Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

107

108

109

110

111

112

113

114

115 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 2 DI 21 AGGIORNAMENTI: INDICE DEGLI ARGOMENTI 1.1 INFORMAZIONI GENERALI INTRODUZIONE SPIDER PLOT DELLA PIATTAFORMA CLARA EST DATI GENERALI DELLA PIATTAFORMA PROGRAMMA TEMPI E SINTESI DELLE OPERAZIONI... 6 SCHEMA DEI POZZI A FINE PERFORAZIONE PREVISIONI E PROGRAMMI OBIETTIVO MINERARIO RACCOMANDAZIONI GENERALI DATI GENERALI DELL IMPIANTO CARATTERISTICHE GENERALI BOP STACK E DOTAZIONI DI SICUREZZA DELL IMPIANTO CONTATTI DI EMERGENZA UNITA DI MISURA E MANUALISTICA DI RIFERIMENTO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

116 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 3 DI 21 AGGIORNAMENTI: 1.1 INFORMAZIONI GENERALI INTRODUZIONE Il giacimento a gas di Clara Est è ubicato sotto al mare Adriatico, 45 km circa a nord est di Ancona, con una profondità d acqua di circa 78 m, nella concessione B.C13.AS (eni 51% - Edison Gas 49%). L impianto attualmente previsto sarà il KEY MANHATTAN della ditta Transocean ed i pozzi saranno completati con tecnologia per il controllo sabbia. SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

117 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 4 DI 21 AGGIORNAMENTI: SPIDER PLOT DELLA PIATTAFORMA CLARA EST SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

118 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 5 DI 21 AGGIORNAMENTI: DATI GENERALI DELLA PIATTAFORMA VOCE Distretto geograficamente responsabile Nome e sigla dei pozzi Classificazione iniziale DESCRIZIONE ANAGRAFICA DICS / Distretto di Ravenna Clara Est 14 dir, Clara Est 15 dir Development TD max finale prevista da programma MD ( m VD-Ptr ) Vedi paragrafo progetto di deviazione Permesso/concessione Operatore / Quote di titolarità Capitaneria di porto Zona (pozzi off-shore) Distanza dalla costa Distanza dalla base operativa P.T.R. livello mare considerata / Fondale B.C.13 AS ENI Div. E&P / ENI 51% - 49% EDISON Ancona B Mare Adriatico Km 45 circa Km 200 circa 30 m / 78 m. (da verificare in fase operativa) OBIETTIVI Litologia obiettivo principale Sabbie con intercalazioni pelitiche Formazione obiettivo principale (vedi sez.2) F.ne Carola (Pleistocene) Livelli obiettivi principali Vedi Sez.2 RIFERIMENTI TOPOGRAFICI Da verificare dopo installazione piattaforma) Lat di centro piattaforma ( geografiche ) N/S Lat di centro piattaforma ( metriche ) N/S 43 44' N N Long di centro piattaforma (geografiche ) E/W; Gr) Long di centro piattaforma ( metriche ) E/W 14 5' E E Ellissoide Geo Datum Map Zone Hayford International 1924 Roma MM 1940 Coord. Greenwich CM 15 Greenwich ( Zone ll ) Tipo di proiezione GAUSS-BOAGA. Ellissoide Hayford Int Semiasse maggiore Eccentricità al quadrato// (1/F) // 297 Central meridian 15 EST GREENWICH Falso Est m Falso Nord 0 m Scale Factor Declinazione magnetica ENI ( Model IG RF ) Da verificare ad inizio attività SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

119 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 6 DI 21 AGGIORNAMENTI: PROGRAMMA TEMPI E SINTESI DELLE OPERAZIONI CLARA EST 14 DIR Time vs Depth 0 Depth P10 P50 P Days Days vs P.Value Cumulative Probability (0-100%) Days Clara EST 14 - CLARA EST 14 DIR - Clara Est 14 dir v02 drilling completion Phases description start depth end depth P10 P50 P90 P10 P50 P90 Planned Washing Conductor Casing 30" ,2 1,3 1,8 1,2 1,3 1,8 Drilling 16" surface phase ,3 1,7 2,3 2,5 3,0 4,1 Run/Cement 13 3/8" Surface Casing ,4 2,8 3,7 4,9 5,8 7,8 Drilling 12.25" intermediate phase ,9 4,6 5,7 8,8 10,4 13,5 Run/Cement 9 5/8" Intermediate Casing ,6 1,8 2,8 10,4 12,3 16,3 Drilling 8.5" production phase ,3 8,1 9,8 17,7 20,3 26,1 Record logs ,8 7,7 10,6 23,5 28,1 36,7 Run/Cement 7" Production Casing ,2 2,5 3,6 25,7 30,5 40,3 Spiazzamento brine e pulizia csg ,4 1,8 2,2 27,1 32,3 42,5 Registrazione USIT-CBL ,3 0,4 0,5 27,5 32,7 43,0 Gravel Pack in formazione liv. PLQ-AE ,4 2,8 3,9 29,9 35,5 47,0 Gravel Pack in formazione livello PLQ-E+E ,0 3,5 4,5 32,9 39,0 51,5 Discesa BHA di spaziatura ,4 0,5 0,6 33,3 39,5 52,1 Gravel Pack in formazione livello PLQ1-C ,0 3,4 4,6 36,3 42,9 56,7 Discesa completamento definitivo ,0 3,5 4,3 39,3 46,4 61,0 Spurgo Livelli ,5 2,9 3,4 41,8 49,3 64,4 TIME Cumulated SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

120 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 7 DI 21 AGGIORNAMENTI: CLARA EST 15 DIR Time vs Depth 0 Depth P10 P50 P Days Days vs P.Value Cumulative Probability (0-100%) Days Clara EST 15 - CLARA EST 15 DIR - Clara Est 15 dir v01 drilling completion Phases description start depth end depth P10 P50 P90 P10 P50 P90 Planned Washing Conductor Casing 30" ,2 1,4 1,7 1,2 1,4 1,7 Drilling 16" surface phase ,3 1,7 2,2 2,5 3,1 3,9 Run/Cement 13 3/8" Surface Casing ,4 2,8 4,0 4,9 5,8 7,9 Drilling 12.25" intermediate phase ,1 4,8 5,8 9,0 10,7 13,7 Run/Cement 9 5/8" Intermediate Casing ,6 1,9 2,9 10,6 12,6 16,6 Drilling 8.5" production phase ,5 5,2 7,0 15,1 17,8 23,6 Record logs ,6 6,4 9,2 19,8 24,2 32,8 Run/Cement 7" Production Casing ,2 2,5 3,7 22,0 26,7 36,5 Spiazzamento brine e pulizia csg ,4 1,7 2,1 23,4 28,4 38,6 Registrazione USIT-CBL ,3 0,4 0,5 23,7 28,8 39,1 Gravel Pack in formazione liv. PLQ-Usup ,3 2,8 3,7 26,0 31,6 42,8 Gravel Pack in formazione liv. PLQ-R + ST ,0 3,5 4,6 29,0 35,0 47,4 Gravel Pack in formazione liv. PLQ-P ,9 3,4 4,4 31,9 38,4 51,8 Gravel Pack in formazione liv. PLQ-O ,8 3,3 4,4 34,7 41,7 56,3 Discesa BHA di spaziatura ,4 0,5 0,6 35,2 42,2 56,9 Gravel Pack in formazione liv. PLQ FN ,9 3,4 4,4 38,0 45,6 61,4 Discesa completamento definitivo ,0 3,6 4,4 41,0 49,2 65,8 Spurgo Livelli ,0 3,5 4,0 44,0 52,6 69,8 NB. I CP 30 saranno battuti precedentemente all arrivo del Jack-Up TIME Cumulated SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

121 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 8 DI 21 AGGIORNAMENTI: I pozzi saranno perforati e completati in batch secondo la seguente sequenza operativa: POSIZIONAMENTO IMPIANTO SU CLARA EST 14 DIR MONTAGGIO DIVERTER: LAVAGGIO CP E PERFORAZIONE FASE DA 16 PER CSG 13 3/8 SKID SU CLARA EST 15 DIR LAVAGGIO CP E PERFORAZIONE 16 PER CSG 13 3/8 MONTAGGIO BOP STACK E PERFORAZIONE FASE PER CSG 9 5/8 SKID SU CLARA EST 14 DIR PERFORAZIONE FASE PER CSG 9 5/8 PERFORAZIONE FASE 8.5 (CON PRELIEVO DI CAROTA TRIPLA). CSG 7 SKID SU CLARA EST 15 DIR PERFORAZIONE FASE 8.5 PER CSG 7 SPIAZZAMENTO FANGO CON BRINE. ESECUZIONE DI 5 GRAVEL PACK IN FORMAZIONE E DISCESA COMPLETAMENTO DOPPIO SKID SU CLARA 14 EST ESECUZIONE DI 3 GRAVEL PACK IN FORMAZIONE E DISCESA COMPLETAMENTO DOPPIO RILASCIO IMPIANTO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

122 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 9 DI 21 AGGIORNAMENTI: SCHEMA DEI POZZI A FINE PERFORAZIONE SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

123 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 10 DI 21 AGGIORNAMENTI: SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

124 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 11 DI 21 AGGIORNAMENTI: PREVISIONI E PROGRAMMI SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

125 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 12 DI 21 AGGIORNAMENTI: SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

126 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 13 DI 21 AGGIORNAMENTI: OBIETTIVO MINERARIO Al fine di drenare le riserve residue del campo di Clara Est è prevista la perforazione a partire da una nuova piattaforma di due pozzi denominati Clara Est 14 dir e Clara Est 15 dir RACCOMANDAZIONI GENERALI PERFORAZIONE Si raccomanda una particolare cura sulle densità fango tenendo sempre presente i margini esigui sia sulla ECD che come margine alla choke. Come hanno già evidenziato precedenti esperienze un aspetto critico risulta essere la pulizia del foro in relazione alla presenza di livelli depletati. La perforabilità delle formazioni attraversate consente alte ROP che come conseguenza comportano una elevata presenza di detriti nell anulus e quindi un valore di densità del fango molto superiore a quella del fango in ingresso con aggravio dei rischi di presa BHA per Pressione Differenziale e per possibile ricaduta dei detriti in caso di soste prolungate senza circolazione. La pulizia del foro insufficiente durante la perforazione rende critica anche l azione di backreaming che diventa una vera e propria manovra di pulizia con rischi di pack-off e presa di BHA per accumulo di detriti. E consigliato un controllo accurato dei survey durante la perforazione delle fasi superficiali (a circa 300 m) per evitare problemi di collisione tra i pozzi. La perforazione delle fasi superficiali e produzione saranno inoltre perforate con attrezzatura automatica ( RSS ), al fine di ottenere i seguenti vantaggi: maggiore pulizia del foro, fori più calibrati e letture a pochi metri dal bit ( di solito 2,5 m ) di inclinazione, azimuth. GEOLOGIA Nelle fasi dei pozzi in cui e' previsto l'utilizzo di LWD per monitorare la situazione geologica in real time, sarà da limitare gli avanzamenti a valori accettabili per avere un log di buona qualità. Per questi pozzi, e prevista un acquisizione petrofisica completa comprensiva di misure di pressione ed identificazione fluido di formazione tramite MDT. Visto l utilizzo di quest ultimo tools (MDT) corredato di Single Probe, Single Packer e Dual Packer, idonei per le misure di pressione e la Fluide Identification, si richiede di limitare, per quanto possibili, l utilizzo di additivi e intasanti fini nel pozzo, per non rischiare di intasare le linee del tool MDT, che in presenza di problematiche/failure a questo tool porterebbero notevoli NPT, in particolar modo visto che le operazioni saranno effettuate in modalità TLC. Si richiede, durante la perforazione delle fasi nelle quali è prevista l'acquisizione di log di Risonanza Magnetica, l inserimento nella flow line del fango del Ditch Magnet. SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

127 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 14 DI 21 AGGIORNAMENTI: Durante le fasi di tubaggio della colonna di produzione, inserire uno o più spezzoni di casing con dimensioni diverse dagli altri in corrispondenza dei livelli mineralizzati, per facilitare la correlazione con il log CCL durante il posizionamento del fucile per l apertura degli intervalli da completare. Verrà inoltre valutata l opportunità di introdurre nei collari dei casing, un marker radioattivo da posizionare ± 50 metri al di sopra dei livelli da completare nel caso ci fosse qualche probabilità di usare la tecnica TCP. Per entrambe questi 2 ultimi punti (Pipe Jont e Marca), il loro utilizzo e le profondità saranno comunicate immediatamente al termine della perforazione, comunque prima della discesa del casing/liner di produzione. SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

128 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 15 DI 21 AGGIORNAMENTI: DATI GENERALI DELL IMPIANTO CARATTERISTICHE GENERALI VOCE Contrattista / Nome impianto DESCRIZIONE TRANSOCEAN / GSF Key Manhattan Tipo impianto JACK UP Self Elevating Unit Class 116-C Tavola rotary livello mare 27 m (IMPIANTO Ideco 2100 Saipem: anno 1987) Potenza installata Tipo di argano Potenzialità impianto con DP s 5 Max profondità d acqua operativa Tipo di top drive system / Capacità top drive system Pressione di esercizio top drive system Tiro al gancio dinamico Set back capacity Diametro tavola rotary / Capacità tavola rotary Pressione di esercizio stand pipe 6600 HP NATIONAL DE 7620 m 107 m VARCO TDS H3 / 500 t 5000 psi 473 t ( 2 / 3 statico) 567 t 37 ½ / 650 t 5000 psi Tipo di pompe fango / numero NATIONAL 12-P Hp / 3 Diametro camice disponibili 6½ - 6" Capacità totale vasche fango 229 m 3 Numero vibrovagli / Tipo vibrovagli 3 / DERRICK FLC Capacità stoccaggio acqua industriale 1232 m 3 Capacità stoccaggio gasolio 361 m 3 Capacità stoccaggio barite Capacità stoccaggio bentonite Capacità stoccaggio cemento 119 t 65 t 90 t Tipo di Drill Pipe 5 S # - NC50 = 5400 m 3 ½ S # - NC38= 2400 m 3 ½ G # - NC38= 3000 m Tipo di Hevi Wate 5 AISI 4145H 50# - NC50 = 40 joints (~370 m) Tipo di Drill Collar 3 joints - 9 ½ x 3 - Spiral 18 joints - 8 x 2 13/16 - Spiral 18 da 6 ½ x 2 13/16 - Spiral 18 da 4 ¾ x 2 ¼ - Slick SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

129 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 16 DI 21 AGGIORNAMENTI: BOP STACK E DOTAZIONI DI SICUREZZA DELL IMPIANTO VOCE DESTINAZIONE Diverter (tipo) Hydril MSP Diverter (size) 29 ½ Diverter (pressione di esercizio) B.O.P. anulare (tipo) 500 psi Hydril MSP B.O.P. anulare (size) 21 ¼ B.O.P. anulare (pressione di esercizio) B.O.P. rams (tipo) 2000 psi Cameron U singolo B.O.P. rams (quantità) 2 B.O.P. rams (size) 21 ¼ B.O.P. rams (pressione di esercizio) B.O.P. anulare (tipo) 2000 psi Hydril GK B.O.P. anulare (size) 13 5 / 8 B.O.P. anulare (pressione di esercizio) B.O.P. rams (tipo) 5000 psi Cameron U doppio B.O.P. rams (quantità) 2 B.O.P. rams (size) 13 5 / 8 B.O.P. rams (pressione di esercizio) Choke manifold (tipo) psi Cameron Choke manifold (size) 3 1 / 16 Choke manifold (pressione di esercizio) psi Kill lines (size) n 2 - ID 3 1 / 16 Kill lines (pressione di esercizio) psi Choke lines (size) n 2 - ID 3 Choke lines (pressione di esercizio) Pannello di controllo B.O.P. (tipo) Pannello di controllo B.O.P. (ubicazione) Inside b.o.p. (tipo) - (ubicazione) Inside b.o.p. (tipo) - (ubicazione) Inside b.o.p. (tipo) - (ubicazione) psi CAD Industries Drill floor, Main deck, uff. tool pusher Gray /2 - drill floor Float valve Baker 8 / 6 ½ - Near bit Lower + upper integral bop - TDS SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

130 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 17 DI 21 AGGIORNAMENTI: CONTATTI DI EMERGENZA SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

131 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 18 DI 21 AGGIORNAMENTI: SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

132 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 19 DI 21 AGGIORNAMENTI: UNITA DI MISURA E MANUALISTICA DI RIFERIMENTO GRANDEZZA UNITA DI MISURA PROFONDITA m PRESSIONI atm oppure psi GRADIENTI DI PRESSIONE atm/10m oppure kg/cm 2 /10m TEMPERATURE C PESI SPECIFICI kg/l oppure g/l LUNGHEZZE m PESI ton VOLUMI m 3 oppure l DIAMETRI BIT & CASING inches PESO MATERIALE TUBOLARE lb/ft oppure kg/m VOLUME DI GAS Nm 3 PLASTIC VISCOSITY Centipoise YELD & GEL g/100cm 2 SALINITA ppm oppure g/l di NaCl La manualistica base di riferimento è la seguente: Le operazioni saranno condotte in ottemperanza con le disposizioni contenute nel Documento Sicurezza e Salute Coordinato (DSSC). Lo stesso sarà disponibile sull impianto dall inizio delle operazioni. Nell ambito del DSSC, le operazioni di perforazione e completamento saranno espletate in accordo con le disposizioni contenute nei seguenti manuali: STAP-P-1-M Rev B del 16/02/2012 (Best Practices and Minimum Requirement for Drilling & Completion Activities) e tutta la documentazione inerente la programmazione e l esecuzione del pozzo, citata nelle stesse BP & MR comprese le revisioni. Come per esempio: STAP-P-1-N-6001-E Rev D del 01/11/2010 (Operating Procedure for Drawing the WELL DRILLING PROGRAM) STAP-P-2-N-6001-E Rev 0 del 01/09/1998 (Operating Procedure for Preparing the GEOLOGICAL AND DRILLING WELL PROGRAM) STAP-P-1-M-6100 Rev. C del 01/12/2012 (Drilling Design Manual) STAP-P-1-M-6110 Rev. C del 24/05/2011 (Casing Design Manual) SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

133 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 20 DI 21 AGGIORNAMENTI: STAP-P-1-M-6120 Rev. D del 23/12/2010 (Directional Control & Surveying Procedures) STAP-P-1-M-6140 Rev. C del 01/01/2013 (Drilling Procedures Manual) STAP-P-1-M-6150 Rev. D del 08/03/2013 (Well Control Policy Manual) STAP-P-1-M-7100 Rev. 1 del 01/01/2005 (Completion Design Manual) STAP-P-1-M-7120 Rev. 2 del 01/01/2005 (Completion Procedures Manual) STAP-P-1-M-7110 Rev. 1 del 01/01/2005 (General Wire Line Procedures Manual) STAP-P-1-M Rev. 0 del 30/09/2004 (Well Testing Manual) STAP-P-1-M-7130 Rev. 1 del 01/01/2005 (Well Test Procedures Manual) STAP-G-1-M Rev. A del 29/10/2004 (Sand Control Completion Selection Criteria) STAP-P-1-M Rev. 0 del 30/09/2004 (Stimulation Manual) STAP-P-1-M-6160 Rev.1 del 15/11/2003 (Drilling Fluids Operations Manual) STAP-P-1-M Rev. A del 12/06/2008 (Well Cementing Procedures Manual) STAP-P-1-M Rev. A del 29/07/2010 (Guidelines for Drilling Waste Management) Regole Specifiche Aziendali Nr (Procedure di Geologia Operativa revis.2 09/99 GESO). SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

134 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 21 DI 21 AGGIORNAMENTI: Regole Specifiche Aziendali Nr (Procedure di Ubicazione Pozzi Off-Shore e On- Shore Unità Geografica Italia OPEG). Procedure per l Acquisizione della Sismica di Pozzo (APSI). Procedure per campionamenti acque, Microbiologici, gas, idrocarburi liquidi e punti di campionamento (LACH) Procedure Operative per studi stratigrafici (STIG) B2-PEM-DICS-HSE del 27/04/2012 Piano Generale di Emergenza Distretto Centro Settentrionale SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

135

136

137 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 2 DI 17 I NDI CE 2.1 Introduzione Ubicazione dei sondaggi Inquadramento geologico-strutturale Obiettivo dei sondaggi Rocce madre Rocce di copertura Profilo Litostratigrafico Previsto Pozzi di riferimento Andamento delle pressioni Completamenti ELENCO FI GURE Figura 1 - Carta indice della concessione B.C13.AS... 4 Figura 2 - Ubicazione del campo di Clara Est... 5 Figura 3 - Assetto strutturale del bacino adriatico... 6 Figura 4 Colonna litostratigrafica generalizzata... 7 Figura 5 Esempio di log elettrici del Clara Est Figura 6 - Mappa del top PLQ-AE (Fm. Carola) con ubicazione dei nuovi pozzi... 9 Figura 7 - Sezione sismica spezzata arbitraria Figura 8 - Rapporti stratigrafici con le tracce schematizzate dei nuovi pozzi Figura 9 - Schemi di completamento previsti ELENCO TABELLE Tabella 1 Clara Est 14 dir: previsione quote in giacimento 13 Tabella 2- Clara Est 15 dir: previsione quote in giacimento 14 Tabella 3 Pressioni dei livelli del giacimento. 16 SEZIONE 2 - Programma Geologico

138 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 3 DI INTRODUZIONE Il progetto ha origine dalle indicazioni fornite dallo studio di giacimento prodotto nel 2011 in collaborazione tra IPET, GEUR e GISE. Tra le proposte dello studio c è l esecuzione di un nuovo pozzo nella zona del Clara Est 5. Visti gli investimenti necessari per una nuova struttura di produzione marina, si è pensato di aggiungere un nuovo pozzo a quello indicato dallo studio. A tal proposito sono state valutate le ubicazioni delle anomalie di ampiezza e le potenzialità non sviluppate delle varie zone del giacimento. E quindi stata scelta la zona del Clara Est 9, dopo avere verificato la possibilità di raggiungere quest area da una struttura comune al pozzo che raggiungerà l area del Clara Est 5. Il pozzo che raggiungerà l area del CLE 5 sarà il Clara Est 14 dir, mentre quello che raggiungerà l area del CLE 9 sarà il Clara Est 15 dir. 2.2 UBICAZIONE DEI SONDAGGI Il giacimento a gas di Clara Est è ubicato sotto al mare Adriatico, 45 km circa a nord est di Ancona, con una profondità d acqua di circa 77 m, nella concessione B.C13.AS (eni 51% - Edison Gas 49%, con scadenza 27/5/ Figura 1). La centrale di raccolta gas di riferimento è Falconara. SEZIONE 2 - Programma Geologico

139 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 4 DI 17 Figura 1 - Carta indice della concessione B.C13.AS SEZIONE 2 - Programma Geologico

140 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 5 DI INQUADRAMENTO GEOLOGICO-STRUTTURALE Da un punto di vista geostrutturale il giacimento di Clara Est si trova in uno dei depocentri di sedimentazione del Bacino Adriatico, quello dell avanfossa di Romagna. Figura 2 - Ubicazione del campo di Clara Est La complessa struttura dell area adriatica è il risultato di due importanti eventi tettonici. Il primo evento consiste in una fase tettonica distensiva, dal Giurassico al tardo Cretacico, che ha definito la dislocazione del margine passivo Apulo. Il secondo evento consiste in una fase tettonica compressiva, dal tardo Cretacico al presente, che ha dato origine alla Catena Appenninica. L attuale Bacino Adriatico è generalmente considerato come l espressione, solo debolmente modificata, dell antico Promontorio Africano (i.e. Apulia) che ha rappresentato l area di avampaese per entrambi i sistemi di sovrascorrimento dell Appennino e delle Dinaridi (Figura 2). SEZIONE 2 - Programma Geologico

141 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 6 DI 17 Figura 3 - Assetto strutturale del bacino adriatico Il sovrascorrimento nella Catena Appenninica è stato accompagnato dall instaurarsi di una zona di avanfossa con orientamento NO-SE che progressivamente è migrata verso est con il seguito dell evoluzione del margine occidentale di sovrascorrimento. Questa fase compressiva ha prodotto dei lineamenti strutturali a carattere regionale come le Pieghe Adriatiche (Figura 3). L evoluzione strutturale di questi lineamenti è iniziata nel Miocene ed ha raggiunto il massimo di attività nel tardo Pliocene, individuando due depocentri principali, l avanfossa di Romagna e il bacino di Pescara (Figura 2). Questi depocentri sono separati da una zona di alto strutturale, la cosiddetta zona di Pop-up, e sono riempiti da sedimenti terrigeni mio-pleistocenici di origine prevalentemente torbiditica. La successione stratigrafica di bacino include la serie prevalentemente carbonatica cretacico miocenica del margine passivo Apulo, le argille mioceniche di rampa dell avampaese ed i riempimenti silicoclastici plio- Pleistocenici dell avanfossa adriatica. La colonna litostratigafica generalizzata per l avanfossa appenninica e per l area di avampaese apulo è riportata SEZIONE 2 - Programma Geologico

142 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 7 DI 17 nella Figura 4. Figura 4 Colonna litostratigrafica generalizzata (a - avanfossa appenninica; b - avampaese apulo) La morfologia fortemente allungata dell avanfossa di Romagna e l abbondanza di sedimenti assicurata dalla progradazione del delta del fiume Po ha favorito l instaurarsi di un sistema di deposizione torbiditica i cui depositi possono essere correlati in continuità per più di 100 km. In quest area la base del Pliocene è profonda e solo pochi pozzi hanno raggiunto le sottostanti argille di rampa o la Formazione della Scaglia, Cretacico-Eocenica. La successione litostratigrafica dell avanfossa adriatica nell Adriatico settentrionale (Figura 4) è stata ricostruita sulla base dei molti pozzi perforati in zona. La Formazione Porto Corsini (Pliocene inferiore) consiste di intercalazioni di sabbia ed argilla ed è caratterizzata da un elevata sovrappressione. La transizione con la sovrastante Formazione Porto Garibaldi è marcata da un incremento nel rapporto sabbia-argilla. Questa formazione è caratterizzata da moderati valori di sovrappressione. La Formazione Santerno consiste di una serie prevalentemente argillosa con rare intercalazioni sabbiose e costituisce il livello impermeabile che sigilla le sottostanti serie in sovrappressione. La formazione più superficiale è costituita dal Gruppo delle Sabbie di Asti del Pleistocene che sono caratterizzate da una successione di sabbie e sabbie argillose. Dal punto di vista strutturale l alto di Clara Est, costituito da un anticlinale pleistocenica con asse orientato NO- SE, è espressione del fronte più esterno e recente delle Pieghe Adriatiche (Figura 3). I movimenti principali di questa struttura si sono verificati al passaggio Porto Garibaldi Asti e nell intervallo immediatamente precedente il PLQ-A. Queste due fasi tettoniche rappresentano i momenti chiave dell evoluzione del bacino torbiditico dell Adriatico centro-settentrionale. I livelli mineralizzati a gas si trovano da circa 750 m a circa 1300 m di profondità, nei sedimenti delle Formazioni Carola e Ravenna appartenenti al Gruppo Sabbie di Asti (Pleistocene). Il sollevamento della struttura di Clara, verificatosi nel Pleistocene inferiore, e la complessiva evoluzione del bacino torbiditico hanno dato luogo SEZIONE 2 - Programma Geologico

143 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 8 DI 17 ad una sedimentazione relativamente condensata e localmente lacunosa, seguita dalle torbiditi sottili della porzione inferiore del Guppo di Asti. (Figura 3). Figura 5 Esempio di log elettrici del Clara Est 9 SEZIONE 2 - Programma Geologico

144 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 9 DI 17 Figura 6 - Mappa del top PLQ-AE (Fm. Carola) con ubicazione dei nuovi pozzi 2.4 OBIETTIVO DEI SONDAGGI I sondaggi oggetto del presente progetto permetteranno di ottimizzare il drenaggio del giacimento, andando ad interessare una zona solamente accertata e non ancora sviluppata. Per la loro ubicazione sono state determinanti alcune valutazioni di carattere geofisico, fatte sul volume sismico dell area. In particolar modo ci si è fatti guidare dalla distribuzione delle anomalie di ampiezza del segnale (Figura 7 e Figura 8), non sempre coincidenti con l andamento strutturale. E opportuno sottolineare, infatti, che alcuni livelli sono interessati da piccoli fenomeni di scivolamento gravitativo (slumping) o da eteropie di facies, che in taluni casi ne limitano la mineralizzazione ad aree non strettamente correlate con le culminazioni strutturali. SEZIONE 2 - Programma Geologico

145 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 10 DI 17 Figura 7 - Sezione sismica spezzata arbitraria SEZIONE 2 - Programma Geologico

146

147 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 12 DI ROCCE DI COPERTURA La copertura è assicurata dai livelli argillosi che, con le frazioni arenacee, fanno parte della sequenza del giacimento stesso. 2.7 PROFILO LITOSTRATIGRAFICO PREVISTO I sondaggi incontreranno la seguente serie litostratigrafica (le profondità sono verticali e riferite a livello mare): fondo mare m Silt, sabbia fine ed argilla (Pleistocene Fm. Ravenna) m Prevalenti banchi di sabbia da fine a grossolana con subordinate intercalazioni pelitiche (PLQ1). Sabbie fini ed argille (PLQ) (Pleistocene - Fm. Carola). SEZIONE 2 - Programma Geologico

148 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 13 DI 17 Le quote previste in giacimento sono le seguenti: Clara Est 14 dir PLQ1 PLQ Base Top X Y Z MD A A A_ A_ B B C C D D E E E E AE AE FN FN O O P P P P Q Q R R ST ST U_sup U_sup U_inf U_inf V V W W Z Z Tabella 1 Clara Est 14 dir: previsione quote in giacimento SEZIONE 2 - Programma Geologico

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale Rilascio di permesso di ricerca idrocarburi Faenza RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALL ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI LIQUIDI E GASSOSI DENOMINATA FAENZA

Dettagli

SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES

SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES Ferrara, 2 6 settembre 2013 Via saragat, 1 (Ferrara) Metodologie di perforazione e misure

Dettagli

Doc. SICS 197. STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Progetto Clara NW. Campo Gas Clara Est Off-shore Adriatico Centrale. Capitolo 3: Descrizione del progetto

Doc. SICS 197. STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Progetto Clara NW. Campo Gas Clara Est Off-shore Adriatico Centrale. Capitolo 3: Descrizione del progetto STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Progetto Clara NW Campo Gas Clara Est Off-shore Adriatico Centrale : Descrizione del progetto Febbraio 2012 Pag. i INDICE 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO 1 3.1 INTRODUZIONE...

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

Ingegneria della perforazione

Ingegneria della perforazione 3.6 Ingegneria della perforazione 3.6.1 Introduzione La progettazione di un pozzo rappresenta un momento fondamentale nel processo di esplorazione e produzione petrolifera; essa, infatti, è la base per

Dettagli

Identificazione di siti potenzialmente idonei e loro caratterizzazione

Identificazione di siti potenzialmente idonei e loro caratterizzazione Identificazione di siti potenzialmente idonei e loro caratterizzazione (Valentina Volpi, Federica Donda, Edy Forlin, Dario Civile, Barbara Merson e Sergio Persoglia) Co-finanziato dalla EU nel FP6 - the

Dettagli

TABLE OF CONTENTS 1 SCOPO... 5 2 INTRODUZIONE... 5. 2.1 Ubicazione della piattaforma... 5 2.2 Vita operativa delle piattaforma... 5 2.3 Presidio...

TABLE OF CONTENTS 1 SCOPO... 5 2 INTRODUZIONE... 5. 2.1 Ubicazione della piattaforma... 5 2.2 Vita operativa delle piattaforma... 5 2.3 Presidio... 2/83 TABLE OF CONTENTS 1 SCOPO... 5 2 INTRODUZIONE... 5 2.1 Ubicazione della piattaforma... 5 2.2 Vita operativa delle piattaforma... 5 2.3 Presidio... 6 3 DATI DI BASE DI PROGETTO... 7 3.1 Dati ambientali...

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO REPORT SULL INDAGINE GEOGNOSTICA DEI TERRENI A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE DI APPRONTAMENTO A FINI LUDICO-SPORTIVI DELL AREA IDENTIFICATA CATASTALMENTE

Dettagli

Rete Eni di monitoraggio della compattazione e della subsidenza

Rete Eni di monitoraggio della compattazione e della subsidenza Rete Eni di monitoraggio della compattazione e della subsidenza Ravenna, 15 marzo 2011 www.eni.it Subsidenza è un lento e progressivo abbassamento verticale del fondo di un bacino marino o di un'area continentale.

Dettagli

IL MODELLO GEOLOGICO 3D. Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia

IL MODELLO GEOLOGICO 3D. Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia IL MODELLO GEOLOGICO 3D Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia Obiettivi del Progetto GeoMol Modelli geologici 3D trans-nazionali/regionali basati su metodi comuni di costruzione

Dettagli

Ecomondo Rimini 06/11/13 L eolico off-shore nel Mare Adriatico Caso studio: anemometro su p.ma Azalea B

Ecomondo Rimini 06/11/13 L eolico off-shore nel Mare Adriatico Caso studio: anemometro su p.ma Azalea B Ecomondo Rimini 06/11/13 L eolico off-shore nel Mare Adriatico Caso studio: anemometro su p.ma Azalea B eni Chi siamo eni è un impresa integrata che opera in tutta la filiera dell energia ed è presente

Dettagli

I principali codici di cui dispone M 3 E sono:

I principali codici di cui dispone M 3 E sono: M 3 E S.r.l. è una società all avanguardia nello studio e simulazione numerica della geomeccanica di giacimento in problemi di sfruttamento o stoccaggio di risorse sotterranee, come acqua, gas o petrolio.

Dettagli

SINTESI per la STAMPA

SINTESI per la STAMPA Basilicata Basilicata e CdLT di Potenza Provinciale di Potenza SINTESI per la STAMPA L indotto industriale e di servizi del Centro Olio ENI di Viggiano e dei pozzi di estrazione petrolifera della Val d

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

FANGHI DI PERFORAZIONE: CARATTERISTICHE, CONTROLLI E SMALTIMENTO

FANGHI DI PERFORAZIONE: CARATTERISTICHE, CONTROLLI E SMALTIMENTO FANGHI DI PERFORAZIONE: CARATTERISTICHE, CONTROLLI E SMALTIMENTO Geol. Filippo Landini Publiacqua spa (Firenze) Responsabile Pianificazione e Programmazione Concetti generali e smaltimento P.Min. Umberto

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

AVEZZANO VERIFICA SISMICA SCUOLA G.MAZZINI COMUNE (PROVINCIA DE L AQUILA) DOTT. GEOL. AGNELLI ADELE. TECNOSOIL snc COMMITTENTE OGGETTO TECNOSOIL

AVEZZANO VERIFICA SISMICA SCUOLA G.MAZZINI COMUNE (PROVINCIA DE L AQUILA) DOTT. GEOL. AGNELLI ADELE. TECNOSOIL snc COMMITTENTE OGGETTO TECNOSOIL COMUNE AVEZZANO (PROVINCIA DE L AQUILA) COMMITTENTE DOTT. GEOL. AGNELLI ADELE OGGETTO VERIFICA SISMICA SCUOLA G.MAZZINI RAPPORTO SULLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E GEOTECNICHE TECNOSOIL S.n.c. TECNOSOIL snc

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

Metodo di indagine che consente l ispezione diretta del terreno. Perforazione effettuata nel terreno mediante un attrezzatura denominata sonda

Metodo di indagine che consente l ispezione diretta del terreno. Perforazione effettuata nel terreno mediante un attrezzatura denominata sonda SONDAGGIO: Metodo di indagine che consente l ispezione diretta del terreno Perforazione effettuata nel terreno mediante un attrezzatura denominata sonda Utilizzato per: - Ricostruzione del profilo stratigrafico

Dettagli

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone B. Boiardi eni e&p Seminario "Il Monitoraggio della CCS" Osservatorio CCS Roma, 3 febbraio 2012

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni 5.2.1 carotatrici pag. 354

attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni 5.2.1 carotatrici pag. 354 attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni pag. 354 354 AT 244 Orientabile in ogni direzione perforatrici - en 12504-1 La gamma di macchine Tecnotest consente l esecuzione di qualsiasi tipo di perforazione

Dettagli

Master MEDEA. LA TECNOLOGIA LEAN PROFILE Aspetti economici di un breaktrough tecnico nel drilling design

Master MEDEA. LA TECNOLOGIA LEAN PROFILE Aspetti economici di un breaktrough tecnico nel drilling design Master MEDEA Management ed Economia dell Energia e dell Ambiente LA TECNOLOGIA LEAN PROFILE Aspetti economici di un breaktrough tecnico nel drilling design Supervisori Ing. Angelo Calderoni Dott. Fabrizio

Dettagli

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale Rilascio di permesso di ricerca idrocarburi Faenza DESCRIZIONE TECNICHE DI PERFORAZIONE (Allegato n.6) PERFORAZIONE ESPLORATIVA La perforazione esplorativa è allo

Dettagli

Scheda tecnica scavo piscina 8x4 prefabbricata con scala romana e realizzazione soletta

Scheda tecnica scavo piscina 8x4 prefabbricata con scala romana e realizzazione soletta Scheda tecnica scavo piscina 8x4 prefabbricata con scala romana e realizzazione soletta Caratteristiche principali piscina: Dimensioni vasca: come da disegno Perimetro totale: 25,14 m (22 m dritto - 3,14m

Dettagli

Progetto Wellbore stability

Progetto Wellbore stability Eni Corporate University Scuola Enrico Mattei Master MEDEA 2002/03 Progetto Wellbore stability ALLIEVI Akhmetov Askar Nazarovich Akhmetov Nurzhan Bonanni Michele Castillo Carla Dentico Alessandra Jin Qingyong

Dettagli

6. Stratigrafia e tettonica

6. Stratigrafia e tettonica Di cosa parleremo Le rocce che costituiscono la crosta terrestre portano scritta al loro interno la storia della regione in cui si trovano. La stratigrafia e la tettonica forniscono le chiavi di lettura

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA SMW ( Soil Mixing Wall ) - trielica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

TECNICA REMI Premessa

TECNICA REMI Premessa TECNICA REMI Premessa La tecnica di analisi del sottosuolo mediante l uso di microtremori (Refraction Microtremor ) prende origine dagli studi e dalle sperimentazioni condotte da J. Louie presso la Nevada

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

INDAGINE AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA

INDAGINE AMBIENTALE PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI FERRARA Committente: Università degli Studi di Ferrara Cantiere: Cona (FE), nuovo Arcispedale S.Anna INDAGINE AMBIENTALE Revisione n 0 Dicembre 2011 Tavole 3 Allegati 4 Sede

Dettagli

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE

CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE CARTE GEORAFICHE TEMATICHE: LE CARTE GEOLOGICHE Premessa (I) Le carte geologiche danno evidenza alla geologia di un territorio, illustrando in estrema sintesi la sostanza di cui questo è fatto. Esse vengono

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI Le opere oggetto della presente relazione si riferiscono alla realizzazione di un edificio per n. 4 alloggi, da realizzarsi a Copertino (LE), in Via Pirro

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE NEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

ATTUAZIONE DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE NEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Direzione Ambiente 23 OTTOBRE 2009 ATTUAZIONE DEL PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE NEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO IL RICONDIZIONAMENTO DEI POZZI PER ACQUA Mauro Falco Settore DB 10.07 EQUILIBRIO DEL BILANCIO

Dettagli

CAPITOLO 2 DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI DI STOCCAGGIO E DELLA RELATIVA GESTIONE

CAPITOLO 2 DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI DI STOCCAGGIO E DELLA RELATIVA GESTIONE CAPITOLO 2 DESCRIZIONE DEGLI IMPIANTI DI STOCCAGGIO E DELLA RELATIVA GESTIONE 2.1 PREMESSA... 22 2.2 DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI STOCCAGGIO... 22 2.2.1 Il giacimento di stoccaggio... 23 2.2.2 I

Dettagli

L impiego di miscele bentonitiche nelle opere di perforazione e di scavo dei terreni

L impiego di miscele bentonitiche nelle opere di perforazione e di scavo dei terreni Università degli Studi di Genova DISEG Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Materiali e Tecnologie Innovative dell Ingegneria Civile Ciclo di Seminari Tecnico-Didattici / Marzo-Maggio 2000

Dettagli

NUOVA PIATTAFORMA MULTIFUNZIONALE DI VADO LIGURE

NUOVA PIATTAFORMA MULTIFUNZIONALE DI VADO LIGURE CONVEGNO AIOM GENOVA 16 Ottobre 2015 Autorità Portuale di Savona Porto di Vado Ligure Ing. Susanna Pelizza Ing. Guido Fiorini SCOPO DEL PROGETTO UN TERMINAL CONTAINER DI CAPACITA 720,000 TEUs ALL ANNO.

Dettagli

CONOSCENZE, VALUTAZIONI, TRASIMENO

CONOSCENZE, VALUTAZIONI, TRASIMENO CONOSCENZE, VALUTAZIONI, PROPOSTE PER IL FUTURO DEL TRASIMENO Il contesto geologico del Lago Trasimeno Campagne di esplorazione del Servizio Geologico e Sismico e risorse finanziarie utilizzate 2 campagne

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

Innovazione tecnologica e LE BEST PRACTICES. Alessandro Mazzei Coordinatore tecnico scientifico ANEA

Innovazione tecnologica e LE BEST PRACTICES. Alessandro Mazzei Coordinatore tecnico scientifico ANEA Innovazione tecnologica e programmazione d Ambito LE BEST PRACTICES Alessandro Mazzei Coordinatore tecnico scientifico ANEA Il nuovo Piano di Ambito e 2 Le s e il Modello Il Piano di Ambito deve sempre

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA

REGIONE VENETO PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI CONCORDIA SAGITTARIA Dott. Geol. ALESSANDRO VIDALI INDAGINI GEOLOGICO-GEOTECNICHE Via Roma, 20 30027 San Donà di Piave 0421-51616 335-8336809 FAX 0421-51616 E-mail ak.vidali@aliceposta.it C.F. VDL LSN 59P15 F130X P.I. 02793580271

Dettagli

3145/20. Analizzatore cerca disturbi. Sensore per la ricerca dei disturbi 9754. Misura facilmente i disturbi sul cavo di terra

3145/20. Analizzatore cerca disturbi. Sensore per la ricerca dei disturbi 9754. Misura facilmente i disturbi sul cavo di terra 3145/20 Analizzatore cerca disturbi Progettato per misure dei disturbi in campo Localizza i disturbi e aiuta a sviluppare le contromisure contro le interferenze. Misure senza contatto per semplicità e

Dettagli

Bonifica dei siti inquinati e analisi di rischio Bologna 1 luglio 2015 Sede HERA. Mario Sunseri SGM Ferrara Corso ATIA-ISWA 1 luglio 2015 Bologna

Bonifica dei siti inquinati e analisi di rischio Bologna 1 luglio 2015 Sede HERA. Mario Sunseri SGM Ferrara Corso ATIA-ISWA 1 luglio 2015 Bologna Tecniche di caratterizzazione innovative di tipo direct push- MIP (Membrane Interface Probe) per la ricerca dei VOC nel sottosuolo Mario Sunseri- SGM Ferrara m.sunseri@sgm-ingegneria.it Bonifica dei siti

Dettagli

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione.

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione. Linea sismica 1-SHOT 3 La linea sismica 1 è stata eseguita in loc. Carlina, entro il contesto di pianura prossimo al margine pedecollinare. Tale area era già stata oggetto nel Novembre 2002 di un indagine

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI

RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI PROGETTO ESECUTIVO LAVORI DI REALIZZAZIONE DI UN BOCCIODROMO RELAZIONE GEOTECNICA RELAZIONE GEOTECNICA SULLE FONDAZIONI Sommario GENERALITÀ... 3 1 DESCRIZIONE DELL AREA... 4 2 DESCRIZIONE DELL OPERA E

Dettagli

Stoccaggio di gas naturale in sotterraneo

Stoccaggio di gas naturale in sotterraneo 7.4 Stoccaggio di gas naturale in sotterraneo 7.4.1 Principii, tecniche e sviluppo dei sistemi di stoccaggio Introduzione Lo stoccaggio di gas naturale in sotterraneo ha luogo in strutture geologiche che

Dettagli

PRINCIPI E CRITERI DI SICUREZZA

PRINCIPI E CRITERI DI SICUREZZA LO STOCCAGGIO GEOLOGICO DELLA CO2 I ricercatori di CO2GeoNet CGS Europe incontrano I giornalisti scientifici italiani di UGIS PRINCIPI E CRITERI DI SICUREZZA Salvatore Lombardi 8/10/2013 ENEA, via Thaon

Dettagli

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS

Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS Trieste 16-19 novembre 2009 28 Convegno Analisi critica della sismicità e tettonica della Piana Campana in ambiente GIS P. Luiso, G. Alessio, G. Gaudiosi, R. Nappi Obiettivo L obiettivo di questo lavoro

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA DMW ( Deep Mixing Wall ) - monoelica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il territorio comunale di Capestrano è compreso, dal punto di vista cartografico, nel Foglio della Carta Geologica di Italia n. 146 Sulmona scala 1 : 100.000 e nel Foglio della

Dettagli

Le opere di sostegno dei fronti di scavo

Le opere di sostegno dei fronti di scavo a cura dello Studio Associato Pilati Le opere di sostegno dei fronti di scavo Inauguriamo una collaborazione editoriale con lo Studio Associato Pilati di Costabissara (Vi). Al centro degli interventi,

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

ACO Separatori di grassi. Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità

ACO Separatori di grassi. Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità Separatori di grassi ECO MAX in polietilene ad alta densità ECO MAX separatore di grassi in polietilene ad alta densità. Per installazione interrata. Il principio Un separatore di grassi funziona in base

Dettagli

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti

Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti (da BINI, 1990) Cenni sulla descrizione delle sezioni stratigrafiche e degli affioramenti La descrizione dettagliata di sezioni

Dettagli

Appendice 18. Impatto paesaggistico delle strutture offshore

Appendice 18. Impatto paesaggistico delle strutture offshore Pagina 1 di 16 Impatto paesaggistico delle strutture offshore Pagina 2 di 16 Pagina 3 di 16 INDICE 1 CONSIDERAZIONI GENERALI 5 2 ANALISI DELLA VISIBILITÀ DELL OPERA 6 2.1 DETERMINAZIONE DELLA MASSIMA DISTANZA

Dettagli

GEOSER S.r.l. - Via Basilicata 11-27100 Pavia - PIVA 01779010188 - www.geoser.com

GEOSER S.r.l. - Via Basilicata 11-27100 Pavia - PIVA 01779010188 - www.geoser.com Geoser offre da anni un servizio completo nel settore delle indagini geotecniche e geoambientali. A sostegno di questo servizio propone tutte le indagini finalizzate all individuazione dei parametri geotecnici

Dettagli

COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL.

COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL. AREA VIABILITA' SERVIZIO PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE INTERVENTI VIABILITA' II EX S.S. N 31 BIS DEL MONFERRATO. COSTRUZIONE DI PONTE SULLA DORA BALTEA A BORGO REVEL. PROGETTO DEFINITIVO Revisione n 01 Descrizione

Dettagli

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE (riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE FINALITÀ MEZZI PROFILO STRATIGRAFICO POZZI TRINCEE CUNICOLI SONDAGGI DIRETTI INDIRETTI INDAGINI GEOFISICHE

Dettagli

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015

Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone Sogin SpA. Torino, 14-15 Ottobre 2015. Italian DHI Conference 2015 Modelli numerici finalizzati allo studio del rilascio e del trasporto dei contaminanti radioattivi nelle acque sotterranee. Caso studio: sito di Saluggia Jacopo De Sanctis, F. Marconi, M. Rosati, G. Mingrone

Dettagli

Giacimenti e produzione

Giacimenti e produzione Programma della lezione - Pagina 1 Argomento Giacimenti e produzione Fonte Petrolio e gas naturale, pagine 24-25, 26-27 Materiali Preparazione Torta marmorizzata Cannucce di plastica trasparenti Obiettivo

Dettagli

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato 1. PREMESSA In seguito alle forti piogge verificatesi negli ultimi due inverni un tratto di circa 30 m della strada Comunale in località Fosso Martelli in agro del comune di Irsina è stato interessato

Dettagli

APPENDICE 12 PIANO DI MONITORAGGIO DEI FENOMENI GEODINAMICI

APPENDICE 12 PIANO DI MONITORAGGIO DEI FENOMENI GEODINAMICI eni s.p.a. divisione e&p Doc. 000196_DV_CD.HSE.0175.000_00 Integrazioni allo Studio di Impatto Ambientale OFFSHORE IBLEO Appendice 12 APPENDICE 12 PIANO DI MONITORAGGIO DEI FENOMENI GEODINAMICI Progetto

Dettagli

Trasmettitore Ultra High Purity Con display integrato e contatti elettrici opzionali Modelli WUD-20, WUD-25 e WUD-26

Trasmettitore Ultra High Purity Con display integrato e contatti elettrici opzionali Modelli WUD-20, WUD-25 e WUD-26 Misura di pressione elettronica Trasmettitore Ultra High Purity Con display integrato e contatti elettrici opzionali Modelli WUD-20, WUD-25 e WUD-26 Scheda tecnica WIKA PE 87.08 Applicazioni Industria

Dettagli

FILTRI AUTOMATICI AUTOPULENTI CON ATTACCHI 8 14 PER PORTATE FINO A 1000 MC/H

FILTRI AUTOMATICI AUTOPULENTI CON ATTACCHI 8 14 PER PORTATE FINO A 1000 MC/H FILTRI AMIAD MODELLO EBS FLUXA Fluxa Filtri S.p.A. Via Alberto Mario, 19 20149 Milano Tel. 0243808.1 (15 linee) Fax 024817227-0248012614 e-mail: liquid@fluxafiltri.com sito-www:fluxafiltri.com Agente per

Dettagli

Diavik Diamonds (Canada)

Diavik Diamonds (Canada) www.pacchiosi.com ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS Diavik Diamonds (Canada) ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS DIAVIK DIAMONDS (LAC DE GRAS, NORTH- WEST TERRITORIES YELLOWKNIFE - CANA- DA) PROGETTO:

Dettagli

MODULO IMMISSIONE ARIA FAM 6000-I 400-3+N-50 Hz. Manuale per l uso e la manutenzione

MODULO IMMISSIONE ARIA FAM 6000-I 400-3+N-50 Hz. Manuale per l uso e la manutenzione MODULO IMMISSIONE ARIA FAM 6000-I 400-3+N-50 Hz Manuale per l uso e la manutenzione PRESENTAZIONE Questo manuale riporta le informazioni e quanto ritenuto necessario per la conoscenza, il buon uso e la

Dettagli

Brescia sono attualmente operativi i cantieri per la costruzione

Brescia sono attualmente operativi i cantieri per la costruzione di Ing. Alessandro Monteferrante (direttore tecnico Keller Fondazioni) e Ing. Stefano Motta (responsabile di cantiere Keller Fondazioni) Keller Fondazioni Jet-grouting a tenuta Documentiamo la positiva

Dettagli

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO

7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO 7.1 - ACQUISIZIONE INSTALLAZIONE E SMONTAGGIO L ascensore da cantiere, proprio per la sua caratteristica di uso temporaneo presenta, a differenza di altre apparecchiature installate permanentemente in

Dettagli

COMPUTO METRICO. Comune di Napoli Provincia di Napoli

COMPUTO METRICO. Comune di Napoli Provincia di Napoli Comune di Napoli Provincia di Napoli pag. 1 COMPUTO METRICO OGGETTO: COMMITTENTE: INTERVENTI DI VERIFICA DELLE STRUTTURE DELL'EDIFICIO DELLA PREFETTURA DI NAPOLI, DI PROPRIETA' DELLA PROVINCIA DI NAPOLI

Dettagli

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it

Ing. Enzo LA MURA Via Ing. G. Messina n. 6-84012 Angri (SA) E-mail: enzolamura@libero.it 1. PREMESSA Nelle operazioni di recupero e di manutenzione straordinaria capita sempre più spesso che un edificio abbia problemi di fondazioni tali da rendere necessario un loro consolidamento. Negli ultimi

Dettagli

Tl Tale tecnologia può essere applicata nel caso di terreni aventi caratteristiche quali: suolo denso ma non coesivo (sabbia, ghiaia),

Tl Tale tecnologia può essere applicata nel caso di terreni aventi caratteristiche quali: suolo denso ma non coesivo (sabbia, ghiaia), FDP Full Displacement Piles Il Full Displacement Pile (FDP) è una metodologia di consolidamento del terreno in alternativa ai classici pali trivellati o CFA. In sostanza si sfrutta un apposito utensile,

Dettagli

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1

ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 ALTO TREVIGIANO SERVIZI S.r.l. Pag. 1 CONDOTTA CORNUDA SALVATRONDA COLLETTORE PRIMARIO DEL BACINO SCOLANTE DELLA LAGUNA DI VENEZIA STRALCIO I PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICO - GEOTECNICA DATA FEBBRAIO

Dettagli

La Geotermia in Italia

La Geotermia in Italia La geotermia: una nuova ricchezza per l Italia L Italia rappresenta una zona straordinaria dal punto geologico e vulcanologico, per la presenza della crosta terrestre più sottile e perché al di sotto di

Dettagli

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA

MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA PROCEDURE AUTOMATICHE 1D - 2D - 3D Dario Flaccovio Editore Giulio Riga MODELLAZIONE GEOLOGICA E GEOTECNICA Procedure automatiche 1D - 2D - 3D ISBN 978-88-579-0051-3

Dettagli

GEOLOGIA TECNICA ESTENSE STUDIO GEOLOGICO COMUNE DI JOLANDA DI SAVOIA

GEOLOGIA TECNICA ESTENSE STUDIO GEOLOGICO COMUNE DI JOLANDA DI SAVOIA GEOLOGIA TECNICA ESTENSE STUDIO GEOLOGICO Dr. Geol. Marco Condotta PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI JOLANDA DI SAVOIA Procedura congiunta di VIA e modifica sostanziale di AIA per il progetto di completamento

Dettagli

INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE

INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE PIEMME s.r.l. INGEGNERIA E COSTRUZIONI Nuova costruzione di edifici plurifamiliari in Via Goldoni 31 a Varese INDAGINE GEOTECNICA DI SUPPORTO ALLA PROGETTAZIONE N. Riferimento: 05-008 Data: Febb. 2005

Dettagli

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08

SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Edilprogress Via Locatelli 21 24050 Cividate al Piano (BG) PROVINCIA DI BERGAMO Comune di Cividate al Piano SUAP sp98 via cortenuova Relazione geologica idrogeologica e geotecnica DM 14.01.08 Data emissione

Dettagli

Monitoraggio dei Flussi di CO 2 al Vesuvio Il monitoraggio del processo di degassamento nell area vesuviana è stato effettuato attraverso:

Monitoraggio dei Flussi di CO 2 al Vesuvio Il monitoraggio del processo di degassamento nell area vesuviana è stato effettuato attraverso: MONITORAGGIO GEOCHIMICO DELL AREA VESUVIANA 4 La sorveglianza geochimica dell area Vesuviana, effettuata dall Unità Funzionale di Geochimica dei Fluidi dell Osservatorio Vesuviano, nel corso del 2004 ha

Dettagli

Sistemi di trasporto centralizzati

Sistemi di trasporto centralizzati Sistemi di trasporto centralizzati Italiano Con elevata capacità di engineering, Piovan realizza impianti di trasporto specifi ci per le diverse esigenze produttive e tipologie di materiali. Un intera

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

CONGELAMENTO. www.pacchiosi.com ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS. Roma (ITALY)

CONGELAMENTO. www.pacchiosi.com ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS. Roma (ITALY) www.pacchiosi.com ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS Roma (ITALY) ROCK-SOIL TECHNOLOGY AND EQUIPMENTS CONSOLIDAMENTO ED IMPERMEABILIZZAZIONE DEI TERRENI CON LA TECNICA DEL PROGETTO: Demolizione e ricostruzione

Dettagli

Riepilogo documentazione

Riepilogo documentazione RILASCIO AUTORIZZAZIONE - MODELLO AR1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE PER SCARICHI DI TIPO DOMESTICO PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI RESIDENZIALI CON CARICO ORGANICO INFERIORE AI 50 A.E. Riepilogo documentazione

Dettagli

4$5 (2% 1 (...* (.. ("2 2 (.." "")" ' 3 3.%.&( % ( (2%%.""".("2 % +.* %# ) <% "" " 3 3"". 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3"".

4$5 (2% 1 (...* (.. (2 2 (.. ) ' 3 3.%.&( % ( (2%%..(2 % +.* %# ) <%   3 3. 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3. 1 Premessa... 3 1.1 Normativa di riferimento... 5 2 Inquadramento dell area... 6 3 Inquadramento geologico e geomorfologico regionale... 8 4 Indagini geotecniche in situ... 17 4.1 Modalità d indagini...

Dettagli

SCARABELLO E. SERVICE

SCARABELLO E. SERVICE SCARABELLO E. SERVICE AUTOSPURGHI, VIDEOISPEZIONI, BONIFICHE AMBIENTALI SMALTIMENTO REFLUI INDUSTRIALI, RIFIUTI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI. AZIENDA CERTIFICATA UNI ISO EN9001/2000 La nostra società Scarabello

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE

Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Università degli studi di Siena FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI CENTRO DI GEOTECNOLOGIE Corso di Laurea in GeoTecnologie STUDIO DEL PROGETTO OPERATIVO DI BONIFICA AMBIENTALE DI UN PUNTO

Dettagli

Progetto Eleonora. Dossier Informativo. Indice. 1. La società titolare del Progetto Eleonora

Progetto Eleonora. Dossier Informativo. Indice. 1. La società titolare del Progetto Eleonora Progetto Eleonora Dossier Informativo Indice 1. La società titolare del Progetto Eleonora 2. Il Progetto Eleonora a. Che cos è b. Cosa è stato fatto c. Cosa chiediamo di fare d. L iter autorizzativo 3.

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

Deltaflux Valvola di Regolazione

Deltaflux Valvola di Regolazione Valvola di Regolazione Valvola di regolazione La valvola di regolazione rappresenta una soluzione ideale per tutte le applicazioni di controllo di fluidi dove siano previste alte pressioni differenziali

Dettagli

Sensori di condizione. Progettati per dare risultati di alta qualità in varie tipologie di ambienti difficili

Sensori di condizione. Progettati per dare risultati di alta qualità in varie tipologie di ambienti difficili Sensori di condizione Progettati per dare risultati di alta qualità in varie tipologie di ambienti difficili Rockwell Automation sa bene che i componenti di rilevamento condizioni sono elementi fondamentali

Dettagli

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi

1) non deve portare a rottura il terreno sottostante. 2) non deve indurre nel terreno cedimenti eccessivi SICUREZZA e FUNZIONALITÀ delle strutture in elevazione (edificio in c.a., rilevato, etc.) sono garantite anche da alcuni requisiti che il SISTEMA FONDALE deve rispettare. In particolare il carico trasmesso

Dettagli

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane

FENOMENI FRANOSI. Nomenclatura delle frane FENOMENI FRANOSI I fenomeni franosi o movimenti di versante sono movimenti di materiale (roccia, detrito, terra) lungo un versante. Essi rientrano nella categoria più generale dei movimenti di massa, ovvero

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli