Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""

Transcript

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40

41

42

43

44

45

46

47

48

49

50

51

52

53

54

55

56

57

58

59

60

61

62

63

64

65

66

67

68

69

70

71

72

73

74

75

76

77

78

79

80

81

82

83

84

85

86

87

88

89

90

91

92

93

94

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106

107

108

109

110

111

112

113

114

115 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 2 DI 21 AGGIORNAMENTI: INDICE DEGLI ARGOMENTI 1.1 INFORMAZIONI GENERALI INTRODUZIONE SPIDER PLOT DELLA PIATTAFORMA CLARA EST DATI GENERALI DELLA PIATTAFORMA PROGRAMMA TEMPI E SINTESI DELLE OPERAZIONI... 6 SCHEMA DEI POZZI A FINE PERFORAZIONE PREVISIONI E PROGRAMMI OBIETTIVO MINERARIO RACCOMANDAZIONI GENERALI DATI GENERALI DELL IMPIANTO CARATTERISTICHE GENERALI BOP STACK E DOTAZIONI DI SICUREZZA DELL IMPIANTO CONTATTI DI EMERGENZA UNITA DI MISURA E MANUALISTICA DI RIFERIMENTO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

116 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 3 DI 21 AGGIORNAMENTI: 1.1 INFORMAZIONI GENERALI INTRODUZIONE Il giacimento a gas di Clara Est è ubicato sotto al mare Adriatico, 45 km circa a nord est di Ancona, con una profondità d acqua di circa 78 m, nella concessione B.C13.AS (eni 51% - Edison Gas 49%). L impianto attualmente previsto sarà il KEY MANHATTAN della ditta Transocean ed i pozzi saranno completati con tecnologia per il controllo sabbia. SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

117 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 4 DI 21 AGGIORNAMENTI: SPIDER PLOT DELLA PIATTAFORMA CLARA EST SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

118 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 5 DI 21 AGGIORNAMENTI: DATI GENERALI DELLA PIATTAFORMA VOCE Distretto geograficamente responsabile Nome e sigla dei pozzi Classificazione iniziale DESCRIZIONE ANAGRAFICA DICS / Distretto di Ravenna Clara Est 14 dir, Clara Est 15 dir Development TD max finale prevista da programma MD ( m VD-Ptr ) Vedi paragrafo progetto di deviazione Permesso/concessione Operatore / Quote di titolarità Capitaneria di porto Zona (pozzi off-shore) Distanza dalla costa Distanza dalla base operativa P.T.R. livello mare considerata / Fondale B.C.13 AS ENI Div. E&P / ENI 51% - 49% EDISON Ancona B Mare Adriatico Km 45 circa Km 200 circa 30 m / 78 m. (da verificare in fase operativa) OBIETTIVI Litologia obiettivo principale Sabbie con intercalazioni pelitiche Formazione obiettivo principale (vedi sez.2) F.ne Carola (Pleistocene) Livelli obiettivi principali Vedi Sez.2 RIFERIMENTI TOPOGRAFICI Da verificare dopo installazione piattaforma) Lat di centro piattaforma ( geografiche ) N/S Lat di centro piattaforma ( metriche ) N/S 43 44' N N Long di centro piattaforma (geografiche ) E/W; Gr) Long di centro piattaforma ( metriche ) E/W 14 5' E E Ellissoide Geo Datum Map Zone Hayford International 1924 Roma MM 1940 Coord. Greenwich CM 15 Greenwich ( Zone ll ) Tipo di proiezione GAUSS-BOAGA. Ellissoide Hayford Int Semiasse maggiore Eccentricità al quadrato// (1/F) // 297 Central meridian 15 EST GREENWICH Falso Est m Falso Nord 0 m Scale Factor Declinazione magnetica ENI ( Model IG RF ) Da verificare ad inizio attività SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

119 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 6 DI 21 AGGIORNAMENTI: PROGRAMMA TEMPI E SINTESI DELLE OPERAZIONI CLARA EST 14 DIR Time vs Depth 0 Depth P10 P50 P Days Days vs P.Value Cumulative Probability (0-100%) Days Clara EST 14 - CLARA EST 14 DIR - Clara Est 14 dir v02 drilling completion Phases description start depth end depth P10 P50 P90 P10 P50 P90 Planned Washing Conductor Casing 30" ,2 1,3 1,8 1,2 1,3 1,8 Drilling 16" surface phase ,3 1,7 2,3 2,5 3,0 4,1 Run/Cement 13 3/8" Surface Casing ,4 2,8 3,7 4,9 5,8 7,8 Drilling 12.25" intermediate phase ,9 4,6 5,7 8,8 10,4 13,5 Run/Cement 9 5/8" Intermediate Casing ,6 1,8 2,8 10,4 12,3 16,3 Drilling 8.5" production phase ,3 8,1 9,8 17,7 20,3 26,1 Record logs ,8 7,7 10,6 23,5 28,1 36,7 Run/Cement 7" Production Casing ,2 2,5 3,6 25,7 30,5 40,3 Spiazzamento brine e pulizia csg ,4 1,8 2,2 27,1 32,3 42,5 Registrazione USIT-CBL ,3 0,4 0,5 27,5 32,7 43,0 Gravel Pack in formazione liv. PLQ-AE ,4 2,8 3,9 29,9 35,5 47,0 Gravel Pack in formazione livello PLQ-E+E ,0 3,5 4,5 32,9 39,0 51,5 Discesa BHA di spaziatura ,4 0,5 0,6 33,3 39,5 52,1 Gravel Pack in formazione livello PLQ1-C ,0 3,4 4,6 36,3 42,9 56,7 Discesa completamento definitivo ,0 3,5 4,3 39,3 46,4 61,0 Spurgo Livelli ,5 2,9 3,4 41,8 49,3 64,4 TIME Cumulated SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

120 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 7 DI 21 AGGIORNAMENTI: CLARA EST 15 DIR Time vs Depth 0 Depth P10 P50 P Days Days vs P.Value Cumulative Probability (0-100%) Days Clara EST 15 - CLARA EST 15 DIR - Clara Est 15 dir v01 drilling completion Phases description start depth end depth P10 P50 P90 P10 P50 P90 Planned Washing Conductor Casing 30" ,2 1,4 1,7 1,2 1,4 1,7 Drilling 16" surface phase ,3 1,7 2,2 2,5 3,1 3,9 Run/Cement 13 3/8" Surface Casing ,4 2,8 4,0 4,9 5,8 7,9 Drilling 12.25" intermediate phase ,1 4,8 5,8 9,0 10,7 13,7 Run/Cement 9 5/8" Intermediate Casing ,6 1,9 2,9 10,6 12,6 16,6 Drilling 8.5" production phase ,5 5,2 7,0 15,1 17,8 23,6 Record logs ,6 6,4 9,2 19,8 24,2 32,8 Run/Cement 7" Production Casing ,2 2,5 3,7 22,0 26,7 36,5 Spiazzamento brine e pulizia csg ,4 1,7 2,1 23,4 28,4 38,6 Registrazione USIT-CBL ,3 0,4 0,5 23,7 28,8 39,1 Gravel Pack in formazione liv. PLQ-Usup ,3 2,8 3,7 26,0 31,6 42,8 Gravel Pack in formazione liv. PLQ-R + ST ,0 3,5 4,6 29,0 35,0 47,4 Gravel Pack in formazione liv. PLQ-P ,9 3,4 4,4 31,9 38,4 51,8 Gravel Pack in formazione liv. PLQ-O ,8 3,3 4,4 34,7 41,7 56,3 Discesa BHA di spaziatura ,4 0,5 0,6 35,2 42,2 56,9 Gravel Pack in formazione liv. PLQ FN ,9 3,4 4,4 38,0 45,6 61,4 Discesa completamento definitivo ,0 3,6 4,4 41,0 49,2 65,8 Spurgo Livelli ,0 3,5 4,0 44,0 52,6 69,8 NB. I CP 30 saranno battuti precedentemente all arrivo del Jack-Up TIME Cumulated SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

121 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 8 DI 21 AGGIORNAMENTI: I pozzi saranno perforati e completati in batch secondo la seguente sequenza operativa: POSIZIONAMENTO IMPIANTO SU CLARA EST 14 DIR MONTAGGIO DIVERTER: LAVAGGIO CP E PERFORAZIONE FASE DA 16 PER CSG 13 3/8 SKID SU CLARA EST 15 DIR LAVAGGIO CP E PERFORAZIONE 16 PER CSG 13 3/8 MONTAGGIO BOP STACK E PERFORAZIONE FASE PER CSG 9 5/8 SKID SU CLARA EST 14 DIR PERFORAZIONE FASE PER CSG 9 5/8 PERFORAZIONE FASE 8.5 (CON PRELIEVO DI CAROTA TRIPLA). CSG 7 SKID SU CLARA EST 15 DIR PERFORAZIONE FASE 8.5 PER CSG 7 SPIAZZAMENTO FANGO CON BRINE. ESECUZIONE DI 5 GRAVEL PACK IN FORMAZIONE E DISCESA COMPLETAMENTO DOPPIO SKID SU CLARA 14 EST ESECUZIONE DI 3 GRAVEL PACK IN FORMAZIONE E DISCESA COMPLETAMENTO DOPPIO RILASCIO IMPIANTO SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

122 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 9 DI 21 AGGIORNAMENTI: SCHEMA DEI POZZI A FINE PERFORAZIONE SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

123 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 10 DI 21 AGGIORNAMENTI: SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

124 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 11 DI 21 AGGIORNAMENTI: PREVISIONI E PROGRAMMI SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

125 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 12 DI 21 AGGIORNAMENTI: SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

126 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 13 DI 21 AGGIORNAMENTI: OBIETTIVO MINERARIO Al fine di drenare le riserve residue del campo di Clara Est è prevista la perforazione a partire da una nuova piattaforma di due pozzi denominati Clara Est 14 dir e Clara Est 15 dir RACCOMANDAZIONI GENERALI PERFORAZIONE Si raccomanda una particolare cura sulle densità fango tenendo sempre presente i margini esigui sia sulla ECD che come margine alla choke. Come hanno già evidenziato precedenti esperienze un aspetto critico risulta essere la pulizia del foro in relazione alla presenza di livelli depletati. La perforabilità delle formazioni attraversate consente alte ROP che come conseguenza comportano una elevata presenza di detriti nell anulus e quindi un valore di densità del fango molto superiore a quella del fango in ingresso con aggravio dei rischi di presa BHA per Pressione Differenziale e per possibile ricaduta dei detriti in caso di soste prolungate senza circolazione. La pulizia del foro insufficiente durante la perforazione rende critica anche l azione di backreaming che diventa una vera e propria manovra di pulizia con rischi di pack-off e presa di BHA per accumulo di detriti. E consigliato un controllo accurato dei survey durante la perforazione delle fasi superficiali (a circa 300 m) per evitare problemi di collisione tra i pozzi. La perforazione delle fasi superficiali e produzione saranno inoltre perforate con attrezzatura automatica ( RSS ), al fine di ottenere i seguenti vantaggi: maggiore pulizia del foro, fori più calibrati e letture a pochi metri dal bit ( di solito 2,5 m ) di inclinazione, azimuth. GEOLOGIA Nelle fasi dei pozzi in cui e' previsto l'utilizzo di LWD per monitorare la situazione geologica in real time, sarà da limitare gli avanzamenti a valori accettabili per avere un log di buona qualità. Per questi pozzi, e prevista un acquisizione petrofisica completa comprensiva di misure di pressione ed identificazione fluido di formazione tramite MDT. Visto l utilizzo di quest ultimo tools (MDT) corredato di Single Probe, Single Packer e Dual Packer, idonei per le misure di pressione e la Fluide Identification, si richiede di limitare, per quanto possibili, l utilizzo di additivi e intasanti fini nel pozzo, per non rischiare di intasare le linee del tool MDT, che in presenza di problematiche/failure a questo tool porterebbero notevoli NPT, in particolar modo visto che le operazioni saranno effettuate in modalità TLC. Si richiede, durante la perforazione delle fasi nelle quali è prevista l'acquisizione di log di Risonanza Magnetica, l inserimento nella flow line del fango del Ditch Magnet. SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

127 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 14 DI 21 AGGIORNAMENTI: Durante le fasi di tubaggio della colonna di produzione, inserire uno o più spezzoni di casing con dimensioni diverse dagli altri in corrispondenza dei livelli mineralizzati, per facilitare la correlazione con il log CCL durante il posizionamento del fucile per l apertura degli intervalli da completare. Verrà inoltre valutata l opportunità di introdurre nei collari dei casing, un marker radioattivo da posizionare ± 50 metri al di sopra dei livelli da completare nel caso ci fosse qualche probabilità di usare la tecnica TCP. Per entrambe questi 2 ultimi punti (Pipe Jont e Marca), il loro utilizzo e le profondità saranno comunicate immediatamente al termine della perforazione, comunque prima della discesa del casing/liner di produzione. SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

128 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 15 DI 21 AGGIORNAMENTI: DATI GENERALI DELL IMPIANTO CARATTERISTICHE GENERALI VOCE Contrattista / Nome impianto DESCRIZIONE TRANSOCEAN / GSF Key Manhattan Tipo impianto JACK UP Self Elevating Unit Class 116-C Tavola rotary livello mare 27 m (IMPIANTO Ideco 2100 Saipem: anno 1987) Potenza installata Tipo di argano Potenzialità impianto con DP s 5 Max profondità d acqua operativa Tipo di top drive system / Capacità top drive system Pressione di esercizio top drive system Tiro al gancio dinamico Set back capacity Diametro tavola rotary / Capacità tavola rotary Pressione di esercizio stand pipe 6600 HP NATIONAL DE 7620 m 107 m VARCO TDS H3 / 500 t 5000 psi 473 t ( 2 / 3 statico) 567 t 37 ½ / 650 t 5000 psi Tipo di pompe fango / numero NATIONAL 12-P Hp / 3 Diametro camice disponibili 6½ - 6" Capacità totale vasche fango 229 m 3 Numero vibrovagli / Tipo vibrovagli 3 / DERRICK FLC Capacità stoccaggio acqua industriale 1232 m 3 Capacità stoccaggio gasolio 361 m 3 Capacità stoccaggio barite Capacità stoccaggio bentonite Capacità stoccaggio cemento 119 t 65 t 90 t Tipo di Drill Pipe 5 S # - NC50 = 5400 m 3 ½ S # - NC38= 2400 m 3 ½ G # - NC38= 3000 m Tipo di Hevi Wate 5 AISI 4145H 50# - NC50 = 40 joints (~370 m) Tipo di Drill Collar 3 joints - 9 ½ x 3 - Spiral 18 joints - 8 x 2 13/16 - Spiral 18 da 6 ½ x 2 13/16 - Spiral 18 da 4 ¾ x 2 ¼ - Slick SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

129 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 16 DI 21 AGGIORNAMENTI: BOP STACK E DOTAZIONI DI SICUREZZA DELL IMPIANTO VOCE DESTINAZIONE Diverter (tipo) Hydril MSP Diverter (size) 29 ½ Diverter (pressione di esercizio) B.O.P. anulare (tipo) 500 psi Hydril MSP B.O.P. anulare (size) 21 ¼ B.O.P. anulare (pressione di esercizio) B.O.P. rams (tipo) 2000 psi Cameron U singolo B.O.P. rams (quantità) 2 B.O.P. rams (size) 21 ¼ B.O.P. rams (pressione di esercizio) B.O.P. anulare (tipo) 2000 psi Hydril GK B.O.P. anulare (size) 13 5 / 8 B.O.P. anulare (pressione di esercizio) B.O.P. rams (tipo) 5000 psi Cameron U doppio B.O.P. rams (quantità) 2 B.O.P. rams (size) 13 5 / 8 B.O.P. rams (pressione di esercizio) Choke manifold (tipo) psi Cameron Choke manifold (size) 3 1 / 16 Choke manifold (pressione di esercizio) psi Kill lines (size) n 2 - ID 3 1 / 16 Kill lines (pressione di esercizio) psi Choke lines (size) n 2 - ID 3 Choke lines (pressione di esercizio) Pannello di controllo B.O.P. (tipo) Pannello di controllo B.O.P. (ubicazione) Inside b.o.p. (tipo) - (ubicazione) Inside b.o.p. (tipo) - (ubicazione) Inside b.o.p. (tipo) - (ubicazione) psi CAD Industries Drill floor, Main deck, uff. tool pusher Gray /2 - drill floor Float valve Baker 8 / 6 ½ - Near bit Lower + upper integral bop - TDS SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

130 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 17 DI 21 AGGIORNAMENTI: CONTATTI DI EMERGENZA SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

131 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 18 DI 21 AGGIORNAMENTI: SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

132 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 19 DI 21 AGGIORNAMENTI: UNITA DI MISURA E MANUALISTICA DI RIFERIMENTO GRANDEZZA UNITA DI MISURA PROFONDITA m PRESSIONI atm oppure psi GRADIENTI DI PRESSIONE atm/10m oppure kg/cm 2 /10m TEMPERATURE C PESI SPECIFICI kg/l oppure g/l LUNGHEZZE m PESI ton VOLUMI m 3 oppure l DIAMETRI BIT & CASING inches PESO MATERIALE TUBOLARE lb/ft oppure kg/m VOLUME DI GAS Nm 3 PLASTIC VISCOSITY Centipoise YELD & GEL g/100cm 2 SALINITA ppm oppure g/l di NaCl La manualistica base di riferimento è la seguente: Le operazioni saranno condotte in ottemperanza con le disposizioni contenute nel Documento Sicurezza e Salute Coordinato (DSSC). Lo stesso sarà disponibile sull impianto dall inizio delle operazioni. Nell ambito del DSSC, le operazioni di perforazione e completamento saranno espletate in accordo con le disposizioni contenute nei seguenti manuali: STAP-P-1-M Rev B del 16/02/2012 (Best Practices and Minimum Requirement for Drilling & Completion Activities) e tutta la documentazione inerente la programmazione e l esecuzione del pozzo, citata nelle stesse BP & MR comprese le revisioni. Come per esempio: STAP-P-1-N-6001-E Rev D del 01/11/2010 (Operating Procedure for Drawing the WELL DRILLING PROGRAM) STAP-P-2-N-6001-E Rev 0 del 01/09/1998 (Operating Procedure for Preparing the GEOLOGICAL AND DRILLING WELL PROGRAM) STAP-P-1-M-6100 Rev. C del 01/12/2012 (Drilling Design Manual) STAP-P-1-M-6110 Rev. C del 24/05/2011 (Casing Design Manual) SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

133 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 20 DI 21 AGGIORNAMENTI: STAP-P-1-M-6120 Rev. D del 23/12/2010 (Directional Control & Surveying Procedures) STAP-P-1-M-6140 Rev. C del 01/01/2013 (Drilling Procedures Manual) STAP-P-1-M-6150 Rev. D del 08/03/2013 (Well Control Policy Manual) STAP-P-1-M-7100 Rev. 1 del 01/01/2005 (Completion Design Manual) STAP-P-1-M-7120 Rev. 2 del 01/01/2005 (Completion Procedures Manual) STAP-P-1-M-7110 Rev. 1 del 01/01/2005 (General Wire Line Procedures Manual) STAP-P-1-M Rev. 0 del 30/09/2004 (Well Testing Manual) STAP-P-1-M-7130 Rev. 1 del 01/01/2005 (Well Test Procedures Manual) STAP-G-1-M Rev. A del 29/10/2004 (Sand Control Completion Selection Criteria) STAP-P-1-M Rev. 0 del 30/09/2004 (Stimulation Manual) STAP-P-1-M-6160 Rev.1 del 15/11/2003 (Drilling Fluids Operations Manual) STAP-P-1-M Rev. A del 12/06/2008 (Well Cementing Procedures Manual) STAP-P-1-M Rev. A del 29/07/2010 (Guidelines for Drilling Waste Management) Regole Specifiche Aziendali Nr (Procedure di Geologia Operativa revis.2 09/99 GESO). SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

134 Eni Divisione E & P ARPO / CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir 0 PAG 21 DI 21 AGGIORNAMENTI: Regole Specifiche Aziendali Nr (Procedure di Ubicazione Pozzi Off-Shore e On- Shore Unità Geografica Italia OPEG). Procedure per l Acquisizione della Sismica di Pozzo (APSI). Procedure per campionamenti acque, Microbiologici, gas, idrocarburi liquidi e punti di campionamento (LACH) Procedure Operative per studi stratigrafici (STIG) B2-PEM-DICS-HSE del 27/04/2012 Piano Generale di Emergenza Distretto Centro Settentrionale SEZIONE 1 - INFORMAZIONI GENERALI

135

136

137 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 2 DI 17 I NDI CE 2.1 Introduzione Ubicazione dei sondaggi Inquadramento geologico-strutturale Obiettivo dei sondaggi Rocce madre Rocce di copertura Profilo Litostratigrafico Previsto Pozzi di riferimento Andamento delle pressioni Completamenti ELENCO FI GURE Figura 1 - Carta indice della concessione B.C13.AS... 4 Figura 2 - Ubicazione del campo di Clara Est... 5 Figura 3 - Assetto strutturale del bacino adriatico... 6 Figura 4 Colonna litostratigrafica generalizzata... 7 Figura 5 Esempio di log elettrici del Clara Est Figura 6 - Mappa del top PLQ-AE (Fm. Carola) con ubicazione dei nuovi pozzi... 9 Figura 7 - Sezione sismica spezzata arbitraria Figura 8 - Rapporti stratigrafici con le tracce schematizzate dei nuovi pozzi Figura 9 - Schemi di completamento previsti ELENCO TABELLE Tabella 1 Clara Est 14 dir: previsione quote in giacimento 13 Tabella 2- Clara Est 15 dir: previsione quote in giacimento 14 Tabella 3 Pressioni dei livelli del giacimento. 16 SEZIONE 2 - Programma Geologico

138 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 3 DI INTRODUZIONE Il progetto ha origine dalle indicazioni fornite dallo studio di giacimento prodotto nel 2011 in collaborazione tra IPET, GEUR e GISE. Tra le proposte dello studio c è l esecuzione di un nuovo pozzo nella zona del Clara Est 5. Visti gli investimenti necessari per una nuova struttura di produzione marina, si è pensato di aggiungere un nuovo pozzo a quello indicato dallo studio. A tal proposito sono state valutate le ubicazioni delle anomalie di ampiezza e le potenzialità non sviluppate delle varie zone del giacimento. E quindi stata scelta la zona del Clara Est 9, dopo avere verificato la possibilità di raggiungere quest area da una struttura comune al pozzo che raggiungerà l area del Clara Est 5. Il pozzo che raggiungerà l area del CLE 5 sarà il Clara Est 14 dir, mentre quello che raggiungerà l area del CLE 9 sarà il Clara Est 15 dir. 2.2 UBICAZIONE DEI SONDAGGI Il giacimento a gas di Clara Est è ubicato sotto al mare Adriatico, 45 km circa a nord est di Ancona, con una profondità d acqua di circa 77 m, nella concessione B.C13.AS (eni 51% - Edison Gas 49%, con scadenza 27/5/ Figura 1). La centrale di raccolta gas di riferimento è Falconara. SEZIONE 2 - Programma Geologico

139 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 4 DI 17 Figura 1 - Carta indice della concessione B.C13.AS SEZIONE 2 - Programma Geologico

140 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 5 DI INQUADRAMENTO GEOLOGICO-STRUTTURALE Da un punto di vista geostrutturale il giacimento di Clara Est si trova in uno dei depocentri di sedimentazione del Bacino Adriatico, quello dell avanfossa di Romagna. Figura 2 - Ubicazione del campo di Clara Est La complessa struttura dell area adriatica è il risultato di due importanti eventi tettonici. Il primo evento consiste in una fase tettonica distensiva, dal Giurassico al tardo Cretacico, che ha definito la dislocazione del margine passivo Apulo. Il secondo evento consiste in una fase tettonica compressiva, dal tardo Cretacico al presente, che ha dato origine alla Catena Appenninica. L attuale Bacino Adriatico è generalmente considerato come l espressione, solo debolmente modificata, dell antico Promontorio Africano (i.e. Apulia) che ha rappresentato l area di avampaese per entrambi i sistemi di sovrascorrimento dell Appennino e delle Dinaridi (Figura 2). SEZIONE 2 - Programma Geologico

141 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 6 DI 17 Figura 3 - Assetto strutturale del bacino adriatico Il sovrascorrimento nella Catena Appenninica è stato accompagnato dall instaurarsi di una zona di avanfossa con orientamento NO-SE che progressivamente è migrata verso est con il seguito dell evoluzione del margine occidentale di sovrascorrimento. Questa fase compressiva ha prodotto dei lineamenti strutturali a carattere regionale come le Pieghe Adriatiche (Figura 3). L evoluzione strutturale di questi lineamenti è iniziata nel Miocene ed ha raggiunto il massimo di attività nel tardo Pliocene, individuando due depocentri principali, l avanfossa di Romagna e il bacino di Pescara (Figura 2). Questi depocentri sono separati da una zona di alto strutturale, la cosiddetta zona di Pop-up, e sono riempiti da sedimenti terrigeni mio-pleistocenici di origine prevalentemente torbiditica. La successione stratigrafica di bacino include la serie prevalentemente carbonatica cretacico miocenica del margine passivo Apulo, le argille mioceniche di rampa dell avampaese ed i riempimenti silicoclastici plio- Pleistocenici dell avanfossa adriatica. La colonna litostratigafica generalizzata per l avanfossa appenninica e per l area di avampaese apulo è riportata SEZIONE 2 - Programma Geologico

142 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 7 DI 17 nella Figura 4. Figura 4 Colonna litostratigrafica generalizzata (a - avanfossa appenninica; b - avampaese apulo) La morfologia fortemente allungata dell avanfossa di Romagna e l abbondanza di sedimenti assicurata dalla progradazione del delta del fiume Po ha favorito l instaurarsi di un sistema di deposizione torbiditica i cui depositi possono essere correlati in continuità per più di 100 km. In quest area la base del Pliocene è profonda e solo pochi pozzi hanno raggiunto le sottostanti argille di rampa o la Formazione della Scaglia, Cretacico-Eocenica. La successione litostratigrafica dell avanfossa adriatica nell Adriatico settentrionale (Figura 4) è stata ricostruita sulla base dei molti pozzi perforati in zona. La Formazione Porto Corsini (Pliocene inferiore) consiste di intercalazioni di sabbia ed argilla ed è caratterizzata da un elevata sovrappressione. La transizione con la sovrastante Formazione Porto Garibaldi è marcata da un incremento nel rapporto sabbia-argilla. Questa formazione è caratterizzata da moderati valori di sovrappressione. La Formazione Santerno consiste di una serie prevalentemente argillosa con rare intercalazioni sabbiose e costituisce il livello impermeabile che sigilla le sottostanti serie in sovrappressione. La formazione più superficiale è costituita dal Gruppo delle Sabbie di Asti del Pleistocene che sono caratterizzate da una successione di sabbie e sabbie argillose. Dal punto di vista strutturale l alto di Clara Est, costituito da un anticlinale pleistocenica con asse orientato NO- SE, è espressione del fronte più esterno e recente delle Pieghe Adriatiche (Figura 3). I movimenti principali di questa struttura si sono verificati al passaggio Porto Garibaldi Asti e nell intervallo immediatamente precedente il PLQ-A. Queste due fasi tettoniche rappresentano i momenti chiave dell evoluzione del bacino torbiditico dell Adriatico centro-settentrionale. I livelli mineralizzati a gas si trovano da circa 750 m a circa 1300 m di profondità, nei sedimenti delle Formazioni Carola e Ravenna appartenenti al Gruppo Sabbie di Asti (Pleistocene). Il sollevamento della struttura di Clara, verificatosi nel Pleistocene inferiore, e la complessiva evoluzione del bacino torbiditico hanno dato luogo SEZIONE 2 - Programma Geologico

143 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 8 DI 17 ad una sedimentazione relativamente condensata e localmente lacunosa, seguita dalle torbiditi sottili della porzione inferiore del Guppo di Asti. (Figura 3). Figura 5 Esempio di log elettrici del Clara Est 9 SEZIONE 2 - Programma Geologico

144 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 9 DI 17 Figura 6 - Mappa del top PLQ-AE (Fm. Carola) con ubicazione dei nuovi pozzi 2.4 OBIETTIVO DEI SONDAGGI I sondaggi oggetto del presente progetto permetteranno di ottimizzare il drenaggio del giacimento, andando ad interessare una zona solamente accertata e non ancora sviluppata. Per la loro ubicazione sono state determinanti alcune valutazioni di carattere geofisico, fatte sul volume sismico dell area. In particolar modo ci si è fatti guidare dalla distribuzione delle anomalie di ampiezza del segnale (Figura 7 e Figura 8), non sempre coincidenti con l andamento strutturale. E opportuno sottolineare, infatti, che alcuni livelli sono interessati da piccoli fenomeni di scivolamento gravitativo (slumping) o da eteropie di facies, che in taluni casi ne limitano la mineralizzazione ad aree non strettamente correlate con le culminazioni strutturali. SEZIONE 2 - Programma Geologico

145 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 10 DI 17 Figura 7 - Sezione sismica spezzata arbitraria SEZIONE 2 - Programma Geologico

146

147 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 12 DI ROCCE DI COPERTURA La copertura è assicurata dai livelli argillosi che, con le frazioni arenacee, fanno parte della sequenza del giacimento stesso. 2.7 PROFILO LITOSTRATIGRAFICO PREVISTO I sondaggi incontreranno la seguente serie litostratigrafica (le profondità sono verticali e riferite a livello mare): fondo mare m Silt, sabbia fine ed argilla (Pleistocene Fm. Ravenna) m Prevalenti banchi di sabbia da fine a grossolana con subordinate intercalazioni pelitiche (PLQ1). Sabbie fini ed argille (PLQ) (Pleistocene - Fm. Carola). SEZIONE 2 - Programma Geologico

148 Eni Divisione E&P DICS - GIAC/CS PIATTAFORMA CLARA SUD-EST Pozzi: Clara Est 14 Dir, Clara Est 15 Dir PAG. 13 DI 17 Le quote previste in giacimento sono le seguenti: Clara Est 14 dir PLQ1 PLQ Base Top X Y Z MD A A A_ A_ B B C C D D E E E E AE AE FN FN O O P P P P Q Q R R ST ST U_sup U_sup U_inf U_inf V V W W Z Z Tabella 1 Clara Est 14 dir: previsione quote in giacimento SEZIONE 2 - Programma Geologico

PROGRAMMA GEOLOGICO PERFORAZIONE COMPLETAMENTO P.ma BONACCIA NW Pozzi NW 1 dir, NW 2 dir, NW 3 dir, NW 4 dir

PROGRAMMA GEOLOGICO PERFORAZIONE COMPLETAMENTO P.ma BONACCIA NW Pozzi NW 1 dir, NW 2 dir, NW 3 dir, NW 4 dir PROGRAMMA GEOLOGICO PERFORAZIONE COMPLETAMENTO P.ma BONACCIA NW Pozzi NW 1 dir, NW 2 dir, NW 3 dir, NW 4 dir INDICE DELLE SEZIONI SEZIONE 1 INFORMAZIONI GENERALI SEZIONE 2 PROGRAMMA GEOLOGICO SEZIONE 3

Dettagli

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale

V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale V.I.A. Valutazione di Impatto Ambientale Rilascio di permesso di ricerca idrocarburi Faenza RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALL ISTANZA DI PERMESSO DI RICERCA DI IDROCARBURI LIQUIDI E GASSOSI DENOMINATA FAENZA

Dettagli

SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES

SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES SUMMER SCHOOL 2013 INNOVATIVE TECHNOLOGIES FOR THE SUSTAINABLE MANAGEMENT AND POLLUTION REDUCTION OF WATER RESOURCES Ferrara, 2 6 settembre 2013 Via saragat, 1 (Ferrara) Metodologie di perforazione e misure

Dettagli

Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica

Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica Northern Petroleum (UK) Ltd Istanza d30 G.R-.NP (Canale di Sicilia) Zone G e C Relazione Geologica UBICAZIONE E GENERALITA L istanza di permesso di ricerca d..g.r-.np che si richiede è ubicata nel Canale

Dettagli

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA

PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DI UN POZZO E PROVE DI PORTATA E dott. geol. Gianluigi Giannella IL RUOLO DEL GEOLOGO PROGETTISTA Qual è il ruolo del geologo nell esecuzione dei pozzi? Spesso è solo il tramite tra il committente e la ditta di perforazione. Altre volte

Dettagli

PROGRAMMA GEOLOGICO E DI PERFORAZIONE POZZO: ELSA 2 SOMMARIO

PROGRAMMA GEOLOGICO E DI PERFORAZIONE POZZO: ELSA 2 SOMMARIO PAG 3 DI 88 SOMMARIO 1. INFORMAZIONI GENERALI... 5 1.1 DATI GENERALI DEL POZZO... 6 1.1.1 TABELLA DATI GENERALI... 6 1.1.2 PROFILO POZZO... 7 1.1.3 PROFILO DI DEVIAZIONE PREVISTO... 8 1.1.4 DIAGRAMMA DI

Dettagli

Doc. SICS 197. STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Progetto Clara NW. Campo Gas Clara Est Off-shore Adriatico Centrale. Capitolo 3: Descrizione del progetto

Doc. SICS 197. STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Progetto Clara NW. Campo Gas Clara Est Off-shore Adriatico Centrale. Capitolo 3: Descrizione del progetto STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Progetto Clara NW Campo Gas Clara Est Off-shore Adriatico Centrale : Descrizione del progetto Febbraio 2012 Pag. i INDICE 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO 1 3.1 INTRODUZIONE...

Dettagli

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE. Progetto Bianca & Luisella. Doc. SICS 202. Campi Gas Bianca e Luisella Off-Shore Adriatico Centro- Settentrionale

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE. Progetto Bianca & Luisella. Doc. SICS 202. Campi Gas Bianca e Luisella Off-Shore Adriatico Centro- Settentrionale STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Campi Gas Bianca e Luisella Off-Shore Adriatico Centro- Settentrionale : Quadro di Riferimento Progettuale Maggio 2013 Pag. i INDICE 3 QUADRO DI RIFERIMENTO PROGETTUALE...

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Ingegneria della perforazione

Ingegneria della perforazione 3.6 Ingegneria della perforazione 3.6.1 Introduzione La progettazione di un pozzo rappresenta un momento fondamentale nel processo di esplorazione e produzione petrolifera; essa, infatti, è la base per

Dettagli

Identificazione di siti potenzialmente idonei e loro caratterizzazione

Identificazione di siti potenzialmente idonei e loro caratterizzazione Identificazione di siti potenzialmente idonei e loro caratterizzazione (Valentina Volpi, Federica Donda, Edy Forlin, Dario Civile, Barbara Merson e Sergio Persoglia) Co-finanziato dalla EU nel FP6 - the

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA:

ISTRUZIONE OPERATIVA: Pagina 1 di 6 INDICE: 1) Scopo 2) Modalità Esecutive 3) Norma di riferimento 4) Attrezzature 5) Utensili 6) Perforazione a carotaggio continuo 7) Perforazione a distruzione di nucleo 8) Stabilizzazione

Dettagli

LOG IN FORO DI SONDAGGIO

LOG IN FORO DI SONDAGGIO LOG IN FORO DI SONDAGGIO servizio 1) 2) 3) 4) 5) 6) 7) 8) 9) Telecamera ottica OPTV Telecamera acustica BHTV Prove soniche e verifica cementazione CBL Resistività normale e potenziale spontaneo Micromulinello

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA

PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA Assessorato Territorio, Ambiente e Protezione Civile Committente Progetto PROVINCIA REGIONALE DI RAGUSA 17 SETTORE VIABILITA Rettifica plano-altimetrica della S.P. n 60 Ragusa-Malavita-S.Croce

Dettagli

LAVORI SUL PONTE S.P. 105 PER BUGGERRU SEZ. 2. SUL RIO MANNU DI FLUMINIMAGGIORE PROGETTO PRELIMINARE

LAVORI SUL PONTE S.P. 105 PER BUGGERRU SEZ. 2. SUL RIO MANNU DI FLUMINIMAGGIORE PROGETTO PRELIMINARE EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS LAVORI SUL PONTE S.P. 105 PER BUGGERRU SEZ. 2. SUL RIO MANNU DI FLUMINIMAGGIORE PROGETTO PRELIMINARE ALL. C RELAZIONE GEOTECNICA PROGETTAZIONE: TEC MED INGEGNERIA S.r.l.

Dettagli

Rete Eni di monitoraggio della compattazione e della subsidenza

Rete Eni di monitoraggio della compattazione e della subsidenza Rete Eni di monitoraggio della compattazione e della subsidenza Ravenna, 15 marzo 2011 www.eni.it Subsidenza è un lento e progressivo abbassamento verticale del fondo di un bacino marino o di un'area continentale.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO REPORT SULL INDAGINE GEOGNOSTICA DEI TERRENI A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE DI APPRONTAMENTO A FINI LUDICO-SPORTIVI DELL AREA IDENTIFICATA CATASTALMENTE

Dettagli

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN

TRANS ADRIATIC PIPELINE PROJECT OFFSHORE PIPELINE DETAIL DESIGN Rev. Sh. 2 of 21 INDICE 1 Premessa... 3 2 NEARSHORE Indagine Geofisica Batimetria e Geofisica... 4 2.1 Analisi dati... 4 2.2 risultati... 7 3 NEARSHORE Indagine Geofisica Sismica a Rifrazione... 8 3.1

Dettagli

PERFORAZIONE A PERCUSSIONE

PERFORAZIONE A PERCUSSIONE PERFORAZIONE A PERCUSSIONE Attrezzature e funzionamento L impianto è costituito da: un sistema di sollevamento (coppia di argani con frizione, funi di acciaio e torre); una a sonda cilindrica cava munita

Dettagli

2. REDAZIONE DI RELAZIONE TECNICA E GEOLOGICA FINALE

2. REDAZIONE DI RELAZIONE TECNICA E GEOLOGICA FINALE PREMESSA Con la presente si espone il programma dettagliato delle indagini geognostiche necessarie per la redazione della Relazione geologica e della relazione geotecnica relative agli interventi di Riqualificazione

Dettagli

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino)

SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) SCHEDA TECNICA SULLE SONDE GEOTERMICHE (M.Menichetti Università di Urbino) Il flusso di calore geotermico Il flusso di calore nel terreno, nella parte più superficiale della crosta terrestre corrispondenti

Dettagli

Fig 1. - Distribuzione delle prove geognostiche presenti nella Banca Dati Geognostica

Fig 1. - Distribuzione delle prove geognostiche presenti nella Banca Dati Geognostica 1. Introduzione Il progetto di costruzione di una Banca Dati Geognostica sull intero territorio regionale di pianura è nato con l obiettivo prioritario di disporre di informazioni geologiche di sottosuolo

Dettagli

TABLE OF CONTENTS 1 SCOPO... 5 2 INTRODUZIONE... 5. 2.1 Ubicazione della piattaforma... 5 2.2 Vita operativa delle piattaforma... 5 2.3 Presidio...

TABLE OF CONTENTS 1 SCOPO... 5 2 INTRODUZIONE... 5. 2.1 Ubicazione della piattaforma... 5 2.2 Vita operativa delle piattaforma... 5 2.3 Presidio... 2/83 TABLE OF CONTENTS 1 SCOPO... 5 2 INTRODUZIONE... 5 2.1 Ubicazione della piattaforma... 5 2.2 Vita operativa delle piattaforma... 5 2.3 Presidio... 6 3 DATI DI BASE DI PROGETTO... 7 3.1 Dati ambientali...

Dettagli

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI

ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI ALLEGATO 2 CRITERI GENERALI PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI SITI CONTAMINATI PREMESSA La caratterizzazione ambientale di un sito è identificabile con l insieme delle attività che permettono di ricostruire

Dettagli

Doc. SICS 205 STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE. Progetto Clara Sud Est. Campo Gas Clara Est Off-Shore Adriatico Centro- Settentrionale

Doc. SICS 205 STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE. Progetto Clara Sud Est. Campo Gas Clara Est Off-Shore Adriatico Centro- Settentrionale STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Campo Gas Clara Est Off-Shore Adriatico Centro- Settentrionale Novembre 2013 STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Campo Gas Clara Est Off-shore Adriatico Centro Settentrionale : Introduzione

Dettagli

denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Aggiornamento: Febbraio 2014

denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Aggiornamento: Febbraio 2014 Progetto di realizzazione del pozzo denominato Masseria Conca 1 Dir (inquadrato nell ambito della Concessione di Coltivazione Mineraria Torrente Celone ) Elementi informativi dallo Studio di Impatto Ambientale

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

IL PUNTO DI VISTA DEGLI ESECUTORI TRA VINCOLI NORMATIVI, PROBLEMATICHE OPERATIVE E NUOVE OPPORTUNITA DI LAVORO

IL PUNTO DI VISTA DEGLI ESECUTORI TRA VINCOLI NORMATIVI, PROBLEMATICHE OPERATIVE E NUOVE OPPORTUNITA DI LAVORO IL PUNTO DI VISTA DEGLI ESECUTORI TRA VINCOLI NORMATIVI, PROBLEMATICHE OPERATIVE E NUOVE OPPORTUNITA DI LAVORO Vicenza, 8 Novembre 2013 Claudio Guareschi QUADRO NORMATIVO UNI 11446:2012 La progettazione

Dettagli

INDAGINI GEOGNOSTICHE PROSPETTO ECONOMICO DEI LAVORI. NR art. descrizione u.m. p.u. lung. larg. H quantità

INDAGINI GEOGNOSTICHE PROSPETTO ECONOMICO DEI LAVORI. NR art. descrizione u.m. p.u. lung. larg. H quantità COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (FG) PROGETTO DI INDAGINE PRELIMINARE PER LA DEFINIZIONE DELLO STATO AMBIENTALE DEI SITI DI LOCALITÀ LA VERITÀ E VIGNALI PROSPETTO ECONOMICO DEI LAVORI NR art. descrizione

Dettagli

SINTESI per la STAMPA

SINTESI per la STAMPA Basilicata Basilicata e CdLT di Potenza Provinciale di Potenza SINTESI per la STAMPA L indotto industriale e di servizi del Centro Olio ENI di Viggiano e dei pozzi di estrazione petrolifera della Val d

Dettagli

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica

ENAV S.p.A. ENAV ACADEMY Scuola di formazione di Forlì Polo Tecnologico Integrato Progetto Strutturale definitivo Relazione Geotecnica SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...2 2 IL NUOVO EDIFICIO DEL POLO TECNOLOGICO INTEGRATO...2 3 L ORGANISMO STRUTTURALE ED I CRITERI DI PROGETTO...2 4 LE PROBLEMATICHE GEOTECNICHE...3 4.1 Inquadramento geologico...3

Dettagli

IL MODELLO GEOLOGICO 3D. Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia

IL MODELLO GEOLOGICO 3D. Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia IL MODELLO GEOLOGICO 3D Chiara D Ambrogi & Francesco Maesano ISPRA Servizio Geologico d Italia Obiettivi del Progetto GeoMol Modelli geologici 3D trans-nazionali/regionali basati su metodi comuni di costruzione

Dettagli

Doc. SICS 197. STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Progetto Clara NW. Campo Gas Clara Est Off-shore Adriatico Centrale. Capitolo 1: Introduzione

Doc. SICS 197. STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Progetto Clara NW. Campo Gas Clara Est Off-shore Adriatico Centrale. Capitolo 1: Introduzione STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Progetto Clara NW Campo Gas Clara Est Off-shore Adriatico Centrale : Introduzione Febbraio 2012 Pag. i INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 1.1 UBICAZIONE GEOGRAFICA DEL PROGETTO...

Dettagli

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2

D.M. 11.03.1988: NTC2008: 6.2.1. 6.2.2 D.M. 11.03.1988: [ ] la progettazione deve essere basata sulla caratterizzazione geotecnica dei terreni di fondazione, ottenuta a mezzo di rilievi, indagini e prove [ ] NTC2008: [ ] Le scelte progettuali

Dettagli

FANGHI DI PERFORAZIONE: CARATTERISTICHE, CONTROLLI E SMALTIMENTO

FANGHI DI PERFORAZIONE: CARATTERISTICHE, CONTROLLI E SMALTIMENTO FANGHI DI PERFORAZIONE: CARATTERISTICHE, CONTROLLI E SMALTIMENTO Geol. Filippo Landini Publiacqua spa (Firenze) Responsabile Pianificazione e Programmazione Concetti generali e smaltimento P.Min. Umberto

Dettagli

GUIDO CHIESA POZZI PER ACQUA. Perforazione - Completamento - Sviluppo - Indagini Guida alla progettazione. Seconda edizione

GUIDO CHIESA POZZI PER ACQUA. Perforazione - Completamento - Sviluppo - Indagini Guida alla progettazione. Seconda edizione GUIDO CHIESA POZZI PER ACQUA Perforazione - Completamento - Sviluppo - Indagini Guida alla progettazione Seconda edizione EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Indice Prefazione alla prima edizione Prefazione alla

Dettagli

1 POZZO PERFORATO A PERCUSSIONE

1 POZZO PERFORATO A PERCUSSIONE 1 POZZO PERFORATO A PERCUSSIONE 1.1 Trasporto in andata e ritorno dalla macchina da perforazione, delle attrezzature ausiliarie e dei materiali occorrenti per l allestimento di un impianto a percussione

Dettagli

Atlante Geotermico del Mezzogiorno d Italia. A. Manzella, E. Trumpy CNR-IGG

Atlante Geotermico del Mezzogiorno d Italia. A. Manzella, E. Trumpy CNR-IGG Atlante Geotermico del Mezzogiorno d Italia A. Manzella, E. Trumpy CNR-IGG Atlante Geotermico Caratterizzazione, classificazione e mappatura di risorse geotermiche convenzionali e non convenzionali per

Dettagli

SERVIZIO WELLTESTING

SERVIZIO WELLTESTING SIECOSERVICE SERVIZIO WELLTESTING CHI SIAMO La SIECO SERVICE S.r.l. è un'azienda fondata nel Febbraio 2000 su iniziativa di operatori con un'ampia esperienza nel settore dei servizi petroliferi. Tale società

Dettagli

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE. Progetto Bianca & Luisella. Doc. SICS 202. Campi Gas Bianca e Luisella Off-Shore Adriatico Centro- Settentrionale

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE. Progetto Bianca & Luisella. Doc. SICS 202. Campi Gas Bianca e Luisella Off-Shore Adriatico Centro- Settentrionale STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Campi Gas Bianca e Luisella Off-Shore Adriatico Centro- Settentrionale : Introduzione Maggio 2013 Pag. i INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 1.1 UBICAZIONE GEOGRAFICA DEL PROGETTO...

Dettagli

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1

FIAT AVIO. federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 1 FIAT AVIO federico.saporiti@comune.torino.it 2 FIAT AVIO Settembre 2003 La Regione Piemonte avvia le trattative per l acquisizione dell Area ex Fiat Avio

Dettagli

Inquadramento geografico e geologico

Inquadramento geografico e geologico RELAZIONE Premessa Nell ambito del progetto di rinaturazione e ripascimento di un tratto di costa compreso tra La Maddalena Spiaggia e Cala d Orri, lungo il litorale di Capoterra (Ca), è stata eseguita

Dettagli

Ecomondo Rimini 06/11/13 L eolico off-shore nel Mare Adriatico Caso studio: anemometro su p.ma Azalea B

Ecomondo Rimini 06/11/13 L eolico off-shore nel Mare Adriatico Caso studio: anemometro su p.ma Azalea B Ecomondo Rimini 06/11/13 L eolico off-shore nel Mare Adriatico Caso studio: anemometro su p.ma Azalea B eni Chi siamo eni è un impresa integrata che opera in tutta la filiera dell energia ed è presente

Dettagli

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Studio di Ingegneria e Consulenza 01P COMUNE DI SONDRIO PROVINCIA DI SONDRIO Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA SOMMARIO PREMESSA... 3 IRRIGAZIONE DI SUPERFICI SPORTIVE...

Dettagli

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone

Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone Pianificazione del monitoraggio di un sito in terraferma: l esperienza italiana a Cortemaggiore e Besenzone B. Boiardi eni e&p Seminario "Il Monitoraggio della CCS" Osservatorio CCS Roma, 3 febbraio 2012

Dettagli

AVEZZANO VERIFICA SISMICA SCUOLA G.MAZZINI COMUNE (PROVINCIA DE L AQUILA) DOTT. GEOL. AGNELLI ADELE. TECNOSOIL snc COMMITTENTE OGGETTO TECNOSOIL

AVEZZANO VERIFICA SISMICA SCUOLA G.MAZZINI COMUNE (PROVINCIA DE L AQUILA) DOTT. GEOL. AGNELLI ADELE. TECNOSOIL snc COMMITTENTE OGGETTO TECNOSOIL COMUNE AVEZZANO (PROVINCIA DE L AQUILA) COMMITTENTE DOTT. GEOL. AGNELLI ADELE OGGETTO VERIFICA SISMICA SCUOLA G.MAZZINI RAPPORTO SULLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E GEOTECNICHE TECNOSOIL S.n.c. TECNOSOIL snc

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSE:...2 2 INQUADRAMENTO GENERALE:...4 3 METODOLOGIA D INDAGINE:...9 4 RICOSTRUZIONE LITOSTRATIGRAFICA:...10 5 CONCLUSIONI...

SOMMARIO 1 PREMESSE:...2 2 INQUADRAMENTO GENERALE:...4 3 METODOLOGIA D INDAGINE:...9 4 RICOSTRUZIONE LITOSTRATIGRAFICA:...10 5 CONCLUSIONI... 1 SOMMARIO 1 PREMESSE:...2 2 INQUADRAMENTO GENERALE:...4 2.1 Ubicazione:... 4 2.2 Geomorfologia:... 4 2.3 Tettonica e litologia:... 5 2.4 Piezometria ed idrografia:... 5 2.5 Verifica cartografia PAI e

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE

Centro per le Biotecnologie e la Ricerca Biomedica, necessarie alla Fondazione Ri.MED. Carini - Palermo CAPITOLATO SPECIALE Affidamento del servizio di redazione degli studi geologici, geotecnici, sismici, idrologici ed idraulici e delle relative indagini in sito e in laboratorio, a supporto delle attività di progettazione

Dettagli

f] C o nsig lio Nazionale delle Ricerche

f] C o nsig lio Nazionale delle Ricerche f] C o nsig lio Nazionale delle Ricerche DREZONE CENTRALE SUPPORTO ALLA PROGRAMMAZONE E ALLE NFRASTRUTTURE UFFCO SVLUPPO E GESTONE PATRMONO EDLZO Piazzale Aldo Moro, 7-00185 Roma CNR DTA (Dipartimento

Dettagli

I principali codici di cui dispone M 3 E sono:

I principali codici di cui dispone M 3 E sono: M 3 E S.r.l. è una società all avanguardia nello studio e simulazione numerica della geomeccanica di giacimento in problemi di sfruttamento o stoccaggio di risorse sotterranee, come acqua, gas o petrolio.

Dettagli

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI PER IL TERRITORIO Ufficio per le Risorse Idriche, Energia e Vincolo Idrogeologico

PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS AREA DEI SERVIZI PER IL TERRITORIO Ufficio per le Risorse Idriche, Energia e Vincolo Idrogeologico Prot. n. Bollo Alla Provincia di Carbonia Iglesias Via Fertilia, 40 09013 Carbonia RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA RICERCA IDRICA per uso irriguo, industriale, ecc. (art. 95 R.D. n 1775/33) Il/la sottoscritto/a

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE ALLEGATO N. 2 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE E GEOTECNICHE E RELATIVE INDAGINI GEOGNOSTICHE Le seguenti linee di indirizzo per la redazione della relazione geologica e relazione

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

Istanzadipermessodiricerca Carità Pozzo esplorativo Cascina Daga 1 dir Programma Geologico e di Perforazione

Istanzadipermessodiricerca Carità Pozzo esplorativo Cascina Daga 1 dir Programma Geologico e di Perforazione Istanzadipermessodiricerca Carità esplorativo Cascina Daga 1 dir Programma Geologico e di Perforazione San Donato Milanese, gennaio 2014 Sommario 1. INFORMAZIONI GENERALI...3 1.1. DATI GENERALI...3 1.1.1.

Dettagli

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA

RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA CONVENZIONE DI RICERCA PER LA REDAZIONE DELLA MAPPA DEL RISCHIO SISMICO REGIONALE AI FINI DI PROTEZIONE CIVILE RELAZIONE DELLA I FASE DELLA RICERCA Premessa Il presente rapporto viene redatto alla chiusura

Dettagli

Tubaggio e filtraggio del pozzo

Tubaggio e filtraggio del pozzo Corso di Idrogeologia Applicata Dr Alessio Fileccia Tubaggio e filtraggio del pozzo Le immagini ed i testi rappresentano una sintesi, non esaustiva, dell intero corso di Idrogeologia tenuto presso il Dipartimento

Dettagli

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della

Terme, con delibera della G.M. N 133 del 26 febbraio 2002, per la redazione della INTEGRAZIONE ALLE INDAGINI GEOGNOSTICHE E RIVISITAZIONE DEL MODELLO GEOLOGIGICO RELATIVAMENTE ALL URBANIZZAZIONE DEL PIP COMMERCIALE 1 LOTTO FUNZIONALE I sottoscritti geologi Anna Garippa e Gianluca Tullio,

Dettagli

Indagini geognostiche

Indagini geognostiche Università di Palermo CCS Ingegneria civile Indagini geognostiche a cura di Laura Ercoli Finalità - Delineare la costituzione del sottosuolo e la geometria delle stratificazioni: tipi litologici,stratigrafia,

Dettagli

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE

LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE LETTURA e INTERPRETAZIONE delle CARTE GEOLOGICHE Una carta geologica è la registrazione di come sono distribuite sulla superficie terrestre rocce di età e natura diverse; essa è anche, e soprattutto, una

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA

LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA LINEE GUIDA PER LA COSTRUZIONE DI POZZI PER L ESTRAZIONE DI ACQUA SOTTERRANEA Le domande di autorizzazione e di concessione per la costruzione di un pozzo devono essere corredate da un progetto preliminare

Dettagli

38100 TRENTO - Via Berlino, 10 (06/07) LISTA DELLE CATEGORIE

38100 TRENTO - Via Berlino, 10 (06/07) LISTA DELLE CATEGORIE 1 1.10.10 Approntamento del cantiere cad. 41...... 2 1.10.20.a Installazione di attrezzatura per sondaggio a rotazione in corrispondenza di ciascun punto di perforazione. per distanze fino a m 3000 cad.

Dettagli

COMUNE DI POTENZA UFFICIO DI PIANO DISCIPLINARE D INCARICO

COMUNE DI POTENZA UFFICIO DI PIANO DISCIPLINARE D INCARICO COMUNE DI POTENZA UFFICIO DI PIANO ----------------------------------- DISCIPLINARE D INCARICO PER INDAGINI GEOGNOSTICHE E PROVE DI LABORATORIO PER LO STUDIO GEOLOGICO-GEOTECNICO DEL TERRITORIO COMUNALE

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICA

PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE GEOLOGICA S.P. 130 ANDRIA-TRANI LAVORI DI AMMODERNAMENTO ED ALLARGAMENTO DEL PIANO VIABILE E DELLE RELATIVE PERTINENZE RISOLUZIONE DELL INTERSEZIONE CON LA S.P. 168 A LIVELLI SFALSATI DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE

Dettagli

Innovazione tecnologica e LE BEST PRACTICES. Alessandro Mazzei Coordinatore tecnico scientifico ANEA

Innovazione tecnologica e LE BEST PRACTICES. Alessandro Mazzei Coordinatore tecnico scientifico ANEA Innovazione tecnologica e programmazione d Ambito LE BEST PRACTICES Alessandro Mazzei Coordinatore tecnico scientifico ANEA Il nuovo Piano di Ambito e 2 Le s e il Modello Il Piano di Ambito deve sempre

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA

MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA 1 Via Arni, 30 55032 Castelnuovo di Garfagnana (LU) MISCELAZIONE MECCANICA DEL TERRENO PER VIA UMIDA SMW ( Soil Mixing Wall ) - trielica RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA Emissione : Castelnuovo di Garfagnana,

Dettagli

Scheda tecnica scavo piscina 8x4 prefabbricata con scala romana e realizzazione soletta

Scheda tecnica scavo piscina 8x4 prefabbricata con scala romana e realizzazione soletta Scheda tecnica scavo piscina 8x4 prefabbricata con scala romana e realizzazione soletta Caratteristiche principali piscina: Dimensioni vasca: come da disegno Perimetro totale: 25,14 m (22 m dritto - 3,14m

Dettagli

Richiedente: LIFENERGY S.r.l.

Richiedente: LIFENERGY S.r.l. Richiedente: LIFENERGY S.r.l. REGIONE VENETO PERMESSO DI RICERCA DI RISORSE GEOTERMICHE MONTECCHIO PRECALCINO (VI) Progetto definitivo per la realizzazione di due pozzi esplorativi geotermici denominati

Dettagli

Metodo di indagine che consente l ispezione diretta del terreno. Perforazione effettuata nel terreno mediante un attrezzatura denominata sonda

Metodo di indagine che consente l ispezione diretta del terreno. Perforazione effettuata nel terreno mediante un attrezzatura denominata sonda SONDAGGIO: Metodo di indagine che consente l ispezione diretta del terreno Perforazione effettuata nel terreno mediante un attrezzatura denominata sonda Utilizzato per: - Ricostruzione del profilo stratigrafico

Dettagli

DOCUMENTAZIONE TECNICA Pagina 1 di 7

DOCUMENTAZIONE TECNICA Pagina 1 di 7 DOCUMENTAZIONE TECNICA Pagina 1 di 7 TITOLO DEL DOCUMENTO IMPIANTO DI PERFORAZIONE IDRAULICO G-25 DESCRIZIONE NUMERO DEL DOCUMENTO IDENTIFICAZIONE DEL FILE montata su camion 8 x 6, completa di pompa fango

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it

COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it COSTRUIRE SU TERRENI DIFFICILI Romolo Di Francesco e dott. Geol. Vittorio Gennari www.romolodifrancesco.it 1. INTRODUZIONE Pur considerato che le conoscenze teoriche, sperimentali e tecnologiche hanno

Dettagli

Master MEDEA. LA TECNOLOGIA LEAN PROFILE Aspetti economici di un breaktrough tecnico nel drilling design

Master MEDEA. LA TECNOLOGIA LEAN PROFILE Aspetti economici di un breaktrough tecnico nel drilling design Master MEDEA Management ed Economia dell Energia e dell Ambiente LA TECNOLOGIA LEAN PROFILE Aspetti economici di un breaktrough tecnico nel drilling design Supervisori Ing. Angelo Calderoni Dott. Fabrizio

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEI POZZI PER ACQUA I FILTRI

LA PROGETTAZIONE DEI POZZI PER ACQUA I FILTRI Seminario LA PROGETTAZIONE DEI POZZI PER ACQUA I FILTRI Padova, 15 Febbraio 2010 Attività del cantiere di perforazione (a circolazione) nell ottica di una corretta messa in opera dei filtri INTRODUZIONE

Dettagli

attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni 5.2.1 carotatrici pag. 354

attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni 5.2.1 carotatrici pag. 354 attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni pag. 354 354 AT 244 Orientabile in ogni direzione perforatrici - en 12504-1 La gamma di macchine Tecnotest consente l esecuzione di qualsiasi tipo di perforazione

Dettagli

LISTINO G INDAGINI GEOGNOSTICHE

LISTINO G INDAGINI GEOGNOSTICHE CITTÀ DI IMOLA SETTORE URBANISTICA, EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE PREZZIARIO DEL COMUNE DI IMOLA (ai sensi dell art. 133 D.Lgs. 163/2006) LISTINO G INDAGINI GEOGNOSTICHE Anno 2013 *** INDICE *** 1 INDAGINI

Dettagli

Bonifica dei siti inquinati e analisi di rischio Bologna 1 luglio 2015 Sede HERA. Mario Sunseri SGM Ferrara Corso ATIA-ISWA 1 luglio 2015 Bologna

Bonifica dei siti inquinati e analisi di rischio Bologna 1 luglio 2015 Sede HERA. Mario Sunseri SGM Ferrara Corso ATIA-ISWA 1 luglio 2015 Bologna Tecniche di caratterizzazione innovative di tipo direct push- MIP (Membrane Interface Probe) per la ricerca dei VOC nel sottosuolo Mario Sunseri- SGM Ferrara m.sunseri@sgm-ingegneria.it Bonifica dei siti

Dettagli

MODULO IMMISSIONE ARIA FAM 6000-I 400-3+N-50 Hz. Manuale per l uso e la manutenzione

MODULO IMMISSIONE ARIA FAM 6000-I 400-3+N-50 Hz. Manuale per l uso e la manutenzione MODULO IMMISSIONE ARIA FAM 6000-I 400-3+N-50 Hz Manuale per l uso e la manutenzione PRESENTAZIONE Questo manuale riporta le informazioni e quanto ritenuto necessario per la conoscenza, il buon uso e la

Dettagli

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI.

TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. TRACCIA PER LA REDAZIONE DELLA RELAZIONE GEOLOGICA E DELLA RELAZIONE GEOTECNICA FACENTI PARTE DI UN PROGETTO PER COSTRUZIONI. PRECISAZIONI Il presente documento nasce dalla pressante richiesta di iscritti

Dettagli

Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01

Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01 2007 Tav. O Piano Particolareggiato di iniziativa pubblica P.E.E.P. N.60 Via SALVO D ACQUISTO EST Z.E.2450 -Area 01 RELAZIONE GEOLOGICA E ANALISI GEOTECNICA DEL TERRENO Adottato con Del. di C.C. N. 82

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 9.0 Analisi Granulometrica dei Sedimenti Sergio G. Longhitano Dipartimento

Dettagli

Relazione geotecnica A-06

Relazione geotecnica A-06 Relazione geotecnica A-06 Elaborato A-06.doc Settembre 2009 1 Emissione Ing. Cosimo Convertino Ing. Nicola Mori Ing. Remo Chiarini INDICE 1. Introduzione... 3 2. Inquadramento generale dell area di intervento...

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL

MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL MANUALE D ISTRUZIONI PER MONTAGGIO, USO E MANUTENZIONE PER DISPOSITIVI DI ANCORAGGIO PER LINEE VITA SICURPAL Edizione Settembre 2013 Sicurpal S.r.l. Via Caduti in Guerra, 10/C Villavara di Bomporto (MO)

Dettagli

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4:

Amministrazione Provinciale di Siena - Ufficio di Piano per il PTCP ALLEGATO 4: ALLEGATO 4: STABILITÀ DEI VERSANTI: METODOLOGIA DA ADOTTARE COME STANDARD PROVINCIALE PER LA REALIZZAZIONE DELLA CARTA DELLA STABILITÀ POTENZIALE INTEGRATA DEI VERSANTI AI SENSI DELLA DCR 94/85. Allegato

Dettagli

Sensori di condizione. Progettati per dare risultati di alta qualità in varie tipologie di ambienti difficili

Sensori di condizione. Progettati per dare risultati di alta qualità in varie tipologie di ambienti difficili Sensori di condizione Progettati per dare risultati di alta qualità in varie tipologie di ambienti difficili Rockwell Automation sa bene che i componenti di rilevamento condizioni sono elementi fondamentali

Dettagli

Metodo di perforazione: Carotaggio continuo con utilizzo di fluido di perforazione composto da acqua e polimeri.

Metodo di perforazione: Carotaggio continuo con utilizzo di fluido di perforazione composto da acqua e polimeri. PROGETTO PRELIMINARE SALERNO PORTA OVEST CAROTAGGIO SP21 Quota s.l.m.: 228.50 m ca Metodo di perforazione: Carotaggio continuo con utilizzo di fluido di perforazione composto da acqua e polimeri. Attrezzatura

Dettagli

FLOWX3 NUOVO F3.60M.S Sensore elettromagnetico ad inserzione. Caratteristiche principali. Applicazioni. Principio di funzionamento

FLOWX3 NUOVO F3.60M.S Sensore elettromagnetico ad inserzione. Caratteristiche principali. Applicazioni. Principio di funzionamento FLOWX3 NUOVO F3.60M.S Sensore elettromagnetico ad inserzione Il nuovo sensore di flusso elettromagnetico ad inserzione FLOWX3 F3.60M.S può essere utilizzato sia su tubi metallici che su tubi in plastica.

Dettagli

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI

1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE E DEGLI INTERVENTI Le opere oggetto della presente relazione si riferiscono alla realizzazione di un edificio per n. 4 alloggi, da realizzarsi a Copertino (LE), in Via Pirro

Dettagli

PROVINCIA DI VENEZIA

PROVINCIA DI VENEZIA PROVINCIA DI VENEZIA ENERGIE RINNOVABILI PER LA CLIMATIZZAZIONE: GEOSCAMBIO IN PROVINCIA DI VENEZIA SOSTENIBILITA E REGOLAMENTAZIONE Sonde geotermiche verticali: esempi di installazione e sistemi di monitoraggio

Dettagli

Catena alpino-himalayana

Catena alpino-himalayana Catena alpino-himalayana Stadi di evoluzione nella formazione delle Alpi Paleogeografia 150 Milioni di anni fa (Giurassico) L Atlantico settentrionale non era ancora aperto e il mare Tethys (oceano Ligure-piemontese

Dettagli

Ricerca idrica: Tecniche di idrogeologia

Ricerca idrica: Tecniche di idrogeologia Ricerca idrica: Tecniche di idrogeologia Filippo Landini (PubliacquaIngegneria srl) Via A. da Noli, 4 50100 Firenze Tel. 055-0518180 Email f.landini@publiacqua.it Introduzione Il tema delle tecniche di

Dettagli

Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2

Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2 Come sappiamo che funziona: I serbatoi naturali di CO2 Workshop sullo Stoccaggio Geologico della CO2 3/1272012 Palazzo Doria Pamphilj, Valmontone (Rm) Salvatore Lombardi Perché l Italia: Gli scenari geologici

Dettagli

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon

Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Indagini geologiche per la conoscenza e la prevenzione del rischio Radon Luca Martelli Regione Emilia Romagna Servizio geologico, sismico e dei suoli LA CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE A DIFFERENTE RISCHIO

Dettagli

CENTRALINE OLEODINAMICHE E SISTEMI DI SOLLEVAMENTO SINCRONO F.P.T.

CENTRALINE OLEODINAMICHE E SISTEMI DI SOLLEVAMENTO SINCRONO F.P.T. CENTRALINE OLEODINAMICHE E SISTEMI DI SOLLEVAMENTO SINCRONO F.P.T. Le centraline F.P.T. sono progettate e costruite per adattarsi alle molteplici esigenze che si presentano per l utilizzo di attrezzature

Dettagli

UN PROGETTO PER L AVVENIRE

UN PROGETTO PER L AVVENIRE TEMPA ROSSA, LA VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE REGIONALI UN PROGETTO PER L AVVENIRE Il progetto Tempa Rossa prevede lo sviluppo di un giacimento petrolifero all interno della Concessione Gorgoglione, situato

Dettagli

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it

Lezione 6 GEOTECNICA. Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it Lezione 6 GEOTECNICA Docente: Ing. Giusy Mitaritonna e-mail: g.mitaritonna@poliba.it - Lezione 6 A. Indagine Geotecnica: considerazioni generali B. Indagini in sito: Perforazioni di sondaggio e prelievo

Dettagli

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione.

Nel caso in esame sono stati individuati due modi, utilizzati per la successiva inversione della curva di dispersione. Linea sismica 1-SHOT 3 La linea sismica 1 è stata eseguita in loc. Carlina, entro il contesto di pianura prossimo al margine pedecollinare. Tale area era già stata oggetto nel Novembre 2002 di un indagine

Dettagli

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259

Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari. A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI. Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 Consiglio Nazionale Geologi.it Circolari A tutti gli Ordini Regionali dei Geologi LORO SEDI Roma, 28 giugno 2007 Rif. P/CR.c/2996 CIRCOLARE N 259 OGGETTO: Competenze del Geologo in materia di progettazione,

Dettagli