta un contributo di fine conoscitivo in quanto gli outputs 1

2 informativi che fornisce scaturiscono dall esperienza e dalla conoscenza diretta del territorio dei componenti focus group. Metodo. Rendere consapevoli i membri del focus group rispetto alla loro funzione, cioè, contribuire alla conoscenza dei livelli di qualità di processo e dei prodotti tipici della Strada dell olio e del vino del Montalbano, e di delineare il fabbisogno formativo circa le competenze di management e marketing nella gestione delle attività agrituristiche. I Partecipanti Membri del focus group Bichi Claudio Corrocher Stefania Rosati Teresa Rizzo Candida Salvucci Angela Gaisch Brigitta Matilde Azienda La Carraia (Lamporecchio) Baugiano (Quarrata) Il Poderino (Lamporecchio) Ulivecchio (Serravalle Pistoiese) Le Baccane (Larciano) (Lamporecchio) La traccia dei colloqui: Per i contenuti, oggetto dei colloqui all interno del focus group, sono state individuate le seguenti tre direttrici: la multifunzionalità dell azienda agricola; la normativa; il profilo professionale dell imprenditore; L analisi SWOT del territorio Predisposizione e somministrazione dello strumento Analisi SWOT del territorio per valutare se e quanto concordino fra loro gli imprenditori che partecipano al focus group sullo sviluppo locale, si è sottoposta una lista in cui si indicano i punti di forza e di debolezza (su una scala da -3 a +3). II. GLI OUTPUTS Dal focus group sono emerse due tipologie di aoutpust, di risultati: 1. dai colloqui 2. dallo strumento di analisi SWOT del territorio 2

3 1. I colloqui Le tre direttrici di contenuto per la gestione del colloquio hanno generato un proficuo dibattito che ha toccato diversi sottocontenuti; rispetto alle direttrici di contenuto va tenuto presente che quello relativo al profilo professionale dell imprenditore è trasversale agli altri due, trasversalità giustificata dal fatto che l obiettivo prioritario dei colloqui è la rilevazione dei fabbisogni formativi. Il primo argomento di discussione, peraltro molto sentito, è stato quello relativo alla direttrice normativa; di seguito si riporta quanto è emerso dai colloqui. La normativa a cui devono attenersi gli imprenditori, da quello del prodotto biologico a quella che regola la Strada dell olio e del vino del Montalbano, spesso rappresenta un ostacolo perché si traduce in pura burocrazia, a spiegazione di questo problema i componenti del focus group hanno riportato l esempio del regime fiscale diversificato: ogni singola attività gestita dagli imprenditori ha un proprio regime fiscale - agriturismo, allevamento, produzione biologica, etc. si crea, così, una difficoltà, nel senso di sovraccarico di lavoro, nella gestione dell azienda. Sempre all interno della direttrice normativa è scaturito l argomento finanziamenti agevolati, Anzitutto gli imprenditori hanno sottolineato che, di fatto, i finanziamenti agevolati non sono agevolazioni bensì un rischio, una esposizione economica. L erogazione dei fondi è lenta, segue tempi diversi rispetto alle esigenze degli imprenditori, all andamento naturale dell azienda (ad esempio la tipologia di coltivazione) ciò significa esposizione economica, vincoli aziendali sia in termini di tempo che di strategia. Accedere ai finanziamenti agevolati significa essere in grado di fare progetti e possedere una buona capacità di previsione strategica rispetto alla propria azienda. Con la direttrice la multifunzionalità dell azienda agricola sono stati toccati gli argomenti più direttamente connessi al marketing e al managment dell azienda, in sintesi è emerso quanto segue: La segnaletica costituisce un primo problema, un ostacolo da rimuovere entro tempi brevi: la segnaletica, sia quella relativa alla Strada dell'olio e del vino del Montalbano - Le Colline di Leonardo che quella ordinaria (che segnala le località, le frazioni) è decisamente carente per cui diventa difficile fare marketing, pubblicizzare la propria azienda se poi diventa un problema raggiungerla per assenza di segnaletica. Il punto cruciale del dibattito, svoltosi all interno del focus group, è stato quello relativo al target, cruciale in quanto rinvia ad una serie argomenti riconducibili ad esigenze formative. L esigenza manifestata, in termini di fabbisogni formativi è quella di possedere elementi di base che permettano di fare un analisi del mercato; per meglio spiegare detta necessità i componenti del focus group hanno portato i seguenti esempi: 3

4 i cinesi, giapponesi, americani, tedeschi, olandesi, etc. (mercato internazionale) usufruiscono degli agriturismi in periodi diversi, perché?, quali abitudini, gusti, etc. hanno? come raggiungerli? Come incrementare la loro presenza? Il target italiano, a sua volta, ha una visione distorta dell agriturismo, ancora una volta l esempio riportato è che quando telefonano per prenotare chiedono: cosa posso fare? avete i cavalli, la piscina, etc.. Domande che sottendono una richiesta che più di agriturismo è quella di casa vacanza in ambiente rurale di fronte alla quale l imprenditore si ritrova a spiegare, nel miglior modo possibile per non perdere clienti, che loro sono contadini che coltivano la terra.. Il potenziale target locale, cioè coloro che risiedono nelle vicinanze e potrebbero trascorrere le domeniche pomeriggio presso le aziende, sono quasi totalmente assenti, come avvicinarli? Infine hanno dichiarato che è strutturalmente difficile raggiungere la nicchia dei clienti che usufruiscono, acquistano il prodotto tipico. Con questi esempi i componenti del focus group hanno manifestato in modo chiaro l esigenza di possedere competenze minime che li mettano in grado di analizzare i diversi mercati - internazionale, nazionale e locale - al fine raggiungere un maggior numero di tipologie di target. Rispetto ai veicoli del marketing, cioè alla conoscenza e il potenziale che questi portano i pareri, le conoscenze che i componenti del focus group possiedono sono diversificate e, sostanzialmente, nebulose. Non tutti hanno una pagina web della propria azienda, chi non la possiede è per scelta in quanto non crede sia un buon veicolo, confida, piuttosto sul passa parola. Sono tutti concordi nel ritenere che fiere, feste, e sagre siano un vetrina, un modo per farsi pubblicità tuttavia, quasi nessuno vi partecipa. La bottiglia di olio o di vino con etichetta è considerata un veicolo pubblicitario, un modo per vendere l immagine dell azienda; rispetto alle vendite non c è guadagno: si va alla pari, la bottiglia, l etichetta costano troppo, il vero guadagno sta nella vendita nella damigiana, questo è quanto hanno affermato. Alla domanda qual è l indotto dell azienda, domanda tesa a verificare da un lato la consistenza dell indotto stesso e dall altro se è percepita, se può costituire un veicolo di marketing, la risposta è stata decisamente negativa. L indotto pur essendo di dimensioni significative - è costituito dalle cantine, dai fornitori (consorzi e/o cooperative dove gli imprenditori acquistano concime, allevamento, attrezzature meccaniche, etc.), dai vivai, e dagli artigiani (artigianato tipico: vimini, vetro, etc.) non rappresenta un veicolo di pubblicità né dei prodotti delle singole aziende né della strada del vino e dell olio nel suo insieme. 4

5 Note Rispetto alla formazione che sarà erogata in forma di FAD sono state fatte le seguenti richieste: rilascio di un attestato al termine del percorso formativo; intervallare la formazione a distanza con incontri d aula. 2. L analisi SWOT del territorio 1 La funzione dell analisi SWOT è stata quella di valutare se e quanto i membri del focus group concordino fra loro nelle valutazioni rispetto al territorio. Lo strumento swot - quadro minacce-opportunità - utilizzato e sottoposto ai membri del focus group si compone di cinque schede dedicate rispettivamente a: 1. caratteristiche morfologico-ambientali dell area 2. caratteristiche infra - strutturali 3. caratteristiche del sistema produttivo ed imprenditoriale 4. caratteristiche del mercato del lavoro 5. altre caratteristiche. Per ognuna di esse i membri del focus group hanno indicato i punti di forza e di debolezza, su una scala da -3 a +3. Lettura dei risultati avviene secondo i seguenti criteri: i valori negativi (-1;-2;-3 ) rappresentano i punti di debolezza dove -3 significa grave debolezza; i valori positivi (+1;+2;+3) rappresentano i punti di forza dove +3 significa molto positivo. Dalla lettura dei risultati emerge quanto segue: 1.Caratteristiche morfologico ambientali dell area Caratteristiche geomorfologiche del territorio. La valutazione va da 1 a -3 Risorse ambientali e paesaggistiche; risorse storiche e artistiche. La valutazione è omogenea: +3. Ambiente sociale (sicurezza sociale, senso di comunità, etc.); servizi e strutture pubbliche per la popolazione. La valutazione va da +1 a +3. In questa scheda le valutazioni sono omogenee, infatti risulta che l aspetto ambientale, paesaggistico e artistiche costituisce un punto di grande forza nonostante le difficoltà geomorfologiche che il territorio stesso presenta e, dunque, la difficoltà oggettiva di lavorare la terra. 2. Caratteristiche infra strutturali Approvvigionamento idrico; disponibilità energetiche, smaltimento rifiuti e inquinamento ambientale. La valutazione va da +1 a -3: esiste una significativa differenza, -3 è un punto di 1 cfr. allegato 5

6 grave debolezza, che va comunque interpretata anche rispetto ai diversi territori di provenienza (Lamporecchio, Quarrata, Larciano). Infrastrutture - rete di trasporto. La valutazione è positiva: va da 0 a +2. Reti telematiche. La valutazione è positiva: va da 0 a +1. Servizi alle imprese (consulenze, pulizie, ecc.). La valutazione va da -1 a +1 Accesso al credito. La valutazione va da 0 a +2 Trasparenza e accesso alle Amm. Pubbliche. La valutazione va da +1 a +2 Livello delle relazioni-rapporti tra i soggetti locali. La valutazione va da +1 a +2 Capacità di programmazione e dialogo delle Amm.ni Pubbliche. La valutazione va da +1 a +2 In questa scheda le valutazioni sono disomogenee specie rispetto alla voce approvvigionamento idrico ; disomogeneità che va interpretata tenendo in considerazione anche rispetto le diverse aree in cui sono collocate le aziende dei membri del focus group(lamporecchio, Quarrata, Larciano). 3. Caratteristiche del sistema produttivo e imprenditoriale Disponibilità di strutture produttive. La valutazione va da -3 a +2 Tessuto di piccole e medie imprese. La valutazione va: da +1 a +2 Ruolo della grande impresa. La valutazione è omogenea: 0 (non ci sono grandi imprese) Dinamismo e cultura imprenditoriale. La valutazione va: da -1 a +1 Etica imprenditoriale e fiducia tra imprenditori. La valutazione va: da -1 a 0 Capacità di adeguamento e flessibilità di impresa La valutazione va: da -1 a 0 In questa scheda il dato significativo che emerge è la disomogeneità rispetto alla voce Disponibilità di strutture produttive da cui si deduce che in alcune aree è un punto di grave debolezza, viceversa in altre siamo alle soglie del grande punto di forza. 4. Caratteristiche del mercato del lavoro Attitudini al lavoro dei giovani. La valutazione va da -1 a 0 Intraprendenza e autonomia della forza-lavoro. La valutazione va da 0 a +1 Sistema formativo-professionale. La valutazione va: da 0 a +1 Patrimonio professionalità acquisito per esperienza La valutazione va: da -1 a +1 Presenza di alte professionalità. La valutazione va da 0 a +2 Presenza di manodopera immigrata. La valutazione va da +2 a +3 Livelli salariali. La valutazione va da -1 a 0 In questa scheda si registra un alta presenza di manodopera immigrata, punto di forza che, probabilmente sopperisce la scarsa attitudine dei giovani a questo tipo di lavoro. 6

7 5. Altre Caratteristiche Concentrazione demografica e industriale. La valutazione va da +1 a +3 Qualità dell aria. La valutazione va da +1 a +3 Rifiuti (smaltimento, discariche, riciclaggio). La valutazione va da +2 a +3 Qualità della vita. La valutazione è omogenea: +2 Servizi alle famiglie (asili, scuole, etc.). La valutazione va da 1 a 2 Strumenti di pianificazione territoriale. La valutazione è omogenea: +1 7

8 ALLEGATO Analisi SWOT 2 del territorio punto di grave debolezza punto di grande forza 1. CARATTERISTICHE MORFOLOGICO- AMBIENTALI E SOCIALI DELL'AREA Caratteristiche geomorfologiche del territorio Risorse ambientali e paesaggistiche Risorse storiche e artistiche Ambiente sociale (sicurezza sociale, senso di comunità, etc.) Servizi e strutture pubbliche per la popolazione 2. CARATTERISTICHE INFRA- STRUTTURALI Approvvigionamento idrico Disponibilità energetiche Smaltimento rifiuti e inquinamento ambientale Infrastrutture - rete di trasporto Reti telematiche Servizi alle imprese (consulenze, pulizie, ecc.) Accesso al credito Trasparenza e accesso alle Amm. Pubbliche Livello delle relazioni-rapporti tra i soggetti locali Capacità di programmazione e dialogo delle Amm.ni Pubbliche 3. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA PRODUTTIVO E IMPRENDITORIALE Disponibilità di strutture produttive Tessuto di piccole e medie imprese Ruolo della grande impresa Dinamismo e cultura imprenditoriale Etica imprenditoriale e fiducia tra imprenditori 2 SWOT = Strenghthness - Weakness - Opportunities - Threats, punti di forza, debolezze, opportunità e minacce 8

9 Capacità di adeguamento e flessibilità di impresa 4. CARATTERISTICHE DEL MERCATO DEL LAVORO Attitudini al lavoro dei giovani Intraprendenza e autonomia della forza-lavoro Sistema formativo-professionale Patrimonio professionalità acquisito per esperienza Presenza di alte professionalità Presenza di manodopera immigrata Livelli salariali 5. ALTRE CARATTERISTICHE Concentrazione demografica e industriale Qualità dell aria Rifiuti (smaltimento, discariche, riciclaggio Qualità della vita Servizi alle famiglie (asili, scuole, etc.) Strumenti di pianificazione territoriale Altro. 9

Sintesi dei risultati

Sintesi dei risultati 1 Sintesi dei risultati Il presente documento sintetizza i principali risultati ottenuti dall attività di ricerca e di intervista sviluppata dallo Studio GMB per conto dell Associazione Territorio e Cultura

Dettagli

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini

Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms. Leonardo Casini Il carattere multifunzionale dell agricoltura: approcci teorici e ruolo delle family farms Leonardo Casini Questo è probabilmente l ettaro di terra più costoso del mondo: Burgundy, Vigneto Romanée Conti:

Dettagli

ANALYSIS UNA TECNICA TRADIZIONALE PER LA MAPPATURA INTERNA

ANALYSIS UNA TECNICA TRADIZIONALE PER LA MAPPATURA INTERNA SWOT ANALYSIS UNA TECNICA TRADIZIONALE PER LA MAPPATURA INTERNA 1/17 AGENDA La mappatura interna La SWOT Analysis in letteratura SWOT Analysis e creatività Il questionario proposto Conclusioni 2/17 SIAMO

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Verso il PSR Marche 2014-2020

Verso il PSR Marche 2014-2020 Verso il PSR Marche 2014-2020 Focus Filiere e competitività : IL CREDITO ALLE IMPRESE AGRICOLE Osimo, 20 settembre 2013 Francesca Severini Cosa ci aspettiamo da questo approfondimento? Individuare, nell

Dettagli

SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.)

SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.) SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.) PARTE OPERATIVA INDICE PARTE II VERBALI DI CONTROLLO SCHEDA PRINCIPALITA SCHEDA CLASSIFICAZIONE SCHEDA NATURA

Dettagli

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.

Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09. Servizio Assistenza tecnica e supporto al funzionamento Osservatorio Regionale per la Formazione Continua Rif.to contratto rep. n. 1236 del 24.09.2013 FASE 1.a ) Stabilizzazione delle articolazioni territoriali

Dettagli

SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA 2 2. L ANALISI DEI DATI 6 GLOSSARIO 31

SOMMARIO 1. IL MODELLO, GLI STRUMENTI, LE FASI DELLA RICERCA 2 2. L ANALISI DEI DATI 6 GLOSSARIO 31 Analisi delle competenze e dei fabbisogni formativi ICT Unione Europea Fondo Sociale Europeo Regione Autonoma della Sardegna Lavoro, formazione professionale, cooperazione e sicurezza sociale 2006 EBAS

Dettagli

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO?

COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? COME VIENE REALIZZATO IL PROCESSO DI ACQUISTO? A Flusso di attività B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE Domanda di beni che l azienda utilizza a scopo interno oppure

Dettagli

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo

Le Province, l e-government e le politiche di sviluppo AtoB Piemonte AtoB Piemonte è il progetto di e-government che le Province piemontesi hanno ideato per aziende, utenza e territorio al fine di semplificare, velocizzare e rendere più trasparenti i procedimenti

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3: SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 11 Marzo 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

FORMAZIONE DI ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA

FORMAZIONE DI ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA SINTESI PROGETTO FORMAZIONE DI ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE D IMPRESA (Sales International Manager - SIM) Programma URBAN II - Misura 4.3 FORMAZIONE PROFESSIONALE PER GLI ARTIGIANI E LE PMI LOCALI

Dettagli

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl

IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale. Andrea Zanfini EQO Srl IL TURISMO SOSTENIBILE uno strumento innovativo per lo Sviluppo Rurale Giovedì 29 Marzo ore 14,30 18,30 Mercato Saraceno, Sala del Consiglio Andrea Zanfini EQO Srl Via Verde, 11 Bologna P.za Falcone Borsellino,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE DA PARTE DELLE BANCHE

LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE DA PARTE DELLE BANCHE LA VALUTAZIONE DELLE AZIENDE DA PARTE DELLE BANCHE Il controllo del rischio di credito da parte della banca si realizza, in primo luogo, in un opportuna strutturazione della procedura di indagine da seguire

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 3 : SERVIZI PER LO SVILUPPO LOCALE DEI TERRITORI Sintesi risultati incontro del 9 Febbraio 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 2 : LE INFRASTRUTTURE IMMATERIALI DELLA RICERCA E DELL INNOVAZIONE Sintesi risultati incontro del 9 Febbraio 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO

Dettagli

Schema di riferimento aziende. Nome azienda Comparto e attività svolte Bisogni rilevati. Consulenza come agronomo e certificatore comparto biologico

Schema di riferimento aziende. Nome azienda Comparto e attività svolte Bisogni rilevati. Consulenza come agronomo e certificatore comparto biologico Analisi fabbisogni formativi AGRI.COM - Corso per la trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli Le attività che sono state messe in atto per l analisi dei fabbisogni formativi e sull utenza

Dettagli

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE

COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE COMUNE DI CESENA Piazza del Popolo, 10 47521 Cesena (FC) SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 189 del 12/06/2012 Introduzione Il sistema

Dettagli

PROMOZIONE E FORMAZIONE PER IL TURISMO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI IN TOSCANA: IL SETTORE ALBERGHIERO 2010

PROMOZIONE E FORMAZIONE PER IL TURISMO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI IN TOSCANA: IL SETTORE ALBERGHIERO 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI IN TOSCANA: IL SETTORE ALBERGHIERO 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 7 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI IN TOSCANA. IL SETTORE ALBERGHIERO..

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA

PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA PERCORSO PARTECIPATIVO di SUPPORTO ALLA REALIZZAZIONE DEL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE DEL COMUNE DI MEDICINA -- RELAZIONE FINALE -- A cura di Leonardo Dovigo Marzo 2014 0 PERCORSO PARTECIPATIVO

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI

TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI SETTORE AGRICOLTURA TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI ED AGROINDUSTRIALI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLA COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

Che cos è SPINN Agri. Perché SPINN Agri. Leve strategiche di sviluppo. Leve strategiche di sviluppo. Club di prodotto

Che cos è SPINN Agri. Perché SPINN Agri. Leve strategiche di sviluppo. Leve strategiche di sviluppo. Club di prodotto Progetto Integrato di Comparto agricoltura e vivaismo SPINN Agri Sistema Partecipato per l Innovazione in Agricoltura e Vivaismo Focus group 22 luglio 2010 Agriturismi Ce.Spe.Vi - Pistoia Che cos è SPINN

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione

Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione LA VALORIZZAZIONE DELLE BIOMASSE IN TOSCANA: LIMITI E OPPORTUNITA Annalisa Giachi, Promo PA Fondazione In collaborazione con: 1 Indice 1. LE SCELTE METODOLOGICHE 1.1 Gli obiettivi 1.2 I soggetti coinvolti

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare

Comunità Ospitali. gente che ama ospitare Comunità Ospitali gente che ama ospitare Cos'è una Comunità Ospitale? La Comunità Ospitale è un luogo e una destinazione in cui gli ospiti/turisti si sentono Cittadini seppure temporanei identificandosi

Dettagli

ANALISI SULL INDAGINE PER LA RILEVAZIONE DEI FABBISOGNI FORMATIVI E DI PROFESSIONALITA DELLE IMPRESE. PREMESSA.pag. 2. OBIETTIVI..pag.

ANALISI SULL INDAGINE PER LA RILEVAZIONE DEI FABBISOGNI FORMATIVI E DI PROFESSIONALITA DELLE IMPRESE. PREMESSA.pag. 2. OBIETTIVI..pag. ANALISI SULL INDAGINE PER LA RILEVAZIONE DEI FABBISOGNI FORMATIVI E DI PROFESSIONALITA DELLE IMPRESE PREMESSA.pag. 2 OBIETTIVI..pag. 2 INTERVISTATI pag. 2 INTERVISTA..pag. 3 RISULTATI..pag. 4 A) ANAGRAFICA

Dettagli

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO LA COMPETITIVITÀ DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA COMMERCIO ESTERO E QUOTE DI MERCATO - la competitività della provincia di Bologna Indice 1. Esportazioni e competitività:

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 5. STRATEGIA, PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Pianificazione d azienda Pianificazione strategica Pianificazione

Dettagli

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo

Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 2009-1-FR1-LEO05-0303 Percorso di formazione continua nell ambito del progetto La strada per domani 2 Modulo qualità e sviluppo 1 6 Strategia di sviluppo aziendale OBIETTIVO: verifica della fattibilità

Dettagli

CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO

CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO CARTA EUROPEA DELL ENOTURISMO 1 I. LE BASI DELL ENOTURISMO 1. Per enoturismo si intende designare lo sviluppo di ogni attività turistica e del «tempo libero», dedicate alla scoperta ed al godimento culturale

Dettagli

MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016

MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016 MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016 (La presentazione è su sfondo scuro per risparmio energetico) Come nasce il Masterplan del Carso? Predisposto

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI RISULTATI GENERALI Nel settore dei Servizi, come noto, sono presenti realtà produttive molto varie e tra loro non omogenee. Il settore ha dato nel complesso segni di

Dettagli

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO

ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO ANALISI DEL CONTESTO SCOLASTICO Progetto VSQ Valutazione per lo Sviluppo della Qualità della scuola Profilo della scuola POPPI Codice meccanografico ARIC8R INDICE Introduzione La partecipazione al progetto:

Dettagli

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive

Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Il sistema delle attestazioni SOA negli appalti pubblici: analisi e prospettive Presentazione dei risultati dello studio Roma, 13 maggio 2014 www.nomisma.it Impianto metodologico OGGETTO Studio sul sistema

Dettagli

Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012)

Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012) Nel 2013 la domanda di credito dei nuovi italiani e stata pari al 11% del totale (era del 11,9% nel 2012) Rumeni ancora in testa con il 21,1% della quota parte; si conferma modesta l incidenza dei cinesi.

Dettagli

FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato

FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato FACOLTÀ DI ECONOMIA Dipartimento di Economia Aziendale Corso di laurea specialistica in Marketing e Ricerche di mercato UNA RICERCA DI MARKETING NEL SETTORE VITIVINICOLO. IL CASO CANTINA DI MONTALCINO

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC

Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC Questionario di customer satisfaction per le Aziende IPPC Settore Attività industriali, Controlli e Coordinamento Laboratori Viale Restelli, 3/1-20124 Milano Tel. 02-69666385 Fax. 0269666254 e-mail: d.cristofaro@arpalombardia.it

Dettagli

Il Piano Strategico aziendale scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda

Il Piano Strategico aziendale scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda 5 Il Piano Strategico aziendale scelte di lungo periodo di complessivo adeguamento strutturale dell azienda 1 La strategia aziendale è costituita dall insieme di decisioni assunte al fine di consentire

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

I DISTRETTI CULTURALI

I DISTRETTI CULTURALI I DISTRETTI CULTURALI Prima parte della ricerca I musei italiani e i distretti culturali: punti di forza e di debolezza Interesse nazionale Ottobre 2011 A cura di Fondazione Cariplo per Aspen Institute

Dettagli

PERCORSO CAF EDUCATION

PERCORSO CAF EDUCATION PERCORSO CAF EDUCATION FEEDBACK REPORT INTEGRATO RAV-PDM CODICE MECCANOGRAFICO MEIC851001 SCUOLA IC SALVO D ACQUISTO MESSINA AMBITO DI AV DELLA SCUOLA* (X ) COMPLETO - ( ) PARZIALE GENNAIO 2014 1 PARTE

Dettagli

L analisi SWOT Daniela Storti

L analisi SWOT Daniela Storti L analisi SWOT Daniela Storti Che cosa è l analisi swot E UN ANALISI DI SUPPORTO ALLE SCELTE CHE RISPONDE AD UN ESIGENZA DI RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DECISIONALI Che cosa è l analisi swot è una tecnica

Dettagli

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal

Pane e denti. Progetto Comunitario Equal Progetto Comunitario Equal Pane e denti Problema di riferimento Nonostante il carattere strutturale assunto dalla presenza immigrata in Italia, l immigrazione viene percepita ancora come un problema piuttosto

Dettagli

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni

Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Le surveys nelle Pubbliche Amministrazioni Introduzione alla direttiva del Dipartimento della Funzione Pubblica I principali campi di indagine Le fasi del processo di rilevazione (c) IdWeb S.r.l. Ottobre

Dettagli

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI

TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI TECNICA E TECNICO DEGLI ACQUISTI 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie?... 6 Conoscenze... 9

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: Bussola - Un sistema

Dettagli

codiceticounico Verso un codice etico unico per le PMI Vademecum

codiceticounico Verso un codice etico unico per le PMI Vademecum Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo, Servizio Politiche Industriali Misura 2.1 - Azione C del Programma Triennale per lo sviluppo delle attività produttive industriali

Dettagli

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre

Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Relazione attività di Tutorato specializzato a.a. 2013/2014 I semestre Nel mese di marzo, a chiusura del primo semestre, l Ufficio Orientamento e Diritto allo Studio ha monitorato il servizio di tutorato

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA?

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 Richiesta di consulenza da parte delle aziende

Dettagli

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga PARTE I Allegato B Criteri generali per la classificazione delle strutture ricettive agrituristiche 1. Le strutture ricettive agrituristiche autorizzate vengono classificate con l'attribuzione di un numero

Dettagli

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI

INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI INCHIESTA CONGIUNTURALE SUI SERVIZI RISULTATI GENERALI Nel secondo trimestre del 2006 le imprese dei Servizi hanno giudicato alto il livello degli ordini e della domanda. Rispetto al trimestre precedente

Dettagli

ASSOVETRO Il contributo economico, sociale ed ambientale al Paese

ASSOVETRO Il contributo economico, sociale ed ambientale al Paese ASSOVETRO Il contributo economico, sociale ed ambientale al Paese 26 gennaio 2015 Indice 1. L analisi in breve 2. Impatti socio-economici 3. Impatti ambientali 4. Conclusioni Indice 1. L analisi in breve

Dettagli

Linee per la definizione del Sistema regionale di portualità turistica

Linee per la definizione del Sistema regionale di portualità turistica Linee per la definizione del Sistema regionale di portualità turistica Sintesi 1 ASSESSORATO AL TURISMO E INDUSTRIA ALBERGHIERA Linee per la definizione del Sistema regionale di portualità turistica Sintesi

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00

UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 UN ANALISI ORGANIZZATIVA DEL BUSINESS SYSTEM AEROPORTUALE. Editore, FrancoAngeli, Milano 2006 23.00 www.ibs.it www.bol.it Di Gianluigi Mangia estratto Negli ultimi decenni si è realizzato un profondo cambiamento

Dettagli

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009

Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 Servizi di comunicazione relativi ad attività previste dal Piano di comunicazione del Piano Telematico dell Emilia Romagna (PITER) 2007-2009 I PRETEST DELLA CAMPAGNA ISTITUZIONALE PITER Report dei risultati

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma

PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Errore. L'argomento parametro è sconosciuto. Direzione Commercio Artigianato PICCOLO, GRANDE, NUOVO Il commercio in Piemonte prima della riforma Sintesi dei risultati Maggio 2002 Piccolo, grande, nuovo.

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE Assessorato Attività Produttive D.G. Presidenza Settore Tutela dei Consumatori e degli Utenti Politiche di Genere e di Promozione delle Pari Opportunità INIZIATIVE REGIONALI

Dettagli

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE

PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE PROGETTI INTEGRATI CON TEMATISMO CULTURALE - dal Complemento di Programmazione alla definizione dell idea forza e articolazione della strategia in linee di azione: uno schema metodologico 0. Premessa La

Dettagli

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università

Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Formazione e Innovazione per l Occupazione FIxO Scuola & Università Introduzione 2 1. Il contesto di riferimento 1.1 Riferimenti istituzionali Si inserisce nell ambito della Strategia Europa 2020 e delle

Dettagli

ARI LIENTI COLLEGHI. A) La Relazione B) La Posizione in Azienda

ARI LIENTI COLLEGHI. A) La Relazione B) La Posizione in Azienda BUSINESS CASE ARI LIENTI COLLEGHI Vi ringraziamo per la vostra attenzione e i numerosi feedback ricevuti; dopo l invio del Business Case proposto il 29 ottobre 2015, vi proponiamo una sintetica analisi

Dettagli

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002 Azienda Speciale Camera di Commercio di Lecco LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 22 UNA SINTESI DEI RISULTATI In collaborazione con Versione st/15 aprile 25 Progetto Laboratorio

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI MILANO

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI MILANO Tavolo 5: Organizzare i nostri studi Referenti: Francesca Simonetti, Alessandro Trivelli, Consiglieri Ordine degli Architetti PPC di Milano Segretario referente: Anna Missaglia Partecipano al tavolo: Lorenzo

Dettagli

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT 3. L analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. E una tecnica sviluppata da più di 50 anni come supporto

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

IL PIANO DI MARKETING di una struttura ricettiva

IL PIANO DI MARKETING di una struttura ricettiva IL PIANO DI MARKETING di una struttura ricettiva Marketing plan Partiamo dal perché Il Marketing plan (piano di marketing) è il documento con il quale si espongono gli obiettivi e le strategie di mercato

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO

LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO LA SEGMENTAZIONE DEL MERCATO Perché segmentare? I mercati sono numerosi, dispersi geograficamente ed eterogenei nelle loro esigenze d'acquisto. Un'impresa che decide di operare in un certo mercato non

Dettagli

Agricoltura Territorio Ambiente e Mercati

Agricoltura Territorio Ambiente e Mercati AGRIMERCATI Agricoltura Territorio Ambiente e Mercati Azienda della Camera di Commercio di Milano e delle Associazioni di rappresentanza per lo sviluppo delle filiere agricola e agroalimentare AGRIMERCATI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE

Dettagli

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo

PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo Agenzia del Lavoro Provincia Autonoma di Trento PROFILO FORMATIVO Profilo professionale e percorso formativo DENOMINAZIONE FIGURA PROFESSIONALE - IMPIEGATO SERVIZI MARKETING E COMUNICAZIONE - DESCRIZIONE

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

Il Report sui risultati del Questionario di indagine sulla percezione degli abitanti di Scansano

Il Report sui risultati del Questionario di indagine sulla percezione degli abitanti di Scansano Il Report sui risultati del Questionario di indagine sulla percezione degli abitanti di Scansano Il presente questionario costituisce una prima fase di ascolto delle opinioni e delle percezioni degli abitanti

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

Organizzatore di congressi

Organizzatore di congressi identificativo scheda: 16-023 stato scheda: Validata Descrizione sintetica Il Tecnico dei servizi fieristico-congressuali si occupa dell ideazione, progettazione e organizzazione di eventi quali convegni,

Dettagli

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area

Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il ruolo degli stakeholder nella progettazione di un Piano di Marketing Territoriale e di un Marchio d Area Il Marketing territoriale Il territorio, sia esso una città, un area urbana, un area turistica

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA' DELL'OFFERTA FORMATIVA Destinazione DOCUMENTAZIONE ACCREDITAMENTO ISTITUTO SITO WEB ISTITUTO 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 POLITICA DELLA QUALITA La scelta di dotarsi di un sistema di gestione

Dettagli

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna

3.4.3. Analisi dell efficacia esterna 3.4.3. Analisi dell efficacia esterna Il marketing strategico In relazione alla dimensione analitica del marketing strategico, la ricerca ha rilevato come Gamma ponga in essere indagini di mercato ad hoc

Dettagli

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21

ATTI, NON PAROLE AGENDA21. Agenda 21 a cura di Roberto Catania L istituzione di nella Provincia di Lecco ha avuto inizio nel 2003 seguendo un percorso che si potrebbe definire tradizionale. Dall istituzione del Forum generale si è passati

Dettagli

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare:

La sinergia tra scuola e territorio è quindi imprescindibile per l integrazione del disabile perchè consente di promuovere ed attivare: DIDATTICA L INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI La legge 104/92 (legge quadro per l assistenza, l integrazione scolastica ed i diritti alla persona handicappata) ha posto in essere una serie di adempimenti

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web

La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web Lorenzo Bernardi e Gianpiero Dalla Zuanna Dipartimento di Scienze Statistiche Nel 2011, l Ateneo di Padova ha introdottola procedura

Dettagli

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management

Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Relazione integrata sull attività dell Internal Audit, dell Organismo di Vigilanza e Quality Management Voce Controllo del Documento Informazioni Documento Informazione Identificativo documento DIR-IA

Dettagli