Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica"

Transcript

1 Suggerimenti per evitare errori frequenti nello scritto di fisica Quelli che seguono sono osservazioni utili ad evitare alcuni degli errori piu frequenti registrati durante gli scritti di fisica. L elenco non e ovviamente completo. Sono state fatte delle aggiunte, sulla base di correzioni fatte sui compiti del 204. Molti degli errori gia segnalati in questo file sono stati purtroppo ripetuti. Altri errori sono segnalati. Per evidenziare le aggiunte alla versione precedente del testo, si e usato il colore rosso Equazioni sbagliate, e mancato controllo delle dimensioni Gli errori algebrici sono molto frequenti e quasi inevitabili. Alcune volte denotano pero una evidente difficolta nella manipolazione delle relazioni algebriche. Lo studente che ha di questi problemi, riprenda il suo testo di matematica delle scuole superiori e si eserciti finche non si sente sicuro. Un altra evidente difficolta, comune a molti studenti, e nell uso delle potenze di dieci e la conversione delle unita di misura. Queste difficolta sono fonte d errore in esercizi di cinematica (conversione da m/s a km/h), di dinamica dei fluidi (conversione di densita espresse in g/cm 3 a kg/m 3 ) di termodinamica (conversione di pressioni da P a a atm e volumi da m 3 a l). Nella cartella TAL204 si trovano i testi della prima prova di verifica, in cui ci sono molti esercizi di base con le relative soluzioni. Si suggerisce caldamente di fare quegli esercizi. finche non ci si sente sicuri. Vedere anche piu avanti nel testo. Un esempio concreto: nel ricavare la velocita in termini del raggio e dell accelerazione centripeta, in un moto circolare uniforme, si parte in genere dall equazione e si ricava v. La relazione corretta e a c = v2 r v = a c r ma nei compiti sono apparse relazioni sbagliate, del tipo v? = a c r Questi errori possono essere evitati controllando le dimensioni delle grandezze nell equazione. Il controllo puo essere fatto sia quando l equazione e ancora in forma algebrica, sia quando si sostituiscono i valori numerici assegnati dall esercizio. Ad esempio, nell equazione sbagliata (), ricordando che la velocita ha le dimensioni di spazio/tempo, che l accelerazione ha dimensioni di spazio/tempo 2 ed il raggio quelle di spazio, le dimensioni delle grandezze fisiche nei due membri dell equazioe non sono uguali spazio tempo (spazio/tempo2 ) spazio = tempo 2 Chi trovasse errori di scrittura testo e pregato di segnalarmeli al solito indirizzo di posta elettronica ()

2 Il controllo si puo fare anche quando si sostituiscono i valori numerici. Ad esempio supponiamo che siano assegnati i valori: a c = 5m/s 2 ed r = m, allora e fondamentale sostituire il valore numerico insieme alle sue unita di misura. Cosi nella relazione sbagliata () si otterrebbe v? = 5m/s2 m = 5 s 2 che non ha le unita di misura giuste di una velocita. Questo discorso va fatto per tutte le equazioni che si scrivono nelle soluzioni dei compiti ed aiuta enormemente ad evitare risposte sbagliate. 2 Velocita media e spostamento totale in un moto rettilineo La velocita media e semplicemente lo spostamento totale percorso diviso il tempo totale impiegato. Se il punto si e spostato di s nel tempo t, di s 2, nel tempo t 2 e di s 3 nel tempo t 3 e se non e indicato che in nessuno dei tre tratti lo spostamento sia avvenuto in verso opposto, allora la velocita media e v m = s + s 2 + s 3 t + t 2 + t 3. Se invece fosse stato indicato che, ad esempio nel secondo tratto, lo spostamento s 2 sia avvenuto in direzione opposta agli altri due, allora lo spostamento totale sarebbe e la velocita media cambierebbe di conseguenza. s s 2 + s 3 Errore frequente e confondere spostamento, cioe spazio percorso in una certa direzione, con posizione rispetto ad un punto. Se un corpo si trovava inizialmente, al tempo t, nella posizione x (rispetto ad un punto di riferimento, l origine) e successivamente, al tempo t 2, si trova nella posizione x 2 allora avra percorso uno spostamento s = x 2 x, in un tempo t = t 2 t e quindi, in accordo con la definizione precedente, la velocita media e v m = s t = x 2 x t 2 t. Altro tipo di errore rilevato e stato considerare la velocita media totale come somma o come media aritmetica (o altro) delle velocita v, v 2 dei singoli tratti, scrivendo l equazioni sbagliate de tipo v m? = v + v 2, v m? = v + v 2 2 Tutto quanto si e detto finora vale per un moto che si svolga sempre lungo una retta. Se i due moti successivi avvengono lungo due direzioni diverse, allora lo spostamento totale si ottiene sommando vettorialmente i due spostamenti ed ha quindi modulo uguale alla distanza finale dalla posizione di partenza (fate un disegno per capirlo). La velocita media totale sara diretta come lo spostamento totale ed il suo modulo e il rapporto tra il modulo dello spostamento totale ed il tempo totale impiegato (la somma dei due tempi). 2

3 3 Usare insieme le leggi orarie per posizione e velocita per i moti rettilinei Una volta individuato il tipo di moto, sia esso rettilineo uniforme o uniformemente accelerato (o decelerato, attenzione al segno da dare all accelerazione!) scrivere subito le due leggi orarie per s e per v: Moto rettilineo uniforme s = s 0 + v 0 t, v = v 0 Moto uniformemente accelerato s = s 0 + v 0 t + 2 at2, v = v 0 + at E capitato di trovare esercizi sbagliati in cui, in caso di moto uniformemente accelerato (prodotto da forze costanti), con velocita iniziale nulla, veniva usata insieme a v = at s? = vt che e valida solo per il moto rettilineo uniforme, e da, quindi, un risultato sbagliato per lo spostamento, che viene il doppio di quello che si otterrebbe dalla formula corretta del moto uniformemente accelerato, che nel caso di velocita iniziale nulla e s = 2 at2. 4 Diagramma delle forze che agiscono su un corpo o un sistema di piu corpi, collegati tra loro Non si sottoliniera mai abbastanza l importanza di rappresentare il piu correttamente possibile i quesiti posti negli esercizi, facendo dei disegni accurati del sistema di masse e forze che agiscono su di esse. Un disegno fatto correttamente e, nella stragrande maggioranza dei casi, gia meta della soluzione del problema, perche consente di avere davanti agli occhi le grandezze essenziali, gia sistemate nel modo giusto. Questo vale in particolare per problemi di dinamica, dove intervengono tutte quantita vettoriali, forze, accelerazioni, velocita e spostamenti, che hanno direzioni e verso, e quindi angoli tra loro ben precisi tra loro. Se nel disegno quesi vengono ben rappresentati, quello che resta da determinare tramite le equazioni della dinamica, sono solo i moduli di questi vettori. Davvero, e consigliabile a chi avesse difficolta a fare disegni a mano libera, di munirsi di un righello ed abituarsi a fare disegni precisi. Se piu forze agiscono su un corpo, e consigliabile fare un disegno esplicito dei vettori che rappresentano le forze, anche se inizialmente non e noto il modulo (e quindi la lunghezza relativa) di ciascuna. Il disegno e utile per essere sicuri di sapere direzione e verso di ogni forza. Ad esempio, su qualunque corpo la forza peso e sempre diretta verso il basso, mentre la reazione del piano a cui e appoggiato e sempre in direzione perpendicolare al piano e dunque e diretta verso l alto solo se il piano e orizzontale. Anche di direzione e verso di eventuali altre forze presenti nell esercizio, occorre essere sicuri, ed il disegno aiuta. 3

4 Le forze vanno sempre disegnate partendo dal corpo o dal punto materiale o dall oggetto che si puo considerare tale. Nel caso sia presente un corpo rigido, allora e necessario disegnare ogni forza a partire dal punto di applicazione. Ad esempio se una sbarra orizzontale e poggiata su un fulcro, la reazione del fulcro, che impedisce alla sbarra di cadere, va disegnata a partire dal punto di contatto tra la sbarra e il fulcro e diretta verso l alto. Se invece si ha una carrucola di forma circolare, le tensioni dovute alle corde inestensibili vanno disegnate a partire dai punti in cui le corde si distaccano dalla carrucola, hanno direzioni lungo le corde e versi che si allontanano dalla carrucola. Come si vede dalla lunghezza della frase precedente, un disegno sarebbe stato molto piu chiaro. Se il corpo non si muove, la somma vettoriale di tutte le forze e nulla, e quindi sono nulle le somme delle componenti delle forze lungo qualunque direzione scelta, ossia lungo due qualsiasi direzioni perpendicolari tra loro. Se un corpo si muove solo in una certa direzione, facciamo il caso in orizzontale, allora la somma delle componenti delle forze in direzione perpendicolare al moto, in questo caso la direzione verticale, e nulla. In sistemi, come ad esempio una carrucola, od un treno di piu vagoni trainato da una locomotiva, le funi che connettono le diverse masse creano, con la tensione, coppie di azione e reazione tra le coppie di masse da loro connesse. Le funi ovviamente producono solo tensioni nella direzione della fune stessa. 5 La sfiducia nella conservazione dell energia meccanica Come suggerimento generale: se in un esercizio, sono presenti solo forze conservative (ricordare che le reazioni vincolari, non compiono generalmente lavoro) e non vengono chiesti tempi, ma si parla solo di spazi percorsi e velocita, allora e quasi certo che si possano risolvere usando la conservazione dell energia meccanica, o se ci sono anche forze d attrito, tenendo conto anche del lavoro fatto da queste ultime. Ovviamente questi esercizi si possono risolvere, ottenendo risultati corretti, cosi come e avvenuto in alcuni compiti, usando leggi orarie per determinare tempi e poi calcolare spazi e velocita, ma questo richiede piu tempo, piu equazioni da risolvere ed in definitiva maggiore possibilita di errori algebrici. Se pero lo studente si sente sicuro nell applicare le leggi orarie, vada pure avanti in questo modo, molti lo fanno ed arrivano ai risultati corretti. L energia meccanica si conserva, trasformandosi in varie forme. In presenza di piu forze conservative, ad esempio la forza peso e la forza elastica, si ha E = E cin + E pot,p eso + E pot,elastica = 2 mv2 + mgh + 2 kx2 dove i vari simboli dovrebbero essere noti a chi legge. Supponiamo che in un esercizio una massa m, sia inizialmente a contatto con una molla, di costante elastica nota k, mantenuta compressa di una lunghezza x 0 rispetto alla posizione di equilibrio, che venga poi rilasciata. La massa dopo aver percorso un tratto orizzontale, arriva ai piedi di una collina (tipicamente un piano inclinato) ed inizia a salire. Supponiamo che l esercizio chieda a quale altezza massima h max puo arrivare la massa, supponendo che durante tutto il moto non ci sia attrito. Siano assegnati i valori di m, k ed x 0. 4

5 In tutte le fasi del moto l energia meccanica si conserva: inizialmente e puramente potenziale elastica 2 kx2 0 dove x 0 e la compressione iniziale della molla. Ai piedi della collina e tutta cinetica 2 mv2 dove v e la velocita della massa sul piano orizzontale. Nel punto di massima altezza h max in cui puo arrivare sulla collina, la massa ha velocita nulla e l energia e tutta potenziale della forza peso: mgh max. Ai fini dell esercizio, basta uguagliare le due espressioni iniziale e finale dell energia, ottenendo un unica equazione da cui ricavare h max : 2 kx2 0 = mgh max. Il valore della velocita della massa sul tratto orizzontale non serve a risolvere il problema (a meno che non sia richiesto in un altro quesito), tuttavia, osservando compiti in cui erano assegnati problemi analoghi, si vede la tendenza ad applicare la conservazione dell energia solo nel moto sul tratto orizzontale. Cosi l esercizio verrebbe risolto ricavando prima il valore di v usando la conservazione dell energia (correttamente) 2 mv2 = 2 kx2 0 e poi utilizzandolo come valore iniziale della velocita nel moto uniformemente decelerato di salita sul piano inclinato. In questo modo il problema puo essere comunque risolto correttamente, ma in modo molto piu dispendioso. 6 Le quattro fasi del moto armonico Quanto tempo impiega una massa m a comprimere una molla di costante elastica k?. La risposta sbagliata e la risposta esatta e t? = T 2 t = T 4, dove T = 2π m/k e il periodo di oscillazione del moto armonico. Infatti, supponiamo che la molla venga compressa verso destra, abbiamo quattro fasi del moto armonico, prima che un oscillatore armonico torni nella situazione iniziale.. dalla posizione di equilibrio alla massima compressione (velocita diretta verso destra con modulo in diminuzione dal massimo valore a zero) 5

6 2. dalla massima compressione alla posizione di equilibrio (velocita diretta verso sinistra con modulo in aumento da zero al massimo valore) 3. dalla posizione d equilibrio la massimo allungamento (velocita diretta verso sinistra con modulo in diminuzione dal massimo valore a zero) 4. dal massimo allungamento alla posizione d equilibrio (velocita diretta verso destra con modulo in aumento da zero al massimo valore) A quel punto la molla e tornata alla posizione di partenza, anche la velocita ha lo stesso modulo e verso di partenza ed e passato un tempo pari al periodo T,. La massima compressione e solo la prima delle quattro fasi e si compie in t = T/4. Una possibile fonte di confusione e il fatto che se la massa non e attaccata alla molla essa si distaccherebbe alla fine della fase 2, ma questo non cambia il fatto che le prime due fasi sono quelle di un moto armonico, ognuna di durata pari ad un quarto del periodo. 7 Fattori di conversione In alcuni esercizi l unica difficolta (che non dovrebbe esserci) e la conversione tra unita di misura. Ad esempio, se un cubo ha lato di 0cm e la densita del materiale di cui e fatto e di 500kg/m 3 occorre riportare tutto alle stesse unita, ad esempio scrivendo il volume in metri cubi V = (0cm) 3 = (0 m) 3 = 0 3 m 3 Notare come l uso delle potenze di dieci renda il calcolo piu sicuro che scrivere numeri con virgola e (molti) zeri. Occorre essere sicuri su questi passaggi facendo esercizi. 8 Temperature in liberta Se due sistemi con calori specifici diversi e temperature iniziali T e T 2 sono messi in contatto termico, la temperatura d equilibrio e : T e = m c T + m 2 c 2 T 2 m c + m 2 c 2, con il valore di T e sempre intermedio tra le temperature iniziali massima e minima. Cioe, se ad esempio T < T 2, allora T < T e < T 2 (2) Non controllare questo fatto, e non accorgersi che, a causa di un errore, le tre temperature non verificano le disuguaglianze (8), rende l esercizio sbagliato. Ci sono due osservazioni che possono facilitare i calcoli. Come si vede, l espressione per T e contiene la combinazione massa calore specif ico sia a numeratore che a denominatore. Per cui qualunque scelta consistente di unita, ad esempio scrivere tutte le masse in grammi o tutte in kilogrammi, non altera il risultato perche l unita di massa, g o kg, si semplifica tra numeratore e denominatore. Inoltre si puo sostituire il valore delle temperature indipendentemente in gradi Celsius o Kelvin. Si otterra rispettivamente il valore corretto in Celsius o in Kelvin (provare per credere). 6

7 9 Le unita della costante dei gas R Le unita piu usate per R sono J R = 8, 3 molk = l atm molk = 2 cal molk. Quale espressione scegliere dipende dalle unita usate per le altre grandezze termodinamiche. Per non sbagliare, come si e gia detto in precedenza, Si devono sempre sostituire i valori numerici delle grandezze fisiche insieme alle loro unita di misura. Questo eliminerebbe gli errori seguenti, in problemi che riguardano gas ideali: Temperatura di un gas ideale dati volume e pressione rispettivamente in litri e atmosfere rispettivamente n = mol, V = 4l; p = atm, T = pv? = 4 nr 8.3 = 0.48K Notare il non aver esplicitato le unita di misura di V, p ed R vicino ai valori numerici e l aggiunta a mano di K al risultato finale sbagliato. Evidentemente l espressione corretta della temperatura e T = 4L atm mol 0.082L atm/(molk) = 48.7K dove le unita di misura di litri ed atmosfere si semplificano ed il risultato finale e effettivamente una temperatura in gradi Kelvin. Lavoro in un isoterma con T = 00K da V a V 2 = 2V. Ancora non esplicitando le unita di misura si rischia di sbagliare prendendo l espressione errata per R ed ottenendo L = nrt ln ( ) V2 V? = 0, ln 2 = 8.2 ln 2 = 5.7J dove ancora una volta l unita di misura J e aggiunta a mano alla fine (o addirittura viene omessa). Il risultato corretto e ( ) V2 J L = nrt ln = mol K ln 2 = 575J molk V In quest ultimo esempio occorre segnalare una fonte d errore numerico: il logaritmo che appare in ln 2 e il cosiddetto logaritmo naturale, mentre nelle calcolatrici e presente anche il logaritmo in base dieci, indicato con log, che non va usato altrimenti si ottiene un valore sbagliato in quanto ln 2 = 0, 7 log 2 = 0, 3. Si e notata nelle correzioni un ulteriore curiosa variante al problema della scelta corretta delle unita della costante dei gas, che consiste nell usare nel calcolo di lavoro e calore il valore di R in l atm/(moli K) e di scrivere il risultato finale in unita l atm. Anche se alla fine il risultato e corretto, sarebbe meglio convertirlo nelle ben piu usuali unita di Joule o di calorie 7

Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 2013-2014, 19 Novembre 2013

Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 2013-2014, 19 Novembre 2013 Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 203-204, 9 Novembre 203 Esercizio I. m m 2 α α Due corpi, di massa m = kg ed m 2 =.5 kg, sono poggiati su un cuneo di massa M m 2 e sono connessi mediante una carrucola

Dettagli

Modulo di Meccanica e Termodinamica

Modulo di Meccanica e Termodinamica Modulo di Meccanica e Termodinamica 1) Misure e unita di misura 2) Cinematica: + Moto Rettilineo + Moto Uniformemente Accelerato [+ Vettori e Calcolo Vettoriale] + Moti Relativi 3) Dinamica: + Forza e

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Nome..Cognome.. Classe 4G 4 dicembre 2008. VERIFICA DI FISICA: lavoro ed energia

Nome..Cognome.. Classe 4G 4 dicembre 2008. VERIFICA DI FISICA: lavoro ed energia Nome..Cognome.. Classe 4G 4 dicembre 8 VERIFIC DI FISIC: lavoro ed energia Domande ) Energia cinetica: (punti:.5) a) fornisci la definizione più generale possibile di energia cinetica, specificando l equazione

Dettagli

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d Esercizio 1 Un automobile viaggia a velocità v 0 su una strada inclinata di un angolo θ rispetto alla superficie terrestre, e deve superare un burrone largo d (si veda la figura, in cui è indicato anche

Dettagli

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo.

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo. Febbraio 1. Un aereo in volo orizzontale, alla velocità costante di 360 km/h, lascia cadere delle provviste per un accampamento da un altezza di 200 metri. Determina a quale distanza dall accampamento

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

Dinamica II Lavoro di una forza costante

Dinamica II Lavoro di una forza costante Dinamica II Lavoro di una forza costante Se il punto di applicazione di una forza subisce uno spostamento ed esiste una componente della forza che sia parallela allo spostamento, la forza compie un lavoro.

Dettagli

Seminario didattico Ingegneria Elettronica. Lezione 5: Dinamica del punto materiale Energia

Seminario didattico Ingegneria Elettronica. Lezione 5: Dinamica del punto materiale Energia Seminario didattico Ingegneria Elettronica Lezione 5: Dinamica del punto materiale Energia 1 Esercizio n 1 Un blocco di massa m = 2 kg e dimensioni trascurabili, cade da un altezza h = 0.4 m rispetto all

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA A.A. 204/5 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Energia potenziale Problema 26 Una molla ha una costante elastica k uguale a 440 N/m. Di quanto

Dettagli

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V 1 Esercizio (tratto dal Problema 13.4 del Mazzoldi 2) Un gas ideale compie un espansione adiabatica contro la pressione atmosferica, dallo stato A di coordinate, T A, p A (tutte note, con p A > ) allo

Dettagli

DINAMICA, LAVORO, ENERGIA. G. Roberti

DINAMICA, LAVORO, ENERGIA. G. Roberti DINAMICA, LAVORO, ENERGIA G. Roberti 124. Qual è il valore dell'angolo che la direzione di una forza applicata ad un corpo deve formare con lo spostamento affinché la sua azione sia frenante? A) 0 B) 90

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014

FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014 FISICA (modulo 1) PROVA SCRITTA 10/02/2014 ESERCIZI E1. Un proiettile del peso di m = 10 g viene sparato orizzontalmente con velocità v i contro un blocco di legno di massa M = 0.5 Kg, fermo su una superficie

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Parte I Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton 3.1-3.2-3.3 forze e principio d inerzia Abbiamo finora studiato come un corpo cambia traiettoria

Dettagli

Lo spazio percorso in 45 secondi da un treno in moto con velocità costante di 130 km/h è: a) 2.04 km b) 6.31 km c) 428 m d) 1.

Lo spazio percorso in 45 secondi da un treno in moto con velocità costante di 130 km/h è: a) 2.04 km b) 6.31 km c) 428 m d) 1. L accelerazione iniziale di un ascensore in salita è 5.3 m/s 2. La forza di contatto normale del pavimento su un individuo di massa 68 kg è: a) 2.11 10 4 N b) 150 N c) 1.03 10 3 N Un proiettile viene lanciato

Dettagli

QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA

QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA Un recipiente contiene gas perfetto a 27 o C, che si espande raggiungendo il doppio del suo volume iniziale a pressione costante. La temperatura finale

Dettagli

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Quesito 1 Due cubi A e B costruiti con lo stesso legno vengono trascinati sullo stesso pavimento.

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S.

CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S. CONSERVAZIONE DELL'ENERGIA MECCANICA esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti il principio di conservazione dell'energia meccanica,

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

Lavoro di una forza costante

Lavoro di una forza costante Lavoro ed energia Per spostare un oggetto o per sollevarlo dobbiamo fare un lavoro Il lavoro richiede energia sotto varie forme (elettrica, meccanica, ecc.) Se compio lavoro perdo energia Queste due quantità

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

I.S.I.S. Zenale e Butinone di Treviglio Dipartimento di Scienze integrate anno scolastico 2014/15

I.S.I.S. Zenale e Butinone di Treviglio Dipartimento di Scienze integrate anno scolastico 2014/15 I.S.I.S. Zenale e Butinone di Treviglio Dipartimento di Scienze integrate anno scolastico 2014/15 KIT RECUPERO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSI PRIME TECNICO TURISTICO SUPPORTO DIDATTICO PER ALUNNI CON

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni termodinamiche Formulario Il primo principio della termodinamica afferma che la variazione dell energia interna di un sistema U è uguale alla somma

Dettagli

Lezione 14: L energia

Lezione 14: L energia Lezione 4 - pag. Lezione 4: L energia 4.. L apologo di Feynman In questa lezione cominceremo a descrivere la grandezza energia. Per iniziare questo lungo percorso vogliamo citare, quasi parola per parola,

Dettagli

Università di Catania CdL in INGEGNERIA INDUSTRIALE Compito di Fisica I del 18 novembre 2015

Università di Catania CdL in INGEGNERIA INDUSTRIALE Compito di Fisica I del 18 novembre 2015 Università di Catania CdL in INGEGNERIA INDUSTRIALE Compito di Fisica I del 18 novembre 2015 Problema 1 Dato il vettore a, di componenti cartesiane a x = -3 e a y = 5, se ne calcoli il versore. Individuare

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013.

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013. Fisica Generale per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 20/2 Appello del 29/0/203. Tempo a disposizione: 2h30. Scrivere solamente su fogli forniti Modalità di risposta: spiegare sempre il procedimento

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Qualche semplice considerazione sulle onde di Daniele Gasparri

Qualche semplice considerazione sulle onde di Daniele Gasparri Qualche semplice considerazione sulle onde di Daniele Gasparri Le onde sono delle perturbazioni periodiche che si propagano nello spazio; quasi sempre (tranne nel caso della luce) si ha un mezzo che permette

Dettagli

VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA...

VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA... VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA... N.B. SCHEMATIZZARE LA SITUAZIONE CON UN DISEGNO IN TUTTI GLI ESERCIZI INDICARE TUTTE LE FORMULE E TUTTE LE UNITA DI MISURA NEI CALCOLI 1-Quando spingi un libro di

Dettagli

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013.

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. FISICA NEVIO FORINI PROGRAMMA 11 LEZIONI DI 2 ORE + VERIFICA :

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA -

- LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Danilo Saccoccioni - LAVORO - - ENERGIA MECCANICA - - POTENZA - Indice Lavoro compiuto da una forza relativo ad uno spostamento pag. 1 Lavoro ed energia cinetica 3 Energia potenziale 4 Teorema di conservazione

Dettagli

Verifica di Fisica- Energia A Alunno. II^

Verifica di Fisica- Energia A Alunno. II^ Verifica di Fisica- Energia A Alunno. II^!!!!!!!!!!!!!! NON SARANNO ACCETTATI PER NESSUN MOTIVO ESERCIZI SVOLTI SENZA L INDICAZIONE DELLE FORMULE E DELLE UNITA DI MISURA!!!!!!!!!! 1-Il 31 ottobre ti rechi

Dettagli

[ ] ] = [ MLT 2. [ 3αx 2ˆ i 3αz 2 ˆ j 6αyz k ˆ ] = MLT 2. [ ] -[ 3αz 2 ˆ j ] = [ MLT 2 [ ] [ ] [ F] = [ N] = kg m s 2 [ ] = ML 1 T 2. [ ][ x 2.

[ ] ] = [ MLT 2. [ 3αx 2ˆ i 3αz 2 ˆ j 6αyz k ˆ ] = MLT 2. [ ] -[ 3αz 2 ˆ j ] = [ MLT 2 [ ] [ ] [ F] = [ N] = kg m s 2 [ ] = ML 1 T 2. [ ][ x 2. LVORO E ENERGI EX 1 Dato il campo di forze F α(3x ˆ i + 3z ˆ j + 6yz ˆ ): a) determinare le dimensioni di α; b) verificare se il campo è conservativo e calcolarne eventualmente l energia potenziale; c)

Dettagli

v = 4 m/s v m = 5,3 m/s barca

v = 4 m/s v m = 5,3 m/s barca SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 2 Esercizio n.1 v = 4 m/s Esercizio n.2 v m = 5,3 m/s = 7 minuti e 4 secondi Esercizio n.3 Usiamo la seguente costruzione grafica: fiume 1 km/h barca 7 km/h La velocità della

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre)

Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre) Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre) Un corpo viene lasciato cadere da un altezza di 30 m. dal suolo. In che posizione e che velocità possiede

Dettagli

Fisica Generale I A.A. 2014-2015, 4 febbraio 2015. Esercizi di meccanica relativi al primo modulo del corso

Fisica Generale I A.A. 2014-2015, 4 febbraio 2015. Esercizi di meccanica relativi al primo modulo del corso Fisica Generale I A.A. 2014-2015, 4 febbraio 2015 Esercizi di meccanica relativi al primo modulo del corso Esercizio I.1 Una sbarra sottile di lunghezza l = 0.6 m e massa m = 2 kg è vincolata a ruotare

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S.

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti la dinamica dei sistemi materiali, nei quali vengono discusse le caratteristiche

Dettagli

Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo.

Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo. Introduzione Cosa determina il moto? Aristotele pensava che occorresse uno sforzo per mantenere un corpo in movimento. Galileo non era d'accordo. riassunto Cosa determina il moto? Forza - Spinta di un

Dettagli

ESEMPI DI TEST DI INGRESSO FISICA 2010 G. Selvaggi, R. Stella Dipartimento Interateneo di fisica di Fisica 3 marzo 2010

ESEMPI DI TEST DI INGRESSO FISICA 2010 G. Selvaggi, R. Stella Dipartimento Interateneo di fisica di Fisica 3 marzo 2010 ESEMPI DI TEST DI INGRESSO FISICA 2010 G. Selvaggi, R. Stella Dipartimento Interateneo di fisica di Fisica 3 marzo 2010 1 Fisica 1. Un ciclista percorre 14.4km in mezz ora. La sua velocità media è a. 3.6

Dettagli

Capitolo 10 Il primo principio 113

Capitolo 10 Il primo principio 113 Capitolo 10 Il primo principio 113 QUESITI E PROBLEMI 1 Tenuto conto che, quando il volume di un gas reale subisce l incremento dv, il lavoro compiuto dalle forze intermolecolari di coesione è L = n 2

Dettagli

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo

Ricordiamo ora che a è legata ad x (derivata seconda) ed otteniamo Moto armonico semplice Consideriamo il sistema presentato in figura in cui un corpo di massa m si muove lungo l asse delle x sotto l azione della molla ideale di costante elastica k ed in assenza di forze

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Insegnare relatività. nel XXI secolo

Insegnare relatività. nel XXI secolo Insegnare relatività nel XXI secolo L ' i n e r z i a d e l l ' e n e r g i a L'inerzia dell'energia Questa è la denominazione più corretta, al posto della consueta equivalenza massa energia. Einstein

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA

CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA L introduzione dell energia potenziale e dell energia cinetica ci permette di formulare un principio potente e universale applicabile alla soluzione dei problemi che

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A)

Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A) Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A) Corso di Laurea: Laurea Magistrale in FARMACIA Nome: Matricola Canale: Cognome: Aula: Docente: Riportare sul

Dettagli

FISICA. Le forze. Le forze. il testo: 2011/2012 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A.

FISICA. Le forze. Le forze. il testo: 2011/2012 La Semplificazione dei Testi Scolastici per gli Alunni Stranieri IPSIA A. 01 In questa lezione parliamo delle forze. Parliamo di forza quando: spostiamo una cosa; solleviamo un oggetto; fermiamo una palla mentre giochiamo a calcio; stringiamo una molla. Quando usiamo (applichiamo)

Dettagli

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico Moto di una carica in un campo elettrico uniforme Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice se il campo elettrico è uniforme,

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti];

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti]; 1 Esercizio Una ruota di raggio R = 15 cm e di massa M = 8 Kg può rotolare senza strisciare lungo un piano inclinato di un angolo θ 2 = 30 0, ed è collegato tramite un filo inestensibile ad un blocco di

Dettagli

21PREMIO PER LA FISICA VALERIO FILIPPINI SOLUZIONE DEI TEST DI SELEZIONE

21PREMIO PER LA FISICA VALERIO FILIPPINI SOLUZIONE DEI TEST DI SELEZIONE 21PREMIO PER LA FISICA VALERIO FILIPPINI SOLUZIONE DEI TEST DI SELEZIONE Pavia, Aula Volta dell Università, 18marzo 2014 Indicare con una crocetta una sola risposta nei seguenti quesiti. Solo una risposta

Dettagli

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché LA FORZA Concetto di forza Principi della Dinamica: 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso, densità pag.1

Dettagli

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita Problema n 1 A quale distanza, una dall'altra bisogna porre nel vuoto due cariche (Q 1 =3 10-5 C e Q 2 =4 10-5 C) perché esse esercitino una sull'altra la forza di 200 N? Q 1 = +3 10-5 C carica numero

Dettagli

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m DINAMICA. La macchina di Atwood è composta da due masse m e m sospese verticalmente su di una puleggia liscia e di massa trascurabile. i calcolino: a. l accelerazione del sistema; b. la tensione della

Dettagli

F 2 F 1. r R F A. fig.1. fig.2

F 2 F 1. r R F A. fig.1. fig.2 N.1 Un cilindro di raggio R = 10 cm e massa M = 5 kg è posto su un piano orizzontale scabro (fig.1). In corrispondenza del centro del cilindro è scavata una sottilissima fenditura in modo tale da ridurre

Dettagli

0. Piano cartesiano 1

0. Piano cartesiano 1 0. Piano cartesiano Per piano cartesiano si intende un piano dotato di due assi (che per ragioni pratiche possiamo scegliere ortogonali). Il punto in comune ai due assi è detto origine, e funziona da origine

Dettagli

a t Esercizio (tratto dal problema 5.10 del Mazzoldi)

a t Esercizio (tratto dal problema 5.10 del Mazzoldi) 1 Esercizio (tratto dal problema 5.10 del Mazzoldi) Una guida semicircolare liscia verticale di raggio = 40 cm è vincolata ad una piattaforma orizzontale che si muove con accelerazione costante a t = 2

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m);

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m); 1 L ENERGIA holbox/shutterstock 1. IL LAVORO Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J (1 N) (1 m); inoltre, la formula (5) del capitolo «I princìpi della

Dettagli

Esercitazioni di fisica per biotecnologie

Esercitazioni di fisica per biotecnologie Esercitazioni di fisica per biotecnologie Fabrizio Grill Emanuele Zorzan Indice 1 Ripasso di matematica 3 2 Vettori e cinematica in una dimensione 8 3 Cinematica in due dimensioni 14 4 Leggi delle dinamica

Dettagli

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

La conservazione dell energia meccanica

La conservazione dell energia meccanica La conservazione dell energia meccanica Uno sciatore che scende da una pista da sci è un classico esempio di trasformazione di energia. Quando lo sciatore usa gli impianti di risalita per andare in vetta

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

Programmazione modulare 2015-16

Programmazione modulare 2015-16 Programmazione modulare 2015-16 ndirizzo: BEO Disciplina: FS lasse: Prime 1 1B 1 1G Ore settimanali previste: 3 (2 ore eoria - 1 ora Laboratorio) OPEEZE itolo odulo POLO Ore previste per modulo Periodo

Dettagli

Prova di auto-valutazione 2006

Prova di auto-valutazione 2006 Prova di auto-valutazione 2006 Questa prova permette ai candidati di valutare la propria abilità di risolvere problemi e di riconoscere le nozioni mancanti. La correzione sarà fatta dal proprio professore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Pagina 1 di 5 DIPARTIMENTO DI MATEMATICA E FISICA MATERIA: FISICA CLASSE: 2ª D SCIENTIFICO DOCENTE: VICARI GIOVANNI PROFILO CLASSE INGRESSO USCITA LA CLASSE HA MOSTRATO, COME GIÀ LO SCORSO ANNO, UN ATTEGIAMENTO

Dettagli

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4)

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) Misura di e/m Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) 1 Introduzione 1.1 Introduzione ai fenomeni in esame Un elettrone all interno di un campo elettrico risente della forza elettrica

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

OLIMPIADI DI FISICA 2004

OLIMPIADI DI FISICA 2004 Associazione per l Insegnamento della Fisica Progetto Olimpiadi OLIMPIADI DI FISICA 2004 13 Febbraio 2004 Gara di 2 Livello SOLUZIONE dei QUESITI Quesito n.1 Nell urto si conserva la quantità di moto,

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli